TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU"

Transcript

1 DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI FORLI. TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU PREMESSA Il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) è stato approvato nel In tutti questi anno sono stati realizzati molti interventi di grande valenza sia in termini infrastrutturali che in termini di vivibilità dell area urbana. A fronte di queste opere che nel tempo hanno modificato sensibilmente il tessuto cittadino, è necessario aggiornare e quindi rendere ancora più a misura della città e dei suoi fruitori questo strumento urbanistico. Di seguito si riporta uno schema delle attività necessarie, il cui sviluppo deve avere il massimo contributo e la massima partecipazione di tutti i soggetti coinvolti affinché si possa operare in modo efficace sul territorio. Oltre alle linee guida generali (articolo 36, comma 4, del nuovo Cds), si fa riferimento agli indirizzi e agli obiettivi posti nel piano precedente, valutandone i benefici o i limiti alla luce di tutti gli interventi già realizzati. PIANO DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PGTU L aggiornamento del Piano prevede tre livelli di studio: FASE 1 analisi e aggiornamento dello stato di fatto con particolare riferimento ai risultati ottenuti fino ad ora; FASE 2 progetto preliminare nuovo PGTU - analisi degli obiettivi e delle strategie di intervento; FASE 3 programma degli interventi e redazione finale del nuovo PGTU e Piano Particolareggiato del centro storico; Di seguito si elencano le attività che devono essere svolte dal consulente esterno. Disponibilità e aggiornamento dati FASE 1 Analisi e aggiornamento dello stato di fatto Aggiornamento strade e infrastrutture. L attività verrà svolta in prevalenza da personale interno nell individuare e successivamente trasmettere al consulente tutte le modifiche alla circolazione stradale (sensi unici, zone 30, zone a traffico limitato, pedonalizzazioni, corsie riservate, restringimento carreggiata per nuova offerta di parcheggio, ecc ) e all inserimento delle nuove infrastrutture (apertura o chiusura di nuove strade, piste ciclabili, nuovi parcheggi, semafori, rotatorie,nuovi insediamenti residenziali e commerciali, ecc ). Il consulente dovrà collaborare con il personale interno nell indicare tutti gli elementi che hanno significato per l attività di aggiornamento della rete e della matrice attuale degli spostamenti. Se necessario, e comunque previo accordo con i tecnici, sarà cura del consulente effettuare alcune verifiche puntuali necessarie, avvalendosi, nel caso, anche della collaborazione del personale interno per la conferma tecnica di quanto rilevato.

2 Sarà cura del consulente, in accordo con i tecnici del settore, definire l area di studio che a partire dal livello comunale deve comprendere le principali strade extraurbane e quelle di valenza intercomunale. Conteggi veicolari. Il consulente esterno darà supporto tecnico e logistico all attività di raccolta dati esistenti e della loro elaborazione per avere a disposizione il dato di traffico veicolare (veic/eq) attuale nell ora di punta della mattina e della sera. Qualora i dati in possesso non siano sufficienti, il consulente, in stretta collaborazione con i tecnici della committenza, svolgerà l attività di progettazione, organizzazione e coordinamento di tutte le indagini indispensabili ai fini dell aggiornamento della matrice degli spostamenti. I rilievi, manuali o tramite sistemi automatici, verranno svolti da personale interno così come la restituzione del dato elaborato in un foglio excell in cui si indica data ora e totale veicoli per tipologia (auto, commerciali, pesanti, moto, pesanti). L'incaricato dovrà dare indicazione su come elaborare i dati, indicando le relative formule di trasformazione da applicare nel caso i dati relativi ai flussi veicoli non siano conformi a quanto strettamente necessario. Offerta e domanda di sosta attuale il consulente collaborerà con il personale interno per definire i dati necessari e la metodologia da adottare per la restituzione grafica e non degli stessi (foglio excell di raccolta dati ). Il personale interno dovrà indicare offerta e domanda di sosta per il centro storico, mentre per il centro abitato indicare le strutture di parcheggio (accessi, offerta, indice di occupazione) e la tipologia di sosta consentita (libera, a pagamento, oraria, ecc ). Il rilevamento verrà svolto dal personale interno. Trasporto pubblico. Il consulente in collaborazione con il personale interno e con i gestori del servizio pubblico, dovrà raccogliere tutte le informazioni e i dati necessari per restituire graficamente la rete attuale di trasporto pubblico con indicate fermate, capolinea, punti di interscambio, orari, ecc Trasporto ciclabile. Il consulente in collaborazione con il personale interno raccoglierà tutte le informazioni disponibili (indagini, studi, interviste, ecc ) per la redazione grafica della rete ciclabile e ciclopedonale esistente. Qualora si renda indispensabile, previo accordi con il referente tecnico, il personale interno integrerà i dati disponibili con indagini puntuali. Dati sull incidentalità il consulente collaborerà con il personale interno per la stesura grafica dei dati relativi agli incidenti raccolti presso la Polizia Municipale (numero e localizzazione degli incidenti, indice di gravità del sinistro). Eventuali elaborazioni integrative saranno a carico del consulente. Raccolta dati per la componente ambientale Sarà a carico del consulente la raccolta di informazioni, dati e quant altro necessario per restituire una analisi dello stato di fatto sull inquinamento atmosferico e degli interventi in atto (provvedimenti di restringimento della circolazione veicolare). Il personale interno potrà fornire una collaborazione relativamente a fornire i nominativi degli uffici ed eventualmente delle persone predisposte a tale servizio. Aggiornamento della rete stradale (grafo) La rete stradale attuale va aggiornata per effettuare simulazioni corrette sullo stato esistente e predisposta per lo scenario futuro secondo quanto stabilito dagli strumenti di programmazione (piano regolatore, piani provinciali e regionali, piani di settore, commerciali, ecc ). Tale attività è a carico del consulente con la collaborazione del personale interno per quanto riguarda il reperimento dei dati relativamente a modifiche già avvenute sul territorio e previsioni future. Il

3 modello dovrà essere georeferenziato e compatibile con gli altri strumenti usati all interno dell ufficio tecnico. Per tale azione è richiesta la presenza periodica (indicativamente 1 volta a settimana) presso la sede della committenza per il confronto tecnico sulle componenti da aggiornare. Aggiornamento della matrice/i origine/destinazione per i movimenti nell ora di punta del mattino e della sera Il consulente dovrà svolgere le seguenti attività necessarie per l aggiornamento della matrice attuale, in particolare: Zonizzazione. A partire dalla matrice esistente (ultimo aggiornamento), è necessario verificare l esistenza di nuove aree che generano o attraggono significative quote di traffico (nuove aree residenziali, commerciali, industriali, servizi, ecc.) o lo spostamento di generatori/attrattori di traffico all interno del territorio comunale. L ufficio tecnico metterà a disposizione del consulente tutti i dati utilizzati per i precedente piano. Qualora non sia possibile risalire alla precedente metodologia utilizzata per l aggregazione delle sezioni censuarie, sarà necessario da parte del consulente rifare la zonizzazione di cui però non potrà garantire la coincidenza con quella del precedente Piano del Traffico. Dati ISTAT A supporto delle indagini dirette saranno elaborati i dati dell ultimo censimento relativamente alla mobilità. Questa attività è a carico del consulente che provvederà a raccogliere i dati ed a elaborarli. La richiesta all Istat o all ufficio di statistica del Comune di Forlì sarà fatta dal personale dell ufficio della Mobilità Integrata. Inserimento dei dati, trasformati in carico veicolare, relativi alle nuove attività o residenze previste dagli strumenti urbanistici. Aggiornamento della matrice in veicoli equivalenti. Sulla base dell analisi dei dati ISTAT 2011 e dai conteggi di traffico verrà aggiornata la matrice nell ora di punta del mattino e della sera. Redazione matrici disaggregate per tipo di veicolo. Matrice delle auto, matrice dei pesanti, matrice delle bici. Per la realizzazione delle matrici, è necessario che i vari step più significativi di costruzione delle stesse vengano effettuati presso la sede della committenza (indicativamente 1 volta a settimana) per condividere i concetti e le scelte da effettuare. Simulazioni di traffico Sulla base delle attività precedenti, il consulente fornirà le simulazioni di traffico relative allo stato attuale nell ora di punta della mattina e della sera per le seguenti categorie: veic/eq, pesanti, auto, bici. Fornirà inoltre le tavole tematiche necessarie per una corretta valutazione della circolazione veicolare (indice di congestione, indicazione sezioni di indagine, tempi di percorrenza, volumi di traffico). Per una corretta e funzionale sinergia nella elaborazione delle simulazioni, il consulente dovrà recarsi periodicamente (indicativamente 1 volta a settimana da concordare con gli uffici) presso la sede di FMI per condividere e rappresentare la costruzione/simulazione della nuova matrice e/o scenario di progetto. Indagine motivazionale (opzionale) Nel caso di necessità, in accordo con gli uffici tecnici di Forlì Mobilità Integrata, verranno commissionate interviste su di un campione di cittadini che saranno finalizzate anche alla verifica del livello di servizio offerto dalle infrastrutture per il trasporto in relazione alla domanda di mobilità. Il risultato fornirà importanti informazioni per quanto concerne le attese dei cittadini per: - il trasporto pubblico

4 - i parcheggi per i residenti e le modalità di gestione della sosta; - destinazione d'uso della viabilità locale: aree pedonali, ZTL, Zone 30, percorsi ciclabili, - problematiche varie relative alla vivibilità del territorio e alla percezione dei cittadini L'attività del consulente sarà di coadiuvare gli uffici nella stesura dei campi domanda, individuazione dei temi da approfondire, individuazione del target di persone da intervistare e raccogliere i dati delle analisi al fine di inserirli all'interno della documentazione del PGTU sia in termini di analisi, sia in termini di proposte per assecondare le richieste. FASE 2 Progetto preliminare nuovo PGTU Dall'analisi dello stato di fatto sarà redatta una proposta preliminare nella quale, a livello di bozza, verranno definiti: - obiettivi da perseguire in un futuro di breve e medio lungo termine, a partire da quanto già espresso nel PGTU precedente; - definizione degli interventi di limitata entità che apportano miglioramenti alle opere già realizzate dall adozione del PGTU ad oggi; - definizione degli ambiti territoriali più delicati, su cui intervenire con piani particolareggiati; - proposta di nuovo piano particolareggiato del centro storico; In generale, nella stesura delle documentazioni è necessario rispettare i principi impartiti nelle direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico (art. 36 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 nuovo codice della strada) del Ministero dei Lavori Pubblici del Questa attività verrà svolta dal consulente in collaborazione del referente tecnico della Committenza, mediante ricognizioni periodiche (indicativamente 1 volta a settimana) dello stato di attuazione presso la sede della Committenza. Nel contesto della stesura della documentazione, il consulente dovrà aggiornare e/o redigere nuova: - la classifica funzionale delle strade e prime indicazioni di regolamento viario; - la suddivisione del territorio comunale in zone omogenee; - la politica della sosta del centro storico; - gli interventi sulla circolazione, individuazione della aree pedonali, ZTL sul centro storico; - i percorsi pedonali nel centro storico; - gli itinerari ciclabili sia nell'intero territorio comunale sia internamente al centro storico; - eventuali necessità per il trasporto pubblico per l'intera città e per il centro storico; - i punti di intervento ed eventuali indicazioni di massima per ridurre l incidentalità; - il piano della logistica delle merci in territorio urbano e più in particolare nel centro storico e AP/ZTL, con riferimenti anche al progetto SMARTSET in fase di definizione; - l'individuazione di flussi turistici e conseguente gestione nel contesto della mobilità (pedoni, biciclette, auto, bus); L attività del consulente prevede una fase di redazione materiale dei documenti di relazione (testi, grafiche, figure e riferimenti) e una fase di restituzione grafica con tavole tematiche relative a: sosta (di dettaglio per il centro storico); circolazione stradale (di dettaglio per il centro storico); circolazione mezzi alternativi (bus, cicli, pedoni, merci ecc ) (di dettaglio per il centro storico); La compatibilità degli interventi con la domanda di traffico sarà verificata mediante l'assegnazione dei flussi veicolari sulla rete principale (simulazioni della fase preliminare e confronto con lo stato attuale). Saranno fornite rappresentazioni tematiche relative a: - volumi di traffico (assoluti e differenze con l attuale) - indice di congestione - tempi di percorrenza

5 Le simulazioni degli scenari futuri possono essere diverse, indicativamente realizzate sulla base temporale degli interventi di previsione, articolate anche in base a richieste specifiche della committenza. Al professionista è richiesta la disponibilità per approfondire gli scenari più significativi che andranno presentati a seguito di incontri e confronti con tutte le parti interessate alla conclusione del percorso di revisione del PGTU. Ogni simulazione, dovrà essere validata e verificata dai referenti tecnici della Committenza mediante incontri periodici nella sede di FMI. Non si esclude che parte finale del lavoro possa essere svolto presso la sede della Committenza, al fine di verificare in tempo reale gli stati di avanzamento delle singole elaborazioni (indicativamente 1 volta a settimana). FASE 3 Redazione finale del PGTU e Piano particolareggiato del centro storico Sulla base della consultazione e verifica della Fase 2, il consulente esterno, in collaborazione con il referente tecnico, dovrà apportare le opportune modifiche conseguenti alle osservazioni/richieste che emergeranno in sede di valutazione con l amministrazione comunale per la successiva fase di adozione del Piano. A carico del consulente saranno tutte le operazioni di editing della documentazione presentata, (in particolare tutto quanto concerne lo sviluppo delle relazioni dovrà essere tutto a carico del consulente) modifiche/miglioramenti secondo quanto emergerà dai vari incontri con gli stackeolders del settore e secondo quanto la committenza impartirà per la redazione finale della documentazione. Nella elaborazione finale della documentazione dovrà essere predisposto e presentato dal consulente in collaborazione con gli uffici: Nuovo PGTU, contenente tutti gli approfondimenti di cui alla precedente fase 2 predisposto secondo quanto stabilito dalle direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico (art. 36 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 nuovo codice della strada) del Ministero dei Lavori Pubblici del 1995, in cui saranno redatte apposite relazioni ed elaborati grafici di dettaglio. Nuovo piano particolareggiato del centro storico in cui verranno evidenziate e portate in primo piano le politiche e le azioni sulla sosta, l'inquadramento delle ZTL e AP, la circolazione veicolare e ciclabile e le azioni sul TPL. (il piano particolareggiato del centro storico sarà una estrapolazione di quanto previsto dal PGTU generale, in cui sarà trattato più nel dettaglio le strategie e le azioni nel centro storico e gli interventi di previsione su questa area). Elaborati grafici Il consulente dovrà predisporre le tavole grafiche in modo da fornire tutti gli elementi affinché i tecnici dell Ufficio della Mobilità svolgano una stesura finale grafica delle tavole generali (formato A1/A0) relativamente a: Tavola generale del territorio (area di studio, classificazione strade, centro urbano, aree con specifiche vocazioni, ecc ) attuale e con le previsioni future. Tavola della circolazione veicolare attuale e futura (proposta di piano e indicazione per i particolareggiati) Tavola della sosta (centro storico e periferia) attuale e futura Tavola delle modalità di trasporto alternative (trasporto pubblico, rete ciclo pedonale, ZTL, trasporto merci ecc ) attuale e futura. Tavola delle criticità (incidenti, dati inquinamento atmosferico, ecc..) attuale con indicazioni su eventuali interventi futuri.

6 TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. B - studio nuove aree commerciali STUDIO PER REGOLAMENTARE LE NORME E GLI INTERVENTI NECESSARI A MITIGARE L'IMPATTO DELLE AREE PRODUTTIVE MEDIO PICCOLE, DA VALIDARE SUL TERRITORIO COMUNALE. Il cambiamento della normativa per la validazione degli esercizi commerciali di piccola e media grandezza, comporta la definizione di criteri oggettivi per classificare tutte le aree di possibile validazione in funzione dell impatto che avranno sul territorio e quindi del livello di criticità che possono determinare sull ambiente circostante. Nella variante urbanistica a ciascuna aree si deve associare un insieme di elementi descrittivi e di caratterizzazione per stabilire il livello di criticità e stabilire le condizioni necessarie per l apertura. Attualmente, da Piano Regolatore le aree censite sono circa 300. Per ciascuna dovrà essere preparata una scheda di identificazione in cui saranno inseriti i parametri necessari per dare un giudizio finale. L elemento che oggettivamente che si presta di più a questo scopo è una misura dell impatto sul traffico veicolare. In base a quello (definizione di indice di impatto) l amministrazione può stabilire un criterio di giudizio sulla richiesta di apertura della struttura, dando delle prescrizioni o modifiche affinché si minimizzino le ricadute sul territorio. Per le grandi strutture (Sv > di 2500 mq) è necessaria una validazione del PTCP (livello provinciale), mentre per le medie strutture di vendita (non alimentare Sv <2.500 mq, alimentari Sv<1500 mq) la competenza è del Comune. La natura dell argomento impone una stretta collaborazione con gli esecutori del Piano Traffico Urbano (PGTU) in quanto i criteri e i parametri di classificazione o identificazione derivano da tale studio. E' quindi onere del consulente, secondo quanto sopra premesso, procedere alle seguenti valutazioni DEDICATE di supporto all'amministrazione Comunale, mirate allo studio di incidenza delle piccole medie strutture di vendita di previsione inserite negli strumenti urbanistici: Analisi del contesto del PGTU Programma indagini anche sulla base degli sviluppi sul territorio (commerciali, residenziali, di servizi, di infrastrutture di vario genere, ecc..); Aggiornamento della rete sulla base di tutti i cambiamenti avvenuti e previsti; Classificazione delle strade (attuale e futura); Modello di simulazione (aggiornamento attuale e previsioni future); Indice di congestione (attuale e futuro); Definizione di parametri che possono determinare o influenzare la capacità o la classificazione della strada in funzione delle strutture presenti e future. Parte di tale attività, verrà eseguita contestualmente nella tipologia di incarico di cui alla lettera A - PGTU, trovando sinergie fra la natura dei due studi commissionati. Argomenti di studio E' onere del consulente quanto sotto riportato: 1) Rappresentazione cartografica del territorio con distinte 3 aree: centro storico centro abitato

7 area comunale 2) Nella carta si deve riportare la classificazione della strade come da PGTU. 3) Sulla rete georeferenziata si devono riportare tutte le aree commerciali validabili distinte per: Sup di vendita (piccole medie e grandi strutture) Destinazione d uso (alimentare e non alimentare). 4) A ciascuna deve corrispondere una scheda tecnica (shape) in cui si riportano: informazioni che caratterizzano la struttura in ambito commerciale (vedi scheda regione), impatto sul territorio: localizzazione urbana o extraurbana, classificazione acustica, livello di accessibilità per le diverse modalità di spostamento (auto, moto, bici, servizio pubblico, pedoni), dotazione di parcheggi riservati o non, inserimento nel contesto urbanistico esistente (presenza o meno di altri esercizi che possono amplificare o ridurre l impatto), stima di massima del carico urbanistico tradotto in carico veicolare (intervallo di valori). Sulla base della valutazione parametrica degli elementi individuati (griglia di valutazione), si determina un indice di impatto e lo si confronta con il livello di congestione della strada/strade nell area di influenza della struttura. Dal rapporto si deve indicare la necessità di studi di approfondimento e/o interventi di mitigazione. Documentazione finale Il consulente, fatte tutte le valutazioni, rappresentazioni e studi di cui sopra, dovrà produrre una relazione finale in cui saranno definite tutte le valutazioni effettuate corredate da specifiche simulazioni di traffico dei vari scenari futuri più rappresentativi, che vengono definiti di concerto con gli uffici tecnici di FMI. Le simulazioni di traffico finali, consentiranno di valutare gli ordini di grandezza degli impatti che le varie strutture commerciali determineranno nelle zone limitrofe. Le varie simulazioni dovranno essere condivise nei vari step di configurazione con i tecnici della Committenza mediante incontri periodici presso la sede.

8 IMPORTO TOTALE DELL'AFFIDAMENTO (A + B) La quantificazione dell'importo a base di gara riguarda tutte le attività sopra elencate a carico del consulente a cui si deve aggiungere una attività di incontri, massimo quindicinale, con i referenti interni del Piano. Infine sarà garantita la presenza alle principali riunioni in cui è indispensabile l apporto tecnico del consulente. Per tutte le attività sopraelencate è stimato per il consulente un compenso a base di gara pari a: TIPOLOGIA INCARICO LETT. A - PGTU ,00 + 4% (INARCASSA) + 22% (IVA) TIPOLOGIA INCARICO LETT. B - valutazione aree commerciali ,00 + 4% (INARCASSA) + 22% (IVA) TOTALE a base di gara ,00 + 4% (INARCASSA) + 22% (IVA) Non sono previsti rimborsi di alcun genere per le spese relative a trasferte e viaggi. Il compenso a base di gara è comprensivo di di ogni onere necessario all'esecuzione dell'affidamento di cui all'oggetto. TEMPISTICHE DURATA CONTRATTUALE Le tempistiche per lo svolgimento dell'incarico relativo alla tipologia A (PGTU) e tipologia B (aree commerciali) sono stabilite indicativamente come di seguito riportato: 75 gg naturali consecutivi per il completamento della FASE 1 del PGTU (tipologia incarico A) con limite massimo temporale fissato al 15/5/2015; 45 gg naturali consecutivi per redazione studio sulle attività commerciali (tipologia incarico B) con limite massimo temporale fissato al 30/6/2015; 75 gg naturali consecutivi per il completamento della FASE 2 del PGTU (tipologia incarico A) con limite massimo temporale fissato al 31/7/2015; 90 gg naturali consecutivi per il completamento della FASE 3 del PGTU (tipologia incarico A) con limite massimo temporale fissato al 30/11/2015; Non sono comprese in questa valutazione delle tempistiche i tempi per le validazioni interne dei vari step di lavoro da parte della committenza e i tempi necessari per le verifiche da parte degli organi politico-istituzionali, parti sociali etc., di conseguenza, dietro adeguate motivazioni approvate dalla committenza, le date fissate come limite di ogni fase potrebbero anche subire delle variazioni. INDICATIVAMENTE IL CONTRATTO AVRA' COMUNQUE DURATA MASSIMA DALLA DATA DI AGGIUDICAZIONE DELL'AFFIDAMENTO FINO ALL'APPROVAZIONE TECNICA DA PARTE DELLA COMMITENZA FMI. É comunque richiesta al consulente la collaborazione nel percorso di adozione del piano in consiglio comunale.

9 MODALITA' DI PAGAMENTO Il corrispettivo è diviso in 4 rate così definite: 1 rata pari al 45% dell'importo offerto in fase di gara riferito all'incarico di tipologia A verrà erogato al completamento della FASE 1 del PGTU; 2 rata pari al 40% dell'importo offerto in fase di gara riferito all'incarico di tipologia A verrà erogato al completamento della FASE 2 del PGTU; 3 rata pari al 15% dell'importo offerto in fase di gara riferito all'incarico di tipologia A verrà erogato alla consegna della documentazione prevista dalla FASE 3 del PGTU; 4 rata pari al 100% dell'importo offerto in fase di gara riferito all'incarico di tipologia B verrà erogato al completamento dello studio sulle aree commerciali; PENALI Per ogni giorno di ritardo per ciò che riguarda le tempistiche di consegna della documentazione come descritto al punto 6 del presente disciplinare, si provvederà ad applicare una Penale pari a 100,00 per ogni giorno di ritardo nella presentazione degli atti richiesti, mentre ogni qualvolta il professionista non sarà presente presso la sede di FMI o in apposite riunioni tecniche di presentazione e/o spiegazione dello studio nei giorni concordati con i referenti tecnici, si applicherà una penale pari a 50,00 per la mancata presenza riscontrata, fatto salvo diverso accordo preventivo fra le parti e fatte salve cause di forza maggiore da motivare. FMI intende dare corso alla procedura di affidamento dei lavori, nella consapevolezza dell'attività da svolgere, pertanto, il presente contratto è valido ed efficace in ogni sua pattuizione, indipendentemente da qualunque impedimento possa derivare dalla situazione di fatto e di diritto legato alle attività di FMI. In caso di impossibilità di esecuzione del presente contratto per causa non imputabile alle parti, il collaboratore Professionista ha diritto al compenso da determinarsi proporzionalmente al lavoro effettivamente svolto. In ogni caso di interruzione anticipata del rapporto, il compenso spettante al Collaboratore Professionista consisterà in una quota del compenso di cui al punto (modalità di pagamento), proporzionale al lavoro effettivamente svolto.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61

Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61 Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 2178586 Oggetto: Acquisizione in economia di servizi di ingegneria che hanno come obiettivi le attivita relative alla Centrale di Controllo del

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 447 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO - ADOZIONE L anno duemilaotto addì ventotto del mese di novembre in questo comune, nella sala delle

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio...

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio... INDICE Capitolo 1 - Introduzione...1 Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5 2.1. Inquadramento dell area di studio...5 2.1.1. Conformazione del territorio...5 2.1.2. Principali infrastrutture

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO 2 CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE La Società dovrà fornire nell offerta tecnica le informazioni di seguito precisate utilizzando la scheda di offerta tecnica di cui all

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

DISCIPLINARE DI INCARICO

DISCIPLINARE DI INCARICO Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia ENTE PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE DISCIPLINARE DI INCARICO PER IL C OORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN F ASE DI ESECUZI ONE, PER I LAVORI DI REALIZZAZI ONE

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Regolamento dei Servizi

Regolamento dei Servizi Medicina del Territorio Società Cooperativa Via Eucario Silber, 20 00050 Fiumicino Torrimpietra (RM) Autorizzazione del Tribunale di Roma n 010648 del 19/07/1997 Iscrizione C.C.I.A.A. di Roma n 877322

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con sede in Roma,

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Il sistema del trasporto privato

Il sistema del trasporto privato Il sistema del trasporto privato 1. Introduzione e inquadramento generale "La Provincia attraverso il PTCP definisce la dotazione di infrastrutture per la mobilità di carattere sovracomunale, ed individua

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento FORMAZIONE OBBLIGATORIA SICUREZZA D. LGS. 81/08 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI MORI

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale COMUNE DI BRUGHERIO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale Maggio 2015 1. PREMESSA 1.1 Obiettivi, Contenuti e Metodologia del PGTU 1.2 Banche Dati di Riferimento 1.2.1 Indagini di

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 25/03/2009 1/8 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Questo regolamento, adottato nell

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale

COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME PROVINCIA DI TRENTO * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comunità Territoriale della val di Fiemme, Azienda per il Turismo Val di Fiemme s.c.a.r.l.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA NELLE ATTIVITA DI PROMOZIONE, COMUNICAZIONE, MARKETING AD UN ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE. IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE 7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE Il Comune di Brugherio ha affidato al Centro Studi Traffico di Milano l incarico per la redazione del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), che rappresenta

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA IN CAMPO ASSICURATIVO. All. 1 CAPITOLATO TECNICO

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA IN CAMPO ASSICURATIVO. All. 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA IN CAMPO ASSICURATIVO All. 1 CAPITOLATO TECNICO INDICE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

O P E R A R O M A N I

O P E R A R O M A N I O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 4

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO

ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO ALLEGATO A ALL AVVISO PUBBLICO SCHEMA DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO INCARICO PROFESSIONALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (PGT) DEL COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Art. 1 L Amministrazione

Dettagli

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese)

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) SETTORE: Settore VIII Strategie Territoriali OO.PP. Infrastrutture UFFICIO: TUTELA AMBIENTALE Oggetto: Assegnazione di contributi per l installazione sulle

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille.

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille. 33. Sistema AMBIENTE Sub sistema: Rumore La Regione Toscana ha emanato a più riprese norme che incidono sistematicamente sulle varie fonti potenziali e sui requisiti per le opere di mitigazione e/o limitazione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

DISCIPLINARE D INCARICO PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Allegato A) alla determinazione n. 1778 del 21.12.2011 C I T T A di C O S S A T O (Provincia di Biella) DISCIPLINARE D INCARICO PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL'INCARICO

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 D. D. Centro di responsabilità: SETTORE MANUTENZIONE E SVILUPPO RETE STRADALE DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 Oggetto S.P. N. 21 "CIGNONE-CORTE DE'FRATI",S.P. N. 86 "DI BORDOLANO", S.P. CR EX S.S.

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA U.S.S.M.A.F. UNITÀ SPECIALE PER LO STUDIO DELLA MOBILITÀ NELL AREA FIORENTINA RAPPORTO 2009/07 SVILUPPO DELLA RETE TRAMVIARIA FIORENTINA ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA VALUTAZIONI

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 - Oggetto delle disposizioni 1. Le presenti disposizioni

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO COORDINAMENTO ATTIVITA'FERROVIA DEL BRENNERO E INTERMODALITA' Prot. n. 19 P306 08 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 36 DI DATA 11 Dicembre 2008 O G G E T T O: Legge

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari - Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli