Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie , 2/2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie 5 2010, 2/2"

Transcript

1

2

3 NOTIZIE DEGLI SCAVI DI ANTICHITà COMUNICATE DALLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Rassegna archeologica del Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

4 Supplemento agli Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa Classe di Lettere e Filosofia serie , 2/2

5 Relazioni preliminari degli scavi a Segesta (Calatafimi-Segesta, TP; ), Entella (Contessa Entellina, PA; ), Kaulonia (Monasterace, RC; ). Ricerche recenti a Roca (Melendugno, LE). cura redazionale: Chiara Michelini Premessa Carmine Ampolo ix Segesta Scavi nell area dell agora ( ): risultati e prospettive di ricerca Carmine Ampolo, Maria Cecilia Parra 3 Area della strada e della piazza triangolare (SAS 3; ) Antonino Facella, Riccardo Olivito 6 Area del criptoportico e sepolture tardoantiche (SAS 3 e 4; ) Alfonsa Serra 20 Note antropologiche su alcune sepolture tardoantiche (SAS 3 e 4; ) Pier Francesco Fabbri, Luisa Farina 25 Ala Ovest della stoa Nord ( ) Angela Clara Infarinato 29

6 Angolo NordOvest della stoa Nord ( ) Agata Abate, Nicola Giaccone 34 Settore Nord dell agora ( ) Donatella Erdas 41 Entella Area del palazzo fortificato medievale. Scavo nell edificio inferiore (SAS 1; ) Alessandro Corretti 53 La Necropoli E. Un area funeraria islamica a ridosso delle fortificazioni (SAS 25; ) Chiara Michelini, Serena Viva, Pier Francesco Fabbri 71 Un altra area cimiteriale medievale di rito islamico sul pianoro sommitale: la Necropoli D (SAS 26; 2007) Alessandro Corretti, Pier Francesco Fabbri, Serena Viva 88 I ritrovamenti monetali antichi e medievali scoperti nelle aree del palazzo fortificato (SAS 1) e nell area del Pizzo della Regina ( ) Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 91 Kaulonia Scavi nel santuario di Punta Stilo ( ): risultati e prospettive di ricerca Maria Cecilia Parra 103 Area subito a Sud del tempio dorico (SAS 1; ) Antonino Facella, Nicola Giaccone 110 Area del grande altare a Sud del tempio (SAS 4; ) Riccardo Olivito, Claudio Sorrentino 131

7 Roca Premessa Riccardo Guglielmino, Cosimo Pagliara 147 Le fortificazioni della media età del Bronzo Teodoro Scarano 151 Indizi di attività cerimoniali dell età del Ferro Alessandro Corretti, Giordana Dinielli, Marco Merico 160 Abbreviazioni bibliografiche 181

8

9 4. Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali scoperti nelle aree del palazzo fortificato (SAS 1) e del Pizzo della Regina ( ) Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 4.1. Introduzione In occasione degli scavi condotti sulla Rocca d Entella negli anni 2007 e 2008 sono state scoperte 15 monete di cui dieci antiche e quattro medievali nonché un gettone vitreo. In questa sede saranno elencati e discussi i sei esemplari ritrovati nel SAS 1, cioè nell area del palazzo medievale, oggetto del presente rapporto (nn. 1-6), nonché un ulteriore moneta raccolta ca 400 m più ad Est sul sentiero verso il Pizzo della Regina (n. 7). Il numero dei reperti numismatici è esiguo e i dati stratigrafici non permettono di precisare il loro inquadramento cronologico e viceversa. Costituiscono, comunque, preziosi elementi che ampliano il panorama tipologico nonché le conoscenze storiche sul sito in genere. In questo senso integrano anche le informazioni fornite dai precedenti ritrovamenti monetari dalla Rocca d Entella 1. Siamo grati agli amici del Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico della Scuola Normale Superiore di Pisa per il sempre amichevole e stimolante scambio di dati e di considerazioni sul sito di Entella, soprattutto A. Corretti, N. Facella, R. Guglielmino, C. Michelini, M.C. Parra, M.A. Vaggioli e naturalmente C. Ampolo, il direttore del Laboratorio. Abbiamo pulito e documentato i materiali durante una breve campagna di studi nel maggio 2008, che ci ha dato l opportunità di seguire i lavori nei vari saggi tuttora in corso. Da quella campagna in poi le monete e i gettoni medievali sono studiati da Christian Weiss, dell Università di Zurigo, mentre le monete antiche continuano ad essere trattate da Suzanne Frey-Kupper. 1 Cfr. De Vido 1995; Frey-Kupper 2000 e 2002.

10 92 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss 4.2. Monete antiche (nn. 1, 4-6 ) (fig. 90) Delle quattro monete antiche due provengono da contesti medievali dei secoli XII-XIII e XIII (nn. 1, 4), mentre le altre due sono ritrovamenti sporadici (nn. 5-6). È da sottolineare, tuttavia, che una delle prime due, l esemplare n. 1, era inclusa in uno strato caratterizzato da molti materiali antichi che risalgono al II-I sec. a.c. 2. Le conoscenze sulla natura esatta delle strutture antiche sotto il palazzo medievale sono tuttora limitate; è comunque probabile che la moneta rifletta in qualche modo l occupazione, o quantomeno la frequentazione, di questa parte dell antica città. Si tratta di un hemilitron siracusano del tipo «testa femminile/ruota con due delfini affrontati» databile al 405 a.c. o poco dopo 3. È degno di nota il fatto che, oltre a questa moneta, cinque esemplari del tipo «testa femminile/delfino a ds., sotto conchiglia pecten» siano stati ritrovati ad Entella (fig. 90A) 4. Sempre in bronzo e quasi coevo, questo tipo è tutt al più poco più recente di quello con ruota, e probabilmente la cronologia dei due tipi si sovrappone per un certo periodo 5. La presenza concomitante dei due tipi nello strato di distruzione dello scavo «Ex scalo ferroviario» a Gela, datato alla fine del V sec. a.c. e messo in relazione dagli scavatori con l assalto cartaginese del 405 a.c., attesta almeno la circolazione contemporanea dei due tipi 6. Anche se dal punto di vista archeologico si ignora quando le sei monete siracusane qui menzionate siano 2 Cfr. Corretti, supra. 3 Le hemilitre si basano su uno standard di quasi 8 g, standard che non fu assimilato dalle città di Gela e di Camarina distrutte nel 405 a.c., bensì dalla città di Leontinoi, che nello stesso anno, dopo gli avvenimentii bellici nel conflitto con i Cartaginesi, ottenne di nuovo la sua autonomia. Cfr. Boehringer 1979, pp. 20-1, per il tipo tav. 39, Inv. E 3704, 3901 (fig. 90A), 4352, 4381 e 4763: Gabrici 1927a, p. 172, nn ; Boehringer 1979, p. 21, tav. 39, Ibid., p. 21: «Dass die Delphin + Muschel-Hemilitren den Rad-Hemilitren ungefähr gleichzeitig seien, dafür spricht ihr gemeinsames Umlaufen. Beide Serien scheinen jedoch weder vollkommen gleichzeitig geprägt, noch eindeutig einander abzulösen. Ich habe den Eindruck, dass sie einander überschneiden, wobei der Rad-Typus früher einsetzt, der Delphin + Muschel-Typus wesentlich länger dauert». I più vivi ringraziamenti vanno a Christof Boehringer, Göttingen, per informazioni e discussioni relative ai tipi menzionati. 6 Carbè 1993; Spagnolo 1991, pp. 56 e 58. Per i contesti e le loro monete, cfr. anche Frey-Kupper c.d.s. a, Appendice, tabella 1.

11 93 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali state messe in circolazione sulla Rocca d Entella, esse costituiscono un gruppo cospicuo al quale si affiancano limitandoci in questa sede alla discussione delle monete in bronzo emesse nel periodo 420/415-5 a.c. ca solo due monete di Akragas, tre di Gela nonché una di Himera 7. Si potrebbe opporre a questa osservazione il fatto che il volume delle emissioni monetarie della potente Siracusa era molto più importante rispetto a quello delle altre città e con ciò minimizzare la presenza delle sei monete siracusane. Tenendo conto invece della quantità assoluta di solo 208 monete antiche da Entella 8, e del fatto che le 1425 monete dal vicino sito di Iaitas studiate da noi non includono né l uno né l altro dei tipi in discussione, il numero delle sei monete è notevole. Ancora più rilevante secondo noi è la situazione di Morgantina, città distante solo 110 km da Siracusa, dove, tra le ca monete ritrovate, solo cinque esemplari sono del tipo con ruota 9 e nessuno con delfino e conchiglia. Tutto sommato, la moneta n. 1, insieme con le cinque monete del tipo con delfino e conchiglia, rappresenta ad Entella una porzione considerevole di monete siracusane emesse poco dopo il 405 a.c., porzione che non sembra abituale in altri siti anche vicini a Siracusa. Considerando questo periodo nel caso entellino, cruciale nella storia del sito, non si può naturalmente evitare l ipotesi di un possibile legame con l arrivo, secondo Diodoro (14,9,8-9) nel 404 a.c., dei mercenari Campani già al servizio da Dionigi I di Siracusa 10. Questa problematica è ovviamente da approfondire non solo sulla base del panorama complessivo dei ritrovamenti monetali da Entella, ma anche con l aiuto dei contesti e dei materiali archeologici. 7 Akragas: Inv. E 3894 (Gabrici 1927a, p. 116, nn ) e E 5702 (ibid., pp , nn , cfr. Frey-Kupper 2002, p. 549, n. 14, fig. 206, 14); Gela: E 4324, 4397, 5951 (Jenkins 1970, pp , 271-8, Gruppo VIII-IX, tipo); Frey-Kupper 2002, p. 549, n. 16, fig. 206, 16); Himera: E 3986 (Gabrici 1927a, p. 140, nn ; SNG München , n. 367). A questi si aggiunge un hemilitron siracusano di un tipo poco più antico ( a.c.) degli hemilitra sopramenzionati: E 4350 (manca in Gabrici 1927a, Boehringer 1979, p. 19, tav. 39, 22). 8 Il totale non comprende le 17 monete ritrovate nell area del santuario extraurbano in Contrada Petraro scavata negli anni , 2003 e Morgantina II 1989, p. 97, n Le fonti scritte e numismatiche in relazione alla presa di Entella ad opera dei Campani sono discusse da ultimo da Boehringer 2008, pp

12 94 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss La moneta n. 6, sporadica e anch essa di Siracusa, è un hemilitron della Terza Democrazia ( a.c.) ed appartiene ad un epoca in cui ad Entella monete greche e puniche sono ampiamente documentate. Dall inizio del III sec. a.c., invece, per una ragione ancora da chiarire, le attestazioni di materiali ceramici e numismatici diagnostici diventano rari e sembrano carenti per la prima metà dello stesso secolo 11. Le due ultime monete (nn. 4-5; l una da un contesto medievale, l altra sporadica), sono più recenti e fanno parte di emissioni prodotte sotto il dominio romano. La n. 5, di Katane, fu emessa dopo il 211 a.c. o poco più tardi, forse all inizio del II sec. a.c. 12. La n. 4, ancora di Siracusa, si inserisce probabilmente nello scorcio di tempo compreso fra la seconda metà del II e la prima metà del I sec. a.c. 13. Tutte e due sono nuove nel panorama numismatico della Rocca d Entella e, in un epoca caratterizzata da una circolazione piuttosto locale dominata da zecche occidentali 14 nel caso di Entella sono Lilybaion, Panormos e la propria zecca entellina attestano rari casi di monete coniate nelle metropoli della Sicilia orientale Monete medievali (nn. 2-3, 7) (fig. 90) La partecipazione di Entella alla ribellione musulmana nel Val di Mazara in età sveva, che culminò nella deportazione dei musulmani 11 Da ultimo, cfr. Bechtold 2008, p. 370, che riassume la bibliografia relativa alla documentazione dei materiali ceramici da Entella, particolarmente la nota 244: «per quanto riguarda il materiale ceramico edito, [...] mi colpisce l assenza di pressoché tutti gli elementi diagnostici a vernice nera [...], ma anche delle contemporanee e diffusissime anfore puniche del tipo Ramón T , di anfore greco-italiche MGS V e VI [...]»; Frey-Kupper 2006, pp e 51 fig. 3 per le monete. 12 Un esemplare è incluso nel tesoro di Grammichele (IGCH, p. 339, n. 2236) datato alla seconda guerra punica o poco dopo; cfr. Crawford 1985, p. 111, tab. 4. Numerosissime a Morgantina (Morgantina II 1989, pp. 82-3, nn ), le monete di questo tipo sono comunque quasi assenti negli strati di distruzione della seconda guerra punica; cfr. Frey-Kupper c.d.s. b (cap ). 13 Per la datazione, cfr. ibid. (nota ai nn del catalogo). 14 Per la circolazione monetale in Sicilia sotto dominazione romana, cfr. Frey-Kupper 1992, pp , tavv. XXXIII-XXXIV; Ead. c.d.s. b, fig. 88 e tabb

13 95 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali nel 1246, è pienamente confermata dalle fonti scritte 15. Una moneta sporadica ritrovata durante gli scavi del 2008 (n. 7) attesta ormai anche archeologicamente che Entella fu parte dell emirato ribelle di Muhºammad Ibn Abbād (c ). Le leggende di questo denaro, rese in una corsiva araba (nash ), menzionano sul dritto Muhºammad Ibn Abbād come emiro dei musulmani, mentre sul rovescio ricordano la šahāda. Questo tipo di denaro è stato pubblicato per la prima volta da D Angelo nel Se accettiamo la premessa che la zecca di Ibn Abbād si trovava nel suo capoluogo, la produzione delle sue monete deve essere localizzata ad Entella o Iato. Mentre le fonti arabe ricordano Entella come capoluogo di Muhºammad Ibn Abbād 17, quelle latine confermano l assedio e la cattura dell emiro ribelle a Iato 18. Entrambe le due città musulmane sono dunque state proposte dagli studiosi come sedi dell emiro ribelle 19. In mancanza di evidenze archeologiche per esempio coni o prodotti semifiniti, l attribuzione a una delle due città finisce per basarsi esclusivamente sulle testimonianze scritte arabe e latine e sulla loro analisi critica. Il fatto che al-hºimyarī definisca Entella il capoluogo dei ribelli forse suggerisce però che Entella fosse una di quelle città menzionate da al-hºamawī che hanno continuato la resistenza contro l Imperatore dopo il trionfo temporaneo dell anno Questo chiarirebbe anche 15 Huillard-Bréholles , I, p. 118; Annales Siculi 1866, pp D Angelo al-hºimyarī 1954; Kitāb al-muġrib San Germano 1866, p. 342; Winkelmann 1880, pp , 233-5, 243-4; Annales Siculi 1866, p Cfr. D Angelo 1975, p. 153 («della Rocca d Entella o di qualunque altra località nota o ancora ignota»); D Angelo 1995, p. 91 («Monte Iato o Rocca di Entella»); Maurici 1987, p. 41 («Jato od Entella»); De Luca 1997, p. 208 («Monte Iato o Rocca di Entella»); MEC 14, 184 («presumably Entella or Iato»); Corretti, Michelini, Vaggioli 2010, p. 182 («Città come Monte Iato e appunto Entella»); Weiss 2010, p. 269 («Monte Iato»). 20 al-hºamawī 1881, pp , purtroppo senza di precisare quali città. Anche le fonti latine tacciono circa i nomi delle città (con eccezione di Iato: Winkelmann 1880, pp , 243-4). Che si trattasse delle fortezze in montagna però è attestato anche dagli Annales Siculi 1866, p. 496 che riportavano per l anno 1224: «misit exercitum magnum super Saracenos Siciliae qui remanserunt in montanis».

14 96 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss perché al-hºimyarī e al-hºamawī ricordano lo stesso stratagemma utilizzato dopo la morte di Ibn Abbād, messo in atto dalla figlia (secondo al-hºimyarī), oppure da un qā id Marzuq (secondo al-hºamawī). Se si trattasse dello stesso episodio, potremmo ipotizzare allora che Entella avesse continuato la resistenza sotto un certo qā id Marzuq? Un altra testimonianza dell impronta musulmana ad Entella si rivela grazie a un gettone vitreo svevo scoperto durante la pulizia dell ambiente VIII (n. 3). Quest ultimo porta un aquila di fronte con le ali aperte. Introdotti in età tardoromana e poi prodotti anche dai Bizantini, questi pesi monetali in vetro continuarono ad essere usati dagli Arabi. Mentre per l età normanna l evidenza da un lato la diversità tipologica, dall altro il fatto che i pesi siano sempre anonimi suggerisce una produzione decentrata, in età sveva si può costatare il ritorno ad un solo tipo con aquila araldica per quasi tutti i pesi vitrei. Questo fatto può essere interpretato come indizio della ripresa di una produzione centrale. Esistono almeno sei unità di peso; con 1,78 g il nostro esemplare appartiene allo stesso standard di un esemplare proveniente da Monte Iato (Inv. M 3003; 1,63 g). Gli studiosi hanno discusso se la loro funzione fosse sempre quella di pesi, oppure se, dopo un certo tempo, essi servissero piuttosto come monete fiduciarie 21. Il ritrovamento entellino non può fornire nuovi elementi al dibattito. L elemento arabo di questi gettoni vitrei però appare chiaramente anche nel fatto che in Sicilia furono usati solamente fino alla metà del XIII secolo, quando gli ultimi Musulmani furono deportati a Lucera in Puglia. In Nordafrica, invece, continuarono ad essere utilizzati per secoli e sono ancora attestati sotto i Mamelucchi. Un tipo di moneta ben conosciuto da diverse collezioni museali ma più raro negli scavi archeologici è il tarì di Ruggero II, dalla US 1744 (n. 2). La leggenda sul dritto, in caratteri cufici, sottolinea la successione dinastica normanna: bi-amr rugǧˇār at-tānī (per ordine di Ruggero II). Questo tipo di tarì continua una serie emessa da suo padre. Stupisce però che, rispetto al tipo di tarì di Ruggero I, quello di Ruggero II resti più moderato nell uso di segni cristiani. La croce in forma di Tau è molto più ornata di quella sulle monete di Ruggero I e appena riconoscibile 21 Cfr. Bates 1993; Weiss c.d.s.

15 97 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali come segno cristiano. Addirittura il rovescio porta sempre un motto religioso musulmano («non c è dio se non Dio da solo, senza compagno»), privo però della frase seguente che menziona Muhºammad. Così fu creato un tipo di tarì accettabile universalmente. La zecca e la datazione figurano nel giro sul dritto di questo tipo; purtroppo questa leggenda circolare si trova come spesso accade per la maggior parte fuori del tondello. Perciò è databile solo approssimativamente nel periodo tra la fine della sua minorità e l incoronazione come Re di Sicilia Conclusioni I sette reperti numismatici qui esaminati, anche se non pertinenti a strati ben definiti e coevi, possono essere valutati nel quadro storico antico e medievale di Rocca d Entella. Ricordiamo innanzitutto il bronzo siracusano con ruota (n. 1) che, insieme a hemilitra con delfino e conchiglia di poco più recenti, è probabilmente in rapporto con gli avvenimenti successivi alla presa di Entella ad opera dei Campani, mentre il denaro di Ibn Abbād simbolo forte della resistenza musulmana contro Federico II getta una luce sugli ultimi decenni di vita della città. Da questi esemplari, come del resto anche da altri, scaturiscono dunque varie problematiche storiche e archeologiche, tutte da esplorare e approfondire in occasione di future ricerche. Catalogo (fig. 90) Note preliminari Le monete sono elencate seguendo l ordine dei saggi archeologici (SAS) e, all interno di questi, delle unità stratigrafiche (US). Le informazioni più significative riguardanti il contesto archeologico nel quale sono state rinvenute le monete sono riassunte per ogni US con riferimento ai vari contributi editi nel presente volume. Dopo il numero corrente sono elencate le informazioni tecniche nonché i numeri d inventario: il metallo (AE per rame, bronzo e oricalco; AR per argento; AV per oro; BI per bilione; VE per vetro), il peso in g, il diametro minimo e massimo in mm, l asse in gradi ( ) tenendo conto di un cerchio di 360, nonché i gradi di usura e di corrosione. In alcuni casi seguono osser-

16 98 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss vazioni relative alla fabbricazione, a manipolazioni posteriori, all uso secondario, etc. I valori per l usura (U) (tracce di circolazione) e per la corrosione (C) del dritto e del rovescio sono divisi tramite una sbarra e corrispondono alla gradazione seguente (cfr. Bulletin IFS, Abnutzung und Korrosion 1995, pp. 10-2): U 0 indeterminata C 0 indeterminata U 1 non o poco consunta C 1 non o poco corrosa U 2 leggermente consunta C 2 leggermente corrosa U 3 consunta C 3 corrosa U 4 fortemente consunta C 4 fortemente corrosa U 5 completamente consunta C 5 completamente corrosa SAS 1. Area del palazzo medievale e degli edifici adiacenti US 1723 Strato di terreno gessoso datazione XII-XIII sec., con presenza di molti materiali antichi. Siracusa 1. Siracusa, hemilitron, 405 a.c. o poco dopo. D/ Testa femminile a sin. R/ Ruota a quattro raggi, negli intervalli superiori [S]U-[RA], in quelli inferiori due delfini affrontati. Gabrici 1927a, p. 171, nn AE; 1,54 g; 12,2-14,1 mm; 120 ; U 1/2; C 3/3; Inv. E US 1744 Strato di crollo all interno dell amb. XVII, fine XII sec. Ruggero II ( ) 2. Palermo o Messina, tarì, D/ bi-amr / [Rugǧˇār] / at-tānī, Tau «ad alberello» entro cerchio lineare, parte di leggenda circolare (cufico illeggibile). R/ illā Allāh / [wahºda]hu lā šarīk la-[hu] / lā ilāh entro cerchio lineare, leggenda circolare (fuori del tondello). Spahr 1976, p. 149, n. 42; MEC 14, p. 618, n AV; 2,73 g; 12,0-14,6 mm; 285 ; U 2/2; C 1/1; Inv. E Dritto con graffi intenzionali.

17 99 Entella. I ritrovamenti monetali antichi e medievali Ambiente VIII, pulizia. Enrico VI ( ) o Federico II ( ). 3. Palermo (?), gettone vitreo, c , vetro traslucido verde-blu. D/ Aquila di fronte con testa volta a sin. (gettone uniface). Balog 1975, pp , n. 57. VE; 1,78 g; 17,2-18,8 mm; U 1; C 2; Inv. E US 1090 Strato di crollo all interno dell amb. VII, XIII sec. Siracusa 4. Siracusa, seconda metà del II-prima metà del I sec. a.c. D/ Testa di Iside a ds. R/ [SURAKOSIWN], uraeus, alla base due spighe. Gabrici 1927a, p. 188, nn AE; 5,75 g; 20,1-23,1 mm; 360 ; U 0/0; C 4/3; Inv. E Sporadiche (SAS 1) Katane 5. Katane, dopo 211 a.c. (fino al II sec. a.c.?). D/ Testa di Apollo a ds. R/ [K]AT[A-N]AIWN, Iside a ds., a ds. II. Gabrici 1927a, p. 125, nn (tipo). AE; 2,35 g; 13,5-13,8 mm; 315 ; U 2/2; C 3/3; Inv. E Siracusa Terza Democrazia 6. Siracusa, hemilitron, a.c. D/ SURAKOSIWN, testa di Apollo a sin., a ds. nessun simbolo riconoscibile. R/ Pegasos a ds., in basso A? (oppure L?). Gabrici 1927a, p. 174, nn o 134? AE; 3,17 g; 15,5-16,2 mm; 295 ; U 2/2; C 2/3; Inv. E Area del pianoro sommitale Sporadica lungo la stradella agricola che dal Palazzo fortificato (SAS 1) porta al Pizzo della Regina.

18 100 Suzanne Frey-Kupper, Christian Weiss Muhºammad Ibn Abbād (c ) 7. Iato(?), denaro, c D/ Muhºammad Ib[n] / Abbād amī[r] / al-muslimīn R/ lā ilāh / Allāh Muhºammad / rasūl Allāh D Angelo 1975, passim; MEC 14, p. 667, nn BI; 0,48 g; 10,5-14,2 mm; 15 ; U 1/1; C 4/3; Inv. E 6731.

19 Abbreviazioni bibliografiche Abate, Cannistraci 2009 = A. Abate, O.S. Cannistraci, La stoa tardoellenistica dell agora di Segesta: alcune note preliminari sull elevato architettonico del lato Ovest, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ; Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009 = C. Ampolo (ed.), Agorai di Sicilia, agorai d Occidente. Pre-print degli Atti del Seminario di Studi (Pisa, 30 giugno-2 luglio 2008), Pisa 2009 [ora in C. Ampolo (ed.), Agora, foro e istituzioni politiche in Sicilia e nel Mediterraneo antico. Atti delle settime giornate internazionali di studi sull area elima e la Sicilia occidentale nel contesto Mediterraneo (Erice, ottobre 2009), Pisa c.d.s.]; Alle origini della Magna Grecia c.d.s. = Alle origini della Magna Grecia. Mobilità, migrazioni, fondazioni. Atti del L Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto, 1-4 ottobre 2010), c.d.s.; Ambra per Agamennone 2010 = F. Radina, G. Recchia (edd.), Ambra per Agamennone. Indigeni e Micenei tra Adriatico, Ionio ed Egeo. Catalogo della mostra (Bari, 28 maggio-16 ottobre 2010), Bari 2010; Ampolo 2007 = C. Ampolo, Iscrizioni greche dal santuario di Punta Stilo (con Addendum: Nota preliminare sulla nuova iscrizione osca), in Parra 2007b, pp ; Ampolo, Parra 2003 = C. Ampolo, M.C. Parra, Segesta. Scavi nell area dell agora ( , campagna primaverile): risultati e prospettive di ricerca, in NotScASNP 2003, pp ; Ampolo, Parra 2004 = C. Ampolo, M.C. Parra, Segesta. Scavi nell area dell agora ( ): risultati e prospettive di ricerca, in NotScASNP 2004, pp ; Ampolo, Parra 2009 = C. Ampolo, M.C. Parra, L agora di Segesta: uno sguardo d assieme tra iscrizioni e monumenti, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ; Amyx 1988 = D.A. Amyx, Corinthian Vase Painting of the Archaic Period, Berkeley-Los Angeles 1988; Angeletti 2009 = V. Angeletti, Nell agora di Segesta: un contributo sui documenti minori, in Agorai di Sicilia, agorai d Occidente 2009, pp ;

20 184 Abbreviazioni bibliografiche Annales Siculi 1866 = Annales Siculi, in Monumenta Germaniae Historica, SS 19, ed. G.H. Pertz, Hannover 1866, pp ; Ardizzone 1999 = F. Ardizzone, Le anfore recuperate sopra le volte del Palazzo della Zisa a Palermo e la produzione di ceramica comune a Palermo tra la fine dell XI ed il XIII secolo, «MEFR(M)», 111, 1999, pp. 7-50; Ardizzone 2007 = F. Ardizzone, Gli attrezzi impiegati nell officina ceramica, in R.M. Bonacasa Carra, F. Ardizzone (edd.), Agrigento dal Tardo Antico al Medioevo. Campagne di scavo della necropoli paleocristiana. Anni , Palermo-Todi 2007, pp ; Bacci 2002= G.M. Bacci, La ceramica protoarcaica a Zancle: aspetti e problemi, in G.M. Bacci, G. Tigano (edd.), Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico attraverso gli scavi, II**, Palermo 2002, pp ; Bagnera, Pezzini 2004 = A. Bagnera, E. Pezzini I cimiteri di rito musulmano nella Sicilia medievale. Dati e problemi, «MEFR(M)», 116, 2004, pp ; Bailo Modesti et al = G. Bailo Modesti, F. Ferranti, D. Gatti, R. Guglielmino, L. Incerti, S.T. Levi, M. Lo Zupone, M. Mancusi, M.A. Orlando, A.M. Tunzi Sisto, A. Vanzetti, Strutture morfologiche e funzionali delle classi vascolari del Bronzo Finale e della prima età del ferro in Italia meridionale, in D. Cocchi Genick (ed.), Criteri di nomenclatura e di terminologia inerente alla definizione delle forme vascolari del Neolitico/ Eneolitico e del Bronzo/Ferro. Atti del Congresso (Lido di Camaiore 1998), Firenze 1999, II, pp ; Balog 1975 = P. Balog, Fatimid and post-fatimid Glass Jetons from Sicily, «StudMagr», 7, 1975, pp ; Barbiera, Dalla Zuanna 2007 = I. Barbiera, G. Dalla Zuanna, Le dinamiche di popolazione dell Italia medievale. Nuovi riscontri su documenti e reperti archeologici, «Archeologia Medievale», 34, 2007, pp ; Barello 1995 = F. Barello, Architettura greca a Caulonia. Edilizia monumentale e decorazione architettonica in una città della Magna Grecia, Firenze 1995 (Studi e Materiali di Archeologia 9); Bartoloni, Delpino 2004 = G. Bartoloni, F. Delpino (edd.), Oriente e Occidente: metodi e discipline a confronto. Riflessioni sulla cronologia dell età del Ferro in Italia. Atti dell Incontro di Studi (Roma, ottobre 2003), «Mediterranea», 1, 2004 [2005]; Bates 1993 = M. Bates, How Egyptian Glass Coin Weights were used, «RIN», 95, 1993, pp ; Bazzana 1992 = A. Bazzana, Maisons d al-andalus. Habitat médiévale et structures du peuplement dans l Espagne orientale, Madrid 1992; Bazzana 1996 = A. Bazzana, Foyers et fours domestiques dans l architecture rurale d al-andalus, in Formas de habitar y alimentação na Idade Média (Colloque de Mértola) (Portugal), «Arqueologia Medieval», 4, 1996, ;

21 185 Abbreviazioni bibliografiche Bazzana 2000 = A. Bazzana, Matériaux et techniques de construction. Quelques réflexions à propos de l habitat villageois dans al-andalus, in Castrum , pp ; Bechtold 2008 = B. Bechtold, Ceramica a vernice nera, in R. Camerata Scovazzo (ed.), Segesta III. Il sistema difensivo di Porta di Valle (Scavi ), Mantova 2008 (Documenti di archeologia 48), pp ; Becker 2002 = M.J. Becker, The people of Sicily: studies of human skeletal remains and of human biology from the Paleolithic to modern times, «Rivista di Antropologia», 80, 2002, pp ; Bejor, Corretti 1986 = G. Bejor, A. Corretti, Edificio medievale (SAS 2), in AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi , «ASNP», s. 3, 16, 1986, pp ; Benelli et al = M.V. Benelli, M. de Cesare, M.Paoletti, M.C. Parra, Lo scavo dell area 3000 (SAS 3), in Segesta 1995, pp ; Bernabò Brea 1985a = L. Bernabò Brea, Dall Egeo al Tirreno all alba dell età micenea. Archeologia e leggende, in Magna Grecia e Mondo Miceneo. Atti del XXII Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto, 7-11 ottobre 1982), Taranto 1985, pp. 9-42; Bernabò Brea 1985b = L. Bernabò Brea, Il Protoappenninico B e il Mesoappenninico. Analisi territoriale, in L. Bernabò Brea (ed.), Gli Eoli e l inizio dell età del bronzo nelle Isole Eolie e nell Italia meridionale, «AION(archeol)», 2, 1985, pp ; Berti 1991 = G. Berti, Ceramiche islamiche del Mediterraneo occidentale usate come «bacini» in Toscana, in Sardegna e in Corsica (secoli XII-XIII), in S. Scuto (ed.), L età di Federico II nella Sicilia centro-meridonale. Città, monumenti, reperti. Atti delle Giornate di Studio (Gela, 8-9 Dicembre 1990), Agrigento 1991, pp ; Berti, Tongiorgi 1981 = G. Berti, L. Tongiorgi, I bacini ceramici medievali delle chiese di Pisa, Roma 1981; Bettelli 2002 = M. Bettelli, II. Tipologia e caratteristiche dell insediamento nella media e tarda età del bronzo, in M. Bettelli (ed.), Italia meridionale e mondo miceneo. Ricerche su dinamiche di acculturazione e aspetti archeologici, con particolare riferimento ai versanti adriatico e ionico della penisola italiana, Firenze 2002 (Grandi contesti e problemi della protostoria italiana 5), pp ; Biagini, Denaro 1995 = C. Biagini, M. Denaro, Tombe tardoantiche di Segesta, area e torre IX, in Segesta 1995, pp ; Bianco 1992 = S. Bianco, Nuovi dati da Calabria, Basilicata e Puglia Meridionale, in L età del Bronzo in Italia nei secoli dal XVI al XIV a.c. Atti del Congresso Nazionale (Viareggio, ottobre 1989), Firenze 1992 («Rassegna d Archeologia», 10, ), pp ; Bietti Sestieri 1996 = A.M. Bietti Sestieri, Protostoria. Teoria e pratica, Roma 1996;

22 186 Abbreviazioni bibliografiche Bietti Sestieri 1997 = A. M. Bietti Sestieri, Sviluppi culturali e socio-politici differenziati nella tarda età del bronzo della Sicilia, in S. Tusa (ed.), Prima Sicilia. Alle origini della società siciliana, Palermo 1997, pp ; Bietti Sestieri 2005 = A. M. Bietti Sestieri, Il sito di Portella di Salina: una situazione locale nel quadro dei collegamenti fra oriente ed occidente mediterranei nel II millennio a.c., in M.C. Martinelli (ed.), Il villaggio dell età del Bronzo medio di Portella a Salina nelle Isole Eolie, Firenze 2005, pp ; Bietti Sestieri 2010 = A. M. Bietti Sestieri, L Italia nell età del bronzo e del ferro. Dalle palafitte a Romolo ( a.c.), Roma 2010; Boehringer 1979 = Ch. Boehringer, Zu Finanzpolitik und Münzprägung des Dionysios von Syrakus, in O. Mørkholm, N.M. Waggoner (edd.), Greek Numismatics and Archaeology. Essays in Honor of Margaret Thompson, Wetteren 1979, pp. 9-32, tavv. 38-9; Boehringer 2008 = Ch. Boehringer, Über die Münzen von Katane im letzten Jahrzehnt des V. Jahrhunderts v. Chr., «Rivista Svizzera di Numismatica», 87, 2008, pp. 5-22; Boersma, Yntema 1987 = J. Boersma, D. Yntema, Valesio. Storia di un insediamento apulo dall Età del Ferro all epoca tardoromana, Fasano (BR) 1987; Boldrini 1994 = S. Boldrini, Gravisca. Scavi nel santuario greco, 4. Le ceramiche ioniche, Bari 1994; Bresc-Bautier, Bresc 1998 = G. Bresc-Bautier, H. Bresc, L eau dans l habitat médiéval sicilien, in L. Feller, P. Mane, F. Piponnier (edd.), Le village médiéval et son environnement. études offertes à Jean-Marie Pesez, Paris 1998, pp ; Brucato 1984 = AA.VV., Brucato. Histoire et archéologie d un habitat médiéval en Sicile, I, sous la direction de J.-M. Pesez, Rome 1984; Buckberry, Chamberlain 2002 = J.L. Buckberry, A.T. Chamberlain, Age estimation from the auricular surface of the ilium: a revised method, «American Journal of Physical Anthropology», 119, 2002, pp ; Bulletin IFS 1995 = S. Frey-Kupper, O.F. Dubuis, H. Brem, Abnutzung und Korrosion, Bestimmungstafeln zur Bearbeitung von Fundmünzen, «Bulletin IFS», II, Suppl. 1995; Caldarola c.d.s. = R. Caldarola, Ricerche archeologiche a Vaste. Fondo Melliche. L età del Ferro, c.d.s.; Callaway 1976 = J. Callaway, Excavating Ai (Et-Tell): , «BiA», 39, 1, pp ; Carbè 1993 = A. Carbè, Circolazione monetale a Gela. I rinvenimenti negli scavi dell ex scalo ferroviario ( , 1987), «Quaderni dell Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Messina», 8, 1993, pp. 51-9;

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

Formato europeo per il curriculum vitae

Formato europeo per il curriculum vitae Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Serra Alfonsa Nazionalità Italiana Data di nascita 06/01/76 Luogo di nascita Sant'Agata di Militello (ME) Indirizzo Residenza Codice

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Agata Abate. Istruzione. Formazione. Nome / Cognome. Data di nascita 01/12/1980.

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Agata Abate. Istruzione. Formazione. Nome / Cognome. Data di nascita 01/12/1980. Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Cittadinanza Agata Abate Italiana Data di nascita 01/12/1980 Sesso Femminile Istruzione erogatrice dell istruzione Livello nella classificazione nazionale

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

Partecipazione alla realizzazione del pannello Il castello di Calatamauro, presentato nella sezione Posters al Workshop G. Nenci in «Immagine e

Partecipazione alla realizzazione del pannello Il castello di Calatamauro, presentato nella sezione Posters al Workshop G. Nenci in «Immagine e C. MICHELINI in A. CORRETTI, C. MICHELINI, M.A. VAGGIOLI, Frammenti di medioevo siciliano: Entella e il suo territorio dall alto Medioevo a Federico II, in I recenti scavi nella Villa del Casale di Piazza

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO. Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO. Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo VIA PIO XII, N.10, 89900, VIBO VALENTIA, ITALIA Telefono/Cellulare 0963-42571 3206977685

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Il cufico in Puglia.

Il cufico in Puglia. Il cufico in Puglia. Un particolare tipo di calligrafia arabica 1 prende il nome dalla città irachena di al-kufah, sede di califfato prima che fosse trasferito a Baghdad. Al contrario del corsivo, detto

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

ALLA RICERCA DI ENTELLA

ALLA RICERCA DI ENTELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA LABORATORIO DI TOPOGRAFIA STORICO-ARCHEOLOGICA DEL MONDO ANTICO ALLA RICERCA DI ENTELLA a cura di Giuseppe Nenci PISA 1993 SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA LABORATORIO

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Archeoclub di San Severo PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011

CONVEGNO NAZIONALE. Archeoclub di San Severo PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011 Archeoclub di San Severo Movimento di opinione al servizio dei beni culturali ed ambientali CONVEGNO NAZIONALE PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011 Col patrocinio dell Amministrazione

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae

ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae TITOLI DI STUDIO 10/ 2011 Dottorato di Ricerca in Archeologia (Preistoria), presso l Università di Roma Sapienza, dal titolo Tumuli e altri contesti funerari nei territori

Dettagli

Indice. 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro

Indice. 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro Indice XIII Prefazione 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro 1 LI L'architettura nella Grecia preistorica e protostorica 1 1.1.1 Introduzione 2 1.1.2 Dal

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA. Preistoria e Protostoria della Puglia

ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA. Preistoria e Protostoria della Puglia II circolare XLVII Riunione Scientifica dell Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria Preistoria e Protostoria della Puglia in memoria di Santo Tinè Ostuni (BR) - Museo di Civiltà preclassiche della

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici archeologia@storia.palermo Premessa La U.O. X per i Beni Archeologici della Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo,

Dettagli

Lucina Gandolfo IL MEDAGLIERE DEL MUSEO ANTONINO SALINAS

Lucina Gandolfo IL MEDAGLIERE DEL MUSEO ANTONINO SALINAS 49 Lucina Gandolfo IL MEDAGLIERE DEL MUSEO ANTONINO SALINAS Medaglia di Pisanello, 1439 1441 ca., Bronzo Il Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas ha raccolto l eredità del Museo Nazionale di Palermo

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

Dott. TEODORO SCARANO, PhD INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM PROFESSIONALE

Dott. TEODORO SCARANO, PhD INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Dott. TEODORO SCARANO, PhD INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 12/07/1975 Luogo di nascita:.brindisi Residenza:...Traversa di Via Orazio n. 7, 73010 Arnesano, Lecce C.F.: SCRTDR75L12B180D

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L.

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L. AGOSTINA AUDINO Formazione 2001 Conseguimento della Laurea in Lettere Classiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Bologna, relatore Prof. M. Tosi, cattedra di Paletnologia.

Dettagli

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERRACCIANO, FRANCESCO Indirizzo 91, via S. Maria Maggiore, 67030, Pacentro, Italia Telefono 0864/41353 cellulare 3406346337 Fax E-mail

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM EMILIO ROSAMILIA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dati Personali Nome: Nazionalità: Nato il: Emilio ROSAMILIA Italiana 17 Maggio 1986, a Modena (MO) Titoli di Studio - Diploma di Licenza in Discipline filologiche,

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

DUE KHARRUBE NORMANNE COL TAU: ALCUNE PRECISAZIONI

DUE KHARRUBE NORMANNE COL TAU: ALCUNE PRECISAZIONI DUE KHARRUBE NORMANNE COL TAU: ALCUNE PRECISAZIONI Le kharrūbe 1 normanne, piccole monetine del peso teorico di 0,20 g circa, sono state illustrate per la prima volta nella metà dell Ottocento da Domenico

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale

La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale a cura di Ilaria Pecoraro, Francesco Chialà e Francesco Vinale Stilo Editrice Appendice didattica La presente appendice didattica presenta una serie

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Rosalia Gangemi

CURRICULUM VITAE di Rosalia Gangemi CURRICULUM VITAE di Rosalia Gangemi ISTRUZIONE E FORMAZIONE A.A. 2009/2010 Diploma di Specializzazione (con lode) in Beni Archeologici presso la Scuola di Specializzazione dell Università di Roma La Sapienza.

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO 1. Museo Archeologico di Lentini (Frammento di coppa a figure nere con quadriga proveniente Dalla Stipe votiva di Metapiccola); 2. Museo Archeologico

Dettagli

L insediamento dell età del Bronzo di Coppa Nevigata (Foggia) e la più antica attestazione della produzione della porpora in Italia

L insediamento dell età del Bronzo di Coppa Nevigata (Foggia) e la più antica attestazione della produzione della porpora in Italia Preistoria Alpina Suppl. 1, v. 40 (2004) pp. 177-182 Museo Tridentino di Scienze Naturali Trento 2005 ISSN 0393-0157 L insediamento dell età del Bronzo di Coppa Nevigata (Foggia) e la più antica attestazione

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

BIBLIOGRAFIA ADAMESTEANU D., L attività archeologica in Basilicata, in Atti del Convegno della Magna Grecia, IX, Napoli 1969, pp. 200-237; ADAMESTEANU D., Siris-Heraclea, in Il comune di Policoro, Matino

Dettagli

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura Storia dell Architettura LA GRECIA Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) 1 Età ellenistica (323-31 a.c.) LA GRECIA 1 Il tempio greco struttura e architettura ordine dorico ordine ionico

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM Ricercatrice Confermata per il Settore Scientifico-Disciplinare L-Ant/03 Storia Romana presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche (DISUM) dell Università degli

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009)

IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009) IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009) Ricerche sul tempio di Athana Ialisia Tra il 1985 e il 1989, la Scuola Archeologica Italiana di Atene, sotto l impulso dell allora Direttore, Antonino Di Vita e in accordo

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

PU_526. Grotta di San Michele

PU_526. Grotta di San Michele Brindisi X X E' necessario chiedere l'autorizzazione dei proprietari del fondo dove si apre la cavità. L'ingresso è recintato da un muretto a secco e da u Pro Loco e Comune di Ceglie Messapica Vito Amico

Dettagli

Percorso della guerra

Percorso della guerra Percorso della guerra Il percorso si snoda attraverso i territori dei cinque comuni ripercorrendo i principali eventi bellici che li hanno interessati. E un percorso adatto ad essere esplorato in più giorni,

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell' Parte 1 - Le scuole statali...iv Istituzioni scolastiche statali interessate per livello... IV Tavola A1.1 - Istituzioni scolastiche

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott.ssa Cristina Soraci

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott.ssa Cristina Soraci CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott.ssa Cristina Soraci La dott.ssa Cristina Soraci ha conseguito il Diploma di Laurea in Lettere Classiche il 5/11/2001 presso l Università degli Studi di Catania con voti

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

MAPPE NUCLEARI PER L ITALIA 13 maggio 2009

MAPPE NUCLEARI PER L ITALIA 13 maggio 2009 MAPPE NUCLEARI PER L ITALIA 13 maggio 2009 1. Ritorno al passato: la vecchia mappa del CNEN Negli anni 70 il CNEN (Comitato Nazionale per l Energia Nucleare poi trasformato in ENEA negli anni 80) elaborò

Dettagli

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO)

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) ROBERTO CAPRARA FRANCO DELL AQUILA IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) Contributi di Pasquale Acquafredda, Andrea Caprara, Domenico Caragnano, Antonio Greco, Giulio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STORIA DELL ARCHITETTURA Prof.ssa Irene Giustina Corso di Laurea in Ingegneria Civile V.O. Corso di Laurea

Dettagli

TOUR A TEMA NEL SALENTO. Programmi originali ideati da

TOUR A TEMA NEL SALENTO. Programmi originali ideati da TOUR A TEMA NEL SALENTO Programmi originali ideati da ARCHEOLOGIA Pomeriggio dedicato alla visita di Lecce Romana che conserva un anfiteatro, in parte ancora nascosto, che nel suo pieno splendore ospitava

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

MUSICA, CULTI E RITI NELL OCCIDENTE GRECO

MUSICA, CULTI E RITI NELL OCCIDENTE GRECO MUSICA, CULTI E RITI NELL OCCIDENTE GRECO a cura di angela bellia telestes studi e ricerche di archeologia musicale nel mediterraneo 1. ISTITUTI EDITORIALI E POLIGRAFICI INTERNAZIONALI PISA ROMA MUSICA,

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

Sistemi monetari a base metallica (1)

Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta La moneta Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta è qualunque merce che serve da intermediario negli scambi o come deposito di valore Numerose merci sono servite come moneta nelle società

Dettagli

Torchi e pressori. Per la Puglia un settore poco approfondito dell archeologia e della storia della tecnica è quello della tipologia dei torchi.

Torchi e pressori. Per la Puglia un settore poco approfondito dell archeologia e della storia della tecnica è quello della tipologia dei torchi. Torchi e pressori. Per la Puglia un settore poco approfondito dell archeologia e della storia della tecnica è quello della tipologia dei torchi. Indubbia è la vocazione della regione pugliese per la coltivazione

Dettagli

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR Piemonte Torino 201 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte Torino 64 Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte SBA Torino 66 Torino 67 Soprintendenza per i beni

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Valori e disvalori simbolici delle monete

Valori e disvalori simbolici delle monete Valori e disvalori simbolici delle monete I Trenta denari di Giuda a cura di Lucia Travaini redazione editoriale di Francesca Ceci Edizioni Quasar Sommario Grado Giovanni Merlo, Lucia Travaini, Premessa...

Dettagli

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo GRUPPO SPELEOLOGICO ARCHEOLOGICO LIVORNESE Socio della Federazione Speleologica Toscana Socio della Società Speleologica Italiana Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo

Dettagli

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDI IN ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO ANTICO DIPARTIMENTO DI STORIA CULTURE CIVILTÀ AULA PRODI 7 OTTOBRE 2014, ORE 9.45 IL CORSO DI STUDI http://corsi.unibo.it/magistrale/archeol

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA PER GUIDA TURISTICA

CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA PER GUIDA TURISTICA Con l adesione di Associazione culturale e di formazione Via SS. Giacomo e Filippo n.7 73100 LECCE C.F. 93117550751 cell. +39 380.8946000 Web: www.formandopuglia.it formandopuglia@gmail.com ORGANIZZA IL

Dettagli

L incanto italiano: Puglia e Basilicata

L incanto italiano: Puglia e Basilicata L incanto italiano: Puglia e Basilicata Località: Puglia, Salento, Valle d'itria, Basilicata, Terra di Bari Città: Castel del Monte, Trani, Alberobello, Ostuni, Castellana Grotte, Matera, Lecce, Otranto,

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

La Puglia. e i suoi paesaggi

La Puglia. e i suoi paesaggi La Puglia e i suoi paesaggi La carta fisica La puglia confina a nord e a est con il mar Adriatico a sud con mar Ionio e Basilicata e a ovest con Molise e Campania La parte amministrativa Il capoluogo di

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli