QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE"

Transcript

1 Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ E SICUREZZA NELL AMBITO DEL SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITA

2 INDICE 1 PREMESSA DEFINIZIONI E ACRONIMI QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO OBIETTIVI E LINEE GUIDA CARATTERISTICHE GENERALI DEL SPC I principali soggetti coinvolti nel SPC Il CNIPA La Commissione di Coordinamento I fornitori SPC La Società Consortile QXN Il Centro di Gestione del SPC (CG-SPC) Le pubbliche amministrazioni L architettura del SPC La Sicurezza del SPC Linee guida e organizzazione Il Computer Emergency Response Team (CERT) Unità locale di sicurezza Gestione nel tempo del SPC Evoluzione e nuovi servizi Aggiornamento periodico dei prezzi Nuovi fornitori del SPC LE GARE La gara Multifornitore Oggetto della fornitura Costituzione della società consortile Utenti dei servizi e suddivisione in parti della fornitura Aggiudicazione I contratti di fornitura Durata dei contratti Elenco documentazione di gara Altre gare da bandire La gara per il Centro di Gestione del SPC e per il Nodo di Interconnessione VoIP Ulteriori gare I SERVIZI DELLA GARA MULTIFORNITORE SPC I servizi di connettività Servizi di trasporto Servizi di supporto di 26

3 7.1.3 Servizi di Voice Over IP Servizi di interoperabilità di base Servizi di manutenzione ed assistenza Servizi di sicurezza La Qualified exchange Network (QXN) MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEI SERVIZI BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO di 26

4 1 PREMESSA Nel corso dei primi anni 90, l esigenza di migliorare la gestione amministrativa, ha indotto le pubbliche amministrazioni a realizzare una pluralità di reti. Con la legge n. 59 del 15 marzo 1997, l Autorità per l informatica nella PA (oggi CNIPA) ha proceduto a razionalizzare tale scenario realizzando una Rete Unica per la Pubblica Amministrazione (RUPA), omogenea per qualità, sicurezza e costi, che ha rappresentato per le amministrazioni centrali la piattaforma di sviluppo di tutte le applicazioni ed ha favorito l utilizzo della posta elettronica e del web. La crescita del fenomeno Internet da un lato e la spinta del federalismo dall altro hanno indotto anche le amministrazioni locali ad aderire volontariamente alla RUPA, ovvero a sviluppare sul proprio territorio infrastrutture telematiche secondo il modello delle Community Network (CN). Reti cioè che collegano un insieme di soggetti che hanno deciso volontariamente di condividere regole, infrastrutture e servizi. Tale modello ha rappresentato un ulteriore elemento di stimolo per il mercato e di razionalizzazione della domanda di connettività e servizi. La Rete unitaria della PA oggi collega circa 60 pubbliche amministrazioni centrali ed enti pubblici, di cui all art 1 comma1 del D. Lgs. n. 39 del Al backbone della RUPA sono ad oggi collegate anche 14 Regioni, 5 Province e varie autonomie locali. La scadenza contrattuale della RUPA, la trasformazione federale dello Stato, che porta sempre più ad identificare le amministrazioni e gli enti locali come sportelli nei confronti della collettività, ed insieme il modello di e-government elaborato dal Governo, costituiscono, tuttavia, ormai una spinta ineludibile a trasformare la RUPA in un modello basato su una visione più cooperativa e federata tra le diverse realtà trasmissive territoriali. Modello che è stato denominato Sistema Pubblico di Connettività (SPC). Il SPC può, pertanto, essere definito come "l insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche, per lo sviluppo, la condivisione, l integrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della pubblica amministrazione, necessarie per assicurare l interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e l autonomia del patrimonio informativo di ciascuna pubblica amministrazione." Per la definizione del SPC, nel 2003 è stato istituito un Gruppo di Lavoro per la definizione dell architettura tecnologica, le strutture organizzative e le regole tecniche per l erogazione dei servizi di connettività ed interoperabilità di base. Ai lavori hanno partecipato rappresentanti delle amministrazioni centrali e locali, del mondo accademico, dei maggiori fornitori di servizi ICT e le più importanti associazioni di categoria. Nel corso del 2004, è stato istituito un ulteriore Gruppo di Lavoro con l obiettivo di definire il modello, l architettura e le regole per l interoperabilità evoluta, la cooperazione e l accesso ai servizi applicativi erogati dalle amministrazioni pubbliche nell ambito del SPC. Nel marzo 2004 si è conclusa la prima fase dei lavori che hanno portato alla definizione del modello architetturale ed organizzativo e dei requisiti architetturali per i servizi di interoperabilità evoluta, cooperazione ed accesso del SPC, individuando anche le tipologie di servizi, gli standard di riferimento e le modalità di partecipazione dei soggetti. Tutti i documenti prodotti dai Gruppi di Lavoro sono stati approvati dal tavolo tecnico permanente con i rappresentanti degli enti locali e dalla Conferenza Unificata Stato Regioni, Città e Autonomie 4 di 26

5 locali e condivisi dalle Associazioni di categoria dei fornitori. Tutti i documenti sono disponibili sul sito web del CNIPA E stata condotta e conclusa positivamente una sperimentazione degli aspetti legati ai piani di indirizzamento e alle politiche di routing ipotizzate nell ambito della definizione degli aspetti architetturali di connettività ed interoperabilità di base del SPC. La piattaforma di test è stata realizzata in campo e ha visto il coinvolgimento dei maggiori NAP italiani (MIX, NAMEX, TOPIX, TIX) e di diversi ISP. In data 28 febbraio 2005 è stato emanato il decreto legislativo n. 42 che, in attuazione di una previsione contenuta nella legge di semplificazione del 2001, istituisce e disciplina il Sistema Pubblico di Connettività. Il provvedimento - su cui sono stati acquisiti i pareri della Conferenza Unificata, delle Commissioni parlamentari, del Consiglio di Stato, dell Autorità Garante per la protezione dei dati personali e dei competenti organismi della Comunità Europea - stabilisce le finalità, i servizi, gli obblighi per le pubbliche amministrazioni e le strutture organizzative preposte al governo del sistema stesso. Il modello della presente gara, definito multifornitore, è stato sottoposto alla valutazione dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che hanno espresso un parere positivo. La presente gara costituisce, pertanto, l attuazione del D. Lgs. 42/2005 e riguarda la fornitura delle componenti del SPC relative ai servizi di connettività e sicurezza e la realizzazione dell infrastruttura condivisa basata sulla rete di interconnessione. La realizzazione del Centro di gestione del SPC e del Nodo di Interconnessione per il VoIP, così come dei servizi di interoperabilità evoluta e cooperazione applicativa, saranno oggetto di successive gare, costituendo l aggiudicazione della presente gara prerequisito indispensabile per l esecuzione delle stesse. 5 di 26

6 2 DEFINIZIONI E ACRONIMI Nell'ambito del presente documento si fa riferimento alle espressioni riportate nell'allegato 5 della documentazione di gara, che avranno il significato ivi specificato. 3 QUADRO ISTITUZIONALE E LEGISLATIVO La presente gara fa riferimento al seguente quadro legislativo: disposizioni comunitarie recepite nell ordinamento italiano dal decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 157 e s.m.i. e, ove da questo richiamato, il decreto legislativo 24 luglio 1992, n. 358; disposizioni legislative e regolamentari nazionali, e in particolare: 1. decreto legislativo 28 febbraio 2005 n. 42; 2. decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 e s.m.i.; 3. legge 15 marzo 1997, n. 59 e s.m.i.. 4 OBIETTIVI E LINEE GUIDA Ai sensi dell art. 6 comma 1 del D. Lgs. 28 febbraio 2005, n 42, al SPC sono attribuite le seguenti finalità: a) fornire un insieme di servizi di connettività condivisi dalle pubbliche amministrazioni interconnesse, definiti negli aspetti di funzionalità, qualità e sicurezza, ampiamente graduabili in modo da poter soddisfare le differenti esigenze delle pubbliche amministrazioni aderenti al SPC; b) garantire l interazione della pubblica amministrazione centrale e locale con tutti gli altri soggetti connessi a Internet, nonché con le reti di altri enti, promuovendo l erogazione di servizi di qualità e la miglior fruibilità degli stessi da parte dei cittadini e delle imprese; c) fornire un infrastruttura condivisa di interscambio che consenta l interoperabilità tra tutte le reti delle pubbliche amministrazioni esistenti, favorendone lo sviluppo omogeneo su tutto il territorio nella salvaguardia degli investimenti effettuati; d) fornire servizi di connettività e cooperazione alle pubbliche amministrazioni che ne facciano richiesta, per permettere l interconnessione delle proprie sedi e realizzare così anche l infrastruttura interna di comunicazione; e) realizzare un modello di fornitura dei servizi multifornitore coerente con l attuale situazione di mercato e le dimensioni del progetto stesso; f) garantire lo sviluppo dei sistemi informatici nell ambito del SPC salvaguardando la sicurezza dei dati, la riservatezza delle informazioni, nel rispetto dell autonomia del patrimonio informativo delle singole amministrazioni e delle vigenti disposizioni in materia di protezione dei dati personali. 6 di 26

7 L iniziativa di apertura del mercato dei servizi di telecomunicazione che è implicita in SPC ha anche funzione di stimolo e di crescita sia sul fronte dell offerta di servizi di rete, attraverso il sostegno alla crescita di una pluralità di fornitori, sia sul fronte della domanda, attraverso un migliore e più diffuso accesso ai servizi delle amministrazioni pubbliche da parte degli utenti. È quindi un obbiettivo dell iniziativa SPC di garantire servizi qualificati e sicuri, interoperabilità e standardizzazione dei servizi di rete. La realizzazione del SPC, avviene, pertanto, nel rispetto delle seguenti linee guida: a) sviluppo architetturale ed organizzativo atto a garantire la natura federata, policentrica e non gerarchica del sistema; b) economicità nell utilizzo dei servizi di rete, di interoperabilità e di supporto alla cooperazione applicativa; c) sviluppo del mercato e della concorrenza nel settore delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. I servizi del Sistema Pubblico di Connettività saranno erogati a centinaia di pubbliche amministrazioni in diverse migliaia di sedi diffuse sull intero territorio nazionale e, grazie alla interconnessione con la Rete internazionale (RIPA), in tutte le sedi estere. Data l importanza rivestita dalle reti informatiche nell ambito dei processi produttivi delle amministrazioni, un aspetto cruciale del SPC è rappresentato dai requisiti di elevata qualità e sicurezza che devono caratterizzare tutti i servizi di connettività al fine di assicurare la necessaria affidabilità. La presenza di più fornitori nella erogazione di tali servizi, oltre a favorire lo sviluppo del mercato e la concorrenza nel settore delle ICT, costituisce un ulteriore elemento di affidabilità in quanto riduce i rischi ed i vincoli connessi alla dipendenza da un unico fornitore. 5 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SPC 5.1 I principali soggetti coinvolti nel SPC Il CNIPA I compiti del CNIPA, in ambito SPC, sono definiti dal D.Lgs. 42/2005. Al CNIPA è affidato il compito di gestire le risorse condivise del SPC e le strutture operative preposte al controllo e supervisione delle stesse. Il CNIPA, inoltre, cura la progettazione, la realizzazione, la gestione e l evoluzione del SPC per le amministrazioni di cui al D. Lgs. 39/1993. Infine il CNIPA fornisce supporto alla Commissione di Coordinamento, di cui al paragrafo successivo, per i propri compiti istruttori La Commissione di Coordinamento Il governo del SPC, stante la natura federata dello stesso, è affidato ad un organismo specifico denominato Commissione di Coordinamento del SPC, di seguito Commissione. In particolare, ai fini della presente gara, la Commissione: a) assicura il raccordo tra le amministrazioni pubbliche, nel rispetto delle funzioni e dei compiti spettanti a ciascuna di esse; 7 di 26

8 b) promuove l evoluzione del modello organizzativo e dell architettura tecnologica del SPC in funzione del mutamento delle esigenze delle pubbliche amministrazioni e delle opportunità derivanti dalla evoluzione delle tecnologie; c) verifica la qualità e la sicurezza dei servizi erogati dai fornitori del SPC; d) promuove il recepimento degli standard necessari a garantire la connettività, l interoperabilità di base e la sicurezza del Sistema. Ulteriori compiti sono previsti per la Commissione in relazione ai servizi di interoperabilità evoluta e cooperazione applicativa I fornitori SPC Con fornitore SPC si intendono tutti i fornitori assegnatari di parti della fornitura della presente gara Licitazione privata n. 1/2005 bandita dal CNIPA e tutti gli altri fornitori iscritti negli elenchi di cui all art. 11 del D. Lgs. n. 42/2005 che abbiano aderito alle norme contrattuali e tecniche del SPC. I fornitori assegnatari di parti della fornitura della presente gara rappresentano i primi fornitori SPC. Dovranno pertanto erogare i servizi di connettività e sicurezza in conformità con quanto previsto dal Capitolato tecnico della presente gara, realizzare la rete di interconnessione e relazionarsi con tutti i soggetti coinvolti nel SPC secondo le regole stabilite nell ambito del Sistema stesso La Società Consortile QXN Ai fornitori assegnatari sarà richiesto di costituire una Società Consortile per la realizzazione, la gestione e l evoluzione della QXN di cui al successivo paragrafo7.3. Tale Società sarà di seguito indicata come la Società Consortile QXN (SC-QXN) Il Centro di Gestione del SPC (CG-SPC) Il CG-SPC supporta la Commissione nello svolgimento delle attività operative ed ha come missione quella indicata nel paragrafo Le pubbliche amministrazioni La presente gara è finalizzata all erogazione di servizi di connettività e sicurezza in ambito SPC alle pubbliche amministrazioni italiane. Le amministrazioni di cui all articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, sono tenute a stipulare ciascuna un contratto esecutivo OPA del contratto-quadro OPA stipulato dal CNIPA con il corrispondente fornitore assegnatario della presente gara. I contratti esecutivi OPA non sono soggetti al parere del CNIPA e, ove previsto, del Consiglio di Stato. Le amministrazioni non ricomprese tra quelle di cui all articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, hanno facoltà di stipulare i suddetti contratti esecutivi OPA. 5.2 L architettura del SPC In relazione agli obiettivi del SPC, di cui al capitolo 4, per i servizi oggetto della fornitura, lo stesso si può considerare costituito da più ambiti omogenei che coinvolgono differenti soggetti: 1. un ambito costituito dal dominio interno alla singola amministrazione che connette tutte le sedi della stessa distribuite sul territorio; 2. un ambito di interconnessione che connette tra loro le singole amministrazioni sia assegnate allo stesso fornitore, che, tramite la QXN, a fornitori diversi 8 di 26

9 3. un ambito di interazione tra le singole amministrazioni e gli utenti esterni ad esse fruitori dei servizi erogati dalle stesse. L ambito di cui al primo punto è considerato una Intranet ed è oggetto, per ogni amministrazione, di fornitura da parte di un unico fornitore. L ambito di cui al secondo punto, di seguito indicato con il termine Infranet, può coinvolge oltre alle infrastrutture dei singoli fornitori anche la rete di interconnessione QXN. L ambito di cui al terzo punto consiste nella possibilità delle singole amministrazioni di interagire con utenti o servizi presenti su Internet. Big Internet PA-1 PA-3 PA-2 PA-4 QXN Fornitore-1 Fornitore-2 Figura 1 I tre ambiti del SPC Intranet Infranet Internet L architettura di massima del SPC La figura seguente, mette in evidenza l architettura di massima del SPC: 9 di 26

10 NAP A NAP pubblico Nodo QXN Fornitore 1 Q -ISP 3 PA CG-SPC QXN Fornitore 2 PA ISP ISP 2 NAP pubblico NAP B Nodo QXN Figura 2 Architettura di massima del SPC Come si evince dalla figura 2 è previsto che nella realizzazione della QXN i nodi della stessa vengano collocati presso appositi locali individuati all interno dei NAP (Neutral Access Point) presenti sul territorio italiano. 5.3 La Sicurezza del SPC Linee guida e organizzazione Data l architettura distribuita del sistema, l organizzazione per la sicurezza deve essere realizzata con strutture che operano in ciascun dominio, ma interconnesse e coordinate in modo da costituire virtualmente un unica struttura operativa. I compiti di armonizzazione, indirizzo generale e coordinamento sono assolti a livello centrale, le funzioni di gestione e monitoraggio sono assolte a livello locale. La realizzazione di una infrastruttura per la sicurezza si basa su una federazione di domini di sicurezza, in cui tutti gli utenti del SPC, nell ambito di un accordo per la sicurezza, si impegnano reciprocamente a rispettare le regole definite nell ambito dello stesso. Per garantire la sicurezza del SPC è assolutamente necessario che le regole e i requisiti minimi di sicurezza, definiti e concordati tra i vari soggetti, vengano, pertanto, applicati su tutte le reti collegate e in tutte le loro componenti. Questo porta alla necessità di: 1. individuare i soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza (centrali e locali); 2. definire le responsabilità, i confini e l ambito di azione di ciascuno; 3. definire e stabilire le misure minime di sicurezza e le loro modalità di applicazione. L organizzazione del Sistema di Sicurezza del SPC è ispirata al modello proposto dall International Standard Organization (ISO) nel documento ISO TR La Commissione svolge attività di indirizzo operativo e controllo sull intero sistema, facendo in modo che vengano assicurati i livelli di sicurezza stabiliti mediante la figura di un Responsabile della Sicurezza SPC a cui riferisce il Responsabile operativo della Sicurezza SPC del Centro di Gestione della Sicurezza SPC. 10 di 26

11 5.3.2 Il Computer Emergency Response Team (CERT) Il CERT del SPC, collocato presso il CNIPA, rappresenta l organo referente centrale per la prevenzione, il monitoraggio, la gestione e il follow-up degli incidenti di sicurezza, assicurando l applicazione di metodologie coerenti ed uniformi in tutto il sistema. Il CERT SPC non si sostituisce alle funzioni organizzative degli altri soggetti SPC, ma collabora attivamente con essi, secondo le modalità stabilite d intesa con la Commissione di Coordinamento SPC e, per gli aspetti operativi, con il Centro di Gestione Sicurezza SPC. Il CERT può inoltre assumere, almeno in parte, un ruolo nella gestione e risoluzione degli incidenti di sicurezza Unità locale di sicurezza In ogni amministrazione, in ogni fornitore e nella SC-QXN dovrà essere costituita una struttura organizzativa denominata Unità locale di Sicurezza SPC, per la gestione degli aspetti relativi alla sicurezza. Tali Unità locali, che costituiscono la parte distribuita del sistema di sicurezza SPC, sono ognuna coordinata da un Responsabile operativo locale della Sicurezza SPC che rappresenta l interfaccia verso le altre strutture organizzative che compongono il sistema di sicurezza del SPC. I Responsabili operativi locali Sicurezza SPC cooperano attivamente con il CG-SIC e con il Responsabile Sicurezza SPC della Commissione alla individuazione delle esigenze ed alla definizione delle politiche per la sicurezza dell intero sistema. I rapporti tra i soggetti che partecipano al SPC, ai fini della sicurezza, sono illustrati nella figura 2: 11 di 26

12 CERT-SPC Report incidenti Piani di risposta agli incidenti Commissione di Coordinamento-SPC Responsabile sicurezza SPC Politiche e direttive Gestore qualificazione Schema linee guida Elenco Sicurezza Attività trasversali Connettività Unità Sicurezza SPC Responsabile operativo locale Sicurezza SPC Abuse desk Misure e procedure TPM Responsabile operativo PKI Gestore tecnico PKI Certificati digitali CG-SPC IRT CG-SIC QXN Report Qualità servizio Fornitori PA-n Unità Locale Sicurezza SPC Responsabile operativo locale Sicurezza SPC Abuse desk Servizi di connettività e sicurezza Responsabile operativo locale Sicurezza SPC Abuse desk Figura 1 Organizzazione di massima della sicurezza SPC 12 di 26

13 5.4 Gestione nel tempo del SPC Evoluzione e nuovi servizi I fornitori assegnatari si impegnano ad informare periodicamente il CNIPA e le amministrazioni sulla evoluzione tecnologica delle telecomunicazioni e sui conseguenti possibili nuovi servizi o sulle variazioni indotte nei servizi oggetto della fornitura. Qualora siano ritenuti coerenti con le esigenze delle amministrazioni, i nuovi servizi o le variazioni degli stessi potranno essere inseriti nell elenco dei servizi oggetto di fornitura di cui all allegato 2d. I prezzi unitari corrispondenti sono sottoposti al parere di congruità tecnico-economico del CNIPA ai sensi del D. Lgs. n. 39 del Aggiornamento periodico dei prezzi I prezzi unitari dei singoli servizi di cui all allegato 2d offerti dal fornitore aggiudicatario ed accettati dai fornitori assegnatari prevedono una riduzione progressiva a livello annuale a decorrere dal primo gennaio Nel quarto trimestre del 2008 il CNIPA effettuerà la procedura di comparazione con i prezzi di servizi analoghi sul mercato, procedura che potrà dare luogo ad una riduzione dei prezzi unitari, il tutto come dettagliatamente illustrato negli artt. 20 e 21 dello schema di contratto quadro opa (allegato 2) Nuovi fornitori del SPC Durante il periodo di validità del Contratto Quadro OPA le amministrazioni di cui alle lettere b) e c) del paragrafo potranno utilizzare per l erogazione dei servizi di connettività e sicurezza, oltre ai fornitori assegnatari della presente gara, anche altri fornitori, purché gli stessi risultino iscritti negli appositi elenchi di cui all art. 17 del D. Lgs. n. 42 del 2005 ed abbiano aderito alle condizioni contrattuali del SPC. 6 LE GARE Per realizzare le infrastrutture del SPC sono state previste diverse gare: La presente gara definita multifornitore per l individuazione dei fornitori che, alle medesime condizioni contrattuali, risulteranno assegnatari di parti della fornitura e che dovranno erogare servizi di connettività e sicurezza finalizzati alla realizzazione dei domini interni delle amministrazioni nonché la rete di interconnessione (QXN) condivisa tra i diversi fornitori, oggetto della presente gara; Una gara in due lotti per il Centro di Gestione del SPC ed il Nodo di Interconnessione dei servizi VoIP, ancora da bandire; Altre gare, ancora in via di definizione, riguarderanno l erogazione dei servizi di interoperabilità evoluta, dei servizi di cooperazione applicativa e di servizi che saranno erogati in modalità Application Service Provider (ASP). 6.1 La gara Multifornitore Oggetto della fornitura I servizi oggetto della presente gara sono: - servizi di connettività: servizi di trasporto, supporto, VoIP, interoperabilità di base, manutenzione ed assistenza di cui al successivo paragrafo 7.1 ; 13 di 26

14 - servizi di sicurezza: servizi di protezione dei dati e dei sistemi da usi non autorizzati, garantendo la disponibilità ed i livelli di servizio di cui al successivo paragrafo 7.2 ; - realizzazione e gestione della rete di interconnessione (QXN) condivisa tra i diversi fornitori assegnatari di parti della fornitura complessiva di cui al successivo paragrafo 7.3. Trattandosi di gara in cui l intera fornitura è previsto che sia assegnata a più fornitori (almeno due) la rete di interconnessione (QXN) sarà realizzata e gestita da un apposita società consortile da costituire tra gli assegnatari stessi. I servizi di connettività e sicurezza, di cui ai successivi paragrafi 7.1 e 7.2 si suddividono in: Obbligatori: servizi di cui le pubbliche amministrazioni centrali di cui al paragrafo lettera a) sono tenute ad avvalersi nell ambito della presente gara, secondo i propri fabbisogni, fatte salve le deroghe temporanee che il CNIPA, a fronte di motivata richiesta di parere, dovesse eventualmente consentire. Indispensabili: servizi di cui le pubbliche amministrazioni locali di cui al paragrafo lettera b) e c), se esercitano la facoltà di aderire alla presente gara, sono tenute ad avvalersi almeno per le connessioni all Infranet, di cui al successivo paragrafo 5.2, secondo i propri fabbisogni. Opzionali: servizi di cui tutte le pubbliche amministrazioni di cui al paragrafo lettera a), b) e c) hanno la facoltà di avvalersi secondo i propri fabbisogni. La seguente tabella illustra la suddivisione dei vari servizi: Servizi di trasporto, supporto, manutenzione ed assistenza Interoperabilità di base- posta elettronica, trasporto protocolli proprietari Interoperabilità di base- Data Center Amministrazioni centrali (di cui alla lettera a) del paragrafo ) Obbligatori Obbligatori Opzionali Amministrazioni locali (di cui alla lettera b) e c) del paragrafo ) Indispensabili Opzionali Opzionali Servizi VoIP Opzionali Opzionali Sicurezza base Obbligatori Indispensabili Sicurezza evoluta Opzionali Opzionali Costituzione della società consortile Un sistema nel quale la comunicazione tra le diverse amministrazioni avvenga con caratteristiche di disponibilità, sicurezza e prestazioni garantite end-to-end, in un contesto multifornitore, implica la necessità di realizzare un apposita infrastruttura e la definizione di opportune regole che tutti i soggetti coinvolti dovranno rispettare così come, peraltro, previsto dall art. 6.1 lett. c) del D. Lgs. 14 di 26

15 42/2005. La rete di interconnessione tra i fornitori, che ne garantisce l interoperabilità, è denominata Qualified exchange Network (QXN). Ne consegue che tutti i fornitori assegnatari dovranno impegnarsi a costituire una società consortile deputata alla progettazione, realizzazione e gestione della QXN, secondo il modello di Statuto, Patti Parasociali allegati alla lettera di invito. La società consortile, non appena costituita, sarà chiamata a sottoscrivere un contratto con il CNIPA secondo lo schema allegato alla lettera di invito Utenti dei servizi e suddivisione in parti della fornitura La fornitura nel suo complesso, con riferimento all importo massimo presunto indicato nel bando di gara, è da intendersi ripartita tra le seguenti tipologie di amministrazioni: a) amministrazioni ed enti di cui all art. 1 comma 1 del D. Lgs , n. 39 aderenti alla RUPA; b) altre amministrazioni ed enti volontariamente aderenti alla RUPA; c) altre amministrazioni ed enti alla data non aderenti alla RUPA. La ripartizione iniziale della fornitura tra i fornitori riguarda esclusivamente le amministrazioni di cui alla lettera a). Fatto 100, pertanto, l importo stimato dei servizi di cui alla lettera a) saranno individuate, in relazione al numero degli assegnatari, un numero di parti di valore percentuale decrescente in grado di contenere ciascuna un numero intero predefinito di amministrazioni secondo il modello descritto nella lettera d invito. Le forniture alle amministrazioni di cui alle lettere b) e c) verranno richieste dalle singole amministrazioni al fornitore assegnatario che riterranno di scegliere, con i criteri dalle stesse individuati, senza alcun vincolo rispetto alle parti assegnate. Le predette amministrazioni potranno, altresì, richiedere le forniture anche ad altri fornitori iscritti agli elenchi di cui all art. 17 del D. Lgs. 42/ Aggiudicazione Le singole voci di prezzo moltiplicate per i pesi di cui all allegato 2d determineranno i Prezzi Medi Ponderati ed il Prezzo Medio Ponderato globale (PMP) dell offerta economica del fornitore. Il fornitore che offrirà il PMP globale più basso si aggiudicherà ed avrà assegnata la parte più rilevante della fornitura di cui alla lettera a) del paragrafo fatte salve le verifiche sulla capacità di erogazione dei servizi OPO di cui all art. 12 della lettera di invito. Le successive parti saranno assegnate agli altri partecipanti alla gara, in funzione della graduatoria che si verrà a determinare. L assegnazione delle parti ai fornitori successivi avverrà a condizione che questi siano disponibili a praticare gli stessi singoli prezzi unitari proposti dal fornitore aggiudicatario. Qualora uno o più fornitori non dovessero accettare tale condizione saranno esclusi dalla graduatoria e il numero e la consistenza delle parti saranno variati di conseguenza I contratti di fornitura I fornitori assegnatari di parti saranno chiamati a sottoscrivere: un contratto quadro Offerta Per le Amministrazioni (OPA) con il CNIPA; un contratto esecutivo OPA con ogni amministrazione di cui alla lettera a) ad esso assegnata o con le amministrazioni di cui alle lettere b) e c) che ne faranno richiesta. 15 di 26

16 Il fornitore aggiudicatario ed assegnatario della parte più rilevante avrà l obbligo di offrire, agli altri fornitori assegnatari, che ne facciano richiesta, servizi corrispondenti ad alcuni dei servizi di connettività OPA di cui al paragrafo 7.1 con specifici livelli di servizio. Tali servizi saranno indicati d ora in poi come Offerta Per gli altri Operatori del SPC (OPO). I prezzi dei servizi contenuti nell OPO sono gli stessi prezzi dei servizi analoghi proposti dal fornitore aggiudicatario ridotti delle percentuali prefissate indicate nell allegato 2d. Il fornitore assegnatario potrà avvalersi dell offerta OPO per erogare servizi OPA nella misura massima di cui all art. 8 della lettera di invito. Pertanto il fornitore aggiudicatario stipulerà con CNIPA, oltre al contratto quadro OPA, anche un contratto quadro OPO per la fornitura di servizi OPO agli altri assegnatari. In esecuzione del contratto quadro OPO, il fornitore aggiudicatario stipulerà con gli altri fornitori assegnatari, qualora richiesto, un contratto esecutivo per l erogazione di servizi OPO. Tali servizi potranno riguardare, oltre alle amministrazioni di cui alla lettera a), anche quelle di cui alle lettere b) e c) purché contrattualizzate da un fornitore assegnatario Durata dei contratti I singoli contratti quadro OPA ed OPO avranno una durata di cinque anni e potranno essere rinnovati, anche in modo parziale, in relazione alla durata, ai servizi ed alle amministrazioni sottoscrittrici, per un periodo complessivamente non superiore ad ulteriori quattro anni dalla data di scadenza iniziale. I contratti esecutivi di fornitura OPA ed OPO nonché il contratto con la società consortile avranno una durata analoga a quella dei contratti quadro. La loro durata non potrà essere estesa in nessun caso al di fuori del periodo di validità dei contratti quadro Elenco documentazione di gara Ai fini dell espletamento delle formalità della presente gara il CNIPA ha predisposto la lettera d invito corredata dai seguenti allegati: all. 1 Schema di presentazione offerta economica ; all. 2 Schema di Contratto Quadro OPA e suoi allegati: - Quadro introduttivo alla gara multifornitore del SPC (all. 2a); - Capitolato tecnico (all. 2b); - Livelli di servizio e penali OPA (all. 2c); - Prezzi unitari dei singoli servizi e file prezzi.xls (all. 2d); - Schema di Contratto esecutivo OPA (all. 2e); all. 3 Schema di Contratto Quadro OPO e suoi allegati; - Livelli di servizio e penali OPO (all. 3a); - Schema di Contratto esecutivo OPO (all. 3b); all. 4 Schema di Contratto per la realizzazione e gestione della QXN e suoi allegati: - Statuto della società consortile (all. 4a); - Accordo parasociale (all. 4b); all. 5 Definizioni e acronimi ; all. 6 Sedi Amministrazioni ed Enti di cui all art. 1 comma 1 d.lgs. n. 39/1993 aderenti alla RUPA e suo allegato: - Sedi delle Scuole (all. 6a); all. 7 Sedi altre Amministrazioni ed Enti aderenti alla RUPA ; all. 8 Verifiche sulla capacità di erogare i servizi di connettività OPO. 16 di 26

17 6.2 Altre gare da bandire La gara per il Centro di Gestione del SPC e per il Nodo di Interconnessione VoIP La gara comprenderà due lotti i fornitori che concorreranno per il primo lotto, non potranno partecipare al secondo lotto e viceversa. 1 Lotto: Il Centro di Gestione SPC La gara non è oggetto della presente fornitura, ma rientrando tra le funzioni svolte dal CG-SPC anche il controllo dei vari fornitori del SPC, si ritiene opportuno, nella presente documentazione, fornire indicazioni sulle funzioni assegnate allo stesso. Il Centro di Gestione SPC ha la missione di: 1. effettuare le misurazioni e la raccolta di dati relativi a prestazioni, disponibilità e sicurezza del SPC, allo scopo di documentare il rispetto degli SLA da parte dei vari fornitori; 2. fornire i servizi centralizzati per la cooperazione applicativa, che rendono disponibili le componenti software centrali (modalità di interfaccia, funzioni centralizzate di sicurezza, registri, cataloghi e schemi di servizio) per garantire lo scambio applicativo tra due o più domini di cooperazione; 3. svolgere le funzioni del centro di gestione della sicurezza (CG sicurezza); 4. realizzare una PKI per i certificati di sicurezza utilizzati nella infrastruttura del SPC; 5. fornire supporto alle attività di qualificazione dei fornitori di servizi SPC; 6. fornire la reportistica tecnica ai vari soggetti coinvolti nel SPC e verso l esterno; 7. fornire servizi di formazione e di consulenza alle amministrazioni pubbliche. Vincoli alla partecipazione alla gara per il CG-SPC In relazione alle funzioni di terza parte svolta dal CG-SPC, per tutta la durata dei contratto-quadro OPA, i fornitori assegnatari della gara multifornitore SPC non potranno operare (quale impresa singola o raggruppata in R.T.I. o consorzio) quale fornitore del CG-SPC, né potranno avere rapporti di controllo o collegamento, ai sensi dell art cod. civ., con altre imprese che operino, quale impresa singola o raggruppata in R.T.I. o consorzio, quale fornitore del CG-SPC. In relazione a quanto sopra, al fine di consentire ai fornitori la massima libertà di scelta sulla partecipazione alla gara, la lettera di invito della gara CG-SPC verrà inviata solo dopo l aggiudicazione della gara multifornitore del SPC. 2 Lotto: La gara per il Nodo di Interconnessione VoIP (NI-VoIP) Il Nodo di interconnessione VoIP svolgerà tre ruoli distinti e contemporanei: funzioni di Session Border Controller per garantire il corretto interfacciamento tra i differenti domini VoIP delle amministrazioni eseguendo le necessarie conversioni nei protocolli di segnalazione e di controllo sul traffico scambiato; funzioni di Softswitch e Media Gateway per consentire l istradamento tra i differenti domini VoIP e, a regime, l interconnessione con le reti PSTN e PLMN delle chiamate originate/terminate all interno dei domini VoIP; servizi di IP-Centrex comprensivi di un numero predefinito e limitato di postazioni VoIP che verranno installate presso le amministrazioni che ne faranno richiesta. L IP-Centrex, in via sperimentale, si caratterizzerà privilegiando protocolli SIP e impiegando postazioni softphone. 17 di 26

18 Il Nodo di Interconnessione VoIP si prenderà carico del coordinamento dei piani di numerazione dei domini VoIP integralmente connessi e fornirà servizi di reporting ed accounting per le tutte le chiamate che lo attraverseranno. La gara per la fornitura del NI-VoIP sarà aperta a tutte le imprese, singole o raggruppate, in possesso delle licenze necessarie ad interconnettersi con i principali operatori di telecomunicazioni e richiederà il servizio chiavi in mano comprensivo del sito di installazione e delle relative infrastrutture logistiche e di sicurezza Ulteriori gare Sono in corso di predisposizione, per completare l attuazione del D. Lgs. 42/2005 e dal comma 192 della finanziaria 2005, ulteriori gare relative all interoperabilità evoluta, alla cooperazione applicativa ed ai servizi che saranno erogati in modalità Application Service Provider (ASP). In particolare la gara per i servizi di interoperabilità evoluta riguarderà servizi corrispondenti ai servizi addizionali, a suo tempo compresi tra i servizi di interoperabilità della RUPA, erogati dal fornitore EDS-PA (servizi attualmente in regime di proroga). 7 I SERVIZI DELLA GARA MULTIFORNITORE SPC 7.1 I servizi di connettività I servizi di connettività oggetto della fornitura sono ampiamente differenziati allo scopo di consentire alle singole amministrazioni la possibilità di soddisfare al meglio ogni loro specifica esigenza. I servizi di Connettività si suddividono in: Servizi di trasporto; Servizi di supporto; Servizi di Voice Over IP (VoIP); Servizi di interoperabilità di base; Servizi di manutenzione ed assistenza Servizi di trasporto I servizi di trasporto permettono alle amministrazioni di usufruire di tutte le funzionalità tipiche delle reti IP. A tal fine i fornitori sono tenuti ad assicurare il trasporto di tutti i protocolli e delle applicazioni veicolabili su IP secondo le diverse Classi di Servizio definite nel Capitolato Tecnico. La scelta della tecnologia utilizzata per l erogazione dei servizi di trasporto è lasciata al fornitore. I servizi permetteranno ad ogni amministrazione l accesso e la comunicazione IP nei tre ambiti previsti dal SPC: Intranet, Infranet e Internet. I servizi di trasporto potranno essere offerti secondo le modalità: always-on : mediante tecnologie che consentono accessi permanenti (ad esempio xdsl, SDH, etc.); dial-up : mediante tecnologie che consentono accessi a commutazione di circuito PSTN, ISDN; 18 di 26

19 wireless : mediante tecnologie che consentono accessi basati su trasmissioni in radio frequenza. Ognuna delle modalità sarà caratterizzata da differenti parametri funzionali e prestazionali Servizi di supporto Insieme ai servizi di trasporto i fornitori dovranno erogare i seguenti servizi, senza oneri aggiuntivi, necessari alla risoluzione delle problematiche di naming, addressing e routing nei tre ambiti del SPC: Gestione degli indirizzi pubblici: consente la realizzazione dei collegamenti interni all amministrazione attraverso un piano di indirizzi unici e l esposizione dei servizi verso gli ambiti Infranet o Internet su indirizzi IP pubblici assegnati staticamente all amministrazione dal fornitore. Il servizio consente all amministrazione di richiedere fino a 128 indirizzi IP pubblici. Domain Name Service consente l utilizzo dei servizi relativi alla risoluzione dei nomi di dominio Servizi di Voice Over IP I servizi VoIP del SPC sono opzionali ovvero anche le amministrazioni di cui all articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, hanno la facoltà e non l obbligo di avvalersene. I servizi VoIP consistono nella fornitura di un insieme di postazioni d utente IP native configurate in uno specifico dominio VoIP, in grado di originare/terminare chiamate IP e usufruire di servizi a valore aggiunto. In particolare il fornitore dovrà fornire: stazioni telefoniche IP e stazioni applicative IP; un Session Control Server che sovrintende alla gestione logica del servizio; un Business Gateway per interfacciare il centralino esistente e la rete PSTN. Tali componenti dovranno essere logicamente integrate all interno delle LAN delle amministrazioni ed operare in completa autonomia mediante un piano di numerazione compatibile con il piano preesistente. Essi costituiranno domini specifici per ogni singola amministrazione o per parti delle amministrazioni stesse e per i quali il fornitore dovrà essere in grado di gestire differenti Classi di Servizio (CdS). I singoli domini VoIP dovranno essere predisposti per dialogare, non appena disponibile, con un Nodo di Interconnessione VoIP che svolgerà sia le funzioni di gateway, garantendo le funzionalità inter-dominio, sia le funzioni di istradamento delle chiamate originate o terminate verso le reti telefoniche pubbliche PSTN/PLMN. Il Nodo di Interconnessione VoIP sarà oggetto di una gara successiva alla presente di cui al paragrafo Le soluzioni proposte dovranno essere conformi a standard di riferimento specifici per la tipologia di protocolli impiegati e per le principali caratteristiche dei servizi richiesti. 19 di 26

20 7.1.4 Servizi di interoperabilità di base I servizi di interoperabilità di base, ossia i servizi per la realizzazione, gestione ed evoluzione di strumenti per lo scambio di documenti informatici, sono: Posta elettronica. Consente l'interconnessione tra diversi Domini a livello applicativo per lo scambio di messaggi di Posta elettronica non certificati; Trasporto di protocolli proprietari. Consente l incapsulamento del traffico del protocollo SNA dell amministrazione all interno del traffico IP; Servizi di Data Center. I servizi consistono nel rendere disponibile l accesso al web dell amministrazione presso apposite server farm gestite dal fornitore ed interconnesse direttamente ad Internet. I servizi di Data Center sono opzionali ovvero anche le amministrazioni di cui all articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, hanno la facoltà e non l obbligo di avvalersene Servizi di manutenzione ed assistenza I servizi di manutenzione ed assistenza comprendono tutte le attività di gestione finalizzate a controllare ed intervenire, a fronte di anomalie, su tutte le componenti dei servizi offerti. In particolare, i servizi di manutenzione ed assistenza riguardano le seguenti attività: installazione, attivazione, cessazione e variazione dei servizi e delle relative componenti; supervisione della rete e gestione degli apparati; mantenimento delle misure di sicurezza minime sulle infrastrutture utilizzate per i servizi di connettività; supporto tecnico alla gestione dei malfunzionamenti; gestione centralizzata delle configurazioni e distribuzione del software; analisi delle prestazioni del servizio; fatturazione e rendicontazione; supporto alle amministrazioni nell utilizzo dei servizi oggetto di Gara (formazione). Per l erogazione dei servizi di manutenzione ed assistenza il fornitore dovrà dotarsi di un Centro di Gestione di rete, Network Operating Center (NOC), integrato con il proprio Call Center, in modo da assicurare, nel complesso, i livelli di servizio contrattualizzati. 7.2 Servizi di sicurezza I servizi di sicurezza, oggetto della presente gara, sono: Firewall Management; Antivirus & Content Filtering Management; Network Intrusion Detection System Management; Event & Log Monitoring Management; 20 di 26

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è?

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n.

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. CONTRATTO QUADRO N. 2/2014 PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTERCONNESSIONE TRA SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ E RETE NAZIONALE INTERBANCARIA, NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIZZATO DEI PAGAMENTI DELLA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE UN ARCHITETTURA UNITARIA PER L AGENDA DIGITALE - Il nuovo modello di cooperazione SPC - documento.: INDICE ACRONIMI... 3 GLOSSARIO... 5 1. SCOPO E STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 6 2. INTRODUZIONE... 7 2.1.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli