PREMESSA 3 DI COSA STIAMO PARLANDO? 4 I GEMELLI DALL ANTICHITA FINO AI NOSTRI GIORNI 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA 3 DI COSA STIAMO PARLANDO? 4 I GEMELLI DALL ANTICHITA FINO AI NOSTRI GIORNI 6"

Transcript

1 1

2 INDICE PREMESSA 3 DI COSA STIAMO PARLANDO? 4 I GEMELLI DALL ANTICHITA FINO AI NOSTRI GIORNI 6 PARTENDO DALLA MITOLOGIA 7 PER APPRODARE NELLA COMMEDIA 13 FINO A GIUNGERE ALLA LETTERATURA CONTEMPORANEA E AL CINEMA 21 NELL ARTE: DOPPIO SGUARDO 26 GIORGIO DE CHIRICO: IL DUO 28 STUDI SCIENTIFICI SUI GEMELLI 31 I PRIMI STUDI SUI GEMELLI 32 IL TERRIBILE SCENARIO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE 34 LA GEMELLOLOGIA 36 IL PARADOSSO DEI GEMELLI 42 CONCLUSIONE 46 MAPPA CONCETTUALE 48 BIBLIOGRAFIA 49 2

3 PREMESSA L argomento che ho deciso di prendere in esame scaturisce da una motivazione ben più profonda del semplice interesse nei confronti di una qualunque tematica; esso infatti fa parte di me e mi caratterizza fin dalla nascita. Forse per molti potrà risultare insignificante o superfluo, ma l esser nata a fianco di un fratello gemello ed aver condiviso con lui, a distanza di pochi centimetri, 8 mesi di vita e successivamente 19 anni, durante i quali siamo cresciuti contemporaneamente sviluppando ognuno il proprio carattere e le proprie particolarità, è per me, invece, un motivo molto importante. Il mio desiderio è dunque quello di indagare questo curioso aspetto, che caratterizza solo una piccola percentuale di individui, permettendogli, a mio parere, di percepire diversamente la realtà che li circonda. La mia ricerca dunque si svilupperà attraverso un percorso unitario, che parte dalle radici più antiche dell umanità, dai suoi miti e dalle sue leggende, per meglio comprendere quale fosse il significato attribuito alla coppia gemellare fin dagli albori della conoscenza, per approdare, successivamente, al campo della letteratura e delle arti, le quali, in modo differente, hanno sviluppato questa tematica. Attraverso questa ricerca mi propongo di esplorare un argomento che mi coinvolge in prima persona, nella speranza che mi porti ad una maggiore conoscenza di me stessa e del mio fratello gemello. A tal proposito ho deciso di affrontare temi come quello riguardante la ricerca della propria identità, tema particolarmente sentito dai gemelli, ma non solo. Con grande difficoltà mi sono dovuta imporre di trattare anche il terribile destino che molti gemelli ebrei dovettero subire durante la seconda guerra mondiale e gli esperimenti medici che furono eseguiti su di loro. L argomento, particolarmente triste, è però fondamentale per comprendere come, successivamente, i gemelli furono oggetto di indagine e studio di diverse materie. Come ultimo argomento ho deciso di inserire alcuni cenni e curiosità di gemellologia, attraverso i quali spero di poter riqualificare la coppia di gemelli maschio femmina, spesso definiti inferiori e non paragonati a dei veri gemelli. Dimostrerò il contrario. Riassumendo velocemente, le materie che andrò a trattare nella mia tesina sono quelle di italiano, inglese, arte e fisica, la quale non avevo nominato, nonché informazioni al di fuori di questi campi. 3

4 DI COSA STIAMO PARLANDO? Come già esposto nella premessa a questa tesina, il mio interesse è orientato verso il significato e il ruolo che la coppia gemellare (rimanendo nell ambito dell uomo) ha avuto nel corso della storia, nonché per tutte quelle manifestazioni attraverso le quali essa stessa si è espressa e l umanità l ha rappresentata. E necessario però partire da alcuni cenni biologici che possano chiarire questo concetto: di cosa stiamo effettivamente parlando? Casi di gemellarità suscitano curiosità fin dai tempi più antichi, in quanto situazioni uniche. Ma cosa significa davvero il termine gemellarità? O meglio, dal momento che le mie intenzioni mirano maggiormente all approfondimento dell argomento gemelli più che alla gemellarità in generale, il quale termine potrebbe avere diverse accezioni; cosa è un gemello? Cosa vuol dire essere tale? Dal punto di vista medico e biologico i gemelli si definiscono nel seguente modo: Sono gemelli, rimanendo nel caso dell uomo, individui nati durante lo stesso parto, anche se non nello stesso istante. Questo tipo di gravidanza per la donna è pari al 1 2% circa sul totale delle nascite,in quanto, solitamente la donna ha gravidanze singole. Il caso di gravidanze multiple oltre i due gemelli è ancora più raro, e si verifica solitamente in particolari condizioni. Esistono due tipologie differenti di gemellarità, ognuna con i propri casi particolari. Di seguito proverò rapidamente a darne spiegazione. 4

5 Gemelli monozigoti Detti anche gemelli identici, de fecondata da un singolo sper matozoo. Durante le prima fasi della molti plicazione cellulare avviene la rivano da una singola cellula uovo separazione dell unica massa di cellule presente in quel momento in due masse separate, dette morule. I due gemelli risultano di sesso identico e fortemente somiglianti nell aspetto. Gli individui che si originano da questo incidente sono quindi identici in quanto possiedono lo stesso patrimonio genetico. Gemelli eterozigoti Detti anche volgarmente gemelli falsi, derivano dalla fecondazione di due diverse cellule uovo da parte di due diversi spermatozoi, quindi si originano da due zigoti diversi. I gemelli eterozigoti sono dunque due fratelli che condivi lo dono l utero materno durante stesso periodo di gravidanza e potranno divergere anche notevolmente tra loro, alla stregua di quello che capita tra i comuni fratelli,prima di tutto come sesso, e poi per tutti i caratteri genetici e fenotipici (o somatici). Come detto poco sopra esistonoo anche aspetti particolari e unici di queste tipologie appena analizzate, come parti plurigeme llari, dove può capitare che una cellula uovo si separi più di una volta o che nel momento della fecondazione siano presenti nello stesso momento più di due ovuli, la quale situazione porta alla nascita di 3 o più gemelli. Vi è inoltre un caso di gemellarità che da sempre suscita grande curiosità, quello dei gemelli siamesi. Questi sono una coppia di gemelli identici uniti in una parte del corpo dalla nascita. Questo evento dipende da una scissione tardiva dell embrione. Spero che la rapida spiegazione, in campo biologico, di cosa sia un gemello, sia servita a chiarire le idee in modo da poter, in seguito, addentrarci nei diversi aspetti che la gemellarità comporta. 5

6 IGEM MELLI::DALLL AN NTICH HITA FINO O AINOSSTRIG GIOR RNI 6

7 PARTENDO DALLA MITOLOGIA La nascita di gemelli ha rappresentato un mistero fin dagli albori della civiltà. Essi sono presenti in tutte le culture e mitologie del mondo, e forse, per il timore insito in ognuno di noi dell immagine esteriore della nostra ambivalenza, rappresentano i simboli della dualità dell uomo e del cosmo. L accezione positiva o negativa attribuita al parto gemellare varia da cultura a cultura, ma mai è passata inosservata. Nella cultura degli indiani della Colombia o presso i Bagada dell Africa centrale, per esempio, la nascita di due gemelli era ritenuta auspicio di rigorosità nei raccolti, tanto da attribuire ai fratelli poteri divini. In altre culture, invece, questo tipo di nascita era considerata la normalità, mentre un solo figlio rappresentava una perdita ed un incompletezza rispetto ad una coppia originale. Secondo queste culture, infatti, all origine vi erano solo coppie gemellari. Per altri popoli la nascita dei gemelli rappresentava una violazione di ordine naturale, tanto che si preferiva salvare solo uno dei due, il maschio se la coppia era eterozigota ; o ancora, presso altre culture, poteva rappresentare l adulterio o l impurità dei genitori. I gemelli dunque rappresentano un mistero, in quanto identici nell aspetto, appaiono come reciproci alter ego. Come il mito raccontato da Platone nel Simposio, vi è una fantasia legata ad uno stato primordiale, in cui l uomo è completo, fuso in una duplice identità. Nel mito, questo essere originario viveva felice, ma in preda ad un senso di onnipotenza assaltò il cielo, scatenando la furia di Zeus che lo divise in due. Ogni metà sarà costretta alla ricerca, che sente di aver inesorabilmente perduto, della propria metà. Come la differenziazione e la separazione siano sinonimi di crescita e di fecondità emerge, come filo conduttore, anche nei miti della genesi appartenenti a diverse culture. Nel libro della Genesi l umanità nasce da un atto di separazione tra Adamo ed Eva e questa divisione rappresenta in molti miti la nascita del cosmo, dove tutto inizia da uno sdoppiamento di 7

8 quello che inizialmente era confuso e indifferenziato. Un importante esempio può essere riscontrato nella Teogonia, Urano, il cielo, fu separato dalla terra, Gaia, con la quale era all origine confuso. Prima di questa divisione regnava una divinità inafferrabile, maschile e femminile insieme, Metifane, l uovo primordiale, e prima di lei solo il caos e la notte. Neumann, nella ricerca degli archetipi che accomunano le esperienze religiose di culture diverse e primordiali, delinea la Grande madre (o signora dei gemelli) come femmineo generatore che tutto contiene in se stessa in un caos indifferenziato. Spesso è rappresentata come Uroboro, ossia il serpente chiuso in un cerchio, che si morde la coda, dal quale emergono forze uguali e contrarie che incarnano principi antitetici, immaginati come gemelli contrapposti. Il mito spesso rappresenta questa lotta e questo conflitto, numerosi racconti parlano di eroi gemelli, in Perfetta compenetrazione o che hanno funzioni antagoniste: l uno è buono, l altro è cattivo, e cerca di ostacolare l azione civilizzatrice dell altro. In questo ambito le più vicine alla nostra cultura sono le figure di Romolo e Remo, le quali però preferisco lasciare per ultime dal momento che, durante la mia ricerca, mi sono potuta imbattere in altri miti e leggende particolarmente interessanti e quindi meritevoli di attenzione. I miti gemellari che andrò ad esporre qua di seguito pongono, ognuno, l accento su un aspetto diverso dell essere gemelli, probabilmente essi rispecchiano il modo diverso di sentire di ogni cultura, la relazione con l altro e il proprio senso di identità a partire dal simbolo dei gemelli. Secondo alcuni autori, Come Renè Zazzo, la coppia gemellare rappresenta il polo estremo di un percorso che ogni individuo è chiamato a percorrere nel suo processo di sviluppo, ma di ciò parleremo in seguito. Per quanto riguarda la mitologia Greca e Latina si narra di gemelli nelle vicende legate alla fondazione delle città. I gemelli erano portavoce di alleanza e collaborazione, grazie alla quale l ordine e l equilibrio sociali venivano restituiti; questo sembra essere il filo conduttore di quasi tutti le leggende. In queste narrazioni, i gemelli diventano l artificio letterario per mettere in evidenza la forza di un sodalizio, ma l alleanza implica anche il suo opposto, ovvero la lotta per il diritto e la supremazia sull altro. 8

9 Il mito dei Dioscuri I Dioscuri sono simbolo del valore della fratellanza e della lealtà tra gli uomini. Castore e Polluce, figli di Zeus e di una donna mortale, incarnano le qualità contrapposte dell eroe figlio dell uomo e dell im del fato è legato allaa capacità di mortalità riservata agli dei. L esito rimanere uniti oltre la diversità della loro natura; l amore fraterno li terrà vicini oltre la morte, purchè uno dei due paghi il suo prezzo. La madre, Leda, era sposa di Tindaro, re di Lacedemone. La notte in cui Zeus si unì a lei sottoforma di cigno, a lei si unì anche il suo sposo. Ne nacquero due coppie di gemelli, Polluce ed Elena, figli di Zeus e Castore e Clitemnestra, figli di Tindaro. I due fratelli fecero parte della spedizione degli argonauti capitanati da Giasone, in cerca del vello d oro. Questo sodalizio venne messo a dura prova dallaa morte di Castore, sopraggiunta mentre combatteva al fianco del fratello. Zeus donò a Polluce l Olimpo, ma lui non accettò l immortalità offerta dal dio, sapendo il gemello nel regno dei morti. Uniti dall amore fraterno, Zeus concesse loro di essere l uno accanto all altro in eterno, un giorno tra gli dei ed il seguente negli inferi. Divennero tale simbolo di lealtà che, si narrava, bastasse alzare gli occhi al cielo per vederli ancora insieme nella costellazione dei gemelli. Il mito della nascita della città di Tebe: I due fratelli sono Anfione e Zeto, figli di Antiope, sedotta nel sonno da Zeus. Nel momento in cui la gravidanza fu scoperta, Antiope fu cacciata di casaa e trovò rifugio presso lo zio Lico, che la accolse quasi come una schiava nella sua dimora, abbandonando i suoi figli su una montagna. Fortunatamente i due fratelli furono raccolti da un pastore che li allevò e crebbero uno nelle arti guerriere e virili, mentre l altro, ricevuta in dono una lira da Ermes, si dedicava, con abilità leggendaria, alla musica. Il suo canto era così coinvolgente, narra la leggenda, da muovere le pietre. 9

10 Spesso i due fratelli si scondelle loro travano sul merito abilità tanto diverse e il mite Anfione, sottomesso al fratello, arrivava a mettere da parte la sua lira. Divisi nel carattere, li univa il desiderio di riscattare la sorte della madre, soggiogata da Lico e dalla sua gelosissima moglie Dirce. Insieme misero in atto la loro vendetta uccidendo Lico e metmoglie, tendo a morte la trascinata da un toro su rocce aguzze. Vendicata la madre, regnarono su Tebe, ricostru endone le mura con le pietre che Zeto trascinava a sulla schiena, mentre Anfione le muoveva con la sua musica. L unione e le capacità di cancellare le diversità sembra essere la chiave per schiacciare il destino avverso, come paradigma gemellare di un unione fraterna indissolubile. L antico testamento: L antico testamento ci presenta due gemelli, figli di Isacco, che già nel grembo materno erano in lotta per il diritto di successione. Il signore profetizzò che loro sarebbero stati a capo di due popoli, l uno asservito all altro, desti guida del popolo di Isra ele, nonostante fosse nato per secondo. Il carattere dei due fratelli ci viene presentato quasi in nando Giacobbe alla contrapposizione: Esaù forte e abile cacciatore, preferito dal padre per le sue doti virili, mentre Giacobbe si rivelavaa più mite e riflessivo, ricevendo i favori della madre. La storia racconta come Giacobbe ottenne il diritto alla successionee dal fratello affamato, barattandolo per un piatto di lenticchie, e di come riuscì 10

11 a ricevere dal padre la benedizione sul letto di morte, camuffandosi da Esaù con l ausilio dellee astuzie materne. Giacobbe fu costretto a fuggire dalle ire del fratello e a subire la schiavitù presso lo zio Lebano, per amore di Rachele. Ebbe dodici figli dalle sue due mogli, che diedero origine alle dodici tribù d Israele. Infine cercò di riconciliarsi con il fratello, cercando il suo perdono con doni e benevolenza, ma alla fine decise nuovamente di allontanarsi dal gemello per evitare ulteriori scontri. L ordine e il volere di Dio è ristabilito dalle astuzie e dagli inganni di Giacobbe, innalzato a successore per le qualità umane, a scapito del fratello più regressivo, capace di barattare il regno per fame di un piatto di lenticchie. Romolo e Remo: Nella leggenda di Romolo e Remo, ad esempio, ad un al per ristabilire il diritto usur leanza iniziale, necessaria pato alla famiglia, si con momento, la lotta per il trappone, in un secondo diritto di uno dei due all essere fecondo, gene La storia inizia con la lotta di rando la stirpe su Roma. due fratelli: Amulio aveva spodestato dal trono di Alba Longa il fratello Numitore. Per evitare eredi legittimi al trono,amulio decise di costringere Rea Silva, figlia del re decaduto, a diventare una casta vestale. I due fratelli nacquero dall unione di Rea Silva e Marte, che la sedusse nel bosco sacro dove la donna cercava dell acqua per un sacrificio. Amulio, di lì a poco, si rese conto che Rea silva era incinta e condannò a morte lei e i suoi figli. La leggenda narra che il fiume Aniene salvò la vita alla donna gettataa nelle sue acque, mentre i due gemelli furono adagiati da un servo pietoso sulle sponde del Tevere. Il fiume, ingrossato dalle piogge, li depositò presso il suo delta, cullandoli fino all ombra di un fico, dove vennero accuditi e allattati da una lupa. Faustulo, pastore fedele al vecchio re, colpito dal modo prodigioso con cui i piccoli erano sopravvissuti, li accolse nella sua casa, affidandoli alle cure di sua moglie. Oramai cresciuti, due gemelli vennero a sapere la loro 11

12 origine e, radunati i compagni, uccisero Amulio. Fu così che Numitore ritornò re di Alba Longa. Ottenuto il permesso dal re tornato sul trono, i due fratelli decisero di erigere una città presso il Tevere, li dove erano sopravvissuti in modo tanto prodigioso. Nessuno dei due poteva accampare il diritto di maggiore anzianità sull altro, così decisero di affidarsi al volere degli dei, osservando il volo degli uccelli. Romolo si appostò sul colle Palatino, Remo sull Aventino. Remo avvistò per primo sei avvoltoi, segno di buon auspicio, ma subito dopo Romolo ne vide dodici. Una delle versioni del mito sostiene che i due contendenti si misero a litigare se avesse più diritti chi aveva avvistato per primo gli uccelli o chi ne avesse visti di più, finchè Romolo non uccise il fratello. La versione più diffusa narra che Remo fu ucciso mentre cercava di oltrepassare il confine della città, tracciato dal fratello. Si narra che Romolo non tollerò il gesto sacrilego verso gli dei e si scagliò furioso contro il fratello; Romolo regnò per trent anni su una città fiorente. 12

13 PER APPRODARE NELLA COMMEDIA Il tema dei gemelli fa la sua comparsaa anche in campo letterario, in particolar modo esso viene associato alla trilogia che va dai Menecmi di Plauto a The Comedy of Errors di Shakespearee e a I due gemelli veneziani di Goldoni. Partendo dalle tre ope re sopra citate, il filo conduttore che le go verna sembra esseree quello dello scambio d identità tra due fratelli identici, sepa rati dalla nascita, allaa ricerca del pezzo man cante della coppia ori ginaria. Come possiamo vederee vi sono evidenti riferiment i al Convito di Plauto, alla visione originale della coppia gemellare e alla sua divisione, come precedentemente ho esposto. La trama delle tre opere prende le mosse dal desiderio di riparare ad una prematura separazione e dal tentativo di ripristinare l iniziale unione tra i fratelli, il quale desiderio darà origine ad una serie di equivoci generando situazioni comiche ma anche paradossali, dove l io e l altro si confondono. Il gioco dello scambio d identità si risolve soloo nel momento in cui i due gemelli appaionoo insiemee nella scena. Dunque la tematica di fondo che muove i personaggi non è solo la ricerca dell altro, della propria metà perduta, ma anche la ricerca di sé stesso, che prescinde dai temi più arcaici della definizione dell identità per contrapposizione o alleanza, ma si snoda tra il grottesco senso di confusione tra me e l altro identico, fino all incontro o con il fratello gemello che ristabilisce la distinzione e la definizione dei ruoli. 13

14 I Menecmi di Plauto Plauto, emblema della commedia latina, deve il suo successo nei secoli allaa fenomenale inventiva con cui riescee a creare meccanismi e personaggi di una comicità universale, sempre attuale. Considerato un modello da seguire, fu l'ispiratore di tutto il teatro del Cinquecento e quindi di quello moderno. Da lui si dipana un filo conduttore che, attraverso Ariosto, Machiavelli, Shakespeare, Molière e Goldoni, giunge fino ai nostri giorni. I Menecmi (Manaechmi), opera scritta attorno al III secolo a. C., trae il suo titolo dal nome dai due fratelli gemelli protagonisti della vicenda. Questa, apparentemente movimentatissima e densa di equivoci, causati dalla forte somiglianza dei due fratelli, tratta di un evento molto semplice: lo smarrimento di Menecmo I e le avventure nonché peripezie che Menecmo II dovrà affrontare al fine di poter ricongiungersi con il fratello. Attorno all omonimia dei due protagonisti viene creato da Plauto il prototipo della commedia degli equivoci, ovvero una variazione sullo schema consueto dellee commedie latine. Per il teatro greco, e soprattutto per quello latino, era un espediente letterario e scenico con cui si designavano commedie caratterizzate da situazioni teatrali ricche di equivoci e confusione. I testi basati sull equivoco consentivano al lettore del tempo di seguire lo svolgersi dell azione drammaticaa e la loroo finalità era quella, allora come oggi, di suscitare il riso dello spettatore. Uno degli esempi più comuni della commedia basataa sull equivoco è quello provocato dallo scambio di persona: in tale situazione si trovano ad agire, alternativamente, due personaggi, l' uno all insaputa dell altro. Trama: Il prologo è recitato da Spazzola, servo di Menecmo I, il quale espone al pubblico "tutti i particolari della faccenda", ovvero tutte le vicendee da conoscere prima di addentrarsi nella commedia. Si tratta della storia di due gemelli. 14

15 Quando erano fanciulli il loro padre, un mercante di Siracusa, decise di portare con sé uno dei due gemelli al mercato di Taranto e il bambino, nella ressa, si smarrì. Venne immediatamente trovato da un tale originario di Epidamno che lo adottò come figlio legittimo. Il padre del bambino smarrito si ammalò e morì in pochi giorni per il dolore. Fu così che il nonno decise di dare all'altro gemello il nome del bambino disperso, Menecmo. Menecmo II (così lo chiamiamo per distinguerlo da quello che si perse nella ressa del mercato) una volta diventato adulto intraprende incessanti ricerche per trovare il fratello, finché non giunge a Epidamno con il servo Messenione. Il primo atto si apre con la presentazione di Spazzola agli spettatori (spiega il motivo per cui si chiama cosi e di essere il parassita di Menecmo). Dopo aver atteso impazientemente la venuta del suo padrone Menecmo I, Spazzola e il padrone si recano pieni di entusiasmo a casa dell'affascinante cortigiana Erozia, che li attende benevolmente. Menecmo I approfitta volentieri della sua compagnia e cede ad Erozia un pregiato mantello, sottratto in precedenza alla moglie. In attesa del pranzo imbandito dalla cortigiana, Menecmo I, seguito dal parassita, si reca nel foro a sbrigare una faccenda. Nello stesso tempo Erozia dà disposizioni al suo cuoco, Cilindro, inviandolo al mercato. Terminate le spese al foro, Cilindro incontra Menecmo II, appena sceso dalla nave alla ricerca del fratello e, naturalmente, lo scambia per Menecmo I (I equivoco). Lo straniero rimane sconcertato e chiede spiegazioni al suo schiavo Messenione, il quale lo mette in avviso: "Epidamno, città dei truffatori da cui nessuno esce senza danno". Pensano dunque che si tratti del raggiro di qualche cortigiana che manda i suoi servi al porto. Ma ecco che appare Erozia e vede Menecmo II, davanti alla sua casa. Lo invita così a entrare scambiandolo per il suo amante, tornato in anticipo dal foro (II equivoco). Menecmo II inizialmente riluttante, accetta l'invito della donna, mentre il suo servo si dirige alla locanda. Menecmo II esce, soddisfatto, dalla casa di Erozia. Spazzola, intanto, tornato dal foro, credendo di vedere il suo padrone (III equivoco), si arrabbia accanitamente con lui, accusandolo di essere stato defraudato ed escluso. Per vendicarsi, Spazzola decide di svelare tutte le malefatte del marito alla moglie. Contemporaneamente, si presenta sulla scena un ancella di Erozia che pretende un regalo per sé. Menecmo II non bada a questi e, dopo averli trattati malamente, si allontana. Una volta messa al corrente delle azioni spregevoli del marito, la moglie di Menecmo, derubata e offesa, caccia fuori di casa Menecmo I finché non le riporterà il mantello. Quest'ultimo decide di trovare alloggio a casa di 15

16 Erozia, ma anche costei lo caccia infelicemente quando Menecmo le chiede la restituzione del mantello, ormai nelle mani del gemello dopo essere stato oggetto di mille peripezie, insieme con un braccialetto. Menecmo II viene rimproverato dalla moglie (IV equivoco), che chiede immediatamente soccorso al padre. Il vecchio, che inizialmente dava ragione al marito, prende le difese dalla figlia una volta che Menecmo II persiste a negare di essere il marito di sua figlia. Dunque viene fatto chiamare un medico e Menecmo II scappa, fingendosi pazzo. Arriva Menecmo I il quale, non comprendendo l avvenuto, viene portato via da medici e infermieri (V equivoco). Messenione vede catturare colui che crede suo padrone e lo soccorre prontamente, ottenendo in cambio la liberazione (VI equivoco). Il servo incontra poi Menecmo II (VII equivoco) che lo rimprovera per non essersi presentato e nega, pertanto, di averlo affrancato. È a questo punto che Messenione capisce di aver incontrato il fratello gemello e riesce così a svelare il mistero. I due gemelli riescono finalmente a ricongiungersi e Messenione viene affrancato. Menecmo I, prima di tornare a Siracusa, decide di mettere all asta (che verrà affidata a Messenione) tutti i suoi beni, compresa la moglie. 16

17 William Shakespeare s The Comedy of Errors The Comedy of Errors is one of William Shakespeare's earliest plays. It is his shortest and one of his most farcical comedies, with a major part of the humour coming from slapstick and mistaken iden and tity, in addition to puns word play. The Comedy of Errors (along with The Tempest ) is one of only two of Shakespeare's plays to observe the classical unities. It has been adapted for opera, stage, screen and musical. Thee Comedy of Errors tells the story of two sets of identical twins that were accidentally separated at birth. Antipholus of Syracuse and his servant, Dromio of Syracuse, arrive in Ephesus, which turns out to be the home of their twin brothers, Antipho encounter the friends and families of their twins, a series of wild mishaps based on mistaken identities lead to wrongful beatings, a near seduction, the arrest of Antipholus of Ephesus, and accusations of infidelity, theft, madness. The play contains a topical reference to the wars of succession in France which would fit any date from 1589 to William Warner's translation of the Menaechmi was entered into the Register of the Stationers Company on June 10, 1594, and published in Warner's translation was dedicated to Lord Hunsdon, the patron of the Lord Chamberlain's Men. It has been supposed that Shakespeare might have seen the lus of Ephesus and his servant, Dromio of Ephesus. When the Syracusans translation in manuscript beforee it was printed though it is also true thatt Plautus was part of the curriculum of grammar school students. Charles Whitworth, in his edition of the play, argues that The Comedy of Errors was written in the latter part of

18 The play was not published until it appeared in the First Folio in For centuries, scho lars found little thematic depth in The Comedy of Errors. Its origins in The Menaechmi led many to see the play as a light, farcical work. It was often assumed that Shake tragedies or later comedies. speare was deliberately avoiding the more serious themes of his histories, Recent scholarship, however, has taken a different view. Particularly notable in the play is a series of social relationships, which, if rooted in a Roman past, acquire special significance in the transition to early modernity that constantly guides Shakespeare's drama. As Eric Heinzee has noted, those relationships include dichotomies of master servant, husband wife, parent child, native alien, buyer selleras it sheds its feudal forms, and and monarch parliament. Each relationship is in crisis confronts the market forces of early modern Europe. Who is William Shakespeare? William Shakespeare (baptised 26 April 1564; died 23 April 1616) was an English poet and playwright, widely regarded as the greatestt writer in the English language and the world's pre eminent dramatist. Shakespeare was born and raised in Stratford upon Avon. At the age of 18, he married Anne Hathaway with whom he had three children: Susanna, and twins Hamnet and Judith. Between 1585 and 1592, he began a successful career in 18

19 London as an actor, writer, and part owner of a playing company called the Lord Chamberlain's Men, later known as the King's Men. He appears to have retired to Stratford around 1613, where he died three years later. Few records of Shakespeare's private life survive, and there has been considerable speculation about such matters as his physical appearance, sexuality, religious beliefs, and whether the works attributed to him were written by others. Shakespeare produced most of his known work between 1589 and His early plays were mainly comedies and histories, genres he raised to the peak of sophistication and artistry by the end of the 16th century. He then wrote mainly tragedies until about 1608, including Hamlet, King Lear, Othello, and Macbeth, considered some of the finest works in the English language. In his last phase, he wrote tragicomedies, also known as romances, and collaborated with other,colleagues published the First Folio, a collected edition of his dramatic works that included all but two of the plays now recognised as Shakespeare's. Shakespeare was a respected poet and playwright in his own day, but his reputation did not rise to its present heights until the 19th century. The Romantics, in particular, acclaimed Shakespeare's genius, and the Victorians worshipped Shakespeare with a reverence that George Bernard Shaw called "bardolatry". In the 20th century, his work was repeatedly adopted and rediscovered by new movements in scholarship and performance. His plays remain highly popular today and are constantly studied, performed and reinterpreted in diverse cultural and political contexts throughout the world. I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni Goldoni ricalca la trama dei due fratelli gemelli separati dalla nascita, tanto diversi l uno all altro. Zanetto personaggio ottuso, ma puro e semplice si contrappone allo scaltro Tonino, astuto e abile. Entrambi si ritrovano a Verona, portati dal loro affari di cuore, ignari della presenza dell altro. L intreccio, tra scambi di persona, gelosie e amori, si dipana solo con la morte del fratello più inetto. Zanetto muore nell inganno di una pozione miracolosa che lo liberi dall amore, dal suo desiderio per le donne: in realtà è un veleno che il suo perfido rivale di cuore porgerà fingendosi amico. Con questo triste epilogo, lo scambio d identità è rivelato e gli amori riprendono il loro corso. In questa commedia i due fratelli non compariranno mai l uno accanto all altro, quasi come se una parte fosse sacrificata affinchè l altra possa emergere. L arguzia e lo spirito 19

20 borghese prendono il posto sola sulla scena, mentre l aspetto più infantile scompare. Carlo Goldoni (Venezia, 25 febbraio 1707 Parigi, 6 febbraio 1793) è stato un drammaturgo, scrittore e librettista italiano. Goldoni è considerato uno dei padri della commedia moderna e deve parte della sua fama anche alle opere in dialetto veneziano. I testi goldoniani sono sempre legati a precisee occasioni teatrali e tengono conto delle esigenze degli attori, delle compagnie, degli stessi edifici teatrali cui è destinata la loro prima rappresentazione. Il passaggio alla stampa modificava spesso i testi: l'autore si rivolgeva, con le edizioni a stampa, ad un pubblico più vasto ed esigente rispetto a quello che frequentava i teatri. L'opera di Goldoni è piena di contrad si dizioni. L'intera opera goldoniana offre come un'ininterrotta serie di situazioni, si svolge attraverso un "quotidiano parlare". Il linguaggio dei personaggi, intriso di dati concreti, si risolve tutto nei loroo incontrii e si mostra indifferente alle tradizionali prospettive letterariee e formali. Passando continuamente dall'italiano al veneziano e viceversa, Goldoni dà spazio a diversi usi socialii del linguaggio, in base alle varie situazioni in cui vengonoo a trovarsi i personaggi delle sue opere. Il suo italiano, influenzato dal veneziano e caratterizzato da elementi settentrionali, è quello del mondo borghese, lontano dallaa purezza della tradizione classicistica toscana. Il dialetto veneziano non è per Goldoni uno strumento di gioco, ma un linguaggio concreto e autonomo, diversificato dagli strati sociali dei personaggi che lo utilizzano. 20

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 dagli 11 anni LA GRANDE AVVENTURA Robert Westall Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 L autore Scrittore inglese, nato nel 1929

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Titolo spettacolo. Eugenio Ripepi e Giorgia Brusco. avventure di

Titolo spettacolo. Eugenio Ripepi e Giorgia Brusco. avventure di Titolo spettacolo Trama Genere Le tragicomiche Adamo ed Eva sono la coppia più Comico avventure di antica del mondo. Ma cosa Adamo ed Eva succederebbe, se con una lente di ingrandimento potessimo osservare

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

Un nido per i gemelli

Un nido per i gemelli Un nido per i gemelli Cure ostetrico psicologiche nelle gravidanze gemellari a cura di Caterina Fischetti Sergio Ferrazzani ARACNE Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014 Circoli di lettura genitori Ciliegie Anno scolastico 2013-2014 CILIEGIE Circoli lettura genitori Istituto comprensivo di campomaggiore In questo anno scolastico 2013-2014, i genitori degli alunni sono

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012

Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Liceo Tasso Il viaggio della Memoria 2012 Al professor Sandro Baldi e alla presidenza del Liceo classico T. Tasso di Roma Da domenica 1 a martedì 3 aprile 2012 si è tenuto il Viaggio della Memoria, patrocinato

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PAUL GLASER BALLANDO AD AUSCHWITZ

PAUL GLASER BALLANDO AD AUSCHWITZ PAUL GLASER BALLANDO AD AUSCHWITZ Traduzione di Alberto Cristofori BOMPIANI Glaser, Paul, Tante Roosje Copyright 2010 by Uitgeverij Verbum and Paul Glaser First published in the Netherlands by Uitgeverij

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

IL RICHIAMO DELLA FORESTA. I.I.S. «G. Cantoni» - Treviglio (BG) 4 A -4 E a.s. 2012/2013

IL RICHIAMO DELLA FORESTA. I.I.S. «G. Cantoni» - Treviglio (BG) 4 A -4 E a.s. 2012/2013 IL RICHIAMO DELLA FORESTA I.I.S. «G. Cantoni» - Treviglio (BG) 4 A -4 E a.s. 2012/2013 Jack London TITOLO ORIGINALE: The call of the wild AUTORE:Jack London GENERE:romanzo di avventura ANNO DI PUBBLICAZIONE:1903

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

IL TEATRO SOCIALE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

IL TEATRO SOCIALE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE Italogramma, Vol. 4 (2012) sul fil di ragno della memoria http://italogramma.elte.hu Kinga Szokács IL TEATRO SOCIALE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE Nel XX secolo i cambiamenti di paradigma nell ambito

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Prof. Eugenio Lampacrescia

Prof. Eugenio Lampacrescia Prof. Eugenio Lampacrescia TEORIA DEI SISTEMI Si definisce sistema (...) un insieme di oggetti e di relazioni tra gli oggetti e i loro attributi, in cui gli oggetti sono componenti o parti del sistema,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana:

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana: Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE Valore della sessualità umana: E lecita la fecondazione extracorporea? Quando una coppia non riesce

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

IL LAVORO E L IDEALE. Tratto da Il lavoro e l ideale- Il Ciclo delle formelle del Campanile di Giotto Mariella Carlotti

IL LAVORO E L IDEALE. Tratto da Il lavoro e l ideale- Il Ciclo delle formelle del Campanile di Giotto Mariella Carlotti IL LAVORO E L IDEALE Tratto da Il lavoro e l ideale- Il Ciclo delle formelle del Campanile di Giotto Mariella Carlotti Con il cristianesimo nasce un antropologia nuova e un originale concezione del lavoro,

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

CLEMENTE FANTASMINO TRASPARENTE/favole d arte

CLEMENTE FANTASMINO TRASPARENTE/favole d arte PINACOTECHE - SCUOLA PRIMARIA Accogliamo i bambini di scuola primaria con percorsi differenziati tra primo e secondo ciclo. Create per i più piccoli lasciatevi guidare dalle nostre favole d arte per una

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno

L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno Stavo preparando una relazione sul tema dell affido per un convegno cui dovevo partecipare come relatore. Avevo cominciato a scrivere:..affidare il

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA La Casina Incantata VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 una volta un piccolo regno C era situato tra due fiumi ed era un posto incantato di nome Avonalliv. Il Re era un uomo

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli