di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero"

Transcript

1 I FONDI DI VENTURE CAPITAL di Gilberto Crialesi Destinazione >> Estero

2 Per le imprese che intendono internazionalizzarsi, oltre ai due tradizionali interventi previsti dalla legge 100/90, operanti attraverso Simest Spa, ci sono ora anche i Fondi rotativi di venture capital pubblici che finanziano interventi aggiuntivi della Simest in aree quali: Mediterraneo, Africa, Medio Oriente, Balcani, Federazione Russa, Stato di Serbia e di Montenegro e Cina. In un periodo come l attuale, la globalizzazione impone alle imprese italiane, soprattutto se di medie/piccole dimensioni, cambiamenti spesso radicali, come quello di adottare la decisione di investire all estero con la conseguenza di dover affrontare momenti certamente molto delicati per la loro vita aziendale. La presenza di un partner pubblico specializzato nella partecipazione in imprese estere - al capitale di imprese che intendono andare all estero rappresenta una valida soluzione a questa problematica, in quanto ciò consente a queste ultime di condividere il rischio potenziale di una nuova iniziativa con un partner istituzionale che immette capitali propri e mette nel contempo a disposizione la propria esperienza pluriennale sui mercati esteri, basata sulla partecipazione a molti progetti in tutto il mondo. In questa direzione si è mossa anche l Italia che già dagli anni 90 ha messo a disposizione fondi pubblici di venture capital per sostenere gli investimenti delle imprese italiane, soprattutto Pmi, in molte aree mondiali. Presentiamo qui alcuni degli interventi per l internazionalizzazione delle imprese possibili attraverso un nostro partner istituzionale controllato dal Ministero delle Attività Produttive, con una presenza azionaria, anche privata, che vede una significativa rappresentanza del sistema bancario nazionale e del mondo associativo imprenditoriale italiano. Esso è denominato «Società italiana per le imprese miste all estero» - Simest Spa - ed è sorto con la legge 24 aprile 1990, n L art. 46 della legge 12 dicembre 2002, n. 273 ha poi ampliato le due originarie forme di intervento: partecipazione di minoranza e temporanea e di contributo agli interessi, sul finanziamento della quota di partecipazione dell impresa italiana in società all estero, previste, rispettivamente, dagli articoli 1 e 4 della citata legge 100/90, dando a Simest Spa la possibilità di intervenire nel capitale sociale di imprese estere - promosse o partecipate da società italiane, ovvero da imprese aventi stabile organizzazione in uno Stato dell Ue, controllate da imprese italiane - attraverso 5 Fondi pubblici di venture capital. L obiettivo che qui ci proponiamo è sia quello di fornire agli operatori interessati gli elementi per la creazione o l ampliamento di una società mista o di una società a totale capitale italiano all estero, nonché quello di presentare un quadro completo dei più recenti interventi di sostegno all internazionalizzazione del Map, che, in determinate condizioni, possono essere anche sommati a fronte di una stessa iniziativa commerciale. Accanto alla Simest di cui descriveremo le principali caratteristiche, opera anche la Finest Spa con le stesse forme di intervento, ma nei confronti per lo più di imprese che hanno stabile e prevalente organizzazione nelle regioni Friuli-Venezia Giulia, Veneto e Trentino-Alto Adige. PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI IMPRESE ESTERE Ai sensi dell art. 1 della legge 100/90, la Simest può affiancare l impresa italiana o comunitaria (se controllata da società italiana) nella internazionalizzazione della propria attività favorendone l ingresso in mercati esteri ad elevato potenziale. L obiettivo di questa prima agevolazione è quello di supportare la realizzazione di un programma di investimento attraverso la partecipazione diretta al capitale della società estera. Questa partecipazione della Simest, poi, è anche il presupposto per l erogazione di una seconda agevolazione prevista all art. 4 sempre della legge 100/90, che consiste nell erogazione di un contributo (tasso di contribuzione) sugli interessi passivi da corrispondere a fronte di un finanziamento bancario mirato all acquisto di quote azionarie. Pagina 2 di 8

3 Per quanto riguarda i soggetti che possono richiedere l intervento della Simest, questa può valutare proposte di partecipazione provenienti da società di capitali, società di persone, cooperative, consorzi ed associazioni di imprese. Gli interventi della Simest vengono accordati prioritariamente a Pmi e consorzi. La Simest non interviene nei paesi dell Ue, ma nei paesi: con i quali sono in vigore accordi per la protezione degli investimenti con il Governo italiano o con organizzazioni sopranazionali; che per tradizione, cultura e legami etnici presentano un clima favorevole agli investimenti italiani; che presentano una particolare rilevanza geopolitica per il Sistema Italia. Altre iniziative che non rispondono alle prerogative precedenti vengono valutate caso per caso. L intervento Simest avviene, preferenzialmente, in imprese estere che operano nello stesso settore di attività dell impresa italiana richiedente, o in settori situati a monte o a valle del processo produttivo nell ambito del concetto di filiera; non vi sono preclusioni settoriali e, pertanto, sono inclusi, oltre al manifatturiero, i settori commerciale e dei servizi. La partecipazione risulta minoritaria rispetto a quella dei partners italiani, e, comunque, non può superare il 25% del capitale sociale delle imprese estere. La durata della partecipazione è al massimo di 8 anni, entro i quali viene concordato con i partners italiani il periodo di riacquisto della quota della Simest. Le condizioni della partecipazione Simest vengono definite con le imprese partner. È prevista, tra le altre, la cessione dei diritti di godimento delle azioni acquisite dalla Simest, al partner italiano. Pertanto la Simest non partecipa alla gestione della società partecipata e non percepisce gli utili eventualmente maturati ma un compenso fisso annuo determinato in relazione: alla tipologia dell attività prevista, ai risultati attesi, alla situazione del paese in cui si va ad operare, al ruolo e alle prospettive della società italiana interessata. Inoltre è previsto l obbligo al riacquisto della quota Simest che avviene, in assenza di quotazioni ufficiali, con riferimento al valore patrimoniale netto dell impresa estera, con decurtazione della remunerazione annuale già corrisposta. L impegno del socio italiano al riacquisto della partecipazione Simest può essere garantito in funzione degli aspetti sopra citati, attraverso un ampio ventaglio di soluzioni, la cui scelta viene preventivamente concordata con i partners, quali: fideiussione bancaria, polizza assicurativa o un mix di queste due forme, o, se l impresa appartiene ad un gruppo, attraverso una fideiussione della casa madre. La Simest, per quanto riguarda questa sua operazione classica, esamina le richieste di partecipazione acquisendo le informazioni relative al progetto di investimento e ai partners senza uno schema precostituito, ossia non impone alcuna modulistica di presentazione, ma fornisce una check-list delle informazioni che successivamente viene adattata dagli analisti alle necessità di approfondimento che si rendono opportune per la singola iniziativa. IL CONTRIBUTO AGLI INTERESSI L art. 4 della legge 100/90, per favorire la partecipazione di imprese italiane in società di paesi non appartenenti all Unione europea, considera iniziative agevolabili l acquisto di quote di capitale di rischio in imprese all estero di nuova costituzione o già costituite, partecipate dalla Simest. Pagina 3 di 8

4 Per accedere all agevolazione ex art. 4, l acquisizione di quote di capitale di rischio, attraverso un mutuo bancario (non concedibile dalla Simest, ma concedibile nel caso di intervento della Finest) deve avvenire dopo la delibera di partecipazione della Simest/Finest nell impresa estera. L intervento agevolativo può essere concesso anche in presenza di interventi finanziari resi disponibili da organismi internazionali operanti nel settore della promozione degli investimenti all estero, come ad esempio i programmi comunitari che possono essere attivati anche tramite la stessa Simest. L agevolazione consiste, se richiesta, in un contributo agli interessi passivi corrisposti da una impresa italiana che acquisisce una partecipazione in una società estera, utilizzando un finanziamento ad essa concesso da soggetti autorizzati all esercizio dell attività bancaria, italiani (tutte le banche), esteri o comunitari (Bei, Bers). L agevolazione copre fino al 90% del controvalore in euro della quota a mutuo di partecipazione italiana al capitale dell impresa estera, e fino al 51% del capitale di quest ultima. Qualora la quota di partecipazione superi complessivamente il 51%, l importo agevolabile del finanziamento utilizzato è limitato al 90% del 51% del capitale dell impresa estera. L intervento è concesso entro i seguenti limiti di importo: importo massimo ammesso all agevolazione per impresa e per anno solare: 40 milioni di euro; importo massimo ammesso all agevolazione per gruppo economico (nell ambito di uno stesso bilancio) per anno solare: 80 milioni di euro. L agevolazione è concessa nei limiti delle norme comunitarie; pertanto l importo agevolabile del finanziamento deve essere ridotto qualora lo stesso porti a superare l intensità massima di aiuto consentita dall Ue, determinata nelle percentuali del 5,67%, 7,5% e 15% dell investimento complessivo dell impresa all estero, rispettivamente, per le grandi, medie e piccole imprese. I principali criteri adottati da Simest per la valutazione delle iniziative sono: affidabilità ed esperienza dell operatore italiano e (quando presente) di quello estero; validità delle tecnologie previste dal progetto; qualità dei prodotti/servizi e prospettive di mercato; adeguato apporto di mezzi propri a copertura degli investimenti; riflessi dell iniziativa su bilancia dei pagamenti, occupazione, impiego di risorse locali del paese destinatario dell investimento; idonea redditività attesa dell iniziativa. La durata del finanziamento bancario è di 8 anni a partire dalla prima erogazione, compreso un periodo massimo di utilizzo e preammortamento di 3 anni. Il tasso di interesse viene concordato liberamente tra l impresa e la banca finanziatrice. Sul finanziamento ottenuto per acquisire la quota di partecipazione nella società estera la legge 100/90 concede un tasso di contribuzione fisso per tutta la durata dell agevolazione pari al 50% del tasso di riferimento del settore industriale vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento (marzo 2004 = 2,325). In caso di uscita della Simest prima della scadenza del contratto di finanziamento, l impresa mutuataria mantiene il diritto ad ottenere il tasso di contribuzione fino alla scadenza pattuita. Le imprese italiane devono presentare la domanda di agevolazione direttamente alla Simest/Finest, anche prima della data di delibera del Cda della Simest di partecipazione nell impresa all estero, ma comunque non oltre 3 mesi da tale data. I 5 NUOVI FONDI DI VENTURE CAPITAL Con alcuni decreti emanati nel secondo semestre 2003, il Map, con l intento di arrivare ad unificare gli attuali 5 Fondi in uno solo, ha cercato di rendere il più possibile omogeneo il loro funzionamento, differenziandoli, l uno dall altro, prevalentemente per area di destinazione, per società beneficiarie e destinatarie della partecipazione dei Fondi e per limiti di importo. Così per supportare gli investimenti in aree quali: Pagina 4 di 8

5 Mediterraneo, Africa, Medio Oriente, Balcani, Federazione Russa, Stato di Serbia e di Montenegro e Cina sono disponibili Fondi rotativi pubblici di venture capital finalizzati al finanziamento di interventi aggiuntivi della Simest (o Finest per i Balcani) eseguiti ai sensi dell articolo 1 (ed eventualmente, se richiesto, anche dell art. 4) della legge 100/90 per favorire la costituzione di imprese miste nelle regioni citate. Per quanto attiene la disciplina di utilizzo di questi 5 Fondi, vi sono delle regole generali che valgono per tutti, e delle regole che valgono, invece, esclusivamente per ogni singolo Fondo. Condizioni generali di utilizzo dei fondi Innanzitutto la regola generale è che l acquisizione di quote del capitale dell investimento estero da realizzare con l intervento dei Fondi rotativi, deve considerarsi aggiuntiva rispetto all intervento che la Simest/Finest effettua in nome e per conto proprio ai sensi dell art. 1 della legge 100/90. Conseguentemente le richieste di intervento a valere su questi Fondi devono essere presentate alla Simest/Finest che le istruisce, contemporaneamente o successivamente all intervento di sua competenza, e ne comunica i risultati al «Comitato di indirizzo e di rendicontazione» istituito ad hoc presso il Map; Comitato, che definisce con proprie direttive, indirizzate ai soggetti gestori, i criteri generali per l operatività dei Fondi, tenendo anche conto delle priorità di sviluppo settoriale dei paesi destinatari degli interventi e della compatibilità dei progetti di investimento con gli orientamenti e le priorità dei settori e dei comparti produttivi del sistema economico italiano. Il Comitato, inoltre, esamina le richieste di intervento, istruite dal soggetto gestore e approvate dal Cda della Simest/ Finest e decide in merito. Le decisioni del Comitato vengono poi comunicate dal gestore agli interessati. A seguito dell approvazione del Comitato la Simest provvede alla stipula del contratto di partecipazione, al quale seguirà la sua esecuzione che avrà sempre luogo successivamente all acquisizione della partecipazione di Simest e/o Finest nella società o impresa mista. Altro criterio che vale per tutti i Fondi è che l intervento del Fondo non può superare: il 49% nel cumulo con la partecipazione Simest/Finest; il totale delle partecipazioni delle imprese italiane; solo per il Fondo Jugoslavia e per il Fondo Balcani non può superare, rispettivamente, gli importi di e euro. Per gli interventi dei Fondi Balcani, Jugoslavia, Russia e Ucraina, oltre alla partecipazione Simest è possibile anche quella congiunta Simest/Finest. Inoltre, fermo restando la totale operatività Simest su tutti i Fondi, per il solo Fondo Jugoslavia è possibile oltre alla partecipazione congiunta Simest e Finest anche la sola partecipazione Finest. Condizioni comuni riguardano anche le operazioni ammissibili, le quali possono essere: costituzione di nuova società; sottoscrizione di aumento di capitale sociale in impresa già costituita; acquisto da terzi di azioni o quote di impresa già costituita. Per l impegno al riacquisto delle partecipazioni a valere sulle disponibilità del Fondo non è richiesta l assistenza di garanzie reali o personali. Vediamo ora le peculiarità dei singoli Fondi. Il Fondo Jugoslavia La finalità del Fondo, che dispone di uno stanziamento complessivo di ,98 euro, è quella di sostenere gli investimenti delle imprese italiane, attraverso l acquisizione di quote di capitale di rischio di imprese miste, nello Stato di Serbia e Montenegro, in Albania, in Bosnia Erzegovina e nell ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. I soggetti destinatari devono essere imprese italiane (una quota del Fondo pari a euro è riservata alle Pmi) che acquisiscono quote di capitale di rischio in imprese miste costituite o da costituire nello Stato di Serbia e Montenegro, in Albania, in Bosnia-Erzegovina e nell ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. L intervento del Fondo riguarda l acquisizione fino al 24% (e per un importo non superiore a euro) del capitale sociale della società mista estera. Tale intervento non può comunque essere superiore alla quota di capitale sociale detenuta dall impresa italiana Pagina 5 di 8

6 investitrice o, nel caso di più soci italiani, alla quota di capitale sociale detenuta complessivamente dalle imprese italiane investitrici. Il Fondo Balcani-Simest Il Fondo ( ,32 euro) sostiene gli investimenti di tutte le imprese italiane attraverso l acquisizione di quote di capitale di rischio in imprese aventi sede nei seguenti paesi dell area balcanica: Albania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, ex Repubblica Jugoslavia di Macedonia, Romania, e Stato di Serbia e Montenegro. Esistono dei limiti dell intervento in quanto esso deve essere: di importo non superiore a euro e comunque non superiore al doppio della partecipazione connessa all intervento Simest; tale da non determinare, sommato all intervento Simest (e Finest, se presente), il superamento: né del totale delle quote di partecipazione detenute dai soci italiani; né del limite del 49% del capitale sociale della società estera. Il Fondo Balcani-Finest Questo Fondo rotativo ( euro) è finalizzato al finanziamento di interventi aggiuntivi della Finest per favorire la costituzione di imprese in Albania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, ex Repubblica Yugoslavia di Macedonia, Romania, Stato di Serbia-Montenegro. I beneficiari sono Pmi che acquisiscono, anche in associazione con altre imprese nazionali, quote di capitale di rischio in società costituite o da costituire in paesi dell area balcanica. I limiti dell intervento prevedono che: l acquisizione da parte della Finest di partecipazioni in società costituite o da costituire in paesi dell area balcanica possa arrivare al 40% del capitale di rischio dell investimento e per un importo non superiore a euro; l intervento, sommato a quello Finest, non possa essere superiore alla quota di investimento complessivo che fa capo ai soci italiani. Il Fondo Mediterraneo Con una disponibilità di ,40 euro il Fondo Mediterraneo sostiene gli investimenti delle imprese italiane attraverso l acquisizione di quote di capitale di rischio in imprese aventi sede nei seguenti paesi: Marocco, Tunisia, Algeria, Egitto, Israele, Libano, Siria, Territori Palestinesi, Turchia, Iraq e i seguenti paesi confinanti con l Iraq: Arabia Saudita, Giordania, Iran e Kuwait, a condizione che l oggetto sociale della società estera con sede in uno di detti paesi confinanti preveda, in via esclusiva o prevalente, lo svolgimento della propria attività in Iraq; tutti i restanti paesi dell Africa, compresi quelli insulari. I soggetti beneficiari sono tutte le imprese italiane che acquisiscono quote di partecipazione in società costituite o da costituire nei paesi sopra menzionati. Una quota del Fondo pari a , 96 euro è riservata alle Pmi aventi la sede legale ed amministrativa nelle regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, nonché nelle altre aree depresse italiane, anche in associazione con altre imprese nazionali. Un altra quota del Fondo pari a ,44 euro è invece riservata alle Pmi italiane di ogni settore produttivo. L intervento non può determinare l acquisizione di quote di capitale in misura superiore al doppio di quelle detenute dalla Simest. L intervento, inoltre, sommato a quello Simest, non può determinare il superamento: né della quota dell investimento complessivo che fa capo ai soci italiani; né il limite del 49% del capitale di ciascuna società estera. Non è previsto un importo massimo. Il Fondo Repubblica Popolare Cinese Questo Fondo ( euro) è finalizzato a sostenere gli investimenti di tutte le imprese italiane, con una riserva di euro per le Pmi, che investono in Cina. I limiti di intervento sono identici a quelli indicati per il Fondo Mediterraneo, né è previsto un importo Pagina 6 di 8

7 massimo dell intervento. Il Fondo Russia Ucraina Questo Fondo rotativo ( euro) è finalizzato al finanziamento di interventi aggiuntivi della Simest per favorire la costituzione di imprese nella Federazione russa e in Ucraina. I limiti di intervento sono identici a quelli ricordati per il Fondo Mediterraneo, né è previsto un importo massimo dell intervento. Principi contrattuali di riferimento L intervento dei Fondi è disciplinato da alcuni principi contrattuali di riferimento che possono essere così riassunti: la Simest ha la facoltà di partecipare agli organi di amministrazione e di controllo della società estera; la Simest esprime un rappresentante nelle assemblee per il bilancio e per le decisioni strategiche della società; la Simest ha la facoltà di richiedere la certificazione del bilancio da parte di una primaria società di revisione, con particolare attenzione per investimenti del Fondo rilevanti, ovvero superiori a 1 milione di euro in una stessa società estera; al Fondo viene corrisposto un corrispettivo fisso riconosciuto dal partner italiano quale remunerazione forfetaria a fronte della cessione dei diritti di godimento delle azioni; il precedente corrispettivo fisso è calcolato, per tutti i Fondi, sulla base del Tasso ufficiale di riferimento della Banca Centrale Europea alla data della delibera (marzo 2004 = 2%), maggiorato di un punto percentuale; obbligo al riacquisto da parte dell obbligato contrattualmente, della quota detenuta dal Fondo; in caso di inadempimenti, nel rapporto con il Fondo viene prevista la facoltà espressa per la dismissione della partecipazione Simest detenuta ai sensi dell art. 1 della legge 100/90; in ogni caso di dismissione della partecipazione detenuta da Simest ai sensi della legge 100 è previsto l obbligo del partner a riacquistare anche la quota del Fondo; la valutazione del prezzo di cessione da parte della Simest in accordo con il partner avviene con riferimento al maggiore valore fra: patrimonio netto rettificato secondo i Principi contabili internazionali (IAS); costo della partecipazione in euro; quotazione di Borsa (ove esistente). Qualora il partner italiano intenda cedere a terzi la propria partecipazione (in tutto o in parte) si terrà conto, in aggiunta a quanto sopra, anche dell offerta dei terzi ai fini della determinazione del prezzo di cessione. Pagina 7 di 8

8 GLOSSARIO Venture Capital Attività di investimento in capitale di rischio realizzata da operatori professionali e finalizzata all'avvio di nuove imprese o al sostegno di progetti di sviluppo di imprese già esistenti. Globalizzazione E l era che indica le nuove forme assunte dal processo di accumulazione di capitale, soprattutto in questo fine secolo, dalla triade Usa, Giappone, Unione Europea, per creare un unico mercato e per ottenere profitti su scala mondiale.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Finanziamenti su misuranews - rivista di agevolazioni e tecniche finanziarie Pagina 8 di 8

Strumenti finanziari all internazionalizzazione. Gloria Targetti Responsabile Simest Milano

Strumenti finanziari all internazionalizzazione. Gloria Targetti Responsabile Simest Milano 34 INTERNATIONAL EXPODENTAL Tavola Rotonda Asia ed Europa dell Est: Opportunità e criticità Strumenti finanziari all internazionalizzazione Gloria Targetti Responsabile Simest Milano SIMEST promuove l

Dettagli

Gloria Targetti Responsabile Sportello Internazionalizzazione Lombardia

Gloria Targetti Responsabile Sportello Internazionalizzazione Lombardia Verso il V vertice Unione Europea America Latina e Caraibi: come partecipare nello sviluppo territoriale del Centro America? Gloria Targetti Responsabile Sportello Internazionalizzazione Lombardia Milano,

Dettagli

GLI STRUMENTI A SUPPORTO DEI PROGRAMMI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE

GLI STRUMENTI A SUPPORTO DEI PROGRAMMI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE GLI STRUMENTI A SUPPORTO DEI PROGRAMMI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Torino, 14/10/2005 1 CONTENUTI DEL DOCUMENTO ACCORDO DI COLLABORAZIONE SANPAOLO IMI SIMEST YES MERCATI ESTERI 2 ACCORDO

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Vincenzo Pagano Dipartimento Sviluppo e Advisory Referente SIMEST Area Nord Est Vicenza,

Dettagli

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero Gloria Targetti Dipartimento Promozione e Marketing Varese, 8 maggio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory

Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory Impresa e finanza insieme per le energie sostenibili Luigi Antonelli Dipartimento Sviluppo e Advisory Roma 11 febbraio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale. Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Marco Rosati Responsabile Funzione Desk Italia CONFINDUSTRIA - Roma, 8 ottobre 2015

Dettagli

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi Roma, 14 ottobre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

Club dei Diplomatici Commerciali delle Ambasciate Estere in Italia

Club dei Diplomatici Commerciali delle Ambasciate Estere in Italia Club dei Diplomatici Commerciali delle Ambasciate Estere in Italia Udine, 5 novembre 2010 P.Perin, Responsabile Marketing Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto Chi

Dettagli

Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia

Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia Alessandra Camposampiero Vicepresidente Finest FINEST: assistenza a tutto campo per il successo del business all estero Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro

20 anni 500 260 mln di euro 1,75 md di euro FINEST S.p.A. 20 anni di progetti di internazionalizzazione 500 operazioni sviluppate all estero 260 mln di euro investiti 1,75 md di euro di investimenti complessivi generati 30 Paesi di competenza: CHI

Dettagli

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it SIMEST in BRASILE SIMEST è la merchant bank a capitale pubblico (Ministero delle Attività Produttive 76%) e privato

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane.

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane. FEDERCHIMICA 2a Conferenza Nazionale N.I.C. Nanotecnologie nell Industria Chimica Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Le attività di Venture Capital di SIMEST Milano 2 dicembre

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO P R E M E S S A La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stata creata nel 1991. Con sede a Londra, la BERS è un istituzione internazionale

Dettagli

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012

Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane. Maputo, 28-29 ottobre 2012 Strumenti finanziari e servizi per l internazionalizzazione delle imprese italiane Maputo, 28-29 ottobre 2012 Missione SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese italiane mediante: partecipazione

Dettagli

Gloria Targetti. Responsabile Area Mercato Nord-Ovest

Gloria Targetti. Responsabile Area Mercato Nord-Ovest Gloria Targetti Responsabile Area Mercato Nord-Ovest SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata dalle principali banche italiane e dal sistema Confindustria SIMEST gestisce

Dettagli

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015 LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI Enrica Rubatto Desk Italia Referente SIMEST per Piemonte e Liguria Novara, 10 dicembre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione ii globale l Finanziaria controllata

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

1991-2011 ANNI. Partner d impresa per la competizione globale

1991-2011 ANNI. Partner d impresa per la competizione globale 20 1991-2011 ANNI Partner d impresa per la competizione globale SIMEST è la finanziaria di sviluppo e promozione delle attività delle imprese italiane all estero ed ora anche in Italia Storia 1990 la

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Marco Palazzi SIMEST - Triveneto. Treviso 2 dicembre 2010. Camera di Commercio di Treviso

Marco Palazzi SIMEST - Triveneto. Treviso 2 dicembre 2010. Camera di Commercio di Treviso Camera di Commercio di Treviso Seminario : COLLABORAZIONE COMMERCIALE E PRODUTTIVA CON LA SERBIA STRUMENTI FINANZIARI SIMEST E PROGETTI TIPICI Marco Palazzi SIMEST - Triveneto Treviso 2 dicembre 2010 SIMEST

Dettagli

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Brescia, 5 novembre 2015 2 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Contributi a fondo perduto Voucher Export Manager Campo Libero Bando Reti

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Cassino 22/1/2009 Chi siamo Invitalia, l'agenzia nazionale per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS L internazionalizzazione dei servizi innovativi Roma, 30 giugno 2010 I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS Intervento del Min. Plen. Filippo Scammacca del Murgo capo dell Ufficio Finanziario della

Dettagli

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012).

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012). Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Divisione VI Europa e Mediterraneo RESOCONTO 35 COMITATO

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE di Isabella Angiuli Per la costituzione di società all estero (impianti produttivi o sedi commerciali) esistono alcuni incentivi sia a

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Missione Governo Regioni in Brasile

Missione Governo Regioni in Brasile Missione Governo Regioni in Brasile SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria del Ministero dello Sviluppo Economico, partecipata dalle principali banche italiane e dal sistema Confindustria

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL BEI La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria istituita nel 1958 con il Trattato di

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7)

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7) STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO (L. 49/87, Artt. 6 e 7) 2 STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA La Legge-quadro sulla cooperazione allo sviluppo n. 49/87 prevede

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory BUSINESS FOCUS PAESE MAROCCO, UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE SALERNO LUNEDÌ 30 MARZO 2015 ORE 15.00 CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA - VIA ROMA, 29 SALERNO INTERTRADE/CAMERA DI

Dettagli

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA COS E Finanziaria che sostiene lo sviluppo delle imprese italiane impegnate a realizzare

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Catania 31 marzo 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

CDE. Finanziamenti europei per iniziative imprenditoriali in Africa Subsahariana: incontro con il CDE

CDE. Finanziamenti europei per iniziative imprenditoriali in Africa Subsahariana: incontro con il CDE CDE Finanziamenti europei per iniziative imprenditoriali in Africa Subsahariana: incontro con il CDE Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Confindustria 29 settembre 2009

Dettagli

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI

APPROFONDIMENTO LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE SMART & START: LE MISURE PREVISTE PER INCENTIVARE PROGETTI IMPRENDITORIALI INNOVATIVI A cura del centro studi economico finanziario della Financial Advisors Business www.fabfinance.eu

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art.5 del Regolamento Consob n.17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.17389

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

Le rinnovabili in Turchia Opportunità di investimento

Le rinnovabili in Turchia Opportunità di investimento Partner d impresa per la competizione globale Le rinnovabili in Turchia Opportunità di investimento Finanziare gli investimenti in Turchia gli strumenti SIMEST Luigi Antonelli SIMEST Dipartimento Sviluppo

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Direzione Programmi Comunitari - Dipartimento Industria - IPI 1 Premessa: il lavoro dell IPI nell ambito del progetto

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia. Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A.

Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia. Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A. Il supporto di Finest S.p.A. alla cooperazione economica tra Italia e Armenia Ing. Renato Pujatti, Presidente Finest S.p.A. Finest oggi L. 19/91 6 uffici Finest: lo specialista finanziario per la cooperazione

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Attivati gli incentivi a favore delle imprese che si vogliono inserire nel mercato estero

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Attivati gli incentivi a favore delle imprese che si vogliono inserire nel mercato estero News per i Clienti dello studio del 9 Ottobre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Attivati gli incentivi a favore delle imprese che si vogliono inserire nel mercato estero Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

COME FINANZIARE L INVESTIMENTO IN CINA

COME FINANZIARE L INVESTIMENTO IN CINA LA CINA: UNA GRANDE STELLA AD ORIENTE OPPORTUNITA O MINACCIA? Alba, 9 Giugno 2005, Auditorium Fondazione Ferrero COME FINANZIARE L INVESTIMENTO IN CINA Enrico Arrigoni Attività Internazionali e Reti Estere

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi STRUMENTI DI SOSTEGNO

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

Partecipare al capitale delle imprese: i prodotti e i servizi di SIMEST

Partecipare al capitale delle imprese: i prodotti e i servizi di SIMEST Partecipare al capitale delle imprese: i prodotti e i servizi di SIMEST Gloria Targetti Dipartimento Sviluppo e Advisory Desk Italia - Referente SIMEST Area Nord Ovest Milano 29 ottobre 2015 SIMEST Partner

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*)

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*) Riferimento SIMEST.. (a cura del destinatario) SIMEST SPA DIPARTIMENTO AGEVOLAZIONI CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.323 00186 R O M A DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE

Dettagli

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Roma 3 luglio 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria controllata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri IL SISTEMA ITALIA DI SOSTEGNO ALL EXPORT SUI MERCATI EMERGENTI E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INDUSTRIALE ITALIANO DELLE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA Fiera Milano 7 maggio 2014 Strumenti di

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari della Cooperazione allo Sviluppo italiana a sostegno del settore privato: crediti d aiuto e imprese miste

Gli Strumenti Finanziari della Cooperazione allo Sviluppo italiana a sostegno del settore privato: crediti d aiuto e imprese miste DIREZIONE AFRICA: strumenti finanziari di nuova generazione per le imprese italiane (Vicenza, 23 febbraio 2015) Gli Strumenti Finanziari della Cooperazione allo Sviluppo italiana a sostegno del settore

Dettagli

Gli interventi di agevo- lazione per le attività estere delle PMI Italiane

Gli interventi di agevo- lazione per le attività estere delle PMI Italiane Gli interventi di agevo- lazione per le attività estere delle PMI Italiane Corso di Alta Formazione in Commercio Elettronico ed Internazionale (SCI GROUP S.p.A.) 1 Le Tipologie coperte Attività commerciali;

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento di Cassa depositi e prestiti S.p.a.

Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento di Cassa depositi e prestiti S.p.a. Società Italiana per le Imprese all Estero - SIMEST S.p.A. Sede LegaLe: Corso Vittorio emanuele II, 323-00186 Roma Telefono +39 06 686351 - www.simest.it - info@simest.it Capitale sociale euro 164.646.231,88

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott.ssa Monica Pazzini

Dettagli