La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali"

Transcript

1 La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3. Segue: le azioni di responsabilità contro gli amministratori esercitate nelle procedure concorsuali 4. La prescrizione delle azioni di responsabilità nelle procedure concorsuali 5. Conclusioni. 1. Una società per azioni viene sottoposta alla procedura concorsuale di Amministrazione Straordinaria in base alla c.d. Legge Prodi-bis (D.lgs. 8 luglio 1999 n. 270). Il Commissario Straordinario della procedura, dopo aver esaminato la documentazione contabile della società, si risolve ad intraprendere un azione di responsabilità, ai sensi degli artt e 2394 c.c., nei confronti dei membri del consiglio di amministrazione che si sono succeduti negli anni precedenti la dichiarazione di insolvenza, i quali avrebbero colposamente commesso fatti che avrebbero condotto al dissesto dell azienda. In relazione all instauranda azione giudiziale, ci si chiede pertanto quando inizi a decorrere il termine di prescrizione delle c.d. azioni sociali di responsabilità, che l art c.c. individua in un periodo di cinque anni, estendendo tale durata anche alle azioni dei creditori di cui all art c.c. 2. Conviene innanzitutto, prima di addentrarsi nell analisi di un tema caratterizzato da orientamenti non del tutto univoci, esaminare gli elementi distintivi delle azioni di cui rispettivamente agli artt e 2394 c.c. e le particolari conformazioni delle stesse nelle ipotesi in cui vengano esercitate nell ambito di una procedura concorsuale 1. L art c.c. disciplina l azione esercitabile dalla società per il venir meno degli amministratori ai propri doveri di cui al precedente art c.c. Pur essendo caratterizzata da una prescrizione quinquennale, è generalmente ritenuto che si tratti di una responsabilità contrattuale derivante dal rapporto di fiducia che si instaura tra l ente societario ed il proprio organo gestorio 2. È controverso se la prescrizione dell azione sociale di responsabilità decorra dal compimento della violazione da parte dell amministratore o dal successivo momento in cui si verifica il pregiudizio per la società 3. Tuttavia, poiché l art. 2393, comma 4, c.c. afferma che l azione può essere 1 Cfr. QUATRARO, PICONE, La responsabilità di amministratori, sindaci, direttori generali e liquidatori di società, Milano, 1998, I, p. 611 ss.; BONELLI, La responsabilità degli amministratori, in COLOMBO, PORTALE (a cura di), Trattato delle società per azioni, Torino 1999, 423 ss.; CONFORTI, La responsabilità civile degli amministratori di società, II, Milano, 2003, p. 595 ss.; AMBROSINI, Il termine per l esercizio delle azioni di responsabilità, in AMBROSINI (a cura di), La responsabilità di amministratori, sindaci e revisori contabili, Milano, 2007, p. 213 ss. 2 Cfr. QUATRARO, PICONE, ivi; BONELLI, op.cit., p. 423; CONFORTI, ivi. 3 In questo ultimo senso Cass. civ., sez. un., 6 ottobre 1981 n. 5241, in Dir. fall. 1982, p. 20; contra Trib. Torino, 12 gennaio 1999, in Fall., 1999, p. 572; Cass. civ., sez. I, 25 luglio 1979 n. 4415, in Giur. comm., 1980, p. 325; QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 682; PAJARDI, Codice del fallimento, Milano, 2009, p ss. In dottrina cfr. 93

2 esercitata entro cinque anni dalla cessazione dalla carica dell amministratore, si interpreta tale disposizione ritenendo che la prescrizione rimane sospesa per tutta la durata dell incarico e la si fa, di conseguenza, decorrere dal momento della sua cessazione 4. L art c.c., invece, disciplina l azione spettante ai creditori della società nel caso in cui gli amministratori abbiano violato i propri obblighi relativi alla conservazione dell integrità del patrimonio sociale. Diversamente dall azione sociale ex art c.c., ci troviamo qui di fronte ad una responsabilità di natura extracontrattuale 5, con tutte le conseguenze che ne derivano soprattutto in tema di onere probatorio. Il comma 2 della norma in oggetto aggiunge come condizione necessaria all esercizio dell azione dei creditori che il patrimonio sociale, in conseguenza dell illecito degli amministratori, sia risultato insufficiente a soddisfare i crediti degli attori 6. Tale condizione ha consentito di individuare il termine iniziale di decorrenza della prescrizione quinquennale non tanto nel compimento dell illecito da parte dell amministratore, nemmeno nel successivo momento in cui si determina l insufficienza del patrimonio sociale bensì in quello ancora posteriore in cui l insufficienza patrimoniale sia oggettivamente conoscibile dalla collettività dei creditori. Nella prassi, la stragrande maggioranza delle azioni ex art c.c. viene esercitata in costanza di sottoposizione della società a procedura concorsuale, in ragione del fatto che proprio le indagini svolte dall autorità giudiziaria e la successiva dichiarazione di fallimento o insolvenza sono in grado di rendere conoscibile alla massa dei creditori la situazione di insufficienza patrimoniale della società. Tuttavia, al riguardo è necessario svolgere alcune considerazioni. L insufficienza patrimoniale di cui all art c.c. è un concetto distinto da quello di insolvenza come requisito per la dichiarazione di fallimento (o sottoposizione ad altre procedure concorsuali). L insolvenza, infatti, può essere identificata con tutte quelle situazioni di mancanza di liquidità tale da rendere impossibile la soddisfazione dei crediti sociali; tuttavia la mancanza di liquidità può essere solo temporanea e può non coincidere con un cronico deficit patrimoniale dell ente societario 7. CONFORTI, op.cit., p. 695; BONELLI, op.cit., p. 431; secondo TEDESCHI, La prescrizione delle azioni di responsabilità, in Soc., 1988, p. 1010, per momento in cui si produce il danno per il patrimonio si intende quello in cui il danno viene scoperto o avrebbe potuto essere scoperto usando la normale diligenza. 4 Per effetto di tale disposizione, la questione circa la decorrenza del termine prescrizionale risulta pressoché ininfluente, cfr. CONFORTI, op.cit., p Cfr. QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 713 ss.; contra BONELLI, op.cit., p. 436 il quale rileva come tale responsabilità derivi dall inadempimento ad una preesistente obbligazione e non dal compimento di un atto dannoso, e conclude che anche nell azione dei creditori sociali è sufficiente provare l inadempimento degli amministratori ed il successivo danno per la società, senza necessità di dimostrare la colpa, conformemente alla giurisprudenza dominante. 6 Cfr. CONFORTI, op.cit., p. 730 ss. 7 Cfr. QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 718 ss.; BONELLI, op.cit., p. 443; CONFORTI, op.cit., p In giurisprudenza cfr. Cass. civ., 14. febbraio 1966, n. 441, in Giust. civ., 1966, p. 450, ha statuito che L insufficienza del patrimonio sociale rappresenta una situazione più grave e definitiva dell insolvenza; quest ultima 94

3 Come già anticipato, l art c.c. richiede, come condizione necessaria per l azione, che il patrimonio sociale risulti insufficiente 8. Ciò significa che è necessaria una manifestazione esteriore di tale deficit. La dottrina 9 e la giurisprudenza 10 al riguardo hanno precisato che tale manifestazione esteriore non deve essere effettiva ma solo oggettiva e potenziale. Non è quindi necessario che tutti i creditori della società in dissesto siano a conoscenza diretta dello stato di salute del proprio debitore, ma solo che siano a loro disposizione gli strumenti per conoscere tale stato. Se è vero che, nella prassi, la dichiarazione di fallimento è il momento privilegiato per rendere conoscibile la situazione di insufficienza patrimoniale di una società, in via teorica l apertura di una procedura concorsuale e la manifestazione dell insufficienza patrimoniale possono anche non coincidere 11. In particolare, la giurisprudenza ha individuato alcune ipotesi concrete in cui l insufficienza patrimoniale può dichiararsi manifestata ben prima del deposito della sentenza di fallimento, ad esempio in caso di plurime azioni esecutive individuali di gran parte dei creditori rivelatesi infruttuose, oppure una proposta di concordato preventivo rivolta ai creditori, poi non approvata 12. Va comunque rilevato che, quando non vengono forniti elementi probatori sufficienti ad individuare l esatto momento di risultanza dell insufficienza patrimoniale, i giudici di merito sovente ricorrono alla fictio di far coincidere questo momento con quello della dichiarazione di fallimento 13. Naturalmente spetterà può infatti derivare anche da uno stato di il liquidità al momento della scadenza delle obbligazioni, pur essendo integro il patrimonio sociale. 8 Cfr. BONELLI, op.cit., p Cfr. QUATRARO, PICONE, op.cit., p Cfr. Cass. civ., sez. un., 6 ottobre 1981, n in Giur. comm., 1981, p. 768 ( deve trattarsi di situazione verificatasi oggettivamente in un momento temporale alla dichiarazione [di fallimento, ndr.] pur potendosi esteriorizzare, risultando percepibile dai terzi sia prima che dopo tale dichiarazione ) e tra le più recenti Cass. civ. sez. I, 8 aprile 2009, n. 8516, in Giust. Civ. Mass., 2009, p. 4; Cass. civ., sez. I, 22 ottobre 2004, n , in Giust. civ. Mass., 2004, p Cfr. QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 724 ss.; CONFORTI, op.cit., pp. 736 ss. e 817 ss. 12 La recente Cass. civ., sez. I, 8 aprile 2009, n. 8516, cit., ha affermato che la conoscibilità esteriore dell incapienza patrimoniale va accertata alla stregua di fatti sintomatici di assoluta evidenza, come la chiusura della sede, bilanci fortemente passivi, l assenza di cespiti suscettibili di espropriazione forzata ; Cass. civ., sez. I, 12 marzo 2008, n in Giur. comm., 2009, p. 309, Trib. Napoli, 12 settembre 2002 in Giur. nap., 2003, p. 160, sostengono che anche il bilancio di esercizio possa essere un elemento oggettivo da cui rilevare l insufficienza patrimoniale; Cass. civ., sez. I, 18 gennaio 2005, n. 941, in Giust. civ., 2006, p. 445, nega che la liquidazione ordinaria sia indice di insufficienza patrimoniale, in quanto non è necessariamente determinata dalla eccedenza delle passività sulle attività patrimoniali; Cass. civ., sez. I, 22 ottobre 2004, n , cit., precisa che l insufficienza patrimoniale può desumersi da qualsiasi fatto che possa essere conosciuto anche senza verifica diretta della contabilità della società, non richiedendosi a tal fine che essa risulti da un bilancio approvato dall assemblea dei soci. Sulla proposta di concordato preventivo con cessione dei beni come elemento dotato di rilevanza probatoria dell insufficienza patrimoniale cfr. Trib. Torino, 28 maggio 1997, in Giur. it. 1997, p. 625; Trib. Milano, 19 settembre 2003, in Giur. it., 2004, p con nota di IOZZO, però nega che si possa ritenere oggettivamente percepibile l insufficienza patrimoniale da un bilancio d esercizio per la cui comprensione siano necessarie particolari nozioni tecniche o la conoscenza di altri elementi non direttamente desumibili dagli allegati. 13 Cfr. CONFORTI, op.cit., p. 823; AMBROSINI, op.cit., p

4 all amministratore convenuto nell azione promossa dai creditori eccepire che l insufficienza patrimoniale si è manifestata in un momento diverso, ai fini dell individuazione del termine iniziale della prescrizione quinquennale, fornendo altresì la prova di tale diverso momento Si è già premesso che il maggiore ambito di operatività delle azioni sociali di responsabilità è quello delle procedure concorsuali 15, spesso come conseguenza del fatto che solo con l ingresso di un soggetto estraneo alla gestione quale il curatore fallimentare o il commissario nominato dal giudice delegato, oppure con il venir meno del rapporto di fiducia che spesso lega i soci all organo gestorio, riescono ad emergere le condotte illecite degli amministratori. Peraltro, nella maggior parte dei casi l insufficienza patrimoniale ex art c.c. e le condizioni per l apertura delle procedure concorsuali coincidono. Le azioni di responsabilità ex artt e 2394 c.c. nel corso delle procedure di insolvenza si atteggiano in maniera particolare proprio a causa del momento patologico in cui vengono esercitate e per le finalità parzialmente diverse a cui attengono. L art. 146, comma 2, L.F. stabilisce che sono esercitate dal curatore fallimentare, previa autorizzazione del giudice delegato e sentito il comitato dei creditori, le azioni di responsabilità contro gli amministratori. Il plurale usato nel testo normativo ha fatto correttamente concludere che si stia trattando non soltanto dell azione propriamente sociale di responsabilità ex art c.c. ma anche dell azione dei creditori sociali ex art c.c. 16. A conferma di ciò si noti che l art. 206 L.F., in tema di liquidazione coatta amministrativa, attribuisce al commissario liquidatore il potere di esercitare l azione di responsabilità contro gli amministratori e i componenti degli organi di controllo dell impresa in liquidazione, a norma degli artt e 2394 c.c.. Ciò perché il curatore del fallimento (ed il commissario liquidatore), nell occuparsi di recuperare al patrimonio della società insolvente i beni che ne sono fuoriusciti per colpa degli amministratori, agisce nel precipuo interesse dei creditori, al cui soddisfacimento la sua attività è preordinata. È logico quindi ritenere che egli possa esercitare anche l azione che in bonis sarebbe spettata ai creditori, i cui interessi per l appunto egli rappresenta 17. Peraltro la riforma del diritto societario operata attraverso il D.lgs. 17 gennaio 2003 n. 6 ha introdotto nel c.c. l art bis 18 attraverso il quale è stata definitivamente fugata ogni incertezza interpretativa, affermando che entrambe le azioni di responsabilità previste dai precedenti artt e 2394, in caso di fallimento, liquidazione coatta 14 Cfr. Trib. Salerno, 14 luglio 2006, in Fall., 2006, p. 1456; Trib. Marsala, 2 maggio 2005, in Fall., 2006, p. 461; Cass. civ., sez. I, 18 gennaio2005, n. 941, cit.; Trib. Milano, 7 febbraio 2003, in Soc., 2003, p. 1385; in dottrina AMBROSINI, op.cit., p Cfr. BONELLI, op.cit., p. 435 ss. 16 QUATRARO, PICONE, op.cit., p QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 732 ss.; CONFORTI, op.cit., p. 768 ss. 18 Cfr. ZAMPERETTI, Azioni di responsabilità nelle procedure concorsuali, in COTTINO, BONFANTE, CAGNASSO, MONTALENTI, (a cura di), Il nuovo diritto societario, Bologna, 2004, p. 826 ss. 96

5 amministrativa e amministrazione straordinaria spettano, rispettivamente, al curatore fallimentare, al commissario liquidatore ed al commissario straordinario. La riforma del 2003 ha, inoltre, contribuito a risolvere un dubbio a suo tempo oggetto di forte dibattito circa la natura dell azione ex art. 146 L.F. 19. Tuttavia, sia la dottrina 20 che la giurisprudenza 21 già avevano concordemente concluso che la legge fallimentare non introduceva un azione autonoma e distinta dalle azioni sociali esercitabili in bonis, le quali al contrario rimangono distinte anche se esercitate congiuntamente dal curatore fallimentare (o dal commissario liquidatore o straordinario). L unica particolarità delle azioni sociali di responsabilità esercitate nel corso di una procedura concorsuale sta nel fatto che la legittimazione attiva, prima spettante rispettivamente alla società ed ai creditori della stessa, si trasferisce cumulativamente in capo al curatore, il quale con una sola azione potrà far valere nei confronti degli amministratori sia gli addebiti di cui all art c.c. sia quelli caratteristici della responsabilità ex art c.c. Ne consegue che le due azioni, seppur esercitate in forma unitaria, mantengono i propri tratti caratteristici, in termini di natura ed oggetto della responsabilità. 4. Il nodo forse più problematico è proprio quello della diversa decorrenza della prescrizione quinquennale delle due azioni 22. Nella pratica, infatti, si potrebbero verificare distinte situazioni: (i) il curatore contesta agli amministratori solo addebiti ex art c.c., ovvero l inosservanza di obblighi inerenti alla corretta gestione della società: in questo caso si ritiene 23 che l azione in questione si prescriva in cinque anni dal momento di cessazione della carica dell amministratore convenuto; (ii) il curatore contesta agli amministratori solo addebiti ex art c.c., ovvero il compimento di fatti che hanno condotto ad un insufficienza patrimoniale della società tale che i debiti non potevano più essere regolati: l azione qui si prescrive in cinque anni dal momento in cui si è palesata detta insufficienza patrimoniale; (iii) il curatore contesta agli amministratori sia addebiti ex art sia illeciti ex art c.c.: quid juris sotto il profilo del termine iniziale della prescrizione di questa unica azione? L opinione prevalente della giurisprudenza 24 è nel senso di far sì che l unica azione cumulativa del curatore benefici dei caratteri di entrambe le azioni, e che quindi possa 19 Si discuteva, in particolare, se l art. 146 L.F. introducesse un azione di responsabilità contro gli amministratori distinta ed autonoma dalle azioni di cui agli artt e 2394 c.c., delle quali però mutuava la disciplina, oppure se la norma in esame si limitasse ad introdurre un trasferimento in capo al curatore fallimentare della legittimazione attiva alle azioni sociali di responsabilità generalmente disciplinate. 20 QUATRARO, PICONE, op.cit., p Da ultimo Cass. civ., sez. I, 28 novembre 1984, n. 6187, in Fall., 1985, p QUATRARO, PICONE, op.cit., p. 756 ss. 23 QUATRARO, PICONE, op.cit., p Per una rassegna delle pronunce più recenti, sia di merito che di legittimità, cfr. Trib. Milano, 7 febbraio 2003, cit., secondo cui l azione ex art. 146 L.F. compendia in sé le azioni ex art e 2394 c.c. ed è diretta alla reintegrazione del patrimonio sociale, visto unitariamente come garanzia e dei soci e dei creditori sociali ; Trib. Napoli, 97

6 considerarsi come termine iniziale della prescrizione quello in genere più lungo dell azione ex art c.c. anche per gli addebiti di responsabilità che propriamente rientrerebbero nell azione di cui all art c.c. La motivazione di questa scelta è stata approfonditamente espressa dalla Suprema Corte nella sentenza del 25 luglio 1979 n traendo fondamento dal carattere unitario dell azione del curatore fallimentare ex art. 146 L.F. (ed ora anche ex art bis c.c.). La Cassazione premette che la ratio della legittimazione del curatore ad esercitare congiuntamente le due azioni in forma inscindibile sta nel cumulo di interessi che si sovrappongono proprio in capo al curatore: da un lato l interesse della società fallita ad acquisire all attivo tutto ciò di cui il patrimonio sociale è stato depauperato per fatto e colpa degli amministratori in violazione dei doveri loro imposti dalla legge e dallo statuto, dall altro l interesse dei creditori sociali ad acquisire alla massa attiva del fallimento beni e somme che consentano il soddisfacimento dei loro crediti. La legittimazione unitaria è, quindi, l effetto della corrispondente opportunità che la reintegrazione del patrimonio della società avvenga contemporaneamente a garanzia dei soci e dei creditori. Prosegue poi la Corte ribadendo come la legittimazione unitaria non significhi il sorgere di una nuova e diversa azione del curatore (in conformità all orientamento consolidato), e quindi la sua prescrizione non si possa far decorrere in maniera autonoma dalla dichiarazione di fallimento. Dovrà, pertanto, farsi riferimento ai termini di prescrizione stabiliti dalla legge per le due azioni. La Cassazione conclude che il carattere unitario dell azione, come illustrato, fa sì che per il suo esercizio debbano essersi verificate tutte le condizioni di legge, e che quindi debba applicarsi la regola dell art. 2394, comma 2, c.c., secondo cui l azione può essere proposta quando il patrimonio risulta insufficiente al soddisfacimento dei crediti sociali (momento che cronologicamente, almeno nella maggior parte dei casi, è successivo alla cessazione della carica degli amministratori convenuti in giudizio). Come già anticipato, la giurisprudenza prevalente 26 si è attestata sull orientamento delineato dalla Cassazione nel 1979, ritenendo che l unica azione esercitabile dal curatore si prescriva in cinque anni dal momento in cui risulta l insufficienza patrimoniale della società, anche se vengono addebitati agli amministratori fatti convergenti nella responsabilità di cui all art c.c.; tuttavia non sono mancate voci contrarie 27, seppur limitate alle pronunce dei giudici di merito. 12 settembre 2002 cit.; Cass. civ., sez. I, 7 novembre 1997, n , in Fall., 1998, p. 697; Trib. Milano, 13 ottobre 1988, in Dir. fall., 1989, p In Fall., 1980, p. 313 e in Giur. it., 1980, p V. nota Cfr. Trib. Milano, 29 novembre 2003, in Giur. it., 2004, p. 1216, per la quale laddove il curatore abbia fatto valere entrambi i profili di responsabilità, il compimento del termine prescrizionale (in entrambi i casi di durata quinquennale) dovrà essere valutato in riferimento allo specifico dies a quo relativo a ciascuna delle due azioni ; Trib. Messina, 12 novembre 1999, in Fall., 2000, p afferma che Mentre l azione sociale di responsabilità ai sensi dell art c.c. e 146 l. fall. si prescrive nel termine di cinque anni decorrente dal giorno in cui l ente avrebbe potuto agire in giudizio, quella dei creditori sociali inizia a decorrere dal momento in cui si verifica l insufficienza del 98

7 La tesi contraria in questione afferma che l assunto della legittimazione unitaria del curatore all esercizio di due distinte azioni, seppur cumulate in maniera inscindibile, deve portare all applicazione integrale delle due distinte discipline delle azioni considerate; non solo, quindi, in termini di natura della responsabilità, di onere probatorio, di contenuto dell obbligazione risarcitoria, ma anche di diversità del regime della prescrizione. Rimarrebbe, quindi, invariata la decorrenza dell azione promossa ex art. 146 L.F. a seconda degli addebiti mossi agli amministratori anche in via cumulativa. Non va però taciuto che parte della dottrina si è schierata con tale tesi minoritaria in maniera critica rispetto all orientamento prevalente, sostenendo che, attraverso l individuazione di un unico termine iniziale di prescrizione per le due azioni cumulativamente esercitate, la giurisprudenza ha di fatto creato un autonoma azione di responsabilità per le procedure concorsuali, in maniera contraddittoria con l orientamento prevalente, che vede le due distinte azioni originarie cumulate solo ai fini della legittimazione attiva 28. Senza volersi addentrare in questa sede sulla correttezza di un orientamento o dell altro, non si può non rilevare come la giurisprudenza, sulla scorta della pronuncia della Cassazione del 1979 sopra richiamata, abbia delineato una posizione non facilmente superabile e ben consolidata 29. Per quanto riguarda, infine, la fattispecie dell amministrazione straordinaria, prima ancora che l art bis introducesse espressamente la legittimazione del commissario straordinario, l art. 36 della Legge Prodi-bis compiva un generale richiamo alla disciplina del commissario liquidatore nella liquidazione coatta amministrativa, al fine di regolare i poteri del commissario straordinario. Come già anticipato, l art. 206 L.F. attribuisce al commissario liquidatore la legittimazione ad esercitare l azione di responsabilità ex art e 2394 c.c. previa autorizzazione dell autorità vigilante. E così avviene anche nella procedura di amministrazione straordinaria. Infatti, a differenza ma in maniera analoga rispetto al fallimento, nell amministrazione straordinaria la decorrenza della prescrizione dell azione di responsabilità si potrà far coincidere con il deposito del decreto del tribunale ex art. 30 D.lgs. 270/1999 mediante il quale viene aperta la procedura, e non con la precedente sentenza che dichiara lo patrimonio sociale ; Trib. Milano, 2 settembre 1988, che afferma la unitarietà di tale strumento giuridico, partecipe sia della natura contrattuale dell azione ex art c.c., sia della natura aquiliana dell azione ex art c.c. ma continua a distinguere: il dies a quo dei relativi termini prescrizionali decorre dalla cessazione degli organi sociali dalle funzioni, nell azione ex art c.c.; e dal verificarsi dell insufficienza del patrimonio sociale a fronte delle pretese creditorie, nell azione ex art c.c.. 28 Cfr. JAEGER, La responsabilità degli amministratori e dei sindaci nelle procedure concorsuali: una valutazione critica, in Giur. comm., 1988, p. 548 ss., richiamato da ZAMPERETTI, ivi. 29 Non mancano invero massime giurisprudenziali che si limitano ad affermare tout court che l azione del curatore ex art. 146 LF. si prescrive in cinque anni dal momento in cui si è manifestata l insufficienza del patrimonio sociale: cfr. Trib. Bari, 13 giugno 2007, in Corr. mer., 2007, p. 1259; Trib. Salerno, 14 luglio 2006, in Fall. 2006, p

8 stato di insolvenza della società ai sensi dell art. 3 D.lgs. 270/1999, per le già esposte ragioni. 5. Per giungere al caso prospettato in apertura, alla luce di un orientamento giurisprudenziale fortemente consolidato e prevalente, il commissario straordinario di una società sottoposta alla procedura di cui alla Legge Prodi-bis potrà esercitare l azione di responsabilità ex art bis c.c. tenendo come momento di riferimento per la prescrizione di tale azione il deposito del decreto che dichiara aperta la procedura di amministrazione straordinaria, quale evento che ha reso oggettivamente conoscibile alla collettività dei creditori un insufficienza tale dell attivo patrimoniale a soddisfare i loro crediti. L amministratore convenuto in giudizio dal commissario straordinario potrà però eccepire la prescrizione dell azione rivolta contro di lui, affermando che l insufficienza del patrimonio sociale si è manifestata ai creditori in epoca antecedente rispetto all apertura della procedura concorsuale. Tuttavia, egli sarà gravato dell onere di dedurre e provare i fatti a sostegno di tale asserzione, come è stato sopra evidenziato. 100

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il presupposto soggettivo dell azione revocatoria fallimentare 3.

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello

La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello La sentenza del Tribunale di Bergamo, 28 aprile 2014, giudice Mauro Vitiello di Giuseppe Rebecca Studio Rebecca & Associati Vicenza/Schio Finalmente pubblicata una nuova sentenza del giudice Mauro Vitiello,

Dettagli

Novità in tema di perdite su crediti

Novità in tema di perdite su crediti Dott.ssa Cecilia Andreoli (Commissione Fiscalità Odcec Modena) Novità in tema di perdite su crediti Il decreto legge n. 83 del 22 giugno 2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 134 del 7 agosto

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE IX LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA FALLIMENTARE E L ESDEBITAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 La Chiusura Della Procedura Fallimentare -------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 40/2013 Oggetto: LA DISCIPLINA DELLE PERDITE SU CREDITI Con un ritardo poco comprensibile, dopo la chiusura dei bilanci e delle dichiarazioni, l Agenzia delle Entrate con la circolare n.26/e

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE

SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICOLO (3-4/2014) Parte Prima ARTICOLI, BIBLIOGRAFIA, LEGISLAZIONE, RASSEGNE Marco Aiello, L accordo di risanamento fondato sul piano attestato: la fattispecie e le prassi negoziali...

Dettagli

Le azioni recuperatorie

Le azioni recuperatorie Capitolo 6 Le azioni recuperatorie Sommario 6.1 Le azioni recuperatorie, generalità. - 6.2 L azione di responsabilità ex art. 146 l.f. - 6.3 I tassi usurari. 6.1 Le azioni recuperatorie, generalità Le

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11 La responsabilità da reato degli enti nel settore sanitario: i destinatari della normativa Stefano Crisci, Avvocato, Studio Legale Crisci - a cura di Lex24 14 aprile 2011 Tra i destinatari dell ormai celebre

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L INERZIA DEI COMMISSARI GIUDIZIALI E LIQUIDATORI DEL CONCORDATO PREVENTIVO: POSSIBILI RIMEDI Aprile 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili

Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili Morte della persona fisica e fallimento della società: le due situazioni non sono assimilabili di Guido Stampanoni Bassi Nota a CASS. PEN., SEZ. V, 19 novembre 2012 (ud. 26 settembre 2012), n. 44824 GRASSI

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C.

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. N.B. IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. la valutazione deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività occorre prendere in considerazione

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da Egr. Sig. Tommaso Bortolomiol, come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da diversi Tribunali Italiani in materia di ripetibilità di quanto addebitato

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEI PROFESSIONISTI E LA DECORRENZA DEL TERMINE DI PRESCRIZIONE DELLA RELATIVA AZIONE.

LA RESPONSABILITÀ DEI PROFESSIONISTI E LA DECORRENZA DEL TERMINE DI PRESCRIZIONE DELLA RELATIVA AZIONE. LA RESPONSABILITÀ DEI PROFESSIONISTI E LA DECORRENZA DEL TERMINE DI PRESCRIZIONE DELLA RELATIVA AZIONE. Sommario: 1. Premessa; 2. La decorrenza della prescrizione dall atto lesivo compiuto dal professionista;

Dettagli

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano

OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano OPERAZIONI BANCARIE IN CONTO CORRENTE E TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL'INDEBITO Mario Pisano Diritto e processo.com Non è chiaro quale sia il momento dal quale il correntista

Dettagli

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 32/2013. Libera Professione. Trasferimento di beni immobili: l'imposta di registro

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 Svolgimento del processo Con sentenza 12 luglio 2007, la Corte d appello di Messina rigettava l appello di G.C.L. ex dipendente di società del cd.

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Aprile 22, 2016 La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Maurizio Tidona Avvocato Corrispondenza: m.tidona@tidona.com L art.

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it OPINIONI CONTRASTANTI: IL VALORE DELL AZIENDA RISPETTO

Dettagli

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1

PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO. Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 PARTE SECONDA I RAPPORTI DI LAVORO NEL FALLIMENTO Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile 1 TEMATICHE SVILUPPATE a) gli effetti del fallimento sui contratti di lavoro subordinati in essere

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Ancona, 28 giugno 2007 Direzione Affari Legali Premessa Obiettivo delle normativa sui dispositivi medici - M.D. - è perseguire

Dettagli

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( )

Studi di Impresa. Studio n. 152-2008/I. Pegno su quota di società di persone ( ) Studi di Impresa Studio n. 152-2008/I Pegno su quota di società di persone ( ) Approvato dalla Commissione studi d Impresa il 19 marzo 2009 Sommario: 1. Il pegno su quota di società di persone; 2. La costituzione

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI Come noto la crisi economica che da parecchi anni affligge il nostro paese ha costretto molti imprenditori a rinunciare all attività di recupero dei crediti, tenuto

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi Sommario Sistema creditizio L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi (Avv. Edoardo Arbasino) Indice degli argomenti I. Riferimenti normativi e funzione della Centrale Rischi II. Posizione a sofferenza

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro Trattenuta compensativa Limiti Nella quotidiana pratica di gestione del personale, agli operatori del settore

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

Datore di lavoro insolvente e tutela retributiva: il fondo di garanzia (I)

Datore di lavoro insolvente e tutela retributiva: il fondo di garanzia (I) ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 18/01/2016 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37715-datore-di-lavoro-insolvente-e-tutela-retributivail-fondo-di-garanzia-i Autore: Vitiello Nicola Datore di lavoro insolvente

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MASSERA (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) NERVI Membro designato da Associazione

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on REVOCATORIA FALLIMENTARE DELLE RIMESSE IN CONTO CORRENTE E CESSIONE DEL CREDITO Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. - sezione civile -

TRIBUNALE DI UDINE. - sezione civile - TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile - Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI dott. Francesco

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione

Problematiche comuni al recesso e alla esclusione 14 Problematiche comuni al recesso e alla esclusione SOMMARIO 14.1. Arbitrato e tutela cautelare dinanzi al Giudice ordinario. Problemi comuni alle ipotesi di recesso e esclusione del socio sono i seguenti:

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli