ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC)"

Transcript

1 ITALIANO Q quadri da cantiere vuoti o assemblati in fabbrica (ASC) i

2 presentazione prodotti L azienda e il prodotto La SpA INDUSTRIA LOMBARDA MATERIALE ELETTRICO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico per la fabbricazione di prodotti destinati agli impieghi industriali. Espressione della tradizionale imprenditorialità lombarda, nel corso di oltre mezzo secolo di continua espansione, la ILME si è affermata nei principali mercati mondiali, anche operando direttamente nei paesi guida del progresso dell automazione, fra cui Germania e Giappone. Nel settore delle connessioni elettriche per applicazioni nell automazione industriale, caratterizzata da prestazioni elevate e massima esigenza di affidabilità, la ILME è oggi partner riconosciuta di numerose aziende leader nel mondo. I valori fondamentali che da sempre la guidano sono: innovazione del prodotto e originalità delle soluzioni, eccellente rapporto qualità-prezzo, senso del servizio, etica del comportamento e rispetto dell ambiente. Per la continua evoluzione dei risultati qualitativi, la ILME ha sempre stimolato i La marcatura CE Dal 1 gennaio 1997 per immettere nel mercato dell'unione Europea i prodotti elettrici è obbligatoria l'apposizione, a cura del fabbricante, della marcatura CE ai sensi della direttiva Bassa Tensione 73/23/CEE (recepita in Italia come legge n 791) e sua modifica 93/68/CEE (recepita in Italia come D.L n 626/96 pubblicato sul suppl. alla G.U. del ). La marcatura deve essere posta sul prodotto o, quando non possibile, sull'imballo, sulle avvertenze d'uso o sul certificato di garanzia. Con essa il fabbricante dichiara che il proprio prodotto è conforme a tutte le direttive dell'unione Europea nel cui campo d'applicazione esso ricade. Tutti i prodotti ILME riportano pertanto la marcatura CE sul prodotto o sulla confezione. Tutti i prodotti ILME rientrano infatti nel campo d'applicazione della direttiva Bassa Tensione. Per l'apposizione della marcatura CE è richiesta la stesura di una dichiarazione di conformità. Tale documento, non dovuto ad alcun titolo al mercato, è da tenersi a disposizione dell'autorità di controllo (in Italia il Ministero dell'industria del commercio e dell'artigianato). In essa il fabbricante dichiara la norma tecnica di sicurezza seguita nella costruzione del prodotto. Questa norma (può essere più di una) deve essere, in ordine decrescente di preferenza: - una norma europea (prefisso EN) - un documento di armonizzazione europeo (prefisso HD) - una norma internazionale IEC - una norma nazionale - in assenza di riferimenti normativi, una specifica interna del fabbricante, che comunque garantisca il rispetto dei requisiti fondamentali di sicurezza della direttiva. propri collaboratori alla massima responsabilità e partecipazione. La ricerca dei materiali più adatti, la qualità e sicurezza dei cablaggi, l economia dei tempi impiegati, la pronta disponibilità del servizio ove e quando necessaria, sono tutti elementi di quel vantaggio per l utente che è pensiero guida fondamentale dell azienda. La conformità a norme tecniche armonizzate (ossia ratificate dal CENELEC) costituisce presunzione di adeguamento ai requisiti essenziali di sicurezza delle direttive. La marcatura CE dei prodotti ILME consegue alla dichiarazione di conformità degli stessi a norme armonizzate o a norme internazionali IEC. Con la marcatura CE, ILME esprime conformità integrale (non correlata ai soli requisiti essenziali di sicurezza della direttiva) a quelle stesse norme europee, internazionali o nazionali sulle quali si basano i marchi di certificazione volontaria di sicurezza (es.: IMQ e VDE). ILME intende in tal modo conferire alla marcatura CE il valore di autocertificazione di sicurezza, data la perdita di valore giuridico delle certificazioni volontarie emesse da terze parti sancita dalla direttiva 93/68/CEE. Ciò premesso, pressochè tutti i prodotti ILME continuano a fregiarsi dei marchi volontari di conformità e sono conformi alla direttiva europea RoHS. Certificazioni La quasi totalità degli articoli illustrati nel presente catalogo tecnico è certificata dall'istituto Italiano del Marchio di Qualità, come attestato dal Marchio IMQ (si veda l'indicazione riportata a lato di ciascun ). Tutte le informazioni contenute nel presente catalogo non sono impegnative e possono essere variate senza alcun preavviso.

3 generalità e normative quadri da cantiere ASC La gamma di quadri da cantiere ASC ILME, si arricchisce della nuova serie QM di quadretti mobili, per uso in cantieri edili. La struttura autoportante, studiata appositamente per l'ambiente cantieristico, ne permette il facile utilizzo senza necessità di telai o ulteriori accessori di supporto. La costruzione è indicata per molti ambienti di lavoro (per es.: stand fieristici ed allestimenti temporanei, ambienti industriali, luoghi dell industria zootecnica e della trasformazione alimentare ecc.), ovvero in tutte le circostanze in cui si rende temporaneamente necessaria la distribuzione di potenza moltiplicando le uscite a disposizione. Il tutto in piena sicurezza, grazie alla presenza di protezione differenziale e contro i cortocircuiti. La serie QM nasce per realizzare piccoli quadri di distribuzione con numero di uscite che, a seconda dei modelli, varia da un minimo di due ad un massimo di sei. Le prese di corrente previste possono essere di tipo semplice (prese fisse da incasso serie Pluso tipi PQ/PQF) oppure di tipo con interruttore di blocco (serie SQE, oppure a richiesta con fusibili, serie SQV). La struttura si basa su un involucro/telaio, composto da due semigusci sostanzialmente simmetrici, che ospita su un lato un vano per apparecchi modulari (per l interruttore magnetotermico con blocco differenziale con I n 30 ma che funge da interruttore generale del quadro) e sino a 6 prese disposte sulle due facce. Il quadro è realizzato in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente MIL.BOX, di colore grigio scuro RAL 7012, stampato ad iniezione con la tecnologia BC-MUL. Tale tecnica garantisce estrema robustezza meccanica, elevata resistenza agli urti ed ottima resistenza agli agenti atmosferici (temperatura e umidità elevate) e a numerosi agenti chimici. Sulla parte superiore è ricavata un ampia maniglia per il sollevamento e il trasporto, che funge anche da pratico avvolgicavo per il cordone di alimentazione durante il trasporto e l immagazzinamento. La struttura è pensata per l impilamento di più unità tra loro agganciate. Il cavo di alimentazione in gomma neoprene antiabrasione H07 RN-F 5x4 mm 2 di lunghezza 4 m è terminato da spina mobile di tipo industriale conforme alla norma CEI EN L'uscita del cavo posizionata sulla base del quadro riduce gli ingombri e garantisce maggiore stabilità in caso di "strappi" accidentali. Il quadro risponde alle prescrizioni della norma CEI EN Principali caratteristiche Grado di protezione: IP65 con prese senza dispositivo di blocco PEW PQ/PQF (IP67), a richiesta versioni IP44 con prese PE PQ/PQF (IP44) IP55 Indice di resistenza meccanica: IK08 secondo CEI EN con prese complementari tipo Schuko 1) e/o con prese con dispositivo di blocco tipo SQE (a richiesta tipo SQV con fusibili) 1) Schuko è un marchio registrato della SCHUKO-Warenzeichenverband e.v. 1

4 Q caratteristiche tecniche Quadri ILME di distribuzione per cantiere La gamma ILME di quadri per cantiere serie Q comprende: - due quadri vuoti in kit di montaggio (QP V e QG V) atti ad alloggiare una batteria di prese industriali interbloccate con i relativi dispositivi di protezione automatici contro i contatti diretti ed indiretti e contro le sovracorrenti e i cortocircuiti. - quattro serie di quadri da cantiere (QP TI, QP SQ, QG TI e QG SQ) assemblati in fabbrica (ASC) comprensivi di prese, dispositivi di protezione e comando. Su richiesta del cliente, sono inoltre fornibili quadri con combinazioni di prese ILME differenti da quelle previste di serie. Di seguito sono elencate le principali caratteristiche tecniche realizzative. Struttura portante Realizzata in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente (classificazione 750 C alla prova del filo incandescente), di colore grigio RAL 7012, stabilizzato ai raggi ultravioletti. La struttura, nonostante l ampio passaggio ricavato nella base del quadro (utilizzabile per i cavi delle linee di uscita) e le comode portelle di accesso all apparecchiatura interna, presenta una elevata rigidezza torsionale grazie agli elementi strutturali adottati nelle connessioni (viti a brugola e dadi in acciaio inox) e agli elevati spessori di formatura delle pannellature. Essa è realizzata con materiale completamente riciclabile. La struttura isolante permette la costruzione di quadri a isolamento completo b secondo CEI EN e CEI 64-8/4. Le pannellature sono in grado di resistere a impatti di energia 6 J (rappresentativi di collisioni all interno di cantieri). Quadri ILME da cantiere, assemblati in fabbrica (ASC). I quadri da cantiere ILME della serie Q sono classificati come apparecchiature assiemate per cantiere ASC e sono conformi a tutte le prescrizioni della norma generale CEI EN (class. CEI 17-13/1) e a quelle della norma particolare CEI EN (class. CEI 17-13/4). Per la loro corrente nominale e le possibilità di connessione del cavo di alimentazione offerte, essi si identificano come ASC di distribuzione finale oppure ASC di prese a spina collegabili a valle di una ASC più grande. La maggior parte dei quadri assemblati da cantiere della serie Q sono dotati di marchio IMQ. Ulteriori versioni di quadro assemblato in fabbrica con diverse prese ILME, nell ambito della corrente nominale che corrisponde alla potenza attiva massima prelevabile dei tipi verificati* ), mantengono il marchio IMQ. Tali quadri sono progettati per l uso nei cantieri, sia all interno che all aperto, definiti luoghi di lavoro temporanei ai quali il pubblico generalmente non ha accesso e dove si effettuano costruzioni di edifici, installazioni riparazioni, modifiche o demolizioni di proprietà (edifici) o lavori di ingegneria civile (lavori pubblici) o lavori di scavo od altre operazioni simili. Essi sono del tipo trasportabile (semi-fissi), destinati in luoghi in cui non sono permanentemente fissati; la loro collocazione può variare durante il lavoro nello stesso cantiere e prima di ogni spostamento il quadro viene messo fuori tensione. Ad essi possono essere collegati utensili elettrici portatili ed altre apparecchiature da cantiere. Questi quadri non sono invece destinati all uso nei centri amministrativi dei cantieri (uffici, guardaroba, sale di riunione, mense, ristoranti, dormitori, servizi igienici, ecc.). I quadri assemblati sono forniti completi di prese (cartucce fusibili escluse), collegamenti elettrici, interruttori magnetotermici e blocco differenziale e sono pronti per il loro impiego una volta equipaggiate le prese di fusibili di qualità. Documentazione di corredo dei quadri ILME serie Q (ASC) - foglio di istruzioni per movimentazione, montaggio, installazione e manutenzione; - schema elettrico unifilare * ) per tensione nominale di alimentazione inferiore a 230/400V~ a parità di corrente nominale la potenza massima attiva prelevabile si riduce proporzionalmente alla tensione, per esempio: quadro 63A [35kW - 230/400V~] > [20kW - 130/230V~] 2

5 generalità e normative quadri da cantiere ASC Generalità e inquadramento normativo. I cantieri di costruzione e di demolizione sono teatro di un alto numero di infortuni elettrici anche mortali (fonte ISPESL). I cantieri costituiscono ambienti ad alto rischio, in particolare elettrico, causa le condizioni di utilizzo dei componenti dell impianto elettrico, spesso all aperto, esposti sia agli eventi atmosferici che a quelli connessi alla natura dei materiali da costruzione presenti in cantiere (sole, pioggia, polvere, gelo, alte temperature, umidità, salsedine, inquinamento chimico) e alle gravose sollecitazioni meccaniche accidentali. È evidente che l impianto elettrico nei cantieri deve quindi essere realizzato con criteri di progettazione, esecuzione e controllo particolari, più severi rispetto a quelli degli impianti previsti negli ambienti normali. Solo del 1992 è la prima regolamentazione tecnica in materia di cantieri (variante V5 alla seconda edizione della norma CEI 64-8, che è il codice di installazione elettrica italiano) Nell ottobre 1992 uscì poi la terza edizione di questa norma la quale incorporava nella Parte 7 tali prescrizioni particolari. La norma impianti CEI 64-8 è giunta oggi alla quinta edizione (2003) La novità fondamentale era l adeguamento delle regole nazionali alla pratica internazionale. L obiettivo cui si tende è infatti quello di di ottenere per l UE un unico codice elettrico di installazione, per facilitare la libera circolazione dei componenti di impianto nel mercato unico europeo e realizzare un livello di sicurezza omogeneo in tutti gli stati dell Unione. Nel 1999 il CEI ha pubblicato la Guida CEI all applicazione delle norme dei quadri di bassa tensione e la Guida CEI all esecuzione degli impianti elettrici nei contatori, contenente raccomandazioni per l installazione degli impianti elettrici di cantiere. Principali prescrizioni impiantistiche per i cantieri (norma CEI 64-8/7 Sez.704). Le più recenti prescrizioni di sicurezza elettrica relative ai cantieri di costruzione e demolizione sono riportate, come detto, nella Parte 7 della quinta edizione della norma CEI 64-8, alla Sezione 704, e coincidono con quelle della norma IEC e del Documento di Armonizzazione Europea HD Esse si integrano con le prescrizioni generali della stessa norma CEI 64-8 e si applicano ad impianti temporanei destinati a: - lavori di costruzione in nuovi edifici; - lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti; - opere pubbliche; - lavori di movimentazione di terra; - lavori simili (ove si intendono ad esempio anche quelli per interventi di manutenzione in banchine, per costruzione di teleferiche, ecc.) Non si applicano agli impianti elettrici siti all aperto, in condizioni gravose, con riferimento a miniere a cielo aperto e a cave (per cui si rimanda alle prescrizioni di sicurezza delle norme IEC della serie 60621). Le parti di edifici che sono sottoposte a trasformazioni strutturali (ampliamenti, riparazioni importanti o demolizioni) sono considerate cantieri per la durata dei relativi lavori, nella misura in cui i lavori necessitano di un impianto temporaneo. Per i luoghi di servizio dei cantieri (uffici, spogliatoi, sale di riunione, spacci, ristoranti, dormitori, servizi igienici, ecc.) si applicano le prescrizioni generali della norma CEI 64-8 e per situazioni particolari si applicano prescrizioni più severe (ad esempio per i luoghi conduttori ristretti - Sezione 706 della norma CEI 64-8). In Italia il D.L. 494/96 ha recepito la Direttiva Europea 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei e mobili. I cantieri sono definiti come qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di genio civile conformemente all elenco riportato nell allegato 1 di detto Decreto. Nei cantieri gli impianti fissi sono limitati alle apparecchiature che comprendono gli apparecchi di comando, di protezione e sezionamento principali ( ). Gli impianti a valle sono considerati come impianti mobili o trasportabili e la Sezione 704 della norma CEI 64-8, in deroga al principio generale che considera l impianto limitato alle sole installazioni fisse, si applica sia agli impianti fissi da cantiere che a quelli mobili o trasportabili, ad esclusione degli apparecchi utilizzatori. Regole di installazione dei quadri per i cantieri di costruzione e demolizione. Tutti i quadri per la distribuzione dell elettricità nei cantieri devono essere conformi alle prescrizioni della Norma Europea CEI EN , con un grado di protezione minimo IP43. I quadri da cantiere sono classificati in base alla funzione e alla taglia di corrente nominale come descritto più avanti. Deve essere previsto, all origine di ogni impianto, un quadro che comprenda i dispositivi di sezionamento, di comando e di protezione principali. Devono essere previsti uno o più dispositivi sul cavo di ingresso a ciascun quadro di alimentazione ed a ciascun quadro di distribuzione, che ne consentano il comando (interruzione di manovra) e il sezionamento. Devono essere previsti dispositivi per l interruzione di emergenza dell alimentazione di tutti gli apparecchi utilizzatori dei quali, per eliminare un pericolo, sia necessario interrompere tutti i conduttori attivi. I dispositivi di sezionamento e di protezione del circuito di distribuzione possono essere contenuti nel quadro principale oppure in quadri separati alimentati dal quadro principale. I dispositivi di sezionamento dell alimentazione devono essere adatti per essere bloccati nella loro posizione di aperto (es.: mediante lucchetto o collocandoli all interno di un involucro chiuso a chiave). L alimentazione degli apparecchi utilizzatori deve essere effettuata da quadri di distribuzione, ciascuno dei quali comprende: - dispositivi di protezione contro le sovracorrenti; - dispositivi di protezione contro i contatti indiretti; - prese a spina. Eventuali alimentazioni di sicurezza e di riserva devono essere collegate in modo da impedire l interconnessione tra alimentazioni diverse. Le prese di corrente devono essere poste all interno o all esterno (sulle pareti) dei quadri sopradescritti, o incorporate in avvolgicavo, oppure essere di tipo industriale, mobile, conformi alla Norma Europea CEI EN Quale cavo flessibile deve essere utilizzato il tipo H07 RN-F oppure un tipo equivalente (ai fini della resistenza all acqua e all abrasione e della flessibilità alle basse temperature). I cavi flessibili dei tipi FG7O-K e H07 BQ-F sono considerati esempi di cavi equivalenti al tipo H07 RN-F. Principali prescrizioni per i quadri da cantiere (norma CEI EN ). Per i quadri da cantiere il SC 17D Switchgear and controlgear assemblies dell IEC sviluppò una parte seconda della norma generale sui quadri (la IEC ) identificata in IEC La prima edizione è del 1990, convertita in Norma Europea EN nel 1991 e pubblicata dal CEI nel Ad essa è seguito un Amendment 1 IEC del 1995, pubblicato come Variante 1 alla Norma Europea CEI EN Nel 2000 il CEI ha pubblicato la Variante 2 della EN e la quarta edizione della norma base CEI EN Nel 2004 è stata ratificata la seconda edizione della EN , equivalente alla IEC. Per la natura temporanea dei cantieri, nessuna parte dell installazione elettrica può essere considerata permanente, quindi fissa. Per i quadri è quindi richiesto l impiego di costruzioni di tipo mobile, facilmente spostabili in funzione dell avanzamento dei lavori, per le quali non è prevista la messa fuori tensione durante gli spostamenti, oppure trasportabile (semi-fisso), la cui collocazione può variare secondo la pianificazione dei lavori. Per queste ultime ogni spostamento è preceduto dalla messa fuori tensione del quadro. In ogni caso è richiesto che i quadri da cantiere siano recuperabili e riutilizzabili altrove. In considerazione delle particolari condizioni di impiego essi vanno dunque realizzati con particolare robustezza meccanica e resistenza alla corrosione, affidabili nel tempo alla penetrazione di corpi solidi e di acqua. L obbligo di marcatura CE pone fine alla negligenza di tanti operatori del settore, dovendoci attenere per la realizzazione dei quadri da cantiere alla citata Norma Europea (presunzione di conformità ai requisiti di sicurezza della direttiva BT 73/23/CEE e successive modificazioni), l obbligo di impiego di quadri da cantiere conformi a detta norma è sancito nella norma CEI La norma dei quadri da cantiere non ammette le costruzioni cosiddette non di serie ANS cioè quelle provate solo parzialmente con prove di tipo PTTA*). *) PTTA = partially type-tested assemblies (apparecchiature assiemate parzialmente provate con prove di tipo) 3

6 generalità e normative quadri da cantiere ASC Definizioni apparecchiature per cantiere I quadri da cantiere possono essere solo del tipo ASC. ASC: Apparecchiatura costruita in serie per cantiere (norma Europea CEI EN , CEI 17-13/4) Combinazioni di uno o più dispositivi di trasformazione o di chiusura e interruzione con le apparecchiature associate di comando, di misura, di segnalazione, di protezione e di regolazione complete di tutte le loro connessioni elettriche e meccaniche e di tutte le loro parti strutturali, progettate e costruite per uso in tutti i cantieri, all interno e all esterno. Le ASC devono essere apparecchiature costruite in serie (AS) conformi ad un tipo o ad un sistema costruttivo prestabilito senza scostamenti tali da modificarne in modo determinante le prestazioni rispetto all apparecchiatura tipo provata secondo quanto prescritto nelle norme CEI EN e CEI EN AS: Apparecchiatura costruita in serie (norma Europea CEI EN , CEI 17-13/1) Apparecchiatura conforme a un tipo o a un sistema costruttivo prestabilito, o comunque senza scostamenti tali che ne modifichino in modo determinante le prestazioni rispetto all apparecchiatura tipo provata secondo quanto descritto dalla Norma. La stessa norma CEI EN osserva, in tale definizione, che per varie ragioni, per esempio di trasporto o di produzione, alcune fasi del montaggio possono aver luogo fuori dall officina del costruttore del quadro provato con prove di tipo (AS...). Una tale apparecchiatura è considerata come apparecchiatura di serie [ossia provata con prove di tipo, N.d.R.] a condizione che il montaggio venga effettuato secondo le istruzioni del costruttore, in maniera tale che sia assicurata la conformità del tipo o sistema stabilito con la norma CEI EN 60439, ivi inclusa l esecuzione delle prove individuali previste. La norma CEI EN inoltre suddivide le cosiddette ASC (apparecchiature assiemate di serie da cantiere) in sei tipi differenti in base alle specifiche funzioni realizzabili nel contesto della distribuzione di energia elettrica nei cantieri, rispettando una gerarchia discendente a partire dal punto di consegna di energia, sino ai terminali di installazione. Si illustra di seguito ciascuna classe con riferimento agli articoli di norma. Caratteristiche particolari dei diversi tipi funzionali di ASC ( 9) 1) ASC di alimentazione di entrata e di misura ( 9.1) 1) Destinata alla connessione della linea di alimentazione pubblica in bassa tensione, esclusivamente tramite morsetti, alla misura dell energia consumata nel cantiere e alla limitazione della stessa con le modalità stabilite dal distributore. Allo scomparto di entrata si abbina un unità di uscita comprendente l interruttore onnipolare generale dell impianto utilizzatore, con funzioni di manovra, di sezionamento e di protezione contro le sovracorrenti e i contatti indiretti (ciascuna funzione può essere assolta da un apparecchio dedicato, ma in genere più funzioni sono accorpate nello stesso apparecchio), bloccabile in posizione di aperto con un lucchetto o collocandolo in un involucro serrabile a chiave, per evitare indesiderate messe in tensione dell impianto. Sul quadro può essere opzionalmente presente, posto all esterno per la rapida accessibilità, un pulsante, rosso su fondo giallo, con funzione di arresto di emergenza per l interruzione dell alimentazione generale dell impianto di cantiere (norma CEI 64-8, artt e ). ASC di distribuzione principale (In 630A) ( 9.2) 1) Rientrano in questa classe i quadri da cantiere con corrente nominale di almeno 630 A. Anche questo tipo di quadri prevede l allacciamento esclusivamente mediante morsetti ad un dispositivo di sezionamento ( es.: un interruttore di manovra - sezionatore), bloccabile in posizione di aperto, che può essere privo di dispositivo di protezione, purché il quadro sia alimentato da una ASC di alimentazione di entrata e di misura (e la protezione sia dunque nel quadro a monte). Le unità di uscita possono essere composte da uno o più circuiti, tutti singolarmente sezionabili e protetti contro i sovraccarichi e i cortocircuiti e contro i contatti indiretti, mentre facoltativa la possibilità di blocco in posizione di aperto dei sezionatori. ASC di distribuzione (In = 125A 630A) ( 9.3) 1) Sono quadri collocati nella fascia intermedia della ramificazione distributiva, (normalmente tra la ASC di distribuzione principale e le numerose ASC di distribuzione finale), ma che possono essere direttamente collegate all ASC di alimentazione di entrata e misura, (p.e. nei cantieri di medie dimensioni). In entrata è sufficiente prevedere un interruttore di manovra - sezionatore bloccabile in posizione aperto senza alcuna protezione, ma con corrente nominale minima di 125A e massima di 630A, mentre in uscita, per ciascuno degli apparecchi, è richiesta anche la protezione, ma non il blocco. Le uscite possono attestarsi a morsetti (ai quali collegare i cavi delle utenze fisse), o alle prese di tipo: - industriale (conformi alla norma CEI EN , sino a 125A) - civili (conformi alle norme CEI 23-5 o CEI 23-16) per la connessione degli apparecchi utilizzatori mobili. ASC di trasformazione (In 630 A) ( 9.4) 1) In questi quadri sono incorporate: - una unità di trasformazione bassa tensione / bassissima tensione (BT/SELV* o BT/FELV**), per l allacciamento di utilizzatori tipicamente mobili come le lampade o utensili portatili - una o più unità di trasformazione bassa tensione / bassa tensione, per alimentare utilizzatori fissi o mobili a funzionamento continuo. ASC di distribuzione finale (In 125A) ( 9.5) 1) Sono quadri posti a valle di quadri di distribuzione più grandi (di distribuzione principale o di distribuzione) ai quali possono essere connessi sia i numerosi utilizzatori portatili che tutti gli apparecchi fissi, o semi-fissi di cantiere. L allacciamento di entrata a questi quadri può avvenire direttamente ai morsetti, oppure con spina fissa, con corrente nominale non superiore a 125A, alimentando il solito interruttore di manovra e sezionamento (eventualmente anche automatico magnetotermico) bloccabile in posizione di aperto o reso inaccessibile mediante sportello lucchettabile. Anche le uscite sono simili a quelle indicate per le ASC di distribuzione ma con la protezione per i contatti indiretti mediante un dispositivo a corrente residua (interruttore differenziale) ad alta sensibilità, avente corrente nominale di intervento Idn non superiore a 30 ma Il cavo di entrata deve essere collegato a morsetti o a dispositivi di ingresso (connettori) compatibili con la corrente nominale dell unità. Quest ultima non deve essere superiore a 125A. ASC di prese a spina (In 63A) ( 9.6) 1) L entrata è una spina, mentre le uscite di questi quadri, di taglia piccola, sono esclusivamente prese così da rendere tali unità facilmente spostabili senza dover ricorrere all intervento di elettricisti. Il quadro viene alimentato, mediante una prolunga terminata con una presa mobile, attraverso la spina fissa, con corrente nominale non superiore a 63A, installata sul quadro. Le prese in uscita devono avere ciascuna la propria protezione contro il sovraccarico ed essere protette da un dispositivo differenziale da 30 ma (norma CEI 64-8, art ), che può proteggere tutte le prese. Si prevede la possibilità che in una ASC possano essere raggruppate due o più funzioni assiemando le relative apparecchiature in relazione alle dimensioni del cantiere sino a contenere più unità, per esempio di distribuzione e trasformazione in un unico quadro, mantenendo però sempre separati i quadri di prese a spina. 1) riferimento al paragrafo della norma CEI EN *) SELV = safety extra-low voltage (bassissima tensione di sicurezza) **) FELV = functional extra-low voltage (bassissima tensione funzionale) 4

7 generalità e normative quadri da cantiere ASC Schema delle tipologie di quadri ASC per cantiere In base alle caratteristiche costruttive (spine e prese impiegate, dispositivi di protezione) ed elettriche (corrente nominale, e quindi potenza attiva massima prelevabile) i quadri da cantiere ILME si identificano come ASC di distribuzione finale o ASC di prese a spina, entrambe da collegare a valle di una ASC più grande. In base ai requisiti particolari dei diversi tipi funzionali di ASC previsti dalla norma CEI EN ( 9) riportati nella pagina precedente, i quadri ILME equipaggiati con spina fissa di alimentazione e corrente nominale In=125A e tutti i quadri ILME in versione con unità di ingresso a morsettiera sono delle ASC di distribuzione finale, i quadri ILME con corrente nominale In=63A con unità di ingresso a spina sono delle ASC di prese a spina. Legenda: 1 - ASC di alimentazione di entrata e di misura 2 - ASC di distribuzione principale 3 - ASC di distribuzione 4 - ASC di trasformazione 5 - ASC di distribuzione finale 6 - ASC di prese a spina tipi standard - QG TI D - QG SQ D tipi standard - QP TI - QP SQ tipi standard - QG TI - QG SQ tipi standard - QM P - QM S 5

8 QM - quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) quadro base tipo QM V P4 / QM V P6 per 4 / 6 prese fisse serie Pluso PEW...PQ/PQF (IP67) quadro base tipo QM V S2 per 2 prese interbloccate serie SQ tipo SQE...5 (IP65) interruttore generale magnetotermico con caratteristica di intervento C e Icn = 6 ka blocco differenziale con caratteristica di intervento AC, I n = 0,03 A e I m = 6 ka cavo di alimentazione I=4m, tipo H07 RN-F 2G2,5, 3G2,5, 4G2,5 o 4G4 secondo corrente nominale e spina associata q con marchio italiano di qualità con prese serie PEW...PQ / PQF FRONTE RETRO interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina mobile numero prese PEW 1663 PQF 16A, 230V, 2P+m, 6h PEW 1664 PQF 16A, 400V, 3P+m, 6h PEW 1665 PQ 16A, 230 / 400V, 3P+N+m, 6h PEW 3264 PQ 32A, 400V, 3P+m, 6h A kw QM PA PEW 1663 SV 4 4 QM PB PEW 1664 SV 4 4 QM PC PEW 1665 SV QM PD PEW 1663 SV QM PH PEW 1665 SV QM PI211 32* 18 PEW 3265 SV A - 2P+m Schuko IP55 con prese serie PEW...PQ / PQF FRONTE RETRO interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina mobile numero prese PEW 1663 PQF 16A, 230V, 2P+m, 6h PEW 1664 PQF 16A, 400V, 3P+m, 6h PEW 1665 PQ 16A, 230 / 400V, 3P+N+m, 6h PEW 3264 PQ 32A, 400V, 3P+m, 6h A kw QM PA PEW 1663 SV 6 6 QM PC PEW 1665 SV QM PC PEW 1665 SV QM PH PEW 1665 SV QM PI222 32* 18 PEW 3265 SV QM PL PEW 1665 SV A - 2P+m Schuko IP55 * Interruttore magnetotermico da 16A in aggiunta a interruttore generale magnetotermico con blocco differenziale QM CON PRESE SCHUKO IP 55 (SECONDO EN 60529) Per schede tecniche e ulteriori informazioni, consultare i cataloghi tecnici on-line all indirizzo 6

9 QM - quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) quadro base tipo QM V P4 / QM V P6 per 4 / 6 prese fisse serie Pluso PEW...PQ/PQF (IP67) quadro base tipo QM V S2 per 2 prese interbloccate serie SQ tipo SQE...5 (IP65) interruttore generale magnetotermico con caratteristica di intervento C e Icn = 6 ka blocco differenziale con caratteristica di intervento AC, I n = 0,03 A e I m = 6 ka cavo di alimentazione I=4m, tipo H07 RN-F 2G2,5, 3G2,5, 4G2,5 o 4G4 secondo corrente nominale e spina associata q con marchio italiano di qualità con prese serie SQ tipo SQE FRONTE RETRO interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina mobile numero prese SQE A, 230V, 2P+m, 6h SQE A, 400V, 3P+m, 6h SQE A, 230 / 400V, 3P+N+m, 6h SQE A, 400V, 3P+m, 6h A kw QM SA PEW 1663 SV 2 2 QM SB PEW 1664 SV 2 2 QM SC PEW 1665 SV QM SE PEW 1665 SV QM SF11 32* 18 PEW 3265 SV QM SG11** 16 3 PEW 1663 SV SQT A, 24V, 2P+m * Interruttore magnetotermico da 16A in aggiunta a interruttore generale magnetotermico con blocco differenziale ** non omologati IMQ Per schede tecniche e ulteriori informazioni, consultare i cataloghi tecnici on-line all indirizzo 7

10 QC - quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) con prese serie TM e serie SQV in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente di colore grigio RAL 7012 montabili a parete o supportati versioni fornite complete di ogni accessorio (spina di alimentazione, prese, dispositivi di protezione, cablaggi, etc.) pronte per essere impiegate, fusibili e spine derivate esclusi ingresso con spina da parete, quadro cablato composto da: quadro base QP V, pulsante generale d emergenza, bobina di sgancio grado di protezione IP55 (CEI EN 60529), conformi alla norma CEI EN q con marchio italiano di qualità con prese serie TM interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina da parete 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) numero prese TM 1663 IT 16A, 250V, 2P+ m, 6h (blu) TM 1664 IT 16A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 1665 IT 16A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM 3264 IT 32A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 3265 IT 32A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM T1 16A, 24V, 2P, s.r. (viola) A kw QP TI A QP TI A QP TI B QP TI B QP TI B QP TI C QP TI C QP TI C-2 ** QP TI D con prese serie SQV interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina da parete 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) numero prese SQV A, 250V, 2P+ m, 6h (blu) SQV A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) SQT A, 24V, 2P, s.r. (viola) A kw QP SQ A QP SQ A QP SQ A QP SQ B QP SQ B QP SQ B QP SQ B QP SQ B QP SQ C QP SQ C QP SQ C-2 ** QP SQ D QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ E QP SQ F QP SQ F QP SQ FM mors.* QP SQ G * ingresso con pressacavo, fissaggio conduttori su morsettiera ** non omologati IMQ Ulteriori versioni del quadro assemblato in fabbrica con diverse prese ILME, nell ambito della potenza attiva massima prelevabile, mantengono il marchio IMQ. A richiesta quadri da cantiere con interruttore differenziale tipo A. Per maggiori informazioni contattare la ILME SpA. Per schede tecniche e ulteriori informazioni, consultare i cataloghi tecnici on-line all indirizzo 8

11 QC - quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) con prese serie TM e serie SQV in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente di colore grigio RAL 7012 montabili a parete o supportati versioni fornite complete di ogni accessorio (spina di alimentazione, prese, dispositivi di protezione, cablaggi, etc.) pronte per essere impiegate, fusibili e spine derivate esclusi ingresso con spina da parete, quadro cablato composto da: quadro base QG V, pulsante generale d emergenza, bobina di sgancio grado di protezione IP55 (CEI EN 60529), conformi alla norma CEI EN q con marchio italiano di qualità con prese serie TM interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina da parete 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) numero prese TM 1663 IT 16A, 250V, 2P+ m, 6h (blu) TM 1664 IT 16A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 1665 IT 16A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM 3264 IT 32A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 3265 IT 32A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM 6364 IT 63A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 6365 IT 63A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM T1 16A, 24V, 2P, s.r. (viola) A kw QG TI A QG TI B QG TI B QG TI B-2 ** QG TI C QG TI D 100 * con prese serie SQV interruttore generale magnetotermico differenziale potenza attiva massima prelevabile ingresso spina da parete 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) numero prese SQV A, 250V, 2P+ m, 6h (blu) SQV A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) SQV A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) TM 6364 IS 63A, 400V, 3P+ m, 6h (rossa) TM 6365 IS 63A, 400V, 3P+N+ m, 6h (rossa) SQT A, 24V, 2P, s.r. (viola) A kw QG SQ A QG SQ B QG SQ B QG SQ B-2 ** QG SQ C QG SQ D 100 * QG SQ D QG SQ D QG SQ E 100 * QG SQ F 100 * * interruttore generale magnetotermico da 100A interruttori secondari a protezione dei gruppi prese ** non omologati IMQ Ulteriori versioni del quadro assemblato in fabbrica con diverse prese ILME, nell ambito della potenza attiva massima prelevabile, mantengono il marchio IMQ. A richiesta quadri da cantiere con interruttore differenziale tipo A. Per maggiori informazioni contattare la ILME SpA. Per schede tecniche e ulteriori informazioni, consultare i cataloghi tecnici on-line all indirizzo 9

12 QM caratteristiche tecniche Quadri ILME di distribuzione per cantiere Sono disponibili anche in kit di montaggio i seguenti involucri per la realizzazione a cura del cliente di combinazioni di prese differenti da quelle presenti in questo catalogo: codice QM V P4 QM V P6 QM V S2 descrizione kit quadro vuoto per 4 prese tipo PLUSO PE / PEW...PQ / PQF (flangia quadrata 80 x 80 mm) kit quadro vuoto per 6 prese tipo PLUSO PE / PEW...PQ / PQF (flangia quadrata 80 x 80 mm) kit quadro vuoto per 2 prese con dispositivo di blocco serie SQE (o SQV) Generalità costruttive Struttura portante Realizzata in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente MIL.BOX (classificazione 750 C alla prova del filo incandescente), di colore grigio scuro RAL 7012, stabilizzato ai raggi ultravioletti. E stampato ad iniezione con la tecnologia BC-MUL, già utilizzata con successo sugli involucri di taglia maggiore tipo QG e QP dei quadri da cantiere ASC serie Q e nelle prese interbloccate serie TM. La tecnica garantisce estrema robustezza meccanica, elevata resistenza agli urti ed ottima resistenza agli agenti atmosferici (temperatura e umidità elevate) e a numerosi agenti chimici. La struttura presenta un elevata rigidezza torsionale grazie agli elementi strutturali adottati nelle connessioni e agli elevati spessori di formatura delle pannellature. Le prese installate sono incassate entro una robusta cornice che funge anche da riparo agli urti per gli apparecchi di protezione. Un ampia base d appoggio ne impedisce l accidentale ribaltamento. Essa è realizzata con materiale completamente riciclabile. La struttura isolante permette la costruzione di quadri a isolamento completo b secondo CEI EN e CEI 64-8/4. Le pannellature sono in grado di resistere a impatti di energia 6 J (rappresentativi di collisioni all interno di cantieri). Ganci di fissaggio (impilaggio) Sono previsti in due feritoie di alloggiamento 2 robusti ganci in tecnopolimero di colore giallo opportunamente sagomati quali mezzi di aggancio a scatto per il fissaggio reciproco di più unità impilate. Messa a terra Sia nei quadri vuoti in kit di montaggio QM V... che nelle versioni assemblate in fabbrica è previsto in dotazione un morsetto collettore di terra isolato da montare all interno, da 25 mm 2 per agevolare la connessione al conduttore di protezione della spina di alimentazione. Serracavo Un robusto collare serracavo è previsto all interno per eliminare pericolose sollecitazioni meccaniche sui conduttori del cavo di alimentazione e sui morsetti di ingresso dell interruttore. Pressacavo (quadri vuoti QM V) I quadri vuoti sono forniti con pressacavo angolare IP65 Pg 21 per cavi con Ø da 15 mm a 21 mm. Spina mobile di alimentazione (quadri assemblati) I quadri assemblati sono forniti con una spina mobile di alimentazione industriale ILME serie PLUSO PEW...SV (IP67), cablata al termine del cavo di alimentazione, da 32A o da 16A e di polarità differente a seconda dei tipi. Vano di ingresso e derivazione Nella parte interna superiore del quadro è ricavato un capiente vano (12 moduli DIN) chiuso da sportello in policarbonato antiurto trasparente e dotato di 2 robuste molle in acciaio inox che lo spingono in chiusura. Lo sportello è lucchettabile per limitare l accesso ai dispositivi di manovra. Il vano derivazione è adatto ad alloggiare su guida DIN EN gli apparecchi di sezionamento e protezione. Per i quadri assemblati vedere nel seguito la tipologia degli apparecchi cablati al suo interno. Guida DIN EN I quadri vuoti QM V... sono corredati di una guida DIN EN in misura 219 mm per la sezione vano di ingresso, per l eventuale morsettiera. La guida è realizzata in acciaio zincato conforme RoHS. Nelle versioni assemblate dei quadri la guida è già montata. Maniglia di trasporto Sulla parte superiore è ricavata una solida maniglia di sollevamento per il trasporto e l avvolgimento del cordone di alimentazione. In dotazione ai quadri precablati è fornita una busta portadocumenti richiudibile ove è collocato lo schema elettrico ed altra documentazione, es.: dichiarazioni di conformità. Per i quadri ASC (apparecchiature assiemate da cantiere, costruite in serie) è inoltre prevista una targa di identificazione riportante i dati nominali del quadro, apposta sul fianco del quadro stesso. 10

13 QM caratteristiche tecniche dei quadri ASC Prove di tipo ( 8.2) I quadri ASC proposti in questo fascicolo sono stati sottoposti a tutte le prove di tipo prescritte dalla norma, nonché alle rispettive prove individuali: No. Caratteristiche da controllare Riferimento Prova 1 Limiti di sovratemperatura Verifica dei limiti di sovratemperatura tramite prova (prova di tipo) 2 Tenuta alla tensione applicata Verifica della tenuta alla tensione applicata tramite prova (prova di tipo) 3 Tenuta al cortocircuito Verifica della tenuta al cortocircuito tramite prove (prova di tipo) Non si applica, perché I cc 10kA 4 Efficienza del circuito di protezione a Connessione effettiva tra le masse Verifica dell effettiva connessione tra le masse dell apparecchiatura ed il circuito di protezione dell apparecchiatura ed il circuito con esame a vista o con misura della resistenza (prova di tipo) di protezione 4b Tenuta al cortocircuito del circuito Verifica della tenuta al cortocircuito del circuito di protezione tramite prova (prova di tipo) di protezione Non si applica, perché I cc 10kA 5 Distanze in aria e superficiali Verifica delle distanze in aria e superficiali (prova di tipo) 6 Funzionamento meccanico Verifica del funzionamento meccanico (prova di tipo) 7 Grado di protezione Verifica del grado di protezione (prova di tipo) 8 Resistenza meccanica Verifica della resistenza meccanica tramite prova (prova di tipo) 8a Prova di impatto: 3 impatti su ognuna delle 6 superfici esterne dell ASC in prova con sfera d acciaio Ø 50 mm, massa 500 ± 25 g da 1,2 m. 50 HR Durezza < 58 HR. In alternativa pendolo 8b Prova d urto: un impulso a semionda sinusoidale da 500 m/s 2 (50g) e durata 11 ms, secondo IEC Resistenza alla corrosione Verifica della resistenza alla corrosione tramite prova (prova di tipo) 9a Verifica della resistenza alla corrosione in condizioni normali di servizio: tre cicli di 24 h in camera climatica 9b Verifica della resistenza alla corrosione in un atmosfera fortemente inquinata: 10 giorni di esposizione continua ad atmosfera industriale secondo metodo IEC Cablaggio, funzionamento elettrico Esame a vista dell apparecchiatura compreso l esame a vista del cablaggio e, se necessario, prova del funzionamento elettrico (prova individuale) 11 Isolamento Prova di tensione applicata (prova individuale) Non si applica 12 Misure di protezione Verifica delle misure di protezione e della continuità elettrica dei circuiti di protezione (prova individuale) Le prove 7, 8a, 8b, 9a, 9b sono anche relative all involucro vuoto, le rimanenti al quadro assemblato. 11

14 QM quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) ulteriori versioni del quadro assemblato in fabbrica con differenti combinazioni di prese ILME, nell ambito della potenza attiva massima prelevabile, mantengono il marchio q quadri da cantiere QM a 4 prese con prese serie PLUSO PEW...PQ / PQF descrizione codice codice quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P4 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G4 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 3265 SV (230 / 400V, 32A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P4 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1665 SV (230 / 400V, 16A, 3P+N+m, 6h) QM PI211 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 40A curva C con blocco differenziale da 40A - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C - una presa PEW 3264 PQ (400V, 32A, 3P+m, 6h) - una presa PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 18kW QM PC22 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM PH211 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - una presa PEW 1665 PQ (230/400V, 16A, 3P+N+m, 6h) - una presa PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P4 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 3G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1664 SV (400V, 16A, 3P+m, 6h) QM PB4 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - quattro prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P4 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 2G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1663 SV (230V, 16A, 2P+m, 6h) QM PD22 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - due prese Schuko (230V, 16A, 2P+m) IP55 - potenza attiva massima prelevabile 3kW QM PA4 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - quattro prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 3kW dimensioni in mm le misure indicate non sono impegnative e possono essere variate senza alcun preavviso 12

15 QM quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) ulteriori versioni del quadro assemblato in fabbrica con differenti combinazioni di prese ILME, nell ambito della potenza attiva massima prelevabile, mantengono il marchio q quadri da cantiere QM a 6 prese con prese serie PLUSO PEW...PQ / PQF descrizione codice codice quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P6 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G4 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 3265 SV (230 / 400V, 32A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P6 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1665 SV (230 / 400V, 32A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P6 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1665 SV (230 / 400V, 16A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V P6 - prese fisse serie PLUSO PEW...PQ / PQF - cavo di alimentazione H07 RN-F 2G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1663 SV (230V, 16A, 2P+m, 6h) QM PI222 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 40A curva C con blocco differenziale da 40A - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C - due prese PEW 3264 PQ (400V, 32A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 18kW QM PH222 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C - due prese PEW 1665 PQ (230/400V, 16A, 3P+N+m, 6h) - due prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM PC42 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - quattro prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM PA6 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - sei prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 3kW QM PC33 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - tre prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - tre prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM PL222 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese PEW 1664 PQF (400V, 16A, 3P+m, 6h) - due prese PEW 1663 PQF (230V, 16A, 2P+m, 6h) - due prese Schuko (230V, 16A, 2P+m) IP55 - potenza attiva massima prelevabile 3kW dimensioni in mm le misure indicate non sono impegnative e possono essere variate senza alcun preavviso 13

16 QM quadri da cantiere assemblati in fabbrica (ASC) ulteriori versioni del quadro assemblato in fabbrica con differenti combinazioni di prese ILME, nell ambito della potenza attiva massima prelevabile, mantengono il marchio q quadri da cantiere QM a 2 prese con prese interbloccate serie SQ tipo SQE descrizione codice codice quadro assemblato composto da: - quadro base QM V S2 - prese interbloccate serie SQ tipo SQE (IP55) - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G4 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 3265 SV (230 / 400V, 32A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V S2 - prese interbloccate serie SQ tipo SQE (IP55) - cavo di alimentazione H07 RN-F 4G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1665 SV (230 / 400V, 16A, 3P+N+m, 6h) quadro assemblato composto da: - quadro base QM V S2 - prese interbloccate serie SQ tipo SQE (IP55) - cavo di alimentazione H07 RN-F 3G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1664 SV (400V, 16A, 3P+m, 6h) QM SF11 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 40A curva C con blocco differenziale da 40A - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C - una presa SQE (400V, 32A, 3P+m, 6h) - una presa SQE (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 18kW QM SC11 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - una presa SQE (400V, 16A, 3P+m, 6h) - una presa SQE (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM SB2 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 3P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese SQE (400V, 16A, 3P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW QM SE11 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 4P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - una presa SQE (230/400V, 16A, 3P+N+m, 6h) - una presa SQE (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 9kW quadro assemblato composto da: - quadro base QM V S2 - prese interbloccate serie SQ tipo SQE (IP55) - cavo di alimentazione H07 RN-F 2G2,5 I = 4 m terminato da spina mobile PEW 1663 SV (230V, 16A, 2P+m, 6h) QM SA2 q uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - due prese SQE (230V, 16A, 2P+m, 6h) - potenza attiva massima prelevabile 3kW QM SG11 uscite e protezioni: - interruttore magnetotermico 2P 16A curva C con blocco differenziale da 25A - una presa SQE (230V, 16A, 2P+m, 6h) - una presa con trasformatore di sicurezza SQT (230/24V, 150VA, 2P) - potenza attiva massima prelevabile 3kW dimensioni in mm le misure indicate non sono impegnative e possono essere variate senza alcun preavviso 14

17 Q caratteristiche tecniche Struttura portante Realizzata in materiale termoplastico antiurto e autoestinguente (classificazione 750 C alla prova del filo incandescente), di colore grigio RAL 7012, stabilizzato ai raggi ultravioletti. La struttura, nonostante l ampio passaggio ricavato nella base del quadro (utilizzabile per i cavi delle linee di uscita) e le comode portelle di accesso all apparecchiatura interna, presenta una elevata rigidezza torsionale grazie agli elementi strutturali adottati nelle connessioni (viti a brugola e dadi in acciaio inox) e agli elevati spessori di formatura delle pannellature. Essa è realizzata con materiale completamente riciclabile. La struttura isolante permette la costruzione di quadri a isolamento completo b secondo CEI EN e CEI 64-8/4. Le pannellature sono in grado di resistere a impatti di energia 6 J (rappresentativi di collisioni all interno di cantieri)

18 Q caratteristiche tecniche Generalità costruttive Ganci di posa Sono previste (fig.1) 4 staffe in acciaio inossidabile sagomate e asolate per la posa fissa del quadro, a parete o su struttura idonea. In alternativa è possibile impiegare il telaio (QCP TS o QC TS opzionale - fig.2), per l installazione semi-fissa (trasportabile) a pavimento. Messa a terra Sia nel quadro vuoto sia nelle versioni assemblate in fabbrica è previsto un robusto morsetto di terra passante esterno in ottone, a bullone, che funge internamente da collettore di terra per il quadro. Esso agevola la connessione al conduttore di protezione o eventuale dispersore di terra locale e la verifica periodica dell efficienza dell impianto di terra locale. Per quadri con spina fissa di alimentazione, se il conduttore di protezione arriva tramite la prolunga, terminata con la corrispettiva presa mobile, è comunque sufficiente il collegamento interno già predisposto allo spinotto di terra della spina di alimentazione del quadro. Installazione a parete fig. 1 Serracavo Un robusto serracavo è previsto all interno del vano di ingresso per eliminare pericolose sollecitazioni meccaniche sui conduttori dell eventuale cavo di alimentazione e sui morsetti di ingresso. Il suo impiego è superfluo utilizzando per l alimentazione del quadro una spina da parete. Pressacavo Il quadro vuoto è fornito con pressacavo Pg 48 corredato di apposita guarnizione sfogliabile in elastomero, con Ø mm. È necessario per l alimentazione tramite cavo, è atto a mantenere il grado di protezione IP55 dichiarato. In alternativa è prevista la predisposizione per il montaggio di una spina fissa da parete di alimentazione. A richiesta sui quadri assemblati. Spina di alimentazione I quadri assemblati possono essere forniti con una spina industriale ILME, fissa da parete, cablata direttamente sul fianco del quadro, da 63A o 125A a seconda dei tipi. L uso di una spina agevola le operazioni di trasporto e di allacciamento del quadro alla rete di alimentazione. Installazione semi-fissa fig. 2 Vano di ingresso e derivazione Nella parte interna superiore del quadro è ricavato un capiente vano, chiuso da coperchi, che funge da unità di ingresso e di derivazione, adatto ad alloggiare le guide DIN, gli apparecchi di sezionamento e protezione, i collegamenti di allacciamento alla rete, i dispositivi di comando e controllo. Per i quadri assemblati vedere a pag. 18 la tipologia degli apparecchi cablati nel suo interno. Guide DIN EN I quadri vuoti QP V e QG V sono corredati di guide DIN EN in misura: mm per la sezione vano per apparecchi modulari (fino a 12 unità) mm per la sezione vano di ingresso per la eventuale morsettiera. Realizzate in acciaio, sono fornite con supporti isolanti (predisposti per differenti altezze di montaggio delle guide). Nelle versioni assemblate dei quadri, le guide sono già cablate. Coperchi di chiusura vano ingresso e derivazione La chiusura del vano di ingresso e derivazione è realizzata con coperchi di identico formato (coperchi semplici e coperchio con finestra per dispositivi modulari da 12 moduli, con sportello trasparente incernierato e lucchettabile). Essi possono essere posizionati indifferentemente a seconda delle necessità del cablaggio. I coperchi semplici sono predisposti al montaggio di due prese complementari (tipo Schuko ). Portelle di accesso Lo spazioso vano interno è accessibile mediante due portelle incernierate ai lati e dotate di doppia chiusura del tipo a chiave speciale triangolare asportabile, ciò per impedire l accesso al quadro a persone non autorizzate. In alternativa, sono fornibili a richiesta, blocchetti di chiusura sporgenti dalla portella per lucchetto, o blocchetti incassati a filo portella con serratura a chiave. Fondo del quadro Costituisce la superficie di montaggio dell apparecchiatura ed è predisposto per il montaggio di un massimo di 9 prese interbloccate di tipo industriale ILME secondo lo schema dei dispositivi assemblabili (vedere pag. 15). Nelle versioni assemblate alloggia le prese secondo le configurazioni stabilite. Maniglie di trasporto Nelle pareti laterali sono ricavati dei solidi punti di presa per il trasporto e l eventuale sollevamento del quadro, quest ultimo è da effettuarsi con idonea cinghia opzionale ILME (QC NS), vincolata alle maniglie (fig. 3). Trasporto fig. 3 Coperchietto con guarnizione (con pulsante di emergenza nei quadri assemblati) Fornito con il quadro vuoto, copre la predisposizione al montaggio di un pulsante di arresto di emergenza. L eventuale pulsante (fungo rosso con sfondo giallo) è da montare sul coperchietto da forare. Nelle versioni assemblate dei quadri il pulsante è già cablato. Tasca portadocumenti All interno del quadro è ricavata una tasca portadocumenti ove collocare lo schema elettrico ed altra documentazione, es.: dichiarazioni di conformità. Per i quadri ASC (apparecchiature assiemate da cantiere, costruite in serie) è inoltre prevista una targa di identificazione riportante i dati nominali del quadro. Base del quadro L apertura sulla base del quadro consente il passaggio dei cavi e delle spine delle utenze alimentate dalle prese contenute nel quadro, in modo da poter chiudere le portelle. 16

19 Q caratteristiche tecniche dei quadri ASC Prove di tipo ( 8.2) I quadri ASC proposti in questo fascicolo sono stati sottoposti a tutte le prove di tipo prescritte dalla norma, nonché alle rispettive prove individuali: No. Caratteristiche da controllare Riferimento Prova 1 Limiti di sovratemperatura Verifica dei limiti di sovratemperatura tramite prova (prova di tipo) 2 Tenuta alla tensione applicata Verifica della tenuta alla tensione applicata tramite prova (prova di tipo) 3 Tenuta al cortocircuito Verifica della tenuta al cortocircuito tramite prove (prova di tipo) Non si applica, perché I cc 10kA 4 Efficienza del circuito di protezione a Connessione effettiva tra le masse Verifica dell effettiva connessione tra le masse dell apparecchiatura ed il circuito di protezione dell apparecchiatura ed il circuito con esame a vista o con misura della resistenza (prova di tipo) di protezione 4b Tenuta al cortocircuito del circuito Verifica della tenuta al cortocircuito del circuito di protezione tramite prova (prova di tipo) di protezione Non si applica, perché I cc 10kA 5 Distanze in aria e superficiali Verifica delle distanze in aria e superficiali (prova di tipo) 6 Funzionamento meccanico Verifica del funzionamento meccanico (prova di tipo) 7 Grado di protezione Verifica del grado di protezione (prova di tipo) 8 Resistenza meccanica Verifica della resistenza meccanica tramite prova (prova di tipo) 8a Prova di impatto: 3 impatti su ognuna delle 6 superfici esterne dell ASC in prova con sfera d acciaio Ø 50 mm, massa 500 ± 25 g da 1,2 m. 50 HR Durezza < 58 HR. In alternativa pendolo 8b Prova d urto: un impulso a semionda sinusoidale da 500 m/s 2 (50g) e durata 11 ms, secondo IEC Resistenza alla corrosione Verifica della resistenza alla corrosione tramite prova (prova di tipo) 9a Verifica della resistenza alla corrosione in condizioni normali di servizio: tre cicli di 24 h in camera climatica 9b Verifica della resistenza alla corrosione in un atmosfera fortemente inquinata: 10 giorni di esposizione continua ad atmosfera industriale secondo metodo IEC Cablaggio, funzionamento elettrico Esame a vista dell apparecchiatura compreso l esame a vista del cablaggio e, se necessario, prova del funzionamento elettrico (prova individuale) 11 Isolamento Prova di tensione applicata (non necessaria) 12 Misure di protezione Verifica delle misure di protezione e della continuità elettrica dei circuiti di protezione (prova individuale) Le prove 7, 8a, 8b, 9a, 9b sono anche relative all involucro vuoto, le rimanenti al quadro assemblato. * ) per tensione nominale di alimentazione inferiore a 230/400V~ a parità di corrente nominale la potenza massima attiva prelevabile si riduce proporzionalmente alla tensione, per esempio: quadro 63A [35kW - 230/400V~] > [20kW - 130/230V~] 17

20 Q caratteristiche tecniche dei quadri ASC Caratteristiche elettriche e scelta dei componenti elettrici nei quadri da cantiere ( 7.6.1) tensione nominale di impiego U e = 230/400 V frequenza nominale 50 Hz tensione nominale di isolamento U i = 400 V allacciamento alla rete pubblica di distribuzione sistema trifase con neutro + conduttore di terra di protezione, tramite una presa mobile IP67 3P+N+m (es.: PEW 6365 PV da 63A o PEW PV da 125A secondo il tipo) grado di inquinamento 3 potenza attiva massima prelevabile 20 kw i tipi QP TI B e QP SQ B con spina di alimentazione da 63A 35 kw i tipi QP TI A/C/D, QP SQ A/C/D, QG TI A/B/C e QG SQ A/B/C con spina di alimentazione da 63A 55 kw i tipi QG TI D e QG SQ D/E/F con spina di alimentazione da 125A fattore di contemporaneità nominale protezione contro il cortocircuito e tenuta al cortocircuito ( 7.5) poiché i circuiti di uscita non sono mai impegnati continuativamente alla loro corrente di targa (16A, 32A o 63A), ai fini della verifica delle sovratemperature si assume la potenza massima prelevabile continuativamente sopraindicata che determina i fattori di contemporaneità nominali - massimo valore consentito della corrente di cortocircuito presunta I cp = 10 ka - corrente nominale di cortocircuito condizionata I cc = 10 ka - corrente di cortocircuito nominale ammissibile di picco e relativo fattore di potenza: I pk = 17 cos ϕ 0,5 (tab. 5 norma CEI EN ) NOTA: per corrente nominale di cortocircuito condizionata I cc 10 ka le prove di corto circuito non si effettuano. morsetto interno di terra conforme alla norma CEI EN , tipo ILME 70 mm 2 Protezione contro le scosse elettriche (contatti diretti e indiretti) ( 7.4) protezione contro i contatti diretti ( 7.4.2) messa a terra protezione contro i contatti indiretti ( 7.4.3) assicurata dal progetto e dalla costruzione della ASC. Grado di protezione IP55 sia a porte aperte che chiuse, con le ghiere delle spine e dei coperchietti delle prese serrate a fondo sui loro innesti, e lo sportello del vano portapparecchi chiuso. tramite la spina fissa, il cui alveolo di terra è collegato in fabbrica al morsetto di terra interno (norma CEI EN artt f e 5g). Nel kit di montaggio, anche se non indispensabile, è disponibile un morsetto di terra esterno costituito da una robusta vite in ottone per il collegamento al dispersore dell impianto di terra tramite capocorda. secondo IEC (norma italiana CEI 64-8/7, Sezione 704), mediante interruttore differenziale con I dn di 30 ma a protezione delle prese di corrente. Morsetti di terra delle prese collegati al morsetto di terra principale dell ASC ( ), a sua volta collegato allo spinotto di terra della spina fissa di alimentazione del quadro e al morsetto di terra esterno (che agevola la messa a terra locale in assenza di distribuzione del conduttore di protezione nel cavo di alimentazione). Sezione di ogni conduttore di protezione all interno del quadro non inferiore a 2,5 mm 2 (vedere schema elettrico) Componenti installati nei quadri ( 7.6) cablaggi interni eseguiti a regola d arte con conduttori flessibili isolati in PVC antifiamma secondo norme CEI e tipo N07V-K (certificato IMQ) delle sezioni specificate sullo schema elettrico per ogni circuito spina fissa di alimentazione (ingresso) ILME serie Pluso (63A) oppure (125A); conformi alle norme CEI EN e CEI EN prese interbloccate (uscite) interruttore differenziale puro Interruttori automatici magnetotermici interruttore differenziale magnetotermico ILME serie TM e SQV (certificate IMQ) tipi con portafusibili a tappo secondo EN , Diazed DIII, oppure E16 (per prese TM IT) oppure con portafusibili sezionabili (TM..IS) o a tappo (SQV) secondo EN delle grandezze 10x38, 14x51, 22x58. Conformi alle norme CEI EN e CEI EN , con dispositivo di blocco costituito da un interruttore di manovra - sezionatore ILME serie Z (certificato conforme alla norma CEI EN , prove di tipo effettuate dall IEN Galileo Ferraris); protezione individuale contro sovracorrenti e cortocircuiti per mezzo di fusibili (cartucce fusibili escluse). Utilizzare cartucce fusibili di qualità rispettando i valori nominali taglia 63A: conforme alle norme CEI EN e CEI EN , corrente differenziale nominale (rated residual current) I dn: 30 ma taglia 100A: conforme alla norma CEI EN (class. CEI 23-3 IV ed.), con caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso); leva di comando piombabile in posizioni O ed I; potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN 60898: I cn = 10 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 20 ka a 400V c.a. taglia 63A: conforme alla norma CEI EN (class. CEI 23-3 IV ed.), con caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso); leva di comando piombabile in posizioni O ed I; potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 6 ka a 400V c.a. taglia 40A: conforme alla norma CEI EN (class. CEI 23-3 IV ed.), con caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso); leva di comando piombabile in posizioni O ed I; potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 6 ka a 400V c.a. taglia 32A: conforme alla norma CEI EN (class. CEI 23-3 IV ed.), con caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso); leva di comando piombabile in posizioni O ed I; potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 6 ka a 400V c.a. taglia 16A: conforme alla norma CEI EN (class. CEI 23-3 IV ed.), con caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso); leva di comando piombabile in posizioni O ed I; potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 6 ka a 400V c.a. taglia 63A: conformi alle norme CEI EN ; caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso), leva di comando piombabile in posizioni O ed I. Potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN e CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 10 ka a 400V c.a.; corrente differenziale nominale (rated residual current) I dn 30 ma; classe di energia limitata: 3 taglia 40A: conformi alle norme CEI EN ; caratteristica dello sganciatore magnetotermico C (intervento istantaneo sopra 5I n fino a 10I n incluso), leva di comando piombabile in posizioni O ed I. Potere di interruzione nominale in c.a. secondo CEI EN e CEI EN 60898: I cn = 6 ka a 400V c.a.; secondo CEI EN : I cu = 10 ka a 400V c.a.; corrente differenziale nominale (rated residual current) I dn 30 ma; classe di energia limitata: 3 18

generalità e normative quadri da cantiere ASC

generalità e normative quadri da cantiere ASC generalità e normative quadri da cantiere ASC Generalità e inquadramento normativo. I cantieri di costruzione e di demolizione sono teatro di un alto numero di infortuni elettrici anche mortali (fonte

Dettagli

Coperchi TM. per prese da incasso serie PLUSO ITALIANO

Coperchi TM. per prese da incasso serie PLUSO ITALIANO Coperchi TM per prese da incasso serie PLUSO i ITALIANO L azienda e il prodotto La SpA INDUSTRIA LOMBARDA MATERIALE ELETTRICO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico per la fabbricazione di

Dettagli

Serie EASYBOX. Quadri di distribuzione stagni

Serie EASYBOX. Quadri di distribuzione stagni Serie EASYBOX Quadri di distribuzione stagni Serie EASYBOX QUADRI DI DISTRIBUZIONE STAGNI IP65 NORME DI RIFERIMENTO CEI 2348 (prima edizione 995) conforme alla IEC 60 670 (989) più la Modifica (994) Involucri

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

SOMMARIO. Impianti elettrici nei cantieri 3. Quadri ASC da montare, assiemare e cablare 4. Il file tecnico 5. I quadri pre-assiemati 6-9

SOMMARIO. Impianti elettrici nei cantieri 3. Quadri ASC da montare, assiemare e cablare 4. Il file tecnico 5. I quadri pre-assiemati 6-9 SOMMARIO Impianti elettrici nei cantieri Quadri ASC da montare, assiemare e cablare 4 Il file tecnico 5 I quadri pre-assiemati -9 I quadri vuoti 0- Scelta della protezioni 4-5 Distinta guidata al materiale

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Cassette contenitrici AP. Contenitori per comandi e segnalazioni AC

Cassette contenitrici AP. Contenitori per comandi e segnalazioni AC assette contenitrici P ontenitori per comandi e segnalazioni i L azienda e il prodotto La marcatura E La Sp INDUSTRI LOMRD MTERILE ELETTRIO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico per la fabbricazione

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

Contenitori. Involucri per apparecchiature elettriche

Contenitori. Involucri per apparecchiature elettriche Contenitori Involucri per apparecchiature elettriche Contenitori Involucri per apparecchiature elettriche La nostra gamma: Serie SCABOX pag. 4 Scatole di derivazione da parete IP44 IP55 IP56 Realizzate

Dettagli

QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE

QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE -VI/1- CAPITOLO VI QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENONE 1. Generalità Un quadro elettrico è da considerare un componente dell'impianto, come ad esempio un cavo, che basa la sua qualità sulla prova sperimentale

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE Relatore : Ing. Antonio Scalzi NAPOLI 1 FEBBRAIO 2010 Impianto elettrico di cantiere L'insieme dei componenti elettrici, elettricamente dipendenti, installati

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

Testaletto compact BSAL1F000 BSBA1F000. Testaletto Compact da 1020 mm predisposto per lampade fluorescenti. Finitura Alluminio Finitura Bianco

Testaletto compact BSAL1F000 BSBA1F000. Testaletto Compact da 1020 mm predisposto per lampade fluorescenti. Finitura Alluminio Finitura Bianco Testaletto Compact da 00 mm Testaletto compact BSALF000 BSBAF000 Descrizione Il Testaletto Compact è stato sviluppato ponendo particolare attenzione ad ergonomia, design e tecnologia, con l obiettivo di

Dettagli

BISEI S.r.l. interventi di nuova Lottizzazione Via Stelvio ang. via Monterosa 20039 - VAREDO (MB)

BISEI S.r.l. interventi di nuova Lottizzazione Via Stelvio ang. via Monterosa 20039 - VAREDO (MB) BISEI S.r.l. interventi di nuova Lottizzazione Via Stelvio ang. via Monterosa 20039 - VAREDO (MB) IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA SPECIFICHE QUADRO ELETTRICO Settembre 2010 PROGETTO CLIMA Studio

Dettagli

NERGYTOWER. energytower leader in stile, qualità e sicurezza. torrette di distribuzione da terra

NERGYTOWER. energytower leader in stile, qualità e sicurezza. torrette di distribuzione da terra NERGYTOWER energytower leader in stile, qualità e sicurezza torrette di distribuzione da terra P ENERGYTOWER Nuova gamma di torrette, realizzate in acciaio inossidabile AISI 316L, in classe II, IP56, per

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 5 6 9 scatto rapido sovrapposti FD FP FL FC 21 22

Dettagli

TRASFORMATORE PER CANTIERE

TRASFORMATORE PER CANTIERE TRASFORMATORE PER CANTIERE DI SICUREZZA E ISOLAMENTO 000VA L'UNICO A MARCHIO IMQ TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO E DI SICUREZZA I trasformatori di isolamento e di sicurezza assicurano la protezione contro

Dettagli

ALPHA 8HP Guida di configurazione rapida

ALPHA 8HP Guida di configurazione rapida ALPHA 8HP Guida di configurazione rapida ALPHA Quadri elettrici BT e Morsetti combinabili Answers for infrastructure. s Descrizione del sistema Alpha 8HP è il sistema di distribuzione in materiale isolante

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

NUOVA SERIE 74 PS. Pulsanti, selettori e segnalatori ø 22 mm

NUOVA SERIE 74 PS. Pulsanti, selettori e segnalatori ø 22 mm NUOVA SERIE 74 PS Pulsanti, selettori e segnalatori ø 22 mm SERIE 74 PS Pulsanti, selettori e segnalatori ø 22mm La serie 74 PS è il sistema di pulsanti, selettori e segnalatori dal diametro 22mm con grado

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere

Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere Sondrio, 22-23 ottobre 2010 Esempi Impianto elettrico di cantiere L'impianto di cantiere è costituito dall'insieme dei componenti elettrici, fra loro elettricamente

Dettagli

Serie Europa 80-160-320 A

Serie Europa 80-160-320 A Connettori serie Europa TM Connettori Bipolari Serie Europa 0--0 A Questi connettori in c.c. prodotti da Ravioli sin dal sono adatti per collegare tra loro motori, batterie e impianti di carica batterie

Dettagli

La marcatura CE. L azienda e il prodotto

La marcatura CE. L azienda e il prodotto L azienda e il prodotto La Sp INDUSTRI LOMRD MTERILE ELETTRICO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico per la fabbricazione di prodotti destinati agli impieghi industriali. Espressione della

Dettagli

Spine e prese. Energia su misura

Spine e prese. Energia su misura 9 Spine e prese Energia su misura L ö s u n g e n n a c h M a s s Indice 2 Spine e prese Schuko pagina 3 Spine e prese CEE in gomma pagine 4-5 Spine e prese CEE in materiale termoplastico pagine 6-8 Adattatori

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE Nei cantieri edili la natura delle lavorazioni, la molteplicità di mansioni e competenze, la precarietà degli impianti e le pesanti condizioni ambientali concorrono ad elevare

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

3.3 Sezione AVVOLGICAVO PER USO INDUSTRIALE. Serie AUTOROLLER Serie ROLLER 330 Serie ROLLER-BLOCK 330 Serie ROLLER 450 Serie ROLLER-BLOCK 450

3.3 Sezione AVVOLGICAVO PER USO INDUSTRIALE. Serie AUTOROLLER Serie ROLLER 330 Serie ROLLER-BLOCK 330 Serie ROLLER 450 Serie ROLLER-BLOCK 450 AVVOLGI PER USO INDUSTRIALE CIT Centro di Informazioni Tecniche Una linea diretta con il nostro cliente! Serie AUTOROLLER Serie ROLLER 330 Serie ROLLER-BLOCK 330 Serie ROLLER 50 Serie ROLLER-BLOCK 50 50

Dettagli

MAS. Semplicemente tutta la potenza che vuoi

MAS. Semplicemente tutta la potenza che vuoi MAS LE NOVITÀ 246 Semplicemente tutta la potenza che vuoi INDICE DI SEZIONE 248 Caratteristiche generali 257 MAS160 265 MAS400 291 MAS800 321 MAS4000 SISTEMA MAS MAS160 NEW 247 CATALOGO GENERALE DISTRIBUZIONE

Dettagli

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 Informazioni generali e applicative pag. 178 Interruttori sezionatori serie P 180 Interruttori sezionatori serie F 181 Accessori

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Multi Presa Professionale per Rack e Server da 1 Unità 44,45 mm con presa Pluristandard

Multi Presa Professionale per Rack e Server da 1 Unità 44,45 mm con presa Pluristandard Multi Presa Professionale per Rack e Server da 1 Unità 44,45 mm con presa Pluristandard Questa nuova linea di prodotti è stata realizzata per venire incontro alle esigenze di occupare meno spazio all interno

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Avvolgicavo. Energia su misura G I FA S. elettromateriale s.r.l.

Avvolgicavo. Energia su misura G I FA S. elettromateriale s.r.l. 8 Avvolgicavo Energia su misura G I FA S Indice G I FA S 2 Avvolgicavo pagine 3-10 Avvolgicavo in plastica Serie 510 Avvolgicavo in gomma Serie 501 Avvolgicavo in gomma Serie 502 Avvolgicavo in gomma Serie

Dettagli

84 Quadri elettrici di automazione

84 Quadri elettrici di automazione 84 Quadri elettrici di automazione 1. Costituzione dei quadri elettrici La norma EN 60439-1 (CEI 17-13/1) definisce il quadro elettrico come la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche

Dettagli

NORME SUI QUADRI E QUADRETTI IN SINTESI

NORME SUI QUADRI E QUADRETTI IN SINTESI NORME SUI QUADRI E QUADRETTI IN SINTESI Le norme alle quali occorre far riferimento per la realizzazione di quadri e quadretti elettrici sono: - la CEI 17-13/1 (CEI EN 60439-1 IEC 439-1), relativa ai quadri

Dettagli

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Caratteristiche tecniche Interruttore di sicurezza a doppia interruzione ad apertura positiva. Adatto per il controllo di porte automatiche di ascensori.

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale

Istituto Tecnico Industriale Statale Istituto Tecnico Industriale Statale ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSE : 3^, 4^ e 5^ SEZIONE : Elettronica Elettrotecnica DISPENSA N 2 SISTEMI ELETTRICI - MISURA DI POTENZA NEI SISTEMI MONOFASI E TRIFASI

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

caratteristiche generali

caratteristiche generali caratteristiche generali Serie CG/MG La nuova serie CG/MG di custodie fisse e mobili per connettori abbina la tenuta stagna IP68 e l elevata robustezza meccanica ai requisiti di protezione da disturbi

Dettagli

SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04

SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04 SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04 www.legrand.it CANALIZZAZIONI PLASTICHE SISTEMA DLP DISTRIBUZIONE A PAVIMENTO DL Pass Pag. 238 Passerella tecnica per distribuzione sotto pavimento Pag. 239 Esempio di

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Quadri BT CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1) CEI EN 60439-2 (CEI 17-13/2) CEI EN 60439-3 (CEI 17-13/3) CEI EN 60439-4 (CEI 17-13/4)

Quadri BT CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1) CEI EN 60439-2 (CEI 17-13/2) CEI EN 60439-3 (CEI 17-13/3) CEI EN 60439-4 (CEI 17-13/4) SITUAZIONE RMATIVA RME DI RIFERIMENTO CEI EN 60439-1 La situazione normativa, dopo anni di mutamenti (storico quello tra la prima e la seconda edizione della Norma CEI -13), ritocchi ed aggiustamenti,

Dettagli

3.2 Adattatori per uso industriale. Serie ADAPTO Adattatori semplici Serie ADAPTO Adattatori multipli

3.2 Adattatori per uso industriale. Serie ADAPTO Adattatori semplici Serie ADAPTO Adattatori multipli Adattatori per uso industriale Adattatori semplici Adattatori multipli 68 69 Adattatori semplici INVERTITORI DI FASE PER TENSIONI >50V - 50HZ - IP Spina Presa Tensione P+T - 6A - 9h P+T - 6A - 9h 00/50

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

NPA-CP. Pulsantiera pensile per comando diretto. Sollevamento edile. Sollevamento industriale. Tecnologie per lo spettacolo. Automazione industriale

NPA-CP. Pulsantiera pensile per comando diretto. Sollevamento edile. Sollevamento industriale. Tecnologie per lo spettacolo. Automazione industriale NPA-CP Pulsantiera pensile per comando diretto La pulsantiera NPA-CP è un apparecchio utilizzato per il comando diretto di qualsiasi macchina industriale. È un comando industriale, non civile, in quanto

Dettagli

SPINE - PRESE CEE CARATTERISTICHE GENERALI CODICE PREZZO DESCRIZIONE COLORE CONF./IMB CONFEZIONE CERTIF

SPINE - PRESE CEE CARATTERISTICHE GENERALI CODICE PREZZO DESCRIZIONE COLORE CONF./IMB CONFEZIONE CERTIF 95001 95501 95301 95002 95503 95302 CARATTERISTICHE GENERALI Spine e prese realizzate in materiale termoplastico autoestinguente secondo le norme UL 94 (V2) e resistente alla prova del filo incandescente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A

Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Contatti porta ad apertura positiva serie DS A Caratteristiche tecniche Interruttore di sicurezza a doppia interruzione ad apertura positiva. Adatto per il controllo di porte automatiche di ascensori.

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli

PRESE A SPINA A NORME IEC 309

PRESE A SPINA A NORME IEC 309 SERIE PRESE A SPINA A NORME LA GAMMA PIÙ AMPIA E COMPLETA SUL MERCATO DI PRESE E SPINE INDUSTRIALI INCLUDE LA NUOVA SERIE A CABLAGGIO RAPIDO SL: L'UNICO SISTEMA DI CONNESSIONE INDUSTRIALE CON CABLAGGIO

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

CENTRALINI IP65. catalogo 2013-2014 CENTRALINI E CASSETTE

CENTRALINI IP65. catalogo 2013-2014 CENTRALINI E CASSETTE 8 dimensioni Telaio estraibile e reversibile Guide DIN regolabili in altezza ed interasse Pannelli removibili Sistema trattenuta cavi per morsettiere Elevata robustezza Design di elevato livello estetico

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 Principali vantaggi La nuova gamma SD 200 estende la ormai collaudata serie System pro M compact con nuovi interruttori sezionatori che forniscono lo

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

LE NOSTRE PRIORITA LE VOSTRE ESIGENZE SONO. Distribuzione elettrica sotto/sopra muro. Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A

LE NOSTRE PRIORITA LE VOSTRE ESIGENZE SONO. Distribuzione elettrica sotto/sopra muro. Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A LE VOSTRE ESIGENZE SONO LE NOSTRE PRIORITA Distribuzione elettrica sotto/sopra muro Catalogo-Distribuzione elettrica sotto/sopra muro 01 A Indice Introduzione Introduzione Selezione Selezione/ Costruzione

Dettagli

QUADRI ELETTRICI PER INSTALLAZIONE SU ELEMENTO TRAPEZOIDALE PORTA QUADRI

QUADRI ELETTRICI PER INSTALLAZIONE SU ELEMENTO TRAPEZOIDALE PORTA QUADRI QUADRI ELETTRICI Gli elementi trapezoidali porta quadri possono essere equipaggiati con quadri elettrici di diversa tipologia. Il numero massimo di quadri elettrici installabili è subordinato alla lunghezza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico monofase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 1,52kWp. Costruito con numero 1 stringa di

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico 16 16 Impianto fotovoltaico totalmente integrato kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico trifase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 15,96kWp. Costruito con numero 12 stringhe

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

Serie 46. Quadri stagni da parete per automazione e distribuzione. Verifica della sovratemperatura all interno dei quadri universali della serie 46

Serie 46. Quadri stagni da parete per automazione e distribuzione. Verifica della sovratemperatura all interno dei quadri universali della serie 46 Verifica della sovratemperatura all interno dei quadri universali della serie 46 I centralini ed i quadri destinati ad uso domestico e similare devono essere certificati mediante l utilizzo della Norma

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

AVVOLGICAVI INDUSTRIALI

AVVOLGICAVI INDUSTRIALI AVVOLGICAVI 117 INFORMAZIONI GENERALI SUGLI AVVOLGICAVI La durata dell avvolgitore e la sua funzionalità dipendono, oltre che da un corretto dimensionamento, da alcuni criteri base che bisogna tenere presente

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli