Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo"

Transcript

1 Università degli Studi di Palermo Centro interdipartimentale di Studi Europei e Comparatistici G. Martino G.Criscuoli C.I.S.E.COM Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo Modulo in Lotta alla criminalità tra globale e locale Palermo, 01 giugno 2010 Prof. Paolo Calabrese

2 Antiriciclaggio Profili di diritto europeo ed internazionale

3 Riciclaggio: Reazione penale Fiducia del sistema finanziario

4 Criminalità organizzata Accumulazione di capitali Enorme massa di capitale speculativo

5 Collocamento (placement) il denaro proveniente dalle attività illecite si immette nel sistema finanziario; Pulitura mascheramento della provenienza illecita (laundering); Reinvestimento nell economia legale (recycling).

6 Effetto inquinamento dell economia legale; Aumento esponenziale del mimetismo difficoltà di ricostruzione; Successivo investimento in attività lecite e illecite. Pecunia non olet

7 In verità è il momento più pericoloso e delicato per una organizzazione che rischia in pochi istanti di vedere polverizzati gli illeciti guadagni; Necessità di un sistema di allarmi che prevenga il fenomeno, ma anche punto di partenza dai reati di più alta incidenza economica e dalle manifestazioni economiche visibili e improvvise; La risposta della Guardia di Finanza, la recente riforma dei nuclei provinciali di polizia tributaria con l accorpamento di Gico e Goa

8 L apertura sempre più ampia dei mercati in termini di liberalizzazione e il fattuale ingresso di alcune nazioni nell economia di mercato; La capacità tecnologica di spostamento dei capitali; Presenza di paradisi fiscali e paesi più o meno cooperanti

9 Definizione giuridica ( art. 6 Convenzione di Strasburgo del 1990) la conversione o il trasferimento di beni, sapendo che essi sono proventi, allo scopo di occultare o dissimulare l illecita provenienza dei beni stessi; l occultamento o la dissimulazione della natura, dell origine, dell ubicazione, di atti di disposizione o del movimento di beni, sapendo che detti beni sono proventi.

10 Definizione operativa (Assemblea Generale Interpol 1995) Il riciclaggio è«ogni atto volto ad occultare o dissimulare l identitàdi proventi illegalmente ottenuti, cosicchéessi appaiano derivanti da una fonte legittima».

11 ONU Convenzione di Vienna contro il traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope (19 dicembre 1988) Viene stabilita la reciproca assistenza in materia di sequestro e confisca di beni provenienti «dalla produzione, fabbricazione, estinzione, preparazione, offerta, messa in vendita, distribuzione, vendita, consegna a qualsiasi condizione, mediazione, spedizione in transito, trasporto, importazione o esportazione di qualsiasi sostanza stupefacente o psicotropa»

12 Il reato di riciclaggio nel Codice penale Italiano E punito con la reclusione da 4 a 12 anni e con la multa da a euro, chiunque, fuori dai casi di concorso nel reato, «sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l identificazione della loro provenienza delittuosa»

13 Strategie di contrasto internazionale Eliminare i paradisi fiscali; Rafforzare la cooperazione internazionale; Abolizione del segreto bancario; Collaborazione attiva del sistema finanziario

14 La produzione normativa comunitaria e internazionale Comitato di Basilea -Dichiarazione dei principi di Basilea ONU Convenzione di Vienna contro il traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope, Convenzione di Palermo Consiglio d Europa Convenzione di Strasburgo sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato, Convenzione di Varsavia (aderiscono 46 Paesi con 800 milioni di cittadini) GAFI le raccomandazioni Unione Europea le direttive

15 Il riciclaggio negli Stati Uniti Bank Secrecy Act 1970 United States Code, Tit18,Ch ; U.S.A Patriot Act Differenze con il sistema europeo e comunitario. Risponde del reato di riciclaggio anche il trafficante di stupefacenti che trasferisce, converte od ostacola.

16 Comitato di Basilea per le regolamentazioni bancariee le pratiche di vigilanza Dichiarazione dei principi ( 12 dicembre 1988) «l uso improprio del sistema finanziario da parte delle organizzazioni criminali deve costituire materia di attenzione non solo per le forze di polizia ma anche per gli organi di direzione e vigilanza bancaria, si sollecita l adozione di misure volte ad assicurare la piena identificazione della clientela che si avvale dei servizi bancari e si stabilisce il divieto di prestare assistenzanelle transazioni finanziarie, quando vi siano buone ragioni per ritenerle collegate ad attività di riciclaggio»

17 Comitato di Basilea Istituito nel 1974, inizialmente aderiscono 10 Stati. Obiettivo di sviluppare la cooperazione delle autorità preposte alla vigilanza del sistema finanziario soprattutto nel corso delle crisi bancarie;

18 Comitato di Basilea Il dodici Dicembre del 1988, dichiarazione di principi sulla prevenzione dell utilizzo del sistema bancario a fini criminosi per il riciclaggio di fondi di provenienza illecita La dichiarazione non ha carattere precettivo;

19 Convenzione di Vienna 19 Dicembre 1988 Primo tentativo di codificare regole internazionali; Art.3 obbligo di adottare provvedimenti per prevedere quale reato la conversione o il trasferimento di beni con la consapevolezza che provengono da taluni reati; Limite della previsione quale reato presupposto dei soli illeciti penali connessi agli stupefacenti;

20 Convenzione di Vienna conseguenze in Italia In Italia ratifica secca con legge nel 1990, non vi sono modifiche all ordinamento interno perché già opera il decreto legge 59/78 dove i reati presupposti erano rapina ed estorsione aggravata, sequestro di persona e traffico di stupefacenti In Italia vi è in sostanza una previsione più ampia di quella prevista dalla Convenzione

21 Consiglio d Europa Convenzione di Strasburgo 8 Novembre 1990 Embrione la Raccomandazione 10/80 che fa riferimento principalmente ai sequestri di persona; Primo strumento convenzionale con l approccio allargato a tutti i reati da cui possa derivare un profitto;

22 Consiglio d Europa Convenzione di Strasburgo 8 Novembre 1990 Tutti i reati sono potenzialmente produttivi di un profitto; Le condotte sono sempre quello di convertire o trasferire beni al fine di nascondere la provenienza illecita.

23 Consiglio d Europa Convenzione di Strasburgo L ampiezza della previsione contenuta nella convenzione pose problemi di adattamento ad alcuni Stati anche per l Italia; Viene prevista la possibilità da parte degli Stati di fare una dichiarazione all atto della firma o al momento del deposito della ratifica; Italia 4 riserve e una dichiarazione

24 Conseguenze in Italia della Convenzione di Strasburgo L Italia ratifica nel 1994; Dichiarazione di considerare reati presupposti solo quelli dolosi;

25 Convenzione di Palermo 12 Dicembre 2000 sul crimine organizzato trasnazionale Il riciclaggio diventa uno dei reati che gli stati delle Nazioni Unite si impegnano a punire; Viene ristretto l ambito del reato presupposto non più qualsiasi reato; Reato presupposto anche l appartenenza alla criminalità organizzata, la corruzione, l intralcio alla giustizia;

26 Convenzione di PALERMO Attenta disciplina dell istituto della confisca Confisca per equivalente; Inversione dell onere della prova èl autore del reato che deve dimostrare la lecita provenienza e detenzione del bene (vedasil articolo dodici sexiesdella 646) Attenta disciplina dell istituto della confisca

27 GAFI -FATF (Parigi 1989) Le 40 raccomandazioni ( ) Le 9 raccomandazioni speciali (2001) L elenco dei paesi e territori non collaborativi

28 Il Gafiviene istituito durante il g7 del Luglio del 1989; Scopo èquello di individuare le strategie di contrasto al riciclaggio; Nel 1990 elaborazione di 40 raccomandazioni:

29 Quattro settori: 1-Inquadramento generale del fenomeno riciclaggio; 2- Integrazione delle legislazioni; 3- Sistemi di prevenzione; 4- Cooperazione anche giudiziaria internazionale

30 Si tratta di RACCOMANDAZIONI e non atti normativi; Valenza politica; Teorie circa la produzione di effetti giuridici Le quaranta Raccomandazioni sono un modello a cui si ispirano tutti gli strumenti normativi internazionali

31 Le 40 raccomandazioni del GAFI (1990) Definizione dei concetti di: transazioni finanziarie sospette obblighi di identificazione della clientela da parte degli intermediari obblighi di segnalazione delle transazioni f. s. riservatezza delle segnalazioni estensione degli obblighi ad alcune categorie professionali

32 GAFI Le 9 raccomandazioni speciali per il contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale (2001) Racc. n. 8: «Le organizzazioni non -profit sono particolarmente vulnerabili, ed i Paesi dovrebbero assicurare che esse non siano illegalmente sfruttate: dalle organizzazioni terroristiche per porsi come enti legittimi; per sfruttare gli enti legittimi come strumenti di finanziamento al terrorismo, comprendendovi lo scopo di sottrarre i beni alle misure di congelamento; per nascondere od occultare il dirottamento clandestino di fondi, destinati a scopi legittimi, alle organizzazioni terroristiche».

33 Unione Europea Direttiva 91/308/Cee del 10 giugno 1991 Direttiva 2001/97/Ce del 4 dicembre 2001 Direttiva 2005/60/Ce del 26b Ottobre 2005

34 Direttiva 91/308/Cee Ambito del riciclaggio : la conversione o il trasferimento di beni allo scopo di occultarne o dissimularne l origine illecita; l occultamentoo la dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, proprietà dei beni o diritti sugli stessi; l acquisto, la detenzione o l utilizzo dei beni medesimi; la partecipazione ad uno degli atti di cui ai punti precedenti.

35 Direttiva 91/308/Cee Obblighi stabiliti dalla direttiva/1 di identificazione della clientela, in particolare all atto di apertura di un conto o di un libretto di deposito o dell effettuazione di operazioni d importo pari o superiore a ECU; dell accertamento dell effettiva identitàdelle persone per conto delle quali i clienti agiscono; di identificazione della clientela, anche nei casi di operazioni d importo inferiore ai ECU, se vi sia il sospetto di riciclaggio; di conservazione dei dati per un periodo non inferiore a cinque anni;

36 Direttiva 91/308/Cee Obblighi stabiliti dalla direttiva/2 di individuazione e di segnalazione delle transazioni finanziarieche per loro natura siano sospette di essere connesse con il riciclaggio; di astensione dall esecuzione delle transazioni finanziarie sospette prima di averne effettuato la segnalazione; l obbligo di riservatezza sull avvenuta segnalazione.

37 Direttiva 2001/97/CE Ambito dell attività criminosa le attivitàdelle organizzazioni criminali punibili con una pena detentiva superiore nel minimo a sei mesi e nel massimo ad un anno; la frode grave, cosìcome definita nella Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee; la corruzione; un reato che possa fruttare consistenti proventi e sia punibile con severa pena detentiva in base al diritto penale dello Stato membro.

38 Direttiva 2001/97/CE Estensione degli obblighi ad altre categorie/1 gli uffici di cambiavalute; le imprese che effettuano il trasferimento di fondi (money transmission/remittance office); le imprese di assicurazioni debitamente autorizzate; le imprese di investimento; gli organismi collettivi di investimento che commercializzano le proprie quote o azioni;

39 Direttiva 2001/97/CE Estensione degli obblighi ad altre categorie/2 i commercianti di oggetti di valore elevato, ogni qual volta il pagamento sia effettuato in contanti e per un importo superiore ai euro; le case da gioco, per l acquisto o la vendita di fiches per importi superiori ai 1000 euro; revisori, contabili esterni e consulenti tributari; agenti immobiliari; notai ed avvocati.

40 Direttiva 2001/97/CE Presupposti per l assoggettamento agli obblighi antiriciclaggio per talune categorie professionali L opera è prestata: assistendo i loro clienti nella progettazione o nella realizzazione di operazioni di acquisto o vendita di beni immobili, imprese commerciali, gestione di denaro, costituzione o gestione di societào trust, apertura o gestione di conti bancari, libretti di deposito o altri titoli; o, agendoin nome e per conto dei loro clienti, in una qualsiasi operazione immobiliare o finanziaria. N. B.: L obbligo di segnalazioneper i notai e gli avvocati, potrebbe essere assolto dai rispettivi collegi ed ordini professionali.

41 Direttiva 2001/97/CE Principio della tutela del diritto di difesa Gli Stati possono stabilire che gli obblighi di identificazione, registrazione e segnalazione non si applichino «con riferimento alle informazioni che essi ricevono da (o ottengono su) un loro cliente, nel corso dell esame della posizione giuridica del loro cliente o dell espletamento dei compiti di difesa o di rappresentanza di questo cliente in un procedimento giudiziario o in relazione a tale provvedimento compresa la consulenza sull eventualità di intentare o evitare un procedimento, ove tali informazioni siano ottenute prima, durante o dopo il procedimento stesso» (art. 1, comma 5).

42

43 Il futuro e il presente dell antiriciclaggio Raccomandazione gafi; Convenzione di Varsavia; Terza direttiva sul riciclaggio

44 Direttiva 2005/60/Ce del 26 Ottobre 2005 Accanto al riciclaggio viene associato il finanziamento del terrorismo; Limiti dello strumento direttiva; Oggetto relativo alla prevenzione; Gli aspetti penali sono trattati in modo sfumato oppure con riferimento a provvedimenti di terzo pilastro o alle raccomandazioni del gafi

45 Direttiva 2005/60/Ce del 26 Ottobre 2005 Modifica al Comitato per la prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (assiste la Commissione) Obbligo di segnalare le operazioni sospette di finanziamento al terrorismo internazionale (necessitàdi adeguamento in Italia) Indicazione dei reati presupposto in base alla pena edittale;

46 Direttiva 2005/60/Ce del 26 Ottobre 2005 Ampliamento delle misure preventive estensione della platea dei soggetti segnalatori: prestatori di servizi relativi a società o trust Pericolosità del contante

47 Direttiva 2005/60/Ce del 26 Ottobre 2005 Ampliamentodelle misure preventive estensione della platea dei soggetti segnalatori: prestatori di servizi relativi a società o trust Pericolositàdel contante euro in Italia opera la 197/91 limitazione del contante; Rischio di riciclaggio (largo impatto in Italia); Adeguata verificadella clientela Il regime dei controlli

48 Convenzione di Varsavia maggio 2005 Disciplina del funzionamento delle Fiu(Financial Intelligence Unit) competenze domestiche e di collegamento internazionale tra cui sospendere l esecuzione di una operazione bancaria nel caso di sospetto di operazione di riciclaggio o di finanziamento Ampliamento della cooperazione giudiziaria estensione a tutto il Consiglio d Europa ora solo Ue Estensione della responsabilità delle persone giuridiche In Italia per il finanziamento è considerata per il riciclaggio, mentre l accordo quadro la ignora

49 Le strategie antiriciclaggio repressione penaledelle relative condotte, mediante inserimento nella legislazione penale di apposite fattispecie; aggressione dei patrimoni illeciti, attraverso la predisposizione di misure di prevenzione quali il sequestro e la confisca e, ove queste ultime non fossero adottabili, tassazione dei proventiche hanno contribuito alla loro formazione; predisposizione di misure atte a prevenire l utilizzo del sistema finanziario, a scopo di riciclaggio.

50 Grazie per l attenzione Prof. Paolo Calabrese

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI Torino, 19 Marzo 2013 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI NOZIONE DI RICICLAGGIO DESTINATARI DEGLI ADEMPIMENTI Dott.sa LUCIA STAROLA EVOLUZIONE NORMATIVA 1 L. 5/7/1991 n. 191 (cd

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE

IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE L imprenditore criminale, al pari di qualsiasi operatore economico, persegue un obiettivo di efficienza allocativa delle risorse, nell intento di massimizzare l utilità

Dettagli

materia di riciclaggio

materia di riciclaggio Michele Carbone Marco Tolla Elementi normativi internazionali e nazionali in materia di riciclaggio Prefazione a cura di Pietro Grasso CACUCCI EDITORE Michele Carbone Marco Tolla ELEMENTI NORMATIVI INTERNAZIONALI

Dettagli

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO La nuova normativa antiriciclaggio I presupposti dell identificazione Il contenuto e le modalità dell identificazione Il contenuto dell obbligo di registrazione e conservazione dei dati La segnalazione

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com Torino, 20 novembre 2015 Ten.Col.t. ST Ivan Bixio Le monete virtuali La valuta virtuale è un tipo di moneta digitale - non regolamentata emessa e controllata dai suoi sviluppatori ed utilizzata ed accettata

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

Comitato scientifico. Presidente del comitato: Raffaele Marcello. Membri del comitato:

Comitato scientifico. Presidente del comitato: Raffaele Marcello. Membri del comitato: 1 1 Comitato scientifico Presidente del comitato: Raffaele Marcello Membri del comitato: Nicola Lucido, Marcello Pollio, Fabrizio Poggiani, Alessandro Pescari, Anna Maria Loia. Presentazione Unagraco L

Dettagli

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE G REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÁ DI PROVENIENZA ILLECITA APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 22 GIUGNO 2009 INDICE PARTE

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

Accertamenti e verifiche in ordine al rispetto degli obblighi antiriciclaggio da parte dei professionisti

Accertamenti e verifiche in ordine al rispetto degli obblighi antiriciclaggio da parte dei professionisti Accertamenti e verifiche in ordine al rispetto degli obblighi antiriciclaggio da parte dei professionisti Pontassieve, 14 marzo 2014 Col. t. ST Antonino RAIMONDO Comandante del G.I.C.O. Nucleo Polizia

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio IL PERIMETRO DELLA QUESTIONE L Agenzia delle Entrate, stima in

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

Fortarezza Antonio - Revisione del 10/11/2010

Fortarezza Antonio - Revisione del 10/11/2010 * * PILLOLA 10: GLI INDICATORI DI ANOMALIA DI SOSPETTO DI RICICLAGGIO * * L art. 41, al comma 2, stabilisce che periodicamente devono essere emanati, su proposta della UIF, appositi indicatori di anomalia,

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

Oltre alla forma LA SOSTANZA

Oltre alla forma LA SOSTANZA L ANTIRICICLAGGIO Oltre alla forma LA SOSTANZA AREZZO 30 MAGGIO 2012 1 1 Non e tollerabile che l obiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE 1. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO. 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. L Accordo, in piena coerenza con

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009

Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009 Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE E CONTRASTO DEL RICICLAGGIO E DEL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO TESTO NON UFFICIALE

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Economia e Gestione delle Imprese (Prof. Roberto Vona) CENTRO CULTURALE GESU NUOVO Gruppo Legalità Laboratorio sulla Impresa Criminale Riciclaggio

Dettagli

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO

PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO PARTE SPECIALE F REATI DI RICICLAGGIO INDICE PARTE SPECIALE F Pag. F.1 LE TIPOLOGIE DEI REATI DI RICICLAGGIO (art. 25-octies del Decreto) 3 F.2 AREE A RISCHIO 7 F.3 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE - PRINCIPI

Dettagli

Commissione Antiriciclaggio

Commissione Antiriciclaggio ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CASERTA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE Commissione Antiriciclaggio Presidente Componenti

Dettagli

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio Gianluca Esposito* Senior Counsel Fondo Monetario Internazionale

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di L OBBLIGO DI ASTENSIONE Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di adeguata verifica della clientela, da svolgere alternativamente in modalità ordinaria, semplificata o rafforzata

Dettagli

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015 Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (documento realizzato da http://www.compliancenet.it/ il 1 agosto 2014, dettagli in http://www.compliancenet.it/confindustria-aree-a-rischio-econtrolli-preventivi-per-reato-riciclaggio-31-luglio-2014 )

Dettagli

Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati. Fondamenta S. Chiara, 494 30125 Venezia

Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati. Fondamenta S. Chiara, 494 30125 Venezia NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E STUDI LEGALI I) La prima Direttiva antiriciclaggio. 1. Nel 1991, sulla base delle 40 raccomandazioni del FATF (= Financial Action Task Force on Money Laundering, organismo intergovernativo

Dettagli

Capitolo 6 La professione forense nel diritto comunitario

Capitolo 6 La professione forense nel diritto comunitario Edizioni Simone - Vol. 8/4 Ordinamento e Deontologia forense Capitolo 6 La professione forense nel diritto comunitario Sommario 1. Le direttive comunitarie. - 2. Il diritto di stabilimento. - 3. Il riconoscimento

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 5.2.2013 COM(2013) 45 final 2013/0025 (COD) C7-0032/13 Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alla prevenzione dell uso del sistema finanziario

Dettagli

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO Avv. LUCA ZITIELLO 1 LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 2 Definizioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo Costituiscono riciclaggio : a) la conversione

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

Parte II Analisi per singoli Paesi

Parte II Analisi per singoli Paesi Parte II Analisi per singoli Paesi Capitolo VII - Cipro Capitolo VII CIPRO SOMMARIO: 7.1 Disciplina. - 7.2 Dall 11 settembre 2001. 7.1 Disciplina Le fonti normative cipriote in materia di segreto bancario

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

La normativa antiriciclaggio e i professionisti

La normativa antiriciclaggio e i professionisti La normativa antiriciclaggio e i professionisti - Biella, 31 ottobre 2012 Luca Piovano dottore commercialista in Torino 2 Le fonti (nazionali) D.Lgs. 231/2007e s.m.i. Decreto del Ministero della Giustizia

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 26 OTTOBRE 2005, CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze

Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze Il MEF: è responsabile delle politiche di prevenzione dell utilizzo d sistema

Dettagli

La norma: art. 648-bis c.p.:

La norma: art. 648-bis c.p.: Il trasferimento e la detenzione di capitali all estero Dal reato di riciclaggio al reato di autoriciclaggio Prof. Avv. Roberto Cordeiro Guerra 13 marzo 2015 Riciclaggio e reati tributari La norma: art.

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

IL RICICLAGGIO NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI

IL RICICLAGGIO NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI IL NEL D.LGS. 231/2007. NOZIONE, AMBITO OPERATIVO E SOGGETTI DESTINATARI L Autore prende in esame la disciplina del riciclaggio prevista nel D.Lgs. n. 231/2007, soffermandosi altresì sulla normativa internazionale

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA Antiriciclaggio ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON DEVE AVER CONCORSO NEL REATO PRESUPPOSTO,

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione POLICY Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (Estratto) Numero / Anno POL 01 / 2013 Versione 1.0 Stato Proponente Approvazione Emittente Approvato Antiriciclaggio Consiglio

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 31 agosto 2013, n. 101 (cd. Decreto salva precari) - D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (in materia di Sicurezza e femminicidio) - D.L.

Dettagli

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Modulo 2 Paolo Ciarrocchi 1 INDICE Quadro normativo Normativa antiriciclaggio europea Direttive

Dettagli

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale.

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. ARPA EMILIA-ROMAGNA Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. Selezione pubblica per collaboratore amministrativo professionale (Cat. D) A cura

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

ANTITRICICLAGGIO E AGENTI IMMOBILIARI

ANTITRICICLAGGIO E AGENTI IMMOBILIARI ANTITRICICLAGGIO E AGENTI IMMOBILIARI Tanti sono gli adempimenti in tema di antiriciclaggio per gli agenti immobiliari iscritti al ruolo di cui alla legge 39/1989 e non riguardano soltanto le nuove disposizioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella

CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella CONSIGLIO NAZIONALE dei DOTTORI COMMERCIALISTI Consigliere Delegato all Antiriciclaggio Giovanni Stella GLI OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO: GUIDA PRATICA PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA Elaborato predisposto dall

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Normativa Antiriciclaggio Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Premessa Legge 15 dicembre 2014, n. 186 «Collaborazione volontaria per l emersione e il rientro

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio 1.1.1 I contrasti

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino

Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino di Emanuele Fisicaro Docente di Diritto internazionale e componente della Commissione ministeriale per la redazione del T.U. antiriciclaggio

Dettagli

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 "Attuazione della direttiva 2001/97/CE in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi da attività illecite" pubblicato

Dettagli

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. Torino, 5 maggio 2008. Relatori: rag. Salvatore Scalise, avv. Rosa Pellegrini

ANTIRICICLAGGIO. Torino, 5 maggio 2008. Relatori: rag. Salvatore Scalise, avv. Rosa Pellegrini Torino, 5 maggio 2008 ANTIRICICLAGGIO Relatori: rag. Salvatore Scalise, avv. Rosa Pellegrini TUTTI I DIRITTI RISERVATI - Vietata la riproduzione anche parziale 2 A cura di Salvatore Scalise Rosa Pellegrini

Dettagli