LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)"

Transcript

1 LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) FINALITA DELLA DISPOSIZIONE L articolo 5 del DDL bilancio 2017 introduce, per le imprese individuali e le società di persone in regime di contabilità semplificata, un regime di determinazione del reddito e del valore della produzione netta fondato sul criterio di cassa, in sostituzione del criterio della competenza. La disposizione interessa imprese in forma associata e imprese individuali. ART. 5. (Regime di cassa per i contribuenti che si avvalgono della contabilità semplificata) 1. All articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, concernente le imprese minori, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 1 è sostituito dal seguente: «1. Il reddito d impresa dei soggetti che, secondo le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, applicano il regime di contabilità semplificata, è costituito dalla differenza tra l ammontare dei ricavi di cui all articolo 85 e degli altri proventi di cui all articolo 89 percepiti nel periodo di imposta e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell esercizio dell attività di impresa. La differenza è aumentata dei ricavi di cui all articolo 57, dei proventi di cui all articolo 90, comma 1, delle plusvalenze realizzate ai sensi dell articolo 86 e delle sopravvenienze COMMENTO COME CAMBIA LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Il comma 1 dell articolo 66 del TUIR deroga al criterio della competenza, attribuendo rilevanza fiscale ai ricavi percepiti e alle spese sostenute. Ciò consente di correlare tassazione e liquidità delle imprese. Restano ferme, invece, le regole di determinazione e imputazione temporale delle plusvalenze, minusvalenze, sopravvenienze, ammortamenti e accantonamenti. Non rilevano più le rimanenze fiscali. Confartigi anato Impres e Via S. Giovanni in Laterano, Roma - Tel.: 06/

2 attive di cui all articolo 88 e diminuita delle minusvalenze e sopravvenienze passive di cui all articolo 101»; b) al comma 3: 1) al primo periodo, le parole: «109, commi 1, 2, 5, 7 e 9, lettera b)» sono sostituite dalle seguenti: «109, commi 5, 7 e 9, lettera b),» e le parole: «110, commi 1, 2, 5, 6 e 8» sono sostituite dalle seguenti: «110, commi 5, 6 e 8»; 2) il terzo e il quarto periodo sono soppressi. 2. Il reddito del periodo d imposta in cui si applicano le disposizioni dell articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, come modificato dal comma 1 del presente articolo, è ridotto dell importo delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente secondo il principio della competenza. 3. Al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione, nel caso di passaggio da un periodo d imposta soggetto alla determinazione del reddito delle imprese minori ai sensi dell articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, a un periodo d imposta soggetto a regime ordinario, e viceversa, i ricavi, i compensi e le spese che hanno già concorso alla formazione del reddito, in base alle regole del regime di determinazione del reddito d impresa adottato, non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi. IL COORDINAMENTO CON LE ALTRE DISPOSIZIONI DEL TUIR Per motivi di coordinamento, la norma provvede a modificare il precedente comma 3 dell articolo 66 del TUIR, al fine di rendere coerente la nuova formulazione normativa con il principio di cassa introdotto. Più precisamente, è modificato il riferimento ai commi dell articolo 109 del TUIR riguardanti l applicazione del criterio di competenza e sono stati soppressi gli ultimi due periodi del predetto articolo 66 che consentono - ai soggetti in regime di contabilità semplificata - di dedurre i costi concernenti contratti da cui derivano corrispettivi periodici, relativi a spese di competenza di due periodi d imposta e di importo non superiore a euro, nell esercizio in cui ricevono il documento probatorio, anziché alla data di maturazione dei corrispettivi. IL TRATTAMENTO DELLE RIMANENZE FINALI DELL ULTIMO ANNO PRIMA DELL ACCESSO AL REGIME DI CASSA Per evitare fenomeni di doppia imposizione, la norma prevede che il reddito del periodo d imposta in cui si applica il principio di cassa è ridotto dell importo delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente soggetto a regime ordinario. NORMA PER EVITARE SALTI O DUPLICAZIONI D IMPOSTA Tale coordinamento si rende necessario al fine di evitare duplicazioni o salti di imposta nei periodi di entrata o di uscita dal regime di cassa in particolar modo connesse al fatto che i due regimi (ordinario e di cassa) seguono criteri di imputazione differenti (da un lato, competenza economica, dall'altro, principio di cassa). In particolare, viene stabilito che, in caso di passaggio da un periodo d'imposta soggetto al regime di cassa ad un periodo di imposta soggetto al regime ordinario, i ricavi, i compensi e le spese sostenute, che hanno già concorso alla formazione del reddito nei periodi soggetti al regime agevolato, non assumono rilevanza nei periodi d'imposta 2

3 successivi. Allo stesso modo, i componenti di reddito che, ancorché di competenza dei periodi di imposta di vigenza del regime di cassa, non hanno concorso alla formazione del reddito di tali periodi d'imposta (perché non hanno avuto, ad esempio, manifestazione finanziaria), dovranno assumere rilevanza in quelli successivi. Analoghe regole risultano applicabili anche per l'ipotesi inversa di passaggio dal regime ordinario di tassazione al regime di cassa. Si tratta, in sostanza, di tutti quei componenti di reddito per i quali l'utilizzo del criterio di cassa in luogo di quello di competenza, o viceversa, porterebbe ad attribuire il componente a periodi di imposta diversi per i quali la determinazione del reddito avviene secondo differenti regimi. Tali componenti: se hanno già concorso alla formazione del reddito secondo i criteri ordinari, non devono essere computati nella determinazione del reddito sulla base delle regole del regime di cassa; se, al contrario, hanno già concorso alla formazione del reddito secondo le regole del regime di cassa, gli stessi non assumeranno rilevanza nei periodi d'imposta successivi alla fuoriuscita dallo stesso. 4. All articolo 5-bis del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, concernente la determinazione del valore della produzione netta delle società di persone e delle imprese individuali agli effetti dell imposta regionale sulle attività produttive, dopo il comma 1 è inserito il seguente: «1-bis. Per i soggetti di cui al comma 1, che determinano il reddito ai sensi dell articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, la base imponibile di cui al comma 1 del presente articolo è determinata con i criteri previsti dal citato articolo 66». 5. Ai fini della determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per i soggetti di cui al comma 1-bis dell articolo 5-bis del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 del presente articolo. LA NUOVA DETERMINAZIONE DELL IRAP La norma stabilisce che la base imponibile delle imprese individuali e delle società di persone in regime di contabilità semplificata - di cui al comma 1 dell articolo 5-bis del decreto legislativo n. 446 del è determinata con i medesimi criteri previsti dall articolo 66 del TUIR. 6. L articolo 18 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, è 3

4 sostituito dal seguente: «ART. 18. (Contabilità semplificata per le imprese minori). 1. Le disposizioni dei precedenti articoli si applicano anche ai soggetti che, a norma del codice civile, non sono obbligati alla tenuta delle scritture contabili di cui allo stesso codice. Tuttavia, i soggetti indicati alle lettere c) e d) del primo comma dell articolo 13, qualora i ricavi indicati agli articoli 57 e 85 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, percepiti in un anno intero, ovvero conseguiti nell ultimo anno di applicazione dei criteri previsti dall articolo 109, comma 2, del medesimo testo unico, non abbiano superato l ammontare di euro per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi, ovvero di euro per le imprese aventi per oggetto altre attività, sono esonerati per l anno successivo dalla tenuta delle scritture contabili prescritte dai precedenti articoli, salvi gli obblighi di tenuta delle scritture previste da disposizioni diverse dal presente decreto. Per i contribuenti che esercitano contemporaneamente prestazioni di servizi e altre attività si fa riferimento all ammontare dei ricavi relativi all attività prevalente. In mancanza della distinta annotazione dei ricavi, si considerano prevalenti le attività diverse dalle prestazioni di servizi. Con decreto del Ministro dell economia e delle finanze sono stabiliti i criteri per l individuazione delle attività consistenti nella prestazione di servizi. 2. I soggetti che fruiscono dell esonero di cui al comma 1 devono annotare cronologicamente in un apposito registro i ricavi percepiti indicando per ciascun incasso: a) il relativo importo; b) le generalità, l indirizzo e il comune di residenza anagrafica del soggetto che effettua il pagamento; c) gli estremi della fattura o altro documento emesso. Devono essere altresì annotate cronologicamente, in diverso registro e con riferimento alla data di pagamento, le spese sostenute nell esercizio. Per ciascuna spesa devono essere fornite le indicazioni di cui alle lettere b) e c) del primo periodo. LA RISCRITTURA DELL ARTICOLO 18 DEL TUIR E modificato l articolo 18 del DPR n. 600 del 1973 per adeguarlo alle peculiarità del regime di cassa. Limiti di accesso al regime semplificato Il comma 1 non presenta sostanziali differenze rispetto al testo in vigore. I limiti per l accesso al regime semplificato restano invariati: i ricavi di cui all art. 85 e 57 del TUIR non devono superare i euro per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi ed i euro per le altre imprese. La verifica va condotta in relazione: ai ricavi percepiti in un anno intero; ai ricavi di competenza conseguiti nell ultimo anno di applicazione dei criteri previsti dall articolo 109, comma 2, TUIR (per omogeneità di trattamento si ritiene che i ricavi debbano essere ragguagliati ad anno). La registrazione dei ricavi e delle spese I soggetti in regime semplificato devono adottare un registro degli incassi e dei pagamenti analogo a quello previsto per i professionisti (art. 19 del D.P.R. n. 600 del 1973). Nel registro degli incassi vanno annotati per ciascun ricavo percepito: a) il relativo importo; b) le generalità, l indirizzo e il comune di residenza anagrafica del soggetto che effettua il pagamento; c) gli estremi della fattura o altro documento emesso. 4

5 Nel registro dei pagamenti vanno effettuate analoghe registrazioni in relazione ai pagamenti effettuati. 3. I componenti positivi e negativi di reddito, diversi da quelli indicati al comma 2, sono annotati nei registri obbligatori di cui al medesimo comma 2 entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. 4. I registri tenuti ai fini dell imposta sul valore aggiunto sostituiscono i registri indicati al comma 2, qualora vi siano iscritte separate annotazioni delle operazioni non soggette a registrazione ai fini della suddetta imposta. In luogo delle singole annotazioni relative a incassi e pagamenti, nell ipotesi in cui l incasso o il pagamento non sia avvenuto nell anno di registrazione, nei registri deve essere riportato l importo complessivo dei mancati incassi o pagamenti con indicazione delle fatture cui le operazioni si riferiscono. In tal caso, i ricavi percepiti e i costi sostenuti devono essere annotati separatamente nei registri stessi nel periodo d imposta in cui vengono incassati o pagati, indicando ai sensi del comma 2, lettera c), il documento contabile già registrato ai fini dell imposta sul valore aggiunto. 5. Previa opzione, vincolante per almeno un triennio, i contribuenti possono tenere i registri ai fini dell imposta sul valore aggiunto senza operare annotazioni relative a incassi e pagamenti, fermo restando l obbligo della separata annotazione delle operazioni non soggette a registrazione ai fini della suddetta imposta. In tal caso, per finalità di semplificazione si presume che la data di registrazione dei documenti coincida con quella in cui è intervenuto il relativo incasso o pagamento. 6. I soggetti esonerati dagli adempimenti relativi all imposta sul valore aggiunto ai sensi dell articolo 34 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, non La registrazione degli altri componenti positivi e negativi di reddito Entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi i registri vanno integrati con gli altri componenti positivi e negativi di reddito (ammortamenti, plusvalenze, minusvalenze, ecc). I registri IVA integrati sostituiscono i registri incassi e pagamenti I registri IVA integrati con le operazioni non IVA sostituiscono il registro incassi e pagamenti. Annotazione globale dei mancati incassi o pagamenti In luogo delle singole annotazioni relativi ad incassi e pagamenti, nei registri può essere riportato l'importo complessivo dei mancati incassi o dei mancati pagamenti in relazione alle fatture di vendita o di acquisto registrate nell anno. L annotazione dei mancati incassi o pagamenti all atto dell incasso o pagamento Gli incassi o pagamenti relativi ad operazioni IVA registrate in periodi d imposta precedenti (che non avevano avuto manifestazione numeraria) devono essere annotati nei registri IVA con riferimento al periodo d'imposta in cui vengono ricevuti o effettuati indicando gli estremi della fattura di riferimento. La semplificazioni delle registrazioni Il comma 5 introduce la possibilità per il contribuente di derogare parzialmente al regime di cassa, esprimendo un opzione volta a far coincidere la data di registrazione dei documenti con quella in cui è intervenuto il relativo incasso o pagamento. Agricoltori esonerati Gli agricoltori esonerati non sono tenuti agli adempimenti. 5

6 sono tenuti ad osservare le disposizioni dei commi 2, 3 e 4 del presente articolo. 7. Il regime di contabilità semplificata previsto nel presente articolo si estende di anno in anno qualora non vengano superati gli importi indicati nel comma Il contribuente ha facoltà di optare per il regime ordinario. L opzione ha effetto dall inizio del periodo d imposta nel corso del quale è esercitata fino a quando non è revocata e, in ogni caso, per il periodo stesso e per i due successivi. 9. I soggetti che intraprendono l esercizio di impresa commerciale, qualora ritengano di percepire ricavi per un ammontare, ragguagliato ad un anno, non superiore ai limiti indicati al comma 1, possono, per il primo anno, tenere la contabilità semplificata di cui al presente articolo. 10. Per i rivenditori, in base a contratti estimatori, di giornali, di libri e di periodici, anche su supporti audiovideomagnetici, e per i distributori di carburante, ai fini del calcolo dei limiti di ammissione ai regimi semplificati di contabilità, i ricavi percepiti si assumono al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei predetti beni. Per le cessioni di generi di monopolio, valori bollati e postali, marche assicurative e valori similari, si considerano ricavi gli aggi percepiti spettanti ai rivenditori. 11. Ai fini del presente articolo si assumono come ricavi conseguiti nel periodo d imposta le somme incassate registrate nel registro di cui al comma 2, primo periodo, ovvero nel registro di cui al comma 4. Applicazione del regime semplificato Il regime semplificato si applica sino a quando non sono superati i limiti di ricavi. Opzione per il regime ordinario Si può uscire dal regime semplificato optando per l ordinario con vincolo triennale. Inizio attività Coloro che iniziano l attività e presuppongono di non superare i limiti del comma 1 possono applicare il regime semplificato Verifica dei limiti di ricavi per determinate attività Per i rivenditori, in base a contratti estimatori, di giornali, di libri e di periodici e per i distributori di carburante i ricavi percepiti si assumono al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei predetti beni. Per le cessioni di generi di monopolio, valori bollati e postali, marche assicurative e valori similari, si considerano ricavi gli aggi percepiti spettanti ai rivenditori. I ricavi incassati I ricavi incassati sono quelli registrati nel registro degli incassi ovvero in quello delle vendite. 6

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

LEGGE DI BILANCIO 2017

LEGGE DI BILANCIO 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 Schede di lettura A.C. 4127-bis SEZIONE I - NORMATIVA novembre 2016 I Articolo 5 (Regime di cassa) L articolo 5 modifica la tassazione dei redditi delle cd. imprese minori, assoggettate

Dettagli

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE N.5 9 febbraio 2017 IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI DA SAPERE La Legge di Bilancio per il 2017 ha introdotto una nuova modalità di determinazione

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori di cui alla Legge n 232/16 rappresenta il regime naturale delle imprese

Dettagli

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA OGGETTO: Circolare 2.2017 Seregno, 9 gennaio 2017 REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA La Legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell 11.12.2016) all Art. 1 cc. 17-23, ha apportato

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Politiche fiscali e societarie Roma, 17 novembre 2016 Interventi fiscali per la crescita Detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione

Dettagli

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali Dr. Nicola Forte Roma, 8 marzo 2017 1 Legge di Bilancio 2017 e Decreti collegati Il regime di cassa; l IRI; Novità Iva 2 Fonti Normative Legge

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Circolare CONTABILITA n 012/2017 Rif. COMUNICAZIONE A tutti i Signori C L I E N T I Loro Sedi OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Il regime di contabilità

Dettagli

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA.

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. A Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. La Legge di Stabilità per l anno 2017, approvata il 07 dicembre u.s., ha introdotto una importante novità

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

Regime di cassa per le imprese minori: il punto CIRCOLARE A.F. N.72 del 18 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: il punto Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che l art. 1, co. 17 23, della

Dettagli

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA TELEFISCO 2017 4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA Annotazione cronologica Deroga Dell importo delle operazioni Contabilità Iva integrata Generalità, indirizzo, comune Criterio delle registrazioni di residenza

Dettagli

IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016)

IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016) IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi 17-23 (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016) A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA STUDIO POLLIO Circolare informativa per la clientela n. 2/2017 del 20 gennaio 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA 1. Legge di Bilancio 2017: tassazione per cassa

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2017 CIRCOLARE NUMERO 1 IL NUOVO REGIME FISCALE DELLE IMPRESE MINORI PREMESSA La Legge di Bilancio 2017 rivoluziona la determinazione del reddito delle imprese

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 401 29.12.2016 Il nuovo regime di cassa per i piccoli A cura di Matilde Fiammelli Categoria: Finanziaria Sottocategoria: Legge di Bilancio 2017

Dettagli

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017 A tutti i Signori Clienti Loro Sedi Informativa n. 7/2017 Oggetto: Il nuovo regime di cassa: Legge di Bilancio 2017 Dal 2017 le imprese in regime di contabilità semplificata determinano il reddito imponibile

Dettagli

Anno 2016 RF321 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE

Anno 2016 RF321 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE Anno 2016 RF321 www.redazionefiscale.it REDAZIONE FISCALE Pag. 1 / 8 OGGETTO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE RIFERIMENTI LEGGE BILANCIO 2017 IN ATTESA DI PUBBL. IN GU ART. 66

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge

Dettagli

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE Via Tacchi, 1 Rovereto Tel. 0464 435144 Fax 0464 439210 sito: www.studiogpc.it CIRCOLARE 3/2016 Rovereto, 9 Febbraio 2017. SOCIETA DI PERSONE: TASSAZIONE PER CASSA E OPZIONI

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi Nicola Giuliano - Dottore commercialista Aldo Fazzini - Consulente aziendale Corrado Quartarone - Dottore commercialista Diego Borsellino - Consulente finanza agevolata CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI

Dettagli

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata LYNFA STUDIO Contabilità Tipo Documento: Mini Guida Operativa Linea Prodotto: Procedura: Area: Lynfa Studio - Contabilità e Redditi LYNFA STUDIO Contabilità Contabilità Modulo: Versione / Build: Data Inizio

Dettagli

LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione

LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione NOTE DI RILASCIO Contabilità Ver. 15.03 SISTEMA PROFESSIONISTA Istruzioni per installare l aggiornamento LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione

Dettagli

Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione dell art. 18 del DPR n. 600 del 1973, è stato esposto il seguente QUESITO

Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione dell art. 18 del DPR n. 600 del 1973, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 293/E Roma, 18 ottobre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 18. Disposizione regolamentare concernente la contabilità semplificata

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi

RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi AREA Fiscale CIRCOLARE N. 15621 del 19 aprile 2017 Nuovo regime per cassa per le imprese minori in contabilità semplificata Art. 1, commi 17-23 della L. n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) Circolare AdE

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 203 del 28.12.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il passaggio di regime (contabile e Iva) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 4 Del 16 GENNAIO 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi.

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi. I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E a cura di Gian Paolo Ranocchi. Il contesto L intervento normativo è volto come espressamente dichiarato dalla relazione illustrativa al DDL di bilancio

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

LEGGE 16 Dicembre 1991 n. 398

LEGGE 16 Dicembre 1991 n. 398 REGIME FISCALE L. 398/1991 ACCESSO MEDIANTE OPZIONE, volume proventi di carattere commerciale non superiore ad 250.000= ESONERO DALLA TENUTA DELLA CONTABILITA, con l obbligo di registrazione dei corrispettivi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato CIRCOLARE A.F. N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente

Dettagli

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 21 gennaio 2008 Circolare n. 2/2008 OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008

Dettagli

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 Nuovo regime contabilità semplificata per cassa Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 1 Con la modifica del co, 1 dell art. 66, TUIR, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 CIRCOLARE N. 03 DEL 02/02/2017 CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 La Finanziaria 2017 ha introdotto dall 1.1.2017 la contabilità semplificata per cassa. La tenuta della

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa

Ufficio Tributario Paolo Stoppa Informativa per la clientela di studio N. 20 del 28.12.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.0.4

Dettagli

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO È introdotto un nuovo regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi), che sostituisce l attuale regime delle nuove iniziative ex art. 13,

Dettagli

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Il Punto sull Iva Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Introduzione Nel corso del presente intervento, esamineremo le modalità di compilazione della dichiarazione Iva, relativamente

Dettagli

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, "ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza:

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza: Il D.L. n. 70/2011 del 13 maggio 2011 (c.tto Decreto Sviluppo) ha introdotto un innovazione contabile che merita profonde riflessioni per il suo impatto nell attività professionale quotidiana di tutti

Dettagli

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato Superminimi) di cui all.27 D.L. 98/2011 ha integrato e modificato il vecchio regime dei minimi di cui commi da 96 a

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità Carlo Cecchi Dottore Commercialista Revisore Contabile Filippo Rosi Dottore Commercialista Revisore Contabile Gianpaolo Chiesi Avvocato Ferruccio Leandro Chiesi Avvocato Prato, 4 gennaio 2008 Ai Signori

Dettagli

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n.

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 109. [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n. 112 - L. 6 agosto 2008, n. 133 Decorrenza: Dal periodo

Dettagli

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni CIRCOLARE DI STUDIO 11/2017 Parma, 2 marzo 2017 OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni La circolare analizza i principali regimi contabili e fiscali agevolati applicabili

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA guida di approfondimento 1 GUIDA ALLA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA INTRODUZIONE La presente guida aiuta a comprendere le regole per la gestione di

Dettagli

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano LA CIRCOLARE 11/E- 14 APRILE 2017 ORE 06:00 Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano Il regime di cassa introdotto dalla

Dettagli

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA CIRCOLARE N. 10 DEL 10/05/2017 LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Dal 2017 le imprese in contabilità semplificata determinano il reddito d impresa applicando il principio

Dettagli

Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati

Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati Regimi agevolati Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati di Simone Bottero - Associazione Italiana Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Premessa Il D.D.L. di stabilità 2016, apportando

Dettagli

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE Una sintesi dei principali benefici previsti dal regime forfetario riservato alle Associazioni sportive dilettantistiche: requisiti, condizioni

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime di cassa a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime Il nuovo regime di cassa Il nuovo regime «ibrido» o «misto» In effetti è la stessa relazione illustrativa alla

Dettagli

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 Dal 2015 è introdotto un nuovo regime forfettario riservato alle persone fisiche (imprese

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI 1. D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600. Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi (Suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale n. 268 del 16 ottobre

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

Legge DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29/09/1973 N. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.

Legge DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29/09/1973 N. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi. Legge DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29/09/1973 N. 600 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi. Arttt da 14 a 16, artt. 18 e 18 bis, artt. 19, 20 e 22 Articolo

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata. (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017)

Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata. (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017) Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017) Indice 1. Premessa 2. Soggetti interessati 3. Opzione per la contabilità ordinaria 4. Determinazione

Dettagli

La scelta vincola per un triennio

La scelta vincola per un triennio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 49 13.02.2014 Iva per cassa e Modello Iva 2014 La scelta vincola per un triennio Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Per l adesione al

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 38 del 28 Dicembre 2011 REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO Gentili Clienti con la presente intendiamo porre l attenzione sui

Dettagli

LEGGE di BILANCIO 2017

LEGGE di BILANCIO 2017 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di FOGGIA LEGGE di BILANCIO 2017 Foggia, 16 febbraio 2017 Vincenzo Morrone dottore commercialista revisore contabile pubblicista art. 1, commi 17-23 Legge

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 33 21.04.2016 Il reddito d impresa nel quadro G del modello Unico/PF Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone Fisiche Il quadro

Dettagli

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO Il commercialista: questo sconosciuto Dott.ssa Sara Saccani Aula Magna - Palazzo Dossetti 29 settembre 2014 Corso di Laurea in Logopedia Università degli Studi di Modena e Reggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Nuovo regime di determinazione del reddito per le imprese minori Disciplina IRPEF ed IRAP 2 INDICE 1. Premessa... 3 2. Soggetti

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 23 dicembre 2010

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 23 dicembre 2010 CIRCOLARE N. 60/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche introdotte alla determinazione del reddito delle società e degli enti che esercitano attività assicurative - articolo

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Tratto da Gazzetta Ufficiale n. 9 del 11-1-2008 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 gennaio 2008 Modalita' applicative per il regime dei contribuenti minimi in attuazione dell'articolo 1,

Dettagli

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE Dal 01.01.2015 il contributo previdenziale ENASARCO sulle provvigioni derivanti da rapporti di agenzia aumenta passando dal 14,20% al 14,65%. La nuova

Dettagli

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI Roma, 28 dicembre 2011 OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI L Agenzia delle Entrate con due nuovi provvedimenti ha fornito le modalità

Dettagli

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI 1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Il nuovo regime forfettario per imprese e professionisti si ispira alla Legge 244/2007 Contribuenti minimi. I commi dal cinquantaquattro all ottantanove, dell articolo 1,

Dettagli

CARATTERISTICHE REGIME FORFETTARIO RIVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA 2016 (L. n. 208 del 28/12/2015)

CARATTERISTICHE REGIME FORFETTARIO RIVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA 2016 (L. n. 208 del 28/12/2015) Barbara Rizzato dottore commercialista revisore contabile www.rizzatodainese.it consulenza economico-giuridica, tributaria e del lavoro Massimo Dainese tributarista consulente aziendale CARATTERISTICHE

Dettagli

L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres.

L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres. L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per l applicazione dell aliquota IRAP di cui

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 29 novembre 2016

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 29 novembre 2016 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2611 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell economia e delle finanze (PADOAN) (V. Stampato Camera n. 4127-bis) approvato dalla Camera dei deputati il

Dettagli

CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016

CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016 CONTRIBUENTI MINORI E LEGGE DI STABILITÀ 2016 pagina 1 di 8 Forfettari 2016 Nuovo regime forfettario per le persone fisiche che iniziano l attività e intende aprire una partita IVA Sostituisce il precedente

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + $ $ $

' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + $ $ $ !!" # "%& '(' ) #!"!" # % & ' ( ' ))* + * ' ( ), )- + '. # + * / «volume d'affari non superiore a 2.000.000,00 di euro 0 0 1 0 0 1 La citata Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 44/2012, al punto 2,

Dettagli

Documento: linee guida per la gestione della contabilità semplificata a seguito della modifica dell art. 18 DPR 600/73. La legge di Bilancio 2017 ha

Documento: linee guida per la gestione della contabilità semplificata a seguito della modifica dell art. 18 DPR 600/73. La legge di Bilancio 2017 ha Documento: linee guida per la gestione della contabilità semplificata a seguito della modifica dell art. 18 DPR 600/73. La legge di Bilancio 2017 ha introdotto per le imprese in contabilità semplificata

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento,

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, N. protocollo 2012/87956 Individuazione di determinate situazioni oggettive in presenza delle quali è consentito disapplicare le disposizioni sulle società in perdita sistematica di cui all articolo 2,

Dettagli

La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario.

La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario. La legge 190/2014 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2015, un nuovo regime fiscale agevolato, il Regime Forfettario. A partire quindi da gennaio 2016 quindi, chi apre una partita iva deve decidere

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 20/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e Art. 1, comma 50, Finanziaria 2008 50. Al fine di semplificare le regole di determinazione della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive e di separarne la disciplina applicativa

Dettagli