RELAZIONE AL RENDICONTO CONSUNTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AL RENDICONTO CONSUNTIVO"

Transcript

1 RELAZIONE AL RENDICONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO 2008

2 INDICE Premessa pag. 3 Il bilancio in breve: analisi delle principali dinamiche di gestione pag. 10 Composizione della spesa per aree pag. 13 Risorse Umane pag. 23 Formazione e Internazionalizzazione pag. 44 Ricerca e Trasferimento tecnologico pag. 64 Sistema Bibliotecario pag. 104 Infrastruttura tecnologica e edilizia pag

3 PREMESSA 1 Struttura e obiettivi del documento Allo scopo di fornire elementi di valutazione che permettano un confronto tra obiettivi e priorità indicati nella programmazione annuale del bilancio e risultati conseguiti, finalità che è propria della fase di rendicontazione, ci è sembrato utile sviluppare nel documento che segue un analisi in parte diversa rispetto a quella presentata negli ultimi anni. Il documento è più sintetico ed è funzionale ad illustrare gli elementi caratterizzanti la gestione, gli impieghi delle risorse e le attività svolte. Per rispondere meglio a questa esigenza di rappresentazione della gestione, la prima parte della relazione, dedicata all analisi delle dinamiche della gestione attraverso il modello di riclassificazione del bilancio per margini di gestione, è stata integrata con un ulteriore riclassificazione e aggregazione finalizzata delle voci di spesa e dei relativi valori di bilancio, articolata per aree d intervento e per macro processi gestionali di supporto generale al funzionamento dell Ateneo. Questo nuovo livello di analisi è volto a rendere evidente la destinazione della spesa in relazione alle finalità dell Ateneo, rendendo più esplicita la correlazione tra risorse stanziate e azioni perseguite. Le aree di osservazione prese in esame sono: Didattica, servizi agli studenti e diritto allo studio Ricerca scientifica e gestione della spesa dei Dipartimenti Sistema bibliotecario Infrastruttura edilizia e tecnologica Struttura burocratica dell Ente In sostanza, il metodo d indagine che si è cercato di affinare è stato quello di osservare la composizione della spesa in base alla destinazione degli impieghi. Il modello proposto, ancorché certamente non esaustivo rispetto ad un sistema di contabilità analitica che richiederebbe comunque la registrazione economica e non finanziaria delle operazioni di gestione, contribuisce a fornire una prima valutazione sulla destinazione delle risorse direttamente impiegate nella produzione nei macro settori di attività, distinguendole dalle risorse impiegate per il mantenimento ed il funzionamento delle infrastrutture e da quelle impiegate per le attività istituzionali e gestionali di carattere generale legate al governo centrale dell Ateneo. La seconda parte della relazione è dedicata ad un analisi descrittiva e articolata di alcuni dei settori di maggior impegno economico e più sensibili alle dinamiche di cambiamento, che, per queste ragioni meritano un approfondimento, un monitoraggio costante e un confronto con gli anni precedenti: - Risorse umane - Formazione e internazionalizzazione - Ricerca e trasferimento tecnologico - Sistema bibliotecario - Infrastruttura tecnologica 3

4 2 Aspettative e programmi del Bilancio di previsione del 2008 Ricordiamo che la Previsione 2008 si era aperta con l auspicio che si potesse determinare una inversione di tendenza rispetto al passato con un significativo saldo positivo tra incremento del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) e crescita della spesa di personale per effetto degli incrementi di legge e contrattuali, in modo da liberare maggiori risorse per la gestione; riconsiderato il ruolo assegnato al sistema universitario, si preconizzava l avvio di una importante stagione di riforme per l intero sistema con l obiettivo di costruire un Università moderna, più proiettata nella dimensione internazionale e più adeguata alla trasformazioni nel frattempo intervenute nel contesto sociale e produttivo. L impegno politico, sintetizzato nel Patto per l Università e generalmente condiviso dagli interlocutori coinvolti e da gran parte del mondo accademico, sulla necessità che la riforma del modello di governance dovesse essere accompagnato da un più adeguato finanziamento e da una riforma radicale dei meccanismi di assegnazione delle risorse nel sistema, aveva trovato una prima se pur parziale traduzione operativa nella proposta di legge finanziaria per il 2008 con l assegnazione del fondo per il finanziamento degli incrementi retributivi. 3 Misure adottate in sede di previsione per realizzare l equilibrio di bilancio In sede di previsione, non conoscendo ancora le definitive determinazioni della legge finanziaria, abbiamo sviluppato la proposta di bilancio per il 2008 sulla base delle seguenti considerazioni: 1) la spesa per il 2008 è stata prudenzialmente impostata in moda da garantire il finanziamento dei servizi e delle dotazioni esistenti, ritenendo che spese per nuovi interventi avrebbero potuto essere assunte o attraverso nuove risorse o attraverso le risorse che si sarebbero liberate dalle cessazioni, accanto a quelle che venivano a realizzarsi con la prosecuzione degli impegni di razionalizzazione della spesa operati sulla gestione ordinaria; 2) per finanziare la spesa si è fatto ricorso all entrata corrente e ad una stima prudenziale del presunto avanzo di amministrazione del precedente esercizio 2007 (11 milioni), stima che si è poi effettivamente realizzata in corso d anno con la determinazione in 12,4 milioni di euro dell avanzo definitivo, fatto questo che ha consentito di non ridurre le voci di spesa corrente finanziate da questo avanzo; 3) per far fronte alle maggiori spese obbligatorie e consolidate, previste per complessivi 12,8 milioni di euro, di cui 8,7 per il personale, 4,1 per beni e servizi e per il funzionamento del sistema bibliotecario, oltre che 550 mila euro per le borse post lauream, garantendo contestualmente l equilibrio di bilancio, si è proceduto ad adottare alcune misure di contenimento degli stanziamenti di spesa che hanno riguardato: 1) 1,4 milioni di euro per i contributi universitari alle strutture; 2) 600 mila euro per i contributi di funzionamento alle scuole di specializzazione; 3) 200 mila euro per arredi, 4) 413 mila euro per le Grandi attrezzature. 4

5 In merito al taglio di stanziamento apportato alla voce dei contributi universitari alle Strutture, ricordiamo che, sulla base delle indicazioni espresse dal Consiglio di Amministrazione, si è proceduto a ripartire una quota dell assegnazione complessiva tenendo conto delle disponibilità libere non utilizzate presenti sui bilanci dei Dipartimenti, decisione questa che ha stimolato le Facoltà a superare criteri incrementali di assegnazione delle risorse. 4 Eventi che nel 2008 hanno modificato il quadro economico Prima di affrontare l analisi, è importante ricordare che l arco temporale che ha riguardato la gestione 2008, dalla previsione approvata nel novembre 2007 alla rendicontazione attualmente in discussione, è stato caratterizzato da importanti e repentini cambiamenti del contesto politico e istituzionale di riferimento che hanno profondamente modificato le strategie di rilancio del sistema universitario che si preconizzavano nel Patto per le Università. Gli interventi ministeriali e legislativi che hanno sostanzialmente influenzato l anno finanziario 2008 sono stati i seguenti: l incremento determinato per legge del valore delle borse di dottorato a decorrere dal 1 gennaio 2008, con una copertura parziale della spesa da parte del bilancio statale (1/3 del fabbisogno reale). L effetto negativo, per il bilancio d Ateneo, di questo intervento è stato preceduto dalla decisione, del tutto inattesa, di incrementare il valore delle borse di dottorato già in corso d anno (D.M ), lasciando a carico degli esausti bilanci universitari oltre due terzi dei maggiori oneri economici necessari per finanziare l incremento. Per questo motivo si è reso necessario un intervento in corso d anno da parte del Senato Accademico di riduzione del numero di borse da mettere a concorso per il 2008, nella prospettiva di contenere l impatto della maggiore spesa determinata dall incremento del costo delle borse; intervento legislativo di programmazione della spesa pubblica. Quest azione di correzione dei conti pubblici è stata declinata in un piano triennale di stabilizzazione della finanza pubblica (il D.L. 112/2008 convertito con la Legge 133/2008), varato prima dell estate, con effetti, se pure limitati, già a partire dalla seconda metà del Il provvedimento legislativo è intervenuto per recuperare risorse e ripristinare gli equilibri di bilancio messi in discussione dai provvedimenti di spesa e dalle politiche di esenzione adottati all inizio della nuova legislatura in alcuni settori della spesa pubblica. La manovra di politica economica ha introdotto una riduzione degli stanziamenti a favore del sistema universitario con il riassorbimento delle risorse liberate dal turn over del personale di ruolo e con l introduzione di un parziale blocco delle assunzioni. L Ateneo, in seguito all entrata in vigore delle nuove disposizioni, ha provveduto a completare entro il 2008 il processo di stabilizzazione del personale universitario a tempo determinato e inoltre si è visto costretto a non 5

6 procrastinare, oltre il raggiungimento dei limiti d età, la permanenza in ruolo del personale docente. Nella seconda metà dell anno si è inoltre manifestato con sempre maggiore evidenza il progressivo deterioramento della congiuntura economica nazionale e internazionale determinato dalla crisi dei mercati finanziari internazionali e dall esposizione accumulata dal sistema bancario. Ciò non ha avuto un diretto e immediato effetto negativo sulle disponibilità di bilancio del 2008, se non si considera un accentuata difficoltà del sistema economico pubblico e privato a finanziare e sostenere programmi e progetti di ricerca e di formazione universitaria, ma le difficoltà si sono avvertite con la richiesta di qualche dilazione nei pagamenti, da parte dei finanziatori privati, e con la riduzione prospettata sui futuri impegni economici; sono fenomeni limitati, che tuttavia evidenziano come il peggioramento del quadro economico ponga problemi di prospettiva non solo sul versante del finanziamento istituzionale, potendo interessare tutte le altre fonti di finanziamento. Inoltre la conferma da parte governativa della volontà di mantenere l impegno assunto in sede europea del pareggio di bilancio nel 2011 ed il contestuale peggioramento dello scenario previsionale emerso dall andamento dei conti pubblici e dagli indicatori di sviluppo del prodotto interno lordo hanno portato all adozione di un azione correttiva, principalmente focalizzata sul rafforzamento delle misure di contenimento della spesa pubblica. È evidente che, nel quadro delle difficoltà economiche esistenti, una risposta positiva può arrivare al sistema universitario solo dalla determinazione politica che il potenziamento del sistema universitario e di ricerca può rappresentare una delle chiavi di volta per uscire dalla crisi e che tale scelta non è in contrasto con una politica di rigore nei conti pubblici, soprattutto se è accompagnata da un coerente sistema di valutazione nell allocazione delle risorse. Ancora una volta politiche dettate dall emergenza, accanto a decisioni forse non pienamente valutate nella loro effettiva ricaduta economica sul sistema universitario, hanno messo in difficoltà gli Atenei, impedendo di raccordare con serietà programmazione e gestione e quindi di render conto della propria capacità di autodeterminazione. Per il nostro Ateneo questi accadimenti hanno di fatto congelato la discussione sugli sviluppi futuri che era stata avviata con la presentazione nei primi mesi dell anno del Piano strategico ed hanno bloccato il sistema di autofinanziamento dei budget di Facoltà, creando una rottura nel sistema di programmazione adottato dall Ateneo. La nuova situazione economica e i provvedimenti legislativi adottati hanno di fatto imposto agli Atenei non solo il blocco di nuove assunzioni ma anche il varo di provvedimenti per accelerare la riduzione degli organici; misure rese indispensabili dalla situazione economica in cui si sono venute a trovare le Università. Un ulteriore effetto determinato dalla riduzioni degli stanziamenti operati sul sistema universitario è consistito nella contrazione, particolarmente significativa, delle risorse assegnate per il post lauream, che per il nostro Ateneo è risultata pari a una riduzione di 1,4 milioni di euro. Il concorso dell Ateneo al finanziamento delle borse di dottorato è così passato, nonostante la riduzione nel numero di borse decise 6

7 nel corso dell anno, da circa 6 milioni di euro a oltre 8,5 milioni di euro. L incremento di spesa complessivo a carico del bilancio d Ateneo è stato pari al 30%. Questo ha comportato, come vedremo meglio nella rappresentazione schematica che studia i margini operativi del bilancio 2008, una riduzione delle disponibilità per la ricerca e per gli interventi di conservazione e/o trasformazione dell infrastruttura. La riduzione del numero di borse a disposizione del post lauream ha riportato all attenzione degli organi di governo dell Ateneo l esigenza di individuare nuovi criteri per l attribuzione delle borse alle scuole di dottorato, valutando iniziative e risultati della formazione. 5 Considerazioni su alcuni risultati registrati a consuntivo Lo stanziamento determinato dalla legge finanziaria 2008 a favore del sistema universitario ha risposto alle aspettative manifestate con la predisposizione del bilancio di previsione; infatti l incremento del FFO ha permesso di coprire gli incrementi retributivi determinati dalla legge e dai contratti di lavoro del personale di ruolo ed ha in effetti permesso di liberare parte delle risorse per la gestione, risorse che sono state poi ampiamente riassorbite dagli aumenti delle spese energetiche e dagli aumenti delle borse post lauream, di cui abbiamo già parlato. Sono andate invece deluse le aspettative di rifinanziamento statale all edilizia universitaria. L importanza che riveste per il sistema universitario una ripresa di finanziamento in questo settore è cruciale per diversi aspetti legati alla gestione del patrimonio immobiliare quali: la sicurezza, gli interventi sul risparmio energetico, la tutela e la conservazione dei beni artistici e monumentali, il recupero di funzionalità e di un uso più razionale degli spazi, lo sviluppo di servizi e di attività di ricerca e di didattica. I finanziamenti esterni per la ricerca sono risultati sostanzialmente stabili, tuttavia, grazie ai progetti presentati da alcuni ricercatori sui bandi internazionali, si è registrata una forte crescita del valore delle risorse acquisite dall Ateneo nel corso del 1 biennio del 7 Programma quadro europeo rispetto allo stesso periodo del 6 programma, il risultato è più chiaramente esposto nella sezione dedicata alla ricerca. Il gettito dei contributi studenteschi, che è condizionato dai limiti imposti dalla legge alle Università, è stato inferiore a quanto indicato nel Bilancio di previsione. Le minori somme riscosse rispetto a quelle previste relative alla categoria delle entrate proprie ʺTasse e contributi universitariʺ si riconduce pressoché esclusivamente alle minori somme riscosse sui contributi per le scuole di specializzazione. In particolare, la differenza negativa pari a 3,7 milioni di euro è ascrivibile allʹapplicazione del contratto di formazione specialistica per le scuole di specializzazione di area medica che ha comportato lʹiscrizione alle scuole in tempi diversi nellʹarco dellʹanno e quindi una fisiologica ʺdiluizioneʺ del pagamento della seconda rata. Eʹ evidente che questa asimmetria temporale viene a determinare un effetto negativo nellʹanno di introduzione, poiché rimanda allʹanno successivo parte delle entrate, mentre non dovrebbe determinare alcun effetto sul gettito complessivo una volta a regime. 7

8 Sul fronte della spesa la variazione più significativa, rispetto a quanto impostato nel bilancio di previsione, è rappresentata dallo straordinario incremento dei costi dei consumi energetici. 6 Rapporto sulle iniziative assunte dall Ateneo nel corso dell anno Il maggior avanzo realizzatosi con la consuntivazione dell esercizio 2007 pari a 1,4 milioni è stato impiegato in corso d anno per finanziare: il contratto Cilea per 180 mila euro ( sviluppo sistema informativo ricerca e AIR); il sistema bibliotecario per ulteriori 339,5 mila euro (avvio di nuove biblioteche, interventi straordinari sul sistema bibliotecario centrale e finanziamento delle riviste on line); la manutenzione straordinaria degli immobili per ulteriori 700 mila euro (razionalizzazione dei laboratori scientifici e didattici, e dismissione di spazi da alienare); il finanziamento del nuovo Polo veterinario per Lodi per 250 mila euro. Contestualmente a questo, come già accennato, si è proceduto a sviluppare un Piano contenente le linee strategiche dell Ateneo, delineate sulla scorta di una visione unitaria e prospettica dello scenario di medio lungo termine, in cui sono state considerate, con diverso grado di priorità, le iniziative che dovrebbero caratterizzare gli sviluppi futuri; le direttrici di sviluppo individuate dal piano avrebbero poi dovuto essere declinate in una attenta e sistematica programmazione finanziaria degli interventi con lo scopo di dotare i bilanci di previsione annuale e pluriennale di elementi e criteri di investimento collegati ad un sistema di obiettivi organicamente inseriti in una visione complessiva del futuro. Il Bilancio 2008, essendo stato formulato a legislazione vigente e non avendo fatto quindi affidamento su ipotesi di maggiori finanziamenti, ha risentito solo parzialmente di questi accadimenti, con la sola eccezione della maggior spesa, intervenuta in corso d anno e quindi non preventivamente stimata, relativa alle borse di formazione post lauream. Le criticità, soprattutto per le future gestioni, che si sono rese particolarmente evidenti dopo la prima metà dell anno, hanno incentivato da un lato ad accelerare la stabilizzazione del personale tecnico amministrativo a tempo determinato e dall altro a bloccare i meccanismi di finanziamento dei budget di Facoltà. Nel corso dell anno sono state inoltre sperimentate soluzioni gestionali innovative, alcune mai sperimentate, volte a non abbassare la guardia rispetto all obiettivo di aumentare l efficienza della spesa, pur nella piena consapevolezza che le difficoltà economiche attuali possono trovare compiuta soluzione solo attraverso un rifinanziamento del sistema. Su questa direttrice ci siamo mossi per verificare nuove modalità per conseguire risparmi e per monitorare i consumi energetici in modo da riuscire attraverso una futura ripartizione della spesa ad aumentare la sensibilità e l attenzione delle Strutture al contenimento dei consumi. Si è proceduto inoltre a 8

9 studiare meccanismi di finanziamento degli interventi edilizi, alternativi rispetto alle ordinarie operazioni di indebitamento presso il sistema bancario, allo scopo di risparmiare la spesa sugli interessi del debito. Si è poi intervenuti sul contratto stipulato con la Società Ecomat passando dall acquisizione in affitto dello stabile di viale Ortles, dedicato alle iniziative di trasferimento tecnologico condotte dall Ateneo in collaborazione con Fondazione Cariplo e con Banca Intesa, all acquisto dello stesso, con un consistente vantaggio determinato dalla crescita del patrimonio immobiliare di proprietà e dalla minore spesa della rateizzazione del debito rispetto agli affitti a carico dei prossimi bilanci annuali. Nel corso del 2008 è stata condotta in porto la definitiva dipartimentalizzazione dell Ateneo e sono stati attribuiti tutti gli incarichi amministrativi necessari per la loro gestione amministrativa e contabile. La dipartimentalizzazione delle strutture di ricerca nel corso dei prossimi mesi avrà certamente bisogno di un ulteriore verifica, sia per la presenza di dipartimenti che hanno un numero di docenti inferiore a quello previsto dal regolamento d Ateneo, sia in previsione di requisiti di confrontabilità e adeguatezza che potranno essere richiesti dal sistema di valutazione nazionale, sia ancora per eventuali disposizioni sulla consistenza numerica minima delle strutture dipartimentali che potranno arrivare dal sistema nazionale. Lo sforzo della gestione di migliorare l efficienza della spesa si è reso evidente, anche considerando l incremento di risorse rese disponibili dalla gestione ordinaria per il finanziamento del sistema. 7 Conclusioni sulle esigenze di bilancio Guardando i risultati riportati nel Bilancio consuntivo 2008, si conferma la necessità di ulteriori interventi sul versante della spesa, con particolare attenzione a quella che ha carattere di continuità e di stabilità. L obiettivo è quello di strutturare la spesa dell anno esclusivamente nei limiti dei finanziamenti previsti, evitando il ricorso all avanzo di gestione. Elemento fondamentale e centrale per la realizzazione di questo obiettivo è la riduzione della spesa obbligatoria di personale; ciò è imposto dalle condizioni attuali di finanziamento, determinate dagli interventi legislativi, e costituisce l unica leva con cui garantire la sopravvivenza e la funzionalità dell Ateneo. Tuttavia è necessario ribadire che in relazione alle esigenze esistenti e al valore delle risorse umane impegnate e ai risultati conseguiti nella ricerca e nella formazione universitaria il fabbisogno reale dell Ateneo non si può misurare sulle risorse impiegate nel corso del 2008: la struttura e la dimensione della spesa del 2008, relativamente alle voci che riguardano la ricerca, gli impieghi per l infrastruttura edilizia e i servizi agli studenti e la gestione contrattuale del personale universitario, sono rispettivamente inadeguata e insufficiente. 9

10 Il Bilancio in breve: analisi delle principali dinamiche di gestione Per ampliare la qualità delle informazioni contenute nel documento di bilancio e agevolare la lettura dei risultati delle politiche di spesa e delle relative determinanti più significative, si è proceduto a sviluppare un quadro generale riassuntivo delle entrate e delle spese di competenza, articolando e riaggregando le voci di bilancio del consuntivo finanziario nei quattro comparti principali in cui si sviluppa la gestione: funzionamento ordinario, interventi nel post lauream, ricerca scientifica e investimenti per l edilizia in conto capitale. Lo scopo conoscitivo è quello di sezionare il risultato complessivo della gestione nelle aree in cui si realizza e in quelle che ne richiedono invece l impiego e verificare l apporto/fabbisogno di risorse determinato da ciascuna. Precisiamo che quest analisi è funzionale a verificare quanto e in che modo le entrate dell anno finanziano le spese della gestione dell anno. Essa risulta quindi particolarmente significativa per le spese che devono correttamente trovare copertura nelle entrate dell anno. Ci riferiamo in particolar modo alla gestione legata al Funzionamento ordinario e alla gestione della Formazione post lauream, che pur rappresentano l 80% della spesa complessiva, mentre per le spese assunte sulle altre gestioni, finalizzate per definizione, quest analisi assume un contenuto informativo fortemente limitato. Per queste ultime l esigenza conoscitiva è focalizzata a capire la struttura e la composizione della spesa, in particolare quella di investimento per la formazione alla ricerca e per l ammodernamento del patrimonio tecnologico; sempre più è urgente che questi finanziamenti concorrano a finanziare interventi strategici per l Ateneo, non disponendo più il bilancio di margini per finanziarli correttamente. Come anticipato nelle premesse, nel prosieguo del documento per ogni area di intervento sarà esposta una sintesi delle risorse impiegate per funzioni e per natura della spesa. Anticipando qualche considerazione sul risultato finale, è opportuno premettere che il valore assunto dal disavanzo di competenza pari a 26,1 milioni di euro richiede qualche considerazione più articolata per consentire una lettura corretta del dato sotto il profilo economico gestionale. Questo disavanzo di competenza significa che nell anno sono state assunte complessivamente 26,1 milioni di spese in più non finanziate con le entrate dell anno. Questa maggior spesa è la risultante di più fattori: 1) a seguito dell istituzione di 11 nuovi dipartimenti si è proceduto ad assumere una maggior spesa di circa 10,2 milioni di euro per trasferire nel 2009 le disponibilità esistenti dei disattivati istituti, gestiti dal bilancio centrale, alle neo istituite strutture dipartimentali (per consentire una lettura più corretta della spesa, tale voce di trasferimento è stata esplicitamente indicata a parte nel prospetto di bilancio riclassificato); 2) la maggior spesa assunta nell anno su stanziamenti pregressi riportati sulla gestione 2008 con la distribuzione dell avanzo 2007; ricordiamo in particolare 6,1 milioni di stanziamenti per l edilizia e 4,5 milioni di stanziamenti per spesa corrente; 3) la fisiologica ciclicità delle spese per la ricerca scientifica. 10

11 L osservazione dei valori di sintesi e dei margini del bilancio riclassificato ci consente di sintetizzare gli elementi più significativi della gestione Per quanto riguarda l area del Funzionamento ordinario, possiamo osservare che rispetto al 2007 la gestione 2008 ha accresciuto del 5,9% il margine delle risorse liberate dalla gestione corrente. Questo risultato è determinato dal fatto che l incremento della spesa corrente pari al 2%, malgrado, è bene sottolinearlo, una crescita del 15,3% delle utenze energetiche, si è mantenuto al di sotto dell incremento dell entrata corrente pari a 2,69%; ricordiamo che questo risultato di crescita contenuta della spesa corrente è ascrivibile per la categoria dei consumi intermedi agli effetti indotti dalle riduzioni di stanziamento apportate a monte sulla previsione 2008 (2,2 milioni di euro) mentre per la categoria di spesa relativa al personale all effetto combinato dell evoluzione fisiologica della spesa obbligatoria indotta dagli incrementi retributivi parzialmente calmierata dai risparmi derivanti dalle cessazioni dal servizio. Quanto alle spese correnti, precisiamo che la crescita rispetto all anno precedente della spesa per la gestione del debito è stata esclusivamente determinata dall operazione di estinzione del contratto di mutuo per l acquisto dell immobile di sesto San Giovanni assunta a fine anno, operazione che consentirà alle gestioni future di beneficiare di un significativo risparmio sulla spesa per interessi passivi liberando in tal modo risorse che consentiranno di anticipare al 2013 l estinzione del debito residuo in modo da disporre delle risorse per finanziare il terzo accordo di programma per Lodi. L aumento della spesa annuale per il mantenimento dell infrastruttura edilizia e tecnologica è determinato invece da interventi non rinviabili sul patrimonio edilizio. È opportuno soffermare l attenzione sul fatto che le misure di contenimento attuate per questa tipologia di spesa, che annualmente assorbe una quantità importante di risorse (10 12 milioni di euro), rappresentano spesso misure di rinvio della spesa, e rinvio di breve periodo ovviamente. Un effetto negativo di una insistita politica di rinvio può determinare il concentrarsi di interventi di risanamento in un arco temporale più ristretto non programmato con rischi di situazioni di blocco o di disagio diffusi. Particolare preoccupazione in tal senso destano le riduzioni di stanziamento per 2 milioni di euro apportate sulla previsione 2009 per garantire il pareggio di bilancio. Per quanto riguarda poi gli interventi sul post lauream, osserviamo poi che il positivo incremento del margine della gestione corrente è stato interamente assorbito e negativamente compensato dalla crescita della spesa per le borse post lauream, crescita determinata dall incremento del valore della borsa di dottorato e dalla contestuale riduzione del finanziamento statale; tale spesa ha registrato un incremento pari al 19.1% malgrado gli interventi assunti dal Senato accademico in corso d anno per contrastarne l evoluzione. Relativamente alle altre aree d intervento, Ricerca scientifica, Edilizia e gestione finalizzata, i risultati che emergono dai valori dei margini richiedono una certa cautela di giudizio, dal momento che, come già accennato, per questi interventi l analisi basata sulla correlazione entrate/spese dell anno non conduce a 11

12 considerazioni particolarmente significative trattandosi di settori d investimento delle risorse che sviluppano gli impieghi (e i risultati) su un orizzonte temporale pluriennale. Per queste aree di attività assume maggiore contenuto informativo l indagine svolta sulla composizione della spesa e sulle modalità d impiego delle risorse sviluppata nel proseguio. 12

13 COMPOSIZIONE DELLA SPESA PER AREE L analisi che segue intende presentare un quadro di sintesi della composizione della spesa sostenuta dal sistema Ateneo, nel suo complesso per le sue aree di intervento e di attività primarie e per i processi/servizi di supporto istituzionale, gestionale e infrastrutturale necessari al governo e al funzionamento del sistema. L analisi è articolata sulle seguenti Aree, all interno delle quali sono state aggregate le spese impegnate per la gestione di competenza 2008: 1. Didattica, interventi per gli studenti e diritto allo studio; 2. Ricerca scientifica e trasferimento tecnologico; 3. Sistema bibliotecario; 4. Infrastruttura edilizia e tecnologica; 5. Struttura burocratica dell ente. Il modello proposto ha adottato i seguenti criteri di analisi e aggregazione generali per l attribuzione della spesa a ciascuna area: 1. le voci di spesa, identificate dalle voci statistiche presenti nel bilancio finanziario di Ateneo e delle strutture dotate di autonomia, sono state considerate in relazione alla loro destinazione a ciascuna delle aree di attività sopra indicate 2. per ciascuna area sono state consolidate le spese in modo da prendere in considerazione la loro destinazione finale, eludendo le partite di giro e le voci di spesa che costituiscono di fatto voci di giroconto (versamenti IVA, Tassa regionale per il diritto allo studio); sono stati inoltre elisi i trasferimenti interni allo scopo di assumere il sistema ateneo come un unico centro di spesa. 3. le spese individuate per ciascuna area sono state aggregate in uno schema omogeneo, di finalità della spesa, eventualmente adattato alla specificità di ogni area: - spese per risorse umane personale - spese di funzionamento dei servizi centrali di supporto - spese per la produzione delle attività di area. - spese per investimenti patrimoniali 4. Il sistema organizzativo di Ateneo è stato suddiviso in 5 sotto sistemi in base all area di destinazione delle attività, al fine di individuare e aggregare le spese sostenute dalle strutture all interno delle cinque aree del modello. In particolare le strutture dipartimentali e gli ex istituti sono stati assunti come componente organizzativa dedicata primariamente alla ricerca scientifica e le Facoltà come strutture deputate primariamente alla didattica. Rispetto a questa suddivisione le voci di spesa di personale hanno tenuto conto di una quota di impegno del personale docente ripartito convenzionalmente tra le due aree nella misura del 50%. Lo schema organizzativo su cui si fonda 13

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I ALLEGATO 1/A UNIIVERSIITA DII PIISA AREA FIINANZA E FIISCALE UFFIICIIO FIINANZA E CONTABIILIITA CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 Relazione PARTE I INDICE Relazione Parte I RELAZIONE DEI PROGRAMMI

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli