Progetto ALI - CNER. Community Network Emilia-Romagna. Piano di monitoraggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ALI - CNER. Community Network Emilia-Romagna. Piano di monitoraggio"

Transcript

1 Progetto ALI - CNER Community Network Emilia-Romagna Piano di monitoraggio Luglio 2009

2 INDICE 1. ANAGRAFICA PROGETTO 3 2. RESPONSABILE 6 3. ENTI PARTECIPANTI 7 4. SERVIZI INFRASTRUTTURE PIANO DI RILASCIO DEI SERVIZI MILESTONE ATTIVITÀ ALLEGATI 33 ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

3 1. Anagrafica Progetto Codice CUP Acronimo del progetto Nome Descrizione Coordinatore ALI CN-ER ALI CN-ER Community Network dell Emilia-Romagna Realizzazione del modello tecnico, organizzativo e gestionale dell ALI della Community Network Emilia- Romagna Regione Emilia-Romagna Data inizio 1 settembre 2009 Durata 30 mesi 1.1. Quadro di contesto Lo sviluppo della Società dell Informazione in Emilia-Romagna è inteso come un processo in cui tutto il territorio regionale possa usufruire in modo omogeneo degli strumenti e delle potenzialità offerti dalle nuove tecnologie, mantenendo il livello di competitività che la nostra regione ha tradizionalmente ricoperto nei decenni scorsi. La governance definita nella Legge Regionale 11/2004 e messa in campo in questi anni prevede che le Linee guida del PiTER (Piano Telematico dell Emilia-Romagna) e la programmazione annuale vengano condivise all interno del Comitato Permanente di Indirizzo, nel quale sono presenti non solo rappresentanti delle amministrazioni provinciali e comuni capoluogo, ma anche comuni più piccoli e delle dimensioni associative. Inoltre la governance delle in ambito di Società dell Informazione si è arricchita di due nuovi elementi, la Community Network Emilia-Romagna e la società inhouse Lepida S.p.A., pervenendo, grazie anche alla costituzione del già previsto Centro di Alta Competenza, ad un modello globale di governance. In questo scenario il progetto ALI CN-ER si pone l obiettivo di costruire il Sistema attraverso il quale gestire nei prossimi anni, in modo coordinato e coeso, l e-government e l ICT nell intero territorio regionale. Il progetto si propone, in particolare, di favorire la crescita dell ICT ed il controllo sulla sua gestione, che rientra nell ambito compiti core per il perseguimento dell efficienza pubblica e quindi da presidiare adeguatamente, in particolar modo per i Comuni di piccole e medie dimensioni Il progetto ALI CN-ER, vede coinvolti tutti i soggetti aderenti alla Community Network Emilia- Romagna, ovvero: Regione, Lepida S.p.A. e tutti gli enti locali del territorio regionale Comuni, 9 Province, 9 Comunità Montane, il Nuovo Circondario di Imola, e tutte le Unioni di Comuni, esistenti ed in via di costituzione in base alla recente legge regionale sul riordino territoriale (L.R. 30 giugno 2008, n Misure per il riordino territoriale, l'autoriforma dell'amministrazione e la razionalizzazione delle funzioni), nonché le restanti Associazioni di Comuni. Il progetto investe l intero territorio regionale con un bacino potenziale di utenza indiretta pari a circa di abitanti e circa imprese pur restando ferma la centralità del progetto a favore delle Comunità locali di piccole dimensioni. Infatti, come emerge dalle rilevazioni effettuate, sono in particolar modo i Comuni di piccole dimensioni che necessitano e richiedono un intervento regionale, non solo nell approntamento dell infrastruttura di trasporto e connettività, ma anche, e forse soprattutto, nella predisposizione di quei servizi infrastrutturali ed abilitanti funzionali all erogazione servizi finali ed all interoperabilità sistemi. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

4 Il modello ALI CN-ER Il modello ALI CN-ER si fonda sulla reciprocità fra dimensione regionale - trasversale e dimensione territoriale - locale: il livello regionale trasversale presidia la componente tecnologica più innovativa in due ambiti fondamentali: o lo sviluppo e l erogazione servizi infrastrutturali (autenticazione, cooperazione applicativa, data center, pagamenti, etc.); o la costruzione ed il presidio delle grandi anagrafi regionali, del territorio e delle imprese; il livello locale assicura il reale dispiegamento delle soluzioni e servizi nel territorio, garantendo che all applicazione di strumenti tecnologicamente evoluti si accompagni una rivisitazione processi interni di lavoro, la semplificazione delle procedure, la dematerializzazione delle, l erogazione di servizi on-line realmente utili ed usati. In questo contesto, svolgono una funzione cruciale i Sistemi Informatici Associati (SIA), i quali gestiscono, per i Comuni afferenti, i servizi gestionali, le applicazioni tipiche degli Enti ed il loro interfacciamento con i servizi infrastrutturali per l'erogazione servizi di e-government, assicurando in modo continuativo l'assistenza necessaria al buon funzionamento servizi gestionali stessi e delle applicazioni tipiche collegate. Lepida S.p.A. nello specifico, agisce sulla dimensione tecnologica per quanto concerne il sistema infrastrutturale, i servizi infrastrutturali ed abilitanti ed i progetti applicativi a valenza di sistema regionale, assicurando in modo continuativo il funzionamento dell infrastruttura, delle applicazioni e servizi e realizzando i progetti nelle iniziative di PiTER. Gestisce la rete R3 e la rete LEPIDA (nella sua dimensione realizzativa attuale e futura) e il suo raccordo con l SPC. Realizza le diverse componenti di reti regionali (MAN). Gestisce infine i servizi infrastrutturali ed abilitanti di e-government, rendendo anche, in tal senso, i propri servizi oltre che alla Regione, ai singoli Comuni ed ai SIA locali. L articolazione dell ALI CN-ER è quindi di natura territoriale, con un nodo centrale rappresentato da Lepida S.p.A. ed un articolazione SIA nella regione che differisce da territorio a territorio (a livello provinciale). Si prevedono tre differenti modelli di distribuzione, la cui diversità attiene sostanzialmente a quanti SIA si realizzano in ogni territorio provinciale e come ogni SIA si qualifica nei confronti del territorio di riferimento. Va ricordato che i SIA rappresentano la modalità con la quale, già oggi, alcuni enti locali gestiscono in forma associata i sistemi informatici e alcune applicazioni, nonché il loro interfacciamento con i servizi infrastrutturali, e che grazie al progetto s intende rafforzare. Il nodo centrale può rivestire in questo scenario anche il ruolo di hub regionale di erogazione servizi, laddove i SIA non si siano costituiti o, pur costituiti, risulti per determinate soluzioni maggiormente vantaggioso fruire dell istanza tecnologica offerta dall hub regionale. È altresì perseguibile che la localizzazione delle istanze tecnologiche che i SIA andranno ad implementare avvenga nell ambito del Data Center regionale di cui, entro il corrente anno, si potrà disporre. Resta comunque fermo, in entrambi i casi, l onere in capo ai SIA (ivi compresi i Nodi Provinciali) della gestione funzionale delle soluzioni, ancorché istanziate sull hub regionale o istanziate presso il Data Center, così come, in quest ultimo caso, resta fermo l onere della gestione applicativa. D altro canto, evidentemente, grazie alla rete a banda larga Lepida, le di remotizzazione comporteranno ai SIA risparmi consistenti nella gestione degli stack tecnologici. In conclusione l ALI CN-ER viene gestita dagli attori che la compongono, secondo le ripartizioni di ruoli e funzioni prima descritta. Attraverso la combinazione e le sinergie che si attuano fra Lepida S.p.A. ed i SIA si concretizza la gestione servizi informativo - informatici dell ALI CN-ER verso gli enti aderenti. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

5 L attuazione del modello ALI CN-ER Attraverso le previste si dà attuazione al modello sopradescritto. In particolare sono previste tre filiere di : di tipo organizzativo e di modellazione dell assetto di gestione, per definire compiutamente il modello descritto e renderlo operativo; di tipo implementativo, attraverso le quali si rendono operativi presso Lepida S.p.A. i servizi infrastrutturali ed abilitanti (più precisamente: gestione dell identità federata, servizi di cooperazione applicativa e servizi di data center) nonché la gestione di piattaforme applicative (piattaforma pagamenti, gestione dell anagrafe del territorio - DBTopografico e DBcatastale - e dell anagrafe delle imprese); di tipo supportivo, nel senso che verranno via via attivati i servizi di assistenza e supporto agli Enti, con riferimento ai servizi ICT, e in particolare, ma non solo, al portafoglio soluzioni e servizi che verranno attivati sull ALI CN-ER attraverso il progetto RILANDER e tramite il Centro di Competenza per il dispiegamento delle soluzioni di e-government che verrà attivato nei prossimi mesi. Attraverso la realizzazione del progetto si potrà ottenere una significativa razionalizzazione ed ottimizzazione delle modalità di gestione ed evoluzione delle componenti tecnologiche sull intero territorio regionale, consentendo parimenti agli Enti della CN-ER di operare scelte differenziate sia per quanto attiene l implementazione e la gestione tecnologica delle componenti, sia per i modelli organizzativi con i quali verranno gestiti i servizi sull intero territorio regionale. Ciò porterà quindi anche significativi risparmi in termini di risorse (non solo economiche, ma anche professionali e di miglioramento processi gestionali) per tutti gli enti locali coinvolti. Lo scenario a tendere, infatti, prevede che i servizi - attuali e futuri, via via evoluti e sempre maggiormente integrati sia fra loro che con i servizi infrastrutturali ed abilitanti offerti dal nodo regionale, riconciliati infine all interno di logiche unitarie di presentazione e fruizione pur uniche per tutti, siano tecnologicamente configurati secondo diverse modalità, interessando uno o più nodi della CN-ER (nodo Regionale, nodo Provinciale, nodo SIA, Comune singolo), in una logica integrata e di filiera Costo totale del progetto Nella tabella seguente è riportato il budget complessivo di progetto distinto nelle voci di costo. Acquisizione HW Acquisizione SW Sviluppo SW Servizi prof.li Generali Interni Formazione Totale ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

6 2. Responsabile Si riportano i riferimenti del responsabile del progetto Nominativo Bonora Rossella Telefono Cellulare Fax Ruolo Ufficio Dirigente Responsabile di Servizio Servizio Sviluppo dell Amministrazione digitale e Sistemi Informativi Geografici ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

7 3. Enti Partecipanti Si segnala che rispetto al 2007 ci sono stati alcuni cambiamenti legati al Piano di Riordino Territoriale (il cui iter non è ancora terminato) per quanto riguarda le Comunità Montane e le Forme Associative. Si confermano gli enti, così come da indicazione di non modificabilità dell Allegato A, anche per coerenza con gli atti amministrativi approvati. Per quanto riguarda la popolazione si confermano i dati dell Allegato A. Si conferma che tutti gli Enti Locali, in forma singola o in varie forme associate, partecipano al progetto e quindi la popolazione amministrata coincide con quella della Regione Emilia-Romagna. Codice ISTAT Tipologia ente Ente Popolazione Regione Emilia-Romagna Provincia Bologna Provincia Ferrara Provincia Forlì-Cesena Provincia Modena Provincia Parma Provincia Piacenza Provincia Ravenna Provincia Reggio Emilia Provincia Rimini Comune Agazzano Comune Alseno Comune Besenzone Comune Bettola Comune Bobbio Comune Borgonovo Val Tidone Comune Cadeo Comune Calendasco Comune Caminata Comune Caorso Comune Carpaneto Piacentino Comune Castell'Arquato Comune Castel San Giovanni Comune Castelvetro Piacentino Comune Cerignale Comune Coli Comune Corte Brugnatella Comune Cortemaggiore Comune Farini Comune Ferriere Comune Fiorenzuola d'arda Comune Gazzola Comune Gossolengo Comune Gragnano Trebbiense Comune Gropparello Comune Lugagnano Val d'arda Comune Monticelli d'ongina Comune Morfasso Comune Nibbiano Comune Ottone Comune Pecorara Comune Piacenza Comune Pianello Val Tidone Comune Piozzano Comune Podenzano Comune Ponte dell'olio Comune Pontenure ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

8 Comune Rivergaro Comune Rottofreno Comune San Giorgio Piacentino Comune San Pietro in Cerro Comune Sarmato Comune Travo Comune Vernasca Comune Vigolzone Comune Villanova sull'arda Comune Zerba Comune Ziano Piacentino Comune Albareto Comune Bardi Comune Bedonia Comune Berceto Comune Bore Comune Borgo Val di Taro Comune Busseto Comune Calestano Comune Collecchio Comune Colorno Comune Compiano Comune Corniglio Comune Felino Comune Fidenza Comune Fontanellato Comune Fontevivo Comune Fornovo di Taro Comune Langhirano Comune Lesignano de' Bagni Comune Medesano Comune Mezzani Comune Monchio delle Corti Comune Montechiarugolo Comune Neviano degli Arduini Comune Noceto Comune Palanzano Comune Parma Comune Pellegrino Parmense Comune Polesine Parmense Comune Roccabianca Comune Sala Baganza Comune Salsomaggiore Terme Comune San Secondo Parmense Comune Sissa Comune Solignano Comune Soragna Comune Sorbolo Comune Terenzo Comune Tizzano Val Parma Comune Tornolo Comune Torrile Comune Traversetolo Comune Trecasali Comune Valmozzola Comune Varano de' Melegari Comune Varsi Comune Zibello Comune Albinea Comune Bagnolo in Piano Comune Baiso ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

9 Comune Bibbiano Comune Boretto Comune Brescello Comune Busana Comune Cadelbosco di Sopra Comune Campagnola Emilia Comune Campegine Comune Carpineti Comune Casalgrande Comune Casina Comune Castellarano Comune Castelnovo di Sotto Comune Castelnovo ne' Monti Comune Cavriago Comune Canossa Comune Collagna Comune Correggio Comune Fabbrico Comune Gattatico Comune Gualtieri Comune Guastalla Comune Ligonchio Comune Luzzara Comune Montecchio Emilia Comune Novellara Comune Poviglio Comune Quattro Castella Comune Ramiseto Comune Reggiolo Comune Reggio nell'emilia Comune Rio Saliceto Comune Rolo Comune Rubiera Comune San Martino in Rio Comune San Polo d'enza Comune Sant'Ilario d'enza Comune Scandiano Comune Toano Comune Vetto Comune Vezzano sul Crostolo Comune Viano Comune Villa Minozzo Comune Bastiglia Comune Bomporto Comune Campogalliano Comune Camposanto Comune Carpi Comune Castelfranco Emilia Comune Castelnuovo Rangone Comune Castelvetro di Modena Comune Cavezzo Comune Concordia sulla Secchia Comune Fanano Comune Finale Emilia Comune Fiorano Modenese Comune Fiumalbo Comune Formigine Comune Frassinoro Comune Guiglia Comune Lama Mocogno Comune Maranello ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

10 Comune Marano sul Panaro Comune Medolla Comune Mirandola Comune Modena Comune Montecreto Comune Montefiorino Comune Montese Comune Nonantola Comune Novi di Modena Comune Palagano Comune Pavullo nel Frignano Comune Pievepelago Comune Polinago Comune Prignano sulla Secchia Comune Ravarino Comune Riolunato Comune San Cesario sul Panaro Comune San Felice sul Panaro Comune San Possidonio Comune San Prospero Comune Sassuolo Comune Savignano sul Panaro Comune Serramazzoni Comune Sestola Comune Soliera Comune Spilamberto Comune Vignola Comune Zocca Comune Anzola dell'emilia Comune Argelato Comune Baricella Comune Bazzano Comune Bentivoglio Comune Bologna Comune Borgo Tossignano Comune Budrio Comune Calderara di Reno Comune Camugnano Comune Casalecchio di Reno Comune Casalfiumanese Comune Castel d'aiano Comune Castel del Rio Comune Castel di Casio Comune Castel Guelfo di Bologna Comune Castello d'argile Comune Castello di Serravalle Comune Castel Maggiore Comune Castel San Pietro Terme Comune Castenaso Comune Castiglione Pepoli Comune Crespellano Comune Crevalcore Comune Dozza Comune Fontanelice Comune Gaggio Montano Comune Galliera Comune Granaglione Comune Granarolo dell'emilia Comune Grizzana Morandi Comune Imola Comune Lizzano in Belvedere ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

11 Comune Loiano Comune Malalbergo Comune Marzabotto Comune Medicina Comune Minerbio Comune Molinella Comune Monghidoro Comune Monterenzio Comune Monte San Pietro Comune Monteveglio Comune Monzuno Comune Mordano Comune Ozzano dell'emilia Comune Pianoro Comune Pieve di Cento Comune Porretta Terme Comune Sala Bolognese Comune San Benedetto Val di Sambro Comune San Giorgio di Piano Comune San Giovanni in Persiceto Comune San Lazzaro di Savena Comune San Pietro in Casale Comune Sant'Agata Bolognese Comune Sasso Marconi Comune Savigno Comune Vergato Comune Zola Predosa Comune Argenta Comune Berra Comune Bondeno Comune Cento Comune Codigoro Comune Comacchio Comune Copparo Comune Ferrara Comune Formignana Comune Jolanda di Savoia Comune Lagosanto Comune Masi Torello Comune Massa Fiscaglia Comune Mesola Comune Migliarino Comune Mirabello Comune Ostellato Comune Poggio Renatico Comune Portomaggiore Comune Ro Comune Sant'Agostino Comune Vigarano Mainarda Comune Voghiera Comune Tresigallo Comune Goro Comune Migliaro Comune Alfonsine Comune Bagnacavallo Comune Bagnara di Romagna Comune Brisighella Comune Casola Valsenio Comune Castel Bolognese Comune Cervia Comune Conselice ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

12 Comune Cotignola Comune Faenza Comune Fusignano Comune Lugo Comune Massa Lombarda Comune Ravenna Comune Riolo Terme Comune Russi Comune Sant'Agata sul Santerno Comune Solarolo Comune Bagno di Romagna Comune Bertinoro Comune Borghi Comune Castrocaro Terme e Terra del Sole Comune Cesena Comune Cesenatico Comune Civitella di Romagna Comune Dovadola Comune Forlì Comune Forlimpopoli Comune Galeata Comune Gambettola Comune Gatteo Comune Longiano Comune Meldola Comune Mercato Saraceno Comune Modigliana Comune Montiano Comune Portico e San Benedetto Comune Predappio Comune Premilcuore Comune Rocca San Casciano Comune Roncofreddo Comune San Mauro Pascoli Comune Santa Sofia Comune Sarsina Comune Savignano sul Rubicone Comune Sogliano al Rubicone Comune Tredozio Comune Verghereto Comune Bellaria-Igea Marina Comune Cattolica Comune Coriano Comune Gemmano Comune Misano Adriatico Comune Mondaino Comune Monte Colombo Comune Montefiore Conca Comune Montegridolfo Comune Montescudo Comune Morciano di Romagna Comune Poggio Berni Comune Riccione Comune Rimini Comune Saludecio Comune San Clemente Comune San Giovanni in Marignano Comune Santarcangelo di Romagna Comune Torriana Comune Verucchio Comunità Montana CM Acquacheta Romagna Toscana 0 ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

13 Comunità Montana CM Alta e Media Valle del Reno 0 Comunità Montana CM Appenino Faentino 0 Comunità Montana CM Appennino Cesenate 0 Comunità Montana CM Appennino Forlivese 0 Comunità Montana CM Appennino Modena Est 0 Comunità Montana CM Appennino Modena Ovest 0 Comunità Montana CM Appennino Parma Est 0 Comunità Montana CM Appennino Piacentino 0 Comunità Montana CM Appennino Reggiano 0 Comunità Montana CM Cinque Valli Bolognesi 0 Comunità Montana CM Frignano 0 Comunità Montana CM Valle del Marecchia 0 Comunità Montana CM Valle del Samoggia 0 Comunità Montana CM Valle del Santerno 0 Comunità Montana CM Valle del Tidone 0 Comunità Montana CM Valli del Taro e del Ceno 0 Comunità Montana CM Valli dl Nure e dell'arda 0 Unione Comuni UC Alto Appennino Reggiano 0 Unione Comuni UC Modenesi Area Nord 0 Unione Comuni UC Rubicone 0 Unione Comuni UC Sorbara 0 Unione Comuni UC Sorbolo e Mezzani 0 Unione Comuni UC Terre Castelli 0 Unione Comuni UC Terre del Po 0 Unione Comuni UC Valconca 0 Unione Comuni Unione delle Terre D'argine 0 Altro ente Associazione Intercomunale Pedemontana Parmense 0 Altro ente Associazioni Intercomunale comuni modenesi del Distretto Ceramico 0 Altro ente Associazione Intercomunale Reno-Galliera 0 Altro ente Associazione Intercomunale Terre d'acqua 0 Altro ente Associazione Intercomunale Valle dell'idice 0 Altro ente Associazione Intercomunale Terre di Pianura 0 Altro ente Circondario di Imola 0 Altro ente Associazione Intercomunale Comuni del Copparese 0 Altro ente Associazione Intercomunale Alto Ferrarese 0 Altro ente Associazione Intercomunale Basso Ferrarese 0 Altro ente Associazione Intercomunale Argenta, Portomaggiore e Voghiera 0 Altro ente Associazione Intercomunale Bassa Romagna 0 Altro ente Associazione Intercomunale Cesena, Cambettola, Longiano e Montiano 0 Altro ente Associazione Intercomunale della Pianura Forlivese 0 Altro ente Associazione Intercomunale Reggio Nord 0 Altro ente Associazione Intercomunale Val d'enza 0 ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

14 4. Servizi Per quanto riguarda gli enti aderenti ai singoli servizi, si confermano nella sostanza le scelte effettuate in sede di presentazione del progetto (ottobre 2007) segnalando al contempo, come si evince dalla tabella sottostante, che sono state operate modifiche al portafoglio servizi orientate ad una razionalizzazione del portafoglio medesimo in funzione degli sviluppi intervenuti in questi due anni trascorsi dalla presentazione del progetto. Si segnala inoltre che le scelte operate da parte degli Enti Locali evolveranno nel corso dello sviluppo del progetto in base ai piani di entrata che verranno concordati con gli enti stessi. Nella tabella seguente è riportata la mappatura delle modifiche rispetto ai servizi presentati nel Ambito Amministrativo Tipologia di servizio Nome del servizio Modifiche Protocollo informatico Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza: esempio gestione infrastrutture Eliminato Protocollo informatico Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Eliminato Territorio - PRG Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza Moka Confermato Territorio - PRG Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Accorpato Accesso ai servizi catastali Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza SIGMA TER Accorpato Accesso ai servizi catastali Altro: cooperazione applicativa - servizi infrastrutturali Accesso ed utilizzo ai servizi infrastrutturali Accorpato Acquisti di servizi ICT, telefonia compresa Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza: esempio gestione infrastrutture Accorpato Acquisti di servizi ICT, telefonia compresa Altro: acquisti attraverso Lepida di servizi ICT, non escludendo comunque un acquisto individuale. Alcuni servizi sono obbligatori (ad es. telefonia) E-procurement Accorpato Sito Comune: funzioni di servizio Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza: esempio gestione infrastrutture Confermato Sito Comune: funzioni di servizio Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori Accorpato Altro Cooperazione applicativa: Altro: ASP, in proprio- gestione contrattuale Cooperazione applicativa: Altro: ASP, in proprio- gestione contrattuale Accorpato Nella seguente tabella è riportata la situazione attuale servizi, richiamando per ognuno l ambito amministrativo di riferimento. Servizi confermati / accorpati Sito Comune: funzioni di servizio Gestione della piattaforma tecnologica in ASP Accesso ai servizi catastali SIGMA TER Territorio PRG Moka Acquisti di servizi ICT, telefonia compresa Assistenza e supporto agli Enti aderenti ICAR - ER Servizi aggiunti Piattaforma pagamenti Autenticazione federata Accesso ai servizi Parix Servizi eliminati Protocollo informatico Gestione della piattaforma tecnologica in ASP, formazione e assistenza: esempio gestione infrastrutture Protocollo informatico Assistenza contrattuale nel rapporto con i fornitori ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

15 4.1. SERVIZI CONFERMATI Accesso ai servizi catastali SIGMA TER Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Nell ambito del presente progetto rientra solo la gestione del nodo regionale di SIGMA TER che assicura le funzionalità di interscambio con l Agenzia del Territorio (in cooperazione applicativa) e di sincronizzazione, sempre tramite strumenti di cooperazione applicativa con gli Enti Locali del territorio regionale oltre all esposizione di servizi finali rivolti agli operatori delle pubbliche amministrazioni locali del territorio regionale. Le componenti e le relative e costi per l utilizzo, la formazione e le necessarie ed eventuali integrazioni presso ogni ente rientrano nell ambito del progetto RILANDER (finanziato dal CNIPA tramite l Avviso riuso ) e strettamente complementare ad ALI CN-ER. Non a caso entrambi i progetti sono stati presentati e sono gestiti dalla stessa aggregazione rappresentata dalla Community Network Emilia-Romagna Amministrazioni In ASP e cooperazione applicativa nei confronti degli Enti locali, in sola cooperazione applicativa con l Agenzia del Territorio Regione Emilia-Romagna Lepida SpA A9 Soggetti della CN-ER che avevano selezionato il servizio in fase di presentazione del progetto per i quali si rimanda all allegato C. Evoluzione attesa verso tutti i soggetti della CN-ER in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto Territorio PRG - Moka Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Moka è una piattaforma per la gestione e lo sviluppo di applicazioni GIS attraverso funzioni di organizzazione di diverse tipologie di dati cartografici (e relativi metadati). Può quindi essere considerato un CMS (Content Management System) in ambito GIS. Attraverso le funzionalità di Moka è possibile realizzare a bassissimi costi tecnologici e di risorse umane applicazioni in grado di navigare e di compiere analisi su diversi layer cartografici, gestire la catalogazione di dati e metadati, esporre servizi verso altre applicazioni e definire controlli ed analisi specifiche sui dati territoriali. Può essere utilizzato sia per costruire applicazioni desktop che lavorano su dati locali sia per applicazioni Web che utilizzano dati e servizi disponibili su un server centralizzato. Nell ambito di questo progetto rientra l implementazione delle componenti tecnologiche di base sul nodo Regionale, mentre la gestione applicativa e le integrazioni con applicazioni locali sono ricomprese nell ambito del progetto RILANDER. Amministrazioni In ASP per gli enti che fruiranno solo dell implementazione sul nodo regionale. Regione Emilia-Romagna Lepida SpA A9 Soggetti della CN-ER che avevano selezionato il servizio in fase di presentazione del progetto per i quali si rimanda all allegato C. Evoluzione attesa verso tutti i soggetti della CN-ER in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

16 Acquisti di servizi ICT, telefonia compresa Descrizione Nell ottica di razionalizzare le spese e le risorse dedicate alla gestione di componenti ICT, Lepida SpA offrirà agli Enti Locali una serie di servizi di data center con diverse caratteristiche. In sintesi saranno resi disponibili: Housing: collocazione presso il Data Center di server di proprietà dell Ente; Hosting dedicato gestito: disponibilità di server, secondo classi dimensionali precisate, in modalità dedicata e gestita; Hosting virtuale gestito: disponibilità di server virtuali, secondo classi dimensionali precisate, in modalità dedicata e gestita; Backup: servizi di backup remoto a freddo e a caldo con eventuale archiviazione a lungo termine nastri; Disaster Recovery: servizi di disaster recovery per server localizzati presso il Data Center e per server localizzati presso l Ente, secondo diverse classi di tempistica; Servizi professionali: servizi di consulenza a supporto. I servizi garantiranno la gestione di tutti gli aspetti tecnologici infrastrutturali, efficiente gestione delle problematiche sulla sicurezza, con le capacità specialistiche e professionali necessarie e secondo diverse classi e livelli di servizio. Saranno inoltre resi disponibili agli Enti Locali servizi innovativi di telefonia VoIP attraverso la promozione e l implementazione di un sistema regionale di telefonia che utilizzi tecnologia VoIP Voice over Internet Protocol e la rete Lepida. In particolare, si tratta di agevolare e supportare la migrazione degli Enti Locali verso l uso di tecnologie VoIP al fine di ottenere un effettiva riduzione costi di telefonia fissa. Tramite la rete Lepida si garantisce la messa a disposizione servizi infrastrutturali di base necessari alla gestione della telefonia fissa con il VoIP. Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Amministrazioni I servizi saranno erogati in modalità ASP Lepida SpA A10 Soggetti della CN-ER che avevano selezionato il servizio in fase di presentazione del progetto per i quali si rimanda all allegato C. Evoluzione attesa verso tutti i soggetti della CN-ER in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto Sito comune: funzioni di servizio gestione della piattaforma tecnologica in ASP Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Attraverso questo servizio verrà gestita l implementazione delle componenti tecnologiche del framework realizzato nell ambito del progetto PEOPLE nel nodo regionale. Obiettivo del servizio è quindi concentrare le complessità e razionalizzare i costi di gestione del framework lasciando in capo ai singoli enti (tendenzialmente SIA locali o SIA provinciali) la gestione applicativa delle componenti nonché tutte le di gestione delle utenze, l integrazione con servizi locali, etc. In questa rientra solo la gestione tecnologica dell infrastruttura, mentre le ed i costi di integrazione e di gestione applicativa e funzionale delle applicazioni rimarrà in carico ai singoli enti e sono ricomprese nell ambito del progetto RILANDER. Amministrazioni Il servizio verrà erogato in modalità ASP Lepida SpA A10 Soggetti della CN-ER che avevano selezionato il servizio in fase di presentazione del progetto per i quali si rimanda all allegato C. Evoluzione attesa verso tutti i soggetti della CN-ER in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

17 4.2. SERVIZI AGGIUNTI Piattaforma pagamenti Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Servizi di Pagamento online ai Cittadini ed agli utenti degli Enti erogati attraverso una piattaforma unica regionale che consente agli Enti di usufruire servizi di pagamento avanzati ed innovativi (multi canale, multi sistema di pagamento). Sono previste tre tipologie di servizio (livelli funzionali della piattaforma): Livello 1 Funzioni di Pagamento: interfacce applicative per accedere alle funzioni che interagiscono con i Sistemi di pagamento online, attraverso i vari gateway della Piattaforma. Livello 2 Servizi online: interfacce utente (pagine web) che consentono al cittadino di inserire tutti i dati relativi alla pendenza che intende pagare (CF, tipo pendenza, importo, rata, etc.) e di attivare le Funzioni di Pagamento della piattaforma. Livello 3 Posizione debitoria: permette al cittadino di visualizzare tutte le proprie pendenze ed, eventualmente, di attivare le Funzioni di Pagamento della piattaforma. Si basa sull integrazione applicativa tra la Piattaforma e i back-office degli Enti per i dati delle pendenze. L erogazione del servizio prevede anche l offerta di una soluzione unificata per la gestione flussi degli importi e della rendicontazione. Amministrazioni, cittadini, imprese I servizi relativi al Livello 1 e Livello 3, precedentemente descritti, sono erogati attraverso integrazione con i sistemi di erogazione di servizi e sistemi di backoffice (anche attraverso cooperazione applicativa); i servizi relativi al Livello 2 sono erogati principalmente in modalità ASP. Lepida SpA A11 Servizio non presente nei documenti di progetto approvati. Nell allegato C sono riportati gli enti che hanno previsto il riuso di soluzioni di pagamento sviluppate nell ambito di PEOPLE. Il dettaglio delle evoluzioni sarà fornito in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

18 Autenticazione federata Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio L autenticazione federata verrà realizzata tramite il sistema FedERa che garantirà la circolarità all autenticazione permettendo il riconoscimento reciproco delle identità gestite da sistemi di autenticazione diversi di enti diversi, con il risultato che un dipendente pubblico o cittadino non è più costretto ad utilizzare credenziali diverse in base al servizio al quale deve accedere Il Sistema FedERa inoltre: renderà disponibile un sistema di gestione di identità e di autenticazione agli enti sul territorio regionale che intendano attivare RA o esporre servizi agli utenti; consentirà agli utenti di accedere a tutti i servizi on-line disponibili con un unica credenziale di autenticazione e registrandosi una sola volta; garantirà dove possibile il Web Single Sign-On (SSO) ovvero l autenticazione unica per le applicazioni web, evitando all'utente il reinserimento della propria credenziale di accesso qualora già collegato; sarà in grado di verificare i diversi tipi di credenziali forti di autenticazione, forte username/password e, in contesti particolari, il riconoscimento tramite SIM cellulari; rispetterà le specifiche di autenticazione due progetti nazionali ICAR e PEOPLE ed il sistema sarà quindi compatibile con tutti i certificatori di identità ed erogatori di servizi di tali progetti. Enti locali che possono usare l'identity Management System di federa in modalità ASP per gestire i propri utenti. I singoli utenti che possono essere operatori della Pubblica Amministrazione, cittadini, e imprese. I servizi saranno erogati in modalità ASP Web Lepida SpA A11 Servizio non presente nei documenti di progetto approvati. Nell allegato C sono riportati gli enti che hanno previsto il riuso di soluzioni sviluppate nell ambito di PEOPLE. Il dettaglio delle evoluzioni sarà fornito in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto. Nell ottica di integrazione e di realizzazione dell autenticazione federata si stima che il 100% degli enti sarà utente (nelle diverse modalità previste) di questo servizio Accesso ai servizi PARIX Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio PARIX è la piattaforma di accesso ai dati del Registro delle Imprese, tenuto dalle Camere di Commercio italiane, che mette a disposizione servizi applicativi delle Pubbliche Amministrazioni le informazioni aggiornate sulle imprese. I dati, distribuiti in formato XML, sono integrabili con qualsiasi sistema informativo esistente presso il CED dell ente come, ad esempio, il sistema di gestione finanziamenti alle imprese, il sistema informativo lavoro, il sistema di georeferenziazione, le banche dati dello sportello unico, etc. In questo scenario il sistema funziona come un vero e proprio hub regionale, permettendo la fruizione servizi erogati a diversi enti e con diverse modalità. Inoltre i dati possono essere messi a disposizione delle altre Pubbliche Amministrazioni attraverso l impiego di una porta di cooperazione applicativa dell ente stesso. Amministrazioni (in particolare le Provincie del territorio regionale) Il nodo regionale fornirà agli enti la consultazione via WEB del registro regionale delle imprese. Attraverso il modulo PARIX GATE, tramite cooperazione applicativa, alle applicazione presso i vari enti che abbiano necessità di integrare la consultazione del registro delle imprese. Lepida SpA A10 Tutte le Province in logica di cooperazione applicativa. Per quanto riguarda le consultazioni web il dettaglio sarà fornito in base ai piani di entrata che saranno definiti nel corso del progetto. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

19 Assistenza e supporto agli Enti aderenti Descrizione Beneficiari Modalità di erogazione Ente responsabile dell erogazione del servizio Attività di riferimento Enti aderenti al servizio Attraverso questo servizio di tipo organizzativo e gestionale si vuole mantenere uno stretto coordinamento fra tutti i nodi dell ALI CN-ER nello spirito e sulla base degli obiettivi e delle modalità di gestione della Community Network Emilia-Romagna. In particolare verranno forniti servizi di assistenza e consulenza sui servizi erogati e sulle modalità di integrazione con applicazioni locali e relativamente ai rapporti con fornitori. Verranno inoltre forniti servizi per la gestione degli aspetti contrattuali ed amministrativi ed il coordinamento sulle scelte strategiche e di sviluppo servizi. Amministrazioni Trattandosi di un servizio di coordinamento e tipicamente organizzativo, la responsabilità sarà affidata al coordinamento del progetto e verrà gestito sia tramite strumenti on-line che con incontri periodici con gli Enti Locali. Regione Emilia-Romagna Lepida SpA A15 - A24 Tutti i soggetti della Community Network Emilia-Romagna in base ai piani di entrata ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

20 4.3. SERVIZI ELIMINATI Protocollo informatico Si riporta la descrizione fornita nel progetto inviato nell ottobre 2007: il servizio comprende la gestione in ASP del sistema Ldap, normalmente installato a livello provinciale, e la sua sincronizzazione con i data base utenti delle applicazioni di protocollo locali, la ridondanza ed il back-up del servizio. Gli Ldap oggi presenti non prevedono la sincronizzazione. Il servizio prevede inoltre che i SIA affianchino gli enti nella gestione fornitori di protocollo nelle trattative circa i contratti di assistenza e manutenzione. Il servizio è stato eliminato dal progetto alla luce delle importanti evoluzioni sul tema della dematerializzazione e della gestione documentale e dell autenticazione federata in Emilia- Romagna. Mentre per l autenticazione federata è stato inserito un nuovo servizio, per quanto attiene alla dematerializzazione ed alla gestione documentale si evidenzia la costituzione del Polo Archivistico Regionale dell Emilia-Romagna (PAR-ER). Inoltre sarà attivato, nell ambito del costituendo Centro di Competenza per il dispiegamento delle soluzioni di e-government, un servizio di certificazione back office, nell ambito del quale rientrerà anche la verifica della compliance rispetto a standard regionali sul tema del protocollo e della gestione documentale. ALI CN-ER Piano di monitoraggio luglio /33

EMILIA-ROMAGNA 2014 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

EMILIA-ROMAGNA 2014 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE EMILIA-ROMAGNA DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD

Dettagli

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO LOGNA BUDRIO CALDE DI NO CAMPOSANTO CASALECCHIO DI NO CASTEL LOGNESE CASTEL MAGGIO CASTELFNCO EMILIA CASTELLO D'ARGILE CASTENASO

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN EMILIA-ROMAGNA. Quadro di sintesi dati 2013

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN EMILIA-ROMAGNA. Quadro di sintesi dati 2013 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN EMILIA-ROMAGNA Quadro di sintesi dati 2013 Bologna, luglio 2014 INDICE 1. Produzione 1 2. Raccolta differenziata 3 2.1 Le tipologie di rifiuti raccolti in maniera

Dettagli

Luglio 2013. A cura di

Luglio 2013. A cura di I DEBITI DELLA PA IN EMILIA ROMAGNA: LA MAPPA DELLE RISORSE SBLOCCATE Luglio 2013 A cura di INDICE A. I numeri del DL 35/2013 3 B. Le misure per gli enti locali 6 C. Le misure per la Regione 12 D. Effetti

Dettagli

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale Materiali IV Conferenza PAR Trasporto sociale 20 gennaio 2012 TRASPORTO SOCIALE La definizione Il trasporto sociale è un servizio di trasporto persone in condizioni di disagio (permanente o temporaneo),

Dettagli

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola.

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola. Allegato n. 1 (Avviso allegato parte integrante della determinazione n. 3774 del 21 marzo 2014 del Responsabile del Servizio Assistenza Distrettuale, Medicina Generale, Pianificazione e Sviluppo dei Servizi

Dettagli

Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO

Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO Dott. Filippo Lenzerini, Punto 3 s.r.l. Il presente documento è stato realizzato con il supporto di: Punto 3 - Progetti per

Dettagli

QUALITÀ DELL ARIA Energia

QUALITÀ DELL ARIA Energia Energia QUALITÀ DELL ARIA QUALITÀ ENERGIA DELL ARIA Il 2008 è stato segnato, dal punto di vista dei mercati energetici, da due importanti e legati avvenimenti: le profonde tensioni del mercato petrolifero

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DEL MEDIO RENO Comuni di: CASTEL D`AIANO, GAGGIO MONTANO, GRIZZANA MORANDI, MONZUNO, VERGATO BOSCHI CEDUI DEGRADATI 1500,00 2-IN QUESTA I BOSCHI CEDUI

Dettagli

Elenco degli enti che utilizzano VoIP tramite la convenzione intercent-er (agg. 1 settembre 2012)

Elenco degli enti che utilizzano VoIP tramite la convenzione intercent-er (agg. 1 settembre 2012) (agg. 1 settembre 2012) Ente Località Provincia Sede di (oppure: Indirizzo sede) Numeri telefonici A.T.M. AZIENDA TRASPORTI E MOBILITA' S.P.A. Ravenna RA V. Delle Industrie, 118 05446899xx; A.V.I.S. ASS.

Dettagli

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 Mazzini- Savena FOSCHERARA S 70 35 SAN RUFFILLO P 70 35 San Donato- San Vitale

Dettagli

Elenco degli enti che utilizzano VoIP tramite la convenzione intercent-er (agg. 1 aprile 2013)

Elenco degli enti che utilizzano VoIP tramite la convenzione intercent-er (agg. 1 aprile 2013) (agg. 1 aprile 2013) Ente Località Provincia Sede di (oppure: Indirizzo sede) Numeri telefonici A.T.M. AZIENDA TRASPORTI E MOBILITA' S.P.A. Ravenna RA V. Delle Industrie, 118 05446899xx; A.V.I.S. ASS.

Dettagli

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali La presente iniziativa promozionale è esente dalla comunicazione al Ministero Sviluppo Economico e della fideiussione a garanzia dei premi ai sensi del

Dettagli

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N.

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. (dato aggiornato al 14 ottobre 2009) SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 1 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 3 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 5 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 8 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: A.N.P.AS. 1 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: NZ0170 1 1 Le Pubbliche

Dettagli

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 245 ID Proposta: 100253 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 245 ID Proposta: 100253 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede Allegato 3 - Schede di pubblicizzazione delle azioni in riferimento a ciascuna sede di erogazione di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 502/2012: APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA SELEZIONE DI

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

PREZZI BOX E POSTI - II SEM 2013

PREZZI BOX E POSTI - II SEM 2013 PREZZI BOX E POSTI - II SEM 2013 EMILIA ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI 50000 18000 Mazzini- Savena FOSCHERARA 18000 5000 SAN RUFFILLO 18000 5000 San Donato- San Vitale

Dettagli

2010-2020. Quadro Conoscitivo. Allegato n 4. Sistema stradale

2010-2020. Quadro Conoscitivo. Allegato n 4. Sistema stradale Assessorato Mobilità e Trasporti PIANO REGIONALE INTEGRATO DEI TRASPORTI 2010-2020 Quadro Conoscitivo Allegato n 4 Sistema stradale (allegato al cap. 3.1.2) UN SISTEMA INTEGRATO DI MOBILITÀ PER UNA REGIONE

Dettagli

QUA. derni SAGRE E FIERE IN REGIONE 2015. QUA del. commercio. del. derni. commercio

QUA. derni SAGRE E FIERE IN REGIONE 2015. QUA del. commercio. del. derni. commercio QUA derni del commercio Questo volume è dedicato sia agli operatori economici interessati al commercio su aree pubbliche, sia ai cittadini che vogliono riscoprire il territorio, gli usi e i costumi locali

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA DELIBERA GIUNTA REGIONALE N. 1617/2005 CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI DALL'ART. 5 DELLA L.R. 24/2003. ANNO 2005, IN ATTUAZIONE DELLA DELIBERAZIONE 790/2005 Prot. n. (SPS/05/20827) LA GIUNTA DELLA

Dettagli

Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79

Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79 Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79 Per chi non se la sente di fare da sé, IKEA mette a disposizione un servizio di trasporto a pagamento, valido solamente per gli articoli a

Dettagli

COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI

COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI REGGIO EMILIA PARMA MODENA PROVINCIA DI COMUNE DI COMUNE DI MODENA CARPI FAENZA COMUNE DI COMUNE DI COMUE DI PIACENZA RAVENNA FORLI COMUNE DI PROVINCIA DI IMOLA RAVENNA CAPITOLATO

Dettagli

! " " # # # $ %&&& ' ( ) " # "! ' " * +,--.,.-/-.0 1 +21 3 4 # 5) 6 ( ' 7 # # + $ 37 14 37 4 #8 9 " 2 # # + ' " 7 ' %&& #! # ( $ : : : ' ; 2! "!

!   # # # $ %&&& ' ( )  # ! '  * +,--.,.-/-.0 1 +21 3 4 # 5) 6 ( ' 7 # # + $ 37 14 37 4 #8 9  2 # # + '  7 ' %&& #! # ( $ : : : ' ; 2! ! ! % '! ' * +,--.,.-/-.0 1 +21 3 4 5 6 ' 7 + 37 14 37 4 8 9 2 + ' 7 ' %! : : : ' ; 2!! ' %< =!%! % ' * ' 6? ' 3 4? %< @ 2 '! %* + % > ',!!!!- -!. ' 2 %

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA PRONTO SOCCORSO CANI E GATTI VITTIME DI INCIDENTI STRADALI SUL TERRITORIO PROVINCIALE La seguente tabella riporta le informazioni fornite dai Comuni relativamente alle convenzioni attivate con strutture

Dettagli

Conferenza programmatica PD Ferrara. Gruppo di lavoro LAVORO E IMPRESE

Conferenza programmatica PD Ferrara. Gruppo di lavoro LAVORO E IMPRESE Conferenza programmatica PD Ferrara Gruppo di lavoro LAVORO E IMPRESE QUADRO SOCIO ECONOMICO DI RIFERIMENTO A cura di Cds Centro ricerche Documentazione e Studi PARTIAMO DALL'OFFERTA DI LAVORO le forze

Dettagli

Scheda tecnica SINTRAnet

Scheda tecnica SINTRAnet Scheda tecnica SINTRAnet Il contenuto di questo documento è proprietà intellettuale di SINTRA SpA SINTRA spa Servizi Informatici e Telematici in Rete per l Amministrazione pubblica 1 Introduzione SINTRAnet

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi SERVIZI DI TRASPORTO I pacchi piatti sono facili da trasportare. Se la tua auto non è abbastanza grande, puoi usufruire delle diverse modalità di servizio a domicilio a pagamento. Per ulteriori informazioni

Dettagli

SCIARA. SCIARA srl PROFILO SOCIETARIO. Energy Consulting

SCIARA. SCIARA srl PROFILO SOCIETARIO. Energy Consulting Sede legale Via D Andrea, 17/b - 26013 Crema (CR) Sede amministrativa Via C. Colombo, 101/H - 29122 Piacenza (PC) Tel. 0523 072670 342 3900 520 Fax 0523 072672 info@sciara.eu sciara@mypec.it www.sciara.eu

Dettagli

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati

MIB SCHOOL OF MANAGEMENT. EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB SCHOOL OF MANAGEMENT EXECUTIVE MBA - XV EDIZIONE Borsa di studio MIB in sostegno ai comuni terremotati MIB School of Management, al fine di incentivare la ripresa economica attraverso il trasferimento

Dettagli

COMUNI RICICLONI Emilia Romagna

COMUNI RICICLONI Emilia Romagna COMUNI RICICLONI Emilia Romagna in collaborazione con: con il contributo di: LO STUDIO OBIETTIVI: Verifica del grado di conoscenza e consapevolezza da parte dei comuni Fare emergere situazioni di eccellenza

Dettagli

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA, RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE, IN AMBITO METROPOLITANO,

Dettagli

ENTE RICHIEDENTE TIPO DI INTERVENTO. SCOLASTICI OGGETTO D'INTERVENTO ITA Raineri-Marcora di PC

ENTE RICHIEDENTE TIPO DI INTERVENTO. SCOLASTICI OGGETTO D'INTERVENTO ITA Raineri-Marcora di PC TABELLA 5 RIPARTIZIONE AI SENSI DELLA TABELLA 1 ALLEGATA AL d.l. n. 69 del 2013 (art. 18, comma 8-quater) EMILIA ROMAGNA 7.000.000,00 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ENTE RICHIEDENTE Piacenza Prov. PC EDIFICI SCOLASTICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PER LE POLITICHE ABITATIVE DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001, N.

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PER LE POLITICHE ABITATIVE DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001, N. REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONCERTAZIONE PER LE POLITICHE ABITATIVE DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001, N. 24 Adottato con deliberazione consiliare n. 117 del 26/09/2012 ART.

Dettagli

Graduatoria Bando BB11

Graduatoria Bando BB11 Protocollo 22305 del 27/05/2011 Graduatoria Bando BB11 La graduatoria di seguito riportata è stata redatta sulla base delle informazioni fornite nelle richieste a mezzo posta certificata secondo quanto

Dettagli

MANO D OPERA PER INTERVENTI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE PREVENTIVA AGLI IMPIANTI TERMICI

MANO D OPERA PER INTERVENTI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE PREVENTIVA AGLI IMPIANTI TERMICI LISTINO PREZZI MANO D OPERA PER INTERVENTI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE PREVENTIVA AGLI IMPIANTI TERMICI 2013 I prezzi riportati sul presente listino si intendono IVA ESCLUSA 1 I prezzi riportati sul presente

Dettagli

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem Orario ferroviario valido dal 14 Dicembre 2014 Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem rete RFI Linea Bologna - Poggio Rusco Linea Ferrara - Ravenna - Rimini Linea Ferrara - Bologna - Imola - Rimini

Dettagli

Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGGETTO: assegnazione, a seguito di procedura negoziata tramite cottimo fiduciario in sei lotti, del servizio di riparazione

Dettagli

Tariffe e Tasse locali nei comuni della Provincia di Piacenza

Tariffe e Tasse locali nei comuni della Provincia di Piacenza 3 Rapporto Tariffe e Tasse locali nei comuni della Provincia di Piacenza 18 Giugno 2015 Sala G. Piana Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Piacenza A cura di Davide Gatti 3 Rapporto sulle Tariffe

Dettagli

AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI - A.C.T. CONVENZIONE

AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI - A.C.T. CONVENZIONE AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI - A.C.T. CONVENZIONE 1 INDICE Articolo 1 - Enti partecipanti e finalità Articolo 2 - Durata, recesso e scioglimento Articolo 3 - Adesione al Convenzione Articolo 4 - Quote

Dettagli

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP)

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Dipartimento di Sanità Pubblica www.ausl.re.it Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica (SIP) fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A APPROVAZIONE ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA "RETE PRIVATA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DELL'EMILIA-ROMAGNA"

Dettagli

CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI

CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI Allegato B CONVENZIONE RECANTE LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA PER LA DEFINIZIONE DELL INDENNITÀ SPETTANTE AL GESTORE USCENTE, IL CUI IMPORTO SARÀ INDICATO NEL FUTURO BANDO DI GARA.

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i trasporti la navigazione ed i sistemi informativi e statistici Direzione Generale Motorizzazione Divisione 5 Prot. n. 22288.08.08.01 del

Dettagli

Consumi energetici ed emissioni serra nel settore dei trasporti. Rapporti Interni

Consumi energetici ed emissioni serra nel settore dei trasporti. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale Consumi energetici ed emissioni serra nel settore dei trasporti. R.I. 07/08 Aprile 2008 Testi

Dettagli

AGENZIA D AMBITO per i servizi pubblici di Piacenza

AGENZIA D AMBITO per i servizi pubblici di Piacenza AGENZIA D AMBITO per i servizi pubblici di Piacenza www.atopiacenza.it Prot. 1749/2006 Piacenza, lì 27 DIC. 2006 Oggetto: Rilascio dei pareri di allacciabilità alle reti idriche e fognarie gestite da Enìa

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 415/2010 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 08 del mese di Febbraio dell' anno 2010 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute

Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute DIREZIONE GENERALE SANITÀ E OLITICHE SOCIALI Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute Report EDIZIONE 2014 Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della

Dettagli

La missione di Lepida SpA

La missione di Lepida SpA Reti di Accesso di Iniziativa Pubblica per DD Gianluca Mazzini Università di Ferrara e Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa La missione di Lepida SpA Lepida SpA è lo strumento operativo promosso

Dettagli

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Servizio di Supporto alle relazioni scuola-territorio-mondo del lavoro del Servizio Scuola

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N. 28/2012 www.motorizzazionetorino.it Area Agenzie - Area Autoscuole - Area Personale

COMUNICAZIONE INTERNA N. 28/2012 www.motorizzazionetorino.it Area Agenzie - Area Autoscuole - Area Personale Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale Territoriale del Nord-Ovest Ufficio Motorizzazione Civile

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2008 AUTOMOBIL CLUB DI FERRARA A.C. Service Estense S.r.l. Società 145.000 100 BOLOGNA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA POLICLINICO S. ORSOLA MALPIGHI CONSORZIO MED3 Consorzio 33.600 20 BOLOGNA AZIENDA OSPEDALIERO

Dettagli

INIZIATIVA A: "PROGRAMMA IN AMBITO DISTRETTUALE PER AZIONI DI INTEGRAZIONE SOCIALE A FAVORE DEI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI"

INIZIATIVA A: PROGRAMMA IN AMBITO DISTRETTUALE PER AZIONI DI INTEGRAZIONE SOCIALE A FAVORE DEI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI ZONA SOCIALE DISTRETTO URBANO CONSULENZA GIURIDICA E ASSISTENZA LEGALE INTERPRETARIATO/ TRADUZIONE, INTERCULTURALE NEI SERVIZI COMUNALI E SOCIO-SANITARI REALIZZAZIONE DI ASSISTENZA E INTEGRAZIONE SOCIALE

Dettagli

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N.

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. 4/2012) ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI (Anno 2012) Il Sistema

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

SCHEMA DI AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALL EMISSIONE DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI INDICONO CONGIUNTAMENTE

SCHEMA DI AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI CONNESSI ALL EMISSIONE DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI INDICONO CONGIUNTAMENTE COMUNE DI MODENA COMUNE DI REGGIO EMILIA COMUNE DI PARMA SETTORE RISORSE SERVIZIO BILANCIO E SETTORE BILANCIO E FINANZIARIE E PATRIMONIALI PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA RISORSE FINANZIARIE AMM.NE PROVINCIALE

Dettagli

PROVINCIA DI FERRARA

PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA Giunta Provinciale Seduta del 6-2-2007 Ore 9.30 Deliberazione n. 46 Prot. Gen. 8376 OGGETTO: Delibera di G. Reg.le 2543/2004. Contributo di 10.238,00 alla provincia di Ferrara Progetto

Dettagli

Questionario sulla situazione degli Studenti lavoratori iscritti all Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RISULTATI

Questionario sulla situazione degli Studenti lavoratori iscritti all Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RISULTATI Questionario sulla situazione degli Studenti lavoratori iscritti all Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RISULTATI www.cgilmodena.it www.unioneuniversitaria.it IL QUESTIONARIO È stato preparato

Dettagli

Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534

Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534 INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Giuseppe Rovatti Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Residenza Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534 Indirizzo mail beppe@bepperovatti.it

Dettagli

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per Onlus ed enti del volontariato esclusi dal beneficio Emilia Romagna

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per Onlus ed enti del volontariato esclusi dal beneficio Emilia Romagna DELLE 94159330367 " PER VILLA SORRA - XVS " EMILIA ROMAGNA MO CASTELFRANCO EMILIA - - - - 91060180402 "ASSOCIAZIONE ONLUS VERSO MUTOKO" EMILIA ROMAGNA RN RIMINI 144 5.889,60 403,74 6.293,34 91256220376

Dettagli

DISTRETTO PIANURA OVEST

DISTRETTO PIANURA OVEST AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DAL 22 DICEMBRE AL 6 GENNAIO COMPRESI HD tecnico 0514206206 HD normativo 848822222 Call Center 800-884888 Prenotazioni e disdette

Dettagli

CENTRI STORICI DIGITALI

CENTRI STORICI DIGITALI GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 413 Azione

Dettagli

Le azioni della Community Network. Stefano Alvergna Assessore alla Comunicazione, Sistemi Informativi e Provveditorato Provincia di Bologna

Le azioni della Community Network. Stefano Alvergna Assessore alla Comunicazione, Sistemi Informativi e Provveditorato Provincia di Bologna Le azioni della Community Network contro il digital e knowledge divide Stefano Alvergna Assessore alla Comunicazione, Sistemi Informativi e Provveditorato Provincia di Bologna La Community Network in Emilia

Dettagli

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA Sedi Patronati e CAF Indice dei contenuti 1. Patronati 1. CGIL INCA 2. CAF 1. USB Emilia Romagna 2. Caaf 50&Più 3. CAAF CIA SERVIZI srl. 4. CISL 5. CAF CNA 6. CAAF Ce.S.Conf. 1 Confesercenti 7. CAF UIL

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi. IRES Emilia-Romagna

OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi. IRES Emilia-Romagna OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi IRES Emilia-Romagna Coordinamento progetto: Cesare Minghini (Presidente Ires Emilia-Romagna)

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle.

Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle. COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 La ristorazione in Emilia Romagna è tra le migliori d Italia Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle. Sono 3 le novità stellate e 6 i nuovi ristoranti

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE AI SENSI DELL ART.24 DL 90/2014. Comune di Savignano sul Panaro (MO)

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE AI SENSI DELL ART.24 DL 90/2014. Comune di Savignano sul Panaro (MO) PIANO DI INFORMATIZZAZIONE AI SENSI DELL ART.24 DL 90/2014 Comune di Savignano sul Panaro (MO) Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n 27 in data 13/02/2015 1. PREMESSA In ottemperanza alle

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte terza - N. 7 Anno 44 3 aprile 2013 Sommario Procedure concorsuali

Dettagli

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9 ISTITUTO COMPRENSIVO N.9 Via Luigi Longo, 4 40139 Bologna C.F. 91201100376 C.M. BOIC85200B Tel. 051 460205 Fax 051 460007 boic85200b@istruzione.it - postmaster@pec.ic9bo.it ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Via

Dettagli

Le scuole di musica in elenco potranno utilizzare il riconoscimento regionale esclusivamente con la seguente formulazione:

Le scuole di musica in elenco potranno utilizzare il riconoscimento regionale esclusivamente con la seguente formulazione: Elenco delle scuole e/o organismi specializzati nella organizzazione e gestione di attività formative di didattica e pratica musicale dell'emilia-romagna, riconosciute per l'anno scolastico 201/2014 (Deliberazione

Dettagli

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio sul Sistema Scolastico Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza 1 Report statistico Dicembre 2011 Facoltà di Scienze della Formazione 1 Autori del Report: -

Dettagli

VENERDI 19 APRILE 2013

VENERDI 19 APRILE 2013 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità VENERDI 19 APRILE 2013 INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE TERRITORIALI DIGITALI Francesco Capuano Dirigente del Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione

Dettagli

La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale. 15 ottobre 2008

La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale. 15 ottobre 2008 La Community Network E-R e il progetto di Sistema a rete regionale 15 ottobre 2008 La Community Network E-R: comunicazione e sottoscrizione 24 giugno 2008 convegno La Community Network per le Pubbliche

Dettagli

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali In relazione a quanto previsto dall art. 167bis della L.r. 3/99, dalla Deliberazione

Dettagli

RICOSTRUIRE VALORE. Versione sintetica

RICOSTRUIRE VALORE. Versione sintetica RICOSTRUIRE VALORE bilancio SOCIALE 2012 Versione sintetica lettera del presidente ai portatori di interesse Cari Soci, Le cooperative costruiscono un mondo migliore. Le cooperative sono un richiamo alla

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE DI MONITORAGGIO 2015. Capitolo 7. Il settore stradale

RAPPORTO ANNUALE DI MONITORAGGIO 2015. Capitolo 7. Il settore stradale Capitolo 7 Il settore stradale 209 CAPITOLO 7 - IL SETTORE STRADALE 210 7 Monitoraggio del settore 7.1 PREMESSA Nei paragrafi successivi viene sviluppato nel dettaglio il quadro dell assetto della rete,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACQUISTO DI MEZZI DI TRASPORTO DI EMERGENZA - URGENZA E TRASPORTO SOCIALE ANNO 2014

LINEE GUIDA PER L ACQUISTO DI MEZZI DI TRASPORTO DI EMERGENZA - URGENZA E TRASPORTO SOCIALE ANNO 2014 LINEE GUIDA PER L ACQUISTO DI MEZZI DI TRASPORTO DI EMERGENZA - URGENZA E TRASPORTO SOCIALE ANNO 2014 Pubblicato il 03.06.2014 FINANZIAMENTI AD ENTI E ASSOCIAZIONI PER L ACQUISTO DEI MEZZI DI EMERGENZA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLMO/2014/2 dell 08.04.2014 CONSIGLIO LOCALE DI MODENA Oggetto: SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI: DELIBERA N. 24 DEL CONSIGLIO D AMBITO

Dettagli

VALIDO DAL 09 GIUGNO AL 14 SETTEMBRE 2014

VALIDO DAL 09 GIUGNO AL 14 SETTEMBRE 2014 VALIDO DAL 09 GIUGNO AL 14 SETTEMBRE 2014 INDICE 1 Marinuzzi (Modena Est 1A)... 9 1 Villaggio Z (Polo Leonardo 1A - Ariete 1B)...13 2 S. Damaso (S. Donnino 2A)...18 2 San Cataldo... 20 3 Mattarella (Vaciglio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.76 del 21 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Sospensione dei versamenti e adempimenti tributari per i contribuenti colpiti dagli eventi atmosferici verificatisi

Dettagli

CHI SIAMO Il titolare dell'azienda è un ex dipendente Enel, nella quale ha lavorato per 37 anni, che ha fondato la ditta in oggetto.

CHI SIAMO Il titolare dell'azienda è un ex dipendente Enel, nella quale ha lavorato per 37 anni, che ha fondato la ditta in oggetto. ALFASERVIZI Sas di Salvini Nino e C. Iscritto al Collegio dei Periti Industriali di PARMA al n 940 C.F. SLVNNI44T29I845M Località Monfestone, Via Tabiano 84 43036 - FIDENZA (PR) P. IVA 02052920341 - C.C.I.A.A.

Dettagli

ZERO WASTE: fare i conti con l ambiente

ZERO WASTE: fare i conti con l ambiente Direzione Servizi Ambientali Coordinamento Tecnico ed Innovazione ZERO WASTE: fare i conti con l ambiente testimonianza di: Stefano Amaducci (Resp. Coordinamento Tecnico e Innovazione Servizi ambientali)

Dettagli

CENTRI STORICI DIGITALI

CENTRI STORICI DIGITALI GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 413 Azione

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

Accordi sottoscritti 17

Accordi sottoscritti 17 LOCAZIONE AD USO ABITATIVO GUIDA AL CONTRATTO CONCORDATO sommario Presentazione.. 5 A chi si applica la legge 431/98... 7 I vari tipi di contratto 7 Regole comuni di maggior rilievo.. 9 I contratti ad

Dettagli

PROGRAMMA DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI CULTURALI PIANI ANNUALI 2013-2014 OPERE PUBBLICHE - BENI CULTURALI - EDILIZIA SCOLASTICA UNIVERSITA

PROGRAMMA DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI CULTURALI PIANI ANNUALI 2013-2014 OPERE PUBBLICHE - BENI CULTURALI - EDILIZIA SCOLASTICA UNIVERSITA PRESIDENTE - COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA REGIONE EMILIA-ROMAGNA AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L. n. 74/2012, CONVERTITO NELLA LEGGE n. 122/2012 PROGRAMMA DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI

Dettagli

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio La S.V. è invitata a partecipare alla Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio indetta per presentare MediaLibraryOnline: la biblioteca

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio sul Sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza 2 Report statistico a cura di Paola Schiavi e Pierpaolo Triani presentato in data

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

DFA Serie D Regionale Femminile - Girone A

DFA Serie D Regionale Femminile - Girone A DFA Serie D Regionale Femminile - Girone A 1^ Giornata 14^ Giornata 1093 19/10/2013 17.30 COLLECCHIO GALAXI PARMA ASCENSORI COLLECC CASALCAPPUCCINI PIACENZA 21.00 08/02/2014 1184 1094 17/10/2013 21.00

Dettagli

INTEGRAZIONE in IntesaSanpaolo

INTEGRAZIONE in IntesaSanpaolo INTEGRAZIONE in IntesaSanpaolo Incontro con le OOSS 13 ottobre 2011 1 Agenda 1. Modello organizzativo 2. Migration 3. Formazione 2 FILIALI Filiale Capogrup. Parma Sede Filiale Capogrup. Parma Ag.1 Filiale

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli