Record in C: il costruttore struct.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Record in C: il costruttore struct."

Transcript

1 Record in C: il costruttore struct. Le variabili di tipo record e i nuovi tipi record si dichiarano in C tramite il costruttore di tipo struct:. <var-record> ::= <costr-struct> <identif> ; <costr-struct> ::= <seq-campi>} <seq-campi> ::= <seq-campi-omog> <seq-campi-omog> ; <seq-campi> <seq-campi-omog> ::= <tipo> <seq-nomi-campi> <seq-nomi-campi> ::= <identif> <identif>, <seq-nomi-campi> int Giorno; int Anno; } Data; /* variabile Data come record di tre campi: Giorno Mese e Anno, tutti di tipo intero */ Data Data.Giorno Data.Mese Data.Anno /* DICHIARAZIONE ALTERNATIVA : */ int Giorno, Mese, Anno; } Data; 1

2 Inizializzazione di una variabile record int Giorno, Mese, Anno; } Data = {15,10,1919}; è possibile accedere ad una variabile di tipo record nel suo insieme, come se fosse una variabile semplice oppure campo per campo, rispettando tutte le regole previste per il tipo associato a ciascun campo. int Giorno, Mese, Anno; } DataEsame; int Giorno, Mese, Anno; } DataOrale; /* accesso alle variabili campo per campo */ DataOrale.Anno = DataEsame.Anno; DataOrale.Mese = DataEsame.Mese; DataOrale.Giorno= DataEsame.Giorno + 1; /* accesso alle variabili nel loro insieme */ DataOrale = DataEsame; 2

3 int Matr; char Sesso; int Età; } Stud; /* variabile Stud */ Stud.Mat Stud.Sess Stud.Et Stu r o à d 15 'F' 20 Modifichiamo Stud, aggiungendo un campo Nome come una stringa int Matr; char Nome[21]; char Sesso; int Età; } Stud; /* variabile Stud */ Stud.Mat Stud.Nom Stud.Sess Stud.Et Stu r e o à d 15 "Paola" 'F' 20 Questo è un primo esempio in cui un tipo strutturato (Nome di tipo stringa) è usato all interno di un altro tipo strutturato (Stud di tipo record) : composizione di tipi strutturati. una variabile di tipo record deve essere letta da input campo per campo, rispettando tutte le regole previste per il tipo associato a ciascun campo: printf("inserire Matricola Studente "); scanf("%d",&stud.matr); printf("inserire Nome Studente "); scanf("%20s", Stud.Nome); Il campo Nome di Stud è una stringa, quindi non ci vuole &! 3

4 COMPOSIZIONE DI TIPI STRUTTURATI Modifichiamo Stud, aggiungendo un campo DataDiNascita come record int Matr; char Nome[21]; int Giorno; char Sesso; int Età; } Stud; /* variabile Stud */ printf("inserire Data di Nascita dello Studente \n"); printf("giorno : "); scanf("%d",&stud.datadinascita.giorno); printf("mese : "); scanf("%d",&stud.datadinascita.mese); printf("anno : "); scanf("%d",&stud.datadinascita.anno); è possibile utilizzare come componenti dei tipi strutturati, costruendo così delle matrici di record, dei record di matrici, 1 Corso MaxStud Nome Parola DataDiNascita 1 NumCar Data Giorno Mese Anno char Nome[NumCar]; struct{int Giorno; } Corso[MaxStud]; 4

5 NOTA Consideriamo le seguenti dichiarazioni int Giorno, Mese, Anno; } DataEsame; int Giorno, Mese, Anno; } DataOrale; Non tutti i compilatori (compreso DEV-C++) accettano l assegnamento DataOrale=DataEsame; in quanto i tipi delle due variabili sono considerati incompatibili. Se invece viene utilizzata la seguente dichiarazione: int Giorno, Mese, Anno; } DataEsame,DataOrale; Allora l assegnamento DataOrale=DataEsame; viene considerato corretto! Nello stesso modo, se considero char Nome[NumCar]; struct{ int Giorno; } Corso[MaxStud]; char Nome[NumCar]; struct{ int Giorno; } MAX; Non tutti i compilatori (compreso DEV-C++) accettano l assegnamento MAX=Corso[0]; In questo caso si dovrebbe effettuare char Nome[NumCar]; struct{ int Giorno; } MAX, Corso[MaxStud]; Allora l assegnamento MAX=Corso[0]; viene considerato corretto. Questi problemi non si presentano con l uso del typedef. 5

6 Quando lo stesso tipo strutturato (array o record) deve essere usato in più di una dichiarazione di variabili, è bene dichiarare tale tipo esplicitamente con typedef: Ad esempio, nel caso di char Nome[NumCar]; struct{ int Giorno; } MAX, Corso[MaxStud]; si usa due volte lo stesso tipo strutturato, sia per dichiarare MAX che per Corso. Allora si definisce esplicitamente tale tipo tramite typedef: typedef char Nome[NumCar]; struct{int Giorno; } TipoStudente; e il nuovo tipo TipoStudente è quindi usato per dichiarare le due variabili: TipoStudente MAX; TipoStudente Corso[MaxStud]; In questo modo l assegnamento MAX=Corso[0]; viene considerato corretto. Nel seguito viene riportato l esempio completo Studente più giovane, ovvero studente con Data di Nascita maggiore utilizzando typedef. #include <stdio.h> #define NumCar 25 #define MaxStud 4 main(){ typedef char Nome[NumCar]; struct{ int G; int M; int A; } DataDiNascita; } TipoStudente; TipoStudente MAX; TipoStudente Corso[MaxStud]; int I; 6

7 /* lettura degli studenti */ for(i=0;i<maxstud;i++){ printf("inserire studente n. %d\n",i); printf("nome : "); scanf("%20s",corso[i].nome); printf("data di Nascita \n "); printf("giorno : "); scanf("%d",&corso[i].datadinascita.g); printf("mese : "); scanf("%d",&corso[i].datadinascita.m); printf("anno : "); scanf("%d",&corso[i].datadinascita.a); } /* stampa degli studenti inseriti */ printf("\n\n stampa degli studenti inseriti \n\n"); for(i=0;i<maxstud;i++){ printf("\nstudente n. %d\n",i); printf("nome = %-20s",Corso[I].Nome); printf("nato il %d-%d-%d: \n",corso[i].datadinascita.g, Corso[I].DataDiNascita.M,Corso[I].DataDiNascita.A); } /* Calcolo del MAX. cioe studente con DataDiNascita piu' grande*/ MAX=Corso[0]; for(i=1;i<maxstud;i++) if(corso[i].datadinascita.a > MAX.DataDiNascita.A Corso[I].DataDiNascita.A == MAX.DataDiNascita.A && Corso[I].DataDiNascita.M > MAX.DataDiNascita.M Corso[I].DataDiNascita.A==MAX.DataDiNascita.A && Corso[I].DataDiNascita.M == MAX.DataDiNascita.M && Corso[I].DataDiNascita.G > MAX.DataDiNascita.G ) MAX=Corso[I]; printf("\nlo studente piu' giovane e' \n"); printf("nome = %-20s",MAX.Nome); printf("nato il %d-%d-%d: \n",max.datadinascita.g, MAX.DataDiNascita.M,MAX.DataDiNascita.A); } Ovviamente il precedente programma è corretto se c e un solo studente con la massima DataDiNascita. Per considerare il caso in cui ci siano più studenti con la stessa data di nascita e quindi la possibilità di avere due o più studenti con la massima DataDiNascita, dopo aver caalcolato MAX, si scandisce di nuovo Corso e si stampano tutti gli studenti la cui data di nascita è quella di MAX. 7

8 Si noti che per controllare l uguaglianza di due record (in questo caso le due date) non possiamo confrontare i due record con == ma si deve usare il confronto elemento per elemento: infatti l operatore == si applica solo ai tipi semplici. In altre parole, è sbagliato scrivere if(corso[i].datadinascita == MAX.DataDiNascita) ma si deve scrivere if(corso[i].datadinascita.a == MAX.DataDiNascita.A && Corso[I].DataDiNascita.M == MAX.DataDiNascita.M && Corso[I].DataDiNascita.G == MAX.DataDiNascita.G ) Riportiamo il ciclo for che ci consente di stampare tutti gli studenti più giovani for(i=0;i<maxstud;i++) if( Corso[I].DataDiNascita.A == MAX.DataDiNascita.A && Corso[I].DataDiNascita.M == MAX.DataDiNascita.M && Corso[I].DataDiNascita.G == MAX.DataDiNascita.G ) { printf("\n Nome = %-20s",Corso[I].Nome); printf("nato il %d-%d-%d: \n", Corso[I].DataDiNascita.G, Corso[I].DataDiNascita.M, Corso[I].DataDiNascita.A); } 8

Esempio: Array di struct

Esempio: Array di struct Esempio: Array di struct Scrivere un programma C che definisca la struttura esame, composta dal nome dell esame (stringa) e dal voto (intero). Si leggano poi da terminale n esami, con n definito dall utente

Dettagli

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo /*Caricare un vettore di n numeri float, ordinarlo e e stamparlo

Dettagli

Appello di Informatica B

Appello di Informatica B Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale 19 febbraio 2004 Appello di Informatica B Prof. Angelo Morzenti - Prof. Vincenzo Martena Cognome e nome: Matricola: Tipo di prova: recupero I prova

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore.

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore. 1 Esercizio 1 1. Immaginate di avere una calcolatore che invece che poter rappresentare i classici due valori per ogni bit (0/1) possa rappresentare 7 valori per ogni bit. (a) Quanti bit gli occorreranno

Dettagli

http://esamix.labx Quotazione compareto( ) Quotazione piurecente( ) Quotazione Quotazione Quotazione non trovato count( )

http://esamix.labx Quotazione compareto( ) Quotazione piurecente( ) Quotazione Quotazione Quotazione non trovato count( ) Materiale di ausilio utilizzabile durante l appello: tutto il materiale è a disposizione, inclusi libri, lucidi, appunti, esercizi svolti e siti Web ad accesso consentito in Lab06. L utilizzo di meorie

Dettagli

RICERCA DI UN ELEMENTO

RICERCA DI UN ELEMENTO RICERCA DI UN ELEMENTO Si legga da tastiera un array di N elementi (N stabilito dall utente) Si richieda un elemento x il programma deve cercare l elemento x nell array Se l elemento è presente, deve visualizzare

Dettagli

Esame del 3 febbraio 2010

Esame del 3 febbraio 2010 Fondamenti di Informatica CdL in Ingegneria Gestionale a.a. 2009/2010 Docente: Andrea Prati Esame del 3 febbraio 2010 Esercizio 1 Vettori Sia data un vettore (array monodimensionale) di interi: int VETT[N];

Dettagli

/* esercizio 5. Memorizzare l elenco dei prodotti giacenti in un magazzino in modo da poter effettuare le seguenti operazioni :

/* esercizio 5. Memorizzare l elenco dei prodotti giacenti in un magazzino in modo da poter effettuare le seguenti operazioni : /* esercizio 5. Memorizzare l elenco dei prodotti giacenti in un magazzino in modo da poter effettuare le seguenti operazioni : Stampare le caratteristiche di un determinato prodotto (codice, descrizione,

Dettagli

Esercitazione 10. Strutture ed Enumerazioni. Allocazione dinamica di memoria

Esercitazione 10. Strutture ed Enumerazioni. Allocazione dinamica di memoria Esercitazione 10 Strutture ed Enumerazioni Allocazione dinamica di memoria ESERCIZIO Scrivere una funzione che, dato un array di interi bidimensionale di dimensione n n, calcoli e stampi la somma degli

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: i puntatori

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: i puntatori Linguaggio C: i puntatori Il puntatore E` un tipo di dato scalare, che consente di rappresentare gli indirizzi delle variabili allocate in memoria. Dominio: Il dominio di una variabile di tipo puntatore

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Esercizio 1. Esercizio 2

Esercizio 1. Esercizio 2 Esercizio 1 Realizzare un programma che, aperto un file di testo di nome Prova.txt in modalità scrittura, provveda a leggere da input delle parole separate da spazi (stringhe di al più 63 caratteri) e

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VI Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 LE STRUCT Tipo definito dall utente i cui elementi possono essere eterogenei (di tipo diverso). Introduce un nuovo tipo di

Dettagli

Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di una variabile. Una variabile di tipo puntatore è dichiarata tramite il costruttore di tipo *

Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di una variabile. Una variabile di tipo puntatore è dichiarata tramite il costruttore di tipo * PUNTATORI Un untatore è una variabile che contiene l indirizzo di una variabile var. di tio "untatore a variabile di tio T" indir. di variab. variabile di tio T valore di tio T Una variabile di tio untatore

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO E TIPI SEMPLICI...4

STRUTTURE DI CONTROLLO E TIPI SEMPLICI...4 Esercizi di Informatica A cura di Massimiliano Colombo ed Elisabetta Di Nitto (Vi preghiamo di segnalarci ogni errore che vi capitasse di trovare.) Indice 1. STRUTTURE DI CONTROLLO E TIPI SEMPLICI...4

Dettagli

SOLUZIONE ESERCIZIO 1

SOLUZIONE ESERCIZIO 1 SOLUZIONE ESERCIZIO 1 Progettare un algoritmo che dati tre numeri (voti) a, b, c che possono assumere i valori interi da 18 a 30, calcoli la loro media. #include void main() { int a, b, c; float

Dettagli

Definizione di nuovi tipi in C

Definizione di nuovi tipi in C Definizione di nuovi tipi in C typedef Ancora sui tipi di dato Ogni elaboratore è intrinsecamente capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1, 2010/2011 Modulo 2. Prova d Esame 4A di Martedì 21 Giugno 2011 tempo a disposizione 2h

Fondamenti di Informatica T-1, 2010/2011 Modulo 2. Prova d Esame 4A di Martedì 21 Giugno 2011 tempo a disposizione 2h Prima di cominciare: si scarichi dal sito http://esamix.labx il file StartKit4A.zip contenente i file necessari (progetto Visual Studio ed eventuali altri file di esempio). Avvertenze per la consegna:

Dettagli

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 27 Gennaio 2015

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 27 Gennaio 2015 COGNOME E NOME: MATRICOLA: Civile Ambiente e Territorio Non si possono consultare manuali, appunti e calcolatrici. Esercizio 1: [3 punto] Rappresentare i numeri 36 e 91 (in base 10) in notazione binaria

Dettagli

File di testo e file binari Directory

File di testo e file binari Directory File di testo e file binari Directory Dove salvare i file perché vengano ritrovati dal programma? CASO 1 Programma eseguito da ambiente di lavoro (MS Visual C++). La directory in cui viene creato/letto

Dettagli

Problem solving elementare su dati vettoriali

Problem solving elementare su dati vettoriali Problem solving elementare su dati vettoriali Introduzione Verifiche su sequenze di dati Selezione o ricerca di dati 2 2006 Politecnico di Torino 1 Introduzione (1/2) I problemi di verifica consistono

Dettagli

Politecnico di Milano - Facoltà di Ingegneria INFORMATICA A - Corso per allievi GESTIONALI - Prof. C. SILVANO A. A. 2001/2002-5 febbraio 2003 -A

Politecnico di Milano - Facoltà di Ingegneria INFORMATICA A - Corso per allievi GESTIONALI - Prof. C. SILVANO A. A. 2001/2002-5 febbraio 2003 -A Politecnico di Milano - Facoltà di Ingegneria INFORMATICA A - Corso per allievi GESTIONALI - Prof. C. SILVANO A. A. 2001/2002-5 febbraio 2003 -A COGNOME: NOME: MATRICOLA: Istruzioni: Scrivere solo sui

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Esercizio 1. Esercizio 1

Esercizio 1. Esercizio 1 Esercizio 1 Un registratore di cassa registra su di un file binario alcuni dati relativi agli scontrini emessi. In particolare, tramite una struttura dati di nome scontrino, il registratore di cassa tiene

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

Definizione di classi con array di oggetti

Definizione di classi con array di oggetti Definizione di classi con array di oggetti 1. (Esame scritto del 18/9/2002, Esercizio 6.) La banca dati di un agenzia assicurativa per auto è caratterizzata da un insieme di polizze di assicurazioni per

Dettagli

PROGRAMMI LINGUAGGIO C

PROGRAMMI LINGUAGGIO C PROGRAMMI IN LINGUAGGIO C Corso di Programmazione Modulo B Prof. GIULIANO LACCETTI Studentessa Bellino Virginia Matr. 408466 Corso di Diploma in Informatica http://www.dicecca.net Indice 1. Package per

Dettagli

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 3 Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Fondamenti di Informatica 2 della prova scritta del 28 Febbraio 2006 Esercizio 1 (4 punti) Date le seguenti variabili int A[] = 2,3,7,-2,5,8,-4; int N = 7; int min = 3; int i; Scrivere la porzione di codice

Dettagli

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dall Algoritmo al Programma Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni IL PROGRAMMA Gli algoritmi sono modelli di descrizione astratti e per controllarne il funzionamento devono essere

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE NOME: COGNOME: ============================================================== Esercizio 1 ci sono tante "righe"; non è detto servano tutte...

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1, 2009/2010 Modulo 2 Prova d Esame 5 di Giovedì 15 Luglio 2010 tempo a disposizione 2h30'

Fondamenti di Informatica T-1, 2009/2010 Modulo 2 Prova d Esame 5 di Giovedì 15 Luglio 2010 tempo a disposizione 2h30' Prima di cominciare: si scarichi dal sito http://esamix.labx il file StartKit5.zip contenente i file necessari (solution di VS2008 e progetto compresi). Avvertenze per la consegna: apporre all inizio di

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica I tipi strutturati: gli array e le strutture Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 arrays un array (o vettore) è una sequenza di oggetti dello stesso

Dettagli

IEIM. Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files 2014-2015. Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.it

IEIM. Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files 2014-2015. Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.it IEIM Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files 2014-2015 Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.it 1 2 Automobili Rappresentare in C una automobile. Nel nostro caso, una automobile

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Struttura dati FILE. Concetto di FILE

Struttura dati FILE. Concetto di FILE Struttura dati FILE Concetto di FILE Per poter mantenere disponibili dei dati tra diverse esecuzioni di un programma (PERSISTENZA dei dati), è necessario poterli archiviare su memoria di massa. Un file

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

Linguaggio C - Stringhe

Linguaggio C - Stringhe Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - Stringhe La presente dispensa e da utilizzarsi ai

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni 1 2 I puntatori in C++ Il puntatore un tipo di dato scalare, che consente di rappresentare gli indirizzi delle variabili allocate in memoria. Dominio: Il dominio di una variabile di tipo puntatore è un

Dettagli

Esercizio: gestione di un conto corrente

Esercizio: gestione di un conto corrente Esercizio: gestione di un conto corrente Si realizzi un conto corrente bancario mediante: - una ASTRAZIONE DI DATO - un TIPO DI DATO ASTRATTO Il conto corrente è caratterizzato dalle seguenti informazioni:

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

La gestione della memoria

La gestione della memoria La gestione della memoria DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT HTTP://WWW.DII.UNISI.IT/~RIGUTINI/

Dettagli

Caricare un numero n float, calcolare e stampare il quadrato e il cubo di n. Diagramma di flusso

Caricare un numero n float, calcolare e stampare il quadrato e il cubo di n. Diagramma di flusso Esercizi svolti durante le ore di nformatica e Sistemi automatici nelle Clas del Liceo Scientifico Teclogico Milli di Teramo Esercizio N. 1 Caricare un numero n float, calcolare e stampare il quadrato

Dettagli

5. Tabella della legge oraria del moto rettilineo uniforme (S = V*t)

5. Tabella della legge oraria del moto rettilineo uniforme (S = V*t) Esercizi in C da temi d esame Prima prova in itinere 24-11-00 SVILUPPO GUIDATO DI PROGRAMMI IN C 5. Tabella della legge oraria del moto rettilineo uniforme (S = V*t) 5.1. Dichiarare le seguenti variabili:

Dettagli

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili Indirizzo di una funzione 2 Puntatori a funzioni Ver. 2.4 Si può chiamare una funzione utilizzando l indirizzo di memoria dal quale inizia il codice eseguibile della funzione stessa L indirizzo di memoria

Dettagli

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket

Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Una prima applicazione in C per l utilizzo delle socket Richiamo sulle socket Socket in Windows (WinSock) Differenze tra sistemi operativi D. Gendarmi Socket API API: Application Programming Interface

Dettagli

Utilizzo e scrittura di classi

Utilizzo e scrittura di classi Utilizzo e scrittura di classi Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 14 novembre, 2001 Gino Perna Implementazione di classi in C++ UN ESEMPIO DI CLASSE: RISULTATI

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 18 dicembre 2007 Esercizio 1: rappresentazione di una tabella di occorrenze L obiettivo è quello di rappresentare in modo efficiente

Dettagli

Grammatica di base: Pointers

Grammatica di base: Pointers Grammatica di base: Pointers Esistono I puntatori a funzioni. Bisogna esplicitare esattamente il tipo di ritorno e il tipo di argomento. Per evitare ambiguità con il prefisso * nel declarator, il nome

Dettagli

Raccolta di alcuni esercizi proposti nei temi d esame di Informatica 1 nell anno accademico 2000/01

Raccolta di alcuni esercizi proposti nei temi d esame di Informatica 1 nell anno accademico 2000/01 Raccolta di alcuni esercizi proposti nei temi d esame di Informatica 1 nell anno accademico 2000/01 Esercizio 1 Simulare l esecuzione di ciascuna delle 5 chiamate a sottoprogrammi, limitandosi alla descrizione

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Programmazione I / Informatica generale Prova scritta 11 Giugno 2008

Programmazione I / Informatica generale Prova scritta 11 Giugno 2008 Programmazione I / Informatica generale Prova scritta 11 Giugno 2008 NOTA: Si trascuri ogni problema legato al tipo ed al valore di ritorno della funzione main. Inoltre, nei programmi è da sottintendere

Dettagli

Lab 11 Gestione file di testo"

Lab 11 Gestione file di testo Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni Lab 11 Gestione file di testo" Lab15 1 Esercizio 1 n Realizzare un programma che, aperto un file di testo di nome

Dettagli

Gestione delle stringhe in C

Gestione delle stringhe in C Gestione delle stringhe in C 1 Generalità Una stringa è un vettore di caratteri il cui ultimo elemento è un carattere terminatore (o di fine stringa), codificato dal carattere di codice 0 e rappresentato

Dettagli

Caratteri e stringhe Esercizi risolti

Caratteri e stringhe Esercizi risolti Esercizi risolti 1 Esercizio: Conta vocali e consonanti Scrivere un programma in linguaggio C che legga una frase introdotta da tastiera. La frase è terminata dall introduzione del carattere di invio.

Dettagli

Concetti chiave. Struct. Variabili strutturate: il tipo struct Elementi di una struttura typedef e struct Array di strutture

Concetti chiave. Struct. Variabili strutturate: il tipo struct Elementi di una struttura typedef e struct Array di strutture Concetti chiave Struct Variabili strutturate: il tipo struct Elementi di una struttura typedef e struct Array di strutture Struct Per aggregare elementi di tipo diverso si utilizza una struttura. struct

Dettagli

Immettere un importo in euro intero e stampare il numero minimo di banconote da 20, 10, 5 e monete da 1 e 2 euro necessarie per pagarlo.

Immettere un importo in euro intero e stampare il numero minimo di banconote da 20, 10, 5 e monete da 1 e 2 euro necessarie per pagarlo. Immettere un importo in euro intero e stampare il numero minimo di banconote da 20, 10, 5 e monete da 1 e 2 euro necessarie per pagarlo. void main(){ int i; printf("inserire l'importo intero:\n"); scanf("%d",&i);

Dettagli

Informatica: arte e mestiere

Informatica: arte e mestiere Informatica: arte e mestiere III edizione su Web Premessa...3 Capitolo 3 Codifica degli algoritmi in un linguaggio di alto livello...4 Capitolo 4 Esecuzione di programmi C su macchine reali...8 Capitolo

Dettagli

Inizializzazione, Assegnamento e Distruzione di Classi

Inizializzazione, Assegnamento e Distruzione di Classi Inizializzazione, Assegnamento e Distruzione di Classi Lezione 9 Operazioni Automatiche In ogni programma C++ oggetti classe vengono gestiti automaticamente dal compilatore Inizializzati al momento della

Dettagli

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa Ricerche, ordinamenti e fusioni 5.1 Introduzione Questo capitolo ci permette di fare pratica di programmazione utilizzando gli strumenti del linguaggio introdotti finora. A una prima lettura possono essere

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1

MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1 MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1 1 #include 2 #include 3 #include 4 // ==================================================================== 5 // Versione 1.1 1/1/2008

Dettagli

Le stringhe. Le stringhe

Le stringhe. Le stringhe Informatica: C++ Gerboni Roberta Stringhe di caratteri (esempi di utilizzo dei vettori) Nel linguaggio C++ una stringa è semplicemente un vettore di caratteri Vettori di caratteri La stringa "hello" è

Dettagli

Compito di Fondamenti di Informatica

Compito di Fondamenti di Informatica Compito di Fondamenti di Informatica In un magazzino viene utilizzato un archivio informatico, nel quale vengono memorizzate le informazioni relative ai prodotti contenuti nel magazzino e che ne permette

Dettagli

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria

I puntatori e l allocazione dinamica di memoria I puntatori e l allocazione dinamica di memoria L allocazione delle variabili Allocazione e rilascio espliciti di memoria Le funzioni malloc e free 2 2006 Politecnico di Torino 1 Allocare = collocare in

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio 1-La memoria dinamica La scrittura di un programma (indipendentemente dal linguaggio adottato) deve sempre tener conto

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014. DOCENTE: Villani Chiara

PROGRAMMA SVOLTO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014. DOCENTE: Villani Chiara LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO LUSSANA" V i a A n g e l o Ma j, 1 2 4 1 2 1 B E R G A M O 035 237502 Fax: 035 236331 Sito e contatti: www.liceolussana.com Codice fiscale: 80026450165 PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Homework HWC1 di Programmazione Concorrente 13 novembre 2014 anno accademico 2014/2015

Homework HWC1 di Programmazione Concorrente 13 novembre 2014 anno accademico 2014/2015 Homework HWC1 di Programmazione Concorrente 13 novembre 2014 anno accademico 2014/2015 Modalità di consegna L homework va consegnato entro le ore 20:00 di domenica, trenta di novembre, inviando al docente

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Funzioni in C. Violetta Lonati

Funzioni in C. Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica Funzioni - in breve: Funzioni Definizione di funzioni

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Esame di Informatica Generale 9 CFU 21 Giugno 2011 Professori: Carulli, Fiorino, Mazzei

Esame di Informatica Generale 9 CFU 21 Giugno 2011 Professori: Carulli, Fiorino, Mazzei 04-21-giugno-2011-DomandeConSoluzione.doc 1/12 22/06/2011 15:07:59 Esame di Informatica Generale 9 CFU 21 Giugno 2011 Professori: Carulli, Fiorino, Mazzei Docente Risultati Scritto Orali Carulli Venerdì

Dettagli

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015 Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016 Esercizi proposti il 09-12-2015 ESERCIZI GUIDATI Gli esercizi saranno svolti in aula dal docente di laboratorio per illustrare alcuni

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Laboratorio di Programmazione 1 1 Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Funzioni: Dichiarazione e Definizione La dichiarazione di una funzione serve a comunicare al compilatore quali sono

Dettagli

Un file di testo (TEMP.TXT) contiene i dati relativi alle medie di tutti gli studenti che

Un file di testo (TEMP.TXT) contiene i dati relativi alle medie di tutti gli studenti che ESERCIZIO su liste di interi Un file di testo (TEMP.TXT) contiene i dati relativi alle medie di tutti gli studenti che devono accedere ad una sessione di laurea. Si realizzi un programma C che: 1. Costruisca

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Allocazione dinamica della memoria - riepilogo

Allocazione dinamica della memoria - riepilogo Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica In breve Storage duration Allocazione dinamica della

Dettagli

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 15.V.2015. Indice

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 15.V.2015. Indice LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 15.V.2015 VINCENZO MARRA Indice Parte 1. Input/Output standard dalla console 2 Esercizio 1 2 Eco

Dettagli

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore

Relazioni tra oggetti e classi : Composizione. Relazioni tra oggetti e classi : esempio di Aggregazione. classe contenitore Relazioni tra oggetti e classi : Generalizzazione Fondamenti di Informatica II 20. Laboratorio 6 Collegamenti e associazioni Le relazioni di tipo generalizzazione (specializzazione), servono per poter

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza vers.0 in lavorazione Docente SAFFI FABIO Contenuti Implementazione delle operazioni di base mediante main in un unico file sorgente... 2 Struttura

Dettagli

costruttori e distruttori

costruttori e distruttori costruttori e distruttori Costruttore E un metodo che ha lo stesso nome della classe a cui appartiene: serve per inizializzare un oggetto all atto della sua creazione Ce ne possono essere uno, più di uno,

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino INFORMATICA II Esame del 19 Luglio 2008 1. Realizzare un programma in linguaggio C per evidenziare le variazioni percentuali di un insieme di azioni quotate in borsa. In un file di

Dettagli

strutturare dati e codice

strutturare dati e codice Puntatori e passaggio parametri strutturare dati e codice Tipo di dati int * Pi ; Op. dereferenziazione j = *Pi ; Op. indirizzo Pi = &i ; By value int f(int i) ; a = f(b) ; By address int f(int * Pi) ;

Dettagli