CON.IPI. Confederazione Nazionale Investigatori Privati Italiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CON.IPI. Confederazione Nazionale Investigatori Privati Italiani"

Transcript

1 CON.IPI. Confederazione Nazionale Investigatori Privati Italiani (fondata dal Gen. CC. Giancarlo Servolini) Al Signor Presidente Della Repubblica Italiana Senatore Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Roma Alla Presidenza del Senato della Repubblica Italiana Presidente Schifani Prof. Renato Piazza Madama, 1 Al Presidenza della Camera dei deputati della Repubblica Italiana Presidente Fini dott. Gianfranco Via della Missione, 10 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidente Berlusconi Cav.dott. Silvio Palazzo Chigi Piazza Colonna, Roma Onorevole Ministro dott. Roberto Maroni Ministero dell Interno P.zza del Viminale, Roma Al Ministro della Giustizia On. Prof. Angelino Alfano Via Arenula,70 1

2 Al CORRIERE DELLA SERA ALLA STAMPA AL MESSAGGERO AL SOLE 24H AL GIORNALE ALLA REPUBBLICA A LIBERO AL MATTINO ALLA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO IL GIORNO AL RESTO DEL CARLINO A ITALIA OGGI ALL ANSA ALL ADNKRONOS ALL ASCA A WIKIPEDIA AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA ALLA RAI A MEDIASET A SKY Al Senatore Avv. Carlo Giovanardi Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Dei Ministri Palazzo Chigi Piazza Colonna, Roma Al Senatore dott. Giampaolo Bettamio Senato della Repubblica Via dei Caprettari, 79 Al Senatore dott. Luigi D Ambrosio Lettieri Senato della Repubblica Via dei Caprettari, 79 Al Senatore dott. Giuseppe Valentino Senato della Repubblica Via dei Caprettari, 79 Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ufficio dell Amministrazione Generale Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale Piazza del Viminale, Roma 2

3 OGGETTO: ISTITUTI DI INVESTIGAZIONE PRIVATA TULPS Sentenza della Corte di Giustizia DPR n.153/2008 DM. 557/Pass/ D (1) Reg. del 01/12/2010 Signori, con la presente, noi della Confederazione Nazionale degli Investigatori Italiani CON.IPI., fondata dal compianto generale dei CC Giancarlo Servolini, abbiamo l obbligo di farvi sapere il nutrito malcontento che serpeggia tra gli investigatori privati. Non è nostro interesse fare demagogia o rispolverare vecchi conflitti che gli investigatori patiscono da ormai 60 anni, ma non possiamo esimerci dall informarvi delle forti perplessità che ha suscitato l emanazione del DM approvato dalla commissione centrale e firmato dal On.le Ministro Maroni. Ci spiace dire che il DM è condivisibile solo in parte e ci spiace doverlo dire in questo momento delicato per il Nostro Paese. La CONIPI ha raccolto le lagnanze e lamentele e le ha tradotte in una assemblea nazionale il cui risultato è nel prosieguo di questa nota. Le problematiche emerse sul DM. - La costituzione della Commissione prevista dal DPR n.153/2008. Riteniamo che, nella costituzione della Commissione siano stati violati i principi fondamentali della Democrazia e quindi della Rappresentatività nominando per il settore investigazioni private un delegato non eletto da nessun altra associazione di categoria, ma soltanto perché asseritamente facente parte dell associazione più rappresentativa. - Crediamo che al di là delle competenze dei singoli componenti e delle norme che regolano la funzione della ridetta commissione non sia stato dato adeguato spazio agli investigatori. Una maggiore rappresentatività avrebbe 3

4 permesso una discussione più completa, magari energica, ma completa. Siamo certi che i rappresentati delle Istituzioni avrebbero saputo gestire in maniera egregia le più teste convocate per esaminare approfonditamente la materia. Quello che ci rammarica di più è il fatto secondo il quale è noto a tutti il modo come è classificato l investigatore privato e quali sono i limiti e le difficoltà in cui versa e quindi con comprendiamo le linee guida del DM. LE CAUZIONI - Giova ricordare prima di entrare nel merito di alcuni punti del DM che la globalizzazione, il libero esercizio, le agevolazioni alle imprese, gli sforzi per rilanciare l economia, sono strumenti utili per dare impulso alla competitività, per fornire servizi adeguati a costi contenuti. Il rilancio economico passa attraverso la maggiore domanda inseguita da una crescente offerta. Un principio ineludibile per la crescita economica a cui nessuno può sottrarsi. Il primo grosso scoglio avversato dalla maggior parte degli investigatori privati riguarda le cauzioni. Tutti auspicavano e condividevano una regolamentazione ma così non è stato. L applicazione delle tariffe cauzionali è un vero salasso. E deludente, per noi, constatare che la materia è stata affrontata senza rendersi conto dell aggravio di costi. L irritualità dei maggiori costi non legittima una sana competitività ma una logica discriminazione il cui unico comun denominatore è il vil denaro. Chi avrà maggiori risorse economiche potrà trarre beneficio in danno di tante famiglie. Riesce difficile comprendere qual é la ratio. 4

5 MACRO AREE OPERATIVE - Risulta di difficile interpretazione la suddivisione delle macroaree, visto e considerato il loro evidente collegamento ai maggior esborsi. Quantunque il titolare della licenza ex art.134 possegga i titoli accademico-tecnico-teorici sarà costretto a versare cauzioni e/o immobilizzare risorse finanziarie per poter esercitare la propria professione. Ci pare di capire che non esiste nessun rapporto di competenza professionale con le macroaree operative e ci pare di capire che alla lunga la nostra professione subirà un taglio la cui causa non sarà dettata dal mercato ma dalle risorse finanziarie. L attività investigativa E E DEVE ESSERE UNICA, ovverosia l autorizzazione deve abilitare l investigatore privato a svolgere investigazioni senza distinguo o con illogiche suddivisioni per ambito come scaturito dalla fervida ma irrazionale fantasia di chi le ha ideate. DIVIETO DI ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE PRESSO IL DOMICILIO E GLI STUDI LEGALI - Nulla questio, come ovvio che sia, per il domicilio privato - Per quanto riguarda lo studio legale, è evidente che la lacuna è collegabile solo alla datazione del TULPS. Oggi, i fatti vanno in modo diverso. Non si comprende la deroga/divieto per gli studi legali. Non sono essi professionisti come tutta le altre categorie regolate dagli albi/ordini? Non crediamo che si voglia anteporre il segreto professionale dell avvocato ( tra l altro lo hanno anche gli ingeneri, i commercialisti, i medici, ect.) al mero esercizio di controllo della P.S. E ci pare pure di capire che l investigatore, a parte lo studio legale, potrebbe accasarsi presso qualunque altra sede senza distinzione alcuna. 5

6 TITOLI PROFESSIONALI - Ciò che rende, illogico e disparitario è la parte che riguarda gli investigatori già titolati quindi con diritto acquisito. Non è certo prevaricante l obbligo di aggiornarsi ma riteniamo illogico che un investigatore qualificato per esperienza acquisita sul campo e magari autorizzato da soli quattro anni debba frequentare un corso riparatore che avrebbe la presunzione di parificare la laurea o colmare un esperienza di cinque anni. Ci pare oltremodo illogico il fatto secondo cui basterà frequentare il corso riparatoreparificatore per poi imporre all investigatore di scegliere le macro aree professionali solo in base alla propria disponibilità economica. Ci spiace dover supporre che la parte formativa ha più l esigenza di portare acqua al mulino - in favore di coloro che vorranno accreditarsi presso il dicastero, posto che i corsi potranno essere svolti sia da strutture private che dalle Regioni o enti Universitari. Auguriamoci inoltre che i giovani laureati nelle varie facoltà di Scienze dell Investigazione siano stati informati che, per poter ambire al tanto sospirato titolo di Polizia, oltre al patrimonio CULTURALE ed a quello PRATICO, debbano aver anche un patrimonio ECONOMICO da immobilizzare. Gli stessi neo laureati dovranno inoltre fare i conti con gli investigatori, presso i quali effettueranno il tirocinio, al momento della valutazione negativa. A chi si appelleranno per far apprezzare le qualità che l investigatore non ha saputo valutare positivamente? Altro punto che ci vede perplessi è quello relativo al tirocinio per coloro i quali aspirano ad ottenere la licenza per effettuare indagini penali. Essendo l investigatore, già autorizzato, l unico titolato ad effettuare indagini penali, cosa potrà delegare al tirocinante? 6

7 ATTIVITA NON PERTINENTI ALLA PROFESSIONE DI INVESTIGATORE PRIVATO - Il riferimento riguarda la lett avi) del comma dell art.5 del DM attività previste da leggi speciali o decreti ministeriali, caratterizzate dalla presenza stabile di persone dipendente presso i locali del committente. La norma, la quale non è ne minimamente, men che mai genericamente, disciplinata dal TULPS, è stata messa lì affinché taluni possano trarre beneficio per svolgere mansioni più tipicamente vicine alla vigilanza armata e non. Anche in questo caso la norma è illogica e quanto mai inapplicabile perché se da una parte si chiede la cauzione di 5000 euro dall altra è imbarazzante pensare che una cifra così irrisoria possa colmare la responsabilità di attività previste da leggi speciali o decreti ministeriali, caratterizzate dalla presenza stabile di persone dipendente presso i locali del committente leggasi guardie del corpo. Perché è di questo che stiamo parlando. RUOLO INVESTIGATORI PRIVATI DIPENDENTI - E di difficile interpretazione la ratio della norma. L unica cosa chiara e che l investigatore-datore di lavoro può decidere liberamente se concedere o meno l assenso favorevole sul futuro del proprio dipendente. Ci chiediamo come verrà disciplinata la meritocrazia che, tra le altre cose, risiede solo nel datore di lavoro. - Ministro Maroni ci perdoni se Le facciamo rilevare un altra incongruenza. Il 28 gennaio 2011 ( ma già se ne parlava a dicembre 2010 quando la S.V. aveva già firmato il DM) le sigle sindacali UGL terziario, UGL sicurezza, Federterziario e la AISS (sic!) hanno gettato le basi per il nuovo CCNL previsto anche per gli investigatori privati. Ci perdoni, ma riesce incomprensibile capire tanta tempestività. Non capiamo cos é la ENBISIT ente bilaterale alla quale è riservato un onere di tutto rispetto. Poi ci è ancora 7

8 complicato sapere che altra associazione EMBISI (noti la straordinaria somiglianza), formata da alcuni soci della Federpol, guarda caso l unica titolata a partecipare ai lavori della commissione centrale, abbia avuto un ruolo da protagonista nella stesura della bozza del DM. Dovremmo a questo punto ringraziare sia il TAR Lazio che Il Consiglio di Stato che hanno oggettivamente cassato l associazione e gli scopi che la stessa si era prefissa. Per la parte di specifica competenza, inoltre, Onorevole Ministro Maroni, questa nostra modesta illustrazione attiene alla problematiche di cui è cenno nella parte iniziale e noi ci facciamo carico di farle sentire la voce dei molti colleghi preoccupati del loro futuro professionale e per le loro famiglie. Siamo convinti che Ella vorrà ascoltarci e pertanto chiediamo di incontrarla nell immediato con l occasione di dipanare la matassa del DM e di tutte quelle altre criticità che frenano lo sviluppo della nostra professione. Il nostro è un lavoro fuori dal comune e dunque dobbiamo essere in grado di fornire un adeguato servizio all utenza. Ma ci domandiamo: come è possibile continuare in questa direzione se ci vengono negati ovvi diritti/doveri? Sig. Ministro, l abusivismo nel nostro settore è dilagante, tutti credevamo che il DM avrebbe provveduto ad arginare questo mostro ma così non è! Tanto per farle un esempio. Lei è a conoscenza del fatto che per ottenere un certificato dalla Motorizzazione dobbiamo litigare con gli uffici che assurgendosi a tutori della privacy dobbiamo dare faticanti spiegazioni? Per poi scoprire su internet che spopolano siti di società che sono in grado di fornire ogni informazione? Che razza di investigatori siamo se non possiamo risalire al proprietario di un auto? Ci si domanda perché mai è stata creata una macro area professionale proprio nel settore assicurativo, aggravata dalla cauzione sulla cauzione, e, al contrario, non è stato chiarito il diritto/dovere di accedere alla banca dati della Motorizzazione? Il caso è sintomatico e potremmo esporne di altri fino a raggiungere l incredulità. 8

9 Dunque è ovvio che il potenziale cliente anziché preferire un professionista si rivolge all amico, al parente, all amico dell amico, al partente del parente del parente, che può sapere illegalmente il dato a noi impedito. Non v è dubbio che è sottile la linea che demarca la tutela della privacy e le informazioni per uso investigativo ma è altrettanto vero che una regolamentazione chiara, corretta e sanzionatrice quanto basta, porterebbe ad un uso proprio del ridetto diritti/doveri. Ministro sa quanti finti-investigatori ogni giorno invadono la privacy altrui? Tanti è impressionante. Ripassando dal tandem amico-parente-amico dell amico-parente del parente, Lei non ha idea di quanti si cimentano nelle investigazioni. Ma il dato allarmante, che supera ogni immaginazione, è che quelle informazioni carpite senza essere autorizzati vengono utilizzate per scopi per nulla lusinghieri e, spesso si rasenta l estorsione. Il nostro non è un capriccio nascosto dietro il presunto diritto investigativo e men che mai siamo propensi a prestarci violando la privacy altrui, ma è solo l esigenza di poter esercitare la nostra professione in maniera trasparente. Tenendo conto, altresì, che i nostri mandati sono tutti obbligatoriamente riportati sull apposito registro di P.S., ove vengono trascritte le generalità complete del mandante con relativi estremi del documento, e che ci possono essere richieste soltanto prestazioni necessarie a tutelare un diritto in sede giudiziale, ci sono, pertanto, tutti i presupposti che venga tutelata la privacy. Il DM da questo punto di vista non ci aiuta affatto! E che dire del perverso meccanismo burocratico in merito alla denuncia dell attività? Per esercitare abbiamo l obbligo di iscriverci alla CCIAA settore terziario e, conseguentemente, alla sezione ordinaria dell Inps settore commercio. Cioè Onorevole Ministro, da un lato restiamo ancorati al 134 tulps unitamente alla vigilanza e agli informatoti commerciali e dall altro equiparati ai commercianti. Nel nostro panorama economico ci pare che non risultino professioni così tanto contese. Al contrario, basta essere un lavoratore autonomo e come d incanto i vincoli burocratici si riducono alla stessa stregua delle numerose attività professionali di tipo ordinistico. E ancora, che dire dell impossibilità di accedere a forme di incentivi per le aziende. Mai che si proponga una linea di agevolazioni i cui requisiti generali diano spazio alle agenzie investigative. 9

10 10

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

e p.c. 00186 Roma e p.c. 00186 Roma e p.c. e p.c. e p.c.

e p.c. 00186 Roma e p.c. 00186 Roma e p.c. e p.c. e p.c. Ill.mo sig. Ministro della Giustizia Prof. Avv. Paola Severino Di Benedetto c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 Illmo sig. Presidente della Camera On. Gianfranco Fini c/o Presidenza della Camera

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO e ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Via dei Portoghesi n. 12 - Roma All Ufficio

Dettagli

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO.

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO. F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI AI SIGNORI CONSIGLIERI DELLA F.N.A.A.R.C. LORO SEDI Prot. 229/2010/LS/lm

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio politiche sociali

Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio politiche sociali Servizio Politiche giovanili, sociali e sportive, Politiche di genere Sociale - Ufficio politiche sociali DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA Determinazione n 1292 del 31/03/2014 Oggetto:

Dettagli

GOVERNO HA FIRMATO IL DECRETO SULLA QUALIFICAZIONE DEI FORMATORI accolto l'esposto-appello presentato da CIIP

GOVERNO HA FIRMATO IL DECRETO SULLA QUALIFICAZIONE DEI FORMATORI accolto l'esposto-appello presentato da CIIP GOVERNO HA FIRMATO IL DECRETO SULLA QUALIFICAZIONE DEI FORMATORI accolto l'esposto-appello presentato da CIIP In data 27 febbraio 2013 CIIP ha inviato una Segnalazione-Esposto-Appello al Governo sulla

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO Contiamo sul vostro attaccamento alle radici italiane delle vostre famiglie perché vi facciate promotori, in diversi continenti e

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari Regione Molise -34- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE, A FIRMA DEL CONSIGLIERE MICONE, AD OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 576 DEL 3 NOVEMBRE 2013 E N. 607 DEL 18 NOVEMBRE 2013.

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Ecc.mi Capitani Reggenti, On.li Membri del Consiglio Grande e Generale Con il provvedimento che sottoponiamo al Consiglio Grande

Dettagli

Il Segretario Generale

Il Segretario Generale Il Segretario Generale Roma 25 ottobre 2010 On.le Roberto MARONI Ministro dell Interno ROMA Prefetto Antonio MANGANELLI Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza ROMA Con l ormai tristemente

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Risorse Umane REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Pag. 1 di 11 Indice OGGETTO... 3 Finalità:... 3 1 FREQUENZA VOLONTARIA... 3 1.1 Definizione... 3

Dettagli

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2437 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 NOVEMBRE 2010 Disposizioni

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Seminario di Aggiornamento e Studio

Seminario di Aggiornamento e Studio Seminario di Aggiornamento e Studio Varese Villa Recalcati lunedi 13 Ottobre 2008 IL SAPERE, TUTELA... REDATTO DA : MARIO BUCCIANTI IN COLLABORAZIONE CON FANNY BECCHERLE La Federpol nella nostra Provincia

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra 20 GIUGNO 2011

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra 20 GIUGNO 2011 Osru/det/2011/tirocPsicologia i:\delibere\delibere da pubblicare\delib2011\0788.doc Determinazione Direttoriale NUMERO GENERALE 788 CODICE PROPOSTA BUDGET ADOTT. ANNO PROGR. 000 PER 11 0097 DATA 20 GIUGNO

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 1. I beneficiari 2. L indennizzo aggiuntivo 3. Ulteriore assegno una tantum 4. La domanda 5. Dichiarazione di assistenza prevalente e continuativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale

INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE Principi di responsabilità nell integrazione professionale 1 Perchè parlare di regole all'interno della equipe assistenziale? Per TANTI,

Dettagli

MODULARIO INTERNO - 204. MOD. 4 U.C.O. ex Mod. 830

MODULARIO INTERNO - 204. MOD. 4 U.C.O. ex Mod. 830 VISTO il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, come successivamente modificato e integrato dall art. 4 del decreto legge 8 aprile 2008, n. 59,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT: I PRINCIPI CONTABILI PER IL TERZO SETTORE Prof. Matteo Pozzoli Vercelli 12 Ottobre 2010 Ufficio studi della Presidenza del Consiglio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1435. Istituzione dell Albo nazionale dei soccorritori stradali

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1435. Istituzione dell Albo nazionale dei soccorritori stradali Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1435 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, AMATI, MOSCARDELLI, ASTORRE, CANTINI e Stefano ESPOSITO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 APRILE 2014

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

INDICAZIONI DI BASE PER LA PRIMA SEGNALAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA SCOLASTICA O IN SITUAZIONE DI DISAGIO

INDICAZIONI DI BASE PER LA PRIMA SEGNALAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA SCOLASTICA O IN SITUAZIONE DI DISAGIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LONGARONE scuole dell infanzia, primaria e secondaria di I grado Piazza Mazzolà, 1 32013 Longarone Tel. 0437 770209 Fax 0437 576168 e_mail: blic82100c@istruzione.it sito web: www.comprensivolongarone.info

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI Intervento dell avv. Sandra Maraia 1. Brevi cenni sul regolamento n. 6/2014 Il nuovo regolamento per la formazione continua, approvato

Dettagli

La professione di avvocato

La professione di avvocato La professione di avvocato Prima di illustrare brevemente le poche regole che governano l accesso alla professione, mi soffermerei, altrettanto brevemente, a parlare con parole semplici di questa professione,

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

Art.1 Costituzione Art.2 Obiettivi Art.3 Ammissione Art.4 Dirigenti Art.5 Addestramento Art.6 Struttura Art.7 Emergenza Art.8 Doveri Art.

Art.1 Costituzione Art.2 Obiettivi Art.3 Ammissione Art.4 Dirigenti Art.5 Addestramento Art.6 Struttura Art.7 Emergenza Art.8 Doveri Art. CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani REGOLAMENTO COMUNALE DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (Deliberazione Consiliare n.100 del 7 ottobre 2005) PROTEZIONE CIVILE COMUNALE 1 Art.1 Costituzione Art.2

Dettagli

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate Tavola rotonda: Trasparenza e tracciabilità Normativa e tecnologia insieme nella lotta alla corruzione L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MAZZOCCHI, ANGELI, BARBA, BARBIERI, BIASOTTI, BOSI, CASSINELLI, CASTIELLO, CATONE, COLUCCI,

Dettagli

Comune di Pietramontecorvino Area Vigilanza Polizia Locale

Comune di Pietramontecorvino Area Vigilanza Polizia Locale Comune di Pietramontecorvino Area Vigilanza Polizia Locale Piazza Martiri del Terrorismo 1 tel 0881-555020 - fax 0881 555189 Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica del 26 ottobre 1972, n.

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

7ª COMMISSIONE PERMANENTE

7ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 18º Resoconto stenografico

Dettagli

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari I contenuti del provvedimento e le osservazioni della Uil Pensionati Il 3 agosto il Parlamento ha approvato la regolarizzazione

Dettagli

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE Domande più frequenti 57 DOMANDE PIÙ FREQUENTI Domande più frequenti Domande più frequenti L obiettivo di questa sezione è tentare di dare delle risposte, in modo semplice e discorsivo, alle domande che

Dettagli

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143)

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) Note interpretative Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) 11 novembre 2009 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato Consiglieri Co-Delegati

Dettagli

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 OGGETTO: Richiesta di esame e di intervento sulla proposta di modifica del d.lgs 27 ottobre 2009, n. 150, ed in particolare

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra. D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra. D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e i:\delibere\delibere da pubblicare\delib2012\0272.doc D e t e r m i n a z i o n e D i r e t t o r i a l e NUMERO GENERALE 272 CODICE PROPOSTA BUDGET ADOTT. ANNO PROGR. 000 PER 12 0037 DATA 27 FEBBRAIO

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

Domande e risposte sulla professione Counsellor 06/03/2013

Domande e risposte sulla professione Counsellor 06/03/2013 1) Ora che la legge ha riconosciuto la professione di counsellor possiamo ancora essere accusati di esercizio abusivo della professione? Non è corretto dire che la legge ha riconosciuto la professione

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE

AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE Marca Bollo AL COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PERMANENTE PER ESERCIZIO DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE, A SEGUITO DI ACQUISIZIONE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2399 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DE ANNA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 1997 Disciplina dell attività

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

La professione del Tributarista: progetto europeo di Qualità 03 Ottobre 2014

La professione del Tributarista: progetto europeo di Qualità 03 Ottobre 2014 La professione del Tributarista: progetto europeo di Qualità 03 Ottobre 2014 Roma - Palazzo Marini Sala delle Colonne Via Poli, 19 Evoluzione storica della figura del Tributarista Profilo Il Tributarista

Dettagli

CONAPO SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO

CONAPO SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO CONAPO SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" uuu SS EEGG RREETT EERRI IAA PPRROOVVI INNCCI IAALLEE DDI I AANNCCOONNAA SEGRETARIO PROVINCIALE V.F.Q LUCONI MIRCO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

forma pura o spuria, in relazione all art. 1917 c.c. (* cfr. note); nonché sugli standards dei livelli di pagamento dei premi.

forma pura o spuria, in relazione all art. 1917 c.c. (* cfr. note); nonché sugli standards dei livelli di pagamento dei premi. COMUNICATO STAMPA AVVOCATI, OUA: la nuova normativa sull obbligo di assicurazione professionale rischia di essere inutile senza adeguati decreti attuativi. serve chiarezza su obbligo a contrarre, oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06. 1/5 MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA La seduta inizia alle 18.06. PRESIDENTE. Buonasera. Ringrazio il presidente di Confindustria della provincia

Dettagli

All attenzione. Presidente Nazionale CNPI Dr. Jogna Giuseppe c/o Presidenza CNPI Via di San Basilio 72 00187 Roma

All attenzione. Presidente Nazionale CNPI Dr. Jogna Giuseppe c/o Presidenza CNPI Via di San Basilio 72 00187 Roma All attenzione Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Prof. Francesco Profumo Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Viale di Trastevere 76 00153 Roma Presidente Nazionale CNPI Dr. Jogna

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE

marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE (11/2015) marca da bollo COMUNE DI PERUGIA AREA GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO U.O. SERVIZI ALLE IMPRESE RICHIESTA VOLTURA AUTORIZZAZIONE PER ESERCIZIO DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE NEL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

Quali sono i tempi ed i modi, in Italia, per ottenere il recupero del proprio credito stante

Quali sono i tempi ed i modi, in Italia, per ottenere il recupero del proprio credito stante LE GARANZIE DEL CREDITORE IPOTECARIO Caracciolo Marzagalli Studio Legale Associato Avv. Paolo DAffan Avv. Enrnesto Caracciolo L Italia da un po di tempo è divenuta meta di molti stranieri che, al di là

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli