Riferimenti normativa su barriere architettoniche e accessibilità 1 parte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riferimenti normativa su barriere architettoniche e accessibilità 1 parte"

Transcript

1 Universal Design: Progettazione inclusiva e sostenibile Corso di Perfezionamento Politecnico di Torino a.a marzo IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO NEL PANORAMA INTERNAZIONALE: COMFORT E SICUREZZA Riferimenti normativa su barriere architettoniche e accessibilità 1 parte Eugenia Monzeglio Presidente Istituto Italiano per il Turismo per Tutti Consulente della Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus Coordinatrice corso III livello Universal Design Politecnico di Torino

2 1 Quali e quante norme per l accessibilità? Quel che la norma dice ma spesso non viene rispettato o viene inteso in modo inadeguato Quel che la norma dice ma non viene ascoltato Quel che la norma non dice e così non si fa nulla o lo si fa male

3 La normativa per il superamento delle barriere e per l accessibilità 3

4 Fausto Colaiuda, Frustrazione - Stone (54x23x13) Affrontare il tema della normativa su barriere architettoniche e accessibilità può apparire: da parte di chi ascolta, argomento «pesante» (noia!) da parte di chi espone, tema già molto affrontato (frustrazione!) 4

5 Nel settore del superamento delle barriere e del conseguimento dell accessibilità esistono molte normative E importante sapere che: esistono molti disposti normativi (statali e locali); molte delle disposizione normative sono disattese; alcuni disposti normativi sono interpretati «come fa comodo»; alcune disposizioni normative sono interpretate «rigidamente»; alcune «rigide» richieste fatte dagli organi di controllo non sono previste da nessun disposto normativo e, spesso, non agevolano l accessibilità, la funzionalità, l estetica e costano di più. 5

6 Nel settore del superamento delle barriere e del conseguimento dell accessibilità esistono molte normative Quali tipi di norme ci sono? normative tecniche per superamento barriere e accessibilità (poche); norme che ricordano di rispettare la normativa tecnica per l accessibilità; norme che vincolano finanziamenti al rispetto della normativa tecnica per l accessibilità; norme che introducono «alcune agevolazioni» per le persone con disabilità; norme che prescrivono procedure specifiche per le persone con disabilità per accedere a un servizio. 6

7 La normativa come definisce le barriere architettoniche? C.M. LL.PP , n. 425: ostacoli che incontrano individui fisicamente menomati nel muoversi nell ambito degli spazi urbani e degli edifici DPR , n. 384: impedimenti fisici che sono di ostacolo alla vita di relazione dei minorati C. M. LL.PP , n. 1270: impedimenti strutturali che ostacolano il movimento dei mutilati, degli invalidi o degli handicappati in generale C. M. LL. PP , n. 310: impedimenti strutturali che ostacolano il movimento delle persone con ridotte o impedite capacità motorie 7

8 La normativa come definisce le barriere architettoniche? D.M. LL.PP , n. 236: per barriere architettoniche si intendono: a) gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque ed in particolare di coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea; b) gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature o componenti; c) la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l'orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi. 8

9 La normativa come definisce l accessibilità? D.M. LL.PP , n. 236: per accessibilità si intende la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l'edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruirne spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia. 9

10 Dalla definizione data dalla normativa tecnica di barriere architettoniche e di accessibilità si nota che: considera in modo molto «ampio» le barriere architettoniche parla non solo di accessibilità fisica ma anche di accessibilità percettiva 10

11 Si può quindi dire che barriere architettoniche sono costituite da qualsiasi impedimento al libero svolgersi delle azioni, alle relazioni, all evoluzione della persona singoli elementi della costruzione edifici o strutture ed elementi costruttivi luoghi all aperto oggetti di vari tipo (arredi, complementi di arredo attrezzature, segnaletica etc.) elementi della viabilità pedonale (marciapiedi, attraversamenti, arredo urbano etc.) mezzi di trasporto impediscono che ostacolano (difficoltà, disagio, fatica, pericolo, disorientamento) limitano il raggiungimento l accesso l uso il riconoscimento l orientamento la sicurezza l autonomia il benessere la comodità a causa di un inadeguata o carente progettazione realizzazione localizzazione organizzazione gestione per assenza di qualche elemento 11

12 La normativa Partiamo da lontano: dalla Costituzione italiana La Costituzione della Repubblica Italiana Principi fondamentali Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. 12

13 Normative e disposizioni sovranazionali 13

14 Oltre alle normative italiane per l accessibilità esistono dei disposti normativi o regolamentari a livello sovranazionale e internazionale, a cui occorre fare riferimento. 1. Le numerose direttive dell Unione Europea a favore della progettazione accessibile. 2. La classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute (ICF) del 2001 dell Organizzazione mondiale della sanità (OMS ), che è considera la disabilità come la complessa interazione tra le caratteristiche delle persone e le caratteristiche del mondo costruito, spostando l attenzione dalla disabilità della persona all ambiente che può presentare sia barriere, creando così la non-abilità della persona, sia facilitatori ambientali, che annullano/riducono le limitazioni e favoriscono la piena partecipazione sociale. 3. La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità adottata il 13 dicembre 2006 dall'assemblea generale ONU, firmata e ratificata dallo Stato italiano, diventata legge italiana: Legge 3 marzo 2009, n. 18 Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, fatta a New York il 13 dicembre 2006 e istituzione dell'osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. 14

15 La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ONU 2006 La Convenzione ONU non aggiunge nuovi diritti per le persone con disabilità, ma richiede che i diritti siano esigibili e attuabili. Nella convenzione ONU l accessibilità è intesa come un principio (articoli 3 e 9) e la progettazione universale come obbligo generale (articoli 2 e 4): pertanto gli stati, che hanno adottato la Convenzione ONU, dovendo attuarla, si impegnano anche a conseguire l accessibilità attraverso la progettazione universale (Universal Design). Gli articoli della Convenzione Onu che trattano di accessibilità e di progettazione universale sono essenzialmente i seguenti: Articolo 2: Definizioni Articolo 3: Principi generali Articolo 4: Obblighi generali Articolo 9: Accessibilità 15

16 La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ONU 2006 Articolo 2 Definizioni Art 2: Definizioni Art 3: Principi generali Art 4: Obblighi generali Art 9: Accessibilità ( ) Progettazione universale indica la progettazione e la realizzazione di prodotti, ambienti, programmi e servizi utilizzabili da tutte le persone, nella misura più estesa possibile, senza il bisogno di adattamenti o di progettazioni specializzate. Progettazione universale non esclude dispositivi di ausilio per particolari gruppi di persone con disabilità ove siano necessari. 16

17 La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ONU 2006 Articolo 3 Principi generali 1. La dignità, l'autonomia individuale, la libertà di scelta, l'indipendenza 2. La non discriminazione 3. La piena ed effettiva partecipazione e inclusione nella società 4. Il rispetto per la differenza e l'accettazione delle persone con disabilità come parte della diversità umana e dell'umanità 5. La parità di opportunità 6. L'accessibilità 7. La parità tra uomini e donne 8. Il rispetto per lo sviluppo delle capacità dei bambini con disabilità e il rispetto per il diritto a preservare la loro identità. Art 2: Definizioni Art 3: Principi generali Art 4: Obblighi generali Art 9: Accessibilità 17

18 La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ONU 2006 Articolo 4 Obblighi generali Art 2: Definizioni Art 3: Principi generali Art 4: Obblighi generali Art 9: Accessibilità 1.( ) (f) intraprendere o promuovere la ricerca e lo sviluppo di beni, servizi, apparecchiature e attrezzature progettati universalmente ( ) promuovere la loro disponibilità ed uso, incoraggiare la progettazione universale nell elaborazione degli standard e delle linee guida. 5. Le disposizioni della presente Convenzione si estendono a tutte le parti degli stati federali senza limitazione ed eccezione alcuna. 18

19 La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ONU 2006 Articolo 9 accessibilità Art 2: Definizioni Art 3: Principi generali Art 4: Obblighi generali Art 9: Accessibilità 1. Al fine di consentire alle persone con disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli ambiti della vita, gli Stati Parti devono prendere misure appropriate per assicurare alle persone con disabilità, su base di eguaglianza con gli altri, l accesso all ambiente fisico, ai trasporti, all informazione e alla comunicazione, compresi i sistemi e le tecnologie di informazione e comunicazione, e ad altre attrezzature e servizi aperti o offerti al pubblico, sia nelle aree urbane che nelle aree rurali. Queste misure, che includono l identificazione e l eliminazione di ostacoli e barriere all accessibilità, si applicheranno, tra l altro a ( ) 19

20 Normative nazionali per il superamento delle barriere architettoniche, Viaggiare l accessibilità e la progettazione universale 20

21 Riferimenti normativi per accessibilità di spazi e servizi Quali e quante norme per l accessibilità? Dove si applicano? 21

22 Normative nazionali per il superamento delle barriere architettoniche, l accessibilità e la progettazione universale Circolare Ministero dei Lavori Pubblici 19 giugno 1968, n. 4809, Norme per assicurare l utilizzazione degli edifici sociali da parte dei minorati fisici e per migliorarne la godibilità generale Campo di applicabilità delle norme Le presenti norme si riferiscono a strutture edilizie a carattere collettivo, con particolare riguardo al settore dell edilizia sociale, sia per le nuove costruzioni che per le costruzioni già esistenti, nel caso che queste ultime siano sottoposte a ristrutturazione. Le norme stesse, peraltro, non si limitano evidentemente al problema delle barriere architettoniche relativo al solo settore dell edilizia sociale, ma, forniscono anche precise indicazioni all edilizia collettiva in generale ed all edilizia residenziale Obbligatorietà delle norme Le presenti norme hanno valore integrativo e non sostitutivo di altre vigenti regolamentazioni, ed in modo specifico di quelle relative alla progettazione ed esecuzione di opere ed edifici costruiti dallo Stato e da Enti pubblici. Inoltre quanto contenuto nelle presenti norme, ( ) non esclude soluzioni più avanzate, ma anzi deve essere inteso come stimolo di ulteriori progettazioni e realizzazioni di mezzi ed accorgimenti di più elevato grado di efficienza e contenuto tecnico. Pertanto agli organi preposti al controllo dell applicazione delle presenti norme compete l esame e l approvazione delle eventuali proposte di mezzi ed accorgimenti, anche se realizzati in difformità a quanto di seguito prescritto. 22

23 Normative nazionali per il superamento delle barriere architettoniche, l accessibilità e la progettazione universale Circolare Ministero dei Lavori Pubblici 19 giugno 1968, n. 4809, Norme per assicurare l utilizzazione degli edifici sociali da parte dei minorati fisici e per migliorarne la godibilità generale La citata Circolare era a suo tempo e lo è tuttora, particolarmente interessante perché prevede la possibilità di ricorrere a soluzioni (tecniche, tecnologiche, dimensionali, spaziali etc.) differenti da quelle indicate nella Circolare stessa, al fine di superare il problema delle barriere architettoniche con un livello migliore e più alto di prestazioni. La Circolare anticipa quanto l attuale normativa tecnica del 1989 e del 1996 consente (vedere la slide intitolata L ispirazione prestazionale della normativa tecnica DM 236/1989 e DPR 503/1996 ) e cioè la possibilità di presentare soluzioni alternative a quelle previste nella normativa tecnica. 23

24 Normative nazionali per il superamento delle barriere architettoniche, l accessibilità e la progettazione universale Importante (ma disatteso) articolo della legge finanziaria del 1986 che vieta finanziamenti pubblici per opere che non rispettino la normativa su barriere e accessibilità Legge 28 febbraio 1986, n. 41, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1986) Articolo 32 ( ) Non possono essere approvati progetti di costruzione o ristrutturazione di opere pubbliche che non siano conformi alle disposizioni dei decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n. 384 (NDR: ora abrogato e sostituito dal DPR 503/1996), in materia di superamento delle barriere architettoniche. Non possono altresì essere erogati dallo Stato o da altri enti pubblici contributi o agevolazioni per la realizzazione di progetti in contrasto con le norme di cui al medesimo decreto. 24

25 In Italia quante sono le normative tecniche per l accessibilità (ovvero quelle che indicano il campo di applicazione, i criteri di progettazione e le prescrizioni dimensionali)? V Poche, ma. Viaggiare non sempre sono immediatamente comprensibili e non sempre sono di facile applicazione! 25

26 Perché allora continuare a parlare di normativa per superamento barriere e accessibilità? perché spesso - soprattutto le norme tecniche - non sono capite e sono male interpretate (occorre invece conoscere bene la ratio della normativa!) perché spesso sono applicate male: per ignoranza, incompetenza, arroganza, ipocrisia 26

27 Riepilogo della normativa per l accessibilità (*) solo due disposti normativi (DM 236/1989 e DPR 503/1996) che però dicono le stesse cose per i requisiti e le richieste dimensionali Legge 13/1989 Normativa tecnica DM LLPP 236/1989 = Legge 104/1992 DPR 503/1996 Decreto 2008 luoghi cultura Interessa per il campo di applicazione, non per le misure Normativa tecnica Linee guida di indirizzo (*)Prevalentemente rivolta all accessibilità degli spazi interni, poco viene detto per l accessibilità 27 urbana e per gli spazi esterni

28 Normativa di riferimento Tipo di spazio, attrezzatura, edificio Tipo di intervento edilizio a cui si applica la normativa DPR 503/1996 pubblico - nuova costruzione - ogni intervento sul patrimonio edilizio esistente - cambiamento di destinazione d uso DM 236/1989 L 104/1992 privato aperto al pubblico e tutti gli edifici residenziali pubblico e privato aperto al pubblico - nuova costruzione - ristrutturazione - ogni intervento sul patrimonio edilizio esistente - cambiamento di destinazione d uso 28

29 Prescrizioni richieste e specifiche funzionali e dimensionali per l accessibilità (DM 236/1989 e DPR 503/1996) Componenti degli ambienti: porte pavimenti infissi esterni e parapetti arredi fissi terminali degli impianti Ambienti: servizi igienici cucine balconi collegamenti orizzontali collegamenti verticali (scale, rampe, ascensori, servoscala, piattaforme) autorimesse Spazi esterni: percorsi pavimentazioni parcheggi Segnaletica 29

30 DM 236/1989 Decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche. Il DM 236/1989 è il regolamento di attuazione dell art. 1 della Legge , n

31 DM 236/1989 Campo di applicazione: nuova costruzione e ristrutturazione (*) di Edifici privati (compresi spazi esterni di pertinenza) l edilizia residenziale, compresa tutta l edilizia residenziale pubblica; edifici privati rispetto alla proprietà, ma aperti al pubblico e di uso pubblico ; sono individuati 3 livelli differenziati di accessibilità (accessibilità, visitabilità, adattabilità). (*) N.B. La nuova costruzione e la ristrutturazione sono categorie edilizie definite e normate (ved.: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, DPR n. 380 del , modificato dal D. Lgs. 301/2002 e i disposti normativi regionali) 31

32 DPR 503/1996 (sostituisce il DPR 384/1978) Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Il DPR 503/1996 sostituisce il DPR 27 aprile 1978, n. 384 (Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n. 384, Regolamento di attuazione dell'art. 27 della legge 30 marzo 1971, n. 118, a favore dei mutilati e invalidi civili, in materia di barriere architettoniche e trasporti pubblici), le cui disposizioni sono abrogate. 32

33 DPR 503/1996 (sostituisce il DPR 384/1978) Campo di applicazione: Edifici e spazi pubblici (anche temporanei) nuova costruzione (*) (compresi spazi esterni di pertinenza); ristrutturazione (*) (compresi spazi esterni di pertinenza); qualsiasi altro tipo di intervento edilizio ; cambio di destinazione d uso; servizi di pubblica utilità (ad es. trasporti, telefoni etc.); sono individuati 3 livelli differenziati di accessibilità (accessibilità, visitabilità, adattabilità come quelli del DM 236/1989). N.B. Per criteri e dimensioni si rimanda al DM 236/1989 (*) N.B. La nuova costruzione e la ristrutturazione sono categorie edilizie definite e normate (ved.: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, DPR n. 380 del , modificato dal D. Lgs. 301/2002 e i disposti normativi regionali) 33

34 DPR 503/1996 (sostituisce il DPR 384/1978) spazi pubblici (anche temporanei) spazi pedonali marciapiedi attraversamenti pedonali scale e rampe servizi igienici arredo urbano parcheggi circolazione e sosta contrassegno struttura edilizia in generale (interno ed esterno)(ved. DM 236/1989) 34

35 DPR 503/1996 (sostituisce il DPR 384/1978) servizi speciali di pubblica utilità tranvie, filovie, linee automobilistiche, metropolitane treni, stazioni, ferrovie servizi di navigazione marittima: navi nazionali servizi di navigazione interna aerostazioni servizi per viaggiatori impianti telefonici pubblici 35

36 Legge n. 104 del "Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate." Art. 24 Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche le norme tecniche per l'accessibilità si applicano a tutte le opere edilizie fatte in edifici pubblici e privati aperti al pubblico; quindi in tutti gli interventi sull esistente (ad esempio: manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, risanamento conservativo, ampliamento etc.). 36

37 I diversi livelli di accessibilità previsti da DM 236/1989 e DPR 503/1996 DM 236/1989 e DPR 503/1996 prevedono 3 differenti livelli di accessibilità : 1. l accessibilità (tutti gli spazi devo essere totalmente accessibili); 2. la visitabilità (accessibilità parziale, limitata solo ad alcuni spazi); 3. l adattabilità (accessibilità futura ossia differita nel tempo, ma prevista e predefinita in sede progettuale). E prevista anche la cosiddetta accessibilità condizionata (altrimenti detta accessibilità a chiamata o a richiesta) per strutture ed edifici pubblici, da applicare in attesa di adeguamento all accessibilità. 37

38 Quali edifici? Dove? I diversi livelli di accessibilità previsti da DM 236/1989 e DPR 503/1996 Accessibilità edifici sociali (scuola, sanità, assistenza, cultura, sport) luoghi lavoro (*) spazi esterni parti comuni degli edifici tutte le unità immobiliari (con un servizio igienico accessibile per ogni livello utile) (*) N.B. accessibilità pressoché totale anche per i luoghi di lavoro (con alcuni distinguo e limitazioni) Visitabilità (accessibilità parziale limitata ad alcuni spazi o porzioni di spazi) riunioni e spettacoli, circoli privati ristorazione attività ricettive (alberghi, pensioni, campeggi, villaggi turistici) culto altre attività aperte al pubblico 38

39 L ispirazione «prestazionale» (e non solo prescrittiva) della normativa tecnica per l accessibilità: DM 236/1989 e DPR 503/1996 L impostazione della normativa tecnica è basata su: criteri di progettazione (prescrizioni richieste che vogliono soddisfare dei criteri) specifiche funzionali dimensionali (indicative: vengono date delle «dimensioni» da rispettare) Tale impostazione, di tipo abbastanza prestazionale piuttosto che unicamente prescrittivo, consente di valutare con maggiore elasticità e con maggiore spirito critico le caratteristiche e la consistenza degli aspetti di barriera e di proporre soluzioni innovative per l accessibilità. Le disposizioni tecniche, essendo ispirate ad una concezione di tipo prestazionale, permettono al progettista di proporre soluzioni alternative a quelle indicate dalla normativa tecnica, purché rispondenti ai criteri di progettazione (Art. 7.2 del DM 236/1989 e art del DPR 503/1996). 39

40 La normativa tecnica: prima i criteri e poi le dimensioni (poche) Spazi di manovra con carrozzina a ruote ( art Spazi di manovra con carrozzina a ruote del DM 236/1989) A: rotazione cambiamento di direzione; B: rotazione inversione di direzione; C: rotazione 90 (con manovre combinate è possibile il completo cambiamento di direzione); D: svolta 90 ; E: inversione di direzione con manovre combinate. F: rotazione cambiamento di direzione ; G: : rotazione inversione di direzione; H: rotazione 90 (con manovre combinate è possibile il completo cambiamento di direzione). 150x150 cm x x170 cm x x x120 N.B.: gli spazi F, G, H sono permessi sono in interventi di adeguamento e per la 40 visitabilità degli alloggi

41 41

42 Circolare Ministero dell'interno n. 4 del , Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili. Alcune interessanti suggestioni nei confronti dell accessibilità percettiva sono contenute nella circolare, che non è applicabile soltanto nei luoghi dove sono presenti lavoratori con disabilità. La circolare dice che: occorre realizzare spazi conoscibili e riconoscibili (e tali da agevolare mobilità ed orientamento) anche attraverso un attenta e ben calibrata caratterizzazione sensoriale, che faccia appello a elementi di comunicazione sonora, tattile, visiva e plurisensoriale (ad esempio sonora,ottica, a vibrazione); la mancanza di varietà, data da una scarsa o inesistente caratterizzazione pluri-sensoriale, può essere considerata un potenziale rischio; l accessibilità dei percorsi è già sicurezza antincendio. 42

43 per Accessibilità percettiva Barriere percettive: ostacoli che: pendono sporgono con sviluppo divergente presenti sul piano di calpestio del percorso Accessibilità percettiva (di tipo sensoriale): 1. aumento informativo - comunicativo attraverso informazioni extra-visive ed extra-uditive 2. potenziamento informativocomunicativo rafforzando l informazione visiva e acustica 43

44 Superamento delle difficoltà percettive attraverso la progettazione plurisensoriale: i sensi tradizionali Superamento delle difficoltà percettive attraverso la progettazione plurisensoriale : gli altri sensi 44

45 Decreto del Ministero per i beni e le attività culturali del 28 marzo 2008 contenente le Linee guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale (pubblicate in Gazzetta Ufficiale, Supplemento Ordinario n. 114 del 16 maggio 2008 ) 45

46 Linee guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale L'accessibilità dei luoghi di interesse culturale I principi e gli orientamenti dell'universal Design Le soluzioni alternative (permesse dalla normativa tecnica per l accessibilità!) I criteri per la progettazione e la gestione: 1.Orientamento (punti di riferimento - segnaletica - mappe) 2.Superamento delle distanze 3.Superamento dei dislivelli (rampe - ascensori - piattaforme elevatrici - servoscala e montascale - adeguamento e miglioramento di scale, cordonate e rampe esistenti - superamento dei dislivelli a scala urbana o paesaggistica) 4.Fruizione delle unità ambientali e delle attrezzature (Ingressi - Servizi igienici - Arredi) 5.Raccordo con la normativa di sicurezza e antincendio 6.Allestimento di spazi espositivi (Accessi accoglienza e servizi - Percorsi - Esposizione delle opere - Didascalie - Illuminazione) 7.Monitoraggio e manutenzione (Informazioni - Parcheggi - Superamento delle distanze e dei dislivelli - Ingressi dedicati - Segnaletica - Cantieri temporanei - Servizi igienici) Casi di studio Parchi e giardini storici, aree e parchi archeologici Spazi urbani Edifici e complessi monumentali Luoghi di culto Spazi espositivi, musei, archivi e biblioteche 46

47 - dispositivi di trasporto e di ausilio alla mobilità utili per il superamento agevolato delle lunghe distanze: come minibus elettrici, clubcar, elettroscooter, trenini etc. - possibilità di loro combinazione per realizzare una micro-intermodalità 47

48 Isola Tiberina, Roma Soluzione alternativa installazione provvisoria di un ascensore da cantiere a cremagliera. 48

49 49

50 elementi di forza delle linee guida fanno appello ai criteri informatori dell Universal Design accessibilità intesa in senso ampio,quindi anche come fruibilità, usabilità di spazi agevoli, amichevoli ricerca di soluzioni ad hoc nell ottica di approccio prestazionale il problema delle lunghe distanze l appello ad usare soluzioni alternative alcune precisazioni terminologiche maggior attenzione a problematiche di barriere percettive 50

51 Testo unico dell edilizia (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, DPR n. 380 del Capo III - Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati aperti al pubblico Sezione I - Eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Art. 77 (L) - Progettazione di nuovi edifici e ristrutturazione di interi edifici Art. 78 (L) - Deliberazioni sull eliminazione delle barriere architettoniche Art. 79 (L) - Opere finalizzate all eliminazione delle barriere architettoniche realizzate in deroga ai regolamenti edilizi Sezione II - Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico Art. 82 (L ) - Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico N.B.: Per quanto riguarda le indicazioni tecniche e il campo di applicazione fa riferimento alle normative esistenti: DM 236/1989, DPR 503/1996, Legge 104/

52 Attenzione ai disposti normativi che compaiono in altri settori Ad esempio si vedano le normative per gli ascensori 52

53 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DECRETO Norme relative all'esercizio degli ascensori in servizio pubblico destinati al trasporto di persone. (G. U..21 del 27/1/2010) Art. 3 Domanda e documentazione ( )Punto o) documentazione concernente l'osservanza delle norme relative all abbattimento delle barriere architettoniche in conformità alla UNI EN e successive modificazioni N.B. DPR 503/1996 all art. 4 ( ) per gli eventuali impianti di sollevamento, si applicano le norme contenute ai punti , e , dello stesso decreto (DM 236/1989), con le successive prescrizioni elaborate dall'ispesl e dall'u.n.i. in 53 conformità alla normativa comunitaria

54 UNI EN 81-70:2005 EN 81-70:2003 entrata in vigore dal 6 agosto 2005 Regole di sicurezza per la costruzione e l'installazione degli ascensori - Applicazioni particolari per ascensori per passeggeri e per merci - Parte 70: Accessibilità agli ascensori delle persone, compresi i disabili disabilità incluse e disabilità non incluse le dimensioni delle cabine standardizzate sono tre e garantiscono diversi livelli di accessibilità da parte delle persone con disabilità accessi, apertura delle porte obbligatorio un corrimano su almeno una parete laterale della cabina sedile ribaltabile se un utente in carrozzina non può girarsi, deve essere installato un dispositivo (es. uno specchio) per consentire a tale utente di osservare gli ostacoli quando si muove all'indietro per uscire dalla cabina dispositivo di comando a tastiera dispositivi di comando XL disposizione bottoniera di cabina segnalazioni al piano segnalazioni in cabina segnalazioni in cabina: sistema di allarme 54 linee guida riguardanti le caratteristiche per persone con ridotta capacità

55 bottoniera esterna 0,90-1,10 m bottoniera interna 0,90-1,20 m 55

56 altezza terminali impianti da DM 236/1989 h cm consigliato 120 per pulsante più alto 56

57 57

58 58

59 59

60 Decreto del Ministero delle attività produttive 16 gennaio 2006 Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti: UNI EN in Gazzetta Ufficiale del 2 febbraio 2006, n

61 Norma Italiana Regole di sicurezza per la costruzione e l installazione degli ascensori Ascensori esistenti Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti UNI EN maggio 2004 Regole di sicurezza per la costruzione e l installazione degli ascensori Applicazioni particolari per ascensori per passeggeri e per merci Accessibilità agli ascensori delle persone, compresi disabili La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN che assume così lo status di norma nazionale italiana. 61

62 UNI EN maggio 2004 EN 81-70:2003 Safety rules for the construction and installations of lifts -Particular applications for passenger and good passenger lifts - Accessibility to lifts for persons including persons with disability 62

63 63

64 altezza terminali impianti da Dm 236/

65 Esistono anche disposizioni normative «locali» riguardanti l accessibilità Viaggiare Leggi e circolari regionali, deliberazioni comunali, regolamenti edilizi 65

66 Comune di Torino - Regolamento Edilizio Deliberazione del Consiglio Comunale di Torino del , regolamento Edilizio Art. 31 Requisiti delle costruzioni: per quanto concerne i requisiti di eliminazione delle barriere architettoniche la normativa di settore è integrata dalla prescrizione che, ove si attuino interventi eccedenti la manutenzione ordinaria in locali pubblici o aperti al pubblico anche limitati a singole unità immobiliari, l'intera unità immobiliare dovrà essere adeguata alle norme tecniche di riferimento per la ristrutturazione. 66

67 67

68 68

69 Comune di Torino chioschi nelle aree verdi Deliberazione del Consiglio Comunale di Torino del , «Testo coordinato ai sensi dell'art. 44 comma 2 del Regolamento del Consiglio Comunale» - Piano di localizzazione dei chioschi nelle aree verdi della città. adeguamento dei chioschi esistenti: i chioschi esistenti e quelli di nuova realizzazione devono essere provvisti di servizio igienico connesso al chiosco, aperto al pubblico, appositamente segnalato e accessibile dall'esterno anche da persona con disabilità. 69

70 Comune di Torino Contributi per eventi Deliberazione del Consiglio Comunale di Torino del , "Regolamento per le modalità di erogazione dei contribuiti: per tutti quei progetti e quelle iniziative di associazioni ed enti pubblici e privati per la cui realizzazione il Comune dà contributi, il Comune deve L'accessibilità alle richiedere manifestazioni che tali iniziative che abbiano si svolgano ricevuto in patrocinio assenza di o barriere contributo dal Comune di Torino è obbligatoria architettoniche, dal 2007, od in in seguito alternativa a una esista modifica l'impegno del Regolamento a fornire assistenza del Consiglio alle Comunale. Chi controlla? Come vengono effettuate le verifiche? Quale rispetto sostanziale persone svantaggiate al fine di favorirne la partecipazione, anche con ausili per una norma che è fondamentale per il rispetto dei diritti di cittadinanza? per lo spostamento, per l'audizione etc.; la condizione di accessibilità totale o condizionata deve essere indicata in ogni documento illustrativo dell'iniziativa al fine di favorire la più ampia partecipazione. Anche la Regione Piemonte ha deliberato in questa direzione. 70

71 Legge Regione Piemonte 28/1999 art.18/b: finanziamenti agevolati per le imprese commerciali Legge regionale 12 novembre 1999, n. 28. (Testo coordinato) Disciplina, sviluppo ed incentivazione del commercio in Piemonte, in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n eliminazione di barriere architettoniche da parte di aziende esercenti commercio al dettaglio; eliminazione di barriere architettoniche e/o adeguamento dei servizi igienici per persone con disabilità da parte di aziende di somministrazione di alimenti e bevande; viene accordata priorità se sussiste una delle seguenti condizioni: abbattimento barriere architettoniche e/o adeguamento servizi igienici alle persone con disabilità; riqualificazione e potenziamento dei sistemi e apparati di sicurezza Legge regionale n. 33 del 23 ottobre

72 Comune di Torino - servizi di telecomunicazioni accessibili al pubblico (phone centers) Deliberazione del Consiglio Comunale del : introduzione dell'art. 212 bis al Regolamento Edilizio per i requisiti igienici e di sicurezza dei phone centers (modificata con Deliberazione del Consiglio Comunale del ) due servizi igienici (divisi per sesso) di cui uno conforme al superamento delle barriere architettoniche (i locali per phone center di superficie inferiore ai 40 mq. già esistenti possono essere dotati di un solo servizio igienico a loro uso esclusivo adatto anche per i disabili); rispetto della normativa in materia di barriere architettoniche; presenza di almeno una postazione per la comunicazione elettronica effettivamente fruibile dai disabili. 72

73 Comune di Torino - padiglioni ad uso ristoro annessi ad esercizi pubblici Deliberazione del Consiglio Comunale di Torino del : nella realizzazione di padiglioni ad uso ristoro annessi ad esercizi pubblici si deve osservare la normativa sull eliminazione delle barriere architettoniche e devono esistere le condizioni di fruibilità, da parte di persone con disabilità, di almeno un servizio igienico. 73

74 74

75 Legge Regione Piemonte 8 luglio 1999, n. 18 Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica Realizzazione, potenziamento/ampliamento, ristrutturazione, miglioramento di: alberghi e assimilati; residence turistici; affittacamere, bed and breakfast, case per ferie e assimilati, rifugi alpini; campeggi; alloggi agrituristici; alloggi-vacanza; ristoranti; impianti turistico-ricreativi e turistico-sportivi. compreso l adeguamento normativo tra cui l abbattimento delle barriere architettoniche. 75

76 Legge Regione Piemonte 23 ottobre 2006, n. 33 Azioni a sostegno dello sviluppo e della riqualificazione del turismo nelle aree protette e nei siti della rete Natura Sono ammessi a contributo: gli interventi di allestimento, ampliamento, miglioramento, arredamento, di abbattimento delle barriere architettoniche, compresi gli impianti e le attrezzature, di affittacamere che forniscono in proprio la prima colazione, di locande, alberghi, aziende agrituristiche, rifugi escursionistici e campeggi situati nelle aree protette; sono escluse dagli incentivi le spese relative alla realizzazione di nuove costruzioni. 76

77 Regolamento Regione Piemonte 3 marzo /R preparazione e somministrazione alimenti e bevande bar, piccola ristorazione, ristorazione tradizionale ALLEGATO 1 Requisiti comuni a tutte le tipologie Devono essere rispettate le normative relative al superamento delle barriere architettoniche (L. 13/89, D.M 236/89, L. 104/92) consentendo la visitabilità degli esercizi di ristorazione così come definite dall articolo 3, punto 4, lettera b) del D.M. 236/1989, in tutti gli esercizi di nuova apertura. La verifica del rispetto della normativa relativa alle barriere architettoniche è di competenza dei Comuni. 77

78 Esempio: applicare la normativa per accessibilità in ambito turistico Viaggiare Quali norme per le strutture ricettive? Quale il campo di applicazione? 78

79 Le strutture ricettive rientrano nel campo di applicazione del decreto DM 236/1989 Le strutture ricettive, in quanto edifici privati ma aperti al pubblico, rientrano a pieno titolo nel campo di applicazione: del DM 236/1989 quando si effettua nuova costruzione e ristrutturazione; dell art. 24 (Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche) della legge 104/ 1992 quando si effettua qualsiasi opera edilizia. 79

80 Le strutture ricettive rientrano nel campo di applicazione del decreto DM 236/1989 Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche progettuali (art. 5 del DM 236/1989) le strutture ricettive devono rispettare il requisito della visitabilità. La visitabilità è un livello di accessibilità ridotto ovvero limitato ad una parte dell'edificio Nelle attività ricettive (alberghi, pensioni, villaggi turistici, campeggi, etc.) il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se: tutte le parti e servizi comuni sono accessibili; un numero determinato di stanze sono accessibili; un numero determinato di zone all aperto destinate al soggiorno temporaneo sono accessibili. 80

81 Strutture ricettive: criteri di progettazione (art. 4) e specifiche e soluzioni tecniche (art. 8) Per le strutture ricettive si devono rispettare le prescrizioni del DM 236/1989 al punto 4 (4.1, 4.2 e 4.3) e le corrispondenti specifiche e soluzioni tecniche al punto 8: 4.1 unità ambientali e loro componenti: porte, pavimenti, infissi esterni, arredi fissi, terminali degli impianti, servizi igienici, cucine, balconi e terrazze, percorsi orizzontali, scale, rampe, ascensore, servoscala e piattaforma, autorimesse 4.2 spazi esterni: percorsi, pavimentazione, parcheggi 4.3 segnaletica 81

82 Strutture ricettive Quante camere accessibili? Con quali caratteristiche? Struttura ricettiva: numero di stanze accessibili richieste almeno 2 fino a 40 camere o frazione di 40. Tale quantità deve essere aumentata di altre due stanze accessibili ogni 40 stanze o frazione di 40 in più. Villaggi turistici e campeggi: quantità di unità di soggiorno temporaneo accessibili richiesta: oltre ai servizi ed alle attrezzature comuni, devono essere accessibili almeno il 5% delle superfici destinate alle unità di soggiorno temporaneo con un minimo assoluto di 2 unità. 82

83 Edifici privati aperti al pubblico attività ricettive (alberghi, pensioni) attività ricettive (villaggi, campeggi etc.) E richiesta la TOTALE ACCESSIBILITA di alcuni luoghi spazi esterni parti e servizi comuni spazi esterni parti e servizi comuni E richiesta una PARZIALE ACCESSIBILITA (detta visitabilità) di alcuni luoghi 2 stanze accessibili (ogni frazione di 40) con servizio igienico (se la stanza non ha un proprio servizio igienico, nelle vicinanze deve essercene uno accessibile) 5% delle superfici destinate al soggiorno temporaneo (minimo 2 unità) 83

84 Strutture ricettive Quanti le caratteristiche delle camere accessibili? Caratteristiche delle camere e dei bagni accessibili: arredi, servizi, percorsi e spazi di manovra devono consentire l'uso agevole anche da parte di persone in carrozzina a ruote. (N.B.: un problema riguarda la larghezza dei percorsi:cm 80/90/100?) (*) Qualora le stanze non dispongano dei servizi igienici, deve essere accessibile sullo stesso piano, nelle vicinanze della stanza, almeno un servizio igienico (N.B.: ciò deve essere applicato con grande cautela: ad es. in edifici esistenti particolarmente problematici o in strutture ricettive come ad es. ostelli che non prevedono camera con bagno privato). Per motivi di sicurezza in tutte le stanze è opportuno prevedere un apparecchio per la segnalazione, sonora e luminosa, di allarme. La collocazione delle stanze accessibili è preferibile sia nei piani bassi dell'immobile e comunque nelle vicinanze di un "luogo sicuro statico" o di una via di esodo accessibile. (*) cm 80 è il canale di percorribilità da lasciare libero davanti a lavabo e vasca nei servizi igienici (art DM 236/1989); cm 90 è la larghezza minima dello spazio di manovra per cambiare direzione con manovre combinate (art Spazi di manovra con carrozzina a ruote del DM 236/1989); cm 100 è la larghezza minima dei percorsi orizzontali e corridoi, che necessitano di allargamenti per permettere l inversione di marcia (art del DM 236/1989). 84

85 Strutture ricettive: gli altri servizi, oltre la «tradizionale» ricettività A seconda dei servizi presenti, ai fini dell accessibilità, occorre applicare le corrispondenti prescrizioni normative tecniche per l accessibilità. Indicativamente i servizi aggiuntivi a quelli di base (sala 1 colazione, sala pranzo, soggiorno) possono essere: sala conferenze, convegni e locali annessi (ad es. guardaroba) sala spettacoli (con locali annessi, ad es. camerini) sala musica sala relax sala Tv grande schermo biblioteca postazioni internet spazio culturale per esposizioni, mostre etc. servizi per igiene (parrucchiere, pedicure etc.) e cura del corpo, palestra, Spa (cure idroterapiche e servizi di benessere del corpo). attività ginnico-sportive (tennis, piscina etc.) bar, ristorante, self-service punto vendita custodia e gioco bimbi assistenza animali domestici e di compagnia. 85

86 Strutture ricettive: sale e luoghi per riunioni, spettacoli In particolare, la sala per riunione, spettacolo deve: essere dotata di posti riservati per persone con ridotta capacità motoria, in numero pari ad almeno 2 posti per ogni 400 o frazione di 400 posti, con un minimo di 2; essere dotata, nella stessa percentuale, di spazi liberi riservati per le persone su carrozzina a ruote, predisposti su pavimento orizzontale, con dimensioni tali da garantire la manovra e lo stazionamento di una carrozzina a ruote; essere consentita l'accessibilità ad almeno un servizio igienico; essere consentita l'accessibilità al palco, al palcoscenico ed almeno ad un camerino spogliatoio con relativo servizio igienico. 86

87 Strutture ricettive: sale e luoghi per ristorazione Nelle sale per la ristorazione: almeno una zona della sala deve essere raggiungibile mediante un percorso continuo e raccordato con rampe, dalle persone con ridotta o impedita capacità motoria; tale zona della sala deve essere dotata di almeno uno spazio libero per persone su carrozzina a ruote. Questo spazio deve essere predisposto su pavimento orizzontale e di dimensione tale da garantire la manovra e lo stazionamento di una carrozzina a ruote; deve essere consentita l'accessibilità ad almeno un servizio igienico. 87

88 Strutture ricettive: gli spazi culturali e sportivi Spazi culturali (ad esempio per esposizioni, mostre o altri eventi culturali ) e spazi sportivi possono essere presenti all interno di strutture ricettive. Si ricorda che in presenza di tali spazi (e di qualsiasi altro spazio destinato ad attività sociali ) occorre applicare la normativa per l accessibilità, che, per gli spazi destinati ad attività sociali prevede la totale accessibilità di: spazi esterni ; parti comuni e tutti gli ambienti ; almeno un servizio igienico accessibile per ogni livello utile. 88

89 Riepilogando, per le strutture ricettive albergo/struttura ricettiva. Devono essere accessibili: tutte le parti e servizi comuni; due (o più) stanze; spazi esterni; sale e luoghi per riunioni, spettacoli. Se sono presenti nella struttura ricettiva, devono essere accessibili: almeno due spazi liberi; almeno due posti riservati; un servizio igienico; il palco con un camerino; spogliatoio con servizio igienico; sale per la ristorazione. Se sono presenti nella struttura ricettiva, devono essere accessibili: una zona della sala, almeno uno spazio libero per persone in carrozzina; un servizio igienico; altri spazi e servizi. Occorre vedere le richieste specifiche per l accessibilità. Se sono presenti spazi per attività culturali e sportive (e ogni altra attività di tipo sociale ) occorre prevedere la totale accessibilità dei luoghi in cui si effettuano tali attività. 89

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Cagliari, i 24 settembre 2015. architet

Cagliari, i 24 settembre 2015. architet Cagliari, i 24 settembre 2015 f.mezzalana@gmail.com Fabrizio Mezzalana Architetto f.mezzalana@gmail.com f.mezzalana@gmail.com f.mezzalana@gmail.com f.mezzalana@gmail.com prima parte f.mezzalana@gmail.com

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE Regolamento urbanistico Appendice 4 Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche 16 maggio 2008 1. Premessa

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

edifici pubblici privati aperti al pubblico

edifici pubblici privati aperti al pubblico Oggetto: parere legale in relazione alle prescrizioni imposte per gli interventi edilizi su edifici privati e pubblici dalle norme sull abbat-timento della barriere architettoniche. E stato chiesto di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - Scopi e campo

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni COMUNE DI PRATO Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni Gruppo di lavoro per l elaborazione del Piano per l Accessibilità Urbana Coordinatore Gruppo Arch.

Dettagli

Titolo evento/relazione

Titolo evento/relazione Titolo evento/relazione LE BARRIERE ARCHITETTONICHE PERCETTIVE E LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO GIULIO NARDONE Presidente Nazionale ASSOCIAZIONE DISABILI VISIVI ONLUS Vicepresidente I.N.M.A.C.I. UN SALTO

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Catasto terreni di Marostica, censuario di

Catasto terreni di Marostica, censuario di Aggiornamento 05/12/14 RELAZIONE E DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ relativa ai LIVELLI QUALITATIVI DI PROGETTAZIONE AI FINI DEL SUPERAMENTO E DELL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (art. 1 comma

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Dipartimento 10 - Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

Strumenti e proposte per il turismo. Casternone

Strumenti e proposte per il turismo. Casternone Strumenti e proposte per il turismo accessibile nelle Valli di Lanzo Ceronda e Casternone martedì 23 marzo 2010 Salone polivalente della Comunità Montana Via Monte Angiolino n. 8, Lanzo Torinese Accessibilità

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it

Sicurezza e Accessibilità. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Sicurezza e Accessibilità Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco www.vigilfuoco.it Accessibilità Sicurezza? Sicurezza e Accessibilità Ferraiuolo 2/22 SICUREZZA ANTINCENDIO La sicurezza

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI BARRIERE ARCHITETTONICHE ACCESSIBILITÀ - C ORRADO B ORTOLIN ( NOV 2014) Circolare 01/03/2002 n. 4 Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove

Dettagli

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it Corso di formazione post-lauream PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE XVII edizione A.a. 2009-10 direttore prof. arch. Fabrizio Vescovo Roma, marzo - giugno 2010 Facoltà di Architettura Valle Giulia - Sapienza

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche.

Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche. Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche. La Regione Toscana con la modifica alla L.R. n. 47/91 permette di superare le disomogeneità territoriali

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... Nato a... (...) il... C.F... D I C H I A R A

Il/La sottoscritto/a... Nato a... (...) il... C.F... D I C H I A R A AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI RIETI Bollo 14,62 DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI, AI SENSI DELLA LEGGE 9 GENNAIO

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio febbraio 2010 Barriere Architettoniche (30 settembre 2009) Barriere architettoniche negli edifici privati Abbattimento

Dettagli

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15%

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Le strutture agrituristiche la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Finalità dell agriturismo Legge 5.12.1985 n.730 Disciplina dell agriturismo Sostegno all agricoltura

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

Deliberazione n. 234

Deliberazione n. 234 Protocollo RC n. 15544/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì trenta del mese di luglio, alle

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA Fonte: Bando regionale 2015 Modulo predisposto: Settore Territorio, Servizio Urbanistica Pianificazione e Gestione del Territorio - Corrado Franzosi tel. 0381 299 309 CHI BENEFICIARE CONTRIBUTO CHI PRESENTARE

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 REGOLAMENTO RECANTE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI, SPAZI E SERVIZI PUBBLICI. TITOLO I SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

ABITAZIONI - CONDOMINI

ABITAZIONI - CONDOMINI ABITAZIONI - CONDOMINI Decreto del Ministero dell'interno, n.246 del 16 maggio 1987 (Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 1987 n.148) Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. ALBERGHI

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag.

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. INDICE 1. NORME DI CARATTERE GENERALE Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. 15 1.1. Normativa internazionale

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11. - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89

COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11. - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89 COMUNE DI PONSACCO Piano attuativo PA 11 Ubicazione: Via Buozzi Proprietà: - F.lli Testi e Dolfi s.n.c. - R.M. Immobiliare s.r.l - Soc. nome collettivo Parri & C LEGGE 13/89 - relazione - dichiarazione

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA DEVE ESSERE PRESENTE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Fonte: G.U. del 27 settembre

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti-

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- OTTOBRE 2007 1 Partendo dalla proposta di direttiva per l adeguamento dei RUE, elaborata dal gruppo sull Efficienza Energetica

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Principali atti normativi in tema di disabilità

Principali atti normativi in tema di disabilità a cura di Maria Giulia Bernardini Legenda: per gli atti di rilevanza nazionale si è seguito il criterio cronologico; per quelli regionali, si è provveduto anche ad una partizione per materia Norme e atti

Dettagli

Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio

Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio Corso sulla sicurezza antincendio Sicurezza delle persone disabili in caso di incendio L aspetto della sicurezza delle persone disabili non può essere separato dalla realizzazione di edifici accessibili,

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33

Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2879 del 30 nov. 2010 pag. 1/6 Relazione sulle modifiche ed integrazioni dell Allegato C della legge regionale 4 novembre 2002, n. 33 1. Il contesto statistico

Dettagli

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40.

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40. Legge Regione Friuli - Venezia Giulia : Legge regionale 23/08/1985 N. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico-sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Dettagli

SICUREZZA NEI SERRAMENTI. In sintesi

SICUREZZA NEI SERRAMENTI. In sintesi SICUREZZA NEI SERRAMENTI In sintesi 1 CONTENUTI Aspetti pratici relativi alla Sicurezza nei serramenti 2 I serramenti che presentano rischi di incidenti, devono soddisfare determinati requisiti di sicurezza.

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli