TRIBUNALE CIVILE DI CAGLIARI. Ricorso per provvedimento d urgenza ex art. 700 c.p.c.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE CIVILE DI CAGLIARI. Ricorso per provvedimento d urgenza ex art. 700 c.p.c."

Transcript

1 TRIBUNALE CIVILE DI CAGLIARI Ricorso per provvedimento d urgenza ex art. 700 c.p.c. Ill.mo Signor Presidente, La Signora Maria Verdi, nata a Stella di Natale il , residente a Oasi ed elettivamente domiciliata in Cagliari nella Via Paoli n. 67 presso lo studio dell avv. prof. Angelo Luminoso e dell avv. Alberto Luminoso che la rappresentano e difendono in virtù di procura speciale alle liti recante data apposta a margine del presente atto, espone F A T T O 1) La Signora Maria Verdi è socio accomandatario della Slitta s.a.s. di Maria Verdi (v. doc. n. 1), società commerciale costituita in forma di accomandita semplice che svolge attività di organizzazione e svolgimento di corsi di formazione professionale. Poiché gli altri due soci sono entrambi accomandanti (si veda il doc. n. 1), l odierna ricorrente è l unico amministratore della società ed il suo legale rappresentante. Solo la Signora Verdi può compiere atti di gestione in nome e per conto della società. Solo lei può eseguire i pagamenti. Per quel che maggiormente interessa ai fini della presente causa, solo l odierna ricorrente può operare sui conti bancari della società ed emettere assegni. Solo la sua firma è depositata sui conti bancari della società ed è valida per i relativi atti di disposizione (v. docc. nn. 8 e 9). 2) Il 28 giugno 2003 la ricorrente riceveva dalla UniCredit Banca s.p.a. un telegramma con il quale veniva invitata a presentarsi urgentemente presso la Filiale UniCredit di Stella di Natale dove la stessa ricorrente intratteneva un Istanza Cautelare 1

2 rapporto di conto corrente personale (conto n ; v. doc. n. 10) perché un assegno, pari a 2.826,82, tratto sul predetto conto era risultato senza provvista. La Signora Verdi si recava senza indugio presso la Filiale UniCredit di Stella di Natale e scopriva che l assegno in questione era quello mesi prima emesso in favore di un amico e compaesano, tale Carmelo Rossi. 3) Anche se le circostanze che stiamo per precisare non hanno rilevanza ai fini del presente procedimento e non influiscono direttamente sulle problematiche di cui si dirà, sembra opportuno spiegare i motivi per i quali sul conto UniCredit mancò la provvista necessaria per il pagamento del predetto assegno. L odierna ricorrente consegnò l assegno al Signor Rossi intorno al novembre 2002, senza peraltro indicare la data di emissione. Il Rossi attese molto tempo prima di incassare. Egli, infatti, solo nel giugno 2003, e cioè quasi otto mesi dopo, si recò in Banca per incassare l assegno e, prima di girarlo all incasso, vi appose la data del giorno ( ). Nel momento in cui l assegno veniva presentato in Banca per l incasso, l odierna ricorrente, la quale in quel periodo utilizzava poco o niente il conto UniCredit, presumeva che il relativo pagamento fosse già avvenuto da tempo. 4) La Signora Verdi, recatasi come detto alla Filiale UniCredit di Stella di Natale, spiegava le ragioni che avevano determinato lo spiacevole equivoco e si dichiarava disponibile a pagare immediatamente l importo dell assegno e tutte le somme necessarie a regolarizzare la sua posizione. Il Direttore di sala, tale Romualdo Giallo, spiegava alla odierna esponente che sarebbe stato possibile eseguire il cosiddetto pagamento tardivo e la invitava a tornare il giorno successivo portando con sè una somma in contanti pari a circa 3.500,00. Istanza Cautelare 2

3 Il giorno dopo la Signora Verdi tornava in Banca con la predetta somma di denaro. Il Signor Romualdo Giallo tuttavia non eseguiva le formalità promesse perché a suo dire le procedure erano molto complicate e richiedevano del tempo. In tale occasione il Romualdo Giallo si faceva consegnare dalla ricorrente il telegramma inviatole alcuni giorni prima dalla UniCredit. 5) Anche due giorni dopo avveniva la stessa cosa. La Signora Verdi si recava in Banca con il denaro e dopo una lunga attesa il Romualdo Giallo diceva che non era possibile effettuare il pagamento neppure quel giorno. A fine mattina la Signora Verdi apprendeva improvvisamente dalla Banca (sempre la UniCredit) che il pagamento tardivo non poteva essere eseguito perché nei suoi confronti era già stato levato un protesto. All odierna esponente veniva peraltro suggerito (sempre dalla Banca trattaria) di regolarizzare la posizione direttamente col prenditore dell assegno e di pagare a lui tutte le somme dovute per legge. 6) La Signora Verdi così faceva. Contattava immediatamente il Signor Rossi e gli versava l importo pari al capitale dell assegno, gli interessi, le spese e la penale, facendosi rilasciare apposita quietanza (v. doc. n. 6) e consegnando quest ultima alla Banca, la quale nulla obiettava al riguardo. 7) L odierna esponente, convinta che il problema fosse stato risolto in via definitiva, tra l 11 ed il 15 luglio 2003 emetteva tre assegni tratti su un altro conto corrente personale intrattenuto presso la Sede Centrale delle Poste Italiane di Stella di Natale (conto n ; si veda il doc. n. 2). Un primo assegno (n ), datato , veniva tratto per l importo di 5.450,00; un secondo assegno (n ), datato Istanza Cautelare 3

4 , per l importo di 250,00; un terzo (n ), datato , per l importo di 2.300,00 (si veda al riguardo il doc. n. 2). Sul predetto conto delle Poste Italiane esistevano fondi sufficienti al pagamento di tutti i summenzionati assegni. 8) Ciò nonostante, tutti e tre gli assegni venivano protestati. La Signora Verdi apprendeva che il motivo del mancato pagamento, e del conseguente protesto, consisteva nell avvenuta e inaspettata revoca, nei suoi confronti, dell autorizzazione di cui all art. 1 della legge , n ) L odierna ricorrente, sconcertata dalla notizia, si attivava al fine di comprendere cosa fosse accaduto ed apprendeva che la Banca UniCredit s.p.a. (come detto, trattaria dell assegno all ordine del Signor Carmelo Rossi) aveva fatto eseguire il protesto di cui si è detto al superiore capo n. 5) indicando erroneamente come causale la mancata autorizzazione del trattario, anziché la mancanza di provvista. L odierna ricorrente apprendeva inoltre che la Banca UniCredit, altrettanto erroneamente, e per l appunto sul presupposto che il mancato pagamento fosse stato determinato non dalla mancanza di provvista ma dalla mancanza di autorizzazione del trattario, aveva iscritto il nominativo della Signora Verdi nell archivio informatico della Banca d Italia (C.A.I.) istituito e disciplinato dal D.lgs , n. 507 senza che sussistessero i presupposti di legge (come verrà illustrato più avanti nella successiva espositiva in diritto). 10) L odierna ricorrente scopriva pertanto che le Poste Italiane si erano rifiutate di pagare i tre assegni tratti sul loro conto [e di cui si è detto al superiore capo n. 7)] in virtù del fatto che sull archivio della Banca d Italia C.A.I. la UniCredit aveva iscritto illegittimamente il suo nominativo. Istanza Cautelare 4

5 Solo in quel momento l odierna esponente intuiva perché la UniCredit si era rifiutata di accettare il pagamento tardivo dell assegno [come illustrato ai superiori capi nn. 4) e 5)]. 11) Dopo le comprensibili e giustificate doglianze della Signora Verdi, l UniCredit rettificava la causale del protesto, specificando che esso doveva intendersi effettuato per mancanza di fondi e non come erroneamente indicato in un primo momento per mancata autorizzazione (si veda la lettera firmata dall UniCredit prodotta al doc. n. 3). L UniCredit riconosceva l errore commesso (si veda ancora la stessa lettera prodotta al doc. n. 3) e cancellava l iscrizione eseguita sull archivio C.A.I. della Banca d Italia (si veda la lettera prodotta al doc. n. 4), appunto perché eseguito senza che vi fossero i presupposti di legge. 12) A tutt oggi, le uniche iscrizioni del nominativo della Signora Verdi esistenti nell archivio informatico della Banca d Italia di cui più volte si è detto sono quelle eseguite dalle Poste Italiane. 13) Per massimo scrupolo, ed a scanso di equivoci, si rileva che la Banca UniCredit, contestualmente alla cancellazione dell iscrizione di cui sopra, avviava per la prima volta la procedura del formale preavviso di revoca previsto all art. 9 bis della legge , n. 386 (v. doc. n. 5). La Signora Verdi, la quale aveva già effettuato i pagamenti di cui all art. 8 della L. n. 386/90 ed inoltre consegnato alla Banca UniCredit la quietanza firmata dal prenditore dell assegno (doc. n. 6), faceva autenticare da un notaio le sottoscrizioni ivi apposte (v. doc. n. 7) e inviava nuovamente alla Banca, entro il termine all uopo fissato dalla UniCredit, la quietanza di pagamento, stavolta con l attestazione notarile di autentica. Istanza Cautelare 5

6 A tal riguardo occorre mettere in evidenza che la UniCredit aveva imposto come termine ultimo la data dell (si veda la lettera del prodotta al doc. n. 5) e che la Signora Verdi inviò il tutto, mediante lettera raccomandata a.r., il (si veda l avviso di ricevimento prodotto al doc. n. 8, sottoscritto per ricezione dall UniCredit lo stesso ). 14) La Banca UniCredit constatava la regolarità degli adempimenti ed infatti non procedeva a nessuna nuova iscrizione della Verdi nel C.A.I.. Come detto, le uniche iscrizioni del nominativo della ricorrente nell archivio della Banca d Italia sono quelle eseguite dalle Poste Italiane. D I R I T T O A) Occorre preliminarmente rilevare che con l entrata in vigore del D.lgs , n. 507 (il quale ha introdotto radicali modifiche al testo della legge , n. 386, novellandolo), la disciplina dell assegno bancario, ed in particolare quella concernente le sanzioni conseguenti agli illeciti precedentemente rilevanti penalmente, ha subìto una importante e radicale riforma. Per quel che riguarda le problematiche strettamente connesse con la presente causa, la normativa di cui si è detto da una parte ha depenalizzato le fattispecie costituite dall emissione di assegni senza autorizzazione e senza provvista (v. artt. 1 e 2 della Legge n. 386/90), introducendo, in sostituzione di quelle penali, sanzioni amministrative che debbono essere applicate dal Prefetto territorialmente competente; dall altra ha introdotto un meccanismo di prevenzione, e nel contempo di autotutela, del sistema bancario imperniato sulla revoca del traente colpevole di uno degli illeciti di cui è detto dal potere di emettere assegni su qualsiasi banca o ufficio postale. Istanza Cautelare 6

7 Il predetto sistema, e segnatamente la revoca generale dell autorizzazione ad emettere assegni, è imperniato sul funzionamento di un apposito archivio informatico centralizzato (meglio noto come C.A.I.), gestito e controllato dalla Banca d Italia, nel quale vengono iscritti i nominativi di coloro che si sono resi responsabili dell emissione di assegni senza autorizzazione della banca trattaria o senza provvista. Con l iscrizione del nominativo nell archivio di cui si è detto, da eseguirsi a cura della banca trattaria interessata, si determina automaticamente la revoca del traente, benchè a tempo determinato (sei mesi), da tutte le autorizzazioni ad emettere assegni presso qualunque banca o ufficio postale (si veda l art. 9, commi 3 e 4 della legge n. 386/90, così come modificato dall art. 34 del D.lgs. n. 507/99). La revoca pertanto non è limitata così come avveniva in passato, sulla base della pregressa normativa alla sola azienda presso cui era stato tratto l assegno, ma è generale e riguarda l intero mercato bancario nazionale. B) I presupposti dettati dalla legge per l iscrizione nell archivio della Banca d Italia C.A.I. tuttavia sono diversi a seconda che si tratti di emissione di assegni senza autorizzazione della banca trattaria ovvero di emissione di assegni senza provvista o con provvista insufficiente. Ed infatti, mentre nel primo caso (mancanza di autorizzazione del trattario; v. art. 1 L. n. 386/90) ritenuto dal legislatore più grave, e per tale ragione sanzionato più gravemente (si veda l art. 5 della stessa legge, così come novellata dal D.lgs. n. 507/99) il traente non può evitare l iscrizione del suo nominativo nell archivio informatico più volte citato, e tale iscrizione deve essere eseguita entro il decimo giorno dalla presentazione del titolo al pagamento, nell ipotesi di mancanza o insufficienza della provvista (v. art. 2 L. n. 386/90) il Istanza Cautelare 7

8 traente è ammesso a sanare l illecito mediante il pagamento dell assegno, oltre gli interessi, la penale, etc., anche nelle mani del portatore, entro sessanta giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione del titolo (v. art. 8 della legge , n. 386, così come modificato dall art. 33 del D.lgs. n. 507/99) e in questo modo a evitare sia l applicazione delle sanzioni amministrative sia l iscrizione del suo nominativo nell archivio informatico di cui all art. 10 bis della L. n. 386/90 (così come novellato nel 99). Durante la decorrenza del predetto termine sessanta giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione del titolo (si veda il secondo comma, lett. b, dell art. 9 della legge n. 386/90, così come modificato dall art. 34 del D.lgs. n. 507/99), e comunque non prima del termine di cui al terzo comma dell art. 9 bis della stessa legge, la banca trattaria non può effettuare l iscrizione in oggetto. Qualora il traente provveda entro i predetti termini al pagamento tardivo di cui si è detto e ne fornisca la prova alla banca trattaria, quest ultima non potrà iscrivere nel C.A.I. il nominativo del traente e nei confronti di quest ultimo non verranno applicate le sanzioni amministrative stabilite agli artt. 4 e segg. della L. n. 386/90. C) Nella superiore espositiva in fatto è già stato evidenziato che il mancato pagamento dell assegno tratto dalla Signora Maria Verdi sul conto UniCredit n della Filiale di Stella di Natale [assegno n , datato , pari a 2.826,82, e di cui si è detto al capo n. 2) della superiore espositiva in fatto] era stato determinato solo ed esclusivamente dalla mancanza della provvista, ovverosia dall insufficienza dei fondi depositati in Banca, come espressamente e testualmente dichiarato dalla stessa Banca UniCredit nella lettera raccomandata recante data (prodotta al doc. n. 3). Istanza Cautelare 8

9 D) Da ciò consegue che la Banca UniCredit s.p.a., ai sensi di quanto stabilisce sul punto la Legge , n. 386 (così come modificata dal D.lgs , n. 507) e come illustrato sopra, non poteva legittimamente iscrivere il nominativo dell odierna ricorrente nell archivio informatico della Banca d Italia (C.A.I.) prima che fosse trascorso il termine di cui al primo comma dell art. 8 della stessa legge (sessanta giorni dalla scadenza del termine di presentazione del titolo), oltre agli eventuali ulteriori dieci giorni di cui al terzo comma dell art. 9 bis. L iscrizione effettuata dalla Banca UniCredit è stata presumibilmente eseguita nei giorni immediatamente successivi alla presentazione al pagamento dell assegno n In ogni caso, da quanto emerge dalla lettera (prodotta al doc. n. 3), in quella data, e cioè molto tempo prima che scadessero i termini di cui si è detto sopra, l iscrizione era già avvenuta, posto che nella lettera citata si parla della sua «cancellazione». Detta iscrizione era pertanto illegittima e contraria alla legge. Lo dimostra anche il fatto che la stessa Banca UniCredit, riconoscendo l errore commesso (v. doc. n. 3), ha provveduto a cancellarla (v. lettera prodotta al doc. n. 4). E) L errore commesso dalla UniCredit ha peraltro determinato conseguenze che hanno causato all odierna ricorrente danni di entità considerevole. Come è stato illustrato nella superiore espositiva in fatto, le Poste Italiane s.p.a. si sono rifiutate di pagare gli assegni tratti dalla Signora Verdi sul conto esistente presso la Sede Centrale di Stella di Natale in virtù del fatto che in quel momento parliamo di circa metà luglio del 2003 (si veda a tal proposito quanto Istanza Cautelare 9

10 allegato sub capi nn. 6 e 7 della superiore espositiva in fatto) il nominativo della ricorrente era iscritto nell archivio della Banca d Italia. Alla luce di tale iscrizione, per l effetto dei commi 3 e 4 dell art. 9 della L. n. 386/90 (così come modificato dall art. 34 D.lgs. n. 507/99), alla stessa ricorrente risultava formalmente revocata l autorizzazione ad emettere assegni presso qualsiasi banca o ufficio postale. Come più volte sottolineato, peraltro, l iscrizione eseguita dalla UniCredit, e sulla base della quale le Poste Italiane si sono rifiutate di pagare gli assegni di cui si è detto procedendo alle ulteriori iscrizioni di cui alla L. n. 386/90 (come modificata nel 99), non era legittima ed era stata eseguita senza che vi fossero i presupposti stabiliti dalla legge. Nel momento in cui gli assegni tratti sul conto delle Poste Italiane sono stati presentati al pagamento, pertanto, nei confronti della Signora Verdi non poteva ritenersi operante alcuna legittima revoca generale all emissione di assegni. Gli assegni tratti sulle Poste Italiane erano pertanto autorizzati e avrebbero dovuto essere pagati. Le iscrizioni del nominativo della ricorrente sul C.A.I. eseguite dalle Poste Italiane sono state illegittime perché non sussisteva il presupposto stabilito dalla legge (e cioè la revoca dell autorizzazione ad emettere assegni ). F) La Signora Verdi ha pertanto diritto a ottenere la cancellazione delle predette iscrizioni. Il soggetto legittimato, e nel contempo obbligato, alla cancellazione non può che essere la società Poste Italiane s.p.a., poiché essa ha eseguito le iscrizioni di cui parliamo. Poiché quest ultima, nonostante l invito espressamente rivoltole (si veda Istanza Cautelare 10

11 la lettera prodotta al doc. n. 11), non vi ancora provveduto spontaneamente, appare necessario che tale cancellazione venga disposta in via d urgenza dal Tribunale, ovvero che le Poste Italiane siano condannate a provvedervi senza ulteriore ritardo. G) Il perdurare dell iscrizione nel C.A.I. del nominativo dell odierna ricorrente, e la conseguente revoca dell autorizzazione ad emettere assegni, sta procurando alla stessa pregiudizi gravissimi e probabilmente irreparabili. Si è già messo in evidenza che l iscrizione nell archivio informatico centrale istituito presso la Banca d Italia ai sensi dell art. 36 D.lgs. n. 507/99 determina la revoca generale nei confronti del traente segnalato da ogni autorizzazione ad emettere assegni presso qualunque banca o ufficio postale. Si intuisce pertanto che una conseguenza di questo genere, provocando la fuoriuscita del soggetto iscritto dall intero circuito bancario nazionale, costituisce una misura altamente penalizzante e squalificante, specie per quei soggetti come l odierna ricorrente appartenenti a categorie produttive che utilizzano come mezzo normale di pagamento l assegno e che svolgono attività di amministrazione di una società commerciale. Solo con riguardo a quest ultimo profilo, poiché come detto la ricorrente è l unico amministratore di una società commerciale (la I.F.A.L. s.a.s.), l attività di quest ultima è praticamente paralizzata. H) La condotta dell UniCredit s.p.a. ha prodotto un danno ingiusto nei confronti dell odierna ricorrente, ed inoltre anche della società dalla stessa amministrata. Anche la condotta delle Poste Italiane s.p.a., le quali non hanno ancora provveduto alla cancellazione delle iscrizioni di cui si è detto pur avendo ricevuto Istanza Cautelare 11

12 apposita istanza da parte della Signora Verdi (v. doc. n. 11), si rivela illegittima e fonte di pregiudizio economico per l odierna ricorrente (e, come detto, per la società dalla stessa amministrata). La Signora Verdi, sia in proprio sia nella sua qualità di amministratore e legale rappresentante della I.F.A.L. s.a.s., intende pertanto proporre azione di merito contro la UniCredit s.p.a. intesa ad accertare l illegittimità dell iscrizione del suo nominativo nel C.A.I. (iscrizione peraltro successivamente cancellata) e la condanna della stessa Banca al risarcimento di tutti i danni subiti e subendi dalla ricorrente e dalla I.F.A.L. s.a.s. in dipendenza dei fatti predetti. Nel contempo la Signora Verdi intende proporre azione di merito contro le Poste Italiane s.p.a. intesa ad accertare l illegittimità delle iscrizioni effettuate da quest ultima nel C.A.I., la sua condanna a provvedere alla cancellazione e l eventuale condanna della stessa società al risarcimento dei danni subìti e subendi dalla ricorrente a causa del ritardo nella cancellazione laddove essa si rifiutasse di provvedervi spontaneamente. I) Occorre rilevare che poiché il tempo occorrente per la definizione dell instauranda causa di merito posto che la durata media di un giudizio davanti al Tribunale non può essere preventivata in un tempo inferiore ai 4-5 anni rischia di vanificare irreparabilmente le ragioni dell odierna ricorrente, quest ultima si trova costretta ad agire in via d urgenza ex art. 700 c.p.c. al fine di ottenere immediatamente la cancellazione del suo nominativo dall archivio informatico centralizzato della Banca d Italia, la cui permanenza rischia di compromettere irreparabilmente la posizione bancaria, commerciale e professionale della Signora Maria Verdi e quella della società I.F.A.L. s.a.s. dalla stessa amministrata e rappresentata. Istanza Cautelare 12

13 L) Poiché il trattario che ha proceduto alle iscrizioni di cui si chiede la cancellazione è la società Poste Italiane s.p.a., e poiché solo esso ha il potere e l onere di provvedere alla predetta cancellazione, essa deve intendersi unico ed esclusivo soggetto legittimato passivamente nel presente procedimento. M) A scanso di equivoci, è il caso di rilevare che l invocabilità del provvedimento d urgenza di cui all art. 700 c.p.c. è sicuramente ammissibile nel caso di specie. Tale ammissibilità, oltre a discendere dai principi generali e dalla mancanza di alcun rimedio cautelare esperibile in sua sostituzione, è ammessa pacificamente dagli autori che si sono interessati del problema [tra i tanti, si veda A. Carrato, La nuova disciplina dell assegno bancario: profili civilistici (D.Lgs. 30 dicembre 1999, n. 507), in Dir. fall. 2000, I, pag. 1042]. * * * * Tutto ciò premesso e dedotto, la Signora Maria Verdi, con il ministero dei sottoscritti avvocati, FA ISTANZA affinchè il Tribunale Ill.mo, in persona del Giudice Designando, ogni contraria istanza o eccezione rigettata, voglia: 1) ritenute sussistenti le condizioni di cui agli artt. 671 e 669 sexies, 2 comma c.p.c., e perciò provvedendo inaudita altera parte, disporre la cancellazione del nominativo della ricorrente dall archivio C.A.I. della Banca d Italia di cui all art. 10 bis legge , n. 386 (come modificata dal D.lgs , n. 507) ovvero ordinare alle Poste Italiane s.p.a. di provvedere immediatamente alla predetta cancellazione, per tutti i motivi illustrati nella superiore espositiva; 2) in via subordinata, procedendo ai sensi dell art. 669 sexies, 1 comma Istanza Cautelare 13

14 c.p.c. e previamente fissando udienza di comparizione delle parti, disporre la cancellazione del nominativo della ricorrente dall archivio C.A.I. della Banca d Italia di cui all art. 10 bis legge , n. 386 (come modificata dal D.lgs , n. 507) ovvero ordinare alle Poste Italiane s.p.a. di provvedere immediatamente alla predetta cancellazione, per tutti i motivi illustrati nella superiore espositiva; 3) dichiarare che nei confronti della ricorrente non è valida né efficace alcuna revoca dell autorizzazione ad emettere assegni ai sensi e per gli effetti di cui all art. 9 L. n. 386/90 (così come modificato dall art. 34 D.lgs. n. 507/99); 4) adottare ogni altro provvedimento che sarà ritenuto necessario e idoneo al fine di rimuovere le conseguenze pregiudizievoli delle iscrizioni di cui si è detto; 5) disporre le necessarie comunicazioni a tutti gli Uffici e gli Enti interessati e competenti in materia, ivi compresa la Banca d Italia, la Camera di Commercio territorialmente competente e la Prefettura del luogo; 6) con vittoria di spese ed onorari del presente procedimento. Ai sensi e per gli effetti dei commi 3 e 5 dell art. 9 della legge 488/99, si dichiara che il valore della causa in oggetto è indeterminabile e che il contributo unificato di iscrizione a ruolo, trattandosi di procedimenti disciplinati dal libro quarto, titolo primo del c.p.c., sarà pari, ai sensi del 2 comma dell articolo menzionato, a 155,00. Si producono e si depositano in cancelleria i seguenti documenti: 1) atto costitutivo della I.F.A.L. s.a.s.; 2) atto di notifica degli estremi di violazione amministrativa della Prefettura di Stella di Natale; 3) lettera racc. a.r. del dalla UniCredit Banca s.p.a. al notaio dott. Paolino Paperino; 4) lettera Istanza Cautelare 14

15 racc. a.r. del dalla UniCredit Banca s.p.a. all avv. Rommaso Blu; 5) lettera racc. a.r. del dalla UniCredit Banca s.p.a. alla Signora Maria Verdi; 6) dichiarazione di quietanza sottoscritta da Carmelo Rossi e autenticata dal notaio Ortensia Canarino in data ; 7) avviso di ricevimento di lettera racc. a.r. spedita alla Banca UniCredit di Stella di Natale S.E. il e ricevuta l ; 8) contratto di apertura di conto corrente della I.F.A.L. s.a.s. presso la Banca Commerciale Italiana; 9) contratto di apertura di conto corrente della I.F.A.L. s.a.s. presso la Cariplo; 10) lettera di conferma dell avvenuta apertura del conto corrente n presso la UniCredit Banca; 11) lettera raccomandata a.r. del da avv.ti Luminoso alle Poste Italiane e p.c. alla Banca d talia, con allegate ricevute e cartoline; 12) atto di deduzioni e osservazioni difensive depositato presso la Prefettura di Stella di Natale l Cagliari, 27 ottobre avv. Alberto Luminoso avv. prof. Angelo Luminoso Istanza Cautelare 15

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PERUGIA ASSEGNI POSTALI PROTESTATI: NOTE INFORMATIVE Nel caso venga emesso un assegno postale senza la necessaria copertura finanziaria nel conto

Dettagli

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Trib. Milano, sez. VI, ordinanza 15 ottobre 2014 (es. Silvia Brat) Centrale di

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Indice formule: 1. Ricorso al Prefetto. 2. Ricorso al Prefetto con istanza di audizione personale. 3. Istanza al Prefetto di differimento della data di comparizione. 4. Ricorso

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO STUDIO LEGALE ASSOCIATO AVVOCATI SGUERSO Avv. Mario Sguerso Avv. Chiara Sguerso Avv. Filippo Sguerso Avv. Elisabetta Menegazzi Avv. Cristina Mori Avv. Luca Maria Paganucci Avv. Manuela Roggero Avv. Claudio

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

Tribunale Ordinario di Milano Sezione Lavoro ORDINANZA EX ART 1 COMMA 49 L.92/2012

Tribunale Ordinario di Milano Sezione Lavoro ORDINANZA EX ART 1 COMMA 49 L.92/2012 Tribunale Ordinario di Milano Sezione Lavoro ORDINANZA EX ART 1 COMMA 49 L.92/2012 Il Giudice Dott. Laura Bertoli letti gli atti e i documenti della causa iscritta al n. 4422/2014 RGL pendente tra SALVIOLI

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/BA DELIBERAZIONE N. 116 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA GIARDI xxxxx c/ TELECOM ITALIA xxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella seduta

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. [estensore] Finanziario. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Prof. Avv. Andrea Gemma... Prof. Avv. Raffaele Lener... Membro designato dalla Banca d Italia, che

Dettagli

SIC - sistemi. di informazioni creditizie.

SIC - sistemi. di informazioni creditizie. Giornate formative UNIREC 2009 SIC - sistemi 1 blocchetto di informazioni creditizie. Segretario Nazionale ADICONSUM Con il patrocinio di: Cosa sono i SIC. Banche dati private che gestiscono informazioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis Sciogliendo la riserva formulata all udienza del 12. 02. 2013; letti gli atti ed esaminati i documenti; OSSERVA Sul fatto

Dettagli

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n.363 R.G.A.C. per l anno 2003

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Nic DELIBERAZIONE N. 161 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA xxxx c/ TELETU UTENZE RISPETTIVAMENTE: xxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente Tribunale di Napoli - Sez. Fallimentare 7 agosto 2009 (data decisione), ord. TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a Treviso, xxxxx, rappresentato e difeso dall Avv. xxxxxx,

Dettagli

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it TRIBUNALE DI NAPOLI - SEZIONE SPECIALIZZATA PROPRIETÀ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE - RICORSO EX ART. 131 D. LGS. 30/2005 Per e difesa dall Avv. Francesco Ettore Bruno e dall Avv. Francesca Silvestri ed

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA.

L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA. 1 L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA. 1) L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA

Dettagli

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI L ACCERTAMENTO TECNICO PREVENTIVO QUADERNO N. 3 1 Che cos è ed a cosa serve l Accertamento Tecnico Preventivo L accertamento tecnico preventivo è un procedimento

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore)

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo,

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99 per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, viale della Regione Siciliana, 4464, iscritta presso

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Verbale n. 18 Adunanza dell 8 settembre 2014

Verbale n. 18 Adunanza dell 8 settembre 2014 Verbale n. 18 Adunanza dell 8 settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal./BA DELIBERAZIONE N. 140 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TISCALI ITALIA xxx. - NUOVA IMMAGINE xxxx di DE STEFANO xxxx/ IL COMITATO REGIONALE PER

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. (Estensore)

IL COLLEGIO DI ROMA. (Estensore) IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) Membro designato

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N.255 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Inzitari xxx c/ Telecom Italia xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione Lavoro Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marilena Rizzo ha pronunciato ex art. 429 c.p.c. la seguente

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

OPERATIVITA' DEL CENTRO ALLARME INTERBANCARIO - BANCHE DATI - PRIVACY

OPERATIVITA' DEL CENTRO ALLARME INTERBANCARIO - BANCHE DATI - PRIVACY OPERATIVITA' DEL CENTRO ALLARME INTERBANCARIO - BANCHE DATI - PRIVACY Il Centro Allarme Interbancario è stato istituito con Decreto Legislativo 30 dicembre 1999 n 507 ed è stato regolamentato dal decreto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

ABI - Associazione Bancaria Italiana

ABI - Associazione Bancaria Italiana ABI - Associazione Bancaria Italiana Prot. LG/SP 003554 Roma 24 maggio 2002 Assegno e titoli similari (pos. 1001) Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari D.LGS 30 dicembre 1999 n 507 Decreto

Dettagli

(Ludovico Adalberto De Grigiis)

(Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidi: abolizione del ricorso amministrativo e decadenza (Articolo di Ludovico Adalberto De Grigiis) Invalidità civile: stop ai ricorsi amministrativi e decadenza dal diritto trascorsi 6 mesi dalla

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO Per A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in persona del Presidente Nazionale, Sig. Vincenzo Donvito, con sede in Firenze,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI I S T I T U T O S T A T A L E C O M P R E N S I V O G. L a n f r a n c o 6 1 0 1 1 - G A B I C C E M A R E ( P U ) S c u o l e d e l l i n f a n z i a s t a t a l e / p a r i f i c a t a e p r i m a r

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca)

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) PAG 1/5 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) Spettabile IWBank Private Investments Luogo e data

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 A) La convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati è l accordo con cui le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere

Dettagli

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare Dopo la costituzione in giudizio tutte le notificazioni e le comunicazioni si fanno al procuratore costituito, salvo che la legge disponga altrimenti. E sufficiente la consegna di una sola copia dell atto,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti, ai sensi della legge 7 agosto 1990, n 241 e successive modifiche e integrazioni. Il Consiglio Nazionale dei

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ri DELIBERAZIONE N.114 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Loiacono xxx c/ Tiscali Italia xxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Il Tribunale di Catania, riunito in Camera di Consiglio, composto dai seguenti Magistrati: Dr. Antonio Maiorana Dr. Giovanni Dipietro Dr. Concetta

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale

Autorità per le Garanzie Consiglio Regionale Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N. 16 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Alampi c/ Telecom Italia IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta del giorno 28 marzo 2011, svolta presso la

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO SOMMARIO... 2 TITOLI DI CREDITO E PROTESTI La Cambiale... 4 L'assegno... 5 Il Protesto... 6 IL REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI E LA TENUTA DEL REGISTRO Il Registro...

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Prof. Avv Marco Marinaro Membro designato dalla Banca

Dettagli

Consiglio regionale della Calabria

Consiglio regionale della Calabria Consiglio regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/BA DELIBERAZIONE N. 212 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - C.R. MARINO c/ TELECOM /TIM ITALIA. Utenza n.: xxxxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n.

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n. TRIBUNALE CIVILE DI MILANO R.G. N. 11/2013 GIUDICE LA DOTT.SSA MAZZOLETTI Nella causa di Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Tribunale di Mondovì, decreto ingiuntivo n. 375 del 07.06.2004 - Dott. L. Acquarone

Tribunale di Mondovì, decreto ingiuntivo n. 375 del 07.06.2004 - Dott. L. Acquarone Tribunale di Mondovì, decreto ingiuntivo n. 375 del 07.06.2004 - Dott. L. Acquarone Il documento informatico è la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti. La firma elettronica

Dettagli