1. OGGETTO DELL OFFERTA TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. OGGETTO DELL OFFERTA TECNICA"

Transcript

1 1. OGGETTO DELL OFFERTA TECNICA La presente offerta tecnica riguarda in generale la progettazione, i lavori e la fornitura comprensiva del trasporto e posa in opera di Moduli serie Algeco 6000, finalizzati al trasferimento del sevizio bibliotecario, con annessa biblioteca, dell A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda a Milano, da posizionare all interno dell area compresa tra il Pad. 21 (ex Convitto Suore) ed il Nuovo polo logistico dell A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda stessa. La tecnologia costruttiva della struttura oggetto della presente offerta risponde essenzialmente a caratteristiche di funzionalità, rapidità di montaggio, possibilità di rimozione e recupero per eventuali riutilizzi futuri, sismicamente e qualitativamente idonei alle zone di interesse; gli elementi strutturali del fabbricato sono realizzati prevalentemente in stabilimento e solo in minima parte in opera, attraverso l assemblaggio di elementi prefabbricati. I locali ad uso Ufficio e biblioteca saranno realizzati nel rispetto delle norme vigenti e della sicurezza riguardanti l'eliminazione delle barriere architettoniche, l igiene, la sicurezza e l ambiente, la normativa sismica, la normativa riguardante la realizzazione di impianti tecnologici, incluse tutte le norme derivate o a queste collegate e tutte le successive modificazioni e integrazioni. 2. CONTROLLO QUALITÀ. La sottoscritta ALGECO S.p.A. dichiara di essere in possesso: - Della certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 con specifico riferimento al noleggio di moduli prefabbricati; - Della ulteriore certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 relativamente alla progettazione, installazione e manutenzioni di sistemi modulari industriali ed abitativi; - Della certificazione SOA, inclusa progettazione nella seguenti categorie OS18 Classe VI OG1 Classe III OG 11 Classe II OS 30 Classe I Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 1 di 23

2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI La progettazione, i lavori, la fornitura comprensiva del trasporto e la posa in opera dei locali del Servizio Bibliotecario, oggetto della presente relazione, sono sottoposti a tutte le disposizioni di legge, provvedimenti ministeriali e circolari interessanti il presente appalto. 4. CONDIZIONI La sottoscritta ALGECO S.p.A. accetta incondizionatamente tutte le clausole e le condizioni previste nel capitolato speciale d appalto e nel bando di gara. Il prezzo comprende la fornitura, il trasporto, montaggio strutturale e degli impianti al perimetro della struttura su area opportumanente predisposta a cura della stessa Algeco Spa, realizzazione area di posa allacciamenti alla rete elettrica ed idrico fognaria, IVA. 5. QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI Tutti i materiali saranno delle migliori qualità nelle rispettive loro specie, senza difetti, ed in ogni caso con qualità e pregi uguali o superiori a quanto è per essi prescritto dalla legislazione vigente. Nell esecuzione delle opere La società ALGECO sceglierà i materiali e/o componenti prodotti da Società che svolgono la propria attività industriale con un Sistema qualità certificato secondo la normativa UNI EN ISO 9001 rilasciata per progettazione, realizzazione ed assistenza. La società ALGECO presenterà, nel corso dei lavori le certificazioni dei materiali impiegati ad integrazione dei materiali esistenti, nel termine che verrà fissato dalla D.L. e comunque entro i limiti di cui al Capitolato relativo all appalto in oggetto, fornendo a richiesta un campionario completo dei materiali elementari, lavorati, semilavorati e componenti che intende impiegare nell esecuzione delle opere, che dovranno essere di prima scelta e dovranno riportare i rispettivi marchi di qualità. Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 2 di 23

3 6. GARANZIE La sottoscritta, società ALGECO SpA, garantisce che i beni forniti nell'ambito dell'appalto sono nuovi di fabbrica, delle migliori qualità esistenti in commercio, possiedono le caratteristiche stabilite dalle leggi e dai regolamenti vigenti in materia di prefabbricati e corrispondono alle specifiche tecniche riportate nella presente e nel capitolato speciale di appalto. In ogni, caso la sottoscritta ALGECO SpA, garantisce il buon funzionamento dei materiali oggetto della fornitura e la perfetta esecuzione delle lavorazioni e la conformità a quanto disposto dalla presente e dal CSA per un periodo di 24 mesi dalla data di collaudo con esito positivo; entro tale periodo l'impresa garantisce la perfetta funzionalità della fornitura. In caso di guasti o di malfunzionamenti, la società ALGECO interverrà nel più breve tempo possibile, e comunque non oltre tre giorni lavorativi dalla richiesta dell'amministrazione per ripristinare il corretto funzionamento. Nessun onere aggiuntivo per impiego di manodopera o per l'utilizzo di parti di ricambio sarà riconosciuto per tali attività condotte nel sopra richiamato periodo di 24 mesi. Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 3 di 23

4 PARTE I RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI Preliminarmente ai lavori, alla fornitura ed alla posa in opera dei locali a servizio del Servizio Bibliotecario oggetto della presente relazione, La sottoscritta società ALGECO eseguirà i necessari accertamenti, verifiche e controlli sull area di pertinenza, predisponendo a suo carico il rilievo dell area, come da Capitolato Speciale di appalto 2. ASSEMBLABILITÀ E SMONTABILITÀ I locali ad uso del Servizio Bibliotecario saranno composti da strutture in acciaio e da pannelli prefabbricati in lamiera zincata liscia preverniciata, coibentati in poliuretano e lana di roccia; i pannelli e gli elementi della struttura portante saranno progettati in modo tale da facilitare lo smontaggio ed il sollevamento (tutti i moduli Algeco sono provvisti di apposite piastre di ancoraggio saldate sui quattro angoli del tetto come mostrato in figura). Le strutture saranno assemblate su di un livello, la progettazione e realizzazione consentirà, per utilizzi futuri, l assemblabilità per più livelli, fino a raggiungere la superficie utile necessaria ed aventi altezza minima utile interna di 2,70 metri. La fattibilità di successivi ampliamenti, specialmente se livelli oltre i due piani fuori terra, sa subordinata a relativa verifica di calcolo strutturale Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 4 di 23

5 3. STRUTTURE PORTANTI RIFERIMENTI NORMATIVI Le strutture di acciaio saranno progettate e realizzate tenendo conto di quanto disposto dalla legge: - Legge n del 5 novembre 1971: Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato, normale. precompresso e per le strutture metalliche ; - Legge 2 febbraio 1974 n. 64; - DPR 21 aprile 1993 n 246 recante regolamento di attuazione della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione; - DM DECRETO MINISTERIALE Norme tecniche per il calcolo, l'esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche; - DPR 6 giugno 2001 n.380 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia; - Ordinanza PCM 3274 del 20 marzo 2003 così come integrata dalle ordinanze 3379 del 5 novembre 2004 e 3431 del 3 maggio 2005, relativa ai criteri per la classificazione sismica del territorio nazionale e normative tecniche per le costruzioni in zona sismica; - Decreto del Ministero delle Infrastrutture Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni [G.U n. 29, S.O. n. 30]; e ss.mm.ii - Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici - Istruzioni per l applicazione delle Norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 (bozza del ), nonché dalle seguenti norme: UNI ENV , , , e (Eurocodice 2); UNI ENV (Eurocodice 3); UNI ENV ; ed UNI ENV Durante il carico, il trasporto, lo scarico, il deposito ed il montaggio, si presterà la massima cura per evitare che le strutture vengano deformate o sovrasollecitate. Le parti a contatto con funi, catene od altri organi di sollevamento saranno opportunamente protette. Il montaggio sarà eseguito in modo tale che la struttura raggiunga la configurazione geometrica di progetto, nel rispetto dello stato di sollecitazione previsto nel progetto medesimo. Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 5 di 23

6 La stabilità delle strutture sarà assicurata durante tutte le fasi costruttive e la rimozione dei collegamenti provvisori e di altri dispositivi ausiliari sarà fatta solo quando essi risulteranno staticamente superflui. Nei collegamenti con bulloni si procederà alla alesatura di quei fori che non risultino centrati e nei quali i bulloni previsti in progetto non entrino liberamente. Se il diametro del foro alesato risulterà superiore al diametro sopracitato, si procederà alla sostituzione del bullone con uno di diametro superiore. Verrà utilizzato il serraggio dei bulloni con chiave pneumatica purché questo venga controllato con chiave dinamometrica, la cui taratura risulterà da certificato rilasciato da laboratorio ufficiale in data non anteriore ad un mese. Per le unioni con bulloni, ALGECO effettuerà, alla presenza della direzione dei lavori, un controllo di serraggio su un numero adeguato di bulloni. L'assemblaggio ed il montaggio in opera delle strutture sarà effettuato senza che venga interrotto il traffico delle ambulanze stradale salvo brevi interruzioni durante le operazioni di consegna e sollevamento, da concordare con la direzione dei lavori. Nella progettazione e nell'impiego delle attrezzature di montaggio, ALGECO rispetterà le norme, le prescrizioni ed i vincoli che eventualmente venissero imposti da Enti, Uffici e persone responsabili riguardo alla zona interessata. Verrà permesso di eseguire da parte della Direzione dei lavori, un'accurata visita preliminare di tutte le membrature per constatare che le strutture siano state eseguite in conformità ai relativi disegni di progetto, alle buone regole d'arte ed a tutte le prescrizioni di contratto. Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 6 di 23

7 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 7 di 23

8 4. REQUISITI COSTRUTTIVI E DI PROGETTO a. Caratteristiche Tecniche Generali Uffici La struttura è costituita da moduli prefabbricati serie Algeco 6000, in acciaio, di cui si riportano qui di seguito le principali caratteristiche tecniche: Esempio MODULO BASE Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 8 di 23

9 b. Caratteristiche Tecniche Generali di Progetto Oggetto Destinazione d uso della struttura Caratteristiche del prodotto in offerta Locale ad uso ufficio e sala riunione Tipologia struttura 6015 N monoblocchi oggetto della presente offerta Sup. Totale MODALITÀ OFFERTA ,00 mq Noleggio (36 mesi) 1. Aspetti generali Lunghezza Larghezza Altezza interna Altezza esterna 6210 mm 2440 mm 2700 mm 3070 mm 2. Struttura Metodo di montaggio generale La struttura viene assemblata mediante imbullonatura dei componenti: base,tetto, angolari esterni 2.A - Basamento Sezione profili Portata Profilo UPN 140x60x7 mm (longitudinale) Profilo UPN 80x45x6 mm (trasversale) Conforme alle prescrizioni previste dal Dm 14/01/2008 (Nuove norme tecniche sulle costruzioni) relativo alla destinazione d uso della struttura: Cat. B Uffici non aperti al pubblico (200 kg/mq) Isolamento (Valore trasmittanza) Stratigrafia 0,44 W/mq C Struttura realizzata mediante saldatura Coibente in lana di vetro sp.50 mm 2.B Montanti Sezioni profili Sottofondo in truciolare idrofugo sp.18 mm Profilo pressopiegato a disegno, sp. 35/10 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 9 di 23

10 2.C Tetto Realizzati in unico elemento, vengono vincolati alla struttura mediante bullonatura Sezione profili strutturali Profilo pressopiegato a disegno, sp. 25/10 Strarigrafia Struttura realizzata mediante saldatura. Coibente in lana di vetro sp.50 mm Copertura esterna in lamiera grecata 6/10 galvanizzato Smaltimento acque piovane COPERTURA SUPPLEMENTARE Mediante tubazioni in pvc, Ø 50 mm posti all esterno dei montanti Tetto supplementare composta da profili ad omega, sp 10/10, rivestimento esterno in lamiera grecata Gronde e fascioni di finitura con lamiere preverniciata (come da colorazioni standard) Valore trasmittanza previsto ( U = 0.51 kcal/ mq h C ) 2.E Appoggio sul terreno Platea 3. Tipologia pannelli Pannelli: spessori, coibenti Profili di fissaggio e finitura pannelli Finestre (dimensioni) Pannelli perimetrali ed interni tipo sandwich in poliuretano, spessore 50 mm, verniciati RAL 7035 ( U = 0.41 kcal/ mq h C ) I profili di finitura sono realizzati con lamiera uguale alla lamiera del pannello. Finestra dimensioni 1606x953 mm, serramento in Pvc, coloe ral 9010, anta a scorrere, avvolgibile in Pvc, zanzariere, vetrocamera così composto: vetroantisfondamento 6/ Vasistas Finestra in pvc tipo vasistas, dimensione 350x350 mm Porte esterne ed interne Porta esterna, passaggio utile mm 900 x2100, serramenti in alluminio, sx a spingere, anta ½ vetrata o cieca (loc ambulatorio), maniglione antipanico ove Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 10 di 23

11 previsto, vetrocamera così composto vetroantisfondamento 6/7 6-4 Porta interna, passaggio utile mm 800/900x2100, anta cieca, dx o sx a spingere 4. Colorazioni Verniciatura strutture Tipologia dei colori La verniciatura delle strutture è realizzata con vernice poliuretanico, spessore della verniciatura 60 micron - Struttura - RAL7035 ( tonalità di grigio) 5. Finiture Pavimento Controsoffitto pavimentazione in pvc a doghe metalliche 6. Impianti Art. 5, comma 2 del Dm n 37 del 22/01/2008 obbligo di progetto elettrico per: Elettrico - superfici > 200 mq; - impianti con potenza > 6KW - fornitura di prese trivalenti e dati (Rj45) per ogni postazione di lavoro (circa 11 postazioni di lavoro) Illuminazione Plafoniere 2x368W, 60w nel locale wc. Plafoniere a bolla da 60W esterni Boiler elettrico (lt 12 e 30 a parete); Idraulico - tubazione scarico in polietilene e polipropilene; - tubazioni adduzioni acqua in polipropilene - Cassetta disponibile nelle versioni a scarico semplice (6/9 litri) Condizionameto Impianto rilevazione fumi - split con macchina esterna ( Btu) + pompa di calore - termoconvettori nel locale wc Rilevatori di fumo come da schema allegato, Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 11 di 23

12 comprensivo di segnaletica d emergenza, quadro elettrico, impianto di diffusione sonora 8. Progettazioni previste Relazione di calcolo struttuale e Piano di manutenzione dell opera ai sensi del D.M.14/01/2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni e s.m.i Progetto architettonico ai fini del rilascio delle autorizzazioni edilizie come da Dpr380/2001 Rilievo area installazione prefabbricato 9. Esclusioni Relazione tecnica ai sensi del dlgs 29/12/2006 n. 311, allegato E Relazione geologica Realizzazione platea di fondazione compresa nel canone di locazione 10. Note Ampliamento della struttura sino al 3 piano f.t (Pt + P1 + P2) soggetto a verifica strutturale Realizzazione di tunnel di collegamento con il locale biblioteca/archivio in struttura metallica con lastra di copertura curva in policarbonato Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 12 di 23

13 Oggetto Destinazione d uso della struttura Caratteristiche del prodotto in offerta Locale biblioteca/archivio Tipologia struttura 6015 N monoblocchi oggetto della presente offerta Sup. Totale MODALITÀ OFFERTA 2 30,00 mq Noleggio (36 mesi) 1. Aspetti generali Lunghezza Larghezza Altezza interna Altezza esterna 6210 mm 2440 mm 2700 mm 3070 mm 2. Struttura Metodo di montaggio generale La struttura viene assemblata mediante imbullonatura dei componenti: base,tetto, angolari esterni 2.A - Basamento Profilo UPN 140x60x7 mm (longitudinale) Sezione profili Portata Profilo UPN 80x45x6 mm (trasversale) Profili tubolari metallici di rinforzo dimensioni indicative 70x50x1.5 Conforme alle prescrizioni previste dal Dm 14/01/2008 (Nuove norme tecniche sulle costruzioni) relativo alla destinazione d uso della struttura: Cat. E Archivio (600 kg/mq) Isolamento (Valore trasmittanza) Stratigrafia 0,44 W/mq C Struttura realizzata mediante saldatura Coibente in lana di vetro sp.50 mm Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 13 di 23

14 2.B Montanti Sezioni profili 2.C Tetto Sottofondo in truciolare idrofugo sp.18 mm Profilo pressopiegato a disegno, sp. 35/10 Realizzati in unico elemento, vengono vincolati alla struttura mediante bullonatura Sezione profili strutturali Profilo pressopiegato a disegno, sp. 25/10 Strarigrafia Struttura realizzata mediante saldatura. Coibente in lana di vetro sp.50 mm Copertura esterna in lamiera grecata 6/10 galvanizzato Smaltimento acque piovane copertura supplementare Mediante tubazioni in pvc, Ø 50 mm posti all esterno dei montanti Tetto supplementare composta da profili ad omega, sp 10/10, rivestimento esterno in lamiera grecata Gronde e fascioni di finitura con lamiere preverniciata (come da colorazioni standard) Valore trasmittanza previsto ( U = 0.51 kcal/ mq h C ) 2.E Appoggio sul terreno Platea 3. Tipologia pannelli Pannelli: spessori, coibenti Profili di fissaggio e finitura pannelli Finestre (dimensioni) Pannelli perimetrali ed interni tipo sandwich lana di roccia, spessore 100 mm, verniciati RAL 7035 ( U = 0.32 kcal/ mq h C ) I profili di finitura sono realizzati con lamiera uguale alla lamiera del pannello. Finestra dimensioni 1606x953 mm, serramento in Pvc, colore ral 9010, anta a scorrere, avvolgibile in Pvc, zanzariere, vetrocamera così composto: vetroantisfondamento 6/ Porte esterne ed interne Porta esterna, passaggio utile mm 900 x2100, serramenti in alluminio, sx a spingere, anta ½ vetrata o cieca (loc ambulatorio), maniglione antipanico ove previsto, vetrocamera così composto vetroantisfondamento 6/7 6-4 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 14 di 23

15 4. Colorazioni Verniciatura strutture Tipologia dei colori La verniciatura delle strutture è realizzata con vernice poliuretanico, spessore della verniciatura 60 micron - Struttura - RAL7035 ( tonalità di grigio) 5. Finiture Pavimento Controsoffitto pavimentazione in pvc A quadrotti in fibra minerale, dim.600x600 mm, spessore lastra 40 mm 6. Impianti Art. 5, comma 2 del Dm n 37 del 22/01/2008 obbligo di progetto elettrico per: Elettrico - superfici > 200 mq; - impianti con potenza > 6KW - fornitura di prese trivalenti e dati (Rj45) per ogni postazione di lavoro Illuminazione Plafoniere 2x68W, plafoniere a bolla da 60W esterni Condizionameto - split con macchina esterna ( Btu) + pompa di calore 6. Protezione al fuoco Struttura R/REI 60 Protezione dei profili (montanti/angolari) mediante doppia lastra in cartongesso, spessore 12,5 mm ciascuna Compartimentazione verticale interna con pannelli sandwich in lana di roccia, spessore 50mm (classificazione di reazione al fuoco: B, s2-d0) Controsoffitto in quadrotti in fibra minerale, dim.600x600 mm, sp. lastra 40 mm Rilevatori di fumo come da schema allegato, comprensivo di segnaletica d emergenza, quadro elettrico, impianto di diffusione sonora 8. Progettazioni previste Relazione di calcolo struttuale e Piano di manutenzione dell opera ai sensi del D.M.14/01/2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni e s.m.i Progetto architettonico ai fini del rilascio delle autorizzazioni edilizie come da Dpr380/2001 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 15 di 23

16 Rilievo area installazione prefabbricato 9. Esclusioni 10. Note Relazione tecnica ai sensi del dlgs 29/12/2006 n. 311, allegato E Relazione geologica Realizzazione platea di fondazione compresa nel canone di locazione Ampliamento della struttura sino al 3 piano f.t (Pt + P1 + P2) soggetto a verifica strutturale Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 16 di 23

17 c. Descrizione Quantitativa FORNITURA E POSA COMPLESSO COSTRUZIONI MODULARI composto da n. 15 moduli ALGECO SERIE "6015" ; Disegno allegato Tav. 2 Dimensioni: mt 25,57 x 12,20 + (14,39 x 7,32) x h. int. 2,70 (h. esterna 3,57) Mq. 381,00 Costituita da: - Basamento costruzione modulare Tav 5 - Pavimento galleggiante - Pannelli sandwich esterni in LANA DI ROCCIA sp. 100 mm Ral Porta esterna ad un'anta 900x2100 ½ vtr 3+3/6/3+3 con maniglione antipanico 01 - Porta esterna 1350x2100 ½ vtr 3+3/6/3+3 con maniglione antipanico ed elettro serratura 04 - Pannelli sandwich interni in LANA DI ROCCIA sp. 50 mm Ral 7035 Tav. 1 - Porta interna 1/2 vetrata piena 900 x Porta interna scorrevole 02 - Porta interna piena 900 x Porta interna piena 900 x 2100 con maniglione antipanico per disabile 03 - Finestra in alluminio wasistass mm. 800x700 completa di vetro e zanzariera 04 - Finestra in alluminio wasistass mm. 350x350 completa di vetro e zanzariera 02 - Finestra mm.1600x1646 anta ribalta con piantone centrale vtr 3+3/12/5 con avvolgibile integrato e zanzariera 18 Impianto igienico sanitario - Wc all inglese per disabili 02 - Lavabo in ceramica per disabile 02 - Doccia in ceramica 02 - Lavabo a canalone 01 - Boiler 12 litri 02 - Boiler 100 litri 01 - Accessori bagno - Tubazioni d adduzione, scarico e rubinetteria Impianto elettrico a norma - Interruttore luce 26 - Plafoniera soffitto quadretti 2x36W dark line addatta per computers 33 - Plafoniera soffitto quadretti 2x36W 32 - Plafoniera 1x Plafoniere emergenza 1x24W 25 - Suoneria bagno disabili 02 - Torrette a pavimento 16 - Presa singola bivalente 10/16 A 15 - Presa singola trivalente 16 ATL 15 - Allaccio boiler 03 - Impianto rilevamento fumi - Quadro generale 1 - Videocitofono 2 Impianto condizionamento - Condizionatore mono split inverter a cassetta in controsoffitto 19 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 17 di 23

18 4.1 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura che sarà impiegata per questa costruzione è la serie 6000, prodotto di riferimento per la società Algeco. La struttura è composta da 3 elementi principali: un basamento, un tetto e 4 colonne poste negli angoli. Il materiale utilizzato è acciaio S235JR (ex Fe360b). I materiali metallici esterni ed interni saranno trattati per la protezione alla corrosione per ossidazione e completati con verniciatura di finitura. Le bullonerie e viterie saranno in acciaio e protette contro la corrosione, dove necessario la bullonerie e la viteria sarà dotata di rondelle, guarnizioni, cappelloni IL BASAMENTO Il basamento è costituito da profili perimetrali metallici opportunamente saldati tra loro. A sostegno del piano di calpestio sono previste delle traverse in tubolare metallico poste a interassi modulari e fissate mediante saldatura ai profili longitudinali. Il basamento con i relativi rompitratta e l'elemento perimetrale (avente funzione di sostegno della pannellatura perimetrale e di ripartizione dei carichi provenienti dagli elementi di collegamento) fungono da supporto del pavimento. La struttura è dotata di adeguata rigidezza al fine di ottenere una riduzione dell'effetto flesso-torsionale nei casi in cui il modulo risulti posizionato in modo non perfetto sulle basi di appoggio LA COPERTURA Il telaio di copertura è realizzato con profilati di dimensioni tali da garantire l'appoggio di un altro modulo in sovrapposizione, con elementi trasversali di irrigidimento in profili pesanti. Inoltre il telaio perimetrale, avente anche funzione di gronda, dispone di quattro sistemi di deflusso delle acque meteoriche sino a livello del basamento posizionati su ogni lato della lunghezza. Nei quattro angoli della struttura di copertura sono poste delle ulteriori piastre, dimensionate per permettere l aggancio con mezzi di sollevamento quali gru, in modo da permettere una facile movimentazione delle strutture stesse. Nai lati corti dei singoli moduli sono realizzati dei fori, per permettere l eventuale fuoriuscita di acqua piovana, qualora le discese non riescano ad accogliere il normale deflusso LE COLONNE VERTICALI Allo scopo di realizzare un sistema strutturale chiuso sono stati previsti elementi strutturali Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 18 di 23

19 verticali di collegamento posti ai quattro angoli, i quali hanno la funzione di trasferire i carichi gravanti sulla copertura, compresi i carichi derivanti da un altro modulo in sovrapposizione oltre che collaborare alla rigidità globale dei modulo. In caso di sopraelevazione viene posta una speciale piastra che collega il piano terra al primo piano mediante bullonatura, in tutti gli elementi verticali perimetrali. Inoltre nelle 4 colonne di ogni moduli sono previsti dei fori per realizzare un collegamento orizzontale dei moduli in modo da realizzare un unica struttura grande quanti tutti i moduli che la compongono IL SISTEMA DI GIUNZIONE Il sistema di giunzione tra telaio basamento/elementi di collegamento/telaio di copertura è realizzato esclusivamente a mezzo di unioni con bulloni al fine di facilitare le manutenzioni e l'intercambiabilità totale dei vari elementi interessati SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di aggancio per il relativo sollevamento è posizionato esclusivamente sulla struttura della copertura ed è realizzato per mezzo di piastre posizionate negli angoli, in modo da permettere un aggancio con funi e ganci, collegati ad una grù IL PAVIMENTO Il sottofondo del pavimento è realizzato in legno dello spessore minimo di 18 mm, detto materiale è fissato direttamente alla struttura portante secondaria della struttura del basamento, mediante viti. Il pavimento della struttura è realizzato con pavimento galleggiante in quadretti nelle aree operative fatto salvo le arre servizi igienici rifiniti con PVC. E garantita la planarità del pavimento in ogni condizione. Il pavimento e le strutture sono dimensionate per supportare un sovraccarico d esercizio pari a 200 kg/mq per i locali ufficio e di 600 kg/mq per il locale archivio, in rispetto ai parametri indicati dal Dm 14/01/2008 Nuove norme Tecniche LE PARETI Le pareti sono costituite da pannelli metallici autoportanti per uno spessore di complessivo di: Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 19 di 23

20 - mm 50 per le pareti perimetrali dei locali uffici e sala riunione e mm 40 per le pareti interne; in entrambi i casi, coibentazione in poliuretano - mm 100 per il locale biblioteca/archivio, coibente in lana di roccia I pannelli sono realizzati con supporti in acciaio zincato preverniciato e verniciatura poliestere esterno ed interno color Ral7035 con lamiera goffrata. Nella realizzazione della costruzione abbiamo tenuto conto in modo particolare agli aspetti relativi alla sicurezza sia nei materiali che per l evacuazione dei locali, particolare attenzione è stata posta nel privilegiare le vie di fuga IL TETTO PRINCIPALE La copertura del tetto principale garantisce l'impermeabilità del sistema ed è realizzato con lamiera grecata dello spessore di 6/10 di mm. Il tetto è coibentato in modo da offrire il massimo isolamento (lana di vetro sp.50 mm), prevede la pedonabilità e dispone di una portata minima di 1,40 kn/m 2, compreso il carico neve. Il controsoffitto, realizzato solo per il locale biblioteca/archivio, verrà realizzato con quadrotti in lana minerale da 600x600 mm, con struttura portante in alluminio, posto a circa 20 cm dalla struttura per proteggerla dal fuoco. Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 20 di 23

21 4.1.9 LA COPERTURA SUPPLEMENTARE La copertura supplementare (tetto a falde) viene installata sul posto una volta completato l assemblaggio dei moduli. La struttura portante, è realizzata con profili sagomati e fissati alla struttura del tetto del modulo, sopra la quale posizionare la copertura supplementare, composta da uno starto di lamiera grecata 6/10. Il colmo della costruzione viene rifinito con un apposito profilo che non permette l infiltrazione delle acque al di sotto della copertura. Detti pannelli sono fissati con apposite viti e cappellotti, atti a tenere l isolamento all infiltrazione. Lungo il perimetro della costruzione è previsto un canale per la raccolta delle acque piovane il quale è raccordato ai discendenti per lo scarico delle acque meteoriche SERRAMENTI Le porte sono realizzate con profilati estrusi in lega di alluminio secondo norma UNI 9006/1 Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 21 di 23

22 e SS UNI E La protezione superficiale viene realizzata mediante ossidazione anodica secondo la norma UNI Le finestre saranno in pvc o alluminio, delle dimensioni di 1606x953 mm, con anata a scorrere e vetro camera, sistema oscurante è garantito da avvolgibile esterno. Nei bagni è installata una finestra con apertura a wasistas. Le porte esterne hanno un passaggio utile di circa 900 x 2100 mm (con elettro serratura) e sono dotate di serratura tipo Yale completa di doppia chiave e maniglione antipanico (vetro antisfondamento 6/7 15-4). Le porte interne hanno dimensione di circa 800/900 h.2100 ante ciece, Il sistema di montaggio delle porte e delle finestre prevede un telaio ed un controtelaio IMPIANTO ELETTRICO E IDRICO Gli impianti elettrici vengono realizzati nel rispetto delle vigenti leggi e sono certificati ai sensi del D.M. 37/2008 (ex L. 46/90 e relativo regolamento di cui al DPR 6 dicembre 1991, n. 447). In linea generale, gli impianti elettrici sono realizzati in vista, sulle pareti e soffitto del modulo per mezzo di tubazioni e scatole di derivazione in adeguato materiale plastico, facilmente accessibili e manutenzionabili. Il quadro generale è posizionato all interno di un modulo e prevede un cavo di terra, fissato alle strutture, per garantire equipotenzialità tra queste e le terre delle varie linee di alimentazione interna. Tutte le apparecchiature di utilizzazione e comando, nonché tutti gli altri componenti elettrici sono dotati del marchio IMQ/CE o equivalente, secondo normativa vigente. Sono previste l installazione di un sistema di allarme in caso di pericolo, le capannelle, e luci di emergenza per la segnalazione delle vie di fuga. L impianto idrico-sanitario è realizzato in tubazione esterna in polipropilene, i sanitari sono in ceramica o in ABS. a. IMPIANTO IDRICO-SANITARIO In conformità al D.M. 37/2008 gli impianti idrici ed i loro componenti risponderanno alle regole di buona tecnica (norme UNI). Apparecchi sanitari Gli apparecchi sanitari da noi forniti soddisferanno i seguenti requisiti: Appalto per la locazione di un modulo prefabbricato poer il trasferimento della biblioteca centrale Relazione Tecnica - pag. 22 di 23

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali. PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO

DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali. PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO - DESCRIZIONE TECNICA - Doors Sistem S.r.l. via G.Marconi nr. 37/A -35020- Brugine (PD) Tel. 049/9730468 fax 049/9734399 E-mail:

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it SCALE PER LA SOFFITTA 2011 www.fakro.it 1 Scala rientrante da soffitta Rende l accesso alla soffitta più facile e sicuro senza la necessità di realizzare scale stabili con conseguente notevole risparmio

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA

SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA AT SISTEMA AT CHIUSURE DI SICUREZZA CON SERRATURA A DOPPIA MAPPA 1 SISTEMA AT. L ULTIMO ORIZZONTE DELLA SICUREZZA. La sicurezza di sentirsi a casa. La sicurezza di ritrovare i propri spazi lasciandosi

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli