COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO SALERNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO SALERNO"

Transcript

1 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO SALERNO Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze. (Decreto Legislativo 81/08; art. 3 del decreto legge 512 del 1 ottobre 1996 convertito in legge 28 novembre 1996, n.609; art. 6 e 7 del D.M. 10 Marzo 1998). Il D. L.vo 9 aprile 2008, stabilisce che i lavoratori incaricati dal datore di lavoro di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, devono essere adeguatamente formati. La legge 28 novembre 1996, n.609 dispone all art.3 che il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco provvede all attività di formazione ed accerta l idoneità tecnica dei lavoratori di cui sopra mediante le proprie strutture tecniche, operative e didattiche, previo corrispettivo determinato sulla base delle tariffe stabilite con D.M.14 Marzo Al fine di garantire un agevole espletamento dei corsi in oggetto verranno organizzati dei moduli teorici con un minimo di 13 unità e per non più di 26 unità e dei moduli pratici per non più di 13 unità. Le lezioni teoriche saranno svolte da Dirigenti e Funzionari Tecnici del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, mentre quelle pratiche saranno svolte da Capi Reparto e Capi Squadra coadiuvati, per le esercitazioni dimostrative, da operatori con la qualifica di Vigile. L accertamento di idoneità, che consisterà nella compilazione da parte del candidato di un questionario propedeutico del tipo vero/falso ed a risposta multipla, in una prova orale sugli argomenti trattati nel corso con particolare riferimento per gli argomenti sui quali il candidato nella prova scritta ha dimostrato una non completa conoscenza ed in una prova pratica (prova di spegnimento con estintori, uso di idranti e naspi nonché conoscenza delle maschere antigas ed autoprotettori) e verrà effettuato da una Commissione nominata dall ispettore Regionale dei Vigili del Fuoco. La predetta Commissione, presieduta dallo stesso Direttore Regionale o su sua delega dal Comandante Provinciale o da altro Dirigente del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, sarà composta da un Funzionario del ruolo tecnico antincendio, da un Capo Reparto o Capo Squadra, oltre ad un unità amministrativa del Comando. sarà Si precisa che il materiale necessario per l espletamento della prova pratica (estintori) sono a carico del richiedente. 1

2 Per quanto sopra, in riscontro alla richiesta avanzata da codesta Ditta, si forniscono, in allegato, le seguenti indicazioni: Adempimenti dei datori di lavoro in ordine alla richiesta di formazione (Allegato 1); Adempimenti dei datori di lavoro in ordine alla richiesta di accertamento (Allegato 2); Contenuti minimi dei corsi in relazione alle tipologie di attività (Allegato 3); Tariffe (Allegato 4); Schema di domanda per la richiesta del servizio di formazione Schema di domanda per la richiesta del servizio di accertamento Schema di domanda per la richiesta esami privati Scaricabile Scaricabile Scaricabile Ai lavoratori che abbiano superato con esito positivo la prova tecnica verrà rilasciato un attestato di idoneità. Allo scopo di rendere più agevole la comprensione di quanto riportato nella documentazione trasmessa, si ritiene opportuno che la Ditta interessata provveda ad incaricare da subito un referente che prenda preliminari contatti diretti con l Ufficio Formazione istituito presso questo Comando (tel. 089/ incaricata Sig.ra Franchina Ninetta) Con ciò si potranno ottenere tutte le delucidazioni in merito agli adempimenti amministrativi tesi alla realizzazione del corso e del successivo accertamento finalizzato al rilascio dell attestato di idoneità. IL COMANDANTE PROVINCIALE ( Dott. Ing. Paolo MOCCIA) 2

3 ALLEGATO 1 ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO IN ORDINE ALLA RICHIESTA DI FORMAZIONE I datori di lavoro interessati o per essi le associazioni di categoria inoltrano direttamente formale richiesta scritta al Comando Provinciale Vigili del Fuoco per l effettuazione dei corsi di formazione. I suddetti corsi saranno svolti presso strutture messe a disposizione dal richiedente. Le istanze, corredate della quietanza del versamento effettuato a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato sulla base delle tariffe previste dal Decreto del Ministero dell interno , devono indicare: tipo di corso di formazione richiesto in relazione alla tipologia di attività (allegato 3); eventuali argomenti richiesti ad integrazione dei contenuti minimi dei programmi di formazione, in relazione a specifiche situazioni di rischio e sulla base di intese con il Comando Provinciale Vigili del Fuoco; numero di lavoratori corsisti (massimo 20 partecipanti ogni corso di formazione); nominativo del responsabile incaricato dal datore di lavoro per seguire gli adempimenti connessi con l organizzazione e l espletamento del corso; dichiarazione del richiedente con cui si assicura l organizzazione logistica del corso predisponendo una idonea struttura, nonché il necessario materiale di supporto per le lezioni teoriche e pratiche; dichiarazione del richiedente circa la copertura assicurativa del personale partecipante per quanto attiene i possibili infortuni durante l attività formativa, sollevando l Amministrazione da ogni responsabilità; sede logistica in cui verrà svolta la formazione; indicazione delle eventuali Ditte analoghe per tipologia di attività con cui si desidera richiedere il servizio di formazione. 3

4 ALLEGATO 2 ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO IN ORDINE ALLA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO I datori di lavoro interessati o per essi le associazioni di categoria inoltrano direttamente formale richiesta scritta al Comando Provinciale Vigili del Fuoco per il rilascio dell attestato di idoneità (allegato 6). Le istanze, corredate della quietanza di versamento a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato dei corrispettivi previsti dal Decreto del Ministero dell interno , devono contenere: numero dei lavoratori per i quali si chiede l accertamento; attestato di frequenza al corso di formazione rilasciato da una struttura del C.N.VV.F., ovvero da enti pubblici e privati; dichiarazione del richiedente circa la copertura assicurativa del personale per quanto attiene i possibili infortuni durante l attività di accertamento, sollevando l Amministrazione da ogni responsabilità. dichiarazione con cui si assicura la fornitura del materiale tecnico occorrente per l espletamento della prova pratica (estintori). Si riporta l elenco dei luoghi di lavoro ove si svolgono attività per le quali è previsto che i lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, conseguano l attestato di idoneità tecnica di cui all art. 3 della legge 28 novembre 1996, n.609 (art.6 comma 3 del D.M. 10 marzo 1998) a) industrie e depositi di cui agli articoli 4 e 6 del DPR n. 175/1988, e successive modifiche ed integrazioni; b) fabbriche e depositi di esplosivi; c) centrali termoelettriche; d) impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili; e) impianti e laboratori nucleari; f) depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a mq; g) attività commerciali e/o espositive con superficie aperta al pubblico superiore a mq; h) aeroporti, infrastrutture ferroviarie e metropolitane; i) alberghi con oltre 100 posti letto; l) ospedali, case di cura e case di ricovero per anziani; m) scuole di ogni ordine e grado con oltre 300 persone presenti; n) uffici con oltre 500 dipendenti; o) locali di spettacolo e trattenimento con capienza superiore a 100 posti; p) edifici pregevoli per arte e storia, sottoposti alla vigilanza dello Stato ai sensi del R.D. 7 novembre 1942 n.1564, adibiti a musei, gallerie, collezioni, biblioteche, archivi, con superficie aperta a pubblico superiore a 1000 mq; q) cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi ed opere simili di lunghezza superiore a 50 m; r) cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi. 4

5 ALLEGATO 3 CONTENUTI MINIMI DEI CORSI IN RIFERIMENTO ALLA TIPOLOGIA DI ATTIVITA I contenuti minimi dei corsi di formazione per il personale di cui all oggetto, devono essere correlati alla tipologia di attività ed al livello di rischio di incendio dell azienda. Tenendo conto dei suddetti criteri, sono state previste le seguenti tipologie di corsi di formazione, i cui contenuti sono da ritenersi i minimi necessari per fornire ai soggetti interessati un primo ed essenziale approccio alle problematiche della sicurezza antincendio e della sua gestione. Pertanto, in relazione a particolari e specifiche situazioni di rischio, su richiesta del datore di lavoro e d intesa con il Comando Provinciale Vigili del Fuoco, i contenuti dei corsi possono essere oggetto di un adeguato sviluppo. Si riportano di seguito le attività suddivise per tipologia di rischio ed i relativi contenuti minimi dei corsi. Attività a rischio di incendio elevato (punto 9.2 dell allegato IX del D.M. 10 Marzo 1998). Rientrano in tale tipologia di attività i luoghi di lavoro che presentano un livello di rischio di incendio più elevato a causa del quantitativo e della natura delle sostanze in lavorazione o in deposito che in caso di incendio possono determinare danni gravi alle persone, dell elevato numero delle persone presenti, della permanenza di persone impedite nella mobilità, nonché a causa degli ambienti di lavoro che comportano difficoltà in casi di evacuazione (punto dell allegato I del D.M. 10 Marzo 1998). A titolo esemplificativo e non esaustivo si riporta un elenco di attività da considerare a rischio di incendio elevato: a) industrie e depositi di cui all art. 4 e 6 del DPR 175/88 e successive modifiche ed integrazioni; b) fabbriche e depositi di esplosivi; c) centrali termoelettriche; d) impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili; e) impianti e laboratori nucleari; f) depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie superiore a mq.; g) attività commerciali ed espositive con superficie aperta al pubblico superiore a mq.; h) alberghi con oltre 200 posti letto; i) ospedali, case di cura e case di ricovero per anziani; l) scuole di ogni ordine e grado con oltre 1000 persone presenti m) uffici con oltre 1000 dipendenti; n) scali aeroportuali ed infrastrutture ferroviarie, e metropolitane. o) cantieri temporanei o mobili in sotterraneo per la costruzione, manutenzione e riparazione di gallerie, caverne, pozzi e opere simili di lunghezza superiore a 50 m; p) cantieri temporanei o mobili ove si impiegano esplosivi. 5

6 Durata del corso per attività a rischio di incendio elevato: 16 ore 1. L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI - 4 ore Principi sulla combustione Le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro Le sostanze estinguenti I rischi alle persone ed all ambiente Specifiche misure di prevenzione incendi Accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi L importanza dei controlli degli ambienti di lavoro L importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio. 2. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO - 4 ore Misure di protezione passiva Vie di esodo, compartimentazione, distanziamenti Attrezzature ed impianti di estinzione Sistemi di allarme Segnaletica di sicurezza Impianti elettrici di sicurezza Illuminazione di sicurezza. 3. PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO - 4 ore Procedure da adottare in caso di incendio Procedure da adottare in caso di allarme Modalità di evacuazione Modalità di chiamata dei servizi di soccorso Collaborazione con i Vigili del Fuoco in caso di intervento Esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali-operative. 4. ESERCITAZIONI PRATICHE - 4 ore Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti si spegnimento Presa visione sulle attrezzature di protezione individuale (maschere, autoprotettore, tute, etc...) Esercitazione sull uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale. Attività a rischio di incendio medio (punto 9.3 dell allegato IX del D.M. 10 Marzo 1998). A titolo esemplificativo e non esaustivo rientrano in tale categoria di attività: a) luoghi di lavoro compresi nell allegato al D.M. 16 febbraio 1982 e nelle tabelle A e B annesse al DPR n. 689 del 1959, con esclusione delle attività considerate a rischio elevato; b) i cantieri temporanei e mobili ove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all aperto. Durata del corso per attività a rischio di incendio medio: 8ore 1. L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI - 2 ore Principi sulla combustione e l incendio Le sostanze estinguenti Triangolo della combustione Le principali cause di incendio. 6

7 1.5 - I rischi alle persone in caso di incendio Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi. 2. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO E LE PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO - 3 ore Principali misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme Procedure per l evacuazione Rapporti con i Vigili del Fuoco Attrezzature ed impianti di estinzione Sistemi di allarme Segnaletica di sicurezza Illuminazione di sicurezza. 3. ESERCITAZIONI PRATICHE - 3 ore Presa visione e chiarimenti sui mezzi di estinzione più diffusi Presa visione sulle attrezzature di protezione individuale Esercitazione sull uso degli estintori portatili e modalità di utilizzo dei naspi ed idranti. Attività a rischio di incendio basso (punto 9.4.dell allegato IX del D.M. 10 Marzo 1998). Rientrano in tale categoria di attività quelle non classificabili a medio ed elevato rischio e dove, in generale, sono presenti sostanze scarsamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono scarsa possibilità di sviluppo di focolai e ove non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme. Durata del corso per attività a rischio di incendio basso:4ore 1. L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI - 1 ora Principi sulla combustione Prodotti della combustione Le sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Effetti dell incendio sull uomo Divieti e limitazioni di esercizio Misure comportamentali. 2. LA PROTEZIONE ANTINCENDIO E LE PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO - 1 ora Principali misure di protezione contro gli incendi Evacuazione in caso di incendio Chiamata dei soccorsi. 3. ESERCITAZIONI PRATICHE - 2 ore Presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili Esercitazione sull uso degli estintori portatili. 7

8 ALLEGATO 4 TARIFFE Si riportano di seguito le tariffe orarie per l attività di formazione e di accertamento resi dal personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ai sensi del D.L.vo 81/08, stabilite con D.M. 14 marzo 2012 A) Attività di formazione e addestramento svolta in sedi diverse da quelle del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Personale docente: tariffa oraria ore teoriche... Euro 147,00/ ora ore pratiche... Euro 95,00/ora Personale non docente: operatore con la qualifica di vigile Euro. 52,00/ora Alle tariffe orarie viene aggiunto il costo per le eventuali spese di missione, in base alle vigenti disposizioni in materia. Al fine di garantire un agevole espletamento dei corsi verranno organizzati dei moduli teorici per non più di 26 unità e dei moduli pratici per non più di 13 unità. B)Attività di accertamento per il rilascio dell attestato di idoneità. Per ciascun partecipante viene prevista una quota di Euro 58,00 I versamenti, relativi al pagamento delle tariffe per la richiesta del servizio, devono essere effettuati sul conto corrente ordinario n intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Salerno Sezione di Salerno con la seguente causale: prestazioni rese dai VVF per formazione addetti di cui al D.L./vo 81/08. Ricevuta l istanza, sulla base dei dati forniti, lo scrivente Ufficio determina il preventivo di spesa ed invia al richiedente il servizio il modello di conto corrente postale con l indicazione della somma da versare. 8

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) 1) INCENDIO (1 ora) principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

Qualora siano presenti lavoratori disabili, il piano di emergenza deve essere predisposto tenendo conto delle loro invalidità.

Qualora siano presenti lavoratori disabili, il piano di emergenza deve essere predisposto tenendo conto delle loro invalidità. Occorre altresì considerare le altre persone disabili che possono avere accesso nel luogo di lavoro. Al riguardo occorre anche tenere presente le persone anziane, le donne in stato di gravidanza, le persone

Dettagli

ASSIMPRESA CALABRIA CLAAI COSENZA

ASSIMPRESA CALABRIA CLAAI COSENZA MARTEDI 18 GIUGNO 013 ORGANIZZAZIONE Responsabile Progetto Formativo: CORSO di FORMAZIONE per, PREVENZIONI INCENDI E GESTIONE DELL EMERGENZA (Artt. 36, 37,46 del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. e D.M. del 10/03/1998

Dettagli

NOTE INFORMATIVE SULLO SVOLGIMENTO DEI CORSI

NOTE INFORMATIVE SULLO SVOLGIMENTO DEI CORSI Ministero dell Interno DIPARTIMENTO dei VIGILI DEL FUOCO SOCCORSO PUBBLICO e DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE NUORO Viale Sandro Pertini 08100 Nuoro UFFICIO PREVENZIONE INCENDI CORSI ESTERNI 81/2008 CORSI

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI IMPERIA Decreto Legislativo 09 aprile 2008 n 81 Corsi di

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno DIPARTIMENTO dei VIGILI DEL FUOCO SOCCORSO PUBBLICO e DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE NUORO Viale Sandro Pertini 08100 Nuoro telefono 0784.226623/4/5 UFFICIO PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

TIPOLOGIE DI CORSI DI FORMAZIONE (D.M. 10 marzo 1998, allegato IX)

TIPOLOGIE DI CORSI DI FORMAZIONE (D.M. 10 marzo 1998, allegato IX) CORSI DI FORMAZIONE DEGLI ADDETTI ANTINCENDIO Si specifica che i corsi di formazione sono tenuti dal Comando VV.F. esclusivamente nel territorio di competenza della provincia di Benevento Per richiedere

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

MODALITA per la richiesta di corsi di formazione per addetti antincendio secondo quanto previsto dall art. 18 comma 1 lett. B del D.L.vo 81/2008.

MODALITA per la richiesta di corsi di formazione per addetti antincendio secondo quanto previsto dall art. 18 comma 1 lett. B del D.L.vo 81/2008. OPUSCOLO INFORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI LOTTA ANTINCENDIO (art. 18 comma 1 lett. B del D.lgs.vo 81/2008) COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO FOGGIA MODALITA per

Dettagli

CORSI di FORMAZIONE ed ABILITAZIONE per ADDETTI nei LUOGHI DI LAVORO alla PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO e GESTIONE DELLE EMERGENZE.

CORSI di FORMAZIONE ed ABILITAZIONE per ADDETTI nei LUOGHI DI LAVORO alla PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO e GESTIONE DELLE EMERGENZE. Ministero dell Interno DIPARTIMENTO dei VIGILI DEL FUOCO SOCCORSO PUBBLICO e DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE CAGLIARI Viale G. Marconi n 300 09100 Cagliari telefono 070/ 47491 e-mail: comando.cagliari@vigilfuoco.it

Dettagli

Gli addetti all antincendio nelle strutture sanitarie

Gli addetti all antincendio nelle strutture sanitarie CORSO DI FORMAZIONE Gli addetti all antincendio nelle strutture sanitarie Destinatari Il corso, promosso dal Risk Management e Technology Assessment della Direzione Tecnologie, Infrastrutture e Governo

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio -

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti

Dettagli

Corso di Formazione per ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO RISCHIO ELEVATO

Corso di Formazione per ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO RISCHIO ELEVATO Corso di Formazione per ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO RISCHIO ELEVATO Istituto B. Ramazzini s.r.l. - 1979-2012 - Ramazzini Plus s.r.l. via Dottor Consoli, 16-95124 - CATANIA info 3381433803 - email formazione@istitutoramazzini.com

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO

FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO MODULARIO V.F.-1 Mod 1/VF COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO Via Ferrarese 166/2 40128 Bologna UFF. FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO (ai sensi della nota

Dettagli

ISTRUZIONI E DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

ISTRUZIONI E DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MODULARIO V.F.-1 Mod 1/VF COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI BOLOGNA Via Ferrarese 166/2 40128 Bologna UFF. FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI E DOMANDA DI PARTECIPAZIONE CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO

SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO Tipologia CORSO: SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO Premessa Questo corso di formazione, specifico per gli addetti antincendio, illustra in dettaglio le procedure

Dettagli

A) ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO

A) ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO Lettera Circolare prot. n 770/6104 del 12/03/1997 Direttive sui corsi di formazione e modalità personale di accertamento dell'idoneità tecnica del personale incaricato di svolgere, nei luoghi di lavoro,

Dettagli

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Il corso di Addetto Antincendio si prefigge di formare gli operatori in modo completo sulle tematiche relative alla gestione delle emergenze e sull estinzione

Dettagli

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO L'attività di formazione antincendio è disciplinata dal D.M. 10/03/98 che, a tale scopo, classifica le aziende secondo tre livelli di rischio (basso, medio, elevato). La valutazione

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI FORUM DI PREVENZIONE INCENDI Il nuovo decreto 10 marzo 98 Milano, 26 settembre 2013 La proposta di norma è stata redatta da un gruppo di lavoro istituito dalla Direzione Centrale per la Sicurezza Tecnica

Dettagli

LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI

LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Facoltà di Ingegneria LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N 151 Dott. Ing. Antonio TOMASELLO 24 Aprile 2012 ARGOMENTI Rischio incendio DPR 1 Agosto 2011, n

Dettagli

VADEMECUM PER L UTENZA

VADEMECUM PER L UTENZA MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORPO NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE DI MILANO D.Lgs. 81/08 Legge 609/96 DM 10/3/98

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VVF ROMA UFFICIO FORMAZIONE AZIENDALE D.L. 81/2008

COMANDO PROVINCIALE VVF ROMA UFFICIO FORMAZIONE AZIENDALE D.L. 81/2008 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma In tutto il territorio Nazionale presso i Comandi Provinciali

Dettagli

Listino prezzi servizi formativi

Listino prezzi servizi formativi Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla norma / FAD 001 RSPP- Dl R. Basso 16 // 12+4 160,00 115,00 002 RSPP- Dl R. Medio 32 // 12+20 320,00 220,00 003 RSPP- Dl R. Alto 48 // 12+36 480,00 360,00

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CORSO Addetto al servizio antincendio Attività a rischio di incendio BASSO DURATA 4 ORE Il corso è rivolto a: Agli addetti antincendio designati alla prevenzione incendi

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D.

ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D. ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D.Lvo 139/006 P R O G R A M M A Modulo A: Obiettivi e fondamenti della prevenzione

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro e uso del defibrillatore (DAE)

Sicurezza nei luoghi di lavoro e uso del defibrillatore (DAE) Sicurezza nei luoghi di lavoro e uso del defibrillatore (DAE) Catalogo corsi 2015-2016 Azienda con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008 Format Trentino s.a.s. di Telloli Silvano & C. Azienda con

Dettagli

CAT CONFCOMMERCIO PMI soc. consortile a r.l. Ufficio Formazione Via Miranda, 10 tel. 0881/560111 fax 0881/560560 e-mail:

CAT CONFCOMMERCIO PMI soc. consortile a r.l. Ufficio Formazione Via Miranda, 10 tel. 0881/560111 fax 0881/560560 e-mail: FORMAZIONE AREA SICUREZZA E SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Corso Formazione Datori di lavoro - Responsabili SPP Rischio basso Acquisire elementi di conoscenza relativi alla normativa generale e specifica

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese

Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese Ferrara, 29 giugno 2015 Salute e sicurezza sul lavoro, elemento determinante per la competitività delle imprese La Prevenzione Incendi nei luoghi di lavoro Ing. Massimo Fratti Corpo Nazionale Vigili del

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza Definizione di incendio L incendio è la combustione sufficientemente

Dettagli

Camera di Commercio di Napoli

Camera di Commercio di Napoli Camera di Commercio di Napoli Seminario D.M. 19 marzo 2015 Le nuove norme antincendio per le strutture sanitarie: dal progetto alla costruzione e gestione Relatore Ing. Gaetano Vallefuoco Comandante provinciale

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula -PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula CORSO R.S.P.P. MODULO B4 -INDUSTRIA D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art. 32 coordinato al D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 ed Accordo Stato-Regione del 26 gennaio 2006

Dettagli

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO CASERTA Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione

Dettagli

GESTIONE DELLE EMERGENZE. 17.08.22 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/54

GESTIONE DELLE EMERGENZE. 17.08.22 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/54 GESTIONE DELLE EMERGENZE 17.08.22 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/54 GESTIONE DELLE EMERGENZE 17.09.29 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 2/54 GESTIONE DELLE EMERGENZE Articolo 43 -

Dettagli

Aspetti connessi con la gestione della sicurezza

Aspetti connessi con la gestione della sicurezza Ministero dell Interno LE NUOVE NORME ANTINCENDIO PER LE STRUTTURE SANITARIE Convegno Nazionale Istituto Superiore Antincendi Roma 25 marzo 2015 Aspetti connessi con la gestione della sicurezza Ing. Claudio

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 20/2012

CIRCOLARE CLIENTI - N 20/2012 CIRCOLARE CLIENTI - N 20/2012 DATA: 07/05/2012 A/TO CA: DA/FROM: Titolare dell attività / Responsabile Sicurezza-Ambiente TECNOLARIO S.r.l. TEL N : 0341/494210 FAX N 0341/250007 N PAG.: 6 Oggetto: Corso

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

Documentazione presso la Ditta

Documentazione presso la Ditta Documentazione presso la Ditta 1. Il Registro dei Controlli Periodici di Prevenzione Incendi. 2. Il Piano di Emergenza Interno. 3. Il Documento di Valutazione del Rischio di Incendi. 4. Il Documento di

Dettagli

Camera di Commercio di Napoli

Camera di Commercio di Napoli Camera di Commercio di Napoli Seminario D.M. 19 marzo 2015 Le nuove norme antincendio per le strutture sanitarie: dal progetto alla costruzione e gestione Relatore Ing. Gaetano Vallefuoco Comandante provinciale

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO E CONTROLLO

SCHEDE DI VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO E CONTROLLO Comune di Perdaxius 21 Maggio 2010 SCHEDE DI VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO E CONTROLLO ALLEGATO I VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO D.M. 10 marzo 1998 Comune di Perdaxius 21 Maggio 2010 SCHEDE DI VALUTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO (artt. 4 e 7, D.M. 5 agosto 2011 e Circolare ministeriale n del )

PROGRAMMA DEL CORSO (artt. 4 e 7, D.M. 5 agosto 2011 e Circolare ministeriale n del ) 1 1.1 1.2 1.3 1.4 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNVVF Legislazione sulla sicurezza antincendio

Dettagli

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA Principali accreditamenti: Assessorato Istruzione e Formazione Professionale - Regione Sicilia Assessorato della Salute - Ispettorato Regionale Sanitario - Regione Sicilia FondoProfessioni Fondo Paritetico

Dettagli

LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE

LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE Corso Per Addetto Antincendio pag. 1 CAPITOLO 1 LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE Vediamo anzitutto da dove nascono gli obblighi formativi nei

Dettagli

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROGRAMMA DEL CORSO R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B5 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO DI SPECIALIZZAZIONE) MACROSETTORE N. 5 INDUSTRIA CHIMICA, GOMMA RAFFINERIE (Decreto Legislativo

Dettagli

Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Modulo B3 - Costruzioni

Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Modulo B3 - Costruzioni PROGRAMMA Addetto e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Modulo B3 - Costruzioni (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) Durata 60 ore Date e orari

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA.

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. 1) L AUTORIZZAZIONE ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE Il D.M. 16.02.1982,

Dettagli

I piani di emergenza:

I piani di emergenza: Piani di emergenza La risposta pianificata a situazioni di criticità I piani di emergenza: stato dell arte tra obblighi normativi e necessità di tutela Pordenone 7 marzo 2014 Paolo Qualizza Comandante

Dettagli

CATALOGO CORSI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CATALOGO CORSI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CATALOGO CORSI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO... 2 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI - 1 RINNOVO... 3 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI -

Dettagli

Svolgimento dal. luglio 2014 al. dicembre 2014 orario: Martedì e Giovedì dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Sospensione dal 1 agosto all 8 settembre

Svolgimento dal. luglio 2014 al. dicembre 2014 orario: Martedì e Giovedì dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Sospensione dal 1 agosto all 8 settembre CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI AI FINI DELL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI AL D.M. 05 Agosto 2011 ( ex art. 1 L. 818/84 ) EDIZIONE 2012

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCUOLA COMUNE DI PREMESSA L art. 5 del D.P.R. 37/98 obbliga i responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi a mantenere in stato di efficienza i sistemi,

Dettagli

Comune di Gabicce Mare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Comune di Gabicce Mare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Gabicce Mare ALLEGATO 3 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/08) e MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE

Dettagli

L iscrizione avviene tramite il sito di Associazione Congenia

L iscrizione avviene tramite il sito di Associazione Congenia Rimini, 30 ottobre 2013 L Ordine degli ingegneri di Forlì Cesena e l Ordine degli ingegneri di Rimini hanno predisposto, con segreteria organizzativa delegata ad Associazione Congenia, due corsi di aggiornamento

Dettagli

La Prevenzione Incendi nelle Strutture Sanitarie. il DM 19 marzo 2015

La Prevenzione Incendi nelle Strutture Sanitarie. il DM 19 marzo 2015 La Prevenzione Incendi nelle Strutture Sanitarie il DM 19 marzo 2015 Le Procedure Autorizzative Sulla Gazzetta Ufficiale n 221 del 22 settembre 2011 è stato pubblicato il testo del DPR 1 agosto 2011 n

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CREMONA CORSO BASE IN PREVENZIONE INCENDI / LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CREMONA CORSO BASE IN PREVENZIONE INCENDI / LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016 LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016 1 OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI (6) Salone 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze

Dettagli

Sede Operativa Via Marconi 120,09045 Quartu Sant Elena (CA) tel net fax 178

Sede Operativa Via Marconi 120,09045 Quartu Sant Elena (CA) tel net fax 178 SICUREZZA SUL LAVORO PREVENZIONE INCENDI QUALITA / AMBIENTE FORMAZIONE CATALOGO FORMATIVO S.TE.IN. Sede Operativa Via Marconi 120,09045 Quartu Sant Elena (CA) tel. 070.2589 net fax 178 formazione@þsteinsicurezza.com

Dettagli

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 Specificità dei cantieri di restauro occasione di studio (disponibilità

Dettagli

PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.1 ORE 12

PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.1 ORE 12 5/08/2011 N.ORE DOCENTI ARGOMENTI DELLE LEZIONI PER PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.1 ORE 12 1 Cod. Corso 1 06/12/13 Petitto Antonio PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI Le Nuove Procedure di Prevenzione

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE CITTA' DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna GESTIONE DEL TERRITORIO LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO MANUTENZIONE TRASPORTI DETERMINAZIONE GDT / 136 Del 15/10/2013 OGGETTO: REALIZZAZIONE DELL'ATTIVITÀ FORMATIVA

Dettagli

La sicurezza delle attività non soggette agli obblighi di prevenzione incendi

La sicurezza delle attività non soggette agli obblighi di prevenzione incendi EXPO EMERGENZE 2012 Bastia Umbra 8-11 febbraio 2012 La sicurezza delle attività non soggette agli obblighi di prevenzione incendi Dott. Ing. Stefano Marsella Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI (25/09/12) Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot. 2462 AGLI ENTI ASSOCIATI AC/AS ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI OGGETTO Accordo Stato-Regioni 21 dicembre

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO

CORSI DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO 1di11 CORSI DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO 1. PERCHÉ FORMARE GLI ADDETTI ANTINCENDIO?... 22 2. QUANTI ADDETTI BISOGNA FORMARE?... 33 3. QUALE TIPOLOGIA DI CORSO SCEGLIERE?... 33 4. QUANDO È NECESSARIO

Dettagli

NELLE SCUOLE: La formazione, l aggiornamento e la gestione del GRUPPO EMERGENZE

NELLE SCUOLE: La formazione, l aggiornamento e la gestione del GRUPPO EMERGENZE INONTRO TENIO LA GESTIONE EMERGENZE NELLE SUOLE: La formazione, l aggiornamento e la gestione del GRUPPO EMERGENZE Reggio Emilia - Sala Galloni 16 novembre 2016 1 PROGRAMMA 9,00-9,30 9,30-9,45 registrazione

Dettagli

Catalogo Corsi Formazione e addestramento per le imprese. Sicurezza sul lavoro e Igiene degli alimenti

Catalogo Corsi Formazione e addestramento per le imprese. Sicurezza sul lavoro e Igiene degli alimenti Catalogo Corsi 2013 Formazione e addestramento per le imprese Sicurezza sul lavoro e Igiene degli alimenti la FormazIone La formazione e l addestramento dei lavoratori in materia di sicurezza e tutela

Dettagli

A) ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO

A) ADEMPIMENTI DEI DATORI DI LAVORO Circolare 12 marzo 1997 prot. n. 770/6104 Direttive sui corsi di formazione e modalità personale di accertamento dell'idoneità tecnica del personale incaricato di svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI

DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI MINISTERO DELL'INTERNO DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI Prot. n P2244 / 4122 sott. 32 Roma, 30 OTTOBRE 1996 LETTERA-CIRCOLARE - AL SIG. COMANDANTE DELLE SCUOLE CENTRALI

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Piano di sicurezza e coordinamento Pagina 1 Opere di.. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Revisione numero Data emissione od ultima modifica Approvata da (Responsabile del Procedimento) Emessa da (CSP)

Dettagli

ATTIVITA DELLA CONSULTA E PRESENTAZIONE DEI CORSI DI AGGIORNAMENTO PER L ANNO 2014

ATTIVITA DELLA CONSULTA E PRESENTAZIONE DEI CORSI DI AGGIORNAMENTO PER L ANNO 2014 CONSULTA INTERISTITUZIONALE PER LA PREVENZIONE INCENDI PROTOCOLLO D INTESA DEL 17/12/2012 ATTIVITA DELLA CONSULTA E PRESENTAZIONE DEI CORSI DI AGGIORNAMENTO PER L ANNO 2014 Ing. Guido Parisi Direttore

Dettagli

CATALOGO CORSI. Novembre Dicembre Catalogo corsi Novembre - Dicembre 2016 Valrisk S.r.l. Pagina 1 di 15

CATALOGO CORSI. Novembre Dicembre Catalogo corsi Novembre - Dicembre 2016 Valrisk S.r.l. Pagina 1 di 15 CATALOGO CORSI Sede Operativa: Via Stelvio, 19-23014 Delebio (Sondrio) Sede legale: Via Giulio Uberti, 12-20129 MILANO Telefono:0342-684377 - FAX:0342-685899 e-mail: info@valrisk.it P.Iva 07246240969 Novembre

Dettagli

Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza

Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza Corso di Specializzazione in prevenzione incendi ex legge 818/8 Giorni Orario Ore Moduli 0.0.010 0.0.010 09.0.010 11.0.010 16.0.010 Presentazione

Dettagli

RINNOVO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

RINNOVO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI Rif. Pratica VV.F. n. ALLEGATO ALLA DOMANDA DI (ragione sociale): MARCA DA BOLLO presentata allo Sportello Unico conforme al modello del Comune di PIN 5 Riservato all ufficio: Nr. prot. Data prot. solo

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO

VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO La presente valutazione del rischio incendio si applica agli ambienti e alle attività del Comune di Giba, i cui rischi generali sono individuati e valutati nel DVR generale.

Dettagli

LEGISLAZIONE SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO EVOLUZIONE COMPETENZE CORPO NAZIONALE VVF

LEGISLAZIONE SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO EVOLUZIONE COMPETENZE CORPO NAZIONALE VVF LEGISLAZIONE SULLA SICUREZZA ANTINCENDIO EVOLUZIONE COMPETENZE CORPO NAZIONALE VVF ilario.mammone@ordineingegneripisa.it 2016 ing. ilario mammone 1 LEGGE 27.12.1941 N 1570 Nuove norme per l'organizzazione

Dettagli

- durata 4 ore - Art. 46 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

- durata 4 ore - Art. 46 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. C026 Corso di formazione per addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze CORSO DI TIPO A : Rischio di incendio Basso - durata 4 ore - Art. 46 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE PERSONALE

BOLLETTINO UFFICIALE PERSONALE MINISTERO DELL INTERNO PER USO D UFFICIO 2 agosto 2007 Supplemento straordinario n.1 /23 BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE SOMMARIO Decreto del Ministro dell Interno del 30 luglio 2007. Criteri, sistema

Dettagli

Ministero dei Trasporti e della Navigazione

Ministero dei Trasporti e della Navigazione MODULARIO MAR. MERC. 1 MOD. 1 Ministero dei Trasporti e della Navigazione DIPARTIMENTO NAVIG. MARITT. E INTERNA Unità di Gestione delle infrastrutture per la navigazione ed il demanio marittimo Roma, 19

Dettagli

b) che la Direzione Lavori è stata affidata a (2) con studio in - via iscritto all Albo professionale di al n., C.F/ P.I. ;

b) che la Direzione Lavori è stata affidata a (2) con studio in - via iscritto all Albo professionale di al n., C.F/ P.I. ; DICHIARAZIONE DI INIZIO LAVORI Allo SPORTELLO UNICO PER L EDILIZA del Comune di CALIZZANO l sottoscritt nat a il - - residente in via/piazza n. codice fiscale tel. / fax per conto: proprio della ditta

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI Linee guida per la concessione in uso del Centro civico di proprietà dell Ente ad Associazioni, Enti o Privati sia per attività di pubblico spettacolo sia per altri eventi.

Dettagli

RISOLUZIONE N.24/E. Quesito

RISOLUZIONE N.24/E. Quesito RISOLUZIONE N.24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 aprile 2013 OGGETTO: Imposta di bollo - segnalazione certificata inizio attività e altri atti previsti per l esercizio di attività soggette alle

Dettagli

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico

Istituto Comprensivo Centro Storico. Dispensa informativa per docenti e non docenti. Informazioni di base per la sicurezza nell ambiente scolastico Dispensa informativa per docenti e non docenti PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni fondamentali per l organizzazione e la gestione della sicurezza all interno della

Dettagli

SOMMARIO CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO... 3 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI - 1 RINNOVO... 4

SOMMARIO CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO... 3 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI - 1 RINNOVO... 4 SOMMARIO CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO... 3 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI - 1 RINNOVO... 4 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE ALIMENTI - 2 RINNOVO... 5 CORSO PER ADDETTO ALLA MANIPOLAZIONE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - UDINE FORMAZIONE ANTINCENDIO DI BASE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - UDINE FORMAZIONE ANTINCENDIO DI BASE Ministero dell ' Interno COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - UDINE FORMAZIONE ANTINCENDIO DI BASE CORSO DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE ATTUAZIONE DEL D.LGS. 626/94

Dettagli

CONTENUTI KIT Avviso N 3/2013KIT

CONTENUTI KIT Avviso N 3/2013KIT KIT N 01: GENERALE CONTENUTI KIT Avviso N 3/2013KIT Durata: 4 ore (da abbinarsi alla formazione specifica secondo il profilo di rischio) Contenuti In conformità con l Accordo Stato Regioni 223 del 21/12/2011

Dettagli

Corso 818 Ordine architetti Napoli. Principi e metodi generali per la valutazione del rischio incendio nei luoghi di lavoro

Corso 818 Ordine architetti Napoli. Principi e metodi generali per la valutazione del rischio incendio nei luoghi di lavoro Principi e metodi generali per la valutazione del rischio incendio nei luoghi di lavoro 1 Criteri generali di sicurezza antincendio A) VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI INCENDIO B) MISURE GENERALI DI PREVENZIONE

Dettagli

SICUROMAGNA S.R.L. SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (ART. 37 D.LGS. 81/08 E ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21/12/2011)

SICUROMAGNA S.R.L. SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (ART. 37 D.LGS. 81/08 E ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21/12/2011) Via Montecatini, 213-47521 Cesena (FC) Tel. e Fax 0547 384296-0547 630467 email: info@sicurlink.it PEC: sicuromagna@pec.sicurlink.it CATALOGO OFFERTA FORMATIVASICUROMAGNA S.R.L DA ACCREDITARE A FONDOPROFESSIONI

Dettagli

Per ciascun corso dovrà essere comunicato :

Per ciascun corso dovrà essere comunicato : MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA E L ATTUAZIONE DELLA COLLABORAZIONE TRA ESEV-CTP VITERBO E LE IMPRESE EDILI RICHIEDENTI LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AI SENSI DELL ART. 37 COMMA 12 DEL D.LGS 81/2008

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 34 comma 1 Salvo

Dettagli

Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia C.D.O. PROGRAMMA E CALENDARIO DEL CORSO

Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia C.D.O. PROGRAMMA E CALENDARIO DEL CORSO Titolo del corso Periodo di svolgimento Sede del corso Direttore Scientifico Tutor Corso base di Formazione per la specializzazione in Prevenzione Incendi (in attuazione del D.M. 05/08/2011) dell'ordine

Dettagli

SCHEMA FORMAZIONE LAVORATORI IN EDILIZIA

SCHEMA FORMAZIONE LAVORATORI IN EDILIZIA SCHEMA FORMAZIONE LAVORATORI IN EDILIZIA Ai sensi degli Artt. 37, 136 e dell All. XXI del D.Lgs 81/08 e s.m.i; dell Accordo Conferenza Permanente Stato/Regioni n. 221 del 21.12. 2011, degli Artt. 87 e

Dettagli

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Enti preposti al controllo: ASL Azienda USL (Unità funzionali

Dettagli

"CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO"

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO "CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO" (D.M. 05 Agosto 0 - Art. ) CODICE CORSO: 6-PE-VVF (0 h)-0 OGGETTO:

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.C. TECNICO PATRIMONIALE

IL COORDINATORE UNICO S.C. TECNICO PATRIMONIALE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000738 del 13/05/2016 - Atti U.O. Ufficio Tecnico Oggetto: SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA FINALIZZATO ALL ADEGUAMENTO ANTINCENDIO D.M.

Dettagli

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione Formazione di Base per i Lavoratori Servizio di Prevenzione e Protezione L Informazione, la Formazione e L dei lavoratori sono misure di tutela che accrescono la cultura della sicurezza negli ambienti

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: La formazione dei lavoratori in quota

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: La formazione dei lavoratori in quota Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: La formazione dei lavoratori in quota In questa unità didattica spiegheremo a chi è rivolta la formazione per i lavoratori in quota e in particolare ci

Dettagli

Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA

Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA Fondimpresa: Regolamento per la qualificazione dei Cataloghi formativi Modello Allegato n. 2 Allegato n. 2 - SINTESI DEL CATALOGO FORMATIVO PER TEMATICA Ente: Archimede s.r.l. Codice Fiscale: 05160140488

Dettagli

ORGANIZZA. CICLO di CORSI DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI (EX LEGGE 818/84 E D.M. 05 AGOSTO 2011)

ORGANIZZA. CICLO di CORSI DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI (EX LEGGE 818/84 E D.M. 05 AGOSTO 2011) Via A. Perpenti, 10 - Casella Postale 162 63900 Fermo (FM) Tel: 0734 228664 - Fax: 0734 220357 e-mail: info@ordineingegneri.fermo.it pec: ordine.fermo@ingpec.eu Cod.Fisc. 01854290440 ORGANIZZA CICLO di

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo Corpo di Polizia Locale

Città di Cinisello Balsamo Corpo di Polizia Locale Città di Cinisello Balsamo Corpo di Polizia Locale Regolamento comunale per la disciplina dell'erogazione di servizi a titolo oneroso resi da parte della Polizia Locale a soggetti pubblici e privati Approvato

Dettagli