Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie , 2/2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie 5 2010, 2/2"

Transcript

1

2

3 NOTIZIE DEGLI SCAVI DI ANTICHITà COMUNICATE DALLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Rassegna archeologica del Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

4 Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie , 2/2

5 Relazioni preliminari degli scavi a Segesta (Calatafimi-Segesta, TP; ), Entella (Contessa Entellina, PA; ), Kaulonia (Monasterace, RC; ). Ricerche recenti a Roca (Melendugno, LE). cura redazionale: Chiara Michelini Premessa Carmine Ampolo ix Segesta Scavi nell area dell agora ( ): risultati e prospettive di ricerca Carmine Ampolo, Maria Cecilia Parra 3 Area della strada e della piazza triangolare (SAS 3; ) Antonino Facella, Riccardo Olivito 6 Area del criptoportico e sepolture tardoantiche (SAS 3 e 4; ) Alfonsa Serra 20 Note antropologiche su alcune sepolture tardoantiche (SAS 3 e 4; ) Pier Francesco Fabbri, Luisa Farina 25 Ala Ovest della stoa Nord ( ) Angela Clara Infarinato 29

6 Angolo NordOvest della stoa Nord ( ) Agata Abate, Nicola Giaccone 34 Settore Nord dell agora ( ) Donatella Erdas 41 Entella Area del palazzo fortificato medievale. Scavo nell edificio inferiore (SAS 1; ) Alessandro Corretti 53 La Necropoli E. Un area funeraria islamica a ridosso delle fortificazioni (SAS 25; ) Chiara Michelini, Serena Viva, Pier Francesco Fabbri 71 Un altra area cimiteriale medievale di rito islamico sul pianoro sommitale: la Necropoli D (SAS 26; 2007) Alessandro Corretti, Pier Francesco Fabbri, Serena Viva 88 I ritrovamenti monetali antichi e medievali scoperti nelle aree del palazzo fortificato (SAS 1) e nell area del Pizzo della Regina ( ) Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 91 Kaulonia Scavi nel santuario di Punta Stilo ( ): risultati e prospettive di ricerca Maria Cecilia Parra 103 Area subito a Sud del tempio dorico (SAS 1; ) Antonino Facella, Nicola Giaccone 110 Area del grande altare a Sud del tempio (SAS 4; ) Riccardo Olivito, Claudio Sorrentino 131

7 Roca Premessa Riccardo Guglielmino, Cosimo Pagliara 147 Le fortificazioni della media età del Bronzo Teodoro Scarano 151 Indizi di attività cerimoniali dell età del Ferro Alessandro Corretti, Giordana Dinielli, Marco Merico 160 Abbreviazioni bibliografiche 181

8

9 4. Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali scoperti nelle aree del palazzo fortificato (SAS 1) e del Pizzo della Regina ( ) Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 4.1. Introduzione In occasione degli scavi condotti sulla Rocca d Entella negli anni 2007 e 2008 sono state scoperte 15 monete di cui dieci antiche e quattro medievali nonché un gettone vitreo. In questa sede saranno elencati e discussi i sei esemplari ritrovati nel SAS 1, cioè nell area del palazzo medievale, oggetto del presente rapporto (nn. 1-6), nonché un ulteriore moneta raccolta ca 400 m più ad Est sul sentiero verso il Pizzo della Regina (n. 7). Il numero dei reperti numismatici è esiguo e i dati stratigrafici non permettono di precisare il loro inquadramento cronologico e viceversa. Costituiscono, comunque, preziosi elementi che ampliano il panorama tipologico nonché le conoscenze storiche sul sito in genere. In questo senso integrano anche le informazioni fornite dai precedenti ritrovamenti monetari dalla Rocca d Entella 1. Siamo grati agli amici del Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico della Scuola Normale Superiore di Pisa per il sempre amichevole e stimolante scambio di dati e di considerazioni sul sito di Entella, soprattutto A. Corretti, N. Facella, R. Guglielmino, C. Michelini, M.C. Parra, M.A. Vaggioli e naturalmente C. Ampolo, il direttore del Laboratorio. Abbiamo pulito e documentato i materiali durante una breve campagna di studi nel maggio 2008, che ci ha dato l opportunità di seguire i lavori nei vari saggi tuttora in corso. Da quella campagna in poi le monete e i gettoni medievali sono studiati da Christian Weiss, dell Università di Zurigo, mentre le monete antiche continuano ad essere trattate da Suzanne Frey-Kupper. 1 Cfr. De Vido 1995; Frey-Kupper 2000 e 2002.

10 92 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 4.2. Monete antiche (nn. 1, 4-6 ) (fig. 90) Delle quattro monete antiche due provengono da contesti medievali dei secoli XII-XIII e XIII (nn. 1, 4), mentre le altre due sono ritrovamenti sporadici (nn. 5-6). È da sottolineare, tuttavia, che una delle prime due, l esemplare n. 1, era inclusa in uno strato caratterizzato da molti materiali antichi che risalgono al II-I sec. a.c. 2. Le conoscenze sulla natura esatta delle strutture antiche sotto il palazzo medievale sono tuttora limitate; è comunque probabile che la moneta rifletta in qualche modo l occupazione, o quantomeno la frequentazione, di questa parte dell antica città. Si tratta di un hemilitron siracusano del tipo «testa femminile/ruota con due delfini affrontati» databile al 405 a.c. o poco dopo 3. È degno di nota il fatto che, oltre a questa moneta, cinque esemplari del tipo «testa femminile/delfino a ds., sotto conchiglia pecten» siano stati ritrovati ad Entella (fig. 90A) 4. Sempre in bronzo e quasi coevo, questo tipo è tutt al più poco più recente di quello con ruota, e probabilmente la cronologia dei due tipi si sovrappone per un certo periodo 5. La presenza concomitante dei due tipi nello strato di distruzione dello scavo «Ex scalo ferroviario» a Gela, datato alla fine del V sec. a.c. e messo in relazione dagli scavatori con l assalto cartaginese del 405 a.c., attesta almeno la circolazione contemporanea dei due tipi 6. Anche se dal punto di vista archeologico si ignora quando le sei monete siracusane qui menzionate siano 2 Cfr. Corretti, supra. 3 Le hemilitre si basano su uno standard di quasi 8 g, standard che non fu assimilato dalle città di Gela e di Camarina distrutte nel 405 a.c., bensì dalla città di Leontinoi, che nello stesso anno, dopo gli avvenimentii bellici nel conflitto con i Cartaginesi, ottenne di nuovo la sua autonomia. Cfr. Boehringer 1979, pp. 20-1, per il tipo tav. 39, Inv. E 3704, 3901 (fig. 90A), 4352, 4381 e 4763: Gabrici 1927a, p. 172, nn ; Boehringer 1979, p. 21, tav. 39, Ibid., p. 21: «Dass die Delphin + Muschel-Hemilitren den Rad-Hemilitren ungefähr gleichzeitig seien, dafür spricht ihr gemeinsames Umlaufen. Beide Serien scheinen jedoch weder vollkommen gleichzeitig geprägt, noch eindeutig einander abzulösen. Ich habe den Eindruck, dass sie einander überschneiden, wobei der Rad-Typus früher einsetzt, der Delphin + Muschel-Typus wesentlich länger dauert». I più vivi ringraziamenti vanno a Christof Boehringer, Göttingen, per informazioni e discussioni relative ai tipi menzionati. 6 Carbè 1993; Spagnolo 1991, pp. 56 e 58. Per i contesti e le loro monete, cfr. anche Frey-Kupper c.d.s. a, Appendice, tabella 1.

11 93 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali state messe in circolazione sulla Rocca d Entella, esse costituiscono un gruppo cospicuo al quale si affiancano limitandoci in questa sede alla discussione delle monete in bronzo emesse nel periodo 420/415-5 a.c. ca solo due monete di Akragas, tre di Gela nonché una di Himera 7. Si potrebbe opporre a questa osservazione il fatto che il volume delle emissioni monetarie della potente Siracusa era molto più importante rispetto a quello delle altre città e con ciò minimizzare la presenza delle sei monete siracusane. Tenendo conto invece della quantità assoluta di solo 208 monete antiche da Entella 8, e del fatto che le 1425 monete dal vicino sito di Iaitas studiate da noi non includono né l uno né l altro dei tipi in discussione, il numero delle sei monete è notevole. Ancora più rilevante secondo noi è la situazione di Morgantina, città distante solo 110 km da Siracusa, dove, tra le ca monete ritrovate, solo cinque esemplari sono del tipo con ruota 9 e nessuno con delfino e conchiglia. Tutto sommato, la moneta n. 1, insieme con le cinque monete del tipo con delfino e conchiglia, rappresenta ad Entella una porzione considerevole di monete siracusane emesse poco dopo il 405 a.c., porzione che non sembra abituale in altri siti anche vicini a Siracusa. Considerando questo periodo nel caso entellino, cruciale nella storia del sito, non si può naturalmente evitare l ipotesi di un possibile legame con l arrivo, secondo Diodoro (14,9,8-9) nel 404 a.c., dei mercenari Campani già al servizio da Dionigi I di Siracusa 10. Questa problematica è ovviamente da approfondire non solo sulla base del panorama complessivo dei ritrovamenti monetali da Entella, ma anche con l aiuto dei contesti e dei materiali archeologici. 7 Akragas: Inv. E 3894 (Gabrici 1927a, p. 116, nn ) e E 5702 (ibid., pp , nn , cfr. Frey-Kupper 2002, p. 549, n. 14, fig. 206, 14); Gela: E 4324, 4397, 5951 (Jenkins 1970, pp , 271-8, Gruppo VIII-IX, tipo); Frey-Kupper 2002, p. 549, n. 16, fig. 206, 16); Himera: E 3986 (Gabrici 1927a, p. 140, nn ; SNG München , n. 367). A questi si aggiunge un hemilitron siracusano di un tipo poco più antico ( a.c.) degli hemilitra sopramenzionati: E 4350 (manca in Gabrici 1927a, Boehringer 1979, p. 19, tav. 39, 22). 8 Il totale non comprende le 17 monete ritrovate nell area del santuario extraurbano in Contrada Petraro scavata negli anni , 2003 e Morgantina II 1989, p. 97, n Le fonti scritte e numismatiche in relazione alla presa di Entella ad opera dei Campani sono discusse da ultimo da Boehringer 2008, pp

12 94 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss La moneta n. 6, sporadica e anch essa di Siracusa, è un hemilitron della Terza Democrazia ( a.c.) ed appartiene ad un epoca in cui ad Entella monete greche e puniche sono ampiamente documentate. Dall inizio del III sec. a.c., invece, per una ragione ancora da chiarire, le attestazioni di materiali ceramici e numismatici diagnostici diventano rari e sembrano carenti per la prima metà dello stesso secolo 11. Le due ultime monete (nn. 4-5; l una da un contesto medievale, l altra sporadica), sono più recenti e fanno parte di emissioni prodotte sotto il dominio romano. La n. 5, di Katane, fu emessa dopo il 211 a.c. o poco più tardi, forse all inizio del II sec. a.c. 12. La n. 4, ancora di Siracusa, si inserisce probabilmente nello scorcio di tempo compreso fra la seconda metà del II e la prima metà del I sec. a.c. 13. Tutte e due sono nuove nel panorama numismatico della Rocca d Entella e, in un epoca caratterizzata da una circolazione piuttosto locale dominata da zecche occidentali 14 nel caso di Entella sono Lilybaion, Panormos e la propria zecca entellina attestano rari casi di monete coniate nelle metropoli della Sicilia orientale Monete medievali (nn. 2-3, 7) (fig. 90) La partecipazione di Entella alla ribellione musulmana nel Val di Mazara in età sveva, che culminò nella deportazione dei musulmani 11 Da ultimo, cfr. Bechtold 2008, p. 370, che riassume la bibliografia relativa alla documentazione dei materiali ceramici da Entella, particolarmente la nota 244: «per quanto riguarda il materiale ceramico edito, [...] mi colpisce l assenza di pressoché tutti gli elementi diagnostici a vernice nera [...], ma anche delle contemporanee e diffusissime anfore puniche del tipo Ramón T , di anfore greco-italiche MGS V e VI [...]»; Frey-Kupper 2006, pp e 51 fig. 3 per le monete. 12 Un esemplare è incluso nel tesoro di Grammichele (IGCH, p. 339, n. 2236) datato alla seconda guerra punica o poco dopo; cfr. Crawford 1985, p. 111, tab. 4. Numerosissime a Morgantina (Morgantina II 1989, pp. 82-3, nn ), le monete di questo tipo sono comunque quasi assenti negli strati di distruzione della seconda guerra punica; cfr. Frey-Kupper c.d.s. b (cap ). 13 Per la datazione, cfr. ibid. (nota ai nn del catalogo). 14 Per la circolazione monetale in Sicilia sotto dominazione romana, cfr. Frey-Kupper 1992, pp , tavv. XXXIII-XXXIV; Ead. c.d.s. b, fig. 88 e tabb

13 95 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali nel 1246, è pienamente confermata dalle fonti scritte 15. Una moneta sporadica ritrovata durante gli scavi del 2008 (n. 7) attesta ormai anche archeologicamente che Entella fu parte dell emirato ribelle di Muhºammad Ibn Abbād (c ). Le leggende di questo denaro, rese in una corsiva araba (nash ), menzionano sul dritto Muhºammad Ibn Abbād come emiro dei musulmani, mentre sul rovescio ricordano la šahāda. Questo tipo di denaro è stato pubblicato per la prima volta da D Angelo nel Se accettiamo la premessa che la zecca di Ibn Abbād si trovava nel suo capoluogo, la produzione delle sue monete deve essere localizzata ad Entella o Iato. Mentre le fonti arabe ricordano Entella come capoluogo di Muhºammad Ibn Abbād 17, quelle latine confermano l assedio e la cattura dell emiro ribelle a Iato 18. Entrambe le due città musulmane sono dunque state proposte dagli studiosi come sedi dell emiro ribelle 19. In mancanza di evidenze archeologiche per esempio coni o prodotti semifiniti, l attribuzione a una delle due città finisce per basarsi esclusivamente sulle testimonianze scritte arabe e latine e sulla loro analisi critica. Il fatto che al-hºimyarī definisca Entella il capoluogo dei ribelli forse suggerisce però che Entella fosse una di quelle città menzionate da al-hºamawī che hanno continuato la resistenza contro l Imperatore dopo il trionfo temporaneo dell anno Questo chiarirebbe anche 15 Huillard-Bréholles , I, p. 118; Annales Siculi 1866, pp D Angelo al-hºimyarī 1954; Kitāb al-muġrib San Germano 1866, p. 342; Winkelmann 1880, pp , 233-5, 243-4; Annales Siculi 1866, p Cfr. D Angelo 1975, p. 153 («della Rocca d Entella o di qualunque altra località nota o ancora ignota»); D Angelo 1995, p. 91 («Monte Iato o Rocca di Entella»); Maurici 1987, p. 41 («Jato od Entella»); De Luca 1997, p. 208 («Monte Iato o Rocca di Entella»); MEC 14, 184 («presumably Entella or Iato»); Corretti, Michelini, Vaggioli 2010, p. 182 («Città come Monte Iato e appunto Entella»); Weiss 2010, p. 269 («Monte Iato»). 20 al-hºamawī 1881, pp , purtroppo senza di precisare quali città. Anche le fonti latine tacciono circa i nomi delle città (con eccezione di Iato: Winkelmann 1880, pp , 243-4). Che si trattasse delle fortezze in montagna però è attestato anche dagli Annales Siculi 1866, p. 496 che riportavano per l anno 1224: «misit exercitum magnum super Saracenos Siciliae qui remanserunt in montanis».

14 96 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss perché al-hºimyarī e al-hºamawī ricordano lo stesso stratagemma utilizzato dopo la morte di Ibn Abbād, messo in atto dalla figlia (secondo al-hºimyarī), oppure da un qā id Marzuq (secondo al-hºamawī). Se si trattasse dello stesso episodio, potremmo ipotizzare allora che Entella avesse continuato la resistenza sotto un certo qā id Marzuq? Un altra testimonianza dell impronta musulmana ad Entella si rivela grazie a un gettone vitreo svevo scoperto durante la pulizia dell ambiente VIII (n. 3). Quest ultimo porta un aquila di fronte con le ali aperte. Introdotti in età tardoromana e poi prodotti anche dai Bizantini, questi pesi monetali in vetro continuarono ad essere usati dagli Arabi. Mentre per l età normanna l evidenza da un lato la diversità tipologica, dall altro il fatto che i pesi siano sempre anonimi suggerisce una produzione decentrata, in età sveva si può costatare il ritorno ad un solo tipo con aquila araldica per quasi tutti i pesi vitrei. Questo fatto può essere interpretato come indizio della ripresa di una produzione centrale. Esistono almeno sei unità di peso; con 1,78 g il nostro esemplare appartiene allo stesso standard di un esemplare proveniente da Monte Iato (Inv. M 3003; 1,63 g). Gli studiosi hanno discusso se la loro funzione fosse sempre quella di pesi, oppure se, dopo un certo tempo, essi servissero piuttosto come monete fiduciarie 21. Il ritrovamento entellino non può fornire nuovi elementi al dibattito. L elemento arabo di questi gettoni vitrei però appare chiaramente anche nel fatto che in Sicilia furono usati solamente fino alla metà del XIII secolo, quando gli ultimi Musulmani furono deportati a Lucera in Puglia. In Nordafrica, invece, continuarono ad essere utilizzati per secoli e sono ancora attestati sotto i Mamelucchi. Un tipo di moneta ben conosciuto da diverse collezioni museali ma più raro negli scavi archeologici è il tarì di Ruggero II, dalla US 1744 (n. 2). La leggenda sul dritto, in caratteri cufici, sottolinea la successione dinastica normanna: bi-amr rugǧˇār at-tānī (per ordine di Ruggero II). Questo tipo di tarì continua una serie emessa da suo padre. Stupisce però che, rispetto al tipo di tarì di Ruggero I, quello di Ruggero II resti più moderato nell uso di segni cristiani. La croce in forma di Tau è molto più ornata di quella sulle monete di Ruggero I e appena riconoscibile 21 Cfr. Bates 1993; Weiss c.d.s.

15 97 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali come segno cristiano. Addirittura il rovescio porta sempre un motto religioso musulmano («non c è dio se non Dio da solo, senza compagno»), privo però della frase seguente che menziona Muhºammad. Così fu creato un tipo di tarì accettabile universalmente. La zecca e la datazione figurano nel giro sul dritto di questo tipo; purtroppo questa leggenda circolare si trova come spesso accade per la maggior parte fuori del tondello. Perciò è databile solo approssimativamente nel periodo tra la fine della sua minorità e l incoronazione come Re di Sicilia Conclusioni I sette reperti numismatici qui esaminati, anche se non pertinenti a strati ben definiti e coevi, possono essere valutati nel quadro storico antico e medievale di Rocca d Entella. Ricordiamo innanzitutto il bronzo siracusano con ruota (n. 1) che, insieme a hemilitra con delfino e conchiglia di poco più recenti, è probabilmente in rapporto con gli avvenimenti successivi alla presa di Entella ad opera dei Campani, mentre il denaro di Ibn Abbād simbolo forte della resistenza musulmana contro Federico II getta una luce sugli ultimi decenni di vita della città. Da questi esemplari, come del resto anche da altri, scaturiscono dunque varie problematiche storiche e archeologiche, tutte da esplorare e approfondire in occasione di future ricerche. Catalogo (fig. 90) Note preliminari Le monete sono elencate seguendo l ordine dei saggi archeologici (SAS) e, all interno di questi, delle unità stratigrafiche (US). Le informazioni più significative riguardanti il contesto archeologico nel quale sono state rinvenute le monete sono riassunte per ogni US con riferimento ai vari contributi editi nel presente volume. Dopo il numero corrente sono elencate le informazioni tecniche nonché i numeri d inventario: il metallo (AE per rame, bronzo e oricalco; AR per argento; AV per oro; BI per bilione; VE per vetro), il peso in g, il diametro minimo e massimo in mm, l asse in gradi ( ) tenendo conto di un cerchio di 360, nonché i gradi di usura e di corrosione. In alcuni casi seguono osser-

16 98 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss vazioni relative alla fabbricazione, a manipolazioni posteriori, all uso secondario, etc. I valori per l usura (U) (tracce di circolazione) e per la corrosione (C) del dritto e del rovescio sono divisi tramite una sbarra e corrispondono alla gradazione seguente (cfr. Bulletin IFS, Abnutzung und Korrosion 1995, pp. 10-2): U 0 indeterminata C 0 indeterminata U 1 non o poco consunta C 1 non o poco corrosa U 2 leggermente consunta C 2 leggermente corrosa U 3 consunta C 3 corrosa U 4 fortemente consunta C 4 fortemente corrosa U 5 completamente consunta C 5 completamente corrosa SAS 1. Area del palazzo medievale e degli edifici adiacenti US 1723 Strato di terreno gessoso datazione XII-XIII sec., con presenza di molti materiali antichi. Siracusa 1. Siracusa, hemilitron, 405 a.c. o poco dopo. D/ Testa femminile a sin. R/ Ruota a quattro raggi, negli intervalli superiori [S]U-[RA], in quelli inferiori due delfini affrontati. Gabrici 1927a, p. 171, nn AE; 1,54 g; 12,2-14,1 mm; 120 ; U 1/2; C 3/3; Inv. E US 1744 Strato di crollo all interno dell amb. XVII, fine XII sec. Ruggero II ( ) 2. Palermo o Messina, tarì, D/ bi-amr / [Rugǧˇār] / at-tānī, Tau «ad alberello» entro cerchio lineare, parte di leggenda circolare (cufico illeggibile). R/ illā Allāh / [wahºda]hu lā šarīk la-[hu] / lā ilāh entro cerchio lineare, leggenda circolare (fuori del tondello). Spahr 1976, p. 149, n. 42; MEC 14, p. 618, n AV; 2,73 g; 12,0-14,6 mm; 285 ; U 2/2; C 1/1; Inv. E Dritto con graffi intenzionali.

17 99 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali Ambiente VIII, pulizia. Enrico VI ( ) o Federico II ( ). 3. Palermo (?), gettone vitreo, c , vetro traslucido verde-blu. D/ Aquila di fronte con testa volta a sin. (gettone uniface). Balog 1975, pp , n. 57. VE; 1,78 g; 17,2-18,8 mm; U 1; C 2; Inv. E US 1090 Strato di crollo all interno dell amb. VII, XIII sec. Siracusa 4. Siracusa, seconda metà del II-prima metà del I sec. a.c. D/ Testa di Iside a ds. R/ [SURAKOSIWN], uraeus, alla base due spighe. Gabrici 1927a, p. 188, nn AE; 5,75 g; 20,1-23,1 mm; 360 ; U 0/0; C 4/3; Inv. E Sporadiche (SAS 1) Katane 5. Katane, dopo 211 a.c. (fino al II sec. a.c.?). D/ Testa di Apollo a ds. R/ [K]AT[A-N]AIWN, Iside a ds., a ds. II. Gabrici 1927a, p. 125, nn (tipo). AE; 2,35 g; 13,5-13,8 mm; 315 ; U 2/2; C 3/3; Inv. E Siracusa Terza Democrazia 6. Siracusa, hemilitron, a.c. D/ SURAKOSIWN, testa di Apollo a sin., a ds. nessun simbolo riconoscibile. R/ Pegasos a ds., in basso A? (oppure L?). Gabrici 1927a, p. 174, nn o 134? AE; 3,17 g; 15,5-16,2 mm; 295 ; U 2/2; C 2/3; Inv. E Area del pianoro sommitale Sporadica lungo la stradella agricola che dal Palazzo fortificato (SAS 1) porta al Pizzo della Regina.

18 100 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss Muhºammad Ibn Abbād (c ) 7. Iato(?), denaro, c D/ Muhºammad Ib[n] / Abbād amī[r] / al-muslimīn R/ lā ilāh / Allāh Muhºammad / rasūl Allāh D Angelo 1975, passim; MEC 14, p. 667, nn BI; 0,48 g; 10,5-14,2 mm; 15 ; U 1/1; C 4/3; Inv. E 6731.

19 Abbreviazioni bibliografiche Abate, Cannistraci 2009 = A. Abate, O.S. Cannistraci, La stoa tardoellenistica dell agora di Segesta: alcune note preliminari sull elevato architettonico del lato Ovest, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ; Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009 = C. Ampolo (ed.), Agorai di Sicilia, agorai d Occidente. Pre-print degli Atti del Seminario di Studi (Pisa, 30 giugno-2 luglio 2008), Pisa 2009 [ora in C. Ampolo (ed.), Agora, foro e istituzioni politiche in Sicilia e nel Mediterraneo antico. Atti delle settime giornate internazionali di studi sull area elima e la Sicilia occidentale nel contesto Mediterraneo (Erice, ottobre 2009), Pisa c.d.s.]; Alle origini della Magna Grecia c.d.s. = Alle origini della Magna Grecia. Mobilità, migrazioni, fondazioni. Atti del L Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto, 1-4 ottobre 2010), c.d.s.; Ambra per Agamennone 2010 = F. Radina, G. Recchia (edd.), Ambra per Agamennone. Indigeni e Micenei tra Adriatico, Ionio ed Egeo. Catalogo della mostra (Bari, 28 maggio-16 ottobre 2010), Bari 2010; Ampolo 2007 = C. Ampolo, Iscrizioni greche dal santuario di Punta Stilo (con Addendum: Nota preliminare sulla nuova iscrizione osca), in Parra 2007b, pp ; Ampolo, Parra 2003 = C. Ampolo, M.C. Parra, Segesta. Scavi nell area dell agora ( , campagna primaverile): risultati e prospettive di ricerca, in NotScASNP 2003, pp ; Ampolo, Parra 2004 = C. Ampolo, M.C. Parra, Segesta. Scavi nell area dell agora ( ): risultati e prospettive di ricerca, in NotScASNP 2004, pp ; Ampolo, Parra 2009 = C. Ampolo, M.C. Parra, L agora di Segesta: uno sguardo d assieme tra iscrizioni e monumenti, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ; Amyx 1988 = D.A. Amyx, Corinthian Vase Painting of the Archaic Period, Berkeley-Los Angeles 1988; Angeletti 2009 = V. Angeletti, Nell agora di Segesta: un contributo sui documenti minori, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ;

20 184 Abbreviazioni bibliografiche Annales Siculi 1866 = Annales Siculi, in Monumenta Germaniae Historica, SS 19, ed. G.H. Pertz, Hannover 1866, pp ; Ardizzone 1999 = F. Ardizzone, Le anfore recuperate sopra le volte del Palazzo della Zisa a Palermo e la produzione di ceramica comune a Palermo tra la fine dell XI ed il XIII secolo, «MEFR(M)», 111, 1999, pp. 7-50; Ardizzone 2007 = F. Ardizzone, Gli attrezzi impiegati nell officina ceramica, in R.M. Bonacasa Carra, F. Ardizzone (edd.), Agrigento dal Tardo Antico al Medioevo. Campagne di scavo della necropoli paleocristiana. Anni , Palermo-Todi 2007, pp ; Bacci 2002= G.M. Bacci, La ceramica protoarcaica a Zancle: aspetti e problemi, in G.M. Bacci, G. Tigano (edd.), Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico attraverso gli scavi, II**, Palermo 2002, pp ; Bagnera, Pezzini 2004 = A. Bagnera, E. Pezzini I cimiteri di rito musulmano nella Sicilia medievale. Dati e problemi, «MEFR(M)», 116, 2004, pp ; Bailo Modesti et al = G. Bailo Modesti, F. Ferranti, D. Gatti, R. Guglielmino, L. Incerti, S.T. Levi, M. Lo Zupone, M. Mancusi, M.A. Orlando, A.M. Tunzi Sisto, A. Vanzetti, Strutture morfologiche e funzionali delle classi vascolari del Bronzo Finale e della prima età del ferro in Italia meridionale, in D. Cocchi Genick (ed.), Criteri di nomenclatura e di terminologia inerente alla definizione delle forme vascolari del Neolitico/ Eneolitico e del Bronzo/Ferro. Atti del Congresso (Lido di Camaiore 1998), Firenze 1999, II, pp ; Balog 1975 = P. Balog, Fatimid and post-fatimid Glass Jetons from Sicily, «StudMagr», 7, 1975, pp ; Barbiera, Dalla Zuanna 2007 = I. Barbiera, G. Dalla Zuanna, Le dinamiche di popolazione dell Italia medievale. Nuovi riscontri su documenti e reperti archeologici, «Archeologia Medievale», 34, 2007, pp ; Barello 1995 = F. Barello, Architettura greca a Caulonia. Edilizia monumentale e decorazione architettonica in una città della Magna Grecia, Firenze 1995 (Studi e Materiali di Archeologia 9); Bartoloni, Delpino 2004 = G. Bartoloni, F. Delpino (edd.), Oriente e Occidente: metodi e discipline a confronto. Riflessioni sulla cronologia dell età del Ferro in Italia. Atti dell Incontro di Studi (Roma, ottobre 2003), «Mediterranea», 1, 2004 [2005]; Bates 1993 = M. Bates, How Egyptian Glass Coin Weights were used, «RIN», 95, 1993, pp ; Bazzana 1992 = A. Bazzana, Maisons d al-andalus. Habitat médiévale et structures du peuplement dans l Espagne orientale, Madrid 1992; Bazzana 1996 = A. Bazzana, Foyers et fours domestiques dans l architecture rurale d al-andalus, in Formas de habitar y alimentação na Idade Média (Colloque de Mértola) (Portugal), «Arqueologia Medieval», 4, 1996, ;

21 185 Abbreviazioni bibliografiche Bazzana 2000 = A. Bazzana, Matériaux et techniques de construction. Quelques réflexions à propos de l habitat villageois dans al-andalus, in Castrum , pp ; Bechtold 2008 = B. Bechtold, Ceramica a vernice nera, in R. Camerata Scovazzo (ed.), Segesta III. Il sistema difensivo di Porta di Valle (Scavi ), Mantova 2008 (Documenti di archeologia 48), pp ; Becker 2002 = M.J. Becker, The people of Sicily: studies of human skeletal remains and of human biology from the Paleolithic to modern times, «Rivista di Antropologia», 80, 2002, pp ; Bejor, Corretti 1986 = G. Bejor, A. Corretti, Edificio medievale (SAS 2), in AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi , «ASNP», s. 3, 16, 1986, pp ; Benelli et al = M.V. Benelli, M. de Cesare, M.Paoletti, M.C. Parra, Lo scavo dell area 3000 (SAS 3), in Segesta 1995, pp ; Bernabò Brea 1985a = L. Bernabò Brea, Dall Egeo al Tirreno all alba dell età micenea. Archeologia e leggende, in Magna Grecia e Mondo Miceneo. Atti del XXII Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto, 7-11 ottobre 1982), Taranto 1985, pp. 9-42; Bernabò Brea 1985b = L. Bernabò Brea, Il Protoappenninico B e il Mesoappenninico. Analisi territoriale, in L. Bernabò Brea (ed.), Gli Eoli e l inizio dell età del bronzo nelle Isole Eolie e nell Italia meridionale, «AION(archeol)», 2, 1985, pp ; Berti 1991 = G. Berti, Ceramiche islamiche del Mediterraneo occidentale usate come «bacini» in Toscana, in Sardegna e in Corsica (secoli XII-XIII), in S. Scuto (ed.), L età di Federico II nella Sicilia centro-meridonale. Città, monumenti, reperti. Atti delle Giornate di Studio (Gela, 8-9 Dicembre 1990), Agrigento 1991, pp ; Berti, Tongiorgi 1981 = G. Berti, L. Tongiorgi, I bacini ceramici medievali delle chiese di Pisa, Roma 1981; Bettelli 2002 = M. Bettelli, II. Tipologia e caratteristiche dell insediamento nella media e tarda età del bronzo, in M. Bettelli (ed.), Italia meridionale e mondo miceneo. Ricerche su dinamiche di acculturazione e aspetti archeologici, con particolare riferimento ai versanti adriatico e ionico della penisola italiana, Firenze 2002 (Grandi contesti e problemi della protostoria italiana 5), pp ; Biagini, Denaro 1995 = C. Biagini, M. Denaro, Tombe tardoantiche di Segesta, area e torre IX, in Segesta 1995, pp ; Bianco 1992 = S. Bianco, Nuovi dati da Calabria, Basilicata e Puglia Meridionale, in L età del Bronzo in Italia nei secoli dal XVI al XIV a.c. Atti del Congresso Nazionale (Viareggio, ottobre 1989), Firenze 1992 («Rassegna d Archeologia», 10, ), pp ; Bietti Sestieri 1996 = A.M. Bietti Sestieri, Protostoria. Teoria e pratica, Roma 1996;

22 186 Abbreviazioni bibliografiche Bietti Sestieri 1997 = A. M. Bietti Sestieri, Sviluppi culturali e socio-politici differenziati nella tarda età del bronzo della Sicilia, in S. Tusa (ed.), Prima Sicilia. Alle origini della società siciliana, Palermo 1997, pp ; Bietti Sestieri 2005 = A. M. Bietti Sestieri, Il sito di Portella di Salina: una situazione locale nel quadro dei collegamenti fra oriente ed occidente mediterranei nel II millennio a.c., in M.C. Martinelli (ed.), Il villaggio dell età del Bronzo medio di Portella a Salina nelle Isole Eolie, Firenze 2005, pp ; Bietti Sestieri 2010 = A. M. Bietti Sestieri, L Italia nell età del bronzo e del ferro. Dalle palafitte a Romolo ( a.c.), Roma 2010; Boehringer 1979 = Ch. Boehringer, Zu Finanzpolitik und Münzprägung des Dionysios von Syrakus, in O. Mørkholm, N.M. Waggoner (edd.), Greek Numismatics and Archaeology. Essays in Honor of Margaret Thompson, Wetteren 1979, pp. 9-32, tavv. 38-9; Boehringer 2008 = Ch. Boehringer, Über die Münzen von Katane im letzten Jahrzehnt des V. Jahrhunderts v. Chr., «Rivista Svizzera di Numismatica», 87, 2008, pp. 5-22; Boersma, Yntema 1987 = J. Boersma, D. Yntema, Valesio. Storia di un insediamento apulo dall Età del Ferro all epoca tardoromana, Fasano (BR) 1987; Boldrini 1994 = S. Boldrini, Gravisca. Scavi nel santuario greco, 4. Le ceramiche ioniche, Bari 1994; Bresc-Bautier, Bresc 1998 = G. Bresc-Bautier, H. Bresc, L eau dans l habitat médiéval sicilien, in L. Feller, P. Mane, F. Piponnier (edd.), Le village médiéval et son environnement. études offertes à Jean-Marie Pesez, Paris 1998, pp ; Brucato 1984 = AA.VV., Brucato. Histoire et archéologie d un habitat médiéval en Sicile, I, sous la direction de J.-M. Pesez, Rome 1984; Buckberry, Chamberlain 2002 = J.L. Buckberry, A.T. Chamberlain, Age estimation from the auricular surface of the ilium: a revised method, «American Journal of Physical Anthropology», 119, 2002, pp ; Bulletin IFS 1995 = S. Frey-Kupper, O.F. Dubuis, H. Brem, Abnutzung und Korrosion, Bestimmungstafeln zur Bearbeitung von Fundmünzen, «Bulletin IFS», II, Suppl. 1995; Caldarola c.d.s. = R. Caldarola, Ricerche archeologiche a Vaste. Fondo Melliche. L età del Ferro, c.d.s.; Callaway 1976 = J. Callaway, Excavating Ai (Et-Tell): , «BiA», 39, 1, pp ; Carbè 1993 = A. Carbè, Circolazione monetale a Gela. I rinvenimenti negli scavi dell ex scalo ferroviario ( , 1987), «Quaderni dell Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Messina», 8, 1993, pp. 51-9;

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore presenta E. Romano, Studio per Demetra e Kore, inchiostro su carta, 2015 La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore 26-28 giugno 2015 Masseria Bannata C.da Bannata, SS 117 bis, km 41 Enna www.pubblicazione.net

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Relazioni triennali - Prima sessione 2014. Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014. Dipartimento di Studi Umanistici

Relazioni triennali - Prima sessione 2014. Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014. Dipartimento di Studi Umanistici Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014 Cognome Nome Qualifica Dipartimento Ha usufruito di un periodo di congedo per motivi di studio

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

8. L ANALISI DI DUE CASI MALTESI: IL SANTUARIO DI TAS SILĠ E LA VILLA DI S. PAOLO MILQI

8. L ANALISI DI DUE CASI MALTESI: IL SANTUARIO DI TAS SILĠ E LA VILLA DI S. PAOLO MILQI 8. L ANALISI DI DUE CASI MALTESI: IL SANTUARIO DI TAS SILĠ E LA VILLA DI S. PAOLO MILQI 8.1. Tas Silġ 8.1.1. Il sito 1 La località in cui sorge il santuario si chiama in realtà Tà Barikka. La dedica della

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

1. CINELLI ANNA MARIA 15/04/57 PN 151,00

1. CINELLI ANNA MARIA 15/04/57 PN 151,00 INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 NOTA ESPLICATIVA I PUNTEGGI PER I DOCENTI INCLUSI NELLA PRESENTE GRADUATORIA SONO DETERMINATI NEL SEGUENTE MODO: 1) PER I DOCENTI GIA' TITOLARI SULLA

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LE PREPOSIZIONI ITALIANE

LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI SEMPLICI Esempi: DI A DA IN CON SU PER TRA FRA Andiamo in citta`. Torniamo a Roma. Viene da Palermo. LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE Preposizione + articolo determinativo

Dettagli