Sbagliando s impara nell azienda artigiana. Scheda per intervista telefonica : ditta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sbagliando s impara nell azienda artigiana. Scheda per intervista telefonica : ditta"

Transcript

1 (MOD. 1 / VERS. 1) SEDE DI TREVISO ASSOCIAZIONE ARTIGIANA recapito zonale sportello territoriale COBIS OPERATORE CHE HA EFFETTUATO INTERVISTA TELEFONICA per conto del recapito zonale sportello Cobis Confartigianato Marca Trevigiana Mandamento di CNA Mandamento di Casartigiani Mandamento di Nome : Cognome telefono : Ragione sociale ditta p.iva /codice fiscale data in cui è avvenuta l intervista gg mese anno L operatore sopra indicato conferma che: o la ditta è iscritta ad EBAV ( vedi mod.b01) o la ditta ha conferito mandato al sistema Cobis o la ditta applica il ccnl della metalmeccanica artigiana o ha allegato in copia il primo certificato dell infortunio in questione o ha allegato in copia la denuncia dell infortunio all Inail in questione o al termine dell intervista consegnerà alla ditta la scheda analisi infortunio e barrando di seguito indica che la ditta ha erogato, ai sensi della normativa vigente, la formazione/informazione alla totalità dei lavoratori in forza alla data dell intervista : SI NO firma operatore.. 1

2 A ) COSA E ACCADUTO : 1. Dati generali sull infortunio ( n.b. no infortunio in itinere ) : Giorno di accadimento dell infortunio : / /, ora : L infortunato era : dipendente / collaboratore anche familiare / titolare / stagista/altro L infortunato stava effettuando la seguente lavorazione L infortunato era / non era in esecuzione del suo lavoro consueto/prevalente 2. Tipo di luogo in cui è accaduto (officina, magazzino, cantiere,..) : 3. Sede della lesione ( vedi allegato I ) 4. Natura della lesione ( vedi allegato II) 5. Prognosi (n giorni come da primo certificato di infortunio ): 6. Contatto che ha causato la lesione : parte del corpo (sede lesione / come da primo certificato di infortunio / vedi allegato I) parte dell ambiente (agente materiale - vedi allegato III ) modalità (rielaborare specificando ulteriormente la descrizione contenuta nella denuncia di infortunio); nelle cadute dall alto indicare l altezza in metri: 7. Quale è stato l incidente (vedi check list allegato IV) : Incidente = variazioni dell energia = Allegato IV A = N Incidente = variazioni di interfaccia tra energia e lavoratore = Allegato IV B = N 2

3 B ) FATTORI CHE HANNO PROVOCATO L INCIDENTE (DETERMINANTI) : 1. Fattori legati all hardware (edifici, impianti, macchine, attrezzature, attrezzi ed utensili, materiali, in particolare prestare attenzione a : assenza di protezioni, cattiva organizzazione, pulizia ed ordine del luogo di lavoro,. ) : 1. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 1 2. Fattori legati a gesti compiuti dall infortunato o da terzi (errori di procedura, insufficiente controllo della gestualità, in particolare prestare attenzione a : errata procedura operativa, errata procedura nella movimentazione dei carichi, uso improprio della scala,.) : 2. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 2 3. Fattori legati alla relazione tra lavoratori o terzi (equivoci nella comunicazione, mancato o errato coordinamento, in particolare prestare attenzione a : mancanza di formazione, informazione, addestramento ) : 3. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 3 3

4 C ) FATTORI CHE HANNO ATTENUATO O AGGRAVATO LE CONSEGUENZE DELL INCIDENTE (MODULATORI) : 1. Fattori che possono aver attenuato o aggravato il contatto con l energia lesiva: 1. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 1 2. Impiego errato o mancato impiego di DPI (quando necessari in base al tipo di attività svolta) : 2. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 2 3. Modalità del primo soccorso : 3. bis : nessuna informazione da fornire sul punto 3 4

5 ALLEGATO I SEDE DELLA LESIONE : Cranio Faccia : Occhi Occhio dx Occhio sn Orecchio dx Orecchio sn Naso Bocca Collo Spalla Spalla dx Spalla sn Colonna vertebrale Cervicale Toracica Lombare Sacro e coccige Torace Emitorace dx Emitorace sn Organi toracici Cuore Polmoni Addome Arti superiori Arto superiore dx Braccio dx Gomito dx Avambraccio dx Polso dx Arto superiore sn Braccio sn Gomito sn Avambraccio sn Polso sn Mani Mano dx Pollice dx Indice dx Medio dx Anulare dx Mignolo dx Mano sn Pollice sn Indice sn Medio sn Anulare sn Mignolo sn Arti inferiori Arto inferiore dx Coscia dx Ginocchio dx Gamba dx Caviglia dx Arto inferiore sn Coscia sn Ginocchio sn Gamba sn Caviglia sn Piedi Piede dx Alluce dx Altre dita dx Piede sn Alluce sn Altre dita sn 5

6 ALLEGATO II NATURA DELLA LESIONE : Ferita Frattura Lussazione Distorsione, distrazione Amputazione Contusione Schiacciamento Ustioni termiche Ustioni chimiche, corrosione Lesioni da elettricità Lesioni da sforzo Lesioni da corpi estranei Lesioni da agenti infettivi Asfissia * Annegamento * * per queste due voci può non essere compilata la sede della lesione 6

7 III. AGENTE MATERIALE (DEL CONTATTO E DELL INCIDENTE) Terreno Edifici Utensili Macchine Impianti Terreno irregolare Terreno ingombro Buche, scavi, scarpate Tetti, coperture Altre parti in quota Muri, pareti Scale Pavimenti Impianti annessi agli edifici, infissi, arredi A mano : specificare quale Elettrici: specificare quale Pneumatici : specificare quale Macchine utensili : specificare quale Macchine agricole, forestali, per il verde : specificare quale Macchine di sollevamento, trasporto : specificare quale Macchine movimentazione terra e lavori stradali : specificare quale Veicoli terrestri : specificare quale Altre macchine, altri mezzi di trasporto : specificare quale Elettrici : specificare quale Di processo : specificare quale Di trasporto, sollevamento : specificare quale Altri impianti : specificare quale Attrezzature Portatili di sollevamento e trasporto : specificare quale Attrezzature per il lavoro in quota : specificare quale Attrezzature da ufficio : specificare quale Altre attrezzature : specificare quale Materiali Altro Solidi : specificare quale Liquidi : specificare quale Gassosi : specificare quale Piante Animali Persone 7

8 ALLEGATO IV A : CHECK LIST INCIDENTE CON VARIAZIONE DI ENERGIA / INCIDENTE = VARIAZIONI DELL ENERGIA 1. Caduta dall alto o in profondità dell infortunato 2. Caduta in piano dell infortunato 3. Movimento incoordinato dell infortunato 4. Movimento dell infortunato con eccesso di sforzo 5. Caduta dall alto di gravi 6. Smottamento, franamento di materiali, oggetti, 7. Proiezione di solidi 8. Avviamento intempestivo di veicolo, macchina, attrezzatura, 9. Variazione nella marcia di un veicolo/mezzo di trasporto (fuoriuscita dal percorso previsto, ribaltamento, ) 10. Contatto elettrico indiretto 11. Sviluppo di fiamme 12. Fuoriuscita di gas, vapori e liquidi caldi 13. Fuoriuscita di gas, vapori e liquidi a bassissima temperatura 14. Fuoriuscita di gas, vapori e liquidi corrosivi 15. Movimento intempestivo o aggressivo di altro lavoratore o di terzi 16. Movimento intempestivo di animale 17. Altro (variazione energia) ALLEGATO IV B : CHECK LIST INCIDENTE CON VARIAZIONE DELL INTERFACCIA ENERGIA E LAVORATORE INCIDENTE = VARIAZIONI DI INTERFACCIA TRA ENERGIA E LAVORATORE 1. Contatto con organi meccanici in movimento 2. Contatto con altri oggetti, mezzi o veicoli in movimento (nella loro abituale sede) 3. Contatto elettrico diretto 4. Contatto con oggetti o materiali caldi, fiamme libere, etc. (nella loro abituale sede) 5. Contatto con liquidi caldi o corrosivi (nella loro abituale sede) 6. Contatto con oggetti a bassissima temperatura (nella loro abituale sede) 7. Altro (variazione interfaccia). 8

SCHEDA ANALISI INFORTUNI

SCHEDA ANALISI INFORTUNI SCHEDA ANALISI INFORTUNI Evento Data / / Ora Luogo dell evento Invio al pronto soccorso di Data apertura pratica infortunio gg di infortunio Accertato da Qualifica Profess.(Pronto Soccorso, Medico di Base,

Dettagli

Fig. 8 Frequenza di infortuni per gruppo di sede della lesione

Fig. 8 Frequenza di infortuni per gruppo di sede della lesione Sede e natura della lesione dalla mano agli organi interni. La sede più frequente di infortunio è la mano (%) seguita da Cingolo pelvico coscia ginocchio gamba (%) e da Caviglia piede alluce altre dita

Dettagli

AGRICOLTURA DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO

AGRICOLTURA DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO 1990-2005 ANNO INFORTUNI N TOTALE GG. DURATA MEDIA GG. 1990 957 10.229 10,7 1991 973 11.051 11,4 1992 934 10.678 11,4 1993 803 8.660 10,8 1994 632 7.335 11,6 1995 614 6.547

Dettagli

All interno degli infortuni

All interno degli infortuni All interno degli infortuni Numerosità Addetti Numerosità Aziende Settori e comparti prevalenti 9 Confronto Addetti e Aziende (anno 2003) e distribuzione infortuni definiti positivamente* anni 2001-2004

Dettagli

COMPARTO EDILE DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO ANNO INFORTUNI N TOTALE GG. DURATA MEDIA GG.

COMPARTO EDILE DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO ANNO INFORTUNI N TOTALE GG. DURATA MEDIA GG. DISTRIBUZIONE INFORTUNI PERIODO 1990-2009 ANNO INFORTUNI N TOTALE GG. DURATA MEDIA GG. 1990 2.9 9,9 1991 2.7 8,8 1992 1.1 8,8 199 9.10 9, 199 02.987 9,9 199 0. 8, 199 9.710 8, 1997 90.087 7,9 1998 98.

Dettagli

TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2016

TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2016 Fonte Dati Regione Lombardia TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2016 * Le tabelle comprendono solo i dati degli infortuni avvenuti nel posto di lavoro e che hanno

Dettagli

TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2015

TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2015 Fonte Dati Regione Lombardia TABELLA DATI INFORTUNI MORTALI A CAUSA DI LAVORO IN REGIONE LOMBARDIA ANNO 2015 * Le tabelle non comprendono i dati degli infortuni avvenuti «IN ITINERE» A cura del Dipartimento

Dettagli

TABELLE DATI INFORTUNISTICI ANNO 2014

TABELLE DATI INFORTUNISTICI ANNO 2014 TABELLE DATI INFORTUNISTICI ANNO 2014 SUNTO DALL APPENDICE STATISTICA Relazione Annuale INAIL 2014 A cura del Dipartimento Salute e Sicurezza 1 DENUNCE DI INFORTUNIO PER LUOGO E ANNO DI ACCADIMENTO (Alcune

Dettagli

Il fenomeno infortunistico nelle aziende associate a Federambiente

Il fenomeno infortunistico nelle aziende associate a Federambiente Il fenomeno infortunistico nelle aziende associate a Federambiente CONSULENZA STATISTICO ATTUARIALE Cipolloni Federica - Mochi Silvia La base dati Le PAT delle aziende associate a Federambiente a luglio

Dettagli

Report infortuni. Dati generali PosteItaliane. 1 Trimestre 2009

Report infortuni. Dati generali PosteItaliane. 1 Trimestre 2009 Report infortuni Dati generali PosteItaliane 1 Trimestre 2009 Indice Pagina Confronto 1 trimestre 2008-2009 1 Classificazione infortuni 2 Eventi mortali 3 Indici infortunistici 4 Tasso regionale infortuni

Dettagli

Dispositivi Di Protezione Individuale

Dispositivi Di Protezione Individuale Sezione di Roma 1 Roma, 28 Gennaio 2008 Giornata Formativa Sicurezza Nei Luoghi Di Lavoro Dipartimento di Fisica Ed. Marconi Aula Conversi Dispositivi Di Protezione Individuale Antonio Giampaoli giampaoli@lngs.infn.it

Dettagli

La sicurezza delle macchine utensili

La sicurezza delle macchine utensili La sicurezza delle macchine utensili Casistica di infortuni derivanti dall uso di macchine utensili Nicola Delussu Coordinamento Tecnico Regioni Gruppo macchine e impianti D.lgs. 81/2008 Art. 70 - Requisiti

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Cod. Ateco Istat 2007: "F" Costruzioni

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Cod. Ateco Istat 2007: F Costruzioni INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Cod. Ateco Istat 2007: "F" Costruzioni Fonte: Open data/banca dati Statistica dati rilevati al 30.04.2016 Gina Romualdi Inail - Consulenza Statistico Attuariale

Dettagli

Convegno EIMA Bologna 11 Novembre 2010

Convegno EIMA Bologna 11 Novembre 2010 Convegno EIMA Bologna 11 Novembre 2010 Il ribaltamento dei trattori come principale causa degli infortuni mortali in agricoltura: i dati del Sistema di Sorveglianza Nazionale degli Infortuni Mortali sul

Dettagli

Civitavecchia, 18 ottobre Forte Michelangelo. Elaborazioni a cura della Consulenza Statistico Attuariale R. Bencini, F. Cipolloni, S.

Civitavecchia, 18 ottobre Forte Michelangelo. Elaborazioni a cura della Consulenza Statistico Attuariale R. Bencini, F. Cipolloni, S. Civitavecchia, 18 ottobre 2011 - Forte Michelangelo Elaborazioni a cura della Consulenza Statistico Attuariale R. Bencini, F. Cipolloni, S. Mochi L assicurazione contro infortuni e malattie professionali

Dettagli

TAVOLO 494 Settimane della sicurezza 2006

TAVOLO 494 Settimane della sicurezza 2006 Dipartimento Sanità Pubblica Area Tutela della Salute in Ambienti di Lavoro e Sicurezza TAVOLO 494 Settimane della sicurezza 2006 CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LA SITUAZIONE NEI CANTIERI DEL CIRCONDARIO IMOLESE

Dettagli

Il fenomeno infortunistico nel cantiere EXPO 2015

Il fenomeno infortunistico nel cantiere EXPO 2015 78 Congresso Nazionale SIMLII 2015 25-27 novembre Milano Il fenomeno infortunistico nel cantiere EXPO 2015 Delussu Nicola, Zanoni Graziella, Colombo Giovanni, Pezzoli Sergio, Di Giorgio Jessica, D Angelo

Dettagli

Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali e gravi sul lavoro

Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali e gravi sul lavoro Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali e gravi sul lavoro Tabelle

Dettagli

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009.

Safety progetto formativo finanziato da Fondimpresa. Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. At Work progetto formativo finanziato da Fondimpresa Elaborazione Dati del Rapporto Annuale INAIL al 31 ottobre 2009. Per l anno 2008 sono pervenute all INAIL 84.586 denunce di infortuni registrati su

Dettagli

Il Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro

Il Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Il Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro Elaborazioni

Dettagli

L archivio nazionale degli infortuni mortali sul lavoro: fattori causali e modalità di accadimento

L archivio nazionale degli infortuni mortali sul lavoro: fattori causali e modalità di accadimento Convegno Nazionale Roma 2 dicembre 2009 Istituto Superiore per la Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie L archivio nazionale degli infortuni mortali sul lavoro: fattori causali

Dettagli

I NUMERI PER LA PREVENZIONE GLI INFORTUNI NELCOMPARTO DELLE COSTRUZIONI

I NUMERI PER LA PREVENZIONE GLI INFORTUNI NELCOMPARTO DELLE COSTRUZIONI I NUMERI PER LA PREVENZIONE GLI INFORTUNI NELCOMPARTO DELLE COSTRUZIONI Mantova - 22 Novembre 2007 Dati generali del settore edile nella Provincia di Mantova Anno 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Numero Imprese

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO 2004 NEL COMPRENSORIO DELL AZIENDA USL DI IMOLA. Imola, 27/04/2005

INFORTUNI SUL LAVORO 2004 NEL COMPRENSORIO DELL AZIENDA USL DI IMOLA. Imola, 27/04/2005 INFORTUNI SUL LAVORO 2004 NEL COMPRENSORIO DELL AZIENDA USL DI IMOLA Imola, 27/04/2005 NORMATIVE E AZIONI DI SICUREZZA POLITICHE SINDACALI CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE E FATTORI DI RISCHIO CULTURA E VALORI

Dettagli

Sistema di sorveglianza infortuni sul lavoro

Sistema di sorveglianza infortuni sul lavoro Regione/Prov. Aut. ASL Tipo infortunio N. progressivo M G S ( Sede Inail numero caso Inail ) L INFORTUNIO 1. Data di accadimento: (g/m/a) 2. Luogo di accadimento: comune (codice ISTAT) provincia 3. Ora

Dettagli

COMPARTO AGRICOLTURA

COMPARTO AGRICOLTURA COMPARTO AGRICOLTURA INFORTUNI NEL TRIENNIO 2003 2005 TOTALE ADDETTI n. 18.440 TOTALE AZIENDE n.10.347 (fonte ISPESL 2004) Infortuni agricoli nel periodo 2000 2005 1400 10% 14% 8% 1200 1000 7% 9% n Infortuni

Dettagli

Corso di aggiornamento sul modello per l analisi delle cause e per la ricostruzione delle dinamiche di infortunio sul lavoro.

Corso di aggiornamento sul modello per l analisi delle cause e per la ricostruzione delle dinamiche di infortunio sul lavoro. Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Corso di aggiornamento sul modello per l analisi delle cause e per

Dettagli

COPERTURE NON PRATICABILI

COPERTURE NON PRATICABILI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Come intervenire in sicurezza Notifiche: andamento per sede Distretto 2012 2013 Diff. % ASOLA 328 372 13 GUIDIZZOLO 387

Dettagli

Convegno Regionale Infortuni sul lavoro: i numeri per la prevenzione

Convegno Regionale Infortuni sul lavoro: i numeri per la prevenzione Convegno Regionale Infortuni sul lavoro: i numeri per la prevenzione Mantova, 22 novembre 2007 Classificazione europea delle dinamiche infortunistiche: ESAW 3 Silvia Amatucci s.amatucci@inail.it Necessità

Dettagli

Allegato E - Valutazione dei rischi Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato E - Valutazione dei rischi Plesso scolastico U. Foscolo Caduta dall alto del personale 3 4 12 Impermeabilizzazione con guaina prefabbricata e/o asfalto minerale e/o guaina in PVC o bituminosa con eventuale posa in opera di pannelli isolanti, previa spalmatura

Dettagli

Convegno nazionale Il Sistema di Sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro Roma, 2 dicembre 2009

Convegno nazionale Il Sistema di Sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro Roma, 2 dicembre 2009 Convegno nazionale Il Sistema di Sorveglianza nazionale degli infortuni mortali sul lavoro Roma, 2 dicembre 2009 L USO DEL MODELLO SBAGLIANDO S IMPARA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI INFORTUNIO A cura

Dettagli

ricondurre ogni singolo infortunio all interno di uno SCHEMA interpretativo UNIVOCO

ricondurre ogni singolo infortunio all interno di uno SCHEMA interpretativo UNIVOCO Il MODELLO ISPESL/INAIL-REGIONI per la ricostruzione delle cause e delle dinamiche infortunistiche in ambiente di lavoro By G. Pianosi e coll. Rev. R. Casoni Il modello Sbagliando S Impara (SSI) è una

Dettagli

LA SICUREZZA IN CUCINA. La formazione per la prevenzione e la protezione dai rischi della cucina

LA SICUREZZA IN CUCINA. La formazione per la prevenzione e la protezione dai rischi della cucina LA SICUREZZA IN CUCINA La formazione per la prevenzione e la protezione dai rischi della cucina Le cause degli incidenti in cucina Sapete che in cucina, più di un terzo degli incidenti dipendono da cadute

Dettagli

Esempio mirato su ustioni pediatriche Rete SINIACA del 13/05/2014

Esempio mirato su ustioni pediatriche Rete SINIACA del 13/05/2014 Esempio mirato su ustioni pediatriche Rete SINIACA del 13/05/2014 A. Pitidis, P. Di Pietro, C. Debbia Capofila Istituto Giannina Gaslini - Genova MORTALITA USTIONI Tassi di mortalità per Ustioni x 1.000.000

Dettagli

Operazione: MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

Operazione: MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Scheda 2 Sezione: SCHEDE LAVORAZIONI E ATTIVITÀ Operazione: MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Introduzione Anche se l ausilio della meccanica è fortemente sfruttato, ancora oggi è necessario ricorrere

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n art.18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n.81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n art.18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n.81) DENUNCIACOMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30061965 n.1124 - art.18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09042008 n.81) Numero Denuncia-Comunicazione di infortunio Numero Registro Infortuni Aziendale

Dettagli

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo Struttura Complessa PSAL - Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro C.so Nazionale - 9 La Spezia tel. 087.4 - fax 087.09 psal@asl.liguria.it http://www.asl.liguria.it/ Sii il cambiamento che vuoi

Dettagli

Nome Indirizzo Datore di Lavoro RSPP. Attività di prima trasformazione e lavorazione derrate agricole

Nome Indirizzo Datore di Lavoro RSPP. Attività di prima trasformazione e lavorazione derrate agricole 9Moduli di gestione per l attività di terzi presso l azienda agricola M1. Gestione in sicurezza delle attività svolte con scambio di manodopera e servizi tra piccoli imprenditori agricoli e uso di macchine

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, 5-20121 Milano presenta IO LAVORO IN CASA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA IN AMBIENTE DOMESTICO Il fenomeno dell immigrazione

Dettagli

INAIL INFORTUNATO E PERSONA INAIL. Varese 24 giugno 2009 L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INAIL INFORTUNATO E PERSONA INAIL. Varese 24 giugno 2009 L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INAIL INFORTUNATO E PERSONA Varese 24 giugno 2009 CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI - FONDAMENTO: ART. 38 DELLA COSTITUZIONE D.P.R. 1124 del 30.06.65 - FINALITÀ: GARANTIRE: -

Dettagli

modulo per la comunicazione dell infortunio

modulo per la comunicazione dell infortunio modulo per la comunicazione dell infortunio Denominazione Direzione/Struttura Denominazione Servizio Dirigente/Responsabile che effettua la dichiarazione ( e ) 1. Dati lavoratore/infortunato Matricola

Dettagli

ALLEGATO N. 2 CASI GRAVI

ALLEGATO N. 2 CASI GRAVI ALLEGATO N. 2 CASI GRAVI INDICE CASI GRAVI 131 1. DATI RELATIVI ALL AZIENDA CUI APPARTIENE L INFORTUNATO 141 1.1 Distribuzione degli infortuni per codice attività INAIL 141 1.2 Distribuzione per codice

Dettagli

24/02/10 Richiesta danni cp 04/10/10 Richiesta danni infortunistica cp con quantificazione.

24/02/10 Richiesta danni cp 04/10/10 Richiesta danni infortunistica cp con quantificazione. SINISTRI COMUNE DI MONTEGROTTO TERME Reale Mutua Assicurazioni SpA polizza r.c.t. n. 2009/03/2058596 Ag. Montegrotto Terme effetto 31.12.2009 31.12.2010 franchigia 500,00 per sinistro 2010 NS. RIF. DATA

Dettagli

SINISTRI INFORTUNI Periodo dal 30/06/2012 al 03/04/2017

SINISTRI INFORTUNI Periodo dal 30/06/2012 al 03/04/2017 SINISTRI INFORTUNI Periodo dal 30/06/2012 al 03/04/2017 Data Sinistro Importo Riservat Importo LiquidatoStato Sinistro Nro Sinistro Compagnia Descrizione Danno ANNO 2012 02/07/2012 0,00 0,00 Senza Seguito

Dettagli

Gli infortuni nei lavoratori temporanei: confronto tra dati nazionali e locali USL Viareggio

Gli infortuni nei lavoratori temporanei: confronto tra dati nazionali e locali USL Viareggio Gli infortuni nei lavoratori temporanei: confronto tra dati nazionali e locali USL Viareggio Flessibilità, lavoro in somministrazione e sicurezza: dall analisi alle proposte della Cisl Lucca, 24 gennaio

Dettagli

Sistema di sorveglianza sugli infortuni mortali della Regione Piemonte

Sistema di sorveglianza sugli infortuni mortali della Regione Piemonte Sistema di sorveglianza sugli infortuni mortali della Regione Piemonte RAPPORTO SULLA RICOSTRUZIONE DEGLI INFORTUNI MORTALI IN REGIONE PIEMONTE ANNI 2005-2006 A cura di Marcello Libener, Fausto Miotti,

Dettagli

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia

SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale. Friuli Venezia Giulia SISTEMA BILATERALE DELLA SICUREZZA NELL ARTIGIANATO RLST Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale Friuli Venezia Giulia Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Dettagli

Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania

Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania Medico: DOTT. FICHERA LUIGI SALVATORE TEMPO TIPOLOGIA PRESTAZIONE SEDE GIORNI E ORARIO TARIFFA PRESTAZIONE TELEFONO PAZIENTE

Dettagli

Prof. Fabio Zanchini SECONDA UNIVERSITA DI NAPOLI CLASSIFICAZIONE ED EPIDEMIOLOGIA DELLE LESIONI MUSCOLO-TENDINEE NELLO SPORTIVO. Instructional course

Prof. Fabio Zanchini SECONDA UNIVERSITA DI NAPOLI CLASSIFICAZIONE ED EPIDEMIOLOGIA DELLE LESIONI MUSCOLO-TENDINEE NELLO SPORTIVO. Instructional course SECONDA UNIVERSITA DI NAPOLI DIPARTIMENTO DI ORTOPEDIA, TRAUMATOLOGIA E RIABILITAZIONE CLASSIFICAZIONE ED EPIDEMIOLOGIA DELLE LESIONI MUSCOLO-TENDINEE NELLO SPORTIVO Prof. Fabio Zanchini Instructional

Dettagli

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE:

DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: DATA: DITTA (ragione sociale): SEDE LEGALE E AMMINISTRATIVA: SEDE OPERATIVA (se presente): SETTORE: (industria, commercio, edilizia, artigianato, servizi etc.) CODICE ATECO PRINCIPALE: CODICE FISCALE/P.IVA:

Dettagli

INCIDENTI. Definizione: cui possono derivare effetti indesiderati (danni alle persone o alle cose, costi economici, degrado ambientale, etc.).

INCIDENTI. Definizione: cui possono derivare effetti indesiderati (danni alle persone o alle cose, costi economici, degrado ambientale, etc.). DIPARTIMENTO DI IGIENE E PREVENZIONE SANITARIA Servizio Impiantistica e della Sicurezza Via Solferino, 16 20900 Monza Tel. 039/3940206 Fax. 039/3940208 INCIDENTI Definizione: Un incidente è una rapida

Dettagli

Circolare n. 031 del 25/07/ PROCEDURA IN CASO DI INFORTUNI

Circolare n. 031 del 25/07/ PROCEDURA IN CASO DI INFORTUNI Ai Sig.ri Loro Clienti Loro indirizzi Circolare n. 031 del 25/07/2017 Oggetto: Comunicazioni urgenti nel periodo di chiusura dello studio. La presente per informarvi che lo studio resterà chiuso per ferie

Dettagli

350,00 350,00. Pagina 1 di 6

350,00 350,00. Pagina 1 di 6 ORBITE (SENZA CONTRASTO) CRANIO OSSEO ( SENZA CONTRASTO) CEREBRALE (SENZA CONTRASTO) SELLA TURCICA (SENZA CONTRASTO) CEREBRALE (SENZA E CON CONTRASTO) 69375 SELLA TURCICA (SENZA E CON CONTRASTO) ORBITE

Dettagli

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO Delibera n. 218 del 24/02/2016 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 PIEVE DI SOLIGO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO L`anno duemilasedici, il giorno ventiquattro del mese di Febbraio Il Commissario

Dettagli

Scheda di sintesi Sicurezza della fresatrice trinciatrice erpice rotante

Scheda di sintesi Sicurezza della fresatrice trinciatrice erpice rotante S.P.S.A.L. Dir. Dott. Vito Liberati Scheda di sintesi Sicurezza della fresatrice trinciatrice erpice rotante Cosa non fare Quali sono i principali rischi Cosa fare Gli infortuni nell'impiego della fresatrice,

Dettagli

ANATOMIA di SUPERFICIE. Prof. Michela Battistelli

ANATOMIA di SUPERFICIE. Prof. Michela Battistelli ANATOMIA di SUPERFICIE Prof. Michela Battistelli Conoscenze e abilità da conseguire Al termine del corso lo studente conoscerà le strutture anatomiche rilevabili sulla superficie corporea per una migliore

Dettagli

A.S.P. VALSASINO Servizio ristorazione 2014/2018 (Allegato B)

A.S.P. VALSASINO Servizio ristorazione 2014/2018 (Allegato B) ALLEGATO B QUESTIONARIO PER L ACCERTAMENTO DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA RELATIVA ALLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. n. 81/2008) ALLEGARE LA PRESENTE DICHIARAZIONE NELLA BUSTA N. 1 (DOCUMENTI PER L AMMISSIONE

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO

ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO ALL.A ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO All. 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO RX Codice senza_punto codice descr_prestaz breve DESCR_PRESTAZ_completa 8703 87.03 TOMOGRAFIA CAPO 8722 87.22

Dettagli

PREVENZIONE INFORTUNI STRADALI SUL LAVORO E IN ITINERE. INAIL Direzione Territoriale Udine Processo Prevenzione

PREVENZIONE INFORTUNI STRADALI SUL LAVORO E IN ITINERE. INAIL Direzione Territoriale Udine Processo Prevenzione PREVENZIONE INFORTUNI STRADALI SUL LAVORO E IN ITINERE INAIL Direzione Territoriale Udine Processo Prevenzione DEFINIZIONI INFORTUNIO SUL LAVORO (art. 2 D.P.R. 1124/1965) E infortunio sul lavoro quello

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER L ATTIVITA DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER L ATTIVITA DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Logo scuola VALUTAZIONE DEI RISCHI PER L ATTIVITA DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Dati relativi alla struttura ospitante Sede legale (comune, indirizzo) Codice fiscale Legale rappresentante (cognome, nome,

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza dei lavoratori

Tutela della salute e sicurezza dei lavoratori DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Corso di aggiornamento per RSPP ASPP RLS e Datori di lavoro autonominati RSPP LE INDAGINI PER INFORTUNI SUL LAVORO METODI

Dettagli

EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO

EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE TRAUMI DELLO SCHELETRO TRAUMA DIRETTO CONTUSIONE FRATTURA DISTORSIONE TRAUMA INDIRETTO LUSSAZIONE FRATTURA FRATTURA- LUSSAZIONE I traumi dello scheletro sono molto frequenti soprattutto

Dettagli

1.1 Gli infortuni in campo ed in vigneto

1.1 Gli infortuni in campo ed in vigneto 1introduzione Il vino è una bevanda importante non solo per le sue caratteristiche alimentari ma anche perché percorre la storia umana partendo dai poemi omerici e giungendo fino alla home page delle maggiori

Dettagli

SEGNALETICA AZIENDALE: NORME E ISTRUZIONI

SEGNALETICA AZIENDALE: NORME E ISTRUZIONI F 500 x 700 SEGNALETICA AZIENDALE: NORME E ISTRUZIONI 04700020EX = Cartello in alluminio INDICAZIONI 350x500 mm 0470 00 20 0470 00 30 0470 00 35 0470 00 55 0470 00 58 0470 00 80 264 Per ordinare vedere

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Movimentazione Manuale dei Carichi v.03

POLISTUDIO. Anno 2010 Movimentazione Manuale dei Carichi v.03 Anno 2010 Movimentazione Manuale dei Carichi v.03 1 Movimentazione manuale dei carichi: INDICE Definizioni Disturbi Fattori che comportano il rischio Normativa Approfondimento attività di sollevamento

Dettagli

Studio su Infortuni e Malattie professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione Veneto (Anni )

Studio su Infortuni e Malattie professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione Veneto (Anni ) Studio su Infortuni e Malattie professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione Veneto (Anni 2000 2006) Scuola grande di San Marco - Dal 1819 sede dell ospedale Civile di Venezia Studio su

Dettagli

FORMAZIONE PREPOSTO 4h

FORMAZIONE PREPOSTO 4h FORMAZIONE PREPOSTO 4h Personale docente in lab. Allievi Docenti in viaggi di istruzione Infortuni Rischi specifici di settore Utensili ed attrezzature Dispositivi di protezione Nota MIUR 03.02.2016, prot.

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Livorno

Amministrazione Provinciale di Livorno Amministrazione Provinciale di Livorno Analisi degli infortuni relativi ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Livorno nel triennio 2008-2010 REDATTO DA REVISIONE N. DATA 0 Dicembre 2011 Pagina

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Medico S.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro CANTIERE EXPO 2015 DESCRIZIONE DEL FENOMENO INFORTUNISTICO

Dipartimento di Prevenzione Medico S.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro CANTIERE EXPO 2015 DESCRIZIONE DEL FENOMENO INFORTUNISTICO Dipartimento di Prevenzione Medico S.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro CANTIERE EXPO 2015 DESCRIZIONE DEL FENOMENO INFORTUNISTICO Giugno 2015 DESCRIZIONE DEL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL

Dettagli

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005

IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 IL FENOMENO INFORTUNISTICO NEL FLOROVIVAISMO INDAGINE 2001-2005 Il monitoraggio del fenomeno infortunistico nei principali comparti produttivi del territorio è attività che il Servizio pubblico di prevenzione

Dettagli

Modulo Prestazioni. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) TC CRANIO OSSEO ( SENZA CONTRASTO) 165,00 TC CEREBRALE (SENZA CONTRASTO)

Modulo Prestazioni. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) TC CRANIO OSSEO ( SENZA CONTRASTO) 165,00 TC CEREBRALE (SENZA CONTRASTO) CRANIO OSSEO ( SENZA CONTRASTO) 165,00 CEREBRALE (SENZA CONTRASTO) 165,00 SELLA TURCICA (SENZA CONTRASTO) CEREBRALE (SENZA E CON CONTRASTO) 69375 280,00 SELLA TURCICA (SENZA E CON CONTRASTO) MASSICCIO

Dettagli

SISTEMA DI SORVEGLIANZA INFORTUNI MORTALI INFOR.MO. soggetti promotori : Regioni, ISPESL e INAIL con la partecipazione dei Comitati Paritetici

SISTEMA DI SORVEGLIANZA INFORTUNI MORTALI INFOR.MO. soggetti promotori : Regioni, ISPESL e INAIL con la partecipazione dei Comitati Paritetici SISTEMA DI SORVEGLIANZA INFORTUNI MORTALI INFOR.MO. soggetti promotori : Regioni, ISPESL e INAIL con la partecipazione dei Comitati Paritetici nasce come progetto di ricerca sulle cause degli Infortuni

Dettagli

COMUNE DI CERVARO POLIZZA RCT/O

COMUNE DI CERVARO POLIZZA RCT/O COMUNE DI CERVARO POLIZZA RCT/O PERIODO STATISTICATO: DAL 31/12/2010 AL 25/05/2015 Dal 3/8/2013 al 3/8/2014 la polizza ha previsto una SIR di 3.000,00 per danni a cose e 6.000,00 per lesioni Dal 3/8/2014

Dettagli

CARBONIA - Osp. Sirai 77 POLIPECTOMIA ENDOSCOPICA DELL' INTESTINO CRASSO 60

CARBONIA - Osp. Sirai 77 POLIPECTOMIA ENDOSCOPICA DELL' INTESTINO CRASSO 60 ATS Sardegna - ASSL Carbonia Specialistica Ambulatoriale - Tempi di attesa Rilevazione della prima data disponibile per Sede Strutture Pubbliche e Private Accreditate Data rilevazione: 08/05/2017 Prestazione

Dettagli

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio di Prevenzione e Protezione Premessa L affidamento di lavori a fornitori esterni all azienda attraverso contratti d appalto e/o d opera comporta l obbligo per il datore

Dettagli

COMITATO SINGH MOHINDER per la tutela dei migranti vittime del lavoro e dei loro familiari

COMITATO SINGH MOHINDER per la tutela dei migranti vittime del lavoro e dei loro familiari Questionario Campagna di rilevazione Lavoratori stranieri: vittime invisibili degli incidenti sul lavoro Luogo somministrazione:.... Nome del somministratore:... Data:././2013 SEZIONE I: INFORMAZIONI SOCIO

Dettagli

Elenco tariffe e prestazioni

Elenco tariffe e prestazioni Elenco tariffe e prestazioni Radiografie Articolazione temporo-mandibolare 25,00 22,50 Anca 30,00 27,00 Apparato digerente 70,00 66,50 Apparato urinario 30,00 27,00 Arcata dentaria superiore e inferiore

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013 RADIOLOGIA TARQUINIA ANESTESIA POLO 88.76.1 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO GASTROENTEROLOGIA - CHIRURGIA ED 1,0 60,43 60,43 Riepilogo per ' = ANESTESIA POLO (1 record di dettaglio) Somma 1,0 60,43 CHIRURGIA

Dettagli

Tab Totale infortuni lavoratori imprese Monitor, compresi gli infortuni in itinere per classi di durata e anno.

Tab Totale infortuni lavoratori imprese Monitor, compresi gli infortuni in itinere per classi di durata e anno. 4.2 INFORTUNI IMPRESE MONITOR In questo paragrafo sono descritti gli infortuni registrati nelle 16 imprese che hanno collaborato all Osservatorio (vedi Tab. 2.1 ed elenco collaboratori) e per i quali è

Dettagli

Infortuni e Malattie Professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione del Veneto. Anni

Infortuni e Malattie Professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione del Veneto. Anni Infortuni e Malattie Professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione del Veneto Anni 2007-2013 Infortuni e Malattie professionali nelle Aziende Ospedaliere e ULSS della Regione del Veneto

Dettagli

Obiettivo Sicurezza s.r.l. Unipersonale

Obiettivo Sicurezza s.r.l. Unipersonale Pagina 1 di 19 INDICE: FORMAZIONE GENERALE... 3 CORSO ADDETTO ANTINCENDIO RISCHIO BASSO... 4 CORSO AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO RISCHIO BASSO... 5 CORSO PER RLS... 6 CORSO AGGIORNAMENTO RLS... 7 CORSO PER

Dettagli

ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA [EGD] 60 IGLESIAS - Osp. C.T.O. 28

ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA [EGD] 60 IGLESIAS - Osp. C.T.O. 28 ATS Sardegna - ASSL Carbonia Specialistica Ambulatoriale - Tempi di attesa Rilevazione della prima data disponibile per Sede Strutture Pubbliche e Private Accreditate Data rilevazione: 03/04/2017 Prestazione

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia PROCEDURA DA SEGUIRE DALLO STUDENTE DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA IN CASO DI INFORTUNIO OCCORSOGLI DURANTE L ATTIVITÀ TEORICO-PRATICA RIFERIMENTI D.P.R. 30 giugno

Dettagli

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato CONSULENZA STATISTICO ATTUARIALE Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato SUPPLEMENTO AL NOTIZIARIO STATISTICO N. 1-2/21 Quaderni del Notiziario

Dettagli

CARBONIA - Osp. Sirai 94 POLIPECTOMIA ENDOSCOPICA DELL' INTESTINO CRASSO 60

CARBONIA - Osp. Sirai 94 POLIPECTOMIA ENDOSCOPICA DELL' INTESTINO CRASSO 60 ATS Sardegna - ASSL Carbonia Specialistica Ambulatoriale - Tempi di attesa Rilevazione della prima data disponibile per Sede Strutture Pubbliche e Private Accreditate Data rilevazione: 05/06/2017 Prestazione

Dettagli

U.O. ANESTESIA E RIANIMAZIONE AMBULATORIO TE

U.O. ANESTESIA E RIANIMAZIONE AMBULATORIO TE REGIONE CALABRIA Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro Compl. Ospedaliero Soverato Chiaravalle U.O. ANESTESIA E RIANIMAZIONE AMBULATORIO TERAPIA DEL DOLORE Responsabile Dr. Pantaleone Grande TERAPIA

Dettagli

I dati Inail sugli infortuni e le malattie professionali del comparto

I dati Inail sugli infortuni e le malattie professionali del comparto Pisa, 25 Giugno 2014 CONVEGNO NAZIONALE LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI TERRESTRI: RUOLO DEGLI OPERATORI DELLA SALUTE DELLE PARTI SOCIALI E DELLE ISTITUZIONI I dati Inail sugli infortuni e le malattie professionali

Dettagli

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO COORDINAMENTO SICUREZZA APPALTI INTERNI/DUVRI (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI) DISPOSIZIONI E NOTE INFORMATIVE AI SENSI DELL ART. 26 D.LGS. 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i. FONDAZIONE

Dettagli

Lista di controllo Allegato 03 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI/MMC

Lista di controllo Allegato 03 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI/MMC CO.RE.CO VENETO Indicazioni per stesura DVR STD Versione 2012 Lista di controllo Allegato 03 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI/MMC SE RISPONDE Sì: CONTINUARE CON LA VALUTAZIONE CARATTERISTICHE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Data:23/12/2009 Premessa L affidamento di lavori a fornitori esterni all azienda attraverso contratti d appalto e/o d opera comporta l obbligo per il datore di lavoro, qualora vi siano interferenze, di

Dettagli

OLIVETO E FRANTOIO: LUOGHI DI LAVORAZIONE E FONTI DI RISCHIO

OLIVETO E FRANTOIO: LUOGHI DI LAVORAZIONE E FONTI DI RISCHIO OLIVETO E FRANTOIO: LUOGHI DI LAVORAZIONE E FONTI DI RISCHIO Uso di scale portatili Impiego di attrezzi taglienti e pungenti Impiego di motosega tranciatura; taglio o troncamento; puntura o perforazione.

Dettagli

Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini

Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini SEPES Sicurezza in Età Pediatrica Educazione a Scuola 1 Dicembre 2016 Ruolo dei Pediatri nella formazione agli insegnanti e ai bambini Antonino Reale Paola Silvestri Incidente accadimento inatteso che

Dettagli

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza. Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA.

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza. Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA. Da Premessa L affidamento di lavori a fornitori esterni all azienda attraverso contratti d appalto e/o d opera comporta l obbligo per il datore di lavoro, qualora vi siano interferenze, di elaborare un

Dettagli

Le parti del corpo Il corpo umano cel ule, diverse per forma e per funzione, Un insieme di cellule tessuto tessuto organo tessuti simili

Le parti del corpo Il corpo umano cel ule, diverse per forma e per funzione, Un insieme di cellule tessuto tessuto organo tessuti simili Le parti del corpo Il corpo umano è composto da cellule, diverse per forma e per funzione, che nascono, vivono, muoiono; Un insieme di cellule che si specializza per svolgere lo stesso lavoro forma un

Dettagli

Colpi Proibiti Le segrete tecniche mortali

Colpi Proibiti Le segrete tecniche mortali Colpi Proibiti Le segrete tecniche mortali * * * La Coda Del Drago Scuola Marziale Combinata by diama TESTA E COLLO PIRAMIDE DEL TEMPORALE O PROCESSO MASTOIDEO Colpi col taglio della mano (Shuto- Haito)

Dettagli

Biomeccanica degli impatti

Biomeccanica degli impatti Biomeccanica degli impatti www.aero.polimi.it 1 1 Biomeccanica degli impatti Obiettivo Studio della meccanica del corpo umano durante gli impatti Definizione e misura di criteri di lesione 2 2 Biomeccanica

Dettagli

marzo 2012 STRUTTURE EROGATRICI

marzo 2012 STRUTTURE EROGATRICI marzo 2012 STRUTTURE EROGATRICI DESCRIZIONE standard priorità OSPEDALE CITTADELLA STUDIO POLIAMB. MUTUA regione CHIOGGIA CAVARZERE S.GIACOMO VESPUCCI PESCATORI Ecocolordopplergrafia cardiaca 10 B 15 Ecocolordopplergrafia

Dettagli

I Quaderni della Tecnica

I Quaderni della Tecnica 37-48 - QUAD TECN buono 31-05-2005 15:31 Pagina 37 Con i Quaderni della Tecnica pubblicati in questo numero diamo inizio alla riproduzione di un kata che costituisce un classico dello shiatsu italiano.

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 2013 RADIOLOGIA TARQUINIA ANESTESIA POLO 88.76.1 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO GASTROENTEROLOGIA - CHIRURGIA ED 1,0 60,43 60,43 Riepilogo per ' = ANESTESIA POLO (1 record di dettaglio) Somma 1,0 60,43 ANESTESIA

Dettagli

APPUNTI DI ANATOMIA UMANA

APPUNTI DI ANATOMIA UMANA APPUNTI DI ANATOMIA UMANA L ORGANIZZAZIONE DEL CORPO UMANO ANATOMIA E FISIOLOGIA Anatomia e fisiologia sono due scienze che studiano il corpo umano, in particolare: Anatomia: L anatomia studia la forma

Dettagli

01 VISITA CARDIOLOGICA 89.7 02 VISITA ANGIOLOGICA 89.7 03 VISITA ENDOCRINOLOGICA 89.7 04 VISITA NEUROLOGICA 89.13 05 VISITA OCULISTICA 95.

01 VISITA CARDIOLOGICA 89.7 02 VISITA ANGIOLOGICA 89.7 03 VISITA ENDOCRINOLOGICA 89.7 04 VISITA NEUROLOGICA 89.13 05 VISITA OCULISTICA 95. PNC DESCRPROD CODMINEFFETTIVO 01 VISITA CARDIOLOGICA 89.7 01 VISITA CARDIOLOGICA PEDIATRICA 89.7 02 VISITA ANGIOLOGICA 89.7 02 VISITA CHIRURGICA VASCOLARE 89.7 03 VISITA ENDOCRINOLOGICA 89.7 03 VISITA

Dettagli