Allegato 3 alla D.D.U.O. N. del 21/04/2009. Progetto Skipass Lombardia CAPITOLATO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 3 alla D.D.U.O. N. del 21/04/2009. Progetto Skipass Lombardia CAPITOLATO"

Transcript

1 Allegato 3 alla D.D.U.O. N. del 21/04/2009 Progetto Skipass Lombardia CAPITOLATO

2 2 SOMMARIO A INTRODUZIONE A I Situazione attuale B PROGETTO B I Obiettivi B II Oggetto dei finanziamenti C CONTENUTI DEL PROGETTO C I Sicurezza C II Caratteristiche tecniche delle apparecchiature C II a Varchi di controllo C II b Biglietterie b 1 Software di emissione b 2 Stampanti di Titoli C II c Supporti C II d - Reti E COMPATIBILITA TRA SISTEMI E I Situazione attuale e standard E II Standard aperti esempi di applicazioni RFID E III Nuovo Skipass Lombardia E IV Inammissibilità ai finanziamenti F - PRESTAZIONI SUPPLEMENTARI F I Integrazione Carta Regionale dei Servizi F II Raccolta Centralizzata dei dati del Nuovo Skipass Lombardia G INTERVENTO FINANZIARIO H - DOCUMENTI ALLEGATI H I ALLEGATO 1 : Specifiche del formato Skipass Lombardia H II ALLEGATO 2 : Raccolta centralizzata dei dati e Server OpenPass H III ALLEGATO 3 : Interfacciamento con la Carta Regionale dei Servizi

3 3 A - Introduzione A 1 Situazione Attuale Le Stazioni sciistiche lombarde sono più di 30 e non sono unite tra loro in un unico comprensorio. L Associazione Nazionale degli Enti Funiviari della Lombardia (ANEF Lombardia) ha creato uno skipass unico che può essere utilizzato in tutte le località montane lombarde. Tale soluzione è costituita da due supporti di identificazione in radiofrequenza (Rfid) uniti tra loro mediante una soluzione meccanica a incastro. La ragione alla base di tale soluzione è riferita principalmente al fatto che i sistemi di controllo accessi installati non sono compatibili tra di loro e utilizzano soluzioni che ormai sono stati oggetto di obsolescenza tecnologica. Il quadro complessivo è frammentario e richiede un rinnovamento che dia lo slancio necessario alle Stazioni sciistiche lombarde, sia in un ottica di adeguamento tecnologico che in quello più ampio di volano per l intero settore turistico lombardo. Si sono visti negli ultimi anni importanti novità sia sotto il profilo delle scelte tecnologiche a livello di Hardware sia nelle soluzioni informatiche a servizio dei cittadini. La Regione Lombardia ha deciso di siglare un protocollo di intesa con l Anef Lombardia per contribuire al rinnovamento degli strumenti necessari al rilancio del turismo, contribuendo nell indicazione degli strumenti tecnici alla base dell impegno di spesa. B - Progetto B I Obiettivi Tra gli obiettivi del progetto c è quello di unificare in un unica card Rfid l accesso agli impianti sciistici, in modo da evitare la frammentazione tecnologica oggi presente nelle aree montane. E altresì auspicabile che il Progetto di seguito descritto, favorisca lo sviluppo di tecniche di vendita telematica, le quali consentano uno snellimento delle procedure di vendita. Attraverso la tecnologia a radiofrequenza, che si è ormai imposta presso gli impianti sciistici e le strutture ricettive lombarde nel settore turistico, si amplierebbe l offerta convergendo su una piattaforma aperta, sicura e open source alla quale si potrebbero collegare importanti realtà di attrazione quali musei, stadi, parcheggi impianti fieristici e trasporti pubblici, che stanno migrando verso la tecnologia di riconoscimento in radiofrequenza (RFID). Il sistema di skipass Lombardia deve garantire: Interoperabilità dello skipass in tutte le stazioni sciistiche della Regione Utilizzo del supporto RFID (mani libere) Aderenza del supporto (card) agli standard internazionali, senza restrizioni proprietarie Sicurezza del supporto

4 4 1. Interoperabilità dello skipass in tutte le stazioni sciistiche della Regione E il concetto di base su cui si costruisce l intero Sistema. Lo sciatore dovrà essere in grado di recarsi in ogni Stazione della Regione, accedendo direttamente agli impianti di risalita, con un unico supporto. La vendita dei supporti sarà gestita in base ad accordi stipulati tra le varie Stazioni sciistiche, ma dovrà tendere ad essere la più capillare possibile, eventualmente con punti di emissione periferici, anche al di fuori della Regione Lombardia o con vendita via internet. 2. Utilizzo del supporto RFID (mani libere) I biglietti dello Skipass Lombardia dovranno contenere un chip RFID (Radio Frequency Identification), peraltro già da tempo utilizzato nelle Stazioni Lombarde con tecnologie non uniformi, a fianco del più obsoleto biglietto a inserimento, I vantaggi di questa soluzione tecnologica sono evidenti: lo sciatore effettua il passaggio in modo rapido e agevole ai tornelli di controllo. la card consente la fidelizzazione del cliente e apre opportunità di marketing impensabili con codice a barre o biglietto magnetico la Regione Lombardia si porrebbe all avanguardia a livello di offerta commerciale e tecnologica, in un ambito di concorrenza sempre più serrata. E ipotizzabile un intelligente gestione di scontistiche concordate tra Anef e Regione Lombardia. 3. Aderenza del supporto (card) agli standard internazionali, senza restrizioni proprietarie (compliance). L offerta dei sistemi integrati di controllo degli accessi per gli impianti di risalita è abbastanza ristretta, mentre quella dei supporti è molto ampia. Bisogna fare in modo che le apparecchiature siano indipendenti rispetto alle card, o meglio che le card adottate rispondano ai requisiti di standardizzazione internazionali ISO15693 e che il fornitore dei sistemi di controllo degli accessi non frapponga ostacoli alla lettura della tessera, adducendo restrizioni di carattere proprietario, le quali di fatto obbligherebbero le Stazioni sciistiche ad acquistare in futuro le card solo dal fornitore di tornelli o da produttori da lui indicati e di fatto controllati, contravvenendo alle più semplici logiche di libero mercato, con evidenti ripercussioni di carattere economico sull utilizzatore finale. Come riferimento del tutto indicativo, una Card ISO con film termoriscrivibile, viene oggi liberamente acquistata su mercato a meno di 1 Euro per quantitativi superiori a pezzi.

5 5 4. Sicurezza del supporto Non è sufficiente che i chip, contenuti nelle card, siano rispondenti alle indicazioni ISO Standard e che il fornitore di tornelli garantisca l interoperabilità con i supporti. Il titolo d accesso deve possedere caratteristiche di elevata sicurezza, ossia deve essere blindato in fase di emissione e non deve essere duplicabile. In altre parole, la sicurezza del sistema non deve essere demandata a un Centro di Verifica, che controlli la validità dei titoli, ma deve essere la Card stessa a veicolare e garantire la sicurezza dell intero sistema di controllo degli accessi. Non deve essere possibile produrre, copiare o alterare in alcun modo i dati dei biglietti. I quattro punti sopraindicati sono tutti fondamentali e necessari ai fini del buon funzionamento di un Sistema, come quello dello Skipass Lombardia, che deve rispondere ai principi di Qualità Economicità Sicurezza Semplicità di utilizzo Il sistema dovrà inoltre servire da volano per altre iniziative non legate strettamente agli impianti di risalita. Dovrà essere creato un circuito aperto e virtuoso, al quale potranno aderire altri soggetti, secondo le specifiche dettagliate nel Allegato Tecnico 1. B II Oggetto dei finanziamenti Saranno ammessi ai finanziamenti: Varchi per il controllo degli accessi (sia in adeguamento che in sostituzione) secondo le specifiche descritte al punto C II b e funzionanti secondo la nuova piattaforma del progetto Skipass Lombardia Stampanti per Card Termocromiche secondo le specifiche indicate al punto C II b Lettori della Carta Regionale dei Servizi collegati ad ogni postazione di emissione titoli (biglietteria) e funzionanti Opere per la messa in rete degli impianti di partenza delle Stazioni con le proprie biglietterie. Secondo quanto indicato al punto C II d Server e sviluppo del software di raccolta centralizzata dei dati. Per ragioni legate alla tutela della Privacy, non sono ammessi al finanziamento i sistemi di controllo fisso o mobile delle foto degli sciatori, che resteranno totalmente a carico degli esercenti e il cui utilizzo avverrà sotto la responsabilità delle singole Stazioni sciistiche.

6 6 C - CONTENUTI DEL PROGETTO C I Sicurezza Il tema della sicurezza in sistemi complessi come quelli di un Controllo accessi basato su tecnologia RFID è delicato e di stretta attualità. Fino a qualche tempo fa la sicurezza era, in generale, garantita dalla segretezza delle informazioni. Negli ultimi tempi con l avvento delle piattaforme aperte e con i nuovi mezzi tecnologici a disposizione l approccio alla sicurezza dei dati è radicalmente cambiato. Nel caso dei microprocessori la transazione processata a bordo del microchip con algoritmi di cifratura, garantisce di per sé la sicurezza dei dati. Per le card a memoria RFiD la transazione avviene in modo del tutto differente e bisognerà quindi che siano comunque garantite, secondo le linee guida internazionali: l integrità la riservatezza l autenticità l unicità delle informazioni residenti sui supporti. L idea che la segretezza sia d aiuto alla sicurezza è intrinsecamente sbagliata. Ogni qual volta ci imbattiamo in una azienda che dichiara che la segretezza del design è necessaria per la sicurezza (nei documenti di identità, nelle macchine per il voto, nella sicurezza aeroportuale), ciò significa invariabilmente che la sua sicurezza è pessima e che non ha altra scelta se non quella di nascondere i dettagli di implementazione. Secondo le più autorevoli tendenze attuali in crittografia (Schneier), è buona regola progettere la sicurezza Rfid con un design aperto e pubblico. La sicurezza basata sulla convinzione che nessuno capisca come funzioni un sistema è profondamente sbagliata perché il reverse- engineering non è difficile. Le linee indicate nel dettaglio nell Allegato Tecnico 1, consentono l interoperabilità e l apertura tra differenti sistemi, garantendo al contempo la sicurezza dei dati sottoposti a transazione. C II Caratteristiche tecniche delle apparecchiature e del software Di seguito vengono descritti i requisiti da considerarsi minimi ed essenziali delle apparecchiature e del software del sistema.

7 7 C II a Varchi di controllo I varchi di controllo degli accessi dovranno avere i seguenti requisiti tecnici minimi permettere il passaggio di 600 persone/ora in modalità mani libere essere dotati di lettori RFID multistandard ISO e non essere sottoposti a chiusure proprietarie che limitino l utilizzo dei titoli emessi secondo le specifiche dell Allegato Tecnico 1 essere dotati di display con interfaccia utente gestire messaggistica avanzata per gli utenti garantire l efficienza operativa anche in assenza di connessione di rete online funzionare all aperto, senza protezioni e in qualunque condizione atmosferica Immagazzinare i dati dei passaggi effettuati C II b Biglietterie Le biglietterie, presso le quali è obbligatorio posizionare gli avvisi di utilizzo dei sistemi RFID secondo le prescrizione impartite dal Garante per la Protezione dei Dati Personali, dovranno avere i seguenti requisiti tecnici minimi: C II b 1 Software di emissione essere in grado di produrre titoli di accesso validi su più domini, es. 1. Stazione, 2. Comprensorio 3. Regione (questi ultimi secondo le specifiche esposte nell Allegato Tecnico 1) Gestire stampanti di Card termocromiche RFID Fornire riepiloghi e storici di emissione Gestire il software di emissione collegato al Lettore della Carta Regionale dei Servizi Lombarda o Il software di emissione dovrà riconoscere e dialogare con la CRS in modalità automatica, secondo quanto descritto al punto F I C II b 2 Stampanti di Titoli Le Stampanti dei supporti dovranno essere in grado di gestire la codifica dei chip ISO Standard 15693/14443 e di stampare il film termocromico riscrivibile eventualmente presente sulle card. Il caricamento delle card dovrà potersi effettuare sia con introduzione posteriore (anche con caricatore) che dalla bocchetta anteriore. Il lettore RFID a bordo dovrà essere in grado di leggere lo Skipass Lombardia, come da Allegato Tecnico 1, senza chiusure proprietarie da parte del fornitore

8 8 di sistema. C II c Supporti I supporti utilizzati per la Tessera unica dello Skipass Lombardia avranno le seguenti caratteristiche: Tecnologia RFID ISO Tecnologia RFID duale ISO e ( opzionale) Dimensioni ISO Card 7812 (54mm x 85mm) Film a tecnologia termocromica (opzionale) Nessuna personalizzazione e/o chiusura proprietaria del chip da parte dei fornitori del sistema di controllo degli accessi. Libero acquisto sul mercato (non necessariamente dal fornitore del sistema di controllo degli accessi) sia da parte dei singoli esercenti che da parte dell Anef Lombardia sia del chip che della Card finita I supporti sopradescritti dovranno essere riutilizzabili. Nel caso di utilizzo di tecnologia usa e getta dovrà essere garantita la compatibilità ambientale. I soggetti beneficiari sono tenuti a riservare una porzione di una facciata del titolo di viaggio per l apposizione di un logo comune che verrà definito in seguito dalla Regione Lombardia. C II d Reti In un contesto di elevata complessità territoriale come quello montano, lo scenario legato alla messa i rete delle apparecchiature, deve essere adeguatamente analizzato. Non è pensabile che il sistema debba avere come requisito essenziale ai fini del buon funzionamento il collegamento in rete delle apparecchiature sparse sul territorio montano. Questo nemmeno per garantire la sicurezza del sistema che dovrà basarsi su concezioni sistemistiche differenti (vedi Allegato Tecnico 1). Le apparecchiature del sistema di controllo degli accessi agli impianti di risalita dovrà potere funzionare in modalità off-line, anche se le apparecchiature potranno essere predisposte per collegamenti di rete. Eventuali lavori di messa in rete con finalità differenti da quelle sottodescritte saranno a carico delle singole Stazioni e non usufruiranno dei finanziamenti in oggetto nel presente Capitolato. La rete deve garantire: Il collegamento dalle biglietterie ai varchi di base (primi accessi) degli impianti principali delle Stazioni, per consentire la gestione delle ricariche

9 9 dei titoli via Internet e via SMS o per mezzo di ogni altra eventuale tecnologia di caricamento a distanza consentita dalla legge. Questo tipo di collegamento può essere garantito con la tecnologia Wi-fi o con rete cablata. Il collegamento delle Stazioni al Server Centrale di Raccolta.Questo collegamento sarà garantito dalle linee telefoniche di trasmissione dei dati. E COMPATIBILITA TRA SISTEMI E I Situazione attuale e standard Come già accennato al punto B I l attuale situazione nel campo del controllo accessi agli impianti di risalita in Lombardia è eterogenea e di fatto i sistemi installati sono incompatibili tra di loro. La tecnologia di Identificazione in Radiofrequenza è oggi utilizzati in diversi settori e sempre più massivamente nel settore turistico, come anche descritto nell Allegato Tecnico 1. Gli standard più moderni oggi riconosciuti a livello internazionale per i sistemi di controllo degli accessi sono 2: Proximity (operanti a distanza ravvicinata dalle antenne di lettura), che rispondono allo Standard Vicinity (operanti a distanza maggiore dalle antenne di lettura), che rispondono allo Standard Lo standard è quello più diffuso al mondo, utilizzato ormai nelle principali metropolitane del mondo, in generale nei trasporti pubblici e nel controllo degli accessi, dove non siano necessarie distanze di lettura importanti. Il si è imposto anche a livello bancario, con applicazioni a microprocessore. Visa ha pubblicato per la prima volta le specifiche contactless nel 2002, ma queste erano principalmente destinate a soddisfare le esigenze dei mercati locali: le prime sperimentazioni sono state portate avanti in alcuni paesi dell'asia, come Giappone, Corea, Malaysia e Taiwan. Negli ultimi anni si sono viste applicazioni bancarie in Europa, Stati Uniti e Canada, con sviluppi sempre più significativi. Lo standard si è imposto nei settori dove è richiesta una maggiore capacità di lettura, per esempio nella Building automation, spesso nei parcheggi (insieme al 14443), nei sistemi di controllo accessi agli impianti di risalita e nelle applicazioni interne ospedaliere. Vista la diffusione spesso interconnessa tra i due differenti standard, è sempre più diffusa la consuetudine di produrre Lettori multistandard, in grado di

10 10 interagire con entrambi i protocolli in progetti ad ampio respiro e con molteplici soggetti aggregati. E II Standard aperti esempi di applicazioni RFID Con la diffusione sempre maggiore dei sistemi con tecnologia RFID, si è passati dalle prime soluzioni con formati proprietari alla definizione da parte degli utilizzatori di standard comuni o comunque indipendenti dai System Integrators. Il più evidente standard Open Source basato su tecnologia RFID è l EPC (Electronic Product Code), nato all M.I.T di Boston e diffuso ormai a livello mondiale nella logistica. Altri esempi di formati nati da particolari esigenze di sicurezza e costruiti dalle imprese utilizzatrici sono quelli delle principali metropolitane mondiali che si sono in questo modo svincolate da specifici produttori di sistemi, diventando indipendenti nelle scelte Hardware con notevoli benefici nei costi sia nel breve che nel lungo periodo. Altro più recente esempio assurto alle cronache italiane è quello della Tessera del Tifoso, definita nel formato dall Osservatorio Nazionale delle Manifestazioni Sportive del Ministero dell Interno di concerto con il CONI. La tessera è basata su tecnologia RFID e i vari fornitori di Tornelli dovranno adattarsi alle specifiche definite dall Osservatorio. Il Progetto del Nuovo Skipass Lombardia dovrà fare da volano al turismo lombardo e coinvolgere il maggior numero di soggetti possibili in ambito turistico. Per questo motivo si è deciso di operare su uno Standard aperto con un formato condiviso (vedi Allegato Tecnico 1) e non riferito a soluzioni proprietarie, che porterebbero inevitabilmente a un progetto di nicchia e di corto respiro, con inevitabili lievitazioni dei costi che graverebbero sull utente finale (cittadino). E III Skipass Lombardia unificato Si rimanda all Allegato Tecnico 1, nel quale sono descritte e definite le specifiche del Nuovo Skipass Lombardia E IV Inammissibilità ai finanziamenti Per i motivi ampiamente descritti nel presente documento non sono ammessi ai finanziamenti sistemi di fornitori che non rispondano alle specifiche del Nuovo Skipass Lombardia (Allegato Tecnico 1) o che contrastino con

11 11 indicazioni descritte nel capitolo C e nei paragrafi relativi, oltre che nel paragrafo F I. F - PRESTAZIONI SUPPLEMENTARI F I Integrazione Carta Regionale dei Servizi La Carta Regionale dei Servizi Lombarda (CRS) è Smart Card basata su microprocessore a contatto, cioè una tessera elettronica contenente una chiave privata che garantisce il riconoscimento dell identità del possessore e al contempo ne tutela la privacy. E' valida come: Tessera Sanitaria Nazionale perché sostituisce il tesserino sanitario cartaceo; Tessera Europea di Assicurazione Malattia perché sostituisce il modello E-111 e garantisce l assistenza sanitaria nell Unione Europea e in Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera, secondo le normative dei singoli paesi; Tesserino del Codice Fiscale; Carta Nazionale dei Servizi perché è stata creata secondo gli standard tecnici internazionali previsti per le Smart Card e per questo consente l accesso ai servizi online che richiedono un identificazione. La CRS è gratuita ed è stata spedita a casa a tutti i cittadini iscritti alle ASL della Lombardia. La capillare diffusione della CRS ne fa un veicolo ottimale per l integrazione con il Progetto di Unificazione dello Skipass Lombardia. La tecnologia della CRS è differente da quella della Tessera del Nuovo Skipass Lombardia, rispondendo ad esigenze differenti. La CRS con tecnologia a microprocessore ha una memoria molto estesa e processa i dati a bordo del chip, secondo gli standard delle Smart Card a contatto. Il tag contenuto nel Nuovo Skipass Lombardia risponde alle caratteristiche delle carte a memoria, ma ha la necessità di essere letto a una buona distanza dalle antenne presenti ai varchi di accesso presso gli impianti di risalita, che tra l altro operano in condizioni estreme, non compatibili con tecnologie di microprocessori a contatto (spesso lo skipass è tenuto in tasca, quando non è assicurato con laccetti agli indumenti). E in ogni caso possibile creare un link tra i due supporti. Grazie ai costi molto contenuti dei lettori di CRS, uno di questi sarà collegato ad ogni postazione di biglietteria sia presso le località sciistiche che nelle postazioni periferiche.

12 12 I software di emissione forniti dai produttori dei sistemi di controllo degli accessi dovranno essere integrati con i lettori della Carta Regionale dei Servizi, in modo che al momento dalla lettura della CRS i dati dell utente siano automaticamente trasferiti al sistema di emissione, nel completo rispetto della Privacy come descritto nell Allegato Tecnico 2. Questa integrazione tecnologica consentirà di sfruttare la capillare presenza della CRS, consentendo ai soggetti consorziati al Progetto e a quelli che vi aderiranno in futuro, di usufruire di un importante strumento di marketing che potrà consentire ai cittadini possessori di CRS di ottenere agevolazioni convenzionate con la Regione Lombardia. Nell allegato 3 sono fornite le informazioni sufficienti per consentire l integrazione della CRS con le postazioni di biglietteria. F II Raccolta Centralizzata dei dati del Nuovo Skipass Lombardia Il server di raccolta centralizzata dei dati dovrà ricevere le informazioni relative alle tipologie di biglietti venduti dalle stazioni che aderiscono del progetto di unificazione della Tessera unica Regionale. Gli esercenti devono fornire periodicamente su base minima stagionale i dati secondo il formato descritto nell Allegato Tecnico 2.

13 13 G INTERVENTO FINANZIARIO L intervento finanziario stabilito dal bando sarà ripartito sulla base dei seguenti fattori presenti all atto della domanda: numero di impianti presenti e relativa portata, numero varchi di accesso e biglietterie, disposizione territoriale della stazione sciistica, eventuali altre condizioni particolari. Il contributo viene concesso nei modi e nelle forme stabilite dal bando: nella misura del 50% come contributo a fondo perduto; il restante 50% sarà oggetto di un finanziamento con rata semestrale. Il tasso di interesse è determinato nella misura dello 0,5% annuo. Nella tabella vengono individuati i prezzi contribuibili per singolo bene agevolabile: Tipologia Nuovi varchi di controllo degli accessi, installati e funzionanti Adeguamento tecnologico degli attuali varchi di controllo degli accessi, installati e funzionanti Nuove stampanti per card termo cromiche, installate e funzionanti Nuovi lettori per la Carta Regionale dei Servizi (CRS) collegati ad ogni postazione di emissione titoli e funzionanti Nuovi apparati di collegamento per la messa in rete degli impianti di partenza con le biglietterie Nuovo server unico e software di raccolta centralizzata dei dati del progetto Skipass Lombardia Importi ammissibili Contributo erogabile 7.778, , , , , ,00 222,00 200, , , , ,00 Qualora dopo la distribuzione dei contributi dovesse risultare un avanzo o la dotazione finanziaria disponibile risulti insufficiente alla copertura delle richieste ammissibili, si procederà alla rideterminazione proporzionale degli interventi finanziari concedibili Il totale dei finanziamenti massimi concedibili ammonta a Euro ,00

14 14 H I ALLEGATO 1 : Specifiche del formato Skipass Lombardia Capitolo 1: La tecnologia stato dell arte 1.0 Il panorama dei sistemi esistenti 1.1 Significato di apertura del sistema 1.2 La tecnologia RFID 1.3 La sicurezza di un sistema Capitolo 2: Le regole di OpenPass 2.0 Cosa è OpenPass 2.1 Tokens, formati e XML 2.2 Gruppo, dominio, società, emittente 2.3 Aree, sicurezza logica e fisica in OpenPass 2.4 Allocazione dei dati nella memoria del tag 2.5 Formati e tokens 2.6 Rappresentazione in XML dei tokens, dei formati e dei biglietti

15 Il panorama dei sistemi esistenti Ad oggi, gli attori presenti sul mercato, anche se impiegano sulle apparecchiature di nuova concezione standards comuni per i supporti (ISO15693/ISO14443), utilizzano formati proprietari per la registrazione dei dati sui medesimi, limitando la concorrenza e impedendo di fatto l interoperabilità tra sistemi di costruttori differenti, con danno per gli utenti. Schemi di sicurezza proprietari e l impiego di chips con sicurezza a bordo (desiderabile, ma non normata da alcuno standard ISO) impediscono poi di fatto l accesso alle informazioni che questi contengono. Detto semplicemente, il foglio è all incirca lo stesso per tutti, la lingua no. La busta a volte è sigillata. Le esigenze di un sistema di bigliettazione e controllo accessi wide-area sono abbastanza articolate. Innanzitutto, chiunque sia abilitato a farlo, deve essere in grado di emettere biglietti in totale autonomia. I biglietti emessi devono poter essere identificati da chiunque come emessi dall Emittente ed essere riconosciuti validi da tutti. Ogni Emittente deve essere in grado di emettere biglietti per sé o per le società sue consorziate, in assoluta sicurezza e tracciabilità, visto che incassa denaro anche per conto di terzi. Ad ogni biglietto è associato un dominio o livello, che indica la estensione geografica (locale, regionale etc.) della validità. I dati completi del biglietto devono viaggiare sul supporto, in modo tale che ogni punto periferico sia in grado di valutare autonomamente la validità o meno di un biglietto. La presenza di una rete dati wide-area, seppur utile, non deve essere il fattore limitante, per ragioni di affidabilità, rapidità di esecuzione della transazione, di costi e di disponibilità. La diffusione di internet ha portato come naturale evoluzione la possibilità di implementare l e-commerce anche sul controllo accessi. Un cliente che possieda già una card compatibile è in grado di ricaricare la propria card da casa, specificando un codice di identificazione attribuito alla medesima. La scrittura fisica dei dati nel supporto avviene al primo passaggio, su di un dispositivo di controllo accessi opportunamente collegato in rete. La complessità dei sistemi è oggi cresciuta fino ad avere più di un utilizzo per il singolo supporto. Si parla oramai di multifunzione, ovvero su un singolo supporto vengono caricati uno o più biglietti o servizi.

16 Significato di apertura del sistema Si può considerare un sistema aperto nel momento in cui siano ben documentati il suo utilizzo, la sua estensibilità e la programmazione anche da parte di terze parti. Questo non implica necessariamente il passaggio ad un sistema open source, fatto che su sistemi industriali non è sempre desiderabile. Un sistema può essere considerato aperto a pieno titolo anche se affiancato ad una struttura proprietaria, implementa i punti indicati qui sotto. Considerando le esigenze di un sistema di controllo accessi, i capisaldi sono: - utilizzo di una tecnologia RFID ISO standard, i cui consumabili (tag) sono liberamente acquistabili sul mercato da fornitori terzi - utilizzo di un formato di registrazione dei dati sul supporto RFID ben documentato e che non sia proprietà di qualcuno (l utilizzo deve cioè essere libero da licenze, se non nei termini delle licenze GPL e simili, che definiscono la proprietà intellettuale ma ne sanciscono il libero utilizzo e il diritto di modifica) - accesso libero alle informazioni tramite web services e tramite accesso diretto ai server di database, che devono essere ben documentati. La proprietà dei dati e il loro accesso deve essere a libera disposizione degli utenti finali. Nella pratica informatica corrente, l utilizzo di interfacce programmatiche basate su oggetti XML scambiati magari tramite protocolli http (web services) è spesso sinonimo di apertura del sistema, in quanto si garantisce una interfaccia di interazione tra moduli ben documentata, che garantisce estensibilità dei sistemi e interazione con applicazioni eterogenee. Questo approccio non è direttamente applicabile per la memorizzazione di informazioni sui tags RFID. Bisogna pertanto individuare una tecnologia che dia le stesse garanzie.

17 Compatibilità tra sistemi eterogenei Le vie praticabili per rendere tra loro compatibili dei sistemi sono principalmente quattro, con differenti pro e contro. - Supporto multiplo - Supporto unico segmentato - Supporto unico bianco - Supporto unico a standard aperto uniformato Supporto multiplo All utente finale vengono dati N supporti differenti, ognuno per ogni tipo differente di sistema installato Pro: soluzione artigianale, non richiede alcuna analisi sistemistica Contro: Interferenza tra i supporti. Possibilità per più persone di usufruire in contemporanea su stazioni differenti. Costo irragionevole. Operazioni di emissione dei supporti raddoppiate o triplicate. Impossibilità di gestire biglietti aperti o a scalare. Supporto unico segmentato All utente finale viene dato un unico supporto, ripartito in segmenti. Ogni qualvolta si passa su un sistema di un nuovo fabbricante bisogna aggiungere un pezzetto di informazione. Pro: L utente finale ha un solo supporto Contro: Il formato generale della segmentazione va regolato da uno standard, ad oggi esistono solo soluzioni proprietarie. Un fornitore è potenzialmente in posizione dominante. Il numero degli attori coinvolti è limitato (ragionevolmente non più di due). Gli spazi allocati sul supporto sono assolutamente isolati tra loro e non si parlano, gli svantaggi e rigidità di gestione sono esattamente gli stessi del caso precedente. Supporto unico bianco L utente finale ha un unico supporto, che è solo un dispositivo di identificazione. Mediante una struttura di rete online e ogniqualvolta l utente cambia stazione, le apparecchiature, chiedendo autorizzazione ad un server centrale, scrivono un contenuto che è valido per la stazione, ma inintelleggibile su apparecchiature differenti. La logica di funzionamento è la stessa delle prenotazioni e ricariche via internet. Pro: Soluzione relativamente semplice Contro: Compatibilità a metà: la tipologia di bigliettazione è ristretta a casi di biglietti basilari. E obbligatoriamente richiesta una infrastruttura di rete. La soluzione non funziona se ci sono problemi di affidabilità di comunicazione verso il server centrale. Chi emette il biglietto deve comunicare immediatamente i dati al server centrale. Sposta i costi di integrazione dal fornitore di apparecchiature alla Stazione, che si deve dotare ed essere in grado di mantenere una infrastruttura di rete interna e verso il server centrale. Supporto unico a standard aperto uniformato

18 E la soluzione definitiva. L utente finale ha un unico supporto, che è attivato con la prima emissione. Il biglietto viene riconosciuto come valido da chiunque si adegui allo standard. Pro: Soluzione realmente completa, sicura e aperta a tutti. Favorisce la concorrenza. Nessun fornitore è in posizione privilegiata rispetto ad altri, garantendo di fatto i migliori prezzi e servizi alle Stazioni. Contro: Maggiore investimento di sviluppo da parte dei fornitori, che potrebbero opporre resistenze per via di scelte marketing, per non cedere posizioni dominanti. 18

19 La tecnologia RFID Un tag RFID è banalmente un supporto dati sul quale memorizzare informazioni. La memoria di cui è dotato è una memoria a stato solido, aggiornabile e riscrivibile circa volte. Il tag è inoltre dotato di un codice seriale identificativo, che identifica univocamente il singolo esemplare, detto UID. Tutti i tags presenti sul mercato utilizzati in applicazioni di controllo accessi oramai rispondono a due standard HF ISO di riferimento, l ISO14443 (proximity) e l ISO15693 (vicinity). I due standard sono strettamente imparentati, tanto da essere spesso interoperabili sugli stessi lettori. Il primo, l ISO14443, norma lo standard di tags che vengono letti a distanza non superiore ai 20cm, e ha trovato naturale applicazione nella bigliettazione nel settore dei trasporti pubblici e nel settore bancario. Il secondo, dominante nel controllo accessi a strutture sportive, consente invece la lettura a distanze teoriche dell ordine di grandezza del metro. Di entrambe le tipologie, su applicazioni di mass transit vengono utilizzate carte a memoria, prive cioè di microprocessore a bordo, applicabile solo nel caso della lettura a prossimità e in applicazioni di tipo bancario visto il lievitare dei costi. La memoria a bordo dei tag è estremamente limitata, ed è normalmente nel range compreso tra 256bit (32 bytes) e 2 kilobit (256 bytes). Inoltre, l accesso al contenuto è estremamente lento. Questo fatto costringe ad una accurata ingegnerizzazione della allocazione del contenuto del tag. Flessibilità dell applicazione, che richiede potenzialmente più spazio per memorizzare informazioni, e una lettura rapida sono entrambe desiderabili, ma sono in contrasto tra loro. Per questa ragione, il tracciato dei dati sul tag non può essere semplicemente un tracciato dati in XML. Modelli, caratteristiche e fabbricanti L aderenza ad uno standard ISO non implica necessariamente che tutti i chips disponibili sul mercato siano identici. I fabbricanti principali di tag HF ISO sono (in ordine alfabetico): EM Electronic Marin (SMH Groupe, Swatch) Infineon (ex Siemens)

20 20 Inside Contactless Legic NXP (ex Philips) Sony ST Microelectronics (Finmeccanica) TI - Texas Instruments E i principali attori sono (cifre indicative, in ordine di presenza sul mercato globale dell RFID): NXP 30% ST Microelectronics 22% EM 14% Infineon 10% TI 8% Fabbricanti come NXP, TI e ST hanno ampiamente la maggioranza del mercato e i loro prodotti sono di facile reperibilità, metre il resto del mercato è distribuito tra tutti i rimanenti. Ogni fabbricante offre una gamma di prodotti differente per prezzo e prestazioni. Le prestazioni che normalmente vanno di pari passo con i costisono determinate da taglio più o meno ampio di memoria, rispondenza al 100% con gli standards ISO, presenza o meno di sicurezza a bordo. Il discorso sicurezza merita una riflessione attenta. Alcuni fornitori offrono dei prodotti dotati di sicurezza a bordo del chip. I meccanismi che vengono implementati, con diversi livelli di complessità, sono delle passwords che limitano l accesso al chip a chi non ne sia a conoscenza. I limiti di accesso possono essere imposti anche solo in scrittura, ovvero la lettura del contenuto è lasciata libera a chiunque. Purtroppo si tratta in ogni caso di soluzioni proprietarie. Quindi ogni chip, nel caso in cui la sicurezza sia abilitata, va trattato in modo differente. Ad aggravare la situazione, alcuni chips dotati di sicurezza impongono la presenza di moduli di sicurezza hardware sul lettore. Questo impedisce la loro interoperabilità su sistemi di costrutori differenti, che potrebbero aver fatto scelte differenti. Un lettore dotato di modulo sicurezza hardware è in grado di trattare chips standard e chips protetti, ma solo di un fabbricante. Altri chips invece, non impongono alcun modulo di sicurezza hardware sul lettore, rendendo pertanto disponibile a chiunque il loro utilizzo. Esistono anche casi di chips con sicurezza ma customizzati per clienti particolari. Va da sé che il loro utilizzo è impossibile se non su sistemi hardware proprietari, non essendo le loro specifiche logiche di pubblico dominio.

DIREZIONE GENERALE GIOVANI, SPORT, TURISMO E SICUREZZA

DIREZIONE GENERALE GIOVANI, SPORT, TURISMO E SICUREZZA 3818 21/04/2009 Identificativo Atto n. 96 DIREZIONE GENERALE GIOVANI, SPORT, TURISMO E SICUREZZA PROGETTO "SKIPASS LOMBARDIA": APPROVAZIONE DEL BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Dott. Massimo Fossati, Presidente di ANEF Lombardia

Dott. Massimo Fossati, Presidente di ANEF Lombardia Skipass Lombardia, progetto di eccellenza tra i primi a livello europeo di unificazione dei sistemi di emissione e controllo accessi agli impianti di risalita Dott. Massimo Fossati, Presidente di ANEF

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano,

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano, Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi Milano, Premessa digitale Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni che intendono dotare il proprio personale di digitale, illustrando

Dettagli

TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo!

TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo! TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo! www.gestionechiavi.net il sito della gestione chiavi Pronto Chiavi! Progetto per il Tele Controllo degli Accessi ai Domicili degli Assistiti, in un Comune

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface codice: SBME.Spec.TSC rev.: 3.01 data: 31/01/2010 REVISIONI Revisione Data Autore Firma Note

Dettagli

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE.

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. LICENZA D USO PER SOFTWARE SONY LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. CON L UTILIZZAZIONE DEL SOFTWARE LEI ESPRIME LA SUA ACCETTAZIONE DEL CONTRATTO. IMPORTANTE

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

Pagamento Ticket SSN. Resiban spa Strada degli Schiocchi 42 41124 Modena Tel. +39 059 344535 Web: www.resiban.it E-mail: info@resiban.

Pagamento Ticket SSN. Resiban spa Strada degli Schiocchi 42 41124 Modena Tel. +39 059 344535 Web: www.resiban.it E-mail: info@resiban. Il progetto prevede l implementazione completa di un sito Web per consentire a un cliente di una banca, in possesso di un account Home Banking, di poter effettuare il pagamento delle prestazioni SSN direttamente

Dettagli

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO 1. Caratteristiche Generali I buoni pasto sono di tipo elettronico e si devono utilizzare attraverso carte elettroniche

Dettagli

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati.

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati. LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete I dispositivi utilizzati I servizi offerti LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Copyright

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Tickets BIGLIETTAZIONE. Tickets. sviluppo e gestione dei sistemi di. Sistemi informativi integrati per la Mobilità BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA

Tickets BIGLIETTAZIONE. Tickets. sviluppo e gestione dei sistemi di. Sistemi informativi integrati per la Mobilità BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA Tickets Main sponsor Sistemi informativi integrati per la Mobilità Sponsor Un percorso formativo per governare l innovazione nei sistemi di bigliettazione e pagamento dei servizi di mobilità. Il settore

Dettagli

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO Quello che generalmente viene chiamato sistema di automazione d edificio si compone di diverse parti molto eterogenee tra loro che concorrono, su diversi livelli

Dettagli

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti:

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti: QUESITO 1: In relazione alla gara in oggetto si sottopone il seguente quesito: Rif. Disciplinare, Pag 14: punto 9 Piano per la sicurezza delle informazioni redatto in conformità alla norma UNI EN ISO27001:2005,

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

1. OBIETTIVI DEL SISTEMA

1. OBIETTIVI DEL SISTEMA ALLEGATO E DOCUMENTO DI SINTESI DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO E SUPERVISIONE DELLA VENDITA DEI TITOLI DI VIAGGIO E RIPARTIZIONE DEGLI INTROITI, POSTAZIONI DI EMISSIONE E DI RICARICA DI TITOLI DI VIAGGIO

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI. Easy Book

PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI. Easy Book PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI Easy Book sta ad indicare un sistema di servizi che vengono autenticati e riferiti ad una card che racchiude in se la gestione di

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia

RETI DI CALCOLATORI. Crittografia. La crittografia RETI DI CALCOLATORI Crittografia La crittografia La crittografia è la scienza che studia la scrittura e la lettura di messaggi in codice ed è il fondamento su cui si basano i meccanismi di autenticazione,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. SOGGETTO DELEGATO: PRAgmaTICA Via Roma 27 38049 Vigolo Vattaro (TN) 0461 84.51.10 www.pragmaticatn.it.

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. SOGGETTO DELEGATO: PRAgmaTICA Via Roma 27 38049 Vigolo Vattaro (TN) 0461 84.51.10 www.pragmaticatn.it. PROMOTORE: REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI SELF PAY SELF s.r.l. con sede legale a Milano in Via Paolo Diacono 9 20133, Partita IVA e Cod. Fiscale 07227860967. SOGGETTO DELEGATO: PRAgmaTICA Via Roma 27 38049

Dettagli

REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri

REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E OSSERVATORIO CONTRATTI E INVESTIMENTI PUBBLICI. EDILIZIA E SICUREZZA DEI CANTIERI EDILI REPAC REgistratore Presenze Autorizzate nei Cantieri Specifiche tecniche per i produttori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO ALLEGATO A LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO Premessa Il documento di progetto del sistema (piattaforma) di gioco deve tener conto di quanto previsto all

Dettagli

LE PROCEDURE SULLA SMART-CARD: IL CAMBIO PIN IL CONTROLLO DELLA DURATA SMART-CARD IL RINNOVO DEI CERTIFICATI IN SCADENZA

LE PROCEDURE SULLA SMART-CARD: IL CAMBIO PIN IL CONTROLLO DELLA DURATA SMART-CARD IL RINNOVO DEI CERTIFICATI IN SCADENZA LE PROCEDURE SULLA SMART-CARD: IL CAMBIO PIN IL CONTROLLO DELLA DURATA SMART-CARD IL RINNOVO DEI CERTIFICATI IN SCADENZA di Claudio Venturi Sommario: 1. Il cambio PIN. 1.1. Per le smart-card ottenute in

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

prima fila in prima fila

prima fila in prima fila con la tessera del tifoso vivi lo spettacolo in prima fila prima fila in La tessera del tifoso è il futuro per tutte le Società calcistiche che traggono, ogni domenica, energia dal cuore pulsante dei tifosi.

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

La SICUREZZA nelle transazioni telematiche ON-LINE

La SICUREZZA nelle transazioni telematiche ON-LINE La SICUREZZA nelle transazioni telematiche ON-LINE Primo Zancanaro Responsabile Migrazione Nuovi Canali Paolo Bruno Specialista Nuovi Canali DIREZIONE REGIONALE EMILIA OVEST - MODENA 2 Marzo 2006 1 12

Dettagli

Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it. La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale

Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it. La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale Cesare Chiodelli http://www.eleusysgroup.com La sicurezza

Dettagli

Varese, 18 maggio 2009. La CRS diventa contact-less e si presta a nuovi utilizzi. Il caso bike-sharing

Varese, 18 maggio 2009. La CRS diventa contact-less e si presta a nuovi utilizzi. Il caso bike-sharing Varese, 18 maggio 2009 La CRS diventa contact-less e si presta a nuovi utilizzi Il caso bike-sharing CRS: Aspetti generali La CRS è stata creata secondo gli standard tecnici della Carta Nazionale dei Servizi

Dettagli

PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI

PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI CityCard è un acronimo che sta ad indicare un sistema di servizi che vengono autenticati e riferiti ad una smart card con tecnologia

Dettagli

Deliverable 2.3.1 Report on the system functionalities. Funzionalità del sistema di bigliettazione in vettura.

Deliverable 2.3.1 Report on the system functionalities. Funzionalità del sistema di bigliettazione in vettura. Deliverable 2.3.1 Report on the system functionalities Funzionalità del sistema di bigliettazione in vettura. INTRODUZIONE Nell ottica di facilitare sempre più l accessibilità al trasporto locale, un occhio

Dettagli

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde 23 Maggio 2008 CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde daniele.crespi@lispa.it CRS : La diffusione Come accedere ai servizi online 2 Lettore smart card 1 PC connesso ad Internet 4 PDL & CRS Manager

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00

Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni. Ver. 1.00 Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Ver. 1.00 20 Ottobre 1998 InfoCamere S.C.p.A. Documento Programmatico sulla Sicurezza delle Informazioni Indice 1. Introduzione...3 2. Principi

Dettagli

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva Carta Regionale dei Servizi Scheda descrittiva CHE COSA È LA CRS La Carta Regionale dei Servizi è lo strumento innovativo che la Regione Lombardia offre ad ogni suo cittadino per migliorarne la qualità

Dettagli

rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione.

rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione. MO- rivoluzionerà il punto cassa. Il tutto compresso in un contenitore di piccole dimensioni e di immediata installazione. Frutto di studio e ricerca su scala internazionale, MO-ITO è ideato, progettato,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO ALLEGATO A LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO DI PROGETTO DEL SISTEMA DI GIOCO Premessa Il documento di progetto del sistema (piattaforma) di gioco deve tener conto di quanto previsto all

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA la soluzione cloud di OLIVETTI

FATTURAZIONE ELETTRONICA la soluzione cloud di OLIVETTI FATTURAZIONE ELETTRONICA la soluzione cloud di OLIVETTI Le tempistiche di implementazione del Decreto n.55 del 3 aprile 2013 (DL n.66 del 26 aprile 2014) 31 marzo 2015 6 giugno 2013 6 dicembre 2013 6 giugno

Dettagli

informativa per acquisto biglietti sul sito web. Egregio Signore/Gentile Signora... Data

informativa per acquisto biglietti sul sito web. Egregio Signore/Gentile Signora... Data informativa per acquisto biglietti sul sito web. Egregio Signore/Gentile Signora Data Informativa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Acquisto documento di trasporto sul web anche

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Per il funzionamento di un sistema di emissione dei titoli di accesso e per la generazione del sigillo fiscale è necessario richiedere il rilascio all

Dettagli

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Università degli Studi di Udine Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Gruppo di lavoro istituito il 16 aprile 2004 con decreto rettorale n. 281 Pier Luca Montessoro,

Dettagli

Techros. Gestione assistenza tecnica. White Paper. Versione 3 08/05/2006

Techros. Gestione assistenza tecnica. White Paper. Versione 3 08/05/2006 Techros Gestione assistenza tecnica White Paper Versione 3 08/05/2006 Metasoft Sas Via Museo 52 39100 Bolzano Italy Tel. +39 0471 977335 Fax +39 0471 973613 e-mail info@metasoft.it www.metasoft.it Che

Dettagli

- Controllo accessi professionale

- Controllo accessi professionale Kaba exos sky 2 - Controllo accessi professionale - Grande flessibilità e molteplici funzioni - Funzionamento semplice e lineare - Investimento vantaggioso per il futuro 3 Fidarsi è bene, controllare è

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Offerta

Dettagli

White Paper Introduzione alla Strong Authetication

White Paper Introduzione alla Strong Authetication White Paper Introduzione alla Strong Authetication Data ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2010 Codice white paper: ev 0830-10 v. 1.0 Contatto ICT System: operation@ictsystem.it Il presente documento e proprieà

Dettagli

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali roberto palumbo Identità virtuali per servizi reali L apparato normativo e la concreta implementazione delle nuove tecnologie rendono sempre più reale

Dettagli

Efficiente Meccanicamente Semplice Zero emissioni. Ma soprattutto.. Ovunque Ricaricabile. Progetto LIBERA IN-PRESA 2011 A.

Efficiente Meccanicamente Semplice Zero emissioni. Ma soprattutto.. Ovunque Ricaricabile. Progetto LIBERA IN-PRESA 2011 A. Il Veicolo Elettrico nella Mobilità Urbana Come potremo definire il Veicolo Elettrico? Efficiente Meccanicamente Semplice Zero emissioni Silenzioso Ma soprattutto.. Ovunque Ricaricabile Il Veicolo Elettrico

Dettagli

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE CHE COS E LA FIRMA DIGITALE La firma digitale può essere definita l'equivalente elettronico di una tradizionale firma apposta su carta, assumendone lo stesso valore legale. E' associata stabilmente al

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Funzione Acquisti Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Chiarimenti Con riferimento alla gara in oggetto ed in relazione alle richieste

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE 2012 Accordo di Programma Competitività tra Regione Lombardia e le Camere di Commercio lombarde Decreto n. 705 del

Dettagli

REGOLAMENTO Servizi RIGHT HUB Matching RIGHT HUB S.r.l.

REGOLAMENTO Servizi RIGHT HUB Matching RIGHT HUB S.r.l. REGOLAMENTO Servizi RIGHT HUB Matching RIGHT HUB S.r.l. 1. Sezione I - Indicazioni generali 1.1. Scopo del Regolamento Il presente Regolamento per l utilizzo dei Servizi RIGHT HUB Matching è parte integrante

Dettagli

Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione

Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione Procedura aperta con aggiudicazione al miglior prezzo per la fornitura di sacchi muniti di Tag RFID e del sistema per la Tariffazione Quesito n. 1 Punto del capitolato: caratteristiche delle attrezzature

Dettagli

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni Multigest Gest Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni MULTIGEST DÀ LA POSSIBILITÀ ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, AI CITTADINI E ALL AMBIENTE DI TRARRE GRANDI VANTAGGI MULTI GEST e una

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Firma digitale e conservazione sostitutiva Gabriele Faggioli MIP Politecnico Milano Milano, 18 gennaio 2007 Aspetti introduttivi L evoluzione e la diffusione delle

Dettagli

La PEC è un servizio che disciplina

La PEC è un servizio che disciplina SPECIALE PEC PROFESSIONISTI Maurizio Pellini @geopec.it posta elettronica certificata (PEC) gratuita per i geometri. La PEC è un servizio che disciplina l uso della posta elettronica (e-mail) tra le pubbliche

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2»

SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2» SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2» 1. Che cosa è «Protocollo 2»? 2. A chi serve «Protocollo 2»? 3. Quali sono le principali funzionalità di «Protocollo 2»? 4. Quanto può essere adattato «Protocollo 2» alle

Dettagli

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD Introduzione Il nostro obiettivo é quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite

Dettagli

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato

Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale S/MIME rilasciato Guida all installazione e all utilizzo di un certificato personale S/MIME (GPSE) Introduzione ai certificati S/MIME e alla posta elettronica certificata...2 Procedura di installazione del certificato personale

Dettagli

EFT POS e Sicurezza tecnologia e processi

EFT POS e Sicurezza tecnologia e processi EFT POS e Sicurezza tecnologia e processi Raffaele Sandroni CARTE 2006 Obiettivi delle misure di sicurezza Non consentire un uso illegittimo degli strumenti di pagamento Assicurare l affidabilità del sistema

Dettagli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli

Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli Firma Digitale per l Ordine degli Ingegneri di Napoli :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti

Dettagli

InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti.

InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti. InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti. Con pieno valore legale. 2 InfoCert InfoCert. Garanzia di soluzioni.

Dettagli

CARTE 2003 6 e 7 Novembre 2003

CARTE 2003 6 e 7 Novembre 2003 CARTE 2003 6 e 7 Novembre 2003 La migrazione italiana al microchip e le prospettive di sviluppo di nuovi servizi Ing. Fernando Fabiani Segretario Associazione Progetto Microcircuito ASSOCIAZIONE PROGETTO

Dettagli

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte.

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. 1 Guida Utente 1.1 Panoramica di OASIS OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. Grazie a OASIS, sarai in grado di acquistare o selezionare, dallo store,

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI

INDICAZIONI GENERALI INDICAZIONI GENERALI PER LA VALUTAZIONE, L ACQUISTO O LA REALIZZAZIONE IN PROPRIO DI SOFTWARE GESTIONALI PER LE SOCIETA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE, LE SOCIETA DI RICERCA DIRETTA E LE DIREZIONI

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

- ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO D ONERI -

- ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO D ONERI - - ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO D ONERI - AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI TERMINALI PORTATILI PER IL CONTROLLO DEI TITOLI DI VIAGGIO SU SUPPORTO ELETTRONICO EMESSI DAL CONSORZIO UNICOCAMPANIA 1 Sommario

Dettagli

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web

Sommario. Introduzione alla Sicurezza Web Sommario Introduzione alla Sicurezza Web Considerazioni generali IPSec Secure Socket Layer (SSL) e Transport Layer Security (TLS) Secure Electronic Transaction (SET) Introduzione alla crittografia Introduzione

Dettagli

PLUTO 3.0 fidelizzare il cliente

PLUTO 3.0 fidelizzare il cliente PLUTO 3.0 fidelizzare il cliente PERCHÉ FIDELIZZARE I CLIENTI? Gli studi dimostrano che uno dei modi più convenienti per favorire la fidelizzazione dei clienti è l attivazione di un programma fedeltà.

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

Manuale Utente del Portale CA. Prerequisiti per l Attivazione della Firma Digitale su CNS/CRS. Sistema Operativo Windows

Manuale Utente del Portale CA. Prerequisiti per l Attivazione della Firma Digitale su CNS/CRS. Sistema Operativo Windows - Carta Regionale dei Servizi e Certificati Qualificati di Firma Digitale Manuale Utente del Portale CA Prerequisiti per l Attivazione della Firma Digitale su CNS/CRS Sistema Operativo Windows Codice del

Dettagli

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI LE RETI DIGITALI Interconnessioni elettroniche tra imprese e soggetti economici in cui si svolgono comunicazioni e transazioni Costituiscono la base su cui nell era

Dettagli

Co.El.Da. Software S.r.l. Coelda.Ne Caratteristiche tecniche

Co.El.Da. Software S.r.l.  Coelda.Ne Caratteristiche tecniche Co..El. Da. Software S..r.l.. Coelda.Net Caratteristiche tecniche Co.El.Da. Software S.r.l.. Via Villini Svizzeri, Dir. D Gullì n. 33 89100 Reggio Calabria Tel. 0965/920584 Faxx 0965/920900 sito web: www.coelda.

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

PARTE A CONDIZIONI DI UTILIZZO DELLO SKY ONLINE TV BOX

PARTE A CONDIZIONI DI UTILIZZO DELLO SKY ONLINE TV BOX Sky Online TV Box - CONDIZIONI DI UTILIZZO DELLO SKY ONLINE TV BOX E DELLO SKY CHANNEL STORE PER L UTENTE ( CONTRATTO ) ATTENZIONE: QUESTO CONTRATTO SI COMPONE DI DUE PARTI CHE DEVONO ENTRAMBE ESSERE LETTE

Dettagli

CARTA SCONTO METANO/GPL

CARTA SCONTO METANO/GPL ALLEGATO 1 alla dgr 19596 del 26 novembre 2004 CARTA SCONTO METANO/GPL Finalità La presente iniziativa si inquadra nell insieme dei provvedimenti adottati per il miglioramento della qualità dell aria,

Dettagli

http://tlc.diee.unica.it/

http://tlc.diee.unica.it/ A.A. 2014/15 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Nell ambito del Corso di Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Token USB V1 - Guida rapida

Token USB V1 - Guida rapida Token USB V1 - Guida rapida 1 Indice Indice... 2 1 Informazioni sul documento... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Caratteristiche del dispositivo... 4 2.1 Prerequisiti... 4 2.1.1 Software... 4 2.1.2 Rete...

Dettagli

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15 GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO Anno scolastico 2014-15 1 SOMMARIO LA MONETA BANCARIA LE CARTE DI PAGAMENTO LA CARTA DI CREDITO LA CARTA DI DEBITO LE CARTE PREPAGATE I PAGAMENTI SEPA L ASSEGNO 2 STRUMENTI ALTERNATIVI

Dettagli

1 Presentazione progetti in modalità completamente digitale... 2 1.1 Descrizione delle modalità di presentazione dei progetti... 2 1.1.

1 Presentazione progetti in modalità completamente digitale... 2 1.1 Descrizione delle modalità di presentazione dei progetti... 2 1.1. 1 Presentazione progetti in modalità completamente digitale... 2 1.1 Descrizione delle modalità di presentazione dei progetti... 2 1.1.1 Compilazione progetto... 2 1.1.2 Firma digitale della scheda di

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

MCTCNet2 FULLMCTCNet2

MCTCNet2 FULLMCTCNet2 cosa sono MCTCNet2 FULLMCTCNet2 novità già in atto tempi di attuazione come avverrà la migrazione dal vecchio al nuovo protocollo cosa cambierà Cosa sono MCTCNet2 e FULLMCTCNet MCTC-Net2 è un nuovo protocollo

Dettagli

MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION

MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION MANUALE UTENTE VERSIONE 0.0.3 1 - CONFIGURAZIONE DEL MODULO 1 INTRODUZIONE Il modulo KNX-ACC per KONNEXION consente la gestione integrata di un sistema di controllo accessi

Dettagli

Progetto Eccellenza Italia - Tommaso Sgobba (marketing), Massimo Boaron (tecnologie), Mimmo Castellano (grafica)

Progetto Eccellenza Italia - Tommaso Sgobba (marketing), Massimo Boaron (tecnologie), Mimmo Castellano (grafica) Premesse Attualmente la certificazione di qualità fatta con ISO 9000 certifica la qualità dell azienda non la qualità del prodotto, mentre le garanzie sulla qualità del prodotto sono limitate a settori

Dettagli