COMUNE DI CAIRATE PROVINCIA DI VARESE. Capitolato Speciale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAIRATE PROVINCIA DI VARESE. Capitolato Speciale."

Transcript

1 COMUNE DI CAIRATE PROVINCIA DI VARESE Capitolato Speciale. 1

2 SOMMARIO SOMMARIO 2 FINALITA DEL PROGETTO 3 TIPOLOGIA DI IMPIANTO 3 SCALABILITA 3 CONSISTENZA DELLE OPERE 4 PREMESSE 4 CENTRO DI GESTIONE E CONTROLLO 4 SERVER DI ARCHIVIAZIONE 4 CLIENT DI VISUALIZZAZIONE 5 SISTEMA DI SWITCHING 5 SISTEMA DI ALIMENTAZIONE 6 CENTRO DI VISUALIZZAZIONE 6 PUNTO DI RILANCIO 7 POSTAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA 8/9 CARATTERISTICHE APPARATI WIRELESS 10 GENERALITA 10 CERTIFICAZIONI 10 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 10 RETE 10 CONFIGURAZIONI 11 PRESTAZIONI 11 CARATTERISTICHE DEGLI APPARATI DI CODIFICA 12 CARATTERISTICHE FISICHE 12 PRESTAZIONI 12 AUDIO/VIDEO 12 RETE 12 LIMITI DI ESERCIZIO 12 CERTIFICAZIONI 12 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE 13 GENERALITA 13 PROVENIENZA 13 CARATTERISTICHE 13 FUNZIONALITA DI CONFIGURAZIONE 13 VISUALIZZAZIONE 13 ARCHIVIO 14 SPECIFICHE TECNICHE 14 CARATTERISTICHE TELECAMERE 16 TELECAMERA FISSA 16 PRESTAZIONI MINIME 16 TELECAMERA SPEED-DOME 17 PRESTAZIONI MINIME 17 ALLEGATO A1 18 2

3 FINALITÀ DEL PROGETTO La stazione appaltante ha l intento di realizzare un sistema di Videosorveglianza cittadina al fine di migliorare la sicurezza nel territorio del Comune di Cairate. Il sistema di videosorveglianza dovrà permettere la sorveglianza delle vie e/o piazze non che delle aree ritenute a rischio sulla base delle priorità indicate dal comune: L impianto dovrà tenere in considerazione possibili espansioni del sistema di videosorveglianza. TIPOLOGIA DI IMPIANTO L impianto dovrà essere realizzato utilizzando la tecnologia definita come Video su IP, utilizzando appositi convertitori in grado di codificare il segnale analogico proveniente dagli elementi di ripresa in uno digitale in grado di transitare su reti LAN/WAN. L infrastruttura di trasporto dei dati deve essere assolutamente realizzata mediante l impiego di apparati funzionanti in Wireless per consentire costi di gestione bassi o nulli per la pubblica amministrazione. I collegamenti Wireless saranno utilizzati tra le postazioni di videosorveglianza ed il punto di rilancio, e tra questo e la stazione di gestione/controllo. L impianto dovrà comunque essere conforme alle specifiche tecniche minime suggerite dal presente fascicolo tecnico, in ordine a ciascuna delle seguenti componenti: CENTRO DI GESTIONE E CONTROLLO CENTRO DI VISUALIZZAZIONE PUNTO DI RILANCIO DEL SEGNALE POSTAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA Per ciascuna delle voci sopraindicate dovrà essere fornito dall azienda candidata all esecuzione dei lavori un progetto esecutivo che esemplifichi le modalità di installazione e gestione. SCALABILITÀ L impianto in fornitura dovrà consentire alla stazione appaltante un investimento in termini di tecnologia; le apparecchiature proposte dovranno essere in grado di adeguare (attraverso aggiornamenti firmware) le proprie prestazioni a nuovi standard di comunicazione. 3

4 CONSISTENZA DELLE OPERE PREMESSE La struttura dell intero sistema è quella che si evince dalla tavola grafica riportata nell allegato A1 del capitolato speciale. I requisiti minimi richiesti dovranno soddisfare le citate condizioni. L impianto comunque al temine delle opere dovrà consentire la registrazione delle immagini provenienti dalle postazioni di videosorveglianza ne rispettivo centro di controllo. Il sistema inoltre, dovrà consentire la visualizzazione globale dal centro di controllo verso qualsiasi postazione di videosorveglianza. CENTRO DI GESTIONE E CONTROLLO Il centro di controllo e gestione rappresenta il cuore del sistema di videosorveglianza, in esso saranno convogliate le immagini provenienti dalle postazioni di videosorveglianza dopo essere transitate dal/dai punti di rilancio. Il centro di gestione/archiviazione/visione dovrà essere istallato preso il municipio,situato im Piazza Libertà n 7 e sarà composto dalle seguenti componenti: SERVER DI ARCHIVIAZIONE Il server è l apparecchiatura preposta all archiviazione delle immagini provenienti dalle postazioni di videosorveglianza, esso dovrà garantire le seguenti prestazioni ed equipaggiamenti. Doppio alimentatore ridondante Processore INTEL XEON 2.8 GHz, bus 800MHz, 1Mb cache 2 Moduli Ram 1Gb DDR 2GB Unità CD-ROM 24x integrata Unità floppy 3,5 1,44Mb integrata Array Raid 5 1TB minimo 2 Schede di rete 10/100/1000Mb integrate Scheda video accelerata con 128MB SDRAM Licenza Microsoft Windows Server standard (non SBS) CAL La macchina adibita a funzione di server non sarà direttamente agibile dal personale, la sua funzione è quella di gestire le immagini provenienti dalle postazioni di videosorveglianza e renderle disponibili ai client per la visualizzazione real/time o per la consultazione degli archivi. L accesso alla macchina server sarà consentito solo per le normali operazioni di manutenzione della stessa. Il software che sarà installato sul SERVER, dovrà possedere una struttura adatta al funzionamento client-server per garantire le prestazioni richieste dal progetto; non saranno ammesse soluzioni che si 4

5 avvalgono di sistemi differenti. L azienda candidata inoltre dovrà sottoporre un progetto nel quale identificherà le modalità con le quali sarà gestito il server, nonché le procedure che ne tutelano l integrità strutturale e dei dati in esso contenuti.. CLIENT DI VISUALIZZAZIONE Come già spiegato la visualizzazione delle immagini in real-time o di archivio potrà avvenire soltanto attraverso l impiego della stazione client, che consentirà l utilizzo delle funzionalità del sistema di videosorveglianza, nelle modalità richieste al paragrafo specifico. Il centro di controllo dovrà disporre di una workstation client. La macchina Client dovrà disporre delle seguenti funzionalità minime: Processore Intel Pentium 4 a 3,20GHz EM64T, 1MB/800 MHz FSB, tecnologia Hyper-Threading. 1GB (2X512MB) DDR533, max 8 slot di esp., 4 occupati dalla memoria standard a bordo. Unità floppy disk 3,5 da 1,44Mb Hard disk S-ATA da 200Gb Unità masterizzazione: DVD DUAL SIDE /CDRW DVD+/- R/RW Scheda video CHIPSET ATI 800XL 256Mb Pci-express Scheda di rete 10/100/1000 Tastiera+mouse Cordless Monitor LCD 19" 1280x1024 Licenza Microsoft Windows XP Professional CD IT OEM sp2 Nero 6 programma di masterizzazione CD/DVD Symantec Norton Antivirus SISTEMA DI SWITCHING I pacchetti di dati all interno del centro di controllo dovranno transitare in un apposito switch, che allo scopo dovrà essere di tipo Manageable, e disporre delle seguenti funzionalità minime: 24 porte Ethernet con autorilevamento 10/100/BASE-T (almeno 4 delle porte a combinazione configurabili mediante SFP per 1000Base-Sx o 1000BaseLx). Interfaccia di gestione basata su Web; CLI basata su standard accessibile tramite Telnet o in locale. Capacità di switching: 48,0 Gbps; velocità di inoltro: 35,6 Mpps. VLAN - IEEE 802.1Q basata su tagging e su porta, fino a 256 VLAN; VLAN dinamica (GVRP). Spanning Tree (IEEE 802.1D) e Rapid Spanning Tree (IEEE 802.1w) con supporto Fast Link Classe di servizio - Priorità IEEE 802.1p basata su tagging e su porta con 4 code prioritarie per porta; prioritizzazione con riconoscimento L3; creazione di code Weighted Round Robin Snooping IGMP per supporto multicast IP Autenticazione avanzata tramite 802.1x; protezione dell'accesso Mgt allo switch tramite password o autenticazione RADIUS; avviso e blocco dell'indirizzo MAC basati su porta. 5

6 Aggregazione di collegamenti con il supporto di un massimo di otto collegamenti aggregati per switch e otto porte per collegamento aggregato (IEEE 802.3ad/LACP) SISTEMA DI ALIMENTAZIONE La fornitura dell alimentazione di rete per le apparecchiature sarà fornita dalla stazione appaltante; l installatore provvederà attraverso di essa ad alimentare il proprio circuito disponendo all uopo le necessarie protezioni dei circuiti verso i contatti indiretti, le sovracorrenti ed i cortocircuiti, certificando la parte terminale dell impianto fornito. Il sistema di alimentazione fornito dall installatore dovrà necessariamente prevedere un sistema di continuità anche in mancanza dell alimentazione primaria. Il sistema U.P.S. dovrà garantire un autonomia sufficiente a consentire un intervento tecnico che risolva il problema e comunque non inferiore a 15mn alla potenza nominale. Il sistema inoltre deve prevedere un software in grado di chiudere la sessione server nel caso in cui l autonomia residua sia prossima al suo termine. CENTRO DI VISUALIZZAZIONE /CONTROLLO CLIENT DI VISUALIZZAZIONE Il centro di visualizzazione/controllo in real time sarà posizionato presso il comando di Polizia Locale situato in Piazza I Maggio e la stazione client dovrà disporre delle seguenti funzionalità minime: Processore Intel Pentium 4 a 3,20GHz EM64T, 1MB/800 MHz FSB, tecnologia Hyper-Threading. 1GB (2X512MB) DDR533, max 8 slot di esp., 4 occupati dalla memoria standard a bordo. Unità floppy disk 3,5 da 1,44Mb Hard disk S-ATA da 200Gb Unità masterizzazione: DVD DUAL SIDE /CDRW DVD+/- R/RW Scheda video CHIPSET ATI 800XL 256Mb Pci-express Scheda di rete 10/100/1000 Tastiera+mouse Cordless Monitor LCD 19" 1280x1024 Licenza Microsoft Windows XP Professional CD IT OEM sp2 Nero 6 programma di masterizzazione CD/DVD Symantec Norton Antivirus 6

7 PUNTO DI RILANCIO I segnali provenienti dalle postazioni di videosorveglianza saranno fatti transitare su di un punto ad altezza rilevante per poter superare gli ostacoli fisici dovuti all orografia territoriale. Sul punto di rilancio saranno dunque installate le apparecchiature di bridging che collegheranno da un lato le Postazioni di videosorveglianza e dall altro il centro di controllo e di visone con queste ultime. Le modalità di connessione saranno di tipo P- MP per il collegamento delle postazioni di videosorveglianza e in modalità P-P per la connessione con il centro di controllo e/o altri punti di rilancio. Il Comune di Cairate per caratteristiche territoriali sarà equipaggiato di due punti di rilancio, che dovranno essere interconnessi tra loro con un ulteriore bridge P-P. Le connessioni tra i punti di rilancio e il centri di controllo, costituiranno l ossatura principale o Dorsale della rete. Il dimensionamento degli apparati e le loro prestazioni dovranno essere scelti sulla base di questa considerazione. Il punto di rilancio dovrà essere equipaggiato con un sistema di alimentazione che consenta l autonomia di funzionamento anche in mancanza della tensione di rete, provvedendo inoltre alla protezione verso i contatti indiretti, sovracorrenti e cortocircuiti di tutte le apparecchiature ivi installate. Le apparecchiature di bridging che costituiranno l ossatura della rete wireless dovranno essere conformi alle specifiche riportate nel paragrafo dedicato. L azienda candidata dovrà presentare un progetto dettagliato con le posizioni e la tipologia delle apparecchiature che intende installare. 7

8 POSTAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA Nella tabella successiva sono fornite le indicazioni esatte dei luoghi nei quali questa Amministrazione ha deciso di installare un sistema di ripresa video. Per ciascuno di essi è indicato il luogo la località lo scopo. Per ciascuna delle postazioni l azienda candidata svilupperà una più ampia descrizione delle modalità con le quali intende compiere l opera, indicando il tipo di apparecchiature installate; palo od altro sostegno necessario; posizione di installazione etc. L azienda potrà suggerire (al fine di consentire un risparmio economico) sostegni alternativi per il posizionamento degli apparecchi necessari alla realizzazione dell opera in oggetto. I sostegni sono forniti dalla stazione appaltante in opera. 8

9 LUOGO LOCALITA SCOPO 1 MUNICIPIO CAIRATE CENTRO DI GESTIONE/ CONTROLLO 2 PIAZZA MERCATO CAIRATE AREA MERCATO 3 PARCO VIA CORRIDONI CAIRATE AREA PARCO E INGRESSO SCUOLE 4 CIMITERO DI CAIRATE CAIRATE INGRESSO E AREA ANTISTANTE 5 VIA MOLINA /MUNICIPIO/ PARCO VIA ROMA CAIRATE INGRESSO MUNICIPIO/ VIA MOLINA E AREA GIARDINO PUBBLICO 6 PIAZZA CHIESA CAIRATE CAIRATE INGRESSO E AREA ANTISTANTE 7 PIAZZA PEVERANZA PEVERANZA AREA PIAZZA E INGRESSO CHIESA 8 CIMITERO PEVERANZA PEVERANZA INGRESSO E AREA ANTISTANTE 9 AREA FESTE BOLLADELLO AREA ANTISTANTE 10 CIMITERO BOLLADELLO BOLLADELLO INGRESSO E AREE ANTISTANTI 11 VIA TESOREGGI BOLLADELLO INGRESSO SCUOLE E AREA PARCHEGGIO 12 PIAZZA I MAGGIO BOLLADELLO TUTTA LA PIAZZA DA VIA GARIBALDI A VIA DE AMICIS 13 CHIESA SAN CALIMERO BOLLADELLO AREE ANTISTANTI 14 COMANDO POLIZIA LOCALE BOLLADELLO CENTRO DI VISIONE 15 AREA ATREZZATA CAIRATE AREA INGRESSO 16 PUNTO DI RILANCIO CAIRATE APPARATI TECNICI 9

10 CARATTERISTICHE APPARATI WIRELESS GENERALITÀ Le apparecchiature Wireless che dovranno comporre la rete di interconnessione dell impianto di videosorveglianza del territorio del Comune di Cairate, dovranno rispondere ai minimi requisiti che saranno elencati nei sottoparagrafi successivi. CERTIFICAZIONI Le apparecchiature in fornitura devono essere certificate per il funzionamento nella Comunità europea, marchiate CE e rispondenti alle seguenti Norme specifiche: EN V1.2.1 ( ) EN V1.2.3 ( ) EN V1.4.1 ( ) EN V1.2.1 ( ) EN609050:2000 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Le apparecchiature in fornitura dovranno essere di robusta costruzione, preferibilmente in pressofusione di metallo (Per esempio alluminio) e garantire un grado di protezione pari ad almeno IP66. Il montaggio delle apparecchiature deve avvenire a palo o sostegno similare attraverso accessori appositi forniti dal costruttore che ne garantisce l affidabilità. La temperatura di funzionamento dell ambiente circostante deve poter spaziare tra - 30 C e +50 C. L apparecchiatura deve fornire un avviso al raggiungimento dei limiti di possibile malfunzionamento. L alimentazione deve avvenire in bassissima tensione, non superiore a 48Vca/Vcc. I dispositivi possono disporre di antenna integrata, ma devono prevedere la possibilità di montare un antenna esterna. RETE Il sistema deve poter funzionare sia per collegamenti di tipo P-P che per collegamenti P-MP. Sistema di modulazione di tipo OFDM. Potenza di uscita selezionanabile tra 3 e 17 dbm. Frequenza operativa 5,470-5,725GHz. Canali 11 non interferiti, modalità DFS. Sistema di sicurezza con metodo basato su autenticazione SSL. 10

11 Sistema di crittografia di tipo AES con chiave a 128bit. CONFIGURAZIONE Le apparecchiature devono poter essere configurate localmente attraverso una porta seriale, oppure via rete con modalità differenti: Telnet, programmi proprietari e/o web browser. PRESTAZIONI Gli apparati wireless candidati all utilizzo,dovranno poter essere programmabili mediante il protocollo OSPF (Open Shortest First), garantendo grande potenza e flessibilità di impiego. A tale fine le apparecchiature mediante opportune tabelle di routing, potranno gestire tratte ridondanti, anche in mesh su strutture P-MP o aggregazioni di più apparati in P-P senza l ausilio di apparecchiature esterne. Sostanzialmente il protocollo dovrà consentire un interazione real-time sulla rete,calcolando in tempo istantaneo le azioni da eseguire in funzione di modificazioni esterne in atto sul networking. L azienda pena esclusione dovrà fornire prova delle caratteristiche funzionali che soddisfano la richiesta della stazione Appaltante, mediante la fornitura di manuali e brochure,attraverso i quali potrà essere inequivocabile la rispondenza dei requisiti. 11

12 CARATTERISTICHE DEGLI APPARATI DI CODIFICA HARDWARE CARATTERISTICHE FISICHE Le apparecchiature di codifica hardware devono essere adatte all impiego in condizioni gravose, quali ad esempio le installazioni esterne delle postazioni di videosorveglianza. Il grado di protezione delle apparecchiature deve essere tale da poter sopportare l installazione all interno degli armadi elettrici posti a protezione delle postazioni di videosorveglianza. PRESTAZIONI Le apparecchiature in fornitura devono rispondere ai requisiti minimi di seguito indicati: AUDIO/VIDEO Metodo di compressione: MPEG4. Frame-rate: 25fps. Risoluzione : da 176 x 144 a 720 x 576 pixels in PAL. Protocolli : RTP/IP, UDP/IP, TCP/IP, multicast IP. Ingresso Video analogico. Standard video: NTSC o PAL. Connettore: BNC femmina. Compatibile con sistema di gestione e di videoregistrazione digitale. Interfaccia opzionale per audio bi-direzionale con ingresso microfono e cuffie o linee di ingresso e uscita. RETE Ingressi ed uscite digitali. Uscita ethernet. Gestione bidirezionale di segnali RS232/485. Configurabile tramite software proprietario; web browser o telnet. DNS & DHCP client,http 1.1 (web-server). Sicurezza: protezione con uso di password utente. LIMITI DI ESERCIZIO Tensione di alimentazione : +12 Vdc. Temperatura di lavoro : min. -30 C max 60 C. CERTIFICAZIONI Europa : CE (EN 55022:1998 CLASS A). EN

13 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE GENERALITÀ Il software in fornitura, dovrà necessariamente essere costituito da una piattaforma Client-Server, per assicurare prestazioni di alto livello all impianto in oggetto. PROVENIENZA Il software in fornitura dovrà essere realizzato da primaria azienda del settore. Si richiede una presenza sul mercato pluriennale, tale per cui la versione di rilascio del software sia stata aggiornata almeno 2 volte. Non saranno accettati software autocostruiti o di dubbia provenienza. CARATTERISTICHE Il sistema deve essere di tipo digitale basato su affidabili ed economici strumenti IP. La struttura deve permettere una capacità di archiviazione su hardware illimitata. Deve essere possibile accedere da più stazioni client contemporaneamente senza che questo possa pregiudicare l efficienza del sistema. L interfaccia utente deve essere di semplice utilizzo, attraverso l impiego di comandi Drag & Drop e mouse. Deve essere possibile un utilizzo continuo su basi di programmazione e registrazione basata su eventi. La ricerca delle immagini in archivio deve poter avvenire tramite segnalibro; per data e ora; segnalazione di activity detection o allarme. Per ogni modulo deve essere possibile definire la qualità dell immagine, il frame rate e l occupazione di banda. FUNZIONALITÀ DI CONFIGURAZIONE Il software deve prevedere la possibilità di configurazione dell indirizzo IP e dei parametri della rete per ognuno dei moduli inseriti. La registrazione deve includere per ogni camera nome, limiti di banda, frame rate e qualità di registrazione; le impostazioni devono poter essere differenti per la visualizzazione sequenziale, separata, e con sequenze automatiche; L utilizzo e la gestione devono avvenire tramite l assegnazione di User name e password. VISUALIZZAZIONE L operatore potrà disporre di: visualizzazione live singola o multipla in modalità full duplex; attivazione di diverse sequenze di visualizzazione (singole e multiple); impostazione di singoli preset per il comando di unità dome; controllo pan, tilt e zoom e selezione dei preset; visualizzazione degli allarmi in tempo reale e lista storico allarmi (visualizzazione immagini allarmate); visualizzazione stato di registrazione; 13

14 registrazione impostabile per singola camera; visualizzazione del sistema simultaneamente in tutta la rete. ARCHIVIO L operatore potrà disporre di: visualizzazione dello storico per data, ora e camera; ricerca per eventi, allarmi, segnalibro e motion; visualizzazione in tempo reale dei diagrammi di motion delle sequenze video; selezione della velocità di visualizzazione: 0,25x, 0,5x, 1x, 2x, 4x,, x100; esportazione delle singole immagini in formato.bmp o.jpg e di filmati in formato proprietario o in.avi. SPECIFICHE TECNICHE Il software inoltre dovrà consentire: visualizzazione delle immagini e/o mappe in ciclata (a singolo o multi immagine) e possibilità di settaggio dei sui tempi; attivazione o spegnimento immediato e manuale della registrazione video e audio; possibilità di rivedere un immagine appena registrata o vista contemporaneamente alla visualizzazione live della stessa sequenza; visualizzazione e gestione delle sequenze video (gruppi di telecamere) durante la visualizzazione live; gestione PTZ a mouse con comandi drag-and-drop e possibilità di settare preset e patterns per telecamere dome; possibilità di entrare direttamente nel menù interno della singola dome senza l utilizzo di altri applicativi (solo per alcuni modelli definiti); funzione di zoom digitale, utilizzabile contemporaneamente alla visualizzazione e alle altre funzioni; visualizzazione real-time storico lista eventi e allarmi; gestione di una tastiera esterna per il controllo di unità dome periferiche; Activity Detector singolarmente programmabile per ciascuna telecamera con 1584 livelli di sensibilità start/stop (sensibilità puntiforme alla singola zona) e griglia di rilevazione a 1584 zone sensibili; Funzionalità multitasking e operatività pentaplex, algoritmo di compressione MPEG4,dimensione immagine e livelli di compressione singolarmente programmabili per singola telecamera; Risoluzione settabile da QCIF (176X144), CIF (352X288, 2CIF (352X488), 4CIF (704X576) per singolo ingresso video, velocità di registrazione fino a 25 Fps anche con telecamere non sincronizzate; Live display fino a 400 immagini al secondo; Programmatore giornaliero e settimanale per singola telecamera; registrazione video in formato proprietario (alta sicurezza); play back delle sequenze video registrate tramite ora e giorno; ricerca di una sequenza video tramite eventi, allarmi, bookmarks, motion; ricerca di una sequenza video tramite l attivazione di un motion detector in un area specifica dell immagine (scelta a posteriori); play back di 16 sequenze video contemporaneamente; creazione di un nuovo bookmark nelle sequenze; play back su di un monitor analogico; velocità di play back settabile a scelta ed in modo continuo; zoom digitale di una immagine; esportazione e salvataggio di un immagine in formato JPEG o bitmaps; esportazione di una sequenza video su disco con annesso archive player standalone; Archiviazione continua, su motion detector, su contatto di allarme, o su attivazione 14

15 immediata; Settaggio del numero di giorni per cui mantenere le registrazioni per singola camera; Settaggio durata della registrazione di pre-post allarme per singola camera; Settaggio zona di motion detector e sua sensibilità per singola camera; Settaggio e gestione dei parametri video (es. qualità, velocità, ecc.) per la visualizzazione e registrazione per singola telecamera; Gestione Network (multicast, multicast by server, o protocollo UDP per camera); Settaggio delle azioni in funzione degli eventi (es. invia una se si attiva il motion detector); Creazione di siti di ripresa e raggruppamenti di camere per ogni sito (es. P.zza Verdi = TLC1 e TLC2); Creazione di mappe HTML interattive per ogni sito; Funzione MACRO e MATRICE VIRTUALE; Gestione e settaggio dei protocolli di pilotaggio Pan-Tilt-Zoom (PTZ) per brandeggi o dome camera; Configurazione e gestione contatti di ingresso e di uscita all interno del sistema; Configurazione degli Utenti e delle passwords per l utilizzo e accesso. Supporta Internet Explores 5.0+ Web-client; Database MSQL remoto o locale ; Supporti di registrazione: HDD locale, HDD remoto, NAS; Backup: su nastro, NAS, HD, ecc.; Configurazione della criptazione video; Gestione connettività via Internet; Selezione Ethernet port; Settaggio registrazione audio (se supportata); Settaggio account di posta elettronica per l invio delle di notifica allarmi; Connettività PC Palmare; Supporto FOA e RDA (Failed Over Archiver, per server ed archivi ridondanti); 15

16 TELECAMERA FISSA: CARATTERISTICHE TELECAMERE Per telecamera fissa si intende un elemento di ripresa privo di organi che ne consentano la movimentazione o la modifica della distanza focale. Le telecamere in fornitura dovranno essere fornite complete di custodie per esterno alimentate a bassa tensione, comunque non superiore a 24Vca, contenenti un sistema per il mantenimento della temperatura minima al fine di prevenire formazione di condensa. Le custodie devono inoltre prevedere accessori di interposizione adatti per il montaggio su palo o strutture analoghe. PRESTAZIONI MINIME Alimentazione 10-36Vcc 18-30Vca. Sensibilità di almeno 0,01 lux f1.2 (35 IRE) (Colori!). Risoluzione 480 linee orizzontali. Rapporto S/N 50 db. Sistema di scansione interlacciato 2:1. Controllo automatico del guadagno. Shutter elettronico 1/60 1/ di sec. Uscita video 1Vpp a 75 ohm. Temperatura di funzionamento da -10 C a +50 C. Compensazione del controluce selezionabile. Bilanciamento del bianco selezionabile. Montaggio obiettivi passo C/CS. Supporta obiettivi autoiris DC o video drive. Sincronismo line lock con possibilità di regolazione della fase o interno. 16

17 TELECAMERA SPEED-DOME Con questa dicitura si vogliono indicare le telecamere la cui movimentazione e possibile in tutte le direzioni, con facoltà di modificare la distanza focale (Zoom). Le telecamere in fornitura dovranno essere fornite complete di custodie per esterno alimentate a bassa tensione, comunque non superiore a 24Vca, contenenti un sistema per il mantenimento della temperatura minima al fine di prevenire formazione di condensa. Le custodie devono inoltre prevedere accessori di interposizione adatti per il montaggio su palo o strutture analoghe. PRESTAZIONI MINIME Sensore Immagine ¼. Sistema di Scansione 2:1 interlacciato. Pixel Effettivi PAL 724 X 582. Risoluzione Orizzontale PAL >470 TVL. Obiettivo F1.6 (f= mm ottico, 23X zoom ottico, 10X zoom digitale). Velocità dello Zoom Programmabile 2.9, 4.2, o 5.8 secondi. Angolo Visivo Orizzontale 54 a 3.6 mm grandangolare 2.5 a 82.8 mm teleobiettivo. Messa a Fuoco Automatica con esclusione manuale. Sensibilità a 35 IRE PAL, colore: 0.08 lux a 1/1.5 sec velocità shutter. B-N: lux a 1/1.5 sec velocità shutter. B-N: 0.3 lux a 1/60 sec velocità shutter. Sistema di Sincronismo Interno / line lock con fase regolabile tramite comando a distanza, V-sync. Bilanciamento del bianco Automatico con esclusione manuale. Velocità dello shutter PAL -- 1/1.5-1/30,000. Controllo Iride Automatico con esclusione manuale. Controllo del Guadagno Automatico/ off. Uscita Video 0.714V ±0.07V (100 IRE ±10 IRE). Rapporto Segnale / Rumore >50 db. Tipo di Illuminazione: selezione da menu dell illuminazione ottimale della telecamera in base all installazione in interno o esterno. Gamma Dinamica Ampia 80X. Rilevazione del Movimento Zone sensibili per rilevazione del movimento definibili da utente per ciascun preposizionamento, possibilità di attivare uscite ausiliarie, tre livelli di sensibilità per ciascuna zona. 17

18 Allegato A1 18

19 19

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

H.264 Standalone DVR

H.264 Standalone DVR H.264 Standalone DVR Manuale d uso ed installazione Codici prodotto: 90002004 4 CH (Senza Allarmi) 1 HDD 90002008 8 CH (Senza Allarmi) 1 HDD 90002104 4 CH (Allarmabile) 2 HDD 90002108 8 CH (Allarmabile)

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI VIDEOREGISTRATORE DIGITALE STAND ALONE H264 CON 4 8 16 INGRESSI ART. SDVR040A SDVR080A SDVR160A Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 0 Indice Capitolo 1 - Descrizione

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli