ELENA PÎRVU LINGUA ITALIANA. MORFOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELENA PÎRVU LINGUA ITALIANA. MORFOLOGIA"

Transcript

1 ELENA PÎRVU LINGUA ITALIANA. MORFOLOGIA 1

2 2

3 Presentazione del corso Il presente corso di morfologia italiana, tratto dal nostro volume di Morfologia italiana, apparso presso Editura Didactică şi Pedagogică di Bucarest nel 2003, si propone di descrivere, attraverso un percorso didattico che faciliti l apprendimento della lingua italiana, le parti del discorso articolo, nome, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione ed interiezione fornendo per alcune di esse indicazioni relative al loro uso e alla posizione assunta all interno della frase. Le prime 4 unità didattiche (l articolo, il nome, l aggettivo e il pronome) riguardano la materia del primo semestre del primo anno di studio, mentre le altre 5 (il verbo, l avverbio, la preposizione, la congiunzione e l interiezione) riguardano la materia del secondo semestre dello stesso anno di studio. 3

4 Indice delle unità didattiche SEMESTRUL I UD 1. L articolo 1.1. L articolo determinativo 1.2. L articolo indeterminativo 1.3. Usi particolari dell articolo: L articolo con i nomi di persona, L articolo con i cognomi dei personaggi famosi, L articolo con i nomi geografici, L articolo con i nomi dei giorni e dei mesi, L articolo con i nomi di parentela, L articolo con i nomi stranieri, L articolo con le sigle 1.4. L articolo partitivo 1.5. Le preposizioni articolate UD 2. Il nome 2.1. Classificazione dei nomi 2.2. Il genere del nome 2.3. La formazione del femminile: I nomi mobili; I nomi indipendenti; I nomi di genere comune; I nomi di genere promiscuo 2.4. Formazione del plurale: Nomi in -a; Nomi in -o; Nomi in -e 4 p. 9 p.14

5 2.5. Nomi invariabili 2.6. Nomi difettivi 2.7. Nomi sovrabbondanti 2.8. Plurale dei nomi composti UD 3. L aggettivo 3.1. Categorie dell aggettivo 3.2. L aggettivo qualificativo: Genere e numero dell aggettivo qualificativo 3.3. Aggettivi qualificativi invariabili 3.4. Posizione dell aggettivo qualificativo 3.5. Concordanza dell aggettivo qualificativo 3.6. La struttura degli aggettivi qualificativi 3.7. Gradi dell aggettivo qualificativo Gli aggettivi determinativi o indicativi Gli aggettivi possessivi Gli aggettivi dimostrativi Gli aggettivi indefiniti Gli aggettivi interrogativi Gli aggettivi esclamativi Gli aggettivi numerali Aggettivi numerali cardinali Aggettivi numerali ordinali Aggettivi numerali moltiplicativi Numerali distributivi, collettivi e frazionari UD 4. Il pronome 4.1. Classificazione 4.2. I pronomi personali I pronomi personali soggetto I pronomi personali complemento I pronomi allocutivi I pronomi personali riflessivi Si impersonale e si passivante Forme atone polifunzionali: ci, vi, ne 4.3. I pronomi possessivi 4.4. I pronomi dimostrativi 4.5. I pronomi indefiniti 4.6. I pronomi relativi 4.7. I pronomi interrogativi ed esclamativi p.23 p.36 SEMESTRUL II UD 5. Il verbo 5.1. Classificazione Il significato e la funzione dei verbi Il genere dei verbi: verbi transitivi e verbi intransitivi La forma del verbo: attiva, passiva e riflessiva 5.2. Le variabili del verbo La persona, il numero e il genere Il modo Il tempo 5.3. I verbi di servizio I verbi ausiliari I verbi servili I verbi fraseologici I verbi causativi 5.4. Il verbo secondo la flessione: le coniugazioni 5 p.47

6 La coniugazione dei verbi ausiliari La coniugazione attiva La coniugazione passiva La coniugazione riflessiva I verbi irregolari 5.5. Uso dei modi e dei tempi Il modo indicativo e i suoi tempi Il modo congiuntivo e i suoi tempi Il modo condizionale e i suoi tempi Il modo imperativo L infinito e i suoi tempi Il participio e i suoi tempi Il gerundio e i suoi tempi UD 6. L avverbio 6.1. Classificazione degli avverbi 6.2. Gli avverbi di modo 6.3. Gli avverbi di luogo 6.4. Gli avverbi di tempo 6.5. Gli avverbi di giudizio 6.6. Gli avverbi di quantità 6.7. Gli avverbi interrogativi ed esclamativi 6.8. Gli avverbi presentativi 6.9. I gradi dell avverbio UD 7. La preposizione 7.1. Classificazione 7.2. La preposizione di 7.3. La preposizione a 7.4. La preposizione da 7.5. La preposizione in 7.6. La preposizione con 7.7. La preposizione su 7.8. La preposizione per 7.9. Le preposizioni tra e fra UD 8. La congiunzione 8.1. Classificazione 8.2. Le congiunzioni coordinative 8.3. Le congiunzioni subordinative UD 9. L interiezione 8.1. Classificazione 8.2. Le interiezioni proprie 8.3. Le interiezioni improprie p.70 p.77 p.84 p.87 Domande di riepilogo p.89 6

7 7

8 SEMESTRUL I UD 1. L articolo In questa unità didattica si tratta l articolo. Sono trattati, in ordine, l articolo determinativo, l articolo indeterminativo, gli usi particolari dell articolo (l articolo con i nomi di persona, l articolo con i cognomi dei personaggi famosi, l articolo con i nomi geografici, l articolo con i nomi dei giorni e dei mesi, l articolo con i nomi di parentela, l articolo con i nomi stranieri, l articolo con le sigle, omissione dell articolo. la posizione dell articolo), l articolo partitivo e le preposizioni articolate 1.1. L articolo determinativo L articolo indeterminativo Usi particolari dell articolo: L articolo con i nomi di persona, L articolo con i cognomi dei personaggi famosi, L articolo con i nomi geografici, L articolo con i nomi dei giorni e dei mesi, L articolo con i nomi di parentela, L articolo con i nomi stranieri, L articolo con le sigle L articolo partitivo. 8

9 1.5. Le preposizioni articolate Obiectivele unităńii didactice: Cunoaşterea nońiunilor de bază referitoare la morfologia articolului în limba italiană; Cunoaşterea formelor şi a regulilor de folosire a articolelor determinativ şi indeterminativ în limba italiană; Cunoaşterea folosirilor speciale ale articolului în limba italiană; Cunoaşterea formelor şi a regulilor de folosire a articolului partitiv în limba italiană; Cunoaşterea formelor prepozińiilor articulate în limba italiană. Timp alocat: 6 ore L articolo determinativo L articolo determinativo indica una cosa ben definita, che si presuppone già nota. In italiano, l articolo determinativo si accorda in genere e in numero con il nome cui si riferisce e presenta forme diverse a seconda di come inizia la parola che segue (che non è necessariamente il nome a cui l articolo è sintatticamente collegato). In particolare, si usano: - gli articoli il e i, con i nomi maschili, davanti a parole che cominciano per consonante (eccetto x, y, z, s impura e i gruppi consonantici gn, pn, ps, sc): il bambino - i bambini, il bravo scolaro - i bravi scolari; - gli articoli lo e gli, con i nomi maschili, davanti a parole inizianti per s impura, x, y, z, gn, pn, ps, sc, e davanti alle semivocali i e j: lo sbaglio - gli sbagli, lo psicologo - gli psicologi, lo zio - gli zii, lo iato - gli iati, lo gnomo - gli gnomi, lo jugoslavo - gli jugoslavi. Davanti a parole inizianti per vocale, l articolo lo si elide in l : l ospite - gli ospiti. - gli articoli la e le, con tutti i nomi femminili: la casa - le case, la iena - le iene. Davanti a parole inizianti per vocale, la forma la si elide in l : l amica - le amiche L articolo indeterminativo L articolo indeterminativo introduce il nome cui si riferisce lasciandolo su un piano di genericità e di indeterminatezza: Quando vieni portami un giornale. ( un giornale qualsiasi ) In italiano, l articolo indeterminativo ha soltanto il singolare, maschile e femminile. Si accorda quindi solo per genere con il nome cui si riferisce e, inoltre, presenta forme diverse a seconda di come inizia la parola che lo segue immediatamente. In particolare, si usano: - l articolo un, con i nomi maschili singolari, quando la parola che segue inizia con una vocale o con una consonante diversa da x, y, z, s impura, e dai gruppi gn, pn, ps: un amico, un ottimo strumento, un ragazzo; - l articolo uno, con i nomi maschili singolari, quando la parola che segue comincia per x, y, z, s impura, gn, pn, ps, oppure per le semivocali i o j: uno sbaglio, uno xilofono, uno zio, uno studente, uno gnomo, uno pneumatico, uno psicologo, uno iato, uno jugoslavo; 9

10 - l articolo una, con i nomi femminili singolari, quando la parola che segue comincia con una consonante o con le semivocali i e j: una ragazza, una iena, una jugoslava. Davanti a una vocale, l articolo una si elide, ma sempre più raramente, in un : un amica, un arma, un attenta lettura Usi particolari dell articolo 1. Di norma, i nomi propri di persona rifiutano l articolo: Ho visto Mario e Franca., Passerò le vacanze con Paola. Prendono però l articolo quando: sono preceduti da un nome comune o da un aggettivo oppure sono accompagnati da un altra forma di determinazione: l imperatore Augusto; l astuto Ulisse; Tu sei il Roberto che telefona sempre a mia sorella? Non sei più la Francesca di un tempo! sono usati in senso traslato per indicare il titolo di un opera lirica: Questa sera danno l Aida (cioè l opera lirica di Verdi intitolata Aida). 2. Con i cognomi di uomini al singolare, l articolo è facoltativo. Attualmente sembra prevalere l omissione: Ho incontrato Rossi / Ho incontrato il Rossi. Invece abbiamo sempre: Ho incontrato Marco Rossi. Se il cognome si riferisce a un intera famiglia o a più membri di una famiglia, l articolo è obbligatorio, nella sua forma di plurale: Ho visto i Marini (= la famiglia, i coniugi Marini). Le Biagi (= le sorelle Biagi) erano sedute al caffé. Davanti ad alcuni cognomi di personaggi famosi prevale la forma con articolo: l Alighieri, l Alfieri, l Ariosto, il Tasso, il Metastasio ecc. Davanti ad altri, invece, prevale la forma senza articolo: Colombo, Garibaldi, Marconi, Pirandello, Svevo, Verdi, Picasso, Dickens, Pasteur ecc. Le modalità consacrate dall uso hanno per lo più imposto l articolo davanti al nome dei poeti e dei prosatori italiani e, invece, l omissione dell articolo davanti al nome di personaggi famosi in altre discipline e davanti al nome dei poeti e dei prosatori non italiani. L articolo è necessario se il cognome si riferisce a una donna, italiana o straniera: la Deledda, la Morante, la Monroe, la Stone ecc. Tra i nomi geografici, richiedono l articolo: i nomi dei monti: le Alpi, gli Appennini, l Etna, i Balcani ecc. i nomi dei fiumi: il Tevere, l Arno, il Po, la Senna, il Tamigi ecc. i nomi dei laghi, dei mari e degli oceani: il Garda, l Atlantico ecc. i nomi delle regioni, degli stati, dei continenti e delle isole maggiori: il Lazio, l Italia, l Europa, la Sicilia ecc. Questi nomi, però, di solito rifiutano l articolo quando sono usati: come complemento di specificazione: il re di Svezia; l ambasciatore di Gran Bretagna; ma: il presidente degli Stati Uniti. o come complemento di luogo introdotto dalla preposizione in: vivere in Toscana; andare in Francia; ma: recarsi nel Veneto; vivere nelle Marche. Con i nomi dei giorni della settimana, la presenza o l assenza dell articolo determina un mutamento di significato. Se l articolo manca, si intendono sottintesi gli aggettivi prossimo o scorso, a seconda del contesto: Lunedì (= lunedì scorso) ho incontrato Mario. Sabato (= sabato prossimo) andrò in campagna. Se invece il nome del giorno della settimana è preceduto dall articolo determinativo, quest ultimo diventa sinonimo di ogni : 10

11 Il lunedì (= ogni lunedì) vado a Bucarest. Il sabato (= ogni sabato) è la giornata più faticosa. I nomi dei mesi sono sempre usati senza articolo: Febbraio è il mese più breve dell anno. Se però sono accompagnati da un aggettivo qualificativo o da un complemento di specificazione, essi richiedono l articolo: Il marzo scorso è stato molto piovoso. Il novembre di due anni fa sono andata a Torino. L articolo si omette davanti ai nomi di parentela al singolare preceduti da un aggettivo possessivo che non sia loro: mio padre, tua madre, suo fratello, nostra sorella, vostro nipote (ma: il loro padre, la loro madre ecc.). L articolo è invece presente: se i nomi di parentela sono al plurale: le mie sorelle; quando il nome è accompagnato da un attributo: la mia cara moglie, o da un complemento di specificazione: il tuo zio di Roma; quando il nome di parentela è seguito dal possessivo: lo zio suo; con i composti: il mio bisnonno; con i diminutivi e gli affettivi: la nostra sorellina, il vostro figliuolo. Con nonno e nonna l uso è oscillante, nel senso che si può avere o non avere l articolo: la mia nonna o mia nonna. Con i nomi stranieri, in genere si usa lo stesso articolo che si troverebbe in una parola italiana iniziante con lo stesso suono: il check-up, il jet, lo smoking, lo champagne. Davanti ad h che è muta (voci latine e francesi) si usano l ed un: l hôtel, un hotel. Se è invece aspirata (voci inglesi e tedesche) si usano lo e uno: lo hardware; invece l, un si usano nei derivati con suffisso italiano: l hegeliano. Davanti a w che corrisponde a v si usano il e un: il würstel, un würstel. Ma anche se corrisponde alla semiconsonante u, il è molto frequente, invece della forma elisa l che ci aspetteremmo: il weekend; l articolo indeterminativo è un: un weekend. Se le sigle iniziano per vocale, qualunque sia la pronuncia, si usano gli articoli l, gli, un nel numero e genere richiesto dalla sigla: l AGIP (Azienda Generale Italiana Petroli), gli USA (gli Stati Uniti). Se iniziano per consonante, si hanno due possibilità: a) Se si pronunciano come una sola parola, la scelta dell articolo è determinata dal genere e dal numero della prima parola e, con le sigle maschili, nella forma richiesta dalla consonante o dalle consonanti iniziali: la FIAT (Fabbrica Italiana Automobili Torino), le PP.TT. (Poste e Telegrafi), il MEC (Mercato Comune Europeo). b) Se si pronunciano per lettere distinte, si usano il e un quando il nome della prima lettera comincia per consonante: il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) L articolo partitivo L articolo partitivo indica una parte indeterminata, una certa quantità di un tutto divisibile. Indica cioè che la quantità designata dal nome che accompagna non è considerata nella sua totalità, ma solo in parte. Formato dall unione fra l articolo determinativo e la preposizione di, l articolo partitivo presenta tutte le forme articolate della preposizione di: del, dello, della, dell, dei, degli, delle. Al singolare, l articolo partitivo equivale, per significato, alle espressioni: un po di, una certa quantità di, un certo numero di: Ho comprato del pane (= un po di pane). Al plurale, l articolo partitivo equivale ad alcuni, alcune o qualche e sostituisce il plurale dell articolo indeterminativo un, che non esiste: Ho trascorso il tempo leggendo dei giornali (= alcuni giornali). 11

12 1.5. Le preposizioni articolate Nell ambito dei vari complementi che caratterizzano la frase, l articolo determinativo è preceduto da una delle preposizioni di, a, da, in, su, con, e si unisce con esse dando luogo alle cosiddette preposizioni articolate. Naturalmente, a ogni forma dell articolo determinativo corrisponde una forma di preposizione articolata, come appare anche dalla seguente tabella: il lo la l i gli le Di del dello della dell dei degli delle A al allo alla all ai agli alle Da dal dallo dalla dall dai dagli dalle In nel nello nella nell nei negli nelle Su sul sullo sulla sull sui sugli sulle Con col collo colla coll coi cogli colle Per quanto riguarda le preposizioni articolate formate da con, occorre distinguere tra l uso scritto e l uso parlato. Nella lingua scritta si preferiscono in genere le forme staccate con il, con la, con i ecc.; tra le forme unite si usa ancora col, mentre le altre hanno un carattere letterario. Nella lingua parlata, invece, prevalgono le preposizioni articolate col, colla, coi, cogli ecc., che sono più facili da pronunciare: Quella donna chiacchiera sempre con i passanti. Le forme articolate della preposizione per si trovano solo nel linguaggio letterario. Oggi si usano le forme staccate per il, per la ecc.: Il volo è stato rimandato per la fitta nebbia. BIBLIOGRAFIA DI BASE Elena Pîrvu, Morfologia italiana, Bucureşti, Editura Didactică şi Pedagogică, 2003, pp Maurizio Dardano; Pietro Trifone, Grammatica italiana. Con nozioni di linguistica, Terza Edizione, Bologna, Zanichelli Editore, 1995, pp Luca Serianni (con la collaborazione di Alberto Castelvecchi), Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Bologna, UTET Libreria, 1989, pp TRACCIA PER LA VERIFICA FORMATIVA DEI CONTENUTI 1. Indicare gli usi delle forme dell articolo determinativo. 2. Indicare gli usi delle forme dell articolo indeterminativo. 3. Come si usa l articolo con i nomi di persona? 4. Come si usa l articolo con con i cognomi dei personaggi famosi? 5. Come si usa l articolo con i nomi geografici? 6. Definire l articolo partitivo. 7. Indicare le forme delle preposizioni articolate. 12

13 UD 2. Il nome In questa unità didattica si tratta il nome. Sono trattati, in ordine, i seguenti argomenti: classificazione dei nomi, il genere del nome, la formazione del femminile (i nomi mobili; i nomi indipendenti; i nomi di genere comune; i nomi di genere promiscuo), la formazione del plurale (nomi in -a; nomi in -o; nomi in -e), i nomi invariabili, i nomi difettivi, i nomi sovrabbondanti ed il plurale dei nomi composti Classificazione dei nomi Il genere del nome La formazione del femminile: I nomi mobili; I nomi indipendenti; I nomi di genere comune; I nomi di genere promiscuo Formazione del plurale: Nomi in -a; Nomi in -o; Nomi in -e 2.5. Nomi invariabili 2.6. Nomi difettivi 2.7. Nomi sovrabbondanti 2.8. Plurale dei nomi composti Obiectivele unităńii didactice: 13

14 Cunoaşterea nońiunilor de bază referitoare la morfologia substantivului în limba italiană; Cunoaşterea criteriilor de clasificare a substantivelor în limba italiană; Cunoaşterea regulilor de formare a femininului substantivelor în limba italiană şi a clasificării substantivelor din limba italiană în funcńie de modalităńile de formare a femininului; Cunoaşterea regulilor de formare a pluralului substantivelor în limba italiană; Cunoaşterea substantivelor invariabile, defective, supraabundente şi compuse din limba italiană. Timp alocat: 6 ore Classificazione dei nomi a) A seconda del loro significato, i nomi si dividono in: nomi comuni e nomi propri, nomi individuali e nomi collettivi, nomi concreti e nomi astratti. I nomi comuni designano in modo generico ogni possibile entità di una specie, categoria o classe: studente, professore, fiume, cavallo, zio, sedia ecc. I nomi propri designano un particolare individuo di una specie o categoria: Marco, Italia, Torino, Europa ecc. I nomi individuali designano un individuo all interno della categoria cui appartiene: Carla, cavallo, immagine ecc. I nomi collettivi sono nomi che, pur essendo al numero singolare, indicano un insieme di individui appartenenti a una stessa specie: coppia, paio, dozzina, gente, folla, gregge ecc. I nomi concreti designano realtà materiali percettibili dai sensi: uomo, gatto, tavolo, sedia, pioggia, Mario, Tevere ecc. I nomi astratti designano entità appartenenti alla sfera del pensiero, dei sentimenti: azioni, gioia, modestia, pace, bellezza, speranza, lealtà, giustizia ecc. b) A seconda della loro forma o, meglio, in rapporto al modo in cui sono formati come parole, i nomi possono essere: primitivi, derivati, alterati, composti. I nomi primitivi sono quei nomi che non derivano da nessun altra parola: uomo, leone, casa, fiore, giorno ecc. I nomi primitivi sono costituiti soltanto dalla radice e dalla desinenza. Essi sono il punto di partenza per la formazione dei nomi derivati, degli alterati e dei nomi composti. I nomi derivati sono quei nomi che derivano da altri nomi: fiore fiorista, fioraio, fioriera, fioritura. La derivazione da nomi primitivi avviene mediante l aggiunta di un suffisso (fiorista) o un prefisso (in-coscienza). Taluni nomi derivati presentano tanto un suffisso quanto un prefisso: in-fiorescenza. I nomi alterati sono i nomi che, mediante appositi suffissi, alterano, cioè modificano lievemente, il loro significato, in modo da portarlo a esprimere particolari sfumature qualitative: ragazzo ragazzino ragazzo minuto e/o molto giovane ; ragazzone ragazzo grande e grosso ; ragazzaccio ragazzo discolo e scapestrato. A seconda dei suffissi che li modificano e, quindi, della sfumatura qualificativa che esprimono, i nomi alterati si dividono in: nomi diminutivi (indicano piccolezza), nomi vezzeggiativi (indicano piccolezza con una sfumatura di simpatia e di gentilezza): nomi accrescitivi (indicano grandezza) e nomi peggiorativi (indicano disprezzo o avversione). 14

15 2.2. Il genere del nome Rispetto al genere, il nome può essere maschile o femminile. Per quanto riguarda le persone e gli animali, la classificazione è in relazione al sesso: lo scrittore, il padre, il leone ecc. / la scrittrice, la madre, la leonessa ecc. Però ci sono anche dei casi in cui il genere grammaticale e il genere naturale non coincidono. Per esempio, i nomi la guardia, la spia, la recluta, la sentinella ecc., pur essendo femminili sotto il profilo grammaticale, si usano anche per designare uomini. Con questi nomi, gli eventuali aggettivi e participi passati riferiti a essi devono, ovviamente, essere accordati al femminile, perché quello che conta è il genere grammaticale del nome. Viceversa, vi sono alcuni nomi di persona di genere maschile che designano per lo più donne, come taluni termini specialistici del linguaggio della musica: il soprano, il mezzosoprano, il contralto. Gli eventuali aggettivi e participi passati riferiti a questi nomi devono, naturalmente, essere sempre accordati al maschile, in base al genere grammaticale del nome. Per i nomi di cosa, cioè per i nomi che indicano oggetti, concetti astratti o azioni, la distinzione tra il genere maschile e il genere femminile è puramente convenzionale. Il genere del nome si determina con l aiuto del significato e della desinenza. Secondo il significato, sono di genere maschile: i nomi degli alberi: l abete, il ciliegio, il melo, il pino, il pioppo, l ulivo ecc. Però sono femminili: la vite, la palma, la quercia. i nomi dei metalli e degli elementi chimici: l oro, l argento, il ferro, il bronzo; l ossigeno, l idrogeno, l uranio ecc.; i nomi dei mesi e dei giorni della settimana (tranne la domenica): il bell agosto, il freddo dicembre, il lunedì, il sabato ecc.; i nomi dei monti, dei mari, dei fiumi e dei laghi: i Carpazi, gli Appennini, il Mediterraneo, lo Jonio, l Atlantico, il Po, il Tevere, il Garda ecc. Tra i nomi dei monti e dei fiumi, sono numerosi anche quelli femminili: le Alpi, le Dolomiti, le Ande, la Senna, la Loira ecc. i nomi dei punti cardinali: il Nord (il Settentrione), il Sud (il Mezzogiorno), l Est (il Levante, l Oriente), l Ovest (l Occidente). Sono, invece, di genere femminile: i nomi dei frutti: la pera, l arancia, uva, la pesca, l albicocca ecc. Sono, però, numerosi anche i nomi maschili: il limone, il mandarino, il pompelmo. i nomi delle scienze e, in genere, delle nozioni astratte: la matematica, l astronomia, la linguistica, la bontà, la giustizia, la pace, la fede ecc.; i nomi degli Stati e delle regioni: l Italia, la Francia, la Toscana, le Marche. Sono maschili: il Belgio, l Egitto, gli Stati Uniti, il Friuli, il Lazio ecc.; i nomi dei continenti, delle città e delle isole: l Europa, l Asia, l affollata Milano, la Sicilia,ecc. Sono maschili: il Cairo, il Pireo, il Madagascar ecc. Secondo la desinenza, sono di genere maschile: i nomi con la desinenza in -o: il libro, il quadro, il treno, il discorso ecc. Molti nomi, però, sono femminili pur avendo la desinenza in -o: la mano, la radio, la biro. La parola eco è femminile al singolare (l eco, una forte eco) e maschile al plurale (gli echi). Sono inoltre femminili molti nomi che terminano in -o per effetto di un accorciamento, come ad esempio: la moto (da motocicletta), l auto (da automobile) ecc. i nomi che terminano con una consonante. Per lo più si tratta di nomi di origine straniera: il bar, il film, il tram, il gas, lo slogan, il toast, l ananas. Ma, pur terminando in consonante, taluni nomi sono femminili perché femminili sono nella loro lingua originaria: la star, la miss, l holding ecc. Sono, invece, femminili: i nomi con la desinenza in -a: la ragazza, la sedia, la terra ecc. Sono però maschili vari nomi derivanti dal greco, specie con la terminazione in -ma: il poema, il 15

16 problema, il teorema, dramma, lo stemma; e alcuni altri, come: il vaglia, il pigiama. Sono maschili, nonostante la desinenza in -a, anche alcuni nomi propri: Andrea, Cosma ecc. i nomi con la desinenza in -i: la crisi, un analisi, la tesi, la sintesi, l oasi. Sono maschili: il brindisi, il bisturi, il safari, l alibi. i nomi che terminano in -tà e tù: la bontà, la verità; la virtù, la gioventù ecc. Sono maschili alcuni nomi in -ù di origine straniera: il tutù, il caucciù, il tabù. Osservazione: I nomi con la desinenza in -e possono essere tanto di genere maschile quanto di genere femminile: il mare, il dente, il fiume, l amore ecc.; la neve, la notte, la chiave ecc La formazione del femminile I nomi di cosa hanno un genere grammaticale fisso, determinato dall uso linguistico: essi, perciò, sono sempre maschili o femminili, e non possono subire trasformazioni nel genere. Invece, i nomi che designano esseri animati possono avere i due generi, maschile e femminile, a seconda che indichino un essere di sesso maschile o un essere di sesso femminili. A seconda di come avviene il passaggio dalla forma maschile alla corrispondente forma femminile, i nomi che indicano esseri animati si suddividono in: - nomi mobili: il sarto / la sarta; lo spettatore / la spettatrice; - nomi indipendenti: il padre / la madre; - nomi di genere promiscuo: il leopardo maschio / il leopardo femmina; - nomi di genere comune: il preside / la preside. La maggior parte dei nomi di esseri animati sono mobili, cioè passano dal maschile al femminile mediante il cambiamento della desinenza o l aggiunta di un suffisso, senza modificare la radice o con modifiche minime determinate dalla necessità di conservare, ad esempio, il suono velare di c o di g (duca duchessa). Così: - I nomi che al maschile terminano in -o passano al femminile prendendo la desinenza -a: il figlio - la figlia, il gatto - la gatta. - I nomi che al maschile terminano in -a formano di norma il femminile aggiungendo al tema il suffisso -essa: il poeta - la poetessa, il duca - la duchessa. - I nomi che al maschile terminano in -e formano il femminile in due modi diversi. Alcuni mutano la desinenza -e in -a: il signore - la signora, il padrone - la padrona. Altri, per lo più indicanti professioni, cariche o titoli nobiliari e nomi di animali, aggiungono al tema il suffisso -essa: lo studente - la studentessa, il principe - la principessa, il leone - la leonessa. Altri, infine, presentano la stessa forma per il maschile e per il femminile e sono, quindi, nomi di genere comune: il nipote - la nipote, il cantante - la cantante. - I nomi che al maschile terminano in -tore (i cosiddetti nomi di agente) formano il femminile, per lo più, in -trice: lo scrittore - la scrittrice, il pittore - la pittrice. Il nome dottore presenta al femminile la forma dottoressa. - I nomi che al maschile finiscono in -sore (anch essi nomi d agente) sono adoperati raramente al femminile, ottenuto aggiungendo la desinenza -itrice alla radice del verbo da cui derivano: il difensore - la difenditrice, il possessore - la posseditrice. Professore fa professoressa (questo è l unico sostantivo in -sore che ha una forma femminile molto comune nell uso). - Formano il femminile al di fuori degli schemi sopra registrati o modificando sostanzialmente la radice: il dio - la dea, il doge - la dogaressa, l eroe - l eroina, l abate - la badessa, il re - la regina, il cane - la cagna, il gallo - la gallina ecc. Sono detti indipendenti i nomi che presentano la caratteristica di avere forme di maschile e di femminile derivanti da radici completamente diverse, come in: il padre - la madre, il toro - la vacca, il marito - la moglie, il fratello - la sorella. 16

17 In questa categoria rientrano anche gli aggettivi celibe (l uomo non coniugato) e nubile (la donna non coniugata), che sono spesso usati come sostantivi. Alla categoria dei nomi di genere comune appartengono: - alcuni nomi in -e: il nipote - la nipote, il custode - la custode; - i nomi che rappresentano la forma sostantivata di participi presenti: il cantante - la cantante, un insegnante - un insegnante; - alcuni nomi in -a: un ipocrita - un ipocrita, il collega - la collega; - i nomi in -ista e in -cida: un artista - un artista, il giornalista - la giornalista, un omicida - un omicida, il suicida - la suicida. I nomi dei primi due gruppi sono ambigeneri non solo al singolare, ma anche al plurale: il cantante / la cantante - i cantanti / le cantanti. Per gli altri nomi, invece, la comunanza del genere è limitata esclusivamente al singolare, giacché nel plurale essi presentano forme diverse per il maschile e per il femminile: il collega / la collega - i colleghi / le colleghe. Tra i nomi di animali, alcuni si comportano come nomi mobili (orso / orsa; leone / leonessa) e altri come nomi indipendenti (fuco / ape; toro / vacca). La maggior parte dei nomi di animali, però, sono di genere promiscuo, hanno cioè un unica forma, maschile o femminile, per indicare tanto il maschio quanto la femmina: la giraffa, la panterra, la volpe, la rondine ecc.; il corvo, il delfino, il leopardo, il serpente ecc. In questi casi, per distinguere il genere naturale si aggiunge maschio o femmina: il leopardo maschio / il leopardo femmina; la volpe maschio / la volpe femmina; oppure: il maschio del leopardo / la femmina del leopardo. Ci sono poi dei nomi zoologici che possono essere maschili e feminili, sempre nella medesima forma: il serpe - la serpe, il lepre - la lepre. Tuttavia il maschile non si usa solo per il maschio e il femminile solo per la femmina, ma entrambi si adoperano sia per l uno sia per l altra. Perciò anche qui, se si vuole distinguere, bisogna specificare il sesso e dire: il lepre maschio - il lepre femmina, la lepre maschio - la lepre femmina Formazione del plurale Dal punto di vista morfologico, la differenza tra i nomi singolari e i nomi plurali è marcata per lo più da una diversa desinenza. Ma ci sono anche nomi che hanno la medesima forma al singolare e al plurale (nomi invariabili), nomi privi di singolare o di plurale (nomi difettivi) e nomi con più forme di singolare o di plurale (nomi sovrabbondanti). Il plurale dei nomi si forma, nella maggior parte dei nomi, mutando la desinenza morfologica del singolare. Per comodità, a seconda della desinenza del singolare, in italiano i nomi si suddividono in tre classi: nomi in -a, nomi in -o e nomi in -e. Nomi in -a. I nomi che al singolare terminano in -a formano il plurale in -i, se sono maschili, in -e, se sono femminili: il problema - i problemi, la casa - le case. Osservazioni: 1. I nomi che terminano in -ca e -ga conservano al plurale il suono velare (duro) della c e della g. Perciò formano il plurale in -chi e -ghi se sono maschili, in -che e -ghe se sono femminili: il duca - i duchi, il collega - i colleghi, la basilica - le basiliche. 2. I nomi femminili in -cìa e -gìa con i tonica, cioè accentata, formano il plurale regolarmente, in -cie e -gie, conservando la i: la farmacia - le farmacie, la bugia - le bugie. 3. I nomi femminili in -cia e -gia con i atona, cioè non accentata, formano il plurale in -cie e -gie, conservando la i, se le consonanti c e g sono precedute da vocale: la 17

18 camicia - le camicie, la ciliegia - le ciliegie; e in -ce e -ge, perdendo la i, se le consonanti c e g sono precedute da consonante: la pronuncia - le pronunce, la pioggia - le piogge. Nomi in -o. I nomi che al singolare terminano in -o prendono al plurale la desinenza -i: il bambino - i bambini, la mano - le mani. Osservazioni: 1. I nomi in -co e -go non seguono un comportamento costante nella formazione del plurale. In linea di massima, se sono piani, cioè accentati sulla penultima sillaba, conservano il suono velare (duro) delle consonanti c e g, ed escono in -chi e -ghi; se sono sdruccioli, cioè accentati sulla terzultima sillaba, formano il plurale in -ci e -gi, con la palatalizzazione: il banco - i banchi, il medico - i medici, il teologo - i teologi. Fra i nomi piani fanno eccezione: l amico - gli amici, il nemico - i nemici ecc. Fra gli sdruccioli, molto più numerosi: il dialogo - i dialoghi, l incarico - gli incarichi, il catalogo - i cataloghi ecc. Molto numerosi sono poi i nomi sdruccioli che presentano entrambe le forme: chirurgo - chirurgi, chirurghi; stomaco - stomaci, stomachi ecc. 2. Per i nomi uscenti in -logo, in linea di massima, vale la seguente regola pratica: i nomi in -logo hanno il plurale in -logi se si riferiscono a persone: il sociologo - i sociologi; e hanno, invece, il plurale in -loghi se si riferiscono a cose: il dialogo - i dialoghi. 3. I nomi uscenti in -ìo con la i tonica, cioè accentata, formano, senza eccezioni, il plurale regolarmente in -ìi: lo zìo - gli zìi, il rinvìo - i rinvìi. 4. I nomi uscenti in -io con la i atona, cioè non accentata, formano, invece, il plurale in -i. In taluni casi la -i- del tema si fonde con la -i della desinenza plurale: il cambio - i cambi, l occhio - gli occhi. Invece nei nomi in cui la -i- del tema è solo un segno grafico con la funzione di rappresentare il suono palatale della consonante o del gruppo consonantico che precede la desinenza del singolare -o, tale -i- cade: il figlio - i figli, il bacio - i baci. 5. I nomi uomo, dio e tempio formano il plurale rispettivamente in uomini, dei, templi, per influenza delle corrispondenti forme latine (homines, dei, templa). 6. Alcuni nomi di genere maschile uscenti in -o diventano al plurale di genere femminile e assumono la desinenza -a: il paio - le paia, il centinaio - le centinaia ecc. 7. Quasi tutti i nomi femminili uscenti in -o sono invariabili, presentano cioè al plurale la stessa forma del singolare: la biro - le biro, la moto - le moto. Nomi in -e. I nomi che al singolare terminano in -e formano il plurale in -i, siano maschili o femminili: il padre - i padri, la madre - le madri. Osservazioni: 1. Il nome bue presenta il plurale irregolare buoi. 2. Nei multipli, mille assume una speciale forma di plurale: -mila: tremila. 3. I nomi uscenti in -ie sono, di solito, invariabili. Fanno eccezione i seguenti nomi, che formano il plurale in -i: l effigie - le effigi, la superficie - le superfici, la moglie - le mogli. Esistono anche le forme invariate le superficie e le effigie, ma sono meno comuni Nomi invariabili Si chiamano invariabili i nomi che conservano al plurale la stessa forma del singolare. Per distinguere il numero bisogna affidarsi all articolo, all aggettivo, al verbo, e in generale al contesto. Appartengono alla categoria dei nomi invariabili: i nomi monosillabici terminanti in vocale: il re - i re, la gru - le gru; i nomi terminanti in vocale tonica: il caffè - i caffè, la città - le città; i nomi delle lettere dell alfabeto: la effe - le effe, l acca - le acca; i nomi, per lo più di origine straniera, che terminano in consonante: il film - i film, lo sport - gli sport; 18

19 i nomi in -i, per lo più femminili: il brindisi - i brindisi, la crisi -le crisi; alcuni nomi maschili terminati in -a: il cinema - i cinema, il vaglia - i vaglia; quasi tutti i nomi femminili che terminano in -o: la moto - le moto; Mano, però, forma il plurale regolarmente, in mani. i nomi che terminano in -ie, tutti femminili: la serie - le serie Nomi difettivi I nomi difettivi sono i nomi privi di uno dei due numeri, cioè i nomi che si usano soltanto al singolare o soltanto al plurale. a) Sono usati solo al singolare e quindi mancano del plurale: la maggior parte dei nomi astratti: il coraggio, la pazienza, l umiltà, ecc.; i nomi degli elementi chimici e dei metalli: il ferro, l idrogeno, l uranio, ecc.; i nomi che indicano cose uniche in natura: l universo, l equatore ecc.; certi nomi di feste: il Natale, la Pasqua, la Pentecoste, l Epifania ecc.; alcuni nomi di malattie: il tifo, il morbillo, la peste, la malaria ecc.; molti nomi di prodotti alimentari: il grano, il latte, il miele, il mais ecc.; alcuni nomi collettivi: la gente, la folla, la plebe, la prole, il fogliame ecc.; altri nomi come: il sangue, la sete, la fame, il fiele, il buio ecc. b) Sono usati solo al plurale e quindi mancano del singolare: alcuni nomi che indicano oggetti in cui si possono distinguere due o più parti uguali: gli occhiali, i calzoni, le forbici, le cesoie ecc.; alcuni nomi che indicano un insieme o una pluralità di cose o di azioni: le stoviglie, i viveri, le spezie, i bronchi, gli spiccioli, le vicinanze, i dintorni ecc.; i nomi che già in latino mancavano del singolare: le esequie, le tenebre ecc Nomi sovrabbondanti Si chiamano sovrabbondanti alcuni nomi con doppia forma di singolare o plurale, spesso con significato diverso. a) Sono sovrabbondanti nel singolare, cioè presentano una doppia forma di singolare, alcuni nomi maschili che accanto alla forma in -iero presentano anche la forma in -iere. Le due forme hanno lo stesso significato, ma solo la prima è adoperata comunemente, mentre l altra è di uso solo letterario: il forestiero / il forestiere - i forestieri il destriero / il destriere - i destrieri il nocchiero / il nocchiere - i nocchieri b) Un ristretto numero di nomi presenta una doppia forma sia al singolare che al plurale. Appartengono a questa categoria: l orecchio / l orecchia - gli orecchi / le orecchie la strofa / la strofe - le strofe / le strofi il frutto / la frutta - i frutti / le frutta, le frutte il rigo / la riga - i righi / le righe il legno / la legna - i legni / le legne, le legna ecc. c) Presentano due forme di plurale parecchi nomi maschili uscenti in -o che, oltre il plurale normale in -i, ne hanno un altro con desinenza in -a, di genere femminile. Quanto al significato, la forma di plurale maschile ha, di solito, significato figurato, mentre la forma di plurale femminile viene usata in senso proprio; tuttavia nell italiano di oggi tale differenza non è osservabile in tutti i casi. I principali nomi maschili in -o con due forme di plurale sono: il braccio - i bracci (di un fiume, di una poltrona ecc.) - le braccia (del corpo umano) il cervello - i cervelli (gli ingegni, le menti) 19

20 il ciglio il corno il dito il filamento il filo il fondamento il fuso il gesto il ginocchio l osso l urlo il vestigio - le cervella (materia cerebrale) - i cigli (di una strada, di un fosso) - le ciglia (degli occhi) - i corni (strumenti musicali) - le corna (degli animali) - i diti (considerati distintamente l uno dall altro) - le dita (della mano, considerate nel loro insieme) - i filamenti / le filamenta (senza differenza di significato) - i fili (dell erba, della luce ecc.) - le fila (di una congiura, del formaggio fuso) - i fondamenti (di una scienza) - le fondamenta (di una costruzione) - i fusi (rocchetti della filatura; i fusi orari) - le fusa (in frasi come: il gatto fa le fusa) - i gesti (i movimenti) - le gesta (le imprese) - i ginocchi / le ginocchia (senza differenza di significato) - gli ossi (di un animale macellato) - le ossa (l ossatura di un essere vivente) - gli urli (soprattutto degli animali) - le urla (dell uomo) - i vestigi / le vestigia (senza differenza di significato) 2.8. Plurale dei nomi composti Il comportamento dei nomi composti per quanto riguarda il passaggio dal singolare al plurale cambia secondo il tipo di parole da cui sono costituiti. I casi più comuni sono: a) sostantivo + sostantivo I nomi formati da due sostantivi mutano nel plurale soltanto la desinenza del secondo termine: il cavolfiore - i cavolfiori, la ferrovia - le ferrovie Per quanto riguarda i nomi composti con la parola capo, si può dire che: in quelli sentiti ormai come nomi semplici, il plurale si forma modificando solo la desinenza finale: il capolavoro - i capolavori; in quelli in cui l elemento capo significa colui che è capo di... si mette al plurale il primo elemento: il capoufficio - i capiufficio; quando capo significa colei che è capo di..., cioè il composto è femminile, rimane invariato al plurale: la capoclasse - le capoclasse. b) sostantivo + aggettivo I nomi composti da un sostantivo seguito da un aggettivo trasformano in plurale entrambe le parole componenti: il caposaldo - i capisaldi, la cassaforte - le casseforti. c) aggettivo + sostantivo I nomi composti formati da un aggettivo seguito da un nome, al plurale, di norma, modificano solo la desinenza del secondo elemento, se il nome composto è maschile: il bassorilievo - i bassorilievi. Se il nome composto da un aggettivo e un nome è femminile, in genere entrambi gli elementi assumono la desinenza del plurale: la malalingua - le malelingue. d) aggettivo + aggettivo I nomi composti da due aggettivi formano il plurale cambiando la desinenza finale: il sordomuto - i sordomuti. e) verbo + sostantivo I nomi formati da un verbo e un sostantivo si comportano in maniera diversa a seconda che il sostantivo sia singolare o plurale. Se il sostantivo è plurale, il nome composto resta invariato: l accendisigari - gli accendisigari. Se il sostantivo è singolare, il nome composto può assumere la desinenza del plurale o rimanere invariato. 20

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Studio Oblique Studio

Studio Oblique Studio Concordanze nel numero e nel genere La grammatica è certo un complesso di regole, ma non è neppure la matematica dove due più due fanno sempre quattro. La lingua nasce anche da un sentimento, da un gusto

Dettagli

LE PREPOSIZIONI ITALIANE

LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI SEMPLICI Esempi: DI A DA IN CON SU PER TRA FRA Andiamo in citta`. Torniamo a Roma. Viene da Palermo. LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE Preposizione + articolo determinativo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO IL PASSATO PROSSIMO Il passato prossimo in italiano è un tempo composto. Si forma con le forme del presente di ESSERE o AVERE (verbi ausiliari) più il participio passato del verbo principale: sono andato

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose?

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? I nomi Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? Semplice...l'uomo moltissimi anni fa, per non fare confusione. Osserva lo strano oggetto

Dettagli

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Quaderns d Italià 3, 1998 91-96 L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Ursula Bedogni Abstract The great variety in the usage of the comparatives in Italian often causes problems

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln

L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln L uso dell articolo con i nomi propri italiani regole generali Verwendung des Artikels bei italienischen Eigennamen - generelle Regeln 1. Nomi di persona/battesimo (Personennamen) e cognomi (Familiennamen)

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Io e gli altri T CD 1 1 Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Scrivi le risposte nell ordine giusto, dalla

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Questo libro elettronico può essere stampato su carta oppure può essere letto e annotato direttamente a monitor con gli strumenti dell interfaccia di

Questo libro elettronico può essere stampato su carta oppure può essere letto e annotato direttamente a monitor con gli strumenti dell interfaccia di Questo libro elettronico può essere stampato su carta oppure può essere letto e annotato direttamente a monitor con gli strumenti dell interfaccia di lettura. A questo fine si consiglia di salvare il file

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

M. Silvestrini C. Ciliberto M. Ferretti L. Filippucci. Dai, prova! Pratiche per le abilità linguistiche

M. Silvestrini C. Ciliberto M. Ferretti L. Filippucci. Dai, prova! Pratiche per le abilità linguistiche M. Silvestrini C. Ciliberto M. Ferretti L. Filippucci Dai, prova! Pratiche per le abilità linguistiche Attività per la: competenza linguistica comprensione orale comprensione scritta produzione orale produzione

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa 5 Oggi dobbiamo fare la spesa perché questa sera vogliamo organizzare una festa a casa nostra. Così decidiamo di andare al supermercato, quello di fronte alla banca, dove

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli