Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013"

Transcript

1 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 L intervento di mobilità in deroga annualità 2013 ripercorre sostanzialmente in forma identica le disposizioni per l applicazione del trattamento di mobilità in deroga dello scorso anno, annualità Vi sono però significative differenze riguardo le categorie dei beneficiari e sulla durata del trattamento, sulle quale si raccomanda di prestare particolare attenzione. Presentazione della domanda La domanda deve (termine perentorio) essere presentata entro 68 giorni dal verificarsi dell evento che dà titolo a richiedere il trattamento di mobilità in deroga. L evento può essere la cessazione del rapporto di lavoro o l esaurimento del periodo di trattamento di indennità di disoccupazione ordinaria, di Aspi o miniaspi o di mobilità ordinaria. Per presentare la domanda di mobilità in deroga occorre aver una DID attiva o aperta rilasciata al CPI e pertanto aver acquisito lo stato di disoccupazione ai sensi del D.lgs 181/2000. I lavoratori che hanno percepito il trattamento della disoccupazione ordinaria, dell Aspi o della miniaspi o di indennità di mobilità ordinaria, e intendono chiedere l intervento della mobilità in deroga, non possono presentare la relativa domanda prima di aver esaurito il trattamento. È rilevante la data di scadenza del trattamento e non il giorno in cui effettivamente hanno ricevuto l ultimo versamento dall INPS. In presenza di fatti impeditivi documentati che non hanno consentito al lavoratore di presentarsi al CPI nel termine di 68 giorni è prevista la remissione in termini. La remissione riparte dai giorni già trascorsi dall evento al realizzarsi del fatto impeditivo. Non sono conteggiati al fine della scadenza dei termini i soli giorni in cui il soggetto è stato impossibilitato a recarsi al CPI. È considerato fatto impeditivo, oltre alle cause di forza maggiore, il periodo trascorso tra la presentazione della domanda all INPS di Aspi o miniaspi e la risposta dell istituto di rigetto della domanda stessa. I lavoratori che nel termine dei 68 giorni hanno presentato domanda di mobilità in deroga all INPS e non al CPI, possono ugualmente presentare domanda di mobilità in deroga al CPI anche fuori termine purché sia stata rilasciata nel termine una DID e la stessa sia ancora attiva. Per i lavoratori a cui l evento che dà titolo a presentare la domanda di mobilità in deroga si sia realizzato tra il 1 gennaio 2013 e il 8 marzo 2013, i 68 giorni iniziano a decorrere dal 8 marzo. Sono fatte salve le domande presentate prima di questo termine se presentate al CPI e contenenti gli elementi necessari per la loro valutazione secondo i criteri della annualità 2013 del trattamento dio mobilità in deroga. NB. Come già anticipato, anche per il 2013 il lavoratore, oltre al CPI, deve presentare la domanda di mobilità in deroga anche all INPS. Da un punto di vista logico la domanda andrebbe presentata prima al CPI, che raccoglie gli elementi per l autorizzazione della prestazione, mentre all INPS le domande sono inviate solo ai fini dell erogazione del trattamento, tuttavia per evitare disagi all utenza non è rilevante se il soggetto la presenta prima al CPI o all INPS, l importante è che la domanda sia presentata entro 68 giorno dall evento sia al CPI che all INPS. La domanda all INPS può essere presentata utilizzando uno di questi 3 canali:

2 telematicamente all indirizzo (il lavoratore deve essere munito di PIN dispositivo); telefono (n ); per il tramite dei patronati. Per la presentazione della domanda di mobilità in deroga direttamente dal cittadino tramite web, come riporta la circolare n. 102 del , sinteticamente si devono seguire le seguenti indicazioni. Il servizio è disponibile attraverso il seguente percorso da sito internet Servizi on line servizi per il cittadino autenticazione con PIN invio di domande di prestazioni a sostegno del reddito disoccupazione, mobilità e trattamento speciale edilizia mobilità in deroga È presente una sezione informazioni, una sezione invio della domanda da compilare da parte del lavoratore e una sezione compilazione della domanda da completare per procedere per l invio della domanda. Per la presentazione della domanda tramite telefono al contact center dell INPS al numero non è necessario essere muniti di PIN. I dati del lavoratore verranno acquisiti dal Contact center il quale invierà la domanda all utente che, dopo averla firmata e eventualmente integrata, deve provvedere a farla pervenire, allegando copia del documento di identità, a mezzo fax al n o per posta alla struttura competente. Il contact center fornisce al cittadino anche tutte le istruzioni utili per la compilazione telematica della domanda Destinatari del trattamento di mobilità in deroga Possono essere destinatari del trattamento di mobilità in deroga: lavoratori domiciliati nella Regione Veneto: Si prescinde dall effettiva residenza e dal luogo (in Italia) dove il lavoratore ha prestato la propria attività lavorativa. Lavoratori che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi (365 giorni) di cui almeno 6 di lavoro effettivamente prestato, ivi compresi i periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie, festività, infortuni e maternità (i 6 mesi di lavoro effettivamente prestato verranno verificati dall INPS). lavoratori cessati da un rapporto di lavoro di tipo subordinato a seguito di licenziamento, scadenza di contratto o dimissioni per giusta causa nel I lavoratori cessati da contratto di lavoro intermittente possono presentare la domanda di mobilità in deroga, che sarà autorizzata dalla Regione se sussiste il requisito dell anzianità aziendale di 12 mesi (365 gg) e poi la domanda sarà verificata dall INPS se risulta che detto lavoro sia stato prestato per almeno 6 mesi. Le persone che sono state occupate presso aziende non italiane, ma della Comunità europea devono far richiesta di erogazione dell indennità legata allo stato di disoccupazione al Paese europeo dove hanno prestato attività lavorativa. Potrebbe verificarsi il caso di lavoratori che hanno usufruito di un trattamento comunitario equiparabile alla disoccupazione ordinaria o alla mobilità ordinaria, in questo caso il lavoratore deve consegnare idonea documentazione a testimonianza del possesso del requisito relativamente all ammortizzatore percepito, all anzianità aziendale, alla tipologia di contratto di lavoro avuto. Lavoratori che hanno esaurito il trattamento di disoccupazione ordinaria, di Aspi o di miniaspi, di mobilità di 12 mesi nel 2013; Soggetti esclusi dal trattamento di mobilità in deroga I lavoratori domestici, come per gli anni passati; I lavoratori che hanno prestato attività lavorativa presso un Paese non appartenente alla Comunità Europea; I dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni assunti a tempo indeterminato;

3 I lavoratori del settore del credito e delle assicurazioni che hanno un sistema di integrazione delle prestazioni a sostegno del reddito basato sui fondi di solidarietà (per es.: assegno emergenziale per i bancari); NB: Fino allo scorso anno sussistevano particolari forme di sostegno al reddito riservate per i lavoratori dei settori avicolo, tabacchi, zuccherifici, consorzi agrari. Tali misure sono state esaurite e pertanto i lavoratori di questi settori possono regolarmente presentare domanda di mobilità in deroga. Categorie di beneficiari o di trattamento L accordo del 28 dicembre 2012 Linee guida per l applicazione degli ammortizzatori sociali in deroga anno 2013 distingue 5 diverse categorie di beneficiari del trattamento di mobilità in deroga Categoria A Lavoratori subordinati, ivi compresi i somministrati, gli apprendisti e i contratti a tempo determinato, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione nel corso del 2013 ed esclusi dal trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223 e dal trattamento di Aspi o miniaspi. La presente categoria è destinata ai lavoratori subordinati che con 12 mesi di anzianità aziendale, di cui 6 effettivamente prestato, non possono far valere i requisiti per accedere al trattamento di Aspi o di miniaspi. In considerazione che, oltre al requisito dello stato di disoccupazione e della involontarietà della disoccupazione, per l Aspi è richiesta la presenza contemporanea di questi 2 requisiti: 1. trascorsi almeno 2 anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione 2. un anno di contribuzione contro la disoccupazione nell ultimo biennio dall inizio della disoccupazione Per la miniaspi invece sono richieste 13 settimane di contribuzione con la relativa assicurazione negli ultimi 12 mesi dall inizio della disoccupazione. Per quanto detto i lavoratori che potranno accedere alla mobilità in deroga categoria A, sono quelli che con l anzianità aziendale predetta di 12 mesi (365 gg) non hanno maturato almeno 13 settimane di contribuzione o assicurazione contro la disoccupazione. I lavoratori che hanno avuto un contratto di apprendistato o sono stati soci lavoratori di cooperative e il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato, dato che solo dal 1 gennaio 2013 per tali tipologie è dovuta la contribuzione contro la disoccupazione, per cessazioni del rapporto di lavoro di tali lavoratori anteriori al 2 aprile 2013 (13 settimane dal 1 gennaio 2013) sarà possibile riconoscere la categoria A di mobilità in deroga. Successivamente al 2 aprile i lavoratori con tali tipologie contrattuali devono fare domanda di miniaspi. Al fine del riconoscimento dell anzianità aziendale di 12 mesi si ricorda che rimane possibile sommare uno o più precedenti rapporti di lavoro di collaborazione a progetto con rapporti con contratto subordinato per il riconoscimento della categoria A, purché i contratti subordinati abbiano avuto una durata inferiore a 13 settimane, nel qual caso deve essere presentata domanda di miniaspi. Per i lavoratori con precedente contratto di somministrazione si rimanda a quanto riferito nel apposito successivo capitolo. Categoria B Lavoratori subordinati, ivi compresi gli apprendisti e i contratti a tempo determinato che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e abbiano esaurito il trattamento di miniaspi nel corso del 2013 Il trattamento di miniaspi ha sostituito la precedente prestazione della disoccupazione ordinaria non agricola a requisiti ridotti ed è in vigore dal Si distinguono: 1. i lavoratori che nel 2013, secondo la precedente disciplina, avrebbero potuto presentare domanda di disoccupazione a requisiti ridotti per i periodi di disoccupazione del Per tale prestazione sono richiesti 2 anni di anzianità assicurativa e almeno 78 giornate di lavoro nel

4 2012. La domanda deve esser presentata telematicamente tra il 1 gennaio 2013 e il 2 aprile La prestazione è erogata in un unica soluzione; 2. i lavoratori che possono far valere 13 settimane di contribuzione da attività lavorativa nei 12 mesi precedenti il periodo di disoccupazione, per la quale siano stati versati o dovuti i contributi per l assicurazione obbligatoria. Non è più richiesta l anzianità assicurativa di 2 anni. La domanda deve essere presentata telematicamente nei medesimi termini dell Aspi (68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro). La prestazione è erogata mensilmente per una durata pari a metà delle settimane di contribuzione nei 12 mesi precedenti, detratti i periodi di indennità eventualmente fruiti nel periodo. Negli anni scorsi la prestazione della disoccupazione ordinaria a requisiti ridotti è stata ritenuta compatibile con il trattamento di mobilità in deroga. Il lavoratore che ha ricevuto la miniaspi relativa alle giornate di disoccupazione del 2012 non può presentate domanda di mobilità in deroga per la categoria B per aver ricevuto la disoccupazione a requisiti ridotti. La presente categoria, si ribadisce, è riservata esclusivamente ai lavoratori che hanno percepito l indennità di miniaspi con i nuovi requisiti descritti al suddetto punto 2. I lavoratori che hanno percepito nel 2013 la miniaspi e che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi di cui 6 mesi di lavoro effettivamente prestato, non dovrebbero essere molto numerosi. Qualche caso potrebbe riscontrarsi per lavoratori che non hanno potuto accedere all aspi per mancanza del requisito di almeno un versamento di assicurazione contro la disoccupazione nei 2 anni antecedenti o un anno di contribuzione contro la disoccupazione. Si tenga presente che la prestazione di miniaspi in caso di rioccupazione del lavoratore con contratto subordinato di durata fino a 5 giorni è sospesa d ufficio e riprende a decorrere al termine del rapporto. I nuovi rapporti di lavoro di durata superiore possono dare origine a un nuovo trattamento di miniaspi o di Aspi se si maturano i requisiti, pertanto è essenziale verificare la posizione del lavoratore nella banca dati percettori dell INPS per verificare la data effettiva di termine del trattamento. Per l accesso a questa categoria di lavoratori somministrati vedi l apposito capitolo. Categoria C Lavoratori subordinati ammessi al trattamento di disoccupazione ordinaria o aspi che abbiano esaurito i predetti trattamenti nel corso del Si deve trattare di lavoratori che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi (365 gg) di cui 6 mesi di lavoro effettivamente prestato, e che hanno percepito la disoccupazione ordinaria o l Aspi per 8 mesi per i soggetti con età anagrafica inferiore a 50 anni o 12 mesi per i soggetti con età pari o superiore a 50 anni (si deve prendere a riferimento l età al termine del rapporto di lavoro che ha dato titolo al trattamento di Aspi o DS). Non è ammesso il trattamento di mobilità in deroga per chi ha chiesto la corresponsione anticipata dell indennità. Per la mobilità in deroga è prevista una diversa durata del trattamento a seconda se il lavoratore sia o meno ultracinquantenne: si prenda a riferimento la data di presentazione della domanda di mobilità in deroga. Se il lavoratore ha compiuto durante l Aspi o DS i 50 anni, lo stesso ha diritto alla categoria C con durata più lunga. La disciplina della prestazione di Aspi differisce anche dal trattamento di disoccupazione ordinaria anche riguardo le conseguenze in caso di nuova occupazione del lavoratore. In caso di instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato inferiore a 6 mesi l indennità di Aspi è sospesa d ufficio e riprende a decorrere per il periodo residuo al termine del rapporto di lavoro. Il periodo lavorato nella nuova occupazione può essere fatto valere ai fini di un nuovo trattamento di aspi o miniaspi. È pertanto essenziale verificare il termine effettivo del trattamento nella banca dati percettori dell Inps. Nel caso il trattamento sia stato sospeso nella domanda di mobilità in deroga si deve comunicare il rapporto di lavoro che ha dato titolo alla domanda di Aspi. Categoria D Lavoratori subordinati ammessi per 12 mesi al trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223 e che hanno esaurito il predetto trattamento nel corso del 2013

5 L accesso a questa categoria di mobilità in deroga è riservato ai lavoratori che hanno effettivamente avuto il diritto e hanno percepito 12 mesi di indennità di mobilità ordinaria per età anagrafica o per anzianità aziendale. Categoria E Lavoratori subordinati ammessi al trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223, che hanno esaurito il predetto trattamento nel corso del 2013 e che maturino il diritto alla pensione nei 12 (dodici) mesi successivi A prescindere dalla durata di indennità di mobilità percepita, il lavoratore deve maturare il diritto alla pensione di vecchiaia o pensione di vecchiaia anticipata nei 12 mesi successivi secondo le prescrizioni previste nel DL n. 201 (decreto Monti) convertito con legge n L accordo del 28 dicembre 2012, pur individuando le suddette 5 categorie, prevede di estendere l intervento della mobilità in deroga anche per il seguente caso, che nel presente vademecum è indicato come un ulteriore categoria. Categoria F Lavoratori che a seguito dell intervento di mobilità in deroga (categoria A, B o C maturano i requisiti per il pensionamento entro i successivi 12 mesi possono chiedere l estensione della mobilità in deroga fino al raggiungimento dei requisiti della pensione di vecchiaia o di vecchiaia anticipata. Chiarimenti sui requisiti essenziali Cessazione di un rapporto di lavoro di tipo subordinato Per presentare domanda il lavoratore deve essere cessato da un rapporto di lavoro subordinato. Cessato significa che il lavoratore deve essere stato licenziato o scaduto da un rapporto a tempo determinato o dimessosi durante il periodo di maternità o nel primo anno di vita del figlio o dimessosi per giusta causa. Le dimissioni per giusta causa si configurano in tutti i casi per i quali l INPS riconosce la possibilità di accedere all ammortizzatore sociale dell Aspi (vedi circolare INPS n. 142 del che richiama la circolare INPS n. 163 del ). La disoccupazione deve pertanto essere involontaria: non è ammessa la mobilità in deroga a seguito di dimissioni o risoluzione consensuale. Gli unici casi in cui il lavoratore può essere ammesso alla mobilità in deroga a seguito di risoluzione consensuale è quando la stessa è dovuta a trasferimento del dipendente in altra sede della stessa azienda distante più di 50 Km dalla residenza del lavoratore e/o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici; nell ambito della procedura di conciliazione da tenersi presso la Direzione territoriale del lavoro secondo le modalità previste all art. 7 della legge n. 604 come sostituito dall art. 1 comma 40 della legge n. 92. Il rapporto di lavoro subordinato da indicare nella domanda deve essere l ultimo in ordine di tempo che ha avuto il lavoratore. Rapporti di lavoro della durata non superiore a 5 giorni sono da ritenere irrilevanti. Nel caso il lavoratore sia cessato da un rapporto di lavoro e si sia rioccupato senza aver prima presentato domanda di mobilità in deroga e il secondo rapporto di lavoro sia a sua volta cessato, il lavoratore potrà presentare domanda di mobilità in deroga in forza del primo rapporto di lavoro purché abbia rilasciato la DID prima di essere rioccupato nel secondo rapporto di lavoro e non siano trascorsi 68 giorni dalla cessazione del primo rapporto di lavoro.

6 Il lavoratore che chiede l intervento della mobilità in deroga per categorie diverse dalla categoria A, deve indicare il rapporto di lavoro che ha determinato l accesso all indennità di disoccupazione o alla mobilità ordinaria o Api o miniaspi, per cui non devono essere riportati eventuali rapporti di lavoro a tempo determinato che hanno dato luogo alla sospensione del trattamento. Anzianità aziendale di almeno 12 mesi (365 gg) di cui 6 effettivamente prestati I periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie, festività, infortuni e maternità sono da considerare lavoro effettivo. Sono conteggiati ai fini del raggiungimento dei 12 mesi (365 gg) di anzianità aziendale le proroghe e le trasformazioni del contratto di lavoro. Nel caso si siano susseguiti più rapporti di lavoro subordinato con il medesimo datore di lavoro, essi possono concorrere ai fini dell anzianità aziendale di 12 mesi nei casi la cessazione e la riassunzione sia avvenuta prima del 18 luglio 2012 (data di entrata in vigore della legge 92/2012) in cui: - il contratto cessato è di durata fino a 6 mesi e il tempo intercorso tra la cessazione e la successiva assunzione è inferiore a 10 giorni ; - il contratto cessato è di durata superiore a 6 mesi e il tempo intercorso tra la cessazione e la successiva assunzione è inferiore a 20 giorni. Dopo il 18 luglio 2012 per sommare i periodi di lavoro il cosiddetto stop and go deve essere stato inferiore a 60 giorni per i rapporti a termine fino a 6 mesi e inferiore a 90 giorni per i rapporti di lavoro superiori a 6 mesi. Ai fini della predetta anzianità aziendale possono valere anche precedenti rapporti di lavoro con contratto di collaborazione a progetto o coordinata e continuativa purché sia seguito un rapporto di lavoro subordinato con il medesimo datore di lavoro, senza interruzioni, nei limiti appena sopra descritti. Il rapporto di collaborazione deve possedere i requisiti di cui all art. 7 ter, comma 6, del DL 5/2009 convertito con legge 33/2009: rapporto di collaborazione in regime di monocommittenza con il datore di lavoro che poi ha assunto il lavoratore con contratto subordinato, reddito da lavoro superiore a euro con mensilità accreditate alla gestione separata dell INPS. Non possono far valere tale possibilità i collaboratori impiegati in attività riguardanti l esercizio di arti o professioni. Il CPI per questi casi verifica la presenza del contratto di collaborazione precedente al rapporto subordinato, il periodo di interruzione tra i 2 contratti non superiore ai limiti sopra descritti e la non sussistenza di contemporanei contratti di lavoro con quello di collaborazione. L anzianità dei 12 mesi con il medesimo datore di lavoro si riscontra anche in presenza dei seguenti casi: reintegrazione nel posto di lavoro; trasferimento di azienda; fusione tra due o più società; successione negli appalti prestando l attività per il medesimo appaltante, transitando da un azienda ad un altra senza soluzione di continuità; distacco sindacale. Nel caso di reintegrazione nel posto di lavoro il lavoratore deve documentare la fattispecie presentando copia della sentenza, negli altri casi il realizzarsi della fattispecie è comprovata nel sistema delle comunicazioni obbligatorie, oppure soprattutto in relazione alla successione negli appalti il lavoratore deve presentare idonea documentazione che attesti che lo stesso è transitato da un azienda nad un altra senza soluzione di continuità a seguito di subentro in appalto. La mobilità in deroga per i lavoratori cc.dd. somministrati I lavoratori che hanno avuto rapporti di lavoro somministrato, possono se in possesso dei requisiti accedere al trattamento di Aspi o miniaspi.

7 Nel caso il lavoratore non possa accedere alla prestazione di Aspi o miniaspi, potrà far richiesta di mobilità in deroga (categorie A) a condizione che abbia - un rapporto di lavoro in somministrazione nel 2013 superiore a 5 giorni; - almeno 6 mesi di rapporto di lavoro in somministrazione anche con diversi utilizzatori e/o con diverse agenzie negli ultimi 24 mesi dal termine della ultima missione; In questo caso al lavoratore è riconosciuto la mobilità in deroga pari alla categoria A. Nel caso invece il lavoratore con precedente ultimo rapporto di lavoro di somministrazione, che abbia esaurito la prestazione di aspi o miniaspi, può chiedere il trattamento di mobilità in deroga categorie B o C a condizione che abbia avuto nel 2013 un contratto di somministrazione superiore a 5 giorni e che nella sua vita lavorativa si riscontrino almeno 12 mesi (365 gg) di lavoro in somministrazione. Chiarimenti accesso categoria E categoria F Queste due categorie sono assegnate solamente se il lavoratore nei 12 mesi dal termine del trattamento di mobilità ordinaria, o in deroga, dal trattamento di Aspi o miniaspi o dalla cessazione del rapporto di lavoro, maturi il diritto alla pensione. Il lavoratore dovrà presentare domanda di mobilità in deroga corredata da un estratto conto contributivo dell INPS o documentazione elaborata da un patronato dal quale si evince chiaramente il giorno dal quale il lavoratore matura il diritto alla pensione. Tale documentazione non deve essere anteriore ad aprile 2012, in considerazione che la riforma del sistema pensionistico è intervenuta a fine 2011, che ha ricevuto alcune modifiche con la legge 24 febbraio 2012 n. 24 e i chiarimenti apportati con circolare INPS n. 35 del Dal è possibile accedere solamente alle prestazioni pensionistiche di vecchiaia o di vecchiaia anticipata. Come dovrebbe essere a tutti noto, non esiste più la pensione di anzianità. Per accedere alla pensione di vecchiaia è richiesto dal al , oltre al un anzianità contributiva di almeno 20 anni, il possesso del requisito anagrafico: Lavoratrici settore privato Lavoratrici autonome o iscritte alla Lavoratori del settore privato e pubblico e gestione separata lavoratrici settore pubblico 62 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 66 anni e 3 mesi Per accedere invece alla pensione anticipata nel periodo è necessario che il lavoratore sia in possesso dei seguenti requisiti uomini Donne 42 anni e 5 mesi (pari a 2205 settimane) 41 anni e 5 mesi (pari a 2153 settimane) Se il lavoratore accede alla pensione anticipata con età inferiore a 62 anni anche in virtù della contribuzione figurativa della mobilità in deroga, si applica sulla quota di trattamento pensionistico una riduzione dell 1% per ogni anno di anticipo. Tale percentuale è elevata al 2 % per ciascuno degli anni mancanti al compimento dei 60 anni del lavoratore. Per la domanda di mobilità in deroga con richiesta assegnazione delle categorie E e F in forza di un successivo accesso alla pensione di vecchiaia anticipata è necessario che il lavoratore dichiari la volontà di presentare domanda all INPS di tale tipo di prestazione pensionistica. Tale domanda di pensione può essere presentata solamente quando il lavoratore è in possesso dei requisiti richiesti per la pensione e quindi può avvenire anche a seguito dell accreditamento dei contributi figurativi della mobilità in deroga. Se alla suddetta volontà espressa di accedere alla pensione anticipata non segue l effettiva domanda l Inps si attiverà in merito. Si fa notare che il trattamento di pensione con le nuove disposizioni è previsto che inizi a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

8 La mobilità in deroga può essere riconosciuta con assegnazione categorie E o F anche a lavoratori per i quali il diritto alla pensione matura entro 12 mesi, in applicazioni di disposizioni eccezionali, o in quanto appartenenti a categorie di soggetti per i quali si continua ad applicare la disciplina previgente alla legge n. 214 o per l esistenza di Fondi speciali, di particolari settori. In tal caso i lavoratori devono esibire idonea documentazione. La mobilità in deroga non potrà essere assegnata ai cosiddetti lavoratori salvaguardati che con successivi interventi normativi, sono già destinatari di un trattamento fino al raggiungimento della pensione (Decreti interministeriali del 1 giugno 2012 e 5 ottobre 2012 e legge di stabilità dicembre 2012 n. 204), a prescindere dalla data di decorrenza di inizio della prestazione pensionistica.. Si riporta schematicamente quanto definito nell ultima legge di stabilità che ha esteso la possibilità di salvaguardia dei lavoratori esodati: Ai soggetti che hanno cessato il rapporto entro il 30 settembre 2012 e collocati in mobilità ordinaria o in deroga a seguito di accordi stipulati entro il 31 dicembre 2011 e che abbiano tutti i requisiti utili al pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità ex art. 7 della legge n. 223/1991, o durante il godimento dell indennità di mobilità in deroga, e, in ogni caso, entro il 31 dicembre 2014; Ai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011, con almeno un contributo volontario accreditato od accreditabile alla data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011, sebbene abbia svolto, dopo il 4 dicembre 2011, un attività non riconducibile a rapporto di lavoro a tempo indeterminato dopo l autorizzazione alla prosecuzione volontaria, a condizione che non abbiano conseguito, dopo la predetta data, un reddito annuo complessivo per tale attività non superiore a euro, e che perfezionino i requisiti utili per la decorrenza del periodo pensionistico, entro i tre anni successivi all entrata in vigore del D.L. n. 201/2012; Ai lavoratori che abbiano risolto il rapporto di lavoro entro il 30 giugno Sulla base di accordi individuali anche sottoscritti ex art. 410, 411 e 412 cpc, o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati entro il 31 dicembre 2011 dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, pur se, dopo la cessazione abbiano svolto un attività lavorativa non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, a condizione che non abbiano conseguito per tale attività un reddito annuo lordo superiore a euro e che perfezionino i requisiti utili al pensionamento entro i tre anni successivi al 6 dicembre 2011, data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011; Ai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011 e collocati in mobilità ordinaria a tale data, i quali, in quanto fruitori dell indennità, debbono attenderne la cessazione per poter effettuare il versamento volontario, a condizione che perfezionino il requisito pensionistico entro i trentasei mesi successivi al 6 dicembre 2011, data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011. L assegnazione della categoria E o F può avvenire in aggiunta alle categorie o A, B, C o D. Durata del trattamento di mobilità in deroga Per i lavoratori appartenenti alla - Categoria A: 8 mesi; - Categoria B: 6 mesi; - Categoria C: 4 mesi, elevata a 6 mesi per i lavoratori ultracinquantenni; - Categoria D: 4 mesi; - Categoria E: massimo 12 mesi fino alla maturazione dei requisiti per il pensionamento; - Categoria F: massimo 12 mesi fino alla maturazione dei requisiti per il pensionamento;

9 Procedure e controlli Fermo restando quanto già detto relativamente ai termini per la presentazione della domanda di mobilità in deroga che sono 68 giorni (termine perentorio) sia per la presentazione al CPI che all INPS, si chiarisce quanto segue: - Il lavoratore deve avere una DID attiva per presentare la domanda di mobilità in deroga che, ad ogni buon conto, si conferma nella domanda stessa. - Il CPI registra come data DID, per i soggetti che chiedono il trattamento categoria A, il giorno successivo alla cessazione dell ultimo rapporto di lavoro, in considerazione che nella domanda da presentare all INPS nel campo ho attestato il mio stato di disoccupazione presso il Centro per l Impiego del Comune di in data deve essere inserito il giorno successivo al licenziamento o la cessazione del rapporto di lavoro; - I lavoratori che chiedono il trattamento categoria B o C, dovrebbero aver già, per ricevere la disoccupazione o la mobilità ordinaria, una DID attiva che si conferma al CPI con la presentazione della domanda di mobilità in deroga. Nella domanda da presentare all INPS tali lavoratori devono indicare come data DID presentata al CPI il giorno successivo all esaurimento della disoccupazione ordinaria o della mobilità ordinaria; - I lavoratori che tra il verificarsi dell evento e la presentazione della domanda si sono rioccupati devono aver avuto prima della rioccupazione una DID attiva e questo vale sia per i lavoratori categoria A che per i lavoratori che provengono da trattamenti previdenziali legati allo stato di disoccupazione. Se tali lavoratori non hanno avuto cura di presentarsi al CPI prima della loro rioccupazione a tempo determinato la domanda di mobilità in deroga non può essere accolta. Il CPI informa il lavoratore in merito - L obbligo per il lavoratore di presentare la domanda di mobilità in deroga anche all INPS; - Le cause di decadenza che possono determinare la perdita del presente trattamento. Il CPI controlla: - La presenza di una DID attiva (lo stato di disoccupazione del lavoratore) - Il rispetto del termine di 68 giorni dall evento e eventuali motivi di forza maggiore che hanno determinato il superamento di detto termine; - L anzianità aziendale di 12 mesi con l ultimo datore di lavoro e l anzianità lavorativa di 6 mesi nel biennio per i lavoratori somministrati - La verifica nella banca dati percettori che il lavoratore non percepisca ammortizzatori sociali al momento della domanda; - L attestazione del requisito del pensionamento del lavoratore sostenuta da congrue motivazioni, relative l età del lavoratore o dall anzianità contributiva comprovata da idonea documentazione da parte dell INPS o di un patronato; Il CPI individua la categoria di appartenenza del lavoratore al trattamento di mobilità in deroga. In caso di richiesta di intervento L INPS effettua controlli sugli effettivi 6 mesi di lavoro svolti dai lavoratori con anzianità aziendale di 12 mesi e relativamente il possesso dei requisiti per il pensionamento dei lavoratori Sospensione interruzione del trattamento Non vi è una normativa speciale, si applica, per quanto non definito, la legge 223/1991 e la normativa sul collocamento e sulla decadenza dai trattamenti. Per quanto riguarda lo stato di disoccupazione l inserimento nell elenco dei beneficiari della mobilità in deroga comporta che, in caso di rioccupazione a tempo determinato, si applichi la stessa disciplina per l iscrizione nelle liste di mobilità, con conservazione dell iscrizione e dello status anche se è superato il

10 limite di reddito da lavoro, tutto ciò sarà valido anche dopo il quando troveranno efficacia le modifiche del D.lgs 181/2000 apportate con la legge 92/2012. Rapporti di lavoro a tempo determinato sospendono il trattamento con differimento massimo fino al doppio del periodo riconosciuto. A fronte di una concessione della mobilità in deroga per 8 mesi, l erogazione del trattamento può essere differito fino ad un massimo di 8 mesi, a seguito di rapporti di lavoro a tempo determinato, per un riconoscimento totale della indennità di mobilità in deroga. Misura del trattamento Il trattamento è pari all indennità straordinaria di integrazione salariale (80 % della retribuzione) fermi restando i massimali stabiliti per il 2013 dall INPS (circolare Inps n. 13 del ) Retribuzio euro Tetto Importo lordo Importo netto Inferiore o uguale a 2.075,21 basso 959,22 903,20 Superiore a 2.075,21 alto 1.152, ,57 Il trattamento di mobilità in deroga non è compatibile con altri ammortizzatori sociali o con attività lavorativa. Abbattimento Sulla base dell art. 19 comma 9 del DL 185/2008 e come confermato dall art. 2 comma 138 della legge 191/2010, l INPS opererà per i beneficiari del trattamento di mobilità in deroga 2013 un abbattimento del 10 % nel caso in cui il lavoratore abbia già ricevuto il trattamento della mobilità in deroga negli anni precedenti (a partire dal 2009), decorsi 12 mesi anche non continuativi di trattamento. L abbattimento sarà invece del 30 % in caso di terza fruizione da parte del lavoratore della mobilità in deroga e del 40 % in caso di quarta fruizione. Decorrenza del trattamento Il trattamento è riconosciuto dall ottavo giorno successivo a quello di cessazione del rapporto di lavoro nel caso il lavoratore sia stato ammesso alla categoria A. Negli altri casi la decorrenza del trattamento inizia dal giorno successivo dal termine del trattamento di DS, miniaspi, Aspi o mobilità. In ogni caso si prescinde dal giorno in cui la domanda di mobilità sia stata presentata (entro i 68 giorni) al CPI e all INPS. Incentivi all assunzione Diversamente dagli scorsi anni non è più previsto alcun incentivo per i datori di lavoro che assumono lavoratori in trattamento di mobilità in deroga. I lavoratori potranno ricollocarsi nel mercato del lavoro in forma agevolata solo se in possesso di requisiti per accedere ad altre forme di incentivo all occupazione. Regime transitorio Le domande di mobilità in deroga anno 2012 potranno essere accolte dai CPI fino al Si chiarisce che anche i licenziati il rientrano nel trattamento di mobilità in deroga 2012, non è rilevante l inizio della decorrenza del trattamento nel 2013.

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli