Terre e rocce da scavo: novità normative,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terre e rocce da scavo: novità normative,"

Transcript

1 Terre e rocce da scavo: novità normative, sottoprodotti e casi pratici Camera di Commercio di Como 24 febbraio Terre e rocce da scavo: novità normative, sottoprodotti e casi pratici Cenni sulla normativa vigente: D.Lgs. n 152/2006 e il D.M. 161/2012 I decreti di semplificazione del 2013 Rifiuto / Sottoprodotto / End of waste: come considerare il materiale da scavo Confronto tra le procedure applicabili: esclusioni ed obblighi Le linee guida di Arpa Lombardia e i controlli sul territorio Indicazioni operative di Ance Lombardia Campionamento e analisi Casi pratici Responsabilità e aspetti sanzionatori Camera di Commercio di Como 24 febbraio

2 Il seminario ha l'obiettivo di: fornire alle imprese che producono terre e rocce da scavo principi base per adempiere correttamente agli obblighi di legge che si presentano nelle varie fasi correlate alla gestione operativa, dalla produzione alla destinazione finale; fare chiarezza sulla normativa e sulla sua applicabilità; Illustrare le criticità della gestione documentale; informare sulle responsabilità delle imprese e sulle sanzioni. 3 Relatori: Avv,.Valeria Bortolotti - Studio Legale Bortolotti Modena opera nel campo del diritto ambientale e amministrativo e in materia di responsabilità di enti e imprese anche ai sensi del D.Lgs. 231/01. Cultore della materia IUS08 presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell Università di Modena e Reggio Emilia, Dott. Fabio Carella - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -Dipartimento di Como Dott.ssa Sara Grassi - Ance Lombardia Funzionario di ANCE Lombardia, responsabile regionale per le questioni di natura ambientale afferenti il settore delle costruzioni. Svolge attività di lobby nei confronti delle Amministrazioni pubbliche di livello regionale anche congiuntamente ad altre associazioni di categoria. Dott. Vito Emanuele Magnante - Ecoricerche S.r.l. (MO) Responsabile Divisione Gestione Rifiuti-Ambiente di ECORICERCHE S.r.l., con oltre quindici anni di attività nel settore ambientale in qualità di consulente e responsabile tecnico in ambito di trasporto e di smaltimento di rifiuti, svolge attività di formazione ambientale 4 2

3 Introduzione Qualsiasi attività edilizia, dalla piccola costruzione alle grandi opere, presuppone l escavazione del suolo e quindi la produzione di terre e rocce. Premesso che la normativa prevista nella parte IV del D.Lgs 152/06 non esclude automaticamente le terre e rocce da scavo dall ambito dei rifiuti, la varietà delle casistiche del settore rende non facile l applicazione della relativa disciplina Nella gestione delle terre e rocce da scavo, prevista nel testo unico ambientale, sono intervenute diverse modifiche sostanziali della norma di settore 5 Il D.Lgs. 152/06 (cd. Testo Unico Ambientale) Decreto Legislativo 03 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (pubblicato in G.U., S.O. 14/04/2006) Parte I: Disposizioni comuni e principi generali Parte II: Procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione dell impatto ambientale (VIA) e per l autorizzazione integrata ambientale (AIA) Parte III: Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall inquinamento e di gestione delle risorse idriche Parte IV: Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinanti Parte V: Norme in materia di tutela dell aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Parte VI: Norme in materia risarcitoria contro i danni all ambiente + Allegati tecnici 6 3

4 D.Lgs. 152/06 Parte IV: norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinanti Tit. I - Gestione dei rifiuti: capo I. Disposizioni generali, capo II. Competenze, capo III. Servizio di gestione integrata de rifiuti, capo IV. Autorizzazioni e iscrizioni capo V. Procedure semplificate Tit. II - Gestione degli imballaggi Tit. III - Gestione di particolari categorie di rifiuti Tit. IV - Tariffa per la gestione dei rifiuti urbani Tit. V - Bonifica dei siti contaminati Tit. VI - Sistema sanzionatorio e disposizioni transitorie e finali: capo I. sanzioni, capo II. disposizioni transitorie e finali 7 I PRINCIPI nella gestione dei rifiuti (art. 178 D.Lgs. 152/06) - precauzione, - prevenzione, - sostenibilità, - proporzionalità, - responsabilizzazione e cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nell'utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, - chi inquina paga..tutti i soggetti coinvolti nella produzione - nella distribuzione nell utilizzo - nel consumo dei beni da cui originano i rifiuti 8 4

5 I soggetti coinvolti nella gestione dei rifiuti PRODUTTORE DETENTORE TRASPORTATORE DESTINATARIO INTERMEDIARIO Concetto di CORRESPONSABILITA La responsabilità dei soggetti che intervengono nella gestione dei rifiuti, si estende anche a quella dei soggetti che gestiscono tali rifiuti prima o dopo il proprio intervento (art. 178 del D.Lgs. 152/2006). 9 Il Rifiuto Il D.Lgs. 152/06 prevede la definizione di rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi (art. 183 comma 1 lettera a) 10 5

6 Altre regole per qualificare qualsiasi oggetto o sostanza come RIFIUTO o NON RIFIUTO: NON bisogna considerare il valore economico dello stesso/stessa Occorre sempre considerare il destino finale della sostanza od oggetto (concetto di tracciabilità) Occorre sempre una procedura aziendale 11 Non sono RIFIUTI: SOTTOPRODOTTI così come definiti dall art. 184 bis D.Lgs. 152/06 E.O.W. così come definito dall art. 184 ter D.Lgs. 152/06. Oltre ai BENI USATI 12 6

7 Non sono RIFIUTI: I SOTTOPRODOTTI D.Lgs. 152/06 Articolo 184-bis Sottoprodotto Comma 1. È un sottoprodotto e non un rifiuto ai sensi dell'articolo 183, comma 1, lettera a), qualsiasi sostanza od oggetto che soddisfa tutte le seguenti condizioni: a) la sostanza o l'oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto; b) è certo che la sostanza o l'oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi; c) la sostanza o l'oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale; d) l'ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l'oggetto soddisfa, per l'utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell'ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull'ambiente o la salute umana. 13 Le condizioni previste dall art. 184 bis devono soddisfatte CONTESTUALMENTE Normale pratica industriale: le uniche definizioni si trovano nel D.M. 161/12 (materiali da scavo) e nella normativa delle discariche (D.Lgs. 36/2003) Occorre una procedura gestionale che giustifichi la classificazione dello scarto di produzione come sottoprodotto 14 7

8 Non sono RIFIUTI: End of waste D.Lgs. 152/06 Articolo 184-ter Cessazione della qualifica di rifiuto Comma 1. Un rifiuto cessa di essere tale, quando è stato sottoposto a un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni: a) la sostanza o l'oggetto è comunemente utilizzato per scopi specifici; b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto; c) la sostanza o l'oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti; d) l'utilizzo della sostanza o dell'oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull'ambiente o sulla salute umana. 15 La differenza tra SOTTOPRODOTTO e EOW?..nella PROVENIENZA: Il sottoprodotto proviene da un processo industriale (non di consumo) preordinato alla generazione di un altro diverso prodotto, secondo quanto enunciato dalla normativa; La cessazione di qualifica di rifiuto è il risultato di un processo di recupero, riutilizzo, riciclo con ciò escludendo ogni ipotesi di riutilizzo tal quale (sarebbe un sottoprodotto). Un attività produttiva NON produce E.O.W. ma RIFIUTO 16 8

9 I materiali da scavo sono rifiuti? RIFIUTI SPECIALI classificazione in base all origine art. 184 comma 3 D.Lgs. 152/06): Lettera b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall'articolo 184-bis (sottoprodotto);.. omissis 17 CODICI CER RIFIUTI delle OPERAZIONI di COSTRUZIONE e DEMOLIZIONE (compreso il terreno proveniente da siti contaminato) cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche cemento mattoni mattonelle e ceramiche * miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, contenenti sostanze pericolose miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da legno, vetro e plastica legno vetro plastica * vetro, plastica e legno contenenti sostanze pericolose o da esse contaminati miscele bituminose, catrame di carbone e prodotti contenenti catrame * miscele bituminose contenenti catrame di carbone miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce * catrame di carbone e prodotti contenenti catrame metalli (incluse le loro leghe) rame, bronzo, ottone alluminio piombo zinco ferro e acciaio stagno metalli misti * rifiuti metallici contaminati da sostanze pericolose * cavi, impregnati di olio, di catrame di carbone o di altre sostanze pericolose cavi, diversi da quelli di cui alla voce

10 Art. 185 esclusione dell ambito di applicazione (parte IV del D.Lgs. 152/06) Comma 1. Non rientrano nel campo di applicazione della Parte quarta del presente decreto: omissis b) il terreno (in situ), inclusi il suolo contaminato non scavato e gli edifici collegati permanentemente al terreno, fermo restando quanto previsto dagli articoli 239 e seguenti relativamente alla bonifica di siti contaminati; c) il suolo non contaminato e altro materiale allo stato naturale escavato nel corso di attività di costruzione, ove sia certo che esso verrà riutilizzato a fini di costruzione allo stato naturale e nello stesso sito in cui è stato escavato; Omissis 19 I materiali da scavo sono rifiuti? In base all art. 185 D.Lgs. 152/06 Esclusione dell ambito di applicazione, la risposta è NO. INFATTI il comma 1 del citato articolo prevede che NON rientrano nel campo di applicazione della Parte IV del presente decreto: omissis; Lettera c) il suolo non contaminato e altro materiale allo stato naturale escavato nel corso di attività di costruzione, ove sia certo che esso verrà riutilizzato a fini di costruzione allo stato naturale e nello stesso sito in cui è stato escavato;..omissis allo stato naturale e nello stesso sito in cui è stato escavato 20 10

11 Per l utilizzo dei materiali da scavo in siti diversi? Se il materiale da scavo deve essere utilizzato fuori dal sito ove è stato scavato, si applica il criterio di valutazione di cui al comma 4 del medesimo art. 185: «il suolo escavato non contaminato e altro materiale allo stato naturale, utilizzati in siti diversi da quelli in cui sono strati escavati, devono essere valutati ai sensi, nell ordine, degli artt. art. 183 comma 1 lettera a) [e un rifiuto?], art. 184-bis [è un sottoprodotto?], art. 184-ter: è un E.O.W. [cessazione qualifica di rifiuto?]» 21 Per l utilizzo di questi materiali in siti diversi? Il criterio di valutazione di cui al comma 4 dell art. 185 per valutare lo status dei materiali da scavo: - art. 183 comma 1 lettera a): e un rifiuto? - art. 184-bis: è un sottoprodotto? - art. 184-ter: è un End Of Waste? 22 11

12 Art. 186 terre e rocce da scavo Comma 1. Fatto salvo quanto previsto dall'articolo 185, le terre e rocce da scavo, anche di gallerie, ottenute quali sottoprodotti, possono essere utilizzate per reinterri, riempimenti, rimodellazioni e rilevati purché: a) siano impiegate direttamente nell'ambito di opere o interventi preventivamente individuati e definiti; b) sin dalla fase della produzione vi sia certezza dell'integrale utilizzo; c) l'utilizzo integrale della parte destinata a riutilizzo sia tecnicamente possibile senza necessità di preventivo trattamento o di trasformazioni preliminari per soddisfare i requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni e, più in generale, ad impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli ordinariamente consentiti ed autorizzati per il sito dove sono destinate ad essere utilizzate; d) sia garantito un elevato livello di tutela ambientale; e) sia accertato che non provengono da siti contaminati o sottoposti ad interventi di bonifica ai sensi del titolo V della parte quarta del presente decreto; f) le loro caratteristiche chimiche e chimico-fisiche siano tali che il loro impiego nel sito prescelto non determini rischi per la salute e per la qualità delle matrici ambientali interessate ed avvenga nel rispetto delle norme di tutela delle acque superficiali e sotterranee, della flora, della fauna, degli habitat e delle aree naturali protette. In particolare deve essere dimostrato che il materiale da utilizzare non è contaminato con riferimento alla destinazione d'uso del medesimo, nonché la compatibilità di detto materiale con il sito di destinazione; g) la certezza del loro integrale utilizzo sia dimostrata. L'impiego di terre da scavo nei processi industriali come sottoprodotti, in sostituzione dei materiali di cava, è consentito nel rispetto delle condizioni fissate all'art 183, comma 1, lettera p). omissis 23 La normativa per la gestione dei materiali da scavo Il 06/10/2012 è entrato in vigore il D.M. n. 161 del 10/08/2012, emanato in attuazione dell art. 49 del D.L. n. 01/2012, convertito con L. 27/2012 (cd. Liberalizzazioni): abrogazione art. 186 D.Lgs n. 152/06 nuova disciplina per terre e rocce da scavo Il D.M. 161/12 in pratica ridefinisce i criteri per considerare il materiale da scavo come sottoprodotto 24 12

13 Struttura del D.M. 161/2012 Definizioni (art. 1) Finalità, Ambiti applicazione, Identificazione sottoprodotto (artt ) Piano di utilizzo (art. 5) Emergenza, Obblighi, Modifiche al piano, Realizzazione piano (artt ) Deposito, Trasporto, Dichiarazione Avvenuto Utilizzo (artt ) Gestione dati, Controlli, Disposizioni finali, Riconoscimento reciproco (artt ) Allegati 25 Elementi del D.M. 161/ ) Si applica alla gestione dei materiali di scavo, intesi come suolo e sottosuolo, con eventuali presenze di riporto, derivanti dalla realizzazione di un opera, ad esempio: - scavi in genere (sbancamenti, fondazioni, trincee, ecc) - perforazione, trivellazione, palificazione, consolidamento, ecc. - opere infrastrutturali in generale (gallerie, dighe, strade ecc.) 2.) Esclude dall ambito di applicazione i rifiuti provenienti direttamente dall esecuzione di interventi di demolizione di edifici o altri manufatti preesistenti

14 Segue: Elementi del D.M. 161/ ) Le condizioni per cui il materiale da scavo è un sottoprodotto (articolo 4 D.M. 161/12): a) il materiale da scavo è generato durante la realizzazione di un'opera, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale materiale; b) il materiale da scavo è utilizzato nel corso dell'esecuzione della stessa opera, nel quale è stato generato, o di un'opera diversa oppure in processi produttivi, in sostituzione di materiali di cava; c) il materiale da scavo è idoneo ad essere utilizzato direttamente, ossia senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale; d) il materiale da scavo soddisfa i requisiti di qualità ambientale di cui all'all Segue: Elementi del D.M. 161/ ) Elemento centrale del DM 161/12 è il PdU (Piano di Utilizzo) che prevede 3 soggetti distinti: - Proponente - Esecutore - Autorità competente Sono previste inoltre: le situazioni di emergenza (da affrontarsi in conformità a quanto previsto dall art. 6 del D.M. 161/12 Tempistica di utilizzo e modalità di deposito 28 14

15 Segue: Elementi del D.M. 161/2012 Proponente: è il soggetto che presenta il PdU e comunica all autorità competente i dati dell esecutore prima dell inizio dei lavori di realizzazione dell opera. Esecutore: è il soggetto che attua il PdU,che diviene responsabile della corretta esecuzione del PdU dalla data comunicazione di cui sopra e che redige la modulistica di tracciabilità conforme agli Allegati 6 (trasporto) e 7 (DAU). Autorità Competente: è l autorità che autorizza realizzazione dell opera (nel caso di VIA o AIA è la corrispondente A.C.). 29 Segue: Elementi del D.M. 161/ ) Durata massima di deposito: è fissata dal PdU e non può superare tale data (max 1 anno dalla data produzione); nel caso di superamento si dovrà gestire come rifiuto, fermo restando impregiudicata la facoltà di presentare nuovo PdU 6.) trasporto del materiale In tutte le fasi successive all'uscita del materiale dal sito di produzione, il trasporto del materiale escavato è accompagnato da specifica documentazione di trasporto

16 Segue: Elementi del D.M. 161/2012 Allegati tecnici della norma: Allegato 1: Caratterizzazione ambientale dei materiali da scavo Allegato 2: Procedure di campionamento in fase di progettazione Allegato 3: Normale pratica industriale Allegato 5: Piano di Utilizzo Allegato 6: Documento di trasporto Allegato 7: Dichiarazione Avvenuto Utilizzo (DAU) Allegato 8: Procedure di campionamento in fase esecutiva e per i controlli ed ispezioni Allegato 9: Materiali di riporto di origine antropica 31 Allegato 3 Normale pratica industriale Articolo 4, comma 1, lettera c) Costituiscono un trattamento di normale pratica industriale quelle operazioni, anche condotte non singolarmente, alle quali può essere sottoposto il materiale da scavo, finalizzate al miglioramento delle sue caratteristiche merceologiche per renderne l'utilizzo maggiormente produttivo e tecnicamente efficace. Tali operazioni in ogni caso devono fare salvo il rispetto dei requisiti previsti per i sottoprodotti, dei requisiti di qualità ambientale e garantire l'utilizzo del materiale da scavo conformemente ai criteri tecnici stabiliti dal progetto

17 Le operazioni più comunemente effettuate, che rientrano tra le operazioni di normale pratica industriale: la selezione granulometrica del materiale da scavo; la riduzione volumetrica mediante macinazione; la stabilizzazione a calce, a cemento o altra forma idoneamente sperimentata per conferire ai materiali da scavo le caratteristiche geotecniche necessarie per il loro utilizzo, anche in termini di umidità, concordando preventivamente le modalità di utilizzo con l'arpa o Appa competente in fase di redazione del Piano di Utilizzo; la stesa al suolo per consentire l'asciugatura e la maturazione del materiale da scavo al fine di conferire allo stesso migliori caratteristiche di movimentazione, l'umidità ottimale e favorire l'eventuale biodegradazione naturale degli additivi utilizzati per consentire le operazioni di scavo; la riduzione della presenza nel materiale da scavo degli elementi/materiali antropici (ivi inclusi, a titolo esemplificativo, frammenti di vetroresina, cementiti, bentoniti), eseguita sia a mano che con mezzi meccanici, qualora questi siano riferibili alle necessarie operazioni per esecuzione dell'escavo. Mantiene la caratteristica di sottoprodotto quel materiale di scavo anche qualora contenga la presenza di pezzature eterogenee di natura antropica non inquinante, purché rispondente ai requisiti tecnici/prestazionali per l'utilizzo delle terre nelle costruzioni, se tecnicamente fattibile ed economicamente sostenibile. 33 Due criticità interpretative del D.M. 161/12: Si applica al riutilizzo in sito del materiale da scavo? La nota del Ministero dell Ambiente prot. n del 14/11/2012: Il DM n. 161/2012 sancisce che il DM non si applica al riutilizzo in sito ex art. 185, comma 1, lettera c), D.Lgs. n. 152/06 Il D.M. n. 161/2012 considera i piccoli cantieri (volume escavato < m 3 previsti espressamente dall art. 266 D.Lgs. n. 152/06)? 34 17

18 Nota del Ministero dell Ambiente Prot. n del 14/11/2012 Sancisce la non applicabilità del DM n. 161/2012 al riutilizzo in sito (ex art. 185, comma 1, lettera c) D.Lgs. 152/06 35 I piccoli cantieri? Il D.M. n. 161/2012 nella sua stesura iniziale non considera i piccoli cantieri (volume escavato < m 3 ). Pertanto la previsione normativa si applicava senza alcuna distinzione in termini di volumi di materiali da scavo prodotti. piccoli cantieri E il D.Lgs. 152/06 articolo 266 Disposizioni finali comma 7?. Con successivo decreto, adottato dal MATT di concerto con i Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, delle attività produttive e della salute, è dettata la disciplina per la semplificazione amministrativa delle procedure relative ai materiali, ivi incluse le terre e le rocce da scavo, provenienti da cantieri di piccole dimensioni la cui produzione non superi i metri cubi di materiale nel rispetto delle disposizioni comunitarie in materia

19 .. segue Nota MATT 37 Ricorsi Per colmare il vuoto normativo generato dal D.M. 161/12 alcune Regioni (Friuli Venezia Giulia L.R. n. 26/2012, Veneto DGR n. 179/2013, Liguria DGR n. 89/2013) e vari Comuni hanno emanato direttive per l utilizzo dei materiali da scavo prodotti dai piccoli cantieri. Il Governo ha però impugnato davanti alla Corte Costituzionale la legge friulana, in quanto viola la competenza statale assoluta in materia di ambiente. Ance, ANEPLA, 3 imprese milanesi hanno presentato ricorso davanti al TAR Lazio (Registro n. 9769/2012) per l annullamento del D.M. n. 161/2012. In data 20/12/2012 il TAR Lazio ha riconosciuto l'estrema delicatezza della questione e ha quindi ritenuto di fissare la discussione del merito, unitamente alla domanda cautelare, per il giorno 11 luglio La prossima udienza è stata fissata al 20 febbraio

20 Le modifiche al DM 161/12 Nel 2013 il legislatore ha modificato il DM 161/2012, limitandone l applicabilità mediante 2 provvedimenti consecutivi: Legge n. 71 del 26/06/ conversione del DL 43/2013 in vigore dal 27 giugno 2013; Legge n 98 del 09/08/ conversione, con modifiche, del DL 69/2013 (cd decreto Fare ), in vigore dal 21 agosto Giugno 2013 il 27 giugno 2013 è entrata in vigore la legge n. 71/2013, di conversione del DL 43/2013, la quale all art. 8-bis introduce due importanti deroghe alla disciplina dell utilizzazione di terre e rocce da scavo: il comma 1 conferma l applicazione del DM 161/2012 alle sole terre e rocce da scavo prodotte nell esecuzione di opere soggette ad AIA o a VIA, il comma 2 stabilisce che alla gestione dei materiali da scavo provenienti dai cantieri di piccole dimensioni continuano ad applicarsi su tutto il territorio nazionale le disposizioni stabilite dall art. 186 TUA

21 Agosto 2013 Con la pubblicazione (S.O. n 63 della G.U. n 194 del 20 agosto 2013) della Legge n 98 del 9 agosto 2013 di conversione,con modifiche,del DL 69/2013 (cd decreto Fare ), in vigore dal 21 agosto 2013, il campo di applicazione del D.M. 161/12 cambia nuovamente. L articolo 41 comma 2: sancisce che il D.M. 161/2012 si applica solo alle terre e rocce da scavo che provengono da attività o opere soggette a VIA o ad AIA (previsione coincidente con quella della Legge n.71/2013) L articolo 41bis abroga l art. 8-bis della Legge n. 71/2013: eliminata la ridondante previsione dell applicabilità del D.M. 161/2012 solo in caso di VIA e AIA annulla la reviviscenza dell art. 186 D.Lgs. 152/06 e definisce nuove modalità operative. 41 D.L. 69/2013 conv. l. 98/13 Art. 41-bis.(Ulteriori disposizioni in materia di terre e rocce da scavo) (1). 1. (Omissis) sono sottoposti al regime di cui all'articolo 184-bis del decreto legislativo n. 152 del 2006, e successive modificazioni, se il produttore dimostra: a) che e' certa la destinazione all'utilizzo direttamente presso uno o più siti o cicli produttivi determinati; b) che, in caso di destinazione a recuperi, ripristini, rimodellamenti, riempimenti ambientali o altri utilizzi sul suolo, non sono superati i valori delle concentrazioni soglia di contaminazione di cui alle colonne A e B della tabella 1 dell'allegato 5 alla parte IV del decreto legislativo n. 152 del 2006, con riferimento alle caratteristiche delle matrici ambientali e alla destinazione d'uso urbanistica del sito di destinazione e i materiali non costituiscono fonte di contaminazione diretta o indiretta per le acque sotterranee, fatti salvi i valori di fondo naturale; c) che, in caso di destinazione ad un successivo ciclo di produzione, l'utilizzo non determina rischi per la salute ne' variazioni qualitative o quantitative delle emissioni rispetto al normale utilizzo delle materie prime; d) che ai fini di cui alle lettere b) e c) non e' necessario sottoporre i materiali da scavo ad alcun preventivo trattamento, fatte salve le normali pratiche industriali e di cantiere. (1) Articolo inserito dall'articolo 1, comma 1, della Legge 9 agosto 2013, n. 98, in sede di conversione

22 2. Il proponente o il produttore attesta il rispetto delle condizioni di cui al comma 1 tramite dichiarazione resa all'agenzia regionale per la protezione ambientale ai sensi e per gli effetti del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, precisando - le quantità destinate all'utilizzo, - il sito di deposito - e i tempi previsti per l'utilizzo, che non possono comunque superare un anno dalla data di produzione, salvo il caso in cui l'opera nella quale il materiale e' destinato ad essere utilizzato preveda un termine di esecuzione superiore. Le attività di scavo e di utilizzo devono essere autorizzate in conformità alla vigente disciplina urbanistica e igienico-sanitaria. La modifica dei requisiti e delle condizioni indicati nella dichiarazione di cui al primo periodo è comunicata entro trenta giorni al comune del luogo di produzione. 3. Il produttore deve, in ogni caso, confermare alle autorità di cui al comma 2, territorialmente competenti con riferimento al luogo di produzione e di utilizzo, che i materiali da scavo sono stati completamente utilizzati secondo le previsioni comunicate. 43 L Articolo 41 bis e le nuove procedure operative. L articolo 41 bis regola: i cantieri inferiori a mc (cantieri di cantieri di piccole dimensioni) tutte le casistiche che non ricadono nel D.M. 161/2012. Tale articolo infatti prevede che, in relazione a quanto disposto dall'articolo 266 comma 7 D.Lgs. 152/06 ed in deroga a quanto previsto dal D.M. 161/12, i materiali da scavo prodotti nel corso di attività e interventi autorizzati in base alle norme vigenti, sono sottoposti al regime di cui all'articolo 184-bis D.Lgs. 152/06, a determinate condizioni, estendendo (cfr. comma 5) tale possibilità anche ai materiali da scavo derivanti da attività e opere non rientranti nel campo di applicazione del comma 2-bis dell'articolo 184-bis D.Lgs. 152/

23 L applicabilità del DM 161/2012 viene quindi limitata ai materiali da scavo provenienti da attività od opere soggette a VIA o ad AIA come previsto dal nuovo comma 2bis dell art. 184 bis D.Lgs. 152/06 (dopo le modifiche introdotte con la citata legge 98/2013): 2-bis. Il decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 10 agosto 2012, n. 161, adottato in attuazione delle previsioni di cui all'arti 49 DL 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla Legge 24 marzo 2012, n. 27, si applica solo alle terre e rocce da scavo che provengono da attività o opere soggette a valutazione d'impatto ambientale o ad autorizzazione integrata ambientale. Il decreto di cui al periodo precedente non si applica comunque alle ipotesi disciplinate dall'articolo 109 del presente decreto. Art. 109 D.Lgs. 152/06: Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte 45 In sintesi: applicazione (come previsto dall art. 41, comma 2, della nuova norma) del Regolamento di cui al DM 161/2012 per i materiali da scavo derivanti da opere sottoposte a VIA o ad AIA applicazione dell art. 41 bis in tutti gli altri casi, quindi non solo per i cantieri inferiori a mc, ma per tutte le casistiche che non ricadono nel DM 161/2012. Per i piccoli cantieri e comunque per tutti i cantieri non sottoposti a VIA o AIA, NON si applica il DM 161/2012, bensì la procedura semplificata prevista dall art. 41-bis della legge n. 98/

24 Applicazione dell art 41bis L'art. 41-bis si applica a tutti i materiali da scavo provenienti da opere non soggette a VIA o ad AlA, indipendentemente dal volume di scavo da riutilizzare, mentre ricadono nelle fattispecie disciplinate dal D.M. 161/12 le attività o opere soggette a VIA o ad AlA, anche qui indipendentemente dal volume di scavo da riutilizzare Fonte: ARPA Lombardia 47 L innovazione più importante apportata dell art 41bis Per tutte le casistiche non ricadenti nel DM 161/2012, prevede che: il proponente o il produttore attesti il rispetto dei quattro punti (comma 1) che consentono di considerare i materiali da scavo come sottoprodotti e non rifiuti mediante autocertificazione (dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR 445/2000) da presentare all ARPA (comma 2) territorialmente competente, mentre la modifica dei requisiti e delle condizioni indicati nella dichiarazione deve essere comunicata entro trenta giorni al comune del luogo di produzione. il produttore (comma 3) deve inoltre confermare l avvenuto utilizzo all Arpa ed al Comune, territorialmente competenti con riferimento al luogo di produzione e di utilizzo, che i materiali da scavo sono stati completamente utilizzati secondo le previsioni comunicate. il trasporto (comma 4) avviene come bene/prodotto

25 CONTENUTI della DICHIARAZIONE all ARPA del proponente o del produttore Contenuti: il rispetto delle condizioni previste dalla norma tramite dichiarazione ai sensi e per gli effetti del testo unico di cui al DPR n. 445/2000: a.) che è certa la destinazione all'utilizzo direttamente presso uno o più siti o cicli produttivi determinati; b.) che, in caso di destinazione a recuperi, ripristini, rimodellamenti, riempimenti ambientali o altri utilizzi sul suolo, non siano superati i valori delle concentrazioni soglia di contaminazione di cui alle colonne A e B della tabella 1 dell'allegato 5 alla parte IV del D.Lgs 152/06, con riferimento alle caratteristiche delle matrici ambientali e alla destinazione d'uso urbanistica del sito di destinazione e i materiali non costituiscono fonte di contaminazione diretta o indiretta per le acque sotterranee, fatti salvi i valori di fondo naturale; c.) che, in caso di destinazione ad un successivo ciclo di produzione, l'utilizzo non determina rischi per la salute né variazioni qualitative o quantitative delle emissioni rispetto al normale utilizzo delle materie prime; d.) che ai fini di cui alle lettere b) e c) non è necessario sottoporre i materiali da scavo ad alcun preventivo trattamento, fatte salve le normali pratiche industriali e di cantiere. 49 La dichiarazione del proponente/produttore La dichiarazione deve contenere sufficienti indicazioni sulla quantità e qualità dei materiali da scavo e sui siti interessati (produzione, deposito e utilizzo), al fine di permettere la verifica del rispetto delle quattro condizioni (indicate nel comma 1 dell art. 41bis) necessarie per poter classificare il materiale come «sottoprodotto», quindi: quantità e qualità dei materiale da scavo destinate all'utilizzo; sito di produzione, di deposito e di utilizzo; provvedimenti / titoli in possesso del destinatario per l'utilizzo dei materiali di scavo; tempi previsti per I'utilizzo 50 25

26 La dichiarazione del proponente/produttore In merito al contenuto della dichiarazione, non esiste un obbligo a riguardo ma in ogni caso è necessario che la stessa contenga tutte le informazioni previste dall art. 41-bis, in mancanza delle quali possono crearsi i presupposti per una gestione di rifiuti non autorizzata. La dichiarazione NON deve essere integrata con documentazione tecnica (i documenti tecnici verranno richiesti da ARPA in fase di eventuale controllo). L art. 41-bis comma 2, indica come destinatario obbligatorio la sola ARPA, ma si ritiene opportuno che copia della dichiarazione venga inviata per conoscenza anche ai Comuni in cui si trovano i siti di produzione, deposito e utilizzo e/o alle autorità che autorizzano l opera da cui si generano i materiali La dichiarazione può essere inviata attraverso la PEC 51 Nella modulistica il proponente o produttore DICHIARA il rispetto delle condizioni previste dalla norma tramite dichiarazione ai sensi e per gli effetti del testo unico di cui al DPR n. 445/2000. E si dichiara il falso? Ovvero i dati comunicati non sono sufficienti o non sono riscontrati a seguito dei controlli? 52 26

27 Gli effetti di una dichiarazione mendace: il d.p.r. 445/2000 Articolo 38 Modalità di invio e sottoscrizione delle istanze 1.Tutte le istanze e le dichiarazioni da presentare alla pubblica amministrazione o ai gestori o esercenti di pubblici servizi possono essere inviate anche per fax e via telematica. 2.Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se sottoscritte mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore e' identificato dal sistema informatico con l'uso della carta di identità elettronica. 3. Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della amministrazione pubblica o ai gestori o esercenti di pubblici servizi sono sottoscritte dall'interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. La copia fotostatica del documento e' inserita nel fascicolo. Le istanze e la copia fotostatica del documento di identità possono essere inviate per via telematica; nei procedimenti di aggiudicazione di contratti pubblici, detta facoltà e' consentita nei limiti stabiliti dal regolamento di cui all'articolo 15, comma 2 della legge 15 marzo 1997, n Il d.p.r. 445/2000 Articolo 47 Dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà 1. L'atto di notorietà concernente stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato è sostituito da dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza delle modalità di cui all'articolo La dichiarazione resa nell'interesse proprio del dichiarante può riguardare anche stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza. 3. Fatte salve le eccezioni espressamente previste per legge, nei rapporti con la pubblica amministrazione e con i concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nell'articolo 46 sono comprovati dall'interessato mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. 4. Salvo il caso in cui la legge preveda espressamente che la denuncia all'autorità' di Polizia Giudiziaria e' presupposto necessario per attivare il procedimento amministrativo di rilascio del duplicato di documenti di riconoscimento o comunque attestanti stati e qualità personali dell'interessato, lo smarrimento dei documenti medesimi e' comprovato da chi ne richiede il duplicato mediante dichiarazione sostitutiva 54 27

28 Il d.p.r. 445/2000 Articolo 48 - Disposizioni generali in materia di dichiarazioni sostitutive 1. Le dichiarazioni sostitutive hanno la stessa validità temporale degli atti che sostituiscono. 2. Le singole amministrazioni predispongono i moduli necessari per la redazione delle dichiarazioni sostitutive, che gli interessati hanno facoltà di utilizzare. Nei moduli per la presentazione delle dichiarazioni sostitutive le amministrazioni inseriscono il richiamo alle sanzioni penali previste dall'articolo 76, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate. Il modulo contiene anche l'informativa di cui all'articolo 10 della legge 31 dicembre 1996, n In tutti i casi in cui sono ammesse le dichiarazioni sostitutive, le singole amministrazioni inseriscono la relativa formula nei moduli per le istanze. 55 Il d.p.r. 445/2000: i controlli Articolo 71 Modalità dei controlli 1. Le amministrazioni procedenti sono tenute ad effettuare idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e I controlli riguardanti dichiarazioni sostitutive di certificazione sono effettuati dall'amministrazione procedente con le modalità di cui all'articolo 43 consultando direttamente gli archivi dell'amministrazione certificante ovvero richiedendo alla medesima, anche attraverso strumenti informatici o telematici, conferma scritta della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei registri da questa custoditi. 3. Qualora le dichiarazioni di cui agli articoli 46 e 47 presentino delle irregolarità o delle omissioni rilevabili d'ufficio, non costituenti falsità, il funzionario competente a ricevere la documentazione dà notizia all'interessato di tale irregolarità. Questi * tenuto alla regolarizzazione o al completamento della dichiarazione; in mancanza il procedimento non ha seguito. 4. Qualora il controllo riguardi dichiarazioni sostitutive presentate ai privati che vi consentono di cui all'articolo 2, l'amministrazione competente per il rilascio della relativa certificazione, previa definizione di appositi accordi, è tenuta a fornire, su richiesta del soggetto privato corredata dal consenso del dichiarante, conferma scritta, anche attraverso l'uso di strumenti informatici o telematici, della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei dati da essa custoditi

29 Il d.p.r. 445/2000: le sanzioni per l Amministrazione Articolo 73 - Assenza di responsabilità della pubblica amministrazione 1. Le pubbliche amministrazioni e i loro dipendenti, salvi i casi di dolo o colpa grave, sono esenti da ogni responsabilità per gli atti emanati, quando l'emanazione sia conseguenza di false dichiarazioni o di documenti falsi o contenenti dati non più rispondenti a verità, prodotti dall'interessato o da terzi. Articolo 74 - Violazione dei doveri d'ufficio 1. Costituisce violazione dei doveri d'ufficio la mancata accettazione delle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto di notorietà rese a norma delle disposizioni del presente testo unico. 2. Costituiscono altresì violazioni dei doveri d'ufficio: a) la richiesta e l'accettazione di certificati o di atti di notorietà; b) il rifiuto da parte del dipendente addetto di accettare l'attestazione di stati, qualità personali e fatti mediante l'esibizione di un documento di riconoscimento; c) la richiesta e la produzione, da parte rispettivamente degli ufficiali di stato civile e dei direttori sanitari, del certificato di assistenza al parto ai fini della formazione dell'atto di nascita; (R) c-bis) il rilascio di certificati non conformi a quanto previsto all'articolo 40, comma Il d.p.r. 445/2000: sanzioni procedurali per il dichiarante Articolo 75 - Decadenza dai benefici 1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 76, qualora dal controllo di cui all'articolo 71 emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. ATTENZIONE: presupposti per una gestione di rifiuti non autorizzata!!! 58 29

30 Il d.p.r. 445/2000: sanzioni penali Articolo 76 Norme penali 1. Chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia. 2. L'esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale ad uso di atto falso. 3. Le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell'articolo 4, comma 2, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale. 4. Se i reati indicati nei commi 1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l'autorizzazione all'esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi più gravi, può applicare l'interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte. 59 Sanzioni penali: le falsità in atti Libro II, Titolo VII, Capo III - Della falsità in atti Art Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Art Uso di atto falso

31 Sanzioni penali: le falsità in atti Art Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l'atto è destinato a provare la verità, è punito con la reclusione fino a due anni. Se si tratta di false attestazioni in atti dello stato civile la reclusione non può essere inferiore a tre mesi. 61 Sanzioni penali: le falsità in atti Art Uso di atto falso. Chiunque senza essere concorso nella falsità, fa uso di un atto falso soggiace alle pene stabilite negli articoli precedenti, ridotte di un terzo. Qualora si tratti di scritture private chi commette il fatto è punibile soltanto se ha agito al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno

32 L Articolo 41 bis e i materiali da scavo interessati Per esplicito richiamo dell art. 41bis, comma 1, sono tutti quelli elencati nell art. 1, comma 1, lettera b, del DM 161/2012, vale a dire: b. "materiali da scavo": il suolo o sottosuolo, con eventuali presenze di riporto, derivanti dalla realizzazione di un'opera quali, a titolo esemplificativo: scavi in genere (sbancamento, fondazioni, trincee, ecc.); perforazione, trivellazione, palificazione, consolidamento, ecc.; opere infrastrutturali in generale (galleria, diga, strada, ecc.); rimozione e livellamento di opere in terra; materiali litoidi in genere e comunque tutte le altre plausibili frazioni granulometriche provenienti da escavazioni effettuate negli alvei, sia dei corpi idrici superficiali che del reticolo idrico scolante, in zone golenali dei corsi d'acqua, spiagge, fondali lacustri e marini; residui di lavorazione di materiali lapidei (marmi, graniti, pietre, ecc.) anche non connessi alla realizzazione di un'opera e non contenenti sostanze pericolose (quali ad esempio flocculanti con acrilamide o poliacrilamide). I materiali da scavo possono contenere, sempreché la composizione media dell'intera massa non presenti concentrazioni di inquinanti superiori ai limiti massimi previsti dal presente regolamento, anche i seguenti materiali: calcestruzzo, bentonite, polivinilcloruro (PVC), vetroresina, miscele cementizie e additivi per scavo meccanizzato. Fonte: ARPA Lombardia 63 L Articolo 41 bis e le analisi (1) Quando è necessario fare le analisi della terra da scavare? Il comma 1 lett. b) dell art. 41-bis prevede che chi intende riutilizzare le terre da scavo dimostri "che, in caso di destinazione a recuperi, ripristini, rimodellamenti, riempimenti ambientali o altri utilizzi su/ suolo, non sono superati i valori delle concentrazioni soglia di contaminazione di cui alle colonne A e B della tabella 1 dell'allegato 5 alla parte IV D.Lgs. 152/06, con riferimento alle caratteristiche delle matrici ambientali e alla destinazione d'uso urbanistica del sito di destinazione. Poiché tale dimostrazione è possibile solo avendo a disposizione i valori di concentrazione dei potenziali contaminanti nel terreno da scavare, l analisi deve essere sempre fatta quando il terreno è destinato a riutilizzo in un sito diverso da quello di produzione. Fonte: ARPA Veneto 64 32

33 L Articolo 41 bis e le analisi (2) I materiali da scavo devono essere sottoposti ad analisi? La legge non richiede esplicitamente l effettuazione di analisi per cui non esiste un obbligo in tal senso, tuttavia il dichiarante si assume la responsabilità (anche penale) di dimostrare che il materiale rispetta i limiti qualitativi (colonne A e B della tab, 1, all. 5, Parte IV, D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) previsti dalla norma e che non costituisce fonte di contaminazione diretta o indiretta per le acque sotterranee. E pertanto opportuno disporre di valide documentazioni tecniche (ad es. documenti progettuali, referti analitici, ) a supporto di quanto dichiarato, da esibire in fase di eventuali controlli. Fonte: ARPA FVG 65 L Articolo 41 bis e il trasporto Quale documentazione è necessaria per il trasporto del materiale di scavo? Come prevede il comma 4 dell art. 41-bis "l'utilizzo dei materiali da scavo come sottoprodotto resta assoggettato al regime proprio dei beni e dei prodotti. A tal fine il trasporto di tali materiali è accompagnato, qualora previsto, dal documento di trasporto o da copia del contratto di trasporto redatto in forma scritta o dalla scheda di trasporto di cui agli articoli 6 e 7-bis del D. Lgs. 286/2005 e s.m.i."'. Fonte: ARPA Veneto 66 33

34 L Articolo 41 bis e le autorizzazioni Le attività di scavo devono essere autorizzate dagli enti competenti in quanto attività edilizie e quindi il processo di autocertificazione dovrà comunque essere coordinato con l iter edilizio. Il comma 1 dell art. 41-bis recita che la norma si applica in riferimento ai materiali da scavo prodotti nel corso di attività e interventi autorizzati in base alle norme vigenti e il comma 2 afferma che le attività di scavo e di utilizzo devono essere autorizzate in conformità alla vigente disciplina urbanistica e igienico-sanitaria. E opportuno pertanto riportare gli estremi delle autorizzazioni nella dichiarazione. Nel caso in cui la realizzazione dell opera ricada in procedure che non prevedono un espressione della autorità competente inserire comunque i riferimenti relativi all autorità e all abilitazione o alla comunicazione rilevanti ai fini dell esecuzione dell opera. Fonte: ARPA FVG 67 In conclusione, le alternative per la gestione dei materiali da scavo sono: 1.) Riutilizzo nel sito di produzione 2.) Riutilizzo in sito diverso da quello di produzione 3.) Riutilizzo come sottoprodotto 4.) Recupero come rifiuto 68 34

35 1.) Riutilizzo nel sito di produzione Il suolo escavato e riutilizzato in loco ai sensi dall art. 185, comma 1, lettera c), D.Lgs. 152/06 NON è un rifiuto ed è escluso dall applicazione del DM 161/2012. L'esclusione è infatti prevista per la sola attività di escavazione direttamente collegabile a un'attività di costruzione sullo stesso sito (un possibile riferimento normativo è rinvenibile nell'articolo 3 del DPR 380/2001, "Testo Unico Edilizia"), mentre il DM 161/2012 copre concetti molto più ampi sia in termini di definizione di opera, sia di materiali di scavo (si vedano in proposito le definizioni riportate all art. 1 del DM 161/2012). L'assenza di contaminazione del suolo, obbligatoria anche per il materiale allo stato naturale, deve essere valutata con riferimento all'allegato 5, tabella 1, Dlgs 152/2006 Parte IV Titolo V "Bonifica dei siti contaminati«, unico riferimento nazionale possibile in materia di contaminazione del suolo e del sottosuolo. 69 Esempio di analisi con riferimento all'allegato 5, tabella 1 D.Lgs 152/2006 Parte IV Titolo V "Bonifica dei siti contaminati " 70 35

36 2.) Riutilizzo in sito diverso da quello di produzione Ai sensi dell art. 185 c. 4 del D.Lgs 152/2006 il suolo escavato non contaminato e altro materiale allo stato naturale, utilizzati in siti diversi da quelli in cui sono stati escavati, devono essere valutati ai sensi, nell'ordine: degli art. 183, comma 1, lettera a) [RIFIUTO], 184-bis [SOTTOPRODOTTO] e 184-ter [CESSAZIONE QUALIFICA DEL RIFIUTO]. In questo caso non è prevista alcuna deroga espressa alla normativa sulla gestione dei rifiuti, ma il legislatore si limita a rimandare alle nozioni generali di rifiuto, sottoprodotto e cessazione della qualifica di un rifiuto previste dal D.Lgs 152/ ) Riutilizzo come sottoprodotto In questo caso vanno distinte due ipotesi: a) materiali da scavo derivanti da opere sottoposte a VIA o ad AIA. Si applica il Regolamento di cui al DM 161/2012, come previsto dall art. 41 comma 2 della Legge n. 98/2013. b) materiali da scavo derivanti da opere NON sottoposte a VIA o ad AIA. Si applica la disciplina generale del sottoprodotto come previsto dall art. 41-bis della Legge n. 98/

37 4) Recupero come rifiuto Nei casi dove non sono verificati, non sussistono o vengono meno i requisiti dei punti precedenti, le terre e rocce da scavo sono da classificare rifiuti. Infatti l art. 184 del D.Lgs 152/06 definisce come speciali i rifiuti prodotti dalle attività di scavo; che possono essere avviati ad attività di recupero, in particolare: recupero semplificato Dm 05 febbraio 1998 e s.m.i., art. 214 e 216 D.Lgs 152/06 o recupero ordinario, art. 208 D.Lgs 152/06. In entrambe le casistiche possono trasformarsi in prodotti e rientrare nel circuito economico. Le condizioni generali previste per la cessazione della qualifica di rifiuto sono descritte nell art. 184-ter del D.Lgs 152/ Le linee guida di Arpa Lombardia e i controlli sul territorio 74 37

38 75 LA MODULISTICA PER L UTILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO predisposta da ANCE Lombardia. La modulistica si compone di: 1- MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO 2- COMUNICAZIONE DI MODIFICA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO 3- COMUNICAZIONE DI COMPLETO UILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO 76 38

39 1- MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Costituiscono parte integrate della Dichiarazione i seguenti allegati: Allegato 1: dati del sito di produzione Allegato 2: dati dell eventuale sito di deposito Allegato 3: dati del sito o ciclo di destinazione Allegato 4: tempi previsti per l utilizzo Allegato 5: qualità dei materiali da scavo COMUNICAZIONE DI MODIFICA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO Costituiscono parte integrate della Comunicazione gli allegati oggetto di modifica 3- COMUNICAZIONE DI COMPLETO UILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO 78 39

40

41

42

43 Casi pratici: I. Riporto nel terreno di scavo II. Inerti da demolizione III. Inerti con bitume IV. Se il materiale da scavo è un rifiuto? V. Il Piano di Utilizzo del DM 161/12 VI. Analisi e campionamenti VII. Responsabilità e aspetti sanzionatori 85 Caso pratico I. Se tra i materiali di scavo si sia riscontrata la presenza di materiali di riporto quali accertamenti è necessario fare ai fini del loro riutilizzo? Sia per il riutilizzo nello stesso sito che, a maggior ragione, per il riutilizzo in altro sito diverso da quello di produzione i materiali di riporto devono essere sottoposti a test di cessione effettuato sui materiali granulari ai sensi dell'articolo 9 del DM 5 febbraio 1998, ai fini delle metodiche da utilizzare, per escludere rischi di contaminazione delle acque sotterranee. Infatti l art. 41 della L. 98/2013 al comma 3 prevede che le matrici materiali di riporto che non siano risultate conformi ai limiti del test di cessione sono fonte di contaminazione e come tali devono essere rimosse o devono essere rese conformi ai limiti del test di cessione tramite operazioni di trattamento che rimuovano i contaminanti o devono essere sottoposte a messa in sicurezza permanente utilizzando le migliori tecniche disponibili e a costi sostenibili che consentano di utilizzare l area secondo la destinazione urbanistica senza rischi per la salute. Ne risulta che esse non sono riutilizzabili se non è stata eseguita la verifica di conformità ai limiti del test di cessione. Essi devono comunque rispettare anche i limiti di cui alla tab. 1, All.5 al titolo V della parte IV del D.Lgs. 152/06. Fonte: ARPA Veneto 86 43

44 Caso pratico II. inerti da demolizione processo produttivo = demolizione edilizia prodromo della realizzazione di una nuova opera prodotto finale = nuova opera utilizzo certo = riempimento degli scavi (realizzazione dei piazzali accessori all'opera edilizia) nessun trattamento diverso dal versamento nello scavo assenza di lesioni all'ambiente o alla salute umana rientra nel concetto di sottoprodotto? 87 Caso pratico: inerti da demolizione La demolizione di un edificio non può considerarsi processo di produzione: una nuova costruzione può essere effettuata anche indipendentemente da precedenti demolizioni. Un macchinario che raccoglie e tritura materiale già qualificabile come rifiuto, e precisamente rifiuti da demolizione, realizza un'attività di recupero dei rifiuti, necessitante quindi di autorizzazione (Cass. 15 ott 2013, n ). NON è un SOTTOPRODOTTO Inoltre: gli INERTI da DEMOLIZIONE NON sono TERRE e ROCCE da SCAVO (Corte di Cassazione Sez III penale sentenza 09 mag 2013 n 19942) 88 44

45 Caso pratico III. inerti con bitume Le recenti modifiche normative che hanno interessato le rocce e terre da scavo, conclude la Suprema Corte (sentenza 46243/2013), non hanno quindi alcun rilievo in un caso riguardante materiale bituminoso che comunque, al pari di ogni prodotto proveniente da scavo o demolizione, può essere considerato sottoprodotto e quindi non rifiuto soltanto in ipotesi di totale riutilizzazione nel rispetto delle condizioni fissate dal successivo articolo l84-bis. Rigettato quindi il ricorso contro il sequestro preventivo del mezzo utilizzato per il trasporto del materiale in questione, non autorizzato al trasporto di rifiuti, visto che la previsione contenuta nel D:Lgs. 152/2006, articolo 259 che prevede l'obbligatoria confisca del mezzo in ipotesi di condanna è da sola sufficiente per giustificare il sequestro dello stesso qualora si ravvisi il fumus di reato e si debba escludere l'estraneità del terzo titolare.. I materiali bituminosi provengono dal petrolio e presentano un evidente potere di contaminazione, con conseguente classificazione degli stessi come rifiuto. 89 Caso pratico IV. Se il materiale da scavo è un rifiuto, come posso recuperarlo per un suo utilizzo futuro? Occorre considerare l art. 184-ter: cessazione qualifica di rifiuto 90 45

Terre e rocce da scavo

Terre e rocce da scavo Terre e rocce da scavo INERTI DA TRATTAMENTO RIFIUTI TERRE E ROCCE DA SCAVO EVOLUZIONE NORMATIVA DELLE TERRE DI SCAVO 1997 Le terre e rocce da scavo in un primo tempo erano state escluse dall applicazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ DICHIARAZIONE IN MERITO AL RISPETTO DEI CRITERI PREVISTI IN TEMA DI RIUTILIZZO DI TERRE E ROCCE DA SCAVO DAL COMMA 1 DELL ART. 41bis DEL DECRETO LEGGE 21 GIUGNO 2013, N 69, RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA

TERRE E ROCCE DA SCAVO da allegare al progetto dei lavori privati soggetti a Permesso di Costruire, D.I.A.,SCIA, VIA, AIA Modello 13 rev.1 del 31/03/2014 relativo alla PO per il sistema della reportistica e modalità di gestione dei procedimenti e dei pareri di competenza del Servizio Ambiente RIFERIMENTO A: PERMESSO di COSTRUIRE:

Dettagli

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc.

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc. DICHIARAZIONE SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO (art. 186 D.Lgs 152/2006 come modificato da D.Lgs. n. 4/08) Oggetto : Riutilizzo delle terre e rocce da scavo ai sensi

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento;

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento; SETTORE AMBIENTE ENERGIA Servizio Pianificazione e Presidenza Gestione dei Rifiuti Osservatorio Provinciale Rifiuti CIRCOLARE n.1/2011 Linee di indirizzo provinciali per la compilazione della modulistica

Dettagli

Seminario Tecnico sulla Nuova Disciplina relativa alla terre e rocce da scavo

Seminario Tecnico sulla Nuova Disciplina relativa alla terre e rocce da scavo Seminario Tecnico sulla Nuova Disciplina relativa alla terre e rocce da scavo Vicenza, 23/11/2012 Palazzo Bonin Longare Relatore: Ing. Andrea Meneghini Consulente Ambientale Il punto della situazione Con

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015

TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO. Tolmezzo 15/05/2015 TERRE E ROCCE DA SCAVO TECNICHE DI CAMPIONAMENTO IN SITO Tolmezzo 15/05/2015 SRV indagini geologiche srl Geologo Massimo Valent- Geologo Stefano Russo WWW.INDAGINIGEOLOGICHE.IT NORMATIVA VIGENTE 2 DEFINIZIONI

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS

LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS LA GESTIONE DEI MATERIALI DA SCAVO AL DI FUORI DEL REGIME DELLE TRS Seminario del 29 maggio 2013 Stefania Alemani Provincia di Torino TERRE E ROCCE DA SCAVO L INTERESSE SI SPOSTA DA: PRODUTTORE DELLA TERRA

Dettagli

RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI

RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI Mod. SIN_01_00 AL SIGR SINDACO DEL COMUNE DI CERVIA Piazza Garibaldi n. 1 48015 CERVIA (RA) RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI Il/la/Sottoscritto/a nato/a il a residente/domiciliato a in Via n. C.A.P. Tel.

Dettagli

WORKSHOP OICE AMBIENTE

WORKSHOP OICE AMBIENTE WORKSHOP OICE AMBIENTE Roma 21 Marzo 2013 Aspetti legislativi Sulla gestione dei materiali da scavo Avvocato Elena Nieri QUALIFICAZIONE GIURIDICA DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Definizione di rifiuto ex

Dettagli

Allegato 1 DICHIARA. che le terre e rocce da scavo provenienti dal suddetto intervento (barrare la/le voce/i, che interessa/no):

Allegato 1 DICHIARA. che le terre e rocce da scavo provenienti dal suddetto intervento (barrare la/le voce/i, che interessa/no): CRITERI PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO E MATERIALE DI RISULTA DA ATTIVITA DI CANTIERE (Decreto legislativo 03.04.2006 n 152 e s. m. i. art. 186) Allegato 1 Schema di dichiarazione relativa

Dettagli

La classificazione dei rifiuti ai fini del loro recupero. Maria Palumbo Direttore Centro Campano Tecnologie Ambientali CCTA Scarl

La classificazione dei rifiuti ai fini del loro recupero. Maria Palumbo Direttore Centro Campano Tecnologie Ambientali CCTA Scarl La classificazione dei rifiuti ai fini del loro recupero Maria Palumbo Direttore Centro Campano Tecnologie Ambientali CCTA Scarl Definizione di rifiuto Rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO

TERRE E ROCCE DA SCAVO TERRE E ROCCE DA SCAVO Guida alla disciplina vigente Promosso da Realizzato da Novembre 2013 Ecocerved Terre e rocce da scavo. Guida alla disciplina vigente Pubblicazione: novembre 2013 Gruppo di lavoro:

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE Settore Ambiente Adempimenti in caso di evento potenzialmente contaminante Soggetti interessati Responsabile dell inquinamento Proprietario o gestore

Dettagli

PIANO DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO (D.M. 10/8/2012, N.161)

PIANO DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA SCAVO (D.M. 10/8/2012, N.161) Spett.le Comune di (autorità competente)... Via... n Il sottoscritto (cognome)... (nome)..., C.F..., nato a..., il..., residente in..., prov. (.), via... n..., C.A.P...., in qualità di:...... ai sensi

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Tesi di Laurea SMALTIMENTO E RIUTILIZZO DEL MATERIALE

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in:

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in: Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA Marca da bollo ( 14,62) c. a. Sportello Unico per le Attività Produttive di... Il sottoscritto 1 : nato a:

Dettagli

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale

Dettagli

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani

Pordenone, 5 aprile 2011. Codice dell Ambiente. ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato. Marcello Cruciani Pordenone, 5 aprile 2011 Codice dell Ambiente ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato Marcello Cruciani 1 Il quadro normativo D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 D.M. 17 dicembre

Dettagli

Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i.

Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i. Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i. ECOMONDO - SALA GEMINI FIERA DI RIMINI 3 Novembre 2015 Relatore: Ing. Andrea Meneghini Ecamricert

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO COMUNE DI QUATTORDIO(AL) UFFICIO TECNICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) Art. 19 della Legge 7 agosto 1990 n 241 come modificato dall art. 49, comma 4-bis del D.L. 31.05.2010 n 78

Dettagli

CONSORZIO per l'area di SVILUPPO INDUSTRIALE di BARI

CONSORZIO per l'area di SVILUPPO INDUSTRIALE di BARI PROGETTO PRELIMINARE DEL RISCHIO IDRAULICO ASI MOLFETTA CONSORZIO per l'area di SVILUPPO INDUSTRIALE di BARI Via delle Dalie, 5 - Z.I. - 70026 - MODUGNO Tel.080.964.16.00 - fax 080.990.43.06 - info@asibari.net

Dettagli

Criteri e indicazioni per la gestione delle terre e rocce da scavo ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e dell art. 41 bis, Legge 98/2013.

Criteri e indicazioni per la gestione delle terre e rocce da scavo ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e dell art. 41 bis, Legge 98/2013. Criteri e indicazioni per la gestione delle terre e rocce da scavo ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e dell art. 41 bis, Legge 98/2013. Criteri e indicazioni per la gestione delle terre e rocce da scavo

Dettagli

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n.

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n. MARCA DA BOLLO da Euro 14,62 [fac-simile di domanda] [In caso di domanda presentata da Enti Pubblici lo schema deve subire le conseguenti modificazioni. In caso di soggetti privati la domanda deve essere

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ESENZIONE DALL OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA

DICHIARAZIONE DI ESENZIONE DALL OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA DICHIARAZIONE DI ESENZIONE DALL OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (ai sensi dell art. 3, comma 2 del D.P.P. 13.07.2009, n. 11-13/Leg) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO

Dettagli

Terre e Rocce da Scavo D.M. 161-2012

Terre e Rocce da Scavo D.M. 161-2012 Terre e Rocce da Scavo D.M. 161-2012 Dirigente Responsabile Assimpredil Ance 07 febbraio 2013 1 Un occasione Persa E da più di 16 anni che i Costruttori stanno aspettando dal Legislatore risposte chiare

Dettagli

Oggetto: Procedure semplificate per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo.

Oggetto: Procedure semplificate per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo. CIRCOLARE N. 191 Bergamo, 30 agosto 2013 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Procedure semplificate per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo. Richiamiamo la nostra circolare n. 147 del 27 giugno

Dettagli

Allegato n. 20. Regolamento in materia di dichiarazioni sostitutive

Allegato n. 20. Regolamento in materia di dichiarazioni sostitutive LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI piazza I Maggio, 26-33100 Udine - Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale: 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE Prot. Generale N. 0100090 / 2015 Atto N. 4715 OGGETTO: BENFANTE S.P.A. MODIFICA NON SOSTANZIALE DELL AUTORIZZAZIONE UNICA, RILASCIATA,

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE

BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE BILANCIO DI PRODUZIONE DEI MATERIALI INERTI DA SCAVO E DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE E COSTRUZIONE l.r. 3 dicembre 2007 n. 31 (NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI) Allegato obbligatorio

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

nato/a a Prov. il / / residente a Prov. Via n. per conto: Proprio Proprio e dei soggetti elencati in apposita tabella allegata

nato/a a Prov. il / / residente a Prov. Via n. per conto: Proprio Proprio e dei soggetti elencati in apposita tabella allegata Allo SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DEL COMUNE DI Marca da bollo da. 16.00 o Numero identificativo della stessa, in caso di trasmissione telematica DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DPR 59/2013

Dettagli

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO.

INTRODUZIONE. 4 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE. 5 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI. 5 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO. SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 RIMOZIONE MASSICCIATA STRADALE... 5 3 DEMOLIZIONE MANUFATTI EDILI E STRADALI... 5 4 SCAVO TRADIZIONALE ALL APERTO... 6 5 TRIVELLAZIONI... 6 6 CARATTERIZZAZIONE CHIMICA...

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

Aspetti normativi e procedure amministrative

Aspetti normativi e procedure amministrative Comune di Milano Settore Piani e Programmi Esecutivi per l Edilizia Servizio Piani di Bonifica Aspetti normativi e procedure amministrative Ing Alba De Salvia Servizio Piani di Bonifica Settore Piani e

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

Terre, rocce e materiali di scavo: riutilizzo, abbandono e il problema del recupero del territorio

Terre, rocce e materiali di scavo: riutilizzo, abbandono e il problema del recupero del territorio Terre, rocce e materiali di scavo: riutilizzo, abbandono e il problema del recupero del territorio Raffaella Quitadamo Milano, Sala Congressi via Corridoni, 16 16 dicembre 2013 1.Introduzione Sommario

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46, D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente a provincia cap

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46, D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente a provincia cap ALLEGATI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46, D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Mod. A Sedi secondarie Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente a provincia cap Via n., consapevole che

Dettagli

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i.

COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. ORIGINALE IN BOLLO 16,00 COMUNICAZIONE DI CAMPAGNA DI ATTIVITA DI RECUPERO / SMALTIMENTO DI RIFIUTI TRAMITE IMPIANTO MOBILE (D.Lgs. 152/06 s.m.i. art 208 COMMA 15) SPETT.LE PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO

Dettagli

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo.

paragrafo successivo, in cui sono indicate le modalità di riutilizzo, omettendo la parte anagrafica già compilata nel presente paragrafo. Riutilizzo Terre e Rocce da Scavo DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n 152 - Art. 186, come modificato dal D.lgs. N. 4/08 Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il in qualità di Titolare, Legale Rappresentante,

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

COS E L AUTOCERTIFICAZIONE

COS E L AUTOCERTIFICAZIONE COS E L AUTOCERTIFICAZIONE L ARTICOLO 46 DEL DPR N. 445/2000 CONSENTE AL SINGOLO CITTADINO DI POTERE CERTIFICARE UNA SERIE DI STATI, QUALITA PERSONALI E FATTI PUR IN ASSENZA DI DOCUMENTAZIONE ORIGINARIA

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI 1.IDENTIFICAZIONE RICHIEDENTE Richiedente.... Indirizzo.. Referente...n tel...e-mail Tipologia richiedente (barrare una casella) titolare dell'autorizzazione lavori per conto del titolare dell'autorizzazione

Dettagli

RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI. Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a. il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n

RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI. Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a. il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI Al Sindaco del Comune di Prato Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n domiciliato/a in ( prov. ) in Via recapito telefonico

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151 Meno carte Più sicurezza Ambito di riferimento DPR 151/2011 Prevenzione Incendi Legge 122/10 SCIA DPR 160/2010 Regolamento SUAP La novità Le

Dettagli

D.l.vo 152/06 art. 186 riprende lo stesso concetto senza modifiche sostanziali. D.l.vo 4/08 modifica alcuni articoli del testo unico tra cui il 186

D.l.vo 152/06 art. 186 riprende lo stesso concetto senza modifiche sostanziali. D.l.vo 4/08 modifica alcuni articoli del testo unico tra cui il 186 TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI CANTIERI EDILI A partire dal 2001 con la legge 443 (detta legge Lunardi) è stata normata la gestione delle terre e rocce da scavo al di fuori del regime rifiuti. D.l.vo 152/06

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

ifiuti Com è noto agli addetti ai lavori, la complessa materia

ifiuti Com è noto agli addetti ai lavori, la complessa materia Antonio Coduti - Geologo, esperto Ambientale ANEA (Associazione Nazionale Esperti Ambientali Torino) Direttore e consulente aziendale in materia ambientale - e-mail: acodgeo@infinito.it R ifiuti LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

CITTA DI MOGLIANO VENETO

CITTA DI MOGLIANO VENETO CITTA DI MOGLIANO VENETO P.zza Caduti, 8 C.A.P. 31021 PROVINCIA DI TREVISO tel. 041/5930.111 - fax 041/5930.299 Codice fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E COLLAUDO

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano Mario Lagorio Convegno sul tema: La gestione dei materiali da scavo Ferrara, 19 Settembre 2014 Il Comune

Dettagli

Lettera di trasmissione A Fincalabra SpA Via Pugliese,30 88100 CATANZARO

Lettera di trasmissione A Fincalabra SpA Via Pugliese,30 88100 CATANZARO Lettera di trasmissione A Fincalabra SpA Via Pugliese,30 88100 CATANZARO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE SUI PRESTITI A FAVORE DEI PESCATORI CALABRESI ISCRITTI NEL REGISTRO MATRICOLA GENTE

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E del 20/09/2012 n. 570 D I P A R T I M E N T O I I I G o v e r n o d e l T e r r i t o r i o SETTORE I - TUTELA E VALORIZZA ZIONE DELL AMBIENTE A r e

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59

ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 [Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Ing. Roberta Lala Direttore Antincendi Comando Provinciale VV.F. Lecce Contesto normativo di riferimento Nuove regole

Dettagli

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore

Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore Nuove normative suoi suoli: dalla centralità della bonifica alla responsabilizzazione dell operatore avv. Andrea Martelli Convegno sul tema: La gestione dei materiali da scavo Ferrara, 19 Settembre 2014

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica Modello Certificato di collaudo finale relativo a D.I.A. / S.C.I.A. / ATTIVITA EDILZIA LIBERA CERTIFICATO DI COLLAUDO FINALE attestante la conformità dell opera al progetto presentato con la Segnalazione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA Lezione 1 - giovedì 3 aprile 2014 - h. 15.00 19.00 Gestione dei Rifiuti - Quadro generale della normativa; - Definizioni, la nozione di rifiuto; l esclusione dei sottoprodotti e delle materie prima secondarie;

Dettagli

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 1 febbraio 2012 Protocollo: Rif.: 148047 /RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI

Dettagli

Principi e regole fondamentali

Principi e regole fondamentali CITTÀ DI SANT AGATA DE GOTI (PROVINCIA DI BENEVENTO) III SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO AUTENTICHE Autocertificazione Più facile il rapporto con la Pubblica Amministrazione La vita amministrativa

Dettagli

Riammissione degli enti esclusi dal 5 per mille 2006 e 2007

Riammissione degli enti esclusi dal 5 per mille 2006 e 2007 COORDINAMENTO NAZIONALE DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Riammissione degli enti esclusi dal 5 per mille 2006 e 2007 Indice Il fatto Enti esclusi dal 5 per mille 2006 Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTI DI NOTORIETA (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTI DI NOTORIETA (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. Dipartimento Organizzazione e Risorse Umane Procedura selettiva, per titoli, finalizzata all individuazione di personale da assumere, a tempo determinato, per le supplenze presso i nidi e le scuole dell

Dettagli

Richiesta risarcimento danni

Richiesta risarcimento danni Richiesta risarcimento danni Al Sindaco del Comune di Prato Il/la sottoscritto/a (nome e cognome) nato/a a il, residente a Provincia in via/piazza n. domiciliato/a in (prov. ) in via Telefono Cellulare

Dettagli

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano

La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano Settore Bonifiche La gestione dei materiali da scavo e la problematica di riporto: l'esperienza del Comune di Milano Milano 26.6.14 Mario Lagorio Comune di Milano Direttore Settore Bonifiche Il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli