Corso base SQLite. Copyright (c) 2015 Antonio Gallo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso base SQLite. Copyright (c) 2015 Antonio Gallo"

Transcript

1 Corso base SQLite Copyright (c) 2015 Antonio Gallo Il seguente documento è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Attribution Share alike. Per leggere una copia della licenza visita il sito

2 Indice generale 1 Introduzione Creiamo la tabella articoli in SQlite Altri tipi di dato Dati numerici Stringhe Il valore NOT NULL l'istruzione INSERT: inserire dati in una tabella Nel caso si inseriscano valori in un campo numerico Nel caso si inserisca il valore ' L'istruzione SELECT: estrarre dati da una tabella Indicare anche la tabella di appartenenza di un campo Affinare la selezione con la clausola WHERE Esempio Esempio Esempio SUM, AVG, MIN, MAX, COUNT GROUP BY: raggruppare i risultati ORDER BY: ordinare i risultati Esempio Esempio Esempio Limitare il numero di record estratti tramite la clausa LIMIT Esempio Esempio Mescolare la clausole WHERE, GROUP BY, ORDER BY, LIMIT L'istruzione DELETE: cancellare record da una tabella Esempio L'istruzione UPDATE: modificare dei record esistenti Esempio Esempio Introduzione Un database SQlite è formato da tabelle ognuna contenente dei dati. Ogni tabella è formata da righe e colonne. Le colonne vengono chiamate campi. Le righe vengono chiamate record e rappresentano i dati inseriti. Quindi in SQlite (e in generale in tutti i database relazionali) le tabelle sono formate da campi (colonne) e da record (righe). Ogni tabella ha un nome che viene usato per richiamare, inserire, cancellare dati.

3 La tabella seguente, che chiameremo articoli, ha 4 campi e 3 record. I campi sono i seguenti: id: un identificativo numerico, univoco e incrementale (consigliato per ogni tabella) titolo: contiene il titolo dell'articolo categoria: contiene la categoria dell'articolo autore: contiene l'autore dell'articolo testo: contiene il testo dell'articolo tabella articoli: id titolo categoria autore testo 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc etc 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc etc 3 Lo sport è salutare sport Luigi Etc etc Tabella 1: Come si vede i campi servono a dire a che tipo di dato ci stiamo riferendo (al titolo dell'articolo, alla categoria, all'autore, etc) mentre i record rappresentano gli articoli veri e propri. 2 Installazione shell di prova E' possibile scaricarlo al seguente indirizzo: Decompattarlo e premere due volte su sqlite.exe. Si aprirà una schermata nera. Per creare un database:.open nome_database.db Verrà aperto se esiste oppure creato se non esiste. 3 Creiamo la tabella articoli in SQlite Creiamo la nostra tabella chiamata articoli. Ecco la sintassi SQlite: CREATE TABLE articoli ( id INTEGER PRIMARY KEY AUTOINCREMENT, titolo CHAR(200) NOT NULL, categoria VARCHAR(200) NOT NULL,

4 ); autore VARCHAR(200) NOT NULL, testo TEXT NOT NULL, visite INTEGER NOT NULL Come si vede abbiamo definito tutti i campi descritti precedentemente. Verranno analizzati nel dettagli qui di seguito: il campo id id INTEGER PRIMARY KEY AUTOINCREMENT Il campo id è stato definito di tipo INTEGER, cioè intero. Questo tipo di dato viene utilizzato quando è necessario immagazzinare dei dati di tipo numerico come ad esempio l'età di una persona o, come in questo caso, un indice incrementale e univoco. Inoltre il campo id è stato definito come AUTOINCREMENT. Questo serve a fare in modo che non sia necessario inserire il valore del campo id ogni volta che si inserisce un nuovo articolo, ci pensa SQlite incrementando di 1 il valore del campo id dell'articolo precedente. PRIMARY KEY significa che il campo id è una chiave primaria, cioè il suo valore non può essere duplicato (ogni record deve avere il campo id diverso da tutti gli altri record) il campo titolo titolo CHAR(200) NOT NULL Il campo titolo è stato definito di tipo CHAR, cioè una stringa di testo. Il valore 200 all'interno delle parentesi serve a dire a SQlite che la stringa non sarà più lunga di 200 caratteri. Nel caso si cercasse di inserire un articolo avente un titolo più lungo di 200 caratteri SQlite taglierebbe automaticamente la parte eccedente i 200 caratteri (cioè l'inserimento avviene, ma il titolo viene troncato). Il valore 200 serve a dire a SQlite di riservare in memoria lo spazio di 200 caratteri per il campo titolo. La tringa NOT NULL indica che nel campo titolo non è possibile inserire valori nulli (vedi in seguito). il campo categoria

5 categoria VARCHAR(200) NOT NULL Per il campo categoria vale quanto detto per il campo titolo, ma con la seguente differenza. Al posto di CHAR(200) si è scritto VARCHAR(200). Il tipo di dato VARCHAR viene anch'esso utilizzato per memorizzare le stringhe e il significato del numero tra parentesi (200) è lo stesso di prima. La differenza è che VARCHAR, al contrario di CHAR, ottimizza lo spazio utilizzato per memorizzazione del dato. VARCHAR va bene se si prevedono stringhe lunghe. il campo autore autore VARCHAR(200) NOT NULL Per il campo autore vale quanto detto per il campo categoria il campo testo testo TEXT NOT NULL Il campo testo è stato definito di tipo TEXT. Il tipo TEXT viene utilizzato quando è necessario memorizzare molto teso, ad esempio migliaia di caratteri. 3.1 Altri tipi di dato Come il PHP, anche SQlite permette di definire molti tipi di dati Dati numerici Nel caso di dati numerici potete usare i seguenti dati: INTEGER serve per i numeri interi REAL serve per i numeri con la virgola Stringhe CHAR per stringhe di breve lunghezza

6 VARCHAR per stringhe lunghe (oltre i 50 caratteri) TEXT per testi lunghi (oltre i 200 caratteri) 4 Il valore NOT NULL Quando si definisce un campo come NOT NULL SQlite non accetta che in un quel campo non si inserisca alcun valore (si deve per forza inserire qualcosa!). 5 l'istruzione INSERT: inserire dati in una tabella Per inserire dati in una tabella esistente è necessario usare l'istruzione INSERT. La sintassi è la seguente: INSERT INTO <nome_tabella> ( <lista_campi_da_inserire> ) VALUES (<lista_dei_valori>); Dove <lista_campi_da_inserire> rappresenta una lista di tutti i campi che si vogliono riempire, separati da una virgola. <lista_dei_valori> rappresenta invece la lista dei valori da inserire (corrispondenti ai campi) Ad esempio, proviamo a riempire la tabella articoli con i dati mostrati nella Tabella 1 (aggiungendo anche il valore del campo visite appena aggiunto) Inseriamo la prima riga: INSERT INTO articoli (titolo,categoria,autore,testo,visite) VALUES ('SQlite è facile','informatica','antonio','etc Etc','10'); Osserviamo che: La lista dei campi va scritta senza apici (titolo, categoria, autore, testo, visite) La lista dei valori va scritta con gli apici all'inizio e alla fine di ogni valore ('SQlite è facile','sqlite for dummies','antonio','etc Etc','10') Inseriamo ora le altre due righe:

7 INSERT INTO articoli (titolo,categoria,autore,testo,visite) VALUES ('SQlite for dummies','informatica','alberto','etc Etc','24'); INSERT INTO articoli (titolo,categoria,autore,testo,visite) VALUES ('Lo sport è salutare','sport','luigi','etc Etc','2'); 5.1 Nel caso si inseriscano valori in un campo numerico Nel caso si fossero inseriti valori in un campo numerico (INT o FLOAT) bisognerebbe evitare di usare gli apici, altrimenti il valore viene passato non come numero ma come stringa. Se non li si mette (come abbiamo fatto nelle due istruzioni INSERT mostrate sopra) SQlite trasformerà comunque quel numero in stringa. Inseriamo una quarta riga evitando di usare gli apici per il valore numerico del campo visite: INSERT INTO articoli (titolo,categoria,autore,testo,visite) VALUES ('Mangiare salutare','alimentazione','luigi','etc Etc',5); Come si vede nell'istruzione INSERT precedente il valore del campo visite, essendo numerico (definito come INT), può assumere un valore ( 5 ) senza essere costretti ad inserire gli apici. 5.2 Nel caso si inserisca il valore ' Nel caso si debba inserire l'apice ' in un campo, ad esempio perché una certa parola contiene un apostrofo, è necessario precedere tale apostrofo con il carattere backslash \. Questo affinché l'apostrofo non venga confuso con gli apici che racchiudono il valore. Esempio: INSERT INTO articoli (titolo,categoria,autore,testo,visite) VALUES ('L\'aria pulita','ambiente','antonio','etc Etc',11); Come si vede nel campo titolo era presente un apice che è stato preceduto con il carattere \.

8 6 L'istruzione SELECT: estrarre dati da una tabella Ora che abbiamo inserito dei valori all'interno della tabella vogliamo provare ad estrarli. Per farlo dobbiamo usare l'istruzione SELECT. La sintassi è la seguente: SELECT <lista_campi> FROM <nome_tabella>; Ad esempio: SELECT id,autore,categoria,titolo,visite FROM articoli; id autore categoria titolo visite Antonio informatica SQlite è facile 10 2 Alberto informatica SQlite for dummies 24 3 Luigi sport Lo sport è salutare 2 4 Luigi alimentazione Mangiare salutare 5 5 Antonio ambiente L'aria pulita rows in set (0.00 sec) Come si vede SQlite ha restituito i valori richiesti, con i valori incolonnati. Si noti che il campo id, benché non sia mai stato riempito, contiene un valore numerico incrementale. Infatto il suo valore è stato aggiunto in automatico da SQlite dato che il campo id era stato definito come AUTO_INCREMENT. Per selezionare tutti i campi è possibile usare il caratteri asterisco *, come mostrato di seguito: SELECT * FROM articoli;

9 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24 3 Lo sport è salutare sport Luigi Etc Etc 2 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc 11 5 rows in set (0.00 sec) Come si vede in questo caso sono stati restituiti tutti i campi della tabella articoli. 6.1 Indicare anche la tabella di appartenenza di un campo È possibile indicare, nella SELECT query, anche la tabella dalla quale si vuole estrarre un determinato campo. Esempio: SELECT articoli.autore FROM articoli; che è equivalente a: SELECT autore FROM articoli; Nella prima query abbiamo specificato che il campo autore deve essere estratto dalla tabella articoli. L'utilità di questo si vedrà in seguito quando impareremo ad estrarre dati da più valori contemporaneamente. 6.2 Affinare la selezione con la clausola WHERE È possibile affinare la ricerca usando la clausola WHERE, come mostrato nei seguenti esempi: Esempio 1 Per selezionare tutti gli articoli scritti da Antonio (si notino gli apici attorno ad Antonio nell'istruzione seguente): SELECT titolo,categoria,autore FROM articoli WHERE autore = 'Antonio';

10 titolo categoria autore SQlite è facile informatica Antonio L'aria pulita ambiente Antonio rows in set (0.00 sec) Esempio 2 Per selezionare tutti gli articoli scritti da Antonio della categoria informatica: SELECT titolo,categoria,autore FROM articoli WHERE autore = 'Antonio' AND categoria = 'informatica'; titolo categoria autore SQlite è facile informatica Antonio row in set (0.00 sec) Esempio 3 Selezionare tutti gli articoli che hanno più di 10 visite: SELECT * FROM articoli WHERE visite > 10;

11 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc rows in set (0.00 sec) Si noti che il valore 10 è stato scritto senza apici dato che corrisponde ad un campo (visite) di tipo INT. In ogni caso l'istruzione valeva anche se si scriveva 10 tra apici (come detto, SQlite lo trasformava automaticamente da stringa a numero) SELECT * FROM articoli WHERE visite > '10'; 6.3 Case sensitive e insensitive. Di default SQLite è case sensitive. Questo significa che le stringhe Antonio e antonio sono differenti. Se volete eseguire una selezione in modo che un campo sia considerato case insensitive (cioè senza considerare maiuscole e minuscole), dovete scrivere così: SELECT * FROM articoli WHERE autore collate nocase = 'antonio'; In questo caso gli state dicendo che il campo autore deve essere cercato senza considerare maiuscole o minuscole. 6.4 SUM, AVG, MIN, MAX, COUNT La funzione SUM calcola la somma dei valori raggruppati (vedi nella sezione sotto il significato). La funzione AVG calcola la media, la funzione MIN calcola il minimo, la funzione MAX calcola il massimo e la funzione COUNT calcola il numero di record raggruppati. Ad esempio calcoliamo la somma (SUM) di tutte le visite ricevute (di tutti gli articoli), il numero minimo (MIN) e massimo (MAX) di visite e il numero medio (AVG). Calcoliamo inoltre il numero di record nella tabella tramite la funzione COUNT. SELECT SUM(visite), MIN(visite), MAX(visite), AVG(visite), COUNT(*) FROM articoli; SUM(visite) MIN(visite) MAX(visite) AVG(visite) COUNT(*)

12 row in set (0.00 sec) La funzione COUNT richiede l'asterisco tra parentesi e serve per contare tutti i record raggruppati (vedi sotto) 6.5 GROUP BY: raggruppare i risultati È possibile aggregare i risultati che hanno qualcosa in comune, ad esempio gli articoli scritti dallo stesso autore o all'interno della stessa categoria. Questo può essere utile se non si vuole che i campi doppi vengano ripetuti più volte oppure per applicare funzioni di aggregazione (SUM, AVG, MIN, MAX) sui campi raggruppati. Estraggo tutte le categorie, evitando di ripetere più di una volta il nome della singola categoria: SELECT categoria FROM articoli GROUP BY categoria; categoria alimentazione ambiente informatica sport rows in set (0.00 sec) Come sappiamo gli articoli scritti sotto la categoria informatica sono due. Quindi SQlite ha aggregato i due articoli all'interno della categoria informatica come da noi chiesto attraverso la clausola GROUP BY, e ha mostrato una sola volta il nome della categoria. Ora possiamo chiedere di applicare una delle funzioni viste sopra sui valori raggruppati da GROUP BY: SELECT COUNT(*),categoria FROM articoli GROUP BY categoria;

13 COUNT(*) categoria alimentazione 1 ambiente 2 informatica 1 sport rows in set (0.00 sec) Come si vede SQlite ha raggruppato gli articoli sotto la categoria informatica. Con la funzione COUNT(*) è possibile chiedergli quanti sono i record della tabella che ha raggruppato (quindi, in questo caso, quanti sono gli articoli aventi la categoria uguale ad informatica) 6.6 ORDER BY: ordinare i risultati I risultati estratti possono essere ordinati tramite la clausola ORDER BY, come mostrato nei seguenti esempi: Esempio 1 Ordiniamo i risultati in ordine alfabetico rispetto all'autore: SELECT * FROM articoli ORDER BY autore; 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24

14 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc 11 3 Lo sport è salutare sport Luigi Etc Etc 2 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 5 rows in set (0.00 sec) Come si vede i risultati sono stati estratti in ordine alfabeto rispetto all'autore. Si poteva ordinarli rispetto a qualunque campo Esempio 2 Ordiniamo i risultati in ordine alfabetico decrescente rispetto all'autore: SELECT * FROM articoli ORDER BY autore DESC; 3 Lo sport è salutare sport Luigi Etc Etc 2 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc 11 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24 5 rows in set (0.00 sec) Esempio 3

15 Ordinare in ordine decrescente rispetto all'id (l'id viene incrementato ad ogni inserimento e quindi indica l'ordine di inserimento degli articoli. L'articolo con l'id più grande sarà l'ultimo inserito). SELECT * FROM articoli ORDER BY id DESC; 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc 11 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 3 Lo sport è salutare sport Luigi Etc Etc 2 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 5 rows in set (0.00 sec) 6.7 Limitare il numero di record estratti tramite la clausa LIMIT È possibile specificare il numero di record che si vuole estrarre grazie alla clausola LIMIT Esempio 1 Estraiamo solo due articoli: SELECT * FROM articoli LIMIT 2;

16 1 SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc rows in set (0.00 sec) Esempio 2 Estraiamo due articoli saltando i primi 2 record: SELECT * FROM articoli LIMIT 2,2; Lo sport è salutare sport Luigi Etc Etc 2 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc rows in set (0.00 sec) 6.8 Mescolare la clausole WHERE, GROUP BY, ORDER BY, LIMIT SELECT * FROM articoli WHERE visite > '10' ORDER BY autore LIMIT 2; 7 L'istruzione DELETE: cancellare record da una tabella E' possibile cancellare dei record da una tabella tramite l'istruzione DELETE, la cui sintassi è la seguente:

17 DELETE FROM <nome_tabella> WHERE <clausola_where>; 7.1 Esempio 1 Esempio, immaginiamo di voler cancellare il record avente id=3: DELETE FROM articoli WHERE id=3; Ora possiamo provare ad estrarre tutti i record dalla tabella articoli: SELECT * FROM articoli; Per ottenere il seguente output: SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 2 SQlite for dummies informatica Alberto Etc Etc 24 4 Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc rows in set (0.00 sec) Come si vede il record avente id=3 è stato cancellato. 8 L'istruzione UPDATE: modificare dei record esistenti È possibile modificare dei record esistenti di una tabella attraverso l'istruzione UPDATE, la cui sintassi è la seguente: UPDATE <nome_tabella> SET <campo1>=<valore1>, <campo2>=<valore2> WHERE

18 <clausola_where>; 8.1 Esempio 1 Modifichiamo il titolo, l'autore, la categoria e il numero di visite del record avente id=2 della tabella articoli: UPDATE articoli SET titolo='sqlite facile', autore='marcello', categoria='database', visite=154 WHERE id=2; Ora possiamo provare ad estrarre tutti i record dalla tabella articoli: SELECT * FROM articoli; Per ottenere il seguente output: SQlite è facile informatica Antonio Etc Etc 10 2 SQlite facile database Marcello Etc Etc Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 5 L'aria pulita ambiente Antonio Etc Etc rows in set (0.00 sec) Come si vede il record avente id=2 è stato modificato come richiesto. 8.2 Esempio 2 Proviamo a usare una clausola WHERE che non faccia uso del campo id. Ad esempio, modifichiamo tutte le categorie degli articoli scritti da Antonio.

19 UPDATE articoli SET categoria='computer' WHERE autore='antonio'; Si noti come siano stati usati gli apici attorno alla stringa Antonio (è una stringa, non un numero). Ora possiamo provare ad estrarre tutti i record dalla tabella articoli: SELECT * FROM articoli; Per ottenere il seguente output: SQlite è facile computer Antonio Etc Etc 10 2 SQlite facile database Marcello Etc Etc Mangiare salutare alimentazione Luigi Etc Etc 5 5 L'aria pulita computer Antonio Etc Etc rows in set (0.00 sec) Come si vede ora tutti gli articoli scritti da Antonio fanno parte della categoria computer. NB: in questo secondo esempio abbiamo modificato più record contemporaneamente (due).

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 -

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 - Manuale SQL - 1 - Istruzioni DDL Creazione di una tabella : CREATE TABLE Il comando CREATE TABLE consente di definire una tabella del database specificandone le colonne, con il tipo di dati ad esse associate,

Dettagli

Caratteristiche dei linguaggi per Database

Caratteristiche dei linguaggi per Database IL LINGUAGGIO Caratteristiche dei linguaggi per Database I linguaggi per basi di dati relazionali possiedono i comandi per: definizione del data base; manipolazione dei dati; associazione tra tabelle diverse;

Dettagli

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati Basi di Dati Matteo Longhi Structured Query Language Introduzione Standard creato nel 1976 da IBM Aggiornato (versione 2 nel 1992 (ANSI X3.135 e ISO 9075 Consente di: DDL: definire la struttura del DB

Dettagli

Database Lezione 2. Sommario. - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati

Database Lezione 2. Sommario. - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati Sommario - Progettazione di un database - Join - Valore NULL - Operatori aggregati Progettazione di un database - In un database c'è una marcata distinzione tra i valori in esso contenuti e le operazioni

Dettagli

Structured Query Language

Structured Query Language IL LINGUAGGIO SQL Structured Query Language Contiene sia il DDL sia il DML, quindi consente di: Definire e creare il database Effettuare l inserimento, la cancellazione, l aggiornamento dei record di un

Dettagli

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013)

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) SQL quick reference piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) I tipi dei dati di SQL sono: delimitatori delle costanti: TEXT(n) stringa di caratteri

Dettagli

I.I.S. G. COSSALI - ORZINUOVI DATABASE. Marzo 2017 Prof. Dario Tomasoni 1

I.I.S. G. COSSALI - ORZINUOVI DATABASE. Marzo 2017 Prof. Dario Tomasoni 1 I.I.S. G. COSSALI - ORZINUOVI DATABASE Marzo 2017 Prof. Dario Tomasoni 1 IMPOSTAZIONE 60 min = Database concetti + Esercizi; 10 min = pausa; 30 min = Linguaggio SQL; 30 min = Database prove LibreOffice

Dettagli

<Nome Tabella>.<attributo>

<Nome Tabella>.<attributo> Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (2) Tabelle mult., variabili, aggreg, group Prof. Alberto

Dettagli

Esercitazione: Interrogazioni SQL

Esercitazione: Interrogazioni SQL Laurea in Ingegneria Informatica SAPIENZA Università di Roma Insegnamento di Basi di Dati Esercitazione: Interrogazioni SQL Domenico Fabio Savo 1 Sommario 1. Creazione del database utilizzato per l esercitazione

Dettagli

Introduzione a MySQL. Definizione SQL. Esempio

Introduzione a MySQL. Definizione SQL. Esempio Introduzione a MySQL Moreno Marzolla Dipartimento di Informatica Università Ca' Foscari di Venezia marzolla@dsi.unive.it http://www.dsi.unive.it/~marzolla Definizione Una tabella (o relazione) è costituita

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Esercitazione PostgreSQL Dopo aver lanciato il client grafico pgadmin III di PostgreSQL svolgere le operazioni descritte nel seguito, tenendo presenti i suggerimenti forniti

Dettagli

Linguaggio SQL seconda parte

Linguaggio SQL seconda parte Linguaggio SQL seconda parte A. Lorenzi, E. Cavalli INFORMATICA PER SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas Le condizioni di ricerca 2 Le condizioni di ricerca Usate nelle

Dettagli

PROGETTAZIONE DI DATABASE Linguaggio SQL

PROGETTAZIONE DI DATABASE Linguaggio SQL PROGETTAZIONE DI DATABASE Linguaggio SQL Modello Concettuale (Modellazione del mondo reale) Modello Logico (Definizione del tipo e del formato dei dati) Modello Fisico (Implementazione fisica su supporti

Dettagli

SQL - Structured Query Language

SQL - Structured Query Language SQL - Structured Query Language Lab 05 Alessandro Lori Università di Pisa 27 Aprile 2012 Riepilogo esercitazione precedente Operatori insiemistici (UNION, INTERSECT, EXCEPT) Riepilogo esercitazione precedente

Dettagli

Phpmyadmin. Creazione Database

Phpmyadmin. Creazione Database Phpmyadmin Phpmyadmin è un applicazione Web fornita direttamente con il pacchetto XAMPP. E utilizzata per la gestione delle tabelle SQL. Essa, infatti, permette di creare database, tabelle, importare ed

Dettagli

Esercitazione 1 SQL: DDL e DML di base

Esercitazione 1 SQL: DDL e DML di base Esercitazione 1 SQL: DDL e DML di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.2.DDLDMLbase.pdf Prime cose da fare Fare login sul PC usando lo username di Scuola Procedura descritta qui: https://infoy.ing.unibo.it/new_account/

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Introduzione Istruzione INSERT Istruzione DELETE Istruzione UPDATE Linguaggio SQL: fondamenti 2 (1/3) Inserimento di tuple Cancellazione di tuple Modifica di tuple 4 (2/3) INSERT inserimento di nuove tuple

Dettagli

Linguaggio SQL. Prof. Giuseppe Tandoi

Linguaggio SQL. Prof. Giuseppe Tandoi Caratteristiche generali SQL è uno strumento per organizzare gestire recuperare dati memorizzati in DataBase organizzati su base Relazionale. Caratteristiche generali SQL è l'acronimo di Structured Query

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Esercitazione 4 SQL: cataloghi e viste

Esercitazione 4 SQL: cataloghi e viste Esercitazione 4 SQL: cataloghi e viste Sistemi Informativi T Versione elettronica: L04.CatView.pdf Cataloghi di sistema Sono insieme di tables e views che descrivono la struttura logica e fisica degli

Dettagli

Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL

Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL Esempio di database relazionale con l utilizzo del prodotto MySQL Marco Liverani Aprile 2015 In queste pagine viene riportato in sintesi il progetto di un database relazionale esemplificativo con cui viene

Dettagli

Connessione con MySQL

Connessione con MySQL Connessione con MySQL Architettura Server-Side Eventuali parametri cookie sessioni Elaborazione SELECT... DATABASE Quando i dati sono molti e la persistenza deve andare altre la sessione o la durata

Dettagli

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (4) Query di aggiornamento Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE Dato il seguente schema E/R E la sua traduzione nel seguente schema relazionale: disponibile in http://www.dbgroup.unimo.it/sire/20110513/20110513.bak Viene richiesto di 1) Risolvere la seguente interrogazione

Dettagli

Connessione con MySQL

Connessione con MySQL Connessione con MySQL Architettura Server-Side Eventuali parametri cookie sessioni Elaborazione SELECT... DATABASE Quando i dati sono molti e la persistenza deve andare altre la sessione o la durata

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Basi di Dati Il Linguaggio SQL Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ Il Linguaggio SQL SQL (Structured Query Language) è il linguaggio di riferimento per le basi di dati

Dettagli

Il linguaggio SQL: raggruppamenti

Il linguaggio SQL: raggruppamenti Il linguaggio SQL: raggruppamenti Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.3.SQL.gruppi.pdf Informazioni di sintesi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono

Dettagli

DATABASE PER IL WEB. Programmazione Web 1

DATABASE PER IL WEB. Programmazione Web 1 DATABASE PER IL WEB Programmazione Web 1 Archite3ura web con database Client Tier Web/App Tier DB Tier Client Web / App Server Database Il server web comunica con un altro server che con8ene il la banca

Dettagli

SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste

SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste 1 SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione v Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL): Crea/distrugge/modifica relazioni e viste Definisce

Dettagli

Il sistema informativo deve essere di tipo centralizzato e accessibile mediante un computer server installato nella rete locale dell albergo.

Il sistema informativo deve essere di tipo centralizzato e accessibile mediante un computer server installato nella rete locale dell albergo. PROBLEMA. Un albergo di una grande città intende gestire in modo automatizzato sia le prenotazioni sia i soggiorni e realizzare un database. Ogni cliente viene individuato, tra l altro, con i dati anagrafici,

Dettagli

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative SQL SQL Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative l utente specifica quale informazione è di suo interesse, ma non come estrarla dai dati Le interrogazioni vengono

Dettagli

ESERCITAZIONI ACCESS

ESERCITAZIONI ACCESS ESERCITAZIONI ACCESS MS Access 2000 Struttura di riferimento: Studente (Matricola, Cognome, Nome) Esame (Matricola, Materia, Voto, Data) CREARE LE TABELLE IN SQL: Create table STUDENTE ( matricola char(6)

Dettagli

C3 IL DBMS MICROSOFT ACCESS

C3 IL DBMS MICROSOFT ACCESS C3 IL DBMS MICROSOFT ACCESS 1 GERARCHIE OBBLIGATORIE Nella progettazione di una base di dati abbiamo moltissimi gradi di libertà ma anche alcune regole rigide che siamo costretti a rispettare. Il primo

Dettagli

Gestire MySQL tramite PHP

Gestire MySQL tramite PHP Gestire MySQL tramite PHP Copyright (c) 2011 Antonio Gallo (antoniog.web@gmail.com) Il seguente documento è rilasciato sotto licenza Creative Commons 2.5 Attribution Share alike. Per leggere una copia

Dettagli

Interrogazioni in SQL

Interrogazioni in SQL Interrogazioni in SQL Corso di Basi di Dati 4 dicembre 2013 1 Interrogazioni sullo schema aziendale 1. Ottenere i nomi dei dipartimenti dislocati in piú sedi. 2. Ottenere il numero di supervisori. 3. Produrre

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE BASI DATI RELAZIONALI

INTRODUZIONE ALLE BASI DATI RELAZIONALI INTRODUZIONE ALLE BASI DATI RELAZIONALI RELAZIONI E TABELLE Nelle BASI DI DATI RELAZIONALI le informazioni sono organizzate in TABELLE; Le tabelle sono rappresentate mediante griglie suddivise in RIGHE

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

Microsoft Access (parte 5) Query. Query. Query. Query. Creare una query

Microsoft Access (parte 5) Query. Query. Query. Query. Creare una query Microsoft Access (parte 5) Anno accademico: 2008-2009 Per estrarre informazioni da un database si utilizzano delle query : procedure di interrogazione Si può creare più query per ogni tabella Occorre avere

Dettagli

Query SQL - singola tabella

Query SQL - singola tabella Query SQL - singola tabella Informatica@SEFA 07/08 - Lezione 9 Massimo Lauria http://massimolauria.net/courses/infosefa07/ Mercoledì, 6 Dicembre 07 Tabelle in SQL Tabelle nel

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 2 Vincoli di integrità Proprietà che devono essere soddisfatte da ogni istanza della base di dati. Il soddisfacimento è definito rispetto al

Dettagli

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 27/10/2016 (POMERIGGIO)

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 27/10/2016 (POMERIGGIO) APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 27/10/2016 (POMERIGGIO) Studenti: Lorenzo Caputo, Mattia Marzano. Prof. Lucia Vaira Lo scopo della lezione è quello di andare a riempiere un database con dei dati

Dettagli

ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLASSE IL 25 MAGGIO 2011)

ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLASSE IL 25 MAGGIO 2011) ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLSE IL 25 MAGGIO 2011) Dato il seguente schema E/R consideriamo solo le due gerarchie relative a MANAGER/SEGRETARIA/IMPIEGATO

Dettagli

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov.

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Appunti di MySql Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Indice generale avviare la shell mysql...2 comandi SQL per la gestione del database (DDL)...2 visualizzare l'elenco

Dettagli

2011 Politecnico di Torino 1

2011 Politecnico di Torino 1 SQL per le applicazioni Esercitazione PHP e MySQL Svolgimento D B M G Passi di risoluzione creazione e popolamento della base di dati Creazione di un script SQL Passo 2 creazione di una query d interrogazione

Dettagli

Introduzione Sql con Microsoft Access

Introduzione Sql con Microsoft Access Introduzione Sql con Microsoft Access SQL (Structured Query Language) è un linguaggio per l interrogazione del database che permette anche di leggere, modificare, creare, eliminare e gestire i dati all

Dettagli

Per poter interagire con un database in rete mediante uno script php bisogna. innanzitutto cerare una connessione. Ciò si ottiene mediante la funzione

Per poter interagire con un database in rete mediante uno script php bisogna. innanzitutto cerare una connessione. Ciò si ottiene mediante la funzione MYSQL E PHP Per poter interagire con un database in rete mediante uno script php bisogna innanzitutto cerare una connessione. Ciò si ottiene mediante la funzione MySQL_connect(nome del host, nome utente,

Dettagli

Soluzione esercitazione 01

Soluzione esercitazione 01 Soluzione esercitazione 01 Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SolEse01.pdf Sistemi Informativi L-A Videonoleggio - caso A: tabella

Dettagli

Schema Del DB Operazionale TELEFONATE

Schema Del DB Operazionale TELEFONATE Schema Del DB Operazionale TELEFONATE Costruire lo Schema di Fatto per analizzare le chiamate considerando come dimensioni TelefonoDA e TelefonoA, Data e Fascia, intesa come FasciaOraria della chiamata

Dettagli

Access. P a r t e t e r z a

Access. P a r t e t e r z a Access P a r t e t e r z a 1 Query: Concetti generali (2) Query 1 Tabella Query 2 Le query rappresentano viste differenti sul DB (possono coinvolgere una o più tabelle) 2 Creazione (1) Diverse possibilità,

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab INFORMATICA B Ingegneria Elettrica Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Matlab (MATrix LABoratory) è uno strumento per il calcolo scientifico ed ingegneristico Matlab facilita lo sviluppo di programmi

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi:

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: SQL e linguaggi di programmazione L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: in modo interattivo col server attraverso interfacce o linguaggi ad hoc legati a particolari DBMS attraverso i

Dettagli

Il linguaggio SQL: raggruppamenti. Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf

Il linguaggio SQL: raggruppamenti. Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf Il linguaggio SQL: raggruppamenti Versione elettronica: SQLb-gruppi.pdf Informazioni di sintesi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono a singole tuple (eventualmente

Dettagli

MY SQL Guida MySQL di base

MY SQL Guida MySQL di base 2017 MY SQL Guida MySQL di base Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro Anno scolastico 2016-2017 Istituto Tecnico Enrico Fermi, Siracusa Eleonora SikeWEB 15/05/2017 MySQL Collegarsi ad un database e interagire

Dettagli

Domande utili alla preparazione dell orale di Informatica all Esame di Stato

Domande utili alla preparazione dell orale di Informatica all Esame di Stato Domande utili alla preparazione dell orale di Informatica all Esame di Stato 1.Al livello fisico un database si appoggia ai files per contenere i suoi dati? 2.Esistono altri modelli di organizzazione oltre

Dettagli

CORSO ACCESS PARTE IV

CORSO ACCESS PARTE IV Creazione di un database / gestione tabelle Per creare un nuovo database Menu File Selezionare Nuovo Scegliere Database vuoto nella scheda Generale e confermare con Ok Impostare il nome e il percorso nella

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Connessione al DB con PHP Anno accademico 2016-2017 Paolo Perlasca Parte di questi lucidi è tratta da una versione precedente di Marco Mesiti, Stefano Valtolina, Daniele Riboni

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti OOP La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) ha l obiettivo di formalizzare gli oggetti del mondo reale e di costruire con questi un mondo virtuale.

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Matricola Nome Cog Firma Es.1 Es.2 Es.3 Es.4 Es.5 Tot. Esercizio 1 (6 punti) Data la seguente struttura dati: typedef struct{ int elementi[5][5]; int numerorighe; int numerocolonne; Matrice; Fondamenti

Dettagli

Ogni ufficio è formato da 100 dipendenti, i quali hanno a loro volta 3 clienti ciascuno. Inoltre, ad ogni ufficio sono stati assegnati 4 fornitori.

Ogni ufficio è formato da 100 dipendenti, i quali hanno a loro volta 3 clienti ciascuno. Inoltre, ad ogni ufficio sono stati assegnati 4 fornitori. Tecnologia delle Basi Dati Analisi del dbms Postgresql. Luigi Cestoni Prima Parte Descrizione del Database Abbiamo realizzato un database costituito da quattro tabelle: 1. dipendente( id,nome,cognome,eta,telefono,idufficio)

Dettagli

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char)

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) int e char son i due tipi utilizzati dal linguaggio C per la rappresentazione di valori interi; ai valori delle variabili del primo tipo sono assegnati

Dettagli

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1 Creazione di un trigger Sviluppo ed utilizzo dei trigger in Oracle Silvia Chiusano Paolo Garza CREATE TRIGGER nome_trigger modo evento [OR evento] ON tabella [REFERENCING referenza] [] [WHEN (predicato

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 9 Raffaella Gentilini 1 / 41 Sommario 1 DBMS Attivi e Triggers 2 2 / 41 DBMS Attivi DBMS Attivi I DBMS tradizionale sono passivi: Eseguono delle operazioni solo

Dettagli

Esempi SQL con Access. Orazio Battaglia

Esempi SQL con Access. Orazio Battaglia con Access Orazio Battaglia Consideriamo la base di dati in figura. 2 Interrogazione 1: Selezioniamo tutti gli impiegati, vogliamo Cognome, Nome e Posizione SELECT Impiegati.Cognome, Impiegati.Nome, Impiegati.Posizione

Dettagli

Modulo 3 DATI E OPERATORI. 1. Assegnare i dati da tastiera 2. Variabili e tipi di dati 3. Le stringhe 4. Un po di logica

Modulo 3 DATI E OPERATORI. 1. Assegnare i dati da tastiera 2. Variabili e tipi di dati 3. Le stringhe 4. Un po di logica Modulo 3 DATI E OPERATORI 1. Assegnare i dati da tastiera 2. Variabili e tipi di dati 3. Le stringhe 4. Un po di logica 1. Assegnare i dati da tastiera La possibilità di interagire con l ambiente esterno

Dettagli

Excel Base- Lezione 3. Barbara Pocobelli Estav Nord Ovest. Il comando Trova

Excel Base- Lezione 3. Barbara Pocobelli Estav Nord Ovest. Il comando Trova Excel Base- Lezione 3 Il comando Trova 1. Fare clic su Modifica nella Barra dei menu. 2. Fare clic su Trova. Appare una finestra con una casella in cui digitare il valore da ricercare. Viene digitato il

Dettagli

Spiegazioni esercizio Gestione Tabella con PHP e MySQL

Spiegazioni esercizio Gestione Tabella con PHP e MySQL Spiegazioni esercizio Gestione Tabella con PHP e MySQL foglio_di_stile.css (foglio di stile esterno) Questo file contiene: 1. la struttura generale delle quattro pagine web dinamiche: index.php, inserisci.php,

Dettagli

PARTITIONING PARTITIONING. 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1

PARTITIONING PARTITIONING. 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1 PARTITIONING PARTITIONING 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1 PARTITIONING Cos'è il partitioning Metodi per eseguire il partitioning Partition setup Partition table

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Capitolo 2. Jaywalking

Capitolo 2. Jaywalking Capitolo 2 Jaywalking Un tecnico di Netscape di cui non faremo il nome una volta passò un puntatore a JavaScript, lo memorizzò in una stringa e poi lo restituì al C... un disastro. Blake Ross State sviluppando

Dettagli

Tipi di sottoquery SQL

Tipi di sottoquery SQL Tipi di sottoquery SQL È possibile specificare subquery in numerose posizioni: Con le parole chiave IN e NOT IN. Con operatori di confronto. Con le parole chiave ANY, SOME e ALL. Con le parole chiave EXISTS

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 5 Raffaella Gentilini 1 / 22 Sommario 1 Gruppi 2 / 22 Raggruppamenti Gruppi Quanto sinora visto permette di estrarre dal DB informazioni che si riferiscono a

Dettagli

Interrogazioni nidificate

Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate Nella clausola where si possono utilizzare valori prodotti da altre istruzioni select utilizzando any (qualsiasi) o all (tutti) insieme agli operatori di confronto Trovare nome,

Dettagli

Introduzione Concetti Generali Pratica su Access Link utili. ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 1

Introduzione Concetti Generali Pratica su Access Link utili. ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 1 ECDL - Database Introduzione European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 1 Informazioni sul corso orario: Giovedì - 14.30-16.30 materiale: http://www.fotoboni.com/carlo/ docente: webmaster@fotoboni.com

Dettagli

Come fare il debug di query SQL complicate usando le CTE scrivibili

Come fare il debug di query SQL complicate usando le CTE scrivibili Come fare il debug di query SQL complicate usando le CTE scrivibili 2ndQuadrant Italia PGDay Italiano 2011 Prato, 25 novembre Outline 1 Il problema Descrizione Esempi generici Esempio specifico 2 Soluzione

Dettagli

Filtri. Microsoft Access. Filtri. Filtri

Filtri. Microsoft Access. Filtri. Filtri Filtri Microsoft Access Filtri, query Un filtro è una funzione che provoca la visualizzazione dei soli record contenenti dati che rispondono a un certo requisito Per applicare un filtro a una tabella è

Dettagli

Corso sul PACCHETTO OFFICE. Modulo Access

Corso sul PACCHETTO OFFICE. Modulo Access Corso sul PACCHETTO OFFICE Modulo Access Docente: dott. Marco Cardani Lezione 2 Come creare un database 1 2 Come creare un database Impareremo ora come creare un nuovo database in modo da raggiungere un

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2015/2016

Corso di Basi di Dati A.A. 2015/2016 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2015/2016 E3 - MySQL: Creazione di Schemi ed Interrogazioni Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento

Dettagli

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica.

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Fondamenti di Informatica. Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Excel Michele Tomaiuolo Excel Excel è sicuramente il programma più

Dettagli

Cosa sono i report. Prof. Emanuele Papotto 05/10/2010

Cosa sono i report. Prof. Emanuele Papotto 05/10/2010 Prof. Emanuele Papotto Cosa sono i report Nei database, gli elenchi di g informazioni pronti per essere stampati (nella figura a fianco l elenco dei cantanti), vengono chiamati report (rapporti) 1 A cosa

Dettagli

Breve guida a PostgreSQL (versione per Windows) Gianluca Cima

Breve guida a PostgreSQL (versione per Windows) Gianluca Cima Breve guida a PostgreSQL (versione per Windows) Gianluca Cima 13/07/2017 Indice 1 Introduzione 2 2 Installazione 3 3 Creare una base di dati 5 4 Gestione delle tabelle 7 4.1 Creare tabelle...........................

Dettagli

MODULO 5 - USO DELLE BASI DI DATI 2 FINALITÁ

MODULO 5 - USO DELLE BASI DI DATI 2 FINALITÁ PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 5.0 MODULO 5 Database (Microsoft Access 2007) Parte 3 A cura di Mimmo Corrado Gennaio 2012 MODULO 5 - USO DELLE BASI DI DATI 2 FINALITÁ Il Modulo 5, richiede che il candidato

Dettagli

Menù principale di Calc

Menù principale di Calc Menù principale di Calc Status bar Informazioni generali! All'apertura si visualizza una cartella il cui nome è mostrato nella title bar;! Una cartella contiene più fogli di lavoro. Ci si può spostare

Dettagli

Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2

Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2 Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2 Vincoli di integrita 2 Cosa e un vincolo di integrita E una proprieta sempre valida

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

ASP e Database. A cura di Michele Cavalieri

ASP e Database. A cura di Michele Cavalieri ASP e Database A cura di Michele Cavalieri (fonte http://www.aspitalia.com/articoli/db/introduzione.aspx ) Un aspetto fondamentale di ASP è l'utilizzo dei componenti, che non sono altro che ActiveX come

Dettagli

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Ing. Nicola Amatucci Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e Delle Scienze di Base nicola.amatucci@unina.it Programmazione C++ Parte 2

Dettagli

I CARATTERI E LE STRINGHE

I CARATTERI E LE STRINGHE I CARATTERI E LE STRINGHE IL CODICE ASCII Per memorizzare i simboli grafici corrispondenti ai caratteri bisogna associare un numero intero a ciascuno di essi Il codice ASCII / æski/ (American Standard

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO 2014/2015 INFORMATICA. Giselda De Vita 2015

SOLUZIONE ESAME DI STATO 2014/2015 INFORMATICA. Giselda De Vita 2015 SOLUZIONE ESAME DI STATO 2014/2015 INFORMATICA Giselda De Vita 2015 La traccia di esame, pubblicata dal Ministero, si trova al seguente link: esame 2015 Di seguito si riporta la soluzione della prima parte

Dettagli

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole.

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. Excel VBA VBA Visual Basic for Application VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. 2 Prima di iniziare. Che cos è una variabile?

Dettagli

Lettura da tastiera e scrittura su monitor

Lettura da tastiera e scrittura su monitor Lettura da tastiera e scrittura su monitor Per poter leggere UN SINGOLO CARATTERE dalla tastiera e visualizzare UN SINGOLO CARATTERE sul monitor si possono utilizzare le funzioni: int getchar (void) (per

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Caratteri Dato che un computer può memorizzare esclusivamente sequenze di bit, per memorizzare un carattere (e quindi testi) è necessario stabilire una convenzione che associa a un

Dettagli

Inserire record. Microsoft Access. Inserire/modificare record. Inserire record. Cancellare record. Inserire/modificare record

Inserire record. Microsoft Access. Inserire/modificare record. Inserire record. Cancellare record. Inserire/modificare record Inserire record Microsoft Access Maschere (II) Una maschera può essere sfruttata non solo per vedere dati ma anche per immettere nuovi record, per modificarli o per cancellarli (come in visualizzazione

Dettagli

Funzioni MySQL. Qui di seguito vi pubblico una guida ai principaili comandi per il database Mysql:

Funzioni MySQL. Qui di seguito vi pubblico una guida ai principaili comandi per il database Mysql: Qui di seguito vi pubblico una guida ai principaili comandi per il database Mysql: Guida ai comandi Mysql Alter Table Modifica la struttura di una tabella. Ha due clausole: ADD: aggiunge una colonna alla

Dettagli

Le query di comando e di servizio in Access

Le query di comando e di servizio in Access Le query di comando e di servizio in Access In questa parte sono presentate alcune query di Access che permettono di: creare nuove tabelle, aggiungere o eliminare righe in una tabella, modificare il contenuto

Dettagli

Il programma di oggi. Gli indici. Ottimizzazione. Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio)

Il programma di oggi. Gli indici. Ottimizzazione. Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Corso di Laurea in Comunicazione e Marketing Anno Accademico 2005/06 Metodi per la Gestione dei Dati

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

CORSO ACCESS 2000 PARTE VI

CORSO ACCESS 2000 PARTE VI Le Query Le Query selezionano dati, da una o più tabelle in un database, che soddisfano determinati requisiti e visualizzano i risultati in un foglio dati. I dati richiesti vengono visualizzati in un recordset

Dettagli

Il proprietario di una catena di negozi vuole confrontare il reddito (in euro) dei suoi 5 negozi, riportato nella seguente tabella

Il proprietario di una catena di negozi vuole confrontare il reddito (in euro) dei suoi 5 negozi, riportato nella seguente tabella Primo esempio (es. 2.1) Il proprietario di una catena di negozi vuole confrontare il reddito (in euro) dei suoi 5 negozi, riportato nella seguente tabella Negozio Reddito Negozio 1 21.500,00 Negozio 2

Dettagli

Stringhe in C. Alessandra Giordani Lunedì 23 aprile 2012

Stringhe in C. Alessandra Giordani Lunedì 23 aprile 2012 Stringhe in C Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 23 aprile 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ Stringhe Sono particolari array: Ogni elemento del vettore è di tipo char La stringa è terminata

Dettagli

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio

APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio APPUNTI DELLA LEZIONE DI DATABASE DEL 26/10/2016 Studenti: Marco D'Amato, Adriano Luigi Piscopello Professore: Mario Bochicchio INTRODUZIONE L algebra relazionale è l algebra su cui si basa il linguaggio

Dettagli