ANID Informativa Ambientale Marzo 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANID Informativa Ambientale Marzo 2015"

Transcript

1 ALCUNE SCADENZE AL 30 APRILE 2015 Pagamento Diritto Annuale Trasporto Rifiuti in conto proprio Pagamento diritto annuale albo gestori ambientali Pagamento diritto annuale SISTRI MUD - Modello Unico di dichiarazione ambientale 2015 MUD RIEPILOGO SOGGETTI OBBLIGATI I soggetti obbligati alle dichiarazioni ambientali sono di seguito individuati. Comunicazione Rifiuti speciali chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione; imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti; imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00; imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi. Comunicazione Veicoli Fuori Uso soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali. Comunicazione Imballaggi sezione Consorzi CONAI o altri soggetti di cui all'articolo 221, comma 3, lettere a) e c); sezione Gestori rifiuti di imballaggio impianti autorizzati a svolgere operazioni di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/

2 Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento. SISTRI SANZIONI E SOGGETTI CON ISCRIZIONE OBBLIGATORIA Come già riportato nella precedente informativa dal 01/04/2015 sono applicabili le sanzioni per l'omessa iscrizione e pagamento del contributo da parte dei soggetti obbligati. Si riporta pertanto di seguito l'elenco dei soggetti obbligati all'iscrizione al SISTRI. ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall'articolo 184-bis del Decreto Legislativo 152/2006 ss.mm.ii.; lavorazioni industriali; lavorazioni artigianali; attività commerciali; attività di servizio; attività sanitarie; attività agricole e agroindustriali ad esclusione, indipendentemente dal numero dei dipendenti, degli imprenditori agricoli di cui all'art del codice civile che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta. attività di pesca e acquacoltura ad esclusione, indipendentemente dal numero dei dipendenti, degli enti e delle imprese iscritti alla Sezione Speciale «Imprese 2

3 Agricole» del Registro delle Imprese che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta. Si intendono per tali i soggetti che, come conseguenza della loro primaria attività professionale, producono rifiuti speciali pericolosi. Si deve ritenere, infatti, che non rientrino nella previsione normativa i rifiuti urbani, ancorché pericolosi. Inoltre, si ritiene che da tale obbligo debbano essere esclusi i produttori che non sono organizzati in enti o imprese. TRASPORTATORI IN CONTO PROPRIO DI RIFIUTI PERICOLOSI Si intendono per tali le imprese che trasportano i rifiuti pericolosi da loro stessi prodotti iscritte alla Albo Nazionale Gestori Ambientali in categoria 5. ENTI E IMPRESE PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI CHE EFFETTUANO ATTIVITÀ DI STOCCAGGIO; Si intendono per tali gli enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che effettuano: attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare prima di una delle operazioni di cui ai punti da D1 a D14 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti). attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R1 a R12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti). TRASPORTATORI A TITOLO PROFESSIONALE DI RIFIUTI PERICOLOSI Si intendono per tali gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale GESTORI DI RIFIUTI PERICOLOSI 3

4 Si intendono per tali gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi, inclusi i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi. NUOVI PRODUTTORI DI RIFIUTI: si intendono per tali i soggetti che sottopongono i rifiuti pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti (eventualmente, anche non pericolosi) diversi da quelli trattati, per natura o composizione, ovvero che sottopongono i rifiuti non pericolosi ad attività di trattamento ed ottengono nuovi rifiuti pericolosi; tali soggetti sono tenuti ad iscriversi sia nella categoria gestori che in quella dei produttori ed a versare il contributo per ciascuna categoria di appartenenza secondo quanto disposto dall allegato 2 del Decreto Ministeriale 52/2011 ss.mm.ii.; OPERATORI DEL TRASPORTO INTERMODALE Si intendono per tali, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa navale o ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto. ENTI E IMPRESE CHE EFFETTUANO LA RACCOLTA, IL TRASPORTO, IL RECUPERO, LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CAMPANIA; Si intendono per tali i comuni, le imprese di trasporto e gli impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti urbani prodotti nella regione Campania e ubicati nel territorio della regione Campania di cui al comma 4 dell articolo 188-ter, del Decreto Legislativo 152/2006 ss.mm.ii.. QUESITI DAI SOCI Riguardo allo smaltimento degli erogatori utilizzati ed ora in disuso o rotti, le chiedo quale CER è meglio attribuire a tali rifiuti? Nel caso venissero classificati * (rifiuti potenzialmente infettivi) devo inserirli nei contenitori di cartone appropriati o anche in sacchi ben chiusi? 4

5 RISPOSTA La classificazione degli erogatori usati ed attualmente in disuso o rotti ritengo possa seguire due percorsi distinti in base alle esigenze aziendali ed a quando indicato di seguito, tenendo presente che il primo è quello raccomandato da ANID. 1. Classificazione come rifiuto potenzialmente infettivo CER * (se derivanti da attività di Pest Control volte alla prevenzione di malattie negli esseri umani) oppure CER * (se derivanti da attività di Pest Control volte alla prevenzione di malattie negli animali). I contenitori da utilizzare sono quelli che proteggono dal rischio infettivo e posso essere posti assieme agli altri rifiuti classificati con lo stesso CER. Procedura suggerita. 2. Svolgimento di una procedura di disinfezione completa prima della rimozione dell'erogatore dal sito in cui era stato collocato, rimozione, collocazione in imballaggi che lo proteggano dagli agenti atmosferici, trasferimento in sede per i controlli tecnici ed in caso di mancato superamento dei controlli (rottura, disuso, ecc.) classificazione come imballaggio contaminato da sostanze pericolose CER *. SITOGRAFIA sistri.it ambientelegale.it 5

Per i soggetti iscritti a SISTRI il pagamento del contributo annuale dovrà avvenire entro il 30 aprile 2015.

Per i soggetti iscritti a SISTRI il pagamento del contributo annuale dovrà avvenire entro il 30 aprile 2015. RIFIUTI Suggerimento n. 201/44 del 16 aprile 2015 AZA SISTRI PAGAMENTO CONTRIBUTO 2015 Per i soggetti iscritti a SISTRI il pagamento del contributo annuale dovrà avvenire entro il 30 aprile 2015. Facciamo

Dettagli

Modello MUD 2016: omessa presentazione

Modello MUD 2016: omessa presentazione Periodico informativo n. 91/2016 Modello MUD 2016: omessa presentazione Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla in merito alla presentazione del Modello MUD 2016 alla

Dettagli

Circolare per gli associati del 01/06/2016

Circolare per gli associati del 01/06/2016 Circolare per gli associati del 01/06/2016 OGGETTO: Modello MUD 2016: omessa presentazione Ciao, oggi ti voglio spiegare che cosa è e come funziona Il Mud, Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale

Dettagli

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA:

ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: CATEGORIE DI SOGGETTI CON ISCRIZIONE AL SISTRI OBBLIGATORIA ENTI E IMPRESE CON PIÙ DI DIECI DIPENDENTI PRODUTTORI INIZIALI DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI DERIVANTI DA: attività di demolizione, costruzione,

Dettagli

Guida all applicazione del SISTRI

Guida all applicazione del SISTRI Marco Rizzuto Cecilia Sanna Guida all applicazione del SISTRI Adempimenti, procedure e sanzioni 1 INDICE GENERALE CAPITOLO 1 Il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti: SISTRI...11 1.1 Soggetti

Dettagli

MUD Soggetti obbligati, struttura e modalità di compilazione. Paolo Pipere. Paolo Pipere 2016 Tutti i diritti riservati MUD 2016

MUD Soggetti obbligati, struttura e modalità di compilazione. Paolo Pipere. Paolo Pipere 2016 Tutti i diritti riservati MUD 2016 MUD 2016, struttura e modalità di compilazione Paolo Pipere MUD 2016 1 MUD 2016 Art. 189, comma 3, D.Lgs. 152/2006 nella versione vigente, quindi anteriore alle modifiche apportate dal D.Lgs. 205/2010

Dettagli

LE NOVITA DEL D.M. 15 febbraio 2010 CHE MODIFICA IL DECRETO SISTRI

LE NOVITA DEL D.M. 15 febbraio 2010 CHE MODIFICA IL DECRETO SISTRI STUDIO ALBERTAZZI CONSULENZE LEGALI AMBIENTE Via Dal Prato 84 Castelbolognese Via Panzacchi 54 Bologna tel. 0546/656637 cell. 347/2512978 fax 0546/060569 e-mail : albertazzi.bernardino@fastwebnet.it www.bernardinoalbertazzi.it

Dettagli

SISTRI. Sistema Telematico per la Tracciabilità dei Rifiuti. (D.M. 17 dicembre 2009 pubblicato nel S.O. n. 10 della G.U. n.

SISTRI. Sistema Telematico per la Tracciabilità dei Rifiuti. (D.M. 17 dicembre 2009 pubblicato nel S.O. n. 10 della G.U. n. SISTRI Sistema Telematico per la Tracciabilità dei Rifiuti (D.M. 17 dicembre 2009 pubblicato nel S.O. n. 10 della G.U. n. 9 del 13/01/2010) Per i soggetti obbligati, il sistema sostituirà - con modalità

Dettagli

Adempimenti legati alla presentazione del MUD alla camera di commercio di appartenenza

Adempimenti legati alla presentazione del MUD alla camera di commercio di appartenenza Adempimenti legati alla presentazione del MUD alla camera di commercio di appartenenza Normativa Termine Articolazione MUD Comunicazione Mud Capitolo 1 - Rifiuti: Soggetti Obbligati D.P.C.M. 27 aprile

Dettagli

Istituzione del SISTRI obblighi per le Aziende

Istituzione del SISTRI obblighi per le Aziende UNIONE NAZIONALE SINDACALE IMPRENDITORI E COLTIVATORI Istituzione del SISTRI obblighi per le Aziende Sede Provinciale C0SENZA Via G. Caloprese, 11 87100 Cosenza Tel.098421502 fax 09841801289 Sede Zonale

Dettagli

SERVIZI AM BIENTE ANNO 2016

SERVIZI AM BIENTE ANNO 2016 Circolare n. 7 del 18/03/2016 FC-fa Ambiente. Compilazione MUD 2016. Aggiornamento Sistri. E stato pubblicato sulla G.U. del 28/12/2015 n. 300 il DPCM 21 dicembre 2015 contenente la nuova modulistica da

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE A.S. n. 1015

DISEGNO DI LEGGE A.S. n. 1015 DISEGNO DI LEGGE A.S. n. 1015 (1015) Conversione in legge del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, recante disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni

Dettagli

(GU n. 99 del 30 aprile 2014)

(GU n. 99 del 30 aprile 2014) DM 24 aprile 2014 Disciplina delle modalità di applicazione a regime del SISTRI del trasporto intermodale nonché specificazione delle categorie di soggetti obbligati ad aderire, ex articolo 188-ter, comma

Dettagli

Circolare N.105 del 11 Luglio SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta al giugno 2013

Circolare N.105 del 11 Luglio SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta al giugno 2013 Circolare N.105 del 11 Luglio 2012 SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta al giugno 2013 SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta a giugno 2013 Gentile cliente,

Dettagli

MUD Novità, soggetti obbligati, struttura e modalità di compilazione. Paolo Pipere. Paolo Pipere 2014 Tutti i diritti riservati

MUD Novità, soggetti obbligati, struttura e modalità di compilazione. Paolo Pipere. Paolo Pipere 2014 Tutti i diritti riservati MUD 2014 Novità, soggetti obbligati, struttura e modalità di compilazione Paolo Pipere MUD 2014 L avvio della fase di piena operatività del sistema per il controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)

Dettagli

SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta a giugno 2013

SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta a giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 105 del 11 Luglio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti slitta a giugno 2013 Premessa Il legislatore, con il DL n. 83/2012, ha previsto

Dettagli

5) Devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura dei rifiuti pericolosi. B) Comunicazione annuali (MUD) (art. 189

5) Devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura dei rifiuti pericolosi. B) Comunicazione annuali (MUD) (art. 189 Spettabile A TUTTI I CLIENTI E FORNITORI LORO SEDI Alla c.a. responsabile rifiuti Cornaredo, 02 maggio 2006 CIRCOLARE OGGETTO: DECRETO LEGISLATIVO N. 152 del 03 aprile 2006 A seguito della pubblicazione

Dettagli

SISTRI. Nuova circolare esplicativa del Ministero

SISTRI. Nuova circolare esplicativa del Ministero OGGETTO: 124/AES = dell Ambiente SISTRI. Nuova circolare esplicativa del Ministero Si ritiene utile informare che il 30 settembre u.s., è stata pubblicata, sul sito del Ministero dell'ambiente e della

Dettagli

FAQ SCARICATE DAL SITO SISTRI

FAQ SCARICATE DAL SITO SISTRI FAQ SCARICATE DAL SITO SISTRI WWW.SISTRI.IT DOMANDA RISPOSTA DATA INSERIMENTO 1.20 Se una società viene chiusa o cessa l attività per la quale è obbligatoria l iscrizione al SISTRI prima della scadenza

Dettagli

A) RIFIUTI MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD 2016) B) SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE 2016

A) RIFIUTI MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD 2016) B) SISTRI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE 2016 RIFIUTI Circolare n. 22 del 12/04/2016: trasmessa per posta elettronica riportata sul sito www.ancebrescia.it riportata sul prossimo notiziario stampata e spedita per posta A) RIFIUTI MODELLO UNICO DI

Dettagli

Imprese edili & SISTRI

Imprese edili & SISTRI Imprese edili & SISTRI 31 agosto 2013 Decreto legge 101/2013 1 ottobre 2013 Avvio per alcuni operatori 30 ottobre Conversione in legge del d.l. 101/2013 3 marzo 2014 Avvio per i produttori 1 agosto 2014

Dettagli

Il nuovo sistema rifiuti di tracciabilità dei rifiuti. Il nuovo sistema di tracciabilità dei. Grosseto,

Il nuovo sistema rifiuti di tracciabilità dei rifiuti. Il nuovo sistema di tracciabilità dei. Grosseto, Grosseto, 26.02.2010 Il nuovo sistema di tracciabilità dei Il nuovo sistema rifiuti di tracciabilità dei rifiuti A cura della dr.ssa Cristiana Sgherri CHE COS E IL SISTRI? E un sistema che permetterà il

Dettagli

Ecochem S.r.l. Dichiarazione MUD. Denuncia rifiuti prodotti nel Aprile 2011

Ecochem S.r.l. Dichiarazione MUD. Denuncia rifiuti prodotti nel Aprile 2011 Ecochem S.r.l. Dichiarazione MUD Denuncia rifiuti prodotti nel 2010 Aprile 2011 Soggetti tenuti a presentare una DICHIARAZIONE SUI RIFIUTI prodotti o gestiti nel 2010 MODALITA di Compilazione Principali

Dettagli

2 DICHIARAZIONE ANNUALE MUD

2 DICHIARAZIONE ANNUALE MUD n. 134 del 15.01.2015 2 DICHIARAZIONE ANNUALE MUD Gentile Cliente, ricordiamo che il termine per la presentazione della dichiarazione MUD per l anno 2014 è stato fissato per il prossimo 30 aprile 2015.

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti

SISTRI. Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Con la presente desideriamo informare le aziende e gli enti che, con la pubblicazione sul Supplemento Ordinario n. 10 alla G.U. n. 9 del 13/01/2010

Dettagli

Modello Unico di Dichiarazione Ambientale MUD

Modello Unico di Dichiarazione Ambientale MUD Modello Unico di Dichiarazione Ambientale MUD 8 Ecocerved scarl 18/02/2014 MUD 2014 Normativa di riferimento Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n.152 all articolo 189 dispone l obbligo di comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE n 01/16 gennaio 2016

CIRCOLARE n 01/16 gennaio 2016 CIRCOLARE n 01/16 gennaio 2016 Oggetto: Prossime scadenze in materia di Normativa Ambientale, sostanze pericolose e di Sicurezza sul Lavoro In questa pubblicazione: TASSE : Richiesta riduzione quota variabile

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI DEPOSITO TEMPORANEO DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA REGISTRO TRATTAMENTI IN AGRICOLTURA

GESTIONE RIFIUTI DEPOSITO TEMPORANEO DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA REGISTRO TRATTAMENTI IN AGRICOLTURA GESTIONE RIFIUTI DEPOSITO TEMPORANEO DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA REGISTRO TRATTAMENTI IN AGRICOLTURA INDICAZIONI SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Dipartimento di Prevenzione Servizio Ambiente e Salute

Dettagli

CONTRIBUTO DI ISCRIZIONE AL SISTRI. Le modalità di pagamento dei contributi SISTRI sono le seguenti:

CONTRIBUTO DI ISCRIZIONE AL SISTRI. Le modalità di pagamento dei contributi SISTRI sono le seguenti: CONTRIBUTO DI ISCRIZIONE AL SISTRI Le modalità di pagamento dei contributi SISTRI sono le seguenti: presso qualsiasi ufficio postale: mediante versamento dell'importo dovuto sul conto corrente postale

Dettagli

Ricerca Veloce. Sponsor. Ricerche Frequenti. Recent Post. HOME Cerca Cer Cerca Imprese Convenzioni Eco-Network. Cerca: Cerca

Ricerca Veloce. Sponsor. Ricerche Frequenti. Recent Post. HOME Cerca Cer Cerca Imprese Convenzioni Eco-Network. Cerca: Cerca Pagina 1 di 6 c HOME Cerca Cer Cerca Imprese Convenzioni Eco-Network Ricerca Veloce Cerca: Cerca Sponsor Ricerche Frequenti Recent Post Rifiuti Regione Campania LEGGE 24 gennaio 2011, n... Accordo di Enel

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE. Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n.

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE. Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n. PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI CERIALE Regolamento per la gestione dei Rifiuti Urbani Approvato con Deliberazione di C.C. n. 20 del 13/03/2013 ART. 65 SANZIONI 1. Le violazioni a quanto previsto dal presente

Dettagli

1.4 MODALITÀ E RECAPITI DELLA PERSONA DA CONTATTARE PER LE COMUNICAZIONI RELATIVE ALL ISCRIZIONE

1.4 MODALITÀ E RECAPITI DELLA PERSONA DA CONTATTARE PER LE COMUNICAZIONI RELATIVE ALL ISCRIZIONE MODULO D ISCRIZIONE AL SISTRI N 1 Il presente modulo deve essere compilato in stampatello in modo leggibile in ogni sua parte SEZIONE 1 - DATI GENERALI La presente sezione va compilata in ogni sua parte

Dettagli

ESTRATTO DM 17/12/2009. Art. 4 Contributo di iscrizione al SISTRI

ESTRATTO DM 17/12/2009. Art. 4 Contributo di iscrizione al SISTRI Si richiamano di seguito i riferimenti normativi relativamente all obbligo di corrispondere il contributo annuale SISTRI e, in particolare, si riportano: - il testo dell art. 4 DM 17/12/2009 - il testo

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO MATERIALI DA DEMOLIZIONE

TERRE E ROCCE DA SCAVO MATERIALI DA DEMOLIZIONE TERRE E ROCCE DA SCAVO MATERIALI DA DEMOLIZIONE Presentazione della banca dati regionale delle discariche e degli impianti di trattamento di rifiuti inerti Gli adempimenti, le autorizzazioni e la destinazione

Dettagli

CONTRIBUTI SISTRI 2011

CONTRIBUTI SISTRI 2011 CONTRIBUTI SISTRI 2011 Ricordiamo a tutte l aziende iscritte al SISTRI che entro il 30 aprile p.v. dovranno essere versati i contributi annuali di iscrizione. Il contributo si riferisce all anno solare

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2015

Dichiarazione Ambientale 2015 Dichiarazione Ambientale 2015 PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2014 Camere di commercio Regione Calabria marzo 2015 Rifiuti Speciali e Rifiuti Urbani 1 2 Normativa di riferimento

Dettagli

SICUROMAGNA S.R.L. Modello Unico di Dichiarazione annuale rifiuti da presentare entro il 30 aprile 2015 (MUD 2015)

SICUROMAGNA S.R.L. Modello Unico di Dichiarazione annuale rifiuti da presentare entro il 30 aprile 2015 (MUD 2015) SICUROMAGNA S.R.L. Via Montecatini, 213-47521 Cesena (FC) Tel. e Fax 0547 384296-0547 630467 email: info@sicurlink.it PEC: sicuromagna@pec.sicurlink.it n. 07/15 del 02/02/2015 - pagine 2 + 3 TEMA INTERESSATI

Dettagli

ALLE AZIENDE ASSOCIATE LORO SEDI. Prot. n. I/ 835 /16 Avellino, 8 giugno 2016 OGGETTO: SISTRI DM N. 78 CONSIDERAZIONI

ALLE AZIENDE ASSOCIATE LORO SEDI. Prot. n. I/ 835 /16 Avellino, 8 giugno 2016 OGGETTO: SISTRI DM N. 78 CONSIDERAZIONI ALLE AZIENDE ASSOCIATE LORO SEDI Prot. n. I/ 835 /16 Avellino, 8 giugno 2016 OGGETTO: SISTRI DM 30.03.2016 N. 78 CONSIDERAZIONI Facciamo seguito alla nostra news del 27 maggio u.s. prot. n. I/790/16, con

Dettagli

Soggetti non più obbligati all iscrizione al SISTRI Restituzione dei dispositivi USB e delle Black Box Adesione volontaria

Soggetti non più obbligati all iscrizione al SISTRI Restituzione dei dispositivi USB e delle Black Box Adesione volontaria Soggetti non più obbligati all iscrizione al SISTRI Restituzione dei dispositivi USB e delle Black Box Adesione volontaria Il campo di applicazione del SISTRI a titolo obbligatorio è stato, come noto,

Dettagli

POLISTUDIO S.p.A. SOCIETA DI INGEGNERIA

POLISTUDIO S.p.A. SOCIETA DI INGEGNERIA www.polistudio.it POLISTUDIO S.p.A. SOCIETA DI INGEGNERIA Sede Legale, Amministrativa ed Operativa: via Cimarosa n 1540-45010 Ceregnano (RO) tel. +39 0425/478000 r.a. fax +39 0425/476874 Cap. Soc. 120.000

Dettagli

La data di scadenza per la presentazione della dichiarazione MUD relativa all anno 2008 è il 30 APRILE 2009.

La data di scadenza per la presentazione della dichiarazione MUD relativa all anno 2008 è il 30 APRILE 2009. Carpi, 18 Marzo 2009 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD) La Legge 70/1994 sancisce che, per adempiere agli obblighi di comunicazione e denuncia previsti dalla normativa ambientale, venga presentato

Dettagli

CONTRIBUTI SISTRI E COSTI DEI DISPOSITIVI. Parte 1 CONTRIBUTI SISTRI

CONTRIBUTI SISTRI E COSTI DEI DISPOSITIVI. Parte 1 CONTRIBUTI SISTRI ALLEGATO 1 (Articoli 2 e 7) CONTRIBUTI SISTRI E COSTI DEI DISPOSITIVI Parte 1 CONTRIBUTI SISTRI Sezione 1 RIPARTIZIONE DEI CONTRIBUTI PER CATEGORIA DI SOGGETTI(*) PRODUTTORI / DETENTORI ADDETTI per unità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa...

INDICE SOMMARIO. Premessa... INDICE SOMMARIO Premessa... XIII CAPITOLO 1 L OGGETTO DELLA TUTELA PENALE DELL AM- BIENTE. PROTEZIONE DELLE SPECIE, DEGLI HABITAT E DELLE AREE NATURALI PROTETTE 1. L oggetto della tutela penale dell ambiente:

Dettagli

Circolare n 001 Lecco, Oggetto: MODELLO MUD 2016 OGGETTO: MUD 2016, VIENE CONFERMATO IL MODELLO USATO PER LA DENUNCIA DEL

Circolare n 001 Lecco, Oggetto: MODELLO MUD 2016 OGGETTO: MUD 2016, VIENE CONFERMATO IL MODELLO USATO PER LA DENUNCIA DEL OGGETTO: MUD 2016, VIENE CONFERMATO IL MODELLO USATO PER LA DENUNCIA DEL 30.04.2015 Evento Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 28 dicembre 2015 è stato pubblicato il Decreto del Presidente

Dettagli

Rifiuti agricoli Adempimenti delle imprese

Rifiuti agricoli Adempimenti delle imprese Rifiuti agricoli Adempimenti delle imprese Maggio 2016 Nel corso degli ultimi anni sono state emanate diverse norme di semplificazione degli adempimenti legati alla gestione dei rifiuti agricoli, così

Dettagli

INFORMATIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELATIVI AI RIFIUTI: ISTITUZIONE DEL SISTEMA SISTRI

INFORMATIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELATIVI AI RIFIUTI: ISTITUZIONE DEL SISTEMA SISTRI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CC 02/2010 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Mercoledì 18 Maggio 2011 Giovedì 19 Maggio 2011 Venerdì 20 Maggio 2011

Mercoledì 18 Maggio 2011 Giovedì 19 Maggio 2011 Venerdì 20 Maggio 2011 SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Treviso Mercoledì 18 Maggio 2011 Giovedì 19 Maggio 2011 Venerdì 20 Maggio 2011 Argomenti Soggetti obbligati Contributo Sintesi delle disposizioni

Dettagli

SEZIONE VENTICINQUESIMA TEST DI VALUTAZIONE: EDILIZIA E AMBIENTE

SEZIONE VENTICINQUESIMA TEST DI VALUTAZIONE: EDILIZIA E AMBIENTE SEZIONE VENTICINQUESIMA TEST DI VALUTAZIONE: EDILIZIA E AMBIENTE 25 25 TEST DI VALUTAZIONE EDILIZIA E AMBIENTE 1) Tra i soggetti responsabili delle violazioni edilizie vi sono: A) Il progettista; B) Il

Dettagli

E L I O S i n g e g n e r i a SISTRI - SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI - D.M. 17 DICEMBRE 2009 E D.M.

E L I O S i n g e g n e r i a SISTRI - SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI - D.M. 17 DICEMBRE 2009 E D.M. Pag. 1 di 6 PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del D.M. 17 dicembre 2009 devono

Dettagli

Incontri informativi. La denuncia dei rifiuti speciali Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD) Lucidi Graziella Bricchi

Incontri informativi. La denuncia dei rifiuti speciali Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD) Lucidi Graziella Bricchi ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontri informativi La denuncia dei rifiuti speciali Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD) Lucidi Graziella

Dettagli

Corso Repubblica n Serramanna CA. Tel Fax RELAZIONE TECNICA

Corso Repubblica n Serramanna CA. Tel Fax RELAZIONE TECNICA Corso Repubblica n 12 09038 Serramanna CA Tel. 070 9139917 Fax 070 9139586 www.cisaconsorzio.it E-mail cisa.cisaconsorzio@gmail.com RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI CARICO - TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI FANGHI

Dettagli

SISTRI: il quadro normativo. relatore: Avv. Salvo Renato Cerruto

SISTRI: il quadro normativo. relatore: Avv. Salvo Renato Cerruto SISTRI: il quadro normativo relatore: Avv. Salvo Renato Cerruto. 1 decreti attuativi e integrativi: DM 17 dicembre 2009 DM 15 febbraio 2010 DM 9 luglio 2010 DM 28 settembre 2010 SISTRI: a cosa serve? Per

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

CIRCOLARE DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale

CIRCOLARE DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale CIRCOLARE 09-2015 DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale MITTENTE DA TecnoAdda S.a.s. Email info@tecnoadda.com TEL. N. 0341.281459

Dettagli

Fiscal News N. 29. MUD 2014: definite le istruzioni per la presentazione del modello. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 29. MUD 2014: definite le istruzioni per la presentazione del modello. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 29 28.01.2014 MUD 2014: definite le istruzioni per la presentazione del modello Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Mud Dopo l approvazione

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE

TRASPORTO INTERMODALE CASO D USO: TRASPORTO INTERMODALE Versione del 24 giugno 2016 www.sistri.it SOMMARIO IL TRASPORTO INTERMODALE 3 AZIONI DEL PRODUTTORE - COMPILARE UNA SCHEDA DI MOVIMENTAZIONE PER TRASPORTO INTERMODALE

Dettagli

SISTRI: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI INDICAZIONI PER LE AZIENDE AGRICOLE

SISTRI: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI INDICAZIONI PER LE AZIENDE AGRICOLE SISTRI: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI INDICAZIONI PER LE AZIENDE AGRICOLE Coldiretti EMILIA ROMAGNA 1 EMILIA ROMAGNA Maggio 2010 2 INDICE INTRODUZIONE...2 CHE COS È IL SISTRI...3

Dettagli

DECRETO 13 maggio (GU n. 165 del )

DECRETO 13 maggio (GU n. 165 del ) DECRETO 13 maggio 2009 Modifica del decreto 8 aprile 2008, recante la disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma 1, lettera

Dettagli

CIRCOLARE n 10/2011. D.Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale art.189 c.3bis

CIRCOLARE n 10/2011. D.Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale art.189 c.3bis CIRCOLARE n 10/2011 DATA: 22/04/2011 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente - Rifiuti DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341 / 49.42.10 N PAG.: 3+4 Oggetto: CONTRIBUTO ANNUALE di

Dettagli

DICHIARAZIONE MUD 2011 e DICHIARAZIONE SISTRI. Marco Righini 18 aprile 2011

DICHIARAZIONE MUD 2011 e DICHIARAZIONE SISTRI. Marco Righini 18 aprile 2011 DICHIARAZIONE MUD 2011 e DICHIARAZIONE SISTRI Marco Righini 18 aprile 2011 Con le sue tre sedi operative, due in Friuli ed in Lombardia il CATAS è attualmente il maggior istituto italiano di ricerca-sviluppo

Dettagli

MUD 2014 NUOVA NORMATIVA PER MUD. D.P.C.M. 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014,

MUD 2014 NUOVA NORMATIVA PER MUD. D.P.C.M. 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014, MUD 2014 NUOVA NORMATIVA PER MUD D.P.C.M. 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014, pubblicato sul S.O. n. 89 alla Gazzetta Ufficiale n. 302, del 27 dicembre

Dettagli

Allegato III (articolo 11, comma 1)

Allegato III (articolo 11, comma 1) Allegato III (articolo 11, comma 1) Nell'Allegato III è riportata la tipologia delle informazioni delle Schede SISTRI relativa alle seguenti Categorie: SCHEDA SISTRI PRODUTTORE/DETENTORE RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010 Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilita'

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN EDILIZIA

CORSO LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN EDILIZIA CORSO LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN EDILIZIA MERCOLEDI 5 OTTOBRE 2016 VIA MARIA PACIFICO - BENEVENTO PRESENTAZIONE Il Corso è un occasione di formazione/aggiornamento sul tema della gestione dei rifiuti anche

Dettagli

Documento scaricato da

Documento scaricato da Decreto 13 maggio 2009 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio. Modifica del decreto 8 aprile 2008, recante la disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato,

Dettagli

CIRCOLARE DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale

CIRCOLARE DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale CIRCOLARE 07-2016 DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale MITTENTE DA TecnoAdda S.a.s. Email info@tecnoadda.com TEL. N. 0341.281459

Dettagli

Dal 18 Dicembre 2008 e' vietata l'immissione sul mercato di tutte le pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, che :

Dal 18 Dicembre 2008 e' vietata l'immissione sul mercato di tutte le pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, che : GUIDA INTRODUTTIVA AL DECRETO LEGISLATIVO DEL 20 NOVEMBRE 2008 N. 188 RECANTE IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE RIGUARDANTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI. Campo di applicazione Il Decreto

Dettagli

Allegato 2 Piano di Monitoraggio e Controllo

Allegato 2 Piano di Monitoraggio e Controllo Allegato 1 Codici C.E.R. ammessi nell impianto Provvedimento di Valutazione di Impatto Ambientale e Autorizzazione Integrata Ambientale per la realizzazione ed esercizio di un impianto per il trattamento

Dettagli

PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5

PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5 PRODUZIONE DEI MATERIALI DI RISULTA 5 Indicare nella Tabella 1 e nella Tabella 2 i quantitativi, rispettivamente, di materiali prodotti destinati al recupero e destinati allo smaltimento che si ha stimato

Dettagli

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e ss.mm.ii.)

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e ss.mm.ii.) MODULO 1 Spazio riservato all Ufficio Protocollo Pratica N. Per trasmissione del presente modulo da parte del Comune alla provincia di Teramo Osservatorio Provinciale Rifiuti Al Responsabile dello SPORTELLO

Dettagli

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Informativa per Comuni Consorziati Ai Responsabili Settore Ambiente Loro sedi OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Spett.le Comune, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Imu 2016, quali sono le sanzioni per chi non ha pagato in tempo?

Imu 2016, quali sono le sanzioni per chi non ha pagato in tempo? Imu 2016, quali sono le sanzioni per chi non ha pagato in tempo? Imu 2016 e omesso pagamento: ecco come mettersi in regola grazie al nuovo ravvedimento operoso e alle sanzioni ridotte. Entro il 16 giugno

Dettagli

ALLE SEZIONI REGIONALI E PROVINCIALI LORO SEDI ALLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA. Roma, 16 MAR 2011 LORO SEDI

ALLE SEZIONI REGIONALI E PROVINCIALI LORO SEDI ALLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA. Roma, 16 MAR 2011 LORO SEDI ALLE SEZIONI REGIONALI E PROVINCIALI LORO SEDI Roma, 16 MAR 2011 Prot. n. 442/ALBO/PRES. ALLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA LORO SEDI OGGETTO: Garanzie finanziarie a favore dello Stato da parte delle imprese

Dettagli

OGGETTO: CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILE TECNICO DI AZIENDE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE RIFIUTI, MODULO BASE + MODULO A + MODULO B + MODULO D.

OGGETTO: CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILE TECNICO DI AZIENDE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE RIFIUTI, MODULO BASE + MODULO A + MODULO B + MODULO D. Email: info@vigersrl.it Spettabile Cliente OGGETTO: CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILE TECNICO DI AZIENDE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE RIFIUTI, MODULO BASE + MODULO A + MODULO B + MODULO D. Si comunica

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO PROVINCIALE E STRATEGIE DI SVILUPPO

ANALISI DEL CONTESTO PROVINCIALE E STRATEGIE DI SVILUPPO ANALISI DEL CONTESTO PROVINCIALE E STRATEGIE DI SVILUPPO dott. Alessandro Moltrer ANALISI DEL SISTEMA DEGLI AGGREGATI RICICLATI: DA RIFIUTI A RISORSA CONOSCENZA DEL COMPARTO SCHEMA DI RIFERIMENTO STRUMENTI

Dettagli

ART. 11. D.L. n. 101/2013 L. n. 125/2013

ART. 11. D.L. n. 101/2013 L. n. 125/2013 ART. 11 D.L. n. 101/2013 L. n. 125/2013 Art. 11 (Semplificazione e razionalizzazione del sistema di controllo della tracciabilita' dei rifiuti e in materia di energia) 1. I commi 1, 2 e 3 dell'art. 188-ter,

Dettagli

Da

Da Da http://dbase1.ipzs.it/fcgi-free/db2www/artifree/arti.mac/alltxt?datagu=8/1/2011&redaz=011g0163&swpag=&serie=arti&dataagg=&swnote=0 DECRETO LEGISLATIVO 7 luglio 2011, n. 121 Attuazione della direttiva

Dettagli

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 Informativa del 05/02/2015 DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 AMBITO SEGNALAZIONE PAGINA Ambiente MUD 2015 3 Mondotecnico Srl Via Radici in Piano n 46 41049 Sassuolo (Mo) Tel.

Dettagli

1. PARTE PRESSO LA SEDE ART IL PROGETTO FORMATIVO CASASTILEDUCATIONAL

1. PARTE PRESSO LA SEDE ART IL PROGETTO FORMATIVO CASASTILEDUCATIONAL 10 aprile 2008 n. 48 1. PARTE PRESSO LA SEDE ART IL PROGETTO FORMATIVO CASASTILEDUCATIONAL Come preannunciato con la Newsletter di marzo, è confermato l avvio del primo grande progetto formativo espressamente

Dettagli

Metalli ferrosi, acciaio Batterie di varie tipologie *(al Pb) *

Metalli ferrosi, acciaio Batterie di varie tipologie *(al Pb) * Rifiuti prodotti dalla propria attività di installatore/manutentore (Elenco puramente indicativo) CFC HCFC HFC 14.06.01 Gas in contenitori a 16.05.04* -16.05.05 pressione Apparecchiature fuori uso 16.02.14

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... IX Nota sull Autore... XI

SOMMARIO. Presentazione... IX Nota sull Autore... XI Sommario SOMMARIO Presentazione... IX Nota sull Autore... XI Capitolo I IL QUADRO NORMATIVO 1.1 Introduzione al SISTRI... 1 1.2 Quadro normativo: dalla Finanziaria 2007 ai DD.MM. SISTRI... 4 1.2.1 La Finanziaria

Dettagli

MODULO D'ISCRIZIONE AL SISTRI

MODULO D'ISCRIZIONE AL SISTRI MODULO D'ISCRIZIONE AL SISTRI Report generato il giorno 24/03/2014 alle ore 11:16 Il presente documento annulla e sostituisce il precedente generato, a fronte di modifiche richieste dall'impresa, il giorno

Dettagli

SCHEDA STAZIONE ECOLOGICA / AREA ATTREZZATA PER RSA C/O DISCARICHE EX 1 CAT.

SCHEDA STAZIONE ECOLOGICA / AREA ATTREZZATA PER RSA C/O DISCARICHE EX 1 CAT. SCHEDA STAZIONE ECOLOGICA / AREA ATTREZZATA PER RSA C/O DISCARICHE EX 1 CAT. ANNO 2004 (art. 16 L.R. 27/94 e ss.mm.ii.) COMUNE DI STAZIONE ECOLOGICA (1) [ ] AREA ATTREZZATA PER RSA C/O DISCARICA EX 1 CAT.

Dettagli

SISTRI: stato dell arte e adempimenti per l esonero delle imprese agricole

SISTRI: stato dell arte e adempimenti per l esonero delle imprese agricole Confagricoltura Cosenza SISTRI: stato dell arte e adempimenti per l esonero delle imprese agricole Si ritiene utile ricordare quali adempimenti sono in capo all impresa agricola per la gestione dei rifiuti

Dettagli

C M O UNICA C Z A I Z ON O E E I MBA B L A L L A L G A GI

C M O UNICA C Z A I Z ON O E E I MBA B L A L L A L G A GI COMUNICAZIONE IMBALLAGGI Costanza Mariotta Novità: la nuova struttura Necessità di garantire l acquisizione delle necessarie informazioni per ottemperare agli obblighi di comunicazione alla Commissione

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

RIFIUTI. Suggerimento n. 518/111 del 15 novembre 2013 RC/AZA SISTRI CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 101/2013

RIFIUTI. Suggerimento n. 518/111 del 15 novembre 2013 RC/AZA SISTRI CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 101/2013 RIFIUTI Suggerimento n. 518/111 del 15 novembre 2013 RC/AZA SISTRI CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 101/2013 La legge di conversione 30 ottobre 2013 n. 125 ha confermato l obbligatorietà del sistema SISTRI

Dettagli

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale Prescrive che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in occasione della richiesta di parere da parte di questo Comitato sul successivo Contratto di programma ANAS, trasmetta un quadro complessivo

Dettagli

Documento scaricato da

Documento scaricato da DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 aprile 2002, n. 24-5880 L.R. n. 48 del 29 agosto 2000 - Individuazione della percentuale minima di recupero che gli impianti di selezione automatica, riciclaggio

Dettagli

Operazioni di recupero di cui all'art. 216 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Comunicazione di inizio attività Sede operativa: Via Asti 75 - SANTENA

Operazioni di recupero di cui all'art. 216 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Comunicazione di inizio attività Sede operativa: Via Asti 75 - SANTENA SERVIZIO PIANIFICAZIONE E GESTIONE RIFIUTI, BONIFICHE, SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE www.provincia.torino.gov.it Protocollo n. 72845 /LB7/SA/SS Tit. 10 Cl. 5 Posizione n. 021644 Il n. di protocollo e il n.

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 17 giugno 2016 Tariffe per la copertura degli oneri derivanti dal sistema di gestione dei rifiuti delle apparecchiature elettriche

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore MARCONI FABIO. Responsabile del procedimento MARCONI FABIO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore MARCONI FABIO. Responsabile del procedimento MARCONI FABIO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE ATTIVITA' PRODUTTIVE E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. B03029 del 22/05/2012 Proposta

Dettagli

NOVITÀ SU SISTRI E IN MATERIA AMBIENTALE. La legge sul Green Acto o Collegato Ambientale ed il Milleproroghe

NOVITÀ SU SISTRI E IN MATERIA AMBIENTALE. La legge sul Green Acto o Collegato Ambientale ed il Milleproroghe NOVITÀ SU SISTRI E IN MATERIA AMBIENTALE La legge sul Green Acto o Collegato Ambientale ed il Milleproroghe Vicenza 1 marzo 2016 LA LEGGE SUL GREEN ACT O COLLEGATO AMBIENTALE Legge 28 dicembre 2015, n.

Dettagli

La corretta gestione dei rifiuti novità, criticità, prospettive

La corretta gestione dei rifiuti novità, criticità, prospettive La corretta gestione dei rifiuti novità, criticità, prospettive Rimini, 7 novembre 2013 stefano.maglia@tuttoambiente.it Novità normative Criticità Prospettive 2 1. Novità normative 3 CSS (Dm 14.2.13, n.

Dettagli

SCHEDA «I»: RIFIUTI 1. Sezione. I. 1 Tipologia del rifiuto prodotto

SCHEDA «I»: RIFIUTI 1. Sezione. I. 1 Tipologia del rifiuto prodotto SCHEDA «I»: RIFIUTI 1 Descrizione del rifiuto Fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, sbucciatura, centrifugazione e separazione di componenti Scarti inutilizzabili per il consumo e la trasformazione

Dettagli

REISCRIZIONE AL RUI: LA TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA E DOVUTA?

REISCRIZIONE AL RUI: LA TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA E DOVUTA? REISCRIZIONE AL RUI: LA TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA E DOVUTA? IL CONSULENTE: COSA AFFERMA L AGENZIA DELLE ENTRATE Segnaliamo un importante risoluzione dell Agenzia (Risoluzione n. 30/E del 30 gennaio

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli