Esempio. LabVIEW TM Core 2 Manuale del Corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esempio. LabVIEW TM Core 2 Manuale del Corso"

Transcript

1 LabVIEW TM Core 2 Manuale del Corso Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice C-0115 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso Copyright National Instruments Corporation. Tutti i diritti riservati. In base alle norme sul copyright, questa pubblicazione non può essere riprodotta o trasmessa in alcuna forma, elettronica o meccanica, incluso fotocopie, registrazione, conservazione in un sistema informativo, o traduzione completa o parziale, senza il preventivo consenso scritto di National Instruments Corporation. National Instruments rispetta la proprietà intellettuale altrui, e richiediamo ai nostri utenti di fare altrettanto. Il software NI è protetto da copyright e dalle leggi in materia di proprietà intellettuale. Qualora il software NI sia usato per riprodurre software o altro materiale appartenente a terze parti, potrete usare il software NI solo per riprodurre materiali che potete utilizzare secondo i termini e condizioni delle licenze applicabili o di altre previsioni legali. For components used in USI (Xerces C++, ICU, HDF5, b64, Stingray, and STLport), the following copyright stipulations apply. For a listing of the conditions and disclaimers, refer to either the USICopyrights.chm or the Copyrights topic in your software. Xerces C++. This product includes software that was developed by the Apache Software Foundation (http://www.apache.org/). Copyright 1999 The Apache Software Foundation. All rights reserved. ICU. Copyright International Business Machines Corporation and others. All rights reserved. HDF5. NCSA HDF5 (Hierarchical Data Format 5) Software Library and Utilities Copyright 1998, 1999, 2000, 2001, 2003 by the Board of Trustees of the University of Illinois. All rights reserved. b64. Copyright , Matthew Wilson and Synesis Software. All Rights Reserved. Stingray. This software includes Stingray software developed by the Rogue Wave Software division of Quovadx, Inc. Copyright , Quovadx, Inc. All Rights Reserved. STLport. Copyright Boris Fomitchev Marchi CVI, LabVIEW, National Instruments, NI, ni.com, il logo della società National Instruments ed il logo raffigurante l Aquila costituiscono marchi di National Instruments Corporation. Si prega di rivolgersi a Trademark Information presso ni.com/trademarks in relazione agli altri marchi di National Instruments. The mark LabWindows is used under a license from Microsoft Corporation. Windows is a registered trademark of Microsoft Corporation in the United States and other countries. Altri nomi di prodotti o di aziende qui menzionati sono marchi o nomi commerciali di proprietà delle rispettive aziende. I membri del National Instruments Alliance Partner Program sono entità commerciali indipendenti da National Instruments e non hanno relazioni di agenzia, partnership, joint-venture o associazione con National Instruments. Brevetti Per i brevetti che coprono i prodotti/la tecnologia National Instruments, si prega di fare riferimento alla fonte appropriata: a Help»Patents nel vostro software, al file patents.txt nei vostri documenti, o a National Instruments Patent Notice su ni.com/patents.

2 Supporto Supporto tecnico internazionale e informazione di prodotto ni.com Sedi internazionali Per accedere ai siti Web degli uffici locali visitate ni.com/niglobal, troverete informazioni aggiornate su contatti, numeri telefonici del supporto tecnico, indirizzi ed eventi. Sede centrale di National Instruments Corporation North Mopac Expressway Austin, Texas USA Tel: Per ulteriori informazioni di supporto, fate riferimento all appendice Informazioni e risorse aggiuntive. Per commenti sulla documentazione di National Instruments, fate riferimento al sito web di National Instruments ni.com/info e inserite il codice feedback. informativo

3 Contenuti Guida per lo studente A. Certificazione NI...v B. Descrizione del corso...vi C. Prerequisiti...vii D. Installazione del software per il corso...vii E. Obiettivi del corso...viii F. Convenzioni adottate nel corso...ix Lezione 1 Tecniche comuni di progettazione A. Design pattern B. Design pattern Single Loop C. Design pattern Multiple Loop D. Temporizzazione di un Design Pattern Lezione 2 Tecniche di sincronizzazione A. Notifier B. Code Lezione 3 Programmazione a eventi A. Eventi B. Programmazione event-driven C. Avvertenze e raccomandazioni D. Design pattern Event-Based Lezione 4 Gestione degli errori A. Importanza della gestione degli errori B. Individuazione e report di errori C. Errori e Warning D. Range dei codici di errore E. Gestori di errore Lezione 5 A. Property Node B. Invoke Node C. Architettura del VI Server D. Control Reference National Instruments Corporation iii LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

4 Contenuti Lezione 6 Tecniche di file I/O A. Formati dei file B. File binari C. File TDMS Lezione 7 Migliorare un VI esistente A. Refactoring del codice ereditato B. Problematiche tipiche del refactoring C. Confronto di VI Lezione 8 Creazione e distribuzione di applicazioni A. Preparazione dei file B. Specifiche di distribuzione C. Sviluppo dell applicazione e dell installer Appendice A Informazioni e risorse aggiuntive Glossario LabVIEW Core 2 Manuale del Corso iv ni.com

5 Argomenti 5 Quando scrivete dei programmi, spesso dovete cambiare gli attributi degli oggetti del pannello frontale programmaticamente. Per esempio, potreste voler rendere invisibile un oggetto fino ad un certo punto dell esecuzione del programma. In LabVIEW, potete utilizzare VI Server per accedere alle proprietà e ai metodi degli oggetti del pannello frontale. Questa lezione spiega i Property Node, gli Invoke Node, i VI Server e i control reference. A. Property Node B. Invoke Node C. Architettura del VI Server D. Control Reference National Instruments Corporation 5-1 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

6 A. Property Node I Property Node accedono alle proprietà di un oggetto. In alcune applicazioni, potreste voler modificare programmaticamente l aspetto degli oggetti del pannello frontale in risposta a certi dati di ingresso. Per esempio, se l utente inserisce una password non valida, potreste volere che cominci a lampeggiare un LED rosso. Un altro esempio è il cambiamento di colore di una traccia su un chart. Quando i dati sono al di sopra di un certo valore, potreste voler mostrare una traccia rossa invece di una verde. I Property Node vi consentono di apportare queste modifiche programmaticamente. Potete anche utilizzare i Property Node per ridimensionare gli oggetti del pannello frontale, nascondere parti del pannello frontale, aggiungere cursori ai grafici e così via. I Property Node di LabVIEW sono molto potenti e hanno diversi usi. Fate riferimento al LabVIEW Help per maggiori informazioni sui Property Node. Creazione di Property Node Quando create una proprietà da un oggetto del pannello frontale cliccando con il tasto destro sull oggetto, selezionando Create»Property Node e selezionando una proprietà dal menu rapido, LabVIEW crea un Property Node sul diagramma a blocchi implicitamente collegato all oggetto del pannello frontale. Se l oggetto ha un etichetta, il Property Node ha la stessa etichetta. Potete cambiare l etichetta dopo aver creato il nodo. Potete creare più Property Node per lo stesso oggetto del pannello frontale. Uso dei Property Node Quando create un Property Node, esso inizialmente ha un terminale che rappresenta una proprietà che potete modificare per il corrispondente oggetto del pannello frontale. Utilizzando questo terminale del Property Node, potete o impostare (scrivere) la proprietà o acquisire (leggere) lo stato attuale di quella proprietà. Per esempio, se create un Property Node per un controllo numerico digitale utilizzando la proprietà Visible, compare una piccola freccia sul lato destro del terminale Property Node, ad indicare che state leggendo quel valore della proprietà. Potete cambiare l azione in scrittura cliccando con il tasto destro sul terminale e selezionando Change To Write dal menu rapido. Il collegamento di un valore booleano False al terminale della proprietà Visible causa la scomparsa del controllo numerico dal pannello frontale quando il Property Node riceve i dati. Il collegamento di un valore booleano True causa la ricomparsa del controllo. LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-2 ni.com

7 Figura 5-1. Uso dei Property Node Per ottenere informazioni sulla proprietà, cliccate con il tasto destro sul nodo e selezionate Change All to Read dal menu rapido. Per impostare informazioni sulla proprietà, cliccate con il tasto destro sul nodo e selezionate Change All to Write dal menu rapido. Se una proprietà è in sola lettura, nel menu rapido Change to Write è opaco. Se la piccola freccia sul Property Node è a destra, state ottenendo il valore della proprietà. Se la piccola freccia sul Property Node è a sinistra, state impostando il valore della proprietà. Se il Property Node in Figura 5-1 è impostato su Read, quando va in esecuzione dà un valore True se il controllo è visibile oppure un valore False se è invisibile. Suggerimento Alcune proprietà sono in sola lettura, come la proprietà Label, o in sola scrittura come la proprietà Value (Signaling). Suggerimento basso. Per aggiungere terminali al nodo, cliccate con il tasto destro sull area bianca del nodo e selezionate Add Element dal menu rapido o utilizzate lo strumento Positioning per ridimensionare il nodo. Quindi, potete associare ogni terminale Property Node ad una diversa proprietà dal suo menu rapido. I Property Node eseguono ciascun terminale in ordine dall alto verso il Alcune proprietà utilizzano i cluster. Questi cluster contengono diverse proprietà a cui potete accedere utilizzando le funzioni del cluster. Scrivere su queste proprietà come un gruppo richiede la funzione Bundle e leggere da queste proprietà richiede la funzione Unbundle. Per accedere alle proprietà bundled, selezionate All Elements dal menu rapido. Per esempio, potete accedere a tutti gli elementi nella proprietà Position selezionando Properties»Position»All Elements dal menu rapido. National Instruments Corporation 5-3 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

8 B. Invoke Node Tuttavia, potete anche accedere agli elementi del cluster come proprietà individuali, come mostrato in Figura 5-2. Figura 5-2. Proprietà con uso dei cluster Per fare pratica con i concetti di questa sezione, completate l Esercizio 5-1. Gli Invoke Node accedono ai metodi di un oggetto. Utilizzate l Invoke Node per effettuare azioni, o metodi, su un applicazione o VI. Diversamente dal Property Node, un singolo Invoke Node esegue solo un singolo metodo su un applicazione o VI. Potete selezionare un metodo utilizzando lo strumento Operating per cliccare sul terminale del metodo oppure cliccando con il tasto destro sull area bianca del nodo e selezionando Methods dal menu rapido. Potete anche creare un Invoke Node collegato implicitamente cliccando con il tasto destro su un oggetto del pannello frontale, selezionando Create»Invoke Node e selezionando un metodo dal menu rapido. Il nome del metodo è sempre il primo terminale nell elenco di parametri nell Invoke Node. Se il metodo restituisce un valore, il terminale del metodo visualizza il valore restituito. Altrimenti, il terminale del metodo non ha un valore. L Invoke Node elenca i parametri dall alto in basso con il nome del metodo in alto e i parametri opzionali, che sono opachi, in basso. Metodi di esempio Un esempio di un metodo comune a tutti i controlli è il metodo Reinitialize to Default. Utilizzate questo metodo per reinizializzare un controllo sul suo valore di default in qualche punto del vostro VI. La classe VI ha un metodo simile chiamato Reinitialize All to Default. LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-4 ni.com

9 C. Architettura del VI Server La Figura 5-3 è un esempio di un metodo associato alla classe Waveform Graph. Questo metodo esporta l immagine waveform graph sulla clipboard o su un file. Figura 5-3. Invoke Node per il metodo Export Image Per fare pratica con i concetti di questa sezione, completate l Esercizio 5-2. Il VI Server è una tecnologia indipendente dalla piattaforma, orientata agli oggetti che fornisce accesso programmatico a LabVIEW e ad applicazioni LabVIEW. Il VI Server svolge molte funzioni; tuttavia, questa lezione si concentra sull uso del VI Server per controllare gli oggetti del pannello frontale e modificare le proprietà di un VI e di LabView. Per capire come usare il VI Server, è utile comprendere la terminologia ad esso associata. Terminologia della programmazione oggetti La programmazione ad oggetti si basa su oggetti. Un oggetto è un membro di una classe. Una classe definisce cosa è in grado di fare un oggetto, quali operazioni può effettuare (metodi) e quali proprietà ha, come colore, dimensione e così via. Gli oggetti possono avere metodi e proprietà. I Metodi effettuano un operazione, come la reinizializzazione dell oggetto al suo valore di default. Le Proprietà sono gli attributi di un oggetto. Le proprietà di un oggetto potrebbero essere le sue dimensioni, colore, visibilità e così via. National Instruments Corporation 5-5 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

10 Boolean Stop D. Control Reference Classi dei controlli Gli oggetti del pannello frontale di LabVIEW ereditano proprietà e metodi da una classe. Quando create un controllo Stop, esso è un oggetto della classe Boolean e ha proprietà e metodi associati a quella classe, come mostrato in Figura 5-4. Control Boolean Sub-Class Example Property: Boolean Text Stop Object Visible: Yes Reinitialize to Default: No Boolean Text: Stop Control Class Example Property: Visible Example Method: Reinitialize to Default Array Array Sub-Class Example Property: Number of Rows Figura 5-4. di classe Boolean Classe dei VI I controlli non sono gli unici oggetti in LabVIEW ad appartenere ad una classe. Un VI appartiene alla classe dei VI (VI Class) e ha associate ad essa le sue proprietà e i suoi metodi. Per esempio, potete utilizzare i metodi della classe dei VI per interrompere un VI, per sistemare la posizione del pannello frontale e per prendere un immagine del diagramma a blocchi. Potete utilizzare le proprietà della classe dei VI per cambiare il titolo di un pannello frontale, per acquisire le dimensioni del diagramma a blocchi e per nascondere il pulsante Abort. Un Property Node creato dall oggetto del pannello frontale o dal terminale del diagramma a blocchi è un Property Node collegato implicitamente. Questo significa che il Property Node è collegato all oggetto del pannello frontale. Cosa succede se dovete inserire i vostri Property Node in un subvi? In tal caso gli oggetti non sono più posizionati sul pannello frontale del VI che contiene i Property Node. In questo caso avete bisogno di un Property Node collegato esplicitamente. Potete creare un Property Node collegato esplicitamente collegando un riferimento ad un Property Node generico. Se state realizzando un VI che contiene diversi Property Node o se state accedendo alla stessa proprietà per più controlli e indicatori differenti, potete inserire il Property Node in un subvi ed utilizzare i control reference LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-6 ni.com

11 per accedere a quel nodo. Un control reference è un riferimento ad uno specifico oggetto del pannello frontale. Questa sezione mostra un modo di utilizzo dei control reference. Fate riferimento all argomento Controlling Front Panel Objects del LabVIEW Help per maggiori informazioni sui control reference. Creazione di un subvi con i Property Node Come mostrato in Figura 5-5, il modo più semplice per creare Property Node collegati esplicitamente è quello di completare i seguenti passi: 1. Create il vostro VI. 2. Selezionate la porzione del diagramma a blocchi che dovrà essere inclusa nel subvi, come mostrato nella prima parte della Figura Selezionate Edit»Create SubVI. LabVIEW crea automaticamente i control reference necessari per il subvi. 4. Personalizzate e salvate il subvi. Come potete vedere nella seconda parte della Figura 5-5, il subvi utilizza l icona di default. Oggetti selezionati per creare il subvi Pannello frontale del subvi creato. Uso di Edit»Create SubVI Figura 5-5. Uso di Edit»Create SubVI per creare control reference. La Figura 5-6 mostra il subvi creato. Osservate che sono stati creati i controlli Control Refnum sul pannello frontale ed essi sono stati collegati ad un Property Node del diagramma a blocchi. Diagramma a blocchi del subvi creato Figura 5-6. Sub VI creato utilizzando Edit»Create SubVI National Instruments Corporation 5-7 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

12 Nota Una stella rossa sul controllo Control Reference indica che il refnum è di tipo strictly typed. Fate riferimento alla sezione Strictly Typed and Weakly Typed Control Refnums dell argomento Controlling Front Panel Objects del LabVIEW Help per informazioni aggiuntive sui control reference di tipo weakly e strictly typed. Creazione di control reference Per creare un control reference per un oggetto del pannello frontale, cliccate con il tasto destro sull oggetto o sul suo terminale del diagramma a blocchi e selezionate Create»Reference dal menu rapido. Potete collegare questo control reference ad un generico Property Node. Potete passare il control reference ad un subvi utilizzando un terminale control refnum. Uso dei control reference L impostazione delle proprietà con un control reference è utile per impostare la stessa proprietà su più controlli. Alcune proprietà si applicano a tutte le classi dei controlli, come nel caso della proprietà Disabled. Alcune proprietà sono applicabili solamente ad alcune classi di controlli, come ad esempio la proprietà Lock Boolean Text in Center. L esempio seguente mostra come realizzare un VI che utilizzi un control reference nel subvi per impostare lo stato Enable/Disable di un controllo sul pannello frontale del VI principale VI principale 2 SubVI Figura 5-7. Control Reference LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-8 ni.com

13 Il VI principale invia al subvi un riferimento per il controllo numerico digitale insieme ad un valore zero, uno o due dal controllo enumerated. Il subvi riceve il riferimento per mezzo del Ctl Refnum sul suo pannello frontale. Quindi il riferimento viene passato al Property Node. Siccome ora il Property Node è collegato al controllo numerico nel VI principale, il Property Node può modificare le proprietà di quel controllo. In questo caso il Property Node modifica lo stato enabled/disabled. Osservate come appare il Property Node nel diagramma a blocchi. Non potete selezionare una proprietà in un Property Node generico finché non viene scelta una classe. La classe viene scelta collegando un riferimento al Property Node. Questo è un esempio di un Property Node collegato esplicitamente. Non è collegato ad un controllo finché il VI non viene mandato in esecuzione e viene passato un riferimento al Property Node. Il vantaggio di questo tipo di Property Node consiste nella sua natura generica. Siccome esso non ha un collegamento esplicito ad un controllo, può essere riutilizzato per molti controlli differenti. Questo Property Node generico si trova nella palette Functions. Scelta del Control Type Quando aggiungete un Control Refnum al pannello frontale di un subvi, avete successivamente bisogno di specificare la VI Server Class del controllo. Questa definisce il tipo di control reference che accetterà il subvi. Nell esempio precedente, era stato scelto Control come tipo di VI Server Class, come mostrato nella Figura 5-7. Questo consente al VI di accettare un riferimento ad ogni tipo di controllo del pannello frontale. Tuttavia, potete definire una classe più specifica per il refnum per rendere il subvi più restrittivo. Per esempio, potete selezionare Digital come classe e il subvi potrà accettare solo riferimenti a controlli numerici della classe Digital. La selezione di una classe più generica per un control refnum gli consente di accettare un numero maggiore di oggetti, ma limita le proprietà disponibili a quelle che si applicano a tutti gli oggetti che il Property Node può accettare. Per selezionare una classe di controlli specifica, cliccate con il tasto destro e selezionate Select VI Server Class»Generic»GObject»Control dal menu rapido. Quindi selezionate una specifica classe di controlli. Creazione di proprietà e metodi con la finestra Class Browser Potete utilizzare la finestra Class Browser per selezionare una libreria di oggetti e creare una nuova proprietà o un nuovo metodo. National Instruments Corporation 5-9 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

14 Completate i seguenti passaggi per creare una nuova proprietà o un nuovo metodo utilizzando la finestra Class Browser. 1. Selezionate View»Class Browser per visualizzare la finestra Class Browser. 2. Dal menu a tendina della libreria Object, selezionate una libreria. 3. Selezionate una classe dal menu a tendina Class. Utilizzate i seguenti pulsanti per scorrere le classi. Cliccate sul pulsante Select View per passare da una vista alfabetica ad una vista gerarchica delle voci del menu a tendina Class e dell elenco Properties and Methods. Cliccate sul pulsante Search per lanciare la finestra di dialogo Class Browser Search. 4. Dall elenco Properties and Methods nella finestra Class Browser, selezionate una proprietà o un metodo. La proprietà o il metodo che avete selezionato compare nella finestra Selected property or method. 5. Cliccate sul pulsante Create oppure sul pulsante Create Write per collegare un nodo con la proprietà o col metodo selezionato al vostro cursore e aggiungere il nodo al diagramma a blocchi. Il pulsante Create crea una proprietà di lettura o un metodo. Questo pulsante diventa opaco quando selezionate una proprietà di sola scrittura. Per creare una proprietà di scrittura, cliccate sul pulsante Create Write. Il pulsante Create Write diventa opaco quando selezionate un metodo o una proprietà di sola lettura. Potete anche trascinare una proprietà o un LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-10 ni.com

15 metodo dall elenco Properties and Methods direttamente sul diagramma a blocchi. 6. Ripetete i passaggi da 2 a 5 per qualsiasi altra proprietà o metodo che volete creare e aggiungere al diagramma a blocchi. Per fare pratica con i concetti di questa sezione, completate l Esercizio 5-3. National Instruments Corporation 5-11 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

16

17 Autovalutazione: Quiz 1. Per ognuno dei seguenti elementi, determinate se operano in una classe VI o in una classe Control. Format and Precision Blinking Reinitialize to Default Value Show Tool Bar 2. Avete un control refnum di ChartGraph, mostrato a sinistra, in un subvi. Quale dei seguenti control reference potreste collegare al terminale control refnum del subvi? (risposte multiple) a. Control reference di un XY graph b. Control reference di un array numerico c. Control reference di un waveform chart d. Control reference di un controllo booleano National Instruments Corporation 5-13 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

18

19 Autovalutazione: Risposte ai quiz 1. Per ognuno dei seguenti elementi, determinate se operano in una classe VI o in una classe Control. Format and Precision: Control Blinking: Control Reinitialize to Default Value: Control Show Tool Bar: VI 2. Avete un control refnum GraphChart, mostrato a sinistra, in un subvi. Quali control reference potreste collegare al terminale control refnum del subvi? a. Control reference di un XY graph b. Control reference di un array numerico c. Control reference di un waveform chart d. Control reference di un controllo booleano National Instruments Corporation 5-15 LabVIEW Core 2 Manuale del Corso

20 Nota LabVIEW Core 2 Manuale del Corso 5-16 ni.com

LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi

LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi LabVIEW TM Core 2 Manuale degli Esercizi Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice 325293C-0115 LabVIEW Core 2 Manuale degli Esercizi Copyright 1993 2011 National Instruments Corporation.

Dettagli

Esempio. LabVIEW TM Core 1 Manuale del Corso. Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice 325290C-0115

Esempio. LabVIEW TM Core 1 Manuale del Corso. Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice 325290C-0115 LabVIEW TM Core 1 Manuale del Corso Versione del software del corso 2011 Edizione Agosto 2011 Codice 325290C-0115 LabVIEW Core 1 Manuale del Corso Copyright 1993 2011 National Instruments Corporation.

Dettagli

Esercizi di base per l apprendimento di LabView

Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizio 1 Conversione di temperatura Realizzare un VI in grado di convertire una temperatura impostata mediante un controllo di tipo knob da C a F Soluzione

Dettagli

LabVIEW. E un acronimo per. "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per:

LabVIEW. E un acronimo per. Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: 1 LabVIEW E un acronimo per "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: l acquisizione dati (DAQ) il controllo della strumentazione

Dettagli

Corso di. Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3

Corso di. Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3 Corso di Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica III anno Nuovo Ordinamento ) IL LABVIEW LEZ_3 Luigi Ferrigno ferrigno@unicas.it Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Lezione 1 Introduzione a LabVIEW

Lezione 1 Introduzione a LabVIEW Lezione 1 Introduzione a LabVIEW Imparerete: Questa lezione vi introduce alle nozioni di base su LabVIEW. Fate riferimento a LabVIEW Quick Reference Card per partire rapidamente con LabVIEW. Questa scheda

Dettagli

Lezione 3 Creazione di un subvi

Lezione 3 Creazione di un subvi Lezione 3 Creazione di un subvi Imparerete: Questa lezione vi introduce all icona e al riquadro dei connettori di un VI e descrive come potete utilizzare un VI come subvi in altri VI. H. A conoscere i

Dettagli

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Prima edizione (Ottobre 2004) Copyright

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

Panoramica sulla Certificazione

Panoramica sulla Certificazione Panoramica sulla Certificazione Il Programma di Certificazione di National Instruments LabVIEW è costituito dai seguenti tre livelli di certificazione: - Certificazione LabVIEW Associate Developer (CLAD)

Dettagli

LabVIEW Corso Base II

LabVIEW Corso Base II LabVIEW Corso Base II Corso sulla versione software 6.0 Edizione settembre 2000 Part Number 320629G-01 Traduzione Luglio 2001 A Survey of Modern Computer-Based Experiments Copyright Copyright 2000 National

Dettagli

Introduzione a LabVIEW

Introduzione a LabVIEW Dipartimento di Elettronica Università di Pavia Introduzione a LabVIEW 1 Acquisizione dati e controllo remoto L acquisizione dati riveste grande importanza in tutti i campi dove sia necessario il controllo

Dettagli

v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido

v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido Release 2.0 Document Version 01 Note legali Questo documento viene distribuito

Dettagli

1.1 ATLAS Gestione TC : MANUALE DI GESTIONE TEST CENTER (CAPOFILA)

1.1 ATLAS Gestione TC : MANUALE DI GESTIONE TEST CENTER (CAPOFILA) 1.1 ATLAS Gestione TC : MANUALE DI GESTIONE TEST CENTER (CAPOFILA) Indice 1 - Introduzione...3 2 Autenticazione......4 3 Test Center....6 3.1 Accreditamento...6 3.2 Gestione...7 3.2.1 Password di sincronizzazione...7

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW

VARIABILI CONDIVISE. L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW COME USARE LE VARIABILI CONDIVISE IN LABVIEW Mike Trimborn L articolo introduce le variabili condivise e contiene una discussione sulle loro caratteristiche e prestazioni in LabVIEW LabVIEW permette di

Dettagli

Computer mobile Dolphin TM serie 6500. Guida Introduttiva

Computer mobile Dolphin TM serie 6500. Guida Introduttiva Computer mobile Dolphin TM serie 6500 Guida Introduttiva Computer mobile Dolphin serie 6500 Contenuto della confezione Accertarsi che la confezione contenga quanto segue: Computer mobile Dolphin 6500

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

SimulATLAS ricrea con precisione l esperienza d esame che il candidato si trova ad affrontare con il sistema ATLAS per gli esami ECDL Core.

SimulATLAS ricrea con precisione l esperienza d esame che il candidato si trova ad affrontare con il sistema ATLAS per gli esami ECDL Core. Manuale utente Introduzione SimulATLAS ricrea con precisione l esperienza d esame che il candidato si trova ad affrontare con il sistema ATLAS per gli esami ECDL Core. SimulATLAS è uno strumento di auto-valutazione

Dettagli

Guida operativa rapida

Guida operativa rapida Guida operativa rapida Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software descritto in questo manuale

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Registratore Dati Umidità / Temperatura

Registratore Dati Umidità / Temperatura Manuale d Istruzioni Registratore Dati Umidità / Temperatura Modello RHT10 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore di Dati di Umidità Relativa e Temperatura. Questo Registratore

Dettagli

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà di Ingegneria Università Mediterranea di Reggio Calabria Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri LabView Ambiente di sviluppo grafico: - LabVIEW

Dettagli

1.1.1 ATLAS Sito Aula : MANUALE SITO AULA D ESAME (POST. ESAMINATORE)

1.1.1 ATLAS Sito Aula : MANUALE SITO AULA D ESAME (POST. ESAMINATORE) 1.1.1 ATLAS Sito Aula : MANUALE SITO AULA D ESAME (POST. ESAMINATORE) Indice 1 - Introduzione...3 2 Funzionalità di gestione dell Aula d Esame.....4 2.1 Autenticazione...4 2.2 Configurazione di Aula d

Dettagli

Versione 1.1.6. Guida Rapida. Copyright 2011 All Rights Reserved

Versione 1.1.6. Guida Rapida. Copyright 2011 All Rights Reserved Versione 1.1.6 Guida Rapida Copyright 2011 All Rights Reserved Cliens agenda legale guida rapida Versione 1.1.6 1. Contenuti della guida 1. Contenuti della guida... 1 2. Installazione del programma...

Dettagli

ZoomText 9.1. Allegato alla Guida Utente. Ai Squared

ZoomText 9.1. Allegato alla Guida Utente. Ai Squared ZoomText 9.1 Allegato alla Guida Utente Ai Squared Copyrights ZoomText Ingranditore Copyright 2008, Algorithmic Implementations, Inc. All Rights Reserved. ZoomText Ingranditore/Lettore Copyright 2008,

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152 Corso LabVIEW a cura di FRANCESCO FICILI N 144-152 oltre l elettronica Sommario LEZIONI 1 9 LEZIONE 1 Iniziamo a conoscere la piattaforma software LabVIEW di National Instruments, un innovativo ambiente

Dettagli

Autodesk. SketchBook INK. Suggerimenti e Trucchi. Android

Autodesk. SketchBook INK. Suggerimenti e Trucchi. Android Autodesk SketchBook INK Suggerimenti e Trucchi Android Indice dei contenuti Suggerimenti prima di iniziare 3 Introduzione 4 Crea una canvas 4 Navigare 4 Nascondi l Interfaccia Utente 4 Colore 5 Personalizza

Dettagli

ecafé TM EMAIL CENTER

ecafé TM EMAIL CENTER ecafé TM EMAIL CENTER Manuel de l'utilisateur 1/17 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. PRIMO UTILIZZO: AGGIUNTA DELL ACCOUNT E-MAIL PRINCIPALE...4 3. INVIO / RICEZIONE DI E-MAIL...7 4. RECUPERO RAPIDO DEI CONTATTI

Dettagli

Moodle Guida rapida per docenti

Moodle Guida rapida per docenti Moodle Guida rapida per docenti Questa vuole essere una guida rapida per semplificare la realizzazione di corsi on line tramite Moodle. Quindi descriverò solo le principali funzioni del software. Ma chi

Dettagli

Manuale di Blogilo. Mehrdad Momeny Traduzione e revisione del documento: Valter Mura

Manuale di Blogilo. Mehrdad Momeny Traduzione e revisione del documento: Valter Mura Mehrdad Momeny Traduzione e revisione del documento: Valter Mura 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Uso di Blogilo 6 2.1 Primi passi.......................................... 6 2.2 Configurazione di un blog.................................

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non sia

Dettagli

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte.

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. 1 Guida Utente 1.1 Panoramica di OASIS OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. Grazie a OASIS, sarai in grado di acquistare o selezionare, dallo store,

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Note: Before using this information and the product it supports, read the general information under Note legali a pag. 7. Le schermate

Dettagli

Mirasys VMS. Guida rapida per l utente

Mirasys VMS. Guida rapida per l utente Mirasys VMS Guida rapida per l utente INDICE Indice... 2 Prima di iniziare... 3 Login... 4 Interfaccia Utente... 6 Monitoraggio video in tempo reale... 10 Riproduzione... 11 Ricerca dati registrati...

Dettagli

ERIKA Enterprise Tutorial. per la piattaforma Microchip dspic (R) DSC

ERIKA Enterprise Tutorial. per la piattaforma Microchip dspic (R) DSC ERIKA Enterprise Tutorial per la piattaforma Microchip dspic (R) DSC versione: 1.1.6 27 maggio 2009 A proposito di Evidence S.r.l. Evidence è una spin-off del ReTiS Lab della Scuola Superiore S. Anna in

Dettagli

Keys-To-Go. Ultra-portable keyboard for Android and Windows. Setup Guide

Keys-To-Go. Ultra-portable keyboard for Android and Windows. Setup Guide Keys-To-Go Ultra-portable keyboard for Android and Windows Setup Guide Contents Keys-To-Go - Ultra-portable keyboard Italiano 32 2 OFF PDF ON www.logitech.com/support/keys-to-go-tablet 2.5 h Clavier ultra-portable

Dettagli

Tekla Structures Guida all'installazione. Versione del prodotto 21.0 marzo 2015. 2015 Tekla Corporation

Tekla Structures Guida all'installazione. Versione del prodotto 21.0 marzo 2015. 2015 Tekla Corporation Tekla Structures Guida all'installazione Versione del prodotto 21.0 marzo 2015 2015 Tekla Corporation Indice 1 Installazione di Tekla Structures...3 1.1 Prerequisiti per l'installazione di Tekla Structures...4

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Pacchetti Applicativi Excel e i Grafici CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Pacchetti Applicativi: Excel >> Sommario Sommario 2

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Versione 4.10 PDF-SERVER-D-Rev1_IT Copyright 2011 Avigilon. Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui presenti sono soggette a modifiche senza

Dettagli

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1)

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1) 4-152-267-42(1) Printer Driver Guida per l installazione Questa guida descrive l installazione del driver stampante per Windows 7, Windows Vista, Windows XP e. Prima dell utilizzo del software Prima di

Dettagli

Creazione di dischi ACDrive (mcd) Con Media Manager potete creare dischi mcd con la vostra musica preferita.

Creazione di dischi ACDrive (mcd) Con Media Manager potete creare dischi mcd con la vostra musica preferita. 1 FUNZIONI DI MEDIA MANAGER 1 FUNZIONI DI MEDIA MANAGER PhatNoise Media Manager (Media Manager) gestisce la vostra raccolta di musica e crea dischi ACDrive. CD audio Disco ACDrive File di musica Fonti

Dettagli

COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM

COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM Una volta acquistata una Lavagna Interattiva Multimediale SMARTBoard TM, è necessario effettuare una procedura di registrazione al fine di:. Estendere la garanzia

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di IT Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non

Dettagli

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Domande e risposte Il presente documento contiene domande e risposte relative all'utilizzo del software

Dettagli

Istruzioni per l installazione

Istruzioni per l installazione MQSeries Everyplace Istruzioni per l installazione GC13-2909-00 MQSeries Everyplace Istruzioni per l installazione GC13-2909-00 Prima edizione (giugno 2000) Questa edizione si riferisce a MQSeries Everyplace

Dettagli

Manuale per l utilizzo dell applicazione Client per il controllo remoto di apparecchiature da laboratorio

Manuale per l utilizzo dell applicazione Client per il controllo remoto di apparecchiature da laboratorio Manuale per l utilizzo dell applicazione Client per il controllo remoto di apparecchiature da laboratorio Dopo il collegamento alla Home Page del laboratorio di teledidattica è possibile scaricare il file

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Creazione di un

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Corsista Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Introduzione a National Instruments LabVIEW

Introduzione a National Instruments LabVIEW Introduzione a National Instruments LabVIEW Cosa è e a cosa serve E un linguaggio di programmazione grafico orientato a: Acquisizione dati Controllo di strumenti VME VXI e molto altro! Profibus GPIB Installare

Dettagli

Lab 2 Termometro digitale

Lab 2 Termometro digitale Un termistore è un dispositivo a due fili prodotto a partire da un materiale semiconduttore. Ha una curva di risposta non lineare ed un coefficiente di temperatura negativo. I termistori sono i sensori

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

Software Delivery Assistant Versione 1.3. Guida per l utente

Software Delivery Assistant Versione 1.3. Guida per l utente Software Delivery Assistant Versione 1.3 Guida per l utente Software Delivery Assistant Versione 1.3 Guida per l utente Software Delivery Assistant, Versione 1.3 (maggio 2002) Copyright International

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM)

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Origin lavora solo in ambiente Windows, ma ci sono degli omologhi per linux e apple. Sui computer del laboratorio è installato windows XP e troverete la

Dettagli

Utilizzo del plugin ApSIC Xbench per SDL Trados Studio 2014

Utilizzo del plugin ApSIC Xbench per SDL Trados Studio 2014 Utilizzo del plugin ApSIC Xbench per SDL Trados Studio 2014 Stampato in data 27 July, 2015 Copyright 1999-2015 ApSIC S.L. Tutti i diritti riservati Il software descritto in questa documentazione contiene

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Manuale d uso. rev. 270406

Manuale d uso. rev. 270406 Manuale d uso istudio rev. 270406 1 Indice Capitolo 1: istudio il convertitore di film e musica per ipod Capitolo 2: Primi passi Come fare per...5 Installazione...5 Capitolo 3: Usare istudio Impostazioni...7

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

FarStone RestoreIT 2014 Manuale Utente

FarStone RestoreIT 2014 Manuale Utente FarStone RestoreIT 2014 Manuale Utente Copyright Nessuna parte di questa pubblicazione può essere copiata, trasmessa, salvata o tradotta in un altro linguaggio o forma senza espressa autorizzazione di

Dettagli

5. SVILUPPO DI UNA PRESENTAZIONE POWER POINT

5. SVILUPPO DI UNA PRESENTAZIONE POWER POINT This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

DINAMIC: gestione assistenza tecnica

DINAMIC: gestione assistenza tecnica DINAMIC: gestione assistenza tecnica INSTALLAZIONE SU SINGOLA POSTAZIONE DI LAVORO PER SISTEMI WINDOWS 1. Installazione del software Il file per l installazione del programma è: WEBDIN32.EXE e può essere

Dettagli

Guida dell operatore P2WW-2625-01ALZ0

Guida dell operatore P2WW-2625-01ALZ0 Guida dell operatore P2WW-2625-01ALZ0 Introduzione ScanSnap Organizer è un applicazione usata per visualizzare e organizzare file di immagine scanditi con ScanSnap Scanner di immagini a colori. Questa

Dettagli

Guida configurazione THOMPSON ST2022/30

Guida configurazione THOMPSON ST2022/30 1 Collegamenti Innanzitutto collega il telefono all'alimentazione ed alla rete secondo le indicazioni riportate qui sotto Collega qui l'alimentazione Collega qui il cavo di rete 2 1 IP del telefono Cliccare

Dettagli

Hosting Applicativo Installazione Web Client

Hosting Applicativo Installazione Web Client Hosting Applicativo Installazione Web Client Utilizzo del portale di accesso e guida all installazione dei client Versione ridotta Marzo 2012 Hosting Applicativo Installazione Web Client 21 1 - Prerequisiti

Dettagli

D01167482C. TASCAM PCM Recorder. Applicazione iphone/ipad/ipod touch MANUALE DI ISTRUZIONI

D01167482C. TASCAM PCM Recorder. Applicazione iphone/ipad/ipod touch MANUALE DI ISTRUZIONI D01167482C TASCAM PCM Recorder Applicazione iphone/ipad/ipod touch MANUALE DI ISTRUZIONI Indice dei contenuti Introduzione...3 Trademarks... 3 Contenuto della finestra principale...4 Contenuto della finestra

Dettagli

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata 27 Ottobre 26 Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata Pagina 1 di 5 27 Ottobre 26 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate 1A 7-8-22 Tutti

Dettagli

Utilizzare QuizFaber. liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber. Vincenzo Storace

Utilizzare QuizFaber. liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber. Vincenzo Storace Utilizzare QuizFaber liberamente tratto dal sito di Luca Galli, ideatore di QuizFaber Vincenzo Storace Anno 2011 Sommario Prima di iniziare (Installazione)... 3 La finestra principale del programma...

Dettagli

Gestione Testi Legati

Gestione Testi Legati Sommario Gestione Testi Legati Manuale D Uso Aggiornato al 07/04/2004 Premessa: Cosa sono i testi legati... Pag. 2 Maschera Principale... Pag. 3 Tipi di Modello di Documento... Pag. 4 Creare un Modello

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

CINEMA 4D RELEASE 10. Guida per l Installazione 3D FOR THE REAL WORLD

CINEMA 4D RELEASE 10. Guida per l Installazione 3D FOR THE REAL WORLD CINEMA 4D RELEASE 10 3D FOR THE REAL WORLD Guida per l Installazione 1 Guida per l Installazione di CINEMA 4D R10 1. Prima di installare Vi preghiamo di leggere quanto segue prima di installare il software:

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

DI-604 Express EtherNetwork Broadband Router

DI-604 Express EtherNetwork Broadband Router Il presente prodotto può essere configurato con un qualunque browser, per esempio, Internet Explorer 5x, Netscape Navigator 4x.` DI-604 Express EtherNetwork Broadband Router Prima di cominciare 1. Se si

Dettagli

Introduzione a LabVIEW

Introduzione a LabVIEW 1 Introduzione a LabVIEW M. Bertocco Università di Padova Facoltà di Ingegneria Introduzione In questa sezione si descrivono le caratteristiche fondamentali dell ambiente di sviluppo LabVIEW. Dapprima

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

ACG Express OpenPower e xseries

ACG Express OpenPower e xseries Applicazioni Contabili Gestionali ACG Express OpenPower e xseries Versione 01 R02 M01 GI13-0949-02 Note: Leggere attentamente quanto riportato nella sezione ``Nota'' prima di utilizzare le informazioni

Dettagli

Installazione e attivazione delle licenze

Installazione e attivazione delle licenze Capitolo 1 Installazione e attivazione delle licenze L installazione del software su una singola macchina è di solito un operazione piuttosto semplice, ma quando si deve installare AutoCAD in rete è richiesta

Dettagli

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con

PROFIBUS E PROFINET. NI compactrio. ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti. con ACQUISIZIONE DATI e controllo su reti PROFIBUS E PROFINET con NI compactrio Come realizzare un semplice sistema di I/O distribuito interconnesso tramite rete Profibus, costituito da una architettura Master-Slave

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

USARE JOOMLA 1.7/2.5 per gestire il vostro sito.

USARE JOOMLA 1.7/2.5 per gestire il vostro sito. 1 USARE JOOMLA 1.7/2.5 per gestire il vostro sito. 1. Per accedere al pannello di controllo: www.vostrosito.it/administrator 2. Inserire utente e password 3. Il vostro pannello di controllo si presenterà

Dettagli

4-450-999-52 (1) IP Remote Controller. Guida all impostazione del software RM-IP10 Setup Tool Versione software 1.1.0. 2012 Sony Corporation

4-450-999-52 (1) IP Remote Controller. Guida all impostazione del software RM-IP10 Setup Tool Versione software 1.1.0. 2012 Sony Corporation 4-450-999-52 (1) IP Remote Controller Guida all impostazione del software RM-IP10 Setup Tool Versione software 1.1.0 2012 Sony Corporation Indice Introduzione... 3 Preparazione del computer... 3 Impostazione

Dettagli

MetaTrader 4 Builder

MetaTrader 4 Builder X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A. MetaTrader 4 Builder Tutorial 2010-08-05 1/24 Indice Installazione...3 Notifica Legale...8 Impostazioni iniziali/preferenze...8 Lingua...9 Cartella piattaforma...9 Problemi

Dettagli

ThinkVantage Fingerprint Software

ThinkVantage Fingerprint Software ThinkVantage Fingerprint Software 12 2 1First Edition (August 2005) Copyright Lenovo 2005. Portions Copyright International Business Machines Corporation 2005. All rights reserved. U.S. GOVERNMENT USERS

Dettagli

ECDL - Guida del candidato

ECDL - Guida del candidato ECDL - Guida del candidato Versione 04-1.0 1 INDICE 1. Introduzione 3 2. Operazioni preliminari 2.1 Attivazione postazione 2.2 Riconoscimento candidato 2.3 Accettazione delle norme 2.4 Scelta esame 2.5

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

RC DATA MANAGER. Software per l'analisi dei dati di volo. in ambiente Windows. Versione del manuale: 1.1

RC DATA MANAGER. Software per l'analisi dei dati di volo. in ambiente Windows. Versione del manuale: 1.1 RC DATA MANAGER Software per l'analisi dei dati di volo in ambiente Windows Versione del manuale: 1.1 RC Electronic support@rc-electronics.org, http://www.rc-electronics.org/ Contenuti Contenuti...2 Introduzione...3

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Suggerimenti e Trucchi

Suggerimenti e Trucchi Suggerimenti e Trucchi ios Contents Suggerimenti prima di iniziare 3 Introduzione 4 Crea una canvas 4 Navigare 4 Nascondi l Interfaccia Utente 4 Colore 5 Personalizza la tavolozza dei colori 5 Cattura

Dettagli

Synology Remote. Guida dell utente

Synology Remote. Guida dell utente Synology Remote Guida dell utente Indice Benvenuto Panoramica del Synology Remote Introduzione Riprodurre la Musica dal Synology Server Ascolto delle Stazioni Radio su Internet Riprodurre la Musica dall

Dettagli

Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092

Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092 Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092 IMPORTANTE: NON INSERIRE LA CHIAVE USB DI LICENZA FINO A QUANDO RICHIESTO NOTA: se sul vostro computer è già installato Nautilus 2.4, è consigliabile

Dettagli