Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Lo Monaco: ARRIVA - RAPIDO - L EFFETTO DOMINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Lo Monaco: ARRIVA - RAPIDO - L EFFETTO DOMINO"

Transcript

1 o m w w ISSN w. i l r i b e l l e. c Poste It. Spa. Sped. in abb. post. DL 353/03 (conv. in L n 46 27/02/2004) art.1 comma1 aut.171/2008 Rm. Anno 5 - numero 43 - Aprile 2012 Lo Monaco: ARRIVA - RAPIDO - L EFFETTO DOMINO Fini: REAZIONI DI APRILE Zamboni: IL CASINÒ DEL FOREX Obama: QUATTRO ANNI DI RETROMARCIA Lega: IL BLUFF È STATO SCOPERTO Mensile Anno 5, Numero 43 Fondatore Massimo Fini Direttore responsabile Valerio Lo Monaco

2 IN QUESTO NUMERO EDITORIALE LA VERSIONE di Fini 04/2012 di Massimo Fini Con la decadenza della Lega, con i fatti di Bossi, cade definitivamente il sistema dei partiti... EDITORIALE Effetto Domino di Valerio Lo Monaco Se è vero, come sostiene Massimo Fini da tempo, che il sistema del denaro crollerà attraverso il denaro, e se è vero che... EDITORIALE Forex? Il rischio è tutto vostro di Federico Zamboni Lo Stato ha le lotterie, per abbindolare la gente in cerca di facili guadagni. E con l andare degli anni ha intensificato massicciamente l offerta,... Anno 5, numero 43, aprile 2012 Fondatore: Massimo Fini Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco Capo Redattore: Federico Zamboni Redazione: Ferdinando Menconi Art director: Alessio Di Mauro ANALISI Barack Obama No, he could not di Davide Stasi O ramai ci siamo: i repubblicani sono vicini a fare la loro scelta sul candidato che li rappresenterà nella sfida contro il presidente democratico uscente. E quest ultimo, Barack Obam... METAPARLAMENTO Il bluff della Lega di Alessio Mannino Un bluff: questo si è rivelata essere la Lega Nord. Un movimento sano, popolare, con l indiscutibile merito di aver dato... ANALISI Per una storia della Massoneria di Umberto Bianchi Massoneria. Un termine che evoca, in chi lo pronuncia, una molteplicità di sensazioni, tutte però accomunate da un unico... Hanno collaborato a questo numero: Alessio Mannino, Davide Stasi, Fiorenza Licitra, Umberto Bianchi, Andrea Bertaglio Progetto Grafico: Antal Nagy, Mauro Tancredi La Voce del Ribelle è un mensile della MaxAngelo S.r.l. Via Trionfale 8489, Roma, P.Iva Redazione: Via Trionfale 6415, Roma, tel. 06/ , fax 06/ , Testata registrata presso il Tribunale di Roma, n 316 del 18 Settembre MOLESKINE INTERVISTA Intervista Matteo Simonetti di Fiorenza Licitra La Sua opera riporta testualmente passi tratti da fonti ebraiche dimostrazione che i pregiudizi antisemiti trovano piena... CINEMA Il primo ribelle moderno di Ferdinando Menconi opinione che a tempo debito la Storia riconoscerà la Èmia grandezza di Michael Collins. E questo avverrà a mie spese"... Rinnova il tuo Abbonamento Sostieni il Ribelle Prezzo di una copia: 5 euro. Sito internet www: Tutti i materiali inviati alla redazione, senza precedente accordo, non vengono restituiti. Chiuso in redazione il 18/04/2012

3 INTERVISTA LA VERSIONE di Fini aprile 2012 Con la decadenza della Lega, con i fatti di Bossi, cade definitivamente il sistema dei partiti e in senso lato il discorso della finta democrazia che abbiamo nel nostro paese. Ce ne accorgiamo ogni momento. Adesso i presidenti della Camere hanno detto che faranno una riforma del sistema di finanziamento pubblico ai partiti. Il che è ridicolo: gli italiani si erano già espressi in tal senso, e li avevano annullati. Ma i partiti, all'epoca, nottetempo, avevano cambiato la legge e in pratica se li erano assegnati di nuovo. Insomma gli è bastato cambiare le parole per tornare alla situazione di prima, e anche peggio, noncuranti di quello che avevano deciso gli italiani. Se vuoi è, mutadis mutandis, la storia dell'articolo 11 della Costituzione, quello sulla guerra: non la chiami più guerra e allora nonostante l'italia ripudia la guerra si va in guerra lo stesso. A questo punto, con questo criterio, potrebbero sovvertire qualsiasi risultato referendario. Anche il nucleare: lo chiamano in qualsiasi altro modo e fanno ciò che gli pare. Il futuro della Lega? In quanto tale dubito che abbia molto futuro. Ciò che rimane valido della Lega delle origini è il concetto di identità, perché siccome l'utopia di Voltaire, dell'illuminismo, è fallita - "uomo cittadino del mondo" - il concetto di avere una identità e delle radici rimane valido e sarà motivo di scontro per il futuro. Naturalmente, ciò che i leghisti non hanno mai capito, è che l'affermazione sacrosanta dell'identità passa per il rispetto di quella altrui altrimenti diventa violenza e prepotenza. L'idea portante della Lega comunque è ancora valida, sia chiaro, nonostante la parabola malinconica e grottesca di questi giorni.

4 Maroni? È l'uomo giusto, perché non si è mai compromesso con il denaro, perché tutto sommato anche come ministro ha funzionato bene e quindi è l'unico uomo presentabile. Non sono certo altri, come Calderoli o compagnia bella a poterlo sostituire. Che la Lega vada avanti, però, interessa fino a un certo punto, perché quello che ci interessa è smantellare questo sistema. Ci sono anche uomini, non solo nella Lega ma anche da altre parti, che sono persone perbene, ma il sistema rimane quello. La colpa è di chi li vota? Vero,ma solo in parte.noi siamo costretti ogni cinque anni ad andare a legittimare qualcuno che ci comandi dove in realtà non esiste una alternativa, perché in questo senso uno vale l'altro. La colpa è andare a votare, in senso generale. Ma il percorso normale, associarsi intorno alle idee, fondare un partito e poi presentarsi alle elezioni... In questo caso si fa la fine della Lega. Grillo se entra dentro questa cosa non può pensare di rimanere estraneo a quelle logiche lì. Le logiche della partitocrazia non sono sfrondabili, tanto è vero che tutti i gruppi che ci hanno provato non ci sono riusciti. Gli unici sono stati i Radicali, soprattutto quelli di un tempo ma in un certo senso anche quelli di oggi, però rimanendo sempre marginali. Pannella und Bonino una volta difendevano i diritti civili, oggi difendono l'america, il suo modello di sviluppo, dunque è cambiato qualcosa. Dai diritti civili a difendere il tipo di economia capitalista ce ne passa. È cosa che non può andar bene, ma all'interno del loro pensiero sono rimasti coerenti e non mi pare ci sia stato un solo Radicale trovato con le mani in pasta. Endorsement? Cosa vuol dire? Ma non scherziamo: astensione, assolutamente. Coma facciamo da tempo sul giornale e con il Movimento: Zero Voto. Perché se vai a votare li legittimi. Infatti L'unica cosa che stanno facendo è la legge elettorale... Ed è l'ennesima truffa. L'unico modo, e non è detto che sia così romantico e utopico come poteva sembrare tempo fa, è puntare a un alto astensionismo. Perché all'ultima elezione amministrativa non ha votato il 40% degli aventi diritto (il 38 non è andato proprio e poi c'è stato un altro 2% di schede nulle o bianche). Ebbene, se l'astensionismo aumenta ancora di un 20%, se non altro è un segnale molto chiaro. È vero che il sistema è organizzato in modo tale che se anche votano in due è lo stesso, formalmente, però a un certo punto li vai a prendere tutti e due e li mandi a lavorare in un campo di lavoro. E anche se sono il 20, il 25 o il 30 %. E questo è interessante. I partiti hanno perduto finalmente. E ce ne è voluto, ci sono voluti quasi quaranta anni perché le persone capissero, ma una cosa era allora lo spartiacque ideologico, comunismo e mondo libero, e tutto il baraccone poteva avere un senso, potevi anche avere gente che entrava in politica per degli ideali, ma ora è totalmente escluso, ed è escluso che tu votando uno o l'altro cambi qualcosa. Perché marcio non è l'uno o l'altro, marcio è l'uno e l'altro.

5 Il sistema dei partiti finisce, dunque, ma lo scenario è peggiore, perché arrivano i tecnici, gli uomini delle Banche. In Turchia dove c'era una situazione analoga, corruzione totale dei partiti, clientelismo, corruzione, tangenti, insomma come noi, c'è stata una cosa interessante. Il generale Evren prese il potere, cancellò tutto e disse che una volta sistemate le cose avrebbe reso tutto al popolo. Cosa che fece. Solo che noi abbiamo dei generali felloni, cagasotto, che dovrebbero essere mandati in Afghanistan a combattere per imparare qualcosa. Ma insomma si deve azzerare tutto e ricominciare da capo, non possiamo pensare che Fini, Schifani, Napolitano e gente del genere che ha vissuto tutta la vita nel sistema partitocratico possa riformare il sistema partitocratico: è come tagliarsi i coglioni, non glielo puoi neanche chiedere. O c'è una fortissima spinta dal basso che deriva soprattutto dalla situazione economica, il che è probabile, e allora cambiano tutte le carte in tavola, o non cambierà niente. Dobbiamo puntare sull'astensionismo e sulla crisi economica in quanto potenziale grilletto per far scattare una vera rivoluzione. Capisco che è duro dire che è bene che la situazione economica si deteriori, ma questo è, sennò non cambierà mai nulla.

6 EDITORIALE Effetto Domino di Valerio Lo Monaco Se è vero, come sostiene Massimo Fini da tempo, che il sistema del denaro crollerà attraverso il denaro, e se è vero che anche un intellettuale come Alain de Benoist, il quale si cimenta da sempre con la metapolitica - dunque con le idee e non direttamente con gli aspetti meramente pratici, di cui sono pure diretta conseguenza - sostiene che siamo Sull'Orlo del Baratro (questo il titolo del suo ultimissimo libro pubblicato da Arianna Editrice) in merito alla attuale situazione economica, ciò che oggi va compreso a fondo e ficcato in testa anche a martellate sono due cose. La prima: in quel baratro il nostro sistema non può che finire poiché chi ne continua a proporre i dogmi, o detto altrimenti i centri di potere che di fatto lo promuovono e lo sostengono, o meglio impongono a tutti noi di sostenerlo, non ha cambiato direzione. La seconda: siccome non ci siamo ancora, nel baratro, ma appunto siamo "sull'orlo", resta da affrontare le conseguenze che tale situazione impone. È in altre parole ormai certo, lo è certamente per noi e per chi ci segue da tempo, che "il fallimento annunciato del sistema del denaro", per usare ancora parole del saggista francese, non è cosa che può avvenire da un giorno all'altro. Non è cosa che può accadere senza un profondo e totale stravolgimento di tutte le coordinate esistenziali nelle quali almeno la nostra generazione, quelle che ci hanno immediatamente preceduto, e quelle che si affacciano all'età della ragione in questo momento, hanno vissuto e vivono. Ciò non toglie anche che, e questo è il punto, il tempo che stiamo passando e passeremo sul baratro non possa essere che peggiore rispetto a quello in cui si marciava fieri e ignari (almeno i più) verso tale baratro e peggiore certamente di quello che ci sarà quando, per un sentiero impervio quanto si vuole, e certamente conducente a una destinazione differente da quella di partenza, da questo baratro, o prima o poi, ne usciremo. È fuori di dubbio, però, che al momento siamo bloccati e braccati. "Il nostro

7 futuro ci ha raggiunto alle spalle" (e questa volta è Fini che parla) diverso tempo addietro, e la velocità esponenziale con la quale siamo andati avanti sino a questo momento ci ha di fatto spinto sempre di più proprio sull'orlo del precipizio sul quale siamo. Invece di saltare giù, affrontare l'ignoto, ovvero il guado, siamo ora voltati verso il sistema stesso, che avanza verso di noi e ci preme proprio su quell'orlo. E ne stiamo vivendo le conseguenze. Il momento di transizione è inevitabile, e come per tutti i sistemi, economici o meno, o comunque esistenziali, che sono fortemente interconnessi tra loro, un cambiamento di un aspetto non può che ripercuotersi su altri aspetti, che a loro volta imprimono cambiamenti in altri e così di seguito. Posto che la direzione che si è presa per uscire dalla crisi non è, non è mai stata, quella di risolvere i problemi stessi che a tale crisi hanno portato, e verificato che i punti cardinali dell'errore intrinseco di questo modo di vivere sono rimasti immutati, la prima cosa evidente è che la crisi non potrà che acuirsi sino al momento in cui non vi sarà un atto tanto grande da rompere definitivamente il vaso. Sentire oggi delle previsioni del presidente del Consiglio italiano, così come del massimo esponente del Fondo Monetario Internazionale, in merito a quando, ad esempio, in Italia vi sarà una inversione di tendenza rispetto alla recessione della quale sentiamo appena le avvisaglie, è ridicolo. Monti, Draghi, Lagarde & soci non possono fare altro che stime, per poi correggersi, per evitare che a livello mondiale vi sia in modo netto la presa di coscienza generale che siamo agli ultimi giorni di Saigon. Perché una presa di coscienza di questo tipo sarebbe, da sola, in grado di portare sconvolgimenti civili e sociali enormi.tanto grandi, per intendersi, da impedire, sempre a lor signori, di portare avanti il più possibile la situazione pur disastrosa e ineluttabile nella quale loro, invece, possono continuare a vivere né più né meno come hanno sempre fatto cercando peraltro di accaparrarsi fette ancora crescenti di ricchezza e sicurezza per il momento in cui il futuro nero avvolgerà l'intero pianeta. Essi sperano che a quel punto avranno messo da parte il necessario per vivere ancora nell'opulenza mentre tutti gli altri saranno impegnati in una lotta di sopravvivenza all'ultimo sangue. Dunque più tirano per le lunghe il tutto e meglio è, per loro. In merito agli altri, cioè a noi, la situazione è invece diversa. Quello che sta accadendo, da una parte, è esattamente questo: a pagare i sacrifici della situazione sono i popoli, mentre nelle stanze dei bottoni, e a piramide chi a tali stanze e bottoni è variamente collegato, di fatto non sta subendo più di tanto le conseguenze dalla situazione. A pagare maggiori tasse è la parte più povera del pianeta, a suicidarsi sono i piccoli imprenditori, a vivere con molto meno sono i più. Non si sente mai di un broker o un direttore di Banca, o di un esponente di una multinazionale, che si suicida, o che protesta per una situazione che non gradisce. Semplicemente, questi, sono ben distanti da quello che tutti gli altri stanno vivendo. E questo da una parte. L'altro aspetto è che tutti gli altri che già stanno subendo, o presto subiranno, il più classico degli effetti domino - del quale pure, su queste pagine, scrivemmo già anni addietro - hanno iniziato da poco, iniziano oggi o inizieranno presto, a doversi confrontare con gli effetti che un crollo da una parte comporterà nelle altre e così a ripetersi per tutti gli aspetti collegati di un medesimo meccanismo. Nel frattempo, appunto, sul baratro, si continuano a pagare le conseguenze.

8 Per fare il caso del nostro Paese, che da solo non conta nulla in un discorso mondiale ma che può essere preso come esempio paradigmatico generale, noi abbiamo già subito una serie di misure imponenti che hanno ipotecato il nostro futuro e ci hanno infilato direttamente nella recessione economica nella quale siamo. Solo nelle poche ore in cui scriviamo questo articolo ci sono stati diversi suicidi tra piccoli imprenditori, sono state chieste, dalle aziende, centinaia di migliaia di ulteriori ore di cassa integrazione, una azienda di un conosciutissimo alcolico ha chiuso i battenti in Italia e sta delocalizzando altrove, una casa costruttrice storica di motociclette è stata ceduta a un gruppo tedesco, abbiamo perso la sovranità sui conti economici del nostro paese perché la maggioranza della politica ha votato, tenendo di fatto all'oscuro gli italiani, sul cambiamento della Costituzione che da oggi impone il pareggio di bilancio e il controllo a livello europeo di come spendiamo i soldi e si sta intensificando il passaggio verso Eurogendfor, ovvero la polizia europea che avrà ovviamente il compito di tenere, per quanto possibile, controllate le masse crescenti di cittadini furiosi. Sono pochi esempi raccolti rapidamente. In altre parole, la situazione sta risolutamente peggiorando. Sia dal punto di vista politico che macroeconomico, sia dal punto di vista locale sia da quello personale, ogni pedina si muove in una direzione che è segnata. L'effetto domino colpirà sempre più velocemente. I cassa integrati di oggi difficilmente saranno reintegrati in azienda a fine previdenza. Chi non ha un lavoro difficilmente ne troverà a condizioni minimamente accettabili,e chi ha un po' di ricchezza da parte sarà costretto a utilizzarla per sopperire alle mancanze di una situazione fatalmente peggiorata. Sentire Monti che dichiara che in Italia ci sarà una ripresa dal 2013 fa armare la mano sia nei suoi confronti sia nei confronti di chi ha raccolto tale dichiarazione e la ha riportata al pubblico senza farsi spiegare su quali basi tale dichiarazione poggi. Perché se la recessione attuale non può che peggiorare, e se un peggioramento della situazione non può che condurre a ulteriore recessione, non vi è un solo punto che sia uno, sia a livello macro (anche la Cina sta rallentando, il che è tutto dire) sia micro (basta vedere la situazione nelle nostre città e nelle nostre province, il numero delle aziende che falliscono) che possa far presumere anche lontanamente una situazione del genere. È inutile, in altre parole, sperare di "vedere la luce alla fine del tunnel", come ci ha scritto recentemente una nostra lettrice da tanti anni, se la luce che si cerca vuole essere trovata tra i bagliori artificiali di quel mondo in decadenza che era e di cui stiamo vivendo gli ultimi scampoli. La luce, semmai, va cercata in nuove direzioni. O, visto che siamo letteralmente al buio, si deve cercare almeno di rimanere lucidi per individuare, quando sarà, un sentiero del tutto nuovo da iniziare a percorrere pur non conoscendone la fine. È inutile - tra noi dobbiamo pur dircelo chiaramente - rimanere attaccati a una speranza, quella che ci propongono i vari Monti & Co., di tornare dopo "grandi sacrifici" a vivere come vivevamo venti anni o anche solo dieci anni addietro. Quel mondo è irrimediabilmente compromesso e diretto rapidamente verso la capitolazione. Ma la sfortuna che subiamo non è tanto in questo, ovvero nel fatto che quel modello di sviluppo sia arrivato alla fine come era giusto e sperabile che fosse, quanto nel fatto che viviamo, e subiamo, la transizione. Niente paura: l'uomo ce l'ha sempre fatta a continuare la sua storia. Ce la faremo anche noi. Valerio Lo Monaco

9 EDITORIALE Forex? Il rischio è tutto vostro Basta poco. Che ce vo? All origine Forex è solo una sigla, che sta per Foreign Exchange Market e indica la compravendita di valute. Come riporta una guida specializzata, diffusa da una delle società di intermediazione di cui parleremo più avanti, il Forex «è senza dubbio il più grande mercato del mondo come valore delle transazioni effettuate giornalmente. Si stima, infatti, che ogni giorno nel merdi Federico Zamboni Lo Stato ha le lotterie, per abbindolare la gente in cerca di facili guadagni. E con l andare degli anni ha intensificato massicciamente l offerta, aggiungendo sempre nuovi prodotti in grado di lusingare le speranze in una vincita che, quand anche non così cospicua da consentire di smettere di lavorare e di vivere di rendita, permetta almeno di togliersi qualche sfizio più o meno costoso. Un automobile di grossa cilindrata, una vacanza esotica, magari un ritocchino estetico sotto i ferri del chirurgo, e via sperperando nel segno di un benessere materiale superiore ai propri mezzi abituali. Le imprese private non vedevano l ora di sfruttare anch esse la situazione, volgendo a proprio vantaggio l insidiosissimo miscuglio di crescente povertà e di smanie consumistiche. Lo Stato ha spianato loro la strada: un po autorizzando espressamente, come nel caso delle scommesse, delle slot-machine, del bingo e dell ormai dilagante poker all americana, e un po lasciando fare, senza intervenire su attività commerciali a dir poco equivoche. Le quali sono altrettanto ciniche, nel fare leva sulla credulità diffusa, ma forse sono ancora più subdole. Perché nascondono la loro natura effettiva, che è assimilabile a quella dei giochi d azzardo, dietro la patina superficiale dell investimento finanziario: che pur essendo intrinsecamente aleatorio, per le sue ambizioni speculative, si presenta però in una luce diversa e più qualificata. Al posto dei casinò, veri o virtuali, ecco i mercati planetari delle valute e dei titoli. Al posto delle legioni di sprovveduti che si affidano solo alla buona sorte, ecco un ipotetica élite di sagacissimi operatori che studiano accuratamente le proprie mosse. Il superenalotto e il gratta e vinci sono per gli sciocchi.wall Street, e affini, sono per i furbi. E siccome molti si sentono furbi

10 cato del Forex vengano scambiati quasi miliardi di dollari». Un enorme flusso di denaro che si articola su un infinità di transazioni, grandi e piccole, e che è il contesto ideale per chi vuole lucrare sugli scambi. Poiché le quotazioni reciproche sono in perenne mutamento, ancor più delle azioni e obbligazioni che si scambiano in Borsa, le opportunità di profitto sono incessanti e si può guadagnare sia sugli spostamenti all insù, sia su quelli all ingiù. A patto, naturalmente, di essere così abili (o così fortunati) da prevedere la direzione che prevarrà di volta in volta. Nata come pratica riservata ai grandi operatori soprattutto bancari o comunque ai professionisti del campo, ovvero a chi dispone sia di una robusta competenza che delle informazioni necessarie a monitorare le mutevoli tendenze al rialzo o al ribasso, si è poi deciso di aprirla anche ai piccoli investitori, nel ben noto presupposto che essi sono destinati,nel loro insieme,a rimetterci ben più di quanto guadagneranno. Per dirla nel gergo borsistico, il parco buoi. La sigla tecnica ha così finito con l assumere un significato assai più ampio, e suggestivo. Oggi Forex è una specie di marchio commerciale, anche se non appartiene in esclusiva a nessuna società e connota un intero settore. Le pubblicità delle singole aziende replicano all incirca lo stesso cliché, ma concentriamoci su quella della Anyoption che compare spesso, tra l altro, sul sito del Corriere della Sera. Innanzitutto c è la foto di un uomo che guarda dritto nell obiettivo e ha l aria soddisfatta del gatto che ha mangiato il topo. Anzi, che ha trovato una riserva illimitata di topi da sgranocchiare a piacimento, soddisfacendo al tempo stesso la propria fame e il proprio ego. La voracità materiale e quella psicologica. Alla faccia si accompagnano alcune frasi, brevi e attraenti. Concise per arrivare dritti al punto (il guadagno rapido e cospicuo) e per apparire indiscutibili. Attraenti (se no che pubblicità sarebbe?) per accendere il desiderio di saperne di più. In calce al discorsetto-show, sulla sinistra, compare un fulmineo identikit del campioncino di turno. E infine, sulla destra, un pulsante con la scritta, quanto mai ingannevole, «leggi l articolo». Primo esempio: Faccio 1000 in pochi minuti senza alzarmi dalla sedia. Mi piace l azione rapida e prendere decisioni strategiche, quindi ho deciso di investire con destrezza con diverse somme di denaro. Oggi scelgo le opzioni che offrono profitti di quasi mille euro al minuto. Giuseppe, 34, pilota. Secondo esempio: Come sono riuscito a raddoppiare il mio stipendio? Non ero soddisfatto del mio stipendio mensile, quindi ho deciso di aprire un conto con anyoption. Ho iniziato con una piccola somma che è cresciuta rapidamente raggiungendo di entrate extra al mese! Luca, 35, Direttore Marketing. Terzo esempio: Guadagno extra al mese! Un collega mi ha raccontato di anyoption e ho deciso di provarci. Essendo un amante dell'azione e del successo, sapevo che sarei stato bravo. Ho iniziato con dei trade saggi e ho cominciato a vedere dei conspicui profitti. Mi piace essere concentrato e prendere decisioni rapide che possono fruttare fino al 70% su ciascun investimento. E la parte migliore, è che non ci vuole alcuna esperienza precedente in finanza - chiunque ce la può fare. Raffaele, 49, Chirurgo. Poi si clicca sul fatidico invito a leggere l articolo e ci si ritrova dentro la homepage del gestore del servizio. La soglia del paradiso, a prima vista. L anticamera dell inferno, per chi sarà così sciocco da sottovalutare le difficoltà che lo attendono. O da sopravvalutare sé stesso e le proprie capacità di venirne a capo.

11 Benvenuti, amici. Benvenuti L incipit è un po perentorio e un po cordiale, come si conviene agli ultimi arrivati che ambiscono a inserirsi in un gruppo altamente selezionato. Metà invito e metà monito: «Ora tocca a te!». Il prosieguo mira a rafforzare le attrattive implicite e a ribadire la straordinaria possibilità di concretizzarle: «Hai sempre sognato di guadagnare delle entrate extra in maniera immediata? Vuoi imparare come si guadagnano un po' di soldi in più per andare in vacanza o per fare shopping? Ecco come si fa: anyoption, un leader mondiale pionieristico nelle opzioni binarie, ti invita ad entrare nell'arena finanziaria. Con AnyOption puoi ottenere un profitto del 70% in meno di un'ora in qualunque situazione del mercato, sia in rialzo che in ribasso (il grassetto è nel testo NdR).» Un inno alla facilità di profitto, che del resto riecheggia anche nel motto aziendale Anyone can trade. Perciò, dal momento che ognuno può fare trading, va da sé che coloro i quali non si cimenteranno siano per definizione dei poveretti al di sotto della norma. Per trovare un primo accenno ai pericoli, viceversa, bisogna aguzzare la vista e cogliere quanto riportato in fondo alla pagina, in caratteri assai più piccoli degli altri: «Avviso importante sui rischi: il trading di opzioni coinvolge rischi significativi. Consigliamo vivamente di leggere attentamente tutti i nostri termini e condizioni prima di fare un investimento». Eccetera eccetera, fino al conclusivo «i clienti devono essere consapevoli delle proprie responsabilità fiscali in materia di rendite finanziarie nel proprio paese di residenza». Quali siano queste responsabilità fiscali lo spiega la guida che abbiamo già citato prima, e che viene gentilmente fornita da Mondoforex.com: «La prima cosa da sapere è che in Italia le valute acquistate con il Forex sono tassate e tassabili solo se mantenute per almeno 7 giorni lavorativi e se l'importo supera le vecchie 100 milioni di lire. Se quindi volete fare Forex per divertimento o per provare, andate pure tranquilli». Tranquilli? Sul piano fiscale forse sì. Ma molto meno sugli altri. Quando si giunge alla questione dei rischi, infatti, il testo si sofferma solo su quelli oggettivi e sorvola sull altro aspetto fondamentale, che è la preparazione personale di chi quei tranelli dovrà affrontarli. L unico avvertimento stemperato quanto basta a ridurlo ad avvertenza en passant, e formulato in modo tale da caldeggiare l utilità del supporto che verrà assicurato ai clienti lo si ritrova nella prefazione: «Il nostro consiglio è quello di non fare mai le cose di fretta e di ragionare il più possibile. Studiate, restate sempre informati su quello che accade nel mondo (perché, come leggerete in seguito, gli andamenti del mercato del Forex sono influenzati da tantissime variabili) e, soprattutto, non investite mai nel Forex del denaro che vi è strettamente necessario (come quello che vi serve per pagare una rata del mutuo, ad esempio)». Grandiose suggestioni e modesti richiami alla cautela. Un accorto dosaggio di lusinghe da imbonitori, che incendieranno la cupidigia, e di precisazioni a margine, che resteranno pressoché ignorate. Il tipico doppio binario delle pubblicità che riguardano prodotti o servizi con talune, eventuali, spiacevoli controindicazioni: i vantaggi si magnificano ad alta voce e riempiono la quasi totalità dello spazio (dello spot); gli svantaggi si relegano in un accenno sistemato in coda, che si consuma in un attimo e che tende a passare inosservato. Uno stringato post scriptum da dimenticare un istante dopo averlo ascoltato.

12 Le autorità stanno a guardare Che lo Stato non vada per il sottile, quando c è da rimpinguare le casse pubbliche incentivando la tentazione popolare a ottenere vincite mirabolanti, lo abbiamo già ricordato in apertura. Ed è cosa nota che per lavarsi le mani dalle degenerazioni possibili, o probabili, ci si limiti a un fuggevole, e ipocrita, «gioca senza esagerare». Che è un po come portare i golosi in pasticceria e poi, mentre quelli hanno occhi solo per le montagne di dolci e l unica cosa che si chiedono è se abbiano in tasca abbastanza soldi per farne incetta, sussurrare in un soffio «mangia senza abbuffarti. Ciò che però lascia ancora più perplessi è la totale indifferenza nei confronti di un fenomeno come quello che stiamo esaminando. Secondo l articolo 2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, pervenuto alla sua 53esima edizione in vigore dal 21 novembre 2011, la pubblicità «deve evitare ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche, specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto, il prezzo, la gratuità, le condizioni di vendita, la diffusione, l'identità delle persone rappresentate, i premi o riconoscimenti. Nel valutare l'ingannevolezza della comunicazione commerciale si assume come parametro il consumatore medio del gruppo di riferimento». Il Codice, vale la pena di ricordare, «è vincolante per utenti, agenzie, consulenti di pubblicità e di marketing, gestori di veicoli pubblicitari di ogni tipo e per tutti coloro che lo abbiano accettato direttamente o tramite la propria associazione, ovvero mediante la sottoscrizione di un contratto di cui al punto d), finalizzato all'effettuazione di una comunicazione commerciale». Ergo, non solo le aziende e le agenzie pubblicitarie ma anche i media che ne ospitano le inserzioni. E dunque i quotidiani come il Corriere, che non battono ciglio né di fronte al messaggio nel suo insieme, né davanti al succitato «leggi l articolo». Quanto allo Stato, e in particolare a quell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, altrimenti nota come Antitrust, alla quale «dal 2007 è stato affidato il compito di tutelare i consumatori (e dal 2012 anche le microimprese) dalle pratiche commerciali scorrette delle imprese e dalla pubblicità ingannevole», non risulta che sia stata presa alcuna iniziativa concernente la propaganda delle società, sempre più numerose, che danno la caccia ai nuovi adepti del Forex. Eppure sembrerebbe una valutazione semplice, quella da fare. Come abbiamo appena visto, si tratta solo di verificare che venga evitata «ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche». Ma a quanto pare non è così, nei casi che abbiamo passato in rassegna e negli altri che ne ricalchino le modalità. Evidentemente, è del tutto normale strombazzare che c è un Giuseppe, 34, pilota che fa «1000 in pochi minuti senza alzarmi dalla sedia», un Luca, 35, Direttore Marketing che ha «iniziato con una piccola somma che è cresciuta rapidamente raggiungendo di entrate extra al mese!», e un Raffaele, 49, Chirurgo, che guadagna «7.000 extra al mese!». Persone come tutti noi. Gente comune che ha avuto la fortuna di scoprire la cuccagna del Forex e che ha avuto quel pizzico di coraggio che serve per allungare la mano verso l albero fatato e gravido di doni. Suvvia: perché mai dubitarne? E perché mai non fare altrettanto? Federico Zamboni

13 Analisi Barack Obama No, he could not L immagine costruita attorno al presidente della speranza resse per un po, almeno fino all attribuzione ad Obama del Nobel per la pace.talmente temdi Davide Stasi Oramai ci siamo: i repubblicani sono vicini a fare la loro scelta sul candidato che li rappresenterà nella sfida contro il presidente democratico uscente. E quest ultimo, Barack Obama, ha alle spalle quattro anni di lavoro. Novembre, mese in cui l America sceglierà la propria guida per il prossimo quadriennio, è alle porte, e ormai da mesi la politica a stelle e strisce è influenzata essenzialmente dall imminenza della campagna presidenziale. Insomma è il momento giusto per cercare di tracciare un bilancio dell amministrazione Obama. Il punto migliore da cui partire sono le reazioni che si ebbero, nel novembre 2008, dopo la sua elezione. Una standing ovation nell opinione pubblica globale, a cui i leader dei vari paesi diedero voce, seppure con diverse declinazioni. Dentro e fuori gli Stati Uniti ciò che colpì di più fu constatare che alla Casa Bianca si era insediato un presidente non bianco. Nemmeno nero, in realtà, ma i tratti vagamente afroamericani del nuovo uomo più potente del mondo stupirono tutti. Uno stupore molto ben alimentato da un informazione che non mancò di mettere in luce la novità puramente etnica delle elezioni presidenziali americane, insieme a tutto il portato di retorica ed emozionalità che Barack Obama mostrò fin dall inizio di saper maneggiare con notevole perizia.a seguire, stupì la giovane età del presidente, connessa strettamente, nella comunicazione politica che lo sosteneva, all ampio uso delle nuove tecnologie durante la sua campagna elettorale. In breve si diffuse il mito che Obama avesse raccolto denaro solo tramite le donazioni su internet, evitando le grandi lobby, e che si innervosisse se la sicurezza gli imponeva di rinunciare al suo Blackberry. Un uomo della modernità, insomma, un uomo nuovo. Radicalmente nuovo rispetto agli abissi toccati con le presidenze di Bush jr.

14 pestivo da essere definito da qualche analista critico come preventivo, riecheggiando ironicamente la natura gli attacchi militari voluti da Bush in Afghanistan e Iraq. Dopo il massimo riconoscimento internazionale, le attese per la nuova amministrazione americana erano altissime. Trovarsi su una vetta così alta, però, significa correre il rischio di ruzzolare giù con una caduta rovinosissima. Ed è quello che, di fatto, è accaduto ad Obama. È più che legittimo quindi, di fronte a tante aspettative generiche, e di fronte a quelle particolari del suo programma elettorale, ora che l amministrazione dovrà rinnovarsi, ripassare l elenco del fatto e del non fatto, o del fatto male. Servirà a capire quanto si sbagliava l opinione pubblica mondiale a sperare in un cambiamento radicale sulla sola base del colore della pelle, della giovane età o delle grandi parole. Servirà a capire il motivo per cui i leader progressisti del resto del mondo hanno smesso in breve di citare il presidente americano come modello da seguire. Ma soprattutto servirà a spiegare perché, dopo la strabordante vittoria del 2008, ora Obama sia preoccupato dalle elezioni presidenziali, e dai sondaggi che gli attribuiscono un gradimento modesto, seppur sempre maggioritario. Oltre che nero, il presidente americano venne subito considerato anche verde. L ecologia è stata un punto forte della sua retorica elettorale, ed era ben presente nel suo programma. La chiave di tutto doveva essere la green economy, come nuova opportunità di sviluppo. Verissimo sulla carta, ma le migliori intenzioni, quand anche fossero state sincere e non meramente strumentali ad acquisire il consenso elettorale degli ecologisti, si sono presto schiantate sulla realtà dei fatti. Di cui fanno parte le potentissime lobby, soprattutto nel comparto energetico, e l imbattibile concorrenza cinese. Dal primo versante, poco dopo l elezione, Obama spiazzò tutti i suoi sostenitori tirando drittissimo sul nucleare: gli stanziamenti e gli investimenti dell era Bush vennero tutti confermati, e nessun piano di superamento della fonte energetica atomica è stato mai nemmeno vagamente abbozzato. L unico atto antinucleare dell amministrazione è stata la croce sopra messa sul deposito nazionale di scorie di Yucca Mountain, su cui gli USA lavoravano da quarant anni. Non si è trattato però di un atto strategico, bensì di un obbligo derivato dai fatti: la catena montuosa del Nevada, dopo averci speso sopra miliardi di dollari di soldi pubblici, è risultata inidonea e strutturalmente insufficiente ad accogliere in piena sicurezza i fusti di scorie radioattive. Non solo: i costi e i rischi per trasportare i veleni dalle diverse centrali al sito di stoccaggio erano totalmente insostenibili. Insomma Obama non ha realizzato un atto di volontà, ma si è conformato a un obbligo dei fatti, lasciando in sospeso l aspetto più grave legato alla produzione di energia dal nucleare. Nel frattempo al dirimpettaio giapponese esplodevano tre reattori, ma nemmeno questo ha fermato i programmi d investimento americani. Sì, perché intanto la crisi ha travolto gli Stati Uniti, e il nucleare è da sempre la chimera perfetta per la creazione di posti di lavoro. E davanti ad essa il presidente si piega, senza fiatare. Restando paralizzato, dall altro versante, dal lato della vera green economy, di fronte alla spietata concorrenza cinese nella produzione di pannelli solari, dove gli USA avevano discreti margini di competitività. Il mercato viene inondato di prodotti orientali efficienti e a basso costo. E le imprese green a stelle e strisce cadono come mosche. Quanto al resto, del colore verde nelle iniziative di Obama, a livello nazionale così come nei consessi internazionali indetti per trovare risoluzione al riscaldamento globale, non rimane nulla. Se non forse il sempre predominante colore dei dollari.

15 Poi c è la pace. La grande aspettativa per il nuovo presidente, fregiato a tempo di record, senza ancora aver fatto praticamente nulla, del Nobel. La speranza era dimenticare le guerre preventive di Bush con tutto ciò che hanno portato. Ed ecco quindi la promessa di riportare i ragazzi a casa, strappandoli da territori, l Afghanistan e l Iraq, che, non c è verso, proprio non riescono a vederli come liberatori e portatori di democrazia. Con le truppe in smobilitazione, si sarebbe anche andati verso una nuova filosofia di pacificazione, con la chiusura di Guantanamo e un nuovo ordine nelle relazioni internazionali, improntato alla diplomazia più che alle armi. Niente da fare. Poco dopo la sua elezione, Obama sostituisce la guerra preventiva con la guerra giusta, nuova definizione che inchioda i soldati americani là dove stanno da anni, e da cui continuano a tornare fasciati dalla bandiera a stelle e strisce, in una bara. A parte un minimo disimpegno, realizzato dietro l obbligo di sostituzione da parte di truppe europee (tra cui quelle italiane), la guarnigione yankee rimane lì, a protezione dei soliti governi fantoccio e soprattutto degli interessi americani. Che sono il petrolio, i tracciati dei gasdotti ed oleodotti e, in subordine, la possibilità di creare nuove comunità di consumatori inebetiti per la spazzatura prodotta in America. Quanto a Guantanamo, la prigione è sempre lì. Solo un po meno affollata, dato che Obama ha spedito alcuni dei prigionieri nelle prigioni dei paesi d origine, dopo essersi assicurato che il trattamento non sarebbe cambiato. Sui processi di pace in generale, a livello mondiale, nulla è cambiato, se non in peggio. In Medio-Oriente Israele continua ad essere comandato a bacchetta da Washington, e a servire gli interessi americani dell area. Ma è soprattutto nell asse asiatico che Obama ha operato peggio nell ottica della pace futura. Lì l obiettivo è la Cina, il competitore più pericoloso per l egemonia americana. E insieme ad essa la Russia, sempre troppo pericolosamente autonoma e orgogliosa sul piano internazionale. Date le ristrettezze della crisi che hanno finito per coinvolgere anche il ricchissimo bilancio del Pentagono, Washington è stata costretta ad appaltare la difesa, anzi l attacco potenziale, ai paesi alleati, che sono stati costretti ad accogliere impianti di difesa missilistica americani e a costruire di tasca propria infrastrutture militari potenzialmente utili agli USA. Questo è avvenuto inizialmente nell arco che dai paesi dell est-europa arriva in India, passando per la Turchia, con il palese intento di tenere sotto tiro la Russia. Con Obama, e tramite l instancabile attività del Segretario di Stato Clinton, l arco si è ampliato, comprendendo il sud-est asiatico, l Australia, il Giappone, fino a convergere nella Corea del Sud (utile in questo senso rileggere gli approfondimenti e riascoltare le interviste realizzate dal Ribelle sulla base militare prevista nell Isola di Jeju). Un arsenale straordinario è dunque puntato sulla Russia, ma adesso anche sulla Cina, e basi militari sono sparse ovunque nei paesi alleati, anzi proni, all autorità imperiale americana, grazie alle politiche di pace di Obama. Il tutto a costo zero per le casse pubbliche americane, e con profitti per l industria bellica a stelle e strisce. Non male, insomma, per un Nobel per la pace. Sul fronte interno c erano grandi attese, proporzionali alle promesse elettorali, relativamente ai diritti civili, calpestati allegramente dalle amministrazioni Bush, e alla sanità. Obama aveva assicurato che avrebbe abolito il Patriot Act, la normativa di limitazione delle libertà personali, voluta da Bush all indomani dell 11 settembre. Allo stesso modo aveva promesso che sarebbe stato limitato il ricorso alle intercettazioni e al controllo delle comunicazioni

16 della cittadinanza. Niente da fare: il Patriot Act è stato riapprovato senza colpo ferire, e sul capitolo intercettazioni l amministrazione ha fatto peggio. Oltre a riconfermarle,ha dato loro dignità di legge,fornendo per di più immunità alle compagnie che le effettuano. La tanto celebrata land of freedom, già violentata da otto anni di amministrazione repubblicana, è e continua ad essere una terra di libertà condizionata e vigilata. La riforma sanitaria, poi, doveva essere il fiore all occhiello dell amministrazione Obama. L obiettivo era riuscire là dove aveva fallito l amministrazione di Clinton: limitare fortemente lo strapotere delle compagnie assicurative, aprire l accesso all assistenza sanitaria alle classi meno abbienti, cancellare tutte le storture e i condizionamenti delle compagnie farmaceutiche. Insomma si profilava, sul suo programma elettorale, una riforma complessiva di tutto il sistema anomalo che Michael Moore aveva impietosamente messo alla berlina con il suo film Sicko. Su questo Obama era oggettivamente partito lancia in resta, come già il suo predecessore democratico, ma quando la riforma è arrivata in Congresso, è stata annacquata fino a diventare irrilevante nel merito, mantenendo però nella forma il carattere, sempre essenziale nelle iniziative del presidente uscente, di grande ed efficace spot. Di fatto il protocollo resta com è, con il misero sistema Medicaid per i più poveri e il sistema Medicare per gli anziani, che i repubblicani, specie dopo aver conquistato la maggioranza in Congresso dopo le elezioni di medio termine, vorrebbero eliminare o ridurre. Ciò che resta, alla fine, è un aggravio per le casse pubbliche di 900 miliardi di dollari, che in dieci anni finiranno invariabilmente nelle casse delle case farmaceutiche e delle società assicurative, avendo in cambio qualche misera agevolazione non per i poveri, ma per il ceto medio americano, il perenne punto di riferimento nelle retoriche politiche ed elettorali, pur essendo oggi in agonia terminale. E infine c è la crisi. Obama si è trovato a gestire la slavina partita proprio dagli Stati Uniti, cercando di contenere i danni, senza alcuna azione reale sulla fonte del problema. Da politico astuto, è corso a promuovere qualunque iniziativa potenzialmente utile a creare posti di lavoro, o a dare l illusione che se ne potessero creare. Della politica sul nucleare si è detto, e si potrebbero aggiungere, in connessione sempre con le politiche energetiche, la questione del dannosissimo shale gas o della condotta che dovrebbe sventrare verticalmente il territorio statunitense per portare dal Canada al Texas il petrolio spremuto dai fanghi bituminosi. Tutte attività devastanti per gli ecosistemi e la salute umana, ma in grado di creare qualche manciata di posti di lavoro, utili da buttare sul tavolo della campagna elettorale. Ma politiche del genere vanno a tappare le falle dell oggi, raccattano qualche consenso in più, lasciando invariata la causa prima dell imminente affondamento: il sistema finanziario e bancario. Su cui, in campagna elettorale, Obama aveva annunciato sfracelli, con controlli severissimi, misure draconiane, e una generale riappropriazione del primato della politica su quella finanza che, con i suoi giochetti imperniati sull immobiliare, ha praticamente mandato a catafascio il paese e il mondo. Nella pratica: nulla di fatto. Gli aiuti, diretti e indiretti, al sistema finanziario in crisi sono proseguiti. Nuove regolamentazioni, a rimpiazzare quelle polverizzate dai tempi di Reagan fino all era di Bush jr., non ce ne sono state: tutto rimane selvaggio e governato dai potentati bancari coordinati apertamente dalla FED e segretamente da altri consessi ancor più impenetrabili. J.P. Morgan, Goldman Sachs, Citigroup sono stati e restano, anche con Obama alla Casa Bianca, i burattinai del

17 sistema. Anzi costituiscono il sistema stesso, nel momento in cui i propri uomini finiscono per sedere nelle sedi decisionali del potere politico. Il primo capo di gabinetto di Obama fu, ad esempio, Rahm Emanuel, proveniente da una banca d investimento (la Wasserstein Perella) dove si era occupato di settori strategici come l energia, l immobiliare, la sicurezza e le comunicazioni. Insomma la prima nomina del neo presidente proveniva proprio dal settore che aveva creato la crisi. E non è stata l unica: a segretario del tesoro ha nominato, ad esempio, Timothy Geithner, ex presidente della Federal Reserve, nonché uno dei responsabili della devastazione finanziaria, che ha candidamente ammesso di consultarsi regolarmente più con i vertici di Goldman Sachs che con il Congresso. Non è finita: uno dei consiglieri economici più ascoltati da Obama è Robert Rubin, già segretario al tesoro di Clinton, ma soprattutto per 26 anni alle dipendenze di Goldman Sachs e poi direttore di Citigroup. A questi si è aggiunta tutta una pletora di membri organici al sistema finanziario e bancario americano e internazionale, che sono finiti ad occupare posti-chiave, i gangli del potere decisionale, che così, anche con Obama, è rimasto ben lontano dal riappropriarsi del proprio primato. L impegno, politico e finanziario, profuso per contrastare la crisi si è ridotto così nell elaborazione di piani salva-banche e nell approvazione di continue e dannose iniezioni di liquidità pubblica (quantitative easing) nel sistema. Chi ha sfasciato il sistema è stato chiamato da Obama a ripararlo, ed ora i soliti soggetti sono ancora più ricchi e potenti di prima, mentre sul territorio sono fioccate nuove tasse, misure di austerità, i poveri sono sempre più poveri, i senza casa in aumento costante a causa dei pignoramenti a pioggia. Non è forse un caso che nella iperconformista America, pur sotto una presidenza che si presumeva illuminata a progressista, si è organizzato un movimento di protesta ampio e determinato come non se ne vedeva dagli anni 60, i noti Occupy Wall Street. Anche questo dimostra come, alla fine, nulla sia cambiato, se non nello stile e nelle modalità comunicative, nel passaggio da Bush a Obama, dal governo repubblicano a quello democratico. Ancor più dopo la conquista della maggioranza al Congresso da parte dei repubblicani alle elezioni di medio termine, nel Da quel momento la politica di Obama è stata una continua ricerca del compromesso o un braccio di ferro, a seconda dei casi, come nel frangente folle del default di bilancio. Sfiorato ed evitato a norma di legge, semplicemente modificando l altezza dell asticella superata la quale si deve chiudere bottega. Con tutti questi dati si può ben dire che la presidenza di Obama è stata una grande promessa non mantenuta. Un nulla di fatto. Dunque perché gli americani dovrebbero tornare a votarlo? Perché ancora mantiene un appeal, seppure decisamente diminuito rispetto al 2008? La risposta sta probabilmente nella costante presa della retorica obamiana, capace di agganciare la costante speranza di una redenzione per tutti, insita per natura dentro ogni americano, e così bene sintetizzata dal quel Yes, we can, poi risultato vuoto di contenuti. Ma sta anche nel fatto che Obama, non ha ostacolato, anzi ha aiutato concretamente i potentati che ne hanno determinato l elezione, rendendosi utile ai loro interessi e mostrandosi affidabile più di uno qualunque dei possibili candidati repubblicani. Un altra risposta possibile l ha data uno dei maggiori analisti critici degli USA, Noam Chomsky. Semplicemente Obama è l unico personaggio, nel quadro dei possibili candidati alla presidenza, che abbia un qualche senso

18 logico, specie rispetto ai deliri pronunciati dai diversi aspiranti candidati repubblicani. Non che con ciò Chomsky sposi l idea di un secondo mandato del presidente uscente. Esattamente come tutti coloro che si guardano bene dal votare repubblicano, e che sono rimasti cocentemente delusi dal quadriennio obamiano, semplicemente lamenta che non esistano alternative tra un presidente «astuto e senza scrupoli» come Obama, e un candidato proveniente da un ambiente, quello repubblicano, che è «al di fuori dello spettro internazionale di un comportamento normale». Può essere che sia così. Sicuramente Chomsky ha il polso dell opinione pubblica e della platea elettorale americana più di quanto non si possa avere qui in Italia. Ma, per esperienza e storia, è già ben noto che il popolo statunitense, specie quando deve scegliere i propri leader, non ha difficoltà, se anche ha già raggiunto il fondo, a mettersi a scavare per arrivare ancora più in basso. Davide Stasi

19 Metaparlamento Il bluff della Lega Vizio originario Con una peculiarità tutta sua, però: l odore dei soldi ha reso metastasi il vizio d origine del Carroccio, quello per cui il leghismo ha perduto anno dopo anno, uno dopo l altro, esponenti anche storici come il fondatore della Liga Veneta, Franco Rocchetta, assieme a molti altri, ovvero l accentramento dittatoriale nella figura del Gran Capo, che cacciava ed espelleva chi non si metteva sull attenti, degenerato dopo l ictus del 2004 in conduzione familistica, col cerchio magico a fare e disfare linee politiche e bonifici della cassa, fino a innalzare l ex autista di Biondi, tale lombrosiano Belsito, al rango di tesoriere, deputato, sottosegretario e vicepresidente di Federmeccanica (sic!). Cose che neanche il Psi dei nani e ballerine di craxiana memoria. Il repulisti di Maroni, al di là della condanna etica ed eventualmente giudiziaria degli indagati vicini all Umberto e a sua moglie Manuela, significherà che nella lotta di potere interna alla Lega la corrente maroniana conquisterà il partito (ed è plausibilissimo, questo va detto, che chi ha fatto partire le indagini sia stato uno dei suoi). La loro vittoria equivale ad una normalizzazione - qualcuno dice "democristianizzazione" - che abbandonerà giocoforza i residui cascami della retorica bossiana (urla rauche, insulti, annuncishock) relegandola a ricordo nostalgico, e mirando al sodo per tutto quanto riguarda il resto: al presidio del territorio, dove la Lega ha ancora una nutridi Alessio Mannino Un bluff: questo si è rivelata essere la Lega Nord. Un movimento sano, popolare, con l indiscutibile merito di aver dato nuova linfa all esangue politica italiana nel momento in cui essa crollava sotto le macerie della Prima Repubblica, che dopo vent anni dalla sua ascesa ha compiuto la parabola dell imborghesimento dissolvendosi nel corrotto sistema romano. Era il dicembre 2008 quando anticipavamo ciò che per noi era già evidente e che oggi, dopo tre anni, lo è diventato per tutti: il partito di Bossi, che aveva mosso i primi passi con l impeto rivoluzionario, anche se un po sgangherato, delle prime Leghe indipendentiste e autonomiste, si è venduto al bengodi del finanziamento pubblico e alle sue sirene corruttrici.

20 ta schiera di amministratori, e alla sopravvivenza politica e materiale vera e propria, perchè in gioco c'è appunto il vivere o morire, per una Lega che ha stufato ma che dispone ancora di uno zoccolo duro di fedelissimi. In questa ostinazione va dato atto che c'è un che di nobile. Ma è la nobiltà degli sconfitti, che sconfitti rimangono. Bilancio fallimentare La Lega Nord, partita come movimento per l indipendenza e poi ammorbiditasi su un più moderato federalismo, dopo venticinque anni di storia, tre partecipazioni al governo, un ribaltone, una secessione mancata, la devolution mai attuata e una riforma federale, Monti o non Monti, che di federale aveva poco o nulla, ha un bilancio oggettivamente negativo. Gli ultimi giapponesi del leghismo, i meno sbracati maroniani, restano pur sempre fedeli ad una forza politica che ha mancato l'obbiettivo, e il loro attaccamento all'ideale può essere sentimentalmente comprensibile ma è politicamente illusorio. L'errore fondamentale è stato l'abbraccio mortale con Berlusconi. Che esso sia stato "oliato" da una compravendita del simbolo da parte del Cavaliere, poco cambia: dopo aver fatto la cosa giusta nel '94, cioè farlo cadere, Bossi ha scelto l'alleanza permanente con l'ex "mafioso di Arcore", posizionando definitivamente la Lega nel sistema partitocratico contro cui aveva combattuto agli inizi. Il fisiologico deteriorarsi dello slancio primigenio, tipico di ogni movimento di rottura, è stato aggravato da una funesta, umana troppo umana avidità di posti, prebende e comodità romane. In cambio, all'alleatopadrone hanno permesso tutto: le porcate ad personam, il salvataggio statalista di Roma e Catania, le cordate amiche in Alitalia, l'assistenzialismo forestale in Calabria, una politica finanziaria di occultamento, giusto per citare le cose peggiori. Il bluff è scoperto. Chi vuole continuare la partita è un baro, che ne sia consapevole o meno, che l'accetti oppure no. Il buono resta Un vero leghista dovrebbe star fuori da una Lega irrimediabilmente destinata a dissolversi, anche se rimessa a nuovo e resa ripresentabile dal restyling del moralizzatore Maroni (che difendeva il lombardo Boni sotto inchiesta per malversazione). Perché le idee di fondo rimangono valide, per chi le trova giuste. Il federalismo come autodeterminazione decisionale, sul piano fiscale e in alcune materie politiche, è un meccanismo responsabilizzante e massimamente libertario di cui si avrebbe gran bisogno contro le spinte centralizzatrici e mondializzanti della finanza anonima e delle tecnocrazie apolidi (come la Bce). La concezione di un popolo come un gruppo con caratteristiche storiche, linguistiche, economiche e tradizionali dai confini ben precisi è l'antidoto alla globalizzazione che livella, appiattisce, desertifica, uniforma. Vedere lo Stato come fornitore di servizi essenziali ed efficienti e non come un onnipresente padrone, se declinato non secondo la prospettiva individualista liberale ma secondo quella comunitarista e civica, farebbe riscoprire il senso della comunità locale (in un percorso di decrescita non soltanto in economia, ma anche nelle istituzioni). Un nuovo inizio Se questi temi sono in circolo lo si deve alla Lega, c'è poco da fare. Purtroppo Bossi&Co li hanno mischiati ad un becero razzismo prima anti-meridionale, poi xenofobo in generale e ultimamente anti-islamico, che per quanto fosse più verbale che fattivo (la stessa legge Bossi-Fini ricalca una visione economicista dell immigrazione, l'uomo come merce, che non razziale) ha reso il

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1

UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 UN MONDO SENZA CARTA GIORNALI VS BLOGS: VECCHI E NUOVI MEDIA A CONFRONTO 1 In progress Febbraio 2007 Il salto tecnologico e la crisi dei media tradizionali I media sono in crisi? È una domanda più che

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli