I sistemi locali del lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sistemi locali del lavoro"

Transcript

1 I sistemi locali del lavoro 255 Aspetti definitori I sistemi locali del lavoro (SLL) sono aggregazioni di comuni pensati da una ricerca condotta da ISTAT ed Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana (IRPET) in collaborazione con l Università di Newcastle Upon Tyne a partire dai dati relativi al pendolarismo dei componenti delle famiglie per motivi di lavoro ricavati dagli appositi quesiti contenuti nel censimento generale della popolazione del 1991 (ISTAT - IRPET, 1989; ISTAT, 1997, cap. 2). L obiettivo di base è la costruzione di una griglia sul territorio determinata dai movimenti casa-lavoro dei soggetti. L ambito territoriale che ne discende rappresenta l area geografica in cui maggiormente si addensano quei movimenti. In questo modo si aggregano unità amministrative elementari, cioè i comuni individuati sul territorio dalle relazioni socio-economiche. Tali aree sono dette aree funzionali in quanto la loro definizione trae origine dalle relazioni funzionali esistenti fra i diversi comuni, non coincidenti con le aree amministrative (regioni, provincie, comuni, sezioni elettorali) che invece rispondono ad esigenze di tipo amministrativo o istituzionali e, perciò, non idonee a costituire l unità statistica elementare d analisi. La base dati di partenza è costituita dagli spostamenti giornalieri per motivi di lavoro fra i comuni italiani. La matrice di pendolarità costruita a partire dai dati elementari quantifica gli spostamenti del tipo origine / destinazione, ovvero ciascuna cella esprime la coppia di eventi comune di residenza / comune di lavoro, comprendendo anche gli spostamenti che avvengono all interno del comune di residenza e che si distribuiscono lungo la diagonale principale della matrice. Su tale matrice è stata quindi applicata la procedura di regionalizzazione per l identificazione dei SLL (ISTAT, 1997, Nota metodologica).

2 256 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA In generale i criteri adottati per la definizione dei SLL sono i seguenti: 1) autocontenimento: un SLL è un territorio dove si concentrano attività produttive e di servizi in quantità tali da offrire opportunità di lavoro e residenziali alla maggior parte della popolazione che vi è insediata; ovvero deve poter comprendere al proprio interno la maggior parte delle relazioni umane che intervengono fra le sedi dove si svolgono le attività di produzione (lavoro) e quelle dove si svolgono le attività legate alla riproduzione sociale (residenza); 2) contiguità: i comuni contenuti all interno di un SLL devono essere contigui; 3) relazione spazio-tempo: le attività, sia quelle di produzione sia quelle legate alla socialità, sono comunque limitate nel tempo e nello spazio, accessibili sotto il vincolo della loro localizzazione e della loro durata, oltreché dalle tecnologie di trasporto disponibili, data una base residenziale individuale e la necessità di farvi ritorno alla fine della giornata. La tabella 1 riporta il tipo di specializzazione (al 1996) dei SLL (compresi i sistemi locali senza specializzazione) così come attribuiti dall ISTAT. A partire dai SLL e tramite la loro aggregazione, l ISTAT individua e definisce i distretti industriali. La definizione operativa che ne viene data è la seguente: il distretto industriale rappresenta un entità socio-economica caratterizzata da una base territoriale locale, dove si compenetrano una comunità di persone e una popolazione di imprese di dimensioni medio-piccole che prendono parte a uno stesso processo produttivo (ISTAT, 1996, p. 261). Il procedimento seguito per l individuazione dei distretti industriali si compone di 4 fasi: 1) individuazione dei SLL a prevalenza manifatturiera, cioè quelli per cui la quota di occupazione locale nel settore manifatturiero risulta superiore alla media nazionale; Tab.1 - SPECIALIZZAZIONE DEI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO Sistemi senza specializzazione Sistemi urbani Sistemi estrattivi Sistemi turistici Sistemi del made in Italy Sistemi del tessile Sistemi del cuoio e della pelletteria Sistemi dell'occhialeria Sistemi dei materiali da costruzione Sistemi dei mezzi di trasporto Sistemi degli apparecchi radiotelevisivi Fonte: ISTAT.

3 I sistemi locali del lavoro 257 2) individuazione dei SLL manifatturieri che sono di piccola e media impresa (PMI, ovvero imprese con meno di 50 addetti), cioè quelli per cui la quota di addetti in unità locali di PMI risulta superiore alla media nazionale; 3) identificazione dell industria manifatturiera principale del sistema locale di PMI, cioè quella per cui risulta massima la quota di occupazione in un determinato macrosettore manifatturiero locale; 4) identificazione come distretti industriali quei SLL manifatturieri che sono di PMI la cui quota di addetti nell industria principale del sistema locale risulti superiore alla metà degli addetti in tutte le imprese operanti nell industria principale. Quindi il distretto industriale, in via di prima approssimazione, si configura come un sistema locale caratterizzato dalla compresenza attiva fra un raggruppamento umano, che ne costituisce l ambiente sociale e culturale di base, e un industria principale costituita da un insieme di piccole imprese indipendenti, specializzate in fasi diverse di uno stesso processo produttivo. I sistemi locali del lavoro in Umbria I 92 comuni della regione Umbria sono aggregati in 16 sistemi locali del lavoro (SLL) con il centro del sistema situato all interno della regione. Di questi, 13 sono nella provincia di Perugia e 3 nella provincia di Terni. Inoltre 4 comuni della provincia di Perugia fanno parte di SLL della Toscana; 4 comuni della provincia di Terni fanno parte di SLL del Lazio; un comune del Lazio è ricompreso in un SLL dell Umbria. Nella tabella 2 sono riportati i SLL dell Umbria con il numero di occupati interni al 2000, il numero di occupati residenti al 2001 e la popolazione al L ampiezza dei vari SLL varia notevolmente sia per dimensioni territoriali che per popolazione: si passa infatti dai abitanti del sistema locale di Cascia, agli oltre di Perugia. L elenco dei comuni umbri suddivisi secondo il sistema locale del lavoro di appartenenza è riportato nella tabella 3 per la provincia di Perugia e nella tabella 4 per quella di Terni. A 5 sistemi locali del lavoro, tutti nella provincia di Perugia, dei 16 individuati è stata anche attribuita la qualifica di distretto industriale nel significato così come descritto nel paragrafo precedente. La tabella 5 riporta nel dettaglio i distretti con i comuni che ne fanno parte e la specializzazione produttiva. In tabella viene riportato anche il distretto industriale di Sansepolcro in quanto 2 comuni umbri si trovano proprio in quel sistema locale. Nella tabella 2 si può notare che al sistema locale di Gubbio, che pur non merita la qualifica di distretto, l ISTAT attribuisce una vocazione manifatturiera (sistema dei materiali di costruzione), lo stesso vale per Terni al quale viene attribuita la specializzazione di sistema del made in Italy.

4 258 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 2 - SISTEMI LOCALI DEL LAVORO IN UMBRIA Denominazione SLL di PMI Specializzazione Occupati interni 2000 Occupati Popolazione (res.) Provincia Assisi Distretto Sistemi del di Perugia made in Italy Cascia Non distretto Sistemi senza specializzazione Castiglione del Lago Non distretto Sistemi senza specializzazione Città di Castello Distretto Sistemi del made in Italy Foligno Non distretto Sistemi urbani Gualdo Tadino Distretto Sistemi dei materiali da costruzione Gubbio Non distretto Sistemi dei materiali da costruzione Marsciano Distretto Sistemi del "made in Italy" Norcia Non distretto Sistemi senza specializzazione Perugia Non distretto Sistemi senza specializzazione Spoleto Non distretto Sistemi senza specializzazione Todi Non distretto Sistemi senza specializzazione Umbertide Distretto Sistemi del made in Italy Totale Provincia Fabro Non distretto Sistemi senza di Terni specializzazione Orvieto Non distretto Sistemi senza specializzazione Terni Non distretto Sistemi del made in Italy Totale Umbria Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

5 I sistemi locali del lavoro 259 Tab. 3 - ATTRIBUZIONE AI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA Sistema locale Comune Sistema locale Comune Assisi Assisi Norcia Cerreto di Spoleto Bastia Norcia Bettona Preci Cannara Sant Anatolia di Narco Valfabbrica Scheggino Cascia Cascia Sellano Monteleone di Spoleto Vallo di Nera Poggiodomo Perugia Corciano Castiglion del Lago Castiglion del Lago Deruta Paciano Magione Panicale Passignano sul Trasimeno Piegaro Perugia Città di Castello Città di Castello Torgiano Monte Santa Maria Tiberina Tuoro sul Trasimeno Foligno Bevagna Spoleto Campello sul Clitunno Foligno Castel Ritaldi Montefalco Spoleto Spello Todi Collazzone Trevi Giano dell'umbria Gualdo Tadino Costacciaro Gualdo Cattaneo Fossato di Vico Massa Martana Gualdo Tadino Todi Nocera Umbra Umbertide Montone Sigillo Pietralunga Valtopina Umbertide Gubbio Gubbio Chiusi (SI) Città della Pieve Scheggia e Pascelupo Cortona (AR) Lisciano Niccone Marsciano Fratta Todina Sansepolcro (AR) Citerna Marsciano San Giustino Monte Castello di Vibio Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

6 260 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 4 - ATTRIBUZIONE AI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TERNI Sistema locale Comune Sistema locale Comune Fabro Fabro Terni Acquasparta Ficulle Amelia Montegabbione Arrone Monteleone d Orvieto Avigliano Umbro Parrano Calvi dell Umbria Orvieto Allerona Ferentillo Alviano Lugnano in Teverina Baschi Montecastrilli Castel Giorgio Montefranco Castel Viscardo Narni Guardea Polino Montecchio San Gemini Orvieto Stroncone Porano Terni Configni (RI) Marsciano (PG) San Venanzo Civita Castellana (VT) Otricoli Orte (VT) Attigliano Giove Penna in Teverina Fonte: elaborazione su dati ISTAT. Un confronto tra Umbria e Italia Prendendo a riferimento il periodo (gli anni per cui l ISTAT ha reso disponibili i dati sui SSL), si evince come la generale crescita dell occupazione in Italia (+4,5%) abbia avuto una spinta leggermente superiore all interno delle aree distrettuali (+4,7%) (tab. 6). Gli elementi più interessanti che sottendono tale fenomeno sono riconducibili alla differente composizione settoriale. A determinare la spinta occupazionale è stata soprattutto la componente terziaria (cresciuta, nel complesso, del 7,3%, a fronte di un solo 1,5% attribuibile all industria), ma la cosa più interessante da rilevare è che tale forbice si allarga all interno dei distretti: ovvero i sistemi produttivi che vedono una concentrazione di PMI per definizione industriali, hanno determinato un aumento occupazionale non per la componente industriale (cresciuta solo dello 0,8%) bensì per quella dei servizi (+9,4%). La forte capacità propulsiva dei servizi è ravvisabile peraltro considerando un ulteriore articolazione delle aree produttive italiane, quella che contempla le zone urbane (che vedono un alta concentrazione di attività terziarie) ove l occupazione è cresciuta nel complesso del 5,6%, dunque oltre un punto percentuale in più rispetto alla

7 Tab. 5 - DISTRETTI INDUSTRIALI IN UMBRIA Distretto Specializzazione Provincia produttiva Assisi Tessile - Abbigliamento PG Città di Castello Carta e Poligrafiche PG Gualdo Tadino Prodotti per l arredamento PG Marsciano Prodotti per l arredamento I sistemi locali del lavoro 261 PG TR Umbertide Tessile - Abbigliamento PG Sansepolcro Tessile - Abbigliamento AR Fonte: elaborazione su dati ISTAT. PG Comuni Assisi Cannara Bastia Valfabbrica Bettona Città di Castello Monte Santa Maria Tiberina Costacciaro Nocera Umbra Fossato di Vico Sigillo Gualdo Tadino Valtopina Fratta Todina Marsciano Monte Castello di Vibio San Venanzo Montone Pietralunga Anghiari Monterchi Sansepolcro Citerna San Giustino Tab. 6 - DINAMICA DELL OCCUPAZIONE IN ITALIA ( ) (valori percentuali) Servizi Industria Totale Totale 7,3 1,5 4,5 Non distretti 6,8 1,9 4,4 Distretti 9,4 0,8 4,7 Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

8 262 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 7 - OCCUPATI INTERNI IN ITALIA ( ) (valori assoluti) TOTALE Variazione percentuale Totale ,5 Non Distretti ,4 Distretti ,7 Senza specializzazione ,7 Urbani ,6 INDUSTRIA Variazione percentuale Totale ,5 Non Distretti ,9 Distretti ,8 SERVIZI Variazione percentuale Totale ,3 Non Distretti ,8 Distretti ,4 Fonte: elaborazione su dati ISTAT. Tab. 8 - DISTRETTI E SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE ( ). NUMERO DEI DISTRETTI PER FASE DI DINAMICA DELL OCCUPAZIONE Nord Ovest Nord Est Centro Umbria Sud Totale v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % Espansione 6 10, , , ,0 5 33, ,1 Crescita 13 22, , ,0 0,0 1 6, ,6 Stagnazione 20 33, , ,3 0,0 4 26, ,6 Riduzione 14 23,7 8 12, ,7 0,0 1 6, ,6 Crisi 6 10,2 5 7,7 3 5,0 0,0 4 26,7 18 9,0 Totale , , , , , ,0 DISTRIBUZIONE DEI DISTRETTI PER AREA GEOGRAFICA IN RELAZIONE ALLA DINAMICA DELL OCCUPAZIONE (VALORI PERCENTUALI) Nord Ovest Nord Est Centro Umbria Sud Totale Espansione o crescita 32,2 53,8 55,0 100,0 40,0 46,7 Stagnazione 33,9 26,2 23,3 0,0 26,7 27,6 Riduzione o crisi 33,9 20,0 21,7 0,0 33,3 25,6 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione su dati ISTAT. Legenda: Espansione = aumento occupazione oltre l 8%; Crescita = aumento occupazione tra il 4 e l 8%; Stagnazione = aumento occupazione fino al 4%; Riduzione = riduzione dell occupazione fino al 4%; Crisi = riduzione occupazione oltre il 4%.

9 I sistemi locali del lavoro 263 media complessiva (tab. 7). Considerazioni ulteriori possono essere fatte analizzando nello specifico la dinamica occupazionale all interno dei distretti. Prendendo a riferimento tutti i distretti italiani e suddividendoli secondo il livello di sviluppo in termini occupazionali (quelli che hanno visto crescere l occupazione oltre l 8% sono stati definiti in espansione, quelli con un aumento dal 4% all 8% in crescita, quelli con un innalzamento occupazionale fino al 4% in stagnazione, quelli con un calo fino al 4% in riduzione, e quelli con una riduzione oltre il 4%, sono stati definiti distretti in crisi ), si evince, nel complesso, una situazione abbastanza equilibrata (tab. 8). Da rilevare che dei 199 distretti italiani, la percentuale più elevata (il 27,6%) si caratterizza per essere in stagnazione e quella più bassa (il 9%) in crisi. Nel Nord Ovest aumenta la percentuale dei distretti in stagnazione e diminuisce fortemente quella dei distretti in espansione; in controtendenza risultano essere invece Nord Est e Centro, per cui è più elevata la quota di distretti in espansione, più bassa quella della stagnazione e, soprattutto, quella relativa alle zone in crisi; il Sud si caratterizza per un accentuazione dei comportamenti estremi, in particolare quelli relativi ai distretti in espansione e ai distretti in crisi. In questo contesto ci Graf. 1 - DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DEI DISTRETTI INDUSTRIALI PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA IN RELAZIONE ALLE DINAMICHE OCCUPAZIONALI ( ) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

10 264 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA sembra quanto mai interessante rilevare la situazione umbra che vede i suoi 5 distretti collocati tutti nella fascia in espansione. La terza parte della tabella 8 accorpa, per una visione di sintesi, le fasce di riferimento: spiccano, ancora una volta, il Nord Est e soprattutto il Centro, con quote ben superiori alla media nazionale (rispettivamente pari a 53,8% e 55,0%) di distretti in espansione o crescita e, di contro, con quote ben inferiori relativamente alle aree caratterizzate da diminuzioni occupazionali. Tale fenomeno è visibile dal grafico relativo (graf. 1). L Umbria ripropone, ed in maniera accentuata, il fenomeno che caratterizza l Italia, per cui la crescita dell occupazione dal 1996 al 2000 ha avuto la sua maggiore spinta all interno dei distretti (tab. 9). L 8,8% di aumento occupazionale regionale è stato infatti generato da un 12,3% entro i distretti e da un 7,9% fuori dei distretti. Anche in Umbria, come in Italia, si ripresenta la forbice tra un tasso di crescita attribuibile all industria inferiore a quello imputabile ai servizi, tuttavia per differenze più accentuate fuori dai distretti (6,9% e 10,4% fuori distretti contro 14,1% e 17,0% dentro i distretti). Dunque, è interessante rilevare il fenomeno seguente: in Umbria, in controtendenza al dato nazionale, la crescita occupazionale dell industria nei distretti è nettamente superiore al tasso medio regionale (14,1% contro 8,8%). Inoltre, i distretti umbri sembrano caratterizzarsi per una forza propulsiva sull occupazione che investe indistintamente sia l industria che, soprattutto, i servizi (l agricoltura si connota, di contro, per una diffusa diminuzione occupazionale). L analoga tabella che incrocia per l Umbria le dinamiche occupazionali per settori e per zone entro e fuori i distretti e costruita, questa volta, sul valore aggiunto, ripropone gli stessi fenomeni già visti considerando la variabile occupazione, Tab. 9 - DINAMICA DELL OCCUPAZIONE IN UMBRIA ( ) VALORI PERCENTUALI Agricoltura Servizi Industria Totale Totale regione -23,4 11,4 8,9 8,8 Non distretti -22,0 10,4 6,9 7,9 Distretti -26,6 17,0 14,1 12,3 DINAMICA VALORE AGGIUNTO IN UMBRIA ( ) Agricoltura Servizi Industria Totale Totale regione -11,9 23,8 15,4 19,9 Non distretti -11,2 23,0 12,9 19,1 Distretti -13,4 28,4 22,6 23,3 DISTRIBUZIONE E VALORE AGGIUNTO IN UMBRIA Occupazione Valore aggiunto Squilibrio prodotti/occupazione Non distretti 80,3 79,7 81,4 80,8 101,3 101,5 Distretti 19,7 20,3 18,6 19,2 94,5 94,3 Totale regione 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

11 I sistemi locali del lavoro 265 ovvero: - una crescita del valore aggiunto attribuibile alle attività distrettuali più elevata della media regionale (+23,3% contro 19,9%); - una divaricazione tra tassi di sviluppo di industria e servizi più accentuata nelle attività che si collocano al di fuori dei distretti umbri; - un tasso di variazione del valore aggiunto delle attività industriali entro i distretti superiore al tasso di crescita totale medio regionale (22,6% contro 19,9%). Ciò che rileva è, comunque, la presenza di tassi di crescita del valore aggiunto per lo più doppi (o quasi) rispetto ai rispettivi tassi di crescita dell occupazione. Specularmente, in agricoltura, il diffuso calo del valore aggiunto si attesta per valori molto più bassi di quelli verificatisi per l occupazione. Queste considerazioni valgono in termini di dinamiche. Analizzando il fenomeno in termini strutturali, si evince quanto segue: - dal 1996 al 2000 il peso dell occupazione entro le aree distrettuali aumenta lievemente, finendo per assorbire nel 2000 oltre un quinto dell occupazione totale regionale; - aumenta di un po più la quota di valore aggiunto, che però non riesce a raggiungere la soglia del 20%; - pertanto continua a persistere lo squilibrio tra prodotto e occupazione entro e fuori i distretti. Ulteriori elementi su cui riflettere per capire gli effetti sullo sviluppo della componente distrettuale possono essere offerti dal confronto tra i tassi di crescita delle regioni italiane (dal 1996 al 2001) e il rispettivo ruolo, espresso in termini di quota occupazionale assorbita, delle aree distrettuali (cfr. tab. 10). A prima vista, non emerge in realtà una qualche relazione tra tasso di sviluppo e ruolo dei distretti, ovvero, tassi elevati di crescita possono corrispondere a situazioni regionali in cui la presenza distrettuale, in termini di occupazione, è più o meno forte. Tuttavia, costruendo un grafico (graf. 2) che visualizza il posizionamento delle regioni in base al peso percentuale occupazionale dei propri distretti (l ascissa) e alla dinamica del proprio valore aggiunto (l ordinata), relativamente ai valori medi nazionali (pari, rispettivamente, all 8,9% e al 27,7%), si evince quanto segue: - cinque regioni (collocate nel Centro Nord-Est) si collocano nel quadrante in alto a destra, quello cioè con un tasso di sviluppo e un ruolo dei distretti superiori alla media nazionale; - quattro regioni si posizionano nel quadrante in basso a sinistra, manifestando elementi opposti; - la Lombardia è l unica regione caratterizzata da tassi di sviluppo inferiori alla media nazionale pur con una presenza occupazionale distrettuale molto elevata; - la maggior parte delle regioni (nove, tra cui l Umbria) si colloca nel quadrante in alto a sinistra, quello cioè caratterizzato da una crescita del valore aggiunto

12 266 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab DINAMICA DEL VALORE AGGIUNTO E PESO DEI DISTRETTI ( ) (valori percentuali) Peso occupazionale dei distretti Tasso di incremento valore Piemonte 14,1 7,1 Valle d Aosta 0,0 1,2 Lombardia 42,9 7,4 Trentino Alto Adige 11,7 11,4 Veneto 62,7 10,3 Friuli Venezia Giulia 35,7 9,1 Liguria 8,3 9,0 Emilia Romagna 48,3 9,4 Toscana 37,5 9,8 Umbria 19,7 12,3 Marche 74,8 9,9 Lazio 1,7 7,2 Abruzzo 22,5 9,1 Molise 0,0 9,6 Campania 1,4 10,8 Puglia 6,6 11,4 Basilicata 0,0 11,4 Calabria 0,9 11,9 Sicilia 0,0 8,6 Sardegna 0,0 8,4 Italia 27,7 8,9 Fonte: elaborazione su dati ISTAT. Graf. 2 - DINAMICA DEL VALORE AGGIUNTO E PESO DEI DISTRETTI ( ) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

13 I sistemi locali del lavoro 267 superiore alla media, che convive con presenze distrettuali inferiori al dato nazionale. Quest ultimo fenomeno porterebbe a ipotizzare che la spinta propulsiva in termini di sviluppo non è necessariamente riconducibile ad una presenza forte di distretti e, dunque, a mettere in dubbio la strategicità del ruolo rivestito dai distretti per la crescita economica di una regione. I sistemi del lavoro umbri nel contesto dell Italia Centrale Nelle cartine di seguito presentate i sistemi locali del lavoro umbri sono messi a confronto con gli altri sistemi della ripartizione Italia Centrale. Nelle prime due Tav. 1 - LOCALIZZAZIONE DEI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO DELL UMBRIA E ZONE LIMITROFE (2001) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

14 268 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA tavole (tavv. 1-2) si nota, piuttosto agevolmente, che i SLL umbri presentano al 2001, dal punto di vista del tasso di disoccupazione, una fisionomia piuttosto omogenea, con valori che variano nell intervallo che va dal 4,9% di Assisi al 5,7% di Terni. Netta è la differenza rispetto al Lazio, caratterizzato da un tasso di disoccupazione decisamente più elevato delle altre regioni dell Italia Centrale. I sistemi locali delle Marche presentano, invece, tassi di disoccupazione quasi sempre Tav. 2 - TASSO DI DISOCCUPAZIONE. ITALIA CENTRALE (2001) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

15 I sistemi locali del lavoro 269 inferiori a quelli umbri, se si eccettuano le zone più a sud della regione. Più sfumato il confronto con la Toscana, dove alcuni dei sistemi limitrofi presentano un valore del tasso di disoccupazione analogo a quello dei sistemi umbri o solo marginalmente inferiore. Nella tavola 3 abbiamo riportato il tasso di occupazione, cioè gli occupati in rapporto alla popolazione con oltre 15 anni. Tav. 3 - TASSO DI OCCUPAZIONE. ITALIA CENTRALE (2001) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

16 270 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Le caratteristiche della regione si fanno in questo caso più sfumate. Perugia ed Assisi appartengono al gruppo di sistemi locali con un più elevato livello del tasso di occupazione, insieme a zone del centro della Toscana e della fascia costiera delle Marche, con valori prossimi al 50%. I sistemi locali della provincia di Terni viaggiano su valori inferiori di circa 7 punti percentuali, con una situazione simile all Alto Lazio ed alla fascia interna della bassa Toscana. La tavola 4 riporta i dati sull indice di autocontenimento, ottenuto dal rapporto tra occupati interni, (cioè che lavorano all interno del sistema locale) ed occupati residenti nel sistema locale (desunti dall indagine sulle forze di lavoro). Ne risulta un possibile quadro dei flussi di pendolarismo, organizzato intorno ai due capoluoghi provinciali e a Città di Castello. Tale fenomeno è riscontrabile in tutti i capoluoghi di provincia dell Italia Centrale ed è particolarmente accentuato nella direttrice Grosseto-Siena-Firenze dove sono interessati anche i sistemi locali limitrofi ai capoluoghi. Nelle tavole 5, 6 e 7 si ricostruisce il quadro settoriale al 2000 della composizione dell occupazione nelle macro-branche Agricoltura, Industria e Servizi. Per quanto riguarda l incidenza dell occupazione in agricoltura sul totale (tav. 5), ormai solo il sistema locale di Cascia (il più piccolo della regione) presenta un livello medio-alto, con una quota di addetti sul totale superiore al 15%. Altri tre sistemi locali (Fabro, Norcia e Marsciano) si situano su valori superiori al 10%. I capoluoghi di provincia umbri, come del resto la quasi totalità dei capoluoghi di provincia dell Italia Centrale, presentano delle quote di occupati in agricoltura inferiori al 2,5%. Una più spiccata vocazione industriale (tav. 6) caratterizza il Nord/Nord-Est della regione Umbria dove i sistemi locali di Gualdo Tadino, Umbertide, Città di Castello, Assisi e Marsciano presentano quote di occupazione nell industria superiori al 40%. Si riscontra una forte vocazione industriale nelle Marche dove ben 24 sistemi locali del lavoro sui 42 totali hanno una quota di occupati nell industria superiore al 40%. Per l Italia Centrale, il Lazio è la regione che presenta quote inferiori di occupati nell industria. La quota di occupazione nei servizi (vedi tavola 7) nel capoluogo regionale (75%) appare allineata a quella dei maggiori centri urbani e delle zone a vocazione turistica. Sono le zone limitrofe al sistema locale di Perugia a presentare un incidenza dell occupazione nei servizi relativamente modesta. Nella provincia di Terni le attività dei servizi sembrano concentrarsi di più nei sistemi locali limitrofi a quello del capoluogo. Per il complesso dell economia (tav. 8), il sistema locale di Gubbio presenta uno dei livelli del valore aggiunto per occupato più elevati della ripartizione dell Italia Centrale, inferiore solo a Roma ed un sistema locale nella provincia di Pisa (Pomarance). È elevato anche il dato di Terni, mentre Perugia si trova a metà graduatoria, preceduta nella regione da Foligno, Todi, Spoleto, Orvieto e

17 I sistemi locali del lavoro 271 Tav. 4 - INDICE DI AUTOCONTENIMENTO. ITALIA CENTRALE (2001) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

18 272 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tav. 5 - QUOTA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL AGRICOLTURA SUL TOTALE. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

19 I sistemi locali del lavoro 273 Tav. 6 - QUOTA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA SUL TOTALE. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

20 274 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tav. 7 - QUOTA PERCENTUALE DI OCCUPATI NEI SERVIZI SUL TOTALE. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

21 I sistemi locali del lavoro 275 Tav. 8 - VALORE AGGIUNTO PER OCCUPATO TOTALE. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

22 276 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tav. 9 - VALORE AGGIUNTO PER OCCUPATO IN AGRICOLTURA. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

23 I sistemi locali del lavoro 277 Tav VALORE AGGIUNTO PER OCCUPATO NELL INDUSTRIA. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

24 278 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tav VALORE AGGIUNTO PER OCCUPATO NEI SERVIZI. ITALIA CENTRALE (2000) Fonte: elaborazione su dati ISTAT.

25 I sistemi locali del lavoro 279 Castiglione del Lago. Città di Castello e Cascia presentano i valori più bassi per la regione e anche nella graduatoria per l Italia Centrale si trovano nella parte più bassa. Nell agricoltura (tav. 9), i sistemi locali umbri della provincia di Perugia sono tra i più produttivi dell Italia Centrale, preceduti solo da quelli dell Ovest della Toscana. Maggiore delle zone limitrofe extra-regione il valore aggiunto per occupato dei sistemi dell area di Terni. Particolarmente per l Umbria, ma anche per Lazio e Marche, sembrerebbe che il valore aggiunto per occupato segua delle logiche legate ai confini provinciali, fenomeno un po meno evidente in Toscana. Gubbio e Terni si collocano nell ordine tra i primi 10 sistemi locali dell Italia Centrale per il livello di valore aggiunto per occupato nell industria, ai quali si aggiunge anche Foligno (17 posto). Di questi, peraltro, nessuno è classificato come distretto. Dei distretti umbri è Gualdo Tadino a presentare il valore del rapporto più elevato (tav. 10). Il valore aggiunto per occupato nei servizi (tav. 11) è nella regione generalmente modesto, in particolare nei sistemi locali nelle zone più occidentali ed orientali (Castiglione del Lago, Foligno, Norcia, Gualdo Tadino e Cascia). Spiccano in Regione solo Todi e Gubbio classificandosi entro i primi 35 sistemi locali. Le Marche hanno il maggior valore aggiunto per occupato nei servizi e ben 14 sistemi locali marchigiani si trovano nei primi 20 posti della graduatoria dell Italia Centrale. Tra i capoluoghi regionali della ripartizione Perugia o meglio il suo sistema locale è quello che ha il più basso rapporto valore aggiunto/occupati. Note 1 I dati sono presi dall Indagine sulle forze di lavoro dell ISTAT, media 2001.

26

Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente

Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente Atti Consiliari ATTO N. SOOIBIS Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente AFFARI ISTITUZIONALI, PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, FINANZE E PATRIMONIO, ORGANIZZAZIONE E PERSONALE, ENTI LOCALI Relatore

Dettagli

AREE DI COORDINAMENTO TERRITORIALE EMERGENZE TIPO "A" - "B"

AREE DI COORDINAMENTO TERRITORIALE EMERGENZE TIPO A - B CONSULTA REGIONALE DEL ATO DI REGIONE UMBRIA AREE DI COORDINAMENTO TERRITORIALE EMERGENZE TIPO "A" - "B" AREA 1 AREA 2 AREA 3 N. 19 00.VV. PRESENTI DI CUI 15 ISCRITTE CONSULTA N. 21 00.VV. PRESENTI DI

Dettagli

Zonizzazione. Allegato 1

Zonizzazione. Allegato 1 Zonizzazione Allegato 1 La classificazione delle aree rurali dell Umbria La conoscenza della varietà delle condizioni sociali, economiche ed ambientali del territorio regionale rappresenta un aspetto prioritario

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO CHIASCIO Comuni di: COSTACCIARO, GUBBIO, PIETRALUNGA, SCHEGGIA E PASCELUPO VALTOPINA Comuni di: FOLIGNO, FOSSATO DI VICO, GUALDO TADINO, NOCERA UMBRA, SIGILLO,

Dettagli

Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive. Perugia, 20 febbraio 2017

Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive. Perugia, 20 febbraio 2017 Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive Perugia, 20 febbraio 2017 L ASSOCIAZIONISMO INTERCOMUNALE: OBBLIGHI E OPPORTUNITÀ 2 3 La curva «ad U» delle spese comunali q I piccoli Comuni

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 27

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 27 20-5-2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 27 67 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 aprile 2015, n. 576. Legge 9 dicembre 1998, n. 431/98 e succ. mod. ed integr. art.

Dettagli

COD. PRATICA: Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N DEL 09/12/2013

COD. PRATICA: Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N DEL 09/12/2013 MODULO DG1 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1416 DEL 09/12/2013 OGGETTO: L.R. n. 11 del 13.05.2009, art. 43 Agevolazioni sociali. Assegnazione contributi per l anno

Dettagli

RILEVAZIONE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI

RILEVAZIONE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI RILEVAZIONE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE AL 31 DICEMBRE 2009 Coerentemente con l obiettivo di qualificare la rete dei servizi dedicata alla popolazione anziana,

Dettagli

Consiglio Regionale :5,- +.,h<y

Consiglio Regionale :5,- +.,h<y b REGIONE DELL-UMBRIA :5,- +.,h

Dettagli

Rifiuti Urbani in Umbria - anno 2009

Rifiuti Urbani in Umbria - anno 2009 Rifiuti Urbani in Umbria - anno 2009 Elaborazione dati e redazione documentale a cura di: Alessandra Santucci, ARPA Umbria - Servizio Acqua Suolo e Rifiuti Presentazione: Andrea Sconocchia ARPA Umbria

Dettagli

Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive. febbraio 2017

Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive. febbraio 2017 Aggregazioni comunali in Umbria: opportunità e prospettive febbraio 2017 L ASSOCIAZIONISMO INTERCOMUNALE: OBBLIGHI E OPPORTUNITÀ 2 3 La curva «ad U» delle spese comunali q I piccoli Comuni presentano costi

Dettagli

Rifiuti urbani nella Regione Umbria - anno 2007 Produzione, Raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di destinazione.

Rifiuti urbani nella Regione Umbria - anno 2007 Produzione, Raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di destinazione. Rifiuti urbani nella Regione Umbria - anno 2007 Produzione, Raccolta differenziata, sistemi di raccolta e impianti di destinazione. Documento Tecnico Agosto 2008 Pag / indice 1. Rifiuti urbani anno 2007

Dettagli

RETE VIARIA E FERROVIARIA ATTUALE Fonte: Regione dell'umbria Scala di rilevazione: 1:25000 Tipo di rilevazione: digitalizzazione

RETE VIARIA E FERROVIARIA ATTUALE Fonte: Regione dell'umbria Scala di rilevazione: 1:25000 Tipo di rilevazione: digitalizzazione 'irezione Programmazione, Innovazione e Competitività dell'umb Ambito di Coordinamento Territorio, Infrastrutture e Mobilità ervizio Trasporti RETE VIARIA E FERROVIARIA ATTUALE Fonte: Regione dell'umb

Dettagli

FedUmbria : Elenco degli sportelli

FedUmbria : Elenco degli sportelli FedUmbria : Elenco degli sportelli Comune Sportello Orari Indirizzo Acquasparta Allerona Amelia Ufficio anagrafe Ufficio tributi Ufficio urbanistica allerona URP - Ufficio Relazioni Pubbliche Arrone Ragioneria

Dettagli

Decreto del Presidente dell'assemblea Legislativa 3 novembre 2014, n. 1.

Decreto del Presidente dell'assemblea Legislativa 3 novembre 2014, n. 1. Decreto del Presidente dell'assemblea Legislativa 3 novembre 2014, n. 1. Convocazione delle assemblee elettorali ai fini dell'elezione dei componenti elettivi del Consiglio delle Autonomie locali, ai sensi

Dettagli

Costo totale

Costo totale Umbria Costo totale 20.958.000 di cui Asse I (Strategie Pilota) 16.347.240 di cui Asse II (Cooperazione) 4.191.600 di cui Asse IV (Gestione, sorveglianza e valutazione) 419.160 Obiettivi Temi catalizzatori

Dettagli

UMBRIA COMUNE CONSULTORIO INDIRIZZO TELEFONO

UMBRIA COMUNE CONSULTORIO INDIRIZZO TELEFONO COSTACCIARO FOSSATO DI VICO GUALDO TADINO GUBBIO LISCIANO NICCONE PIETRALUNGA PISTRINO SAN GIUSTINO UMBRO SCHEGGIA SIGILLO TRESTINA UMBERTIDE COMUNE INDIRIZZO TELEFONO BASTARDO DI GIANO DELL'UMBRIA BEVAGNA

Dettagli

Federazione regionale agronomi e forestali umbria p.c. Provincia di Perugia

Federazione regionale agronomi e forestali umbria p.c. Provincia di Perugia Federazione regionale agronomi e forestali umbria protocollo.odaf.umbria@conafpec.it p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Federazione regionale agronomi e forestali umbria Comune di Acquasparta

Federazione regionale agronomi e forestali umbria Comune di Acquasparta Federazione regionale agronomi e forestali umbria protocollo.odaf.umbria@conafpec.it Comune di Acquasparta comune.acquasparta@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale

Dettagli

Tel. 0744/ Tel. 0763/ Tel. 0763/ Tel. 0744/ Tel. 0744/ Tel. 075/ Tel. 075/ Tel.

Tel. 0744/ Tel. 0763/ Tel. 0763/ Tel. 0744/ Tel. 0744/ Tel. 075/ Tel. 075/ Tel. di Acquasparta di Allerona di Allerona. Sezione di Allerona Scalo di Alviano di Luciano Lama, Amelia di Assisi di Assisi, S. Maria degli Angeli di Attigliano del Centro di paleontologia vegetale della

Dettagli

ORE RESIDUE ORGANICO DI FATTO I GRADO

ORE RESIDUE ORGANICO DI FATTO I GRADO DISPONIBILITA' I GRADO A028 Educazione Artistica ( Annuali 2) ANNESSA CONVITTO ASSISI + ASSISI PETRIGNANO 1/CO (12+6) CASTIGLIONE DEL LAGO + TUORO 1/CO (12+6) PASSIGNANO + TUORO 1/CO (12+6) A GUALDO CATTANEO

Dettagli

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Spett. ENEL Distribuzione Spa eneldistribuzione@pec.enel.it p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della Regione Umbria Provincia

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Conoscere. l Umbria. contiene cd-rom. Anno n. 12

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Conoscere. l Umbria. contiene cd-rom. Anno n. 12 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Conoscere l Umbria contiene cd-rom Anno 2008 - n. 12 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Conoscere l Umbria Anno

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.

Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria. Comune di Città di Castello comune.cittadicastello@postacert.umbria.it p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Comune di Acquasparta

Dettagli

l Umbria Conoscere Anno N. 8 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

l Umbria Conoscere Anno N. 8 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Conoscere SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA l Umbria Anno 2004 - N. 8 Gruppi di lavoro permanenti: Prefettura di Perugia U.T.G. Prefettura di Terni U.T.G. SISTEMA STATISTICO

Dettagli

BANCA DATI G.I.S. DEI SITI INDUSTRIALI DISMESSI

BANCA DATI G.I.S. DEI SITI INDUSTRIALI DISMESSI REGIONE UMBRIA Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture Servizio Informatico/Informativo: geografico, ambientale e territoriale BANCA DATI G.I.S. DEI SITI INDUSTRIALI DISMESSI Gruppo di lavoro:

Dettagli

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Regione Umbria Giunta Regionale Direzione regionale Risorsa Umbria. Federalismo, risorse finanziarie, umane e strumentali Servizio Commercio e Tutela dei Consumatori Associazioni dei Consumatori Regione

Dettagli

ORE RESIDUE ORGANICO DI FATTO I GRADO DISPONIBILITA' I GRADO RESIDUA DOPO INCARICHI A TEMPO DETERMINATO DISPOSTI DALL'USP

ORE RESIDUE ORGANICO DI FATTO I GRADO DISPONIBILITA' I GRADO RESIDUA DOPO INCARICHI A TEMPO DETERMINATO DISPOSTI DALL'USP DISPONIBILITA' I GRADO RESIDUA DOPO INCARICHI A TEMPO DETERMINATO DISPOSTI DALL'USP A028 Educazione Artistica CITERNA PISTRINO 6 residuate da frazionamento cattedra A032 Educazione Musicale I grado PIEGARO

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO CHIASCIO Comuni di: COSTACCIARO, GUBBIO, PIETRALUNGA, SCHEGGIA E PASCELUPO VALTOPINA Comuni di: FOLIGNO, FOSSATO DI VICO, GUALDO TADINO, NOCERA UMBRA, SIGILLO,

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER L ALLESTIMENTO DELLA RETE DEI SENTIERI DELLA REGIONE UMBRIA

DISCIPLINARE TECNICO PER L ALLESTIMENTO DELLA RETE DEI SENTIERI DELLA REGIONE UMBRIA 108 DISCIPLINARE TECNICO PER LALLESTIMENTO DELLA RETE DEI SENTIERI DELLA REGIONE UMBRIA PREMESSA La Regione ha adottato nel 2011 la rete di mobilità ecologica regionale, costituita dallinsieme dei sentieri,

Dettagli

Umbria. I Quaderni di Unioncamere. Supplemento n. 2 all Osservatorio Economico Regionale n. 1/2006 - Spedizione in abbonamento postale 50%

Umbria. I Quaderni di Unioncamere. Supplemento n. 2 all Osservatorio Economico Regionale n. 1/2006 - Spedizione in abbonamento postale 50% La domanda dei servizi di trasporto e logistica in Umbria 30 I Quaderni di Unioncamere Umbria Supplemento n. 2 all Osservatorio Economico Regionale n. 1/2006 - Spedizione in abbonamento postale 50% DIRETTORE

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli

La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato. Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli La conservazione dei Beni Culturali tra pubblico e privato Andrea Orlandi, Francesca Ceccacci, Francesca Menichelli Perugia, 22 marzo 2013 Gli anni Settanta: gli antefatti La nascita della Regione si intreccia

Dettagli

CORCIANO COSTACCIARO DERUTA FOLIGNO

CORCIANO COSTACCIARO DERUTA FOLIGNO b BASTIA UMBRA BETTONA info@comune.bastia.pg.it segreteria@comune.bettona.pg.it CORCIANO COSTACCIARO d info@comune.corciano.pg.it info@comunecostacciaro.it BEVAGNA DERUTA info@comune.bevagna.pg.it segretario@comune.deruta.pg.it

Dettagli

ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente ABI ricevente CAB nuovo

ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente ABI ricevente CAB nuovo ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente ABI ricevente CAB nuovo 06315 21801 SPOLETO - PIAZZA GARIBALDI 03069 21811 06315 72510 ACQUASPARTA 03069 72510 06315 38450 BASTARDO DI GIANO DELL'UMBRIA 03069

Dettagli

Attivo 24 ore su 24 anche nei fine settimana e nei giorni festivi.

Attivo 24 ore su 24 anche nei fine settimana e nei giorni festivi. Attivo 24 ore su 24 anche nei fine settimana e nei giorni festivi. Il numero verde è accessibile da tutto il territorio regionale ed è collegato al numero telefonico di pubblica utilità 1522 della Rete

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

l Umbria Conoscere Anno 2006 - N. 10 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

l Umbria Conoscere Anno 2006 - N. 10 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Conoscere SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA l Umbria Anno 2006 - N. 10 Gruppi di lavoro permanenti: Prefettura di Perugia U.T.G. Prefettura di Terni U.T.G. Conoscere SISTEMA

Dettagli

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007 I primati di nel mercato del lavoro nel 2007 Maggio 2008 Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento tecnico: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Mappe tematiche: Fabrizio Dell Atti Le elaborazioni

Dettagli

Relazione per il Programma di valutazione della qualità dell aria

Relazione per il Programma di valutazione della qualità dell aria Relazione per il Programma di valutazione della qualità dell aria Rapporto Tecnico Anno 2015 1 PAG / INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA ZONIZZAZIONE... 4 3. LA CLASSIFICAZIONE E LA RETE MINIMA PER TUTTI

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA DELLA EDIZIONE STRAORDINARIA Spedizione in abbonamento postale Parti I-II (Serie generale) Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza Anno 39 - Numero 51 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE

Dettagli

Piano Paesaggistico Regionale

Piano Paesaggistico Regionale Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Piano Paesaggistico Regionale Elenco degli elaborati Allegato alla Relazione Illustrativa ELENCO ELABORATI DEL PIANO PAESAGGISTICO

Dettagli

Occupati residenti e persone in cerca di occupazione nei Sistemi locali del lavoro 2001 Anni

Occupati residenti e persone in cerca di occupazione nei Sistemi locali del lavoro 2001 Anni Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3102 Informazioni e chiarimenti Servizio Informazioni territoriali e sistema informativo geografico

Dettagli

Agenzia Umbria Ricerche, Tutti i diritti riservati. L utilizzo, anche parziale, è consentito a condizione che venga citata la fonte.

Agenzia Umbria Ricerche, Tutti i diritti riservati. L utilizzo, anche parziale, è consentito a condizione che venga citata la fonte. Quaderni PRASSI PRASSI è il Progetto Regionale Azioni di Sistema inserito all interno dell attuazione del POR, il Programma Operativo Regionale Obiettivo 3 (2000-2006) della Regione Umbria. Il progetto

Dettagli

ELENCO POSTI DISPONIBILI A.S. 2016/17 POSTI DISPONIBILI AL 31/08/2017 SCUOLA PRIMARIA RUOLO SPECIALE. Ambito UMB000000

ELENCO POSTI DISPONIBILI A.S. 2016/17 POSTI DISPONIBILI AL 31/08/2017 SCUOLA PRIMARIA RUOLO SPECIALE. Ambito UMB000000 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ambito Territoriale per la provincia di Perugia Ufficio III SCUOLA PRIMARIA ELENCO POSTI DISPONIBILI

Dettagli

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali

Osservatorio Tariffe e Tributi Locali Regione Umbria Giunta Regionale Assessorato alla Cultura, Turismo e Promozione dell Umbria, Commercio e Tutela dei Consumatori, Centri Storici, Sport Associazioni dei Consumatori Regione Umbria Agenzia

Dettagli

Istallazione pannelli solari termici ad elevato remdimento du edificio ATER sito in Ponte Felcino Denominato Edificio B

Istallazione pannelli solari termici ad elevato remdimento du edificio ATER sito in Ponte Felcino Denominato Edificio B Regione Umbria - POR FESR 2007-2013 Elenco Beneficiari ammessi a Aggiornato al:22/07/2017 Asse: Attività: ASSE III - Efficienze energetica e sviluppo di fonti rinnovabili 3.1.3 Sostegno alla produzione

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DI SINTESI

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DI SINTESI COMITATO DI COORDINAMENTO SULLE VALUTAZIONI AMBIENTALI Servizio Valutazioni ambientali: VIA, VAS e sviluppo sostenibile SEGRETERIA TECNICA DOCUMENTO ISTRUTTORIO DI SINTESI OGGETTO: D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.,

Dettagli

Provincia di Perugia Provincia di Terni

Provincia di Perugia Provincia di Terni Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Comune di Acquasparta comune.acquasparta@postacert.umbria.it Comune di Allerona comune.allerona@postacert.umbria.it

Dettagli

Coldiretti Regionale Via Settevalli, 131/F Perugia p.c.

Coldiretti Regionale Via Settevalli, 131/F Perugia p.c. Coldiretti Regionale Via Settevalli, 131/F 06129 Perugia umbria@pec.coldiretti.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della Regione

Dettagli

AREA 1 - Responsabile di Area Geom. Stefano Calzoni -

AREA 1 - Responsabile di Area Geom. Stefano Calzoni - AREA 1 - Responsabile di Area Geom. Stefano Calzoni - stefano.calzoni@ater.umbria.it AREA 1 - ZONA 1 - Responsabile CITTÀ DELLA PIEVE CASTIGLIONE DEL LAGO ASSISI PERUGIA Capoluogo - proprietà Ater COLLAZZONE

Dettagli

Provincia di Perugia Provincia di Terni

Provincia di Perugia Provincia di Terni Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA AGRO BIO FOREST CONSORZIO AGRO-FORESTALE MONTI DEL NERA Consorzio 3.000 3,88 ARRONE CONSORZIO DEL PARCO FLUVIALE DEL NERA SIR UMBRIA - CONSORZIO PER IL SISTEMA

Dettagli

IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE D.M. 6 agosto 1998. Approvazione del disciplinare di produzione a denominazione di origine controllata dell olio extravergine di oliva «Umbria», riconosciuto in ambito U.E. come denominazione di origine

Dettagli

1. COME SI CONFIGURA GIURIDICAMENTE L ORATORIO

1. COME SI CONFIGURA GIURIDICAMENTE L ORATORIO 1. COME SI CONFIGURA GIURIDICAMENTE L ORATORIO La legge 1 agosto 2003 n. 206 dello stato italiano ha riconosciuto ( riconosce e incentiva ) la funzione educativa e sociale svolta dalle parrocchie e dagli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 31 del 30 luglio 2003 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

C. Convenzioni e accordi di programma con enti pubblici e istituti di studio e ricerca: ANCONA: E. Lume; PERUGIA: E. Bianchi

C. Convenzioni e accordi di programma con enti pubblici e istituti di studio e ricerca: ANCONA: E. Lume; PERUGIA: E. Bianchi SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA DELL UMBRIA E DELLE MARCHE nuovo organigramma in vigore dal 2 febbraio 2016 (comunicato ufficialmente alle rappresentanze sindacali il giorno 2.2.2016) Soprintendente: Mario

Dettagli

3.3 Sintesi della situazione ambientale a livello di aree

3.3 Sintesi della situazione ambientale a livello di aree 3.3 Sintesi della situazione ambientale a livello di aree L Autorità Ambientale,considerato che, sia nel DOCUP che nel Complemento di Programmazione non è stato individuato nessun criterio relativo alla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre 2012, n

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre 2012, n Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 3 ottobre 2012 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Acqua: Quadro ambientale dei principali laghi umbri

Acqua: Quadro ambientale dei principali laghi umbri ALLEGATO 2a Acqua: Quadro ambientale dei principali laghi umbri Il Lago di Piediluco Il lago di Piediluco occupa, nella sua configurazione attuale, una erficie pari a 1.822 km 2, compresa interamente nella

Dettagli

UM0021 BASILICA DI SANTA CHIARA XIII ASSISI PG CQ36 A475 U01 UM0020 CAMPANILE DI SAN RUFINO XI ASSISI PG CQ36 A475 U01

UM0021 BASILICA DI SANTA CHIARA XIII ASSISI PG CQ36 A475 U01 UM0020 CAMPANILE DI SAN RUFINO XI ASSISI PG CQ36 A475 U01 REF.DAI NOME SEC. LOCALITA' COMUNE PROV WAIS CAT DDI UM0001 CHIESA DI SANTA CECILIA XII ACQUASPARTA TR CS36 A045 U05 UM0002 CHIESA DI SAN FRANCESCO XIII ACQUASPARTA TR CS36 A045 U05 UM0003 CHIESA DI SAN

Dettagli

9. I consumi delle famiglie

9. I consumi delle famiglie 9. I consumi delle famiglie Nelle principali province italiane, la percentuale del reddito disponibile destinata ai consumi, e quindi all acquisto di beni e servizi necessari a soddisfare i propri bisogni,

Dettagli

LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2015

LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2015 LE MAPPE DEL REGISTRO TUMORI ANIMALI DELL UMBRIA 2015 Introduzione I Sistemi Informativi Geografici (GIS) sono uno strumento utilissimo nella valutazione di fenomeni sanitari sia che si tratti di semplici

Dettagli

39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA

39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA 39. IL LAVORO NELL ACCOGLIENZA TURISTICA Il turismo costituisce per l economia italiana un importante bacino occupazionale, tanto più in quanto negli ultimi anni l offerta turistica del Paese è andata

Dettagli

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2005

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2005 I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2005 Giugno 2006 Direttore: Gianluigi Bovini Redazione: Antonio Silvestri Mappe tematiche: Fabrizio Dell Atti Le elaborazioni sono state effettuate sui dati

Dettagli

L economia del Lazio nel 2009

L economia del Lazio nel 2009 L economia del Lazio nel 2009 Evidenza dai conti regionali Istat pubblicati il 28 settembre 2010 Servizio Analisi e Finanza Sviluppo Lazio L economia del Lazio nel 2009 1. Premessa Il 28 settembre, l Istat

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii

umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii umbria+ energia pulita e intelligente por fesr 2007-2013 - asse iii u mbria+ Energia pulita e intelligente Garantire alle generazioni future la qualità della vita e dell ambiente in cui vivere vuol dire

Dettagli

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti Prof. G. d Antonio Comuni e popolazione residente secondo il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005 (valori assoluti) REGIONI Depurazione completa

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Sostegno al Sistema Pubblico e Convenzionato dei Servizi di Asilo Nido Allegato 1

Sostegno al Sistema Pubblico e Convenzionato dei Servizi di Asilo Nido Allegato 1 posti IL GRILLO PARLANTE ALLERONA PUBBLICA 24 0 16 3.120,00 0-3.120,00 LO SCARABOCCHIO AMELIA PUBBLICA 34 0 16 3.120,00 0-3.120,00 ASILO INFANTILE MARIA IMMACOLATA ASSISI PRIVATA 58 58 30 5.850,00 1 1.800,00

Dettagli

Piano editoriale operativo nuovo Portale Turismo Contenuti pubblicati al 27 aprile 2015

Piano editoriale operativo nuovo Portale Turismo Contenuti pubblicati al 27 aprile 2015 Piano editoriale operativo nuovo Portale Turismo Contenuti pubblicati al 27 aprile 2015 Piano editoriale operativo nuovo Portale Turismo - Contenuti pubblicati al 27 aprile 2015 PROPOSTE DI HOME PAGE Mangiare

Dettagli

1, 2, 3, 4, 5, 6, 7,28, 31, 32 Sala dei Cantori via S.Antonio Assisi

1, 2, 3, 4, 5, 6, 7,28, 31, 32 Sala dei Cantori via S.Antonio Assisi N seggio COMUNE SEGGI elett. corrispondenti SEDE LOCALITA' ASSISI, 2, 3, 4, 5, 6, 7,28, 3, 32 Sala dei Cantori via S.Antonio Assisi 2 ASSISI 6, 7, 8,22,23,24,29, 30 sede PD - Centro Biagetti Palazzo d'assisi

Dettagli

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC

CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC CARTE DEI SERVIZI IN UMBRIA INDAGINE REALIZZATA DA ADICONSUM/ CODACONS/ FEDERCONSUMATORI/ MDC DENOMINAZIONE CONSORZI / SOCIETA' DENOMINAZIONE AMMINISTRAZIONE TIPO CODICE NOTE NOTE COMUNE DI TODI 3A- PARCO

Dettagli

Prefettura di Terni Area IV - Diritti Civili, Cittadinanza, Condizione Giuridica dello Straniero, Immigrazione e Diritto d'asilo

Prefettura di Terni Area IV - Diritti Civili, Cittadinanza, Condizione Giuridica dello Straniero, Immigrazione e Diritto d'asilo Trasferimenti di migranti dalle zone di Sbarco alla Provincia di Terni Con circolare in data 8 gennaio 2014 il Ministero dell Interno ha invitato i Sigg. ri Prefetti della Repubblica ad individuare, con

Dettagli

Comune di Santa Maria Tiberina e p.c. Provincia di Perugia

Comune di Santa Maria Tiberina e p.c. Provincia di Perugia Comune di Santa Maria Tiberina comune.montesantamariatiberina@postacert.umbria.it e p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della

Dettagli

Il peso del turismo nell economia umbra

Il peso del turismo nell economia umbra Il peso del turismo nell economia umbra Eleonora D Urzo AUR Stefano Rosignoli IRPET Misurazione del peso del turismo Crisi Economica Nuovi sentieri di sviluppo economico Turismo come risorsa per lo sviluppo

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro 28 aprile 2010 Rilevazione sulle forze di lavoro Media 2009 Sul sito www.istat.it sono da oggi disponibili i dati della media 2009 della rilevazione sulle forze di lavoro. In questa statistica in breve

Dettagli

Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa

Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni) 1) I gruppi d impresa in Toscana: una visione

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 27/12/2007 n LORENZETTI MARIA RITA Presidente X. LIVIANTONI CARLO Vice Presidente X

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 27/12/2007 n LORENZETTI MARIA RITA Presidente X. LIVIANTONI CARLO Vice Presidente X Cod. DX07100236 Modulo M/3 REGIONE UMBRIA OGGETTO: DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI MINIMI PER ATTIVAZIONE CENTRO FUNZIONALE DECENTRATO REGIONE UMBRIA (PRIMA APPLICAZIONE DIRETTIVA DEL PRESIDENTE CONSIGLIO

Dettagli

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014 Bologna, 11 maggio 2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SPECIALITÀ MEDICO-CHIRURGICHE E SANITÀ PUBBLICA. SEZIONE DI SANITÀ PUBBLICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SPECIALITÀ MEDICO-CHIRURGICHE E SANITÀ PUBBLICA. SEZIONE DI SANITÀ PUBBLICA REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO REGIONALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SPECIALITÀ MEDICO-CHIRURGICHE E SANITÀ PUBBLICA. SEZIONE DI SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE QUADRO CONOSCITIVO ATLANTE DEI PAESAGGI: CARTE REGIONALI

PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE QUADRO CONOSCITIVO ATLANTE DEI PAESAGGI: CARTE REGIONALI QC 5.3 Carta delle Strutture identitarie L esito del Quadro Conoscitivo (Repertorio delle conoscenze e Atlante dei paesaggi) è la Carta dei paesaggi regionali distinti per paesaggi a dominante fisico-naturalistica,

Dettagli

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16%

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Dati e statistiche Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Piazza in crescente fermento per negozi, uffici e capannoni industriali

Dettagli

Le imprese straniere 1 in Piemonte

Le imprese straniere 1 in Piemonte Le imprese straniere 1 in Piemonte A fine 2016, le imprese straniere registrate in Italia hanno raggiunto le 571.255 unità, il 9,4% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

Produzione dei rifiuti urbani e raccolta differenziata 2014

Produzione dei rifiuti urbani e raccolta differenziata 2014 Produzione dei rifiuti urbani e raccolta differenziata 2014 Abstract La produzione regionale dei rifiuti relativa al 2014 è risultata pari a 484.483 tonnellate, in calo rispetto al 2013 di 3.274 tonnellate,

Dettagli

Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione)

Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione) Disciplinare di produzione della DOP «Umbria» ART. 1 (denominazione) La denominazione di origine protetta "Umbria", accompagnata obbligatoriamente da una delle seguenti menzioni geografiche: "Colli Assisi

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA

FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA SETTEMBRE 2009 Il lavoro si inserisce nell ambito delle attività dell

Dettagli

I semestre a cura dell Ufficio Provinciale di Perugia Chiara Paoletti (referente OMI)

I semestre a cura dell Ufficio Provinciale di Perugia Chiara Paoletti (referente OMI) NOTA TERRITORIALE Perugia I semestre 2007 a cura dell Ufficio Provinciale di Perugia Chiara Paoletti (referente OMI) in collaborazione con la Direzione Centrale Osservatorio Mercato Immobiliare data di

Dettagli

I 406 gazebo dell'umbria

I 406 gazebo dell'umbria I 406 gazebo dell'umbria Provincia Comune Località Indirizzo ASSISI Scuola Elementare S. Antonio Locali Cantori ASSISI Pro-Loco Santa Maria degli Angeli ASSISI Sede Delegazione Comunale Via Croce Petrignano

Dettagli

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane L andamento congiunturale e l attrattività delle regioni Mauro Politi Francesca Petrei ISTAT - Direzione Centrale delle Statistiche

Dettagli

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015)

Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) Le imprese GIOVANILI in UMBRIA: consistenza, caratteri e dinamiche (dati al III trimestre 2015) 1 LE IMPRESE GIOVANILI IN UMBRIA Il quadro regionale al 30 settembre 2015 In Umbria, alla data del 30 settembre

Dettagli

L innovazione nel sistema produttivo

L innovazione nel sistema produttivo Perugia, 6 ottobre 28 L innovazione nel sistema produttivo Mauro Casavecchia L innovazione è una costruzione sociale Globale Locale Aziendale Innovazioni incrementali Grado di formalizzazione dell innovazione

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria

Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria Consiglio delle Autonomie Locali dell Umbria (L.r.34/1998 art.123 u.comma Cost.) Osservatorio Regionale sulla Misurazione degli E.E.L.L. Umbri Spoleto - Palazzo Ancajani 1 Presentazione Con il presente

Dettagli

Confagricoltura Umbria Unione Regionale Agricoltori e p.c.

Confagricoltura Umbria Unione Regionale Agricoltori e p.c. Confagricoltura Umbria Unione Regionale Agricoltori confagricoltura@confagriumbria.it e p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico

Dettagli

Le imprese femminili 1 in Piemonte

Le imprese femminili 1 in Piemonte Le imprese femminili 1 in Piemonte A fine 2015 le imprese femminili registrate in Italia hanno raggiunto 1.312.451 unità, il 21,7% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli