BUONE E CATTIVE PRATICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUONE E CATTIVE PRATICHE"

Transcript

1 BUONE E CATTIVE PRATICHE F. MARTINEZ-MORENO N. TYUTYUNDZHIEV MANUALE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ E RIDURRE I COSTI DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI PhotoVoltaic Cost r duction, Reliability, Operational performance, Prediction and Simulation

2

3

4

5 La realizzazione di questo manuale è stata resa possibile dal progetto PVCROPS ( PhotoVoltaic Cost r duction, Reliability, Operational performance, Prediction and Simulation ), cofinanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del Settimo Programma Quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico (Finanziamento n ). Il progetto è stato ideato dall'istituto di Energia Solare (IES UPM, Universidad Politécnica de Madrid, Spagna) e si avvale della compartecipazione di 12 partner: Universidad Politécnica de Madrid, IES UPM (Spagna, Università). SunSwitch (Belgio, Piccola e Media Impresa). Central Laboratory of Solar Energy and New Energy Sources, CLSENES (Bulgaria, Università). Acciona Energía (Spagna, Settore Industriale). Association pour la Promotion des Energies Renouvelables, APERe (Belgio, Piccola e Media Impresa). Ingeteam (Spagna, Settore Industriale). Universidade de Évora, UEVORA (Portogallo, Università). Universidad Pública de Navarra, UPNA (Spagna, Università). Dublin Institute of Technology, DIT (Irlanda, Università). Office National de l Electricité ONE (Marocco, Settore Industriale). Rtone (Francia, Piccola e Media Impresa). Renewable Energy Dynamics Technology, REDT (Irlanda, Piccola e Media Impresa). Questo Manuale è consultabile gratuitamente, la sola indicazione in proposito è di citarlo nel caso venga adoperato per qualunque tipo di lavoro o pubblicazione. Lo staff del progetto PVCROPS esprime la sua più sincera gratitudine a tutte le persone, le aziende e le imprese che hanno generosamente collaborato attraverso l'invio delle fotografie raccolte in questo Manuale. Il progetto PVCROPS declina ogni responsabilità sulla provenienza delle fotografie qui inserite. Tutte le fotografie ci sono state gentilmente inviate al fine della produzione di questo Manuale, che si pone l'obiettivo d'illustrare le buone pratiche per il miglioramento dei Pannelli Fotovoltaici presenti in tutto il mondo. Per nuovi contributi e aggiornamenti del Manuale (versioni future), vi preghiamo di assicurarvi che le foto inviate siano pubblicabili e non vincolate da diritti. Contributi: IES UPM, SunSwitch, CLSENES, Acciona Energía, APERe, Ingeteam Recensione della versione italiana: IES UPM Per maggiori informazioni: PVCROPS Novembre 2013

6

7 Indice 1. INTRODUZIONE ORGANIZZAZIONE DEL MANUALE BUONE E CATTIVE PRATICHE Lavori Pubblici. 11 Studio di fattibilità e pianificazione iniziale. 13 Organizzazione generale. 15 Drenaggio e protezione dall acqua. 17 Cavi. 22 Tombini. 26 Tetti Strutture di supporto. 31 Messa a terra delle strutture. 33 Montaggio dei moduli fotovoltaici. 35 Rigidità delle strutture di supporto. 39 Assemblaggio degli elementi della struttura. 40 Compatibilità dei materiali. 42 Resistenza alle condizioni climatiche esterne. 43 Protezione dalla vegetazione. 50 Sicurezza dei lavoratori Cassette di derivazione. 53 Identificazione degli elementi elettrici. 55 Impermeabilità delle cassette di derivazione. 56 Qualità delle connessioni. 60 Controllo della temperatura interna delle cassette. 61 Fusibili e portafusibili. 62 Cavi e componenti Generatore fotovoltaico. 69 Qualità e integrità dei moduli. 71 Inseguitori solari e orientamento. 76 Posizionamento dei moduli e zone d ombra. 78 Polvere, sabbia e sporcizia. 81 Protezione dagli uccelli. 85 Messa a terra della cornice dei moduli. 86 Cavi di connessione. 87 Protezione contro gli effetti indiretti dei raggi sui cavi di CC. 92

8 3.5. Inverter. 93 Supporti e posizionamento. 95 Raffreddamento. 97 Polvere, sabbia e sporcizia. 100 Morsettiere. 101 Accensione e spegnimento dell impianto fotovoltaico Monitoraggio. 105 Sensore di irraggiamento. 107 Sensori di irraggiamento e di temperatura della cellula. 109 Sensore di temperatura della cellula. 117 Sensore di rilevamento della velocità del vento. 118 Stazioni meteorologiche. 120 Sistema di monitoraggio centralizzato Altro. 123 Integrazione e impatto ambientale LINK GENERICI PER IL FOTOVOLTAICO. 127

9 1. Introduzione.

10

11 1. Introduzione. L'energia fotovoltaica (FV) connessa alla rete è una tecnologia che in molti paesi ha assunto un ruolo significativo nei sistemi di sviluppo e somministrazione di energia elettrica. Nell'arco di soli 10 anni, sono stati costruiti circa 100 GW di capacità FV, dei quali quasi 80 GW negli ultimi tre anni. Questo corrisponde a una crescita annuale che si avvicina al 40%. Per questo motivo gli impianti FV costituiscono, in termini di capacità, la terza fonte di energia rinnovabile dopo l'energia idrica e l'energia eolica. Effettivamente, in diversi paesi europei più del 5% della domanda energetica annuale è soddisfatta dall'energia Fotovoltaica (Germania e Italia) 1. Questa crescita esponenziale è stata particolarmente evidente in Europa, dove si concentra circa il 70% dell'energia FV mondiale connessa alla rete. I paesi europei hanno promosso l'uso di energia rinnovabile per soddisfare i requisiti dell'unione Europea sulla riduzione dei gas nocivi generati dalla produzione energetica tradizionale e ridurne così gli effetti relativi al cambiamento climatico. I requisiti per la limitazione delle emissioni uniti agli incentivi per lo sviluppo delle energie sostenibili hanno favorito questo rapido sviluppo, a sua volta accompagnato da una graduale riduzione dei costi delle apparecchiature. Conseguentemente, nell'europa meridionale l'energia FV compete, in termini di costi, con le fonti di energia tradizionali (gas, carbone, petrolio, nucleare ecc.) anche al netto di incentivi economici aggiuntivi. Il settore del FV si sta sviluppando ed espandendo rapidamente in ogni zona del mondo. Una prova di questa rapida diffusione è rappresentata dal fatto che l'anno scorso (2012) per la prima volta la potenza FV istallata nel resto del pianeta ha equiparato quella europea. Per proseguire su questa strada e rendere l'energia solare FV sempre più competitiva, è necessario implementare le migliori pratiche esistenti per le installazioni FV. Questo implica di evitare gli errori commessi al momento dell'installazione iniziale. Così, risolvendo a monte gli errori già noti, i nuovi impianti FV saranno più affidabili, efficienti e vantaggiosi, permettendo di recuperare l'investimento iniziale in un lasso di tempo ridotto. L'obiettivo di questo manuale è mostrare le buone e cattive pratiche riscontrate negli impianti FV già esistenti. Secondo tale prospettiva, il documento si propone come riferimento di consultazione per i nuovi impianti in fase di progettazione e costruzione. Le buone pratiche costituiscono esempi di come implementare i progetti al fine di conseguire che ogni dispositivo d'installazione funzioni correttamente ed evitarne il disfacimento prematuro. Le cattive pratiche sono prese d'esempio per gli errori precedentemente commessi e che devono essere evitati. Il fatto che questo manuale presenti anche esempi di cattive pratiche non deve essere interpretato come indicativo di una loro presenza diffusa negli impianti già esistenti. Al contrario, gli impianti FV sono generalmente ben costruiti e funzionano correttamente, con una dominanza di buone pratiche. Questo manuale intende mostrare i difetti che sono stati riscontrati e che possono portare a una riduzione dei tempi di vita dell'impianto o della sua produttività. Per tanto, qualora tali difetti non venissero risolti, condurrebbero a una diminuzione dell'efficienza complessiva dell'impianto. È possibile distinguere due tipi di sistemi di produzione di energia solare FV connessa alla rete: centrali FV ed edifici FV connessi alla rete (BIPV). Le centrali FV sono caratterizzate da una grande estensione, da una potenza compresa tra varie centinaia di kilovattori e megavattori e dall'adeguato orientamento dei quadranti a favore del sole (orientati a sud nell'emisfero nord; a nord nell'emisfero sud) al fine di massimizzare la produzione energetica. I BIPV sfruttano lo spazio disponibile sui tetti delle case e degli edifici industriali per installare generatori che oscillano tra pochi chilovattori e decine di chilovattori. Questi sistemi possono essere aggiunti dopo la costruzione dell'edificio, nonostante sia sempre più frequente che tali installazioni vengano contemplate già nelle prime fasi del disegno e dalla costruzione. In questo caso, facendo i pannelli parte di una casa o di un palazzo, la possibilità di orientali è limitata e pertanto l'orientamento e l'elevazione che ne risultano possono non essere ottimali. È il tipico caso di quando l'installazione si aggiunge in una fase successiva alla costruzione dell'edificio. 1 Global market outlook for photovoltaics May European Photovoltaic Industry Association (available in 3

12 1. Introduzione. Gli esempi riportati in questo manuale sono da considerarsi validi tanto per gli impianti FV quanto per i BIPV. La maggior parte degli esempi che presentiamo sono legati a centrali FV, ma tutte le pratiche descritte, buone e cattive, sono generalmente comuni ai due tipi d'impianto. Le situazioni specifiche del BIPV sono indicate nelle didascalie delle foto. È necessario sottolineare che tutte le misure qui raccomandate perdono di efficacia e utilità nel caso in cui l'impianto FV, dopo essere stato costruito, non venga controllato e manutenuto in modo adeguato. Osservare le raccomandazioni presentate in questo manuale non garantisce di per sé il corretto funzionamento dell'impianto FV. Tali installazioni devono rispettare la normativa energetica nazionale e prevedere momenti di manutenzione preventiva e correttiva al fine di un'individuazione e risoluzione rapida dei problemi che possono sorgere durante l'operazione d'installazione. È raccomandabile la messa a punto di un sistema di monitoraggio a uso di personale qualificato che notifichi i difetti riscontati nell'impianto FV. Controlli periodici dello stato e delle condizioni dei cavi, degli attacchi, dei moduli, degli invertitori... sono essenziali. Soltanto in questo modo sarà possibile assicurare il corretto funzionamento dell'impianto, almeno per il tempo di funzionamento previsto, si garantirà un alto livello di funzionalità con un'elevata produzione energetica e, di conseguenza, una progressiva riduzione dei costi associati all'installazione di questo sistema di energia solare FV. 4

13 2. Organizzazione del Manuale.

14

15 2. Organizzazione del Manuale. Il terzo capitolo di questo manuale illustra le buone e cattive pratiche che sono state rinvenute in impianti FV già esistenti. È diviso in 7 sezioni, ognuna delle quali esamina diversi dispositivi associati alle installazioni FV connesse alla rete. I vari paragrafi descrivono tanto le buone pratiche quanto alcuni degli errori più frequenti. Il materiale viene presentato con immagini: foto e tabelle, associate a un breve testo che descrive gli aspetti più rilevanti della pratica in questione (buona o cattiva che sia). Tutte le fotografie sono state ricavate da impianti esistenti in varie parti d'europa e mostrano le pratiche che sono state impiegate per la costruzione degli impianti FV. Evitando errori già commessi in precedenza e ricorrendo alle tecniche suggerite dal manuale, si otterranno impianti migliori, meno suscettibili all'usura e a errori frequenti che potrebbero incidere negativamente sulla produzione energetica del sistema riducendone, per tanto, il rendimento. Come già evidenziato, ogni categoria è legata a uno dei principali componenti o sotto sistemi dell'impianto FV. Le categorie sono state associate a lettere che indicano l'elemento a cui si riferisce la figura: C sta per lavori pubblici; S per le strutture di supporto; W per le cassette di derivazione e i cavi; G per il generatore fotovoltaico; I per gli invertitori; M per il controllo dei dispositivi e le operazioni routinarie; O per tutti gli aspetti non compresi dalle altre categorie. I seguenti simboli saranno associati a ogni figura al fine di evidenziare in modo rapido e chiaro la natura della situazione che viene presentata: Per le buone pratiche Per le cattive pratiche In alcuni casi un terzo simbolo accompagnerà le figure che illustrano situazioni in cui la pratica messa in atto non può essere descritta né come positiva, né come negativa, ma suscettibile di miglioramento: Per le pratiche né buone né cattive; situazioni che possono essere migliorate 7

16

17 3. Buene e Cattive Pratiche.

18

19 3.1. Lavori Pubblici.

20

21 3.1. Lavori Pubblici. C1 Studio di fattibilità e pianificazione iniziale Eseguire test al fine di adattare le fondamenta alle caratteristiche del suolo. É importante svolgere studi di fattibilità sul terreno destinato ad accogliere l'impianto. L'obiettivo di tale studio deve essere quello di definire le caratteristiche del suolo prima di scegliere le fondamenta da impiegare poiché tale scelta dipende dalla qualità e dai limiti del terreno. Le fondamenta devono tener conto del peso dell'impianto e della forza del vento che dovranno sopportare (così come previsto dalla normativa Eurocode). Questi test servono a evitare la realizzazione di opere pubbliche superflue. Ogni tipo di fondamenta (lastra di cemento, pilastro, mini pilastro ecc.) corrisponde a un certo tipo di suolo. Fondamenta superficiali, come le lastre di cemento, possono essere adatte a terreni stabili e compatti (rocciosi, solidi) mentre le fondamenta più profonde, come pilastri e mini pilastri funzionano bene su terreni poco compatti e suscettibili a cambiamenti legati alle condizioni climatiche stagionali (è il caso dell'argilla espansa, aree vicine a corsi d'acqua). Le Figure 1 a 3 mostrano alcuni esempi di contesti in cui lo studio di fattibilità è stato preliminarmente svolto. Figura 1. Figura 2. Figura 3. 13

22 3.1. Lavori Pubblici. C2 Studio di fattibilità e pianificazione iniziale Gli ostacoli devono essere identificati durante le prime fasi di pianificazione. È inoltre necessario realizzare studi preliminari del rispettivo posizionamento di inseguitori solari, edifici, recinzioni, muri ecc. al fine di evitare successive modiche dei vari elementi che comporterebbero un innalzamento dei costi dell'opera. Le figure che seguono mostrano le conseguenze di un'errata pianificazione iniziale; nelle Figure 4, 5 e 6 l'ombra dei sistemi di monitoraggio o di un muro si stende sui moduli. D'altra parte, le Figure 7 e 8 mostrano inseguitori solari costretti in posizione orizzontale e impossibilitati a seguire la rotta d'inseguimento a causa dell'eccessiva vicinanza a un edificio o a un muro. Figura 4. Figura 5. Figura 6. Figura 7. Figura 8. 14

23 3.1. Lavori Pubblici. C3 Organizzazione generale L impianto FV debe essere circondato da un muro o da una recinzione. Questo elemento della fase realizzativa ha due scopi: quello di proteggere l'impianto da furti e, soprattutto, quello di garantire la sicurezza del personale, mettendo le persone fuori dalla recinzione a riparo dal rischio di scariche elettriche, tenendole a distanza dai dispositivi in funzione. Una recinzione mal costruita, o che presenti anomalie, è del tutto inutile. La Figura 9 mostra un esempio di buona recinzione che permette il passaggio ai piccoli animali selvatici della zona, ma non alle persone (v. Figura 227 pratica O2, pagina 126). D'altro canto, le restanti figure mostrano diverse falle nella recinzione. Nella Figura 10, tra recinzione e terreno c'è uno spazio adeguato nella parte inferiore destra, ma troppo grande sul lato sinistro, tanto che consentirebbe a una persona di accedere all'impianto. Un cosa simile è mostrata nella Figura 11, ma in relazione all'estremità superiore della recinzione. Infine, la Figura 12 ritrae uno squarcio che indica chiaramente come la recinzione non soddisfi il proprio scopo. Figura 9. Figura 10. Figura 11. Figura

24 3.1. Lavori Pubblici. C4 Organizzazione generale Una planimetria o mappa dell impianto FV sono necessarie al fine di localizzare ogni elemento che lo compone. L'uso di un sistema segnaletico faciliterà la localizzazione degli inseguitori solari (Figura 14), delle strutture (Figura 15) e degli edifici. Figura 13. Figura 14. Figura 15. Figura

25 3.1. Lavori Pubblici. C5 Drenaggio e protezione dall aqua Fondamenta e sistema di drenaggio devono essere progettati per resistere alle inondazioni. L'acqua può causare l'erosione e lo smottamento del terreno lasciando i pilastri di cemento sospesi nell'aria senza il sostegno del terreno, come mostrato nelle Figure 17 e 18, o può generare spaccature, come nella Figura 19. La rottura dei pilastri possono altresì determinare una separazione delle strutture, come mostra la Figura 20 e la possibilità di rottura dei moduli FV. Figura 17. Figura 18. Figura 19. Figura

26 3.1. Lavori Pubblici. C6 Drenaggio e protezione dall aqua Il sistema di drenaggio deve sopportare situazioni emergenziali e restare in buone condizioni. L'assenza di un adeguato sistema di drenaggio può trasformare fondamenta, marciapiedi ed edifici in delle dighe, causando inondazioni come si mostra nelle Figure 21 e 22. Figura 21. Figura 22. I canali di drenaggio devono essere puliti per permettere all'acqua di scorrere facilmente (Figura 23). In caso contrario, l'accumulo di vegetazione, pietre, sabbia ecc. potrebbe bloccare i canali di drenaggio e causare allagamenti (Figura 24). Figura 23. Figura

27 3.1. Lavori Pubblici. C7 Drenaggio e protezione dall aqua Gli edifici di servizio e le cassette devono essere impermeabili all acqua. Le cassette e gli edifici di servizio che ospitano gli invertitori, i trasformatori, i sistemi di monitoraggio e altra attrezzatura, devono impedire che penetri acqua all'interno per evitare guasti e cali di tensione. Gli edifici devono essere completamente stagni e mantenere invariata la propria struttura cosicché tutte le possibilità d'infiltrazioni d'acqua siano bloccate, come mostrato nella Figura 25. L'acqua non può penetrare poiché il buco è stato otturato e i cavi sono asciutti e puliti (neri). Al contrario, le Figure 27 e 27 mostrano rispettivamente come l'acqua sia penetrata attraverso un'infiltrazione sul tetto e dal pavimento o dalle fondamenta. La Figura 28 mostra i segni di un allagamento: l'acqua è evaporata lasciando i cavi sporchi di fango. Questo perché gli accessi all'edificio non sono stati sigillati e l'acqua è riuscita a penetrare dalle condutture. Tale errore è stato evitato nell'impianto mostrato dalla Figura 25. Figura 25. Figura 26. Figura 27. Figura

28 3.1. Lavori Pubblici. C8 Drenaggio e protezione dall aqua I punti d entrata dei cavi negli edifici devono essere stangni. Nelle installazioni BIPV, il punto d'accesso dei cavi nell'edificio deve essere impermeabile; diversamente l'acqua potrebbe penetrare all'interno. I punti d'ingresso di tubi o condutture devono essere sigillati, al contrario di ciò che si vede nella Figura 29. Al di là del sigillare tubi o condutture, esistono altre tecniche che possono essere impiegate. È possibile sfruttare il principio della caduta dell'acqua per gli accessi posti su muri verticali, con i cavi che curvano a un livello più basso rispetto al punto d'ingresso (Figura 30) o piegati lateralmente rispetto al punto d'ingresso, se si tratta di una superficie orizzontale. Figura 29. Figura

29 3.1. Lavori Pubblici. C9 Drenaggio e protezione dall aqua Le porte di cassette ed edifici devono evitare l ingreso di acqua e sporcizia. Le porte devono proteggere i dispositivi e le attrezzature che si trovano all'interno degli edifici; devono resistere alla corrosione e restare bloccate dopo essere state aperte, per evitare danni dovute a raffiche di vento. Qualora questo non accadesse, le porte rischierebbero di rovinarsi prematuramente e la loro efficacia ne sarebbe limitata. La Figura 31 mostra i cardini di una porta ossidati, il cardine di destra è addirittura piegato. É l'evidente dimostrazione di un danneggiamento dovuto a una raffica di vento, su una porta priva di sistema di bloccaggio. La reiterazione di episodi simili porterebbe a un danno più grave. Al contrario, la porta che vediamo nella Figura 32 ha un sistema di bloccaggio adeguato ed è perfettamente protetta contro l'ossidazione. Figura 31. Figura

30 3.1. Lavori Pubblici. C10 Cavi Durante la fase di costruzione, i cavi devono essere protetti. Le figure che seguono mostrano l'esempio di un impianto FV in cui i cavi sono sistemati a terra, in appositi contenitori (Figura 33). Sfortunatamente, questi contenitori sono vicini ai canali di drenaggio e durante la costruzione dei canali, il calcestruzzo è finito sui cavi e nei contenitori a essi destinati (Figure 34 e 35). Questo, a causa di una reazione chimica tra la guaina e il cemento, potrebbe danneggiare le proprietà dei cavi compresa l'impermeabilità e la resistenza alle condizioni ambientali (alte o basse temperature, pioggia, gelate ecc.) nonostante si tratti di cavi progettati per uso esterno. Figura 33. Figura 34. Figura

31 3.1. Lavori Pubblici. C11 Cavi I cavi devono essere sistemati negli appositi contenitori. La Figura 36 mostra i cavi conduttori di corrente che collegano le cassette di derivazione agli invertitori di un determinato impianto. Questo tipo di sistemazione rappresenta un rischio per il personale che, visto il modo in cui sono stati sistemati, potrebbe inciampare nei cavi. Con l'obiettivo di localizzare e seguire un cavo per l'intero percorso e al fine di evitare rischi per le persone, è opportuno utilizzare le vaschette contenitrici cui si accennava precedentemente (Figura 33, pratica C10, pagina 22). Figura

32 3.1. Lavori Pubblici. C12 Cavi I cavi che vengono interrati, vanno protetti con tubi rigidi. I cavi interrati beneficiano di un ulteriore protezione contro i danneggiamenti meccanici. Ciononostante, è bene che i cavi non siano disposti nei canali senza protezione poiché rischierebbero di venire danneggiati dalla terra. Inoltre, le guaine di alcuni cavi sono fatte di materiale organico (per esempio olio vegetale) e potrebbero essere morse o mangiate da topi e piccoli roditori. Inoltre canaline e condutture facilitano eventuali interventi e sostituzioni. Nel caso mostrato nella Figura 37, i cavi tra le cassette di derivazione e gli invertitori sono sotterrati direttamente nella terra. Sarebbe stato meglio farli passare in tubi o canaline per proteggerli dall'umidità e dagli animali che possono danneggiare o accelerare il deterioramento dei cavi oltre a causare la mancanza di corrente, o un'eccessivo spreco. Figura 37. È buona norma usare tubature diverse per proteggere i cavi di segnale e di potenza. In questo modo si eviterà qualunque interferenza tra i due tipi di cavo. 24

33 3.1. Lavori Pubblici. C13 Cavi I cavi devono essere sotterrati sotto al livello di congelamento. Le buche che ospitano i cavi devono essere abbastanza profonde da portare i cavi al di sotto della temperatura di congelamento. Forti sbalzi di temperatura possono modificare la lunghezza dei cavi e questo, nel caso in cui la compressione/dilatazione fosse eccessiva, potrebbe causare dei danni ai cavi. Per maggiori informazioni sulla profondità minima a cui posizionare i cavi, è necessario ricorrere alle normative locali per la costruzione. Le Figure 38 e 39 mostrano due canali dello stesso impianto. In questa zona la profondità di congelamento è di 60cm (è una misura che varia a seconda del luogo). I cavi nella Figura 38 non sono protetti contro il congelamento poiché la buca non è abbastanza profonda. Al contrario, la profondità della buca nella Figura 39 è sufficiente e pertanto questi cavi saranno meno soggetti a fenomeni di forte compressione/dilatazione. Meno di 60 cm Più di 60 cm Figura 38. Figura

34 3.1. Lavori Pubblici. C14 Tombini I tombini devono essere correttamente istallati. Le Figure 40 e 41 mostrano tombini con danni di entità tale da aver perduto la propria funzione protettiva. Danni che permettono ad acqua, terra, sporcizia e roditori di entrare nei tombini e arrivare ai relativi tubi (si tratta dei tubi posizionati sul fondo del tombino, insicuri nel momento in cui i punti di accesso non sono sigillati). Figura 40. Figura 41. Le Figure 42 e 43 mostrano la costruzione e l'istallazione adeguata dei tombini. È garantita la protezione appropriata e viene evitato l'ingresso di roditori o di materiale di qualunque tipo. Inoltre c'è uno spazio vuoto tra il fondo del tombino e il punto d'ingresso dei tubi. Lo stesso punto d'ingresso è ben sigillato. Figura 42. Figura

35 3.1. Lavori Pubblici. C15 Tombini Per una maggiore protezione, i tombini devono trovarsi in alto rispetto al livello del suolo. Capita che i tombini si rompano per il passaggio di macchinari pesanti, come mostrato nella Figura 40 (pratica C14, pagina 26). Un buon metodo per evitare questa situazione consiste nel costruire tombini di qualche centimetri più alti rispetto al livello del suolo, come mostrato nelle Figure 44 e 45. Un'altra opzione è non istallare i tombini su strade o percorsi su cui passano i macchinari pesanti che possono causare questo tipo di problemi. Figura 44. Figura

36 3.1. Lavori Pubblici. C16 Tetti I tetti che ospitano impianti FV devono essere in buone condizioni. Nelle installazioni BIPV è molto importante considerare le condizioni e le caratteristiche del tetto su cui deve essere posizionato il generatore. Prima dell'istallazione dei moduli FV viene richiesto un esame delle condizioni del tetto. Si tratta di impianti che resteranno al loro posto fino a un massimo di 25 anni. Per questo è necessario assicurare che il tetto in questione non abbia bisogno di riparazioni né di sostituzioni per un lasso di tempo almeno equivalente. I tetti nelle Figure 46 e 47 sono eleggibili per un impianto BIPV, mentre tetti come quelli nelle Figure 48 e 49 devono essere riparati prima che si possa procedere con l'installazione di struttura e moduli FV. La presenza di acqua stagnante su un tetto piatto rappresenta un altro problema che deve essere risolto prima dell'installazione di un BIVP, poiché crea un sovraccarico di peso sul tetto che potrebbe determinarne il deterioramento. Figura 46. Figura 47. Figura 48. Figura

37 3.1. Lavori Pubblici. C17 Tetti Il peso complessivo dell impianto FV (strutture + contrappesi + moduli) deve restare inferiore al massimo carico consentito dal tetto (compresi i margini di sicurezza). Il peso complessivo dell'impianto FV (strutture + contrappesi + moduli) deve restare inferiore al massimo carico consentito dal tetto. Questo deve comprendere i margini di sicurezza consentiti poiché il peso dei macchinari dell'impianto sarà saltuariamente accresciuto dal peso provocato da neve e vento sul tetto. Questi margini di sicurezza (così come definito dalla normativa Eurocode) devono essere calcolati da uno studio d'ingegneria specializzato. Per l'installazione di un BIPV, se necessario, la struttura del tetto dovrebbe essere rinforzata come mostra la Figura 50. Figura

38

39 3.2. Strutture di Supporto.

40

41 3.2. Strutture di Supporto. S1 Messa a terra delle strutture Tutte le parti metalliche della struttura devono avere una messa a terra. Una buona messa a terra dell'impianto protegge persone e apparecchiature elettroniche dalle correnti di dispersione. Tutte le parti metalliche della struttura di supporto, comprese quelle in cui non c'è contatto diretto poiché separate da materiali non conduttori, devono essere interconnesse e avere uno scarico a terra. È un requisito necessario a proteggere le persone dal rischio di scosse elettriche nel caso di cali di corrente o di tempeste elettriche (Figure 51 e 52). In caso contrario, i componenti privi di messa a terra potrebbero raggiungere voltaggi molto alti rispetto al suolo. Potrebbe essere il caso del palo nella Figura 53, a causa del pezzo nero isolante. Figura 51. Figura 52. Pezzo isolante Figura

42 3.2. Strutture di Supporto. S2 Messa a terra delle strutture I cavi per lo scarico a terra devono essere chiaramente identificabili. Il cavo per lo scarico a terra nella Figura 54 era attorcigliato intorno alla struttura di supporto per proteggere le persone dal rischio di scariche elettriche. Ciononostante, il cavo è stato tagliato e la sicurezza è venuta meno. Per la messa a terra delle strutture è raccomandabile l'uso di cavi facili da distinguere dai cavi di potenza. Questo cavo conduttore che arriva al suolo, può essere un cavo nudo come nella Figura 52 (pratica S1, pagina 33) o con un rivestimento di diverso colore, di solito verde o giallo, come nella Figura 70 (pratica S10, pagina 42). Figura

43 3.2. Strutture di Supporto. S3 Montaggio dei moduli fotovoltaici I moduli fotovoltaici vengono fissati con dei morsetti normalmente collocati sul lato lungo. Nel caso di situazioni particolari e di modelli specifici capita che il fissaggio sia posizionato sul lato corto. I moduli fotovoltaici vengono fissati per mezzo di morsetti normalmente collocati sul lato lungo (Figura 55). Nel caso di determinati modelli e in situazioni specifiche, può capitare che i moduli siano fissati lungo il lato corto (Figura 56). Tuttavia questo tipo di fissaggio riduce la capacità del modulo di sopportare sovraccarichi climatici come vento o neve. Il potenziale sovraccarico da agente atmosferico dipende dall'ubicazione dell'impianto e dall'ambiente circostante e dovrebbe essere proporzionato al carico che i moduli sono in grado di sopportare. Il livello di sopportazione oscilla generalmente tra i 2400 e i 5400 Pa. Figura 55. Figura 56. I morsetti devono essere posizionati simmetricamente in modo da evitare una distanza eccessiva dai punti di fissaggio e ottenere una migliore aderenza dei moduli alla struttura, come si è mostrato nella Figura 55, piuttosto che nella Figura 57. Figura 57. È importante consultare il manuale per l'installazione del modulo fotovoltaico per maggiori informazioni sul procedimento corretto e sui punti adeguati per l'applicazione dei morsetti. 35

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Guida alla progettazione

Guida alla progettazione Guida alla progettazione Introduzione Gli Smart Module ampliano significativamente le possibilità di progettazione degli impianti fotovoltaici. I moduli ottimizzati con la tecnologia Tigo Energy possono

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO SUNSAVER TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE Volt sistema Volt PV massimi Ingresso

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Inverter FV SUNNY MINI CENTRAL 4600A / 5000A / 6000A

Inverter FV SUNNY MINI CENTRAL 4600A / 5000A / 6000A Inverter FV SUNNY MINI CENTRAL 4600A / 5000A / 6000A Istruzioni per l installazione SMC46-60A11-IA-it-81 IMI-SMC50A_60A Versione 8.1 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze sull'impiego

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli