L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA"

Transcript

1 L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA G. Tuè Prodotti Servizi Aziende G. Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor Spa Reggio Emilia, 05 giugno 2013

2 Agenda Situazione di mercato Contesto normativo Certificazione Iniziativa ABI Certificazione 2

3 Situazione di mercato La congiuntura economica di questi ultimi anni, unitamente all annosa questione dei ritardi di pagamento da parte della Pubblica Amministrazione, si riflettono in modo pesante sull equilibrio economico-finanziario delle imprese che continuano a fornire beni e servizi senza poter contare sulla regolarità degli incassi. In Italia, ad acuire le difficoltà delle PMI creditrici, concorrono due elementi: l entità dei crediti arretrati il cui ammontare si stima essere fra i 70 e i 100 miliardi di euro; i tempi medi di incasso si attestano a circa 180 gg. (media europea 90 gg.) con punte di inefficienza che possono superare i 900 giorni. Tale situazione è stata l elemento determinante per alcuni provvedimenti governativi volti a consentire alle imprese italiane la monetizzazione dei crediti arretrati attraverso una più agevole disciplina sulla certificazione dei crediti. 3

4 Situazione di mercato - DSO SERIE STORICA TOTALE PANEL 2013 (SANITA ) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto DSO DSO DSO DSO DSO DSO DSO DSO REGIONE Panel Panel Panel Panel Panel Panel Panel Panel VALLE D'AOSTA PIEMONTE LIGURIA LOMBARDIA TRENTINO A.A VENETO FRIULI EMILIA ROMAGNA TOSCANA MARCHE UMBRIA ABRUZZO MOLISE LAZIO CAMPANIA BASILICATA PUGLIA CALABRIA SICILIA SARDEGNA NAZIONALE

5 Contesto normativo Tra maggio e giugno 2012, sono stati emanati quattro decreti ministeriali con cui il Governo ha inteso regolare la procedura per la certificazione dei crediti per fornire liquidità alle imprese mediante il supporto del sistema bancario o attraverso compensazioni fra crediti e debiti nei confronti delle amministrazioni pubbliche. Nello specifico, rientrano fra tali misure: due decreti certificazione, il D.M. 22 maggio 2012 avente ad oggetto la certificazione dei crediti scaduti nei confronti delle amministrazioni centrali (inclusi gli enti pubblici nazionali), modificato dal D.M. 24 settembre 2012, e il D.M. 25 giugno 2012 avente ad oggetto la certificazione dei crediti scaduti nei confronti delle regioni ed enti locali (inclusi gli enti del Servizio Sanitario Nazionale), modificato dal D.M. 19 ottobre 2012; il decreto compensazione, D.M. 25 giugno 2012 avente ad oggetto la compensazione di crediti maturati nei confronti di regioni, enti locali ed enti del Servizio Sanitario Nazionale con le somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo, emanato in attuazione del decreto legge 31 marzo 2010 n. 78, convertito con modificazioni nella legge 30 luglio 2010 n. 122, così come modificato dal D.M. 19 ottobre 2012, che ne ha esteso l ambito ai crediti nei confronti dello Stato e degli enti pubblici nazionali; 5

6 Contesto normativo il decreto sul Fondo Centrale di Garanzia, D.M. 26 giugno 2012 avente ad oggetto le modifiche ed integrazioni ai criteri e alle modalità per la concessione della garanzia del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, emanato in attuazione dell art. 39 della legge 22 dicembre 2011 n. 214 (c.d. salva Italia ). da ultimo, sempre nell ottica di liberare i debiti bloccati e fornire liquidità alle imprese, il Governo ha emanato il decreto legge 8 aprile 2013 n. 35 recante Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali. 6

7 DL. n.35 - Pagamento dei debiti della P.A. I debiti che possono essere pagati sono quelli certi, liquidi ed esigibili alla data del 31 dicembre In linea generale, le Amministrazioni Pubbliche (Comuni, Province, Regioni e Ministeri) devono comunicare al Ministero dell Economia e delle Finanze, entro il 30 aprile 2013, l importo dei pagamenti da effettuare nel 2013 per estinguere i debiti maturati alla data del 31 dicembre 2012 nonché l importo di fatture o richieste pervenute a quella data. Entro il 15 maggio con Decreto del MEF sono individuati, per ciascun ente locale, gli importi da escludere dal patto di stabilità interno per il 90% dell importo comunicato. Entro il 30 giugno 2013, le amministrazioni comunicano ai creditori importo e data dei pagamenti effettuati nel L omessa comunicazione, così come l omessa registrazione e comunicazione dei debiti costituiscono responsabilità a carico del funzionario competente. 7

8 DL. n.35 - Pagamento dei debiti della P.A. Per il pagamento dei debiti di Enti locali (Comuni e Province), Regioni e Servizio Sanitario Nazionale, il provvedimento prevede: l utilizzo delle risorse che gli enti hanno già a disposizione nelle loro casse ovvero, in caso di assenza di risorse di cassa, l accesso, su richiesta delle Pubbliche amministrazioni interessate, ad un apposito fondo, denominato Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili. Il fondo è dotato complessivamente di 26 miliardi di euro e suddivisi in tre sezioni: Enti locali (4 miliardi), Regioni (8 miliardi) e S.S.N. (14 miliardi). Le misure di immediata attuazione riguardano gli enti che dispongono già di risorse in cassa. Nel procedere al pagamento dei debiti arretrati, le Pubbliche Amministrazioni devono dare priorità ai pagamenti alle imprese rispetto ai pagamenti agli istituti finanziari (cessioni pro soluto) e seguire l ordine cronologico dei debiti, a cominciare da quelli più vecchi. Il provvedimento prevede la compensazione crediti-debiti fiscali. A decorrere dal 2014 il limite dei crediti d imposta e contributi compensabili è aumentato da a euro. 8

9 DL. n.35 - la ricognizione dei debiti pregressi della PA Le Amministrazioni Pubbliche sono obbligate a registrarsi alla piattaforma telematica di certificazione dei crediti P.A. entro il 29 aprile Prevista una sanzione di 100 euro per ogni giorno di ritardo. Tra il 1 giugno 2013 ed il 15 settembre 2013, le Pubbliche Amministrazioni devono comunicare alla piattaforma l elenco completo dei debiti maturati al 31 dicembre 2012, con l indicazione dei dati del creditore. L inclusione del credito, non già oggetto di cessione o certificazione, nell elenco equivale ad una certificazione del credito senza data (art. 9 comma 3-bis del DL 185/2008). Il rispetto dei tempi rientra nei criteri di valutazione dei funzionari degli enti interessati. E prevista la possibilità per il creditore di segnalare preventivamente la presenza del credito per assicurarsi di essere presente nell elenco e la possibilità di avere la certificazione per le vie ordinarie. Una volta pubblicato l elenco completo, il creditore ha la possibilità di chiedere modifiche e/o integrazioni. Qualora la PA non provveda o esprima un motivato diniego entro 15 giorni, il creditore ha la possibilità di chiedere la nomina di un commissario ad acta. Entro il 15 settembre 2013, le banche e intermediari finanziari, tramite l ABI, comunicano l elenco dei crediti oggetto di cessione distinguendo tra cessioni pro soluto e cessioni pro solvendo. Con la legge di stabilità 2014 può essere autorizzato il pagamento di questi crediti mediante assegnazione di Titoli di Stato. 9

10 Certificazione Per favorire lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della P.A., i decreti certificazione attuano l obbligo per lo Stato, gli enti pubblici nazionali, le regioni, gli enti locali e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale di certificare, su istanza del creditore, gli eventuali crediti relativi a somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti. L istanza di certificazione può essere presentata da chiunque, società, impresa individuale o persona fisica, vanti un credito non prescritto, certo, liquido ed esigibile, scaturente da un contratto avente ad oggetto somministrazioni, forniture ed appalti nei confronti di una P.A. Non tutti gli Enti possono rilasciare la certificazione: SI Amministrazioni statali, centrali e periferiche Regioni e province autonome Enti locali Enti del Servizio Sanitario Nazionale NO Enti locali commissariati; Enti del Servizio Sanitario Nazionale delle regioni sottoposte a piano di rientro dal disavanzo Organismi costituzionali (es. Presidenza della Repubblica, parlamento) Camere di commercio/industria/agricoltura Società a partecipazione statale (es. Accademie, Sovrintendenza) Enti ed organismi di diritto privato Società a partecipazione pubblica 10

11 Piattaforma telematica MEF Il procedimento di certificazione del credito è gestito a regime tramite una Piattaforma per la Certificazione dei Crediti messa a disposizione dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Accedendo al portale le imprese possono effettuare l accreditamento e successivamente richiedere la certificazione. 11

12 Piattaforma telematica MEF La procedura transitoria definita dal MEF prevede il seguente iter: 1. il titolare del credito, avvalendosi delle funzionalità offerte dalla Piattaforma, salva su un dispositivo elettronico (chiavetta USB, Hard Disk, etc.): la Certificazione del Credito, l Estratto Conto del credito certificato il Modulo di registrazione operazione di anticipazione/cessione di credito certificato e li presenta all istituto finanziario presso cui intende smobilizzare il credito. La Certificazione del Credito e l Estratto Conto consentiranno all istituto finanziario di verificare l esistenza del credito e l importo disponibile ai fini dell operazione; se la verifica dei documenti ha esito positivo e si decide di dare seguito all operazione, l istituto compila il Modulo di registrazione operazione, che, debitamente compilato e sottoscritto, deve essere trasmesso, a cura del titolare del credito, alla pubblica amministrazione debitrice; 12

13 Piattaforma telematica MEF 3. la pubblica amministrazione debitrice, ricevuto il Modulo di registrazione operazione, compilato e sottoscritto dall istituto finanziario, provvede ad effettuare la registrazione dell operazione sulla piattaforma PCC; 4. effettuata la registrazione dell operazione, il titolare del credito, avvalendosi dell apposita funzionalità presente sulla piattaforma PCC, salva l Estratto Conto aggiornato su un dispositivo elettronico (chiavetta USB, Hard Disk, etc.) e lo consegna all istituto finanziario; 5. l istituto finanziario, verificato che l Estratto Conto aggiornato attesta che l operazione è stata correttamente registrata sulla piattaforma PCC, può procedere all erogazione del finanziamento. 13

14 Piattaforma telematica MEF Si prevede che il processo transitorio si concluda a fine luglio, momento in cui la piattaforma telematica CBI (corporate banking Interbancario) dovrebbe integrare l intero processo di gestione delle certificazioni consentendo ai diversi soggetti coinvolti la gestione dell operazione nel suo complesso: la richiesta di certificazione la visualizzazione l esecuzione dell anticipo 14

15 Iniziativa ABI Nell ambito delle diverse iniziative a favore delle PMI promosse dall ABI avviate lo scorso 28 febbraio con la sottoscrizione delle Nuove misure per il credito alle PMI era già previsto lo sviluppo di un nuovo accordo per agevolare lo smobilizzo dei crediti verso la Pubblica Amministrazione. Ai sensi dell accordo, lo smobilizzo di tali crediti verso la pubblica amministrazione può avvenire attraverso diverse forme tecniche: sconto pro soluto anticipazione crediti con cessione (sconto pro solvendo) anticipazione del credito senza cessione Il Gruppo Credem ha aderito all accordo Crediti PA, il Gruppo Credem costituendo un apposito plafond che potrà essere utilizzato attraverso operazioni di anticipazione, anche tramite factoring, dei crediti certificati ai sensi della normativa vigente, vantati dalle PMI nei confronti della Pubblica amministrazione. Le prime due tipologie di anticipazione sono gestite attraverso Credemfactor e l ultima in modalità diretta su CredemBanca. 15

16 Iniziativa ABI Con specifico riferimento all anticipazione del credito senza cessione, l iniziativa ABI, lascia alla banca la piena autonomia decisionale nella valutazione delle singole operazioni di finanziamento, senza prevedere alcuna forma di automatismo nella concessione del credito, e stabilisce le regole generali per l accesso all iniziativa da parte delle imprese: Beneficiari Aziende PMI in bonis Oggetto Crediti certi, liquidi ed esigibili verso Pubblica Amministrazione (Amm. Statali e Enti Pubblici Nazionali, Regioni, Enti locali e SSN) per i quali la PA rilascia certificazione. Esclusi enti/amministrazioni soggetti a commissariamento o a procedure di rientro deficit. Forma tecnica Anticipazione di crediti certificati (senza cessione). Anticipo non inferiore al 70% del credito certificato. Garanzie Copertura del Fondo di Garanzia (ex L. 662/96) fino al 70% dell anticipazione. Mandato irrevocabile all incasso rilasciato dalla PMI a favore banca. Obbligatorie per il perfezionamento dell operazione. Condizioni Tasso di interesse determinato sulla base del costo provvista BCE. Le altre condizioni dell affidamento sono lasciate alla libera negoziazione tra le parti. 16

17 Anticipazione e copertura crediti nei confronti di Enti Pubblici 17

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI TITOLARI DEL CREDITO Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona 2 LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Le operazioni previste Condizioni economiche

Dettagli

Guida pratica BOZZA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COPYRIGHT BANCARIA EDITRICE

Guida pratica BOZZA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COPYRIGHT BANCARIA EDITRICE Guida pratica ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 2 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona I tempi di risposta LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Come funziona Le operazioni

Dettagli

LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1. Certificazione dei crediti vantati nei confronti della P.A. 2. Compensazione con somme iscritte a ruolo 3. Fondo di garanzia per

Dettagli

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 e la certificazione dei crediti Unindustria Reggio Emilia 5 giugno 2013 Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Scenario AMMONTARE

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

STUDIO LAMBERTO RAG. DANIELA T.F. 011/7490099 E-MAIL segreteria@studiolamberto.it. Informativa per la clientela di studio

STUDIO LAMBERTO RAG. DANIELA T.F. 011/7490099 E-MAIL segreteria@studiolamberto.it. Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 160 del 24.10.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Certificazione dei crediti della PA: la procedura è online E stata resa operativa la piattaforma web che

Dettagli

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012 Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Certificazione crediti PA: pronta la piattaforma telematica Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Introduzione. Accreditamento

Introduzione. Accreditamento Introduzione Vanti un credito nei confronti di una P.A.? Vuoi ottenere il riconoscimento del tuo credito? Oggi tutto questo è possibile, in modo semplificato, grazie alla piattaforma per la certificazione

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

FATTURAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

FATTURAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott. Giovanni Maria CONTI Dott. Emanuela Maria CONTI Dott. Marcello PRIORI Dott. Domenico MAISANO Avv. Emanuela REGAZZI Dott. Simone DALLEDONNE Dott. Lorenzo PICCININI Dott. Florjan SHTYLLA Dott. Domenico

Dettagli

I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme

I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme Mariangela Focacci Analisi e monitoraggio legislazione economica, Crediti Sanitari Napoli,

Dettagli

Decreti per accelerare i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni. 22 maggio 2012

Decreti per accelerare i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni. 22 maggio 2012 Decreti per accelerare i pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni 22 maggio 2012 Un percorso disegnato in più fasi Fase 1 Fase 2 L emergenza: certificazione per ottenere liquidità tramite il sistema bancario

Dettagli

LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Una prima lettura del decreto-legge n 35/2013 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Seminario sul decreto-legge per

Dettagli

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE, PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO, DEI CREDITI

Dettagli

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con Decreto 24.09.2014,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.4 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI CERTIFICATI

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI CERTIFICATI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI CERTIFICATI Versione 1.1 del 10/04/2013 Sommario Premessa... 3 1. Il contesto normativo... 4 2. Compensazione

Dettagli

Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni

Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni A cura del dottor Erminio Di Nora Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che in data 22.05.2012 è

Dettagli

I pagamenti dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche

I pagamenti dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche I pagamenti dei debiti commerciali delle amministrazioni pubbliche Presentazione della Piattaforma per la Certificazione dei Crediti - Sistema PCC Roma, 22 ottobre 2015 Come nasce la Piattaforma per la

Dettagli

CERTIFICAZIONE DEL CREDITO - FAQ

CERTIFICAZIONE DEL CREDITO - FAQ MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE CERTIFICAZIONE DEL CREDITO - FAQ AGGIORNAMENTO AL 26 LUGLIO 2012 ARGOMENTO DOMANDA RISPOSTA 1.SOGGETTI COINVOLTI A quali amministrazioni ed enti può essere inviata

Dettagli

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Ai gentili clienti Loro sedi Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Premessa Coloro che intendono partecipare alla procedura di liquidazione dei crediti nei

Dettagli

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Crediti PA: modificati i termini per l intervento del fondo di garanzia Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il DM 11.03.2015 ha modificato i termini

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA!

Pagamento dei debiti della PA! Pagamento dei debiti della PA L intervento della CDP SpA Forum Banche e PA 2014 Roma 30 Ottobre 2014 I debiti della PA: stima e pagamenti 2013/2014 Banca d Italia Indebitamento commerciale della PA 75Mld

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

SANITARIE PUBBLICHE. Andrea Guglieri. Milano, 27 novembre 2012

SANITARIE PUBBLICHE. Andrea Guglieri. Milano, 27 novembre 2012 TEMPI DI PAGAMENTO DELLE AZIENDE SANITARIE PUBBLICHE Andrea Guglieri Centro Studi - Milano, 27 novembre 2012 CHI VINCERA? 2 IL QUADRO EUROPEO, TEMPI DI PAGAMENTO (MAGGIO 2012) 30 gg. 45 gg. 65 gg. 307

Dettagli

9 LUGLIO 2012 ESPERIENZE SEBIA ITALIA SRL

9 LUGLIO 2012 ESPERIENZE SEBIA ITALIA SRL INCONTRO CREDITI 9 LUGLIO 2012 ESPERIENZE SEBIA ITALIA SRL a cura di Ferruzza Daniele Finance Director Decreti ingiuntivi attivati dal 2005 nei confronti di Enti Pubblici REGIONE D.I. INTERESSI ATTIVATI

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI Versione 1.0 del 11/10/2012 Paragrafo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti istruzioni tecniche si intende per: a) DL 185/08: il decreto

Dettagli

DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A.

DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A. DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A. Art. 13 bis comma 5 d.l. n. 52/ 2012 ART. 13 BIS, COMMA 5, D. L. 7 MAGGIO 2012, N. 52 CONVERTITO DALLA L. N. 94 DEL 6 LUGLIO 2012 «Il documento

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Roma, 11 giugno 2013 Scenario AMMONTARE DEI DEBITI DELLA PA: 90 miliardi (stima Banca d Italia) TEMPI DI PAGAMENTO PA: 180

Dettagli

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER ṭ. CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE E L'ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA PER L'ACCESSO DA PARTE DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ALLA PIATTAFORMA ELETTRONICA PER LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A.

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Informativa per la clientela di studio N. 157 del 29.10.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Il Mef ha previsto particolari modalità di compensazione nel

Dettagli

La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali

La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali Fiscalità Edilizia Commissione Referente Economico - Fiscale Tributario 10 aprile 2014 Schema operativo GLI STRUMENTI DI UTILIZZO DEI CREDITI

Dettagli

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE Allegato parte integrante All.1) Schema di protocollo SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO

Dettagli

Riferimenti normativi. - art. 1, comma 16 del D.L. n. 194 del 30.12.2009 (c.d. decreto mille proroghe); Requisiti soggettivi richiesti

Riferimenti normativi. - art. 1, comma 16 del D.L. n. 194 del 30.12.2009 (c.d. decreto mille proroghe); Requisiti soggettivi richiesti AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) ADERENTI ALL INIZIATIVA TESA AD AGEVOLARE LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI SUI CREDITI AI CREDITORI DEL COMUNE

Dettagli

I CREDITI VANTATI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FISCO E TRIBUTI

I CREDITI VANTATI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FISCO E TRIBUTI Ambrosia Corporate Solutions Newsletter I CREDITI VANTATI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FISCO E TRIBUTI Ottobre 2014 Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha pubblicato il Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Oggetto: Adesione al Protocollo promosso dalla Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

Introduzione. Importanti evoluzioni. Fatture tradizionali o elettroniche?

Introduzione. Importanti evoluzioni. Fatture tradizionali o elettroniche? Introduzione Dal 18 ottobre 2012, grazie alla Piattaforma per la Certificazione dei Crediti, chiedere la certificazione dei crediti relativa a somme dovute per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni

Dettagli

Deal D.L. N. 66/2014. Servizio per la Certificazione del credito vantato nei confronti della P.A.

Deal D.L. N. 66/2014. Servizio per la Certificazione del credito vantato nei confronti della P.A. Servizio per la Certificazione del credito vantato nei confronti della P.A. Con il D.L. n. 66/2014 si è esteso l obbligo di certificazione dei crediti vantati nei confronti della P.A. a tutte le pubbliche

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Agli Associati. 23 luglio 2012. Loro Sedi. Prot. UCR/ULG/UTR/001638

Agli Associati. 23 luglio 2012. Loro Sedi. Prot. UCR/ULG/UTR/001638 Roma, 23 luglio 2012 Prot. UCR/ULG/UTR/001638 Agli Associati Loro Sedi Chiarimenti operativi sull accordo, siglato il 22 maggio 2012 tra l ABI e le altre principali associazioni imprenditoriali, relativo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 09-04-2013. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX. Corriere Mercantile. 1 La lista dei pagamenti in ordine di anzianità

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 09-04-2013. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX. Corriere Mercantile. 1 La lista dei pagamenti in ordine di anzianità Il Sole 24 Ore RASSEGNA STAMPA Martedì, 09-04-2013 1 La lista dei pagamenti in ordine di anzianità Il Secolo XIX 1 Così lo Stato pagherà i debiti alle imprese 2 Centrale acquisti, troppi soldi sprecati

Dettagli

PROVINCIA DI COMO. Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO

PROVINCIA DI COMO. Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO PROVINCIA DI COMO Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) FINALIZZATO A FAVORIRE AI CREDITORI

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, n. 35

DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, n. 35 DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, n. 35 (pubblicato sulla G.U. n. 82 dell 8 aprile 2013) DISPOSIZIONI URGENTI PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI SCADUTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PER IL RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi COMUNICATO STAMPA ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi Inviati alle banche i protocolli siglati con le Associazioni delle imprese, in attesa della pubblicazione dei 4

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale Reverse Factoring PA Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese italiane nei confronti della Pubblica Amministrazione locale e centrale Roma, Maggio 2012 Versione: 1.0 BancoPosta

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 15 del 24 ottobre 2014 Crediti commerciali certificati

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE Circolare n. 5 del 21 Luglio 2013 Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE 1 Premessa... 3 2 Utilizzo dei crediti commerciali

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

I RITARDI DI PAGAMENTO DELLA P.A. NEL SETTORE DEI LAVORI PUBBLICI

I RITARDI DI PAGAMENTO DELLA P.A. NEL SETTORE DEI LAVORI PUBBLICI I RITARDI DI PAGAMENTO DELLA P.A. NEL SETTORE DEI LAVORI PUBBLICI Ing. Romain Bocognani Direzione Affari Economici e Centro Studi Le novità del 2012 in materia di Contratti Pubblici Cagliari, 8 febbraio

Dettagli

4. Caratteristiche minime delle prestazioni richieste: 5. Inserimento nell elenco e pubblicazione:

4. Caratteristiche minime delle prestazioni richieste: 5. Inserimento nell elenco e pubblicazione: AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) ADERENTI ALL INIZIATIVA TESA AD AGEVOLARE LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI SUI CREDITI AI FORNITORI DEL COMUNE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI L anno 2009, il giorno 5 di Agosto, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I PROVINCIA DI TERNI RAGIONERIA Oggetto: Decreto Legge 8 Aprile 2013, n.55. Individuazione misure urgenti per il pagamento dei debiti maturati al 31 Dicembre 2912

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Prot. n 6040 /p/cv Roma, 27 gennaio 2014. A tutte le Casse Edili. e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE.

Prot. n 6040 /p/cv Roma, 27 gennaio 2014. A tutte le Casse Edili. e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Prot. n 6040 /p/cv Roma, 27 gennaio 2014 Lettera Circolare n 3/2014 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Oggetto: Durc ex art. 13 bis, comma

Dettagli

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia.

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia. Protocolli Confindustria-ABI. Smobilizzo crediti PA e Investimenti Roma, 29 Maggio 2012 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Si allegano i protocolli firmati il 22 maggio

Dettagli

Confederazione Nazionale

Confederazione Nazionale Dipartimento Politiche Industriali il Responsabile Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale Sede di Bruxelles 00161 Roma - Via G.A. Guattani, 13 B - 1000

Dettagli

Factoring e convenzione fornitori

Factoring e convenzione fornitori Factoring e convenzione fornitori Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Giuliano Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor S.p.A. Il Factoring Il concetto può essere sintetizzato in 4 parole chiave: 1. Valutazione

Dettagli

Analisi delle disposizioni di diretto interesse degli enti locali

Analisi delle disposizioni di diretto interesse degli enti locali Nota di lettura del decreto legge n. 35/13 disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia

Dettagli

Decreto Ministeriale del 22 maggio 2012

Decreto Ministeriale del 22 maggio 2012 Decreto Ministeriale del 22 maggio 2012 Modalità di certificazione del credito, anche in forma telematica, di somme dovute per somministrazione, forniture e appalti da parte delle amministrazioni dello

Dettagli

Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana

Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana Avviso alle imprese creditrici delle Asl e altri enti del SST Sono pubblicati i due seguenti avvisi con aggiornamenti alla data del 31 luglio

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC)

Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC) Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC) Questo documento ha lo scopo di fornire il necessario supporto al creditore per l esecuzione degli adempimenti ai sensi del

Dettagli

GUIDA AL RILASCIO DEL DURC

GUIDA AL RILASCIO DEL DURC PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA AL RILASCIO DEL DURC IN PRESENZA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO DECRETO MINISTERIALE 13 MARZO 2013 Versione 1.0 del 09/01/2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

UN OPPORTUNITÀ CONCRETA PER I COMUNI E LE IMPRESE DELLA LOMBARDIA FAVORISCE LA RIPRESA DEGLI INVESTIMENTI E DÀ CERTEZZA DI PAGAMENTO ALLE IMPRESE

UN OPPORTUNITÀ CONCRETA PER I COMUNI E LE IMPRESE DELLA LOMBARDIA FAVORISCE LA RIPRESA DEGLI INVESTIMENTI E DÀ CERTEZZA DI PAGAMENTO ALLE IMPRESE Milano, 3 febbraio 2014 Che cos è UN OPPORTUNITÀ CONCRETA PER I COMUNI E LE IMPRESE DELLA LOMBARDIA FAVORISCE LA RIPRESA DEGLI INVESTIMENTI E DÀ CERTEZZA DI PAGAMENTO ALLE IMPRESE DURATURA: possibilità

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014 Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/10/2014 Circolare n. 121 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 373 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 20 marzo 2013

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA COPIA COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N. 80 Adunanza del 30.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PARTECIPAZIONE AL'INIZIATIVA DELLA REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI ELENCO OPERATORI FINANZIARI ADERENTI ALL INIZIATIVA VOLTA A FAVORIRE AI CREDITORI DELLA PROVINCIA LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI

Dettagli

GUIDA AL RILASCIO DEL DURC

GUIDA AL RILASCIO DEL DURC PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA AL RILASCIO DEL DURC IN PRESENZA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO DECRETO MINISTERIALE 13 MARZO 2013 Versione 1.0 del 09/01/2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 Premessa Le seguenti disposizioni procedurali riguardano la certificazione dei crediti prevista

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI Il giorno..., alle ore..., in Varese, via..., presso la sede della Camera di Commercio,

Dettagli

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal Allegato A CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

seguito di iscrizione a ruolo). - 1. A partire dal 1 gennaio 2011, i

seguito di iscrizione a ruolo). - 1. A partire dal 1 gennaio 2011, i ATTO DI INVITO A PROVVEDERE FEDERLAB ITALIA - Coordinamento Nazionale dei Laboratori di Analisi, con sede in Roma, Via del Corso, n. 42, in persona del Presidente p.t., Dott. Vincenzo D Anna ESPONE 1.

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE Versione 2.4 del 19/01/2015 Sommario Cronologia delle revisioni... 5 Istruzioni per l uso... 6 PARTE I-FUNZIONI GENERALI...

Dettagli

DOTT. MARCELLO MARCONI

DOTT. MARCELLO MARCONI ANALISI E COMMENTI AL DL 66/2014 MISURE URGENTI PER LA COMPETITIVITÀ E LA GIUSTIZIA SOCIALE : Disposizioni in tema di Monitoraggio dei debiti delle Pubbliche Amministrazioni e strumenti per favorire la

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DDG 12 del 6 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, nella legge 8 novembre 2013, n. 128, recante Misure urgenti in materia

Dettagli

Decreto ministeriale 25 giugno 2012

Decreto ministeriale 25 giugno 2012 Decreto ministeriale 25 giugno 2012 (1) Modalità con le quali i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti delle Regioni, degli Enti locali e degli Enti del Servizio Sanitario

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO *******

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* Reg.Gen. N. 484 Del 30 OTT. 2014 DETERMINAZIONE DELL AREA FINANZIARIA n. 26 del 24/10/2014 OGGETTO: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell art.32 del

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

"Fattura Elettronica: riflessi sulla Piattaforma di Certificazione dei Crediti e sull attestazione dei tempi di Pagamento."

Fattura Elettronica: riflessi sulla Piattaforma di Certificazione dei Crediti e sull attestazione dei tempi di Pagamento. "Fattura Elettronica: riflessi sulla Piattaforma di Certificazione dei Crediti e sull attestazione dei tempi di Pagamento." - Normativa di riferimento - Finalità della Piattaforma e dell indice dei pagamenti

Dettagli