la fabbrica di Enrico Brignano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la fabbrica di Enrico Brignano"

Transcript

1 la fabbrica di Enrico Brignano 01 Aprile design/nexine

2 Saggio di Artès: L impresario delle Smirne 1-3 Luglio 2010 Saggio di Artès: Sogno di una notte di mezz estate Giugno 2010 ARTÈS LA FABBRICA DEI SOGNI Associazione Culturale Via di Campobello, Pomezia (RM) fax: mobile: Sandro Moscogiuri photographer visual artist blog: moscoart.blogspot.com

3 INTERVISTA AD ENRICO BRIGNANO Enrico Brignano, chi é? Chi è? Non lo so! Istintivamente verrebbe da dire tanto, però poi alla fine non lo so; forse dopo tanti anni di ricerca il bello di questo mestiere è che alla fine non sai chi sei, perché sei sempre una persona diversa, per ognuno che ti conosce, che crede di conoscerti. Questa è il fascino di questo mestiere: volere e dovere impersonare al meglio anni diversi, storie diverse e non sapere mai bene quanto ti rimane attaccato addosso. Per cui per l anagrafe o la finanza sono un attore italiano con un certo reddito però poi profondamente vai a sapere chi sono. Noi sappiamo di essere un gruppo unito dall appartenenza ad Artès, ma come mai hai creato una scuola d arte proprio a Pomezia? Pomezia è stato solo un caso. La domanda forse la porrei in modo diverso: perché hai deciso di fare una scuola?. E la risposta è anche quella per caso. Tutto è partito dallo stoccaggio della scenografia: avevo un luogo vicino casa mia, molto comodo, ma scomodo per entrare ed uscire con i camion, dove ho cominciato ad immagazzinare la scenografia. Quel posto era un po il cassetto dei miei sogni, ma io avevo bisogno di un armadio per riporli tutti, perchè oramai il cassetto cominciava a risultare troppo piccolo, quindi volevo un luogo dove poter immagazzinare la scenografia, un grande armadio, che resistesse al tempo, e ho trovato tempo di andare in questo luogo, a Pomezia, dove c erano all inizio dei campetti di calcio che non andavano bene se vede, sennò continuavano a mantenerli, il calcetto in questo senso ha perso e lì hanno costruito dei capannoni, capannoni commerciali, quindi convenienti, da un punto di vista economico, e siccome purtroppo faccio molti conti, ho pensato bene di acquistare personalmente, fare una cosa che di solito non si fa, cioè non credo che ci siano attori in Europa, e nemmeno in America, disposti a fare un acquisto del genere, comprare a proprie spese un luogo, senza chiedere niente a nessuno, un luogo dove poter immagazzinare i propri sogni, il passato e il futuro, e anche il presente. Siccome c era spazio avevo pensato di fare in questo grande luogo un teatro per me, per giocare fino a tardi, e invece quando l ho visto costruito ho detto: perché non giocare magari con qualcuno? Anche perché da soli se gioca male, e mi è venuto in mente di fare una scuola di recitazione, perché no di canto, perché no di ballo, perché no di trucco, abbiamo tutto a scuola. Pomezia è capitata, poteva essere Velletri, è capitata solo perché lì a Pomezia costruivano quei capannoni, che io oggi non oso più chiamare capannoni, oggi è una scuola, a chiamarlo capannone mi viene proprio un acido di stomaco, un bruciore, ma nemmeno la banca che ne è proprietaria li chiama capannoni, li chiama scuola. Io che a scuola ci andavo mal volentieri ne ho aperta una di scuola, pensa te... Lasciamo Pomezia e torniamo a Brignano Sei cambiato dal primo giorno che hai messo piede sul palcoscenico ad oggi che fai Rugantino? Beh, io credo che il cambiamento sia inevitabile per qualunque mestiere, perché è insito 01

4 nell uomo. Alla domanda di un mio amico: Oh ma sei cambiato eh?, io rispondo: Perché tu no? Avevi i capelli ora non li hai più, hai la pancia, e quattro figli, non sarai cambiato pure tu da quando giocavamo al campetto?. Come l hanno presa i tuoi genitori l idea di fare l attore, erano favorevoli? Sì, erano favorevoli, hanno visto l impegno con cui affrontavo le cose, i risultati, anche perché dopo un po devi portare la pagnotta a casa o quanto meno saper dimostrare di poterla portare un giorno. Mio padre è sempre stato un lavoratore, aveva la terza elementare, mia madre invece aveva la quinta elementare, insomma tutti e due c avevano 8 anni di scuola, però una grande sapienza, quella di affrontare la vita con rispetto, con amore, con onore, e questo me l hanno insegnato pur avendo 8 anni di scuola in due. Il rispetto come l amore, il rispetto per se stessi e per gli altri l ho dimostrato, anche nel tempo che si accendono e si spengono le luci facendo spettacolo, la parte più effimera del lavoro, quella di lustrini, pailettes e luci accese. Ho potuto dimostrare di potercela fare, ho continuato gli studi per 5-6 anni, fra il laboratorio di Proietti, altri due anni di accademia, altri laboratori teatrali, per cui hanno capito che scherzavo sul serio, ci hanno creduto e non mi hanno mai ostacolato. Poi per un comico è diverso, in questa società il comico vive meglio, è il più pagato al mondo, è quello che regala emozioni, fa star bene le persone come un chirurgo. Beh, il chirurgo non è detto, perché può trovare anche situazioni molto drammatiche, apre un paziente, poi non dipende da lui, dipende dall anestesista, dipende dall igiene, dal caso, un comico no, dipende da lui. A un certo punto il teatro, la scena, il testo non contano più, è se stesso contro se stesso, perché gli altri poi rappresentano se stesso, quindi se lui è vero, fingendo, riesce a sublimarsi, a volare alto, e la gente poi lo apprezza per tutta la vita. Il chirurgo poi te lo dimentichi quando stai bene, è un po come quando stai a panza piena, te dimentichi che c hai fame. Invece il comico viene osannato, deve continuare a far ridere, altrimenti la gente ti dice: e però fa sempre le stesse cose, non mi fa ridere più, è cambiato, è diventato troppo intellettuale boh prima me faceva ride, adesso no, se rimani onesto con te stesso e hai le capacità di far ridere sei baciato dal Signore. Cosa conta imparare, a parte la tecnica, per diventare attore? Beh, imparare a capire se è quello che ti piace, perché non c è cosa peggiore di fare l attore quando non ti piace, 40 anni di carriera magari e poi uno si alza la mattina e dice: Ma io volevo fare il dentista!, la cosa peggiore! E allora quest arte ti deve piacere, prima di tutto, e piacendoti bisogna avere grande onestà, per dirsi un giorno, posticipando la data sempre più lontano, però per dirsi : Lo voglio fare per hobby o lo voglio fare per mestiere, perché tra hobby e professione lo stacco è veramente grande, e non è cosi facile; per hobby tutto va bene, una serata da una parte, dieci serate da un altra, il teatro dai preti, il palcoscenico alla festa dell Unità, adesso non c è più l Unità, non c è più unità, è sparita l unità, ce stanno solo le feste decimali, quindi, fare questo mestiere da professionisti prevede una serie di cose, un grande precariato, bisogna abituarsi ad essere precari, inutili, e molto spesso noi vogliamo essere utili, invece questo mestiere è quanto di più inutile ci sia. È molto più utile fare la corpivendola, ha una sua ragione d essere, perché regala piacere a pagamento, ma i soldi li vede subito, in teatro molto spesso i soldi non li prendi mai, e quando li prendi so pochi, non arrivi al giorno dopo, e non puoi nemmeno andare a corpivendole, per dire sai io investo nel futuro, per cui la decisione va presa dentro, 02

5 profondamente, quei grandi dialoghi allo specchio: Ce la farò, non ce la farò ma so capace?... mi piace e quanto mi piace?, quanto sarò capace a fare gli sforzi, e poi la salute, bisogna avere tanta salute, salute a scatafascio, basta essere cagionevoli e l attore non lo puoi fare, solo per i trasporti, 300 km al giorno di macchina per andare a scavalcare le Alpi, gli Appennini, so montagne, per poi andare in un paesino dove c è attaccato scalo: Predozzo scalo, Fattovello superiore, Frattanassa al mare, che uno dice: Dove stiamo?, ecco lì ci vuole tanta salute, specialmente salute di testa, o perderla completamente, quindi non avere senno o avere grande ragionevolezza, ecco cosa devi avere. Cosa pensi dell idea di un giornale per Artés? Secondo me sono idee e come tutte le idee vanno cavalcate come fossero onde ed è una buona cosa se fatta con entusiasmo, e quindi va proposta con entusiasmo, va allargata con entusiasmo, perché senza entusiasmo nemmeno il Sole piace! Un idea è cosi, è bella perché è un idea. Dici: Ho un idea!! e ti torna il sorriso e quindi il giornale è il sorriso per Artès a Pomezia, un luogo dove ad una certa ora si chiude tutto, perché Pomezia ad una certa ora chiude, chiude proprio Pomezia, la staccano dalla Pontina, e la portano a dormire come fosse un fanciullo, invece l idea di un giornale Il giornale rimane no? Verba volant scripta manent, per cui è scritto nero su bianco, una cosa secondo me da non sottovalutare, anzi da divulgare, Guarda che cosa abbiamo fatto, guarda che cosa abbiamo scritto è l unico modo per resistere al tempo che avanza, ne avanza tanto, e se avanza tempo uno fa il giornale. Secondo te esiste un argomento sul quale non è possibile fare comicità? No, no, no nemmeno la morte, la famosa comare con la falce è cattiva, è imbecille, è stronza, sta dietro l angolo, ma ce se po scherzà per cui, di fronte ai mali, hanno scoperto, ed è una scoperta dell acqua calda, che dietro qualsiasi male che sia a livello fisico, psicologico, psicoattitudinale, alle gambe, alla pressione, al cuore, il buonumore aiuta, quanto meno aiuta a morire meglio e quindi è una grande vittoria nei confronti della comare, perché la comare ti vorrebbe prendere sempre arrabbiato invece se tu je ridi in faccia magari se spaventa pure e se ne va... Allora il teatro comico allunga la vita? Cavolo, aiuta a vivere meglio, non solo, fare l abbonamento al teatro vuol dire firmare un contratto con la vita, un altro anno, è come comprare la legna, l olio, l olio nuovo per il prossimo anno, è fondamentale, e gli attori che fanno teatro sono longevi, campano fino a 90 anni, ed infatti quelli che morono prima è perché fanno altro, magari so andati in televisione, hanno fatto cinema, invece se fanno solo teatro perché il teatro ha bisogno di gente in salute, e quindi ti chiede lo devi fare, e devi stare bene, invece poi se tu non fai il teatro ti ammali. Consiglieresti a tuo figlio domani di intraprendere il tuo stesso lavoro? E cosa gli insegneresti da padre e da attore? Se consiglierei a mio figlio o a mia figlia di fare l attore o l attrice? Innanzitutto devo consigliare a mia moglie di farlo un figlio, e nel caso dovessimo sbrigarci, cioè in tempi brevi, per cui averlo ancora non rimbambito dall età, farei scegliere a lui, insomma gli direi che è molto più complicato di quanto possa pensare, e che deve volerlo a tutti i costi, perché il mestiere dell attore non rende felici più degli altri, sicuramente un imprenditore affermato che produce cioccolata è tanto felice quanto un attore scritturato che va in tournée, solo che 03

6 l imprenditore è imprenditore tutti i giorni, lo scritturato dura 6 mesi, quando va bene, quindi è una decisione da prendere con attenzione, lì è il cuore che decide, non decidono i genitori. Molto spesso è chiaro che se un genitore fa l attore, il figlio molto probabilmente conosce meglio il mestiere, però non è detto, magari questo attore ha 5 figli e di questi 5 figli non tutti fanno gli attori, magari nemmeno uno, magari fanno i registi o fanno altre cose, però farei scegliere lui, o lei, gli direi, le direi: lo vuoi fare veramente, sicura? sarei diffidente, però poi la metterei alla prova e se son rose fioriranno. Mio padre voleva che facessi il fruttivendolo, però nessuno ha mai fatto una domanda simile a mio padre: Senta, ma se suo figlio volesse fare il fruttivendolo come lei, accetterebbe? oh, non glielo hanno mai chiesto! Intervista realizzata il 28 dicembre 2010 al Teatro Sistina di Roma nel periodo in cui Enrico ha riportato sulla scena Rugantino. Il comitato di redazione La nostra sede 04

7 EDITORIALE Questo giornale ha due direttori. Mi presento: sono un avvocato dello spettacolo, sono stato segretario del Sindacato Attori Italiani negli anni 70, legale di molte attrici e attori di cui non dico i nomi per ragioni di privacy, nel 1971 sono stato Amministratore della Cooperativa teatrale che ha prodotto Orlando Furioso per la regia di Luca Ronconi, sono stato consulente legale della Rizzoli Film e della Cineriz e responsabile dell area Stati Uniti e ho avuto rapporti molto stretti con l Anac Associazione Nazionale Autori Cinematografici - sono stato Presidente di Cinecittà e Direttore del Dipartimento Cultura del Comune di Roma. Fondatore, insieme ad altri, del Laboratorio teatrale Proietti, ho partecipato alla ideazione e costruzione del Globe Theatre e sono stato consulente del Sindaco Veltroni per gli affari teatrali. Ho avuto due mogli e mezzo e molti gatti e cani, attualmente ho come fratello un meraviglioso maremmano buonissimo di 60 chili. Ci sarebbero parecchie altre cose, come che ho tutti i capelli bianchi,ma per ora basta. Ho proposto a Enrico Brignano di sollecitare gli allievi di Artès a fare un giornale che parli di loro e li spinga ad essere più intelligenti possibile. Ho conosciuto Enrico quando passò la selezione per il Laboratorio Proietti e mi commossi della sua gioia di essere stato ammesso. Era un ragazzino e mi sorprese perché faceva ironia su sé stesso e sulla sua famiglia, dimostrando coraggio, anticonformismo e una straordinaria capacità di critica. Ovviamente la sua arte mi fa ridere e mi rallegra, ma non solo per questo mi piace così tanto: mi ha fatto capire quanta capacità di leadership abbia e questa è una ricchezza per tutto il teatro italiano. Per me è ancora un ragazzo ma talvolta la sua intelligenza e la sua visione strategica mi mettono in soggezione. Nei prossimi numeri tenteremo di prenderlo un pò in giro e sarà una bella impresa! Giovanni Arnone A differenza dell avvocato ho solo due capelli bianchi, ho trent anni, lavoro come assistente di Enrico Brignano da due anni seguendolo nell allestimento dei suoi spettacoli e ad Artès come organizzatrice da tre. Ho una formazione da attrice e cantante, avendo studiato per più di sei anni con buoni maestri nella periferia di Roma ma senza mai spazi adeguati, che aiutassero a far prendere aria ai sogni. Approdata ad Artès mi sono resa conto di cosa significasse ragionare in grande. Spero che questo giornale possa aiutare i nostri allievi a definire meglio i loro sogni e i loro obiettivi. Valentina Pacilli Il Comitato di Redazione Da sinistra: Federica Chiocca (20), Renato Viziello (19), Francesco Mancini (25) Maura Angy Maratta (29) Marco Bussoletti (26) e Morgana Avenzino (21) 05

8 06

9 TAVOLA ROTONDA (Arnone) Ci troviamo a Pomezia. Siamo in una delle tante stanze, uno dei tanti luoghi della scuola Artès di Enrico Brignano e stiamo cercando di realizzare, con alcuni studenti della scuola di recitazione, una specie di tavola rotonda, che ci permetta di capire da ognuno di questi ragazzi, a che cosa aspirano, che cosa vogliono fare, che cosa sperano. Si tratta del comitato di redazione, composto da ragazzi di I, II, III e IV anno, a cui sono stati affidati dei lavori per la realizzazione di questo primo numero del giornale. La prima domanda che voglio porre a ognuno di voi è: avete pensato, venendo qui, di poter diventare degli artisti? Avete pensato che la scuola potesse aiutarvi ad aumentare la famosa autostima di cui si parla tanto? Cominciando da sinistra, abbiamo Renato, che viene da Matera che dice: da quando frequento questa scuola, cerco di inseguire un sogno che va avanti da qualche anno. Ovviamente, il percorso che si fa per diventare un artista, un attore, è faticoso e lungo per cui, risulta davvero difficile fare programmi. Quello che ti da una scuola così importante, anche dopo pochi mesi, è un cambiamento forte sotto l aspetto caratteriale, della personalità. In ogni caso, nel momento in cui uno uscirà da questa scuola, pur non diventando magari un giorno un attore, avrà qualcosa in più da spendere rispetto agli altri. Prima essere uomini e poi artisti. Io sono Marco, al quarto anno di questa scuola. Quando ho cominciato, l idea era quella di venire a giocare nel senso che avevo una concezione sbagliata di questo mestiere. Dicevo che l attore non fa niente, se è bravo va avanti se no, non ce la fa. All inizio pensavo che il mestiere dell attore fosse facile, che bastasse interpretare. Invece no! Entrando in una scuola così mi è stato subito detto: il talento va bene ma, ci vuole la tecnica. La scuola di recitazione ti dà le basi tecniche e vieni plasmato. (Arnone) I tuoi anni di studio, sono un bilancio positivo? Sono estremamente entusiasta della scelta. Venni a sapere dell apertura di questa scuola in un modo del tutto casuale. L ho saputo tramite un mio amico. All epoca cercavo una scuola così e sarei andato anche a Roma pur di farla. La scuola ha messo in moto in me tante fantasie Sono Francesco Mancini, sono pometino, sono arrivato in questa scuola tre anni fa un po per sperimentare e un po per consiglio, perché tutti mi dicevano di frequentare gente importante per garantirmi un appoggio ai fini della carriera. (Arnone) L esperimento consisteva nel voler vedere cosa si provasse. Cosa si prova? Si prova che, con questi metodi di insegnamento, con queste tecniche, non solo si gioca con le parole ma, si trovano le parole giuste per affrontare cose positive e negative anche al di fuori di un contesto accademico - scolastico. La scuola mi ha insegnato a essere me stesso. Sono Federica, allieva del terzo anno. Anch io ho saputo dell apertura della scuola in maniera casuale, con una telefonata. Inizialmente sono venuta per provare. All inizio è stato solo divertimento, poi è diventata passione, c è stato un arricchimento personale, è cresciuta l autostima. Ora mi rendo conto di aver avuto una bella opportunità. Se non l avessi avuta, non sarei diventata quella che sono ora. Sono Maura, allieva del quarto anno. Ho saputo della scuola da mia madre, 07

10 stavo cercando un corso di studio, all inizio non ci credevo, poi a distanza di un mesetto ho saputo dell inaugurazione e sono passata a dare un occhiata per chiedere informazioni. Ho fatto il provino un po di tempo dopo, ricordo ancora bene il giorno, ogni particolare, e ricordo Enrico Brignano che ci osservava da lontano, sulla porta. Allora pensavo fosse tutto più facile, affrontai l evento con una certa incoscienza, ora invece mi accorgo che non è uno scherzo! Da allora il teatro, i miei insegnanti, mi hanno aiutato a capire soprattutto quali sono i miei limiti e mi stanno dando i mezzi per cercare ogni giorno di fare un passo in più verso la crescita ed una maggiore autostima come artista e come persona. E qui c è Morgana. Io sono entrata in questa scuola con la convinzione di fare l attrice e fare di tutto per diventarlo. Dopo un anno di scuola mi sono appassionata moltissimo e ho avuto una conferma di una cosa che già pensavo. Ho capito che il teatro ti insegna molte altre cose oltre alla tecnica. Ti insegna ad essere una persona migliore. In questa scuola ci sono stati bei momenti ma non sono mancate le delusioni. (Arnone) Avete scelto un mestiere che è di per sé molto precario. Non si lavora tutto l anno, ma in quei giorni in cui si lavora si hanno delle belle gratificazioni e, perché no, anche economiche (ve lo auguro). (Arnone) Che cosa vi fa pensare che gli insegnanti, che vi dicono quello che dovete fare, siano in grado di farlo? Da cosa lo deducete? Dalla stima che ha Brignano nei loro confronti? Cosa ne pensate dei vostri insegnanti, ritenete che per voi facciano il possibile? Renato: Per me, tutti sanno trasmettere qualcosa di importante e di diverso. Ci sono dei metodi di insegnamento più apprezzati, altri un pò noiosi. È comunque bello poter riuscire a prendere spunto dal loro aspetto professionale e umano. Marco: in quattro anni ho visto vari insegnanti con varie competenze. Ho saputo ascoltare, dato che all inizio mi sentivo un ignorante in materia. Con la scuola affini l orecchio e l occhio e capisci che le persone che si trovano dall altra parte, sono quelle giuste. La parola di Enrico? Un ottima garanzia. Francesco: Ho avuto a che fare con dei maestri d arte, alcuni molto bravi, alcuni tremendi. (Arnone): Il mestiere dell insegnate è tremendo: il valore di un insegnante dipende dal valore degli alunni. Federica: Penso che una laurea e un pezzo di carta non contino affatto. Conta soltanto sapere se il loro operato fa ottenere dei risultato a noi. Maura: Li ammiro e penso che abbiano una infinita pazienza. Penso che ci conoscano nel profondo, ho notato che lavorano in modo differente e su misura, in base alle nostre personalità e potenzialità. Sono dei grandi artisti e sempre disponibili nei nostri confronti. Morgana: Ho la stima per tutti gli insegnanti di questa scuola perché hanno dimostrato di esserne degni. Con alcuni di loro c è un rapporto molto speciale. (Arnone): Quale personaggio ti piacerebbe fare? Marco: Ancora prima di entrare in questa scuola, mi sarebbe piaciuto interpretare Rugantino. Penso che imparerò a farlo. Accarezzo l idea con molto piacere, ma sono consapevole del fatto che si hanno delle grandi responsabilità nell impersonare un ruolo del genere. Francesco: Mi piacerebbe fare Gnecco. Come personaggio romantico, vorrei fare un Romeo. Federica: Amo Rosetta per le canzoni che canta nella commedia ed anche la fata turchina di Pinocchio. Maura: Mi piacerebbe studiare un personaggio che si discosti molto da quello che sono io nella realtà. Sono stata sempre affascinata dai personaggi in costume, ottocenteschi. E poi sapendo che si farà Rugantino mi piacerebbe molto interpretare Rosetta. Morgana: Anche a me piace molto il personaggio di Rosetta soprattutto per il suo carattere. Per questa stessa forza, vorrei interpretare Medea. Renato: Penso che sia troppo prematuro potermi identificare in un personaggio. Magari questa domanda me la rifarete fra tre anni. (Arnone): Voi che avete già concluso il corso dei tre anni, vi piacerebbe se un gruppo di voi cominciasse 08

11 a creare una compagnia o preferireste essere chiamati dall esterno? Marco: Mi piacerebbe e credo anche che sia possibile. Francesco: Vorrei anche una compagnia che si occupi non solo di teatro, ma anche di fiction. Federica: A me piacerebbe e l accetterei volentieri. Maura: Mi piacerebbe molto creare una compagnia. Basta volerlo ed essere pronti a lavorarci sodo, sarebbe un modo per iniziare a mettersi nel mondo del lavoro. Morgana: Sarebbe interessante dal punto di vista teorico, ma non credo che sia realizzabile perché non tutti si pongono gli stessi obiettivi. (Arnone): Fare un gruppo vuol dire accettare una selezione. Avere una compagnia vuol dire organizzazione. Comunque auguri. Secondo me siete sulla buona strada per diventare dei precari con tanto futuro e tanto lavoro. LA MIA CITTÀ Secondo il mio parere, è positivo che Pomezia diventi una vera e propria città, grande e importante grazie al comune che ha fatto costruire molte strade con le rotatorie, i giardini, i campi da gioco, le piste ciclabili, molte case, un po di grattacieli, però è ingiusto che certa gente, certi luoghi e certe usanze siano assurde. A Pomezia c è gente che non sa ragionare e quindi il comune, le forze dell ordine e il sindaco stesso dovrebbero prendere dei provvedimenti più severi e precisi verso coloro che portano la delinquenza che c è per strada (come certe persone che guidano male credendo di avere le strade e le precedenze tutte per sè fregandosi del loro torto) e nei quartieri, il più pericoloso di tutti, quello dove sono le case popolari, perché lì ci sono stati omicidi, incidenti, incendi, suicidi, sia di notte che di giorno. Non c è poi gente o persone sufficientemente oneste e brave nel far trovare lavoro ai giovani, studenti e disoccupati, a causa degli uffici di collocamento e dei concorsi, alcuni truccati, alcuni organizzati con metodi sbagliatissimi e assurdi che illudono tutti i cittadini che cercano aiuto. Un altra cosa che non va è il fatto che nella mia città non esiste una clinica con una sala parto dove le donne di Pomezia possano partorire costringendole a far nascere i propri figli in un altro comune: sono tanti anni che a Pomezia non nascono bambini, ad eccezione di quelli nati a casa. Poi c è la lentezza di certi lavori come quelli nel cantiere, soprannominato cosi perché li ci dovevano fare un teatro vero e professionale, tanto è vero che il sindaco stesso aveva promesso di finirlo entro un anno e invece sta ancora lì in costruzione. Ogni tanto sembra siano arrivati i fondi per continuare i lavori, poi per incanto finiscono e il cantiere rimane sempre allo stesso punto. Insomma questa città ha bisogno ora di fare pulizia, veloce, unitaria e volenterosa, di questi sporchi metodi e modi di questa gente inidonea e incapace di intendere e di volere; insomma ci vorrebbe una specie di eroe mascherato che sappia fare giustizia e correttezza. Per far si che sta città diventi sempre migliore. Francesco il terrorista pometino 09

12 RUBRICA: TEATRO LA REALTA SUPERA LA FANTASIA! Cosa ci fa sognare ancora oggi? Dove vanno i nuovi prosatori a narrare i segreti della mente? Chi si assume l ardito compito di scegliere argomenti scottanti da proporre all attenzione del popolo? Potremmo accendere la TV, ascoltare la radio, leggere un forum o inscriverci ad un social network e, senza scomodarci troppo, colmare ogni tipo di curiosità, confrontarci con qualcuno che è da tutt altra parte e disquisire su politica, sport, religione o qualunque altro argomento si voglia. Ed eccoci qui nel nostro mondo assolutamente a portata di mano, anzi di Clic, dalla nostra poltrona, padroni della comunicazione e sempre aggiornati sull ultima notizia che fa discutere, pronti a interagire con la rete, al centro di un sistema oliato e ormai quotidiano, soprattutto per la nuova generazione di adolescenti, incatenati ad avere subito, tutto sul proprio cellulare e PC. Ormai si può avere, in modo illegale, anche l ultimo film in proiezione al cinema, tutto il mondo può tranquillamente entrare dentro le nostre case e noi possiamo scegliere quello che più ci piace, se qualcosa ci annoia lo cestiniamo, se invece ci esalta, lo mettiamo tra i preferiti e sarà sempre lì finche non ne saremo saturi. Wow! Che vantaggi ci propone la tecnologia! Quanta abbondanza c è! Abbiamo tutto, tutto, tutto! Dagli ABBA allo ZERO, nulla ci può sfuggire, ormai tutto passa per la rete interattiva. Alla fine di un bel film scaricato, o di un bel brano musicale, con chi ci congratuliamo? A chi battiamo le mani? A chi potremmo gridare tutta la nostra approvazione, o il nostro sdegno? Al nostro bellissimo televisore! Che bello vedere le lucette rosse che si inebriano e si illuminano al nostro acclamare, che gioia vedere la commozione del mouse, che dopo cinque minuti di applausi continua a inchinarsi, e che emozione sentire il telecomando che impazzisce, per ringraziare dell affetto dimostrato. ATTENZIONE: ogni tipo di riferimento è puramente casuale. In caso di riscontri si consiglia di contattare un esorcista. Come è possibile vedere tutto questo, senza l ausilio di allucinogeni? Non è possibile che ciò accada in casa propria, bisogna compiere uno sforzo allucinante, prendere un veicolo, di qualsiasi natura, svolgere un determinato percorso, sperare di non trovare troppo traffico e cercare di parcheggiare in maniera consona. Una volta superata questa prima fase ci si reca nel luogo prescelto, dove si svolge un rito ormai millenario, la rappresentazione di un avvenimento dal VIVO. Vivo vuol significare che è fatto davanti ai nostri occhi, non c è nulla che può interferire, niente è di intralcio tra Pubblico e Palcoscenico. Tutto accade in un singolo istante, non è possibile il REWIND, se ci si distrae la scena continua, se si arriva in ritardo all appuntamento, 10

13 si perde il treno. Quindi, seconda fase, essere puntuali e concentrati. Qual è quel luogo dove ci si incontra per ascoltare e discutere le scelte della nostra società? Quando l intelligenza incontra la straordinaria arte della comicità? Come possiamo trovare soluzione senza rendere il tutto una noia mostruosa? Uno dei luoghi più antichi nel quale si rappresenta questo determinato evento è il TEATRO. In questo luogo in alcuni casi è più facilmente raggiungibile il fenomeno della CATARSI, che consiste nella conquista della piena soddisfazione e del godimento, cosi lo spettatore può liberare la propria anima dalle sofferenze grazie alle emozioni e ai sentimenti suscitati dall attore nel momento della rappresentazione, che creano tra di un essi un legame. L attore proprio grazie a questo legame riesce a percepire la riuscita o meno del suo operato, come lo spettatore diventa partecipe dei suoi sentimenti cosi l attore grazie all assenza di filtri sente se nella reazione del pubblico c è gioia o malcontento, il tutto amplificato dalla spesa del biglietto, che è cospicua. Proprio per la rappresentazione dal vivo lo spettatore decide di sborsare questa somma notevolmente maggiore, rispetto al prezzo del biglietto di un cinema, perché il maxi schermo ci limita di alcune emozioni tangibili soltanto quando si è a faccia a faccia con l attore, che provengono dall energia emessa dai due corpi a confronto. A Roma ci sono talmente tanti teatri che ogni sera è buona per uscire e andare a vedere qualcuno che ha deciso di fare un mestiere, che è quasi un sogno, un sogno che si palesa davanti agli occhi, che è reale, ma che resta comunque un sogno, che fa tornare bambini, ci porta in mondi veramente falsi, ma che a noi sembrano essere veri. Ogni giorno potremmo vedere con un clic cosa accade in questi posti, comprare un biglietto, accedere al social network, darsi appuntamento al teatro, raggiungerlo grazie al navigatore satellitare in macchina e poi spengere il telefonino per due ore per volare come Peter Pan in una nuova storia, che da millenni ci si presenta con vestiti nuovi ma carichi di polvere magica, dove si incontrano e si fondono il vecchio e il nuovo. LA MAGIA E ESSERCI DAL VIVO. Se volete andare al teatro fidatevi del vostro istinto, se poi non avrete fatto la scelta giusta, segnatevi i nomi degli attori e ricordategli che oggi son fischi, ma domani potrebbe esser silenzio. Marco Bussoletti 11

14 RUBRICA: MUSICA I programmi radiofonici, radiotelevisivi oramai stanno entrando dappertutto. Intrattengono, formano e informano. Ci siamo mai chiesti perché la gente ascolta la musica ovunque, per strada, in tv, in un bar, etc? A cosa pensano le persone quando mettono le cuffie nelle orecchie, che emozioni provano, ma soprattutto, perché lo fanno? In prima persona posso dire che, durante un viaggio in autobus, nella metro, utilizzo un lettore Mp3 per ascoltare musica: è come se mi sentissi in un altro mondo, mi estraneo dalla realtà che mi circonda, viaggio fisicamente su un mezzo di trasporto, ma con la mente sono ovunque. La musica mi aiuta a non sentirmi solo, a caricarmi quando ho bisogno di un supporto morale e a pensare Perché la gente ascolta la musica anche quando cammina per strada? Qual è la motivazione che spinge queste persone a fare tutto ciò? Lo fanno anche loro per gli stessi motivi sopra elencati? Sembra davvero strano, ma tutto il mondo avverte la dipendenza dalla musica. La mia generazione predilige generi musicali diversi: rock, pop, R&B e house. C è chi si innamora di uno stile perché pratica un arte come la danza o il canto. Qual è il punto di vista da parte dei giovani, rispetto alla musica? Oggi si sente parlare sempre della musica commerciale. Cosa vuol dire? In base a quale criterio possiamo definire questo? La musica è di tutti. Possiamo dire che ci sono gli stili che riscuotono maggiormente successo rispetto ad altri, ma non possiamo scindere un arte che è oggettivamente universale. Personalmente, vorrei che anche altri generi come jazz, rock, reggae, bossanova, avessero più visibilità, più facilità di arrivare nelle nostre case. Nessun genere musicale prevale sull altro, non esistono gerarchie: esiste solo il gusto dell ascoltatore che, probabilmente, costituisce il proprio il disegno spirituale. La selezione di un genere musicale da parte di ognuno di noi avviene in maniera naturale: si sceglie in base alla propria indole. Personalmente, sono contrario alle censure che di solito si effettuato su alcuni testi, considerati poco decorosi. La musica deve essere libera forma di espressione sentimentale, sociale e perché no, politica. Sogno una musica più democratica, più aperta alla cultura diversa che noi giudichiamo spesso sbagliata. Occorrerebbe prima accettare e poi, semmai, liberi di non condividere. La musica aiuta a creare, è fonte di ispirazione. Per esempio, nel cinema spesso i registi collocano una scena in un determinato posto anziché in un altro, immaginando che il tutto si svolge sotto le note di quella precisa colonna sonora. La musica è lo specchio della vita e dell uomo, che senza accorgersene, compie azioni quotidiane che hanno un ritmo. Essa è lo strumento con cui si costruisce una personalità, un carattere. Ritengo che nessuno al mondo abbia voglia di allontanarsi dalla musica, anche perché pur volendo, non ci sarebbe alcun modo per farlo. Renato Vizziello 12

15 L ANGOLO DEI GIOCHI Nello schema seguente individuate i titoli dei film elencati sotto, tenendo presente che essi possono essere letti per orizzontale, verticale e obliquo, sia da destra che da sinistra, sia dall altro che dal basso. Una volta cancellati tutti i titoli le restanti lettere comporranno una famosa frase di un grande scrittore inglese. B A A R I A P O C A L I P S E N O W S O I A M O U F A T A T I I N D A X I E N E I E L H E L L V C A O S M I T M W I E S P A S S A M A A T A A R T E O R S I F A M I Y O R T T R R T D I L S C A I U I U F S I O A O C A N N B O T F C A T T M G I I C R O M A C I G A R T A B L A M I S C U R O I T O N G I I T I L O S I B A A D G R U H N E B O E R A M I D A L O I V F A U S T N N T A X I D R I V E R I ACCATTONE ALBA TRAGICA AMARCORD APOCALIPSE NOW AURORA AVATAR BAARIA BEN HUR BIGFISH BLOW CASINO FAUST I MOSTRI I SOLITI IGNOTI LA MUMMIA LE IENE MATRIX NINE PICARI PULP FICTION TAXI DRIVER TROY VIOLA DI MARE Di Morgana Anzevino 13

16 TRUCCHI E PENNELLI Nell angolo Trucchi e pennelli vi darò qualche consiglio sul trucco di scena, argomento particolarmente gradito dalle ragazze, ma importante anche per i ragazzi, che proprio perchè non hanno esperienza di trucco nella vita di tutti i giorni, spesso prima di uno spettacolo si trovano spaesati quando arriva il momento di truccarsi per andare in scena. Parleremo anche di lavoretti manuali per realizzare piccoli oggetti di scenografia o attrezzeria, da poter usare nei vostri spettacoli, con materiali facilmente reperibili, e tecniche semplicissime. Oggi inizieremo a parlare del trucco. Quando si va in scena a teatro c è bisogno di un trucco marcato, per essere visibili da tutta la platea, mentre per il cinema il trucco è diverso, dev essere perfetto, perchè la camera riprende ogni possibile imperfezione. Parliamo di trucco teatrale, un trucco neutro, standard, che poi va modificato a seconda delle esigenze dello spettacolo. Innanzi tutto occorre preparare una base,su cui stendere eventuali trucchi successivi. Per la base vi occorre un fondotinta, che va scelto di un colore che si adatta a quello della vostra pelle, una cipria o una polvere di riso (anche qui occorre un accurata scelta del colore) una matita nera e un correttore aranciato. 1- Per stendere il fondotinta usate sempre una spugnetta apposita. Non stendetelo mai con le mani, il risultato non verrebbe uniforme. Mettete il fondotinta sulla spugnetta e depositatene un po sotto gli occhi, sul naso, sulla fronte e sul mento. Spalmatelo con movimenti piccoli e decisi, dall interno verso l esterno, e passate la spugnetta anche sulle palpebre. 2- Per coprire eventuali occhiaie non usate i correttori chiari. per coprire i colori scuri, come il violaceo delle occhiaie, serve l arancione. Ci sono degli appositi correttori aranciati. Prendete una piccola quantità di prodotto con un pennellino e passatelo sulle occhiaie fino a coprirle completamente. se dovesse risultare troppo arancione, correggete con la spugnetta del fondotinta. 3- A questo punto occorre passare la cipria o la polvere di riso su tutta la parte dove avete passato il fondotinta, tranne le palpebre. Il fondotinta è una sostanza grassa, e per far si che non coli e non risulti troppo lucido bisogna passarci sopra qualcosa di secco, polveroso, come la cipria in polvere o la polvere di riso. Procuratevi un piumino da cipria, passatelo nella polvere e poi sgrullatelo leggermente prima di passarlo sul viso. Passate il piumino tamponando con delicatezza, finchè non l avrete passato su tutto il viso. per le palpebre invece procederemo diversamente 4- Per le palpebre sfrutteremo la consistenza del fondotinta per fissare la matita. Passate la matita nera all interno e all esterno dell occhio, poi con un pennellino pulito passate sulla matita cercando di stenderla il più possibile. A quel punto passate la cipria sulla palpebra, o, in alternativa, un ombretto in polvere. La vostra base è pronta, adesso potete procedere con qualsiasi trucco! Morgana Anzevino 14

17 ROMBO E BELATO TUTTI IN FILA COME LE PECORE! Semmai capitasse di rimanere bloccati per un oretta sulla Pontina per via del traffico che quotidianamente invade questa strada, divertitevi a contare le pecore, ma senza addormentarvi però! Roma è tutt ora il Comune agricolo più grande d Italia e noi provinciali possiamo ancora vantare la presenza di ricchi pascoli disseminati qua e là nei campi che si estendono e fiancheggiano una delle vie (l altra è la Laurentina) che collega Pomezia e le altre città limitrofe alla Capitale. Sembrerebbe quasi un richiamo all antichità, quando nella popolazione romana primeggiavano contadini e pastori. Le pecore c erano e continuano ad esserci e simboleggiano quasi una dissonanza tra un mondo antico legato ai valori del territorio e quello più attuale fortemente industrializzato legato però solo al progresso economico perché, ahimè, il livello socio-culturale territoriale è ancora molto arretrato. Nell agro pontino la pastoria ha da sempre occupato uno spazio abbastanza rilevante dall epoca pre-romana fino all Ottocento. Ai giorni d oggi Roma è diventata area metropolitana e il boom dell edilizia continua ad invadere i pascoli di Romolo e Remo. Qualcosa (per una serie di fattori che non elencheremo in questa sede) si salva: qui nei pressi della Pontina, in una porzione territoriale contenuta tra l espansione dell edilizia e la riserva di Castel Porziano si crea una nicchia ecologica miracolosamente sopravvissuta, favorevole al recupero di attività produttive pastorali, ritenute però superate e svantaggiose economicamente rispetto alle grandi aziende pometine. Certamente il nostro sogno sarebbe quello di rivedere le ampie distese verdi di un tempo, ma ahimè accontentiamoci per ora di contare le pecore, nei noiosi pomeriggi passati. tra code interminabili sulla Pontina! Di Maura Angy Maratta 15

18 148 VIA PONTINA ROMA ROMA PRATICA DI MARE VIA SS pomezia PECORE Appena oltre l anello del raccordo anulare, l occhio si perde per le vaste aree verdi che costeggiano la pontina, dove pascolano indisturbati greggi di pecore: saranno forse quelle dipinte dai pittori dell ottocento, esiliate da Piazza del Popolo? Eh già, perché finita Roma, iniziano le pecore! E poi si sa, salutare le pecore è sempre di buon auspicio! LA METRO CHE NON C È Metropolitana leggera talmente leggera che non c è. Sicuramente molto vantaggiosa: nessun impatto ambientale, nessuna spesa di manutenzione e in caso di avaria non intralcia il traffico. Già, perché ad oggi l unico mezzo pubblico che porta a Pomezia è la vecchia linea Co.tra.l, con corse rade e orari inaffidabili, o il treno che da Termini arriva a Santa Palomba, poi da lì ci si affida agli autobus ovvero al caso. Del resto se Cristo s è fermato ad Eboli il treno a Santa Palomba. 16

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

- 1 reference coded [1,06% Coverage]

<Documents\bo_min_1_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [1,06% Coverage] - 1 reference coded [1,06% Coverage] Reference 1-1,06% Coverage Ti lega il computer? Sì. Io l ho sempre detto. Io ho una visione personale. Anche quelli che vanno a cercare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza

Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza PANORAMA.IT Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza Io l ho minacciato di defollowarlo su Twitter (il social dove l ho scoperto e dove ho stretto un legame di simpatia) un centinaio di

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Tema: Gli attori della fiction e le sfide di un attore dilettante. PAOLA BACCIN: Da un anno, ormai. E Sandra invece fa il mestrado (master) con noi.

Tema: Gli attori della fiction e le sfide di un attore dilettante. PAOLA BACCIN: Da un anno, ormai. E Sandra invece fa il mestrado (master) con noi. Lezione 16 Intervista con Darius Emrani e Sandra Gazzoni, attori della fiction, insegnanti di italiano e mestres presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). Tema: Gli attori

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA D AMORE. 1. Io l ho visto con mia sorella. a. Perché no?

COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA D AMORE. 1. Io l ho visto con mia sorella. a. Perché no? QUADERNO DEGLI ESERCIZI 3 Unità 1 1 Scrivete, per ogni genere, il titolo di due film che avete visto di recente o che vi sono piaciuti particolarmente. COMMEDIA POLIZIESCO DI FANTASCIENZA THRILLER D AVVENTURA

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento!

Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento! Glossario 1. I bambini imparano ciò che vivono! 2. Un po di me 3. Recitiamo! Fantasia, colore e divertimento! 4. Obbiettivi 5. Tempi e costi 6. Altre piccole chicche 1. I bambini imparano ciò che vivono

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi 2OTT Silvia Minguzzi Silvia Minguzzi si occupa professionalmente di formazione, coaching e crescita personale (vedi sito). Come spettatrice segue assiduamente

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli