COMUNE DI GUBBIO Relazione della Giunta Comunale al Conto Consuntivo - Esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GUBBIO Relazione della Giunta Comunale al Conto Consuntivo - Esercizio 2011 1"

Transcript

1 COMUNE DI GUBBIO Relazione della Giunta Comunale al Conto Consuntivo - Esercizio

2 Introduzione del Sindaco Diego Guerrini Il 2011 deve essere considerato come un anno di transizione tra la vecchia e la nuova consigliatura. Infatti il Bilancio è stato predisposto e proposto dal vecchio esecutivo ed approvato dal nuovo Consiglio Comunale in data 12/07/2011. Non è stato un anno facile a causa delle manovre governative che hanno progressivamente ridotto le risorse finanziarie e per i numerosi vincoli ai quali siamo stati sottoposti unitamente alla difficile situazione finanziaria che tutti noi stiamo vivendo. La gestione ed i risultati dell esercizio risentono in modo rilevante dei vincoli imposti dal patto di stabilità interno, con particolare riferimento all andamento dei flussi di cassa in conto capitale e della sfavorevole congiuntura che sta attraversando l economia europea ed italiana in particolare. La gestione del bilancio, ovviamente ha risentito dello scenario di questa stasi economicofinanziaria ed ha imposto, di conseguenza, all Amministrazione, il massimo rigore per garantire da un lato gli equilibri di finanza pubblica, pur in presenza di elementi di criticità e, dall altro il mantenimento degli interventi di sostegno alle famiglie in difficoltà ed il livello dei servizi sociali. Tuttavia sembra doveroso segnalare al Consiglio Comunale alcune criticità del bilancio 2011, peraltro segnalate dalla sezione controllo della Corte dei Conti, la soluzioni delle quali ha impegnato fortemente la nuova Giunta. La prima riguarda le previsioni di entrata relative alla discarica ammontante ad ,00 che specie dopo i provvedimenti delle competenti autorità di chiusura sembravano non poter essere più accertate. Come noto l impegno congiunto tecnico-politico ha consentito di stipulare contratti e quindi di porre le basi per l accertamento in toto della previsione. La seconda concerne il finanziamento delle quote capitale delle rate dei mutui contratti negli anni passati per ,23 utilizzando le risorse derivanti da plusvalore delle vendite per ,08. Tale obiettivo si è realizzato per ,08 mentre le entrate per ,15 sono state reperite tra le maggiori entrate dell Ente. La situazione di cassa non ha invece evidenziato problematicità tanto che alla chiusura le somme disponibili presso il tesoriere ammontano a ,84. Segnalo inoltre, lo sforzo della Giunta profuso nella gestione per conseguire l obiettivo molto difficile da raggiungere relativo al rispetto del Patto di Stabilità e crescita. 2

3 Nel conseguimento di questo obiettivo va segnalata l intensa attività svolta dalle strutture e dagli assessori, che ringrazio, tesa a creare le condizioni per liquidare alle imprese impegnate nella realizzazione delle opere pubbliche quanto di spettanza e ciò per cogliere fino in fondo le opportunità offerte dalla Regione dell Umbria attraverso il Patto Verticale Regionale di drenare liquidità alle imprese, cosa estremamente utile in un momento di grave crisi economica e finanziaria. Un ultima notazione che appare utile segnalare al Consiglio, è quella concernente la predisposizione delle attività propedeutiche a rilancio e riorganizzazione della Gubbio Cultura e Multiservizi, alla luce della nuova normativa nazionale, che quanto prima sarà sottoposta al Consiglio Comunale. Le criticità segnalate ovviamente, non hanno impedito, stante la difficile situazione in cui versano le famiglie, di mantenere i livelli di servizi offerti, facendo restare immutate le tariffe ed il carico fiscale a livello comunale. Infine voglio fare alcune sintetiche considerazioni: - la prima riguarda la gestione della competenza, che evidenzia un disavanzo di ,73 derivante dalla differenza tra il totale degli accertamenti pari ad ,92 ed il totale degli impegni pari ad ,65; - la seconda che la gestione 2011, evidenzia delle economie per ,43 quale differenza tra gli stanziamenti e gli impegni; - la terza che l avanzo di amministrazione risulta essere pari ad ,38 di cui ,17 vincolati, ,82 liberi ed ,39 destinati a spese in conto capitale; - la quarta è che il Comune anche quest anno rispetta i vincoli imposti dal Patto di Stabilità e Crescita con un margine ampio pari ad. 483 mila, derivante da: Entrate finali ,00 Uscite finali ,00 Saldo Finanziario ,00 Saldo Obiettivo ,00 Differenza tra saldo finanziario e saldo obiettivo annuale, appunto, ,00, 3

4 RELAZIONE CON RIFERIMENTO AI DATI DEL BILANCIO 2011 I RISULTATI DELLA GESTIONE Il risultato della gestione di competenza Le risultanze contabili così come determinate nel Conto del bilancio, che riguardano le voci del bilancio di competenza, sono quelle riportate nella tabella sottostante. Sono esclusi il fondo di cassa iniziale e la gestione residui. IL RENDICONTO FINANZIARIO 2011: ENTRATE DI COMPETENZA Avanzo applicato alla gestione Entrate tributarie (Titolo I) Entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate (Titolo II) Entrate extratributarie (Titolo III) Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti (Titolo IV) Entrate derivanti da accensione di prestiti (Titolo V) Entrate per servizi per conto di terzi (Titolo VI) STANZIAMENTI DEFINITIVI 2011 ACCERTAMENTI , , , , , , , , , ,19 0, , ,44 TOTALE , ,92 IL RENDICONTO FINANZIARIO 2011: SPESE DI COMPETENZA STANZIAMENTI DEFINITIVI 2011 IMPEGNI 2011 Disavanzo applicato alla gestione 0 0 Spese correnti (Titolo I) , ,76 Spese in conto capitale (Titolo II) , ,22 Spese per rimborso di prestiti (Titolo III) , ,23 Spese per servizi per conto di terzi (Titolo IV) , ,44 TOTALE , ,65 4

5 IL RENDICONTO FINANZIARIO 2011: IL RISULTATO DELLA GESTIONE DI COMPETENZA STANZIAMENTI 2011 Totale entrate di competenza+avanzo 2010 applicato. Totale spese di competenza ACCERTAMENTI O IMPEGNI 2011 SCOSTAMENTO , , , , , ,99 GESTIONE DI COMPETENZA: Avanzo (+) 0,00 Disavanzo (-) ,73 I dati analitici contenuti nel Bilancio Consuntivo anno 2011 dal punto di vista finanziario sono rinvenibili sul conto cui si rinvia. Pare opportuno evidenziare solo alcuni dati di sintesi derivanti dalle scritture contabili della gestione di competenza. L analisi delle entrate di competenza evidenziano che: a) Le entrate tributarie confermano sostanzialmente le previsioni. Infatti a fronte di uno stanziamento di ,95 sono state accertate somme per ,81 con una percentuale di %; b) Le entrate derivanti da trasferimenti confermano sostanzialmente le previsioni. Infatti a fronte di uno stanziamento di ,52 sono state accertate somme per ,46 con uno scostamento percentuale di 92.37%; c) Le entrate extratributarie confermano sostanzialmente le previsioni. Infatti a fronte di uno stanziamento di ,82 sono state accertate somme per ,58 con uno scostamento percentuale di 67.53%; d) Le entrate derivanti da alienazioni evidenziano un rilevante scostamento. Infatti a fronte di una previsione di ,15 si rileva un accertamento di ,63. La percentuale di realizzazione risulta essere di 27.14%; e) Le entrate derivanti da accensione di prestiti evidenzia un rilevante scostamento. In questo caso lo scostamento deriva esclusivamente dal mancato utilizzo dell anticipazioni di cassa che in definitiva rappresenta un dato positivo. L analisi delle uscite di competenza evidenziano che: a) Le spese correnti confermano sostanzialmente le previsioni. Infatti a fronte di uno stanziamento di ,29 sono state impegnate somme per ,76; b) Le spese in conto capitale ricalcando le entrate in conto capitale, evidenziano un rilevante scostamento. Infatti a fronte di uno stanziamento di ,74 sono state impegnate somme per ,22 c) Le spese per rimborso prestiti evidenziano un rilevante scostamento dovuto sostanzialmente al mancato utilizzo delle anticipazioni di cassa e quindi un presunto rimborso a tale titolo. Per quanto concerne l acquisizione delle risorse nell anno 2011, si evidenzia che l Amministrazione esprime una grande capacità di riscossione delle stesse, infatti: 1) A fronte di una previsione di entrata tributaria di ,95 si sono riscosse somme per ,87 con uno scostamento del 83.40%; 2) A fronte di una previsione di entrata per trasferimenti di ,52 si sono riscosse somme per ,81 con uno scostamento del 65,73%; 3) A fronte di una previsione di entrata extratributaria di ,82 si sono riscosse somme per ,65 con uno scostamento del 32,95%; 5

6 Per quanto concerne l acquisizione di risorse in conto capitale nell anno 2011, si evidenzia quanto segue: 1) Alienazione di beni patrimoniali stanziamenti ,79 accertamenti ,79 2) Trasferimenti di capitale dallo Stato stanziamenti ,14 accertamenti ,95 3) Trasferimenti di capitale dalla Regione stanziamenti ,21accertamenti ,40 4) Trasferimenti di capitale da altri Enti stanziamenti ,96 accertamenti ,54 5) Trasferimenti di capitale da altri soggetti stanziamenti ,05 accertamenti ,95 E nel loro complesso stanziamenti per ,15 accertamenti di ,63 con uno scostamento di 27.14% Il Risultato della Gestione per interventi di spesa evidenzia quanto segue: Spese correnti Inserire prospetto pagina 11 Spese in conto capitale Il Conto del Bilancio si chiude con un avanzo di amministrazione di ,38 Composto come segue: (pag. 12) I dati del Conto del Patrimonio e Conto Economici (pagg e 16) Le risorse La tabella sottostante mette a confronto le previsioni definitive e gli accertamenti per titoli dell'entrata. Evidenzia inoltre le riscossioni in conto competenza. Non è presente il titolo VI, cioè la voce volta a rilevare i servizi per conto terzi che, per la sua natura di "partita di giro", non viene presa in considerazione. IL RENDICONTO FINANZIARIO 2011: LA SINTESI DELLE RISORSE STANZIAMENTI 2011 ACCERTAMENTI 2011 RISCOSSIONI COMP.2011 Entrate tributarie (Titolo I) , , ,87 Entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate (Titolo II) , , ,81 Entrate extratributarie (Titolo III) , , ,65 Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti (Titolo IV) , , ,81 Entrate derivanti da accensione di prestiti (Titolo V) ,19 0,00 0,00 TOTALE , , ,14 6

7 Le risorse di entrata in dettaglio La tabella del paragrafo precedente evidenzia l'intera politica di riscossione posta in essere dall'amministrazione nell'anno Di seguito verranno analizzate le singole categorie di entrata raffrontando, in ciascuna di esse, non solo la previsione di stanziamento con gli accertamenti, ma anche questi ultimi con le riscossioni, per valutare il grado di realizzazione delle entrate e cioè la capacità, in particolare, per quanto concerne le entrate proprie, di giungere in tempi brevi alla fase della riscossione. Parlando delle varie entrate verranno evidenziate le differenze riscontrabili tra ciascuna di esse ed il diverso significato della capacità di riscossione e di accertamento. ENTRATE 2011: ANALISI DELLA CAPACITA' DI ACCERTAMENTO COMPLESSIVA STANZIAMENTI 2011 Entrate tributarie (Titolo I) Entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate (Titolo II) Entrate extratributarie (Titolo III) Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti (Titolo IV) Entrate derivanti da accensione di prestiti (Titolo V) ACCERTAMENTI ACCERTATO 2011 IN % , ,81 102, , ,46 92, , ,58 67, , ,63 27, ,19 0,00 0,00 TOTALE , ,48 50,03 ENTRATE 2011: ANALISI DELLA CAPACITA' DI RISCOSSIONE COMPLESSIVA ACCERTAMENTI 2011 RISCOSSIONI 2011 RISCOSSO IN % Entrate tributarie (Titolo I) , ,87 81,21 Entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate (Titolo II) , ,81 71,16 Entrate extratributarie (Titolo III) , ,65 48,80 Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti (Titolo IV) , ,81 21,52 Entrate derivanti da accensione di prestiti (Titolo V) 0,00 0,00 0,00 TOTALE , ,14 59,99 7

8 Le entrate tributarie Le entrate tributarie si classificano nelle seguenti categorie: categoria 01 Imposte categoria 02 Tasse categoria 03 Tributi Speciali Le tabelle sotto riportate sintetizzano la capacità di accertamento e di riscossione rispetto a ciascuna di esse. ENTRATE TRIBUTARIE 2011: ANALISI DELLA CAPACITA' DI ACCERTAMENTO STANZIAMENTI 2011 ACCERTAMENTI ACCERTATO 2011 IN % Imposte (Categoria 1) , ,29 104,66 Tasse (Categoria 2) , ,72 100,44 Tributi speciali ed altre entrate tributarie (Categoria 3) , ,80 100,00 TOTALE , ,81 102,69 ENTRATE TRIBUTARIE 2011: RISCOSSO ANALISI DELLA CAPACITA' DI RISCOSSIONE ACCERTAMENTI 2011 RISCOSSIONI 2011 IN % Imposte (Categoria 1) , ,14 83,26 Tasse (Categoria 2) , ,99 47,32 Tributi speciali ed altre entrate tributarie (Categoria 3) , ,74 99,91 TOTALE , ,87 81,21 Il raffronto fra il risultato dell attività di accertamento e quello della relativa capacità di riscossione evidenzia uno scarto che riguarda tutte le fattispecie. In relazione alla categoria 1 (imposte), esso è dovuto all incasso dell addizionale IRPEF la cui riscossione con riferimento ai lavoratori dipendenti avviene per 7/10 nell anno successivo e dall incasso relativo agli accertamenti ICI effettuati nel In relazione alla categoria 2 (tasse) si precisa che il ruolo TARSU 2010 ha scadenze anche nel In rapporto alla categoria 3 (tributi speciali ed altre entrate tributarie) lo scarto risulta azzerato con la riscossione a saldo avvenuta nei primi mesi del PRINCIPALI IMPOSTE I.C.I. L'Imposta Comunale sugli Immobili è tra le risorse di natura tributaria più consistenti per l'ente. Le aliquote applicate sono state approvate ad inizio esercizio con apposita deliberazione allegata al bilancio di previsione. La previsione definitiva dell I.C.I. (gettito ordinario più gettito da accertamenti tributari) nel bilancio 2011 pari ad ,00, è stata accertata per l importo di ,28 e riscossa a competenza per ,91 entro il termine dell esercizio finanziario

9 L imposta Comunale sugli Immobili è tra le risorse di natura tributaria più consistenti per l Ente. Le aliquote applicate sono state approvate ad inizio esercizio con apposita deliberazione allegata al bilancio di previsione. Le aliquote per l anno 2011 sono rimaste invariate e si è avuto un gettito ordinario accertato pari ad ,00 nel pieno rispetto delle previsioni di bilancio, e riscosse. L ufficio nell anno in corso ha svolto una complessa attività di recupero dell evasione sia totale che parziale, che si è svolta nelle seguenti fasi: a) incrocio delle banche dati catastali con quelle dell ICI ( denunce e pagamenti degli anni pregressi ). b) incrocio dati del Nuovo Piano Regolatore con la banca dati dell ICI (denunce e pagamenti anni pregressi 2006 e 2009 ). Si sono avuti i seguenti risultati: Gli atti emessi per tutte le tipologie di evasione ( omessa dichiarazione ed omesso pagamento; omesso, parziale o tardivo pagamento del tributo; rettifica dei valori dichiarati) ha portato ad un recupero dell imposta evasa con adesione del contribuente di circa ,00 Nell anno 2011 l ufficio ha inoltre provveduto al rimborso dell ICI a circa 102 contribuenti per un totale di ,00 dovuto ad errori di calcolo o per modifiche delle rendite catastali che hanno comportato un erroneo e maggiore esborso di imposta. ADDIZIONALE SUL CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA L'Addizionale sul consumo di energia elettrica si applica ad ogni Kwh di consumo di energia elettrica ad ogni Kwh di consumo di energia elettrica occorso nel territorio comunale. Le riscossioni sono state effettuate direttamente dall'enel o dagli altri "grossisti distributori" che, nei modi e termini di legge, hanno provveduto a trasferire l'imposta al comune. La previsione definitiva nel bilancio 2011 è pari a ,00, è stata accertata la somma di ,36 e riscossa per ,04. TARSU Si tratta della tassa per il servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani prodotti. La modalità di riscossione del provento avviene tramite ruolo esattoriale secondo la convenzione stipulata Equitalia spa. Il ruolo di riscossione che ha formato l ufficio tributi per l anno 2011, sulla base dei ruoli dell anno precedente, delle nuove denunce presentate e dagli accertamenti pregressi notificati, senza aumenti di tariffe, ha permesso di realizzare un gettito netto pari ad ,00 Contestualmente nell anno 2011 l ufficio ha svolto una capillare attività accertativa di recupero dell evasione relativo agli anni pregressi sino al 2006, con i seguenti risultati: - soggetti accertati per evasione totale o parziale a seguito di invio di n.110 questionari; - atti di accertamento emessi e notificati n.327; - tassa accertata e recuperata pari ad ,00 comprensiva di sanzioni ed interessi. Il Comune con la permanenza della tassa ha graduato il prelievo in 14 categorie tariffarie, tenendo conto della diversa destinazione dei locali in ragione della diversa capacità di produrre rifiuti. 9

10 Ha previsto riduzioni del tributo del 30% delle abitazioni con unico occupante e a quelle dei residenti all estero per più di 6 mesi all anno, alle abitazioni degli agricoltori. Ha infine ridotto la tassa del 20% per le abitazioni i cui occupanti provvedono a smaltire in proprio, tramite compostaggio, i rifiuti organici prodotti. Il Comune è riuscito anche quest anno a garantire con i proventi del tributo la copertura di una elevata percentuale dei costi relativi al servizio, adottando tariffe tra le più basse dell intera Regione. ADDIZIONALE IRPEF L'addizionale comunale sull'imposta sul reddito delle persone fisiche è stata istituita, a decorrere dal L'aliquota applicata per l'anno 2011 è stata 0,60 per mille con una fascia di esenzione per redditi fino a ,00 euro. La previsione definitiva nel bilancio 2011 è pari a ,00 ed è stata interamente accertata. La riscossione a competenza è stata pari ad ,55. 10

11 Le entrate da trasferimenti dello Stato, della regione e di altri enti I trasferimenti di parte corrente, secondo la volontà del legislatore, devono garantire i servizi locali indispensabili e concorrono, insieme con le altre entrate proprie, a garantire la copertura delle spese correnti. ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI 2011: ANALISI DELLA CAPACITA' DI ACCERTAMENTO STANZIAMENTI 2011 Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato Contributi e trasferimenti correnti dalla regione Contributi e trasferimenti dalla regione per funzioni delegate Contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari ed internazionali Contributi e trasferimenti correnti da altri enti del settore pubblico ACCERTAMENTI ACCERTATO 2011 IN % , ,54 112, , ,00 100, , ,04 85, , ,88 100, , ,00 97,24 TOTALE , ,46 92,37 ENTRATE DA TRASFERIMENTI CORRENTI 2011: RISCOSSO ANALISI DELLA CAPACITA' DI RISCOSSIONE ACCERTAMENTI 2011 RISCOSSIONI 2011 IN % Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato , ,48 85,70 Contributi e trasferimenti correnti dalla regione , ,00 39,69 Contributi e trasferimenti dalla regione per funzioni delegate , ,71 72,61 Contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari ed internazionali , ,01 9,73 Contributi e trasferimenti correnti da altri enti del settore pubblico , ,61 91,14 TOTALE , ,81 71,16 Le entrate extratributarie Le entrate riportate nel titolo III evidenziano le risorse proprie dell'ente determinate dai proventi per servizi pubblici e per utilizzo di beni, oltre che da interessi attivi, da utili e da entrate diverse. ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 2011: ACCERTAMENTI ACCERTATO ANALISI DELLA CAPACITA' DI ACCERTAMENTO STANZIAMENTI IN % Proventi dei servizi pubblici (Categoria 1) , ,21 98,84 Proventi gestione patrimoniale (Categoria 2) , ,85 73,33 Proventi finanziari (Categoria 3) , ,85 43,23 Proventi per utili da aziende speciali e partecipate, dividendi di società (Categoria 4) , ,60 100,00 Proventi diversi (Categoria 5) , ,07 27,14 TOTALE , ,58 67,53 11

12 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 2011: RISCOSSO ANALISI DELLA CAPACITA' DI RISCOSSIONE ACCERTAMENTI 2011 RISCOSSIONI 2011 IN % Proventi dei servizi pubblici (Categoria 1) , ,19 46,03 Proventi gestione patrimoniale (Categoria 2) , ,37 45,03 Proventi finanziari (Categoria 3) , ,04 95,56 Proventi per utili da aziende speciali e partecipate, dividendi di società (Categoria 4) , ,60 100,00 Proventi diversi (Categoria 5) , ,45 62,47 TOTALE , ,65 48,80 Le entrate in conto capitale da alienazioni e trasferimenti ENTRATE DA ALIENAZIONI, TRASFERIMENTI DI ACCERTAMENTI CAPITALI E DA RISCOSSIONI DI CREDITI STANZIAMENTI ACCERTATO IN % Alienazioni di beni patrimoniali (Categoria 1) , ,79 9,78 Trasferimenti di capitale dallo stato (Categoria 2) , ,95 70,39 Trasferimenti di capitale dalla Regione (Categoria 3) , ,40 51,46 Trasferimenti di capitale da altri enti (Categoria 4) , ,54 1,66 Trasferimenti di capitale da altri soggetti (Categoria 5) , ,95 61,19 TOTALE , ,63 27,14 Nel Titolo IV sono state previste le entrate derivanti dai proventi dei permessi per costruire. La previsione definitiva nel bilancio 2011 è pari a ,00 ed è stata accertata per ,21 riscossa per ,45. Accensioni di prestiti ENTRATE DA ACCENSIONI DI PRESTITI 2011 ACCERTAMENTI ANALISI DELLA CAPACITA' DI ACCERTAMENTO STANZIAMENTI ACCERTATO IN % Anticipazioni di cassa (Categoria 1) ,81 0,00 0,00 Finanziamenti a breve termine (Categoria 2) 0,00 0,00 0,00 Assunzione di mutui e prestiti (Categoria 3) ,38 0,00 0,00 Emissioni di prestiti obbligazionari (Categoria 4) 0,00 0,00 0,00 TOTALE ,19 0,00 0,00 12

13 RISULTATO DI GESTIONE PER INTERVENTI DI SPESA Si riportano le tabelle distinte per intervento per la spesa corrente che per la spesa in conto capitale: SPESA CORRENTE Personale Acquisto di beni Prestazioni di servizi Utilizzo beni di terzi Trasferimenti Interessi passivi Imposte e tasse Oneri straordinari Fondo di riserva PREVISIONE IMPEGNI ASSESTATA , , , , , , , , , , , , , , , , ,45 0,00 TOTALE , ,76 SPESA IN CONTO CAPITALE: Acquisti di beni Espropri Acquisti beni specifici Utilizzo beni di terzi Beni immobili macchine e attrezzature Incarichi Trasferimenti capitale Partecipazioni azionarie Conferimento capitale Concessione crediti PREVISIONE ASSESTATA2011 IMPEGNI , , , , , , , , , , TOTALE , ,22 13

14 Conclusioni Il conto del bilancio si chiude con un avanzo d amministrazione di ,38 cosi determinato: METODO A IMPORTI Avanzo 2010 applicato nel ,01 Differenza tra accertamenti e impegni di competenza ,73 Maggiori residui attivi riaccertati 5.106,61 Eliminazione residui attivi ,32 Eliminazione residui passivi ,79 Avanzo 2009 non applicato ,02 TOTALE ,38 METODO B Fondo cassa ,63 Riscossioni competenza + residui , ,08 Pagamenti competenza + residui , ,84 Residui attivi competenza + residui , ,65 Residui passivi competenza + residui ,27 TOTALE ,38 L avanzo di amministrazione risulta essere cosi composto: Fondi vincolati euro ,17 di cui: ,15 vincolato per servizi sociali ,93 da introiti da attuazioni condizioni premiali PRG 2010 (alienazioni suc); ,83 relativi a contributo statale per piste ciclabili anno 2010; ,90 rivenienti dall avanzo 2009 per eliminazioni residui passivi finanziati con mutui; ,36 rivenienti dall avanzo 2009 per eliminazione residui passivi da mutui contratti con ICS. 14

15 Fondi per finanziamento per spese in conto capitale euro ; Fondi non vincolati euro ,82; CRITERI DI VALUTAZIONE CONTO DEL PATRIMONIO I DATI DEL PATRIMONIO E CONTO ECONOMICO I criteri di valutazione delle attività e passività patrimoniali sono quelli previsti dall'art. 230, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 e/o dall applicazione dei principi contabili. ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI -immateriali: sono state valutate al costo storico di acquisizione o di produzione, al netto degli ammortamenti effettuati nel corso degli esercizi. -materiali: i beni demaniali acquisiti prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. n. 77/1995 (ora sostituito dal D.Lgs. n. 267/2000) sono stati valutati al valore del residuo debito dei mutui ancora in estinzione, al netto degli ammortamenti effettuati, mentre quelli acquisiti successivamente all'entrata in vigore del predetto decreto legislativo sono valutati al costo di acquisizione o di realizzazione, al netto degli ammortamenti effettuati; i terreni acquisiti prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. n. 77/1995 (ora sostituito dal D.Lgs. n. 267/2000) sono valutati al valore catastale rivalutato; quelli acquisiti dopo l'entrata in vigore del decreto legislativo sono valutati al costo di acquisizione; i fabbricati acquisiti prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. n. 77/1995 (ora sostituito dal D.Lgs. n. 267/2000) sono valutati al valore catastale, rivalutato secondo le norme fiscali al netto degli ammortamenti effettuati, mentre quelli acquisiti successivamente sono iscritti al costo di acquisizione o di realizzazione, al netto degli ammortamenti effettuati; i macchinari, le attrezzature e gli impianti sono stati valutati al costo di acquisizione, al netto degli ammortamenti effettuati; le attrezzature ed i sistemi informatici, gli automezzi e i motoveicoli, i mobili e le macchine d'ufficio sono stati valutati al costo di acquisizione, al netto degli ammortamenti effettuati; le universalità di beni sono iscritte al costo di acquisizione, al netto degli ammortamenti effettuati; le immobilizzazioni in corso sono state valutate al costo di acquisizione o di produzione del bene non ancora utilizzato per l erogazione dei servizi dell Ente. -finanziarie: 15

16 partecipazioni in imprese: sono state valutate in base al metodo del patrimonio netto; i crediti per depositi cauzionali sono stati valutati al valore nominale. ATTIVO CIRCOLANTE: - crediti: sono stati valutati al valore nominale; - disponibilità liquide: sono state iscritte al loro valore monetario reale. RATEI E RISCONTI: sono poste contabili rilevate per ripartire correttamente fatti di gestione che generano costi e proventi di competenza economica in parte dell esercizio in chiusura ed in parte dell esercizio o degli esercizi successivi: PASSIVO CONFERIMENTI: sono stati valutati al valore nominale al netto dell eventuale quota annuale di ricavi pluriennali rilevata. DEBITI: quelli corrispondenti ai dati di bilancio sono stati valutati al valore nominale residuo. RATEI E RISCONTI: sono poste contabili rilevate per ripartire correttamente fatti di gestione che generano costi e proventi di competenza economica in parte dell esercizio in chiusura ed in parte dell esercizio o degli esercizi successivi: CONTO ECONOMICO I proventi ed i costi sono stati quantificati al fine di rappresentare rispettivamente la misura monetaria delle risorse conseguite e del consumo dei fattori impiegati nel processo di erogazione dei servizi. Per tale quantificazione si è applicato il principio della competenza economica che, in base al sistema contabile adottato dall Ente, ha portato alle seguenti valutazioni degli impegni ed accertamenti della parte corrente del bilancio: per proventi da servizi pubblici rettifiche agli accertamenti per euro ,23 valore dato dall iva a debito su proventi da servizi aventi rilevanza commerciale per proventi dalla gestione patrimoniale rettifiche agli accertamenti per euro valore per iva a debito su proventi da servizi a rilevanza commerciale e per euro ,03 per risconti passivi relativi agli accertamenti dei loculi cimiteriali dati in concessione per cinquanta anni; per i proventi diversi sia rettifiche agli accertamenti di parte corrente per euro ,31 - valore dato dall iva a debito su proventi da servizi aventi rilevanza commerciale (sponsorizzazioni, farmacia), sia rettifiche da una valutazione sulla base di elementi economici, non essendoci una corrispondente rilevazione finanziaria. Si tratta della quota di ammortamento attivo, maturata nell anno relativa ai beni realizzati con i conferimenti, per euro ,71. 16

17 per i costi inerenti acquisti di beni di consumo e/o materie prime rettifiche agli impegni di spesa per euro 8.673,11 valore dato dall iva a credito sui servizi aventi rilevanza commerciale; per i costi inerenti le prestazioni di servizi rettifiche agli impegni di spesa per euro ,85 valore dato dall iva a credito sui servizi aventi rilevanza commerciale più euro ,05 per spese del titolo II non patrimonializzate e quindi stornate al titolo I; Sono state rilevate: - insussistenze attive pari ad euro ,61 ; - insussistenze passive pari ad euro ,89 per minori residui passivi; - plusvalenze patrimoniali pari ad euro ,20 - sopravvenienze attive pari ad euro ,85 di cui euro 5.106,61 per maggiori residui attivi; ASPETTI ECONOMICI Il conto economico evidenzia i componenti positivi e negativi della gestione, determinati secondo criteri di competenza economica in base alle disposizioni dell art. 229 del T.U.E.L. La struttura del conto economico permette di evidenziare, oltre al risultato economico complessivo, significativi risultati economici parziali, relativi a quattro gestioni fondamentali: gestione operativa interna ; gestione derivante da aziende e società partecipate; gestione finanziaria; gestione straordinaria. I risultati per l esercizio 2011 sono sintetizzati nella seguente tabella: RISULTATI ECONOMICI 2011 RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA ,93 RISULTATO DELLA GESTIONE DERIVANTE DA AZIENDE E SOCIETA' PARTECIPATE ,40 RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ,89 RISULTATO DELLA GESTIONE STRAORDINARIA ,41 RISULTATO ECONOMICO DELL'ESERCIZIO ,81 17

18 ASPETTI PATRIMONIALI Il conto del patrimonio nella sua consistenza finale indica la situazione patrimoniale di fine esercizio, evidenziando i valori delle attività e passività. La seguente tabella sintetizza la situazione patrimoniale dell Ente a fine esercizio, evidenziandone la composizione per macrocategorie. CONTO DEL PATRIMONIO 2011 ATTIVO DESCRIZIONE VALORE AL 31/12/2011 Percentuale sul totale Immobilizzazioni immateriali ,95 0,27 Immobilizzazioni materiali ,98 73,63 Immobilizzazioni finanziarie ,70 1,61 Rimanenze 0,00 0,00 Crediti ,08 19,51 Attività finanz. che non costituiscono immobilizzi 0,00 0,00 Disponibilità liquide ,84 4,99 Ratei attivi 0,00 0,00 Risconti attivi 0,00 0,00 TOTALE ATTIVO ,55 100,00 PASSIVO DESCRIZIONE VALORE AL 31/12/2011 Percentuale sul totale Patrimonio netto ,37 43,92% Conferimenti ,03 36,55% Debiti ,31 19,64% Ratei passivi 0,00 0,00% Risconti passivi ,84 0,75% TOTALE PASSIVO ,55 100,00% 18

19 SETTORE FINANZIARIO Rispettato l obiettivo previsto del patto di stabilità anno 2011, patto di stabilità che per l anno 2011 prevedeva un obiettivo di competenza mista dato dagli impegni ed accertamenti di parte corrente e dai pagamenti e dagli incassi realizzati in conto capitale. L Attività Ufficio Tributi per l anno 2011 è stata la seguente: C.O.S.A.P. (canone occupazione spazi ed aree pubbliche) Le tariffe per le varie occupazioni per l anno 2011 sono rimaste invariate con un entrata di ,09. Imposta pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni. La gestione del tributo è data in concessione alla Soc. Duomo G.P.A. s.r.l.. L ufficio tributi esercita in ogni caso un controllo sia contabile che amministrativo sull attività del Concessionario. Per l anno 2011 le tariffe sono rimaste invariate ed è stata realizzata un entrata al netto dell aggio pari ad ,75. TARSU (Tassa smaltimento rifiuti) Il ruolo di riscossione che ha formato l ufficio tributi per l anno 2011, sulla base dei ruoli dell anno precedente, delle nuove denunce presentate e dagli accertamenti pregressi notificati, senza aumenti di tariffe, ha permesso di realizzare, in fase di accertamento contabile, un gettito netto pari ad ,80. Contestualmente nell anno 2011 l ufficio ha svolto una capillare attività accertativa di recupero dell evasione relativo agli anni pregressi sino al 2005, con i seguenti risultati: - Soggetti accertati per evasione totale o parziale a seguito di invio di questionari n Atti d accertamento emessi e notificati n Il Comune con la permanenza della tassa ha graduato il prelievo in quattordici categorie tariffarie, tenendo conto della diversa destinazione dei locali in ragione della diversa capacità di produrre rifiuti. Ha poi previsto riduzioni del tributo del 30% alle abitazioni con 19

20 unico occupante e a quelle dei residenti all estero per più di sei mesi all anno, alle abitazioni degli agricoltori. Ha, infine, ridotto la tassa del 20% per le abitazioni i cui occupanti provvedono a smaltire in proprio, tramite compostaggio, i rifiuti organici prodotti. Il Comune è riuscito anche quest anno a garantire con i proventi del tributo la copertura di una elevata percentuale dei costi relativi al servizio, adottando tariffe fra le più basse dell intera Regione. I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) Le aliquote per l anno 2011 sono rimaste invariate e si è avuto un gettito ordinario accertato pari ad euro ,08 nel pieno rispetto delle previsioni di bilancio. Giova ricordare che da tale entrata è escluso il gettito delle abitazioni di diretto utilizzo i cui proprietari sono stati esentati dal tributo. E stato certificato al Ministero in proposito una perdita di gettito pari ad ,68. L ufficio nell anno in corso ha svolto una complessa attività di recupero dell evasione sia totale che parziale, che si è svolta nelle seguenti fasi: a) incrocio delle banche dati catastali con quelle dell ICI (denunce e pagamenti degli anni pregressi). b) incrocio dati del Nuovo Piano Regolatore con la banca dati dell ICI (denunce e pagamenti anni pregressi 2006 e 2007). Si sono avuti i seguenti risultati. Gli atti emessi per tutte le tipologie di evasione (omessa dichiarazione ed omesso pagamento; omesso, parziale o tardivo pagamento del tributo; rettifica dei valori dichiarati) ha portato ad accertamenti contabili per recupero dell imposta evasa del contribuente di ,00. Nell anno 2011 l ufficio ha inoltre provveduto al rimborso dell ICI a circa 154 contribuenti per un totale di ,00, dovuto ad errori di calcolo o per modifiche delle rendite catastali che hanno comportato un erroneo e maggiore esborso di imposta. 20

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE

PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE PROGETTO CONTABILITA FINANZIARIA, ECONOMICA E CONTROLLO DI GESTIONE Come tutte le organizzazioni, le pubbliche amministrazioni, sono caratterizzate da un obiettivo da raggiungere: soddisfare i bisogni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli