Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS German p.i. Puntscher

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher"

Transcript

1 Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS German p.i. Puntscher

2 L importanza della canna fumaria La canna fumaria viene sempre citata nei regolamenti edilizi di ogni città o comune e qui vorremmo fornirvi come esempio Bolzano: 2

3 L importanza della canna fumaria UNI art Collegamento dell apparecchio D.L. 152 del supplemento ordinario della G.U. 14 aprile

4 Apparecchi a gas <35 KW 4

5 Apparecchi a gas <35 KW Le caratteristiche delle canne fumarie sono indicate nell art e sono citate le seguenti norme: UNI EN 1443/05 89/106/CEE 03/68/CEE DPR 246/93 DPR 499/97 5

6 Apparecchi a legna e pellet <35KW 6

7 Le canne fumarie Le canne fumarie devono rispettare le norme specifiche secondo UNI EN 1443/05, 89/106/CEE e DPR 246/93 7

8 Le canne fumarie di centrali termiche In vigore dal e per tutti i combustibili liquidi, solidi e gassosi 8

9 Le canne fumarie di centrali termiche I camini devono essere conforme UNI EN 1443/05 e si consiglia di controllarli secondo UNI (per analogia, perché norma del gas)

10 Le canne fumarie di centrali termiche Prima della messa in funzione si devono certificare queste caratteristiche con le verifiche di videoispezione e prova di tenuta, vedi UNI Usare solo camini certificati e incombustibili

11 Le canne fumarie di centrali termiche Tmax. 50 C Esempio di termometro per la misura della temperatura esterna di canali da fumo Il canale da fumo deve essere isolato

12 Le canne fumarie di centrali termiche fumi Esempio di un registro per la regolazione di tiraggio inserito nel canale da fumo aspirazione aria ambiente Obbligo di ispezione e serranda di registro tiraggio

13 Il dimensionamento della canna fumaria Il dimensionamento della canna fumaria deve assicurare il corretto tiraggio all apparecchio di combustione. Le norme per il dimensionamento: UNI EN per le canne fumarie singole UNI EN per le canne fumarie collettive UNI CIG per le canne fumarie collettive ramificate a gas UNI GIG per le canne fuamrie collettive a gas Segue un esempio di un dimensionamento 13

14 Esempio del dimensionamento Inserire i dati del cliente, del generatore, del canale da fumo, del cavedio, della tubazione interna e del comignolo, come anche degli accessori. Al termine uscirà il risultato 14

15 Esempio del dimensionamento Risultato del dimensionamento Attenzione tiraggio troppo alto di 22,5 Pa! 15

16 Esempio del dimensionamento Visto l eccesso di tiraggio di 32,50 Pa invece di 10 Pa come richiesti dall apparecchio abbiamo inserito nel calcolo una serranda di registro tiraggio modello Z 150 mm e il risultato indicato ora è a posto con eccesso tiraggio = 0 Ora il tiraggio è regolato automaticamente! 16

17 La scelta dei materiali - norme Esistono le norme specifiche delle caratteristiche tecniche per le canne fumarie che valgono per tutti gli impianti e tutti i combustibili. La norma principale è la UNI EN 1443/2005 che vale per tutti i materiali. Inoltre ogni tipo di materiale ha la sua norma specifica di certificazione del prodotto: UNI EN per le canne fumarie in plastica UNI EN 1806 per le canne fumarie in laterizio o ceramica UNI EN 1457 per i tubi in terracotta o ceramica UNI EN per il cavedio in calcestruzzo ecc. Inoltre per le canne fumarie metalliche: UNI EN 1856 per la certificazione del prodotto, UNI TS per la scelta dei materiali in funzione del generatore È importante che l operatore sappia leggere le certificazioni dei materiali e loro rispettivo impiego. 17

18 Designazione secondo UNI EN 1443/05 T 400 N1 W 3 G 50 Temperatura massima di funzionamento Pressione di funzionamento, e per l installazione interno dell edificio: N1, P1, P2, H1, H2 = per funzionamento in depressione P1 o H1 = per intubamento in pressione Indica il funzionamento a secco ed umido: W a secco e ad umido O solamente a secco (solo caldaie B) Indica il tipo di combustibile ammesso: 1 per gas e kerosene 2 per gas, gasolio e caminetti a legna aperti 3 per tutti combustibili Indica la resistenza al fuoco di fuliggine (G) oppure non resistenza (O) La cifra in millimetri indica la distanza di sicurezza da materiali comb. 18

19 UNI EN per i camini in plastica T 120 N1 O W 1 R22 C50 I A1 LO T120 Temperatura massima N1 Classe di temperatura O Non adatto per la burciatura W Per funzionamento ad umido (altrimenti O) 1 Combustibile (come 1443) R22 Conduzione termica della parete C50 Distanza di sicurezza da materiali combustibili in mm I Per l installazione interna (per esterna E) A1 Classe di resistenza al fuoco (A1, A2, B, C, D,,F); L0 Cavedio L0,L, L1 I camini in plastica non sono previsti per il combustibile solido 19

20 UNI EN 1806 per i blocchi in laterizio/ceramica Esempio di marcatura: T600 = max. 600 C N1 = depressione D = funzionamento a secco 3 = tutti i combustibili G = resistenze al fuoco di fuliggine 100 = distanza di sicurezza 100 mm (10 cm) 20

21 UNI EN 1457 per i tubi in terracotta/ceramica Essendo in monoparete la distanza di sicurezza dovrà essere indicata nel cavedio 21

22 Designazione cavedio UNI EN T450 G 50 T450 Temperatura massima G Resistente alla bruciatura (o O non resistente) 50 Distanza d sicurezza in mm Ogni camino deve avere un cavedio certificato: Negli impianti nuovi il cavedio deve essere sempre certificato CE per es. secondo UNI 12446, perchè anche il cavedio è soggetto alle disposizioni della direttiva dei materiali edili 89/106/CEE e D.P.R n Solo nell intubamento di canne fumarie/cavedi esistenti si può usare un cavedio senza marcatura CE ma che rispetta le prescrizioni della norma UNI

23 UNI EN per i camini metallici T 400 N1 W V 2 L G 50 T 400 N1 W = temperatura massima = classe di tenuta per generatori senza o P1 con ventilatore = adatto per la condensazione nella canna fumaria Classe di resistenza UNI EN Gas e Kerosene 2 Gas, gasolio 3 Combustibili solidi e olio combustibile Per funzionamento D secco W umido D secco W umido D secco W umido V1 X X V2 X X X X X V3 X X X L50 (o altra dicitura) = materiale del tubo interno 050 (o altra dicitura) = spessore in centesimi di mm (0,5 mm) G = resistente al fuoco di fulliggine (obbligatorio per combustibili liquidi e solidi) (o altra dicitura) indica la distanza di sicurezza minima in mm

24 Norma per la scelta del materiale in funzione del generatore - UNI TS Questa norma dei camini metallici è stata pubblicata di recente e indica le caratteristiche minime per la scelta delle canne fumarie con tubo interno in metallo. L installatore dovrà tenere conto delle prescrizioni di sicurezza minima in essa contenuta. Attenzione: in alcune situazioni è più severa della norma di produzione e non tutti i produttori si sono adeguati! 24

25 Abbinamento al generatore della UNI TS Prescrizioni generali: 25

26 Distanze di sicurezza da intubamenti Nel caso di un intubamento ci sono 3 possibilità: 1. Il produttore della canna fumaria indica la distanza di sicurezza anche sul tubo monoparete se l installatore usa l isolante con le caratteristiche indicate nella certificazione 2. Il progettista o l installatore usano la distanza di sicurezza indicata dal produttore del cavedio certificato CE 3. Il progettista o l installatore calcola la distanza di sicurezza del cavedio non certificato (sistemi esistenti ai sensi UNI 10845) usando le formule richiamate nella norma UNI TS

27 Abbinamento al generatore della UNI TS Prescrizioni generali: 27

28 Abbinamento al generatore della UNI TS

29 Art. 7 apparecchi a gas e di cottura Prescrizioni di temperatura: per i piani di cottura: minimo T 80 C per gli apparecchi a gas: minimo T 140 C per tutti: Txx >temperatura dichiarata dal produttore del generatore Si deve verificare sulla documentazione del fabbricante del generatore di calore la temperatura massima indicata e successivamente anche controllare che quella dell analisi di combustione oppure quella della verifica di temperatura fumi corrisponda a quella di prodotto (canna fumaria) 29

30 UNI TS pressione di piani di cottura Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione N1: pressione di collaudo 40 Pa perdita misurata max. 2 l/s m 2 (=7,2 m 3 /h m 2 ) 30

31 Prescrizioni della pressione di piani di cottura Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione P2: pressione di collaudo 200 Pa perdita misurata max. 0,12 l/s m 2 (=0,41 m 3 /h m 2 ) Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione P1: pressione di collaudo 200 Pa perdita misurata max. 0,006 l/s m 2 (=0,02 m 3 /h m 2 ) 31

32 UNI TS pressione di generatori gas Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione N1: pressione di collaudo 40 Pa perdita misurata max. 2 l/s m 2 (=7,2 m 3 /h m 2 ) 32

33 UNI TS pressione di generatori a gas Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione P1 e P2: pressione di collaudo P1 e P2 200 Pa perdita misurata P1 max. 0,006 l/s m 2 (=0,02 m 3 /h m 2 ) perdita misurata P2 max. 0,12 l/s m2 (=0,42 m 3 /h m 2 ) 33

34 UNITS resistenza all umidità e al fuoco (gas) Resistenza alle condense: Per apparecchi tipo B non è richiesta la resistenza alle condense e la designazione può avere sia la sigla D che W per le caldaie tipo C è obbligatoria la resistenza alle condense e la designazione deve avere la sigla W Resistenza al fuoco di fuliggine: per le caldaie a gas non è richiesta la resistenza al fuoco di fuliggine e si possono avere sia sigla O che G 34

35 UNI TS resistenza alla corrosione (gas) Per canne fumarie certificate V1, V2 o V3 vale la seguente tabella: Per apparecchi gas tipo C6 va bene la certificazione V1 e V2 Per apparecchi gas tipo B va bene la certificazione V1, V2 e V3 Per apparecchi gas a condensazione va bene la certificazione V1 e V2 35

36 UNI TS resistenza alla corrosione (gas) Per canne fumarie certificate Vm valgono i seguenti spessori minimi: per l alluminio 99% spessore minimo 0,50 mm per l inox AISI 316L o T spessore minimo 0,60 mm per gas e funzionamento a secco e 1 mm per funzionamento con condensazione per l inox AISI 904 L spessore minimo 0,6 mm per il ferro verniciato o porcellanato spessore minimo 0,80 mm e per il gas solo funzionamento a secco 36

37 UNI TS Temperatura e pressione di generatori a combustibile liquido La temperatura minima richiesta è T200 C Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione N1: pressione di collaudo 40 Pa perdita misurata max. 2 l/s m 2 (=7,2 m 3 /h m 2 ) Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione P1 e P2: pressione di collaudo P1 e P2 200 Pa perdita misurata P1 max. 0,006 l/s m 2 (=0,02 m 3 /h m 2 ) perdita misurata P2 max. 0,12 l/s m2 (=0,42 m 3 /h m 2 ) 37

38 UNI TS resistenza all umidità e al fuoco (combustibile liquido) Resistenza alle condense: Per apparecchi normali non è richiesta la resistenza alle condense e la designazione può avere sia la sigla D che W per le caldaie a condensazione è obbligatoria la resistenza alle condense e la designazione deve avere la sigla W Resistenza al fuoco di fuliggine: 38

39 UNI TS resistenza alla corrosione (liquidi) Per canne fumarie certificate V1, V2 o V3 vale la seguente tabella: 39

40 UNI TS resistenza alla corrosione (liquidi) Per canne fumarie certificate Vm valgono i seguenti spessori minimi: per l inox AISI 316L o T spessore minimo 0,60 mm per funzionamento a secco e 1 mm per funzionamento con condensazione per l inos AISI 904 L spessore minimo 0,6 mm per il ferro verniciato o porcellanato spessore minimo 0,80 mm e per il solo funzionamento a secco 40

41 UNI TS Temperatura e pressione di generatori a combustibile solido La temperatura minima richiesta è T 400 C, escluso pellet T 200 C Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione N1: pressione di collaudo 40 Pa perdita misurata max. 2 l/s m 2 (=7,2 m 3 /h m 2 ) Le prove di tenuta dell installatore con richiesta classe di pressione P1 e P2: pressione di collaudo P1 e P2 200 Pa 41 perdita misurata P2 max. 0,12 l/s m2 (=0,42 m 3 /h m 2 ) o P1 max. 0,006 l/s m2

42 UNI TS resistenza all umidità e al fuoco (combustibili solidi) Resistenza alle condense: Per apparecchi a combustibile solido può essere la sigla D oppure W Resistenza al fuoco di fuliggine: 42

43 UNI TS resistenza alla corrosione (solidi) Per canne fumarie certificate V1, V2 o V3 vale la seguente tabella: 43

44 UNI TS resistenza alla corrosione (solidi) Per canne fumarie certificate Vm valgono i seguenti spessori minimi: per l inox AISI 316L o T spessore minimo 1,0 mm per funzionamento a secco per l inox AISI 904 L spessore minimo 0,6 mm per il ferro verniciato o porcellanato spessore minimo 0,80 mm e per il funzionamento a secco e umido (solo caminetti aperti) 44

45 UNI TS una designazioni tipo Per gli apparecchi di cottura: UNI EN T80 N1 D V1L50040 O 50 UNI EN T80 N1 D VmL50060 O 50 Per gli apparecchi a gas tipo C: UNI EN T140 N1 W V2L50040 O 50 UNI EN T140 N1 W VmL50100 O 50 Per gli apparecchi a gasolio: UNI EN T200 N1 W V2L50040 G 50 UNI EN T200 N1 W VmL50100 G 50 Per gli apparecchi a legna: UNI EN T400 N1 W V2L50040 G 50 UNI EN T400 N1 W VmL50100 G 50 Per gli apparecchi a pellet: UNI EN T200 N1 W V2L50040 O 50 UNI EN T200 N1 W VmL50100 O 50 45

46 Collaudi È importante consegnare impianti sicuri Codice civile art. 2050: Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova di avere adottato tutte le misure idonee a evitare il danno. Codice penale art. 40: Non impedire un evento, che si ha l obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo 46

47 La verifica delle canne fumarie Prima dell installazione dell apparecchio Prima di installare un generatore di combustione si deve controllare che l impianto fumario sia adatto per l apparecchio: Dimensione (fare dimensionamento come visto prima) Temperatura fumi (verificare i certificati e misurare la effettiva temperatura fumi) Tipo del combustibile Visione interna (videoispezione) Tenuta (fare prova di tenuta) Distanze di sicurezza da materiali combustibili (indicazione del costruttore e dichiarazione di conferma della ditta che ha eseguito la posa della canna fumaria), Comignolo e parte terminale camino (distanze) Accessori necessari per il coretto uso, per ridurre le emissioni e gli accessori richiesti dalla norma 47

48 La videoispezione con telecamere digitali La videoispezione è la verifica che l installatore del generatore di calore dovrà sempre eseguire per assicurarsi che la canna fumaria sia integra e senza rotture senza allacci abusivi liscio interno senza restrizioni senza tubi del solare oppure cavi elettrici La videoispezione sarà documentata con foto e filmato 48

49 La prova di tenuta della canna fumaria Anche la prova di tenuta della canna fumaria è una verifica obbligatoria che l installatore del generatore di calore dovrà eseguire per assicurarsi di evitare: fuoriuscita di fumi dalle pareti che potrebbero anche passare i muri degli altri appartamenti la infiltrazione di aria che andrebbe ad ostacolare il corretto tiraggio aspirazione di aria esterna in modo localizzato che provocherebbe macchie di umidità antiestetiche e dannose per la struttura edile La prova di tenuta va sempre documentata con la stampa dell analizzatore 49

50 L importanza della tenuta della canna fumaria Uscita fumi 66 m3/h a 85 C Tiraggio statico 26,0 Pa Camino tipo N1 (p. es. senza guarnizioni) Funzionamento: Pressione di collaudo: Perdita ammessa: Installazione tipo: depressione +40 Pa 2 lt./s m2 (=7,2 m3/h) esterno/interno aspirazione aria tot. 33 m3/h temperatura aria 20 C Tiraggio statico a 150 C = 43,0 Pa Uscita fumi 33,2 m3/h a 145 C Tiraggio statico 41,0 Pa Camino tipo P1 (con guarnizioni o giunzioni speciali) Funzionamento: Pressione di collaudo: Perdita ammessa: Installazione tipo: aspirazione aria tot. 0,2 m3/h temperatura aria 20 C pressione/depressione +200 Pa 0,006 lt./s m2 (=0,02 m3/h) esterno/interno mandata fumi 33 m3/h temperatura fumi 150 C Nel caso di mancata tenuta si potrà sigillare o intubare la canna fumaria 50

51 La verifica della canna fumaria Al collaudo dell apparecchio Dopo l installazione dell apparecchio di combustione si deve controllare che l impianto fumario sia funzionante per l impiego previsto: Tiraggio e rigurgito per tipo B Assenza di fuoriuscita fumi, cioè tenuta dello scarico fumi in pressione Tutti gli accessori necessari e richiesti dalla norma, che siano installati correttamente e funzionanti taratura 51

52 Grazie dell attenzione German p.i. Puntscher 52

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Canne fumarie per impianti domestici fino 35 kw La canna fumaria sicura

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Le verifiche per valutare una canna fumaria in

Le verifiche per valutare una canna fumaria in Le verifiche per valutare una canna fumaria in appoggio alla, UNI TS 11278, UNI EN 1443. German Puntscher 1 Le problematiche dei camini I camini/canne fumarie sono dei componenti degli impianti termici

Dettagli

La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher

La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher La verifica della resa di calore di una stufa a legna German p.i. Puntscher Collaudi Nei collaudi si dividono le 3 diverse categorie: stufa o caminetto inteso come apparecchio singolo stufa o caminetto

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori.

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. I settori I produttori di camini e canne fumarie 2 I settori UNICALOR I produttori di

Dettagli

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE Convegno ANIC a Fiera di Primiero Lotta all inquinamento atmosferico L Italia deve ridurre le emissioni del gas ad effetto serra CO 2 e vincere anche la lotta

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico German Puntscher Wöhler Italia srl, 39100 Bolzano gpu@woehler.it Bolzano, il 18.1.2013 Ogni volta che vedrete questa bandiera parliamo

Dettagli

Linee Guida Camino. Marabelli Walter. Puntscher German. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini

Linee Guida Camino. Marabelli Walter. Puntscher German. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini 2011 Linee Guida Camino Marabelli Walter Puntscher German Resch Christian Sezione degli Spazzacamini Autori : Marabelli geom. Walter Membro del gruppo di lavoro GLM 611 Camini del CTI (Comitato Termotecnico

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

4. TERMINI, DEFINIZIONI

4. TERMINI, DEFINIZIONI PREMESSA Normalmente si defi nisce camino una componente della casa. Il sistema fumario è l insieme di tutti i sistemi per l espulsione dei fumi dall apparecchio di combustione al comignolo. Il camino

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE Fonte: G.B.D. spa 30 Parametri a normadi Paolo Grisoni La definizione di alcune importanti norme europee hanno completamente ridefinito gli standard per i sistemi di scarico dei prodotti della combustione

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

Le verifiche e la manutenzione

Le verifiche e la manutenzione Le verifiche e la manutenzione su impianti fumari e di ventilazione WIT Wöhler Institute of Technology www.woehler.it Le verifiche e la manutenzione 1 La sede italiana di Wöhler Kutzner & Weber Ass. Europea

Dettagli

Canne fumarie. Sommario

Canne fumarie. Sommario Canne fumarie Sommario Legislazione e normativa di riferimento Esempi pratici di allacciamento Canne collettive ramificate Scarico a parete Termostato fumi Esempi di installazioni errate 1 Sommario Legislazione

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

Tecnofumi Srl KIT GAS CARATTERISTICHE TECNICO COSTRUTTIVE

Tecnofumi Srl KIT GAS CARATTERISTICHE TECNICO COSTRUTTIVE KIT GAS CARATTERISTICHE TECNICO COSTRUTTIVE Kit Gas tipo C E' un prodotto omologato dagli Enti Europei più autorevoli, leggero, di ottima resistenza meccanica, sicuro, pratico, facilmente movimentabile,

Dettagli

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini.

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Criteri per la progettazione, l installazione, la messa in servizio e la manutenzione. Redatto da Per. Ind. Marco Martinetto

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE OTTOBRE 2014 Questo manuale di progettazione, installazione e manutenzione degli impianti si prefigge lo scopo di fornire

Dettagli

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani LINEA GUIDA Consigli per il Camino multistrato versione 2007 Elaborazione congiunta delle categorie artigiani lattonieri edili ed artistici conciatetti fumisti installatori di impianti termosanitari spazzacamini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

Esempio con un altro settore

Esempio con un altro settore Gli impianti fumari in Italia Gli impianti fumari in Italia Le verifiche di legge a carico dell installatore e del manutentore Le verifiche sulle canne fumarie di stufe a legna e pellets Esempio con un

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET www.savefumisteria.it INDICE NORMATIVE Pag. 3 REQUISITI DI UN CANALE DA FUMO DA INSTALLARE SU STUFE A LEGNA O PELLET Pag. 5 IL TUBO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Rev : 10-04-12 SISTEMA LE-GA10/10 LE-GA12/10 LE-GA15/10 MONOPARETE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MANUALE DII MONTAGGIIO E MANUTENZIIONE Indice Introduzione..Pag. II Riferimenti normativi Pag II Caratteristiche

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing.

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing. UNI 11528:2014 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio ing. ALBERTO MONTANINI Presidente Assotermica Presidente Commissione Post-Contatore

Dettagli

CATALOGO SISTEMA LE GA10/10 LE GA12/10 LE GA15/10 MONOPARETE I NOX AISI 316 L

CATALOGO SISTEMA LE GA10/10 LE GA12/10 LE GA15/10 MONOPARETE I NOX AISI 316 L CATALOGO SISTEMA LE GA10/10 LE GA12/10 LE GA15/10 MONOPARETE I NOX AISI 316 L 1 Indice Introduzione..Pag. 2 Caratteristiche costruttive...pag. 3 Designazione prodotto...pag. 4 Descrizione prodotto......

Dettagli

Voce di capitolato. Caratteristiche

Voce di capitolato. Caratteristiche Voce di capitolato Sistema camino, canale da fumo, condotto per intubamento e per esalazione dei vapori di cottura in elementi modulari marcato CE, sia rigido sia flessibile a parete semplice in polipropilene

Dettagli

Diametro nominale (mm)80 100 110 120 130 140 150 160 180 200 220 250 300 35

Diametro nominale (mm)80 100 110 120 130 140 150 160 180 200 220 250 300 35 Sistema scarico fumi M ONOPARETE STABILE PS in acciaio inox AISI 31 Designazione EN 1856-2T200 - P1 - W - V2 - L50050 - O50 / T200 - P1 - W - V2 - L50060 - O50 Designazione EN 1856-2T600 - N1 - D - V2

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

Fibrotubi nasce nel 1958 e si afferma

Fibrotubi nasce nel 1958 e si afferma SISTEMI FUMARI Fibrotubi nasce nel 1958 e si afferma in breve tempo sul mercato nella produzione di canne fumarie e tubi in fibrocemento, diventando leader in questo settore. Con le soluzioni per Sistemi

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone

I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone La nostra visione...è una buona e intensa collaborazione tra progettisti e le categorie

Dettagli

Progettare camini per impianti oltre i 35 Kw (tutti i combustibili)

Progettare camini per impianti oltre i 35 Kw (tutti i combustibili) Progettare camini per impianti oltre i 35 Kw (tutti i combustibili) Pistoia (PT) - 29 Gennaio 2015 Geom. Walter Marabelli Pag. 1 Marchio CE prodotti e caratteristiche La designazione di prodotto e le prestazioni

Dettagli

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Modifi che ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009,

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 Prescrizioni e requisiti generali per l installazione di camini, canne fumarie e condotti intubati Non è consentito scaricare i prodotti della combustione di apparecchi non similari tra loro, nello stesso

Dettagli

CANNE FUMARIE» MONOPARETE ACCIAIO INOX AISI 316L/Ti - STORM PL

CANNE FUMARIE» MONOPARETE ACCIAIO INOX AISI 316L/Ti - STORM PL 0 CANNE FUMARIE» MONOPARETE ACCIAIO INOX AISI 36L/Ti - STORM PL» DOPPIA PARETE ACCIAIO INOX» DOPPIA PARETE CON INTERCAPEDINE D ARIA» TUBI FLESSIBILI ACCIAIO INOX» SISTEMI PLASTICI PER SCARICO FUMI E CAPPE

Dettagli

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI)

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) La sicurezza al fuoco nella progettazione e posa in opera di canne fumarie Dott.ing. Paolo Bosetti Servizio Antincendi e Protezione

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 Sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione www. impiantitalia.it R08 1 1 La terza parte della norma definisce i criteri dei sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione collegati ad

Dettagli

0051 CPD 0080 0051 CPD 0081

0051 CPD 0080 0051 CPD 0081 LINEA 60 LINEA 80 LINEA 100 MONO PARETE IN ALLUMINIO MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 06 0051 0051 CPD 0080 0051 CPD 0081 MI-MP_1.2.odt 1/8 AVVERTENZE L'installazione deve essere effettuata

Dettagli

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI dott. ing. Salvatore Buffo, dirigente superiore Comando provinciale dei vigili del fuoco di Brescia dott. ing. Pier Nicola Dadone, Direttore vice

Dettagli

Garbin Danny LINEE GUIDA CAMINO. Raggi Laura. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini

Garbin Danny LINEE GUIDA CAMINO. Raggi Laura. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini 2013 Garbin Danny Raggi Laura Resch Christian Sezione degli Spazzacamini LINEE GUIDA CAMINO Autori: Garbin Geom. Danny Esperto formatore nell ambito delle canne fumarie Raggi Ing. Laura Esperto normativo

Dettagli

Supplemento per sistemi di scarico fumi

Supplemento per sistemi di scarico fumi Supplemento per sistemi di scarico fumi Caldaie murali a gas a condensazione 6 720 615 740-00.1O Logamax plus GB042-14 Logamax plus GB042-22 Logamax plus GB042-22K Per i tecnici specializzati Leggere attentamente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Rev : 04-04-2012 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA SISTEMI LE/GA RIV. INOX 10-10 LE/GA RIV. RAME 10-10 MANUALE DI MONTAGGIO E MANUTENZIONE Indice Introduzione..Pag. II Riferimenti normativi Pag II Caratteristiche

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO Il buon funzionamento di un impianto termico, è strettamente legato al corretto dimensionamento della sezione interna del condotto fumario che dovrà evacuare i fumi di combustione. In ambito

Dettagli

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs Omniplast Sabiana Canne Fumarie in PPs Il sistema Omniplast Sabiana è un sistema progettato e realizzato espressamente per l evacuazione dei prodotti della combustione a bassa temperatura provenienti da

Dettagli

DOPPIAPARETE ESTERNO INOX Sp. 10

DOPPIAPARETE ESTERNO INOX Sp. 10 DOPPIAPARETE ESTERNO INOX Sp. 10 La serie "10DPG" è composta da due tubi. La parete interna è in acciaio inox AISI 316 L (DIN 1.4404) mentre la parete esterna è in acciaio inox AISI 304 BA (DIN 1.4301).

Dettagli

Caldaie murali a gas a condensazione CERAPUR

Caldaie murali a gas a condensazione CERAPUR Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione CERAPUR 6 720 612 662-00.1O ZSB 14-3 A.. ZSB 22-3 A.. ZWB 24-3 A.. ZSB 28-3 A.. ZWB 28-3 A.. ZWB 35-3 A.. 6 720 612 691 (2006/06)

Dettagli

CERAPURSMART. Supplemento per condotto scarico fumi per. Caldaie murali a gas a condensazione ZSB 14-3 C.. ZSB 22-3 C.. ZWB 24-3 C.. ZWB 28-3 C..

CERAPURSMART. Supplemento per condotto scarico fumi per. Caldaie murali a gas a condensazione ZSB 14-3 C.. ZSB 22-3 C.. ZWB 24-3 C.. ZWB 28-3 C.. Supplemento per condotto scarico fumi per CERAPURSMART Caldaie murali a gas a condensazione 6 720 612 662-00.1O ZSB 14-3 C.. ZSB 22-3 C.. ZWB 24-3 C.. ZWB 28-3 C.. 6 720 614 147 (2012/06) IT Indice Indice

Dettagli

Supplemento per condotto scarico fumi per

Supplemento per condotto scarico fumi per Supplemento per condotto scarico fumi per GVS C 14-3 HN - GVS C 22-3 HN GVS C 28-3 HN - GVM C 24-3 HN GVM C 28-3 HN - GVM C 35-3 HN 6 720 612 662-00.2O Modelli e brevetti depositati rif.: 6 720 642 584

Dettagli

Supplemento per condotto scarico fumi per

Supplemento per condotto scarico fumi per GVM T 24-3 HN GVM T 30-3 HN GVM T 35-3 HN GVS T 16-3 HN GVS T 24-3 HN GVS T 28-3 HN GVS T 35-3 HN GVS T 42-3 HN 6 720 612 662-00.2O Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione

Dettagli

MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 10845

MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 10845 MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 1045 RIEPILOGO DI: APPARECCHI E STEMI DI SCARICO AMMES PROVA DI TENUTA: PRESONE DI PROVA E PERDITA AMMESSA PRESCRIZIONI IN CASO DI INTUBAMENTO La norma

Dettagli

CERAPURACU. Caldaie murali a gas a condensazione con serbatoio ad accumulo stratificato ZWSB 24-3 A... ZWSB 28-3 A...

CERAPURACU. Caldaie murali a gas a condensazione con serbatoio ad accumulo stratificato ZWSB 24-3 A... ZWSB 28-3 A... Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione con serbatoio ad accumulo stratificato CERAPURACU 6 720 614 093-00.1O ZWSB 24-3 A... ZWSB 28-3 A... 6 720 614 103 IT (2007/08)

Dettagli

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE CAMINETTI Il Canto del Fuoco _LEGNA

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE CAMINETTI Il Canto del Fuoco _LEGNA MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE CAMINETTI Il Canto del Fuoco _LEGNA ATTENZIONE!!! Si declina ogni responsabilità relativa ad eventuali inesattezze contenute in queste istruzioni dovute ad errori di trascrizione.

Dettagli

Passione per servizio e comfort.

Passione per servizio e comfort. Supplemento per condotto scarico fumi per GVS C 90-1 HN 6 720 611 409-00.1O Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione Modelli e brevetti depositati Réf.: 6 720 613

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina Sistemi di evacuazione Sistema cappa cucina EVACUAZIONE VAPORI DI COTTURA Tutte le cucine sono dotate di cappa d aspirazione per il convogliamento verso l esterno dei prodotti della combustione, dei cattivi

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Denominazione commerciale del prodotto: Plast inox Condotti in PPs / INOX 08 0063 DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN 14471 condotto Certificato n.: 0063-CPD-8602

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: PMerizzi@gmail.com RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa WIT Wöhler Istituto tecnico German Puntscher e Marco Scisci 1 Le sfide del settore biomassa Il mercato della biomassa in Italia ha bisogno di una

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing.

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. CANNE FUMARIE Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. Daniele Biasioni Edizione: settembre 2014 Progetto grafico:

Dettagli

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale Ufficio di contatto marchio di qualità: Moritz Dreher Neugasse 6 CH-8005 Zürich Tel.: +41 (0)44 250 88 16 Fax.: +41 (0)44 250 88 22 Email: dreher@holzenergie.ch Marchio di qualità Energia leg Svizzera

Dettagli

TUBI E RACCORDI PER EVACUAZIONE FUMI

TUBI E RACCORDI PER EVACUAZIONE FUMI CONDENSA T120 SISTEMA IN PPS PER CAMINI - CANNE FUMARIE - VAPORI COTTURA 82 hydraulic solutions Linea Condensa T120 SISTEMA IN PPS PER CAMINI - CANNE FUMARIE - VAPORI COTTURA GENERALITA, CONDENSA T120

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe Massima resistenza alle alte temperature per caldaie a gas Massima resistenza alle condense acide Sistema fumario ceramico LINEA Ultra Per caldaie

Dettagli

PROMEMORIA ANTINCENDIO

PROMEMORIA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Installazione di sistemi di filtri

Dettagli

CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO

CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO Supplemento per condotto scarico fumi per Caldaie murali a gas a condensazione CERAPURBALCONY CERAPURINCASSO 6 720 612 634-00.1O CERAPURBALCONY ZWB 24-1 AB.. ZWB 28-1 AB.. CERAPURINCASSO ZWB 24-1 AI..

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE

SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE Lo scarico dei fumi degli apparecchi di combustione, espulso sulle pareti delle abitazioni crea enormi problemi di coesistenza tra le persone negli edifici plurifamiliari,

Dettagli

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l.

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Il seguente riepilogo, non comprende tutte le norme

Dettagli

Guida alla sostituzione

Guida alla sostituzione I II A B C B E F G B C B E F G A A A A ENERG A YZ db A L YI JA IE IA YZ kw 811 XYZ/2013 Guida alla sostituzione Direttiva ERP Quali sono i coinvolgimenti pratici pag. 2 Quadro Legislativo Italiano ErP:

Dettagli

I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE

I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE MONDO GAS DI FABIO BONALUMI* E MARCO MARTINETTO** I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE L articolo evidenzia le problematiche che gli operatori del settore, in particolare i progettisti,

Dettagli

FUMATURE. WIERER BOX semplifica la vita! WIERER TUTTI I COLORI DEL FUMO. numero IN QUESTO NUMERO

FUMATURE. WIERER BOX semplifica la vita! WIERER TUTTI I COLORI DEL FUMO. numero IN QUESTO NUMERO numero 10 SNEWSLETTER Camini Wierer S.r.L. - N.ro 10 - Maggio 2011 TUTTI I COLORI DEL FUMO FUMATURE IN QUESTO NUMERO WIERER BOX...semplifica la vita! pag. 1 UNIVERSALITA un plus senza paragoni pag. 3 CAMINI

Dettagli

Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta. Resp.Tecnico/Titolare. Committente.

Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta. Resp.Tecnico/Titolare. Committente. Allegati Tecnici Obbligatori Foglio 1 di. (DM 37/08) Impresa/Ditta Resp.Tecnico/Titolare Sez. I: Riferimenti inerenti alla documentazione. Quadro A: Dichiarazione di conformità (1) n. Committente Progetti:

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

N9 Ritorno a bassa temperatura N5 Attacco per valvola/e di sicurezza

N9 Ritorno a bassa temperatura N5 Attacco per valvola/e di sicurezza Caldaia pressurizzata ECO CA costruita in acciaio INOX AISI 316 stabilizzato al titanio di grosso spessore, composta da due generatori sovrapposti di pari potenza abbinabili a bruciatori ad aria soffiata

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti ORIZZONTE 2020 Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti 1 5 - Check list delle varie verifi che di preinstallazione e FAQ Indice generale 1 Introduzione

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf)

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf) NORME TECNICHE IMPIANTI GAS Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (Indice di norme integrale in formato pdf) N.B. Per aprire i files delle norme, che sono in formato PDF,

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO PROGETTO DI INSTALLAZIONE CANNA FUMARIA A DOPPIA PARETE A SERVIZIO DELLA CENTRALE TERMICA PER PRODUZIONE ACS ALBERGO SITA IN VIA RIVOLTANA

Dettagli

Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico

Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico Istruzioni per condotti di aspirazione/scarico SVB C -3 HN 6 70 61 61-00.O Modelli e brevetti depositati rif.: 6 70 619 301 (009/01) IT Caldaie a gas a condensazione, con produzione di acqua calda sanitaria

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITÀ E LIBRETTO DI ISTRUZIONI PER LA CORRETTA INSTALLAZIONE DI UN CONDOTTO FLESSIBILE (CONDOTTI METALLICI)

DICHIARAZIONI DI CONFORMITÀ E LIBRETTO DI ISTRUZIONI PER LA CORRETTA INSTALLAZIONE DI UN CONDOTTO FLESSIBILE (CONDOTTI METALLICI) 0063 I DICHIARAZIONI DI CONFORMITÀ E LIBRETTO DI ISTRUZIONI PER LA CORRETTA INSTALLAZIONE DI UN CONDOTTO FLESSIBILE (CONDOTTI METALLICI) 06-2009 INDICE I Dichiarazione di conformità: 1 - Dichiarazione

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO Loris Meneghini perito industriale in Vicenza ENERGIA CHIMICA COMBUSTIONE CAMBIAMENTO DI STATO ENERGIA TERMICA FORME (COMBUSTIBILI)

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi Sistemi produzione CALORE di Marco Albanese, responsabile Ufficio Salute, Sicurezza e Ambiente - Rimessaggio del Tirreno Srl La prevenzione degli incendi garantisce la sicurezza degli edifici In tutti

Dettagli

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 Quesito QET.001 ELETTROTECNICA Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 I conduttori attivi devono

Dettagli

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione UNI 10845 Impianti a gas per uso domestico. Sistemi per l evacuazione dei prodotti alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione ed intubamento 1 Scopo e campo di applicazione PREMESSA

Dettagli