Introduzione alle reti multiservizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alle reti multiservizio"

Transcript

1 Introduzione alle reti multiservizio Definizioni, opportunità e requisiti Reti di accesso e reti di trasporto Rete di accesso E la porzione di rete direttamente connessa al cliente finale Esegue prevalentemente funzioni di concentrazione e distribuzione In genere la banda disponibile è limitata Rete di trasporto E la porzione di rete che interconnette tra loro le reti di accesso Esegue funzioni di commutazione, multiplazione e demultiplazione In genere ha una forte disponibilità di banda 2 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Reti di accesso e reti di trasporto Rete di accesso Rete di accesso Rete di trasporto Rete di trasporto Rete di accesso Rete di accesso Rete di accesso 3 Le reti tradizionali Fanno uso di infrastrutture e tecnologie distinte per ogni servizio offerto, sia a livello di accesso che di trasporto Ciascuna rete è ottimizzata in funzione delle caratteristiche dello specifico servizio e incompatibile con le altre Alcuni esempi PSTN/ISDN per la voce CATV per la TV via cavo GSM per le trasmissioni mobili ADSL per il traffico dati 4 Rete di accesso

2 Le reti tradizionali 5 Le reti multiservizio 6 Le reti multiservizio si basano su tecnologie a livello di trasporto che consentono di veicolare su un unica infrastruttura di rete servizi Quadruple-Play Voce, dati, video (Triple-Play) Mobile Si parla di reti IP di nuova generazione (Net Generation Network o NGN) Possono essere multiservizio, multidominio e multivendor Le reti multiservizio 7 Opportunità 8 Modello tradizionale Modello multiservizio Dal punto di vista dell utente, il nuovo scenario consente di utilizzare un unico terminale, fisso o mobile, eventualmente evoluto (es. set top bo), per l accesso a molteplici servizi disponibilità always-on possibilità di personalizzazione Vantaggi in termini di comodità semplicità costi

3 Opportunità 9 Requisiti L approccio best effort 10 Dal punto di vista degli operatori di rete Opportunità di ridurre i costi legati alla gestione dei singoli servizi, sfruttando un unica piattaforma altamente flessibile ed innovativa, basata sulla preesistente infrastruttura di trasporto Possibilità di controllare la qualità e fornire servizi differenziati sulla base delle esigenze di ogni singolo utente Possibilità di conquistare nuove quote di mercato e conservare un numero di clienti in costante crescita Nelle reti IP tradizionali l unico servizio offerto è di tipo best effort Nessuna garanzia riguardo l effettiva ricezione, l ordinamento e la prioritizzazione dei pacchetti Il protocollo IP è connectionless effettua scelte di instradamento hop-by-hop non prevede nessun meccanismo per il controllo e il recupero degli errori La rete ha l unico obiettivo di consegnare i pacchetti e lascia ai terminali il compito di recuperare eventuali situazioni di errore Requisiti L approccio best effort 11 Requisiti Il nuovo approccio 12 Alcune funzionalità quali, ad esempio, la numerazione dei pacchetti e la ritrasmissione in caso di perdita o errori, possono essere garantite dal livello di trasporto qualora si utilizzi il protocollo TCP (Transfer Control Protocol) Questo modello implementativo è stato concepito per un tipo di traffico (FTP, TELNET, HTTP e simili) che non necessita di requisiti specifici Applicazioni di streaming audio-video, Voice over IP (VoIP), videoconferenza o IP Television (IPTV) impongono invece vincoli stringenti su I tempi di consegna dei pacchetti La percentuale delle risorse di rete utilizzate da ogni flusso dati Gli errori di trasmissione Per queste nuove classi di applicazioni, l'approccio best effort non è più sufficiente

4 Requisiti Il nuovo approccio 13 Requisiti 14 Occorre definire politiche di gestione atte a garantire specifici requisiti di performance per ciascun servizio La rete deve essere in grado di Riconoscereiflussi di trafficoappartentiad un determinato tipo di servizio Classificare il tipo di servizio sulla base dei requisiti di performance Differenziareil trattamentosulla rete (instradamento) sulla base dei requisiti specifici Garantire lo sfruttamento ottimale delle risorse Occorre definire nuovi protocolli e metodi per La classificazione dei flussi di traffico La gestione della qualità del servizio(qos) Il routing intelligente La gestione della banda disponibile Tipologie di applicazioni 16 Introduzione alle reti multiservizio I servizi di nuova generazione La realizzazione degli obiettivi di qualità richiede una caratterizzazione dei servizi sulla base dei requisiti di performance In linea di principio, è possibile dare diverse classificazioni In questo contesto, si farà riferimento alla classificazione definita dall ITU nella RFC1633 Tale classificazione si basa sul ritardo che ogni pacchetto dati subisce nel transitare attraverso la rete Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni

5 Applicazioni Elastiche e Real-Time 17 Applicazioni Elastiche e Real-Time 18 I servizi possono essere classificati in funzione del ritardo in Applicazioni Elastiche: elaborano i dati senza vincoli di real-time e sono in grado di svolgere le proprie funzioni anche se alcuni dati arrivano in ritardo Applicazioni Streaming o Real-Time:richiedono che ogni pacchetto arrivi a destinazione entro un dato intervallo di tempo oltre il quale verrebbe scartato Applicazioni Elastiche Asincrone Ritardi ininfluenti ( ) Interattive bulk Bassa sensibilità ai ritardi (FTP) Interattive burst Applicazioni Streaming o Real-Time Tolleranti (soft real-time) Adattative Adattative al ritardo Adattative in banda Intolleranti (hard real-time) Media sensibilità ai ritardi (TELNET) Adattative in banda Non adattative Applicazioni elastiche 19 Applicazioni elastiche 20 Vengono offerte in modalità best effort sulle reti IP , web browsing, FTP, TELNET, ecc Elaborano i dati nell istante in cui arrivano, senza necessità di buffer o di una caratterizzazione del livello di servizio richiesto Il ritardo riduce le prestazioni delle applicazioni, ma non al punto da renderle inutilizzabili Questa riduzione è dovuta al ritardo medio più che alla distribuzione statistica dei ritardi Le applicazioni elastiche possono essere classificate in tre sottocategorie applicazioni asincrone: sono le meno sensibili ai ritardi (es. o FAX) la rete riesce solitamente a garantire un livello di prestazioni sufficiente applicazioni interattive bulk: risentono in misura limitata degli effetti dei ritardi (es. FTP o HTTP) trasferiscono grandi quantità di dati che non necessitano di essere utilizzati con precisi limiti temporali

6 Applicazioni elastiche 21 Applicazioni Streaming o Real-Time 22 applicazioni interattive burst: sono caratterizzate da picchi istantanei nel bitrate che varia sensibilmente rispetto al valore medio risentono mediamente dei ritardi di trasmissione un esempio è il servizio TELNET Impongono un limite massimo al ritardo subito dai pacchetti se un pacchetto arriva con un ritardo superiore ad una data soglia non è più utilizzabile e viene conseguentemente scartato Una importante categoria è quella delle applicazioni di "signal playback riproducono in ricezione segnali generati da una sorgente, segmentati in pacchetti e trasportati dalla rete con un ritardo aleatorio il ricevitore, per ricostruire correttamente il segnale, deve evitare il rimescolamento dei pacchetti e gli errori di temporizzazione Applicazioni Streaming o Real-Time 23 Applicazioni Streaming o Real-Time 24 Questo comporta la necessità di un bufferin ricezione che consenta di compensare la variazione di ritardo tra i diversi pacchetti (jitter), ritardando la riproduzione di ogni pacchetto della stessa quantità (offset delay) Viene definito il "punto di playback" che determina l istante temporale oltre il quale i dati in ingresso non sono più utilizzabili per la ricostruzione del segnale originale Il punto di playback può essere stabilito a priori, se è disponibile una conoscenza della rete, oppure ricavato dall'analisi dei ritardi dei singoli pacchetti, in modo da poter variare l'offset delay dinamicamente Le applicazioni di "signal playback" si possono suddividere in soft real-time(o tolleranti): accettano una variazione del ritardo massimo accumulabile da ciascun pacchetto hard real-time(o intolleranti): richiedono che il ritardo massimo sia fissato a priori per evitare qualsiasi forma di distorsione del segnale originale

7 Applicazioni Streaming o Real-Time 25 Applicazioni Streaming o Real-Time 26 Generalmente, le applicazioni soft real-time cercano di ricavare il valore dell'offset delay dall'analisi dei ritardi Si parla di applicazioni di Adaptive Playback riducendo i vincoli sul ritardo è possibile incrementare il livello di utilizzo della rete, senza che l'applicazione ne risenta in modo pesante Per questo motivo, per applicazioni di Adaptive Playbackè sufficiente un servizio di trasporto analogo al classico Best Effortriferito però ad una rete priva di carico Esempi di applicazioni adattative sono il VoD (Video on Demand) o la televisione diffusiva Le performance di una applicazione real-time vengono valutate sulla base di due parametri: Latenza: si intende il periodo di permanenza di un pacchetto dati nella rete, cioè il ritardo che subisce nel percorso tra nodo sorgente e destinazione; La sensibilità alla latenza è tanto maggiore quanto più si richiede l'interazione tra i due estremi della connessione Fedeltà: si intende la qualità del segnale riprodotto dall'applicazione Un'applicazione real-time intollerante richiede un ritardo massimo ed una assoluta mancanza di perdite Applicazioni Streaming o Real-Time 27 Voce 28 Un applicazione di "signal playback" risente di latenza e fedeltà in funzione dell offset delay: Da un lato, il valore dell offset delay, determinato sulla base della predizione dei ritardi dei pacchetti, determina il valore della latenza di una applicazione Dall altro, i ritardi dei singoli pacchetti possono ridurre la fedeltà del playback qualora eccedano il valore dell offset delay. In questi casi l applicazione può scegliere se introdurre distorsione del segnale, modificando l offset delay in modo da riprodurre tutti i pacchetti anche se in ritardo riprodurre un segnale incompleto, scartando i pacchetti che arrivano oltre l offset Rientrano in questa categoria i servizi che realizzano uno scambio dati audio tra due terminali L esempio più classico è la telefonia tradizionale su rete PSTN (Public Switched Telephone Network) e prevede due tipologie di chiamata POTS (Plain old telephone service) POTS POTS radiomobile Il primo gruppo può essere ancora suddiviso in Chiamate verso numerazioni geografiche Chiamate verso numerazioni di tipo differente (NNG - Numerazione Non Geografica), come numeri verdi, ecc. per i quali la chiamata deve passare attraverso reti intelligenti

8 Voce 29 Voce 30 Con il tempo, la conversazione telefonica si è evoluta verso soluzioni IP La trasmissione della voce in tempo reale direttamente su reti IP consente comunicazioni telefoniche tra PC PC PC telefono fisso PC cellulare telefono fisso e cellulare PC senza passare attraverso la normale linea di trasmissione telefonica POTS terminale VoIP In una rete multiservizio è quindi possibile instaurare una chiamata telefonica tra enduser utilizzando una rete d accesso di vario tipo I terminali utente possono essere connessi alla rete PSTN connessi tramite connessione ADSL (Asymmetric Digital SubscriberLine) mobili telefoni IP Senza dubbio il fenomeno del VoIP sta avendo un ruolo predominante e rappresenta il futuro delle comunicazioni voce Voce 31 Voce 32 In una rete multiservizio è quindi possibile instaurare una chiamata telefonica tra enduser utilizzando una rete d accesso di vario tipo I terminali utente possono essere connessi alla rete PSTN connessi tramite connessione ADSL (Asymmetric Digital SubscriberLine) mobili telefoni IP Senza dubbio il fenomeno del VoIP sta avendo un ruolo predominante e rappresenta il futuro delle comunicazioni voce La qualità del servizio voce è influenzata da Ritardo one-way: ha due effetti distinti Il primo è la creazione dell'eco causato dalle conversioni bifilari e 4-wire o dall'accoppiamento acustico in un terminale: la degradazione della qualità inizia per ritardi dell'ordine dei 10 ms Il secondo effetto si manifesta quando il ritardo cresce a tal punto da compromettere la qualità della conversazione dinamica, ovvero il ritardo a destinazione diventa notevole. Ciò si verifica per ritardi dell'ordine di diverse centinaia di millisecondi

9 Voce 33 Voice Messaging 34 Jitter: è una variazione del ritardo di breve durata tra pacchetti consecutivi L'orecchio umano è altamente intollerante a questo fenomeno, per cui è necessario rimuoverlo con un buffer di de-jitterizing Perdita di informazioni: l'orecchio umano è in grado di tollerare la distorsione del segnale voce fino ad una certa soglia nei sistemi di trasmissione basati su IP una delle fonti principali di degradazione della qualità è l'uso di codec di compressione caratterizzarti da un basso bit rate, con prestazioni limitate in caso di perdita di pacchetti La messaggistica vocale risente della perdita d informazione in misura analoga al servizio voce Anche in questo caso i requisiti di qualità dipendono dallo speech coder La differenza fondamentale è che i messaggi vocali sono maggiormente tolleranti al ritardo perché privi dei vincoli di real-time In tal caso il problema principale diventa quello di stabilire quale ritardo l utente è disposto a tollerare tra il momento in cui richiede il servizio e il momento in cui il messaggio voce può essere effettivamente ascoltato Streaming audio 35 Radio IP 36 Rispetto al caso della telefonia, le applicazioni di audio streaming richiedono requisiti di qualità più stringenti per quanto riguarda la perdita di informazioni meno vincoli di real-time Questo servizio offre la possibilità di ascoltare stazioni radio via web Rispetto alle applicazioni di audio streaming, la radio su IP impone maggiori vincoli per quanto riguarda i ritardi, paragonabili al caso della telefonia Il segnale audio, infatti, viene riprodotto in tempo reale a destinazione, per cui è necessario che i ritardi di ricetrasmissione siano minimi e che i pacchetti arrivino nel corretto ordine per evitare errori di temporizzazione

10 Video Streaming - IPTV 37 Video Streaming - IPTV 38 L IPTV, o Internet Protocol Television, è un insieme di tecnologie che consentono la distribuzione di segnali televisivi e contenuti video di ogni tipo attraverso la rete Internet L'utente deve essere dotato di un apposito ricevitore, o Set-Top Bo (STB), collegato da un lato alla TV e dall'altro ad una connessione ADSL Le tipologie di servizio offerte dall IPTV sono Broadcast TV (BTV): consiste nella fruizione contemporanea da parte degli utenti di un "canale" televisivo tradizionale, Free-to-air o Pay TV, in maniera del tutto simile a quanto avviene sulla TV tradizionale. I servizi BTV sfruttano tipicamente le funzionalità di multicast presenti su una rete IP Video On Demand (VOD): consiste nella visione su richiesta di contenuti multimediali messi a disposizione dal Service Provider. L'utente interagisce direttamente con il Service Provider e ha a disposizione le funzioni tipiche di un VCR (play, pause, rewind, fast-forward). I servizi di VOD utilizzano le comunicazioni unicast della rete IP Video Streaming - IPTV 39 Videotelefono 40 I servizi IPTV richiedono un livello di affidabilità della rete, di controllo della qualità del servizio e disponibilità di banda molto superiore ai servizi "best effort Rispetto al VoIP, comportano meno problemi L interattività, soprattutto nelle applicazioni Broadcast TV,non è particolarmente elevata, per cui i vincoli sul ritardo non sono molto rigorosi, similmente al caso dello streaming audio Può essere tollerato un tempo di attesa iniziale di alcuni secondi e il jitter può essere compensato tramite buffering Il videotelefono è un sistema full-duple, che trasporta sia video che audio con vincoli di realtime analoghi al caso di una normale conversazione telefonica Ha la stessa tolleranza al ritardo one-way e al jitter di una semplice conversazione voce, ma richiede sincronizzazione audio-video per fornire "il lipsynch" L'occhio umano è in grado di tollerare una certa perdita di informazioni Gli ultimi video codecmpeg-4 forniscono una qualità video accettabile con un rate di cancellazione dei frame fino ad un massimo di circa 1%

11 Videoconferenza 41 Videoconferenza 42 La videoconferenza è l'interazione sincrona in audio, video e dati fra due o più soggetti Il protocollo utilizzato varia in funzione del tipo di rete utilizzata Su reti ISDN si utilizza il protocollo H.320 Su reti ATM il protocollo H.321 Su reti UMTS il protocollo H.324M Su reti IP il protocollo H.323 o, in alternativa, il protocollo SIP Rispetto alla ISDN, le soluzioni basate su IP presentano maggiori problemi la qualità è spesso compromessa dalla perdita di pacchetti o dal ritardo in ricetrasmissione (latenza) Il traffico generato da applicazioni di videoconferenza richiede le stesse prestazioni del VoIP ma ha un pattern di traffico completamente differente La dimensione e il rate dei pacchetti sono molto variabili La banda prioritaria da allocare per questo tipo di traffico deve essere superiore del 20% rispetto al bitrate nominale della sessione Ad esempio, una sessione di videoconferenza da 384 kbpsrichiede l allocazione di 460 kbps di banda garantita Trasferimento di file 43 Web browsing 44 Questa categoria include tutte le applicazioni per il trasferimento di file su Internet Il protocollo più comune è l FTP (File Transfer Protocol) I requisiti di qualità del servizio riguardano principalmente i tempi di attesa per il completamento del download Finché c è un'indicazione della percentuale di dati trasferiti, la tolleranza sul ritardo è maggiore di quella per una singola pagina Web Questa categoria di applicazioni fa riferimento alla visualizzazione di pagine web su siti Internet Il caricamento di pagine web non richiede dei requisiti di qualità particolarmente stingenti I vincoli relativi al ritardo sono paragonabili a quelli per il trasferimento di dati di tipo bulk (FTP) Dal punto di vista dell'utente, il fattore principale che determina la qualità è dato dalla velocità di visualizzazione di una pagina Tipicamente, si considerano accettabili ritardi non superiori a 10 secondi circa

12 E-commerce 45 Telemetria 46 Le applicazioni di commercio elettronico consistono nello scambio attraverso la rete di tutte le informazioni che accompagnano una transazione commerciale Il principale requisito richiesto è la capacità di immediatezza e un ritardo al massimo di qualche secondo E richiesta inoltre la garanzia di un livello di sicurezza elevato I servizi di comando/controllo unidirezionali o bidirezionali implicano vincoli molto stretti sul ritardo, molto inferiori ad un secondo Una differenza chiave rispetto alla conversazione voce e ai servizi video è la tolleranza zero per la perdita delle informazioni Telnet Il TELNET è un semplice protocollo che permette l'accesso interattivo da un PC ad un altro con un'interfaccia di tipo testuale I requisiti relativi al ritardo dovrebbero consentire un istantaneo eco di ritorno del carattere e quindi ritardi brevi, di circa una frazione di secondo Il servizio , generalmente, è considerato un servizio di memorizzazione e di inoltro che può essere tollerare ad un ritardo di parecchi minuti o persino ore Tuttavia, è importante distinguere le comunicazioni tra un utente e il mail-server locale dalle comunicazioni tra due server Nel primo caso, quando l'utente comunica con il mailserver locale, si aspetta che il trasferimento della posta venga ultimato in pochi secondi

13 Segnalazione 49 Servizi a bassa priorità 50 Questa categoria comprende tutti i messaggi che vengono scambiati tra entità della rete per supporto ad applicazioni quali il set-up delle chiamate, l instradamento dei pacchetti, l aggiornamento delle tabelle di routing, ecc. Si tratta di servizi real-time, che però sono in grado di tollerare delle variazioni sui parametri di qualità relativi soprattutto al ritardo Rientrano in questa categoria i servizi di FAX, SMS, MMS, ecc In linea di principio, l'unico requisito è che le informazioni siano trasmesse all utente finale prive di errori Tuttavia, esiste un vincolo sul ritardo, dal momento che, per qualunque applicazione pratica, i dati sono inutili se ricevuti con un ritardo eccessivo Telemedicina 51 Classificazione delle applicazioni 52 Le applicazioni di telemedicina consentono ai centri sanitari di prestare assistenza medica a pazienti lontani mediante i mezzi di telecomunicazione e d'informatica I requisiti richiesti variano a seconda della particolare applicazione Nel caso di servizi di assistenza medica è necessario garantire una qualità del servizio molto alta, con requisiti paragonabili a quelli del VoIP e della videoconferenza Nel casodi servizi di informazione e aggiornamento, i vincoli real-time sono meno stringenti Servizio Voce Videotelefonia Videoconferenza Gaming interattivo real-time Gaming interattivo non-real-time Telemetria Telemetria bidirezionale TELNET Audio streaming IPTV: video on demand IPTV: broadcast TV FTP Messagistica vocale Web-browsing Transazioni on-line (es. E-commerce) Posta elettronica con server in rete Fa Servizi a bassa priorità (es. SMS) DNS Server-to-server Segnalazione Radio IP Telemedicina Non real-time (elastico) Soft real-time Hard real-time

14 Evoluzione delle applicazioni 53

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping QoS e Traffic Shaping 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come configurare il FRITZ!Box per sfruttare al massimo la banda di Internet, privilegiando tutte quelle applicazioni (o quei dispositivi)

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Sommario 1) L evoluzione della comunicazione: dalla rete PSTN alla

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP e via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP è Voice over IP (Voce tramite protocollo Internet), acronimo VoIP, è una tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica

Dettagli

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso Corso di Laboratorio di Multimedialità Anno Accademico 2002-2003 Docente: Claudio Sacchi PARTE 1: INTRODUZIONE AL CORSO E RIEPILOGO DEI CONCETTI DI BASE Contenuti Programma del corso ed articolazione delle

Dettagli

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo 1 11.. Accesso A multiplo 2 Modalità di trasmissione (1/3) Ad una via (unidirezionale): dalla sorgente S verso la destinazione S A due vie (bidirezionale): tra 2 terminali T1, T2 T1 T2 3 Modalità di di

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web

Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti commutate. Reti e Web Reti e Web Rete commutata: rete di trasmissione condivisa tra diversi elaboratori Composte da: rete di trasmissione: costituita da (Interface Message Processor) instradamento rete di calcolatori: computer

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Programmi Applicativi

Programmi Applicativi Programmi Applicativi Giovanni Malnati Politecnico di Torino 1999 Applicativi H.323/T.120 Vari livelli di implementazione dello standard In generale, esiste compatibilità tra i diversi prodotti, ma non

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 AA2011/12 Parte 5 Ing. Francesco Zampognaro e-mail: zampognaro@ing.uniroma2.it Lucidi Prof. Stefano Salsano 1 Ulteriori attributi e classificazione dei servizi 2 1 Attributi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ;

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ; Gruppo SIGLA, attiva da diversi anni nel settore della Computer Telephony Integration, ha realizzato SiTel, un sistema di comunicazione multicanale (telefonia fissa analogica e digitale, telefonia mobile,

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Introduzione. Introduzione

Introduzione. Introduzione Introduzione L uomo sin dalla preistoria ha sempre cercato, per necessità e per comodità, di comunicare con altri individui; con l andare del tempo questa esigenza è cresciuta sempre più, si è passati

Dettagli

Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel

Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel 07/07/06 Pag. 1 di 7 1 DESCRIZIONE GENERALE 3 2 DOMINIO ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 3 WEB HOSTING ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4

Dettagli

Multimedialità e Web. VoIP

Multimedialità e Web. VoIP Università degli Studi di Napoli Parthenope Multimedialità e Web VoIP M. Del Prete A. Guadagno 1 Sommario 1. VoIp concetti generali 2. La tecnologia di base Rete telefonica e commutazione di circuito Rete

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 1.Descrizione della Soluzione La soluzione per la audio/videoconferenza EW2 proposta da Gruppo SIGLA consente di comunicare e collaborare a distanza, senza muoversi

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip ak_71@libero.it - maxx@digital-system.it, 27 novembre 2004, 27 novembre 2004 , 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip VoIP: Voice Over IP Tecnologia che permette la comunicazione

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Il vantaggio di una tale architettura consiste nella migliorata disponibilità e scalabilità del sistema.

Il vantaggio di una tale architettura consiste nella migliorata disponibilità e scalabilità del sistema. Introduzio Le aziende moderne necessitano di una piattaforma di telecomunicazioni di costo contenuto e altamente flessibile, in grado di offrire servizi di telefonia e funzionalità che minimizzino i problemi

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5 Cos è Internet Che cosa è Internet ormai è noto a tutti. Internet è la rete a livello mondiale che mette a disposizione degli utenti collegati informazioni, file,

Dettagli

La tecnologia VoIP: architettura e protocolli

La tecnologia VoIP: architettura e protocolli Fieldbus & Networks La tecnologia VoIP: architettura e protocolli Mariano Severi Sono ormai passati oltre cento anni da quando, nel 1876, Alexander Graham Bell realizzò la prima trasmissione vocale su

Dettagli

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria - Sede distaccata di Mantova MASTER DI 1 LIVELLO

Dettagli

Streaming Applicazioni di rete

Streaming Applicazioni di rete Applicazioni di rete V Incontro GARR Roma, 25 Novembre 2003 Stefano Zani INFN CNAF Le fasi dello streaming In generale l attività di streaming si svolge in tre fasi (che nel caso della trasmissione in

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti Il livello delle applicazioni Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti 27/04/2005 2 Perché livelli diversi? Strato applicazioni Protocolli applicativi servizi utente Strato TCP/UDP Interazione

Dettagli

Livello di Applicazione in Internet

Livello di Applicazione in Internet Università di Genova Facoltà di Ingegneria Livello di in Internet 1. Introduzione Prof. Raffaele Bolla Ing. Matteo Repetto dist Caratteristiche del corso: Docenti o Docente titolare Prof. Raffaele Bolla

Dettagli

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a IVR risponditore, VoiceMail e gestione delle code operatore. Utilizzare oltre alle tradizionali linee telefoniche, anche

Dettagli

Introduzione al VoIP

Introduzione al VoIP Introduzione al VoIP Cos è il VoIP (Voice over IP)? tecnica che consente la comunicazione telefonica attraverso Internet Reso possibile da prestazioni di accesso ad Internet in rapida crescita negli ultimi

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

A cosa serve una Rete

A cosa serve una Rete La Rete Informatica Che cosa è una Rete Una rete non è altro che un insieme di computer tra loro collegati. Tali computer possono essere di marche e capacità elaborative diverse dal personal al MAIINFRAME

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

Integrazione di impianti

Integrazione di impianti Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Integrazione di impianti come esempio di convergenza su IP utile per la domotica Domotica

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino Voce su IP Il flusso vocale Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#9 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia TECNOLOGIE WEB Che cos é Internet Capitolo 1 Che cos'è Internet Introduzione alla rete Internet con una breve storia Storia e struttura di Internet L idea di Internet nasce all inizio degli anni 60. L

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide Desktop & Application Sharing Quick Start Guide 1 Introduzione La funzionalità Application sharing integrata nella piattaforma di videoconferenza skymeeting TM consente al conduttore di condividere il

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Raven. Una piattaforma. 3 modi per Comunicare: SMS, Email, Voce.

Raven. Una piattaforma. 3 modi per Comunicare: SMS, Email, Voce. Raven. Una piattaforma. 3 modi per Comunicare: SMS, Email, Voce. Web: www.airtelco.com Email: info@airtelco.com Telefono: (+39) 0532.191.2003 - Fax: (+39) 0532.54481 L'intera piattaforma di AirTelco è

Dettagli

Servizi nelle Reti di Telecomunicazione

Servizi nelle Reti di Telecomunicazione Servizi nelle Reti di Telecomunicazione Servizi di telecomunicazione (Raccomandazioni CCITT I.112 e I.211) Servizi di Telecomunicazione servizi portanti teleservizi Servizio portante: un tipo di servizio

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Pearson

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli