Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013"

Transcript

1 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 L intervento di mobilità in deroga annualità 2013 ripercorre sostanzialmente in forma identica le disposizioni per l applicazione del trattamento di mobilità in deroga dello scorso anno, annualità Vi sono però significative differenze riguardo le categorie dei beneficiari e sulla durata del trattamento, sulle quale si raccomanda di prestare particolare attenzione. Presentazione della domanda La domanda deve (termine perentorio) essere presentata entro 68 giorni dal verificarsi dell evento che dà titolo a richiedere il trattamento di mobilità in deroga. L evento può essere la cessazione del rapporto di lavoro o l esaurimento del periodo di trattamento di indennità di disoccupazione ordinaria, di Aspi o miniaspi o di mobilità ordinaria. Per presentare la domanda di mobilità in deroga occorre aver una DID attiva o aperta rilasciata al CPI e pertanto aver acquisito lo stato di disoccupazione ai sensi del D.lgs 181/2000. I lavoratori che hanno percepito il trattamento della disoccupazione ordinaria, dell Aspi o della miniaspi o di indennità di mobilità ordinaria, e intendono chiedere l intervento della mobilità in deroga, non possono presentare la relativa domanda prima di aver esaurito il trattamento. È rilevante la data di scadenza del trattamento e non il giorno in cui effettivamente hanno ricevuto l ultimo versamento dall INPS. In presenza di fatti impeditivi documentati che non hanno consentito al lavoratore di presentarsi al CPI nel termine di 68 giorni è prevista la remissione in termini. La remissione riparte dai giorni già trascorsi dall evento al realizzarsi del fatto impeditivo. Non sono conteggiati al fine della scadenza dei termini i soli giorni in cui il soggetto è stato impossibilitato a recarsi al CPI. È considerato fatto impeditivo, oltre alle cause di forza maggiore, il periodo trascorso tra la presentazione della domanda all INPS di Aspi o miniaspi e la risposta dell istituto di rigetto della domanda stessa. I lavoratori che nel termine dei 68 giorni hanno presentato domanda di mobilità in deroga all INPS e non al CPI, possono ugualmente presentare domanda di mobilità in deroga al CPI anche fuori termine purché sia stata rilasciata nel termine una DID e la stessa sia ancora attiva. Per i lavoratori a cui l evento che dà titolo a presentare la domanda di mobilità in deroga si sia realizzato tra il 1 gennaio 2013 e il 8 marzo 2013, i 68 giorni iniziano a decorrere dal 8 marzo. Sono fatte salve le domande presentate prima di questo termine se presentate al CPI e contenenti gli elementi necessari per la loro valutazione secondo i criteri della annualità 2013 del trattamento dio mobilità in deroga. NB. Come già anticipato, anche per il 2013 il lavoratore, oltre al CPI, deve presentare la domanda di mobilità in deroga anche all INPS. Da un punto di vista logico la domanda andrebbe presentata prima al CPI, che raccoglie gli elementi per l autorizzazione della prestazione, mentre all INPS le domande sono inviate solo ai fini dell erogazione del trattamento, tuttavia per evitare disagi all utenza non è rilevante se il soggetto la presenta prima al CPI o all INPS, l importante è che la domanda sia presentata entro 68 giorno dall evento sia al CPI che all INPS. La domanda all INPS può essere presentata utilizzando uno di questi 3 canali:

2 telematicamente all indirizzo (il lavoratore deve essere munito di PIN dispositivo); telefono (n ); per il tramite dei patronati. Per la presentazione della domanda di mobilità in deroga direttamente dal cittadino tramite web, come riporta la circolare n. 102 del , sinteticamente si devono seguire le seguenti indicazioni. Il servizio è disponibile attraverso il seguente percorso da sito internet Servizi on line servizi per il cittadino autenticazione con PIN invio di domande di prestazioni a sostegno del reddito disoccupazione, mobilità e trattamento speciale edilizia mobilità in deroga È presente una sezione informazioni, una sezione invio della domanda da compilare da parte del lavoratore e una sezione compilazione della domanda da completare per procedere per l invio della domanda. Per la presentazione della domanda tramite telefono al contact center dell INPS al numero non è necessario essere muniti di PIN. I dati del lavoratore verranno acquisiti dal Contact center il quale invierà la domanda all utente che, dopo averla firmata e eventualmente integrata, deve provvedere a farla pervenire, allegando copia del documento di identità, a mezzo fax al n o per posta alla struttura competente. Il contact center fornisce al cittadino anche tutte le istruzioni utili per la compilazione telematica della domanda Destinatari del trattamento di mobilità in deroga Possono essere destinatari del trattamento di mobilità in deroga: lavoratori domiciliati nella Regione Veneto: Si prescinde dall effettiva residenza e dal luogo (in Italia) dove il lavoratore ha prestato la propria attività lavorativa. Lavoratori che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi (365 giorni) di cui almeno 6 di lavoro effettivamente prestato, ivi compresi i periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie, festività, infortuni e maternità (i 6 mesi di lavoro effettivamente prestato verranno verificati dall INPS). lavoratori cessati da un rapporto di lavoro di tipo subordinato a seguito di licenziamento, scadenza di contratto o dimissioni per giusta causa nel I lavoratori cessati da contratto di lavoro intermittente possono presentare la domanda di mobilità in deroga, che sarà autorizzata dalla Regione se sussiste il requisito dell anzianità aziendale di 12 mesi (365 gg) e poi la domanda sarà verificata dall INPS se risulta che detto lavoro sia stato prestato per almeno 6 mesi. Le persone che sono state occupate presso aziende non italiane, ma della Comunità europea devono far richiesta di erogazione dell indennità legata allo stato di disoccupazione al Paese europeo dove hanno prestato attività lavorativa. Potrebbe verificarsi il caso di lavoratori che hanno usufruito di un trattamento comunitario equiparabile alla disoccupazione ordinaria o alla mobilità ordinaria, in questo caso il lavoratore deve consegnare idonea documentazione a testimonianza del possesso del requisito relativamente all ammortizzatore percepito, all anzianità aziendale, alla tipologia di contratto di lavoro avuto. Lavoratori che hanno esaurito il trattamento di disoccupazione ordinaria, di Aspi o di miniaspi, di mobilità di 12 mesi nel 2013; Soggetti esclusi dal trattamento di mobilità in deroga I lavoratori domestici, come per gli anni passati; I lavoratori che hanno prestato attività lavorativa presso un Paese non appartenente alla Comunità Europea; I dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni assunti a tempo indeterminato;

3 I lavoratori del settore del credito e delle assicurazioni che hanno un sistema di integrazione delle prestazioni a sostegno del reddito basato sui fondi di solidarietà (per es.: assegno emergenziale per i bancari); NB: Fino allo scorso anno sussistevano particolari forme di sostegno al reddito riservate per i lavoratori dei settori avicolo, tabacchi, zuccherifici, consorzi agrari. Tali misure sono state esaurite e pertanto i lavoratori di questi settori possono regolarmente presentare domanda di mobilità in deroga. Categorie di beneficiari o di trattamento L accordo del 28 dicembre 2012 Linee guida per l applicazione degli ammortizzatori sociali in deroga anno 2013 distingue 5 diverse categorie di beneficiari del trattamento di mobilità in deroga Categoria A Lavoratori subordinati, ivi compresi i somministrati, gli apprendisti e i contratti a tempo determinato, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione nel corso del 2013 ed esclusi dal trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223 e dal trattamento di Aspi o miniaspi. La presente categoria è destinata ai lavoratori subordinati che con 12 mesi di anzianità aziendale, di cui 6 effettivamente prestato, non possono far valere i requisiti per accedere al trattamento di Aspi o di miniaspi. In considerazione che, oltre al requisito dello stato di disoccupazione e della involontarietà della disoccupazione, per l Aspi è richiesta la presenza contemporanea di questi 2 requisiti: 1. trascorsi almeno 2 anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione 2. un anno di contribuzione contro la disoccupazione nell ultimo biennio dall inizio della disoccupazione Per la miniaspi invece sono richieste 13 settimane di contribuzione con la relativa assicurazione negli ultimi 12 mesi dall inizio della disoccupazione. Per quanto detto i lavoratori che potranno accedere alla mobilità in deroga categoria A, sono quelli che con l anzianità aziendale predetta di 12 mesi (365 gg) non hanno maturato almeno 13 settimane di contribuzione o assicurazione contro la disoccupazione. I lavoratori che hanno avuto un contratto di apprendistato o sono stati soci lavoratori di cooperative e il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato, dato che solo dal 1 gennaio 2013 per tali tipologie è dovuta la contribuzione contro la disoccupazione, per cessazioni del rapporto di lavoro di tali lavoratori anteriori al 2 aprile 2013 (13 settimane dal 1 gennaio 2013) sarà possibile riconoscere la categoria A di mobilità in deroga. Successivamente al 2 aprile i lavoratori con tali tipologie contrattuali devono fare domanda di miniaspi. Al fine del riconoscimento dell anzianità aziendale di 12 mesi si ricorda che rimane possibile sommare uno o più precedenti rapporti di lavoro di collaborazione a progetto con rapporti con contratto subordinato per il riconoscimento della categoria A, purché i contratti subordinati abbiano avuto una durata inferiore a 13 settimane, nel qual caso deve essere presentata domanda di miniaspi. Per i lavoratori con precedente contratto di somministrazione si rimanda a quanto riferito nel apposito successivo capitolo. Categoria B Lavoratori subordinati, ivi compresi gli apprendisti e i contratti a tempo determinato che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e abbiano esaurito il trattamento di miniaspi nel corso del 2013 Il trattamento di miniaspi ha sostituito la precedente prestazione della disoccupazione ordinaria non agricola a requisiti ridotti ed è in vigore dal Si distinguono: 1. i lavoratori che nel 2013, secondo la precedente disciplina, avrebbero potuto presentare domanda di disoccupazione a requisiti ridotti per i periodi di disoccupazione del Per tale prestazione sono richiesti 2 anni di anzianità assicurativa e almeno 78 giornate di lavoro nel

4 2012. La domanda deve esser presentata telematicamente tra il 1 gennaio 2013 e il 2 aprile La prestazione è erogata in un unica soluzione; 2. i lavoratori che possono far valere 13 settimane di contribuzione da attività lavorativa nei 12 mesi precedenti il periodo di disoccupazione, per la quale siano stati versati o dovuti i contributi per l assicurazione obbligatoria. Non è più richiesta l anzianità assicurativa di 2 anni. La domanda deve essere presentata telematicamente nei medesimi termini dell Aspi (68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro). La prestazione è erogata mensilmente per una durata pari a metà delle settimane di contribuzione nei 12 mesi precedenti, detratti i periodi di indennità eventualmente fruiti nel periodo. Negli anni scorsi la prestazione della disoccupazione ordinaria a requisiti ridotti è stata ritenuta compatibile con il trattamento di mobilità in deroga. Il lavoratore che ha ricevuto la miniaspi relativa alle giornate di disoccupazione del 2012 non può presentate domanda di mobilità in deroga per la categoria B per aver ricevuto la disoccupazione a requisiti ridotti. La presente categoria, si ribadisce, è riservata esclusivamente ai lavoratori che hanno percepito l indennità di miniaspi con i nuovi requisiti descritti al suddetto punto 2. I lavoratori che hanno percepito nel 2013 la miniaspi e che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi di cui 6 mesi di lavoro effettivamente prestato, non dovrebbero essere molto numerosi. Qualche caso potrebbe riscontrarsi per lavoratori che non hanno potuto accedere all aspi per mancanza del requisito di almeno un versamento di assicurazione contro la disoccupazione nei 2 anni antecedenti o un anno di contribuzione contro la disoccupazione. Si tenga presente che la prestazione di miniaspi in caso di rioccupazione del lavoratore con contratto subordinato di durata fino a 5 giorni è sospesa d ufficio e riprende a decorrere al termine del rapporto. I nuovi rapporti di lavoro di durata superiore possono dare origine a un nuovo trattamento di miniaspi o di Aspi se si maturano i requisiti, pertanto è essenziale verificare la posizione del lavoratore nella banca dati percettori dell INPS per verificare la data effettiva di termine del trattamento. Per l accesso a questa categoria di lavoratori somministrati vedi l apposito capitolo. Categoria C Lavoratori subordinati ammessi al trattamento di disoccupazione ordinaria o aspi che abbiano esaurito i predetti trattamenti nel corso del Si deve trattare di lavoratori che possono far valere un anzianità aziendale di 12 mesi (365 gg) di cui 6 mesi di lavoro effettivamente prestato, e che hanno percepito la disoccupazione ordinaria o l Aspi per 8 mesi per i soggetti con età anagrafica inferiore a 50 anni o 12 mesi per i soggetti con età pari o superiore a 50 anni (si deve prendere a riferimento l età al termine del rapporto di lavoro che ha dato titolo al trattamento di Aspi o DS). Non è ammesso il trattamento di mobilità in deroga per chi ha chiesto la corresponsione anticipata dell indennità. Per la mobilità in deroga è prevista una diversa durata del trattamento a seconda se il lavoratore sia o meno ultracinquantenne: si prenda a riferimento la data di presentazione della domanda di mobilità in deroga. Se il lavoratore ha compiuto durante l Aspi o DS i 50 anni, lo stesso ha diritto alla categoria C con durata più lunga. La disciplina della prestazione di Aspi differisce anche dal trattamento di disoccupazione ordinaria anche riguardo le conseguenze in caso di nuova occupazione del lavoratore. In caso di instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato inferiore a 6 mesi l indennità di Aspi è sospesa d ufficio e riprende a decorrere per il periodo residuo al termine del rapporto di lavoro. Il periodo lavorato nella nuova occupazione può essere fatto valere ai fini di un nuovo trattamento di aspi o miniaspi. È pertanto essenziale verificare il termine effettivo del trattamento nella banca dati percettori dell Inps. Nel caso il trattamento sia stato sospeso nella domanda di mobilità in deroga si deve comunicare il rapporto di lavoro che ha dato titolo alla domanda di Aspi. Categoria D Lavoratori subordinati ammessi per 12 mesi al trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223 e che hanno esaurito il predetto trattamento nel corso del 2013

5 L accesso a questa categoria di mobilità in deroga è riservato ai lavoratori che hanno effettivamente avuto il diritto e hanno percepito 12 mesi di indennità di mobilità ordinaria per età anagrafica o per anzianità aziendale. Categoria E Lavoratori subordinati ammessi al trattamento dell art. 7 della legge 23 luglio 1991 n. 223, che hanno esaurito il predetto trattamento nel corso del 2013 e che maturino il diritto alla pensione nei 12 (dodici) mesi successivi A prescindere dalla durata di indennità di mobilità percepita, il lavoratore deve maturare il diritto alla pensione di vecchiaia o pensione di vecchiaia anticipata nei 12 mesi successivi secondo le prescrizioni previste nel DL n. 201 (decreto Monti) convertito con legge n L accordo del 28 dicembre 2012, pur individuando le suddette 5 categorie, prevede di estendere l intervento della mobilità in deroga anche per il seguente caso, che nel presente vademecum è indicato come un ulteriore categoria. Categoria F Lavoratori che a seguito dell intervento di mobilità in deroga (categoria A, B o C maturano i requisiti per il pensionamento entro i successivi 12 mesi possono chiedere l estensione della mobilità in deroga fino al raggiungimento dei requisiti della pensione di vecchiaia o di vecchiaia anticipata. Chiarimenti sui requisiti essenziali Cessazione di un rapporto di lavoro di tipo subordinato Per presentare domanda il lavoratore deve essere cessato da un rapporto di lavoro subordinato. Cessato significa che il lavoratore deve essere stato licenziato o scaduto da un rapporto a tempo determinato o dimessosi durante il periodo di maternità o nel primo anno di vita del figlio o dimessosi per giusta causa. Le dimissioni per giusta causa si configurano in tutti i casi per i quali l INPS riconosce la possibilità di accedere all ammortizzatore sociale dell Aspi (vedi circolare INPS n. 142 del che richiama la circolare INPS n. 163 del ). La disoccupazione deve pertanto essere involontaria: non è ammessa la mobilità in deroga a seguito di dimissioni o risoluzione consensuale. Gli unici casi in cui il lavoratore può essere ammesso alla mobilità in deroga a seguito di risoluzione consensuale è quando la stessa è dovuta a trasferimento del dipendente in altra sede della stessa azienda distante più di 50 Km dalla residenza del lavoratore e/o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici; nell ambito della procedura di conciliazione da tenersi presso la Direzione territoriale del lavoro secondo le modalità previste all art. 7 della legge n. 604 come sostituito dall art. 1 comma 40 della legge n. 92. Il rapporto di lavoro subordinato da indicare nella domanda deve essere l ultimo in ordine di tempo che ha avuto il lavoratore. Rapporti di lavoro della durata non superiore a 5 giorni sono da ritenere irrilevanti. Nel caso il lavoratore sia cessato da un rapporto di lavoro e si sia rioccupato senza aver prima presentato domanda di mobilità in deroga e il secondo rapporto di lavoro sia a sua volta cessato, il lavoratore potrà presentare domanda di mobilità in deroga in forza del primo rapporto di lavoro purché abbia rilasciato la DID prima di essere rioccupato nel secondo rapporto di lavoro e non siano trascorsi 68 giorni dalla cessazione del primo rapporto di lavoro.

6 Il lavoratore che chiede l intervento della mobilità in deroga per categorie diverse dalla categoria A, deve indicare il rapporto di lavoro che ha determinato l accesso all indennità di disoccupazione o alla mobilità ordinaria o Api o miniaspi, per cui non devono essere riportati eventuali rapporti di lavoro a tempo determinato che hanno dato luogo alla sospensione del trattamento. Anzianità aziendale di almeno 12 mesi (365 gg) di cui 6 effettivamente prestati I periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie, festività, infortuni e maternità sono da considerare lavoro effettivo. Sono conteggiati ai fini del raggiungimento dei 12 mesi (365 gg) di anzianità aziendale le proroghe e le trasformazioni del contratto di lavoro. Nel caso si siano susseguiti più rapporti di lavoro subordinato con il medesimo datore di lavoro, essi possono concorrere ai fini dell anzianità aziendale di 12 mesi nei casi la cessazione e la riassunzione sia avvenuta prima del 18 luglio 2012 (data di entrata in vigore della legge 92/2012) in cui: - il contratto cessato è di durata fino a 6 mesi e il tempo intercorso tra la cessazione e la successiva assunzione è inferiore a 10 giorni ; - il contratto cessato è di durata superiore a 6 mesi e il tempo intercorso tra la cessazione e la successiva assunzione è inferiore a 20 giorni. Dopo il 18 luglio 2012 per sommare i periodi di lavoro il cosiddetto stop and go deve essere stato inferiore a 60 giorni per i rapporti a termine fino a 6 mesi e inferiore a 90 giorni per i rapporti di lavoro superiori a 6 mesi. Ai fini della predetta anzianità aziendale possono valere anche precedenti rapporti di lavoro con contratto di collaborazione a progetto o coordinata e continuativa purché sia seguito un rapporto di lavoro subordinato con il medesimo datore di lavoro, senza interruzioni, nei limiti appena sopra descritti. Il rapporto di collaborazione deve possedere i requisiti di cui all art. 7 ter, comma 6, del DL 5/2009 convertito con legge 33/2009: rapporto di collaborazione in regime di monocommittenza con il datore di lavoro che poi ha assunto il lavoratore con contratto subordinato, reddito da lavoro superiore a euro con mensilità accreditate alla gestione separata dell INPS. Non possono far valere tale possibilità i collaboratori impiegati in attività riguardanti l esercizio di arti o professioni. Il CPI per questi casi verifica la presenza del contratto di collaborazione precedente al rapporto subordinato, il periodo di interruzione tra i 2 contratti non superiore ai limiti sopra descritti e la non sussistenza di contemporanei contratti di lavoro con quello di collaborazione. L anzianità dei 12 mesi con il medesimo datore di lavoro si riscontra anche in presenza dei seguenti casi: reintegrazione nel posto di lavoro; trasferimento di azienda; fusione tra due o più società; successione negli appalti prestando l attività per il medesimo appaltante, transitando da un azienda ad un altra senza soluzione di continuità; distacco sindacale. Nel caso di reintegrazione nel posto di lavoro il lavoratore deve documentare la fattispecie presentando copia della sentenza, negli altri casi il realizzarsi della fattispecie è comprovata nel sistema delle comunicazioni obbligatorie, oppure soprattutto in relazione alla successione negli appalti il lavoratore deve presentare idonea documentazione che attesti che lo stesso è transitato da un azienda nad un altra senza soluzione di continuità a seguito di subentro in appalto. La mobilità in deroga per i lavoratori cc.dd. somministrati I lavoratori che hanno avuto rapporti di lavoro somministrato, possono se in possesso dei requisiti accedere al trattamento di Aspi o miniaspi.

7 Nel caso il lavoratore non possa accedere alla prestazione di Aspi o miniaspi, potrà far richiesta di mobilità in deroga (categorie A) a condizione che abbia - un rapporto di lavoro in somministrazione nel 2013 superiore a 5 giorni; - almeno 6 mesi di rapporto di lavoro in somministrazione anche con diversi utilizzatori e/o con diverse agenzie negli ultimi 24 mesi dal termine della ultima missione; In questo caso al lavoratore è riconosciuto la mobilità in deroga pari alla categoria A. Nel caso invece il lavoratore con precedente ultimo rapporto di lavoro di somministrazione, che abbia esaurito la prestazione di aspi o miniaspi, può chiedere il trattamento di mobilità in deroga categorie B o C a condizione che abbia avuto nel 2013 un contratto di somministrazione superiore a 5 giorni e che nella sua vita lavorativa si riscontrino almeno 12 mesi (365 gg) di lavoro in somministrazione. Chiarimenti accesso categoria E categoria F Queste due categorie sono assegnate solamente se il lavoratore nei 12 mesi dal termine del trattamento di mobilità ordinaria, o in deroga, dal trattamento di Aspi o miniaspi o dalla cessazione del rapporto di lavoro, maturi il diritto alla pensione. Il lavoratore dovrà presentare domanda di mobilità in deroga corredata da un estratto conto contributivo dell INPS o documentazione elaborata da un patronato dal quale si evince chiaramente il giorno dal quale il lavoratore matura il diritto alla pensione. Tale documentazione non deve essere anteriore ad aprile 2012, in considerazione che la riforma del sistema pensionistico è intervenuta a fine 2011, che ha ricevuto alcune modifiche con la legge 24 febbraio 2012 n. 24 e i chiarimenti apportati con circolare INPS n. 35 del Dal è possibile accedere solamente alle prestazioni pensionistiche di vecchiaia o di vecchiaia anticipata. Come dovrebbe essere a tutti noto, non esiste più la pensione di anzianità. Per accedere alla pensione di vecchiaia è richiesto dal al , oltre al un anzianità contributiva di almeno 20 anni, il possesso del requisito anagrafico: Lavoratrici settore privato Lavoratrici autonome o iscritte alla Lavoratori del settore privato e pubblico e gestione separata lavoratrici settore pubblico 62 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 66 anni e 3 mesi Per accedere invece alla pensione anticipata nel periodo è necessario che il lavoratore sia in possesso dei seguenti requisiti uomini Donne 42 anni e 5 mesi (pari a 2205 settimane) 41 anni e 5 mesi (pari a 2153 settimane) Se il lavoratore accede alla pensione anticipata con età inferiore a 62 anni anche in virtù della contribuzione figurativa della mobilità in deroga, si applica sulla quota di trattamento pensionistico una riduzione dell 1% per ogni anno di anticipo. Tale percentuale è elevata al 2 % per ciascuno degli anni mancanti al compimento dei 60 anni del lavoratore. Per la domanda di mobilità in deroga con richiesta assegnazione delle categorie E e F in forza di un successivo accesso alla pensione di vecchiaia anticipata è necessario che il lavoratore dichiari la volontà di presentare domanda all INPS di tale tipo di prestazione pensionistica. Tale domanda di pensione può essere presentata solamente quando il lavoratore è in possesso dei requisiti richiesti per la pensione e quindi può avvenire anche a seguito dell accreditamento dei contributi figurativi della mobilità in deroga. Se alla suddetta volontà espressa di accedere alla pensione anticipata non segue l effettiva domanda l Inps si attiverà in merito. Si fa notare che il trattamento di pensione con le nuove disposizioni è previsto che inizi a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

8 La mobilità in deroga può essere riconosciuta con assegnazione categorie E o F anche a lavoratori per i quali il diritto alla pensione matura entro 12 mesi, in applicazioni di disposizioni eccezionali, o in quanto appartenenti a categorie di soggetti per i quali si continua ad applicare la disciplina previgente alla legge n. 214 o per l esistenza di Fondi speciali, di particolari settori. In tal caso i lavoratori devono esibire idonea documentazione. La mobilità in deroga non potrà essere assegnata ai cosiddetti lavoratori salvaguardati che con successivi interventi normativi, sono già destinatari di un trattamento fino al raggiungimento della pensione (Decreti interministeriali del 1 giugno 2012 e 5 ottobre 2012 e legge di stabilità dicembre 2012 n. 204), a prescindere dalla data di decorrenza di inizio della prestazione pensionistica.. Si riporta schematicamente quanto definito nell ultima legge di stabilità che ha esteso la possibilità di salvaguardia dei lavoratori esodati: Ai soggetti che hanno cessato il rapporto entro il 30 settembre 2012 e collocati in mobilità ordinaria o in deroga a seguito di accordi stipulati entro il 31 dicembre 2011 e che abbiano tutti i requisiti utili al pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità ex art. 7 della legge n. 223/1991, o durante il godimento dell indennità di mobilità in deroga, e, in ogni caso, entro il 31 dicembre 2014; Ai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011, con almeno un contributo volontario accreditato od accreditabile alla data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011, sebbene abbia svolto, dopo il 4 dicembre 2011, un attività non riconducibile a rapporto di lavoro a tempo indeterminato dopo l autorizzazione alla prosecuzione volontaria, a condizione che non abbiano conseguito, dopo la predetta data, un reddito annuo complessivo per tale attività non superiore a euro, e che perfezionino i requisiti utili per la decorrenza del periodo pensionistico, entro i tre anni successivi all entrata in vigore del D.L. n. 201/2012; Ai lavoratori che abbiano risolto il rapporto di lavoro entro il 30 giugno Sulla base di accordi individuali anche sottoscritti ex art. 410, 411 e 412 cpc, o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati entro il 31 dicembre 2011 dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, pur se, dopo la cessazione abbiano svolto un attività lavorativa non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, a condizione che non abbiano conseguito per tale attività un reddito annuo lordo superiore a euro e che perfezionino i requisiti utili al pensionamento entro i tre anni successivi al 6 dicembre 2011, data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011; Ai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011 e collocati in mobilità ordinaria a tale data, i quali, in quanto fruitori dell indennità, debbono attenderne la cessazione per poter effettuare il versamento volontario, a condizione che perfezionino il requisito pensionistico entro i trentasei mesi successivi al 6 dicembre 2011, data di entrata in vigore del D.L. n. 201/2011. L assegnazione della categoria E o F può avvenire in aggiunta alle categorie o A, B, C o D. Durata del trattamento di mobilità in deroga Per i lavoratori appartenenti alla - Categoria A: 8 mesi; - Categoria B: 6 mesi; - Categoria C: 4 mesi, elevata a 6 mesi per i lavoratori ultracinquantenni; - Categoria D: 4 mesi; - Categoria E: massimo 12 mesi fino alla maturazione dei requisiti per il pensionamento; - Categoria F: massimo 12 mesi fino alla maturazione dei requisiti per il pensionamento;

9 Procedure e controlli Fermo restando quanto già detto relativamente ai termini per la presentazione della domanda di mobilità in deroga che sono 68 giorni (termine perentorio) sia per la presentazione al CPI che all INPS, si chiarisce quanto segue: - Il lavoratore deve avere una DID attiva per presentare la domanda di mobilità in deroga che, ad ogni buon conto, si conferma nella domanda stessa. - Il CPI registra come data DID, per i soggetti che chiedono il trattamento categoria A, il giorno successivo alla cessazione dell ultimo rapporto di lavoro, in considerazione che nella domanda da presentare all INPS nel campo ho attestato il mio stato di disoccupazione presso il Centro per l Impiego del Comune di in data deve essere inserito il giorno successivo al licenziamento o la cessazione del rapporto di lavoro; - I lavoratori che chiedono il trattamento categoria B o C, dovrebbero aver già, per ricevere la disoccupazione o la mobilità ordinaria, una DID attiva che si conferma al CPI con la presentazione della domanda di mobilità in deroga. Nella domanda da presentare all INPS tali lavoratori devono indicare come data DID presentata al CPI il giorno successivo all esaurimento della disoccupazione ordinaria o della mobilità ordinaria; - I lavoratori che tra il verificarsi dell evento e la presentazione della domanda si sono rioccupati devono aver avuto prima della rioccupazione una DID attiva e questo vale sia per i lavoratori categoria A che per i lavoratori che provengono da trattamenti previdenziali legati allo stato di disoccupazione. Se tali lavoratori non hanno avuto cura di presentarsi al CPI prima della loro rioccupazione a tempo determinato la domanda di mobilità in deroga non può essere accolta. Il CPI informa il lavoratore in merito - L obbligo per il lavoratore di presentare la domanda di mobilità in deroga anche all INPS; - Le cause di decadenza che possono determinare la perdita del presente trattamento. Il CPI controlla: - La presenza di una DID attiva (lo stato di disoccupazione del lavoratore) - Il rispetto del termine di 68 giorni dall evento e eventuali motivi di forza maggiore che hanno determinato il superamento di detto termine; - L anzianità aziendale di 12 mesi con l ultimo datore di lavoro e l anzianità lavorativa di 6 mesi nel biennio per i lavoratori somministrati - La verifica nella banca dati percettori che il lavoratore non percepisca ammortizzatori sociali al momento della domanda; - L attestazione del requisito del pensionamento del lavoratore sostenuta da congrue motivazioni, relative l età del lavoratore o dall anzianità contributiva comprovata da idonea documentazione da parte dell INPS o di un patronato; Il CPI individua la categoria di appartenenza del lavoratore al trattamento di mobilità in deroga. In caso di richiesta di intervento L INPS effettua controlli sugli effettivi 6 mesi di lavoro svolti dai lavoratori con anzianità aziendale di 12 mesi e relativamente il possesso dei requisiti per il pensionamento dei lavoratori Sospensione interruzione del trattamento Non vi è una normativa speciale, si applica, per quanto non definito, la legge 223/1991 e la normativa sul collocamento e sulla decadenza dai trattamenti. Per quanto riguarda lo stato di disoccupazione l inserimento nell elenco dei beneficiari della mobilità in deroga comporta che, in caso di rioccupazione a tempo determinato, si applichi la stessa disciplina per l iscrizione nelle liste di mobilità, con conservazione dell iscrizione e dello status anche se è superato il

10 limite di reddito da lavoro, tutto ciò sarà valido anche dopo il quando troveranno efficacia le modifiche del D.lgs 181/2000 apportate con la legge 92/2012. Rapporti di lavoro a tempo determinato sospendono il trattamento con differimento massimo fino al doppio del periodo riconosciuto. A fronte di una concessione della mobilità in deroga per 8 mesi, l erogazione del trattamento può essere differito fino ad un massimo di 8 mesi, a seguito di rapporti di lavoro a tempo determinato, per un riconoscimento totale della indennità di mobilità in deroga. Misura del trattamento Il trattamento è pari all indennità straordinaria di integrazione salariale (80 % della retribuzione) fermi restando i massimali stabiliti per il 2013 dall INPS (circolare Inps n. 13 del ) Retribuzio euro Tetto Importo lordo Importo netto Inferiore o uguale a 2.075,21 basso 959,22 903,20 Superiore a 2.075,21 alto 1.152, ,57 Il trattamento di mobilità in deroga non è compatibile con altri ammortizzatori sociali o con attività lavorativa. Abbattimento Sulla base dell art. 19 comma 9 del DL 185/2008 e come confermato dall art. 2 comma 138 della legge 191/2010, l INPS opererà per i beneficiari del trattamento di mobilità in deroga 2013 un abbattimento del 10 % nel caso in cui il lavoratore abbia già ricevuto il trattamento della mobilità in deroga negli anni precedenti (a partire dal 2009), decorsi 12 mesi anche non continuativi di trattamento. L abbattimento sarà invece del 30 % in caso di terza fruizione da parte del lavoratore della mobilità in deroga e del 40 % in caso di quarta fruizione. Decorrenza del trattamento Il trattamento è riconosciuto dall ottavo giorno successivo a quello di cessazione del rapporto di lavoro nel caso il lavoratore sia stato ammesso alla categoria A. Negli altri casi la decorrenza del trattamento inizia dal giorno successivo dal termine del trattamento di DS, miniaspi, Aspi o mobilità. In ogni caso si prescinde dal giorno in cui la domanda di mobilità sia stata presentata (entro i 68 giorni) al CPI e all INPS. Incentivi all assunzione Diversamente dagli scorsi anni non è più previsto alcun incentivo per i datori di lavoro che assumono lavoratori in trattamento di mobilità in deroga. I lavoratori potranno ricollocarsi nel mercato del lavoro in forma agevolata solo se in possesso di requisiti per accedere ad altre forme di incentivo all occupazione. Regime transitorio Le domande di mobilità in deroga anno 2012 potranno essere accolte dai CPI fino al Si chiarisce che anche i licenziati il rientrano nel trattamento di mobilità in deroga 2012, non è rilevante l inizio della decorrenza del trattamento nel 2013.

Presentazione della domanda

Presentazione della domanda Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Presentazione della domanda La

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013. ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande

Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013. ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013 ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande ASPI e mini-aspi: presentazione telematica delle domande Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

ASPI e mini-aspi: presentazione telematica delle domande

ASPI e mini-aspi: presentazione telematica delle domande CIRCOLARE A.F. N. 18 del 29 Gennaio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi ASPI e mini-aspi: presentazione telematica delle domande Premessa L INPS, con il messaggio n. 760 del 14.01.2013 ha reso note le modalità

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale 31-5-2013 VP Decreto Interministeriale 22 aprile 2013 e Tabelle

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Numero 61 luglio 2013 UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Licenziata su due piedi dalla Riforma del Lavoro del Ministro Fornero (è la legge 92/2012) la vecchia indennità di disoccupazione ha ceduto il posto,

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 28/03/2013. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA Lavoratori di cui all art. 1, comma 194, Legge 147/13 a) Lavoratori

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La legge 28 giugno 2012 n. 92, di riforma del mercato del lavoro, opera un riassetto dell intera disciplina degli ammortizzatori sociali. Sul fronte

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE** PENSIONI LIQUIDATE* 1^

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

Con riferimento ai lavoratori del presente punto, l articolo 4 del decreto interministeriale del 22 aprile 2013 ha stabilito quanto segue.

Con riferimento ai lavoratori del presente punto, l articolo 4 del decreto interministeriale del 22 aprile 2013 ha stabilito quanto segue. Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2013 Messaggio n. 12998 OGGETTO: Salvaguardia ai sensi dell articolo 1, commi

Dettagli

Lavoratori Salvaguardati

Lavoratori Salvaguardati Numero 104 Dicembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Aggiornamento al 12 dicembre 2014 dei n^ 53, 69 e 72 b di Previdenza Flash con le novità apportate dalla Legge n 147 del 22/10/2014

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 STUDIO DUCOLI - BRENO (BS) DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI LEGALI DEI CONTI Dott.Giacomo Ducoli Via Aldo Moro n.5-25043 Breno (Bs) - Telefono 0364/21265-320487 - Fax 0364320487 Internet Email: infostudio@studioducoli.it

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Gentile_Cliente, pensando di fare cosa gradita, lo studio Di Cioccio Daniela, vi invia una circolare informativa, riguardante

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

Riforma degli ammortizzatori sociali. a cura di Michele De Carlo

Riforma degli ammortizzatori sociali. a cura di Michele De Carlo a cura di Michele De Carlo 1 Ammortizzatori (ASPI-MOBILITA -CIGS) Istituzione di FONDI di solidarietà di settore Protezione dei lavoratori anziani 2 UNICITA UNIVERSALITA GRADUALITA 3 ASPI - ASSICURAZIONE

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 83 del 13 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Indennità ASPI anche per i soci lavoratori delle cooperative Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

MOBILITA IN DEROGA ANZIANITA LAVORATIVA

MOBILITA IN DEROGA ANZIANITA LAVORATIVA MOBILITA IN DEROGA ANZIANITA LAVORATIVA l lavoratori devono essere in possesso, all atto della risoluzione del rapporto di lavoro dei requisiti individuali di cui all art. 2, comma 67 della legge 28 giugno

Dettagli

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Dal 1 gennaio 2013, l indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti non sarà più erogata. Per coloro che nel 2012

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012 La riforma Fornero Milano, 5 e 12 settembre 2012 Dimissioni Con il termine dimissioni in bianco si indica una pratica, in realtà molto più diffusa di quanto correntemente si pensi e si dica, per la quale

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it

CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it Tra le novita introdotte dalla riforma di cui alla legge n.92/2012, che entra in vigore dal 18 luglio corrente,figura,in materia di ammortizzatori

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 94 20.05.2015 NASpI: le istruzioni dell INPS Il periodo di contribuzione figurativa per NASpI è utile per la maturazione dell

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 marzo 2015 Prot. n. 019/15/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in

Dettagli

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Argomento CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Ivrea, 8 maggio 2015

Ivrea, 8 maggio 2015 Ivrea, 8 maggio 2015 NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) D.LGS 22 DEL 4 MARZO 2015 A decorrere dal 1 maggio 2015 è istituita presso la Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori

Dettagli

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013)

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) Chi sono i destinatari: tutti i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL NASpI E DIS-COLL A tutte le Aziende Clienti Del settore paghe Con la riforma del lavoro, cd. JOBS ACT, il governo è stato incaricato di riordinare la normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso

Dettagli

Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012. Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013

Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012. Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013 Circolare N.144 del 17 Ottobre 2012 Assegno ASPI e TICKET licenziamento. Novità dal 1 gennaio 2013 Assegno ASPI e TICKET licenziamento: novità dal 1 gennaio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione. LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro

Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione. LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro Marzo 2013 Il sistema di ammortizzatori sociali in Italia Un SISTEMA

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita. LEGGE n. 92 28 giugno 2012 Affrontiamo una prima analisi del testo di legge pubblicato in gazzetta ufficiale, focalizzando

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS,

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS, ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 del 23.12.2014 G.U. 300 del 29.12.2014 INPS, Circolare n. 17 del 29.01.2015) L INPS è intervenuta fornendo i primi chiarimenti

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI ASPI E MINIASPI Sostituiscono la mobilità, la disoccupazione ordinaria e quella con requisiti ridotti

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI ASPI E MINIASPI Sostituiscono la mobilità, la disoccupazione ordinaria e quella con requisiti ridotti a cura dell Ufficio Comunicazione della CGIL di Bergamo 1 Febbraio 2013 I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI ASPI E MINIASPI Sostituiscono la mobilità, la disoccupazione ordinaria e quella con requisiti ridotti

Dettagli

Pari alla metà delle settimane di contribuzione versate nei 4 anni precedenti, con una durata massima di 24 mesi.

Pari alla metà delle settimane di contribuzione versate nei 4 anni precedenti, con una durata massima di 24 mesi. Roma, 17 febbraio 2016 Oggetto: Indennità di disoccupazione NASpI 2016 L'indennità NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'impiego) è stata introdotta, con effetto dal 1 maggio 2015, dal

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 16 marzo 2015 Servizio Politiche del Lavoro

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Sommario 13.1. Il nuovo ammortizzatore sociale: la NASpI; 13.2. L Assegno di Disoccupazione. ASDI; 13.3. Contratto di ricollocazione; 13.4. La Cassa Integrazione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI (articolo 1 comma 2 legge 183/2014) I nuovi Ammortizzatori Sociali: NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego) ASDI (Assegno

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli