SISTEMI PER L ACCESSO L INFORMAZIONI. Gabriella Pasi. Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI PER L ACCESSO L INFORMAZIONI. Gabriella Pasi. Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca 336 e-mail: pasi@disco.unimib."

Transcript

1 SISTEMI PER L ACCESSO L A INFORMAZIONI Gabriella Pasi Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca

2 Programma del corso 1. Introduzione Il problema dell accesso a informazioni/beni/servizi pertinenti a necessità di utenti Tipologie di sistemi per l'accesso a informazioni (DBMS, Sistemi di Information Retrieval, Sistemi di Information Filtering, Sistemi Question Answering) Il concetto di Rilevanza, la sua soggettività, probabilità e parzialità. Valutazione sperimentale di sistemi per l accesso a informazioni: efficienza, efficacia 2. I sistemi di Information Retrieval Struttura di un sistema di IR Il processo di indicizzazione: Full Text Indexing Strutture dati per organizzazione di indici Modelli di IR Information Retrieval su Web

3 Programma del corso (segue) Tesauri Algoritmi di clustering Relevance Feedback 3. I sistemi di Information Filtering Profili utente Content-based Information Filtering Collaborative Filtering 4. Geographic Information System 5. Valutazione di sistemi di IR Efficienza ed efficacia

4 Libri di testo per IR Non esiste un unico libro di testo che possa essere considerato completamente soddisfacente. I testi considerati per questo corso sono i seguenti (in ordine di preferenza): Ricardo Baeza-Yates e Berthier Ribeiro-Neto, Modern information retrieval, Addison Wesley, Reading, US, Soumen Chakrabarti, Mining the Web, Morgan Kaufmann, San Francisco, US, Ian H. Witten, Alistair Moffat, and Timothy C. Bell, Managing gigabytes, 2nd Edition, Morgan Kaufmann, San Francisco, US, 1999.

5 Libri di testo per IR Modern Information Retrieval, R. Baeza-yates and B. Ribeiro-Neto., Addison-Wesley and ACM Press, 1999, ISBN: X Christopher D. Manning, Prabhakar Raghavan and Hinrich Schütze tze, Introduction to Information Retrieval,, Cambridge University Press www-csli.stanford.edu/~schuetze/information-retrieval- book.html

6 Problema dell accesso a informazioni pertinenti a specifiche necessità Problema vecchio in Informatica. Ha assunto grande importanza con la nascita e lo sviluppo del WWW Enorme e crescente quantità di informazioni disponibili Necessità di sistemi che supportino un efficiente ed efficace reperimento di informazioni pertinenti a specifiche necessità.

7 Il problema dell accesso automatico a informazioni Sviluppo di sistemi che aiutino l utente a localizzare informazioni rilevanti (pertinenti) alle loro necessità (informare: ridurre l ignoranza). La definizione di tali sistemi è basata sulla soluzione di un problema decisionale: come identificare e ordinare informazione che soddisfi le preferenze dell utente? Occorre: * interpretare il contenuto di testi, immagini, video, audio * interpretare le esigenze dell utente Ruolo centrale della nozione di rilevanza: la rilevanza è una proprietà soggettiva: difficile da definire e da misurare!

8 Principali tipologie di sistemi per l accesso a informazioni Sistemi di Information Retrieval (Motori di ricerca) La formulazione di una query Richiedono Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Richiedono La formulazione di una query Sistemi di Information Filtering Profili utente, cioè descrizioni di esigenze specifiche Richiedono dinamicamente aggiornate, anche sulla base del comportamento dell utente (NO QUERY)

9 Modalità di reperimento delle informazioni Tecnologia Pull L utente richiede esplicitamente le informazioni in modalità interattiva 3 modalità Browsing (ipertesti) Retrieval (sistemi di IR) Browsing e retrieval (librerie digitali e ricerche su web) Tecnologia Push L utente viene automaticamente aggiornato con informazioni di possibile interesse agenti software esempio: servizi di news, e-commerce filtering fornisce all utente informazioni rilevanti per un utilizzo differito

10 Definizione di Informazione Nel 1948 Claude Elwood Shannon ( ) pubblica la monografia A Mathematical Theory of Comunication che è un primo contributo all'inquadramento teorico del problema del trasferimento dell'informazione. L'informazione è legata alla capacità di estrapolare notizie dall'ambiente per poterle poi riutilizzare per conquistare una posizione di vantaggio. DEF 1: Informare: dare forma a qualcosa eliminare l incertezza, l ignoranza DEF 2: acquisizione di contenuto trasferito da un soggetto ad un altro DEF 3: un insieme di dati + loro interpretazione dato elemento di informazione L informazione produce una variazione di conoscenza

11 Definizione di Informazione I dati sono quindi fatti elementari, informazioni codificate, che hanno bisogno di essere interpretate per arricchire la conoscenza Esempio dati: Marco Pagani 4261 Informazione = dati + interpretazione Domanda implicita: a) Chi è l esercitatore del corso? Qual è il suo n di tel.? b) Qual è il Nome del dipendente? Qual è il suo stipendio? Nei sistemi per la gestione di basi di dati le informazioni vengono rappresentate in modo essenziale, dai dati e da uno schema concettuale che permette la loro interpretazione

12 Gestione automatica dell informazione TESTI espressi in linguaggio naturale FORMA DELL INFORMAZIONE SUONI e Registrazioni audio e video GRAFICI en IMMAGINI, MAPPE NUMERI, CODICI, SEGNALI GESTIONE AUTOMATICA DELL'INFORMAZIONE Problema tecnico: come rappresentare e manipolare l'informazione negli elaboratori? efficienza Problema semantico: il modo in cui l'informazione viene sintetizzata e memorizzata conserva il suo significato originario? efficacia

13 Dati relativi al Non strutturati Strutturati Volume delle informazioni Valore delle informazioni

14 Dati relativi al Non Strutturati Strutturati Volume di imformazioni Valore delle informazioni

15 Sistemi di Information Retrieval e Sistemi per la gestione di basi di dati Motivazioni I DBMS sono nati dalla necessità di gestire crescenti quantità di dati relativi ad applicazioni aziendali tradizionali I sistemi di IR sono nati dalla necessità di gestire, classificare, reperire libri e articoli in biblioteche/librerie grandi quantità di testi

16 Sistemi di Information Retrieval Sistemi per la gestione di basi di dati DBMS Reperimento di dati che soddisfano condizioni di selezione rigide, espresse mediante un linguaggio di interrogazione (V,F) Semantica dei dati e delle condizioni ben definita Una singolo dato erroneo implica il fallimento della ricerca! Information retrieval Reperimento di informazioni circa un argomento o un tema Semantica delle richieste e dei documenti vaga. Piccoli errori nei risultati sono tollerabili Un Sistema di IR : interpreta il contento di documenti costruisce una rappresentazione genera un ordinamento (ranking) che riflette la rilevanza stimata Concetto di rilevanza molto importante

17 Sistemi per la gestione di basi di dati Modello dei dati DATI DBMS A B C APPLICAZIONI Caratteristiche: Schema (descrizione intensionale della struttura dei dati ) Istanze (descrizione estensionale del valore attuale dei dati) Modello di dati (permette di rappresentare i dati in modo indipendente dal sistema): relazionale orientato ad oggetti Gerarchico, ecc

18 Definizione di Information Retrieval Due componenti principali Sorgente di informazioni = archivio di documenti Decision making Qualcuno con necessità di informazioni Interpretazione soggettiva Interpretazione soggettiva terza componente Intermediario che interpreta le necessità informative dell utente e stima la rilevanza dei documenti rispetto a tali necessità.

19 Definizione di Information Retrieval IR is the name for the process or method whereby a prospective user of information is able to convert his need for information into an actual list of citations to documents in storage containing information useful to him. (... ). IR embraces the intellectual aspects of the description of information and its specification for search, and also whatever systems, techniques, and machines that are employed to carry out the operation. [Mooers 1951]. IR è la disciplina informatica che si occupa della memorizzazione e del reperimento di documenti; il suo obbiettivo è la realizzazione di sistemi software che permettano la memorizzazione di ingenti quantità di documenti in un archivio, in modo tale da permettere un efficiente reperimento dei documenti rilevanti alle necessità informative degli utenti.

20 Glossario Documento (d): unità di informazione reperibile, espressa in formato libero (senza l applicazione di schemi o formati specifici). I documenti hanno un contenuto informativo. IR TESTUALE articoli scientifici, lettere, articoli di quotidiani, legende di immagini o grafici, trascrizioni di audio IR MULTIMEDIALE immagini, grafici, audio (parlato o non parlato), o video,..., memorizzato in formato digitale Archivio (D) : insieme di documenti accessibili per mezzo di un IRS; può essere statico (p.e. CD-ROM) o dinamico (p.e. librerie digitali e il Web), centralizzato o distribuiti Ingente dimensione: i sistemi distribuiti e la diffusione di supporti di memoria come i CD-ROM hanno permesso la creazione di grandissime basi di documenti (archivi) (p.e. da 10 6 a 10 9 di documenti). Questa è la dimensione tipica degli archivi gestiti in IR; Necessità infomativa (q): una necessità di informazione utile alla soluzione di un problema, o di risorse utili per un dato obiettivo; Rilevanza (RSV o Retrieval Status Value): pertinenza, utilità di un documento in accordo all opinione dell utente, rispetto a una query.

21 Information Retrieval Finalità: rappresentazione, memorizzazione, organizzazione, e accesso a elementi d informazione (documenti testuali o multimediali) Problemi: Problemi la rappresentazione del contenuto informativo dei documenti (consideremo documenti testuali) l interpretazione delle necessità informative dell utente Esempio: trova tutti i documenti contenenti informazioni relative alla diagnosi delle malattie esantematiche nei bambini a cura di associazioni pediatriche italiane Obiettivo primario di un sistema di IR : Reperire tutti i documenti che sono rilevanti per l utente trascurando i documenti non rilevanti.

22 Sistema di Information Retrieval Necessità Informative Query Documenti reperiti Documents Informazioni stimate rilevanti per l utente Soggettività!!!! Sistema di Information Retrieval Obbiettivo primario di un sistema di IR: Reperire tutti i documenti che sono rilevanti per l utente e minimizzando il reperimento di documenti non rilevanti. COME???

23 Struttura base di un IRS ARCHIVIO DI DOCUMENTI INDICIZZAZIONE Tipicamente testi non strutturati o semistrutturati RAPPRESENTAZIONE FORMALE DEI DOCUMENTI Off line DOCUMENTI STIMATI RILEVANTI MECCANISMO DI MATCHING On line FORMULAZIONE DELLA QUERY RAPPRESENTAZIONE DELLA QUERY Un IRS è basato su un modello matematico

24 Componenti di un Sistema di Information Retrieval Archivio di documenti il documento è l'unità di informazione reperibile. Può essere costituito da un testo in forma narrativa (testuale) o essere composto da parti narrative, pittoriali, codificate, etc. (multimediale); Rappresentazione formale dei documenti sintetizza il contenuto informativo dei documenti. E ottenuta mediante il processo indicizzazione; Linguaggio di query in una query sono espresse le condizioni per la selezione dei documenti di interesse per l'utente; Meccanismo di Confronto (matching) confronta la rappresentazione dei Documenti archiviati con le condizioni di selezione espresse nella query.

25 Information Retrieval: le radici dei motori di ricerca. I motori di ricerca sono sistemi software intensivamente usati su Web. Cio che molti non sanno è che essi rappresentano la punta dell iceberg dell Information Retrieval, una disciplina fondata alla fine degli anni sessanta. Motori di ricerca Information Retrieval

26 Ricerca su Web e Information Retrieval Classica ricerca in IR 1970s 1980s 1990s 2000s.sopraggiunge il web web searching

27 Modelli di IR Un sistema di IR è basato su un modello matematico che fornisce una descrizione formale: Del documento Della query Del modo in cui confrontare rappresentazioni di query e documenti per effettuare una stima della rilevanza dei documenti e produrre la lista dei documenti stimati rilevanti. N.B. un sistema di IR semplifica la realizzazione dell attività di retrieval i risultati prodotti non sono «perfetti» (stima di rilevanza) Va notato che l uso della stessa tecnica di rappresentazione di documenti e query garantisce un matching corretto;

28 Il processo di indicizzazione Problema: come descrivere il contenuto semantico di un documento in un modo automaticamente gestibile? Il pocesso di indicizzazione è basato sull estrazione di elementi (feature) che costituiscono la base della descrizione (rappresentazione) del documento. Per i testi tali elementi (detti indici) sono generalmente parole. I documenti sono rappresentati come insiemi (pesati) di parole. (!! Idea concepita negli anni 60 e ancora di punta!!!!) {Information, retrieval, computer, science, discipline, keywords } The experimental evidence accumulated over the past 20 years indicates that text indexing systems based on the assignment of appropriately weighted single terms produce retrieval results that are superior than those obtainable with other more elaborate text representations. These results depend crucially on the choice of effective term-weighting systems. (Salton, 1988)

29 Formulazione di richieste (linguaggi di interrogazione) Query semplici Generalmente composte di due o tre, fino a un massimo di 10-12, parole (keywords) es., ricerche su web Query Booleane Es. neural networks AND immagini Query con contesto operatori di prossimità, frasi di ricerca Query sul contenuto e sulla struttura Query in Linguaggio Naturale L utente sintetizza le sue necessità informative mediante parole chiave

30 IR: Confronto tra rappresentazione dei documenti e query SCOPO: Reperire i documenti rilevanti per l utente, ossia pertinenti rispetto alle necessità informative espresse in una query (la rilevanza di un documento e relativa alla query formulata). Confronto esatto: Rilevante/ Non Rilevante Confronto parziale: Basato su un confronto parziale tra documento e query (ad. es. similarità misura della vicinanza della query al documento) I documenti sufficientemente vicini alla query vengono reperiti. E necessario definire un metodo per valutare la rilevanza (dipende dal modello di Informazion Retrieval)

31 Misure di Efficacia del Retrieval Precisione = Rilevanti e Reperiti Reperiti Richiamo = Rilevanti e Reperiti Rilevanti

32 Information Filtering - caratteristiche Non è richiesta una partecipazione esplicita dell utente (le informazioni da analizzare vengono confrontate col suo profilo automaticamente) Information Retrieval (pull) definizione di una query necessità immediata Information Filtering (push) definizione di un profilo utente dinamico necessità informative a lungo termine

33 Schema di un sistema di Information Filtering

34 Tipologie of Information Filtering Esistono diversi tipi di sistemi di filtering: Content-based filtering: il filtraggio viene effettuato sulla base di un analisi del contenuto informativo del documento Collaborative filtering: il filtraggio di documenti/beni/servizi avviene per mezzo di un analisi del loro utilizzo da parte di utenti (l approccio collaborativo analizza il comportamento dei fruitori degli oggetti da filtrare) Category-based filtering: si filtrano categorie di documenti (necessario l utilizzo preliminare di un algoritmo di clustering)

35 Difficoltà dell Information Retrieval L Information retrieval è caratterizzato da: Incompletezza della rappresentazione dei documenti soggettività del concetto di rilevanza Ambiguità del significato dei termini Vaghezza delle richieste utente Incertezza della correttezza del risultato Approssimazione del meccanismo di confronto E un attività che necessita di essere modellata con strumenti formali adatti a trattare imprecisione e incertezza IR deve cercare di soddisfare necessità di informazione espresse in modo vago, impreciso mediante le ambiguità del linguaggio naturale, e deve confrontarle, in un modo approssimativo con le informazioni contenute in un documento, ed espresse mediante lo stesso linguaggio naturale. (Smeaton, 1997)

36 Documenti : caso + semplice Unità reperibili di Dimensione arbitraria testo in formato libero codifica EBCDIC, ASCII (8 bit), UNICODE (16 bit) ecc. lingua composto da stringhe di caratteri di un alfabeto ecc; Es. sequenze del genoma, formule di composti chimici, Parole in linguaggio naturale Esempi articoli di quotidiani, di riviste, messaggi, lettere, referti medici, pagine web, ecc..

37 Caratteristiche dei Documenti documento stile sintassi Testo + struttura + altri media (immagini, suoni,..) + metadati semantica

38 Cos è un documento? metadati semantica stile

39 Metadati Tratto da Metadata is information about information - labeling, cataloging and descriptive information structured in such a way that allows pages to be properly searched and processed in particular by computer. In other words, what is now very much needed on the Web is metadata. W3C's Metadata Activity is concerned with ways to model and encode metadata. A particular priority of W3C is to use the Web to document the meaning of the metadata. Our strong interest in metadata has prompted development of the Resource Description Framework (RDF) and Ontology Web Language (OWL) as W3C Recommendations

40 Definizioni Documenti [semi]-strutturati Un documento strutturato è composto da sezioni distinte, testuali o multimediali, di lunghezza variabile. Le sezioni sono sequenze di caratteri omogenee rispetto all argomento che trattano. Gli archivi di documenti strutturati, sono collezioni di documenti che hanno una struttura rigidamente fissata, archivi semi-strutturati sono caratterizzati da irregolarità nella struttura, ad esempio i documenti su web. Si assume che ciascun documento contenga un numero prefissato di sezioni comuni a tutti (es: URL, Titolo, Testo). Documenti non strutturati Documenti semi strutturati Documenti strutturati

41 Documenti con struttura omogenea Documento: è una sequenza di sezioni (campi) fissi non sovrapposti Es: una mail ha i seguenti campi: sender, receiver, date, subject e un corpo. data text campi text text I campi sono delimitati dai tag (per l individuazione)

42 Formati dei Documenti semi-strutturati I documenti [semi]-strutturati di una collezione sono conformi a un modello di dati semistrutturati (Abiteboul et al. 2000) Un modello di dati semistrutturati è definito mediante un metalinguaggio. Ad es. un documento scritto in HTML è un istanza di un modello di dati semistrutturati I documenti [semi]-strutturati possono essere rappresentati da grafi diretti in cui i nodi sono le sezioni (sottoparti del documento) e le connessioni tra nodi le relazioni tra le sottoparti.

43 Linguaggi per la codifica di documenti semi-strutturati I linguaggi di markup sono stati definiti per permettere di descrivere mediante comandi testuali inseriti nel testo di un documento istruzioni di formattazione, di strutturazione, e attributi del testo. SGML (Standard Generalized Markup Language ISO 8879) è il metalinguaggio standard per la definizione di linguaggi di markup. Le istruzioni di marcatura sono chiamate Tag e delimitano la parte di testo a cui sono applicate

44 Linguaggi di codifica di documenti semi-strutturati HTML è un istanza di SGML ed è diffuso su web per la rappresentazione di documenti strutturati; tuttavia permette una strutturazione sintattica e non semantica dell informazione. I tag hanno la funzione di definire l aspetto tipografico del testo anche se spesso sono usati per caratterizzare una struttura semantica implicita del documento XML (extensible Markup Language) e' un sottoinsieme di SGML adatto a rappresentare documenti strutturati concepiti come aggregazioni di unità indipendenti, chiamate entità o oggetti, che contengono l'informazione. Ci sono diverse istanze (specilizzazioni di XML) a contesti applicativi es. NewsML per notizie giornalistiche, GML per dati georiferiti ecc)

45 Documenti semi-strutturati in XML Specifiche di XML in Italiano tradotte dal sito W3C 1) Si definiscono dei vincoli sulla possibile struttura dei documenti XML di una collezione 1) A tale scopo si crea il DTD (Document Type Definition) (La specifica del DTD è opzionale in XML) Lo scopo di un Document Type Definition (definizione del tipo di documento) è quello di definire le componenti ammesse nella costruzione di un documento XML. 2) XML schema 2) Si creano i documenti della collezione. File XML. Ogni documento è un istanza del DTD e può essere rappresentato da un grafo 3) Si creano i file di stile per specificare l aspetto tipografico dei documenti. File XSL (extensible Stylesheet Language)

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

WEB Information Retrieval

WEB Information Retrieval WEB Information Retrieval Materiale tratto dal corso di Gabriella Pasi Materiale tratto da cap. 13 Modern Information Retrieval by Ricardo Baeza-Yates and Berthier Ribeiro-Neto http://www.sims.berkeley.edu/~hearst/irbook/

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

Introduzione all Information Retrieval

Introduzione all Information Retrieval Introduzione all Information Retrieval Argomenti della lezione Definizione di Information Retrieval. Information Retrieval vs Data Retrieval. Indicizzazione di collezioni e ricerca. Modelli per Information

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Navigazione. per associazione. ipertesti/ipermedia. l utente naviga nello spazio dei documenti alla ricerca dei nodi di interesse

Navigazione. per associazione. ipertesti/ipermedia. l utente naviga nello spazio dei documenti alla ricerca dei nodi di interesse Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 5. Database e Information Retrieval per associazione Navigazione ipertesti/ipermedia l utente naviga nello spazio

Dettagli

Corso di Web Mining e Retrieval

Corso di Web Mining e Retrieval Corso di Web Mining e Retrieval (a.a. 2011-2012) Roberto Basili 1 Obbiettivi del Corso Introduzione alle nozioni di base per l accesso alle informazione distribuita Componente Fondazionale: Problemi di

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

OUTPUT DI STATA IN MARK-UP LANGUAGES: GENERAZIONE AUTOMATICA DI TABELLE IN HTML E LATEX

OUTPUT DI STATA IN MARK-UP LANGUAGES: GENERAZIONE AUTOMATICA DI TABELLE IN HTML E LATEX 1 CONVEGNO ITALIANO DEGLI UTENTI DI STATA OUTPUT DI STATA IN MARK-UP LANGUAGES: GENERAZIONE AUTOMATICA DI TABELLE IN HTML E LATEX Rosa Gini Jacopo Pasquini Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali

Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali 1 Introduzione Esaminiamo: Gli Universal Resource Identifier (URI) 2 URI Gli URI (Universal Resource Identifier) sono una sintassi usata in

Dettagli

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 XML: sintassi Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 Cosa è XML 1 XML (Extensible Markup Language ) è un linguaggio di markup È stato progettato per lo scambio e la interusabilità di documenti

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML (Standard General Markup Language) Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

Introduzione all Information Retrieval

Introduzione all Information Retrieval Corso di Web Mining & Retrieval Introduzione all Information Retrieval (a.a. 2008-2009) Roberto Basili 1 Outline Accesso e Ricerca delle informazioni distribuite Il processo di base dell IR Rilevanza Applicazioni

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web Pagina 1 di 6 Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language; si tratta di un linguaggio utilizzato per la marcatura ipertestuale. A differenza dei comuni linguaggi

Dettagli

Dalla rassegna stampa al monitoraggio delle informazioni in rete

Dalla rassegna stampa al monitoraggio delle informazioni in rete Dalla rassegna stampa al monitoraggio delle informazioni in rete Agenda Architettura dei servizi Strumenti di analisi delle news online: VoloPress Esercitazione Strategie di ricerca in rete: il servizio

Dettagli

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale?

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale? Librerie digitali Introduzione Cos è una libreria digitale? William Arms "An informal definition of a digital library is a managed collection of information, with associated services, where the information

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Introduzione E. TINELLI LTW A. A. 2011-2012

Introduzione E. TINELLI LTW A. A. 2011-2012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 Web Information Retrieval Eufemia TINELLI Introduzione Per Web information Retrieval si intende

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Vantaggi e limiti delle folksonomie (difficoltà: *) Nel paragrafo 7.4 è stato introdotto il concetto di social

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 10 -

Informatica per la comunicazione - lezione 10 - Informatica per la comunicazione" - lezione 10 - Evoluzione del Web" Nell evoluzione del Web si distinguono oggi diverse fasi:" Web 1.0: la fase iniziale, dal 1991 ai primi anni del 2000" Web 2.0: dai

Dettagli

Parte 3 Formati Digitali per Testi

Parte 3 Formati Digitali per Testi Parte 3 Formati Digitali per Testi M. Diligenti Sistemi Gestione Documentale 1 Lo standard ASCII Come rappresentare il testo in una sequenza di bytes? ASCII (American Standard Code for Information Interchange)

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

XML Retrieval Emanuele Panzeri

XML Retrieval Emanuele Panzeri Corso di Information Retrieval XML Retrieval Emanuele Panzeri panzeri@disco.unimib.it Università degli Studi di Milano Bicocca XML? extensible Markup Language Linguaggio definito come standard dal World

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it La digitalizzazione dei

Dettagli

Che cos e una rete di calcolatori?

Che cos e una rete di calcolatori? Che cos e una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere lo scambio di dati Ogni calcolatore o dispositivo viene detto nodo ed è

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio Corso IBC xdams, 1dic. 2010 Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio cosa è come leggerlo come e perché utilizzarlo Contesto di riferimento L uso delle tecnologie informatiche per il trattamento

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Archiviazione ed accesso all'informazione (I. Zangara)

Archiviazione ed accesso all'informazione (I. Zangara) Università degli studi di Catania Archiviazione ed accesso all informazione Archivio Insieme di documenti, dello stesso tipo o di tipi diversi, che per esigenze specifiche informative costituisce una raccolta

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

URI. Introduzione. Pag. 1

URI. Introduzione. Pag. 1 URI Introduzione Gli URI (Universal Resource Indentifier) sono una sintassi usata in WWW per definire i nomi e gli indirizzi di oggetti (risorse) su Internet. Questi oggetti sono considerati accessibili

Dettagli

Lezione 2 Gestione del testo

Lezione 2 Gestione del testo Lezione 2 Gestione del testo Pasquale Savino ISTI - CNR Sommario La gestione dei dati in una Biblioteca Digitale Acquisizione Rappresentazione Indicizzazione Ricerca Conservazione Gestione del testo Gestione

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Applicazione dell XML al Giornalismo

Applicazione dell XML al Giornalismo The European Online Magazine for the IT Professional http://www.upgrade-cepis.org Edizione italiana a cura di ALSI e Tecnoteca http://upgrade.tecnoteca.it Applicazione dell XML al Giornalismo di Luis Sánchez-Fernández,

Dettagli

Modelli di Information Retrieval: I modelli base

Modelli di Information Retrieval: I modelli base Modelli di Information Retrieval: I modelli base Gabriella Pasi 1 Università degli Studi di Milano Bicocca Via Bicocca degli Arcimboldi 8 e-mail: pasi@disco.unimib.it Struttura base di un IRS ARCHIVIO

Dettagli

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva IL WEB SEMANTICO INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva Termine web semantico: è associato all idea di un web nel quale agiscano agenti intelligenti in grado di comprendere

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

RILEVANZA = attinenza oggettiva/assoluta PERTINENZA = attinenza soggettiva/relativa (effettivo interesse personale) PUNTO DI FUTILITA ---> ranking

RILEVANZA = attinenza oggettiva/assoluta PERTINENZA = attinenza soggettiva/relativa (effettivo interesse personale) PUNTO DI FUTILITA ---> ranking NOZIONI DI INFORMATION RETRIEVAL a cura di Riccardo Ridi (Università Ca' Foscari di Venezia) aggiornate a Ottobre 2014 RILEVANZA = attinenza oggettiva/assoluta PERTINENZA = attinenza soggettiva/relativa

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

Prefazione. Piersalvo Ortu 1

Prefazione. Piersalvo Ortu 1 Prefazione Questa tesi ha come obiettivo principale descrivere in che modo i documenti XML possano essere utilizzati per essere visualizzati su diversi apparati, dai browser Web ai dispositivi cellulari,

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

cos è l architettura dell informazione?

cos è l architettura dell informazione? Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 3. Architettura dell informazione cos è l architettura dell informazione? E la progettazione di spazi informativi

Dettagli

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi Impianti di Elaborazione Applicazioni e Servizi M.G. Fugini COMO IMPIANTI 08-09 Indice dei contenuti Servizi e risorse Internet (Telnet, FTP, Posta elettronica, News, Chat, Videoconferenza, ) World Wide

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

Internet e le Mappe Cognitive

Internet e le Mappe Cognitive Dott. Gianluca De Grandis www.deghi.com/coevo newcoevo@deghi.com 1.1 L organizzazione attuale dei siti Web Il World Wide Web fu inventato nel 1989 da Tim Berners-Lee 1 presso il CERN di Ginevra. Il progetto

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML

LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 9 - Linguaggi di Modellazione & UML Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Cosa sono? 2 1

Dettagli

Terminologia per gli ipertesti sul web

Terminologia per gli ipertesti sul web Terminologia per gli ipertesti sul web browser: programma applicativo per navigare in rete page (pagina): singolo foglio di un ipertesto home-page: punto di ingresso di un sito web hotspot, hotword: porzione

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni

Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni Giovanni Bergamin Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze L uso del termine metadati si è affermato con il Web tra la fine e l inizio di questo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 3

Reti di Calcolatori. Lezione 3 Reti di Calcolatori Lezione 3 I livelli di una rete Per ridurre la complessità di progetto, le reti sono in generale organizzate a livelli: Il Formato dei Pacchetti Tutti pacchetti sono fatti in questo

Dettagli

Ricerca di informazioni nelle banche dati giuridiche

Ricerca di informazioni nelle banche dati giuridiche Informatica giuridica A.A. 2005-06 Ricerca di informazioni nelle banche dati giuridiche Parte I Avv. Chiara Giovanna Bernardi bernardi@cirfid.unibo.it Definizioni NEL LINGUAGGIO COMUNE: Data base = base

Dettagli

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte Direzione Centrale Accertamento Indagini finanziarie Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte I poteri degli uffici Ambito soggettivo E stato ampliato il

Dettagli

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink XML e standard connessi XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink 1 Sommario Introduzione XML 1.0 XML-Names XSL XPointer e XLink 2 XML XML (Extensible Markup Language [sic!]) è un meta-linguaggio di markup,

Dettagli

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune Linguaggi di markup Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it Programma e obiettivi I linguaggi di Markup ed il web HTML e le sue lacune extensible Markup Language Document Type Definition Rappresentare Documenti

Dettagli

Oracle 9i oracle text

Oracle 9i oracle text Argomenti trattati: Oracle 9i oracle text Rappresentare documenti di testo in un DBMS testuale Gestione di testi in Oracle 9i Corso di Laboratorio di Basi di dati II Autori: Myriam Mapelli, Guido Valente

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Francesco Fontanella Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo

Dettagli

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Documenti e ipermedialità Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Documento ipertestuale insieme di informazioni testuali e grafiche, esplorabili

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Tesi di laurea Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Anno Accademico 2007/2008 Relatori Ch.mo prof. Angelo

Dettagli

Cos è un Calcolatore?

Cos è un Calcolatore? Cos è un Calcolatore? Definizione A computer is a machine that manipulates data according to a (well-ordered) collection of instructions. 24/105 Riassumendo... Un problema è una qualsiasi situazione per

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio

Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio Inquadramento XML Dati semistrutturati Extensible Markup Language Document Type Definitions Leggere paragrafi 4.6, 4.7 Garcia- Molina et al. 1. Information Integration: estrarre informazioni da database

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali

Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali Università di RomaTre Stato attuale delle metodologie di gestione e diffusione dell informazione multimediale Roma, venerdì 3 dicembre 2004 Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT.2014/22906 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati contenuti nel modello di dichiarazione Irap 2014, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell imposta regionale sulle

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI

LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI Maria Guercio Università di Urbino m.guercio@mclink.it 6/04/01 1 INTRODUZIONE 2 PERCHÉ LA CONSERVAZIONE

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Sommario [1/2] Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali

Sommario [1/2] Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali Introduzione alle Biblioteche Digitali Sommario [1/2] Cenni storici Vannevar Bush Dalle Biblioteche ai Cataloghi Automatizzati Gli OPAC accessibili via Web Le Biblioteche Digitali Cos è una Biblioteca

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

COMUNE DI SAGRADO. ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI

COMUNE DI SAGRADO. ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLAS DOCUMENTALI Allegato alla deliberazione giuntale n. 17 del 02/03/2015 Pag.2 di 6 Indice 1.

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Linguaggi Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Il Web Semantico Semantic Web

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli