Relazioni e Bilanci. al 31 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilanci. al 31 dicembre 2006"

Transcript

1 Relazioni e Bilanci al 31 dicembre 2006

2 Sommario 5 anni in breve Avviso di Convocazione di Assemblea Ordinaria e Straordinaria Bilancio dell'energia elettrica Bilancio del gas Cariche sociali Missione del Gruppo IRIDE Struttura del Gruppo IRIDE Lettera agli Azionisti Settori di attività del Gruppo IRIDE Informazioni sui titoli IRIDE RELAZIONE SULLA GESTIONE Situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo IRIDE Situazione economica, patrimoniale e finanziaria di IRIDE S.p.A Linee di sviluppo del Gruppo IRIDE Scenario di mercato e normativo Andamento societario Corporate Governance Informazioni societarie sulle società controllate e partecipate Personale e Organizzazione Ricerca e Sviluppo Qualità, Ambiente e Sicurezza IRIDE e la Sostenibilità Capitale intangibile Gestione finanziaria Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell'esercizio Sistemi informativi Evoluzione prevedibile della gestione Proposte del Consiglio di Amministrazione all'assemblea degli Azionisti BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006 Conto economico Gruppo IRIDE Stato patrimoniale Gruppo IRIDE Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato Rendiconto finanziario consolidato Note esplicative Premessa I. Contenuto e forma del bilancio consolidato II. Principi di consolidamento III. Area di consolidamento IV. Principi contabili e criteri di valutazione V. Risk management VI. Informativa sulle parti correlate VII. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura al 31 dicembre VIII. Altre informazioni IX. Fusione AEM Torino - AMGA - Aspetti contabili X. Informazioni sul conto economico XI. Informazioni sullo stato patrimoniale XII. Garanzie e passività potenziali XIII. Informativa per settori di attività XIV. Allegati al Bilancio consolidato BILANCIO SEPARATO IRIDE S.p.A. AL 31 DICEMBRE 2006 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Rendiconto finanziario Note esplicative al Bilancio separato Premessa Fusione AEM Torino - AMGA - Aspetti contabili I. Struttura e contenuto del Bilancio II. Schemi di Bilancio III. Principi contabili e criteri di valutazione IV. Risk management V. Informativa sulle parti correlate VI. Prospetti di riconciliazione previsti dall IFRS VII. Informazioni sul conto economico VIII. Informazioni sullo stato patrimoniale IX. Garanzie e passività potenziali X. Altre informazioni XI. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura al 31 dicembre XII. Allegati al bilancio separato Relazione del Collegio Sindacale all Assemblea degli Azionisti Sintesi delle deliberazioni dell Assemblea Glossario Transizione ai Principi Contabili Internazionali di AEM Torino S.p.A

3 5 ANNI IN BREVE (*) 2002(*) Dati Economici (milioni di euro) Ricavi Margine operativo lordo Risultato operativo Risultato prima delle imposte Risultato netto di Gruppo e di Terzi Dati Patrimoniali (milioni di euro) Capitale investito netto Patrimonio netto Posizione finanziaria netta (1.105) (1.006) (768) (632) (687) Indicatori economico-finanziari MOL/Ricavi 12,0% 16,5% 16,1% 18,9% 22,2% ROI 7,3% 8,6% 7,6% 7,4% 7,3% ROACE(**) 8,9% 10,6% 9,9% 9,4% 9,1% ROS 7,1% 10,1% 10,4% 11,3% 13,4% ROE(***) 6,4% 8,1% 7,2% 7,2% 6,0% Debt/Equity 0,8 0,8 0,7 0,6 0,8 Dati tecnici e commerciali Energia elettrica venduta (GWh) Energia termica prodotta (GWh t ) Volumetria teleriscaldata (mln m 3 ) Gas venduto (mln m 3 ) Acqua distribuita (mln m 3 ) N.B.: I dati storici utilizzati ai fini della redazione dei dati pro-forma degli esercizi fino al 2005 sono gli schemi di Stato patrimoniale e di Conto economico consolidati al 31 dicembre 2005 del Gruppo AEM Torino e del Gruppo AMGA così come risultano dai bilanci consolidati, approvati dai rispettivi Consigli di Amministrazione. (*) I dati economico patrimoniali relativi agli esercizi 2002 e 2003 contenuti nel prospetto sono valorizzati sulla base dei principi contabili nazionali. (**) Calcolato al netto delle immobilizzazioni finanziarie. (***) Calcolato su capitale e riserve medie del periodo. Ricavi milioni di euro Margine operativo lordo milioni di euro

4 AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA 2 AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA I Signori azionisti sono convocati in Assemblea Ordinaria presso la sede legale in Torino, via Bertola n. 48, per il giorno lunedì 30 aprile 2007 alle ore 10,30, in prima convocazione, ed occorrendo, per il giorno mercoledì 2 maggio 2007, alla stessa ora e nello stesso luogo, in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente: ORDINE DEL GIORNO Parte ordinaria 1. Bilancio d'esercizio - Bilancio Consolidato al / Relazioni degli Amministratori sulla gestione/ Relazione del Collegio Sindacale / Relazioni della Società di Revisione / Delibere relative. Parte straordinaria 2. Proposta di modifiche agli articoli 5, 6, 11, 15, 17, 18, 20 dello Statuto sociale, inserimento di due nuovi articoli ad oggetto Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari e Norme imperative, e relativo adeguamento della numerazione. 3. Varie ed eventuali. Ai sensi dell'art. 12 dello statuto della società hanno diritto di intervenire all'assemblea i titolari di diritto di voto legittimati, ai sensi dell'articolo 2370 codice civile, dalla attestazione ottenuta dall'intermediario incaricato, comprovante il deposito delle azioni in regime di dematerializzazione o di gestione accentrata da almeno due giorni non festivi precedenti la riunione assembleare e comunicata alla Società in conformità alla normativa applicabile. Per la rappresentanza in assemblea valgono le norme di legge. La relazione relativa alla proposta all'ordine del giorno della parte straordinaria sarà depositata presso la sede sociale e la sede della Borsa Italiana S.p.A., a sensi dell'art. 72 comma 1 della delibera Consob 11971/99; sarà inoltre disponibile sul sito della Società all'indirizzo Torino, 31 marzo 2007 Per il Consiglio di Amministrazione Il Presidente Ing. Roberto Bazzano AVVISO DEPOSITO PROGETTO BILANCIO ESERCIZIO 2006 Ai sensi degli articoli 82 e 83 della Delibera Consob 11971/99, si informa che il progetto di bilancio d'esercizio ed il bilancio consolidato al 31 dicembre 2006, approvati dal Consiglio di Amministrazione in data 30 marzo 2007, sono a disposizione di chiunque ne faccia richiesta, presso la Sede Sociale e presso Borsa Italiana S.p.A.. I documenti saranno altresì disponibili sul sito internet sezione Investor Relations. La Relazione del Collegio Sindacale, le Relazioni della Società di Revisione e l'ulteriore documentazione verranno depositate in seguito, nei termini di legge.

5 BILANCIO DELL ENERGIA ELETTRICA BILANCIO DELL ENERGIA ELETTRICA 3 GWh Esercizio Esercizio Variazione % FONTI Produzione lorda ,1 a) Termoelettrica ,2 b) Idroelettrica ,2 c) Produzione da impianti Edipower ,0 Acquisto da Acquirente Unico (2,6) Acquisto energia in Borsa Elettrica ,8 Acquisto energia da grossisti, altri produttori e importazioni ,6 Totale Fonti ,7 IMPIEGHI Vendite a clienti vincolati (3,1) Vendite in Borsa Elettrica (3,4) Vendite a clienti idonei finali e grossisti ,8 Vendite ad altri (a GRTN CIP6) 5 6 (16,7) Pompaggi e perdite di distribuzione ,8 Totale Impieghi ,7

6 BILANCIO DEL GAS 4 BILANCIO DEL GAS milioni di metri cubi Esercizio Esercizio Variazione % FONTI Importazioni (Plurigas) ,3 Acquisto da Grossisti ,3 TOTALE FONTI ,5 IMPIEGHI Gas Commercializzato dal Gruppo ,8 Gas destinato ad uso termoelettrico ,1 TOTALE IMPIEGHI ,5

7 CARICHE SOCIALI CARICHE SOCIALI 5 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ing. Roberto Bazzano Presidente Ing. Roberto Garbati Amministratore Delegato Dott. Lorenzo Borgogni Amministratore Ing. Paolo Cantarella Amministratore Ing. Gianfranco Carbonato Amministratore Sen. Franco Debenedetti Amministratore Dott.ssa Carla Patrizia Ferrari Amministratore Ambasciatore Loic Hennekinne Amministratore Sig. Mario Margini Amministratore Dott. Giovanni Quaglia Amministratore Dott. Alcide Rosina Amministratore On. Stefano Zara Amministratore COLLEGIO SINDACALE Dott. Aldo Milanese Presidente Dott. Giuseppe Lalla Sindaco effettivo Dott. Lorenzo Ginisio Sindaco effettivo Dott. Emilio Gatto Sindaco supplente Dott. Massimo Bosco Sindaco supplente SOCIETÀ DI REVISIONE KPMG S.p.A.

8 MISSIONE DEL GRUPPO IRIDE 6 MISSIONE DEL GRUPPO IRIDE IRIDE nasce nel 2006 come una delle primarie società del settore utility nazionale, con l obiettivo di sviluppare in modo sinergico per il Gruppo i settori dell energia elettrica, gas, calore, acqua, anche tramite ulteriori aggregazioni, fornire servizi con elevati livelli di qualità e a condizioni competitive, creare valore per gli azionisti. La salvaguardia dell ambiente, il raggiungimento dell indipendenza negli approvvigionamenti energetici, il contenimento dei consumi energetici, la promozione dello sviluppo economico e sociale dei territori in cui opera, la soddisfazione dei propri clienti, la valorizzazione e l accrescimento delle competenze e delle capacità del personale rappresentano precisi valori che il Gruppo IRIDE vuole rispettare.

9 STRUTTURA DEL GRUPPO IRIDE STRUTTURA DEL GRUPPO IRIDE 7 Il Gruppo IRIDE, con al vertice la holding industriale quotata IRIDE S.p.A. (sede legale: Torino) articolata in dieci direzioni centrali, svolge attività di direzione e coordinamento nell ambito del Gruppo, attraverso le seguenti società operative controllate al 100%: - IRIDE Energia S.p.A. (sede legale: Torino): svolge, direttamente e/o indirettamente, le attività operative inerenti la produzione, la trasmissione e la distribuzione di energia elettrica e calore. Il Presidente è l avv. Giuliano Gallanti, l Amministratore Delegato è l ing. Roberto Garbati; - IRIDE Mercato S.p.A. (sede legale: Genova): svolge, direttamente e/o indirettamente, le attività operative inerenti l approvvigionamento, l intermediazione e la vendita di gas, energia elettrica ed energia termica. Il Presidente è il prof. Giuseppe Gatti, l Amministratore Delegato è l ing. Roberto Bazzano; - IRIDE Acqua Gas S.p.A. (sede legale: Genova): svolge, direttamente e/o indirettamente, le attività operative inerenti il ciclo idrico e la distribuzione del gas. Il Presidente è la sig.ra Anna Ferrero, l Amministratore Delegato è l ing. Roberto Bazzano; - IRIDE Servizi S.p.A. (sede legale: Torino): svolge, direttamente e/o indirettamente, le attività operative inerenti i servizi agli Enti Locali in genere e la gestione delle infrastrutture per le telecomunicazioni. Il Presidente è l ing. Italo Giorgio Alfieri, l Amministratore Delegato è l ing. Roberto Garbati. 8% 11% 30% 51% 100% 100% 100% 100%

10 LETTERA AGLI AZIONISTI 8 LETTERA AGLI AZIONISTI Signori Azionisti, nel 2006 la Vostra Società ha compiuto un passo di fondamentale importanza realizzando la fusione dei gruppi societari AEM Torino e AMGA. La creazione del Gruppo IRIDE, primo operatore nel settore energetico dell area Nord Ovest, ha posto le basi per un rafforzamento aziendale in tutti i settori, con importanti prospettive di sviluppo sia per linee interne sia per linee esterne. La struttura del Gruppo IRIDE si articola su una holding industriale IRIDE S.p.A. - e quattro società caposettore controllate al 100%: IRIDE Energia, cui fanno capo le attività di produzione di energia elettrica e termica, trasmissione, distribuzione e fornitura dell energia elettrica ai clienti vincolati; IRIDE Mercato, cui fanno capo le attività inerenti l approvvigionamento, l intermediazione e la vendita di gas, energia elettrica e calore; IRIDE Acqua Gas, che gestisce, direttamente e indirettamente, le attività riguardanti il ciclo idrico e la distribuzione del gas; IRIDE Servizi, che gestisce le attività inerenti i servizi tecnologici per gli Enti Locali in genere e la gestione delle infrastrutture in fibra ottica. Lo sviluppo e la crescita del Gruppo IRIDE è avvenuta nel corso del 2006 secondo le seguenti principali direttrici: il raggiungimento della leadership nazionale come città maggiormente teleriscaldata, grazie alla nuova rete di teleriscaldamento di Torino Centro, che nel corso del 2006 ha portato la volumetria teleriscaldata a circa 35 milioni di metri cubi complessivi corrispondenti a quasi abitanti; l integrazione industriale e societaria dell ATO genovese, grazie alla fusione per incorporazione di Genova Acque, Acqua Italia e ADFG, in Nicolay, che ha portato alla costituzione di un unica società per la gestione del Servizio Idrico Integrato nell ATO Genovese e che ha assunto la denominazione di Mediterranea delle Acque S.p.A.; l avvio e la progressiva messa a regime dell impianto idroelettrico di Pont Ventoux Susa, il progetto di investimento italiano più rilevante nel settore, con una potenza installata di 150 MW e una capacità produttiva di oltre 400 milioni di kwh annui; il consolidamento della compagine azionaria della Olt Offshore LNG Toscana S.p.A. circa il progetto di impianto di rigassificazione off-shore al largo delle coste toscane per l importazione di circa 4 miliardi di metri cubi, che si configura come progetto di rilevanza strategica nazionale; l avvio del repowering del 2 Gruppo in Cogenerazione della Centrale di Moncalieri e delle attività propedeutiche al completamento del piano di sviluppo della cogenerazione e del teleriscaldamento nella zona di Torino Nord. La realizzazione di parte del significativo piano di crescita, ha richiesto un impegno finanziario anticipato rispetto ai risultati economici che sono in via di raggiungimento. Dal punto di vista commerciale il Gruppo IRIDE ha aumentato la propria presenza su tutti i mercati di riferimento con: l energia elettrica venduta, pari a circa 13 TWh, di cui circa la metà oggetto di intermediazione; il volume di gas erogato milioni di metri cubi; l acqua venduta, che ha superato 122 milioni di metri cubi; il numero di abitanti serviti dal teleriscaldamento, per una volumetria servita di 35 milioni di metri cubi.

11 Gruppo IRIDE 9 Nonostante una situazione climatica eccezionalmente mite registrata nel 2006 il margine operativo lordo è stato 301 milioni, sostanzialmente stabile rispetto all esercizio precedente che per contro beneficiava di significative componenti straordinarie positive. Il risultato operativo è stato di 179 milioni, il risultato prima delle imposte circa 147 milioni, mentre il risultato netto è pari a 83 milioni. Gli investimenti complessivi sono stati 228 milioni e l indebitamento finanziario netto si è attestato a milioni. Il settore delle local utilities è in fase di forte evoluzione e consolidamento; deregolamentazione e liberalizzazione impongono di affrontare con maggior decisione la pressione competitiva, cogliendo le occasioni di crescita aziendale esogena ed endogena che il nuovo scenario di mercato offre. La creazione di valore per gli azionisti, obiettivo prioritario dell azienda, avverrà lungo le seguenti principali linee strategiche: aumento dell efficienza interna, sfruttando le sinergie rese possibili dalla integrazione di attività e strutture di AEM Torino e AMGA; crescita dei ricavi, da un lato grazie agli ingenti investimenti produttivi realizzati e da realizzare negli anni a venire, dall altro con una maggiore presenza commerciale sui mercati di riferimento; presenza attiva nel processo di consolidamento in corso nei settori di attività sia in ambito nazionale sia nelle aree di tradizionale insediamento. Il conseguimento di questi obiettivi richiede una precisa attenzione ai valori ambientali e un costante miglioramento delle prestazioni al cliente; richiede una parallela crescita professionale e motivazionale dei dipendenti tutti. Il Presidente Ing. Roberto Bazzano L Amministratore Delegato Ing. Roberto Garbati

12 SETTORI DI ATTIVITÀ DEL GRUPPO IRIDE 10 SETTORI DI ATTIVITÀ DEL GRUPPO IRIDE IRIDE ENERGIA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA Il Gruppo IRIDE dispone complessivamente di circa MW di potenza installata, di cui MW direttamente e circa 700 MW tramite Edipower. In particolare, IRIDE Energia ha la disponibilità di 16 impianti di produzione di energia elettrica: 12 idroelettrici e 4 termoelettrici in cogenerazione. La potenza termica complessiva del Gruppo IRIDE è di MW t, di cui il 52% proviene dagli impianti di cogenerazione di proprietà e la parte restante è relativa a generatori di calore convenzionali. La produzione annua di calore, che nel 2006 è stata pari a circa GWh t, è al servizio di quasi abitanti, con una volumetria teleriscaldata pari a circa 35 milioni di metri cubi. TRASMISSIONE DI ENERGIA ELETTRICA IRIDE Energia opera nel campo della trasmissione di energia elettrica tramite la controllata AEM Trasporto Energia, che possiede linee di trasmissione a 220 kv e 132 kv per una lunghezza complessiva di poco superiore a 200 km di terne e 5 stazioni di trasformazione AT/MT. DISTRIBUZIONE E VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI VINCOLATI IRIDE Energia, tramite la controllata AEM Torino Distribuzione, svolge l attività di distribuzione e vendita di energia elettrica a clienti vincolati su tutto il territorio della città di Torino (circa abitanti). Nel 2006 l energia elettrica distribuita è stata pari a circa 3,5 TWh, di cui quella anche venduta agli oltre clienti vincolati è stata oltre 2 TWh. IRIDE MERCATO COMMERCIALIZZAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE Il Gruppo, tramite la caposettore IRIDE Mercato, opera nel campo dell approvvigionamento, dell intermediazione e della vendita a clienti idonei di energia elettrica e gas ed è operativa nella Borsa Elettrica. IRIDE Mercato si occupa della pianificazione della produzione e dell acquisto di energia elettrica per il Gruppo. La dinamica strategia commerciale sul mercato libero messa in atto ha permesso di gestire nel 2006 circa 1,8 miliardi di metri cubi di gas naturale. Nel settore elettrico, invece, il volume complessivo di energia venduta nel 2006 è stato di circa 11 TWh. I clienti finali, diretti o tramite rivenditori gestiti da IRIDE Mercato sono oltre distribuiti su oltre punti di fornitura.

13 Gruppo IRIDE 11 IRIDE ACQUA GAS SERVIZI IDRICI INTEGRATI La caposettore IRIDE Acqua Gas, tramite le tre società operative controllate Mediterranea delle Acque, Am.Ter e Idro-Tigullio, si occupa della gestione dei servizi idrici nella Provincia Genovese, servendo abitanti. Inoltre, nel corso del 2006, vi è stato l affidamento definitivo alla controllata SAP della gestione trentennale del servizio idrico integrato nella provincia di Palermo (82 Comuni, 1,2 milioni di abitanti). Ad oggi, IRIDE Acqua Gas si configura come uno dei maggiori operatori nazionali nel settore, erogando quantitativi d acqua pari a 122 milioni di metri cubi nel RETI GAS IRIDE Acqua Gas distribuisce gas nel bacino di Genova, di Cassino e di Battipaglia (tramite AQUAMET) e nel comune di Grosseto (tramite GEA S.p.A.). IRIDE SERVIZI SERVIZI AGLI ENTI LOCALI E GLOBAL SERVICE IRIDE Servizi fornisce alla città di Torino il servizio di illuminazione pubblica, il servizio semaforico, la gestione degli impianti termici ed elettrici negli edifici comunali e la gestione in Global Service del Palazzo di Giustizia di Torino. Le infrastrutture telematiche e la connettività nelle città di Torino e Genova sono gestite rispettivamente dalle controllate AEMNet e SasterNet. AES TORINO Le attività di teleriscaldamento e distribuzione del gas nel capoluogo piemontese sono svolte da AES Torino (controllata al 51% da IRIDE S.p.A.), che possiede una delle più estese reti di teleriscaldamento a livello nazionale, circa 335 km di doppia tubazione. La rete del gas serve circa clienti finali e si estende per km, mentre gli allacciamenti raggiungono km. PLURIGAS Plurigas, controllata al 30% da IRIDE S.p.A., svolge l attività di trading di gas naturale, tramite l approvvigionamento in ambito internazionale, la gestione dei servizi di trasporto con l estero.

14 INFORMAZIONI SUI TITOLI IRIDE 12 INFORMAZIONI SUI TITOLI IRIDE FUSIONE TRA AEM TORINO E AMGA In data 31 ottobre 2006 a seguito dell efficacia giuridica della fusione per incorporazione di AMGA in AEM Torino si sono verificati i seguenti eventi: la società incorporante AEM Torino ha assunto la denominazione IRIDE S.p.A.; le azioni ordinarie di IRIDE S.p.A. (già AEM Torino) sono state assegnate in concambio agli azionisti di AMGA in ragione di 0,85 azioni ordinarie IRIDE S.p.A., ogni azione ordinaria AMGA. Dal giorno 1 novembre sono quotate le azioni IRIDE, mentre il titolo AMGA è stato revocato dalla quotazione; le azioni ordinarie AEM Torino in possesso della Finanziaria Città di Torino S.r.l. (società totalitariamente partecipata dal Comune di Torino) sono state convertite in azioni di risparmio non quotate; il capitale sociale di IRIDE S.p.A. è aumentato, a servizio delle azioni AMGA concambiate, di Euro ,00, suddiviso in azioni ordinarie dal valore nominale di euro 1,00. ANDAMENTO NEL 2006 DELLE AZIONI IRIDE Le azioni IRIDE (che erano fino al 31/10/2006 le azioni AEM Torino), quotate sul Mercato Telematico Azionario Italiano nel segmento Blue-Chip, hanno registrato una crescita di valore da inizio anno del 21,5%, a fronte di una crescita del 19,1% del Mibtel, l indice guida delle azioni quotate sul listino della borsa di Milano. A fine anno il titolo ha registrato un prezzo ufficiale di 2,471 euro per azione contro un valore a fine 2005 pari a 2,033 euro per azione. Alla fine del 2006 la capitalizzazione di borsa di IRIDE, ovvero il valore complessivo delle azioni quotate, era pari a milioni di euro. Tale capitalizzazione non include il valore delle azioni di risparmio, in quanto non quotate. Attribuendo a tali azioni un valore di mercato pari al valore delle azioni ordinarie quotate la capitalizzazione a fine 2006 sarebbe pari a milioni di euro. Andamento del titolo IRIDE e del MIBTEL nel % Volumi (n. azioni IRIDE scambiate giornalmente) % % % % % % % % % 0-20% 30 dic 10 feb 24 mar 10 mag 21 giu 02 ago 14 set 26 ott 07 dic Variazione % del prezzo Volumi scambiati - Azioni IRIDE (fino al AEM Torino) Azioni IRIDE (fino al AEM Torino) Mibtel Nel 2006 il valore massimo del titolo IRIDE è stato di 2,566 euro, registrato in data 5 dicembre, a fronte di un minimo pari a 1,899 euro per azione registrato in data 22 giugno. Il valore medio annuo è stato pari a circa 2,275 euro per azione, mentre i volumi complessivamente scambiati nel 2006 ammontano a 145 milioni, in crescita del 17% rispetto a 124 milioni scambiati nel 2005, con una media giornaliera di circa 574 migliaia di azioni trattate.

15 Gruppo IRIDE AZIONI DI RISPARMIO Le Azioni di Risparmio IRIDE, in possesso della Finanziaria Città di Torino, non sono quotate, sono prive di diritto di voto e, salvo il diverso ordine di priorità nella ripartizione dell attivo netto residuo in caso di scioglimento della società, hanno la stessa disciplina delle azioni ordinarie. L Accordo dei Comuni, stipulato tra il Comune di Genova e Finanziaria Sviluppo Utilities, da una parte, e il Comune di Torino e Finanziaria Città di Torino, dall altra, stabilisce che quest ultima non potrà trasferire le Azioni di Risparmio per un periodo di due anni dalla data di efficacia della Fusione, ovvero dal 31 ottobre Inoltre, in caso di cessione di tali azioni da parte di Finanziaria Città di Torino, Finanziaria Sviluppo Utilities gode di un diritto di prelazione. Infine, in caso di cessione le azioni di risparmio saranno convertite automaticamente, alla pari, in azioni ordinarie. 13 ANDAMENTO DEI WARRANT IRIDE NEL 2006 I warrant sono stati emessi a seguito dell offerta in opzione effettuata da AEM Torino nel Dal 1 di ottobre 2003 i possessori dei Warrant AEM Torino avevano il diritto a sottoscrivere azioni AEM Torino al prezzo di 1 euro, nel rapporto di una azione ogni due warrant. A far tempo dalla data di efficacia della fusione (31/10/2006) i warrant, che hanno assunto la denominazione di Warrant IRIDE , danno il diritto ai loro possessori di sottoscrivere azioni IRIDE alle stesse condizioni disciplinate precedentemente la fusione, ovvero al prezzo di 1 euro e nel rapporto di una nuova azione (IRIDE) ogni due warrant. Nel corso del 2006 i warrant sono stati scambiati sul mercato telematico azionario a un prezzo medio di 0,638 euro, con un valore massimo pari a 0,7988 euro ed un valore minimo pari a 0,4834 euro. Nel corso del 2006 sono stati scambiati 38 milioni di warrant. Andamento del Warrant IRIDE nel % Volumi (n. warrant IRIDE scambiati giornalmente) % 30% 20% 10% 0% -10% Variazione % del prezzo 0 30 dic 10 feb 24 mar 10 mag 21 giu 02 ago 14 set 26 ott 07 dic -20% Volumi scambiati - Warrant IRIDE (fino al AEM Torino) Warrant IRIDE (fino al AEM Torino) Rispetto al 31 dicembre 2005 i warrant hanno registrato una performance positiva del 44%. Nel corso del 2006 sono state sottoscritte azioni a fronte dell esercizio di warrant, mentre dall inizio del periodo di esercizio del warrant (1 ottobre 2003) al 31 dicembre 2006 è stato convertito l 86,8% del totale dei warrant emessi. In particolare si segnala che nel mese di marzo 2006 il Comune di Torino e la Finanziaria Città di Torino s.r.l. hanno esercitato il diritto di sottoscrizione di azioni AEM Torino e hanno convertito i n Warrant AEM Torino di loro proprietà (rispettivamente n del Comune e n della Finanziaria Città di Torino s.r.l.).

16 INFORMAZIONI SUI TITOLI IRIDE 14 Per effetto del sopra menzionato esercizio sono state assegnate in sottoscrizione, con efficacia il 22 marzo 2006, al Comune di Torino e alla Finanziaria Città di Torino s.r.l., rispettivamente n e n azioni AEM Torino. A seguito dell esercizio dei warrant e dell aumento di capitale a servizio della fusione con AMGA, al 31 dicembre 2006 il capitale sociale di IRIDE era pari a euro, suddiviso in azioni ordinarie quotate e azioni di risparmio non quotate. EVOLUZIONE Capitale sociale/ Warrant in circol./ % Warrant eserc./ DEL CAPITALE SOCIALE azioni (euro; n. azioni) esercitati (n. warrant) Warrant emessi Capitale sociale al 31/12/ Aumento di capitale giugno ,0 Esercizio warrant ( ) Capitale sociale al 31/12/ ,4 Esercizio warrant ( ) Capitale sociale al 31/12/ ,3 Esercizio warrant ( ) Capitale sociale al 31/12/ ,6 Esercizio warrant dal 1/01/06 al 31/10/ ( ) Aumento di capitale a servizio della fusione Capitale sociale al 31/10/2006 (data di efficacia fusione) ,0 Esercizio warrant dal 1/11/06 al 31/12/ ( ) Capitale sociale al 31/12/ ,8 Come previsto dal Regolamento dei Warrant, l esercizio dei warrant è stato sospeso dal 22 marzo 2006, data di riunione del Consiglio di Amministrazione che ha convocato l Assemblea dei Soci per deliberare sulla distribuzione di dividendi, all 8 maggio 2006, data di stacco del dividendo relativo all esercizio Nel mese di maggio 2006 AEM Torino e AMGA hanno distribuito dividendi, relativi all esercizio 2005, pari rispettivamente 0,03345 per azione AEM Torino e a 0,028 per ciascuna azione AMGA. PER GLI AZIONISTI E I POSSESSORI DI WARRANT Contatti Ufficio Investor Relations tel Sito internet Azioni ordinarie Codice ISIN IT Ticker Reuters IRD.MI Ticker Bloomberg IRD IM Warrant Codice ISIN IT Ticker Reuters WIRD.MI Ticker Bloomberg WIRD IM

17 Gruppo IRIDE OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO PROMOSSA DA FINANZIARIA SVILUPPO UTILITIES Come previsto dall Accordo Quadro stipulato in data 30 gennaio 2006 tra il Comune di Torino e Finanziaria Città di Torino (società integralmente posseduta dal Comune di Torino), da una parte, e il Comune di Genova e FSU (società all epoca integralmente posseduta dal Comune di Genova) dall altra parte, con l efficacia della fusione FSU ha acquisito il controllo di IRIDE S.p.A. attraverso il conferimento di azioni da parte dei rispettivi Comuni e attraverso l acquisto di ulteriori azioni dal Comune di Torino. In data 26 ottobre 2006 la Consob ha comunicato al Comune di Genova e al Comune di Torino che con l efficacia della fusione sarebbe sorto l obbligo per FSU di promuovere un offerta pubblica di acquisto totalitaria, ai sensi dell art 106 del Testo Unico della Finanza, essendo la stessa FSU venuta a detenere una partecipazione superiore alla soglia del 30% del capitale sociale dell Emittente. In data 8 novembre 2006 l assemblea ordinaria di FSU ha preso atto di quanto deliberato da Consob in data 26 ottobre 2006 ed ha approvato di promuovere un offerta pubblica di acquisto totalitaria ai sensi degli articoli 102 e 106 del Testo Unico della Finanza sulle azioni ordinarie di IRIDE non ancora possedute verso il corrispettivo di Euro 2,1247 ciascuna. In pari data l Offerente ha diffuso un comunicato al mercato ai sensi dell articolo 114 del Testo Unico della Finanza e dell articolo 66 del Regolamento 11971/1999. In data 16 dicembre 2006 Finanziaria Sviluppo Utilities ha pubblicato il documento d offerta avente ad oggetto n azioni ordinarie IRIDE S.p.A. oltre a massime n azioni che avrebbero potuto essere emesse a fronte dell eventuale esercizio dei Warrant IRIDE S.p.A in azioni ordinarie IRIDE S.p.A. ad un corrispettivo unitario offerto di euro 2,1247 per ciascuna azione. L ammontare di tale corrispettivo è stato determinato dalla offerente applicando il criterio previsto dall articolo 106, 2 comma del Testo Unico della Finanza, secondo il quale l offerta pubblica di acquisto di azioni quotate deve essere promossa ad un prezzo non inferiore alla media aritmetica tra: (i) il prezzo medio ponderato di mercato delle azioni nei dodici mesi precedenti all 8 novembre 2006 (pari a euro 2,2090 per azione) e (ii) il prezzo più elevato risultante dal corrispettivo pattuito per l acquisto delle azioni di AEM Torino e di AMGA (pari a euro 2,0404 per azione). L Offerta Pubblica di Acquisto, che è durata dal 19 dicembre 2006 al 16 gennaio 2007, si è conclusa con l apporto in adesione alla medesima di azioni, pari al 0,1301% del numero di azioni oggetto della stessa ed al 0,0481% del capitale sociale sottoscritto e versato da IRIDE per un controvalore complessivo pari ad Euro Si rileva che durante il periodo di offerta, il prezzo delle azioni IRI- DE ha continuato ad essere scambiato in borsa a valori superiori al prezzo di offerta: il prezzo medio delle azioni IRIDE dal 19 dicembre 2006 al 16 gennaio 2007 è stato pari a 2,4742 euro per azione a fronte di un corrispettivo offerto di Euro 2,1247 per azione. FSU ha comunicato, ai sensi della normativa sull internal dealing (art. 152-octies, comma 7 del Regolamento 11971/1999), di aver ricollocato sul mercato in data 18 gennaio 2007 le azioni acquisite nell ambito dell Offerta. 15

18

19 17 RELAZIONE SULLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2006 IRIDE S.p.A. Via Bertola, Torino Capitale sociale interamente versato euro Registro Imprese di Torino n Codice Fiscale e partita IVA n

20 SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA 18 SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO IRIDE CRITERI ADOTTATI NELLA PREDISPOSIZIONE DEGLI SCHEMI DI BILANCIO RICLASSIFICATI Al fine di fornire una rappresentazione chiara ed esaustiva dei principali indicatori economici e patrimoniali relativi al Gruppo IRIDE, nella presente relazione sulla gestione sono pubblicati schemi di bilancio riclassificati che si differenziano dagli schemi di bilancio previsti dallo IAS1. I prospetti di riconciliazione tra gli schemi riclassificati e gli schemi previsti dallo IAS1 sono contenuti nell Allegato Riconciliazione prospetti di bilancio IAS/IFRS con prospetti riclassificati delle Note Illustrative. SITUAZIONE ECONOMICA RICAVI I ricavi consolidati del Gruppo IRIDE hanno raggiunto milioni, con un incremento del 38% rispetto al 2005 determinato dalla crescita in tutti i settori di attività. Complessivamente l energia elettrica venduta è stata pari a 13 TWh (+14%) e ha determinato ricavi per milioni (+43%), che risentono anche della crescita dei prezzi petroliferi. In particolare sul mercato libero sono stati intermediati circa 11 TWh, con un incremento del 17% rispetto a 9 TWh del I ricavi per gas hanno superato 587 milioni (+68%), grazie allo sviluppo commerciale nei confronti di grandi clienti (industriali, termoelettrici e ospedalieri). La crescita della presenza del Gruppo IRIDE nel servizio idrico integrato dell ATO genovese ha consentito di più che raddoppiare i ricavi, che hanno superato 136 milioni. I ricavi per teleriscaldamento hanno raggiunto circa 92 milioni (+8%). Tale variazione risente positivamente dell aumento della volumetria servita determinato dallo sviluppo del teleriscaldamento nella città di Torino (zona Centro). I ricavi da prestazione di servizi hanno raggiunto 119 milioni. Ricavi milioni di euro (*) 2003 (*) (*) I dati relativi agli anni 2002 e 2003 sono valorizzati sulla base dei principi contabili nazionali.

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli