SISTEMI PER L ACCESSO L INFORMAZIONI. Gabriella Pasi. Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI PER L ACCESSO L INFORMAZIONI. Gabriella Pasi. Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca 336 e-mail: pasi@disco.unimib."

Transcript

1 SISTEMI PER L ACCESSO L A INFORMAZIONI Gabriella Pasi Università degli Studi di Milano Bicocca U14 - Viale Sarca

2 Programma del corso 1. Introduzione Il problema dell accesso a informazioni/beni/servizi pertinenti a necessità di utenti Tipologie di sistemi per l'accesso a informazioni (DBMS, Sistemi di Information Retrieval, Sistemi di Information Filtering, Sistemi Question Answering) Il concetto di Rilevanza, la sua soggettività, probabilità e parzialità. Valutazione sperimentale di sistemi per l accesso a informazioni: efficienza, efficacia 2. I sistemi di Information Retrieval Struttura di un sistema di IR Il processo di indicizzazione: Full Text Indexing Strutture dati per organizzazione di indici Modelli di IR Information Retrieval su Web

3 Programma del corso (segue) Tesauri Algoritmi di clustering Relevance Feedback 3. I sistemi di Information Filtering Profili utente Content-based Information Filtering Collaborative Filtering 4. Geographic Information System 5. Valutazione di sistemi di IR Efficienza ed efficacia

4 Libri di testo per IR Non esiste un unico libro di testo che possa essere considerato completamente soddisfacente. I testi considerati per questo corso sono i seguenti (in ordine di preferenza): Ricardo Baeza-Yates e Berthier Ribeiro-Neto, Modern information retrieval, Addison Wesley, Reading, US, Soumen Chakrabarti, Mining the Web, Morgan Kaufmann, San Francisco, US, Ian H. Witten, Alistair Moffat, and Timothy C. Bell, Managing gigabytes, 2nd Edition, Morgan Kaufmann, San Francisco, US, 1999.

5 Libri di testo per IR Modern Information Retrieval, R. Baeza-yates and B. Ribeiro-Neto., Addison-Wesley and ACM Press, 1999, ISBN: X Christopher D. Manning, Prabhakar Raghavan and Hinrich Schütze tze, Introduction to Information Retrieval,, Cambridge University Press www-csli.stanford.edu/~schuetze/information-retrieval- book.html

6 Problema dell accesso a informazioni pertinenti a specifiche necessità Problema vecchio in Informatica. Ha assunto grande importanza con la nascita e lo sviluppo del WWW Enorme e crescente quantità di informazioni disponibili Necessità di sistemi che supportino un efficiente ed efficace reperimento di informazioni pertinenti a specifiche necessità.

7 Il problema dell accesso automatico a informazioni Sviluppo di sistemi che aiutino l utente a localizzare informazioni rilevanti (pertinenti) alle loro necessità (informare: ridurre l ignoranza). La definizione di tali sistemi è basata sulla soluzione di un problema decisionale: come identificare e ordinare informazione che soddisfi le preferenze dell utente? Occorre: * interpretare il contenuto di testi, immagini, video, audio * interpretare le esigenze dell utente Ruolo centrale della nozione di rilevanza: la rilevanza è una proprietà soggettiva: difficile da definire e da misurare!

8 Principali tipologie di sistemi per l accesso a informazioni Sistemi di Information Retrieval (Motori di ricerca) La formulazione di una query Richiedono Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Richiedono La formulazione di una query Sistemi di Information Filtering Profili utente, cioè descrizioni di esigenze specifiche Richiedono dinamicamente aggiornate, anche sulla base del comportamento dell utente (NO QUERY)

9 Modalità di reperimento delle informazioni Tecnologia Pull L utente richiede esplicitamente le informazioni in modalità interattiva 3 modalità Browsing (ipertesti) Retrieval (sistemi di IR) Browsing e retrieval (librerie digitali e ricerche su web) Tecnologia Push L utente viene automaticamente aggiornato con informazioni di possibile interesse agenti software esempio: servizi di news, e-commerce filtering fornisce all utente informazioni rilevanti per un utilizzo differito

10 Definizione di Informazione Nel 1948 Claude Elwood Shannon ( ) pubblica la monografia A Mathematical Theory of Comunication che è un primo contributo all'inquadramento teorico del problema del trasferimento dell'informazione. L'informazione è legata alla capacità di estrapolare notizie dall'ambiente per poterle poi riutilizzare per conquistare una posizione di vantaggio. DEF 1: Informare: dare forma a qualcosa eliminare l incertezza, l ignoranza DEF 2: acquisizione di contenuto trasferito da un soggetto ad un altro DEF 3: un insieme di dati + loro interpretazione dato elemento di informazione L informazione produce una variazione di conoscenza

11 Definizione di Informazione I dati sono quindi fatti elementari, informazioni codificate, che hanno bisogno di essere interpretate per arricchire la conoscenza Esempio dati: Marco Pagani 4261 Informazione = dati + interpretazione Domanda implicita: a) Chi è l esercitatore del corso? Qual è il suo n di tel.? b) Qual è il Nome del dipendente? Qual è il suo stipendio? Nei sistemi per la gestione di basi di dati le informazioni vengono rappresentate in modo essenziale, dai dati e da uno schema concettuale che permette la loro interpretazione

12 Gestione automatica dell informazione TESTI espressi in linguaggio naturale FORMA DELL INFORMAZIONE SUONI e Registrazioni audio e video GRAFICI en IMMAGINI, MAPPE NUMERI, CODICI, SEGNALI GESTIONE AUTOMATICA DELL'INFORMAZIONE Problema tecnico: come rappresentare e manipolare l'informazione negli elaboratori? efficienza Problema semantico: il modo in cui l'informazione viene sintetizzata e memorizzata conserva il suo significato originario? efficacia

13 Dati relativi al Non strutturati Strutturati Volume delle informazioni Valore delle informazioni

14 Dati relativi al Non Strutturati Strutturati Volume di imformazioni Valore delle informazioni

15 Sistemi di Information Retrieval e Sistemi per la gestione di basi di dati Motivazioni I DBMS sono nati dalla necessità di gestire crescenti quantità di dati relativi ad applicazioni aziendali tradizionali I sistemi di IR sono nati dalla necessità di gestire, classificare, reperire libri e articoli in biblioteche/librerie grandi quantità di testi

16 Sistemi di Information Retrieval Sistemi per la gestione di basi di dati DBMS Reperimento di dati che soddisfano condizioni di selezione rigide, espresse mediante un linguaggio di interrogazione (V,F) Semantica dei dati e delle condizioni ben definita Una singolo dato erroneo implica il fallimento della ricerca! Information retrieval Reperimento di informazioni circa un argomento o un tema Semantica delle richieste e dei documenti vaga. Piccoli errori nei risultati sono tollerabili Un Sistema di IR : interpreta il contento di documenti costruisce una rappresentazione genera un ordinamento (ranking) che riflette la rilevanza stimata Concetto di rilevanza molto importante

17 Sistemi per la gestione di basi di dati Modello dei dati DATI DBMS A B C APPLICAZIONI Caratteristiche: Schema (descrizione intensionale della struttura dei dati ) Istanze (descrizione estensionale del valore attuale dei dati) Modello di dati (permette di rappresentare i dati in modo indipendente dal sistema): relazionale orientato ad oggetti Gerarchico, ecc

18 Definizione di Information Retrieval Due componenti principali Sorgente di informazioni = archivio di documenti Decision making Qualcuno con necessità di informazioni Interpretazione soggettiva Interpretazione soggettiva terza componente Intermediario che interpreta le necessità informative dell utente e stima la rilevanza dei documenti rispetto a tali necessità.

19 Definizione di Information Retrieval IR is the name for the process or method whereby a prospective user of information is able to convert his need for information into an actual list of citations to documents in storage containing information useful to him. (... ). IR embraces the intellectual aspects of the description of information and its specification for search, and also whatever systems, techniques, and machines that are employed to carry out the operation. [Mooers 1951]. IR è la disciplina informatica che si occupa della memorizzazione e del reperimento di documenti; il suo obbiettivo è la realizzazione di sistemi software che permettano la memorizzazione di ingenti quantità di documenti in un archivio, in modo tale da permettere un efficiente reperimento dei documenti rilevanti alle necessità informative degli utenti.

20 Glossario Documento (d): unità di informazione reperibile, espressa in formato libero (senza l applicazione di schemi o formati specifici). I documenti hanno un contenuto informativo. IR TESTUALE articoli scientifici, lettere, articoli di quotidiani, legende di immagini o grafici, trascrizioni di audio IR MULTIMEDIALE immagini, grafici, audio (parlato o non parlato), o video,..., memorizzato in formato digitale Archivio (D) : insieme di documenti accessibili per mezzo di un IRS; può essere statico (p.e. CD-ROM) o dinamico (p.e. librerie digitali e il Web), centralizzato o distribuiti Ingente dimensione: i sistemi distribuiti e la diffusione di supporti di memoria come i CD-ROM hanno permesso la creazione di grandissime basi di documenti (archivi) (p.e. da 10 6 a 10 9 di documenti). Questa è la dimensione tipica degli archivi gestiti in IR; Necessità infomativa (q): una necessità di informazione utile alla soluzione di un problema, o di risorse utili per un dato obiettivo; Rilevanza (RSV o Retrieval Status Value): pertinenza, utilità di un documento in accordo all opinione dell utente, rispetto a una query.

21 Information Retrieval Finalità: rappresentazione, memorizzazione, organizzazione, e accesso a elementi d informazione (documenti testuali o multimediali) Problemi: Problemi la rappresentazione del contenuto informativo dei documenti (consideremo documenti testuali) l interpretazione delle necessità informative dell utente Esempio: trova tutti i documenti contenenti informazioni relative alla diagnosi delle malattie esantematiche nei bambini a cura di associazioni pediatriche italiane Obiettivo primario di un sistema di IR : Reperire tutti i documenti che sono rilevanti per l utente trascurando i documenti non rilevanti.

22 Sistema di Information Retrieval Necessità Informative Query Documenti reperiti Documents Informazioni stimate rilevanti per l utente Soggettività!!!! Sistema di Information Retrieval Obbiettivo primario di un sistema di IR: Reperire tutti i documenti che sono rilevanti per l utente e minimizzando il reperimento di documenti non rilevanti. COME???

23 Struttura base di un IRS ARCHIVIO DI DOCUMENTI INDICIZZAZIONE Tipicamente testi non strutturati o semistrutturati RAPPRESENTAZIONE FORMALE DEI DOCUMENTI Off line DOCUMENTI STIMATI RILEVANTI MECCANISMO DI MATCHING On line FORMULAZIONE DELLA QUERY RAPPRESENTAZIONE DELLA QUERY Un IRS è basato su un modello matematico

24 Componenti di un Sistema di Information Retrieval Archivio di documenti il documento è l'unità di informazione reperibile. Può essere costituito da un testo in forma narrativa (testuale) o essere composto da parti narrative, pittoriali, codificate, etc. (multimediale); Rappresentazione formale dei documenti sintetizza il contenuto informativo dei documenti. E ottenuta mediante il processo indicizzazione; Linguaggio di query in una query sono espresse le condizioni per la selezione dei documenti di interesse per l'utente; Meccanismo di Confronto (matching) confronta la rappresentazione dei Documenti archiviati con le condizioni di selezione espresse nella query.

25 Information Retrieval: le radici dei motori di ricerca. I motori di ricerca sono sistemi software intensivamente usati su Web. Cio che molti non sanno è che essi rappresentano la punta dell iceberg dell Information Retrieval, una disciplina fondata alla fine degli anni sessanta. Motori di ricerca Information Retrieval

26 Ricerca su Web e Information Retrieval Classica ricerca in IR 1970s 1980s 1990s 2000s.sopraggiunge il web web searching

27 Modelli di IR Un sistema di IR è basato su un modello matematico che fornisce una descrizione formale: Del documento Della query Del modo in cui confrontare rappresentazioni di query e documenti per effettuare una stima della rilevanza dei documenti e produrre la lista dei documenti stimati rilevanti. N.B. un sistema di IR semplifica la realizzazione dell attività di retrieval i risultati prodotti non sono «perfetti» (stima di rilevanza) Va notato che l uso della stessa tecnica di rappresentazione di documenti e query garantisce un matching corretto;

28 Il processo di indicizzazione Problema: come descrivere il contenuto semantico di un documento in un modo automaticamente gestibile? Il pocesso di indicizzazione è basato sull estrazione di elementi (feature) che costituiscono la base della descrizione (rappresentazione) del documento. Per i testi tali elementi (detti indici) sono generalmente parole. I documenti sono rappresentati come insiemi (pesati) di parole. (!! Idea concepita negli anni 60 e ancora di punta!!!!) {Information, retrieval, computer, science, discipline, keywords } The experimental evidence accumulated over the past 20 years indicates that text indexing systems based on the assignment of appropriately weighted single terms produce retrieval results that are superior than those obtainable with other more elaborate text representations. These results depend crucially on the choice of effective term-weighting systems. (Salton, 1988)

29 Formulazione di richieste (linguaggi di interrogazione) Query semplici Generalmente composte di due o tre, fino a un massimo di 10-12, parole (keywords) es., ricerche su web Query Booleane Es. neural networks AND immagini Query con contesto operatori di prossimità, frasi di ricerca Query sul contenuto e sulla struttura Query in Linguaggio Naturale L utente sintetizza le sue necessità informative mediante parole chiave

30 IR: Confronto tra rappresentazione dei documenti e query SCOPO: Reperire i documenti rilevanti per l utente, ossia pertinenti rispetto alle necessità informative espresse in una query (la rilevanza di un documento e relativa alla query formulata). Confronto esatto: Rilevante/ Non Rilevante Confronto parziale: Basato su un confronto parziale tra documento e query (ad. es. similarità misura della vicinanza della query al documento) I documenti sufficientemente vicini alla query vengono reperiti. E necessario definire un metodo per valutare la rilevanza (dipende dal modello di Informazion Retrieval)

31 Misure di Efficacia del Retrieval Precisione = Rilevanti e Reperiti Reperiti Richiamo = Rilevanti e Reperiti Rilevanti

32 Information Filtering - caratteristiche Non è richiesta una partecipazione esplicita dell utente (le informazioni da analizzare vengono confrontate col suo profilo automaticamente) Information Retrieval (pull) definizione di una query necessità immediata Information Filtering (push) definizione di un profilo utente dinamico necessità informative a lungo termine

33 Schema di un sistema di Information Filtering

34 Tipologie of Information Filtering Esistono diversi tipi di sistemi di filtering: Content-based filtering: il filtraggio viene effettuato sulla base di un analisi del contenuto informativo del documento Collaborative filtering: il filtraggio di documenti/beni/servizi avviene per mezzo di un analisi del loro utilizzo da parte di utenti (l approccio collaborativo analizza il comportamento dei fruitori degli oggetti da filtrare) Category-based filtering: si filtrano categorie di documenti (necessario l utilizzo preliminare di un algoritmo di clustering)

35 Difficoltà dell Information Retrieval L Information retrieval è caratterizzato da: Incompletezza della rappresentazione dei documenti soggettività del concetto di rilevanza Ambiguità del significato dei termini Vaghezza delle richieste utente Incertezza della correttezza del risultato Approssimazione del meccanismo di confronto E un attività che necessita di essere modellata con strumenti formali adatti a trattare imprecisione e incertezza IR deve cercare di soddisfare necessità di informazione espresse in modo vago, impreciso mediante le ambiguità del linguaggio naturale, e deve confrontarle, in un modo approssimativo con le informazioni contenute in un documento, ed espresse mediante lo stesso linguaggio naturale. (Smeaton, 1997)

36 Documenti : caso + semplice Unità reperibili di Dimensione arbitraria testo in formato libero codifica EBCDIC, ASCII (8 bit), UNICODE (16 bit) ecc. lingua composto da stringhe di caratteri di un alfabeto ecc; Es. sequenze del genoma, formule di composti chimici, Parole in linguaggio naturale Esempi articoli di quotidiani, di riviste, messaggi, lettere, referti medici, pagine web, ecc..

37 Caratteristiche dei Documenti documento stile sintassi Testo + struttura + altri media (immagini, suoni,..) + metadati semantica

38 Cos è un documento? metadati semantica stile

39 Metadati Tratto da Metadata is information about information - labeling, cataloging and descriptive information structured in such a way that allows pages to be properly searched and processed in particular by computer. In other words, what is now very much needed on the Web is metadata. W3C's Metadata Activity is concerned with ways to model and encode metadata. A particular priority of W3C is to use the Web to document the meaning of the metadata. Our strong interest in metadata has prompted development of the Resource Description Framework (RDF) and Ontology Web Language (OWL) as W3C Recommendations

40 Definizioni Documenti [semi]-strutturati Un documento strutturato è composto da sezioni distinte, testuali o multimediali, di lunghezza variabile. Le sezioni sono sequenze di caratteri omogenee rispetto all argomento che trattano. Gli archivi di documenti strutturati, sono collezioni di documenti che hanno una struttura rigidamente fissata, archivi semi-strutturati sono caratterizzati da irregolarità nella struttura, ad esempio i documenti su web. Si assume che ciascun documento contenga un numero prefissato di sezioni comuni a tutti (es: URL, Titolo, Testo). Documenti non strutturati Documenti semi strutturati Documenti strutturati

41 Documenti con struttura omogenea Documento: è una sequenza di sezioni (campi) fissi non sovrapposti Es: una mail ha i seguenti campi: sender, receiver, date, subject e un corpo. data text campi text text I campi sono delimitati dai tag (per l individuazione)

42 Formati dei Documenti semi-strutturati I documenti [semi]-strutturati di una collezione sono conformi a un modello di dati semistrutturati (Abiteboul et al. 2000) Un modello di dati semistrutturati è definito mediante un metalinguaggio. Ad es. un documento scritto in HTML è un istanza di un modello di dati semistrutturati I documenti [semi]-strutturati possono essere rappresentati da grafi diretti in cui i nodi sono le sezioni (sottoparti del documento) e le connessioni tra nodi le relazioni tra le sottoparti.

43 Linguaggi per la codifica di documenti semi-strutturati I linguaggi di markup sono stati definiti per permettere di descrivere mediante comandi testuali inseriti nel testo di un documento istruzioni di formattazione, di strutturazione, e attributi del testo. SGML (Standard Generalized Markup Language ISO 8879) è il metalinguaggio standard per la definizione di linguaggi di markup. Le istruzioni di marcatura sono chiamate Tag e delimitano la parte di testo a cui sono applicate

44 Linguaggi di codifica di documenti semi-strutturati HTML è un istanza di SGML ed è diffuso su web per la rappresentazione di documenti strutturati; tuttavia permette una strutturazione sintattica e non semantica dell informazione. I tag hanno la funzione di definire l aspetto tipografico del testo anche se spesso sono usati per caratterizzare una struttura semantica implicita del documento XML (extensible Markup Language) e' un sottoinsieme di SGML adatto a rappresentare documenti strutturati concepiti come aggregazioni di unità indipendenti, chiamate entità o oggetti, che contengono l'informazione. Ci sono diverse istanze (specilizzazioni di XML) a contesti applicativi es. NewsML per notizie giornalistiche, GML per dati georiferiti ecc)

45 Documenti semi-strutturati in XML Specifiche di XML in Italiano tradotte dal sito W3C 1) Si definiscono dei vincoli sulla possibile struttura dei documenti XML di una collezione 1) A tale scopo si crea il DTD (Document Type Definition) (La specifica del DTD è opzionale in XML) Lo scopo di un Document Type Definition (definizione del tipo di documento) è quello di definire le componenti ammesse nella costruzione di un documento XML. 2) XML schema 2) Si creano i documenti della collezione. File XML. Ogni documento è un istanza del DTD e può essere rappresentato da un grafo 3) Si creano i file di stile per specificare l aspetto tipografico dei documenti. File XSL (extensible Stylesheet Language)

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Dai metadati all harvesting

Dai metadati all harvesting Dai metadati all harvesting la gestione di risorse informative attraverso repository interoperabili di Gino Roncaglia 1 Pubblicato su Culture del testo e del documento 26/2008, pp. 109 122 1. Cosa sono

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Verso la Società dell informazione

Verso la Società dell informazione BIBLIOTECARIO NEL 2000 Verso la Società dell informazione Le professioni dell informazione fra ricerca d identità e linee di convergenza di Carla Basili di società dell informazione non è nuova né recente,

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.0 Maggio 2013 INDICE 1. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 1.1 STORIA DEL DOCUMENTO 2 1.2 ACRONIMI E

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book Il favoloso mondo del self publishing Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book A cura di Sergio Covelli www.pecorenerecords.com Aprile 2011 1) Basta un click, no? Ricordatelo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli