FIGURE FEMMINILI PROTETTRICI DELLA NASCITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIGURE FEMMINILI PROTETTRICI DELLA NASCITA"

Transcript

1 a cura di Antonella Caforio FIGURE FEMMINILI PROTETTRICI DELLA NASCITA la baba, la femme qui aide, la levatrice nella cultura europea Pubblicazioni dell I.S.U. Università Cattolica

2 FIGURE FEMMINILI PROTETTRICI DELLA NASCITA: la baba, la femme-qui-aide, la levatrice nella cultura europea a cura di ANTONELLA CAFORIO Milano 2002

3 Testi tradotti da Roberto Caforio 2002 I.S.U. Università Cattolica Largo Gemelli, 1 Milano ISBN

4 Sommario INTRODUZIONE... 7 di Antonella Caforio LA FEMME-QUI-AIDE E LA LAVANDAIA di Yvonne Verdier Assistere Fare i bambini Fare i morti I grandi lavaggi Colare Al lavatoio Gaisser LA SAPIENZA DI DIO SI RITROVA NELLE VECCHIE DONNE. LA LEVATRICE. I DEMONI DELLA NASCITA E I PICCOLI PANI DEI MORTI di Isabelle de Runz Quelle che sanno Vedere e identificare Il bambino-frutto Quando le babice sono numerose, il bambino deperisce I quaranta giorni Dare il nome Babe, vampiri e babice Rottura e decomposizione Vampiri

5 Sciogliere e purificare Il morto-antenato Scambio di teste Parola di vecchie LE DONNE E IL SALATOIO di Yvonne Verdier 1) Quando si hanno le mestruazioni, nel salatoio non bisogna andarci, perché il lardo così va a male, va a male tutto nel salatoio, tutto è perduto ) Il respiro, il sangue era qualcosa di sacro che un tempo aveva un senso ) Delle donne dai capelli rossi non ci si fidava, si diceva: hanno l alito pesante ) Non bisogna rifiutare nulla alle donne incinte, si teme che il bambino ne soffra ) Tutti i miei figli sono nati normali, è questo che mi fa più paura, l anormalità, la peggiore delle catastrofi ) Buon uomo, non far mai caso al grano di marzo e alla figlia di maggio ) Tutte queste cose sono dette così per dire, ma sono vere, dipendono dal movimento della luna, sono dei veri e propri fenomeni IL CORPO FEMMINILE E LE COSE NELLA POLESIA. UN SISTEMA SIMBOLICO DELLA FINE DEL XX SECOLO di Galina Kabakova Il codice relativo al vestiario Il simbolismo nuziale: gli utensili della cucina Il corpo e lo spazio domestico

6 DONNE-PIANTE E BAMBINI-FRUTTI. I FRUTTI E GLI ALBERI DA FRUTTO NELLE RAPPRESENTAZIONI POPOLARI SERBE DEL CONCEPIMENTO di Isabelle de Runz Regalare dei frutti e mettere al mondo Alberi e frutti nei riti di fecondità L innesto dei giovani sposi Concepimento e contraccezione NASCERE SOTTO I CAVOLI. UN APPROCCIO ETNOLOGICO A QUESTO MITO CULTURALE * di Jocelyne Bonnet 1) Un mito culturale ) Il cavolo, emblema della fecondità matrimoniale ) C è cavolo e cavolo ) Sapete piantare i cavoli? ) Espressioni metaforiche e gesto sessuale ) Conclusione APPENDICE LA GRAVIDANZA E IL PARTO NELLA CULTURA FOLCLORICA: PRATICHE EMPIRICHE E PROTEZIONE SIMBOLICA. IL CASO DI VENEGONO INFERIORE di Emanuela Cremona 1) Breve presentazione storico-sociale ) Le persistenze folcloriche: la testimonianza del mondo femminile ) Tracce di lettura ) I colloqui

7

8 Introduzione di Antonella Caforio Vengono qui presentati alcuni saggi di notevole spessore sul ricco simbolismo riguardante la differenza sessuale e il tema del maschile e del femminile scritti da antropologhe note, in particolare da Yvonne Verdier, autrice di Façons de dire, façons de faire 1, un libro veramente stimolante e per molti versi affascinante che in Italia non è stato mai tradotto. I contributi, che si riferiscono alle rappresentazioni e agli immaginari riguardanti la nascita in Francia e nel mondo tradizionale slavo, sono tanto ricchi di contenuti che diventa impossibile un riassunto veloce ed esaustivo cosicché ognuno, leggendoli, potrà approfondire secondo i suoi interessi gli aspetti che riterrà più rilevanti. Ciò che a mio avviso rende particolarmente degna di attenzione la lettura di questi studi è in primo luogo il lento delinearsi di una figura femminile, quella della levatrice, che tutti pensiamo di conoscere e che in realtà scopriamo pian piano nelle sue inedite caratteristiche simboliche con meraviglia crescente quando, dai saggi, e ancor più dalla lettura del libro già citato e da altri testi come quello preziosissimo di Evelyne Sorlin 2, anch esso mai tradotto in italiano scorgiamo i tanti riferimenti simbolici a realtà che rimangono, nonostante tutti i tentativi di distruzione operati nei secoli (basti solo pensare alle cacce alle streghe), ancor oggi profondamente radicate nella nostra società. In questo personaggio, infatti, possiamo in qualche modo rivedere attualmente ciò che Gimbutas chiama il periodo della Grande Dea. Com è noto, la studiosa lituana sostiene che il culto della Grande Dea ha dominato l Europa del Neolitico Antico, tra il 7000 e il Cfr. Y. Verdier, Façons de dire, façons de faire La laveuse, la couturière, la cuisinière, Gallimard, Paris, Cfr. E. Sorlin, CRIS DE VIE, CRIS DE MORT Les fées du destin dans les pays celtiques, FF COMMUNICATIONS n. 248, Academia Scientiarum Fennica, Helsinki,

9 a.c. Ciò che caratterizza questo periodo della storia è l importanza data ai concetti di rigenerazione e rinnovamento, in analogia con ciò che avviene nella Natura, ed una visione del mondo accentrata sulla Terra e però profondamente rispettosa dell esistenza di qualunque forma vivente, riverente della vita, ma di ogni vita. In questo lungo brano, Gimbutas così ci descrive quel breve tratto della storia umana La Dea era, in tutte le sue manifestazioni, il simbolo dell unità di tutte le forme di vita esistenti nella Natura. Il suo potere era nell acqua e nella pietra, nella tomba e nella caverna, negli animali e negli uccelli, nei serpenti e nei pesci, nelle colline, negli alberi e nei fiori. Di qui la percezione olistica e mitopoietica della santità e del mistero di tutto quanto è sulla Terra. Quella cultura si deliziò dei prodigi naturali di questo mondo. Il suo popolo non produsse armi letali né costruì fortificazioni in luoghi inaccessibili, come avrebbero fatto i successori, anche quando conobbe la metallurgia. Invece, costruì magnifiche tombesantuari e templi, comode abitazioni in villaggi di modeste dimensioni, e creò ceramiche e sculture superbe. Fu, quello, un lungo periodo di notevole creatività e stabilità, un epoca priva di conflitti. La cultura di quel popolo fu una cultura dell arte 3. La Dea è Creatrice di Vita e nello stesso tempo Reggitrice di Morte senza che vi sia alcuna divisione tra le due figure poiché, così come avviene nel cosmo, la Dea della Morte non punisce gli esseri viventi, ma semplicemente compie il suo dovere di controllo della durata del ciclo vitale. Riprendere la vita significa quindi non esclusivamente morte, ma immediato rigenerarsi nel corpo della Dea la Terra giacché l energia vitale è in continuo movimento. Di questo simbolismo così arcaico, ma profondamente radicato, si può dire di vederne dei frammenti appunto in questa figura creata dalla società che, come la wandy homan irlandese, presiede al parto e insieme alla sepoltura 4. 3 M. Gimbutas, Il linguaggio della Dea Mito e culto della Dea madre nell Europa neolitica, Neri Pozza, Vicenza, 1997, p Cfr. E. Sorlin, op. cit., pp. 121 sgg. 8

10 Come sostengono le autrici dei saggi, questo personaggio così importante deve la sua unicità soprattutto alle particolarità biologiche del corpo femminile. Infatti, per prima cosa si deve riflettere sul nome: femme-qui-aide è denominata la levatrice, quindi donna che aiuta, che assiste, o ancora baba o babica nella forma del diminutivo, cioè nonna, quindi donna anziana, esperta, che sa come vanno le cose del parto. Come ricorda Verdier, in Grecia la levatrice era denominata maia, nonna, e madre viene chiamata la femme-quiaide a Minot, il paesino francese nel quale si è svolta questa inchiesta etnografica veramente ricca di risultati. Gli elementi che in questi studi sembrano emergere per contraddistinguere la femme-qui-aide sono in sostanza due: l abilità e l ubiquità, anche se non possiamo dimenticarne un terzo, l innocuità o capacità di affrontare l ignoto senza conseguenze pericolose. In realtà l abilità di cui parlano gli intervistati è qualcosa da intendersi in maniera diversa dal solito: essa non è da interpretare tanto come destrezza, bravura tecnica quanto come capacità e disponibilità massima a lasciar fare alla natura. La bravura tecnica, senza dubbio, è presente nell operato della femmequi-aide, ma non è questo l elemento che deve caratterizzare la sua presenza. Come è noto, nelle società occidentali, a partire dal XVIII secolo, si è avviato il processo di medicalizzazione della nascita con il relativo trasferimento del parto in ospedale e sappiamo anche che esso aveva come obiettivo dichiarato in primo luogo il bisogno di salvaguardare le vite del bambino e della madre e la loro salute 5. La femme-qui-aide è, invece, colei che segue con la più profonda attenzione tutte le fasi della natura senza interferire ed è colei che, all interno di un gruppo, si assume il compito di accompagnare e seguire il cammino di questo essere che potremmo definire liminale, alla maniera di Turner: gli esseri liminali non sono né da una parte né dall altra; stanno in uno spazio intermedio... tra le posizioni assegnate e distribuite dalla legge, dal costume, dalle convenzioni e dal cerimoniale 6. Essi sono fuori da ogni classificazione, come sostiene sempre lo studioso inglese. 5 Cfr. J. Schlumbohm, Comment l obstétrique est devenue une science, ACTES de la recherche en sciences sociales, juin 2002, V. Turner, Il processo rituale Struttura e anti-struttura, Morcelliana, Brescia, 1972, p

11 La femme-qui-aide, quindi, attraverso una serie di riti con momenti dentro e fuori del tempo e dentro e fuori della struttura sociale, inserisce e classifica nel tempo e nello spazio quotidiani esseri che sono strutturalmente invisibili, che hanno, cioè, una realtà fisica, ma non una realtà sociale 7. Nello studio di Isabelle de Runz, in effetti, la babica era definita anche la primalja, quella che riceve. Il suo primo gesto consisteva nel raccogliere il bambino prendendolo direttamente o facendolo cadere al suolo come un frutto maturo. Nei saggi, infatti, si sottolinea come le femmes-qui-aident o le babice tocchino poco il corpo della madre, mentre si preoccupano molto del neonato e in questo caso i loro gesti sono sempre accurati, precisi, determinati ed attenti, insomma ben fatti. Ecco qui l abilità che noi più facilmente riconosciamo. Lo ricorda la Verdier quando sostiene che la vecchia femme-qui-aide è tanto discreta, anzi quasi restia ad evocare il suo aiuto alla madre, limitandosi a questo vago e ostinato lasciavamo fare alla natura, quanto espansiva quando si tratta del bambino, facendo trapelare la meticolosa preoccupazione di un intervento ben fatto, con una successione di gesti: afferrare, lavare, vestire. E continua in questa opera di direzione e aiuto nei confronti del neonato anche nei giorni successivi: il giorno dopo lei fa una visita con uno scopo ben preciso: vengo per allattare il bambino, ero là per far vedere alla madre. Torna i giorni seguenti per fargli il bagno e per fasciarlo, fintanto che il cordone ombelicale non è caduto... il suo controllo può procedere fin quando la ferita ombelicale non si è rimarginata... spetta a lei battezzarlo o addirittura imporgli il nome. E anche quando oramai il medico si occuperà del parto, il suo ruolo continuerà ad essere quello di accudire al bambino: il dottore che si occupa dei parti dagli anni cinquanta ci dice: A me non piace vestire il marmocchio, né fargli il bagno, lo dò a Margherita, ogni villaggio ha la sua femme-qui-aide, è qua per questo. Questa diversità di atteggiamenti nei confronti dei due protagonisti, la madre e il bambino, non è casuale: la madre è un contenitore di qualcosa che è ancora al di là dell umanità e quindi va trattata con cura, ma anche con molta cautela. Le forze soprannaturali possono sempre essere pericolose p Cfr. V. Turner, La foresta dei simboli Aspetti del rituale Ndembu, Morcelliana, Brescia, 1976, 10

12 anche per un personaggio autorizzato a manipolare realtà fuori del tempo e dello spazio, come appunto la babica o la femme-qui-aide. Solo subito dopo il parto, la femme si preoccupa della donna poiché da questo momento ella ritorna ad essere membro della comunità, anche se avrà bisogno di un lungo periodo di purificazione per non essere più pericolosa per se stessa e per gli altri. Ora, essere fuori dello spazio significa anche essere nel tempo primordiale che non conosce eventi relativi al mondo effimero, alla maia di cui parlano gli orientali. In sostanza, la babica ha una funzione prettamente sociale e il suo compito è quello di umanizzare, rendere oggetto di parola, di discorso e cioè riconoscibile, come sostiene Augé, ciò che è naturale e quindi non soggetto alle ragioni e alle leggi degli esseri umani. Per questo motivo, un altra delle qualità necessarie alla femme-qui-aide è l innocuità, non solo del corpo, ma anche e soprattutto dello spirito: in quanto essere di frontiera, ella deve essere neutrale, impermeabile ai sentimenti che caratterizzano, invece, l umanità così da non poter ricevere né comunicare alcuna energia soprattutto negativa durante queste operazioni così pericolose. Nei momenti in cui si cerca di realizzare senza danni un delicatissimo contatto tra due mondi molto diversi, le particolarità biologiche della donna vengono in aiuto rimarcando nuovamente attraverso il linguaggio simbolico la differenza tra i sessi, come rileva molto bene Isabelle de Runz quando evidenzia l idoneità delle donne anziane nel ruolo di babiche: la perdita delle funzioni procreatrici, della capacità di concepire, va di pari passo con la cessazione dell attività sessuale ed è precisamente questa chiusura del corpo a tutti i movimenti o i fenomeni periodici e alternativi che si pone alla base quale condizione necessaria per il riconoscimento della loro abilità. Le donne anziane si inseriscono, pertanto, in un altro tempo, di là dalle oscillazioni del ciclo mestruale e delle gestazioni, un tempo regolare senza altri fondamenti se non quelli della morte e della nascita. Il saggio di Galina Kabakova risulta essere estremamente utile giacché cerca di chiarire proprio il funzionamento del sistema simbolico al centro del quale vi è la donna e che riguarda quelli che l autrice chiama sottosistemi tematici o codici comprendenti, per esempio, l abbigliamento, e il mondo vegetale o animale. L analisi di questi simbolismi permette di comprendere rituali, 11

13 credenze o costumi altrimenti incomprensibili o definiti strani. Comprendiamo, per esempio, il legame indissolubile tra feto e grembiule, che diventa l emblema della levatrice, la necessità del lavaggio del neonato e allo stesso modo il bisogno di rivestire il bambino appena nato. Altri codici, però, si accavallano ed assumono rilevanza: il corpo femminile è sempre collegato, per esempio, allo spazio domestico più intimo, al focolare e alla cucina come pratica legata alla trasformazione in sociale del prodotto naturale. Infine, un altro campo semantico che ci permette di comprendere meglio le rappresentazioni ideologiche relative alla donna è senza dubbio quello concernente l agricoltura, la coltivazione e il frutto. Come è facilmente comprensibile, in tutte le culture è possibile trovare una serie di associazioni tra la fecondità vegetale e quella umana. Isabella de Runz ci ricorda come il regno vegetale giochi un ruolo privilegiato in materia di concezione tanto che la donna, in generale, può essere equiparata ad una pianta e il bambino ad un frutto: il concepimento sembra essere soggetto all azione diretta o indiretta di un principio contenuto nei vegetali fruttiferi e la cui efficacia si basa su di un concepimento analogico della germinazione e della gestazione. Del resto, la Creatrice e la Rigeneratrice di Vita, il Fato o i Tre Fati, altri modi di chiamare la Grande Dea aveva tante funzioni che riguardano la fertilità, la moltiplicazione e il rinnovamento. Si riteneva [nel periodo della Dea preistorica] che il processo del risveglio stagionale, la crescita, l ingrassamento e la morte apparentassero esseri umani, animali e piante: la gestazione di una donna, l ingrassamento di una scrofa, la maturazione dei frutti e dei raccolti erano correlati e si influenzavano reciprocamente. Di nuovo si può notare che il potenziale di nascita e crescita della terra è in tutte le cose viventi. La gestazione o l ingrassamento di una donna o di un animale erano sacri quanto la gestazione della terra prima della fioritura primaverile. Ogni protuberanza presente nella natura, sia monte o collina, su un menhir o su un corpo femminile ventre, glutei, seni, ginocchia era sacra 8. Proprio questa concezione ci fa comprendere meglio l importanza data al cavolo in quanto frutto simbolicamente molto rilevante, come leggiamo nell ultimo bell articolo di Jocelyne Bonnet. 8 M. Gimbutas, op. cit., p

14 Infine, in appendice, l ottimo saggio-ricerca sul campo di Emanuela Cremona nel quale appare la levatrice-ostetrica, ultima trasformazione, oramai al termine del suo lungo viaggio, di quella formidabile Dea il cui culto era stato così forte durante il Paleolitico e il Neolitico. Alla fine del XVIII secolo, infatti, il rapporto con la morte, e quindi anche con la vita, cambia. In un saggio molto denso, Franca Ongaro Basaglia in questo modo descrive questo momento di cambiamento profondo della storia: non più intesa come un destino cui l uomo non può sottrarsi, la morte viene gradualmente riconosciuta come il risultato di processi patologici per la maggior parte ancora sconosciuti che possono cadere sotto il controllo e il dominio dell uomo... Il rapporto dell uomo con la morte si traduce, di fatto, nel rapporto con una malattia che, diventando oggetto di conoscenza alla stessa stregua degli oggetti naturali, diventa anche proprietà del medico, sì che il malato espropriato del suo incontro immediato e rituale con la propria fine si trova in balia di una malattia che solo il medico e la medicina possono domare e controllare 9. Così nasce l ospedale come luogo terapeutico e la donna, con lo sviluppo della scienza medica, perde ogni potere su eventi quali la vita e la morte. Il cerchio si chiude. E allora mi piace terminare con le parole di Marija Gimbutas La Dea gradualmente si ritirò nel profondo delle foreste o sulle vette delle montagne, e lì sopravvisse sino ai nostri giorni nelle credenze e nelle fiabe. Seguì l alienazione dell uomo dalle radici vitali della vita terrena, e i risultati sono ben evidenti nella società contemporanea. Ma i cicli storici non si fermano mai, ed ora vediamo riemergere la Dea dalle foreste e dalle montagne, recandoci speranza per il futuro, e riportandoci alle nostre più antiche radici umane F. Ongaro Basaglia e G. Bignami, Medicina/medicalizzazione, in Enciclopedia, Einaudi, Torino, 1979, vol. VIII, p M. Gimbutas, op. cit., p

15

16 La femme-qui-aide e la lavandaia di Yvonne Verdier In un villaggio francese, oggi come oggi, vi sono poche cerimonie, poche credenze ben radicate, pochi di quei rituali sostanziosi che danno una gran quantità di lavoro all etnologo, ma, al contrario, esistono numerosi gesti che si fanno perché si fanno normalmente o perché si sono sempre fatti si tratta di riti? Una lingua, il dialetto o più spesso un francese dialettizzato, i modi di dire che rispecchiano le abitudini, gli aneddoti, le storie senza fine che raccontano che cosa è successo quella volta sono forse dei miti? Infine i personaggi, vere figure di paesani, persone che vanno verso gli altri o verso le quali si va, e che mettono in risalto con il loro ragionamento diverse generazioni, perché se ne parla, si fanno riferimenti, si raccontano le loro vicende anche molto tempo dopo la morte sono degli eroi culturali? Questo insieme di materiale grezzo ci è sembrato la materia prima di cui dar conto del ruolo ricoperto da una donna a Minot 1, la femme-qui-aide 2. Questo ruolo molto presto si è ritrovato in una dimensione ben più ampia a causa del fatto che le persone che l avevano svolto gli avevano conferito tutta una serie di tratti caratteristici, di qualità e difetti. Che siano dei tratti personali o delle caratteristiche culturali? Si tratta di determinazioni accidentali o di peculiarità di un sistema? 1 Minot (Costa d Oro) è un villaggio che si trova nello Chatillonnais, a nord della Borgogna, sull altopiano di Langres, sul quale è stato svolto uno studio d équipe con Tina Jolas, Marie-Claude Pingaud e Françoise Zonabend. La popolazione, oggi di 360 abitanti, è quasi rimasta invariata dagli inizi del secolo. L Homme, apr.-sett. 1976, (2-3). 2 L espressione può essere tradotta con quella equivalente in italiano a donna che assiste, che aiuta, ma è sembrato preferibile mantenerla nella lingua originale per i suoi numerosi significati simbolici inespressi (N.d.T.) 15

17 Assistere Madre Daniel era la donna che assiste, la chiamavano dappertutto, andava dalle donne che partorivano, andava dai morti... Adesso è sua figlia, Margherita, che assiste, l unica del villaggio, quando non ci sarà più lei ci chiediamo che cosa faremo. Un doppio compito è affidato a colei che viene definita la femme-qui-aide: fare i bambini, fare i morti. Fare i bambini Sì, ero io che assistevo, molto spesso bisognava andare lontano a cercare il dottore o l ostetrica, e il bambino era già là prima del loro arrivo, allora bisognava pur assistere. È così che Margherita definisce innanzitutto il suo ruolo di levatrice, di madre di tutti i bambini, in una veste modesta quasi fosse un difetto. La cronaca orale del ruolo a Minot risale agli inizi del secolo, e si apre con un dramma: il tragico parto d una giovane donna che doveva mettere al mondo dei gemelli. Era il primo parto per questa donna, aveva dei gemelli, il primo è nato, ma il secondo tardava ad uscire, tribolava. Mamma Daniel, la femme-qui-aide all epoca, assiste impotente al parto: Avrei voluto fare qualcosa. Ma non osa intervenire, e testimonia: L ostetrica non le ha fatto assolutamente nulla, assolutamente nulla, nulla.... Il medico chiamato arriva troppo tardi; ormai era tutto finito, la giovane donna era morta col secondo gemello.... Il parto, prosegue Margherita, era avvenuto nel mese di agosto; poco tempo dopo, quella ostetrica ha avuto come un colpo al cervello, e dopo nel mese di gennaio è morta folle. Questo racconto mette bene in risalto i principali personaggi che sono coinvolti nella nascita il medico, l ostetrica, la levatrice (in questo caso la femme-qui-aide), e soprattutto mette ben in evidenza la loro partecipazione: un medico che arriva troppo tardi, una ostetrica che non fa nulla, e la donna che assiste che non osa fare nulla..., una giovane donna e un bambino che muoiono. 16

18 A partire dal 1905 non ci saranno più ostetriche residenti nel villaggio e, il più delle volte, la femme-qui-aide si troverà da sola nel momento del parto, poiché il tempo di preparare la carrozza per cercare l ostetrica e il bambino era già là, tanto più che, si dice, i parti avvengono rapidamente: Mia cognata ha avuto i suoi cinque bambini qui, e l ostetrica non è mai arrivata in tempo. Essi vengono considerati facili, completamente sdrammatizzati ed inseriti nell ambito del ritmo delle attività della vita quotidiana: Fino alla fine, per le quattro, ho custodito le vacche, era facile, non ho durato fatica, passavano come una lettera nella buca, alle cinque ho munto le vacche, alle otto erano là. L impiegata delle poste: Sono stata al telefono fino all ultimo minuto. E di queste attività essi sono a volte come l amplificazione di una semplice eco: Non mi sentivo bene, ho fatto per prima cosa il pane, ho scaldato il forno, ho infornato, e poi sono andata a coricarmi; mezz ora dopo il bambino era già là. Per mezzo secolo il ruolo della femme-qui-aide sarà dunque preminente: Mi chiamano già alle prime doglie. Arrivo con la bacinella, ha fatto il giro del paese. Madre Daniel e madre Carre hanno messo al mondo quasi tutti i bambini del villaggio. Margherita, che ha seguito le orme della madre verso il 1930, ha fatto 43 bambini, i tre quarti dei quali senza la presenza di un ostetrica o di un medico. Sua nipote, Marcella, che ha ripreso il ruolo dagli anni cinquanta al 1968, ha fatto 23 bambini, ma, al contrario dei precedenti, il medico era sempre là, tranne una volta. Hanno l abitudine di chiamarlo e arriva in tempo: è motorizzato. Ma per quel che riguarda il parto vero e proprio, è una supplente, poiché quando l ostetrica o, in seguito, il medico è là, lei l assiste; conosce perfino dei trucchi per far ritardare il parto: Davo un bicchierino d acquavite. E il suo ruolo è definito essenzialmente rispetto al bambino. Si partoriva nel letto matrimoniale, coricate, con la testa appoggiata su grandi guanciali, e con le ginocchia sollevate. Il primo compito della femmequi-aide è il letto: Ci voleva tutta una preparazione, si metteva l asse del mollettone sotto, e sopra un bello strato di carta da giornale, e poi un panno ben pulito. Successivamente si prendevano dei panni usati da piegare in quattro, abbastanza larghi da poter ricoprire, e se ne mettevano due, uno sull altro, ben sistemati e appiattiti per evitare rigonfiamenti; si rincalzavano 17

19 tutti e due i lati. Non appena si era concluso il parto, si toglieva il primo panno, il giorno dopo si faceva lo stesso col secondo, e se ne rimetteva un altro. Così si ricavava un lavoro ben fatto. A quel tempo, si gridava, e come si gridava! Non so il perché, ma le donne non gridano più adesso. Io mi ricordo di aver gridato parecchio... La levatrice di Beneuvre diceva: Oh, io capisco dalle grida quando sta per arrivare...! Oh, ma io non mi disturbo prima di sentirvi...! Fintanto che una donna non dice che sta per morire, non arriva! Le vecchie dicevano: Bisognava gridare abbastanza forte da farsi sentire da tutto il villaggio.... Se è la femme-qui-aide ad occuparsi del parto, utilizza più o meno le stesse tecniche della levatrice: sostiene la donna i letti erano fatti di solo legno, non avevano alcuna presa, i letti con le traverse sono arrivati più tardi, là ci si poteva aggrappare, fa dei massaggi alla pancia, la incita a gridare, afferra la testa del nascituro nel momento in cui passa, taglia e annoda il cordone ombelicale. Interviene solo esternamente, non tocca troppo il corpo della madre, teme di andare oltre: Se gli annessi fetali c erano, c erano, se non c erano, si aspettava l arrivo del medico; lui doveva guardarli per vedere se c erano tutti. Il principio in vigore era l astensionismo. Si lasciava fare alla natura, non c era un gran che da fare. La levatrice applica la stessa regola, ha solo le sue mani per assistere può inoltre fare delle iniezioni (soluzioni di bicarbonato e di permanganato) per accelerare la fuoriuscita degli annessi fetali ed esaminarli ma ha le mani legate in caso di complicazioni. Solamente il medico-chirurgo può utilizzare i ferri, e il bisturi per i parti cesarei. La legge stabilisce esattamente questa differenza: la levatrice deve limitarsi ai parti detti naturali. Ancor più della levatrice, la femme-qui-aide teme la responsabilità legale di un parto che ha cattivo esito. Ciò apparve chiaramente nel caso di un parto difficile durante l ultima guerra, allorché le due femmes-qui-aident del villaggio si tirano indietro nel momento critico: C era la guerra, il giorno in cui sono arrivati i tedeschi, ed ecco che Paulette ha il mal di pancia. Il sindaco, avvisato, manda un uomo con una vettura a cercare un dottore, ma i due, trattenuti dai tedeschi, non torneranno al villaggio se non dopo tre giorni. Nel frattempo, Paulette aveva partorito, ma il giorno dopo non aveva espulso gli annessi fetali. Il sindaco: Ero andato a cercare le due femmes-quiaident, madre Carre: Oh, ma io non posso intervenire, e Margherita: Oh, 18

20 no, no! è troppo rischioso, se dovesse capitare qualcosa sarebbe colpa nostra. Non hanno voluto, né l una, né l altra. Quello che spetta di fatto e di diritto alla femme-qui-aide, è il bambino. Come dicono a Minot, lei fa il bambino. Anche se la levatrice, o, in seguito, il medico, aiutano a partorire, una volta che il cordone ombelicale è stato sezionato e annodato, glielo si dà, le spetta. Non appena è uscito io lo bagno. Questo compito non le è contestato, è la sua prerogativa. Il dottore che si occupa dei parti dagli anni cinquanta ci dice: A me non piace vestire il marmocchio, né fargli il bagno, lo dò a Margherita, ogni villaggio ha la sua femme-qui-aide, è qua per questo. E la vecchia femme-qui-aide è tanto discreta, anzi quasi restia ad evocare il suo aiuto alla madre, limitandosi a questo vago e ostinato lasciavamo fare alla natura, quanto espansiva quando si tratta del bambino, facendo trapelare la meticolosa preoccupazione di un intervento ben fatto, con una successione di gesti: afferrare, lavare, vestire. A sentirla, sarebbe stata derubata dei primi gesti di separazione dal medico e dalla levatrice che, visto che si trovano lì, tagliano, annodano. Ma le piace ricordare quei gesti se sono realizzati in loro assenza: Tagliavo il cordone, lo piegavo, lo legavo a tre centimetri dal corpo; c è bisogno di un filo molto resistente, molto solido, un filo di lino. Lo immergevo nell alcol o nella grappa, o in quello che c era a disposizione. Il suo compito consiste soprattutto nella pulizia del nascituro: Sono sempre io che lo lavo. Facevo scaldare l acqua, la tenevo pronta, e gli facevo il bagno nella tinozza... Lo asciugavo, poi lo vestivo gli si fascia la pancia con una benda di tela per preservare gli organi e dopo li si fasciava tutti. Il bagno è il momento decisivo di questo incarico, momento in cui si manda a chiamare il padre, di solito rifugiatosi dal vicino. Ha avvisato: Mi chiamerete quando farete il bagno al bambino. Il marito veniva a vedere sgambettare il bambino, ci sono sempre abbastanza donne presenti là. In effetti, spesso la madre, la suocera, le zie sono presenti fin dall inizio, come spettatrici, ma è il padre, arrivato per il bagnetto, ad essere inviato a scavare un grosso buco per sotterrare gli annessi fetali. Solo dopo il parto lei si dà da fare accanto alla madre: prepara ed offre il caffè ben caldo, a volte corretto con la grappa; si occupa inoltre di tutte le 19

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli