Bilancio Consolidato Annual Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Consolidato Annual Report"

Transcript

1 RIVA FORNI ELETTRICI Bilancio Consolidato Annual Report 2014

2 Carica cesta rottame in forno - Stabilimento Riva Acciaio di Siviglia Verona / - Steel Tondo scrap in rotoli basket / Hot charged rolled into stretched the furnace coils - Verona Sevilla Plant plant Indice Contents Relazione sulla gestione Profilo del Gruppo I dati significativi Bilancio consolidato Nota illustrativa Relazione della Società di Revisione e del Collegio Sindacale Business Report Group Profile Highlights Consolidated financial statements Notes to Consolidated financial statements Auditors report

3 I principali prodotti Main products Semiprodotti (da colata continua) Blumi Billette Semiproducts (continuous casting) Blooms Billets Laminati a caldo Vergella Tondo cemento armato Barre Hot rolled products Wire rod Concrete reinforcing bars Bars Laminati a freddo Rete elettrosaldata Filo trafilato Trafilati Pelati Rettificati Cold rolled products Welded mesh Drawn wire Drawn products Peeled bars Ground bars

4 RIVA FORNI ELETTRICI 100% 100% 68,18% Holding Riva Acciaio 9,09% Muzzana Trasporti 12,44% 22,73% Immobiliare Siderurgica 87,56% 100% Siderurgica Sevillana 100% Thy Marcinelle 100% A.S.I. 100% Trefileries de Fontaine L Eveque 100% Parsider 100% Riva Aciér 75% Riva Stahl 25% 100% Acor 94% H.E.S. 6% 90% Holding 10% 98,13% SAM 1,87% 94% B.E.S. 6% 100% Iton Seine 100% Betonstahl Lampertheim 100% SAM Montereau 100% Alpa Gruppo RIVA FORNI ELETTRICI - al RIVA FORNI ELETTRICI Group - as at

5 Riva Acciaio Verona Parco - Laminatoio billette - Stabilimento vergella n. 3 / di No. Siviglia 3 wire / Billets rod hot storage rolling yard mill - Verona Sevilla Plant plant Relazione sulla gestione Business report

6

7 Profilo del Gruppo Il Gruppo Riva Forni Elettrici (nel prosieguo anche Gruppo RFE ) opera nel campo delle produzioni siderurgiche e delle attività a esse collegate, e specificatamente nel settore dei prodotti lunghi. Il Gruppo ha iniziato a operare, con effetto giuridico dal 1 gennaio 2013, a seguito della scissione parziale effettuata da Riva Fire S.p.A. L organigramma societario del Gruppo al 31 dicembre 2014 è presentato nel pieghevole esposto precedentemente. I siti produttivi e le società commerciali del Gruppo, alla stessa data, sono così localizzati: Paesi Siti produttivi e di trasformazione Italia 7 Francia 7 Germania 3 Belgio 2 Spagna 1 Canada 1 21 ===== Nel 2014 il Gruppo RFE ha realizzato un fatturato consolidato di Euro milioni, con una produzione di acciaio di 7,8 milioni di tonnellate e con l impiego di addetti

8

9 Riva Acciaio Verona Treno - Carica sbozzatore del rottame laminazione nel forno n. 1-1 Stabilimento / Scrap charging di Siviglia process / Roughing into no.1 rolling EAF fournace mill no.1 - Verona Sevilla Plant plant I dati significativi Highlights

10

11 I siti produttivi e di trasformazione Production and transformation plants Italia Italy Riva Acciaio - Annone Brianza (LC) Riva Acciaio - Caronno Pertusella (VA) Riva Acciaio - Cerveno (BS) Riva Acciaio - Lesegno (CN) Riva Acciaio - Malegno (BS) Riva Acciaio - Sellero (BS) Riva Acciaio - Verona Estero Foreign Acor - Creil (F) Acor - Vauvert (F) Acor - St. Just St. Rambert (F) Alpa - Gargenville (F) ASI - Montreal (CAN) BES - Brandenburg (D) Betonstahl Lampertheim - Lampertheim (D) HES - Hennigsdorf (D) Iton Seine - Bonnieres Sur Seine (F) SAM - Neuves Maisons (F) SAM - Montereau (F) Siderurgica Sevillana - Siviglia (E) Trefileries de Fontaine l Eveque - Fontaine l Eveque (B) Thy Marcinelle - Charleroi (B) USA e Canada Società Commerciali Trading Companies Estero Foreign Riva Acciaio - Milano (I) Riva Aciér - Creil (F) Riva Stahl - Hennigsdorf (D) Siderurgica Sevillana - Siviglia (E) Thy Marcinelle - Charleroi (B) RIVA FORNI ELETTRICI S.p.A. Milano

12 I dati significativi (In milioni di euro) Dati gestionali Fatturato netto 3.608, ,5 EBITDA 145,3 121,6 Margine operativo (430,9) (45,5) Risultato dell esercizio di Gruppo (439,4) (60,3) Struttura patrimoniale Patrimonio netto di Gruppo 665, ,9 Debiti finanziari a lungo termine 388,7 - Posizione finanziaria netta (428,3) (254,3) Immobili, impianti e macchinari 660,8 734,3 Altri dati Cash flow operativo 159,2 134,1 Ammortamenti 131,9 134,8 Proventi / (Oneri) finanziari netti (20,0) (13,6) Investimenti in immobili, impianti e macchinari 69,0 84,4 Dati statistici Dipendenti a fine anno n n Tonnellate prodotte (in migliaia): - acciaio t t vergella t t tondo per cemento t t barre - billette laminate t. 956 t. 913 Fatturato per dipendente (in migliaia di Euro)

13

14 La siderurgia internazionale L economia mondiale nel corso del 2014 si è espansa del 3,3% (stime FMI), un tasso pari a quello del Il contributo maggiore alla crescita è venuto questo anno ancora dalle economie emergenti che sono cresciute complessivamente ad un tasso del 4,4%. A sostenere l andamento economico dei paesi emergenti è stata sostanzialmente la crescita della domanda delle economie avanzate e della Cina. Tuttavia l attività economica resta debole nei paesi emergenti, con rischi di un ulteriore rallentamento dell economia cinese e di un deterioramento delle condizioni economiche e finanziarie in Russia. In Cina l economia si è espansa ad un tasso del 7,4%, quindi inferiore all obiettivo di crescita annuale dichiarato (7,5%), con un sensibile calo nella parte finale dell anno. L accelerazione dell economia in India è rimasta robusta, mentre continua il ristagno in Brasile dove il prodotto interno lordo è stato frenato dalla debolezza degli investimenti. È in brusca frenata la situazione economica in Russia. Questo rapido deterioramento è dovuto alle sanzioni imposte dall Occidente alla fine di luglio, il crollo del rublo e la caduta del prezzo del petrolio. Nei paesi avanzati le condizioni cicliche globali restano molto eterogenee. A livello complessivo registrano una crescita dell 1,8%, sostenuta dagli Stati Uniti (+2,4%) e dal Regno Unito (+2,6%). Tuttavia pesano negativamente sull andamento economico di queste economie l incertezza sui tempi e sull intensità della ripresa in Giappone e nell Aera Euro. Come l anno scorso, ad incidere negativamente sull andamento economico dell Area Euro (che chiude l anno con un +0,8%) è stata una molteplicità di fattori quali il risanamento dei conti pubblici e la persistente difficoltà in cui versano il settore dell edilizia e gli elevati livelli di disoccupazione. Tra le maggiori economie, il prodotto interno lordo è tornato ad aumentare in Germania (+1,5%) e molto lievemente in Francia (+0,4%), mentre è diminuito in Italia (-0,4%). L economia francese ha beneficiato dell espansione dei consumi pubblici, mentre in Germania un modesto sostegno all attività è dovuto all accelerazione della spesa delle famiglie e delle Amministrazioni pubbliche. In Italia i consumi hanno ripreso a crescere in misura contenuta. Il loro contributo alla crescita dell economia è stato controbilanciato dalla flessione degli investimenti frenati dall incertezza sulle prospettive della domanda e dalle difficoltà dell edilizia. Si prevede un rafforzamento della crescita nell Aera Euro ad 1,2% nel 2015 e 1,4% nel Negli Stati Uniti l attività economica ha accelerato nettamente con una

15 crescita del prodotto interno lordo del 2,8%. La crescita dovrebbe essere pari al 3,6% nel 2015, beneficiando del rafforzamento dei consumi. L economia giapponese è cresciuta nel corso del 2014 ad un deludente tasso del 0,1%. Questo è dovuto a una nuova flessione degli investimenti, solo parzialmente compensata da un modesto recupero dei consumi. Mercato siderurgico Il 2014 si chiude con un nuovo record per la produzione mondiale che con milioni di tonnellate supera dell 1,1% il record del 2013 (dati worldsteel). La produzione annuale dell Asia, con milioni di tonnellate di acciaio, migliora dell 1,4% il risultato dell anno precedente. La quota del continente è leggermente aumentata, dal 67,7% nel 2013 al 67,9% nel La produzione di acciaio in Cina ha segnato un nuovo record nel 2014 con 823 milioni di tonnellate ed un incremento dello 0,9% rispetto al La Cina nel 2014 ha prodotto poco più della metà dell acciaio mondiale, con una quota di produzione del 50,3%. Il Giappone ha prodotto 110,7 milioni di tonnellate nel 2014, con un incremento dello 0,1% dal 2013, mentre l India risulta in espansione a 83 milioni di tonnellate (+2,3%). Risultano in contrazione i paesi CSI (-2,8%), con un calo sostanziale dell Ucraina (-17,1%) mentre la Russia chiude l anno in lieve aumento (+2,6%). Il Brasile ha prodotto 33,9 Mt nel 2014, in calo dello -0,7% rispetto al 2013, mentre gli Stati Uniti hanno prodotto 88,3 milioni di tonnellate, in miglioramento del +1,7% rispetto al Diversamente, il Medio Oriente migliora del 7,9% raggiungendo 28,1 milioni di tonnellate, trainato dall Iran (16,3 milioni di tonnellate, +5,9%) e dal Qatar (3,0 milioni di tonnellate, +36,3%), mentre rallenta ancora la Turchia (34,0 milioni di tonnellate, -1,8%). L UE ha registrato una crescita del +1,8% rispetto al 2013 con una produzione di 169,2 milioni di tonnellate. La Germania ha prodotto 42,9 milioni di tonnellate di acciaio nel 2014, con un livello produttivo vicino a quello del 2013 (+0,7%). L Italia e la Spagna evidenziano un calo del -1,4% e del -0,6% rispettivamente, mentre la produzione francese è in miglioramento del 2,9%. Consumo di prodotti finiti I dati più aggiornati al momento disponibili (dati worldsteel) parlano di un consumo mondiale di prodotti finiti attestato di milioni di tonnellate, con un aumento complessivo del +0,6% rispetto al 2013, dopo il +6,2% dell anno precedente

16 Il consumo apparente di acciaio in UE28 ha registrato un aumento del +3,3% sull anno precedente. Si prevede un espansione della domanda di acciaio del +1,9% e +2,6%, rispettivamente nel 2015 e Secondo worldsteel si prevede una crescita del mercato dell acciaio nell UE28 pari al 2,1% nel 2015 e al 2,8% nel Molto positivo l andamento del mercato nordafricano in crescita del 9,4% per 2014 (Algeria: +9,4%; Egitto: +10,6%; Marocco: +2,7%), mentre il consumo di acciaio in Turchia è calato dell 1,8%. La siderurgia in Italia Quadro economico L economia italiana si è contratta dello 0,4% nel 2014, dovuto in maggior parte alla debolezza degli investimenti, frenati dagli ampi margini di capacità inutilizzata. Malgrado le oscillazioni della domanda mondiale, le esportazioni continuano a sostenere la dinamica del prodotto, mentre prosegue la lenta ripresa dei consumi delle famiglie. L attività industriale, diminuita quasi senza interruzione dall estate del 2011, è diminuita di circa l 1% nel Il clima di fiducia nel comparto manifatturiero ha segnato un marginale recupero. Le aziende che operano nel comparto industriale indicano un peggioramento della situazione economica generale, ma in misura meno accentuata che in precedenza. Il calo degli investimenti ha interessato sia quelli delle costruzioni, sia quelli dei beni strumentali. Questo sarebbe riconducibile alla debolezza della domanda, mentre il freno derivante dai vincoli finanziari si sarebbe attenuato sensibilmente rispetto agli anni precedenti. Mentre è tornato a crescere il monte ore lavorate nel complesso dell economia grazie all incremento dell offerta di lavoro, tuttavia non si è ridotto il tasso di disoccupazione, salito al 12,8% nel 2014 (dati di novembre 2014). Di conseguenza, i consumi delle famiglie continuano ad aumentare in misura contenuta, confermando una tendenza in atto dall estate Sulla spesa per consumi pesano ancora le difficili condizioni del mercato del lavoro e l incertezza sulla situazione economica delle famiglie. Gli investimenti fissi lordi sono diminuiti del 4% (rispetto al 5,4% del 2013); il calo degli investimenti in costruzioni è stato pari a circa 4,1% (stima, dati di ottobre 2014) mentre gli investimenti in macchinari ed attrezzature sono arretrati del 3,6% (stima, dati di ottobre 2014). Positivo il contributo alla crescita del prodotto interno lordo fornito dalla domanda estera netta. Il saldo del conto corrente della bilancia dei pagamenti tornato positivo nel 2013, ha continuato a crescere arrivando a 24,7 miliardi di euro nei primi undici mesi del Tuttavia nel terzo trimestre del 2014 le esportazioni di beni e servizi hanno decelerato per il ristagno della domanda proveniente dagli altri paesi dell Aera Euro. Emerge un quadro di forte incertezza sulle prospettive della domanda dei prodotti italiani all estero

17 Mercato siderurgico italiano Nel 2014 la produzione di acciaio in Italia è stata pari a 23,7 milioni di tonnellate, in flessione dell 1,5% sul 2013, principalmente imputabile all ultimo trimestre (-12,6%). L output nazionale è calato del 25% rispetto al picco pre-crisi del I prodotti lunghi, che continuano ad essere penalizzati dal declino del settore delle costruzioni, subiscono un nuovo arretramento. Nel 2014 la produzione di laminati lunghi, 11,3 milioni di tonnellate, è diminuita del 1,2% rispetto al Le travi e il materiale d armamento sono i prodotti più penalizzati (in calo mediamente del 12,2%); la vergella e il tondo per cemento armato perdono rispettivamente 0,3% e 1,4%, mentre la produzione di laminati mercantili conclude l anno in aumento (+1,4%). Il consumo apparente di prodotti siderurgici primari nel 2014 è stato pari a 25,4 milioni di tonnellate, in crescita di circa +0,8% rispetto al Nel 2014 il consumo apparente dei prodotti lunghi ha segnato un nuovo minimo storico dal 1999, in sintonia con l andamento del settore delle costruzioni nazionali (flessione del 2,9%). In particolare la vergella, le travi e il materiale d armamento hanno segnato un minimo storico dal lato della domanda, mentre il tondo per cemento armato conclude l anno in crescita del 6,2%. L attività delle imprese nazionali ha segnato un notevole rallentamento nel 2014 (26,1 milioni di tonnellate consegnate, -2,6%), mentre le importazioni sono aumentate del 5,8% raggiungendo 15,3 milioni di tonnellate, privilegiando quelle europee (8,2 milioni di tonnellate, +3,4%) su quelle extra europee (7,1 milioni di tonnellate, +8,7%). Per quanto riguarda i prodotti lunghi, le statistiche confermano il miglioramento delle esportazioni (+3,6%), in particolare a favore dei mercati extra europei (+5,2%). Le importazioni si sono confermate in ascesa (+6,6%). Il Gruppo Riva Forni Elettrici Il numero complessivo di entità legali facenti parte del Gruppo è pari a 25. Per un dettaglio completo dell area di consolidamento si rinvia all Allegato 1 (Area di Consolidamento). Sedi secondarie secondarie. Nessuna società del Gruppo RFE ha istituito sedi

18 Il fatturato Il fatturato del Gruppo RFE è stato di Euro milioni, in contrazione del 2% rispetto all esercizio precedente.in dettaglio, il fatturato per Paese di origine è il seguente (in milioni di Euro): Paesi (-) Italia Germania Francia (105) Belgio (3) Spagna (7) Canada (86) ======= ======= ======= Le vendite di prodotti siderurgici realizzate dalle società italiane rappresentano il 21% circa dell intero fatturato, mentre il rimanente 79% circa è stato realizzato dalle controllate europee. Marginale il fatturato realizzato da società non UE. La produzione Nel 2014 il Gruppo ha prodotto 7,8 milioni di tonnellate di acciaio con una prevalenza (82%) della produzione nei Paesi UE. La produzione complessiva del Gruppo si è mantenuta sui livelli dello scorso esercizio, come si evince anche dai dati riportati nella seguente tabella (in migliaia di tonnellate): Paesi (-) Italia Francia (9) Germania Belgio Spagna ======= ======= =======

19 In termini di quote produttive sul totale dell UE, nel 2014 il Gruppo Riva Forni Elettrici conferma sostanzialmente la propria presenza sia nella produzione di acciaio grezzo che nel settore dei laminati lunghi in cui opera. Una sintesi delle quote a livello europeo, elaborata sulla base delle stime dei dati al momento disponibili, è riportata nella seguente tabella: Quote del Gruppo RFE sul totale Europa (UE a 28) Acciaio 4,6% 4,6% 4,6% Laminati lunghi 12,6% 12,4% 11,9% I risultati milioni di Euro): Il conto economico può essere così sintetizzato (in 2014 % 2013 % Fatturato netto ,0% ,0% EBITDA 145 4,0% 122 3,3% Margine operativo (431) (11,9%) (45) (1,2%) Oneri finanziari netti (20) (0,6%) (14) (0,4%) Risultato dell esercizio prima dell attribuzione della quota di pertinenza di terzi (439) (12,2%) (60) (1,6%) Risultato dell esercizio (439) (12,2%) (60) (1,6%) I risultati economici dell esercizio 2014 hanno risentito in particolare: - della difficile congiuntura dell economia mondiale, con riflessi anche sul comparto siderurgico; - del conseguimento di margini operativi positivi in alcune aree geografiche e negativi in altre; - delle svalutazioni / accantonamenti operati dalla capogruppo Riva Forni Elettrici alla luce delle motivazioni esposte nei paragrafi seguenti ed alle quali si rinvia; - del consolidamento delle quote di produzione nel settore in cui il Gruppo opera

20 Il saldo della gestione finanziaria è di seguito analizzato (in migliaia di Euro): Altri interessi passivi ed oneri finanziari Oneri da attualizzazione Differenze cambio negative Totale oneri finanziari Interessi attivi ed altri proventi finanziari Proventi finanziari da partecipazioni, netti (70) 276 Differenze cambio positive Totale proventi finanziari Totale oneri finanziari netti (19.951) (13.603) ======== ======== Il risultato della gestione finanziaria risente, da un lato, dell inasprimento delle condizioni sui finanziamenti applicate dagli istituti di credito, stante il perdurare della difficile situazione economica congiunturale e, dall altro, della diversa struttura finanziaria correlata all accensione di finanziamenti a MLT da parte di alcune società operanti principalmente in Germania, Francia, Spagna e Belgio. Cash flow Il cash flow generato dalla gestione operativa è stato di Euro 159 milioni, così rappresentato (in milioni di Euro): Risultato dell esercizio prima dell attribuzione della quota di pertinenza di terzi (439) (60) Ammortamenti e svalutazioni Accantonamenti Cash flow operativo ======== ========

21 La posizione finanziaria netta può essere così sintetizzata (in migliaia di Euro): Disponibilità liquide e altre attività finanziarie a breve termine Debiti a breve verso banche ( ) ( ) Passività finanziarie a breve termine (5.428) (78.655) Disponibilità monetarie nette finali (Indebitamento a breve termine) (7.396) ( ) Attività finanziarie Quota corrente dei mutui (33.776) - Mutui e finanziamenti a lungo termine ( ) Indebitamento finanziario netto ( ) ( ) Posizione finanziaria netta complessiva ( ) ( ) ======== ======== Il miglioramento della posizione finanziaria a breve termine è principalmente riconducibile alla liquidità generata dall accensione di finanziamenti a lungo termine. La variazione della posizione finanziaria netta complessiva, invece, risente dell assunzione da parte della capogruppo Riva Forni Elettrici del debito verso un istituto di credito in precedenza riconducibile alla scissa Riva Fire S.p.A., alla luce delle motivazioni esposte nei paragrafi seguenti ed alle quali si rinvia

22 Principali indicatori Le principali variazioni intervenute nel corso dell anno sono evidenziate nel rendiconto finanziario consolidato (Nota 1) del quale di seguito è riportata una sintesi (in milioni di Euro): Disponibilità monetarie nette iniziali (Indebitamento a breve termine) (254) (275) Liquidità generata / (assorbita) dalle operazioni dell esercizio (103) 127 Liquidità assorbita dalle operazioni di investimento (73) (105) Liquidità generata / (assorbita) dalle operazioni di finanziamento 423 (1) Incremento delle disponibilità monetarie nette Disponibilità monetarie nette finali (Indebitamento a breve termine) (7) (254) Indicatori di redditività ======== ======== ROI (margine operativo / (capitale investito operativo passività operative)) (39,71)% (5,19)% ROE netto (risultato netto / mezzi propri) (65,98)% (5,46)% ROS (margine operativo / ricavi di vendite) (13,51)% (2,08)% Indicatori di solvibilità Margine di disponibilità (Att. Correnti Pass. Correnti) Quoziente disponibilità (Att. Correnti / Pass. Correnti) 1,39 1,33 Margine di tesoreria (Liq. Diff. + Liq. Immediate) (Pass. Correnti) (238) (288) Quoziente di tesoreria (Liq. Diff. + Liq. Immediate) / (Pass. Correnti) 0,76 0,

23 Indicatori di struttura dei finanziamenti Quoziente di indebitamento complessivo 2,11 1,05 (Pass. Consolidate + Pass. Correnti) / Mezzi propri Quoziente di indebitamento finanziario 0,85 0,34 (Pass. di finanziamento / Mezzi propri) Si precisa che taluni degli indici sopra esposti, sono significativamente influenzati, ed in maniera non ricorrente, dalle poste riconducibili alla capogruppo Riva Forni Elettrici S.p.A. tenuto conto delle svalutazioni e degli accantonamenti operati con riferimento alla situazione della scissa Riva FIRE S.p.A. meglio illustrate nel prosieguo della presente. I dipendenti Il numero di occupati al 31 dicembre 2014 era di unità, contro i dell anno precedente. I dipendenti attivi presso le unità estere erano 3.649, quelli operanti presso le Società nazionali I dati comparativi (che escludono i dipendenti delle partecipazioni minoritarie non consolidate) sono così sintetizzabili: Numero medio Numero al 31 dicembre Paesi (-) (-) Italia (2) (48) Francia (17) Germania Belgio (13) (8) Spagna (2) Lussemburgo Canada (2) (1) (5) (33) ======== ======== ======== ======== ======== ======== Non si sono verificati casi di personale iscritto a libro matricola oggetto di morte o di infortuni gravi sul lavoro che abbiano comportato, nell esercizio in esame, l accertamento di responsabilità aziendali definitive né addebiti in ordine a malattie professionali su dipendenti per cui le società del Gruppo siano state dichiarate definitivamente responsabili in sede penale

24 Organizzazione produttiva e commerciale Come già ricordato, il Gruppo Riva Forni Elettrici opera nel settore dei laminati lunghi nei principali Paesi europei: Italia, Germania, Francia, Spagna e Belgio. In Italia, Riva Acciaio S.p.A. svolge la propria attività produttiva e commerciale presso gli stabilimenti di Caronno Pertusella (VA), Lesegno (CN), Verona (VR), Cerveno (BS), Sellero (BS), Malegno (BS) e Annone Brianza (LC). In Francia, le principali società produttive sono la Iton Seine S.A.S., la Acieries et Laminoirs de Paris S.A.S., la Société des Aciers d Armature pour le Beton - SAM S.A.S., la SAM Montereau S.A.S. e la Aciers de Construction Rationalisés - Acor S.A.S., mentre l attività di acquisto della materia prima e di cessione dei semilavorati e prodotti finiti è svolta dalla Riva Acier S.a.. A livello di coordinamento generale opera la Parsider S.a. In Germania, con un organizzazione simile a quella presente in Francia, l attività produttiva è svolta dalle società HES Hennigsdorfer Elektrostahlwerke GmbH, BES Brandenburger Elektrostahlwerke GmbH e la neo costituita Betonstahl Lampertheim Gmbh, mentre l attività di commercializzazione è svolta da Riva Stahl GmbH. In Belgio operano Thy Marcinelle e Trefileries de Fontaine L Eveque: la prima produce e commercializza direttamente i propri prodotti, affidando alla seconda i servizi di trasformazione; è inoltre presente la Branch belga della società di diritto lussemburghese Stahlbeteiligungen Holding che si occupa delle funzioni finanziarie per le società non italiane del Gruppo. In Spagna è presente Siderurgica Sevillana mentre in Canada l attività di ASI consiste nella selezione di rottame ferroso. I rapporti tra le società rientranti nell ambito del presente bilancio consolidato riflettono operazioni e transazioni sia di natura commerciale che finanziaria e sono regolati a normali condizioni di mercato. Per quanto concerne specificatamente la Capogruppo, essa ha svolto nei confronti di alcune controllate servizi essenzialmente amministrativi e finanziari. Investimenti Gli investimenti in immobili, impianti e macchinari effettuati nell esercizio 2014 ammontano a Euro 69 milioni, con una contrazione rispetto alla spesa effettuata nello scorso esercizio, che ammontava ad Euro 84 milioni. Come negli anni precedenti, l attività di investimento impiantistica è stata incentrata nel conseguimento del miglioramento degli aspetti qualitativi dei prodotti, nel contenimento dei costi di produzione, nel miglioramento delle condizioni di sicurezza e nel consolidamento dell assetto produttivo nell ottica della salvaguardia e del miglioramento dei fattori ambientali

25 Ricerca e sviluppo (R.&S.) Le attività di Ricerca e Sviluppo riguardano principalmente l attività, presso lo stabilimento di Lesegno (CN) di Riva Acciaio, del laboratorio sperimentale e del sistema di simulazione di processi siderurgici, che permette di implementare l attività di R.&S. al servizio di tutti gli stabilimenti del Gruppo. Tali processi vengono simulati attraverso una pluralità di strumenti tra cui: - Gleeble 3800, che è in grado di ricreare, su provini appositamente ricavati, il ciclo di fabbricazione dell acciaio, partendo dalla colata continua, passando attraverso la laminazione per arrivare a tutti i tipi di trattamenti successivi (stampaggi a caldo, ricotture, saldature etc.) effettuati sul prodotto. Le simulazioni possono riguardare indifferentemente sia i prodotti lunghi che i prodotti piani. - Forno fusorio sperimentale, che permette di fornire colate sperimentali di prova per testare nuovi prodotti e/o ottimizzare quelli esistenti senza ricorrere alle colate industriali. - Laminatoio a freddo da laboratorio, che consente di preparare crudi di laminazione destinati alle prove di ricottura continua nel simulatore Gleeble. Pertanto il laboratorio sperimentale di Lesegno, oltre che nel contesto dello stabilimento, si inserisce quale ulteriore risorsa dell intero Gruppo Riva Forni Elettrici, a disposizione di tutte le unità produttive ad esso facenti capo. In tal senso i metallurgisti di processo e di prodotto, i tecnologi, i responsabili del controllo qualità possono avvalersi delle opportunità offerte dal laboratorio stesso, nell ambito delle varie tipologie di applicazione (simulazione della colata continua, dilatometria e determinazione delle curve ttt e cct, simulazione dei trattamenti termici, simulazione della laminazione a caldo, studio delle deformazioni a caldo, lavorabilità degli acciai, saldature). Tutti gli oneri conseguenti a tale attività di R.&S. sono stati interamente spesati a conto economico, ad eccezione dei cespiti assoggettati al processo di ammortamento. Ambiente ed ecologia Nel corso del 2014 sono continuate le attività di realizzazione e completamento dei sistemi per il contenimento dell inquinamento atmosferico, in attuazione delle vigenti normative e delle prescrizioni autorizzative. Non si sono verificati casi per i quali le società del Gruppo siano state dichiarate colpevoli in via definitiva in tema di danni ambientali, né sono state irrogate sanzioni o sentenze definitive a livello penale per reati ambientali

26 Nel corso del 2014 gli stabilimenti nazionali sono stati operativi in virtù delle seguenti autorizzazioni: - Stabilimento di Caronno Pertusella: Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) N del 05/07/2007 e successivo aggiornamento N. 3662, rilasciata dalla Provincia di Varese, e attualmente in fase di rinnovo/riesame; - Stabilimento di Lesegno: Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) N. 687 del , rilasciata dalla provincia di Cuneo; - Stabilimento di Verona: Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) N. 1364/13 del , rilasciata dalla Provincia di Verona; - Stabilimento di Sellero: Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) N del rilasciata della Provincia di Brescia e attualmente in fase di rinnovo/riesame; - Stabilimento di Cerveno: Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) N. 641 del rilasciata della Provincia di Brescia e attualmente in fase di rinnovo/riesame; - Stabilimento di Malegno: Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) N del rilasciata dalla Provincia di Brescia, relativa allo scarico idrico; - Stabilimento di Annone Brianza: Specifica autorizzazione per le emissioni in atmosfera, rilasciata dalla Provincia di Lecco. Lo stabilimento ha richiesto alla Provincia di Lecco l Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) che è in fase di esame. Lo stabilimento di Caronno Pertusella, nel corso del 2014, ha presentato la richiesta di modifica non sostanziale relativa alla riorganizzazione delle aree di stoccaggio e trattamento scorie. Lo stabilimento di Lesegno, nel corso del 2014, ha presentato richiesta di modifica non sostanziale relativa alla realizzazione di piazzali interni mediante l utilizzo di scorie di acciaieria. Lo stabilimento di Verona, nel corso del 2014, ha presentato la richiesta di modifica non sostanziale relativa alla variazione del piano di monitoraggio per il parametro CO. Tutti gli stabilimenti, gestiti in virtù dell Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), hanno rispettato le scadenze prescritte dal Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) dall Atto Autorizzativo. I risultati ottenuti sono stati sempre conformi ai limiti stabiliti. Nel corso del 2014 gli stabilimenti hanno continuato a mantenere le apposite certificazioni relative agli aspetti qualità, ambiente e sicurezza UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO e OHSAS 18001, rilasciate da appositi enti di certificazione (IGQ, TUV, LLOYD). Per quanto concerne il fabbisogno di acqua degli stabilimenti, esso è soddisfatto da appositi pozzi e/o emungimenti da corsi d acqua superfi ciali, il cui utilizzo è espressamente autorizzato dagli enti gestori

Bilancio Consolidato Annual Report

Bilancio Consolidato Annual Report RIVA FORNI ELETTRICI Bilancio Consolidato Annual Report 2013 Carica cesta rottame in forno - Stabilimento di Siviglia / Steel scrap basket charged into the furnace - Sevilla Plant Indice Contents Ricordo

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO. RELAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE. Sulla gestione dell esercizio al 31 dicembre 2014

BILANCIO CONSOLIDATO. RELAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE. Sulla gestione dell esercizio al 31 dicembre 2014 MEP S.p.A. Sede in MILANO (MI), Piazza Del Liberty, 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

ID: 88072321 15/04/2013

ID: 88072321 15/04/2013 SEDE IN SEDEGLIANO (UD), S.S. 463 Z.I. PANNELLIA CAPITALE SOCIALE EURO 2.000.000,00 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE N. 02001710306 ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI UDINE AL N. 02001710306 ISCRITTA

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

GENERAL MARKING S.R.L. (UNIPERSONALE) Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2010

GENERAL MARKING S.R.L. (UNIPERSONALE) Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2010 GENERAL MARKING S.R.L. (UNIPERSONALE) Società soggetta a direzione e coordinamento di CEMBRE S.P.A. Reg. Imp. 02320470988 Rea 439489 Sede in VIA SERENISSIMA N.9-25135 BRESCIA (BS) Capitale sociale Euro

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri Lo afferma il Presidente dell UNRAE, Salvatore Pistola IL PROGRESSO DEL MERCATO DELL AUTO PRINCIPALE

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 Convocata l Assemblea ordinaria della società per il prossimo 24 aprile in unica convocazione Valutati i requisiti di indipendenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

RELAZIONE sulla GESTIONE. al Bilancio al 31 dicembre 2014. pag. 46

RELAZIONE sulla GESTIONE. al Bilancio al 31 dicembre 2014. pag. 46 RELAZIONE sulla GESTIONE al Bilancio al 31 dicembre 2014 pag. 46 Il bilancio al 31/12/2014, che viene sottoposto all attenzione dell Assemblea dei Soci per la sua approvazione, chiude con un utile di 520.153,47,

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Ricavi nel trimestre a 202,7 milioni di Euro, in crescita del 17% su base annua EBITDA nel

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 Risultati progressivi in forte miglioramento (EBITDA +23%). Indebitamento finanziario

Dettagli

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE L EVOLUZIONE STORICA Successivamente alla entrata in vigore del D.lgs. 19 novembre 1997, n. 422, molteplici sono stati i provvedimenti

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008

FINPESCA S.R.L. Relazione sulla Gestione al Bilancio chiuso il 31/12/2008 Sede in Via delle Industrie, 7-45014 Porto Viro (RO) Capitale sociale di euro 1.000.000 i.v. Registro delle imprese di Rovigo e codice fiscale: 01025200294 REA di Rovigo: 110161 Relazione sulla Gestione

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Milano, 2 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Perdita consolidata pari ad euro 27,5 milioni di euro a fronte dell utile di 228,1 milioni di

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o:

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o: TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. per: COOPCA SOCIETA COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO, con l avv. Giuseppe Campeis (d ora innanzi anche la Società

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 a cura di Maria Chiara Ronzani - Area Fiscale APINDUSTRIA VICENZA 30/01/2015 - Sala Convegni Apindustria Vicenza 1 Sommario DEPOSITO BILANCIO E NOTA INTEGRATIVA IN FORMATO

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 6 Misure cautelari di salvaguardia, di risanamento e di liquidazione Sommario 1. Introduzione. - 2. Le misure cautelari. - 3. Le misure di salvaguardia. - 4. Le misure di risanamento. 5. L estinzione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il PCT nel decreto legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari) Sommario: 1. Premessa. 2. Entrata in vigore

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31 MARZO 2011 Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it Partita Iva 02158501003 REA C.C.I.A.A. Roma 160.498 Capitale

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita.

I crediti verso le banche sono espressi al valore di presumibile realizzo, tenuto conto delle stime di perdita. 79 STRUTTURA E CONTENUTI DEL BILANCIO Il bilancio dell'impresa è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota Integrativa, corredati dalla Relazione sull'andamento della gestione.

Dettagli