NIENTE RITENUTA D ACCONTO SE C È SOLO IL RECUPERO SPESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NIENTE RITENUTA D ACCONTO SE C È SOLO IL RECUPERO SPESE"

Transcript

1 (IL SOLE 24 ORE DEL ) Fisco ZONE FRANCHE COUNT DOWN PER IL BANDO (di M. Pri., pag.15) L'accesso alle agevolazioni fiscali e contributive a favore delle imprese situate nelle zone franche urbane avverrà tramite un bando del Ministero dello Sviluppo Economico. Questa l'indicazione contenuta nel D.M. 10 aprile 2013 pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» n.161 dell'11 luglio. NIENTE RITENUTA D ACCONTO SE C È SOLO IL RECUPERO SPESE Il percipiente non deve indicare le somme nella dichiarazione (di S. Morina e T. Morina, pag.15) I rimborsi spese per prestazioni occasionali sono "liberi" dalla ritenuta d'acconto. Una fondazione, che non corrisponde ai docenti e ricercatori alcun compenso per la prestazione occasionale, ma riconosce solo il rimborso delle spese sostenute per viaggio, vitto e alloggio, non deve operare alcuna ritenuta. L'esonero dalla ritenuta vale anche se è la fondazione a pagare anticipatamente le spese. La semplificazione vale anche per il percipiente, sia residente in Italia sia fiscalmente non residente, che non deve riportare le somme e le corrispondenti spese nella dichiarazione dei redditi. Resta in ogni caso ferma la rilevanza dei costi per il committente, anche ai fini dell'irap. È questa, in sintesi, la risposta fornita dall'agenzia delle Entrate, con la R.M. n.49/e dell'11 luglio 2013, a seguito di un'istanza di interpello presentata dalla Fondazione istituto italiano di tecnologia. LA RISCOSSIONE DRIBBLA LA PRIVACY L Agente può chiedere ai clienti del professionista i dati sulle somme che gli devono (di A. Iorio, pag.17) Non viola la privacy la società di riscossione che per effettuare il pignoramento presso terzi chiede ai clienti del contribuente moroso una dichiarazione delle somme a lui dovute. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n.17203depositata ieri. Diritto societario PRIVILEGIO ANCHE ALL ASSOCIAZIONE Lo studiolegale ammessoal passivo se prova la personalitàdelle prestazioni (di A. Galimberti, pag.17) Anche il credito dell'associazione professionale può, con alcuni limiti, essere ammesso allo stato passivo del fallimento con il riconoscimento del privilegio generale sui mobili. Lo ha stabilito la Cassazione (sentenza n.17207/13, depositata ieri), rigettando definitivamente il ricorso di un curatore fallimentare milanese che chiedeva di escludere, dai crediti ammessi al privilegio, quelli vantati dall'associazione professionale di avvocati già consulentidella società fallita.

2 Lavoro BONUS ASSUNZIONI IN STAND BY Probabile modifica della disposizione per chi beneficia dell Aspi (di A. Cannioto e G. Maccarone, pag.16) I datori di lavoro potranno contare sull'incentivo previsto per promuovere l'occupazione stabile di giovani (massimo 650 mensili), solo dopo l'avvenuta attuazione di altri provvedimenti correlati. Infatti, il co.10 dell'art.1 del D.L. n.76/13 premia le assunzioni effettuate a partire dalla data in cui verranno approvati gli atti di riprogrammazione economica, a prescindere dalla dislocazione territoriale dell'azienda. Di diversa portata l'incentivo in favore delle assunzioni di lavoratori percettori dell'indennità Aspi, che, invece, è efficace dal 28 giugno e in attesa di regolamentazione. In entrambi i casi, però, è opportuno che il quadro si completi prima di effettuare assunzioni. Nel pacchetto di provvedimenti attraverso cui il D.L. n.76/13 tenta di dare slancio all'occupazione sono contenute due principali misure incentivanti. La prima è rappresentata da una forma sperimentale di facilitazione volta a promuovere l'incremento dell'occupazione stabile dei giovani caratterizzati da particolari condizioni soggettive di svantaggio (privi da almeno 6 mesi di un impiego regolarmente retribuito; sprovvisti di un diploma di scuola media superiore o professionale; che vivono soli con una o più persone a carico); la seconda si propone di facilitare la ricollocazione dei soggetti che hanno perso il lavoro. L INPS RESTITUISCE IL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ (pag.16) Saranno restituite con le mensilità di luglio o di agosto le somme trattenute dall'inps a titolo di contributo di perequazione per il L'istituto di previdenza ha comunicato ieri (messaggio 11243) le modalità con cui si adeguerà alla sentenza di incostituzionalità per il contributo di perequazione previsto dal D.L. n.98/11 sulle pensioni superiori a Si tratta di un prelievo pari al 5% per la parte di assegni compresa tra 90 e euro; al 10% per la quota tra e euro; al 15% per la parte eccedente La restituzione degli importi per i lavoratori dipendenti del settore privato e la gestione ex Inpdap avverrà con la mensilità di agosto, mentre per l'ex Enpals la mensilità sarà quella di agosto. Ovviamente verranno anche ricalcolati i nuovi importi mensili senza contributo e rideterminata la relativa tassazione imponibile. Tempi e modalità per la restituzione di quanto trattenuto negli anni 2011 e 2012 saranno comunicati prossimamente con un altro messaggio. (ITALIA OGGI DEL ) Fisco TASSA SULLE BARCHE A RIMBORSO Disco verde alla restituzione per natanti fino a 14 metri (di V. Stroppa, pag.24) Sì al rimborso della tassa sulle barche fino a 14 metri già pagata per l'anno Le modifiche al prelievo fiscale sulle unità da diporto costeranno all'erario metà del gettito. Mentre l'estensione della Robin tax alle imprese energetiche di minori dimensioni avrà

3 effetto soltanto a partire dall'esercizio È quanto ha precisato il ministero dell'economia in una serie di risposte rese alla Commissione finanze della Camera, impegnata nell'esame del Decreto «Fare» (che nel frattempo ha ottenuto il via libera da parte della commissione stessa, la quale chiede tra l'altro nel suo parere un'accelerazione sul terreno della fatturazione elettronica e il monitoraggio entro 9 mesi di tutte le misure adottate). ADDIO ALLE RITENUTE Se il compenso è pari alla spesa (di A. Bongi, pag.25) Lavoro autonomo occasionale: niente più ritenuta d'acconto quando il compenso è pari alle spese sostenute. Al tempo stesso niente più obbligo di riportare dette somme, e le corrispondenti spese, nella dichiarazione dei redditi del soggetto percipiente. In casi del genere infatti il reddito diverso creato da tale prestazione risulta pari a zero ed è pertanto inutile applicare allo stesso la ritenuta d'acconto nella misura del 20% e dichiarare lo stesso nel modello Unico. Eccolo un primo passo concreto verso la semplificazione degli adempimenti tributari contenuto nella R.M. n.49/e diffusa ieri dall'agenzia delle Entrate. BENI RUBATI DAL DEPOSITO: SONO DOVUTI I DAZI E L IVA (di F. Ricca, pag.24) Sono dovuti i dazi e l'iva in caso di furto di beni dal deposito doganale: la sottrazione della merce, introdotta in regime sospensivo, realizza infatti i presupposti per l'esigibilità dell'imposta all'importazione. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia Ue con la sentenza dell'11 luglio 2013, causa C-273/12, risolvendo le questioni sollevate dai giudici francesi nell'ambito di una controversia sull'applicabilità dei tributi in seguito a una rapina delle merci detenute da un'impresa in regime di deposito doganale. IL CLIENTE FA LA SPIA AL PROFESSIONISTA (di D. Alberici, pag.25) Per il fisco non ci sono più segreti. Infatti, Equitalia può acquisire informazioni dai clienti del professionista, anche senza la sua autorizzazione, per accertare il suo reddito facendo compilare loro un questionario. Non sussiste alcuna violazione della privacy. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n dell'11 luglio 2013, ha respinto il ricorso di un consulente del lavoro che aveva lamentato una violazione della privacy da parte del concessionario della riscossione che aveva fatto compilare ai suoi clienti un questionario per risalire al redditoreale del professionista. DIFESA PARALIZZATA Ostacoli dal contributo unificato (di S. Trovato, pag.23) Il pagamento del contributo unificato è un ostacolo all'esercizio del diritto di difesa. In molti casi, considerata anche la crisi economica, la mancanza di risorse impedisce ai contribuenti di contestare le pretese del Fisco. Un danno particolare viene arrecato alle associazioni di volontariato, come il Codacons, che tutelano una quantità notevole di consumatori e utenti. A precisarlo è la CTR di Roma, prima sezione, che con

4 l'ordinanza n. 86 del 4 luglio scorso ha rimesso gli atti alla Consulta, sollevando la questione di legittimità costituzionale della norma di legge che non esonera dal contributo le associazioni di volontariato. L AUTOTUTELA NON HA UN EFFICACIA SANANTE (di V. Cristiano, pag.23) L'autotutela non ha efficacia «sanante». La CTR di Aosta, con la sentenza n.13 del 7 maggio 2013, torna sulla questione dell'impugnabilità del diniego di autotutela opposto dall'amministrazione Finanziaria, a seguito di accertamento divenuto definitivo per mancata impugnazione. TERRENI, LEGATA AL LUOGO LA NATURA PERTINENZIALE (di E. Di Giacomo, pag.23) La natura pertinenziale di un terreno deve rilevarsi attraverso l'analisi della conformazione dello stato dei luoghi per cui l'iscrizione autonoma in Catasto della pertinenza e del fabbricato non può escludere la natura di pertinenza del terreno. Il principio è contenuto nella sentenza n.163/35 del 7 giugno 2013, della CTR di Roma da cui emerge che la diversa iscrizione in Catasto della pertinenza non è di ostacolo alla considerazione unitaria di essa con l'abitazione principale, non escludendo l'applicazione dell'art.2 del D.Lgs. n.504/92. STUDIO, CREDITI SENZA PRIVILEGI (di D. Alberici, pag.29) Il giudice può ammettere al fallimento i crediti dei professionisti dello studio associato, individuando i compensi dei singoli e quindi anche nel caso in cui la richiesta provenga dall'associazione. Sdoganando un'interpretazione estensiva delle norme sulle procedure concorsuali, la Corte di Cassazione, sentenza n dell'11 luglio 2013, ha dato torto a un curatore fallimentare che si era opposto all'ammissione al passivo dei crediti di due avvocati, facenti parte di uno studio associato, in quanto i professionisti non si erano costituiti personalmente. Per la Cassazione il compito del giudice può arrivare fino a individuare il compenso che spetta a ciascun legale ignorando il fatto che a costituirsi sia stato non la persona ma lo studio stesso. FALLIMENTI, IL CONIUGE NE RISPONDE (di C. De Stefanis, pag.28) Sì all'estensione del fallimento al coniuge di un imprenditore commerciale, in quanto ha prestato in suo favore alcune fideiussioni, concesso una garanzia ipotecaria sulla metà indivisa dei propri beni immobili (di cui il coniuge imprenditore era comproprietario) e sottoscritto insieme allo stesso contratti di conto corrente cointestati. Tutte queste sono prove infatti dell'esistenza di una società di fatto. Per poter considerare esistente una società di fatto, agli effetti della responsabilità delle persone e/o dell'ente, anche in sede fallimentare, non occorre necessariamente la prova del patto sociale. Ma è sufficiente la dimostrazione di un comportamento, da parte dei soci, tale da ingenerare nei terzi il convincimento giustificato e incolpevole che quelli agissero come soci. Pertanto coloro che si comportino esteriormente come soci vengono ad assumere in solido obbligazioni come

5 se la società esistesse. In caso di società di fatto (che si assuma) fra consanguinei, la prova della esteriorizzazione del vincolo deve essere particolarmente rigorosa. Occorrendo che essa si basi su elementi e circostanze concludenti, tali da escludere che l'intervento del familiare possa essere motivato dalla «affectio familiaris», sicché, di regola, non è di per sé sufficiente la dimostrazione di finanziamenti e/o pagamenti ai creditori dell'impresa da parte del congiunto dell'imprenditore, costituendo questi atti neutri, spiegabili anche in chiave di solidarietà familiare. A tali principi, affermano i giudici di Cassazione, si è correttamente attenuta la Corte di merito nell'evidenziare che, oltre alla cointestazione di tre conti correnti affidati, utilizzati per l'esercizio dell'impresa, vi era la costituzione di ipoteca volontaria a favore di banche creditrici e la collaborazione prestata dalla moglie alla gestione dell'impresa. Sussisteva, nella concreta fattispecie, l'esteriorizzazione del vincolo. Questo è il principio espresso dalla Corte di Cassazione, sez. I civile, con la sentenza del 5 luglio 2013, n Lavoro LA SANATORIA IMMIGRATI FA IL BIS Si al permesso se l iter è fallito per colpa del datore (di D. Cirioli pag. 29) Una sanatoria per la sanatoria immigrati. Infatti, se la procedura d'emersione 2012 non può andare a buon fine per cause imputabili al datore di lavoro, al lavoratore straniero è comunque garantita la regolarizzazione: con il rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione e l'archiviazione degli eventuali procedimenti penali e amministrativi a suo carico. Lo precisa la circolare congiunta dei ministeri del lavoro e dell'interno, rispettivamente prot. n.4096/2013 e n.4417/2013, che illustra le novità introdotte dal decreto Lavoro alla procedura di emersione scaduta lo scorso anno, allo scopo di «accelerare e semplificare la trattazione delle domande» (in realtà, il fine è stoppare il contenzioso). PENSIONATI D ORO, PARTE IL RIMBORSO DEL TICKET IstruzioniInpsdopo la sentenzadella Corte Costituzionale (di C. De Lellis, pag.29) Al via la restituzione del ticket ai pensionati d'oro, ma soltanto per l'anno Infatti, il contributo trattenuto sulle pensioni oltre i 90 mila euro, censurato come incostituzionale dalla Consulta, verrà rimborsato sulla rata di pensione di luglio ai pensionati pubblici (ex Inpdap) e su quella di agosto ai privati. Rinviato invece il rimborso per gli anni 2011 e Lo spiega l'inps nel messaggio n.11243/13.

6 (IL SOLE 24 ORE DEL ) Fisco RADIOTAXI, IVA CON ALIQUOTA AL 4% ANCHE CON I SERVIZI GPRS/GSM (pag.20) Si applica l'iva del 4% anche alle prestazioni di servizi di radiotaxi che oggi utilizzano la tecnologia GPRS/GSM, come accade per quelle rese mediante la superata tecnologia di radiocomunicazioni e per le quali l'iva agevolata era consentita dal n. 36, tabella A, parte seconda, allegata al DPR n.633/72. È questa l'interpretazione fornita dall'agenzia delle Entrate nella R.M. n.50/e del 12 luglio 2013, secondo la quale il servizio di radiotaxi, reso mediante tecnologia GPRS/GSM, è riconducibile - sotto il profilo tecnico - alle «prestazioni di radiodiffusioni circolari relative al servizio di trasporto pubblico o di noleggioda rimessa» (art.5, co.2, D.L. n.70/88). SUI BENI COINTESTATI SEQUESTRO LIMITATO I confini delle misure cautelari (di A. Iorio, pag.19) Il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente può essere eseguito su beni cointestati all'indagato solo dopo aver dimostrato che esso sia nella esclusiva disponibilità di chi ha commesso la violazione o in ipotesi di assoluta necessità rappresentata dall'indivisibilità del bene o da comprovate esigenze finalizzate a evitarne la dispersione. Ove tali circostanze non siano dimostrate, la misura cautelare può interessare soltanto la quota di proprietà intestata all'indagato. A precisarlo è la Corte di Cassazione, sezione III penale con la sentenza n depositataieri. 13 Lavoro PROCEDURA ALLEGGERITA PER LA SANATORIA 2012 Aumentano le garanzia anche per i datori di lavoro (di M. Noci, pag.20) Regolarizzazione anche senza l'idoneità alloggiativa e possibilità di giustificazione per i datori di lavoro. I Ministeri dell'interno e del Lavoro con la circolare congiunta del 10 luglio hanno fornito alcuni chiarimenti relativi alla procedura di emersione dal lavoro irregolare (D.Lgs. n.109/12), alla luce delle novità introdotte dal co.10 dell'art.9 del D.L. n.76/13 del 28 giugno. INFORTUNI ALL ESTERO, REGOLE ITALIANE (di G. Maccarone e S. Perna, pag.20) I lavoratori distaccati in un paese Ue devono avere con sé il documento PD DA1 che attesta il diritto alla copertura sanitaria in caso di infortunio sul lavoro o di malattia professionale se vogliono che vengano appilcate le regole del paese di origine. Lo comunica l'inail con un' recapitata in questi giorni alle aziende interessate e ai consulenti del lavoro.

7 RATEAZIONE CONTRIBUTI CON DISCIPLINA UNICA (di A. Cannioto e G. Maccarone, pag.20) L'accorpamento dell'inpdap e dell'enpals nell'inps produce effetti anche sulla rateazione dei debiti contributivi in fase amministrativa, con l'applicazione di un regolamento unico. La nuove direttive sono in vigore da ieri e l'istituto di previdenza le ha rese note con la circolare n.108. FISSATO L INDICE DEL TFR PER IL MESE DI GIUGNO (di N. Bianchi e P. Perrone, pag.20) A giugno il coefficiente per rivalutare le quote di trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2012 è pari a 1, L'art.2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di TFR accantonata deve essere rivalutata. Varie FINANZIAMENTI ANCHE PER DANNI INDIRETTI Terremoto 2012: entro ottobre si può presentare una nuova domanda per i pagamenti fiscali e contributivi (G. P.Tosoni, pag.19) Via libera alla nuova richiesta di finanziamenti per pagare i tributi da parte di chi è stato colpito dal terremoto del maggio È stato pubblicato il provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate che approva il modello per l'accesso ai finanziamenti per il pagamento dei tributi, contributi previdenziali e assistenziali a seguito delle modifiche introdotte dalla L. n.71/13 che ha convertito il D.L. n.43/13. ASL E OSPEDALI, BENI PIGNORABILI Non aggredibili solo i fondi che sono vincolati all erogazione dei servizi (di R. Mangano e R. Tundo, pag.17) È incosituzionale l'impignorabilità dei beni di Asl e ospedali nelle Regioni commissariate e sotto piano di rientro per i maxi debiti sanitari, imposta per legge ai loro creditori e in vigore ormai da tre anni fino al prossimo 31 dicembre. Duramente contestata dalle imprese fornitrici del Ssn, tanto più in quelle realtà sotto il macigno di debiti che vengono saldati perfino dopo giorni come accade nella Asl di Napoli centro, la norma salva debitori è stata impietosamente spazzata via dalla Corte costituzionale con la sentenza n.186 depositata ieri. AMPLIATA LA NULLITÀ RILEVATA D UFFICIO Anche ai casi in cui non si intende ottenere l applicazione di un contratto (di G. Negri, pag.19) Può essere rilevata anche d'ufficio la nullità di un contratto di fideiussione. Anche se le questioni sono state poste per la prima volta in appello. Lo precisa la Corte di Cassazione con la sentenza n della PrimaSezione civile depositataieri.

8 (ITALIA OGGI DEL ) Fisco COMUNICAZIONI RADIOTAXI, DAL MISE L OK ALL IVA AL 4% (di R. Rosati, pag.24) Anche i servizi di comunicazione radiotaxi resi attraverso tecnologia Gprs/Gsm pagano l'iva del 4%. Lo chiarisce l'agenzia delle Entrate con la R.M. n.50/e del 12 luglio 2013, sulla base del parere tecnicoformulatodal Ministero dello Sviluppo Economico. SOCIETÀ DI FATTO SUBITO SMONTATE Accertamenti a carico anche di uno solo dei presunti soci (di D. Alberici, pag.25) Quando l'amministrazione Finanziaria non riesce a provare l'esistenza della società di fatto può comunque emettere un valido avviso di accertamento a carico di uno dei presunti soci. Non solo. L'impresa che non ha le scritture contabili non può avvalersi del regime di margine. La Cassazione, con la sentenza n del 12/7/13, ha respinto il ricorso di un contribuente. AGENZIA E INPDAP SOLIDALI PER GLI ACCONTI NON VERSATI (di E. Di Giacomo, pag.23) In caso di mancato versamento dell'acconto Irpef se il contribuente si è rivolto al Caf, la responsabilità è da attribuire in pari misura all'agenzia delle entrate (sostituito) e all'inpdap (sostituto) i quali risultano obbligati solidali. L'interessante principio è contenuto nella sentenza n.114/35/13 della CTR di Roma depositata il 22 aprile 2013 da cui emerge che il principio della solidarietà processuale scatta tra i due Enti pubblici in quanto trattasi di prestazione dovuta unitariamente per natura e non può essere suddivisa tra gli stessi. SGRAVI PRIMA CASA, STRADA STRETTA Nessuno sconto sul trasferimento della residenza (di D. Alberici, pag.25) Il contribuente che trasferisce la residenza nell'abitazione a oltre un anno dall'acquisto non può usufruire delle agevolazioni fiscali sulla prima casa anche se si è stabilito nell'immobile appena finita la ristrutturazione, e quindi non appena disponibile effettivamente. Ribaltando la decisione della CTR di Bologna, la Corte di Cassazione, con la sentenza n del 12 luglio 2013, ha accolto il ricorso dell'amministrazione Finanziaria.

9 NON PERDE I BENEFICI LA ONLUS CHE AFFITTA Concessione dei locali a terzi per svolgere feste (di A. Montemurro e B. Menozzi, pag.25) La concessione dei locali dell'associazione non profit per lo svolgimento di feste private a favore di non soci, se occasionale è compatibile con la natura non commerciale dell'ente e non fa perdere le agevolazioni della L. n.398/11. È quanto emerge dalla lettura della sentenza n.118 del 10/05/13 della sezione prima della Commissione tributaria di Chieti. Lavoro RATEAZIONI INPS, O TUTTO O NIENTE Per pagare a tranche bisognachiudereogni pendenza (di D. Cirioli, pag.28) Stop alle rateazione parziali. Chi intenda ripianare a rate i debiti Inps, infatti, deve necessariamente farlo con riguardo a tutta la propria esposizione debitoria (Inps, ex Inpdap ed Enpals), per contributi e sanzioni. E deve, inoltre, rinunciare al contenzioso sull'esistenza dei debiti. Lo prevede, tra l'altro, il nuovo regolamento sulle dilazioni contributive Inps che, approvato con Determine n.229/12 e n.13/13, è illustrato dalla circolare n.108/2013. Varie NUOVO ROUND DI FINANZIAMENTI E modello ridisegnato per la comunicazione al Fisco (di V. Stroppa, pag.23) Nuovo round di finanziamenti agevolati per i contribuenti emiliani colpiti dal terremoto del maggio Cambia anche il modello da utilizzare per la comunicazione preventiva al Fisco. Per effetto delle proroga concessa dal D.L. n.43/2013, imprese e lavoratori autonomi danneggiati dal sisma potranno accedere a prestiti bancari per versare, senza sanzioni, imposte, contributi e premi assicurativi dovuti fino al 15 novembre Le domande andranno presentate entro il 31 ottobre A tale scopo, ieri sera l'agenzia delle Entrate ha provveduto a diffondere il nuovo modello di comunicazione per l'accesso al finanziamento previsto dall'articolo 11 del D.L. n.174/12, con le relative specifiche tecniche. IL CAPITALE DI RISCHIO VIA INTERNET Facilitate le procedure di raccolta per offerte sotto (di R. Lenzi, pag.27) Procedure semplificate per offerte provenienti da persone fisiche fino a 500 e fino a per le imprese. È una delle principali novità del regolamento in materia di «Raccolta di capitali di rischio da parte di imprese start up innovative tramite portali online», pubblicato dalla Consob ieri sul proprio sito e in Gazzetta Ufficiale (n.162 del 12/7/13), con delibera n del 26 giugno del

10 (IL SOLE 24 ORE DEL ) Fisco LE SCELTE SULL IMU ENTRANO NEL VIVO (di M. Mobili e G. Parente, pag.5) Non solo bonus sui lavori in casa. La settimana che inizia oggi si annuncia decisiva per il futuro della tassazione sugli immobili. All'ordine del giorno del Governo e del Parlamento c'è soprattutto il capitolo Imu. Giovedì si riunirà la cabina di regia della maggioranza. Sul tavolo ci saranno le principali ipotesi circolate al momento. Cancellazione totale dell'acconto sulle abitazioni principali (con relative pertinenze), terreni e fabbricati agricoli e case popolari; innalzamento della detrazione fino a 600 per esentare dal saldo di dicembre tra il 75% e l'80% delle prime case; consegna dal 2014 di tutta la partita Imu ai Comuni. LE MINUS COMPLICANO UNICO Nel quadro RT entrano gli effetti della crisisulla cessione di partecipazioni (di G. Favelli e M. Piazza, pag.2 N&T) La compilazione del quadro RT del modello Unico 2013 persone fisiche, che accoglie i redditi che derivano dalla cessione di quote, presenta più di una difficoltà, in particolare quando (come purtroppo capita di frequente in questi anni di crisi) si realizzano minusvalenze su tutto o parte del pacchetto partecipativo. Considerate le diverse opportunità di rideterminare o affrancare i valori delle partecipazioni sociali intervenute negli ultimi anni, occorre fare attenzione: agli adempimenti fiscali conseguenti alle procedure di riallineamento e alla determinazione delle plus/minusvalenze da cessione (eventualmente) generate. Gli autori proseguono con l analisi delle modalità compilative del quadro dichiarativo. IMPATTO NULLO SUL PRELIEVO (di G. Gavelli e M. Piazza, pag.2 N&T) La procedura di rideterminazione prevista dalla L. n.448/01 e dalle successive proroghe è applicabile solo alle partecipazioni in società non quotate detenute da soggetti che possono realizzare, per effetto della cessione (o del recesso «atipico» ma non nell'ipotesi di recesso «tipico» o liquidazione della società, si veda la C.M. n.35/e/04, paragrafo 2) redditi diversi in base all'art.67 del Tuir. Gli autori proseguono individuando le particolarità della disciplina. IL BONUS RETI D IMPRESA NON COMPRIME LA PERDITA Sospensioned imposta senza effetti sul riporto del rosso (di P. Meneghetti, pag.4 N&T) Niente paletti sul riporto delle perdite fiscali per le imprese che aderiscono a reti-contratto e beneficiano della sospensione d'imposta per gli utili. La quota destinata alla realizzazione degli investimenti e interessata dall'agevolazione non va considerata un provento esente da tassazione e quindi non influisce sull'entità di perdita riportabile a nuovo. La C.M. n.20/e/13 ricorda infatti che l'importo sospeso, concorrendo a determinare il risultato reddituale come variazione in diminuzione, può determinare

11 anche una perdita fiscale che rileverà secondo le regole del Tuir. Ma non solo. L'art.84, co.1, secondo periodo, del Testo unico, che pone limiti all'utilizzo e al riporto delle perdite per i soggetti che fruiscono di un regime di esenzione degli utili, non si applica - come chiarisce ancora la C.M. n.20/e - alle forme agevolative consistenti in sospensione d'imposta sugli utili come è appunto quella sulle reti d'impresa. È uno degli effetti che si potrebbero determinare con la compilazione del modello Unico 2013 ma vediamo nel dettaglio le modalità. ALT AL SEQUESTRO SE NON C È RISCHIO L impossibilitàdi alienare il patrimonioblocca la richiesta avanzata dall Ufficio (di L. Ambrosi, pag.5 N&T) La mancanza del rischio di perdere le garanzie blocca la concessione di ipoteca e sequestro conservativo richiesta dal Fisco sui beni del debitore. L'oggettiva impossibilità di occultare o alienare il patrimonio non consente, infatti, il via libera all'istanza presentata dall'ufficio. È quanto emerge dalla sentenza n.39/7/2013 della CTP. DICHIARAZIONE DI TERZI PER SUPERARE LA RETTIFICA Le giustificazioni sui versamenti bancari (di D. Settembre, pag.5 N&T) Il contribuente, anche in mancanza di scritture contabili, può vincere la presunzione di conseguimento di maggiori ricavi giustificando sia i versamenti sul proprio conto attraverso le dichiarazioni di terzi sia i prelievi con l'indicazione dei beneficiari. È quanto stabilito dalla sentenza n.75/1/2013 della CTP Campobasso. NO ALL ESTEROVESTIZIONE DELLA HOLDING Insufficiente lo svolgimento di alcuni servizi amministrativi in Italia (di A. Tomassini, pag.5 N&T) La holding lussemburghese di un gruppo multinazionale che svolge effettivamente la funzione di gestione delle partecipazioni detenute nelle controllate dislocate in vari Paesi non può essere considerata esterovestita e quindi tassata in Italia come se fosse una società residente. Ad affermarlo la sentenza n.59/32/2013 della CTR Lombardia. Fisco L AMMORTAMENTO SALVA LA SVALUTAZIONE Deduzione recuperabile se l importo in bilancio non supera il limite fiscalmente riconosciuto (di G. Albano e L. Miele, pag.3 N&T) La crisi può aver indotto molte attività d'impresa a svalutare immobilizzazioni materiali come impianti, macchinari o capannoni. L'operazione determina un disallineamento tra valori civili e valori fiscali del cespite in quanto la mera rettifica contabile non produce riflessi sul costo fiscalmente riconosciuto che resta quello ante svalutazione. Il recupero della svalutazione non dedotta, tuttavia, può essere effettuato a titolo di ammortamento anche prima della dismissione/realizzo dell'immobilizzazione. Nell'esercizio in cui è effettuata la svalutazione, la dichiarazione dei redditi dovrà riportare una variazione in aumento per un importo pari alla rettifica imputata al Conto economico in quanto la stessa

12 non è deducibile (temporaneamente). Il recupero per l'impresa del costo non dedotto generato dalla svalutazione non deve necessariamente avvenire al momento del realizzo del bene: momento che potrebbe risultare differito nel tempo, o addirittura, non avere mai luogo. Tale recupero può anche avvenire negli esercizi successivi alla svalutazione qualora l'ammortamento imputato al conto economico risulti inferiore rispetto a quello massimo fiscalmente consentito (coefficiente tabellare); in questo caso, la differenza tra i due importi potrà essere dedotta con una variazione in diminuzione extracontabile in Unico. Gli autori proseguono esponendo le diverse posizioni di Assonime e dell Agenzia delle Entrate. LA CHANCE È ESTESA AL TRIBUTO REGIONALE Dopo il chiarimentodella circolare n.26/e/12 (di G. Albanoe L. Miele, pag.3 N&T) L'imputazione al conto economico della svalutazione delle immobilizzazioni materiali non è deducibile dalla base imponibile Irap, analogamente a quanto accade agli effetti delle imposte sui redditi. Ma anche in questo caso, il costo non dedotto può essere recuperato dalle imprese nel corso del processo di ammortamento civile e non necessariamente alla chiusura dello stesso o, addirittura, all'atto del realizzo del cespite. Tale orientamento, già desumibile dalla prassi risalente dell'amministrazione finanziaria, è stato più di recente confermatodalla C.M. n.26/e/12. NECESSARIA UNA PERDITA DUREVOLE NEL TEMPO (di P. Meneghetti, pag.3 N&T) Le immobilizzazioni materiali sono iscritte nell'attivo patrimoniale nel rispetto del principio del costo (di acquisto o di produzione). È quanto prevede l'art.2426, p.to1, c.c., aggiungendo che nel costo vanno considerati anche gli oneri accessori di diretta imputazione e, nel caso della costruzione in proprio, i costi capitalizzabili fino al momento dell'ultimazione del bene. Il costo così determinato non è immodificabile nel tempo: oltre alla diminuzione di valore derivante dal processo di ammortamento, l'immobilizzazione materiale può essere ridotta per effetto di svalutazioni. L'analisi sulla necessità o meno di eseguire una svalutazione di immobilizzazioni nasce dalla sussistenza di sintomi che lascino prevedere una certa difficoltà a recuperare il valore del bene tramite l'uso. Sulle cause della svalutazione il documento contabile dell'oic cita una serie di elementi che vanno dagli errori di progettazione o di costruzione ai mutamenti tecnologici che rendono obsoleto il bene stesso. Per le immobilizzazioni destinate alla vendita (caso tipico per le imprese che cessano l'attività produttiva e hanno come unico obiettivo la cessione dei fabbricati strumentali) la svalutazione si rende necessaria quando il valore netto contabile si dimostra superiore rispetto a quello realizzabile tramite la vendita. Tutto ciò va supportato con studi documentati basati su elementi oggettivi (quindi perizie di stima, pianifuturi per l'impiego delle immobilizzazioni).

13 BONUS MOBILI, CORSA A OSTACOLI I tre momenti più critici: date di acquisto, scelta dell arredo e pagamento (di L. Ambrosi e V. Uva, pag.5) Per il bonus mobili si prospetta un percorso ricco di insidie. Chi in queste ore sta valutando la convenienza della detrazione fiscale del 50% per un massimo di di spese deve prestare molta attenzione a date e adempimenti per non perdere il diritto allo sconto fiscale. Non c'è infatti solo la condizione di legare il rinnovo dell'arredamento a lavori di ristrutturazione che a loro volta beneficiano della detrazione per ottenere la restituzione di metà della spesa in dieci anni. Il primo accorgimento riguarda le date. I dubbi si sono chiariti solo in questi giorni con il passaggio del decreto (D.L. n.63/13) all'esame del Parlamento. In Senato infatti è stato inserito un emendamento all'art.16 che chiaramente fissa la partenza del bonus-mobili alle spese «documentate e sostenute dalla data di entrata in vigore del presente decreto». Il provvedimento è entrato in vigore il 6 giugno scorso. Dopo il comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate del 4 luglio scorso è chiaro che l'unico mezzo di pagamento accettato è il bonifico bancario o postale, che sul genere di quelli già richiesti per le ristrutturazioni edilizie deve essere "parlante". Il Senato ha già esteso la detrazione ai «grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+». Per individuarli può aiutare (in attesa di specifici chiarimenti) il dossier del servizio studi della Camera, secondo cui si considerano tali comunemente: «frigorifero, lavatrice, congelatore, lavastoviglie, lavasciuga, forno». Lavoro IL CONTRATTO A PROGETTO VA BLINDATO Diventa tassativa l indicazione di tutti gli elementi che caratterizzano la collaborazione (di A. Casotti e M.R. Gheido, pag.1 N&T) Nuovo restyling per il lavoro a progetto: con l'entrata in vigore del D.L. n.76/13 (ora all'esame del Senato), dal 28 giugno sono cambiati la forma del contratto e i requisiti della collaborazione. Inoltre, è stato esteso ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, l'obbligo di convalida delle dimissioni. Interventi su cui si dovrà pronunciare il Parlamento nell'iter di conversione del decreto. Il D.L. n.76/13 ha modificato nuovamente le disposizioni previste dagli art.61 ss del D.Lgs. n.276/03. Una delle modifiche introdotte dall'art.7 del D.L. n.76 interessa la forma del contratto, che originariamente doveva contenere, «ai fini della prova» (D.Lgs. n.276/03, art.62, co.1), alcuni elementi, fra cui la descrizione del progetto, con individuazione del suo contenuto caratterizzante e del risultato finale che si intende conseguire, la durata e il corrispettivo pattuito. Ora è stato soppresso l'inciso «ai fini della prova»: l'elencazione degli elementi che il contratto deve contenere diventa dunque tassativa. L'altro intervento correttivo è stato apportato all'art.61, co.1 del D.Lgs. n.276/03, correggendo una semplice congiunzione «o» con una «e»: la nuova norma precisa che il progetto non può comportare lo svolgimento di compiti «meramente esecutivi e ripetitivi», che possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative sul piano nazionale.

14 DIMISSIONI IN BIANCO CON MAXI-SANZIONI Multa da 5mila a 30mila euro in caso di condotta illecita (di A. Rota Porta, pag.1 N&T) L'obbligo di convalidare le dimissioni e le risoluzioni consensuali, già previsto per i dipendenti, si estende ai lavoratori parasubordinati (è il risultato dell'aggiunta del co.23-bis all'art.4 della L. n.92/12, disposto dal D.L. n.76/13, art.7, co.5, lett.d). La nuova norma non brilla per chiarezza: le criticità, oltre alle problematiche gestionali legate all'obbligo di convalida, stanno nella difficoltà di tracciare con esattezza la platea degli interessati. Infatti, il D.L. n.76/13 fa riferimento ai «contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, di cui all'art.61, co.1, del D.Lgs. n.276/03»: non si comprende il significato della locuzione «anche», dal momento che quella disposizione della legge Biagi si riferisce ai soli contratti a progetto. Dal tenore letterale della norma, sembra dunque che l'obbligo di convalida tocchi anche altri rapporti di collaborazione, come le mini co.co.co e le collaborazioni senza progetto (come quelle riferibili ai pensionati di vecchiaia). A creare ulteriori incertezze, la dizione che subordina l'estensione a questi lavoratori delle regole sulla convalida «in quanto compatibili». SGRAVI 2012 ALL ULTIMA CHIAMATA Istanze fino al 25 luglio per i bonus retribuzioni di produttività dell annoscorso (di A. Rota Porta, pag.1 N&T) Ultimi giorni per richiedere gli sgravi contributivi legati alle retribuzioni premiali derivanti dalla contrattazione di secondo livello, corrisposte nel 2012: scade infatti il 25 luglio il termine per trasmettere le istanze all'inps, tramite il canale telematico, anche per i lavoratori iscritti all'inpgi e per quelli ex-inpdap ed ex-enpals. Peraltro, il messaggio Inps del 21 giugno 2013, oltre ad aver dettato le tempistiche per l'invio delle domande dai datori di lavoro interessati o degli intermediari abilitati, ha concesso anche una sorta di "sanatoria": per consentire agli utenti di verificare ed eventualmente aggiornare le istanze inoltrate, c'è tempo fino alle 23 del 26 luglio per annullarle e trasmetterle nuovamente. Le modalità di richiesta dello sgravio sono state fornite dall'istituto con la circolare n.73/2013. (ITALIA OGGI DEL ) Fisco PRELIEVI AUTONOMI Non sono correlati ai compensi (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) Nell'ambito degli accertamenti bancari ai professionisti, la presunzione secondo cui i prelevamenti ingiustificati rappresentano dei compensi professionali non dichiarati è incostituzionale. Lo afferma la CTR del Lazio nell'ordinanza n.27/29/13 dello scorso 10 giugno, con la quale i giudici capitolini hanno disposto la trasmissione degli atti di causa alla Consulta, per il vaglio costituzionale dell'art.32, co.1, n.2. 14

15 COMUNI, NIENTE TASSA GOVERNATIVA (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) I comuni non sono tenuti al pagamento della tassa di concessione governativa da corrispondersi, ad esempio, in relazione all'utilizzo di servizi di telefonia mobile. Di più. La Tcg è un prelievo illegittimo tout court, perché con la privatizzazione e liberalizzazione del mercato, la fornitura di reti e servizi non è più proprietà esclusiva dello stato, venendo meno, pertanto, il presupposto giuridico per la tassazione legittima degli atti amministrativi autorizzatori. Questo è quanto affermato dai giudici della CTR di Latina, nella sentenza n.324/39/13dello scorso 24 giugno. RETTIFICHE INFRAGRUPPO AMPIE (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) Quando si effettua un accertamento nei confronti di una società che fa parte di un gruppo in regime di consolidato fiscale deve tenersi conto dell'effetto complessivo delle rettifiche. Se, infatti, viene disconosciuto fiscalmente un costo in capo ad una delle consociate, che ha rappresentato un ricavo imponibile per una consorella, l'effetto fiscale è neutro, poiché la tassazione avviene su di un unico imponibile, che è la somma algebrica dei diversi redditi prodotti dalle singole unità societarie. Con queste conclusioni, la CTP di Reggio Emilia (sentenza n.93/02/2013 del 28 maggio) ha parzialmente accolto i ricorsi riuniti presentati da due società facenti parte del medesimo gruppo d'impresa. Fisco ELUSIONE SENZA CONTRADDITTORIO La mancanzanon rende nullo l avviso di liquidazione (di A. Felicioni, pag.10) La norma antielusiva in tema di imposta di registro (art.20 del DPR n.131/86) è più potente di quella ai fini delle imposte dirette (art.37-bis DPR n.600/73). Non serve infatti, per la riqualificazione di un atto (o di una serie di atti collegati tra loro) il contraddittorio preventivo imposto invece nel caso di applicazione della norma antielusiva generale classica. La Corte di Cassazione, con la sentenza n del 19 giugno, a distanza di pochi mesi dall'ultima pronuncia (Cassazione, ordinanza 6835/13) batte il ferro quando è ancora caldo in tema di riqualificazione degli atti ai fini dell'applicazione dell'imposta di registro, allargando ancor più la portata applicativa dell'art.20 del Tur. L autore prosegue analizzando l indirizzo della giurisprudenza sul tema. Diritto societario CONCORDATO IN BIANCO, LA VIGILANZA SI FA IN QUATTRO Gli effetti del decreto del fare sui debitori (di A. Felicioni, pag.8) Il concordato in bianco ingaggia il quarto arbitro. Oltre alla vigilanza del tribunale 15

16 (costituito di regola da un collegio di tre magistrati) sarà possibile nominare un commissario giudiziale fin dalla prenotazione, inasprendo i controlli sull'attività del debitore in questa particolare fase; lente puntata sul nuovo intervento in tema di procedure concorsuali, stavolta nel mirino finisce il comma sesto dell'art.161 L.F., ad opera del decreto del fare (D.L. n.69/13). La prima modifica di rilievo attiene alla documentazione da allegare al ricorso da presentare in Tribunale; oltre agli ultimi tre bilanci di esercizio è ora necessario che la domanda sia accompagnata «dall'elenco nominativo dei creditori con l'indicazione dei rispettivi crediti». In tal modo si impone al debitore di presentare in tribunale una foto aggiornata sulla situazione debitoria complessiva, indicando sia il nominativo di tutti i creditori sia il rispettivo credito vantato; quanto meno quello risultante dalle scritture contabili. Particolarmente significativa, seppur non eclatante come quelle appena viste, è l'applicazione dell'art.170, co.2. Ciò significa che, ancorché nessuna annotazione venga posta sotto l'ultima scrittura contabile precedente il ricorso (co.1 dell'art.170) le scritture devono essere messe a disposizione del giudice delegato e del commissario (se nominato). Tale incombente fa sì che non solo la posizione debitoria dell'imprenditore, ma l'intera gestione aziendale sia sottoposta a controllo costante da parte degli organi della (futura) procedura. Sempre nell'ambito del co.6 dell'art.161, sono poi introdotte misure di controllo specifiche, tese ad impedire facili strumentalizzazioni dell'istituto, in assenza di concrete volontà di perfezionare il percorso intrapreso da parte dell'imprenditore. PEC, L OBBLIGO NON VALE PER TUTTI La sospensione è derogata in caso di forme societarie (di C. De Stefanis, pag.14) Nessuna sanzione pecuniaria per le imprese individuali (anche artigiane) che non hanno comunicato il proprio indirizzo di posta elettronica (Pec) entro il 1 luglio. Ma solo sospensione da parte del registro delle imprese dallo stesso giorno di ogni domanda di variazione presentata dall'impresa individuale, fino a integrazione della stessa con l'indirizzo Pec e comunque per 45 giorni. Decorsi i quali, in mancanza della regolarizzazione, la pratica sospesa, anche se corretta, si intende non presentata. Questa è la conferma definitiva formulata da Unioncamere e contenuta nella lettera del 2 luglio inviata a tutti i segretari generali delle Camere di Commercio. 16

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Rassegna stampa del 02 Febbraio 2009 Fonte Il sole 24 ore Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Il libro

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli