RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi"

Transcript

1 AREA Fiscale CIRCOLARE N del 19 aprile 2017 Nuovo regime per cassa per le imprese minori in contabilità semplificata Art. 1, commi della L. n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) Circolare AdE n. 11/E/2017 RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi IN SINTESI Con la circolare dell Agenzia delle Entrate n. 11 del 13 aprile 2017, vengono indicati i criteri applicativi riguardanti il nuovo regime per cassa di determinazione del reddito imponibile delle imprese minori, valevole sia ai fini IRPEF che IRAP. COMMENTO Con la presente circolare si forniscono i primi commenti sui soggetti interessati e sull impatto che hanno le nuove disposizioni per lo svolgimento delle attività connesse agricole. ALLEGATI Circolare n. 11/E del 13 aprile 2017.

2 Area Fiscale T.DG.i.g. Corso Vittorio Emanuele II, Roma Circolare n del 19 aprile 2017 tel.: fax: Prot. n. 564/CIR sito web: Oggetto: Imposte e tasse Nuovo regime per cassa per le imprese minori in contabilità semplificata Art. 1, commi della L. n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) Circolare AdE n. 11/E/2017 (A cura di Tiziana Di Gangi) Con circolare n. 11/E del 13 aprile u.s., l Agenzia delle entrate ha dettato le istruzioni relative al nuovo regime di determinazione del reddito imponibile per le imprese minori, previsto dall art. 1, commi da 17 e 23, della L. n. 232/2016 secondo il criterio di cassa, valevole sia ai fini Irpef che IRAP. Contestualmente, è stato rivisto l art. 66 del TUIR (imprese minori) e introdotto il comma 1 bis all art. 5 bis del D.Lgs. n. 446/97 (decreto IRAP), nonché riformulato l art. 18 del DPR n. 600/73 sull accertamento delle imposte sui redditi. Il nuovo regime trova applicazione a decorrere dal periodo d imposta 2017 Soggetti interessati Le modifiche introdotte dalla legge di Bilancio 2017, non hanno mutato l ambito soggettivo di applicazione del regime di determinazione del reddito riservato alle imprese minori, ex art. 66 del TUIR. Quest ultimo è, infatti, il regime naturale dei soggetti in contabilità semplificata in base al combinato disposto degli articoli 18 e 20 del D.P.R. n. 600/1973, sempreché non optino per la tenuta della contabilità ordinaria. Di conseguenza, a norma dell art. 18 del DPR n. 600/73, come sostituito dall art. 1, co. 22, della predetta L. n. 232/2016, sono ammessi alla tenuta della contabilità semplificata: - le persone fisiche che esercitano imprese commerciali ai sensi dell articolo 55 del TUIR; - le imprese familiari e aziende coniugali; - le Snc ed Sas e soggetti equiparati ex art. 5 TUIR; - gli enti non commerciali, con riferimento all eventuale attività commerciale esercitata. Per tali soggetti, il regime semplificato è applicabile se nell'anno precedente a quello in corso, non vengono superati, ovvero si prevede di non superare nell anno in cui si inizia l attività, i seguenti limiti di ricavi: , per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi; , per le imprese aventi per oggetto altre attività. 1

3 Pertanto, nulla è cambiato per gli imprenditori agricoli individuali e per le società semplici soggetti alla determinazione del reddito agrario, a norma dell art. 32 del TUIR, che esercitano le attività agricole di cui al medesimo articolo e che ai sensi dell art. 13 del DPR n. 600/73 non sono destinatari delle disposizioni riguardanti gli obblighi della tenuta delle scritture contabili, ai fini dell accertamento dei redditi. Viceversa rientrano nell ambito della contabilità semplificata, e quindi del nuovo regime di cassa, le Snc ed Sas, che, non superando i limiti dei ricavi sopra richiamati, svolgano le attività agricole di cui al medesimo art. 32 del TUIR, in quanto soggette alla determinazione del reddito d impresa, ex art 55, c. 2 lett. c ) del TUIR. Tuttavia, resta ferma, per tali soggetti la possibilità di esercitare l opzione per la determinazione del reddito agrario, ove ricorrano le condizioni previste dall art. 1, c. 1093, della L. 296/2006 (Finanziaria 2007). Le nuove regole riguardanti il regime di cassa trovano, inoltre, applicazione per tutti i casi di svolgimento delle attività agricole connesse soggette alla determinazione del reddito d impresa in via ordinaria, come le attività di valorizzazione, conservazione e commercializzazione di prodotti acquistati da terzi, ancorchè nei limiti della regola della prevalenza, di cui all art c.c., che, com è noto, non rientrano nell ambito di applicazione del reddito agrario ex art. 32 del TUIR (v. sul punto circolare AdE n. 44/2004) e delle attività, previa opzione per la determinazione ordinaria del reddito, di cui agli artt. 56 bis, commi 2 e 3 (produzione di beni, previa trasformazione e manipolazione non rientranti nell elenco, di cui all apposito decreto ministeriale, ex art. 32 del TUIR, e prestazioni di servizi ex art. 2135, c. 3, c.c.), 5 L. n. 413/91 (Agriturismo) e 1, c. 423, L. n. 266/2005 produzione di energia elettrica e calorica da fonti agroforestali e fotovoltaiche eccedenti i limiti ivi previsti. Rispetto alla previgente formulazione, il nuovo articolo 18 del DPR. n. 600/1973, per la verifica delle soglie di ricavi, fa riferimento sia ai ricavi conseguiti e, quindi, rilevati per competenza, sia ai ricavi percepiti e, quindi, imputati per cassa. L utilizzo del primo parametro (ricavi conseguiti), potrà essere utilizzato solo per la verifica dei limiti dimensionali nell esercizio precedente a quello di ingresso nel regime semplificato. In caso di contemporaneo svolgimento di attività di prestazione di servizi ed altre attività, è necessario far riferimento all ammontare dei ricavi relativi all attività prevalente. In mancanza della distinta annotazione dei ricavi, si considerano prevalenti le attività diverse dalle prestazioni di servizi e, di conseguenza, rileva il limite massimo, pari a euro. In ogni caso, qualora l ammontare complessivo dei ricavi, relativo a tutte le attività svolte, superi il limite massimo, l accesso al regime di contabilità semplificata è precluso. L Agenzia delle Entrate ribadisce, inoltre che, i soggetti che intraprendono l esercizio di un impresa commerciale, qualora ritengano di percepire ricavi per un ammontare, ragguagliato ad anno, non superiore alle soglie indicate in precedenza, possono tenere la contabilità semplificata già dal primo anno (cfr. articolo 18, c. 9, del DPR n. 600/1973). Il nuovo regime per cassa, si estende di anno in anno, qualora non vengano superati le citate soglie. Modalità di determinazione del reddito secondo il criterio di cassa Il nuovo regime di determinazione del reddito per i soggetti in contabilità semplificata, si configura, in realtà come un regime misto tra cassa e competenza; infatti, con riferimento ad alcuni elementi positivi e negativi di reddito, occorre far riferimento al principio di cassa, e per altri prevarrà il principio di competenza. Più in particolare, a norma del nuovo comma 1 dell articolo 66 del TUIR, 2

4 il reddito delle imprese minori è costituito dalla differenza tra l ammontare dei ricavi di cui all articolo 85 e degli altri proventi di cui all articolo 89 percepiti nel periodo di imposta, e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell esercizio dell attività d impresa. In particolare, per le spese, si tratta di quelle diverse da quelle per le quali l articolo 66 del TUIR richiama l ordinaria disciplina prevista dal testo unico (ad esempio, le spese per l acquisto di merci destinate alla rivendita, di beni impiegati nel processo produttivo, incorporati nei servizi, per utenze, materiali di consumo, spese condominiali, imposte comunali deducibili, spese per assicurazioni e interessi passivi). Sono, altresì, deducibili per cassa le spese di manutenzione ordinaria (rispettando il plafond del 5%), di rappresentanza (fermi restando i limiti di deducibilità previsti dall art. 108, co. 2 del TUIR), di pubblicità e di ricerca. Lo stesso principio si applica per gli oneri fiscali e contributivi e per i compensi agli amministratori, nonché per le sopravvenienze attive e passive derivanti dallo storno o dall integrazione di componenti positivi o negativi, che concorrono a determinare il reddito per cassa. L amministrazione finanziaria sottolinea inoltre che, relativamente alle operazioni da cui derivano componenti positivi e negativi di reddito che:.concorrono alla determinazione del reddito secondo il criterio di cassa. anche gli eventuali versamenti effettuati o i corrispettivi ricevuti a titolo di acconto. Infine, nel caso di transazioni poste in essere con strumenti di pagamento diversi dal denaro contante, al fine di individuare il momento in cui i ricavi e i proventi si considerano percepiti e le spese sostenute, si ritengono applicabili i chiarimenti resi in merito all individuazione del momento di rilevanza fiscale dei compensi percepiti e delle spese sostenute nell ambito dei redditi di lavoro autonomo, ossia: per gli assegni (bancari o circolari), i ricavi si considerano percepiti e le spese sostenute nel momento in cui avviene la materiale consegna dell assegno dall emittente al ricevente; per i bonifici, i ricavi si considerano percepiti quando la somma di denaro può essere effettivamente utilizzata (alla cd. data disponibile ) Le spese si considerano sostenute quando la somma di denaro è uscita dalla disponibilità dell imprenditore; per le carte di credito/debito, i ricavi si considerano percepiti e le spese sostenute nel momento in cui avviene l utilizzo della carta. Il principio di competenza Rilevano, invece, secondo il criterio della competenza, i componenti per i quali tale principio è attualmente previsto negli articoli del TUIR richiamati nel secondo periodo del comma 1 e nei commi 2 e 3 dell articolo 66, cioè: sopravvenienze e plusvalenza attive e passive, valore normale dei beni assegnati ai soci, o destinati a finalità estranee all esercizio dell impresa (autoconsumo), quote di ammortamento di beni materiali e immateriali (anche promiscui), canoni di leasing (compreso il maxi-canone), perdite di beni strumentali e su crediti (anche relative a ricavi che si ritengono incassati alla data di registrazione dei documenti), accantonamenti di quiescenza e previdenza, spese per prestazioni di lavoro, oneri di utilità sociale, spese relative a più esercizi. Relativamente alle attività connesse agricole, il cui reddito è determinato forfettariamente in via di default (regime naturale; v. elencazione di cui sopra), compreso il reddito degli allevamenti che eccedono il limite, di cui all art. 32, c.2, lett. b) del TUIR, senza che sia stata esercitata l opzione 3

5 per la determinazione del reddito in via ordinaria, è specificato che i relativi redditi vadano determinati secondo la regola della competenza. Fa eccezione, l attività agrituristica in quanto il regime di determinazione della base imponibile prevede la forfettizzazione del reddito mediante l applicazione di un coefficiente di redditività sui ricavi conseguiti, ex. art. 5, c. 1, della L. n. 413/91, e, pertanto, l Agenzia ritiene che i ricavi sui quali applicare il coefficiente di redditività siano da determinare in osservanza del criterio di cassa. La circolare precisa, inoltre, con riferimento agli enti non commerciali che svolgono attività commerciale, che, ai fini dell applicazione del pro-rata di deducibilità delle spese, previsto dal comma 4 dell articolo 144 del Tuir, per ragioni di semplificazione, laddove l ente utilizzi il criterio di competenza per la contabilizzazione dei proventi derivanti dall attività istituzionale, il rapporto vada effettuato tra l'ammontare dei ricavi e altri proventi che concorrono a formare il reddito d'impresa - determinati per cassa a norma dell articolo 66 del Tuir - e l'ammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi, pari alla somma dei proventi derivanti dall attività istituzionale - determinati per competenza e dei ricavi e altri proventi derivanti dall attività commerciale - determinati per cassa. Disposizione per il cambio di regime e gestione delle rimanenze Il comma 19 dell art. 1 della legge in commento, regola il passaggio dal regime di competenza, al regime di cassa, e viceversa, disponendo che nel primo caso i ricavi, i compensi e le spese che hanno già concorso alla formazione del reddito, non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi. Così, ad esempio, i ricavi di vendita di eni consegna nel 201, il c i corrispe vo stato incassato nel 2017, o i ricavi derivanti da prestazioni di servizi ultimati nel 2016, con compenso incassato nel 2017, che correttamente hanno concorso alla determinazione del reddito del periodo di imposta 2016, non costituiranno ricavi imponibili nel Viceversa, i ricavi di vendita di beni, con consegna nel 2017, il cui corrispettivo è già stato incassato nel 2016, o i ricavi derivanti da prestazioni di servizi ultimati nel 2017, con compenso già incassato nel 2016, che correttamente, a norma dell articolo 109, comma 2, del TUIR, non hanno concorso alla determinazione del reddito del periodo di imposta 2016, secondo le regole della competenza,, costituiranno ricavi imponibili nel O ancora, nel caso di contratto di affitto di un immobile, con pagamento anticipato del canone annuo, ad esempio, nel mese di settembre 2016, che ha comportato la deduzione di costi di affitto per un importo pari a un terzo del canone pagato, la quota restante (pari a due terzi del canone di affitto pagato) sarà deducibile nel periodo di imposta 2017, benché in tale periodo non si verifichi la manifestazione finanziaria. Il comma 18 dello stesso art. 1 della legge di Bilancio 2017, prevede la deduzione integrale delle rimanenze finali nel primo anno in cui si applica il criterio di cassa, e quindi per il E infatti stabilito, che, il reddito d impresa del periodo d imposta in cui si applicano le disposizioni relative alle imprese minori in regime di contabilità semplificata secondo il regime di cassa, è ridotto delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente, secondo il criterio di competenza. Tale operazione si rende dunque necessaria poiché durante i periodi d imposta di applicazione del regime di cassa, le rimanenze non avranno più alcun rilievo nella determinazione del reddito d impresa. Si fa presente, in ogni caso, che il componente negativo derivante dalla deduzione integrale nel primo periodo di applicazione del regime di cassa delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente (secondo il principio della competenza), non rileva ai fini dell applicazione della disciplina delle società c.d. di 4

6 comodo, ossia, per la disciplina delle società non operative di cui all articolo 30 della legge n. 724 del 1994 e per quella delle società in perdita sistematica di cui all articolo 2, del D.L. 13 agosto 2011, n In particolare, ai fini di tali discipline, il reddito minimo di cui al comma 3 del citato art. 30, dovrà essere decrementato di un importo pari al valore delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente, dedotto integralmente nel primo periodo di applicazione del regime di cassa. IRAP I commi 20 e 21 della Legge di Bilancio 2017, hanno modificato le disposizioni in materia di IRAP. Precisamente, ai fini della determinazione della base imponibile IRAP, l art. 1, comma 20, della Legge n. 232/2016, inserendo il comma 1-bis all art. 5-bis del D.Lgs. n. 446/1997, dispone che l Irap delle imprese in contabilità semplificata, è determinata tenendo conto del principio di cassa. Per quanto concerne il primo periodo di imposta di applicazione del nuovo regime, la base imponibile dell IRAP dovrà essere ridotta dell importo delle rimanenze finali che hanno già concorso alla determinazione del valore della produzione nell esercizio precedente, così come non rileveranno gli altri elementi positivi e negati di reddito che hanno concorso alla determinazione del valore della produzione nell esercizio precedente, secondo il principio della competenza. Si precisa, infine, che l applicazione del regime in argomento, non si applica come regola generale, agli enti non commerciali, per i quali trova applicazione l art.10 D.Lgs. n. 446/1997). I regimi contabili Rispetto alla disciplina previgente: fermo restando l istituzione dei registri IVA (vendite, acquisti e corrispettivi), ove obbligatori, vengono introdotti dei nuovi registri degli incassi e dei pagamenti, in cui annotare, cronologicamente, i ricavi percepiti e le spese sostenute nell esercizio; viene abolito il registro delle entrate e delle uscite in passato riservato a coloro che effettuavano solo operazioni non soggette a registrazione ai fini Iva. Tuttavia, il contribuente, può tenere, alternativamente, con apposite modalità, i seguenti registri: Registri cronologici. Peculiarmente, sui registri cronologici di ricavi e spese, in base all art. 18, comma 2 del Dpr. n. 600/73, i soggetti sono tenuti ad annotare cronologicamente i ricavi percepiti, indicando per ciascun incasso, il relativo importo, le generalità, l'indirizzo e il comune di residenza anagrafica del soggetto che effettua il pagamento (ovvero il codice fiscale), gli estremi della fattura, o altro documento emesso. Allo stesso modo, in un apposito registro, devono essere annotate cronologicamente, e con riferimento alla data di pagamento, le spese sostenute nell esercizio. Per gli altri componenti positivi e negativi di reddito, diversi dai ricavi e dalle spese (ad esempio, gli ammortamenti), l annotazione va effettuata nei predetti registri cronologici, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. Registri IVA integrati. Il nuovo art. 18, comma 4, del DPR. n. 600/73, prevede una semplificazione degli adempimenti, consentendo di evitare la tenuta dei registri cronologici, e la possibilità di tenere i soli registri IVA, purché questi siano integrati con l annotazione separata dell importo 5

7 complessivo dei mancati incassi o pagamenti (con l indicazione delle fatture cui le operazioni si riferiscono) e siano indicate separatamente le operazioni non soggette a registrazione ai fini Iva. Registri IVA. Una ulteriore semplificazione è contenuta nel novellato art. 18, comma 5 del DPR. n. 600/73, il quale prevede la possibilità per i contribuenti di esercitare un apposita opzione, vincolante per almeno un triennio, al fine di tenere i registri Iva senza operare annotazioni relative ad incassi e pagamenti, fermo restando l obbligo di separata annotazione delle operazioni non soggette a registrazione Iva. In tal caso, per finalità di semplificazione, opera la presunzione legale secondo cui la data di registrazione dei documenti ai fini IVA, coincide con quella di incasso o pagamento (così, ad esempio, tutte i documenti registrati nel 2017, sono da considerare incassati o pagati nello stesso anno). Agricoltori esonerati Il comma 6 dell art. 18 del DPR n. 600/73 prevede che i produttori agricoli, esonerati ai sensi dell art. 34, c.6, del DPR n. 633/72 dagli adempimenti IVA, non sono tenuti agli adempimenti contabili di cui ai commi 2, 3 e 4 previsti per le imprese minori. Si tratta, com è noto, dei produttori agricoli che, ai sensi del comma 6 del citato art. 34, nell anno solare precedente hanno realizzato o, in caso di inizio di attività, prevedono di realizzare un volume d affari non superiore a euro, costituito per almeno due terzi da cessioni di prodotti di cui allla tabella A del DPR n. 633/72. Il caso (abbastanza raro ) potrebbe essere rappresentato da un soggetto esonerato che svolge un attività di allevamento senza terra, fuori dal contesto normativo di cui all art. 32, c. 2 lett. del TUIR e dell art. 56, c.5, dello stesso testo unico. Entrata ed uscita dal regime di cassa Come già accennato, il nuovo regime di cassa per le imprese minori rappresenta il regime naturale dei soggetti che esercitano un attività di impresa e che siano in possesso dei requisiti previsti dal comma 1 dell art. 18 del DPR n. 600/73, senza necessità di un apposita manifestazione di volontà da parte del contribuente, salvo i casi di opzione per il regime della contabilità ordinaria, con validità triennale o il superamento dei limiti dei ricavi ivi stabiliti (v. sopra). Nel caso di opzioni precedentemente espresse, pochè l art. 1 del DPR n. 442/97 consente la variazione dell'opzione e della revoca nel caso di modifica del relativo sistema in conseguenza di nuove disposizioni normative, e tenuto conto della rilevanza delle modifiche apportate al regime delle imprese minori, è precisato che i soggetti che nel 2016 hanno optato per il regime di contabilità ordinaria possono, dal 1 gennaio 2017, revocare la scelta effettuata e accedere al regime di cassa in commento. Coloro che, invece, intendono continuare ad applicare il regime di contabilità ordinaria non devono effettuare alcuna opzione, intendendosi tacitamente rinnovata per un anno. 6

8 Infine, tenuto conto che i chiarimenti relativi al regime semplificato sono resi in corso d anno, coloro che per il 2017 hanno tacitamente rinnovato l opzione per la contabilità ordinaria, possono revocare nel 2018 la scelta operata per applicare il nuovo regime semplificato. In base agli stessi presupposti, coloro che hanno optato per il regime semplificato, pur avendo i requisiti per applicare un regime forfetario, possono revocare la scelta effettuata e applicare il regime forfetario dal 1 gennaio Per quanto riguarda ulteriori aspetti più particolari riguardanti, ad esempio, l applicazione del regime di cassa nel caso di svolgimento di attività di commercio al minuto, si rinvia alla lettura dell allegata circolare n. 11/E/2017. Allegati: Circolare n. 11/E del 13 aprile

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

Regime di cassa per le imprese minori: il punto CIRCOLARE A.F. N.72 del 18 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: il punto Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che l art. 1, co. 17 23, della

Dettagli

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi.

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi. I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E a cura di Gian Paolo Ranocchi. Il contesto L intervento normativo è volto come espressamente dichiarato dalla relazione illustrativa al DDL di bilancio

Dettagli

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) FINALITA DELLA DISPOSIZIONE L articolo 5 del DDL bilancio 2017 introduce,

Dettagli

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

LEGGE DI BILANCIO 2017

LEGGE DI BILANCIO 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 Schede di lettura A.C. 4127-bis SEZIONE I - NORMATIVA novembre 2016 I Articolo 5 (Regime di cassa) L articolo 5 modifica la tassazione dei redditi delle cd. imprese minori, assoggettate

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali Dr. Nicola Forte Roma, 8 marzo 2017 1 Legge di Bilancio 2017 e Decreti collegati Il regime di cassa; l IRI; Novità Iva 2 Fonti Normative Legge

Dettagli

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 CIRCOLARE N. 03 DEL 02/02/2017 CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 La Finanziaria 2017 ha introdotto dall 1.1.2017 la contabilità semplificata per cassa. La tenuta della

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge

Dettagli

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017 A tutti i Signori Clienti Loro Sedi Informativa n. 7/2017 Oggetto: Il nuovo regime di cassa: Legge di Bilancio 2017 Dal 2017 le imprese in regime di contabilità semplificata determinano il reddito imponibile

Dettagli

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE N.5 9 febbraio 2017 IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI DA SAPERE La Legge di Bilancio per il 2017 ha introdotto una nuova modalità di determinazione

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 4 Del 16 GENNAIO 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA.

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. A Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. La Legge di Stabilità per l anno 2017, approvata il 07 dicembre u.s., ha introdotto una importante novità

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA OGGETTO: Circolare 2.2017 Seregno, 9 gennaio 2017 REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA La Legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell 11.12.2016) all Art. 1 cc. 17-23, ha apportato

Dettagli

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Circolare CONTABILITA n 012/2017 Rif. COMUNICAZIONE A tutti i Signori C L I E N T I Loro Sedi OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Il regime di contabilità

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato CIRCOLARE A.F. N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 Nuovo regime contabilità semplificata per cassa Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 1 Con la modifica del co, 1 dell art. 66, TUIR, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi Nicola Giuliano - Dottore commercialista Aldo Fazzini - Consulente aziendale Corrado Quartarone - Dottore commercialista Diego Borsellino - Consulente finanza agevolata CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori di cui alla Legge n 232/16 rappresenta il regime naturale delle imprese

Dettagli

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano LA CIRCOLARE 11/E- 14 APRILE 2017 ORE 06:00 Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano Il regime di cassa introdotto dalla

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA guida di approfondimento 1 GUIDA ALLA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA INTRODUZIONE La presente guida aiuta a comprendere le regole per la gestione di

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Politiche fiscali e societarie Roma, 17 novembre 2016 Interventi fiscali per la crescita Detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione

Dettagli

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA TELEFISCO 2017 4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA Annotazione cronologica Deroga Dell importo delle operazioni Contabilità Iva integrata Generalità, indirizzo, comune Criterio delle registrazioni di residenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE Una sintesi dei principali benefici previsti dal regime forfetario riservato alle Associazioni sportive dilettantistiche: requisiti, condizioni

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA STUDIO POLLIO Circolare informativa per la clientela n. 2/2017 del 20 gennaio 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA 1. Legge di Bilancio 2017: tassazione per cassa

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA CIRCOLARE N. 10 DEL 10/05/2017 LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Dal 2017 le imprese in contabilità semplificata determinano il reddito d impresa applicando il principio

Dettagli

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria CIRCOLARE A.F. N. 22 del 15 Febbraio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria Gentile

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Nuovo regime di determinazione del reddito per le imprese minori Disciplina IRPEF ed IRAP 2 INDICE 1. Premessa... 3 2. Soggetti

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n.

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 109. [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n. 112 - L. 6 agosto 2008, n. 133 Decorrenza: Dal periodo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

La scelta vincola per un triennio

La scelta vincola per un triennio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 49 13.02.2014 Iva per cassa e Modello Iva 2014 La scelta vincola per un triennio Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Per l adesione al

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 16 25.01.2016 IVA: periodicità liquidazione per il 2016 Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti La possibilità di liquidare l IVA con periodicità

Dettagli

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Il Punto sull Iva Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Introduzione Nel corso del presente intervento, esamineremo le modalità di compilazione della dichiarazione Iva, relativamente

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.0.4

Dettagli

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta Indice Capitolo 1- La determinazione della base imponibile Irap per i soggetti IRES: il principio di derivazione dal bilancio pag.9 Società di capitali Principio di inerenza Base imponibile Voci di corrispondenza

Dettagli

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO È introdotto un nuovo regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi), che sostituisce l attuale regime delle nuove iniziative ex art. 13,

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 24/11 del 15/11/2011 MD/cm Monza, lì 15/11/2011 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Riferimento : NOVITA DAL 2012 PER CONTABILITA SOGGETTI MINORI Oggetto: D.L. 6.07.2011, n. 98,

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni CIRCOLARE DI STUDIO 11/2017 Parma, 2 marzo 2017 OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni La circolare analizza i principali regimi contabili e fiscali agevolati applicabili

Dettagli

LEGGE 16 Dicembre 1991 n. 398

LEGGE 16 Dicembre 1991 n. 398 REGIME FISCALE L. 398/1991 ACCESSO MEDIANTE OPZIONE, volume proventi di carattere commerciale non superiore ad 250.000= ESONERO DALLA TENUTA DELLA CONTABILITA, con l obbligo di registrazione dei corrispettivi

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, "ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza:

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza: Il D.L. n. 70/2011 del 13 maggio 2011 (c.tto Decreto Sviluppo) ha introdotto un innovazione contabile che merita profonde riflessioni per il suo impatto nell attività professionale quotidiana di tutti

Dettagli

LEGGE DI BILANCIO 2017 IRI - IMPOSTA SUL REDDITO D'IMPRESA

LEGGE DI BILANCIO 2017 IRI - IMPOSTA SUL REDDITO D'IMPRESA LEGGE DI BILANCIO 2017 IRI - IMPOSTA SUL REDDITO D'IMPRESA 1. Quadro normativo 2. Soggetti passivi 3. Funzionamento del regime 4. Disciplina delle perdite 5. S.r.l. a ristretta base sociale L art. 1, co.

Dettagli

Roma, 14/02/2014 INDICE

Roma, 14/02/2014 INDICE Roma, 14/02/2014 Società di persone e imprenditori individuali in contabilità ordinaria - Determinazione dell IRAP relativa al triennio 2014-2016 in base al bilancio - Opzione entro il 3.3.2014 INDICE

Dettagli

Liquidazione Iva per il 2014

Liquidazione Iva per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 24 24.01.2014 Liquidazione Iva per il 2014 Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti La liquidazione e l'eventuale versamento (se a debito) dell'iva,

Dettagli

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 21 gennaio 2008 Circolare n. 2/2008 OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008

Dettagli

Circolare 8/E. In sintesi ecco gli argomenti principali della circolare in argomento: IRPEF. Plusvalenze da cessioni di partecipazioni:

Circolare 8/E. In sintesi ecco gli argomenti principali della circolare in argomento: IRPEF. Plusvalenze da cessioni di partecipazioni: Circolare 8/E Con la circolare 8/E l Agenzia delle Entrate produce i profili interpretativi emersi in occasione degli incontri con la stampa specializzata (TELEFISCO 2009). In particolare la circolare

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime di cassa a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime Il nuovo regime di cassa Il nuovo regime «ibrido» o «misto» In effetti è la stessa relazione illustrativa alla

Dettagli

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario 33 9 NUOVO REGIME FORFETARIO DEI CONTRIBUENTI PERSONE FISICHE ESERCENTI ATTIVITA D IMPRESA, ARTI O PROFESSIONI 9.1 Accesso da parte dei contribuenti minimi Un contribuente che esercita l attività di imbianchino

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 Dal 2015 è introdotto un nuovo regime forfettario riservato alle persone fisiche (imprese

Dettagli

REDDITO D IMPRESA T.U.I.R. STRUTTURA DELLE NORME DOTT. PASQUALE MINUTOLI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA GIURISPRUDENZA - ECONOMIA

REDDITO D IMPRESA T.U.I.R. STRUTTURA DELLE NORME DOTT. PASQUALE MINUTOLI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA GIURISPRUDENZA - ECONOMIA REDDITO D IMPRESA T.U.I.R. STRUTTURA DELLE NORME REDDITO D IMPRESA Art. 55 Redditi d'impresa Sono redditi d'impresa quelli che derivano dall'esercizio di imprese commerciali. Per esercizio di imprese commerciali

Dettagli

Regime per cassa - Disciplina IRPEF ed IRAP Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 13 aprile 2017

Regime per cassa - Disciplina IRPEF ed IRAP Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 13 aprile 2017 Prot. 42/2017 Milano, 02-05-2017 Circolare n. 11/2017 AREA: Circolari, Fiscale Regime per cassa - Disciplina IRPEF ed IRAP Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 13 aprile 2017 L Agenzia delle

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

FRANCESCO CARPIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

FRANCESCO CARPIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE IL REGIME FORFETARIO 2017 Come noto, l art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 ha introdotto il regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo che rispettano

Dettagli

Associazioni senza scopo di lucro: attività commerciale e normativa fiscale

Associazioni senza scopo di lucro: attività commerciale e normativa fiscale Associazioni senza scopo di lucro: attività commerciale e normativa fiscale Dicembre 2007 Dott. Nicola D Angelo INDICE Attività non commerciale... 1 Attività commerciale... 1 Regime fiscale... 3 a) Regime

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

Forfettari: la gestione delle rimanenze

Forfettari: la gestione delle rimanenze Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 86 13.03.2015 Forfettari: la gestione delle rimanenze Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2017 CIRCOLARE NUMERO 1 IL NUOVO REGIME FISCALE DELLE IMPRESE MINORI PREMESSA La Legge di Bilancio 2017 rivoluziona la determinazione del reddito delle imprese

Dettagli

QUADRO RS ANCHE DATI RITENUTE

QUADRO RS ANCHE DATI RITENUTE QUADRO RS ART. 1 C. 73 L. 190/2014 «I contribuenti che applicano il regime forfetario sono esclusi dall'applicazione degli studi di settore di cui all'art. 62-bis del D.L. 331/1993, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Informativa n. 43 del 30.10.2012 INDICE

Informativa n. 43 del 30.10.2012 INDICE Informativa n. 43 del 30.10.2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Provvedimento attuativo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi...

Dettagli

CIRCOLARE 2/2010 SOCIETA AGRICOLE E TASSAZIONE CATASTALE

CIRCOLARE 2/2010 SOCIETA AGRICOLE E TASSAZIONE CATASTALE CIRCOLARE 2/2010 SOCIETA AGRICOLE E TASSAZIONE CATASTALE Con la legge 27 dicembre 2006, n. 296 ( Finanziaria 2007) al comma 1093 dell art. 1, il legislatore fiscale ha previsto che le società che rivestono

Dettagli

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE Dal 01.01.2015 il contributo previdenziale ENASARCO sulle provvigioni derivanti da rapporti di agenzia aumenta passando dal 14,20% al 14,65%. La nuova

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012 Informativa n. 48 del 26 novembre 2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi... 2 1.2 Decorrenza... 2 1.3 Abrogazione dell attuale

Dettagli

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato Superminimi) di cui all.27 D.L. 98/2011 ha integrato e modificato il vecchio regime dei minimi di cui commi da 96 a

Dettagli

LA DEDUZIONE IRAP DEL 10% COMPORTA LA RILEVAZIONE DELLA FISCALITÀ ANTICIPATA

LA DEDUZIONE IRAP DEL 10% COMPORTA LA RILEVAZIONE DELLA FISCALITÀ ANTICIPATA LA DEDUZIONE IRAP DEL 10% COMPORTA LA RILEVAZIONE DELLA FISCALITÀ ANTICIPATA a cura di Antonio Gigliotti La manovra anticrisi ha introdotto la possibilità di dedurre parzialmente (10%), a partire dal periodo

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA I.R.E.S. Imposta sul reddito delle società art.72 161 D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. ha sostituito l I.R.P.E.G. si applica a S.p.a.,S.a.p.a.,S.r.l.,cooperative,

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della L. n. 244 del 2007, è stato esposto il seguente QUESITO

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della L. n. 244 del 2007, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa Roma, 07 marzo 2011 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Regime dei contribuenti minimi - Chiarimenti in merito alla fattispecie

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE Avv. Giampaolo Foresi Direzione Servizi Tributari LE REGOLE FISCALI SUI COSTI AZIENDALI

Dettagli

UNICO PF ADEMPIMENTO " RIFERIMENTI " Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI " PROCEDURE " SCADE "

UNICO PF ADEMPIMENTO  RIFERIMENTI  Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI  PROCEDURE  SCADE UNICO PF quadro RE: determinazione del reddito di lavoro autonomo Emiliano Ribacchi -- Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RE del Modello

Dettagli

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata LYNFA STUDIO Contabilità Tipo Documento: Mini Guida Operativa Linea Prodotto: Procedura: Area: Lynfa Studio - Contabilità e Redditi LYNFA STUDIO Contabilità Contabilità Modulo: Versione / Build: Data Inizio

Dettagli

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI Roma, 28 dicembre 2011 OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI L Agenzia delle Entrate con due nuovi provvedimenti ha fornito le modalità

Dettagli

TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Coordinamento scientifico di Luca Miele INDICE TITOLO I Imposta sul reddito delle persone fisiche Capo I Disposizioni generali Art. 1 Presupposto dell imposta... pag.

Dettagli

IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO

IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO IVA PER CASSA PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO Operativa l IVA per cassa a decorrere dalle operazioni poste in essere, ai sensi dell articolo 6 del DPR 633/72, dalla data del 28 aprile 2009. L articolo

Dettagli