LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE

2 Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale Le modificazione della competenza per ragioni di connessione, litispendenza e continenza di cause Il regolamento di competenza di 10

3 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale A corollario dell'intero dettato normativo posto alla base della competenza per valore, della competenza per materia e della competenza territoriale, vi é l'art. 38 del codice di procedura civile che, nella sua nuova formulazione, contiene disposizioni rilevanti in tema di proponibilità e rilevabilità dell'eccezione di incompetenza giurisdizionale. Il primo comma del prefato articolo recita testualmente: L'incompetenza per materia, quella per valore e quella per territorio nei casi previsti nell'art. 28 sono rilevate, anche d'ufficio, non oltre la prima udienza di trattazione. Ovvero, il giudice di primo grado e la parte convenuta hanno la facoltà e non l'obbligo di rilevare, nei casi previsti dal suindicato art. 28 (incompetenza per materia, per valore e per territorio inderogabile) entro e non oltre la prima udienza di trattazione. Qualora il giudice o le parti non eccepiscono tempestivamente tale incompetenza, il giudizio rimane incardinato innanzi al giudice indicato nell'atto introduttivo di lite. Il secondo comma dell'art. 38 c.p.c. disciplina, invece, la rilevabilità dell'incompetenza per territorio derogabile: L'incompetenza per territorio, fuori dai casi previsti dall'art. 28, é eccepita a pena di decadenza nella comparsa di risposta. L'eccezione si ha per non proposta se non contiene l'indicazione del giudice che che la parte ritiene competente. Quando le parti costituite aderiscono a tale indicazione, la competenza del giudice rimane ferma se la causa é riassunta entro tre mesi dalla cancellazione dal ruolo. Ebbene, in base a questa disposizione ed al nuovo dettato normativo formulato nell'art. 167 c.p.c., (con il quale si é imposto al convenuto, a pena di decadenza, di proporre nella comparsa di costituzione e risposta le eccezioni processuali e di merito non rilevabili di ufficio), l'eventuale costituzione del convenuto oltre i termini stabiliti dalla legge (20 giorni prima rispetto alla data indicata nell'atto di citazione, ex art. 166 c.p.c.) importa la decadenza prevista dal secondo comma dell'art. 38 c.p.c. in merito alla rilevabilità dell'incompetenza territoriale derogabile. A differenza di quanto previsto dal primo comma dell'art. 38 c.p.c., nel secondo si impone al convenuto che intende eccepire l'incompetenza territoriale anche l'indicazione del giudice che si reputa territorialmente competente. In tal caso, qualora le altre parti costituite aderiscano alla dichiarazione del convenuto nel ritenere competente il giudice che questi ha indicato, la competenza del giudice così come rilevata dal convenuto rimane ferma qualora il giudizio sia riassunto dinanzi al nuovo giudice entro tre mesi dalla cancellazione della causa dal ruolo. 3 di 10

4 In merito all'eccezione di incompetenza territoriale derogabile, particolare importanza riveste la pronuncia della Corte Costituzionale dell'8/02/2006 n. 41. Ed invero, prima di questa pronuncia, costante ed autorevole giurisprudenza riteneva indispensabile in caso di litisconsorzio necessario passivo che l'eccezione di incompetenza territoriale venisse sollevata da tutte le parti convenute in giudizio; sicchè l'eccezione avanzata soltanto da una delle parti convenute non poteva sortire alcun effetto. Con la pronuncia poc'anzi evidenziata, tuttavia, la Consulta ha finalmente dichiarato l'illegittimità costituzionale del combinato disposto dell'art. 38 e 102 c.p.c. nella parte in cui, in ipotesi di litisconsorzio necessario, consente di ritenere improduttiva di effetti giuridici l'eccezione di incompetenza territoriale derogabile proposta soltanto da uno dei convenuti. Per concludere, il terzo comma dell'art. 38 c.p.c. statuisce che Le questioni di cui ai commi precedenti sono decise, ai soli fini della competenza, in base a quello che risulta dagli atti e, quando sia reso necessario dall'eccezione del convenuto o dal rilievo del giudice, assunte sommarie informazioni, ovvero senza istruttoria, a meno che l'eccezione del convenuto o il rilievo del giudice rendano necessaria l'assunzione di sommarie informazioni. Tale disposizione, tuttavia, nei casi ove la competenza territoriale derogabile non è di semplice ed immediata definizione, suscita alcune legittime perplessità laddove si consideri che il giudice inizialmente adito può decidere la propria competenza in modo definitivo con la pronuncia di una rituale sentenza che, di fatto, sarebbe emessa senza alcuna attività istruttoria o con l'assunzione di sommarie informazioni. 4 di 10

5 Le modificazione della competenza per ragioni di connessione, litispendenza e continenza di cause Soffermiamoci adesso, sulle modificazioni della competenza scaturenti dalle ipotesi di litispendenza, continenza e connessione, esaminando le singole fattispecie disciplinate dal nostro legislatore. Cominciamo la disamina partendo dagli effetti della litispendenza sulla competenza; in base all'art. 39 comma 1 c.p.c. se una stessa causa é proposta davanti a giudici diversi, é competente il giudice adito per primo, tenendo conto della data di notifica dell'atto di citazione. Il giudice adito successivamente dichiarerà, anche d'ufficio, con sentenza la litispendenza disponendo con ordinanza che la causa sia cancellata dl ruolo. L'art. 39 comma 2 c.p.c. prevede la fattispecie della continenza di cause statuendo, all'uopo, che se il giudice preventivamente adito é competente anche per la causa promossa successivamente, il giudice di quest'ultima dichiarerà con sentenza la continenza, fissando un termine perentorio entro il quale le parti dovranno riassumere la causa dinanzi al primo giudice. Laddove il giudice preventivamente adito non sia competente per la seconda causa, questi dichiarerà con sentenza la continenza e fisserà con ordinanza il termine per la riassunzione della causa dinanzi al giudice adito successivamente. Un'analisi particolare va effettuata per i casi di connessione; la modificazione della competenza scaturente dalla connessione di più cause può definirsi originaria, nel caso in cui la causa connessa sia proposta contemporaneamente alla causa principale, o successiva, allorquando la causa connessa venga proposta successivamente a quella principale. All'uopo, è opportuno esaminare le differenti ipotesi legate alla connessione: a) art. 31 c.p.c. cause accessorie - la domanda accessoria può essere proposta innanzi al giudice territorialmente competente per la domanda principale affinché venga decisa nello stesso processo; il valore complessivo del giudizio, conseguentemente, sarà determinato dalla somma del valore delle singole cause; b) art. 32 c.p.c. cause di garanzia - la domanda di garanzia può essere proposta al giudice competente per la cause principale affinché sia decisa nello stesso processo. Qualora essa ecceda la competenza per valore del giudice adito, questi rimette entrambe le cause al giudice superiore assegnando alle parti un termine perentorio per la riassunzione; c) art. 33 c.p.c. cumulo soggettivo - i giudizi contro più persone che a norma degli artt. 18 e 19 dovrebbero essere proposte innanzi a giudici diversi, se sono connesse per l'oggetto o per il 5 di 10

6 titolo possono essere proposte davanti al giudice del luogo di residenza o domicilio di una di esse, per essere decise nello stesso processo. Sia ben chiaro, che lo spostamento di cui sopra riguarda esclusivamente la competenza per valore e quella per territorio derogabile, non quella per materia né quella per territorio inderogabile; d) art. 34 c.p.c. accertamenti incidentali - il dettato ivi contenuto disciplina i casi in cui, una volta instaurata una causa, il convenuto solleva un'eccezione pregiudiziale di merito che, per statuizione di legge o su richiesta delle parti, deve essere decisa con efficacia di giudicato. Qualora la questione pregiudiziale sollevata appartiene per materia o per valore alla competenza di un giudice superiore, il giudice adito rimetterà tutta la causa al giudice superiore concedendo alle parti un termine perentorio per la riassunzione della causa; e) art. 35 c.p.c. eccezione di compensazione - qui il legislatore disciplina i casi in cui viene sollevata un'eccezione di compensazione in riferimento ad un credito contestato che eccede la la competenza per valore del giudicante adito. Ebbene, in tale caso se la domanda principale é fondata su un titolo non controverso o di semplice accertamento il giudice adito può emanare una pronuncia con riserva, e rimettendo la decisione sull'eccezione al giudice superiore. Di converso, se il titolo é controverso o non di pronto accertamento, tutto il giudizio sarà di competenza del giudice superiore; f) art. 36 c.p.c. cause riconvenzionali in base a tale articolo il giudice competente per la causa principale conosce anche delle domande riconvenzionali, purché non eccedano la competenza per valore o per materia, nel qual caso si applicheranno le disposizione enunciate negli artt. 34 e 35 c.p.c. La nostra analisi non può prescindere da una disamina attenta e particolareggiata dell'art. 40 c.p.c. norma che, a seguito della legge 353/1990 ha subito importati modifiche. Il primo comma della suindicata norma dispone che nel caso in cui vengono promosse davanti a giudici diversi più cause che possono essere decise in un unico giudizio, il giudice fissa con sentenza un termine perentorio entro il quale le parti dovranno riassumere la causa accessoria dinanzi al giudice della causa principale, o negli altri casi innanzi a quello preventivamente adito. Le parti, così come esplicitamente dettato dal secondo comma della norma in esame, non possono eccepire né rilevare la connessione dopo la prima udienza di comparizione e la rimessione non potrà essere ordinata quando lo stato della causa principale o quella preventivamente proposta non consente l'esauriente trattazione e decisione delle cause connesse. 6 di 10

7 Il terzo comma sancisce, poi, che nei casi previsti dagli artt. 31, 32, 34, 35, 36 c.p.c., poc'anzi esplicitati, le cause cumulativamente proposte o successivamente riunite dovranno essere trattate e decise con rito ordinario, salva l'applicazione del rito speciale quando una di tali cause rientri fra quelle indicate negli artt. 409 c.p.c. (controversie individuali di lavoro) e 442 c.p.c. (controversie in materia di previdenza e di assistenza obbligatorie). In queste ultime ipotesi, invero, la prevalenza viene riconosciuta al rito speciale del lavoro e previdenziale. Qualora le cause connesse siano assoggettate a diversi riti speciali le stesse, così come testualmente sancito dal quarto comma, devono essere trattate e decise con il rito previsto per quella tra esse in ragione della quale viene determinata la competenza o, in subordine, con il rito previsto per la causa di maggior valore. Il quinto comma dispone che se una causa é stata trattata con rito diverso da quello divenuto applicabile ai sensi del terzo comma, il giudice provvede ai sensi degli artt. 426, 427 e 439 c.p.c., ovvero le norme che prevedono il passaggio dall'uno all'altro rito. La decisione sul rito applicabile, laddove non venga espressamente impugnata, preclude il riesame successivo per effetto del formarsi del giudicato interno. In base al sesto comma della norma in oggetto, se una causa di competenza del giudice di pace é connessa per i motivi di cui agli artt. 31, 32, 34, 35, 36 c.p.c. con altra causa di competenza del tribunale, le relative domande possono essere proposte innanzi al tribunale affinchè vengano decise nello stesso processo. Se le cause connesse ai sensi del suindicato comma sesto sono proposte davanti al giudice di pace e al tribunale, il giudice di pace deve pronunciare anche d'ufficio la connessione a favore del tribunale. 7 di 10

8 2 Il regolamento di competenza Il regolamento di competenza si ha quando sorge un conflitto o un contrasto tra due o più giudici in ordine alla competenza; conflitti che possono essere positivi, se i giudici si ritengono tutti competenti, o negativi, qualora nessuno di loro si reputi competente. Il nostro legislatore distingue due casi differenti di regolamento di competenza, quello su istanza di parte e quello d'ufficio. Il regolamento di competenza su istanza di parte, presuppone la sussistenza di una sentenza con la quale un giudice si sia pronunciato sulla propria competenza, riconoscendola o negandola; tale regolamento può essere di due differenti tipologie: necessario o facoltativo. Il regolamento necessario, ex art. 42 c.p.c., si ha nel caso in cui la sentenza emessa abbia deciso soltanto sulla competenza e non sul merito della causa; la necessità di tale strumento é data, invero, proprio dal fatto di rappresentare l'unico ed il solo strumento con cui una parte può impugnare la decisione resa sulla competenza. E' necessario osservare, in merito, che anche la pronuncia che si limita a rilevare ipotesi di litispendenza o continenza può essere impugnata esclusivamente con il regolamento necessario di competenza, essendo una pronuncia che pur non statuendo sic et simpliciter l'incompetenza di un determinato giudice determina, comunque, l'individuazione della competenza di un giudice; l'eventuale appello proposto da una delle parti sarebbe, di fatto, del tutto inammissibile. Anche i provvedimenti che dichiarano la sospensione del processo ai sensi dell'art. 295 c.p.c. possono impugnarsi soltanto con il prefato regolamento. Il regolamento facoltativo, ex art. 43 c.p.c., si ha quando la sentenza che ha pronunciato sulla competenza ha deciso anche sul merito. Tale sentenza può essere impugnata sia con l'istanza di regolamento di competenza che con i mezzi di impugnazione ordinari. La proposizione dell'impugnazione ordinaria non toglie alle altre parti la possibilità di proporre l'istanza di regolamento; le due forme di impugnazione, però, sono alternative e non cumulative. 8 di 10

9 Qualora l'istanza di regolamento venga proposta prima dell'impugnazione ordinaria, i termini per la proposizione di questa riprendono a decorrere dal giorno della comunicazione della sentenza che regola la competenza. Viceversa, se l'istanza vine richiesta dopo la proposizione dell'impugnazione ordinaria si applicano le disposizioni dell'art. 48 c.p.c., in base al quale i processi relativamente ai quali é stato chiesto il regolamento di competenza sono sospesi dal giorno in cui é presentata l'istanza al cancelliere o dalla pronuncia dell'ordinanza che richiede il regolamento. Il giudice può autorizzare, comunque, il compimento degli atti che ritiene urgenti. In base all'art. 44 c.p.c., La sentenza che, anche a norma degli articoli 39 e 40, dichiara l'incompetenza del giudice che l'ha pronunciata, se non é impugnata con l'istanza di regolamento, rende incontestabile l'incompetenza dichiarata e la competenza del giudice in essa indicato se la causa é riassunta nei termini di cui all'art. 50, salvo che si tratti di incompetenza per materia o di incompetenza per territorio nei casi previsti dall0art. 28. Le disposizioni dettate per il regolamento di competenza non si applicano ai giudizi innanzi ai giudici di pace (art. 46 c.p.c.); tuttavia, recente giurisprudenza, ritiene che tale inapplicabilità afferisca soltanto al regolamento di competenza su istanza di parte e non anche a quello d'ufficio. Soffermiamoci brevemente proprio sul regolamento di competenza d'ufficio, individuato dal nostro legislatore come conflitto di competenza, ex art. 45 c.p.c. La fattispecie di cui innanzi si verifica quando due giudici sostengono ciascuno la competenza dell'altro o di altro diverso giudice; in questo caso, il giudice innanzi al quale la causa é stata riassunta nei termini di cui all'art. 50 c.p.c. e che di fatto si ritiene incompetente, può chiedere d'ufficio il regolamento di competenza. Tale regolamento viene disposto con ordinanza del giudice a mezzo della quale viene disposta d'ufficio la rimessione del fascicolo alla Corte di Cassazione. Il rimedio evidenziato può aversi, tuttavia, soltanto per i casi di incompetenza per materia e funzionale; negli altri casi il giudice indicato come competente non può a sua volta dichiarare la propria incompetenza. Esaminiamo, adesso, il procedimento con il quale si esplica il regolamento di competenza. 9 di 10

10 L'istanza di regolamento di competenza viene promossa innanzi alla Corte di Cassazione con ricorso sottoscritto dal difensore o dalla parte stessa, qualora si sia costituita personalmente. Il ricorso deve essere notificato alle parti che non vi hanno aderito entro e non oltre trenta giorni dalla comunicazione della sentenza che ha pronunciato sulla competenza o dalla notifica dell'impugnazione ordinaria (termine perentorio). Nei cinque giorni successivi alla notifica alle parti, colui che propone il ricorso dovrà richiedere alla cancelleria degli uffici ove pendono i processi, di trasmettere i relativi fascicoli alla cancelleria della Corte di Cassazione. Entro venti giorni dalla notifica di cui sopra, il ricorrente dovrà depositare in cancelleria il proprio ricorso con allegati i necessari documenti. Il regolamento d'ufficio, così come in precedenza evidenziato, viene richiesto con ordinanza del giudice a mezzo della quale viene disposta la remissione del fascicolo alla cancelleria della Corte di Cassazione; naturalmente, le parti a cui viene notificato il ricorso o comunicata l'ordinanza del giudice, possono entro venti giorni dalla predetta notifica o comunicazione, depositare presso la cancelleria della corte di cassazione memorie difensive e documentazione. La proposizione del regolamento, così come disciplinato dall'art. 48 c.p.c., comporta la sospensione dei processi relativamente ai quali è stato richiesto; sospensione che opera dal giorno in cui é stata presentata istanza o dalla pronuncia dell'ordinanza che richiede il regolamento; all'uopo, il giudice potrà autorizzare il compimento di atti che ritiene urgenti. Il regolamento é pronunciato con sentenza in camera di consiglio; decisione che, oltre a disciplinare sulla competenza, conterrà i provvedimenti indispensabili per la prosecuzione del giudizio innanzi al giudice indicato come competente, rimettendo, eventualmente, le parti in termini per la predisposizione delle loro difese. La riassunzione della causa dinanzi al giudice competente, dovrà avvenire nei termini indicati nell'ordinanza o, comunque, entro sei mesi dalla comunicazione dell'ordinanza di regolamento. Se la riassunzione avviene nel termine indicato in sentenza in processo continua davanti al nuovo giudice (non è un nuovo processo, ma è la continuazione di quello precedente). Se la riassunzione non avviene nel termini indicato il processo si estingue. 10 di 10

La giurisdizione civile, salvo speciali disposizioni di legge, è esercitata dai giudici ordinari secondo le norme del presente codice.

La giurisdizione civile, salvo speciali disposizioni di legge, è esercitata dai giudici ordinari secondo le norme del presente codice. Codice di procedura civile (Gazzetta Ufficiale 28 ottobre 1940, n. 253) Approvato con regio decreto 28 ottobre 1940, n.1443 Articolo 1 - Giurisdizione dei giudici ordinari LIBRO PRIMO. Disposizioni generali

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile Lezione 16 novembre 2015 Modulo di Diritto e Procedura Civile PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE introdotto dalla legge 69/09 (che ha aggiunto nel c.p.c. tre articoli dal 702 bis al quater) Procedimento

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3

Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3 Sez. 6-3, Ordinanza n. 5928 del 2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA SOTTOSEZIONE 3 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FINOCCHIARO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Immissioni: è competente il giudice di Pace anche se si chiede il risarcimento del danno

Immissioni: è competente il giudice di Pace anche se si chiede il risarcimento del danno Immissioni: è competente il giudice di Pace anche se si chiede il risarcimento del danno Trib. Milano, sez. X, ordinanza 8 novembre 2013 (est. Damiano Spera) CONTROVERSIA IN MATERIA DI IMMISSIONI CUMULO

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

«IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it

«IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it «IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it SPECIFICITA DELL APPELLO. Il D. LGS. 546/1992 disciplina le impugnazioni al Capo 3, la cui sezione seconda al suo

Dettagli

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.)

CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) CAPITOLO 2. GIURISDIZIONE E COMPETENZA (Artt. 10-11 e 13-16 c.p.a.) Formule: 2.1. Ricorso per regolamento di giurisdizione proposto dalle parti in causa 2.2. Nota di deposito del ricorso per regolamento

Dettagli

Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza

Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza Le nuove regole in materia di giurisdizione e competenza Ampliamento della competenza del Giudice di Pace L art. 45, co. 1, della legge n. 69/09, oltre ad aumentare considerevolmente la competenza per

Dettagli

Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1

Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1 Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1 (Gazzetta Ufficiale 24 marzo 1956, n. 71, edizione speciale) -------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMMISSIONI TRIBUTARIE PROVINCIALI

COMMISSIONI TRIBUTARIE PROVINCIALI COMMISSIONI TRIBUTARIE PROVINCIALI Giurisdizione - Contribuzione SSN - Impugnativa cartella avanti Giudice del lavoro - Difetto di giurisdizione - Traslatio iudicii al Giudice tributario - Inammissibilità

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CAPITOLO II LA GIURISDIZIONE CONTENZIOSA. Sezione I LE FORME DI TUTELA

INDICE CAPITOLO I CAPITOLO II LA GIURISDIZIONE CONTENZIOSA. Sezione I LE FORME DI TUTELA INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO PROCESSUALE CIVILE E LA FUNZIONE GIURISDIZIONALE 1. Il diritto processuale civile e la giurisdizione... 1 2. La giurisdizione contenziosa... 3 3. Segue: il diritto d azione

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero A cura di CDL Roberto Cristofaro Lo speciale rito Fornero è istituito dalla riforma del lavoro per l utilizzo nelle controversie relative

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI a cura di Valerio de GIOIA Giovanna SPIRITO CODICE DI PROCEDURA CIVILE annotato con la giurisprudenza più recente e significativa 2014-2015 SOMMARIO CODICE PROCEDURA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

[L'opposizione si propone mediante ricorso, al quale è allegata l'ordinanza notificata.]

[L'opposizione si propone mediante ricorso, al quale è allegata l'ordinanza notificata.] NOTA Gli articoli 22-22 bis - 23 della L. 689/81 sono stati pressoché integralmente abrogati dall art. 34 del D. Lgs. 150/2011 e sostituiti con gli articoli 6 e 7 dello stesso D. L.vo 150/2011 Articolo

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE art. 409-447bis

CODICE DI PROCEDURA CIVILE art. 409-447bis CODICE DI PROCEDURA CIVILE art. 409-447bis NORME PER LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI LAVORO Capo I Delle controversie individuali di lavoro Sezione I Disposizioni generali 409. Controversie individuali di

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L opposizione a decreto ingiuntivo dà luogo ad un ordinario giudizio di cognizione, in cui il giudice non deve limitarsi a stabilire se l ingiunzione è stata emessa legittimamente

Dettagli

Il processo tributario è caratterizzato da una forte disparità, sia sostanziale sia processuale, sussistente tra le parti.

Il processo tributario è caratterizzato da una forte disparità, sia sostanziale sia processuale, sussistente tra le parti. Dott. Umberto Baisi (Presidente Commissione imposte dirette Odcec Modena) IL PROCESSO TRIBUTARIO Relazione predisposta in occasione del convegno: Le verifiche in azienda; i diritti dell imprenditore e

Dettagli

L esame preliminare del ricorso -

L esame preliminare del ricorso - L esame preliminare del ricorso - - Casi di inammissibilità del ricorso. - I decreti presidenziali ed il reclamo al Collegio. - La riunione dei ricorsi e gli altri provvedimenti preliminari alla trattazione.

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE ED ALTRE DISPOSIZIONI

LE NOVITA DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE ED ALTRE DISPOSIZIONI Articolo 3 LE NOVITA DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE ED ALTRE DISPOSIZIONI Testo delle disposizioni del Codice di Procedura Civile e di altre norme, coordinato con le modifiche previste dal disegno di legge

Dettagli

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per 1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per istaurare il giudizio e pervenire alla pronuncia del

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Libro primo DISPOSIZIONI GENERALI

Libro primo DISPOSIZIONI GENERALI Codice di Procedura Civile Libro primo DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I: DEGLI ORGANI GIUDIZIARI Capo I: DEL GIUDICE Sezione I: DELLA GIURISDIZIONE E DELLA COMPETENZA IN GENERALE Art. 1 (Giurisdizione dei

Dettagli

aggiornato al 17.09.2010

aggiornato al 17.09.2010 aggiornato al 17.09.2010 Libro I Disposizioni generali INDICE Titolo I Degli organi giudiziari (artt.1-68) Titolo II Del pubblico ministero (artt.69-74) Titolo III Delle parti e dei difensori (artt.75-98)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

R. S.p.A. contestava la domanda attorea ed eccepiva che l'evento era anteriore all'operatività della polizza e, quindi, non assicurato.

R. S.p.A. contestava la domanda attorea ed eccepiva che l'evento era anteriore all'operatività della polizza e, quindi, non assicurato. Omissis Svolgimento del processo P.G. e C.M. con citazione del Luglio 2003 convenivano in giudizio davanti al Giudice di Pace di M. C.D. e D.R.A., nonché il Condominio di via (OMISSIS) per sentirli condannare,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione III Civile. Il Giudice Dott. Massimo Vaccari ORDINANZA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione III Civile. Il Giudice Dott. Massimo Vaccari ORDINANZA TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione III Civile Il Giudice Dott. Massimo Vaccari Ha emesso la seguente ORDINANZA Nella causa di opposizione a decreto ingiuntivo promossa da Gruppo G. S. U. in liquidazione

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI La riforma del processo civile (Legge n. 69 del 18 giugno 2009, in S.O. n. 95/L alla G.U. del 19 giugno 2009 n. 140), entrata in vigore sabato 04 luglio 2009, ha modificato

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO L art. 37 della manovra correttiva introduce all art. 13 del DPR n. 115/2002 il nuovo comma 6-quater che prevede il versamento del contributo unificato per i ricorsi

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI - 1. Ordinanza 17 febbraio 2015-23 marzo 2015, n. 5810

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI - 1. Ordinanza 17 febbraio 2015-23 marzo 2015, n. 5810 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. PETITTI Stefano - Presidente - Dott. MANNA

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di giustizia italiano (it) Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Lingua del documento : italiano SENTENZA DELLA CORTE (Terza

Dettagli

LE OPPOSIZIONI TIPICHE

LE OPPOSIZIONI TIPICHE LE OPPOSIZIONI NEL PROCESSO ESECUTIVO: LINEE GENERALI PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Civile Codice di Procedura Civile Libro primo: DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I: DEGLI ORGANI GIUDIZIARI Capo I: DEL GIUDICE Sezione I: DELLA GIURISDIZIONE E DELLA COMPETENZA IN GENERALE Art. 1 (Giurisdizione dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile in funzione di Giudice di Appello in composizione monocratica ha pronunciato la seguente: SENTENZA nella causa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA INDICE: 1) CONTRATTI DI MUTUO FONDIARIO RISOLUZIONE E COMPUTO DEGLI INTERESSI 2) TITOLO ESECUTIVO a) interpretazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza Data 22/05/2013 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE LAVORO Numero 12583 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO ha pronunciato la seguente:

Dettagli

P R O C U R A G E N E R A L E

P R O C U R A G E N E R A L E N. 26815/14 R.G. P R O C U R A G E N E R A L E della Corte di cassazione IL SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE Letti gli atti; rileva: il Movimento Difesa del cittadino, in persona del presidente pro-tempore,

Dettagli

L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE

L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE LE OPPOSIZIONI ALL'ESECUZIONE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE PARTI DELL OPPOSIZIONE

Dettagli

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Ritenuto in fatto. - Con citazione del 21 settembre 1967 proposta col rito speciale delle controversie individuali di lavoro, M. C. conveniva in giudizio

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Giudice di Pace: alle cause per risarcimento danni da sinistro stradale con lesioni personali si applica il rito ordinario

Giudice di Pace: alle cause per risarcimento danni da sinistro stradale con lesioni personali si applica il rito ordinario Giudice di Pace: alle cause per risarcimento danni da sinistro stradale con lesioni personali si applica il rito ordinario 09 marzo 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE

Dettagli

b) Rito del lavoro: il procedimento regolato dalle norme della sezione II del capo I del titolo IV del libro secondo del codice di procedura civile;

b) Rito del lavoro: il procedimento regolato dalle norme della sezione II del capo I del titolo IV del libro secondo del codice di procedura civile; PROCESSO CIVILE A TRE RITI: LA RIFORMA IN VIGORE Decreto legislativo 01.09.2011 n 150, G.U. 21.09.2011 Pubblichiamo il Decreto legislativo n. 150 del 1 settembre 2011 recante "Disposizioni complementari

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO

IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO IL GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA NEL PROCESSO TRIBUTARIO Al fine di garantire la posizione del cittadinocontribuente, il legislatore ha mutuato, nel processo tributario, un istituto tipico di quello amministrativo

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA - Sezione 1 a civile - composta dal Magistrati: dott. Vittorio ROSSI dott. Daniela BRUNI dott. Guido SANTORO Presidente Consigliere Consigliere rel. ha

Dettagli

Avv. Massimo Nicola Marchese "Successioni a titolo universale ed a titolo particolare nel processo civile"

Avv. Massimo Nicola Marchese Successioni a titolo universale ed a titolo particolare nel processo civile Avv. Massimo Nicola Marchese "Successioni a titolo universale ed a titolo particolare nel processo civile" Commento a: 1- Tribunale di Mantova, Sez. II (Ord. G.U. Dott. Laura De Simone 18 giugno 2003);

Dettagli

Fiscal News N. 57. Processo tributario. Inammissibilità extrema ratio. La circolare di aggiornamento professionale 21.02.2014. Conferimento incarico

Fiscal News N. 57. Processo tributario. Inammissibilità extrema ratio. La circolare di aggiornamento professionale 21.02.2014. Conferimento incarico Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 57 21.02.2014 Processo tributario. Inammissibilità extrema ratio Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Nel processo tributario,

Dettagli

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Autotutela e giudicato Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Quesiti posti a fine giornata del 30 maggio 2013 -Art. 58 produzione documenti nuovi -Prescrizione spese processuali

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano /RUGLQDQ]DVHQWHQ]DODSULPDGHO7ULEXQDOHSHULPLQRUHQQLGL1DSROLFKHDIIURQWDLOSUREOHPDGHOOD FRPSHQ]D GHO JLXGLFH PLQRULOH LQ WHPD GL DIILGR FRQGLYLVR q VWDWD UHGDWWD GDO 3UHVLGHQWH 9LFDULR GU 6HUHQD %DWWLPHOOLHG

Dettagli

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012)

Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) C O D I C I Codice di procedura civile Aggiornato alla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) e alla Riforma del condominio (L. n. 220/2012) INDICE GENERALE CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO I DISPOSIZIONI

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. PICCIALLI Luigi - Presidente - Dott. MAZZACANE Vincenzo

Dettagli

CORTE D APPELLO DI TORINO. Il regime della connessione fra procedimenti soggetti al rito del lavoro e procedimenti soggetti al rito ordinario

CORTE D APPELLO DI TORINO. Il regime della connessione fra procedimenti soggetti al rito del lavoro e procedimenti soggetti al rito ordinario CORTE D APPELLO DI TORINO Ufficio dei Referenti per la Formazione Decentrata Convegno di studio sul tema: L obiettivo sulla riforma processuale Torino, 24 novembre 2001 Il regime della connessione fra

Dettagli

Legge 205/2000: rito del lavoro e processo pensionistico. 1. Normativa di riferimento.

Legge 205/2000: rito del lavoro e processo pensionistico. 1. Normativa di riferimento. Corso di formazione del 12, 13 e 14 giugno 2007 La disciplina processuale dei giudizi dinanzi alla Corte dei conti: criticità e limiti del ricorso alle norme del codice di procedura civile. Legge 205/2000:

Dettagli

La successione. Obiettivi

La successione. Obiettivi La successione Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo delle vicende che possono condurre alla modifica delle parti originarie del rapporto processuale, in particolare, della

Dettagli

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni)

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni) Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni) La litispendenza internazionale assurge a criterio negativo, sia pur temporaneo, della giurisdizione del giudice

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

LA NOTIFICAZIONE: DEFINIZIONE, PRINCIPI E PECULIARITÀ

LA NOTIFICAZIONE: DEFINIZIONE, PRINCIPI E PECULIARITÀ LE NOTIFICAZIONI PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 LA NOTIFICAZIONE: DEFINIZIONE, PRINCIPI E PECULIARITÀ ------------------------------------------- 3 2 LE NOTIFICHE EFFETTUATE DALL'UFFICIALE GIUDIZIARIO --------------------------------------------

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile

Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile I Giampiero Balena Giampiero Balena Istituzioni di diritto processuale civile Istituzioni di diritto processuale civile Volume I I PRINCÌPI Giampiero Balena Ordinario di Diritto processuale civile nell

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

Indice sommario Capitolo 1 La domanda

Indice sommario Capitolo 1 La domanda Indice sommario Presentazione............................................. V Struttura e contenuto dell opera................................... XV Abbreviazioni e riferimenti.....................................

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 349/2012 Reg. Prov. Coll. N. 4043 Reg. Ric. ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Quarta)

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli