L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico"

Transcript

1 L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico Sommario: Premessa - 1. Valenza probatoria degli elementi acquisiti con le indagini finanziarie ai fini dell accertamento sintetico - 2. Procedimento analitico per un accertamento non analitico - 3. Considerazioni conclusive. Premessa L accertamento sintetico, disciplinato dall'articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 e relativi decreti attuativi[1], ha la peculiarità di fondarsi sulla sussistenza di elementi e circostanze di fatto certi in relazione ai quali il fisco può presumere una capacità di spesa correlata ad esborsi di somme di denaro e a spese di gestione da confrontare con il reddito imponibile dichiarato dalle persone fisiche[2]. Restano esclusi dal suo ambito applicativo i beni e i servizi riconducibili ad attività d impresa o di lavoro autonomo che hanno rilevanza fiscale solo nell ambito dell accertamento del reddito delle relative categorie. Per procedere con l accertamento sintetico è necessario che, ai sensi del quarto comma dell art. 38, del d.p.r. n. 600/1973, il reddito complessivo netto sinteticamente accertabile si discosti per almeno un quarto dal reddito imponibile dichiarato e che tale circostanza si verifichi per almeno due annualità[3]. Lo strumento, pertanto, colpisce i redditi che, sfuggiti alla tassazione nel momento in cui sono stati prodotti, vengono a manifestarsi come spese per beni da cui il fisco può presumere una determinata disponibilità reddituale. A bilanciamento della relazione logica spesa-reddito vi è la facoltà per il contribuente di dimostrare a contrario che il bene-indice preso in considerazione dall Amministrazione sia stato conseguito con redditi esenti o già assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. Secondo la consolidata prassi ministeriale[4] occorre, inoltre, considerare il reddito familiare complessivo del soggetto, atteso che gli elementi indicativi di capacità contributiva rilevanti ai fini dell accertamento sintetico possono trovare giustificazione nei redditi degli altri componenti il nucleo familiare. Di recente, il decreto legge n. 112/2008 ha dato nuovo impulso allo strumento in parola prevedendo un piano straordinario di controlli basato sull accertamento sintetico. Nell ottica del potenziamento del mezzo il decreto stabilisce che gli elementi e le circostanze di fatto certi siano desunti, oltre che dal sistema informativo dell anagrafe tributaria, anche dalle informazioni acquisite a seguito delle indagini

2 finanziarie espletate ai sensi dell articolo 32, primo comma, numero 7), del citato d. P.R. n. 600 del 1973[5]. L unione dei due procedimenti rende lo strumento accertativo in parola più accurato: non a caso l articolo 83 del decreto n. 112 è rubricato Efficienza dell'amministrazione finanziaria. Il ricorso alle indagini finanziarie rappresenta l aspetto di maggiore importanza al riguardo poiché, come si illustrerà in seguito, le risultanze bancarie possono costituire elementi di prova diretta dell esistenza degli indici di capacità contributiva ovvero elementi indiretti della disponibilità patrimoniale del contribuente. 1. Valenza probatoria degli elementi acquisiti con le indagini finanziarie ai fini dell accertamento sintetico L accostamento sistematico dello strumento istruttorio delle indagini finanziarie, basato su un analisi per singolo elemento delle operazioni inerenti i rapporti finanziari, ad un modello di accertamento di tipo prevalentemente matematico basato su coefficienti e parametri normativamente prefissati come l accertamento sintetico, sembrerebbe dar luogo ad un conflitto tra procedure per loro natura differenti. L apparente incompatibilità viene meno se si considera che le indagini finanziarie sono uno strumento istruttorio a supporto dell accertamento in generale. Ciò trova conferma nella previsione dell articolo 32, primo comma, n.2), del d.p.r. n. 600 del 1973 in relazione al quale il richiamo effettuato agli articoli 38 e successivi va inteso nel senso che, a prescindere dalla metodologia di accertamento adottato, i dati acquisiti con le indagini finanziarie possono essere legittimamente utilizzati. Senza affrontare in questa sede il tema ampiamente dibattuto in dottrina sulla ragionevolezza della previsione legislativa che considera i prelevamenti dai conti correnti come elementi positivi di reddito[6], occorre valutare se è configurabile una presunzione legale in termini di valenza reddituale anche nell ambito di una metodologia di accertamento, quale è il sintetico, che prescinde dalla presenza di scritture contabili. Il riferimento è, in particolare, agli effetti che si determinano sul piano probatorio in capo al contribuente che non dimostri che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine. Interpretando a contrario la norma dell articolo 32, n.2) sembrerebbe, infatti, che gli elementi e i dati finanziari acquisiti abbiano una intrinseca attitudine probatoria che il contribuente può neutralizzare soltanto con la prova della loro non rilevanza ai fini fiscali. A ben vedere, in materia di indagini finanziarie, la presunzione legale secondo cui i versamenti e i prelevamenti dai conti correnti che non trovano riscontro in contabilità vengono imputati a maggiori ricavi o compensi trova la sua applicazione naturale nell ambito dell accertamento analitico. Il richiamo alle scritture contabili contenuto nella seconda parte dell articolo 32, primo comma, n. 2), del d.p.r. n. 600/1973 porta a ritenere che l operatività della presunzione anzidetta si possa giustificare proprio in relazione all attitudine probatoria tipica delle stesse[7]. Ne discende che ove l accertamento non riguardi redditi di lavoro autonomo o d impresa la presunzione legale non dovrebbe per i motivi suddetti operare[8]. Dati i termini della questione occorre valutare, tuttavia, se anche al di fuori delle tipologie di accertamento analitico e analitico-induttivo esista uno spazio per

3 l applicazione nei termini ora visti della presunzione legale. L orientamento della consolidata giurisprudenza della Cassazione è sostanzialmente negativo[9]. Secondo tale posizione, in tema di accertamento sintetico, l onere della prova circa la dimostrazione tra il nesso dell esistenza (nel quantum e nel quando) dell elemento finanziario e la capacità contributiva secondo il parametro spesa-investimento spetta in capo all Amministrazione. L assolvimento dell onere probatorio avviene, pertanto, secondo il procedimento ordinario in base all id quod plerumque accidit e che diversamente la pretesa non risulterà fondata qualora la presunzione operata da quest ultima - (l Amministrazione finanziaria) - non risulta di per sé munita di una sufficiente forza probante, per la totale carenza del requisito della precisione di cui tutte le presunzioni, a pena di inammissibilità, devono essere provviste. (Cass. 17/03/2006, n. 5991)[10]. La conseguenza è che, pertanto, ai fini del sintetico non è configurabile alcuna presunzione che attribuisce ex ante il significato di incremento patrimoniale agli elementi finanziari. Ciò in quanto si applicano comunque le regole proprie dell accertamento sintetico, secondo le quali spetta all Amministrazione l onere di dimostrare il valore reddituale del dato finanziario, anche in base a presunzioni semplici ai sensi degli articoli 2727 e 2729 c.c.. Ancora più specifica sull argomento è la recente sentenza n del 2007 della Cassazione. Tale pronuncia riguarda un accertamento sintetico motivato dal possesso di ingenti disponibilità bancarie in capo al contribuente, la cui esistenza non viene peraltro contestata dal medesimo. I giudici di merito avevano, tuttavia, accolto il ricorso del contribuente poiché l Amministrazione non aveva sufficientemente provato il nesso tra il possesso delle notevoli disponibilità finanziarie e la loro riconducibilità a redditi sottratti a tassazione. La Suprema Corte, cassando con rinvio la decisione della C.T.R. Puglia, ha affermato invece che erroneamente la decisione impugnata ha ritenuto tali elementi come sforniti di valenza probatoria, limitandosi a far propria la critica solo generica del contribuente e non, come avrebbe dovuto, a considerare, anche in ragione delle chieste controdeduzioni procedimentali, elementi di spiegazione analitici. Alla luce di ciò si può evincere il principio che la non contestazione del contribuente attribuisce certezza intrinseca all elemento finanziario, che per tale motivo assume rilevanza reddittuale (incremento patrimoniale) ai fini del sintetico. Tuttavia, occorre precisare che tale conseguenza, seppur rilevante, non va intesa nel senso che la mera assenza di contestazione configuri una presunzione legale. Se così fosse vi sarebbe infatti una duplice inversione dell onere della in capo al contribuente, sia in merito alla presunta valenza reddituale degli elementi finanziari sia in merito a quella propria del sintetico inerente il contenuto induttivo di tali redditi. In questi termini si affermerebbe un principio che non è in linea con il quadro normativo vigente e non trova riscontro nella prassi dell Amministrazione finanziaria[11]. Senza pervenire alle conclusioni suddette, si può rilevare che in sostanza il quid pluris delle indagini finanziarie consiste nel fornire gravità, precisione e concordanza, sotto il profilo del quantum e del tempo, sia agli indici da considerare ai fini del redditometro che agli ulteriori elementi di natura finanziaria suscettibili di essere considerati come incrementi patrimoniali. Tale mezzo istruttorio si rivela ancor più efficace in tutti i casi nei quali l intestatario formale del bene non sia il soggetto che effettivamente ha sostenuto la spesa per l acquisto del bene e/o per il suo mantenimento. Il redditometro, infatti, colpisce il soggetto che sostiene la spesa del bene anche qualora non è il titolare[12]. L analisi degli elementi da imputare ai fini del redditometro accompagnata da una rappresentazione finanziaria delle spese (prelevamenti dal conto corrente) rende più efficiente lo strumento in parola. La presunzione semplice suddetta trasferisce in capo al contribuente l impegno di dimostrare che il dato di fatto

4 sul quale essa si fonda non corrisponde a realtà. In tal senso, l esborso per l acquisto di un autovettura o di un altro bene che trovi una corrispondenza nel conto corrente, rende quasi incontestabile l esistenza dell elemento a carico del contribuente; al contempo questi potrà spiegare le proprie difese in maniera più compiuta avendo come riferimento più elementi oltre ai soli indici di spesa. Lo strumento diventa in tal modo più accurato e si attenua in parte l automaticità dell applicazione dei criteri matematico-presuntivi i quali, tendenzialmente, con riferimento alle spese sostenute per l acquisto dei beni indice, potranno essere commisurate alle movimentazioni bancarie effettivamente riscontrate. 2. Procedimento analitico per un accertamento non analitico Senza voler attribuire natura analitico-induttiva alla determinazione sintetica del reddito per effetto delle indagini finanziarie, occorre tuttavia considerare che la giurisprudenza e la prassi dell Amministrazione finanziaria sostengono correttamente che occorre valorizzare, anche ai fini della considerazione degli incrementi patrimoniali di natura finanziaria, i singoli elementi e dati finanziari acquisiti[13]. Si rileva, tuttavia, che tale attitudine può riguardare potenzialmente l insieme delle attività finanziarie facenti capo ad un soggetto, che per effetto dell ampliamento dell ambito oggettivo delle indagini finanziarie operato dalla legge n. 311/2004 riguarda qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati, con i loro clienti, nonché alle garanzie prestate da terzi. [14]. L analisi finanziaria del contribuente richiesta ai fini del sintetico è, quindi, più complessa in confronto a quanto avviene solitamente in sede di accertamento analitico, dato che per sua natura il riscontro con le scritture contabili riguarda principalmente i rapporti, in primo luogo i conti correnti, che generano flussi finanziari in entrata e in uscita. Altre attività finanziarie come ad esempio, il rilascio di garanzie personali o il possesso di cassette di sicurezza, non sono immediatamente utilizzabili nell ambito dell accertamento analitico, dato che la presunzione di ricavi o compensi non può in concreto operare, mancando sotto il profilo tecnico una movimentazione del rapporto. Si osserva, comunque, che anche per il redditometro l analisi non può che avere principio dal conto corrente, in relazione al quale, fermo restando l utilizzabilità dei prelevamenti come prova dell esistenza degli indici di spesa, la giurisprudenza considera i versamenti come incrementi patrimoniali[15], non rilevando la circostanza che il saldo sia eventualmente negativo[16]. Pertanto, la contestazione per massa basata, per esempio, sul solo dato del saldo del conto non è elemento sufficiente ai fini della contestazione di un incremento patrimoniale, dato che lo stesso non fornisce certezza circa il momento di costituzione delle disponibilità finanziarie. Alla luce di ciò si osserva, in relazione alla valorizzazione delle singole voci presenti in conto corrente, che a seconda del tipo di accertamento adottato, analitico o sintetico, la stessa operazione può assumere delle connotazioni differenti. Si pensi all operazione di accreditamento in conto corrente di somme di importo rilevante a seguito del realizzo di quote di fondi di investimento o di titoli di stato: se nel caso dell accertamento analitico tali movimentazioni non rilevano, trattandosi di redditi già tassati alla fonte a titolo di imposta[17], le stesse viceversa potranno essere valorizzate ai fini del sintetico. In tal caso, peraltro, l Amministrazione finanziaria è chiamata ad effettuare un ulteriore analisi in merito alle modalità di costituzione

5 dell investimento. In particolare, occorre verificare se, procedendo a ritroso al momento della sottoscrizione dei fondi o dei titoli, il capitale impiegato derivi da redditi sfuggiti a tassazione, e sempre che tale operazione non sia stata realizzata in periodi di imposta per i quali è intervenuta la decadenza dal potere accertativo dell Amministrazione[18]. Al contrario, il riscontro nel conto corrente dell acquisto periodico di beni, ad esempio effettuato presso esercenti nel settore alimentare, da non considerare ai fini del redditometro in quanto inerenti le spese di sostentamento del soggetto, potrebbe in prospettiva analitica diventare elemento da cui presumere acquisti in nero se vi è correlazione con l attività economica svolta dal soggetto indagato. Spostando l attenzione ai rapporti diversi dal conto corrente, si può notare che esistono nella prassi finanziaria delle forme di investimento dalle quali si può presumere una capacità contributiva non ordinaria, quali la sottoscrizione di un contratto di private banking (che di norma riguarda la clientela avente le maggiori disponibilità finanziarie), l acquisto di quote di hedge funds la cui sottoscrizione minima per legge è di 500 mila euro o ancora la stipula di un contratto fiduciario avente ad oggetto una gestione patrimoniale. Si tratta di attività finanziarie poste in essere da soggetti con un profilo finanziario evoluto suscettibili di essere valorizzate per una ricostruzione sintetica del reddito, a condizione che si riesca a dimostrare la genesi delle risorse impiegate sia riconducibile a redditi non tassati. Altro ambito di possibile applicazione del sintetico è, inoltre, quello dei finanziamenti. È noto, infatti, che gli istituti di credito concedono di norma affidamenti e finanziamenti commisurati alla capacità di rimborso del capitale del soggetto richiedente, basata su elementi reddituali e patrimoniali dichiarati dallo stesso. Si può affermare che in tal caso l azienda di credito effettui una vera e propria attività istruttoria assimilabile qualitativamente, seppure per un fine diverso, a quella che gli agenti del fisco svolgono per la determinazione del reddito complessivo di un soggetto. Tali informazioni si rivelano perciò alquanto attendibili per l individuazione della capacità di spesa potenziale del contribuente, e di conseguenza è possibile affermare, secondo l id quod plerumque accidit, che un soggetto titolare di una carta di credito platinum possegga in via presuntiva una disponibilità reddituale rilevante rispetto a chi ne possegga una tipologia silver. Occorre, peraltro, osservare che nell ipotesi anzidetta questi elementi costituiscono soltanto un indice indiretto ai fini del sintetico da accompagnare insieme ad altri elementi indicativi di capacità contributiva. 3. Considerazioni conclusive Appurato che non esiste un contrasto tra l analiticità propria delle indagini finanziarie e la natura induttiva dell accertamento sintetico, appare evidente che l unione dei due strumenti migliora una tecnica di ricostruzione del reddito considerata da alcuni autori poco raffinata e approssimativa[19]. Occorre, tuttavia, considerare che l adozione di un accertamento basato sulle indagini finanziarie non può che avvenire a seguito di una valutazione costi-benefici effettuata a monte dall Amministrazione, i cui termini sono rappresentati da un lato dalla laboriosità dell analisi dei rapporti finanziari, dall altro dalla valenza probatoria che possono assumere[20]. Ne discende che l abbinamento non è automatico ma rimesso

6 ad una scelta discrezionale dell Amministrazione. Tuttavia, come si è appurato, le indagini finanziarie possono divenire uno strumento particolarmente efficace ai fini del sintetico in tutti quei casi nei quali il contribuente non sia in grado di giustificare adeguatamente l esistenza del fatto certo finanziario oggetto di accertamento. Si può notare inoltre che l efficacia dell accertamento sintetico è destinata ulteriormente a potenziarsi grazie all utilizzo delle informazioni acquisite, oltre che dalle indagini finanziarie, a seguito del controllo sul territorio della Guardia di Finanza e dai comuni[21]. Luigi Stefanucci [1] Si tratta, in particolare del Decreto Ministeriale 10 settembre I relativi coefficienti sono periodicamente aggiornati con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate (da ultimo si segnala il provvedimento del 14 febbraio 2007 che si applica per gli anni di imposta ). [2] Si annoverano come esempio: l acquisto a titolo oneroso di un bene immobile, l acquisto/possesso di autovetture non necessariamente di lusso, la disponibilità di residenze secondarie, il consumo di energia elettrica per uso domestico, la fruizione di collaboratori domestici, ecc. [3] Al riguardo si segnala la recente pronuncia n. 237/09 della Cassazione secondo la quale l interpretazione letterale del quarto comma dell articolo 38 legittima la rettifica sintetica anche quando il reddito dichiarato dal contribuente risulta incongruo per due o periodi di imposta non consecutivi tra loro. [4] Cfr. circolare n. 27/1981 e n. 101/1999. L orientamento è stato ribadito nella più recente circolare n. 49/E del 9 agosto [5] Il riferimento esclusivo all articolo 32 del testo unico dell accertamento, e non anche all articolo 51 del d.p.r. n. 633/1972, va ascritto alla specifica natura dell accertamento sintetico che riguarda esclusivamente l imposta personale delle persone fisiche. [6] Si veda per tutti, G. INGRAO, R. LUPI, Ancora sull utilizzo dei prelevamenti negli accertamenti bancari, in Dialoghi di Diritto Tributario, A. III, fasc. 11, Si segnala, inoltre, che la Corte Costituzionale, già investita della questione, - decisa con ordinanza n. 260 del si è di recente espressa sull argomento riconfermando con l ordinanza n. 173 del 2008 la compatibilità con il dettato costituzionale della previsione sui prelevamenti. [7] Si può notare, infatti, che anche al di fuori della materia fiscale le scritture contabili possono costituire argomenti di prova. Si veda ad esempio la previsione degli articoli c.c. e 634 c.p.c. [8] Altra conseguenza è che specularmente, qualora le scritture contabili non siano regolarmente tenute o non siano attendibili perdono il valore di prova e il fisco potrà procedere alla determinazione induttiva del reddito anche sulla base di presunzioni non aventi i requisiti della gravità, precisione e concordanza nei casi previsti dall articolo 39, secondo comma, d.p.r. n. 600/1973.

7 [9] V. ex pluribus Cass. 17/03/2006, n. 5991, in commento. [10] In particolare, nel caso trattato dalla sentenza ora richiamata, l Amministrazione non aveva sufficientemente suffragato il collegamento temporale tra gli investimenti finanziari effettuati dal contribuente e gli anni di imposta oggetto di accertamento. [11] V. circolare dell Agenzia delle Entrate n. 49/E del 9 agosto [12] Ad es. il padre che intesta un immobile al figlio privo di reddito, o l auto i cui costi gestionali sono sostenuti da un soggetto diverso dall intestatario. [13] Si richiama, oltre alla circolare n. 49/E citata, la sentenza n del 13/11/1990 nella quale la Cassazione afferma: Non si tratta di pretendere che l'ufficio giunga a dimostrare specificamente il collegamento della spesa con flussi reddituali relativi al periodo di imposta, poiché l esigere la prova del collegamento predetto (cioè della spesa con il reddito prodotto) significherebbe semplicemente richiedere una dimostrazione analitica del maggiore reddito accertabile sinteticamente, richiedere cioè un elemento che non è proprio di detta forma di accertamento, ma che pare invece tale da fare indirizzare l opera dell Amministrazione dal campo dell accertamento sintetico a quello dell accertamento analitico. Non può però negarsi che il requisito della precisione del procedimento presuntivo importi che gli elementi posti a base della presunzione debbano essere specificati in ogni loro aspetto e in particolare nel quantum e nel quando. La certezza degli elementi e delle circostanze di fatto in base a cui viene attribuito un maggiore reddito al contribuente deve essere cioè provata e motivata dagli Uffici non solo per quanto ne riguarda l esistenza, ma anche con riferimento alla portata argomentativa (significanza reddituale) degli stessi, onde fornire la giustificazione della quantificazione effettuata. [14] Si rileva che l Agenzia delle Entrate nel provvedimento direttoriale del 12 novembre 2007 ha codificato in maniera puntuale i rapporti e le operazioni acquisibili con le indagini finanziarie. [15] V. Cass. 25/10/2006, n [16] V. Cass. 15/11/2007, n [17] Le rendite finanziarie vengono assoggettate all imposta sostitutiva sui redditi di natura finanziaria a seguito dell adesione del contribuente al regime del risparmio amministrato o gestito di cui al D. Lgs.vo n. 461 del Diversamente, si applica il regime ordinario della dichiarazione dei redditi. [18] In relazione alle operazioni di investimento e reinvestimento rilevanti ai fini del redditometro, v. Cass. 13/11/1990, n [19] Tra gli altri cfr. THIONE, M. SILVARI Redditometro: analisi della recente prassi e giurisprudenza, Il fisco, 2007, n. 41. [20] Cfr. circolare dell Agenzia delle Entrate n. 49/E del 9 agosto [21] Cfr. art. 83 del decreto legge n. 112/2008.

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi dott. Christian Attardi Agenzia delle Entrate Ufficio di Modena Parte 1 Il valore normale come criterio d accertamento nelle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO RECANTE GLI INDICATORI DI ANOMALIA PER GLI INTERMEDIARI LA BANCA D ITALIA Vista la legge 25 gennaio 2006, n. 29, recante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli