Capitolo. Popolazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo. Popolazione"

Transcript

1 2 Capitolo Popolazione

2

3 2. Popolazione Per saperne di più... f f f f Dinamica della popolazione residente ISTAT. Banche dati e sistemi informativi. Roma. ISTAT. Elenco dei comuni al 30 giugno definizioni/comuni/. ISTAT. Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche: anni Roma, (Tavole di dati). ISTAT. Popolazione e movimento anagrafico dei comuni: anno Roma, (Annuari n. 18). Al 31 dicembre 2010 la popolazione residente in Italia è pari a unità, di cui maschi e femmine. Rispetto al 2009 anno in cui la popolazione residente complessiva era pari a individui l incremento è dunque pari a unità. La distribuzione territoriale è pressoché invariata: il Nord è caratterizzato dal maggior numero di residenti, (il 45,8 per cento del totale della popolazione). I residenti del Mezzogiorno sono (il 34,5 per cento) e il Centro, con residenti, pari al 19,7 per cento, mantiene l ultima posizione (Tavola 2.4). Il saldo naturale passa da (2009) a , e quello migratorio, seppure ancora in calo rispetto all anno precedente ( contro ) è ancora fondamentale per contrastarne l effetto negativo. Dall analisi della componente naturale, arriva la conferma della riduzione delle nascite in Italia segnalata nuovamente a partire dal 2009: si passa, infatti, dai nati vivi del 2009, ai del 2010, con un quoziente di natalità pari a 9,3 per mille abitanti (9,5 nell anno precedente). La diminuizione pur contenuta è diffusa su tutto il territorio, ma il Nord è l unica ripartizione ad avere un quoziente superiore alla media nazionale (9,4 per mille, contro il 9,5 del 2009). Il Mezzogiorno, con un quoziente pari al 9,3 per mille (9,4 nel 2009), eguaglia la media italiana, mentre, come nell anno precedente, la natalità più bassa si trova al Centro con un quoziente pari al 9,1 per mille (9,3 nel 2009). Il numero dei decessi, rispetto all anno precedente, diminuisce, passando dalle unità del 2009 alle attuali (4.175 in meno) e il quoziente di mortalità passa dal 9,8 al 9,7 per mille. Anche in questo caso, come per la diminuizione della natalità, il decremento è generalizzato sull intero territorio: al Nord si passa dal 10,1 al 10,0 per mille, al Centro il quoziente scende al 10,2 per mille rispetto al 10,3, mentre il Mezzogiorno, con un quoziente pari al 9,1 per mille (9,2 nel 2009) è ancora la ripartizione con la mortalità più bassa e, come negli anni precedenti, l unica ad avere un saldo naturale positivo. Per quel che riguarda le iscrizioni anagrafiche, queste, nel 2010, risultano pari a , mentre le cancellazioni sono ; la componente migratoria dunque, derivante dalla differenza tra iscrizioni e cancellazioni anagrafiche conseguenti a trasferimenti di residenza e ad altri movimenti anagrafici, mantiene l andamento degli anni precedenti, continuando ad essere positiva (il saldo è pari a unità), ma, di nuovo, inferiore rispetto all anno precedente ( , con una diminuzione di unità). Il saldo tra iscritti e cancellati è positivo per tutte le ripartizioni geografiche: il Centro, sempre caratterizzato dal tasso migratorio più elevato (7,6 per mille, seppure in calo rispetto all 8,8 per mille del 2009), continua a contrapporsi al Mezzogiorno che, con l 1,3 per mille (1,0 nel 2009), rimane la ripartizione con il tasso più basso. 41

4 Annuario statistico italiano 2011 Figura 2.1 Saldo naturale per ripartizione geografica - Anni Figura 2.2 Saldo tra iscritti e cancellati per ripartizione geografica - Anni La struttura per età della popolazione Al 31 dicembre 2010 l indice di vecchiaia (rapporto tra la popolazione di 65 anni e oltre e quella con meno di 15 anni) misura del grado di invecchiamento della popolazione, mantiene l andamento registrato negli anni precedenti: in costante aumento (144,0 nel 2009, 143,4 nel 2008, 142,8 nel 2007, 141,7 nel 2006 e 139,9 nel 2005), raggiunge infatti un valore pari al 144,5 per cento (Tavola 2.2). Mentre nel Sud e nelle Isole il processo di invecchiamento continua (nel Sud si passa dal 117,0 per cento nel 2009 al 119,3 per cento nel 2010, e nelle Isole l indice passa dal 127,5 al 130,0 rispettivamente nel 2009 e nel 2010 ), nelle altre ripartizioni si registra una lieve diminuzione: il Nord-ovest 42

5 2. Popolazione passa da 159,5 a 159,2, il Nord-est da 153,0 a 152,6 e il Centro da 160,6 a 160,4. Il Mezzogiorno, nonostante l incremento dell indice di vecchiaia (120,3 nel 2009 contro 122,6 nel 2010), rimane comunque, come negli anni passati, la ripartizione con maggiore equilibrio nel rapporto tra giovani e anziani e la Campania, con un indice pari al 98,7 per cento, rimane ancora l unica regione con un eccedenza di giovani sugli anziani, seppure ormai vicinissima alla soglia di parità del 100 per cento. Al 31 dicembre 2009, ultimo dato disponibile per un confronto, la situazione a livello internazionale è pressoché invariata rispetto all anno precedente: l Italia, infatti, è sempre la seconda nazione europea in cui si manifesta maggiormente il processo di invecchiamento della popolazione (solo la Germania, di nuovo, ha un valore dell indice più elevato: 150,2). Dopo Germania e Italia, come nel 2008, Grecia e Bulgaria sono i paesi dell Unione europea con una struttura per età particolarmente vecchia (rispettivamente 131,9 e 129,2). Nel Nord e nel Centro del Paese i residenti con almeno 65 anni continuano ad essere più di un quinto del totale, mentre, nelle stesse ripartizioni, quelli con 80 anni e oltre superano la soglia del 6 per cento (Prospetto 2.1). Di contro, la percentuale di giovani fino a 14 anni, rispetto al 2009, continua a crescere nelle regioni del Nord (si passa dal 13,6 al 13,7), rimane stabile al Centro (13,4 per cento), mentre continua a calare nel Mezzogiorno (il 15,0 per cento del 2009 scende, nel 2010, al 14,9 per cento). Nonostante la percentuale della popolazione più giovane continui a scendere, il Mezzogiorno è, comunque, la ripartizione con un disequilibrio tra giovani e anziani meno marcato: nel Sud il 15,1 per cento della popolazione ha meno di 15 anni e il 18,0 per cento ne ha almeno 65; nelle Isole gli stessi segmenti di popolazione sono pari, rispettivamente, al 14,4 e 18,8 per cento. Prospetto 2.1 Indicatori di struttura della popolazione ANNI RIPARTIZIONI Distribuzione percentuale anni e oltre Di cui 80 anni e oltre Vecchiaia (a) Indici Dipendenza (b) Dipendenza anziani (c) 31/12/ ,8 68,5 14,7 3,1 87,6 46,0 21,5 31/12/ ,4 67,6 18,0 3,9 124,5 47,9 26,6 31/12/ ,4 67,4 18,2 4,1 127,1 48,4 27,1 31/12/ ,2 67,1 18,7 4,4 131,4 49,1 27,9 31/12/ ,2 66,8 19,0 4,6 133,8 49,8 28,5 31/12/ ,2 66,6 19,2 4,8 135,9 50,1 28,9 31/12/ ,1 66,4 19,5 5,0 137,8 50,6 29,3 31/12/ ,1 66,2 19,7 5,1 139,9 51,1 29,8 31/12/ ,1 66,0 19,9 5,3 141,7 51,6 30,2 31/12/ ,0 65,9 20,0 5,5 142,8 51,7 30,4 31/12/ ,0 65,8 20,1 5,6 143,4 51,9 30,6 31/12/ ,1 65,7 20,2 5,8 144,0 52,2 30,8 AL 31 DICEMBRE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA (stima) Nord-ovest 13,6 64,9 21,5 6,2 159,2 54,1 33,1 Nord-est 13,9 65,1 21,1 6,4 152,6 53,6 32,3 Centro 13,4 65,1 21,5 6,5 160,4 53,6 33,0 Sud 15,1 67,0 18,0 5,2 119,3 49,3 26,8 Isole 14,4 66,8 18,8 5,4 130,0 49,7 28,0 Italia 14,0 65,7 20,3 6,0 144,5 52,3 30,9 (a) Popolazione di 65 anni e oltre/popolazione di età 0-14, per cento. (b) Popolazione di età 0-14 e 65 anni e oltre/ popolazione di età 15-64, per cento. (c) Popolazione di 65 anni e oltre/popolazione di età 15-64, per cento. 43

6 Annuario statistico italiano 2011 La popolazione straniera residente Per saperne di più... f ISTAT. La presenza straniera in Italia: l accertamento e l analisi. Roma, Gli stranieri residenti in Italia al 31 dicembre 2010 sono ( maschi e femmine, con nuove iscrizioni in totale), pari al 7,5 per cento della popolazione residente complessiva. Anche nel 2010, quindi, continua l andamento crescente degli anni precedenti (7,0 per cento nel 2009) (Tavola 2.8). Invariata, rispetto all anno precedente, la presenza straniera sul territorio: al Nord risiede oltre il 60 per cento della popolazione straniera (35,0 per il Nord-ovest e 26,3 nel Nord-est), seguono il Centro con il 25,2 per cento, il Sud (9,6 per cento) e le Isole (3,9 per cento). Anche considerando la presenza straniera in rapporto alla popolazione residente nel complesso, si trova lo stesso scenario dell anno precedente: l incidenza della popolazione straniera è più elevata nel Nord-est (10,3 per cento) e nel Nord-ovest (9,9 per cento), seguite dal Centro (9,6 per cento), dal Sud (3,1 per cento) e dalle Isole (2,7 per cento). Ancora una volta gli stranieri provengono, nella maggior parte dei casi, dall Unione Europea (29,2 per cento), subito seguiti dai cittadini dell Europa centro-orientale (23,9 per cento). L Africa settentrionale, con il 14,9 per cento del totale degli stranieri residenti mantiene il primato fra i paesi non europei. La struttura per età della popolazione straniera (Prospetto 2.2) continua a essere piuttosto giovane. L età media, nel 2010, è pari a 31,9 anni, circa 12 anni più bassa rispetto a quella della popolazione complessivamente residente in Italia. Come l anno precedente, seppure con una lieve flessione, quasi la metà dei cittadini stranieri ha un età compresa tra i 18 ed i 39 anni (46,5 per cento), oltre uno su cinque è minorenne (21,7 per cento) e la percentuale di adulti fra i 40 ed i 64 anni raggiunge il 29,4 per cento (nel 2009 era pari al 28,5 per cento). La percentuale di popolazione con più di 65 anni rimane stabile al 2,3. Prospetto 2.2 Indicatori di struttura della popolazione straniera residente in Italia ANNI RIPARTIZIONI Totale stranieri residenti (valori assoluti) 0-17 anni Distribuzione percentuale anni anni 65 anni e oltre Età media Incidenza percentuale sulla popolazione residente 0-17 anni anni anni 65 anni e oltre Totale 31/12/ ,9 52,6 24,4 2,1 30,9 5,0 7,1 3,0 0,4 4,1 31/12/ ,0 50,8 25,1 2,1 30,8 5,9 7,7 3,4 0,5 4,5 31/12/ ,7 49,3 25,9 2,1 30,9 6,6 8,4 3,8 0,5 5,0 31/12/ ,2 49,2 26,6 2,0 31,1 7,5 9,8 4,5 0,6 5,8 31/12/ ,0 48,3 27,5 2,1 31,3 8,4 11,0 5,2 0,7 6,5 31/12/ ,0 47,2 28,5 2,3 31,6 9,1 11,9 5,7 0,8 7,0 AL 31 DICEMBRE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA Nord-ovest ,5 46,1 28,2 2,2 31,1 14,4 17,5 7,7 1,0 9,9 Nord-est ,2 46,4 28,3 2,1 31,2 14,6 18,1 8,1 1,0 10,3 Centro ,9 46,6 30,7 2,8 32,9 12,0 16,8 8,3 1,3 9,6 Sud ,3 47,4 33,0 2,3 33,7 2,9 4,9 3,0 0,4 3,1 Isole ,1 47,7 30,7 2,4 32,8 2,9 4,4 2,4 0,3 2,7 Italia ,7 46,5 29,4 2,3 31,9 9,7 12,7 6,3 0,9 7,5 Fecondità e nuzialità Nel 2010 la stima del numero medio di figli per donna è pari a 1,41, come il valore registrato nel 2009; si conferma quindi l arresto della crescita continua che si era avuta successivamente al 1995, anno in cui la fecondità italiana toccò il minimo (1,19 figli per donna) (Tavola 2.2). Per quel che riguarda la distribuzione territoriale, i comportamenti riproduttivi ricalcano quasi completamente la situazione del 2009: il Nord rimane stabile ad 1,46 e mantiene il primato di ripartizione con la fecondità più alta, il Centro sale da 1,37 a 1,38 (nel 2009 c era stata una flessione), mentre nel Mezzogiorno si continua ad assistere ad un calo del tasso, che scende ad 1,35 (1,36 nel 2009), riconfermando la ripartizione all ultimo posto per numero me- 44

7 2. Popolazione Per saperne di più... f ISTAT. Il matrimonio in Italia: anno Roma, (Statistiche in breve). dio di figli per donna. A livello internazionale, considerando i dati relativi al 2009, ultimo anno disponibile per un confronto, l Italia, rispetto all anno precedente diventa, nell Ue15, il quinto paese con la fecondità più bassa, sempre preceduta dal Portogallo (1,32), dalla Germania (1,36) dall Austria (1,39) e dalla Spagna (1,40). Estendendo l analisi all Ue27, invece, l Italia raggiunge il settimo posto, mentre le prime due posizioni sono occupate da Lettonia (1,31) Ungheria. Per quanto riguarda la nuzialità, anche nel 2010 si conferma il trend decrescente dei matrimoni: sono pari a , contro i del 2009, con un quoziente di nuzialità ancora in forte diminuzione, che passa dal 3,8 al 3,6 La diminuzione è generalizzata, se si prende in considerazione il territorio: il Mezzogiorno mantiene ancora il primato, con un tasso che supera la media nazionale (4,4 per mille), seguito dal Centro (3,3 per mille contro il 3,7 del 2009) e dal Nord (3,1 per mille rispetto al 3,3 del 2009). Prendendo in considerazione il rito, il matrimonio religioso, nonostante la tendenza generale alla diminuzione, continua a essere quello preferito dagli sposi, nel 2010 sono stati celebrati con rito religioso il 63,1 per cento dei matrimoni. Rimangono invariate le differenze territoriali: al Nord i matrimoni civili sono, come negli anni precedenti, in percentuale maggiore, rispetto alle altre ripartizioni (48,6 per cento), mentre nelle regioni meridionali nel 2010 oltre tre quarti dei matrimoni (77,6 per cento) viene ancora celebrato con rito religioso (Tavola 2.10). A livello internazionale, dall analisi dei dati del 2009, l Italia risulta sempre essere uno dei paesi con la nuzialità più bassa; ancora una volta sono solo la Slovenia (3,2 per mille), la Bulgaria (3,4 per mille), il Lussemburgo (3,5 per mille) e l Ungheria (3,7 per mille) i paesi ad avere un quoziente di nuzialità inferiore a quello italiano. La sopravvivenza Per saperne di più... f ISTAT. Decessi, caratteristiche demografiche e sociali: anno 2007 Roma, (Tavole di dati). Continua nel 2008, così come negli anni precedenti, l incremento della vita media, conseguenza della costante riduzione dei rischi di morte a tutte le età: la speranza di vita alla nascita dei maschi è pari a 78,8 anni (era 78,7 nel 2007), mentre quella delle donne è pari a 84,1 anni (anche in questo caso in aumento, seppur lieve, rispetto agli 84,0 anni del 2007). Gli stessi valori si trovano nelle stime del 2009, mentre, se si analizzano i dati stimati del 2010, l indicatore raggiunge i 79,2 anni per i maschi e gli 84,4 anni per le femmine (Tavola 2.2). Considerando i dati a livello territoriale, nel 2009 il Nord-est si conferma, ancora una volta, la ripartizione con la speranza di vita più elevata (79,3 anni per i maschi e 84,6 anni per le femmine), contrapposta al Mezzogiorno che continua, invece, ad essere, tanto per gli uomini quanto per le donne, la ripartizione con la vita media più bassa (rispettivamente 78,3 e 83,5 anni). Analizzando il contesto internazionale, nel 2009, all interno dell Unione europea, solo la Svezia, con 79,4 anni per i maschi, ha una situazione migliore per quel riguarda le condizioni di sopravvivenza, mentre per le femmine questa situazione si trova in Francia (84,5) e Spagna (84,6); l Italia, dunque è ancora uno dei paesi più longevi. Mobilità interna e migrazioni con l estero in Italia Nel 2008 le migrazioni interne per trasferimento di residenza sono state pari a unità, in più rispetto al 2007, con un tasso di migratorietà del 23,1 per mille abitanti (Tavola 2.7). I trasferimenti interregionali sono pari a , in crescita rispetto all anno precedente (erano ); in aumento sono anche quelli intraregionali, che passano da a In tutte le ripartizioni, come negli anni precedenti, sono sempre i trasferimenti intraregionali i movimenti migratori più consistenti, seppure con delle differenze: se si proviene da una regione del Nord, i trasferimenti intraregionali sono pari all 81,6 per cento dei movimenti complessivi (erano l 81,9 per cento nel 2007). Si scende al 74,8 per cento se ci si concentra su chi proviene dalle regioni del Centro (75,0 per cento nel 2007) e si arriva al 64,6 per cento 45

8 Annuario statistico italiano 2011 quando si proviene da una regione del Mezzogiorno (64,5 per cento nel 2007). Quest ultimo dato conferma, nuovamente, il Mezzogiorno come ripartizione ancora caratterizzata da una forte emigrazione. Nel 2008 le iscrizioni dall estero sono state (quasi in meno rispetto all anno precedente), (contro i cancellati per l estero) (Tavola 2.6). Seppure un po in calo, rispetto ai dati del 2007, il dato riconferma l Italia come paese di immigrazione, con flussi di popolazione straniera sempre tali da permettere la crescita della popolazione nonostante la dinamica naturale si muova nel verso opposto. In accordo con gli anni precedenti il maggior numero delle iscrizioni si sono registrate al Nord ( , pari al 55,9 per cento del totale degli iscritti dall estero). Le altre ripartizioni sono, in linea con gli anni precedenti, ben al di sotto di tale soglia: il Centro, con iscrizioni, raggiunge una percentuale del 25,8 per cento, mentre il Mezzogiorno continua ad essere la ripartizione con meno forza attrattiva, attestandosi al 18,3 per cento con le sue iscrizioni. Anche nel 2008, d altra parte, come accade dal 2005, sono sempre le regioni del Nord quelle da cui più spesso si parte verso l estero: le cancellazioni costituiscono, infatti, il 55,5 per cento del totale. 46

9 2. Popolazione Tavola Popolazione residente per sesso ed età al 31 dicembre - Anni (a) ETÀ Italia Italia ETÀ Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre e più TOTALE Fonte: Popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile (R) (a) Sul sito o direttamente sul sito sono disponibili le serie storiche dei dati anche a livello comunale, provinciale e regionale 47

10 Annuario statistico italiano 2011 Tavola 2.1 segue - Popolazione residente per sesso ed età al 31 dicembre - Anni (a) ETÀ Italia Italia ETÀ Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre e più TOTALE Fonte: Popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile (R) (a) Sul sito o direttamente sul sito sono disponibili le serie storiche dei dati anche a livello comunale, provinciale e regionale 48

11 2. Popolazione Tavola Indicatori demografici per regione - Anno 2010 ANNI REGIONI Numero medio di figli per donna Indicatori demografici Speranza di vita alla nascita Maschi Femmine Quoziente di nuzialità (per abitanti)(a) Composizioni percentuali 0-14 anni Indicatori di struttura della popolazione al 31 dicembre anni 65 anni e oltre Vecchiaia Dipendenza strutturale Indici Dipendenza degli anziani Età media ,35 78,4 84,0 4,2 14,1 66,0 19,9 141,7 51,6 30,2 42, ,37 78,7 84,0 4,2 14,0 65,9 20,0 142,8 51,7 30,4 43, ,42 78,8 84,1 4,1 14,0 65,8 20,1 143,4 51,9 30,6 43, ,41 78,8 (a) 84,1 (a) 3,8 14,1 65,7 20,2 144,0 52,2 30,8 43, PER REGIONE Piemonte 1,39 (a) 78,9 (a) 84,2 (a) 3,2 (a) 12,9 64,3 22,9 177,7 55,6 35,6 45,4 Valle d'aosta/ Vallée d'aoste 1,57 (a) 78,9 (a) 84,2 (a) 3,0 (a) 14,0 65,1 20,9 149,7 53,5 32,1 44,2 Liguria 1,30 (a) 78,8 (a) 84,2 (a) 3,4 (a) 11,5 61,8 26,7 232,0 61,8 43,2 47,7 Lombardia 1,50 (a) 79,4 (a) 84,6 (a) 3,0 (a) 14,2 65,7 20,1 141,1 52,2 30,5 43,5 Trentino-Alto Adige/Südtirol 1,62 (a) 79,8 (a) 85,3 (a) 3,5 (a) 15,9 65,5 18,6 116,8 52,7 28,4 42,0 Bolzano/Bozen 1,61 (a) 80,0 (a) 85,5 (a) 3,8 (a) 16,5 65,6 17,9 108,5 52,5 27,3 41,2 Trento 1,63 (a) 79,7 (a) 85,2 (a) 3,2 (a) 15,4 65,4 19,3 125,4 52,9 29,5 42,8 Veneto 1,45 (a) 79,6 (a) 85,0 (a) 3,4 (a) 14,2 65,9 19,9 139,8 51,8 30,2 43,5 Friuli-Venezia Giulia 1,39 (a) 79,1 (a) 84,5 (a) 3,1 (a) 12,6 64,0 23,4 186,2 56,2 36,6 45,9 Emilia-Romagna 1,47 (a) 79,6 (a) 84,7 (a) 3,0 (a) 13,3 64,4 22,3 167,2 55,2 34,6 45,0 Toscana 1,37 (a) 79,9 (a) 84,9 (a) 3,5 (a) 12,7 64,0 23,3 182,9 56,3 36,4 45,6 Umbria 1,36 (a) 79,7 (a) 85,0 (a) 3,4 (a) 12,9 64,0 23,1 178,8 56,2 36,0 45,2 Marche 1,39 (a) 80,1 (a) 85,4 (a) 3,2 (a) 13,3 64,2 22,5 168,7 55,7 35,0 44,8 Lazio 1,39 (a) 79,0 (a) 84,2 (a) 3,5 (a) 14,0 66,2 19,8 142,0 51,0 30,0 43,3 Abruzzo 1,32 (a) 79,1 (a) 84,8 (a) 3,4 (a) 13,0 65,8 21,2 163,2 52,1 32,3 44,2 Molise 1,21 (a) 79,1 (a) 84,8 (a) 3,6 (a) 12,5 65,6 21,9 175,8 52,3 33,4 44,7 Campania 1,42 (a) 77,7 (a) 83,0 (a) 4,8 (a) 16,4 67,5 16,1 98,7 48,1 23,9 40,2 Puglia 1,33 (a) 79,7 (a) 84,4 (a) 4,5 (a) 14,8 66,7 18,5 125,2 49,9 27,7 42,0 Basilicata 1,18 (a) 79,3 (a) 84,5 (a) 4,2 (a) 13,4 66,5 20,2 150,6 50,5 30,3 43,4 Calabria 1,28 (a) 79,3 (a) 84,8 (a) 4,4 (a) 14,2 67,0 18,8 132,0 49,2 28,0 42,3 Sicilia 1,41 (a) 78,8 (a) 83,5 (a) 4,5 (a) 15,2 66,3 18,5 122,2 50,8 28,0 41,8 Sardegna 1,14 (a) 78,9 (a) 85,2 (a) 3,9 (a) 12,3 68,3 19,5 158,6 46,5 28,5 43,8 Nord 1,46 (a) 79,3 (a) 84,6 (a) 3,2 (a) 13,7 65,0 21,3 155,7 53,9 32,8 44,3 Centro 1,38 (a) 79,5 (a) 84,6 (a) 3,4 (a) 13,4 65,1 21,5 160,4 53,6 33,0 44,4 Mezzogiorno 1,35 (a) 78,8 (a) 83,9 (a) 4,4 (a) 14,9 66,9 18,2 122,6 49,5 27,2 41,9 ITALIA 1,41 (a) 79,2 (a) 84,4 (a) 3,6 (a) 14,0 65,7 20,3 144,5 52,3 30,9 43,5 Fonte: Iscritti in anagrafe per nascita (R); Matrimoni (R); Popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile (R); Sistema di nowcast per indicatori demografici (E) (a) Dati stimati. 49

12 Annuario statistico italiano 2011 Tavola Indicatori strutturali della popolazione straniera residente al 31 dicembre - Anni 2009 e 2010 ANNI REGIONI Totale stranieri residenti (valori assoluti) Distribuzione percentuale 0-17 anni anni anni e anni oltre Età media Incidenza percentuale sulla popolazione residente 0-17 anni anni anni e anni oltre Totale ,0 50,8 25,1 2,1 30,8 5,9 7,7 3,4 0,5 4, ,7 49,3 25,9 2,1 30,9 6,6 8,4 3,8 0,5 5, ,2 49,2 26,6 2,0 31,1 7,5 9,8 4,5 0,6 5, ,0 48,3 27,5 2,1 31,3 8,4 11,0 5,2 0,7 6, PER REGIONE Piemonte ,6 48,2 27,0 2,2 31,0 12,5 15,8 6,4 0,8 8,5 Valle d'aosta/vallée d'aoste ,6 46,7 28,1 2,7 31,4 8,8 11,3 5,0 0,8 6,4 Liguria ,9 45,2 30,4 3,5 32,9 10,7 13,8 5,9 0,9 7,1 Lombardia ,5 46,7 27,0 1,9 30,5 14,6 17,0 7,6 0,9 10,0 Trentino-Alto Adige/Südtirol ,9 45,5 28,2 3,4 31,8 10,0 13,6 6,8 1,5 8,3 Bolzano/Bozen ,8 44,3 29,5 4,5 33,0 8,5 12,1 6,8 1,9 7,8 Trento ,0 46,5 27,1 2,5 30,8 11,5 15,1 6,7 1,1 8,8 Veneto ,4 48,0 26,0 1,6 30,1 14,1 17,1 7,1 0,8 9,8 Friuli-Venezia Giulia ,4 46,1 29,6 2,9 32,2 11,7 14,9 6,7 1,0 8,2 Emilia-Romagna ,1 47,1 27,7 2,1 31,0 15,6 18,6 8,3 1,0 10,5 Toscana ,0 46,7 29,5 2,9 32,2 12,7 16,3 7,5 1,1 9,1 Umbria ,6 45,9 29,5 3,0 32,2 14,5 17,7 8,8 1,3 10,4 Marche ,0 46,7 27,6 2,7 31,3 12,8 15,3 7,2 1,1 8,9 Lazio ,7 48,1 30,7 2,5 33,2 9,8 15,0 7,6 1,1 8,8 Abruzzo ,8 48,8 28,7 2,8 32,3 7,0 9,8 4,7 0,7 5,7 Molise ,5 49,4 29,5 2,5 32,6 3,0 4,5 2,2 0,3 2,5 Campania ,5 46,9 35,7 1,9 34,6 1,9 3,8 2,7 0,3 2,5 Puglia ,6 47,1 30,1 3,2 32,8 2,2 3,3 1,8 0,4 2,1 Basilicata ,0 49,9 31,4 1,7 32,8 2,2 3,8 2,0 0,2 2,2 Calabria ,9 48,5 31,5 2,1 33,0 3,3 5,3 3,1 0,4 3,3 Sicilia ,3 48,4 29,1 2,2 32,0 2,7 4,1 2,2 0,3 2,5 Sardegna ,9 46,6 34,1 3,4 34,8 2,1 3,2 1,9 0,4 2,0 Nord ,6 47,1 27,3 2,1 30,8 13,8 16,6 7,2 0,9 9,5 Centro ,2 47,3 29,8 2,7 32,6 11,4 15,6 7,6 1,1 9,0 Mezzogiorno ,2 47,8 31,6 2,4 33,2 2,6 4,3 2,5 0,4 2,7 ITALIA ,0 47,2 28,5 2,3 31,6 9,1 11,9 5,7 0,8 7,0 Fonte: Popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile (R); Rilevazione della popolazione residente comunale straniera per sesso e anno di nascita (R) 50

13 2. Popolazione Tavola 2.3 segue - Indicatori strutturali della popolazione straniera residente al 31 dicembre Anni ANNI REGIONI Totale stranieri residenti (valori assoluti) Distribuzione percentuale 0-17 anni anni anni e anni oltre Età media Incidenza percentuale sulla popolazione residente 0-17 anni anni anni e anni oltre Totale ,7 49,3 25,9 2,1 30,9 6,6 8,4 3,8 0,5 5, ,2 49,2 26,6 2,0 31,1 7,5 9,8 4,5 0,6 5, ,0 48,3 27,5 2,1 31,3 8,4 11,0 5,2 0,7 6, ,0 47,2 28,5 2,3 31,6 9,1 11,9 5,7 0,8 7, PER REGIONE Piemonte ,4 47,2 28,0 2,3 31,4 13,1 16,6 6,9 0,9 8,9 Valle d'aosta/vallée d'aoste ,9 46,3 29,0 2,8 31,9 9,0 12,2 5,3 0,9 6,8 Liguria ,6 44,8 31,1 3,5 33,1 11,5 15,2 6,6 1,0 7,8 Lombardia ,2 45,9 28,0 1,9 30,8 15,5 18,2 8,3 1,0 10,7 Trentino-Alto Adige/Südtirol ,7 44,8 29,0 3,5 32,2 10,4 14,3 7,2 1,6 8,7 Bolzano/Bozen ,6 43,7 30,2 4,5 33,2 9,0 12,8 7,2 2,1 8,2 Trento ,6 45,7 28,0 2,6 31,3 11,8 15,7 7,2 1,2 9,2 Veneto ,0 47,0 27,3 1,7 30,5 14,5 17,9 7,7 0,9 10,2 Friuli-Venezia Giulia ,3 45,0 30,7 3,0 32,6 12,1 15,5 7,1 1,1 8,5 Emilia-Romagna ,8 46,3 28,8 2,2 31,4 16,4 19,9 9,1 1,1 11,3 Toscana ,7 45,8 30,5 2,9 32,6 13,3 17,4 8,2 1,2 9,7 Umbria ,2 45,2 30,5 3,1 32,6 15,1 18,7 9,6 1,5 11,0 Marche ,4 45,9 28,8 2,8 31,8 13,1 16,1 7,7 1,2 9,4 Lazio ,4 47,6 31,4 2,6 33,5 10,4 16,3 8,3 1,3 9,5 Abruzzo ,3 48,0 29,8 2,9 32,7 7,4 10,4 5,1 0,8 6,0 Molise ,7 48,8 30,0 2,5 32,7 3,4 4,9 2,4 0,3 2,8 Campania ,3 46,5 36,4 1,8 34,8 2,2 4,3 3,1 0,3 2,8 Puglia ,8 46,9 31,3 3,0 33,2 2,4 3,7 2,1 0,4 2,3 Basilicata ,9 49,7 31,7 1,6 33,0 2,6 4,4 2,3 0,2 2,5 Calabria ,7 48,5 31,8 2,0 33,1 3,7 6,0 3,5 0,4 3,7 Sicilia ,0 48,2 29,6 2,1 32,2 3,0 4,6 2,5 0,3 2,8 Sardegna ,8 45,8 34,9 3,4 35,1 2,4 3,6 2,1 0,4 2,3 Nord ,3 46,2 28,3 2,2 31,2 14,5 17,7 7,9 1,0 10,1 Centro ,9 46,6 30,7 2,8 32,9 12,0 16,8 8,3 1,3 9,6 Mezzogiorno ,9 47,5 32,3 2,3 33,4 2,9 4,8 2,8 0,4 3,0 ITALIA ,7 46,5 29,4 2,3 31,9 9,7 12,7 6,3 0,9 7,5 Fonte: Popolazione residente comunale per sesso, anno di nascita e stato civile (R); Rilevazione della popolazione residente comunale straniera per sesso e anno di nascita (R) 51

14 Annuario statistico italiano 2011 Tavola Bilancio demografico della popolazione residente per regione - Anno 2010 ANNI REGIONI Popolazione residente al 1 gennaio Movimento naturale Movimento migratorio Popolazione Nati vivi Morti Saldo Saldo tra residente al Iscritti Cancellati tra nati Da altri Dall'estero Per altri Per altri Per Per altri iscritti e 31 dicembre vivi e morti comuni (a) motivi (b) comuni (a) l'estero motivi (b) cancellati PER REGIONE Piemonte Valle d'aosta/ Vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Movimento e calcolo della popolazione residente annuale (R) (a) Il motivo per cui il numero di iscritti e cancellati da/per altri comuni non coincide, a livello nazionale, è da imputare allo sfasamento temporale tra data di cancellazione di una persona dal comune di emigrazione e data di iscrizione della stessa presso il comune di immigrazione. (b) Pratiche anagrafiche di sola iscrizione o cancellazione conseguenti a verifiche post-censuarie (sostanzialmente iscrizioni di persone non censite e cancellazioni di persone censite per errore) o ad accertamenti anagrafici correnti (principalmente cancellazioni di persone irreperibili). 52

15 2. Popolazione Tavola Comuni e popolazione residente per classe di ampiezza demografica e regione al 31 dicembre - Anno 2010 REGIONI Fino a Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA REGIONI Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Movimento e calcolo della popolazione residente annuale (R) Classi di ampiezza demografica Classi di ampiezza demografica 53

16 Annuario statistico italiano 2011 Tavola 2.5 segue - Comuni e popolazione residente per classe di ampiezza demografica e regione al 31 dicembre - Anno 2010 REGIONI Classi di ampiezza demografica Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna REGIONI Classi di ampiezza demografica Totale Oltre Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Comuni Popolazione Piemonte Valle d'aoste/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Fonte: Movimento e calcolo della popolazione residente annuale (R) 54

17 2. Popolazione Tavola Iscritti e cancellati per trasferimento di residenza da e per l'estero, per regione e area geografica di origine e destinazione - Anno 2008 REGIONI Europa Ue (a) Altri paesi Totale Africa America Asia Oceania Totale europei ISCRITTI Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA CANCELLATI Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche per trasferimento di residenza (R) (a) Unione europea a 27 Stati membri. 55

18 Annuario statistico italiano 2011 Tavola Iscritti e cancellati per trasferimento di residenza secondo la regione di iscrizione e di cancellazione - Anno 2008 REGIONI DI CANCELLAZIONE (PROVENIENZA) Regioni di iscrizione (destinazione) Piemonte Valle d'aosta/ Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Veneto Vallée d'aoste Totale Bolzano/ Trento Bozen Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA REGIONI DI CANCELLAZIONE (PROVENIENZA) Regioni di iscrizione (destinazione) Friuli-Venezia Emilia- Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Giulia Romagna Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche per trasferimento di residenza (R) 56

19 2. Popolazione Tavola 2.7 segue - Iscritti e cancellati per trasferimento di residenza secondo la regione di iscrizione e di cancellazione - Anno 2008 REGIONI DI CANCELLAZIONE (PROVENIENZA) Regioni di iscrizione (destinazione) Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Nord Centro Mezzogiorno Piemonte Valle d'aosta/vallée d'aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche per trasferimento di residenza (R) 57

Capitolo 2. Popolazione

Capitolo 2. Popolazione Capitolo 2 Popolazione 2. Popolazione Dinamica della popolazione residente Al 31 dicembre 2012 la popolazione residente in Italia è pari a 59.685.227 unità; rispetto al 1 gennaio 2012 - anno in cui la

Dettagli

Capitolo 2. Popolazione

Capitolo 2. Popolazione Capitolo 2 Popolazione 2. Popolazione Dinamica della popolazione residente Al 31 dicembre 2004 la popolazione residente in Italia è pari a 58.462.375 unità di cui 28.376.804 maschi e 30.085.571 femmine.

Dettagli

1. La popolazione residente

1. La popolazione residente 1. La popolazione residente La popolazione residente in Italia al 31/12/2009 è pari a 60.340.328 unità, con un incremento di 295.260 unità (+0,5%) rispetto al 31 dicembre dell anno precedente dovuto prevalentemente

Dettagli

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE 3POPOLAZIONE E FAMIGLIE Al 31 dicembre 2013, la popolazione residente in Italia è pari a 60.782.668 unità, oltre 1 milione in più rispetto all inizio dell anno (+1,8 per cento). La componente straniera

Dettagli

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE 3POPOLAZIONE E FAMIGLIE Al 31 dicembre 2015, la popolazione residente in Italia è di 60.665.551 persone, oltre 130 mila in meno rispetto all inizio dell anno. La differenza fra le nascite e le morti si

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE AL 1 GENNAIO 2007 IN ITALIA ED A FAENZA UN CONFRONTO

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE AL 1 GENNAIO 2007 IN ITALIA ED A FAENZA UN CONFRONTO COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE AL 1 GENNAIO 2007 IN ITALIA ED A FAENZA UN CONFRONTO Edizione 1/ST/st/01.12.2007

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2017 Anno 2016 Lavoratori Domestici Nell anno 2016 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 866.747,

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2016 Anno 2015 Lavoratori Domestici Nell anno 2015 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 886.125,

Dettagli

BILANCIO DEMOGRAFICO 2013: LA SITUAZIONE NELLE MARCHE E NELLE PROVINCE

BILANCIO DEMOGRAFICO 2013: LA SITUAZIONE NELLE MARCHE E NELLE PROVINCE BILANCIO DEMOGRAFICO 2013: LA SITUAZIONE NELLE MARCHE E NELLE PROVINCE Il 16 giugno scorso è stato presentato dall ISTAT il Bilancio demografico nazionale che fotografa la situazione relativa alla popolazione

Dettagli

2,50 2,25 2,00 1,75 1,50 1,25. Tasso di variazione medio annuo della popolazione residente per provincia Anno 2006 (valori percentuali) 1,00 0,75

2,50 2,25 2,00 1,75 1,50 1,25. Tasso di variazione medio annuo della popolazione residente per provincia Anno 2006 (valori percentuali) 1,00 0,75 La struttura e la dinamica della popolazione sono al tempo stesso tra le cause e tra gli effetti dello sviluppo economico e sociale. Anche se i fenomeni demografici si evolvono con relativa lentezza, le

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

La popolazione del Friuli Venezia Giulia: previsioni 2008-2050

La popolazione del Friuli Venezia Giulia: previsioni 2008-2050 La popolazione del Friuli Venezia Giulia: previsioni 2008-2050 Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti Prof. G. d Antonio Comuni e popolazione residente secondo il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005 (valori assoluti) REGIONI Depurazione completa

Dettagli

Bilancio demografico nazionale Anno 2004

Bilancio demografico nazionale Anno 2004 27 giugno 2005 Bilancio demografico nazionale Anno 2004 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla popolazione residente in Italia risultanti dalle registrazioni anagrafiche degli

Dettagli

Tab. 1 - POPOLAZIONE RESIDENTE Anno 2003 (valori assoluti e percentuali) PROVINCE E Popolazione al 31/12/03

Tab. 1 - POPOLAZIONE RESIDENTE Anno 2003 (valori assoluti e percentuali) PROVINCE E Popolazione al 31/12/03 La popolazione residente in Liguria nel 2003 risulta pari a 1.577.474 unità. Rispetto al 2002 essa si incrementa di 5.277 unità (+0,3%). Tale incremento è il risultato di andamenti differenziati: mentre

Dettagli

Indicatori demografici

Indicatori demografici 26 marzo 2007 Indicatori demografici Anno 2006 L Istat rende disponibili sul sito http://demo.istat.it, nella sezione Altri dati, le stime dei principali indicatori demografici del 2006 con dettaglio nazionale,

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 22 al 211. Glossario: Arrivi: il numero di clienti, italiani e stranieri, ospitati

Dettagli

I flussi migratori a Bologna nel quinquennio ottobre 2017

I flussi migratori a Bologna nel quinquennio ottobre 2017 I flussi migratori a Bologna nel quinquennio 2012-2016 ottobre 2017 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Mariagrazia Bonzagni Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2 al 29. Glossario: Arrivi: secondo la definizione dell ISTAT è il numero di clienti,

Dettagli

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006)

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) Regioni Ristoranti (U.L.) Bar (U.L.) Piemonte 7.544 12.708 Valle d'aosta 589 646 Lombardia 13.165 27.552 Trentino 2.635

Dettagli

Bilancio demografico nazionale Anno 2008

Bilancio demografico nazionale Anno 2008 23 giugno 2009 Bilancio demografico nazionale Anno 2008 Direzione centrale comunicazione e editoria Tel. +39 6 4673.2244-2243 Centro di informazione statistica Tel. +39 6 4673.3105 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 Fonte: Istat

Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 Fonte: Istat Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 La statistica report su Natalità e fecondità si basa prevalentemente sulla rilevazione degli Iscritti in anagrafe

Dettagli

Direttore Generale: Avv. Stefano Rossi Direttore Sanitario: Dott.ssa Matilde Carlucci Indicatori Socio-Demografici della popolazione ASL TA 2017

Direttore Generale: Avv. Stefano Rossi Direttore Sanitario: Dott.ssa Matilde Carlucci Indicatori Socio-Demografici della popolazione ASL TA 2017 Direttore Generale: Avv. Stefano Rossi Direttore Sanitario: Dott.ssa Matilde Carlucci Indicatori Socio-Demografici della popolazione ASL TA 2017 A cura di: S.C. Statistica e Epidemiologia, Dott. S. Minerba,

Dettagli

Andamento della popolazione residente secondo la componente straniera e non

Andamento della popolazione residente secondo la componente straniera e non COMUNICATO STAMPA INDICATORI DEMOGRAFICI DEL COMUNE DI TERNI (Stima per l anno 2016) (a cura dei Servizi Statistici del Comune di Terni) Al primo gennaio 2017 si stima che a Terni la popolazione ammonti

Dettagli

La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017

La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017 Luglio 2017 La popolazione straniera, residente in provincia di Trento, al 1 gennaio 2017 Al 1 gennaio 2017 la popolazione straniera residente in Trentino ammonta a 46.456 persone, con una diminuzione

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE Aprile 2009 L'andamento delle richieste

Dettagli

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni Tabella 1 - Persone (valori assoluti in migliaia e Intervalli di Confidenza al 95%) che nei tre mesi precedenti l intervista hanno subito incidenti in ambiente domestico e tassi di incidenti domestici

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia

Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Il profilo di salute del Friuli Venezia Giulia Servizio di Epidemiologia Direzione Centrale di Salute, Integrazione Socio Sanitaria e Politiche Sociali Aspetti Demografici del Friuli Venezia Giulia Silvia

Dettagli

Popolazione. Dinamica della popolazione residente

Popolazione. Dinamica della popolazione residente AREA POPOLAZIONE I dati relativi alla Popolazione sono stati forniti dall Ufficio Anagrafe del Comune di Aosta, e dalla consultazione dell Annuario Statistico e dei Censimenti del 1981-1991-2001-2011.

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Luca Romano Direttore di Local Area Network Martedi 8 Aprile 2014 Auditorium del Lavoro ROMA L INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO 1/6 65 ANNI E PIU' TOTALE ANDAMENTO

Dettagli

La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può

La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può La crescita demografica può avere impatti negativi sull ambiente: una popolazione crescente ha bisogno di maggiori quantità di risorse e quindi può causare l impoverimento del territorio. PARTE PRIMA RAPPORTO

Dettagli

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014 La popolazione toscana al 1 gennaio 2013 marzo 2014 Il contesto nazionale La popolazione residente in Italia nell ultimo decennio è cresciuta sensibilmente. Complessivamente la variazione è stata pari

Dettagli

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007 I primati di nel mercato del lavoro nel 2007 Maggio 2008 Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento tecnico: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Mappe tematiche: Fabrizio Dell Atti Le elaborazioni

Dettagli

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane L andamento congiunturale e l attrattività delle regioni Mauro Politi Francesca Petrei ISTAT - Direzione Centrale delle Statistiche

Dettagli

La dinamica demografica

La dinamica demografica 0 La dinamica demografica I Piccoli Comuni sono stati storicamente caratterizzati da un esodo lento e continuo di popolazione. A partire dal secondo dopoguerra il lento processo delle migrazioni interne

Dettagli

negativo. Detto altrimenti, il numero di coloro che si trasferiscono quello di coloro che invece vanno a viveturale altrove e compensa

negativo. Detto altrimenti, il numero di coloro che si trasferiscono quello di coloro che invece vanno a viveturale altrove e compensa L E RISORSE UMANE 3.1 LA DINAMICA DEMOGRAFICA Nel 2006 la popolazione piemontese è in crescita per il quinto anno consecutivo. L aumento di residenti si deve al saldo migratorio positivo che compensa il

Dettagli

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Introduzione Gli incidenti stradali costituiscono un problema prioritario di sanità pubblica per la loro numerosità e per le conseguenze in termini di mortalità,

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Ottobre 2011

OPEN - Fondazione Nord Est Ottobre 2011 A4. TENDENZE DELLA NATALITÀ E DELLA MORTALITÀ Il saldo naturale del Nord Est è positivo dal 2004; quello dell Italia rimane negativo Il saldo naturale del Nord Est nel periodo 1992-2003 è risultato sempre

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

Relazione Stato sanitario Paese 2000

Relazione Stato sanitario Paese 2000 Relazione sullo stato sanitario del paese 2000 Relazione Stato sanitario Paese 2000 sullo del La Relazione sullo stato sanitario del Paese in questi ultimi anni è mutata profondamente orientando ed estendendo

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Annuario demografico 2016

Annuario demografico 2016 Comune di Gabicce Mare Annuario demografico 2016 NOTA: I dati relativi all anno 2016 sono provvisori in quanto non ancora validati dall ISTAT.. Comune di Gabicce Mare Annuario demografico 2016 Indice delle

Dettagli

Il Quadro demografico della città di Messina

Il Quadro demografico della città di Messina DIPARTIMENTO STATISTICA Il Quadro demografico della città di Messina Le principali caratteristiche demografiche 2011 A C U R A D E L DIPARTIMENTO DI STATISTICA Premessa L Istituto Nazionale di Statistica

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Novembre 2016 Anno 2015 Cittadini Extracomunitari Nell anno 2015 il numero di cittadini extracomunitari 1 conosciuti all INPS,

Dettagli

C omune di B evagna. Statistiche Demografiche. Dati aggiornati al 31 Dicembre 2010

C omune di B evagna. Statistiche Demografiche. Dati aggiornati al 31 Dicembre 2010 C omune di B evagna Statistiche Demografiche Dati aggiornati al 31 Dicembre 2010 Corso Giacomo Matteotti, 58 06031 Bevagna (PG) Tel. 0742-368111 - fax 0742-361647 e-mail: info@comune.bevagna.pg.it Il presente

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro 28 aprile 2010 Rilevazione sulle forze di lavoro Media 2009 Sul sito www.istat.it sono da oggi disponibili i dati della media 2009 della rilevazione sulle forze di lavoro. In questa statistica in breve

Dettagli

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA Nei primi 9 mesi del 2016 in Italia si è registrata una crescita tendenziale dell export pari allo 0,5%, sintesi del contributo positivo dell Italia

Dettagli

Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI

Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI 8 luglio 2016 Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI A partire da oggi l'istat diffonde un unico comunicato sui bilanci consuntivi delle amministrazioni comunali e

Dettagli

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero Tavola 1 - Popolazione residente e movimento anagrafico per regione e ripartizione - Anno 2002 REGIONI Nati vivi Movimento Da altri Comuni Iscritti Dall'estero Movimento migratorio Cancellati Per altri

Dettagli

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie.

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie. trimestre, pertanto il dato a livello nazionale può non corrispondere alla somma dei lavoratori di ciascuna regione. Fonte dei dati. Ministero del Lavoro. SISCO (Sistema Informativo Statistico Comunicazioni

Dettagli

Lingua italiana e dialetti in Italia

Lingua italiana e dialetti in Italia Statistiche in breve del 12 marzo 2002 Lingua italiana e dialetti in Italia Anno 2000 Si consolida l, diminuisce l uso esclusivo del, aumenta l uso alternato Continua a crescere l uso dell nei confronti

Dettagli

Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica. Andamento demografico primo semestre 2017

Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica. Andamento demografico primo semestre 2017 Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina, Verghereto Cesena - Ufficio Statistica In Italia Andamento demografico primo semestre 2017 Giugno 2017: Istat pubblica i dati definititi di

Dettagli

BILANCIO DEMOGRAFICO 2010 La popolazione del Piemonte nel 2010

BILANCIO DEMOGRAFICO 2010 La popolazione del Piemonte nel 2010 BILANCIO DEMOGRAFICO 2010 La popolazione del Piemonte nel 2010 La pubblicazione presenta i dati dei bilanci demografici ISTAT anno 2010 suddivisi per comune, provincia, Asl, comunità montane, zone altimetriche

Dettagli

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 Statistiche flash Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 7 Dicembre 2016 Gli ultimi

Dettagli

L economia del Lazio nel 2009

L economia del Lazio nel 2009 L economia del Lazio nel 2009 Evidenza dai conti regionali Istat pubblicati il 28 settembre 2010 Servizio Analisi e Finanza Sviluppo Lazio L economia del Lazio nel 2009 1. Premessa Il 28 settembre, l Istat

Dettagli

1 Elaborazione a cura di CAIRE

1 Elaborazione a cura di CAIRE 1 Elaborazione a cura di Previsione 2020 SCENARIO A Lo scenario A è quello più ottimistico : i saldi migratori si mantengono costanti sui livelli degli ultimi 5 anni, vale a dire uno dei periodi con le

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

Fondazione Nord Est Settembre 2012

Fondazione Nord Est Settembre 2012 A5. PREVISIONI ISTAT DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE: SECONDO L IPOTESI CENTRALE LA POPOLAZIONE DEL NORD EST CRESCERÀ DI OLTRE IL 9% TRA IL 2011 E IL 2030, RAGGIUNGENDO GLI 8 MILIONI DI ABITANTI Le più recenti

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010)

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) TAV. 1 ARRIVI PRESENZE I T rim e stre II T rim e stre III T rim e stre IV T rim e stre TOTALE 2011 2010

Dettagli

Popolazione residente per classe d'età e sesso in Veneto e Italia al 1 Gennaio 1999(a)

Popolazione residente per classe d'età e sesso in Veneto e Italia al 1 Gennaio 1999(a) Popolazione residente per classe d'età e sesso in Veneto e Italia al 1 Gennaio 1999(a) Meno di 1 1-4 5-9 10-14 15-24 24-44 45-64 65 e più MASCHI E FEMMINE Veneto 41.385 158.556 197.957 195.286 513.966

Dettagli

INDICE. - Sintesi - Grafici

INDICE. - Sintesi - Grafici Statistica INDICE - Sintesi - Grafici Tav. 1 - Strutture ricettive e posti letto al 31.12.2013. Comune di Pordenone Tav. 2 - Arrivi e presenze negli esercizi alberghieri e complementari. 2008-2013 Tav.

Dettagli

Previsioni della popolazione residente

Previsioni della popolazione residente Previsioni della popolazione residente Base 1 gennaio 2000 Informazioni e chiarimenti: Istat - Direzione centrale per le indagini sulle istituzioni sociali Maria Pia Sorvillo Marco Marsili Tel. 06 8522.7335

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale Dicembre 216 MATRIMONI, SEPARAZIONI E DIVORZI IN TOSCANA: Anno 215 La rilevazione sui matrimoni è di tipo

Dettagli

Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra

Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra Trasferimenti dall Italia: non solo Svizzera Aumentano le cancellazioni di residenza dall Italia: ecco dove si emigra Trasferimenti di residenza: in forte aumento i Paesi extra UE. Osservando i dati Istat

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Osservatorio per le Politiche Sociali - Terzo Rapporto

Osservatorio per le Politiche Sociali - Terzo Rapporto 1 STRUTTURA E DINAMICA DEMOGRAFICA Il capitolo si articola in due paragrafi. Nel primo sono riportati i dati e i commenti riguardanti la struttura demografica della popolazione della Valle d Aosta. Nel

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI - CLASSI DI ETA' ASL NAPOLI 2 NORD AGGIORNAMENTO ISTAT AL 01 / 01 / 2017

INDICATORI DEMOGRAFICI - CLASSI DI ETA' ASL NAPOLI 2 NORD AGGIORNAMENTO ISTAT AL 01 / 01 / 2017 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NA2 NORD Controllo di Gestione e Budgeting UOS Flussi Informativi Parco Meteora Qualiano Tel. 08118840835-836 - 837 Email : flussi.informativi@aslnapoli2nord.it

Dettagli

FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI

FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI RAPPORTO 2016. Nel 2015 gli Iscritti all Albo sono in crescita (+1%), mentre i redditi medi (dichiarazioni 2015, anno d imposta 2014) sono in calo dell 1,9% a fronte di una crescita del Pil nominale nel

Dettagli

BILANCIO DEMOGRAFICO 2009 La popolazione del Piemonte nel 2009

BILANCIO DEMOGRAFICO 2009 La popolazione del Piemonte nel 2009 BILANCIO DEMOGRAFICO 2009 La popolazione del Piemonte nel 2009 La pubblicazione presenta i dati dei bilanci demografici ISTAT anno 2009 suddivisi per comune, provincia, Asl, comunità montane, zone altimetriche

Dettagli

PANORAMA TURISMO. Analisi e Tendenze della Riviera Adriatica dell Emilia Romagna

PANORAMA TURISMO. Analisi e Tendenze della Riviera Adriatica dell Emilia Romagna PANORAMA TURISMO Analisi e Tendenze della Riviera Adriatica dell Emilia Romagna PREMESSA 1. L analisi è stata condotta facendo riferimento ai dati MOVC dei singoli Comuni o territori balneari della Riviera

Dettagli

Bilancio demografico regionale

Bilancio demografico regionale Bilancio demografico regionale Anno 2004 28 luglio 2005 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla popolazione residente in Sardegna risultanti dalle registrazioni anagrafiche degli

Dettagli

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE OSSERVATORIO 2 q SETTEMBRE 217 N 32 I FALLIMENTI TORNANO AI LIVELLI PRE-CRISI OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE - SETTEMBRE 217 / N

Dettagli

Indicatori demografici

Indicatori demografici 18 febbraio 2010 Indicatori demografici Anno 2009 L Istat rende disponibili le stime anticipate dei principali indicatori demografici relativi all anno 2009, con dettaglio nazionale, regionale e provinciale.

Dettagli

Trento Statistica La popolazione al 31 dicembre 2014

Trento Statistica La popolazione al 31 dicembre 2014 1 Sostanziale stabilità della popolazione rispetto al 2013 (+19 persone) Popolazione residente: 117.304 di cui 56.085 maschi (48%) e 61.219 femmine (52%) 2 SALDO NATURALE (nati-morti) positivo: +71 Nati:

Dettagli

Capitolo 15. Costruzioni

Capitolo 15. Costruzioni Capitolo 15 Costruzioni 15. Costruzioni Per saperne di più... ISTAT. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. A partire dal 2012 l Istat ha ulteriormente ampliato

Dettagli

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Introduzione Le malattie del sistema circolatorio sono le principali cause di morte nei paesi occidentali come l Italia: quasi il 4% dei decessi

Dettagli

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino Comunicato stampa PROFESSIONI, COMMERCIALISTI: IN DIECI ANNI REDDITI GIU DEL 14% SECONDO IL RAPPORTO 2017 SULLA CATEGORIA QUELLO MEDIO DEL 2016 È PARI A 58MILA EURO (+2,2 SULL ANNO PRECEDENTE). MA QUASI

Dettagli

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE

3POPOLAZIONE E FAMIGLIE 3POPOLAZIONE E FAMIGLIE Al 31 dicembre 2014, la popolazione residente in Italia è pari a 60.795.612 unità, quasi 13 mila unità in più rispetto all inizio dell anno. Le iscrizioni anagrafiche si confermano

Dettagli

Le consistenze e la natimortalità

Le consistenze e la natimortalità Rete carburanti, contrazione di imprese,consumi in rosso per la rete, perdita secca in autostrada. 2014 da dimenticare. Le consistenze e la natimortalità Nei primi dieci mesi del 2014 le imprese che operano

Dettagli

Capitolo 6. Interventi e servizi sociali nel territorio

Capitolo 6. Interventi e servizi sociali nel territorio Capitolo 6 Interventi e servizi sociali nel territorio 6.1 Introduzione Le condizioni di difficoltà e disagio descritte nel precedente capitolo stimolano una domanda di protezione sociale, al cui soddisfacimento

Dettagli

Figura 1 - Territorio con copertura artificiale -Anno 2009 (incidenza percentuale sulla superficie totale)

Figura 1 - Territorio con copertura artificiale -Anno 2009 (incidenza percentuale sulla superficie totale) Allegato statistico Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini Commissione XIII Territorio, Ambiente e Beni ambientali del Senato della Repubblica Roma, 18 gennaio

Dettagli

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16%

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Dati e statistiche Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Piazza in crescente fermento per negozi, uffici e capannoni industriali

Dettagli

Bilancio demografico regionale Anno 2004

Bilancio demografico regionale Anno 2004 Bilancio demografico regionale Anno 2004 28 luglio 2005 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla popolazione residente in Umbria risultanti dalle registrazioni anagrafiche degli

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 03/05/2017 La situazione in Veneto Nel 2015 i reati di truffa, rapina e furto hanno interessato 276.287 vittime di 66 anni e oltre, di cui

Dettagli

Il turismo nel comune di Mantova

Il turismo nel comune di Mantova Il turismo nel comune di Mantova IN BREVE +24% gli arrivi di turisti italiani e stranieri nel 213 +6,1% le presenze; in calo la permanenza media che passa da 2,2 gg/vacanza nel 212 a 1,88 gg/vacanza nel

Dettagli

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2014 Edizione 1/ST/st/09.01.2015 Supera: nessuno

Dettagli

Bilancio demografico regionale Anno 2004

Bilancio demografico regionale Anno 2004 Bilancio demografico regionale Anno 2004 28 luglio 2005 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla popolazione residente in Basilicata risultanti dalle registrazioni anagrafiche degli

Dettagli

Indicatori demografici

Indicatori demografici 24 aprile 2006 Indicatori demografici Anno 2005 L Istat rende disponibili sul sito htpp://demo.istat.it, nella sezione Altri dati, le stime anticipatorie dei principali indicatori demografici del 2005

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia

A.P.T. della Provincia di Venezia RELAZIONE: flussi turistici di Gennaio-Dicembre 2012 STL BIBIONE ARRIVI / PRESENZE: il flusso turistico di, registra un aumento negli arrivi ed una diminuzione nelle presenze: ARRIVI (+3,85%), PRESENZE

Dettagli

Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2011

Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2011 2011 Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2011 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL'ESTERO Dall'Anagrafe degli Italiani residenti

Dettagli

Indicatori demografici

Indicatori demografici 24 gennaio 2011 Indicatori demografici Anno 2010 L Istat rende disponibili le stime anticipate dei principali indicatori demografici relativi all anno 2010, con dettaglio nazionale, regionale e provinciale.

Dettagli

Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2013

Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2013 2013 Sistema Informativo Statistico DEMOGRAFIA I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL ESTERO ANNO 2013 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 I MARCHIGIANI RESIDENTI ALL'ESTERO Dall'Anagrafe degli Italiani residenti

Dettagli

Edifici e abitazioni

Edifici e abitazioni 11 agosto 2014 Edifici e abitazioni L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi sugli edifici. Il censimento degli edifici è avvenuto nel 2011 con modalità e tecnologie profondamente rinnovate rispetto

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE 2016

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE 2016 PARTE PRIMA 1. DEMOGRAFIA 1. Demografia Nonostante la popolazione trentina abbia rallentato molto il suo ritmo di crescita, risulta tra le poche realtà nazionali a presentare un tasso di incremento della

Dettagli

Silvia Bruzzone Istat

Silvia Bruzzone Istat Incidenti stradali in Italia nel 2014 Silvia Bruzzone Istat 5 a Giornata Regionale della Sicurezza Stradale Auditorium G. Testori Palazzo Lombardia Milano 24 novembre 2015 A che punto siamo? Gli incidenti

Dettagli