MEMORANDUM. Meno innamorato del mio scrivere e più consapevole della realtà delle cose, mi rendo conto ora che le

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEMORANDUM. Meno innamorato del mio scrivere e più consapevole della realtà delle cose, mi rendo conto ora che le"

Transcript

1 MEMORANDUM Le pagine che seguono, scritte verso la fine del 2012, sono ciò che rimane di un semestre di delirio, un'idea, un incontro, vero e proprio innamoramento, che rivoltò la mia vita come un calzino da succhiare. Quell'incontro lo battezzammo Leafdrift (LD), idea di un portale per la condivisione di testi, o meglio opere, dalla narrativa alla saggistica eccetera, affinché possano essere recensite e commentate da una comunità di lettori. Possibilità di mettere in vendita le stesse opere preferibilmente a prezzo basso. Possibilità di tradurle nelle varie lingue nazionali. Possibilità di creare dei file audio delle stesse. Possibilità di pubblicazione canonica in modo sostenibile per l'ambiente. Quell'incontro è ciò che dopo anni nel corpo, o meglio nel porco, del Perottoni, mi riportò in me stesso. All'epoca per campare insegnavo Filosofia e Storia qua e là per i licei della provincia autistica, ma soprattutto ero appunto Benedetto, fedele al motto "scrive, calando il rasoio di Occam su tutto il resto". Da allora sono passate tre ere e quattro partite IVA, da scrittore fallito e aspirante startupper mi occupo di consulenze per startup e accompagno coloro che come me allora sono innamorati del proprio progetto. Sia che come me allora vogliano salvare il mondo, sia che vogliano farci meramente del vil denaro. Meno innamorato del mio scrivere e più consapevole della realtà delle cose, mi rendo conto ora che le

2 pagine che seguono sono deliranti tanto quanto lo ero io (noi? Voi? Eh eh, questa la capirete in seguito...) e che per parlare di LD andrebbero sensibilmente riprese. Tuttavia ho deciso di lasciarle così come sono, a testimonianza di quel periodo matto e disperatissimo. Per riprenderle e creare un testo più attuale, o meglio più funzionale (a candidarsi a finanziamento, a intercettare investitori, a fare tutte quelle meraviglia sul quale ci si industria a ogni piè sospinto) non ci vorrà poi molto alla fine. Ora che il concetto di sharing economy è sulla bocca di tutti, e che è chiaro ed evidente che il capitalismo giunto al suo apice è destinato a passare il testimone (un sistema che si regge sulla ricchezza generata non può reggere qualora in vece della ricchezza generi povertà) si potrebbe anche rivedere questo testo e ampliare quello che era un orizzonte editoriale ad un panorama molto più vasto, e adoperarlo come base per ripensare l'appunto crisi capitalistica. E invece lascio che quel destino che le chiamò Memorandum ne faccia un memorandum vero proprio, lasciandole invariate. Credo che godano ora più di allora di un qual certo fascino, e che nelle reiterazioni e nei richiami meglio traspaia quel delirio stizzoso che per un semestre tanto bello quanto maledetto. Godetevelo, io ci sono già passato. Se vi intriga, mi trovate sui social. Alessio Salvetti

3 0. ora io da piccino ero un bimbetto normale, cresciuto in modo normale, con gente normale in un posto normale. ora io di anni ne avevo otto. Che io ricordi, ho sempre avuto un rapporto piuttosto ambivalente con la tecnologia. Passavo pomeriggi interi a costruire dei giocattoli in legno adoperando gli utensili di mio padre, così come uscivo di senno per i videogiochi. Se si escludono gli insetti o in genere le forme di vita che un sapiens non ritiene ontologicamente dignitose (potrà parere ridicolo, ma quello della dignità ontologica è un problema che afflisse le migliori menti dell'età di mezzo), ho ucciso una volta, fino ad ora, adoperando un arco e delle frecce costruite da me, scoccandone una di proposito contro l'ultimo d'una parata di pulcini a seguito della chioccia. Probabilmente il mio primo ricordo. Per contro, credo di aver rubato, fino ad ora, solo qualche spicciolo per correre al bar del paese e buttarlo nello stomaco della console del momento. Per noi nati nell'anno del punk, era normale giocare a pallone in strada mentre le cassette impiegavano un'ora e mezza a caricare Jumping Jack, tirando il fiato sparando parolacce contro i robottini. Così come divenne normale raccattare due lire piegando la gobba tanto in campagna quanto nella manutenzione di casa per poi pigliarsi le prime sbronze pomeridiane giocando a Galspanic, imprecando per quel cinque per cento del quadro perennemente malcelato dalla pixellosa biancheria intima. Poi sono arrivate le letterette e la filosofìca, che hanno spazzato via tanto il manuale quanto il tecnologico, portando seco quella misantropica alterigia esiziale sia alla sociotecnica, tant'è che credo d'essermi dotato di un telefono ben dopo l'accadimento dei maledetti ventisette, sia alla manualpratica, tant'è che immagino di non aver più toccato utensile se non costretto dagli eventi.

4 Dunque, per dirla col poeta, ci si ritrova di questi tempi nel bel mezzo del cammin di nostra vita, normodotato e caucasico, eterossessuale d'età maggiore, capace d'intendere e di volere, di corporatura ordinaria e d'aspetto ordinato, educato e colto, laureato, abilitato e quant'altro col massimo del voto, con la testa sul collo e un tetto sul capo in quest'urbe ai confini dell'impero, valle dove passa il treno, provincia autistica, contea degli spritz, repubblica delle banane o bel paese se si vuole, vecchio continente. In tasca il telefono intelligente, sul tavolo il portatile connesso alla rete, ci si è imparati ai brunch tanto quanto ai social, ci si è imparati a leggere tanto il reale quanto il virtuale, e s'incomincia pur ad avere il sentore che quest'ultimo non si innesti più sul reale, quanto piuttosto che si stia assistendo a un processo inverso, più Akira che Frankenstein, in virtù del quale sia il reale a germogliare dal virtuale. Lungi dal vedere questo come una minaccia (io? Noi? poco importa a questo punto, dopo la dichiarata fine del postmoderno), crediamo che questo possa liberare un potenziale capace di infrangere in toto o almeno in parte l'attuale strutturazione del campo oggetto di questo memorandum, quello dell'editoria. Vogliamo essere la pancia capace di partorire il mostro, creare il campo per raccogliere i potenziali necessaria per la ristrutturazione di ciò che ci sta a cuore. Che altro? un bell impiccamento direi, niente di meno o niente più che idoneo a un ingordo dio del groppo, per ogni volta che l uno è poco, e il due pur troppo.

5 I. Leafdrift (LD) è un social network costruito ad hoc per condividere, attraverso la pubblicazione, la promozione e la distribuzione, testi di differenti forme e materie: dalla narrativa e saggistica canoniche, alla traduzione in più lingue o passaggio al formato audio di poesie, pièce teatrali, monologhi o sperimentazioni vocali. LD giustifica il suo operato fondandolo su un principio concettuale. È il nucleo della filosofia platonica: giustificare un'opinione o un operato sulla base d'un fondamento o principio concettuale. L'idea di marito (fondamento o principio concettuale) dirà chi tra i pretendenti è degno di infilare un anello al dito della contesa, giustificandone la pretesa. L'idea di editoria dirà chi tra i pretendenti è un degno editore. Quello che in Grecia era definito con idea, la filosofia due millenni e mezzo dopo ha poi chiamato concetto. E il concetto sulla quale LD si fonda, giustificando così il proprio operato è quello di Ethishing ("ethic publishing"). Quello di Ethishing non è un mero neologismo, ma appunto un concetto, una creazione immateriale, un costrutto formato da una molteplicità di componenti: il rifiuto di qualsiasi strategia di castrazione, da parte dell'editore, alla libera circolazione di testi ed opere (dunque rifiuto del copyright, tant'è che gli autori sono tenuti all'uso della licenza Creative Commons, e rifiuto dei DRM; rifiuto della censura, tant'è che a chiunque verrà data la possibilità di pubblicare una proprio opera o testo così come di esprimere la propria opinione in recensioni e repliche; open source; adozione di una politica di for free or low cost, come propellente alla diffusione culturale); la sostenibilità ambientale, da parte

6 dell'editore, riguardo alla creazione e alla diffusione di opere e testi (di primo acchito l'adozione di formati digitali, in seconda battuta l'utilizzo di carta riciclata o certificata FSC per i formati cartacei, e in terzo luogo la sola stampa delle copie cartacee effettivamente richieste); il considerare la propria utenza, la comunità di collaboratori, lettori e scrittori, al pari di individui all'interno di un collettivo e non meri produttori-consumatori all'interno d'un capitalismo consumista (dunque destinazione dell'importo relativo a un opera interamente all'autore della stessa; dunque rifiuto di qualsivoglia forma di "pubblicità", tant'è che né nelle edizioni né nel portale verrà dato spazio alla promozioni di altri brand o servizi, tolte fondazioni, enti o portali ritenuti affini per vision o mission; tutela della privacy e rifiuto di qualsiasi forma di divulgazione dei dati dell'utenza ). Questa volontà di giustificare il nostro operato sulla base del concetto di Ethishing, di nostra creazione, ci pone come un outsider sul mercato globale. È un vero e proprio manifesto: noi facciamo questo. Certo è prassi comune mettere nero su bianco la propria missione, dunque s'invita l'utenza a commensurare questo aspetto per proprio conto. Ciò a partire dalla questione che per diritto, innanzitutto e perlopiù, tanto i gruppi editoriali quanto i piccoli e medi editori pongono l'accento sulla loro opera di "educazione alla cultura", di "promozione culturale", di "istruzione sociale" eccetera. Ma quanti poi abbandonano di fatto quella pratica reazionaria che è l'apposizione dei diritti d'autore? Quanti rinunciano a parte del profitto per salvaguardare l'ambiente? Quanti investono sulla pubblicazione e promozione di testi eccellenti, pur sapendo che questi avranno un'utenza a dir poco scarna? Alti e

7 bassi, magri e grassi sotto i colpi del mercato si stanno convertendo al fenomeno degli ebook, ma quanti di fatto rinunciano ai sistemi di protezione (DRM) che bloccano il passaggio di opere in mani differenti da quelli dell'acquirente? La retorica della "cultura" lascia il tempo che trova, la verità nuda e cruda è che la nuova fetta di mercato, che per inciso sta pagando dividendi da capogiro, solletica il palato.

8 II. Fino a qui, tutto bene. Si è connotato col termine editoria il campo di pertinenza delle case editrici. Ma l'editoria, e lo sa bene chi opera nel giornalismo, abbraccia un settore ben più ampio, che nella fattispecie è quello dell'informazione. Nella repubblica delle banane quest'ultima è palesemente compromessa, al soldo per dirla in due parole dei soliti noti che dai predellini invocano la "libertà" al pari d'una réclame, e che nel nome del padrino, del figliol prodigo e dello spirito in saldo, si sono impadroniti durante la Seconda repubblica di buona parte del patrimonio pubblico, e che entro la Terza completeranno l'opera cedendo al privato il resto del mosaico, portando a compimento quella svendita cominciata con telefonia e autostrade cedendo istruzione, sanità, e chi più ne ha più ne metta di dita in gola per scampare a questa indigestione di democrazia. Accade nel bel paese, ma mai come in questo sembra imporsi la saggezza popolare con sul celebre motto, tutto il mondo è paese. Accade nel bel paese che il gruppo editoriale L'espresso, controllato dalle Compagnie Industriali Riunite (De benedetti), ingloba la Repubblica, l'espresso, Radio Deejay, Radio Capital, M2o e una moltitudine di testate minori, tra cui il portale ilmiolibro.it che a furia di buttare sul tavolo mazzette da cinquanta negli ultimi mesi del ventidodici si sta accaparrando quell'utenza di internauti che bisognosi d'aria fresca si vedranno propinata la solita minestra, ma digitale (promozioni mirate, pubblicità, eccetera). Accade nel bel paese che il gruppo RCS, che tanto per gradire ottiene dallo stato 23 milioni di euro all'anno per mandare al macero una quantità abominevole delle copie stampate, e che tra i maggiori azionisti vanta Mediobanca, FIAT, Pirelli (Tronchetti Provera), i signori dell'autostrada

9 (Benetton) e Banca Intesa San Paolo, controlla il Corriere della sera, la Gazzetta dello Sport, Radio 105, Radio Montecarlo, Virgin Radio e le case editrici Rizzoli, Bompiani, Fabbri Editori, Sonzogno, Sansoni, Adelphi e altre. Accade nel bel paese che il gruppo Mondadori (Berlusconi), oltre a il Giornale, Radio 101 e una sequela di periodici, si porta a casa la fetta più grossa del mercato editoriale con in primis la stessa Mondadori e case editrici collegate, e poi Electa, Random House, Piemme e non ultima Sperling & Kupfer. Continua a accadere nel bel paese che il Messaggero e il Mattino appartengono al gruppo Caltagirone del boss Gaetano, la cui figlia è compagna del leader dell'udc Casini. La Stampa è targata FIAT, il Sole 24 ore Confindustria. Questo basta a far capire, in linea di principio, senza entrare nel merito delle televisioni di pubbliche o private che dir si voglia, il perché lo stivale sia di colore arancione. Per quanto riguarda l'editoria slegata dal contesto prettamente dell'informazione, il gruppo editoriale Mauri-Sagnol (GEMS), le vecchie Messaggerie tanto per capirci, controllo del tutto o in buona parte l'operato di un pout pourri di editori, da Bollati Boringhieri a Fazi, passando per Garzanti, Guanda, il Corbaccio, Longanesi, Salani, Tea e Chiarelettere. I gruppi Giunti e Feltrinelli, più che nell'accorpare editori sono impegnati nel padroneggiare la filiera editoriale in toto (produzione, distribuzione, vendita), diffondendo le loro librerie capillarmente sul territorio, smantellando mano a mano quel sostrato di librerie indipendenti, ultimo baluardo di testi dalla scarsa collocazione sul mercato poiché poco adatti alle vendite su larga scala. Nella repubblica delle banane sono dunque cinque gruppi editoriali a farla da padrone nell'anno ventidieci: Mondadori (più del 27%), RCS (poco meno del 12%), GEMS (più del 10%), Giunti (poco meno del 8%), Feltrinelli (circa il 6%).

10 Ora mi annoio come allora, e neanche un prete per chiaccherar. Potremo snocciolare dati come si snocciola il rosario, pregando per noi peccatori in attesa della Sua venuta, ma preferiamo proporre qualcosa di più concreto a un impotente piagnisteo, poiché crediamo da un lato che il lettore disincantato saprà arrangiarsi nell'approfondire la ricerca sul cancro dell'editoria, mentre dall'altro vorremo mostrare qual è la conseguenza dello scenario descritto.

11 III. L'industria editoriale è una macchina massimizzante e massificante. La logica isterica di massimizzazione del profitto, sul quale si fonda l'operato dei gruppi editoriali di cui sopra, concorre alla indiscriminata massificazione dell'individuo, dunque del collettivo. Tornando a Platone si dirà che, in luogo de "l'etico", "il profitto" è il fondamento in virtù della quale i gruppi editoriali sopra descritti giustificano il loro operato. Da "Ethishing" a "Cashing". Quest'ultimo, al pari del primo, in quanto costrutto gode di una molteplicità di componenti: l'adozione di strategie di castrazione, da parte dell'editore, alla libera circolazione di testi ed opere; la scarsa sostenibilità ambientale, da parte dell'editore, riguardo alla creazione e alla diffusione di testi ed opere; la considerazione della propria utenza, la comunità di collaboratori, lettori e scrittori, al pari di meri produttoriconsumatori. Si lascia al lettore in altra sede il compito di braccare le varie componenti del provocatorio concetto di Cashing, in questa ci si limita a definire ciò che viene giustificato per mezzo di quel fondamento o principio concettuale: l'operato dell'industria editoriale si determina tramite la tendenza a pubblicare-pubblicizzare, innanzitutto e perlopiù, i prodotti capaci di condurre a un profitto maggiore. La logica massimizzante innesca una dinamica massificante sia di fatto che per diritto. Di fatto, poiché la tendenza a pubblicarepubblicizzare, innanzitutto e perlopiù, i prodotti

12 capaci di condurre a un profitto maggiore instaura un circolo omologante, virtuoso per l'industria editoriale nella misura in cui attraverso l'omologazione del prodotto massimizza il profitto, vizioso per l'individuo nella misura in cui attraverso l'omologazione del prodotto massifica il collettivo. La tendenza a pubblicare-pubblicizzare, innanzitutto e perlopiù, i prodotti capaci di condurre a un profitto maggiore, è massificante anche per diritto nella misura in cui condiziona tanto gli scrittori quanto i lettori a chinare il capo alla legge di mercato. Gli scrittori sono condizionati nella misura in cui sono tenuti a produrre opere che meglio possano incontrare il favore della massa, i lettori sono condizionati nella misura in cui sono tenuti a consumare opere che meglio possano incontrare il favore della massa. Queste opere sono dunque al tempo stesso omologate e omologanti. Torniamo a Platone: lo scrittore giustifica il suo operato, la produzione di un testo, fondandolo sul concetto di Desiderio. Ciò non significa che egli concettualizzi i propri desiderata e, scovandovi lo scrivere, pennino alla mano, giustifichi il suo operare. Ciò significa che è la stessa produzione di desiderio ad essere l'autore, ed essendo questa condizionata a priori dalla Legge di mercato (non si scrive certo per sé stessi, dunque il mercato poco o tanto ci si mette di mezzo) tenderà a partorire opere omologate (in ogni società si oppongono istanze antiproduttive, che facendo leva sulle paure ingabbiano i desideri). Omologate dunque, poiché la loro genesi da espressione (di un individuo desiderante) tende a divenire rappresentazione (desiderata per un collettivo). Ciò significa, per contro, che le individualità desideranti dei lettori difficilmente saranno disturbate o scosse, come invece potrebbero esserlo sbattendo contro un desiderio non rappresentato ma espresso in opera, un verbo fattosi carne. Omologanti dunque, poiché poiché non

13 disturbando la quiete del lettore, lo mantengono saldo nelle proprie certezze, non innescano nell'individuo dubbi e non suscitano problemi, ovvero non "danno a pensare". Il circolo omologante produce sempre meno prodotti disturbanti, omologando la collettività privandola della condizione di possibilità di incontrare prodotti che potrebbero disturbarne il torpore intellettuale, libri che "danno a pensare". Tendenzialmente, nel mondo editoriale, i prodotti capaci di condurre a un profitto maggiore sono omologati e omologanti. Questo discorso non gode di una dicotomia universale-singolare, dunque di una forma, quella del "così fan tutti" contrapposta a un "solo LD si differenzia"; questo discorso gode di una dicotomia generale-particolare, dunque di una forma, quella del "molti fanno questo" contrapposta a un "pochi si differenziano". Ciò non significa che i grandi gruppi editoriali non propongano opere non omologanti pur adottando strategie massimizzanti, così come non significa che molti piccoli e medi indipendenti non propongano opere non omologanti pur adottando strategie editoriali non massificanti. Ciò significa che, innanzitutto e perlopiù, la logica isterica di massimizzazione del profitto concorre alla indiscriminata massificazione del collettivo. Esiste un'alternativa alla logica di massimizzazione del profitto? La massificazione è davvero un cancro? Opinioni e analisi si sprecano, tanto nella rete quanto nei salotti mediatici dove il braccio della massificazione (cosa buffa!) la stigmatizza, piagnucolando a ogni piè sospinto la scarsezza di un nonmegliospecificato "pensiero critico". Alcuni sostengono che meglio leggere Fabio Volo piuttosto che non leggere affatto. Altri che il processo di massificazione è inevitabile nel momento in cui da oggetto elitario destinato a pochi eletti, a fronte di una massiccia

14 scolarizzazione il libro è diventato appunto oggetto popolare. Alcuni rimpiangono i bei tempi andati di una volta, prima che la città santa della letteratura fosse ridotta a un mercato a cielo aperto dopo il tradimento dei suoi ministri, i principi vescovi detentori del potere editoriale. Altri che il passaggio dal mecenatismo filantropico all'imprenditoria capitalistica ha corrotto la purezza della lettera, e che in fin dei conti si stava meglio quando si stava peggio. Ora non si tratta di stare a ponderare un'analisi costi benefici della cosa per venirne a capo su quale sia il male minore, come il chiedersi tirando in ballo Foucault quale sia la condizione preferibile tra società della sorveglianza e società del controllo, quanto piuttosto si tratta di forgiare nuove armi e creare un nuovo esercito per combattere la dura legge del Mercato. Noi siamo i giovani, i giovani più giovani. Noi siamo l'esercito, l'esercito del surf. Questo discorso è avulso da qualsivoglia dibattito sulla "letterarietà" reale o presunta di un testo, così come da una analisi sulla "eticità" di scrittori e lettori che, pur apertamente critici nei confronti del Mercato, pubblicano e acquistano prodotti per o di case editrici schierate coi grandi gruppi editoriali citati nelle sezioni precedenti. La legge di Mercato è uguale per tutti, belli e brutti. Dibattere sulla reale o presunta letterarietà di un testo non muterà le dinamiche in atto. Qualcosa potrebbe mutare qualora produttori e consumatori boicottassero i prodotti provenienti dall'industria editoriale, ma solo nella misura in cui si agirebbe sul Mercato stesso (iniziativa probabilmente effimera, che sarebbe arginata in un lasso di tempo ridicolo agendo sulla leva del prezzo). Per mutarne le dinamiche occorre agire sul Mercato stesso, perché solo questo può avere un impatto tale da incrinarne le logiche, occorre fare quel passo al quale mio (nostro? vostro?) padre alludeva sempre ogniqualvolta da ragazzo mi vedeva

15 inviperito contro la malapolitica, sentenziando sovente che per cambiare la politica occorreva fare politica, che le sassate sulle vetrine servivano solo a finire dentro. E lui, umile ferroviere cacciato da un istituto tecnico a diciassette anni, lo sapeva bene: era il sessantotto, e ai confini dell'impero la facoltà di Sociologia era una delle più agguerrite (Curcio et al). Ora quella stagione è lontana anni luce, e rimpiangere la rivoluzione è reazionario. Occorre fare Mercato, rischiando di scomparire nel vortice iperliberista e turbocapitalista che ingolla ogni sorta di "cosa" o "persona", di qualsiasi sesso o estrazione, da Dan Brown a Michael Moore, dalla Litizzetto-Mazzantini a Tommaso Ottonieri passando per Nick Cave e Tarantino, Dada e il Teatrino Clandestino. Questo discorso non critica l'operato delle case editrici affamatrici di popoli, che colpevoli di cedere alla logica isterica di massimizzazione concorrono alla indiscriminata dinamica di massificazione, ovvero alla propagazione del Pensiero Unico. Questo discorso mette in luce la questione che quella determinata logica conduce a quella determinata dinamica. Qui non si mira a disobbedire, boicottare, denunciare o fare alcunché di politico o, ancora peggio, politicizzato. Si tratta di forgiare nuove armi, creare un nuovo esercito per combattere la dura legge del Mercato: fare il Mercato stesso. Così come è reazionario lamentarsi dei bei tempi andati della rivoluzione di una volta, altrettanto lo è disquisire sul grado di "letterarietà" di un prodotto (e lo stesso dicasi per le categorie utilizzate di omologanteomologato) così come lo è dibattere sul grado di "liberalità" dell'industria editoriale (Mondadori che vanta editor "di sinistra" e pubblica saggi "di sinistra"). È reazionario lamentarsi della pochezza dell'italica accademia (per quanto il problema dell'alfabetizzazione sia reale e squisitamente politico) così come lo è la sassata sulle vetrine delle scuole (che in virtù delle nuove riforme

16 "aziendali" incassano finanziamenti in base al numero di studenti licenziati, la qual cosa si traduce in un invito da parte dei dirigenti o presidi, più o meno perentorio, al non respingere studenti). Ciò che non è reazionario è ragionare sulla macchina: anziché insistere sulla letterarietà di un'opera in quanto piede di porco per deliziare i palati e scardinare le coscienze, occorre definire un dispositivo il cui operato non si determini tramite la tendenza a pubblicarepubblicizzare, innanzitutto e perlopiù, i prodotti capaci di condurre a un profitto maggiore. LD si candida ad essere questo dispositivo, e la sua struttura stessa è la condizione di possibilità per sostituire la tendenza in questione sdoppiandola in due movimenti differenti: la pubblicazione di qualsivoglia prodotto; la pubblicizzazione da parte dell'utenza di ciò che l'utenza stessa riterrà eccellente o meritevole. Questa struttura dovrebbe garantire la visibilità tanto ai testi omologati e omologanti, quanto a quelli che non lo sono. Dovrebbe garantire tanto ai produttori quanto ai consumatori una fetta di Mercato avulso dalle logiche sopra descritte: la possibilità di vendere e comprare senza condizionamenti di sorta. Occorre ragionare sulla macchina, lavorare sulla struttura. I prodotti potranno essere recensiti da parte dell'utenza che potrà smentirne o confermarne il valore, e ciascuna recensione, o direttamente il testo stesso in questione, potrà essere commentato dagli stessi utenti. La piovra dell'industria, e così il tentacolo dell'editoria, parla la lingua del profitto. Lo scenario della riproducibilità tecnico-seriale di un'opera, che il buon Benjamin vedeva come condicio sine qua non per l'allargamento dell'accesso alla cultura da un ambito elitario a uno popolare, ha avuto come effetto collaterale la tendenza menzionata in precedenza di pubblicare-

17 pubblicizzare, innanzitutto e perlopiù, i prodotti capaci di condurre a un profitto maggiore (l'acciaio docet, sparato a tutta durante nei giorni caldi dello Strega finito poi nel canale Mussolini se la memoria non inganna). La coincidenza delle figure dello scrittore e del lettore con quelle del produttore e del consumatore merita una riflessione approfondita: occorre ragionare sulla macchina. La dinamica del social network, connessa alle pari opportunità di pubblicazione-pubblicizzazione, può mutare in popolare il dialogo culturale elitario dei salotti borghesi. Critici e intellettuali, esiliati dai quotidiani (ricordo nella fattispecie un articolo di Scarpa, un paio di Strega or sono, che lamentava l'esclusione sistematica degli scrittori dalla dimensione dell'attualità), potrebbero ricominciare a far sentire la propria voce (indottrinare il popolino, cacciare teste), tornando a filtrare la realtà in favore del collettivo, ruolo misconosciuto e ridicolizzato dalla classe politico aziendale che non può che trarre giovamento dalla mancanza di alternative plausibili al Pensiero Unico.

18 IV. LD giustifica il suo operato fondandolo su un principio concettuale: "l'etico", un costrutto formato da una molteplicità di componenti: il rifiuto di qualsiasi strategia di castrazione alla libera circolazione di testi ed opere; la sostenibilità ambientale; il considerare la propria utenza al pari di individui e non meri produttori-consumatori. Il rifiuto di qualsiasi strategia di castrazione è un problema di controllo sociale. Le prime norme sul diritto di copia (copyright) furono emanate dalla monarchia inglese nel XVI secolo con la volontà di operare un controllo sulle opere pubblicate nel territorio. Col diffondersi delle prime macchine automatiche per la stampa, infatti, iniziò ad affermarsi una libera circolazione fra la popolazione di scritti e volumi di ogni argomento e genere. Il governo, poiché la censura era all'epoca una funzione amministrativa legittima come la gestione della sicurezza pubblica, avvertì il bisogno di controllare ed autorizzare la libera circolazione delle opinioni. Ragion per cui fondò una corporazione privata di censori la London Company of Stationers (Corporazione dei Librai di Londra) - i cui profitti sarebbero dipesi da quanto fosse stato efficace il loro lavoro di censura filogovernativa. Agli Stationers (ovvero gli editori) furono concessi i diritti di copia (copyright, appunto) su ogni stampa, con valenza retroattiva anche per le opere pubblicate precedentemente. La concessione prevedeva il diritto esclusivo di stampa, e quello di poter ricercare e confiscare le stampe ed i libri non autorizzati, finanche di bruciare quelli stampati illegalmente. Ogni opera, per essere stampata, doveva essere registrata nel

19 Registro della corporazione, registrazione che era effettuabile solamente dopo un attento vaglio ad opera del Censore della corona o dopo la censura degli stessi editori. La corporazione degli editori esercitava perciò a tutti gli effetti funzioni di polizia privata, dedita al profitto e controllata da parte del governo. Ogni nuova opera veniva annotata nel registro della corporazione sotto il nome di uno dei membri della corporazione il quale ne acquisiva il copyright, ovvero il diritto esclusivo sugli altri editori di pubblicarla; una corte risolveva le eventuali dispute fra membri. Il diritto sulle copie (copyright), perciò, nasce come diritto specifico dell'editore, diritto sul quale il reale autore non può quindi recriminare alcunché né guadagnare di conseguenza. Nel successivo secolo e mezzo la corporazione dei censori inglesi generò benefici per il governo e per gli editori: per il governo, esercitando un potere di controllo sulla libera diffusione delle opinioni e delle informazioni; per gli editori, traendo profitto dal proprio monopolio di vendita. Sul finire del XVII secolo, però, l'imporsi di idee liberali nella società frenò le tradizionali politiche censorie e causò una graduale fine del monopolio delle caste editrici. Temendo una liberalizzazione della stampa e la concorrenza da parte di stampatori indipendenti ed autori, gli editori fecero valere la propria moral suasion sul Parlamento. Basandosi sull'assunto che gli autori non disponessero dei mezzi per distribuire e stampare le proprie opere (attività all'epoca assai costosa e quindi riservata a pochi), mantennero tutti i privilegi acquisiti in passato con un'astuzia: attribuire ai veri autori diritti di proprietà sulle opere prodotte, ma con la clausola che questa proprietà potesse essere trasferita ad altri tramite contratto. Di lì in poi gli editori non avrebbero più generato profitto dalla censura sulle opere, ma semplicemente dal trasferimento dei diritti firmato (più o meno volontariamente) dagli autori, trasferimento in ogni caso necessario per la

20 altrimenti troppo costosa pubblicazione delle opere. La storiella di cui sopra, che bene spiega la ragione della castrazione, è quel che si dice un "wiki", un documento reso libero dalla scelta di non vincolarlo ad alcun diritto di copia. Un documento che non sarebbe stato possibile divulgare se l'operato di Wikipedia fosse giustificato sulla logica della massimizzazione del profitto. La scelta di considerare l'utenza al pari di individui all'interno di un collettivo, e non meri produttori-consumatori all'interno di un capitalismo consumista, è ovviamente una questione squisitamente politica (e si badi, politica, non politicizzata). Se è vero che il secolo ventesimo può esser detto deleuziano, lo è nella misura in cui la sentenza per eccellenza è stata "desiderare è produrre" e in virtù di essa è il desiderio ha produrre tanto l'io quanto il mondo e Dio. Se desiderare è produrre (già, sono i vostri nostri? miei? desideri a creare il mondo, tanto nel grande quanto nel piccolo) si capisce che la tanto la pubblicità quanto la diffusione dei dati dell'utenza per indagini di mercato non possono che contribuire da un lato a indirizzare il desiderio del collettivo vincolandoli a un prodotto mentre dall'altro a mantenere le individualità nel ruolo di meri consumatori. L'essere quel che si dice un social media, da un lato user-generated content e dall'altro consumer-generated media fa di LD la condizione di possibilità per creare una comunità capace di territorializzare il dibattito culturale deterritorializzandolo dal Mercato, e per far ciò ha bisogno di un popolo, non di meri consumatori. E il popolo va tutelato, trattato come tale e non come massa di consumatori, tanto appunto evitando di diffonderne le abitudine quanto evitando di esporlo a pubblicità di altri prodotti. Allo stesso modo, la scelta di destinare la

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

piano per la conquista dello spazio internettiano

piano per la conquista dello spazio internettiano piano per la conquista dello spazio internettiano strategia di comunicazione per l editrice lady maltras progetto di tesi individuale di alessia pascarella relatore interno: paola muzzetto relatore esterno:

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Long tail e SEO, il grande equivoco

Long tail e SEO, il grande equivoco Long tail e SEO, il grande equivoco Di Articolo originale: The Great Misconception of Long-Tail Keywords and SEO http://www.highrankings.com/long-tail-keywords-292 20 ottobre 2010 Mentre scrivo, sono appena

Dettagli

Software Educativo Equo e Solidale

Software Educativo Equo e Solidale Software Educativo Equo e Solidale CIES - Lynx Versione febbraio 2007 IN SINTESI: questo progetto mira a applicare concetti e metodi ormai consolidati dal settore del Commercio Equo e Solidale ad un campo

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Valerio Ortenzi Paola Corradini

Valerio Ortenzi Paola Corradini Scrivere libri ebook, letteratura e mercato Valerio Ortenzi Paola Corradini a cura di Giulia Salvi e Rachele Esposito 1 Libri una distinzione Narrativa (Romanzo, racconto) Saggistica (trattazioni monografica)

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva.

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. N on sarò un esperta del settore, ma nel corsivo di Livia Belardelli sulla cosiddetta editoria a pagamento apparso su Liberal

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

G i o v a n n i L e o n i. Agrivillaggio. Cos'è? Come si fa? 1 www.agrivillaggio.com

G i o v a n n i L e o n i. Agrivillaggio. Cos'è? Come si fa? 1 www.agrivillaggio.com G i o v a n n i L e o n i Agrivillaggio Cos'è? Come si fa? 1 Cara amica, caro amico, Se stai leggendo questo rapporto è perché hai a cuore il tuo vivere bene a anche quello delle prossime generazioni.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE INTRODUZIONE Internet è inevitabilmente parte delle nostre vite. Facebook, MySpace, Filckr, Wikipedia, Google tutti strumenti che la maggior parte di noi utilizza, padroneggia, critica o apprezza. Sono

Dettagli

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio.

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Il Master in Professione Editoria cartacea e digitale

Dettagli

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati 1 ANNO 3, NUMERO 11 MARZO 2014 Editoriale Ma tutto questo vir(t)uale non ci farà male alla salute? A cura di Silvia Bertolotti Se non sei su Facebook non esisti. Questa affermazione, che ho sentito qualche

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE...

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Questo e' il primo reporter che rivelo per un perido di tempo limitato: ''Gratuitamente'' a seguire nelle pagine del sito troverai gli altri 6. @ Se tu

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER

FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER Come qualificare pannelli dopo averli acquistati e come qualificarli dopo il secondo ciclo gratis offerto dal pacchetto originario. DESCRIZIONE: PANNELLO Ecco come

Dettagli

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven Oggi gli autori riescono a pubblicarsi da soli. E, a volte, è davvero un successo. Come accade a Luca Rossi con le sue opere. Lui davvero ha costruito la sua scala per il paradiso (narrativo) Ho voglia

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea SPEECH/07/173 Leonard Orban Commissario europeo per il multilinguismo Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea Accademia di Romania/Università La Sapienza Roma,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Problemi di una piattaforma di gioco virtuale

Problemi di una piattaforma di gioco virtuale Problemi di una piattaforma di gioco virtuale Nel breve documento troverete riferimenti tecnici e monetari riguardo i problemi di una piccola piattaforma di gioco online. A chi è rivolto? A chiunque stia

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

AUTORE: Marco Carovana SITO WEB: www.obbiettivobusiness.it

AUTORE: Marco Carovana SITO WEB: www.obbiettivobusiness.it AUTORE: Marco Carovana SITO WEB: www.obbiettivobusiness.it ------------------------------------------------------------------------ ATTENZIONE! Puoi condividere questo report con i tuoi amici, Puoi citarne

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Self Publishing - Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web!!!

Self Publishing - Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web!!! Copyright 2012 by Roberto Travagliante Email: info@travagliante.com Sito web: http://www.travagliante.com Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali. Nessuna

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

creare relazioni efficaci

creare relazioni efficaci Max Formisano Davide Tambone Se solo potessi... creare relazioni efficaci Gribaudi Se solo potessi creare RELAZIONI EFFICACI Alle nuove generazioni che, in futuro, contribuiranno a salvare il mondo: Marco,

Dettagli

Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore

Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore Ragazzi di vita digitale Condizioni e condotte di giovani cibernaviganti sul diritto d autore Giovanni Prattichizzo 20/05/2014 La società immateriale convergenza culturale società della sostituzione informatizzazione

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano Sfida e attualità dell educare in stile salesiano La persona è un essere relazionale La persona è un essere sociale La centralità della relazione interpersonale nell educazione La persona è un sistema

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Politica: la voce dei giovani

Politica: la voce dei giovani Politica: la voce dei giovani m a r e a p e r t o La cupola trasparente del Bundestag (Berlino) sede del parlamento federale tedesco. È completamente trasparente: con la ricostruzione tedesca e dopo due

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli