Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC)"

Transcript

1 Vademecum per i fornitori del Sistema Sanitario della Regione Campania (SSRC) Questo documento ha lo scopo di fornire il necessario supporto al creditore per l esecuzione degli adempimenti ai sensi del Decreto del Commissario ad acta N. 12/2011 e ss.mm.ii., di seguito DC 12/2011. Il contenuto del vademecum, pertanto, ha valore solo indicativo e non esaustivo delle previsioni del decreto di cui si può prendere visione sul sito alla pagina Aziende Private /Gestione Debitoria SSRC SOGGETTI che possono partecipare alla procedura: 1) tutti i creditori e/o mandatari all incasso titolari di crediti derivanti da forniture e/o prestazioni rese e fatturate al SSRC; 2) nonché i cessionari pro soluto o pro solvendo dei creditori del SSRC, per crediti relativi ad originarie forniture e/o prestazioni rese e fatturate al SSRC.

2 FASI PROCEDURA: FASE 1 Acquisizione mediante download dal sito 1. Istruzioni per la compilazione e trasmissione dei files Excel; 2. Richiesta di Certificazione; 2.1 File Excel da compilare con i dati contabili relativi ai crediti vantati per forniture e/o prestazioni rese al SSRC verso le Aziende del SSRC; 2.2 File Excel da compilare con l anagrafica dei contratti. FASE 2 Compilazione della richiesta di certificazione (una per ogni Azienda Sanitaria/Ospedaliera debitrice) con la quale il creditore: dichiara di essere INTERESSATO all operazione di transazione sui Crediti Pregressi ; dichiara che i Crediti oggetto della richiesta sono da considerarsi o meno Crediti Pregressi di piccolo importo, come definiti dal Decreto n. 12/2011 e ss.mm.ii. 1 ; comunica l appartenenza o meno ad Associazioni di categoria; esprime la volontà di rinunciare o meno a qualsiasi tipo di indennizzo forfettario al fine di determinare la priorità di stipula dei relativi accordi transattivi; comunica che i crediti inseriti nel file Excel rappresentano la totalità dei crediti fatturati al 31 Dicembre 2012 e vantati dall impresa nei confronti dell Azienda Sanitaria e che alla data della richiesta di certificazione sono nella titolarità dell impresa o sono oggetto di cessioni pro solvendo o di mandati all incasso; specifica di aver correttamente indicato nel file Excel le cessioni pro solvendo ed i mandati all incasso con procura alle liti già notificati all Azienda Sanitaria; 1 Il Decreto n. 83 del , Modifiche ed integrazioni al n. 12/2011, n. 48/2011, n. 22/2012, n. 2/2013, definisce i Crediti Pregressi di piccolo importo quei crediti, comunque iscritti nella piattaforma gestita dalla So.Re.Sa. S.p.A. ai sensi del Decreto 12/2011 e ss.mm.ii., riferiti a partite già fatturate al 31 dicembre 2012 e ancora non soddisfatte per un importo complessivo non superiore ad euro ,00 vantato dal creditore nei confronti di ciascuna Azienda Sanitaria. 2

3 specifica di aver correttamente indicato nel file Excel lo stato delle eventuali azioni legali in corso, di non aver incassato alcuna somma con procedimenti esecutivi, e per i crediti oggetto di pignoramento di non aver ricevuto l assegnazione delle relative somme; manifesta l interesse ad aderire o meno all operazione di certificazione eventualmente prevista per i crediti correnti e futuri così come definiti dal Decreto n. 12/2011 e ss.mm.ii. 2. Invio della richiesta di certificazione a So.Re.Sa. S.p.a. e dei files Excel esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata all indirizzo Invio alle Aziende Sanitarie debitrici delle sole richieste di certificazione (una per ogni Azienda Ospedaliera/Sanitaria debitrice) esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata agli indirizzi indicati sulle istruzioni e disponibili sul sito alla pagina Aziende Private /Gestione Debitoria SSRC ; Compilazione e trasmissione all indirizzo di posta elettronica del file Excel con le pretese creditorie; Compilazione e trasmissione all indirizzo di posta elettronica del file Excel Contratti con l anagrafica dei contratti in essere con ogni Azienda Sanitaria/Ospedaliera del SSRC; Ricezione via mail all indirizzo di posta elettronica indicato dal creditore nell anagrafica del file Excel trasmesso a So.Re.Sa., del riepilogo dei crediti iscritti in piattaforma. 2 Il Decreto n. 83 del , Modifiche ed integrazioni al n. 12/2011, n. 48/2011, n. 22/2012, n. 2/2013, definisce i Crediti Correnti e Futuri quei crediti riferiti a partite fatturate successivamente al Tali partite vengono acquisite da So.Re.Sa., salvo diversa ulteriore previsione, con la finalità di alimentare la propria banca dati e monitorare la debitoria corrente. 3

4 FASE 3 So.Re.Sa. decorsi 7 giorni, in assenza di segnalazioni da parte del creditore di eventuali errori di acquisizione/inserimento dei dati iscritti in piattaforma, invia i dati acquisiti alle Aziende debitrici e ne dà comunicazione al creditore a mezzo . Da tale data decorre il termine di 90 giorni entro il quale deve perfezionarsi l intera procedura. Si richiama l attenzione dei creditori sulla necessità di compilare correttamente i dati contabili in quanto, decorsi i sette giorni previsti dalla procedura, non sarà possibile effettuare correzioni o sostituzioni senza perdere la priorità acquisita. Le Aziende debitrici, al fine di garantire il perfezionamento dell intera procedura con il rilascio della certificazione e/o con il pagamento dei crediti di piccolo importo, sono tenute entro 90 giorni 3 a decorrere dal ricevimento del file con le pretese creditorie del fornitore, a determinare e trasmettere a So.Re.Sa. il file correttamente compilato con l indicazione della liquidazione e/o eccezione alla liquidazione per ogni documento contabile. Nello svolgimento di tale attività le Aziende, rispettano l ordine cronologico di ricezione delle RICHIESTE DI CERTIFICAZIONE. 3 Nel caso in cui l Azienda Sanitaria debitrice non sia in grado di determinare la liquidazione dei crediti al nei termini previsti di 90 giorni, potrà esaurire l accertamento sulle specifiche partite usufruendo di ulteriori 60 giorni (e quindi non oltre i 150 giorni dal ricevimento del file da parte di So.Re.Sa.). In tal caso l Azienda determinerà una prima Precertificazione parziale ed integrerà la liquidazione, transazione e Precertificazione residua della parte antecedente al nei successivi 60 giorni. 4

5 FASE 4 Comunicazione via mail del nome utente e della password assegnate dal sistema di gestione dati So.Re.Sa., contestualmente alla pubblicazione on-line della propria posizione (una volta che sia stata lavorata dall'azienda debitrice). Le credenziali (nome utente e password) se smarrite, potranno essere richieste dal creditore contattando a mezzo mail il Servizio Creditori So.Re.Sa. all indirizzo di posta elettronica Accesso on-line del creditore alla propria posizione, effettuato con l utilizzo delle credenziali assegnate da So.Re.Sa., permette di visualizzare il riepilogo dei crediti richiesti distinti per Aziende Sanitarie ed Ospedaliere della Regione Campania, e di monitorare autonomamente l avanzamento della lavorazione della propria posizione da parte di ciascuna Azienda debitrice 4. Nella sezione Dati Contabili ASL/AO è possibile trovare il dettaglio della singola fattura caricata inserendone il numero documento nel campo CERCA. FASE 5 Convalida e richiesta di costituzione negli atti transattivi, mediante la selezione del flag nella sezione Controlla Dati della pagina personale. Il creditore convalida l ammontare indicato come LIQUIDATO 5 da ciascuna Azienda debitrice, e richiede formalmente così di essere costituito negli atti transattivi 6. Procedura per la stipula degli atti transattivi per i Crediti Pregressi da considerarsi di piccolo importo 7 : 4 Nella pagina personale Aziende private Gestione Debitoria SSRC Accedi all'area riservata Conferma Dati è disponibile anche il riepilogo dei crediti già transatti ai sensi delle ex DGRC / L importo liquidato dalle Aziende in relazione ai crediti di piccolo importo sarà oggetto della transazione secondo lo schema di cui all Allegato n 3 del Decreto n 22/2012, modifiche ed integrazioni al Decreto 12/2011 e ss.mm.ii.; negli altri casi sarà transatto secondo la disciplina ordinaria prevista dal Decreto n 12/2011 e ss.mm.ii.. 6 Il tempo utilizzato dal creditore per la verifica e la convalida attraverso il flag dell importo liquidato viene escluso dal computo dei 90 giorni entro i quali deve perfezionarsi l intera procedura ai sensi del DC 12/2011 e ss.mm.ii.. 7 Per Crediti Pregressi di piccolo importo devono intendersi quei crediti, comunque iscritti nella piattaforma gestita dalla So.Re.Sa. S.p.A. ai sensi del Decreto n. 12/2011 e ss.mm.ii., riferiti a partite già fatturate al 31 Dicembre 2012 e ancora non soddisfatte per un importo complessivo non superiore ad euro ,00 vantato dal creditore nei confronti di ciascuna Azienda Sanitaria. 5

6 Con la sottoscrizione dell atto transattivo l impresa, con riferimento ai Crediti Pregressi di piccolo importo, come definiti dal Decreto n. 83/2013, che ha modificato ed integrato i Decreti n. 12/2011, 48/2011, 22/2012 e 2/2013, dichiara di accettare il pagamento entro trenta giorni dalla data di ricezione da parte dell Azienda Sanitaria debitrice della proposta transattiva presentata dall Impresa riferita alla sorta capitale delle sole partite creditorie liquidate dall Azienda Sanitaria, relative a fatture non ancora incassate alla data della sottoscrizione dell atto, a saldo e stralcio su tali partite di qualsiasi diritto, ragione e pretesa, anche a titolo di interessi di mora maturati e maturandi, rivalutazione monetaria, spese legali e qualsiasi ulteriore costo o onere, vantati con riferimento ai relativi Crediti richiesti. In particolare l Impresa rinuncia all'applicazione del tasso di interesse previsto dal d.lgs. 9 ottobre 2002, n. 231 e di qualsiasi altro interesse applicabile ai suddetti crediti per legge o convenzione anteriore al perfezionamento dell Accordo transattivo. FASE 6 (solo per i crediti di piccolo importo) So.Re.Sa. trasmette al fornitore a mezzo posta elettronica certificata la proposta transattiva redatta secondo il format di cui all Allegato 3 del Decreto n 22/2012, modifiche ed integrazioni al Decreto 12/2011 e ss.mm.ii., per i Crediti Pregressi di piccolo importo (il format è disponibile anche sul sito istituzionale alla pagina Aziende private, Area Gestione Debitoria SSRC) corredata dalla Precertificazione contenente il dettaglio analitico dei crediti liquidati dall Azienda debitrice rispetto all ammontare analiticamente richiesto dal creditore. Il fornitore invia all Azienda Sanitaria debitrice a mezzo posta elettronica certificata, agli indirizzi indicati sulle istruzioni e disponibili sul sito alla pagina Aziende private Gestione Debitoria SSRC, l atto transattivo compilato in tutte le sue parti, firmato e stampato su carta intestata unitamente alla precertificazione. Nel caso siano state intraprese dal creditore una o più procedure esecutive, lo stesso consegna oltre i decreti ingiuntivi e gli altri atti esecutivi elencati nel file Excel, i provvedimenti di svincolo rilasciati dai giudici dell esecuzione debitamente notificati al Tesorerie dell Azienda Sanitaria unitamente alla proposta transattiva debitamente sottoscritta a mezzo raccomandata o, in alternativa, direttamente all ufficio bilancio dell Azienda Sanitaria debitrice. 6

7 FASE 7 (per tutte le altre categorie di crediti) Convocazione delle parti per la stipula degli atti transattivi per i fornitori i cui Crediti Pregressi non sono da considerarsi di piccolo importo 8 : trasmissione a mezzo posta elettronica da parte dell Area Legale di So.Re.Sa. della bozza dell atto transattivo predisposto ai sensi del DC 12/2011 ss.mm.ii. (il format è disponibile anche sul sito istituzionale alla pagina Aziende private Area Gestione Debitoria SSRC) e della Precertificazione contenente il dettaglio analitico dei crediti liquidati dall Azienda debitrice rispetto all ammontare analiticamente richiesto dal creditore 9 e comprensivo ove previsto dell INDENNIZZO e/o INTERESSE calcolato sulla sorta capitale liquidata dall Azienda debitrice, secondo i termini previsti negli Accordi quadro stipulati con le Associazioni di categoria; richiesta della documentazione necessaria alla costituzione negli atti delle parti; comunicazione del calendario delle convocazioni alle parti; stipula degli atti transattivi. 8 Per Crediti Pregressi NON di piccolo importo devono intendersi quei crediti, comunque iscritti nella piattaforma gestita dalla So.Re.Sa. S.p.A. ai sensi del Decreto n. 12/2011 e ss.mm.ii., riferiti a partite già fatturate al 31 Dicembre 2012 e ancora non soddisfatte per un importo complessivo superiore ad euro ,00 vantato dal creditore nei confronti di ciascuna Azienda Sanitaria. 9 Nel caso in cui l Azienda Sanitaria debitrice non sia in grado di determinare la liquidazione dei crediti antecedenti al nei termini previsti per l emissione della certificazione pari a 90 giorni, potrà esaurire l accertamento sulle specifiche partite usufruendo di ulteriori 60 giorni. In tal caso l azienda determinerà una prima certificazione parziale entro i primi 90 giorni ed integrerà la liquidazione, transazione e certificazione residua nei successivi 60 giorni. 7

n. 23 del 6 Maggio 2013

n. 23 del 6 Maggio 2013 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 35 del 24.04.2013 OGGETTO:

Dettagli

1. DOWNLOAD DEL TRACCIATO RECORD E DEL FILE EXCEL pag 3. 2. COMPILAZIONE DEI FILES EXCEL pag 4. 2.1 FILE FORNITORI pag 4

1. DOWNLOAD DEL TRACCIATO RECORD E DEL FILE EXCEL pag 3. 2. COMPILAZIONE DEI FILES EXCEL pag 4. 2.1 FILE FORNITORI pag 4 Indice 1. DOWNLOAD DEL TRACCIATO RECORD E DEL FILE EXCEL pag 3 2. COMPILAZIONE DEI FILES EXCEL pag 4 2.1 FILE FORNITORI pag 4 2.2 FILE FARMACIE CONVENZIONATE pag 10 2.3 FILE FACTOR pag 16 3. RISOLUZIONE

Dettagli

n. 1 del 7 Gennaio 2013

n. 1 del 7 Gennaio 2013 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 149 del 17.12.2012 OGGETTO:

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DELL ART. 47 DEL D.P.R. 445/2000 SPETT.LE ASL NAPOLI 1 CDN NAPOLI ISOLA F9 80143 NAPOLI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DELL ART. 47 DEL D.P.R. 445/2000 SPETT.LE ASL NAPOLI 1 CDN NAPOLI ISOLA F9 80143 NAPOLI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DELL ART. 47 DEL D.P.R. 445/2000 SPETT.LE ASL NAPOLI 1 CDN NAPOLI ISOLA F9 80143 NAPOLI Il sottoscritto nato a il residente in Alla via CF. in qualità

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione OGGETTO: Definizione di nuove modalità di pagamento per fornitori di beni e servizi del sistema sanitario regionale a partire dall anno 2009 e autorizzazione alla definizione di accordi transattivi tra

Dettagli

DOCUMENTO ILLUSTRATIVO

DOCUMENTO ILLUSTRATIVO AVVERTENZA: Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell operazione sui crediti del Sistema Sanitario della Regione Lazio derivanti da rapporti

Dettagli

n. 25 del 18 Aprile 2012 DECRETO n. 44 del 11.04.2012

n. 25 del 18 Aprile 2012 DECRETO n. 44 del 11.04.2012 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 44 del 11.04.2012 OGGETTO:

Dettagli

Sistema Crediti Sanitari

Sistema Crediti Sanitari Sistema Crediti Sanitari Manuale Utente Fornitori Versione del 28 settembre 2011 Indice Indice... 2 Indice delle Figure... 3 1 Premessa... 4 1.1 Fasi dell operazione... 4 1.2 Organizzazione del documento...

Dettagli

Gentili Signori, facciamo seguito ai colloqui intercorsi, per trascrivere di seguito la seguente proposta di ACCORDO TRANSATTIVO TRA

Gentili Signori, facciamo seguito ai colloqui intercorsi, per trascrivere di seguito la seguente proposta di ACCORDO TRANSATTIVO TRA Spett.li Creditori (come infra definiti) Tutti domiciliati ai fini del presente atto al domicilio di cui all Allegato 1 Gentili Signori, facciamo seguito ai colloqui intercorsi, per trascrivere di seguito

Dettagli

n. 64 del 3 Ottobre 2012

n. 64 del 3 Ottobre 2012 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 108 del 24-09-2012 OGGETTO:

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO. L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale

ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO. L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale ACCORDO PER INTERVENTO MATURITY CON DILAZIONE DI PAGAMENTO AL DEBITORE CEDUTO L anno 2011 il giorno.del mese di nei locali della Direzione Generale TRA L Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, con sede

Dettagli

1 - BOZZA. Spett.le Federfarma Napoli Via Toledo, 156 80132 NAPOLI c.a.: Presidente Michele Di Iorio c.a. Vicepresidente Nicola Stabile l Associazione

1 - BOZZA. Spett.le Federfarma Napoli Via Toledo, 156 80132 NAPOLI c.a.: Presidente Michele Di Iorio c.a. Vicepresidente Nicola Stabile l Associazione Spett.le Federfarma Napoli Via Toledo, 156 80132 NAPOLI c.a.: Presidente Michele Di Iorio c.a. Vicepresidente Nicola Stabile l Associazione Napoli, Londra, 30 settembre 2011 Oggetto: cessione pro soluto

Dettagli

(Preferibilmente su carta intestata del dichiarante)

(Preferibilmente su carta intestata del dichiarante) (Preferibilmente su carta intestata del dichiarante) SPETT.LE ASL NAPOLI 1 CENTRO SERVIZIO G.E.F.I. e pc. SERVIZIO AFFARI LEGALI servlegale@aslna1.napoli.it OGGETTO: dichiarazione sostitutiva di atto di

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 Premessa Le seguenti disposizioni procedurali riguardano la certificazione dei crediti prevista

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione Economico Finanziaria e Partecipazione

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione Economico Finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 57 18/02/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 3227 DEL 17/02/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: BILANCIO,

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I PROVINCIA DI TERNI RAGIONERIA Oggetto: Decreto Legge 8 Aprile 2013, n.55. Individuazione misure urgenti per il pagamento dei debiti maturati al 31 Dicembre 2912

Dettagli

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal...

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal... CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI NUORO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Con la presente

Dettagli

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI LA PRESENTE PUBBLICAZIONE NON HA CARATTERE DI UFFICIALITA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA DEL 30 SETTEMBRE 2010

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI FIRENZE ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI. Con

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

Accordo Pagamenti 2014/2015. Roma, 10 Dicembre 2013

Accordo Pagamenti 2014/2015. Roma, 10 Dicembre 2013 Accordo Pagamenti 2014/2015 Roma, 10 Dicembre 2013 Accordo Pagamenti Ad oggi sono in atto le modalità di certificazione e pagamento disposte ai sensi dell Accordo Pagamenti per le seguenti tipologie di

Dettagli

Guida pratica BOZZA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COPYRIGHT BANCARIA EDITRICE

Guida pratica BOZZA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COPYRIGHT BANCARIA EDITRICE Guida pratica ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 2 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona I tempi di risposta LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Come funziona Le operazioni

Dettagli

con riferimento ai colloqui intercorsi, trascriviamo qui di seguito le intese raggiunte in merito alla transazione di seguito riportata TRA

con riferimento ai colloqui intercorsi, trascriviamo qui di seguito le intese raggiunte in merito alla transazione di seguito riportata TRA Roma, Spett.le Azienda Sanitaria Locale [ ] Via [ ] 00[ ] [ ] alla c.a. del [ ] e p.c. Spett.le Regione Lazio Via Rosa Raimondi Garibaldi 7 00145 Roma alla c.a. della Direzione Regionale Economia e Finanza

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 10 MGAS

Disposizione tecnica di funzionamento n. 10 MGAS Pagina 1 di 16 Disposizione tecnica di funzionamento (ai sensi dell articolo 4 della Disciplina del mercato del gas naturale, approvato con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 6 marzo 2013,

Dettagli

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative

Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative 1) Premessa Decreto legge n. 78/2009 L articolo 9 del decreto legge n. 78/2009 obbliga tutte le

Dettagli

Piattaforma per la gestione dei crediti organica e professionale Recupero crediti stragiudiziale e giudiziale, monitoraggio anticipazioni ed attività

Piattaforma per la gestione dei crediti organica e professionale Recupero crediti stragiudiziale e giudiziale, monitoraggio anticipazioni ed attività Piattaforma per la gestione dei crediti organica e professionale Recupero crediti stragiudiziale e giudiziale, monitoraggio anticipazioni ed attività legali ALL CREDIT SOLUTIONS Funzioni principali Piattaforma

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

DOTT. MARCELLO MARCONI

DOTT. MARCELLO MARCONI ANALISI E COMMENTI AL DL 66/2014 MISURE URGENTI PER LA COMPETITIVITÀ E LA GIUSTIZIA SOCIALE : Disposizioni in tema di Monitoraggio dei debiti delle Pubbliche Amministrazioni e strumenti per favorire la

Dettagli

Roma, - Q AGO. 2013. A tutte le Amministrazioni dello Stato. CIRCOLARE n. 4 I201 3

Roma, - Q AGO. 2013. A tutte le Amministrazioni dello Stato. CIRCOLARE n. 4 I201 3 Roma, - Q AGO. 2013 A tutte le Amministrazioni dello Stato CIRCOLARE n. 4 I201 3 Oggetto: Adempimenti a carico delle Amministrazioni centrali previsti dal decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, recante "disposizioni

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Ottobre 2015 Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Umberto Mauro e Chiara Borrazzo, Norton Rose Fulbright Studio Legale La disciplina della cessione dei crediti vantati

Dettagli

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Procedura di certificazione del credito finalizzata alla cessione pro-soluto (Art. 9, comma 3-bis del D.L. 29 novembre 2008, n. 185, art. 9, convertito con

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE PROCEDURA OPERATIVA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO ALTERNATIVO DI FORNITURA DI GAS TRAMITE CARRO BOMBOLAIO PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA ALLACCIATI ALLA RETE NETENERGY SERVICE SRL OGGETTO La presente

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA CONVENZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI CONTRAENTI

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA CONVENZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI CONTRAENTI CONVENZIONE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E DEI SERVIZI CONNESSI, PER LE STRUTTURE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E/O GLI ENTI STRUMENTALI DELLA MEDESIMA, PER LE AMMINISTRAZIONI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale per debiti fuori bilancio codice 01/08.

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale per debiti fuori bilancio codice 01/08. ALLEGATO AL CONTRATTO DI PRESTITO CONDIZIONI GENERALI DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETA PER AZIONI Articolo 1 Condizioni generali e definizioni 1. Le presenti condizioni generali

Dettagli

PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE Commissione n 6 AGGIORNAMENTI TARIFFARI, VIDIMAZIONE PARCELLE PRESENTAZIONE ONORARI APPROVATI DAL CONSIGLIO MODALITA DI OPINAMENTO CONVENZIONI PROMOSSE DALL ASSOCIAZIONE Reggio Emilia, 02 Febbraio 2011

Dettagli

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini.

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Andrea Davide Arnaldi Responsabile area legale di Credit Evolution Studio Legale Arnaldi, Caimmi & Associati Credit Evolution Credit Evolution Credit

Dettagli

FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI

FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI 1. Di cosa si tratta? Il 2 agosto il Consorzio delle Aziende Sanitarie Siciliane ha stipulato con l AIOP (Associazione Italiana Ospedalità

Dettagli

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA G. Tuè Prodotti Servizi Aziende G. Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor Spa

Dettagli

Analisi delle disposizioni di diretto interesse degli enti locali

Analisi delle disposizioni di diretto interesse degli enti locali Nota di lettura del decreto legge n. 35/13 disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia

Dettagli

PREMESSO CHE. fonte: http://burc.regione.campania.it

PREMESSO CHE. fonte: http://burc.regione.campania.it ACCORDO QUADRO tra REGIONE CAMPANIA, ANCE CAMPANIA e ACEN in materia di certificazioni pro soluto delle stazioni appaltanti finanziate con fondi regionali La REGIONE CAMPANIA in persona del Presidente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 67 del 2 novembre 2009

BOLLETTINO UFFICIALE. Atti della Regione PARTE I. della REGIONE CAMPANIA n. 67 del 2 novembre 2009 A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1627 del 26 ottobre 2009 Disposizioni urgenti per contrastare i ritardi nei pagamenti delle aziende sanitarie regionali:

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *****

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** Pubblicata sul sito istituzionale il 03/02/2012 - N.139 del Reg. COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del Reg. del 02/02/2012 OGGETTO:

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 19

Azienda U.L.S.S. n. 19 Allegato B al Disciplinare AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI FINANZIAMENTO - CONTRATTO PER UN MUTUO DECENNALE - A TASSO VARIABILE CON OPZIONE DI CONVERSIONE A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO TRIENNALE

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI RACCOLTA GUIDE UTENTE CREDITORE Versione 2.4 del 19/01/2015 Sommario Cronologia delle revisioni... 5 Istruzioni per l uso... 6 PARTE I-FUNZIONI GENERALI...

Dettagli

PROSPETTO RICHIESTA CERTIFICAZIONE (a carico del Fornitore) Destinatario. Dati Richiedente. Dati Accordo Pagamento

PROSPETTO RICHIESTA CERTIFICAZIONE (a carico del Fornitore) Destinatario. Dati Richiedente. Dati Accordo Pagamento PROSPETTO RICHIESTA CERTIFICAZIONE (a carico del Fornitore) Destinatario Dati Richiedente ESTAV/AZIENDA SANITARIA DEBITORE DENOMINAZIONE AZIENDA FORNITRICE INDIRIZZO CAP LOCALITA PROVINCIA P.IVA/CF REFERENTE

Dettagli

Regione Sicilia. Determinazione del valore dei debiti verso i fornitori al 31 dicembre 2006. Istruzioni per la compilazione

Regione Sicilia. Determinazione del valore dei debiti verso i fornitori al 31 dicembre 2006. Istruzioni per la compilazione Regione Sicilia Determinazione del valore dei debiti verso i fornitori al 31 dicembre 2006 Istruzioni per la compilazione Determinazione del valore dei debiti verso i fornitori al 31 dicembre 2006 1 INDICE

Dettagli

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Ai gentili clienti Loro sedi Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Premessa Coloro che intendono partecipare alla procedura di liquidazione dei crediti nei

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 8/ 11 DEL 28.2.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 8/ 11 DEL 28.2.2007 DELIBERAZIONE N. 8/ 11 Oggetto: L.R. 11.5.2006, n. 4, art. 27, commi 9 e 12 (Disposizioni varie in materia di entrate, riqualificazione della spesa, politiche sociali di sviluppo). Modifica delle direttive

Dettagli

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012 Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Certificazione crediti PA: pronta la piattaforma telematica Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

CITTA DI SARZANA Provincia della Spezia Area 1 Servizi Interni Settore Bilancio Controllo di Gestione

CITTA DI SARZANA Provincia della Spezia Area 1 Servizi Interni Settore Bilancio Controllo di Gestione AVVISO RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI CREDITO MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVI SUL TERRITORIO COMUNALE PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA VOLTA A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SARZANA. Il

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI DEBITI (RICOGNIZIONE 2014)

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI DEBITI (RICOGNIZIONE 2014) PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI DEBITI (RICOGNIZIONE 2014) ART. 7 COMMA 4-BIS DEL DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, N. 35 CONVERTITO CON LEGGE 6 GIUGNO 2013, N.64

Dettagli

GUIDA ALLA RICOGNIZIONE DEI DEBITI

GUIDA ALLA RICOGNIZIONE DEI DEBITI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA RICOGNIZIONE DEI DEBITI ART. 7 DEL DECRETO LEGGE 8 APRILE 2013, N. 35 CONVERTITO CON LEGGE 6 GIUGNO 2013, N.64 Versione 2.3 del 04/09/2013 Sommario

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL PORTALE GTGPRIVATECARE.IT GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL PORTALE GTGPRIVATECARE.IT GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL PORTALE GTGPRIVATECARE.IT GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE 1. INTRODUZIONE PREMESSE GTGsolutions S.r.l. è una società che ha quale

Dettagli

Comune di San Giovanni in Marignano Provincia di Rimini

Comune di San Giovanni in Marignano Provincia di Rimini Comune di San Giovanni in Marignano Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA N. 127 DEL 31/10/2014 AREA DI ATTIVITA': 3 SERVIZIO TECNICI CENTRO DI RESPONSABILITA': URBANISTICA E GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 42 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA DI TRANSAZIONE COMUNE DI MARACALAGONIS - ICEA S.R.L. 22.06.2015 L anno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0002536.18-04-2013

MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0002536.18-04-2013 MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0002536.18-04-2013 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali

Dettagli

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Crediti PA: modificati i termini per l intervento del fondo di garanzia Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il DM 11.03.2015 ha modificato i termini

Dettagli

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA Il presente piano di riparto è stato predisposto a seguito di ricognizione

Dettagli

n. 40 del 26 Giugno 2012

n. 40 del 26 Giugno 2012 Regione Campania l Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 59 del 14.06.2012 OGGETTO: Decreti

Dettagli

Il Direttore Emilio Grassi

Il Direttore Emilio Grassi Determinazione n 05/2016 AGENZIA per il TRASPORTO PUBBLICO LOCALE del Bacino di Bergamo Via Sora 4, 24121 Bergamo CF e PIVA 04083130163 PEC: agenziatplbergamo@pec.it Tel. 035/387706 Il Direttore Emilio

Dettagli

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE Allegato 1 OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MISTERBIANCO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona 2 LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Le operazioni previste Condizioni economiche

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Allegato A) R E L A Z I O N E

Allegato A) R E L A Z I O N E Allegato A) MISURE ORGANIZZATIVE FINALIZZATE AL RISPETTO DI QUANTO PREVISTO DALL ART. 9 D.L. 01/07/2009, N. 78 CONVERTITO IN LEGGE 03/08/2009, N. 109 DECRETO ANTICRISI R E L A Z I O N E Si richiama innanzitutto,

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA CONVENZIONE QUADRO TRA La Regione Campania, (di seguito per brevità indicata come Regione ) Codice Fiscale e Partita IVA 80011990639, in persona del Presidente Onorevole Stefano Caldoro, domiciliato per

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

Decreto Legislativo n. 231 del 9 ottobre 2002

Decreto Legislativo n. 231 del 9 ottobre 2002 Decreto Legislativo n. 231 del 9 ottobre 2002 Attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Il Decreto Legislativo n. 231 del 9 ottobre

Dettagli

Sifin S.r.l. dal 1985. Soluzioni finanziarie per le farmacie

Sifin S.r.l. dal 1985. Soluzioni finanziarie per le farmacie Sifin S.r.l. dal 1985 Soluzioni finanziarie per le farmacie Ottobre 2008 1 La nostra storia Sifin Srl è una società di factoring regolarmente iscritta nel registro degli Intermediari Finanziari (ex art.

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014.

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. NOTA TECNICA Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. Cassa depositi e prestiti società per azioni (di seguito CDP ) rende nota con la presente comunicazione la propria disponibilità alla rinegoziazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione Tabelle Fatture Fornitori

Istruzioni per la compilazione Tabelle Fatture Fornitori Istruzioni per la compilazione Tabelle Fatture Fornitori Determinazione del valore dei crediti vantati dai fornitori nei confronti delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere del SSR della Regione Calabria

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007

Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007 Nuovo regime di ritiro dedicato Delibera AEEG n. 280/07 Roma, 29 novembre 2007 Nuovo regime di ritiro dedicato: Deliberazione AEEG n. 280/07 Contenuti: 1. Aspetti normativi della Deliberazione AEEG n.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.4 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Introduzione. Accreditamento

Introduzione. Accreditamento Introduzione Vanti un credito nei confronti di una P.A.? Vuoi ottenere il riconoscimento del tuo credito? Oggi tutto questo è possibile, in modo semplificato, grazie alla piattaforma per la certificazione

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti

La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA SOLUZIONE APPLICATIVA IN U-GOV... 6 3. LA GESTIONE DEL DETTAGLIO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

TRA. parti del presente atto aggiuntivo all Addendum (nel seguito le Parti ) PREMESSO

TRA. parti del presente atto aggiuntivo all Addendum (nel seguito le Parti ) PREMESSO Quarto atto aggiuntivo all Addendum alla Convenzione per la gestione dei mutui e rapporti trasferiti al Ministero dell economia e delle finanze ai sensi dell art 1, comma 11, del decretolegge 8 aprile

Dettagli

STANDARD. Descrizione

STANDARD. Descrizione STANDARD Caratteristiche Prerequisiti Di seguito sono descritte le caratteristiche, le modalità d erogazione, d attivazione e d uso dei servizi oggetto della Convenzione. Tutti i servizi oggetto della

Dettagli

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG.

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. DEL COD. CIV. Sezione I - Informazioni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE:

REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: REGOLAMENTO REGIONALE CONCERNENTE: Disposizioni attuative ed integrative dell articolo 1, commi da 111 a 122, della legge regionale 13 agosto 2011 n. 12 in materia di Bollettino Ufficiale telematico della

Dettagli

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione.

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione. Allegato 2 alla Delib.G.R. n. 38/11 del 30.9.2014 Gestione del recupero e della riscossione dei crediti regionali per il tramite di istituti di credito convenzionati. Direttive per la rinegoziazione delle

Dettagli

entro 5 gg. ( x ESE MOB. c/o TERZI e ESE AUTOV.) dalla maturata inefficacia del pignoramento >>>>>

entro 5 gg. ( x ESE MOB. c/o TERZI e ESE AUTOV.) dalla maturata inefficacia del pignoramento >>>>> Come è noto la novella delle Esecuzioni Civili ha previsto che: l UNEP Deve consegnare al CREDITORE 1) Verbale /atto di pignoramento 2) Titolo Esecutivo 3) Atto di precetto il CREDITORE Deve depositare

Dettagli

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale codice 01/01.02

Condizioni generali di contratto di prestito di scopo ordinario a tasso fisso a carico di ente locale codice 01/01.02 ALLEGATO AL CONTRATTO DI PRESTITO CONDIZIONI GENERALI DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETA PER AZIONI Articolo 1 Condizioni generali e definizioni 1. Le presenti condizioni generali

Dettagli

Città dei Fiori (Lecce Italy) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI SETTORE 08 SETTORE AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO

Città dei Fiori (Lecce Italy) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI SETTORE 08 SETTORE AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) N. 179/R. G. del 27/02/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI SETTORE 08 SETTORE AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO N. 13 Registro del Settore del 27/02/2014 OGGETTO: Ricorso

Dettagli