Giandomenico Andreetta Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giandomenico Andreetta Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI"

Transcript

1 Dottore Commercialista TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI VEICOLI CONCESSI IN USO PROMISCUO A DIPENDENTI E COLLABORATORI

2 SOMMARIO IMPOSTE SUL REDDITO...2 RIFLESSI SUL REDDITO DEL PERCETTORE DEI FRINGE BENEFIT...2 Determinazione del reddito di lavoro dipendente: Generalità...2 Autoveicoli concessi in uso ai dipendenti...2 Autoveicoli concessi in uso ai collaboratori parasubordinati ed agli amministratori...3 RIFLESSI SUI REDDITI D IMPRESA, ARTE E PROFESSIONE....4 Deducibilità al 70% delle spese dei veicoli concessi in uso a dipendenti...4 Deducibilità limitata al 20% delle spese dei veicoli concessi in uso ai collaboratori parasubordinati ed agli amministratori...4 TRATTAMENTO IVA...6 Imponibilità della concessione in uso dei veicoli: generalità...6 Imponibilità della concessione in uso dei veicoli: regola particolare per i dipendenti...6 Detrazione Iva limitata al 40%...7 Detrazione Iva 100% per i veicoli concessi in uso ai dipendenti...8 Detrazione 100% per i veicoli concessi in uso ai collaboratori ed agli amministratori : condizioni...8 1

3 IMPOSTE SUL REDDITO RIFLESSI SUL REDDITO DEL PERCETTORE DEI FRINGE BENEFIT Determinazione del reddito di lavoro dipendente: Generalità Secondo il principio generale contenuto nel co. 1 dell art. 51 del D.P.R n. 917 (nel prosieguo, TUIR), intitolato Determinazione del reddito di lavoro dipendente, il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Con l espressione erogazioni liberali si intende, genericamente, tutto ciò che viene corrisposto, in denaro o in natura, al dipendente, al di là di quanto il datore sarebbe obbligato per legge o per contratto, senza che ciò configuri adempimento di una obbligazione, come, ad esempio, la concessione in uso personale di un autoveicolo aziendale. Per effetto della norma sopra citata, i c.d. fringe benefit (che non sono costituiti necessariamente da erogazioni liberali ) fanno parte integrante dell imponibile del dipendente e, al fine della loro determinazione in denaro, il co. 3 dello stesso articolo 51, stabilisce che si applicano le disposizioni relative alla determinazione del valore normale dei beni e dei servizi contenute nell'articolo 9. Non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d'imposta a lire ; se il predetto valore è superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito. In base al comma 3 dell art. 9 del TUIR, per valore normale,., si intende il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. Come si vedrà nel prosieguo, a parziale deroga di quanto precede e diversamente dagli altri fringe benefit, il valore tassabile della concessione al dipendente di un autoveicolo aziendale in uso promiscuo, personale ed aziendale (l uso esclusivamente personale esula dalla trattazione effettuata in questa sede), è stabilito direttamente dalla legge. Autoveicoli concessi in uso ai dipendenti Il co. 4., lettera a), dell art. 51 del TUIR, dispone che, ai fini dell'applicazione del comma 3 (cioè, ai fini della determinazione del valore normale) per gli autoveicoli indicati nell'articolo 54, comma 1, lettere a), c) e m), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo, si assume il 30 per cento dell'importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali che l'automobile club d'italia deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare al Ministero delle finanze che provvede alla pubblicazione entro il 31 dicembre, con effetto dal periodo d'imposta successivo, al netto degli ammontari eventualmente trattenuti al dipendente. Per l anno 2014, le tabelle nazionali sono state allegate al Comunicato Tabelle nazionali dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall'aci - Art. 3, comma 1, del decreto 2

4 legislativo 2 settembre 1997, n. 314 (13A10360) dell Agenzia delle Entrate (in luogo del Ministero delle Finanze), pubblicato in GU, Serie Generale n. 300 del Suppl. Ordinario n. 86. Ad esempio, nelle predette tabelle si riscontra: MARCA MODELLO SERIE COSTO CHILOM. A KM FRINGE BENEFIT ANNUALE FIAT cv 0, ,13 Se il veicolo dell esempio fosse assegnato, gratuitamente, in uso promiscuo ad un dipendente per i primi nove mesi nell anno , il valore del fringe benefit verrebbe così determinato: Imponibile per il dipendente: 0,4047 x x 273/365 x 30% = 1.362,12. L Agenzia delle Entrate, con Circ n. 1/E, punto A) (Reddito di lavoro dipendente), ha precisato che laddove sia prevista la corresponsione da parte del dipendente di un prezzo o di un canone (con il metodo del versamento o della trattenuta) per il godimento del veicolo in uso promiscuo, il reddito imponibile è costituito dalla differenza tra il valore forfetario determinato secondo il calcolo sopra descritto e quanto corrisposto dal lavoratore. Pertanto, l imponibile dell esempio si ridurrebbe a soli 752,12, qualora il lavoratore rimborsasse all azienda la somma (iva compresa) di 610 (500 + Iva). Autoveicoli concessi in uso ai collaboratori parasubordinati ed agli amministratori La stessa circolare n. 1/E/2007 ha, altresì precisato che le suddette regole trovano applicazione, in linea generale, anche con riferimento ai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e, in particolare, per la determinazione dei compensi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all'articolo 50, comma 1, lettera c-bis) del T.U.I.R.. Ciò conferma, tra l altro, che (a valle) ai collaboratori (co.co.co., nelle varie tipologie), comprendendovi anche gli amministratori di società, si applica lo stesso identico trattamento fiscale dei dipendenti, ai fini della determinazione del reddito. 1 Si ricorda, inoltre, che la circolare n. 326/E del 23 dicembre 1997, alla quale si rinvia per quanto non espressamente precisato in questa sede, ha chiarito che essendo il valore del fringe benefit fissato forfetariamente su base annuale, l'importo da far concorrere alla formazione del reddito deve essere ragguagliato al periodo dell'anno durante il quale al dipendente viene concesso l'uso promiscuo del veicolo, conteggiando il numero dei giorni per i quali il veicolo è assegnato, indipendentemente dal suo effettivo utilizzo (Agenzia delle Entrate Circ n. 1/E). 3

5 Non altrettanto avviene (a monte), come si rileverà nel prosieguo, dal punto di vista del datore di lavoro, in materia di deducibilità del costo degli autoveicoli, ove le regole differiscono. RIFLESSI SUI REDDITI D IMPRESA, ARTE E PROFESSIONE. Deducibilità al 70% delle spese dei veicoli concessi in uso a dipendenti Il co. 1, lettera b-bis), dell art. 164 del TUIR (intitolato Limiti di deduzione delle spese e degli altri componenti negativi relativi a taluni mezzi di trasporto a motore, utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni ), con riguardo ai mezzi di trasporto a motore utilizzati nell'esercizio di imprese, arti e professioni dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d imposta, consente la deducibilità delle relative spese nella misura ridotta del 70 per cento 2 (90% fino al 31/12/2012), comunque ben superiore a quella del 20% generalmente concessa. L uso promiscuo (personale ed aziendale) deve risultare da idonea documentazione quale, per esempio, il contratto individuale di lavoro e perdurare per la maggior parte del periodo d imposta. Verificate le condizioni, per la deducibilità al 70% delle spese sostenute, per le auto concesse in uso ai dipendenti non sembrano presentarsi particolari problemi. Si sottolinea che le regole dell art. 164 TUIR si applicano, non solo nella determinazione del reddito d impresa, ma anche nell ambito del lavoro autonomo. Deducibilità limitata al 20% delle spese dei veicoli concessi in uso ai collaboratori parasubordinati ed agli amministratori Diciamo subito che, contrariamente a quanto avviene dal lato percettore (il cui benefit è tassato nello stesso modo sia in capo ai dipendenti che ai collaboratori ), la deducibilità dal reddito dell impresa o dal reddito di lavoro autonomo delle spese di impiego dei veicoli, cambia a seconda che i veicoli siano assegnati in uso ai dipendenti oppure ai collaboratori, amministratori compresi. Per quanto riguarda i collaboratori ed, in particolare, gli amministratori di società, occorre prendere atto del fatto che il co. 1, lettera b-bis), dell art. 164 del TUIR, nel concedere la deducibilità al 70%, fa riferimento unicamente ai dipendenti,. La Circ n. 1/E, punto 17.2 B) (Reddito d'impresa e di lavoro autonomo), ha precisato che in caso di veicoli concessi in uso a titolari di rapporti di collaborazione coordinata e 2 Percentuale così modificata dall'art. 4, comma 72, lettera b), legge 28 giugno 2012, n. 92, a decorrere dal periodo d'imposta successivo alla data del 18 luglio 2012, così come stabilito dal comma 73 del medesimo art. 4, L. n. 92/

6 continuativa, ovvero all'amministratore di società, si conferma quanto affermato con la circolare n. 5/E del 26 gennaio 2001, punto 10, secondo la quale l'assimilazione, operata dall'art. 34 della legge n. 342 del 2000, del trattamento fiscale dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata ai redditi di lavoro dipendente, concerne le modalità di determinazione del reddito del collaboratore ai fini delle imposte dirette, ma non si configura quale assimilazione delle due tipologie di rapporto di lavoro a tutti gli effetti di legge ed, in particolare, non opera con riferimento alle disposizioni che regolano la deduzione dal reddito di impresa o di lavoro autonomo. Secondo la circolare 1/E/2007, anche se sono tassati come i dipendenti, i collaboratori parasubordinati e gli amministratori di società non diventano dipendenti a tutti gli effetti. Pertanto, in questi casi, il datore di lavoro non potrà applicare la disposizione di cui alla lettera b- bis), dell art. 164 TUIR, che consente la deducibilità 70% del costo dei veicoli dati in uso promiscuo ai soli dipendenti. Applicando il restrittivo orientamento della succitata circolare al testo attualmente vigente dell art. 164 TUIR, sembrerebbe, pertanto, di dover concludere che i veicoli assegnati in uso promiscuo ai collaboratori parasubordinati (ivi compresi gli amministratori di società), non potendo essere fatti rientrare tra quelli: o esclusivamente strumentali (secondo il concetto di stretta strumentalità da sempre propugnato dall Agenzia delle Entrate) di cui alla lettera a), n. 1) del co. 1, dell art. 164; o assegnati in uso promiscuo ai dipendenti di cui alla lettera b-bis) del co. 1, dell art. 164, con detrazione 70%; rientrano, per forza, tra quelli di cui alla lettera b) del co. 1, dell art. 164, cioè tra quelli le cui spese sono deducibili al 40% fino al 31/12/2003 ed al 20% successivamente a tale data 3. In conclusione, nel reddito assimilato a quello di lavoro dipendente del collaboratore o dell amministratore che abbia in uso il veicolo dovrà confluire il valore del benefit determinato esattamente come per i dipendenti (cioè il 30% del costo chilometrico annuale risultante dalle tabelle, eventualmente ragguagliato al più breve periodo), ma il datore di lavoro (impresa o professionista) potrà dedurre solo il 20% (o il 40% prima del 2013) delle spese sostenute. Alle predette conclusioni sembrerebbe di poter pervenire anche nel caso di assegnazione di veicoli in uso promiscuo ai dipendenti per un periodo inferiore alla metà del periodo d imposta: E appena il caso di aggiungere che le spese dovrebbero comunque potersi dedurre interamente fino a concorrenza della parte di costo rifatturata al collaboratore o all amministratore. 3 Art. 1, co. 501, L. 24/12/2012 n

7 TRATTAMENTO IVA Imponibilità della concessione in uso dei veicoli: generalità Si premette che le prestazioni di servizi gratuite, di valore superiore a 25,82 euro, sono comunque imponibili ad Iva 4, limitatamente a quelle effettuate in regime d impresa. L art. 13, co. 2, lett. c) del Dpr 633/1972, con riguardo alle suddette prestazioni di servizi, prevede che la base imponibile è pari alle spese sostenute dal soggetto passivo per l esecuzione dei servizi medesimi (per effetto delle modifiche legislative intervenute, il criterio delle spese sostenute ha, generalmente, sostituito l originario criterio del valore normale ). Se la conclusione di cui all interpello /2014 della Direzione Regionale della Lombardia - Settore Servizi e Consulenza - Ufficio Fiscalità delle imprese e finanziaria (vedasi infra al paragrafo Detrazione 100% per i veicoli concessi in uso ai collaboratori ) è corretta, allora non vale la deroga di cui al paragrafo che segue e la concessione in uso gratuito di veicoli aziendali a collaboratori ed amministratori va fatturata (o autofatturata) con imponibile fatto pari alle spese sostenute. Imponibilità della concessione in uso dei veicoli: regola particolare per i dipendenti L art. 13, comma 3, lett. d) del Dpr 633/1972 stabilisce che per la messa a disposizione di veicoli stradali a motore. e delle relative prestazioni di gestione effettuata dal datore di lavoro nei confronti del proprio personale dipendente la base imponibile è costituita dal valore normale dei servizi se è dovuto un corrispettivo inferiore a tale valore. Il successivo art. 14 prevede che per le operazioni indicate nell articolo 13, comma 3, lettera d), con decreto del Ministro dell economia e delle finanze sono stabiliti appositi criteri per l individuazione del valore normale. Infine, l art. 24, comma 6, della L n. 88, prevede che il decreto del Ministro dell economia e delle finanze di cui all articolo 14, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633,., è emanato entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. Fino alla data dalla quale trovano applicazione le disposizioni del suddetto decreto del Ministro dell economia e delle finanze, per la messa a disposizione di veicoli stradali a motore da parte del datore di lavoro nei confronti del personale dipendente si assume come valore normale quello determinato a norma dell articolo 51, comma 4, lettera a), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, comprensivo delle somme eventualmente trattenute al dipendente e al netto dell imposta sul valore aggiunto compresa in detto importo. Il decreto cui si riferisce il precitato 6 comma non è, però, mai stato emanato; pertanto continua ad applicarsi, anche per l Iva, la suddetta regola transitoria del valore determinato ai fini delle IIDD.. 4 Art. 3, comma 3, del DPR 633/

8 In base alla regola transitoria appena ricordata, per la messa a disposizione di veicoli stradali a motore da parte del datore di lavoro nei confronti del personale dipendente, l imponibile è dato dal valore normale (derogando al principio delle spese sostenute ); viene assunto, quale valore normale ai fini dell Iva, il valore del fringe benefit ai fini delle IIDD, comprensivo delle somme eventualmente trattenute al dipendente e al netto dell imposta sul valore aggiunto compresa in detto importo. Così, riprendendo l esempio riportato in precedenza, MARCA MODELLO SERIE COSTO CHILOM. A KM FRINGE BENEFIT ANNUALE FRINGE BENEFIT IMP. FIAT cv 0, , ,12 si perviene alla conclusione che, in caso di assegnazione in uso gratuito del veicolo al dipendente, il datore di lavoro dovrebbe autofatturarsi per complessivi 1.362,12 (imponibile 1.116,49 + Iva 245,63) 5. Nel caso in cui il datore di lavoro già fatturasse al dipendente un corrispettivo di 500+Iva (addebitandogli, così, complessivamente 610), il residuo imponibile oggetto di auto fatturazione si ridurrrebbe a 616,49 (1.116,49 500,00). Detrazione Iva limitata al 40% L articolo 19 Bis 1, co. 1 lett. c), del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, Numero 633, in deroga alle disposizioni di cui all'articolo 19 dello stesso decreto, stabilisce che: l imposta relativa all acquisto o all importazione di veicoli stradali a motore, diversi da quelli di cui alla lettera f) dell allegata tabella B (motocicli con cilindrata superiore a 350 cc), e dei relativi componenti e ricambi è ammessa in detrazione nella misura del 40 per cento se tali veicoli non sono utilizzati esclusivamente nell esercizio dell impresa, dell arte o della professione. La disposizione non si applica, in ogni caso, quando i predetti veicoli formano oggetto dell attività propria dell impresa nonché per gli agenti e rappresentanti di commercio. Per veicoli stradali a motore si intendono tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto. Al co. 1 lett. d), dello stesso articolo viene, poi, stabilito che: l imposta relativa all acquisto o all importazione di carburanti e lubrificanti destinati ad aeromobili, natanti da diporto e veicoli stradali a motore, nonché alle prestazioni di cui al terzo comma dell articolo 16 e alle prestazioni di custodia, manutenzione, riparazione e impiego, compreso il transito stradale, dei beni stessi, è ammessa in detrazione nella stessa misura in cui è 5 Si ritiene che l espressione..al netto dell imposta sul valore aggiunto compresa in detto importo, usata dall art. 24, comma 6, della L. n. 88/2009, si riferisca al valore normale ex art.51, comma 4, lett. a) del Tuir), che, evidentemente, si intende Iva compresa (anche se non tutti i suoi componenti <es.: assicurazione> sono soggetti a tale imposta). 7

9 ammessa in detrazione l imposta relativa all acquisto o all importazione di detti aeromobili, natanti e veicoli stradali a motore. Per effetto delle norme sopra riportate, la detraibilità dell Iva pagata per l acquisto di autoveicoli e per le relative spese di gestione è, generalmente, limitata al 40%. Detrazione Iva 100% per i veicoli concessi in uso ai dipendenti Il Ministero dell'economia e delle finanze, con la Ris n. 6/DPF, ha precisato che i veicoli utilizzati dal datore di lavoro nell esercizio dell impresa e messi a disposizione dei dipendenti, dietro un corrispettivo convenuto specificamente per la possibilità accordata a questi ultimi di utilizzarli anche per scopi privati, sono comunque da considerarsi utilizzati totalmente per l effettuazione di operazioni poste in essere nell ambito dell attività d impresa: le operazioni tipiche dell attività di impresa, da un lato, e la messa a disposizione dietro corrispettivo a favore del dipendente, dall altro. Ne deriva che in base ai criteri generali in materia di detrazione dell IVA l imposta afferente l acquisto dei veicoli stessi è integralmente detraibile (sempreché ovviamente non sussistano limitazioni alla detrazione conseguenti all effettuazione di operazioni esenti o non soggette). Per effetto della sopra citata risoluzione, la detraibilità dell Iva pagata per l acquisto di autoveicoli e per le relative spese di gestione (che è generalmente, limitata al 40%), nel caso di un veicolo concesso in uso al dipendente per la maggior parte del periodo d imposta ad un corrispettivo non inferiore al fringe benefit, spetta al 100%. Alla stessa conclusione si dovrebbe logicamente pervenire anche nel caso in cui la concessione sia completamente gratuita, in quanto, in tal caso, il datore di lavoro ha comunque l obbligo di autofatturarsi al valore normale. Detrazione 100% per i veicoli concessi in uso ai collaboratori ed agli amministratori : condizioni Si premette che la messa a disposizione a terzi di un veicolo dietro corrispettivo, conferisce al veicolo stesso la qualità di bene strumentale utilizzato esclusivamente nell esercizio dell impresa, dell arte o della professione. Il Ministero dell'economia e delle finanze, nella già citata Ris n. 6/DPF, precisa, tra l altro, che la messa a disposizione dietro corrispettivo è infatti un operazione imponibile ad IVA, ai sensi del principio generale in tema di imposizione delle prestazioni di servizi effettuate a titolo oneroso contenuto nell articolo 24 della direttiva 2006/112/CE, non derogato dalla citata decisione del Consiglio, che prende in considerazione solo l articolo 26 della direttiva stessa. 8

10 Ciò premesso, ci si chiedeva se la messa a disposizione dell autovettura ai collaboratori parasubordinati, ivi compreso l amministratore, potesse permettere la detrazione integrale dell Iva pagata a monte, sull acquisto e sulle spese di gestione con le stesse regole dei dipendenti, cioè fatturando loro (ovvero autofatturandosi) il fringe benefit al valore normale (ex art. 51 Tuir), anziché sulla base delle spese sostenute. Con l interpello / la Direzione Regionale della Lombardia - Settore Servizi e Consulenza - Ufficio Fiscalità delle imprese e finanziaria, richiamando la circolare n. 1/E del 19 gennaio 2007 e ribadendo che l'assimilazione ai redditi di lavoro dipendente del trattamento fiscale dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, concernente le modalità di determinazione del reddito del collaboratore ai fini delle imposte dirette, non si configura quale assimilazione delle due tipologie di rapporto di lavoro a tutti gli effetti di legge, conclude che che, per quanto concerne la detrazione dell'iva "a monte" relativa al veicolo 6 Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione dell'art. 19-bis1 del DPR n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente QUESITO. La società interpellante intende acquistare un autoveicolo stradale che poi verrà concesso in uso promiscuo al socio amministratore verso specifico corrispettivo. Tale corrispettivo sarà determinato ricorrendo al valore convenzionale in base a quanto previsto dall'articolo 14 comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, cioè assumendo il "30% dell'importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di km, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali Aci". La società fatturerà con l'aliquota IVA ordinaria nei confronti del socio amministratore che provvederà tempestivamente ad effettuare il relativo pagamento. In tale ipotesi l'interpellante chiede chiarimenti sulla corretta detrazione dell'iva "a monte" da parte della società. SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE L'interpellante, richiamati l'articolo 19-bis1 del d.p.r. n. 633 del 1972 e la risoluzione n. 6/DPF del 20 febbraio 2008, ritiene che il descritto addebito, mediante fattura, del fringe benefit al socio amministratore per l'utilizzo promiscuo del veicolo aziendale legittima la società a detrarre integralmente l'iva pagata per l'acquisto, gestione, manutenzione ed utilizzo del veicolo. PARERE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE L'articolo 19-bis1, comma 1, lettere c) e d), del d.p.r. n. 633 del 1972, nel testo vigente stabilisce nella misura del 40 per cento la detrazione dell'iva addebitata per le operazioni ivi indicate concernenti veicoli stradali a motore, utilizzati sia per finalità imprenditoriali e sia per finalità a carattere privato. Ciò indipendentemente dalla effettiva misura dell'utilizzo nell'esercizio dell'attività. Pertanto in tali ipotesi l'importo da assumere a riferimento per calcolare l'ammontare detraibile è in ogni caso il 40 per cento dell'imposta addebitata. In tal senso sono stati forniti chiarimenti anche dal Ministero dell'economia e delle Finanze - Dipartimento delle politiche Fiscali - con la citata risoluzione n. 6/DPF del 20 febbraio Con la stessa risoluzione è stato, inoltre, precisato che tale regime di detrazione limitata non opera per i veicoli utilizzati esclusivamente nell'esercizio dell'impresa, dell'arte o della professione e che ai fini in questione è da considerare realizzato l'utilizzo esclusivo quando i veicoli stradali a motore sono "acquistati dal datore di lavoro o acquisiti anche in base a contratti di noleggio o locazione, anche finanziaria, e successivamente messi a disposizione del personale dipendente a fronte di uno specifico corrispettivo. La messa a disposizione dietro corrispettivo è infatti una prestazione imponibile ai fini IVA...". Al riguardo, indipendentemente da ulteriori precisazioni, per il caso in esame rileva evidenziare che le disposizioni, previste specificamente per i veicoli dati in uso ai dipendenti, non possono essere applicate anche per i veicoli concessi in uso agli amministratori. Ciò a motivo della natura eccezionale di tali disposizioni. E' anche opportuno evidenziare che con la circolare n. 1/E del 19 gennaio 2007 ha confermato quanto già affermato al punto 10 della circolare n. 5/E del 2001, e cioè che, ai sensi dell'articolo 34, della legge n. 342 del 2000, l'assimilazione ai redditi di lavoro dipendente del trattamento fiscale dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, come possono essere quelli per l'ufficio di amministratore di società, concerne le modalità di determinazione del reddito del collaboratore ai fini delle imposte dirette, ma non si configura quale assimilazione delle due tipologie di rapporto di lavoro a tutti gli effetti di legge. In conclusione, la Direzione regionale della Lombardia è dell'avviso che, per quanto concerne la detrazione dell'iva "a monte" relativa al veicolo stradale concesso in uso promiscuo al socio amministratore, debba operare il regime ordinario previsto dalla normativa in materia e, quindi, non si condivide la soluzione proposta dall'interpellante. IL DIRETTORE REGIONALE Eduardo Ursilli 9

11 stradale concesso in uso promiscuo al socio amministratore, debba operare il regime ordinario previsto dalla normativa in materia e, quindi, non si condivide la soluzione proposta dall'interpellante. Al di là della apparente totale chiusura della formula utilizzata, la Direzione regionale della Lombardia sembrerebbe ritenere che: la detrazione dell'iva 100% (in luogo del 40%) "a monte", relativa al veicolo stradale concesso in uso promiscuo all amministratore, non sia preclusa 7 ; purchè, tuttavia, a valle, l assegnazione venga sottoposta alle regole ordinarie previste dalla normativa in materia. Pertanto, la fatturazione (ovvero l autofatturazione) del corrispettivo della concessione in uso del veicolo ai collaboratori parasubordinati, all amministratore, dovrebbe avvenire determinando la base imponibile sulla base delle spese sostenute dal soggetto passivo per l esecuzione dei servizi medesimi e non, invece, sulla base della regola derogatoria forfettariamente stabilita per i dipendenti (valore normale del fringe benefit secondo il Tuir). All atto pratico, se le elaborazioni dell ACI sono davvero effettuate i modo rigoroso e scientifico (cosa della quale non si avrebbe motivo di dubitare), è opinione personale di chi scrive come non possa essere contestata la deducibilità integrale dell Iva a monte, sempreché la determinazione dell imponibile da fatturare per l uso extra-aziendale del veicolo da parte del collaboratore o dell amministratore avvenga: quantomeno con riferimento ai costi chilometrici 8 elaborati dall Aci (in alternativa alla più complessa stratificazione dei costi effettivi aziendali), normalmente utilizzati nel calcolo dei costi da rimborsare ai soggetti che utilizzano il proprio veicolo per scopi aziendali; tenuto conto della percorrenza effettiva (concretamente da dimostrare). 7 Come acutamente osservato da Giorgio Gavelli, in Norme & Tributi Il Solo 24 ore del 15/11/2014, se avesse voluto ottenere una risposta differente, la società interpellante avrebbe dovuto fatturare all amministratore non il fringe benefit ex art. 51 del Tuir, ma il valore normale determinato sulla base delle tariffe di noleggio. 8 Si tratta di pubblicazione diversa dalla Tabelle nazionali recepite annualmente dall Agenzia delle Entrate. 10

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali A. Detraibilità Iva La normativa sulla detraibilità dell Iva pagata al momento dell acquisto di veicoli

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI contabilità generale SOMMARIO schema di sintesi veicoli concessi in uso promiscuo AUTO AZIENDALI IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI Art. 51 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 13 e 14 D.P.R.

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 283 03.11.2015 Finanziaria 2016: super ammortamento anche per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Il disegno di Legge di Stabilità

Dettagli

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori

Fiscal News N. 32. Amministratori: uso promiscuo dell auto. La circolare di aggiornamento professionale 29.01.2014. Uso. Amministratori collaboratori Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 29.01.2014 Amministratori: uso promiscuo dell auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 15 gennaio 2013 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Fiscalità degli autoveicoli a motore a decorrere dal 2013. Con la Legge di Stabilità si stabilisce che le autovetture aziendali,

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI

STUDIO DOTT. BONVICINI STUDIO DOTT. BONVICINI n. 9 del 10 luglio 2003 L INDETRAIBILITÀ PARZIALE DELL IVA DELLE AUTOVETTURE Soltanto in poche circostanze il contribuente ha la possibilità della detrazione dell IVA relativa all

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Periodico informativo n. 5/2013

Periodico informativo n. 5/2013 Periodico informativo n. 5/2013 Tabelle ACI 2013 aggiornate e auto in uso promiscuo ai soci e dipendenti Gentile Cliente, Le inviamo la presente per comunicarle che l ACI ha pubblicato, come ogni anno,

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO IMPOSTE DIRETTE (IRPEF IRES IRAP)

GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO IMPOSTE DIRETTE (IRPEF IRES IRAP) GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO LA NORMATIVA DÌ BASE Le principali IMPOSTE che gravano sulle auto, sono: (IRPEF, IRES, IRAP) disciplinate dall art. 164 del TUIR (DPR 917/86, così

Dettagli

Circolare informativa per i clienti dello studio. Ammortamento auto strumentali

Circolare informativa per i clienti dello studio. Ammortamento auto strumentali informativa per i clienti dello studio Ammortamento auto strumentali Ai gentili Clienti Loro sedi Premessa Una delle misure di maggior interesse contenute nel disegno di Legge di Stabilità 2016 è relativa

Dettagli

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 38 03.02.2014 Veicolo strumentale solo ai fini Iva Categoria: Auto Sottocategoria: Iva Ai fini Iva, con la L. n. 244/2007 è stato regolamentato

Dettagli

Guida alla fiscalità dell'auto

Guida alla fiscalità dell'auto Guida alla fiscalità dell'auto AGGIORNAMENTO 01/2013 LE IMPOSTE SULL'AUTO: DIRETTE E INDIRETTE COSA CAMBIA CON LA LEGGE DI STABILITÀ TABELLA RIASSUNTIVA SULLA FISCALITÀ DELL'AUTO Il presente documento

Dettagli

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo Agevolazioni fiscali 2016 Oggetto di cosa si tratta Un importante beneficio fiscale è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 per gli acquisti di beni strumentali NUOVI effettuati nel periodo compreso

Dettagli

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012 Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Gentile cliente,

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

La deduzione delle spese relative alle autovetture

La deduzione delle spese relative alle autovetture PERIODICO INFORMATIVO N. 27/2010 La deduzione delle spese relative alle autovetture Una serie di interventi normativi ha profondamente modificato il trattamento fiscale delle auto aziendali ai fini delle

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti VIALE GOZZADINI 9/11-40124 - BOLOGNA

Studio Dottori Commercialisti VIALE GOZZADINI 9/11-40124 - BOLOGNA Dott. Sergio Massa Dott. Elena Melandri Dott. Paola Belelli Bologna, 18 settembre 2007 Dott. Pierpaolo Arzarello RIEPILOGO DELLA DETRAIBILITA DELL IVA E DEI COSTI AUTO 2006 E 2007 (ovvero: fare e disfare

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Moro & Partners Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Quadro di sintesi utile per potersi orientare all interno delle recenti modifiche normative in tema di autoveicoli aziendali. Moro

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

RISOLUZIONE N. 59/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 marzo 2007

RISOLUZIONE N. 59/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 marzo 2007 RISOLUZIONE N. 59/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 marzo 2007 OGGETTO: Istanza d interpello - Deducibilità costi autovetture «Articolo 164, comma 1 lett. a) e B)» e detrazione IVA

Dettagli

Guida alla fiscalità dell auto.

Guida alla fiscalità dell auto. Guida alla fiscalità dell auto. Indice 1. Introduzione 2. 3. Imposte indirette 4. Tabelle fiscali di sintesi 4.1. Tabella fiscale Noleggio auto a Lungo Termine 4.2. Tabella fiscale acquisto 4.3. Tabella

Dettagli

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile»

La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale. «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» La normativafiscaleper la gestionedel welfare aziendale «Flessibilità, conciliazione, produttività: l equilibrio possibile» Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI

TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI TRATTAMENTO FISCALE DEI COSTI PER TELEFONINI AZIENDALI a cura Dott. Emilio Iorio Nel presente lavoro riepiloghiamo le situazioni più frequenti che si possono verificare in azienda relativamente al trattamento

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

SPESE PER DISABILI 2. SPESE PER L'ACQUISTO DI UN'AUTOVETTURA ADATTATA PER UN FIGLIO PORTATOREDI HANDICAP

SPESE PER DISABILI 2. SPESE PER L'ACQUISTO DI UN'AUTOVETTURA ADATTATA PER UN FIGLIO PORTATOREDI HANDICAP SPESE PER DISABILI 1. Acquisto di personal computer per portatore di handicap D. E' possibile considerare deducibile o detraibile la spesa relativa all'acquisto di un personal computer per un portatore

Dettagli

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003.

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. RISOLUZIONE N. 22/E Roma, 28 gennaio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. Con istanza d interpello, concernente

Dettagli

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò

LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007. di Vincenzo D Andò LA DISCIPLINA FISCALE PER LE AUTOVETTURE NON STRETTAMENTE STRUMENTALI PER L ATTIVITA D IMPRESA O DEL PROFESSIONISTA NEL 2007 di Vincenzo D Andò Il 27.6.2007 è stata pubblicata sulla G.U. dell Unione Europea

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 08 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Spese di ristrutturazione nell ambito della determinazione del reddito di lavoro autonomo

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) 31 Gennaio 2013 LA RIDUZIONE DELLA DEDUCIBILITÀ

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it VEICOLI AZIENDALI: DEDUCIBILITÀ AI FINI DELLE IMPOSTE

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze !" #$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze *#+ %#()%%$ AMBITO DELLE NOVITÀ AMMORTAMENTO ANTICIPATO REDDITO DI IMPRESA DURATA CONTRATTI

Dettagli

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 22 17 DICEMBRE 2007 La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione

Dettagli

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI Roma 4 settembre 2007 prot. n. 31.23 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI LEGA PROFESSIONISTI DI SERIE C LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si trasmette, in allegato,

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X RISOLUZIONE N. 100/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2005 Imprese e finanziaria OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X Con l interpello

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 145/E

RISOLUZIONE N. 145/E RISOLUZIONE N. 145/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 giugno 2007 OGGETTO: Tattamento tributario riservato, ai fini IVA, al diritto d autore Chiarimenti in merito alla corretta applicazione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie.

Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie. Circolare n. 98 del 17 maggio 2000 Oggetto: Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie. Sintesi: La circolare fornisce chiarimenti in materia di imposte sui

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa Fiscalità delle auto aziendali DISPENSA N 04/2016 A cura del Settore Fisco e Diritto d'impresa 22/04/16 Indice Contenuti 1.1 Veicoli a deducibilità integrale 4 1.2 Veicoli a deducibilità limitata 5 1.3

Dettagli

Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti

Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti Modena, lì 11/04/2008 Circolare n 3 Vogliamo sottoporre alla Vostra attenzione alcune novità fiscali in vigore dal 01/01/2008 sia

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

A tutti i clienti loro sedi AUTO AZIENDALI E STOCK OPTIONS ULTERIORI MODIFICHE AL TRATTAMENTO IVA IRES - IRAP IRPEF

A tutti i clienti loro sedi AUTO AZIENDALI E STOCK OPTIONS ULTERIORI MODIFICHE AL TRATTAMENTO IVA IRES - IRAP IRPEF Andrea Renai Dottore Commercialista Revisore Contabile A tutti i clienti loro sedi circolare n. 6/2006 AUTO AZIENDALI E STOCK OPTIONS ULTERIORI MODIFICHE AL TRATTAMENTO IVA IRES - IRAP IRPEF DECRETO-LEGGE

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

AUTOMOBILI AZIENDALI

AUTOMOBILI AZIENDALI AUTOMOBILI AZIENDALI Il concetto di auto aziendale non trova una sua unica collocazione all interno delle norme tributarie in quanto queste prevedono diversi trattamenti fiscali a seconda della tipologia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N. 140/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Con

Dettagli

Foglio interno per l informazione agli iscritti

Foglio interno per l informazione agli iscritti Marzo 2008 In allegato inviamo copia della circolare n. 2/2008 emessa dalla Cassa Mutua Nazionale per il Personale delle Banche di Credito Cooperativo ed avente per oggetto Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E. Roma, 30 ottobre 2015

RISOLUZIONE N. 92/E. Roma, 30 ottobre 2015 RISOLUZIONE N. 92/E Roma, 30 ottobre 2015 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Reddito di lavoro dipendente - Rimborso chilometrico - art. 51, commi 1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PISICCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PISICCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3896 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PISICCHIO Modifica all articolo 164 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al

Dettagli

RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE

RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE Approvazione dei modelli per il rimborso dell'iva sulle auto in base alla sentenza della Corte di Giustizia europea C-228/05 evoluzione normativa (breve riepilogo) situazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI UNICO 2011- ALCUNI ASPETTI IMPORTANTI

DICHIARAZIONE DEI REDDITI UNICO 2011- ALCUNI ASPETTI IMPORTANTI DICHIARAZIONE DEI REDDITI UNICO 2011- ALCUNI ASPETTI IMPORTANTI COMPENSAZIONI TRA CREDITI E DEBITI- Punti fondamentali L'Istituto della compensazione permette di sommare in modo algebrico i crediti e i

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile.

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. NOTA OPERATIVA N. 8/2012 OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. - Introduzione L ormai sempre più rapido progresso tecnologico può rendere difficoltosa,

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE Tesi della dottrina Nozione di perdita e modalità di calcolo Teorie: aziendalista, nominalistica, maggioritaria Giurisprudenza Corte di Cassazione RIDUZIONE DEL CAPITALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 24 25.06.2014 Rimborsi spese a dipendenti e collaboratori Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le spese sostenute dai dipendenti dell

Dettagli

Circolare 30. del 12 dicembre 2014. Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA INDICE

Circolare 30. del 12 dicembre 2014. Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA INDICE Circolare 30 Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA del 12 dicembre 2014 INDICE 1 Premessa...2 2 Imposte sui redditi e IRAP...2 2.1 Omaggi ai clienti...2 2.2 Omaggi ai dipendenti

Dettagli