D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999"

Transcript

1 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico Con i D.M. 23 ugio 2009, in vigore da 1 settembre 2009, i egisatore ha rianciato ediizia con intenzione anche di migiorare a sicurezza degi ascensori instaati prima de entrata in vigore de D.P.R. n. 162/1999. I provvedimento è rivoto ai proprietari, agi amministratori, ae associazioni di piccoi proprietari immobiiari, ae imprese che effettuano manutenzione, riparazione, ammodernamento di ascensori, agi organismi notificati, ae ASL e agi ispettorati de avoro. I decreto ministeriae 23 ugio 2009 ha disposto «adozione di interventi di adeguamento mirati ad un progressivo e graduae migioramento de iveo di sicurezza, da attuarsi in modo seettivo, in funzione dee situazioni riscontrate su ogni singoo impianto». Gi interventi di adeguamento sono individuati attraverso una verifica straordinaria finaizzata a anaisi dei rischi presenti su impianto. Questa verifica deve essere effettuata da organismo notificato, daa ASL o da ispettorato de avoro che ha in affidamento impianto e deve essere condotta sua base dea norma tecnica UNI EN I termini per esecuzione de anaisi dei rischi e degi interventi di adeguamento sono stabiiti in funzione, rispettivamente, de età de impianto e dee situazioni di rischio rievate. Lo scorso 1 settembre 2009 è entrato in vigore i decreto de Ministero deo Sviuppo economico 23 ugio 2009[1]. Si tratta di un provvedimento reativo a esercizio di impianti già instaati (materia di competenza nazionae) che fa rife- rimento aa raccomandazione europea n. 95/216/CE[2] per i migioramento dea sicurezza degi ascensori esistenti. Questo provvedimento, pubbicato in coincidenza con a direttiva europea 95/16/CE[3] finaizzata aa ibe- ra commerciaizzazione degi ascensori su territorio comunitario, si pone come un invito a verificare e a migiorare a sicurezza degi impianti preesistenti aa direttiva che, a contrario, ha stabiito e procedure per a commerciaizzazione 1) «Migioramento dea sicurezza degi impianti ascensoristici anteriori aa direttiva 95/16/CE», nea Gazzetta Ufficiae de 17 agosto 2009, n ) «Raccomandazione europea 95/216/CE de 8 giugno 1995 reativa a migioramento dea sicurezza degi ascensori esistenti», nea G.U.C.E. L de 20 giugno 1995, n ) «Direttiva 95/16/CE de Paramento europeo e de Consigio, de 29 giugno 1995, per i ravvicinamento dee egisazioni degi Stati membri reative agi ascensori», nea G.U.C.E. L de 7 settembre 1995, n

2 Tabea 1 I 10 PUNTI DELLA RACCOMANDAZIONE EUROPEA N. 95/216/CE Principi per i migioramento dea sicurezza degi ascensori esistenti Osservazione preiminare: Le norme europee EN 81 1 e EN 81 2 possono essere utiizzate ogni vota che ciò sia possibie per ottenere dati numerici per quanto concerne e dimensioni, e toeranze, e veocità o e acceerazioni. 1. Instaare porte sue cabine e, a'interno dee cabine, un sistema che indichi i piano a quae si trova 'ascensore. 2. Controare, ed eventuamente sostituire, i cavi di sostegno dea cabina. 3. Modificare i dispositivi di arresto per ottenere un buon grado di precisione de iveo di arresto dea cabina ed una progressiva deceerazione. 4. Rendere gi organi di comando, sia nee cabine che ai piani, comprensibii e utiizzabii dae persone handicappate che si spostano da soe. 5. Instaare riveatori di presenza umana o animae sue porte a chiusura comandata. 6. Instaare sugi ascensori con veocità superiore a 0,6 m/s un sistema di paracadute a deceerazione progressiva prima de'arresto. 7. Modificare i sistemi di aarme in modo da avere un coegamento permanente con un servizio di intervento rapido. 8. Eiminare 'amianto, se esiste, dai meccanismi di frenatura. 9. Instaare un dispositivo che impedisca i movimenti incontroati verso 'ato dea cabina. Tae impianto deve consentire anche i funzionamento de sistema d'aarme di cui a punto 7. e i requisiti essenziai di sicurezza ai quai i nuovi ascensori devono conformarsi e i cui recepimento è cogente per o Stato membro. La direttiva, recepita ne ordinamento nazionae con i Capo I, D.P.R. n. 162/1999, è in vigore da 25 giugno Gi impianti antecedenti aa sua emanazione sono conformi aa normativa nazionae vigente a atto dea oro instaazione e sono stati tutti sottoposti a procedura di omoogazione da parte de Ente nazionae prevenzione infortuni (ENPI) o da Istituto superiore per a prevenzione e a sicurezza de avoro (ISPESL), fatte save e eccezioni ammesse daa egge n. 1415/1942 e da art. 19, D.P.R. n. 162/1999. Negi anni si sono suc- ceduti diversi provvedimenti nazionai ma, in generae, o stato de arte consoidato in Itaia prima dea direttiva si è riveato, a un confronto con gi atri Paesi europei, di iveo decisamente eevato. Gi interventi per i migioramento dea sicurezza non sono richiesti per carenze congenite degi impianti, ma soo in considerazione dea fisioogica evouzione deo stato de arte. Quindi, a meno di interventi migiorativi già apportati voontariamente in conformità aa UNI [4], dovrebbero essere attesi adeguamenti di maggiore entità e più ravvicinati ne tempo a crescere de età de impianto, ovvero in funzione dea norma vigente a momento de instaazione. In reatà, a previsione deve essere in parte ridimensionata da momento che e tabee aegate a D.M. 23 ugio 2009, a contrario dea norma UNI EN aa quae o stesso fa riferimento, non differenziano i tempi di intervento per e situazioni di rischio dovute a dispositivi/souzioni conformi a riferimenti di norma superati rispetto a quee dovute aa oro assenza. La raccomandazione europea ha richiamato attenzione degi Stati membri su 10 punti, in considerazione dei quai i CEN (Comitato europeo di normazione) ha eaborato a norma EN 81-80[5], pubbicata ne Questa, sua base di una anaisi dei rischi, ha fornito indicazioni sue souzioni tecniche che 4) UNI , «Modifiche ad ascensori eettrici preesistenti». 5) EN 81 80, EN 81 80:2003, «Rues for the improvement of safety of existing passenger and goods passenger ifts». 43

3 Tabea 2 RIFERIMENTI NORMATIVI CONTENUTI NELLA EN EN 81 1 Safety rues for the construction and instaation of ifts Part 1: Eectric ifts EN 81 2 Safety rues for the construction and instaation of ifts Part 2: Hydrauic ifts pren * Safety rues for the construction and instaation of ifts Lifts for the transport of persons and goods Part 21: New passenger and goods ifts in existing buidings EN Safety rues for the construction and instaation of ifts Lifts for the transport of persons and goods Part 28: Remote aarm on passenger and goods passenger ifts EN Safety rues for the construction and instaations of ifts Particuar appications for passenger and goods passenger ifts Part 70: Accessibiity to ifts for persons incuding persons with disabiity EN Safety rues for the construction and instaation of ifts Particuar appications to passenger ifts and goods passenger ifts Part 71: Vanda resistant ifts EN Safety rues for the construction and instaation of ifts Particuar appications for passenger and goods passenger ifts Part 73: Behaviour of ifts in the event of fire EN 294 ** Safety of machinery Safety distance to prevent danger zones being reached by the upper imbs EN 1070 *** Safety of machinery Terminoogy Note: * È stata recentemente pubbicata e armonizzata a versione definitiva EN 81 21:2009, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione di ascensori Ascensori per i trasporto di persone e cose Parte 21: Ascensori nuovi per persone e cose in edifici esistenti». Armonizzazione dea EN 81 21:2009 aa direttiva 95/16/CE, in G.U.U.E. C de 5 novembre 2009, n ** La EN 294 è stata ritirata, attuae riferimento è a UNI EN ISO 13857:2008, «Sicurezza de macchinario Distanze di sicurezza per impedire i raggiungimento di zone pericoose con gi arti superiori e inferiori». *** La EN 1070 è stata ritirata, attuae riferimento è a UNI EN devono essere adottate per i migioramento dea sicurezza degi ascensori esistenti e, addove reaizzabie, ha posto come obiettivo i iveo di sicurezza definito dae norme armonizzate aa direttiva 95/16/CE appicabii agi impianti di nuova instaazione. I 10 punti 44 definiti nea raccomandazione e eenco dee norme richiamate daa EN sono riportati nee tabee 1 e 2. Lo stato de arte precedente aa direttiva comunitaria presentava notevoi differenze su territorio comunitario; a norma EN ha dovuto considerare, quindi, un ampia casistica di situazioni pericoose, non tutte significative per i singoi Stati membri. Per adattare i documento aa reatà ocae è stato necessario, pertanto, un fitro nazionae che, in Itaia, è stato predisposto ne am-

4 bito dea UNI EN 81-80[6]. Quest utima è stata emessa da UNI ne 2004 ed è stata pubbicata, a escusione dee appendici, con i decreto de Ministero dee Attività produttive 16 gennaio 2006[7]; neo scorso mese di aprie 2009, UNI ha pubbicato a versione aggiornata UNI EN 81-80:2009. La UNI EN è presa come riferimento tecnico ne D.M. 23 ugio Misure parziamente anaoghe a quee previste da nuovo provvedimento, anche se con scadenze più brevi, erano già state stabiite da D.M. 25 ottobre 2005; questo, però, è rimasto inappicato a causa dea mancata pubbicazione de decreto direttoriae attuativo che avrebbe dovuto definire e modaità di svogimento dee verifiche e i criteri generai dee prescrizioni di adeguamento. I CONTENUTI DEL D.M. 23 LUGLIO 2009 Nee premesse dea norma è evidenziato che o scopo de decreto ministeriae 23 ugio 2009 è a savaguardia dea sicurezza degi utiizzatori e dei tecnici che operano su impianto, ma con o stesso è perseguito anche «obiettivo de Governo di rianciare ediizia» otre a queo «dea messa in sicurezza degi edifici degi impianti tecnoogici, tra questi ascensore in considerazione anche dea vetustà di una parte rievante degi impianti». I disposto è rivoto espressamente a: i proprietari, gi amministratori, e associazioni di piccoi pro- prietari immobiiari; e imprese che effettuano a manutenzione, a riparazione, ammodernamento degi ascensori; gi organismi notificati, a ASL, ispettorato de avoro. La norma riguarda tutti gi ascensori non conformi aa direttiva 95/ 16/CE e ai reativi requisiti essenziai di sicurezza, poiché commerciaizzati prima de entrata in vigore de D.P.R. n. 162/1999. Questo dato è rievabie da ibretto d impianto/ibretto di immatricoazione riasciato a proprietario[8], ma in ogni caso gi ascensori oggetto dea norma sono facimente identificabii in quanto privi dea marcatura CE affissa in cabina che contraddistingue gi impianti instaati ai sensi dea direttiva stessa. I D.M. 23 ugio 2009, i quae ha disposto «adozione di interventi di adeguamento mirati ad un progressivo e graduae migioramento de iveo di sicurezza, da attuarsi in modo seettivo, in funzione dee situazioni riscontrate su ogni singoo impianto», è strutturato in 8 articoi e 3 tabee e ha previsto 3 fasi operative: anaisi e a vautazione dei rischi presenti su ascensore; individuazione, a prescrizione e esecuzione degi interventi di adeguamento; i controo de esecuzione degi interventi prescritti. I procedimento ha inizio in occasione dea prima verifica periodica successiva a entrata in vigore de decreto, aorché i proprieta rio deve prendere accordi con ente verificatore[9] per esecuzione di una verifica straordinaria ai sensi de art. 14, D.P.R. n. 162/ Questa verifica straordinaria è finaizzata a esecuzione di una «anaisi dee situazioni di rischio presenti su ascensore» e non deve essere confusa con e normai verifiche periodiche biennai dirette, invece, ad «accertare se e parti dae quai dipende a sicurezza di esercizio de'impianto sono in condizioni di efficienza, se i dispositivi di sicurezza funzionano regoarmente e se è stato ottemperato ae prescrizioni eventuamente impartite in precedenti verifiche». I termine massimo per esecuzione dea verifica straordinaria dipende da età de impianto, come mostrato nee tabee 3 e 4. Non è chiaro, però, se con espressione «instaati prima de» si intenda riferirsi aa data de riascio dea icenza di impianto o dea icenza di esercizio, oppure aa data di coaudo. I termine utimo per esecuzione degi interventi di adeguamento che ne derivano dipende, invece, da importanza dee situazioni di rischio rievate da ente verificatore e decorre daa data di esecuzione de anaisi dei rischi che, in assenza di diverse indicazioni ministeriai, è possibie ipotizzare coincidere con a data dea verifica straordinaria stessa. In aegato a decreto ministeriae 23 ugio 2009 sono state fornite 3 tabee (A, B e C) contenenti ciascuna un eenco 6) UNI EN 81 80, UNI EN 81 80:2004, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione degi ascensori Ascensori esistenti Regoe per i migioramento dea sicurezza degi ascensori per passeggeri e per gi ascensori per merci esistenti». 7) «Regoe per i migioramento dea sicurezza degi ascensori per passeggeri e degi ascensori per merci esistenti: UNI EN 81 80», nea Gazzetta Ufficiae de 2 febbraio 2006, n ) Proprietario o suo egae rappresentante. 9) Organismo notificato, ASL o Ispettorato de avoro cui sono affidate e verifiche de ascensore. 45

5 di «Punti di controo» e i reativo riferimento aa norma UNI EN 81-80; per ogni tabea è stato definito un termine per esecuzione degi interventi di adeguamento coegati aa stessa, come mostrato nee tabee 3 e 4. Pertanto, ente verificatore deve eseguire anaisi riferendosi ai «Punti di controo» indicati nee tabee A, B e C e deve prescrivere gi interventi di adeguamento sua base dea UNI EN 81-80, a momento unica norma di buona tecnica disponibie in materia. La nuova norma ministeriae ha imposto a proprietario, inotre, di richiedere espressamente a ente verificatore una specifica vautazione, in sede di anaisi dei rischi, per gi aspetti reativi a accessibiità ai disabii (norma UNI EN 81-70)[10], aa resistenza de impianto agi atti vandaici (norma EN 81-71)[11] e a comportamento sicuro in caso di incendio (norma EN 81-73)[12]. La necessità di eventuai interventi migiorativi in ta senso non è univocamente definita, ma deve essere determinata in funzione dee specificità de edificio quai: e caratteristiche costruttive; a destinazione d uso; e esigenze degi utiizzatori ecc. I decreto ministeriae 23 ugio 2009 ha considerato anche eventuaità che siano riscontrati ostacoi aa reaizzazione degi adeguamenti richiesti in edifici soggetti a vincoo da parte dea Soprintendenza per i beni architettonici; in ta caso, è ammessa una deroga a fronte di una specifica certificazione riasciata da un ingegnere o un architetto iscritto a abo, aa quae deve far seguito un parere de ente verificatore riguardo a effettiva impossibiità e aa conseguente individuazione dee misure tecniche aternative. I provvedimento ha attribuito a ente verificatore anche i compito di verificare, ne corso «dee ispezioni successive», avvenuto adeguamento de impianto. Non sono previste sanzioni, ma quaora o stesso ente rievi i mancato adeguamento nei termini previsti, è tenuto a comunicare «esito negativo dea verifica periodica» a competente ufficio comunae per i «provvedimenti di competenza»; inotre, deve informare i proprietario e i manutentore, per e rispettive competenze e responsabiità. Ne ambito dea disposizione reativa a «Controo de esecuzione degi interventi previsti» sono considerate e «successive ispezioni» e e «verifiche periodiche»; è possibie che, però, per adeguamento de impianto possano essere effettuate acune «modifiche costruttive non rientranti ne ordinaria o straordinaria manutenzione», come definite a art. 2, comma 1, ettera i), D.P.R. n. 162/1999. I D.M. 23 ugio 2009 non ha affrontato espicitamente questa situazione e, daa formuazione de disposto, i dubbio che tutto possa essere risoto in sede di verifica periodica è ecito; in ta caso, però, sembra non sia possibie esimersi da un uteriore verifica straordinaria ai sensi de art. 14, comma 3, D.P.R. n. 162/1999, stante a prevaenza de provvedimento e a diversa finaità dee due verifiche. Questi, in sintesi, sono i contenuti de decreto ministeriae 23 ugio 2009, comprese acune rifessioni sui passaggi meno chiari; a queste si potrebbero aggiungere uteriori considerazioni come, per esempio, quae atro soggetto possa intervenire nea fase di anaisi dei rischi, addove, a art. 3, è individuato ente verificatore «che ha effettuato o approvato» anaisi dei rischi. È stato anche soevato i caso dea determinazione dei termini per esecuzione de anaisi dei rischi (si veda a tabea 4) per gi ascensori messi in esercizio in regime transitorio ai sensi de art. 19, D.P.R. n. 162/1999, e per gi impianti sottoposti, in passato, a notevoi modifiche costruttive non rientranti nea ordinaria e straordinaria manutenzione, eseguite ne rispetto dea UNI Per questi utimi è stata ipotizzata a possibiità di cacoare questo termine a partire daa data di esecuzione dee modifiche anziché da quea di instaazione, ma ne D.M. 23 ugio 2009 questa indicazione non compare. È possibie che nei prossimi mesi intervengano acune circoari di chiarimento da parte de Ministero, ma se così non fosse, un interpretazione cauteativa de dettato normativo assicurerebbe comunque a corretta appicazione deo stesso. Per favorire attuazione dee mi- 10) UNI EN 81 70, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione di ascensori Appicazioni particoari per ascensori per passeggeri e per merci Accessibiità agi ascensori dee persone, compresi i disabii». 11) UNI EN 81 71, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione di ascensori Appicazioni particoari per ascensori per passeggeri e per merci Ascensori resistenti ai vandai». 12) UNI EN 81 73, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione di ascensori Appicazioni particoari per ascensori per passeggeri e per merci Comportamento degi ascensori in caso di incendio». 46

6 sure previste, nee premesse a provvedimento ministeriae è stata espressa, infine, a «necessità di sensibiizzare opinione pubbica e di assicurare a massima diffusione a iveo nazionae, anche attraverso comunicati stampa e/o comunicazioni radio-teevisive» riguardo ai contenuti deo stesso. Si attende, quindi, avvio di questa campagna informativa. LE TABELLE DEL DECRETO E LA UNI EN Nee tabee A, B e C, decreto ministeriae 23 ugio 2009, sono stati inseriti i «Punti da controare» eencati ne «prospetto 1 Lista di riscontro di sicurezza per gi ascensori esistenti in Itaia», Appendice NA12 dea UNI EN (74 punti in totae), a eccezione di quei reativi a accessibiità ai disabii, aa resistenza de impianto agi atti vandaici e a comportamento sicuro in caso di incendio, in quanto oggetto di specifica vautazione. In pochi casi, e tabee de disposto1 raggruppano due o più distinti punti dea ista di riscontro de prospetto 1. La ettura dee tabee de decreto ministeriae deve essere effettuata in paraeo a prospetto 1, Appendice NA[13], e, secondo quanto indicato da prospetto stesso, ai corrispondenti punti de Capitoo 5, UNI EN 81-80, che contengono i «requisiti di sicurezza», ovvero e «misure di protezione» che devono essere adottate. Ne dettagio, a coonna «Punto di controo» dee tabee dea norma ha riportato, con e differenze evidenziate, a coonna «Punti da controare» de prospetto 1, Appendi- ce NA; per sempificare a ettura integrata dei due documenti, a coonna «Riferimento aa UNI EN 81-80» ha indicato, invece, i numero identificativo (o i numeri identificativi) de corrispondente (o dei corrispondenti) «Punti da controare» de Appendice NA. Con i numeri identificativi si entra nei «Punti da controare» de prospetto 1, Appendice NA, dove, nea coonna «Situazioni reative aa egisazione nazionae», è identificato impianto in base aa norma di riferimento aa data dea sua instaazione. Ne introduzione a appendice NA, infatti, è stato chiarito che «e situazioni di rischio sono confrontate con o stato de arte in Itaia, cioè con e diverse normative tecniche appicate in Itaia a seconda de epoca di instaazione, con a passata adozione di adeguamenti per a sicurezza obbigatori in Itaia, e infine con esperienza di incidenti registratisi ne tempo». La successiva coonna «Possibii misure da adottare» ha riportato e misure di protezione proposte daa norma. Queste utime coincidono con attuae stato de arte, individuato attraverso indicazione de punto dea norma armonizzata appicabie e de corrispondente punto de capitoo 5, UNI EN L obiettivo de normatore è queo, quindi, di portare tutti gi impianti ao standard dei nuovi; naturamente, questo potrebbe non essere tecnicamente possibie, per esempio, in reazione ae caratteristiche de edificio ne quae impianto è instaato. In ta caso sarà ente verificatore a vautare impossibiità tecnica e a individuare e misure aternative. I «Punti di controo» dee tabee, così come quei de prospetto 1, Appendice NA, sono riferiti sia agi ascensori eettrici sia a quei idrauici, distinguendoi soo addove necessario. A interno dee coonne «Situazioni reative aa egisazione nazionae» e «Possibii misure da adottare» de prospetto 1 e de capitoo 5, UNI EN 81-80, a trattazione dee due tipoogie è fatta in maniera specifica, attraverso indicazione dee norme e dee souzioni appicabii nei due casi. I «Punti da controare», Appendice NA,sono contraddistinti dai «Livei di priorità» basso, medio e ato, in funzione dea specifica «Situazione reativa aa egisazione e formazione nazionae». Le priorità di intervento indicate, frutto di un anaisi condotta da apposito gruppo di avoro de UNI, hanno costituito i riferimento per a definizione dei termini di intervento indicati da decreto ministeriae 23 ugio 2009 (si veda a tabea 4). LE SITUAZIONI DI RISCHIO PIÙ CRITICHE A titoo esempificativo si può procedere a un anaisi più approfondita dea tabea A, D.M. 23 ugio 2009, a quae ha proposto e situazioni di rischio più importanti e che, come tai, devono essere risote ne termine minimo previsto. Questa tabea si sofferma su nove punti che riguardano i seguenti aspetti: 13) Appendice NA, «Appendice nazionae NA Documento di impementazione nazionae dea EN dea UNI EN Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione degi ascensori Ascensori esistenti Regoe per i migioramento dea sicurezza degi ascensori per passeggeri e degi ascensori per merci esistenti». 47

7 i mantenimento dea precisione di iveamento e di fermata, in saita e in discesa, entro i imiti definiti da punto 5.3.3, UNI EN (+/- 20 mm per a iveazione e +/- 10 mm per a fermata); b instaazione di dispositivi di protezione dea porta di piano conformi ae norme UNI EN 81-1[14] o EN 81-2[15] (punti e ), ovvero aa UNI EN (punti e regoazione de tempo di chiusura dee porte e barriera di fotoceue o simie) sugi impianti con porte di piano scorrevoi automatiche non destinati a persone disabii e necessariamente conformi aa EN per gi impianti per i quai è previsto uso da parte dei disabii; c adeguamento degi ascensori idrauici. Per questo «Punto di controo» non è stato indicato i riferimento ai corrispondenti «Punti da controare», prospetto 1, Appendice NA, e questo rende più difficotoso comprenderne gi obiettivi. È possibie presumere che a verifica riguardi ameno i seguenti punti: - n. 16, «Dispositivo di arresto nea fossa e ne ocae dee puegge»; - n. 17, «Adeguata iuminazione de vano corsa»; - n. 39, «Presenza de grembiue dea cabina»; - n. 54b, «Ritorno automatico dea cabina a iveo di piano più basso quando si usa un sistema eettrico contro a deriva»; - n. 57, «Presenza degi interruta tori di extracorsa»; - n. 60b, «Sistema per e manovre d emergenza per gi ascensori idrauici»; - n. 61, «Saracinesca (ascensori idrauici)»; - n. 65a, «Dispositivo di bassa pressione de ciindro su ascensori idrauici ad azione indiretta»; - n. 65b, «Dispositivo di bassa pressione de ciindro su ascensori idrauici ad azione diretta dove i pistone non è coegato in maniera rigida aa cabina». Parte di essi coincidono con gi adeguamenti già resi obbigatori per gi impianti eettrici da Aegato II a D.M. n. 587/1987; instaazione di dispositivi di bocco dee porte di piano conformi ae UNI EN 81-1 o EN 81-2 (punto 7.7); instaazione di un dispositivo di chiusura automatica dee porte di piano scorrevoi orizzontamente, conforme aa UNI EN 81-1 o EN 81-2 (punto , utimo paragrafo); i rapporto sicuro tra a superficie utie dea cabina e a portata. I vaore corretto è definito da punto 8.2, UNI EN 81-1 o EN 81-2, e obiettivo può essere raggiunto mediante a riduzione de area disponibie de pavimento di cabina oppure imitando utiizzo de ascensore ai soi utenti istruiti. Questa seconda ipotesi deve essere adottata con maggiore prudenza e soo nee reatà in cui è effettivamente possibie garantire i rispetto di questa imitazione d uso; instaazione di porte di cabina motorizzate o manuai conformi ai rispettivi punti dea UNI EN 81-1 o EN 81-2 sugi impianti che ne sono privi; instaazione di un dispositivo di comando di ispezione e di un dispositivo di arresto su tetto di cabina conformi aa UNI EN 81-1 o EN 81-2 (rispettivamente punti e ). È probabie che questo punto sia già rispettato, soprattutto per gi impianti eettrici, poiché per gi stessi già obbigatorio ai sensi de Aegato II a D.M. n. 587/ 1987; instaazione di un dispositivo di aarme in cabina e di un dispositivo per i recupero di emergenza di persone intrappoate ne vano corsa (personae di manutenzione) conformi aa UNI EN 81-1 o EN 81-2 (rispettivamente punti e 5.10). Ne «Punto da controare» n. 71, riferito a dispositivo di aarme, è anche richiesto di considerare quanto previsto daa UNI EN 81-28[16] reativa ai teeaarmi per ascensori, ovvero ai dispositivi di comunicazione bidirezionai. La trattazione dei diciannove «Punti di controo» dea tabea B, D.M. 23 ugio 2009, e dei trentacinque punti dea tabea C richiederebbe moto tempo, ma in ogni caso approccio aa ettura incrociata dei singoi «Punti di controo» dee tabee, in reazione ai corrispondenti «Punti da controare», prospetto 1, Appendice NA, rimane invariato. 14) UNI EN 81 1, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione degi ascensori e dei montacarichi Ascensori eettrici». 15) UNI EN 81 2, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione degi ascensori e dei montacarichi Ascensori idrauici». 16) UNI EN 81 28, «Regoe di sicurezza per a costruzione e instaazione di ascensori Ascensori per i trasporto di persone e merci Teeaarmi per ascensori e ascensori per merci». 48

8 Tabea 3 SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.M. 23 AGOSTO 2009 Soggetto responsabie Art. 2 Azione da intraprendere Anaisi e va Proprietario Richiede e concorda utazione dei (o suo egae rap con organismo notificato, rischi presen presentante) ASL o ispettorato de avoro ti sugi una verifica straordinaria ascensori de impianto Interventi di adeguamento richiede espicitamente a organismo notificato, ASL o Ispettorato de avoro quai misure adottare: per assicurare accessibiità ai disabii contro gi atti vandaici per assicurare un comportamento sicuro in caso d incendio organismo noti ficato, ASL o ispettorato de avoro a quae è affidato incarico di ese guire e verifiche su impianto Art. 3 programma ed esegue a verifica straordinaria finaizzata a anaisi dei rischi richiesta da proprietario (o da suo egae rappresentante) organismo no effettua o approva tificato, anaisi dee situazioni di rischio ASL o ispetto presenti su impianto rato de avoro (a ta fine possono essere utiizzate a quae è affidato norme tecniche nazionai o europee, incarico di ese in particoare è citata a UNI EN 81 80) guire e verifiche I risutati de anaisi dei rischi devono in su impianto ogni caso essere rapportati ae tabee A, B e C, D.M. 23 ugio 2009 (che contengono i «punti di controo» eencati anche ne Appendice NA, UNI EN 81 80) Quando in occasione dea prima verifica periodica già programmata da organismo notificato, daa ASL o da Ispettorato de avoro ascensori instaati entro i prima de 1 novembre novembre 1964 ascensori instaati prima de 24 ottobre 1979 entro i 1 novembre 2012 ascensori instaati prima de 9 aprie 1991 entro i 1 novembre 2013 ascensori instaati prima de 24 giugno 1999 entro i 1 novembre 2014 in occasione dea verifica straordinaria finaizzata a anaisi dei rischi 49

9 su richiesta espicita de proprietario considera i punti dea UNI EN reativi a: misure per assicurare accessibiità ai disabii; misure contro gi atti vandaici; misure per assicurare un comporta mento sicuro in caso d incendio, (non considerati dae tabee A, B e C); in funzione dee esigenze degi utiizzatori e de ambiente in cui impianto ascensore è inserito Prescrive gi interventi di adeguamento sua base de esito de anaisi dei rischi Proprietario (o suo egae rappresentante) Art. 4 Controo de esecu zione degi interventi prescritti 50 organismo notificato, ASL o ispetto rato de avoro a quae è affida to incarico di eseguire e verifi che su impianto è responsabie dea corretta esecuzione degi interventi di adeguamento ne rispetto dei termini previsti da decreto e dee esecuzioni tecniche previste da anaisi dei rischi oppure da quee indicate daa norma di buona tecnica verifica avvenuto adeguamento de impianto per e situazioni di rischio indicate nea tabea A entro 5 anni daa data di esecuzione de anaisi dei rischi per e situazioni di ri schio indicate nea tabea B entro 10 anni daa data di esecuzione de anaisi dei rischi per e situazioni di ri schio indicate nea tabea C in occasione di interventi di modernizzazio ne successivi, di notevoe entità in occasione dee ispezioni successive In caso di mancato adeguamento comunica esito negativo dea verifica periodica a competente ufficio comunae per i provvedimenti di competenza; informa, inotre, per e rispettive competenze e responsabiità, i proprietario (o i suo egae rap presentante) e i manutentore

10 Osservatorio ISPESL Legisazione Tabea 4 ANALISI DEI RISCHI ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO: TERMINI TEMPORALI PER L ESECUZIONE Determinazione dea data per esecuzione dea verifica straordinaria finaizzata a effettuazione de anaisi dei rischi de ascensore ascensori instaati prima de 15 novembre 1964 Determinazione dea data per esecuzione degi interventi di adeguamento prescritti da organismo notificato, daa ASL o da ispettorato de avoro situazioni di rischio tabea A datavp/ar 1 novembre 2009 dataia < data/vp/ar < datavp/ar + 5 anni < 1 novembre ottobre novembre 2009 < datavp/ar < 1 novembre aprie novembre 2009 < datavp/ar < 1 novembre giugno novembre 2009 < datavp/ar < 1 novembre 2014 situazioni di rischio tabea B situazioni di rischio tabea C dataia < datavp/ar + 10 anni dataia e situazioni di rischio possono essere eiminate in occasione di futuri interventi di modernizzazione successivi, di significativa entità LEGISLAZIONE Decreto de Ministero deo Sviuppo economico 23 ugio 2009 Migioramento dea sicurezza degi impianti ascensoristici anteriori aa direttiva 95/16/CE. In Gazzetta Ufficiae de 17 agosto 2009, n. 189 IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Vista a raccomandazione dea Commissione europea 95/ 216/CE de 8 giugno 1995 su migioramento dea sicu rezza degi ascensori esistenti; Visto i decreto de Presidente dea Repubbica 30 apri e 1999, n. 162, reativo a regoamento recante norme per attuazione dea Direttiva ascensori 95/16/CE; Vista a norma UNI EN «Regoe per i migioramen to dea sicurezza degi ascensori per passeggeri e degi ascensori per merci esistenti», approvata da Ente nazio nae itaiano di unificazione ne maggio 2004, pubbicata 51

11 Osservatorio ISPESL Legisazione nea Gazzetta Ufficiae n. 27 de 2 febbraio 2006 e sue modifiche e/o integrazioni successive; Vista importanza de tema sicurezza egato a mezzo di trasporto più utiizzato ne nostro Paese con otre 70 miio ni di corse persona a giorno per cui per una adeguata sensibiizzazione de opinione pubbica occorre assicura re a presente decreto a massima diffusione a iveo nazio nae anche attraverso comunicati stampa e/o comunica zioni radio/teevisive; Considerato obiettivo de Governo di rianciare ediizia e pertanto di perseguire anche obiettivo dea messa in sicurezza degi edifici degi impianti tecnoogici, tra questi ascensore indispensabie mezzo di trasporto; Considerando che i presente decreto è rivoto espressa mente a: proprietari/amministratori/associazioni di piccoi pro prietari immobiiari; imprese che effettuano manutenzione/riparazione/ ammodernamento di ascensori; organismi notificati/asl/ispettorato de avoro; considerata a necessità di dover adeguare ao stesso ive o di sicurezza tutti gi ascensori in esercizio su territorio itaiano data effettiva vetustà di una parte rievante degi stessi; Decreta: Art. 1 Scopo 1. A fine di savaguardare a sicurezza degi utenti e dei tecnici operanti sugi ascensori, come definiti da art. 1 e da art. 2, comma 1, ettera a) de regoamento di cui a decreto de Presidente dea Repubbica 30 aprie 1999, n. 162, di seguito denominato «regoamento», si dispone adozione di appositi interventi di adeguamento mirati a progressivo e graduae migioramento de iveo di sicurez za degi ascensori instaati e messi in esercizio permanente negi edifici e nee costruzioni in epoca anteriore aa data di entrata in vigore de predetto regoamento, da attuarsi in modo seettivo in funzione dee situazioni riscontrate su ogni singoo impianto. Art. 2 Anaisi e vautazione dei rischi presenti sugi ascensori 1. I proprietario o i suo egae rappresentante a partire da entrata in vigore de presente decreto in occasione dea prima verifica periodica su impianto già program mata da Organismo notificato/daa ASL/da Ispettorato de avoro che ha in affidamento ascensore contestua 52 mente richiede e concorda effettuazione di una verifica straordinaria ai sensi de art. 14 de regoamento, finaizza ta aa reaizzazione di un anaisi dee situazioni di rischio presenti ne impianto per a quae può essere utiizzata a norma di buona tecnica più recente. In Itaia e norme di buona tecnica sono quee pubbicate da UNI e/o norme europee che garantiscono un iveo di sicurezza equivaen te (come UNI EN ). 2. I soggetti responsabii affidatari di cui a comma 1 programmano che tai verifiche straordinarie vengano ef fettuate entro i termini perentorio di: due anni daa data di entrata in vigore de presente decreto per gi ascensori instaati prima de 15 novembre 1964; tre anni daa data di entrata in vigore de presente decreto per gi ascensori instaati prima de 24 ottobre 1979; quattro anni daa data di entrata in vigore de presente decreto per gi ascensori instaati prima de 9 aprie 1991; cinque anni daa data di entrata in vigore de presente decreto per gi ascensori instaati prima de 24 giugno Quaora si vauti che acune dee caratteristiche specifi che de ascensore sono di ostacoo aa messa in opera di uno o più degi interventi di adeguamento previsti da ana isi dei rischi, in quanto protette daa Sovrintendenza ae Bee Arti, i proprietario de ascensore o i suo egae rappresentante può fare certificare a speciae situazione de componente de impianto di ascensore da un ingegne re o architetto iscritto a abo. In questo caso particoare ente autorizzato ad effettuare e verifiche periodiche e/o straordinarie, di cui a art. 13 de regoamento, dà i suo parere su impossibiità dea richiesta e indica e misure di compensazione che i proprietario deve far mettere in opera per tenere conto dei requisiti di sicurezza definiti nee predette norme di buona tecnica. Art. 3 Interventi di adeguamento 1. L ente autorizzato ad effettuare e verifiche periodiche e/o straordinarie, di cui a art. 13 de regoamento, che ha effettuato o approvato anaisi dei rischi, prescrive i conse guenti interventi di adeguamento su impianto, che do vranno essere tassativamente attuati entro i termini se guenti: entro cinque anni daa data di esecuzione de anaisi dei rischi per e situazioni di rischio riportate nea tabea A; entro dieci anni daa data di esecuzione de anaisi dei rischi per e situazioni di rischio riportate nea tabea B. 2. Le situazioni di rischio riportate nea tabea C potranno

12 Osservatorio ISPESL Legisazione essere eiminate in occasione di interventi di modernizza zione successivi, di significativa entità. 3. Le situazioni di rischio riportate nee tabee A, B e C sono quee eencate ne appendice NA dea norma UNI EN Ad esse devono essere rapportati i risutati di ogni anaisi dei rischi, come pure e possibii misure da adottare. Art. 4 Controo dea esecuzione degi interventi prescritti 1. Gi enti responsabii dee verifiche periodiche devono verificare, ne corso dee ispezioni successive, avvenuto adeguamento previsto da presente decreto. Ne caso si verifichi i mancato adeguamento previsto da presente decreto, i soggetto che ha eseguito a verifica periodica ne comunica esito negativo a competente ufficio comunae per i provvedimenti di competenza informando, per e rispettive competenze e responsabiità, i proprietario deo stabie e/o amministratore de condominio e a ditta di manutenzione. Art. 5 Responsabiità de esecuzione degi interventi prescritti 1. I proprietario de impianto di ascensore, o i suo egae rappresentante, è responsabie dea corretta esecuzione degi interventi di adeguamento nei termi ni previsti da presente decreto e ne rispetto dee esecuzioni tecniche previste da anaisi di rischio op pure da quee indicate daa norma di buona tecnica. 2. In caso di mancata esecuzione degi interventi di ade guamento dea sicurezza prescritti da Organismo notifi cato o daa ASL o da Ispettorato de avoro, impianto ascensore non potrà essere tenuto in esercizio. Art. 6 Adeguamenti specifici 1. I seguenti punti dea norma UNI EN richiamata a art. 3, comma 3: misure per assicurare accessibiità ai disabii; misure contro gi atti vandaici; misure per assicurare un comportamento sicuro in caso d incendio, non sono compresi nee tabee in quanto soggetti a vauta zioni specifiche. Tuttavia, gi stessi devono essere conside rati in funzione dee esigenze degi utiizzatori e de am biente in cui impianto ascensore è inserito. Pertanto, è responsabiità de proprietario richiedere espicitamente quai misure adottare. Art. 7 Oneri 1. Gi oneri per esecuzione de anaisi e dea vautazione dei rischi sono a carico de proprietario o de egae rappre sentante de impianto eevatore. Art. 8 Aegati 1. Costituiscono parte integrante de presente decreto e tabee A, B e C con eenco degi interventi da attuare sugi eevatori a fine de oro adeguamento. Tabea A ALLEGATO ALLA PROPOSTA DI DECRETO MINISTERIALE Riferimento UNI EN Punto di controo 1 3 Precisione di iveamento e di fermata 2 30 Dispositivi di protezione dea porta di piano 3 diversi 4 31 Dispositivi di bocco dea porta di piano 5 34 Chiusura automatica porte di piano scorrevoi orizzontamente 6 38 Rapporto sicuro tra superficie e portata 7 40 Presenza porta di cabina 8 70 Dispositivo di comando di ispezione e di arresto su tetto di cabina Adeguamento ascensori idrauici (secondo appendice NA UNI EN 81 80) Dispositivo di aarme in cabina e per i recupero di persone intrappoate ne vano di corsa 53

13 Osservatorio ISPESL Legisazione Tabea B ALLEGATO ALLA PROPOSTA DI DECRETO MINISTERIALE Riferimento UNI EN Punto di controo Dispositivi di bocco per e porte di accesso (ispezione) a vano di corsa e aa fossa Difesa di separazione tra parti in movimento di più ascensori situati in un vano di corsa comune Spazi iberi nea testata e nea fossa Accesso sicuro aa fossa Disivei e recessi ne ocae de macchinario Porte di cabina e/o di piano cieche Resistenza de fissaggio dea porta di piano Sboccaggio di emergenza dee porte di piano con un attrezzo speciae Protezione contro a caduta da tetto di cabina Iuminazione normae dea cabina Iuminazione di emergenza dea cabina 22 50a Presenza di paracadute attivato da un imitatore di veocità compatibie per gi ascensori eettrici Protezione contro eccesso di veocità in saita dea cabina Protezione contro i movimento incontroato dea cabina in saita o in discesa Ammortizzatori adeguati 26 60a Sistema per e manovre di emergenza di ascensori eettrici Arresto e controo di arresto de macchinario (contattori indipendenti) Dispositivo contro aentamento dee funi o catene Protezione contro eettrocuzione (IP2X) Chiusura cieca o parziae de vano di corsa 54

14 Osservatorio ISPESL Legisazione Tabea C ALLEGATO ALLA PROPOSTA DI DECRETO MINISTERIALE Riferimento UNI EN Punto di controo 30 1 Instaazione senza materiai pericoosi, per esempio amianto 31 9 Parete de vano di corsa a di sotto dea sogia di ogni porta di piano Protezione degi spazi accessibii situati a di sotto dea cabina, de contrappeso o dea massa di bianciamento Difesa de contrappeso o dea massa di bianciamento Difesa di separazione in fossa degi ascensori in un vano di corsa comune Accesso sicuro a ocae de macchinario e dee puegge di rinvio Pavimento non sdruccioevoe ne ocae de macchinario e dee puegge di rinvio Distanze orizzontai ne ocae de macchinario Adeguata iuminazione ne ocae de macchinario e dee puegge di rinvio Supporti metaici o ganci per o spostamento dee apparecchiature ne ocae de macchinario e ne vano di corsa Porte di cabina e di piano che contengono vetro Precauzioni contro a possibiità che e mani dei bambini vengano trascinate dae porte in vetro Iuminazione de piano Non accessibiità dei dispositivi di bocco dea porta di piano da esterno de vano di corsa Porte scorrevoi a più ante Resistenza a fuoco dee porte di piano La porta di cabina motorizzata scorrevoe orizzontamente funziona soo se a porta di piano a battente è chiusa Bocco dea botoa di soccorso sua cabina Sufficiente resistenza de tetto di cabina e dea botoa di soccorso Sufficiente ventiazione dea cabina Protezione contro gi infortuni da puegge di frizione, dae puegge e dai pignoni Protezione contro o scarrucoamento dee funi o catene da puegge di frizione, dae puegge e dai pignoni Protezione contro introduzione di oggetti tra e funi/catene e e puegge di frizione, e puegge e i pignoni 53 50b Paracadute e sistema imitatore di veocità compatibie per ascensori eettrici che funzionano correttamente 55

15 Osservatorio ISPESL Legisazione Dispositivo eettrico di sicurezza de tenditore dea fune de imitatore 55 54a Protezione degi ascensori idrauici contro a caduta ibera, a discesa con veocità eccessiva e a deriva dea cabina Sistema di guida per a cabina o a massa di bianciamento Distanza orizzontae tra a superifice de vano di corsa e a sogia, i teaio de accesso di cabina o bordo di chiusura dee porte scorrevoi di cabina Distanza orrizontae tra a porta di cabina chiusa e a porta di piano Limitatore de tempo di aimentazione de motore Protezione de motore de macchinario de ascensore Presenza di interruttori generai boccabii ne ocae de macchinario Nessun funzionamento pericooso de ascensore in caso di inversione di fase Comunicazione diretta tra i ocae de macchinario e a cabina Presenza de controo de carico Informazioni su uso sicuro e sua manutenzione de ascensore 56

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE DECRETO 23 luglio 2009 Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE Pag. 28 G.U. N 189 del 17 Agosto 2009 IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Vista la

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE

GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Installazione e messa in esercizio GESTIONE DELL IMPIANTO ASCENSORE Un ascensore deve essere progettato ed installato conformemente alle disposizioni della Direttiva ascensori 95/16/CE e del DPR 162/99,

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori

FAQ. Le domande più frequenti... sugli ascensori FAQ Le domande più frequenti... sugli ascensori 1. Cosa devono appurare le verifiche periodiche? Le verifiche periodiche sono dirette ad accertare se le parti dalle quali dipende la sicurezza di esercizio

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA art.. 146 Decreto Legisativo 22/01/200 n. 42 AL COMUNE DI FARRA DI SOLIGO SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO ATTIVITÀ

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita'

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita' Decreto Ministeriale del 16/01/2006 Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti: UNI EN 81-80 Gazzetta Ufficiale 02/02/2006 n. 27 IL

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) ON n. 1791 VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) 99999 precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso?

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso? Articoo Sicurezza in cantiere. La posa de parapetto è effettuata da basso verso ato Ponteggi e ancoraggi: quai tecniche utiizzare per i montaggio e uso? I comparto ponteggi ne ambito de ediizia riveste

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Ing. Paolo Tattoli ISPESL Presidente della Commissione Ascensori del UNI Pubblicato sulla G.U. N 189

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~ ~~~(!?d;ne Jf/~~ @rouffu~~e @r~j~ Jt~U&?o r~/if:~/m::u r 96~"g~ 96ur: n o ~ 30110/2009 4228/2009 AS/amp Ai Sigri Presidenti degi Ordini Provinciai dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestai Ai Sigri Presidenti

Dettagli

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico NUOVA SIRIO 5 Cadaie a basamento con accumuo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturae IT Libretto istruzioni ed avvertenze Instaatore Utente Tecnico corre daa data dea verifica stessa. I certificato

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali J Abo Nazionae Gestori Ambientai SE ZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE a presso a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricotura di TORINO Iscrizione N: T000629 I Presidente dea Sezione regionae de Piemonte

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI.

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI. { CONCESSONE PER POSTEGGO AL MERCATO COPERTO D P MARZOL. L'anno duemiaquindici (20L5) addì...-...( ) de resid enza comunae di Bernada, con a presente scrittura privata da vaere ad ogni effetto di egge

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

COPIA AD USO PERSONALE. RIPRODUZIONE VIETATA.

COPIA AD USO PERSONALE. RIPRODUZIONE VIETATA. NORMA ITALIANA Regole di sicurezza per la costruzione e l installazione degli ascensori Ascensori esistenti Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09 DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae rif. PCI (80/60) Portata Termica Minima rif. PCI (80/60) Potenza Nominae rif. PCI (80/60) Potenza Nominae di condensazione rif. PCI (50/30) Potenza Minima rif.

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587.

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. Attuazione delle direttive n. 84/529/CEE e n. 86/312/CEE relative agli ascensori elettrici. Pubblicato nella Gazz.Uff. 25 marzo 1988, n. 71, S.O. IL MINISTRO PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva 3-349-617-10 10/12.14 Contatore di energia eettrica per sistemi a 2, 3, 4 fii con inserzione diretta 65 A o tramite TA 1 A, 5 A Casse di accuratezza B per uso industriae e commerciae nonché per esigenze

Dettagli

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale La nuova dimensione de caore Cadaia Murae a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitae MARCATURA DI RENDIMENTO (92/42/CE) La nuova cadaia a condensazione miniaturizzata con tecnoogia eettronica digitae di STEP.

Dettagli

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070.

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. INTRODUZIONE Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. Le installazioni di ascensori interessate e l'estensione con la quale sono trattati i pericoli, le situazioni

Dettagli

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA MO1106-IA Guida a uso 3283 Cenni su questo manuae (Luce) A seconda de modeo di oroogio, a visuaizzazione de testo appare sotto forma di caratteri scuri su sfondo chiaro o sotto forma di caratteri chiari

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150.

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150. DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae Portata Termica Nominae Potenza Nominae Potenza Nominae Rendimento Utie Portata Termica Minima Potenza Minima Rendimento a carico ridotto (0 di Pn) PORTATA GAS

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE.

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. Lavori Pubbici Urbanistica Ecoogia e Ambiente Ediizia Privata Moniga de Garda, ì 28/09/2015 CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. IL RESPONSABILE DELL'AREA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 12.09.2013 Rev.0.1 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

Norme Europee EN 81 80: incremento della sicurezza degli ascensori esistenti

Norme Europee EN 81 80: incremento della sicurezza degli ascensori esistenti Ing. Giuseppe Iotti Responsabile Commissione Tecnica ANACAM Norme Europee EN 81 80: incremento della sicurezza degli ascensori esistenti Accessibilità degli ascensori esistenti Tra gli aspetti più importanti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I M IRIRIRIR IY IIIIIIII GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

NUOVO. Sezionatore DC con controllo remoto e rilevamento arco elettrico PVREM- -AF1. Descrizione. Dati tecnici. Caratteristiche e vantaggi

NUOVO. Sezionatore DC con controllo remoto e rilevamento arco elettrico PVREM- -AF1. Descrizione. Dati tecnici. Caratteristiche e vantaggi Sezionatore DC con controo remoto e rievamento arco eettrico PVRE- -1 Descrizione I sezionatore di potenza DC PVRE- -1, basato su tecnoogia ibrida, permette i sezionamento dea porzione DC de impianto fotovotaico

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ATTIVITÀ DI VERIFICA ISPETTIVA SU ASCENSORI D.P.R. n. 162/99 INDICE 10.06.2013 Rev.0.0 Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI 3. TERMINI E DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO 6. OFFERTA, ORDINE E APERTURA COMMESSA 7. MODALITÀ

Dettagli

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare:

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare: Windows Per i Servizio assistenza cienti mondiae di ArcSoft Inc. contattare: Nord America 46601 Fremont Bvd. Fremont, CA 94538 Te: 1-510-440-9901 Fax: 1-510-440-1270 Website: www.arcsoft.com Emai: feedback@arcsoft.com

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Arch. Favio Contardo Via Baretti 36 ~0125 Torino TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. mm. Giudice dott. Moroni R.G. Bg/2015 Attore: Xxx Convenuto: Yyy PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Con atti des/n/zo4,

Dettagli

COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tolu, n.30 07033 Osilo T el. 079 3242211-3242200 - 324221 O - Fax 079 3242245

COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tolu, n.30 07033 Osilo T el. 079 3242211-3242200 - 324221 O - Fax 079 3242245 COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tou, n.30 07033 Osio T e. 079 32422-3242200 - 32422 O - Fax 079 3242245 I presente documento, inviato via Pec agi indirizzi Pec dei Comuni e Provincia sottoindicati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

li. -.. COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli)

li. -.. COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) i. -.. COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi) SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO Determinazione n r. ) 5 OGGETTO: Attivazione no2 abbonamenti triennai a.a rivista onine "Juris Data Top Major"

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

Riscaldamento - Climatizzazione. Listino Prezzi Marzo 2007

Riscaldamento - Climatizzazione. Listino Prezzi Marzo 2007 Riscadamento - Cimatizzazione Listino Prezzi Cadaie murai a Condensazione Pag. Cadaie murai a Condensazione per interno Cadaie murai a Condensazione per esterno Accessori / Optiona Sistemi aspirazione

Dettagli

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO PesaroS.r.. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO 2014 Gentie Ciente, La Buoneria Pesaro S.r.. è ieta di mettere a Vostra disposizione edizione riveduta e aggiornata de Cataogo/Listino generae dei nostri prodotti.

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli