Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese"

Transcript

1 Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese Per crescere con il sostegno di nuovi soci, in modo semplice, senza perdere flessibilità e indipendenza

2

3 U N A N U O V A S O L U Z I O N E P E R C R E S C E R E Si aprono nuovi mercati, aumentano gli scambi internazionali, cambia la geografia della produzione. Lo scenario economico evolve rapidamente e offre opportunità per crescere: le piccole e medie imprese italiane (PMI) hanno le qualità per coglierle, ma servono soluzioni finanziarie a supporto. Nelle PMI italiane, la dotazione di capitale rappresenta circa il 30% del passivo, inferiore alla media di altri Paesi europei: è il 35% nelle PMI della Germania, il 40% in Francia, il 48% in Spagna. Con la prossima applicazione dell accordo internazionale Basilea 2 l esigenza di rafforzare il patrimonio si farà più forte: se vorranno finanziarsi a condizioni favorevoli, le imprese dovranno migliorare il rating loro assegnato dalle banche. Un Mercato per avvicinare l impresa ai grandi investitori Il Mercato Alternativo del Capitale (MAC) nasce con un unica missione: facilitare l accesso al capitale di rischio e rafforzare la struttura finanziaria delle PMI italiane. Un accesso semplice e a basso costo, possibile senza rinunciare all indipendenza nella gestione e con il supporto degli abituali referenti finanziari: le banche che operano nel proprio territorio. Un Mercato per avvicinare l impresa ai grandi investitori, pensato per sostenere l innovazione e accelerare la crescita. 1

4 L E R I S P O S T E E F F I C A C I A L L E E S I G E N Z E D I O G G I Il Mercato Alternativo del Capitale (MAC) è stato promosso dalle principali banche nazionali, da Borsa Italiana, da associazioni d imprenditori e istituzioni impegnate nella promozione e nello sviluppo delle imprese. Fino ad oggi le PMI intenzionate ad aprire il proprio capitale hanno avuto a disposizione due soluzioni: la quotazione su un mercato di Borsa regolamentato per ottenere la massima visibilità collocando le azioni agli investitori; la cessione di una quota significativa del capitale a un fondo di private equity per affrontare un importante fase di transizione, in partnership con un investitore istituzionale. Il MAC offre una nuova soluzione alle imprese che intendono condividere gli obiettivi di crescita e il rischio d impresa con un numero limitato di investitori. È un Mercato esclusivamente rivolto agli investitori professionali che facilita l incontro tra domanda e offerta del capitale di rischio grazie alla concentrazione delle informazioni, alla possibilità di determinare un valore di riferimento oggettivo dell impresa, a semplici regole d accesso e funzionamento e a costi molto contenuti. Nuove opportunità per crescere insieme Il MAC s ispira all esperienza di successo dell Alternative Investment Market (AIM) di Londra, dove oggi sono quotate oltre società. Come l AIM, il MAC si rivolge alle PMI e prevede regole semplificate per l accesso. Entrambi i mercati sono Sistemi di Scambi Organizzati 1 che rispondono ai requisiti posti dalle autorità regolamentari di ciascun Paese (Consob in Italia, FSA nel Regno Unito). Il MAC, a differenza dell AIM, si rivolge esclusivamente agli investitori professionali, soci ideali delle PMI perché dotati dell esperienza e delle competenze per compiere scelte d investimento consapevoli. 2 1 Con l entrata in vigore della Direttiva europea sui servizi di investimento (MiFID) a novembre 2007, i due mercati rientreranno negli standard previsti per gli MTF (Multilateral Trading Facility).

5 Le esigenze di oggi dell impresa Aprire il capitale a nuovi soci che sostengano la strategia di sviluppo e le risposte del MAC È aperto esclusivamente agli investitori professionali: i più adatti per valorizzare i progetti di medio lungo termine dell impresa Mantenere l organizzazione focalizzata sulla gestione L accesso al Mercato non implica modifiche alla struttura organizzativa dell impresa. I requisiti per accedere e restare sul Mercato sono semplici e poco onerosi Valorizzare le relazioni con gli abituali interlocutori finanziari nel territorio L impresa è accompagnata al MAC dalla propria banca di riferimento (Sponsor). La banca assiste l impresa nell iter d autorizzazione e la mette in contatto con l Intermediario Specialista, che cura la presentazione dell impresa agli investitori e la raccolta del capitale 3

6 U N M E R C A T O D O V E F A R C R E S C E R E L I M P R E S A È una soluzione per trovare nuovi soci: offre una vetrina aperta a investitori professionali (italiani ed esteri) e un riferimento trasparente per la determinazione del valore dell impresa. Permette di aumentare la dotazione di capitale senza imporre vincoli nella gestione, favorendo l ingresso di soci di minoranza graditi all imprenditore. Valorizza i progetti d investimento di medio e lungo termine, essendo aperto esclusivamente alla domanda d investitori professionali. Attraverso la concentrazione delle informazioni, permette alle PMI di entrare in contatto con grandi investitori che possono trovare sul Mercato più opportunità per investire e liquidare l investimento: l incontro tra domanda e offerta è agevolato da un Intermediario Specialista. 4

7 Valorizzare i progetti d investimento 5

8 G L I A T T O R I D E L M E R C A T O Impresa Sponsor e Specialista M A C Intermediari abilitati investitori professionali L impresa Per essere ammessa al MAC, l impresa deve: essere costituita in forma di Società per Azioni; disporre della libera trasferibilità delle azioni, dematerializzate e accentrate in Monte Titoli; disporre della certificazione dell ultimo bilancio di esercizio rilasciata da una società di revisione iscritta all albo Consob (per consultare l albo, provare che i membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale posseggono i requisiti di onorabilità previsti dal Testo Unico della Finanza. Lo Sponsor Lo Sponsor è la banca o SIM scelta dall impresa candidata al MAC che la assiste nella predisposizione della domanda di ammissione alle negoziazioni e nella compilazione della scheda informativa. Per accedere al MAC, l impresa deve essere obbligatoriamente accompagnata dallo Sponsor. L incarico deve avere una durata di almeno tre anni che decorrono dall inizio delle negoziazioni sul Mercato. Dopo l ammissione al MAC, lo Sponsor assiste la società emittente nell adempimento degli obblighi informativi previsti dal regolamento del Mercato. Il nome dello Sponsor è citato in tutte le comunicazioni dell impresa al Mercato nei tre anni successivi all ammissione alle negoziazioni. Lo Specialista Lo Specialista è la banca o impresa d investimento che ha il compito di presentare l impresa agli investitori professionali. Lo Specialista organizza il collocamento privato e, dopo l ammissione al MAC, supporta l impresa nella valorizzazione del progetto di sviluppo presso gli investitori professionali. Nella fase di negoziazione sul Mercato, lo Specialista facilita l incontro tra domanda e offerta e la formazione dei prezzi esponendo quotazioni in acquisto e in vendita per controvalori minimi determinati. Le sue strutture dedicate e indipendenti di analisti producono report periodici sulla società emittente mettendoli a disposizione degli investitori professionali che ne facciano richiesta. L impresa ammessa al MAC deve sempre essere accompagnata da uno Specialista: se l impegno dello Specialista viene meno, l impresa deve nominarne uno nuovo, pena la sospensione delle negoziazioni e l esclusione dal Mercato. 6

9 Gli intermediari abilitati Gli Intermediari abilitati possono essere banche o imprese di investimento (nazionali, comunitarie ed extracomunitarie), agenti di cambio e Poste Italiane. Sono soggetti autorizzati alla prestazione del servizio di negoziazione per conto proprio e/o per conto terzi e aderenti alla Borsa Italiana. Raccolgono le proposte di negoziazione degli investitori professionali e le inoltrano sul MAC. Gli investitori professionali Gli Investitori professionali sono gli unici autorizzati ad investire sul MAC. Possono sottoscrivere e negoziare azioni del MAC esclusivamente gli investitori che rientrano in una delle seguenti categorie 2 : enti creditizi, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo, imprese di assicurazioni, fondi pensione; imprese di grandi dimensioni; governi nazionali e regionali. Un Mercato pensato per sostenere l innovazione Gli altri investitori non possono individualmente disporre proposte di negoziazione sulle azioni scambiate sul MAC. L investimento sul Mercato è a loro consentito solo attraverso la prestazione di un servizio di gestione su base individuale fornito da parte di un intermediario autorizzato. 2 Ai sensi dell Allegato II della direttiva MiFID 7

10 PRO MAC È la società costituita il 23 dicembre 2006 per promuovere lo sviluppo e la conoscenza del MAC tra imprese e investitori. Al capitale della PRO MAC partecipano 17 tra banche e SIM e 7 istituzioni. Banche e SIM Banca Akros Gruppo BPM Banca Antonveneta Banca CARIGE Banca CR Firenze Banca Finnat Banca Popolare dell Emilia Romagna Banco Popolare di Verona e Novara Istituzioni ABI AIDAF Assosim Borsa Italiana Confindustria InfoCamere IPI Banca Popolare di Vicenza Banca Sella BNL Capitalia Centrobanca Gruppo UBI CentroSIM CREDEM Intesa Sanpaolo MPS Unicredit L esperienza al servizio della crescita delle imprese 8

11 Borsa Italiana Gestisce il Mercato, ammette le imprese alla negoziazione sul MAC, vigila sul corretto e regolare svolgimento delle operazioni, approva il regolamento del MAC previo parere positivo di PRO MAC. Borsa Italiana elabora e cura l aggiornamento dei Princìpi Guida dell investitore raccomandandone l osservanza e promuovendone la diffusione di concerto con PRO MAC. 9

12 I L P E R C O R S O P E R A C C E D E R E A L M A C La procedura per l ammissione alla negoziazione è semplice e veloce: prevede cinque tappe che si possono completare in circa sei settimane. L impresa contatta lo sponsor di riferimento Viene presentata allo specialista Presenta la domanda di ammissione Ottiene l ammissione alla negoziazione Effettua il collocamento privato Circa sei settimane Il contatto dello Sponsor Il primo passo è contattare la propria banca di riferimento sul territorio. Se la banca non è iscritta all elenco degli Sponsor del MAC, l impresa potrà rivolgersi a una delle banche Sponsor che operano nella propria regione (l elenco degli Sponsor è pubblicato sul sito internet Lo Sponsor ha il compito di spiegare il funzionamento del Mercato e le sue regole e di assistere l impresa nella redazione dei documenti necessari per ottenere l ammissione. Lo Sponsor resterà al fianco dell impresa anche dopo l ammissione, supportandola per almeno tre anni nell adempimento degli obblighi di comunicazione al mercato. In aggiunta allo Sponsor, l impresa può decidere di farsi assistere da un Advisor, iscritto all elenco tenuto dalla PRO MAC. Il ruolo può essere esercitato da una società finanziaria, da un uno studio commercialista o legale, da un fondo di private equity o da una boutique finanziaria. L Advisor, insieme allo Sponsor, assiste l imprenditore nelle scelte finanziarie. La sua nomina può essere utile per le imprese più piccole e geograficamente periferiche. Gli adempimenti per ottenere l ammissione al Mercato e la procedura di ammissione sono descritti in dettaglio nel sito internet. Le informazioni richieste sono facilmente ricavabili dal bilancio certificato. La preparazione della domanda può essere completata in circa tre settimane. 10

13 Gli adempimenti per l ammissione al MAC Compilare la domanda d ammissione e la scheda informativa di sintesi Funzionalità on line sul sito internet del MAC L iter di ammissione viene interamente eseguito sul sito internet del MAC Mercato avvio alle negoziazioni Allegare alla domanda di ammissione l ultimo bilancio di esercizio, la relazione di certificazione rilasciata da una società di revisione iscritta all albo Consob e i documenti che provano il possesso dei requisiti di onorabilità da parte dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale La procedura d ammissione on line permette di allegare una copia elettronica dei documenti richiesti. Sul sito è pubblicato l albo delle società di revisione. Conferire l incarico di Sponsor e Specialista a soggetti abilitati Sul sito internet del MAC sono pubblicati gli elenchi degli Sponsor e Specialisti che operano sul territorio. L impresa conferisce l incarico compilando un modulo presente sul sito internet La presentazione allo Specialista Lo Sponsor presenta l impresa allo Specialista, che curerà l organizzazione del collocamento privato. È importante, in questa fase, trasferire compiutamente allo Specialista il piano d impresa. Per farlo, l imprenditore potrà utilizzare il modello disponibile sul sito internet del Mercato. Lo Specialista mette in contatto l impresa con gli investitori professionali che operano nell area geografica e nel settore economico di riferimento comunicando la strategia di sviluppo e il piano d impresa. In circa due settimane, lo Specialista sonda un panel d investitori professionali per valutare quale interesse potrà suscitare l impresa. Completato il sondaggio, lo Specialista, d intesa con lo Sponsor e l impresa, organizza il collocamento privato. 11

14 La domanda d ammissione L impresa deve presentare a Borsa Italiana la domanda d ammissione alla negoziazione sul MAC. La domanda, sottoscritta dallo Sponsor, contiene: la richiesta di adesione al Mercato; l accettazione del regolamento (per esempio, gli obblighi informativi verso gli investitori); la dichiarazione di avvenuto accentramento delle azioni in Monte Titoli; la presentazione dello Sponsor; l ultimo bilancio d esercizio e la dichiarazione di certificazione rilasciata da una società iscritta all albo Consob delle società di revisione; i documenti che provano i requisiti di onorabilità da parte dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale. Attraverso la domanda d ammissione, l impresa può inoltre dichiarare gli obblighi, non richiesti dal regolamento, che intende assumere verso gli investitori, in particolare se intende: offrire la possibilità di OPA in caso di un cambio nel controllo societario; comunicare le modalità di determinazione del prezzo al quale concludere le operazioni su azioni proprie. Oltre alla domanda di ammissione l impresa deve presentare a Borsa Italiana e al Mercato la Scheda Informativa contenente informazioni sintetiche sull impresa, l attività, i risultati, le prospettive di sviluppo. Un percorso accessibile, una gestione semplificata. Aderire al MAC è facile L ammissione alla negoziazione Entro un termine di dieci giorni lavorativi e dopo avere verificato la completezza formale della documentazione, Borsa Italiana delibera l ammissione alla negoziazione. Le negoziazioni iniziano dopo la chiusura del collocamento privato. 12

15 Il collocamento privato Ottenuta l ammissione al Mercato, l impresa può dare avvio al collocamento privato organizzato dallo Specialista. Il collocamento è preceduto da incontri di presentazione agli investitori professionali (road show) nel corso dei quali l impresa, accompagnata dallo Specialista, potrà presentare i progetti di sviluppo e il piano d impresa. Per facilitarne le decisioni, agli investitori è fornito un report sull impresa e il settore di riferimento redatto da analisti indipendenti. In base alle caratteristiche dell azienda, ai risultati economici, al piano d impresa e alle evidenze emerse nel corso del road show, lo Specialista stima il prezzo di collocamento e assegna il capitale agli investitori professionali che hanno aderito al collocamento e sono risultati graditi all imprenditore. Per aderire al MAC e realizzare un aumento di capitale riservato a investitori professionali, non è richiesto un prospetto di offerta al pubblico e di quotazione. L importo minimo di sottoscrizione è 50mila euro, ma l impresa può stabilire un importo superiore. 13

16 V I V E R E S U L M A C Comprare e vendere azioni Le azioni delle PMI ammesse alla negoziazione e collocate agli investitori professionali sono scambiate per quantità pari al lotto minimo o suoi multipli. Al momento dell ammissione al Mercato il lotto minimo è pari a un numero di azioni del controvalore di 50mila euro. Borsa Italiana stabilisce periodicamente il numero di azioni che costituisce il lotto minimo. Per disporre proposte d acquisto e vendita dei titoli, gli investitori devono contattare un intermediario aderente, che ha il compito di verificare la loro professionalità e trasmettere gli ordini al Mercato. Gli scambi dei titoli sul MAC avvengono in due momenti distinti e complementari: sessione d asta e sessione fuori asta. Sessione d asta Nella sessione d asta, prevista almeno ogni venerdì per la durata di un ora, gli intermediari abilitati immettono sul Mercato in forma anonima gli ordini disposti dagli investitori. Al termine della sessione di negoziazione, per ciascun titolo il Mercato determina un unico prezzo d asta in grado di soddisfare il maggior numero di ordini immessi, così come avviene normalmente sui mercati azionari di Borsa. Risultano conclusi i contratti per i quali si verifica l abbinamento automatico delle proposte in acquisto aventi prezzi uguali o superiori al prezzo d asta con quelle in vendita aventi prezzi uguali o inferiori allo stesso prezzo, secondo le priorità di prezzo e di tempo delle singole proposte e fino ad esaurimento delle quantità disponibili. Sessione fuori asta Al di fuori della sessione d asta, gli Specialisti possono facilitare l incontro tra domanda e offerta sui titoli del MAC fornendo informazioni ed eventualmente concludendo contratti al prezzo concordato con le parti. Gli Specialisti hanno l obbligo d informare Borsa Italiana sugli scambi conclusi al di fuori dell asta. Le norme sul lotto minimo di negoziazione e l identità degli investitori ammessi si applicano anche per le contrattazioni chiuse fuori asta. Prezzo ufficiale Il prezzo ufficiale settimanale per ciascun titolo del MAC è calcolato sulla base dei contratti conclusi sia in fase d asta sia fuori asta. I dati su contrattazioni e prezzi delle azioni sono pubblicati e aggiornati sul sito internet Una vetrina dove selezionare investimenti di qualità Il ruolo dello Specialista sul mercato secondario L indicazione di un prezzo ufficiale per ognuna delle azioni negoziate sul MAC è garantita da uno Specialista, anche quando gli ordini immessi su un titolo non determinano l incontro tra domanda e offerta. In ogni asta l intermediario che opera come Specialista s impegna a esporre una proposta di negoziazione, in acquisto e in vendita, per un quantitativo non inferiore al lotto minimo. Lo Specialista ha inoltre il compito di far redigere a un team di analisti indipendenti un report semestrale sui risultati aziendali e l andamento del business che renderà disponibile agli investitori interessati. 14

17 I Princìpi Guida per l investimento Gli operatori del Mercato sono tenuti a rispettare i Princìpi Guida dell Investitore, che sono elaborati ed aggiornati da Borsa Italiana e da PRO MAC. Gli operatori del Mercato s impegnano a escludere dalle negoziazioni i piccoli investitori, sia sul mercato primario sia sul mercato secondario, e contribuiscono a stabilire un codice di condotta per gli aderenti al MAC. Sponsor, Specialisti e intermediari attivi sul MAC devono verificare che l investitore appartenga alla categoria degli investitori professionali. Sponsor, Specialisti e intermediari attivi sul MAC s impegnano inoltre a: informare l investitore sui rischi dell operazione; informare l investitore sull orizzonte di medio-lungo periodo dell investimento; non frazionare il lotto minimo. Gli obblighi informativi dell impresa Con l ammissione al MAC, la gestione dell impresa acquisisce un maggiore rilievo per la comunità finanziaria, rendendo necessaria la comunicazione dei fatti rilevanti sulla gestione e l andamento dell impresa, anche rispetto alle strategie di sviluppo annunciate al mercato. Il regolamento del MAC prevede specifici obblighi di comunicazione verso il Mercato e gli investitori. Le imprese dovranno: pubblicare il bilancio annuale certificato da una società di revisione iscritta all albo Consob e, ove redatto, il bilancio consolidato; pubblicare la relazione semestrale entro 90 giorni dalla chiusura di ciascun semestre; aggiornare annualmente la scheda informativa depositata in occasione della presentazione della domanda d ammissione. Le imprese dovranno inoltre comunicare: ogni anno, lo stato di esecuzione di eventuali programmi di acquisto di azioni proprie; l esistenza degli impegni assunti in merito alle operazioni su azioni proprie e alla possibilità di OPA offerta agli azionisti in caso di una modifica nel controllo societario; in occasione dell approvazione del bilancio d esercizio e della relazione semestrale, il numero dei soggetti partecipanti al capitale sociale; le dimissioni o nomine di componenti degli organi d amministrazione e controllo o di altri figure manageriali chiave; eventuali modifiche nel controllo societario; le cessioni e acquisizioni di asset e le operazioni sul capitale, se significative; le emissioni di obbligazioni e altri titoli di debito, se significative; l ingresso e l uscita da un settore di business, se significativo per la società; le date delle assemblee societarie chiamate a deliberare su fusioni, scissioni e aumenti di capitale; fatti di gestione che possono avere un effetto sul prezzo delle azioni (informazioni cosiddette price sensitive); l eventuale cessazione di rapporto con lo Sponsor e lo Specialista e la nomina del nuovo Sponsor o Specialista; l eventuale giudizio negativo della società di revisione o la dichiarazione d impossibilità a esprimere un giudizio sui rendiconti contabili periodici; l eventuale rinuncia all incarico della società di revisione; in tempo utile, tutte le informazioni necessarie affinché gli azionisti possano esercitare i propri diritti. 15

18 PRO MAC Il è stata costituita la Società di Promozione del Mercato Alternativo del Capitale (PRO MAC) da 17 banche e SIM e 7 istituzioni nazionali, con lo scopo di promuovere lo sviluppo e la conoscenza del MAC presso imprese ed investitori, gestire il sito internet del MAC, organizzare eventi per la promozione del Mercato e fornire supporto agli operatori del Mercato Per maggiori informazioni: PRO MAC S.p.A Via Mazzini 11, Milano Sito internet: 16

19

20 design: AchilliGhizzardiAssociati

Evento Prato Studio BGS

Evento Prato Studio BGS Evento Prato Studio BGS Prato, 23 Aprile 2009 www.mercatoalternativocapitale.it 0 Le principali banche e istituzioni del paese sono coinvolte nell iniziativa Banche e SIM Banca Akros Gruppo BPM Banca Antonveneta

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori.

Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori. Il Mercato Alternativo del Capitale: piccole imprese per grandi investitori. Investire sul MAC: il ruolo dello Specialist Giuseppe Bonini Responsabile Equity Sales MAC Banca Imi Pistoia, 4 Luglio 2007

Dettagli

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA www.mercatoalternativocapitale.it Milano, 29 Gennaio 2008 0 MAC: UNA NUOVA SOLUZIONE COSTRUITA SU MISURA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il MAC : Legame con

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Il mercato alternativo del capitale dalla normativa all operatività

Il mercato alternativo del capitale dalla normativa all operatività 108407CFC1207_1012a1017.qxd 27-11-2007 14:39 Pagina 1012 cremento di capitale sottoscritto dall imprenditore: forme miste di sottoscrizione (imprenditorialebancaria); ingresso di un fondo di private equity;

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) Art.1. Definizioni (Art. 2 Reg.) 1. Le definizioni di cui

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 22 NOVEMBRE 2010 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...7 MODELLI

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA I Soci della Banca Popolare di Milano Scrl sono convocati in Assemblea ordinaria e straordinaria in prima adunanza il giorno 11 aprile 2014,

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI)

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) Art.1. Definizioni (Art. 1 Reg.) 1. Le definizioni di cui all

Dettagli

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h)

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h) Art. 1, lett. b) Art. 1, lett. c) Art. 1, lett. d) Art. 1, lett. e) Imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia ed imprese di investimento extracomunitarie, con o senza succursale, autorizzate

Dettagli

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati

PROSPETTO DI BASE. relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati G L O S S A R I O PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta al pubblico e/o quotazione degli investment certificate denominati (a) BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA DI TIPO

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA, AI SENSI DELL ART. 40 DELLA LEGGE N. 724/1994, PER L ESERCIZIO 2015 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA la legge 7 giugno 1974,

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di emissione dei Prestiti Obbligazionari BANCA POPOLARE DI SAN FELICE

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: 1. Definizioni REGOLAMENTO DEI WARRANT FIRST CAPITAL S.P.A. 2010-2016 Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa

Dettagli

REGOLAMENTO WARRANT VALORE ITALIA HOLDING DI PARTECIPAZIONI S.p.A 2014-2015.

REGOLAMENTO WARRANT VALORE ITALIA HOLDING DI PARTECIPAZIONI S.p.A 2014-2015. REGOLAMENTO WARRANT VALORE ITALIA HOLDING DI PARTECIPAZIONI S.p.A 2014-2015. 1. Definizioni Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Dettagli

Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento dei WARRANT

Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento dei WARRANT (All 1) Sunshine Capital Investments S.p.A. Regolamento dei WARRANT 1 REGOLAMENTO DEI WARRANT SUNSHINE CAPITAL INVESTMENTS S.P.A. 2014-2016 1. Definizioni Ai fini del presente Regolamento i termini indicati

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di emissione dei Prestiti Obbligazionari BANCA POPOLARE DI SAN FELICE

Dettagli

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Lu-Ve S.p.A. (la

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE Alla NOTA INFORMATIVA Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Bcc Signa 12/02/2010 12/02/2017 3,50% 106 emissione Isin

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

CHE COSA È IL DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA O CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE

CHE COSA È IL DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA O CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA O CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E DI STRUMENTI FINANZIARI E SERVIZI DI INVESTIMENTO (NEGOZIAZIONE, ESECUZIONE DI ORDINI PER CONTO DEI CLIENTI, RICEZIONE

Dettagli

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.**

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.** GO INTERNET S.P.A. **.***.** PARERE DEL COLLEGIO SINDACALE EMESSO AI SENSI DELL ART. 2441, COMMA 6, C.C., IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE AZIONI DI COMPENDIO RELATIVAMENTE ALL OPERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana MEMORANDUM D INTESA tra Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ABI - Associazione Bancaria Italiana AIFI - Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital ASSIREVI - Associazione

Dettagli

Ai fini del presente documento informativo i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito:

Ai fini del presente documento informativo i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito: DOCUMENTO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 84-BIS DEL REGOLAMENTO APPROVATO DALLA CONSOB CON DELIBERA N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999, COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO, RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

MODULO DI ADESIONE - Parte integrante e necessaria della Nota Informativa

MODULO DI ADESIONE - Parte integrante e necessaria della Nota Informativa N Iscrizione Albo: 10 Spett.le Intesa Sanpaolo Previdenza SIM S.p.A. Viale Stelvio 55/57 20159 - Milano MODULO DI ADESIONE - Parte integrante e necessaria della Nota Informativa DATI RELATIVI ALL ADERENTE

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL "REGOLAMENTO") Obbligazioni PSM 7% 2014 2017 Codice ISIN IT0005022303

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL REGOLAMENTO) Obbligazioni PSM 7% 2014 2017 Codice ISIN IT0005022303 PRIMI SUI MOTORI S.p.A. Sede Legale: Viale Marcello Finzi n. 587, 41122, Modena (MO), Italia Iscritta presso il Registro delle Imprese di Modena Numero REA: MO-364187 Capitale Sociale Deliberato: Euro

Dettagli

Regolamento dei "Warrant azioni ordinarie Bio-On 2014-2017" (di seguito il Regolamento )

Regolamento dei Warrant azioni ordinarie Bio-On 2014-2017 (di seguito il Regolamento ) Regolamento dei "Warrant azioni ordinarie Bio-On 2014-2017" (di seguito il Regolamento ) GLOSSARIO Ai fini del presente Regolamento i termini indicati qui di seguito hanno il seguente significato: Azioni

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Allegato al Modulo di sottoscrizione Comparti commercializzati in Italia da Fondo Comune d investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli gestito da BANCA DELLE MARCHE GESTIONE INTERNAZIONALE

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA FRENDY ENERGY: AL VIA L AUMENTO DI CAPITALE IN OPZIONE

COMUNICATO STAMPA FRENDY ENERGY: AL VIA L AUMENTO DI CAPITALE IN OPZIONE COMUNICATO STAMPA FRENDY ENERGY: AL VIA L AUMENTO DI CAPITALE IN OPZIONE Il Consiglio di Amministrazione delibera l esecuzione di un aumento di capitale sociale a pagamento da offrirsi in opzione ai possessori

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Società Cooperativa Sede sociale 58017 Pitigliano (GR) S.S. 74 Maremmana Est nr. 55256 Iscritta all Albo delle banche al n. 4360.40 Iscritta all Albo delle società

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

I GRANDI VIAGGI S.P.A.

I GRANDI VIAGGI S.P.A. I GRANDI VIAGGI S.P.A. Capitale sociale Euro 23.400.000 i.v. Sede Sociale in Milano, Via della Moscova, 36 R.E.A. Milano n.1319276 Codice fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Head of Mid&Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Più Borsa - MDI Il 25 Marzo 2013 è stato siglato un Memorandum

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI)

CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI) CREDITO VALTELLINESE S.C. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE AI SENSI DELL ART. 54 DELIBERA CONSOB 11971/1999 (REGOLAMENTO EMITTENTI) Aggiornamento al 19 aprile 2010 Il documento contiene l elenco delle

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A.

REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. REGOLAMENTO DEL PIANO DI STOCK OPTION BANCA INTESA S.P.A. (Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 17 dicembre 2002 e modificato con delibere del 10 febbraio 2004 e 26 aprile

Dettagli

"Programma di emissione da 2.500.000.000 di Warrants e Certificates di Banca d Intermediazione Mobiliare IMI S.p.A."

Programma di emissione da 2.500.000.000 di Warrants e Certificates di Banca d Intermediazione Mobiliare IMI S.p.A. NOTA DI SINTESI BANCA IMI S.P.A. SEDE SOCIALE IN CORSO MATTEOTTI, 6 20121 MILANO ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO N. 01988810154 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE N. 5368 SOCIETA APPARTENENTE

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B-10 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di obbligazioni Banca di Credito Cooperativo OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 01/02/2010 01/02/2013 2,00%

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DI EDIZIONE S.R.L. Treviso 26 aprile 2012. Si trasmette per conto di Edizione S.R.L. l allegato comunicato stampa. Cordiali saluti.

COMUNICATO STAMPA DI EDIZIONE S.R.L. Treviso 26 aprile 2012. Si trasmette per conto di Edizione S.R.L. l allegato comunicato stampa. Cordiali saluti. EMITTENTE: OGGETTO: BENETTON GROUP S.P.A. COMUNICATO STAMPA DI EDIZIONE S.R.L. Treviso 26 aprile 2012 Si trasmette per conto di Edizione S.R.L. l allegato comunicato stampa. Cordiali saluti. Comunicato

Dettagli

INFORMAZIONI SULL EMITTENTE

INFORMAZIONI SULL EMITTENTE - - PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 14/01/2015 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia

Dettagli

x) l Organismo dei Promotori fi nanziari di cui all art. 31, comma 4, del decreto legislativo n. 58/1998. Art. 2. Disposizioni fi nali

x) l Organismo dei Promotori fi nanziari di cui all art. 31, comma 4, del decreto legislativo n. 58/1998. Art. 2. Disposizioni fi nali ma 1, del decreto legislativo n. 58/1998, hanno ottenuto l approvazione del prospetto - unico o tripartito - ovvero del prospetto di base, ma non hanno concluso nel periodo compreso tra il 2 gennaio 2014

Dettagli

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa ALLEGATO 2C MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP-UP / STEP-UP AMORTIZING Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL "REGOLAMENTO") Primi sui Motori 9% 2013 2016 Codice ISIN IT0004954381

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL REGOLAMENTO) Primi sui Motori 9% 2013 2016 Codice ISIN IT0004954381 PRIMI SUI MOTORI S.p.A. Sede Legale: Viale Marcello Finzi n. 587, 41122, Modena (MO), Italia Iscritta presso il Registro delle Imprese di Modena Numero REA: MO-364187 Capitale Sociale Deliberato: Euro

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 05/10/2012 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta)

Dettagli

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato:

Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: 1. Definizioni REGOLAMENTO DEI WARRANT PRIMI SUI MOTORI 2012-2015 Ai fini del presente Regolamento i termini in maiuscolo indicati qui di seguito hanno il seguente significato: AIM Italia significa il

Dettagli