Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011"

Transcript

1 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi

2 INDICE PREMESSA GESTIONE DEI RIFIUTI DI AREA Stato attuale Obiettivi del progetto Modalità attuative ed operative Benefici attesi Punteggio APEA Benefici tecnici ed ambientali Benefici economici e giuridici Costi stimati Tempi previsti Possibili criticità Analisi delle alternative SPORTELLO INFORMATIVO AMBIENTALE Stato attuale Obiettivi del progetto Modalità attuative ed operative Benefici attesi Punteggio APEA Benefici tecnici ed ambientali Benefici economici e giuridici Costi stimati Tempi previsti Possibili criticità Analisi delle alternative... 9

3 PREMESSA Il presente documento tecnico riporta le sintesi delle analisi di fattibilità svolte per le principali proposte progettuali individuate nell ambito del Progetto S.C.A.L.A.R.E., volto alla qualifica APEA dell area Pianvallico. In particolare sono stati valutate le seguenti proposte progettuali: 1) Gestione dei rifiuti di area 2) Sportello informativo ambientale 1

4 1. GESTIONE DEI RIFIUTI DI AREA Il Progetto prevede di attuare una gestione dei rifiuti di area, riferita sia alla gestione dei rifiuti speciali che a quelli assimilabili agli urbani STATO ATTUALE Allo stato attuale le Aziende gestiscono i propri rifiuti (assimilabili e speciali) in maniera individuale, senza essere a conoscenza dei flussi di rifiuti prodotti dalle altre Aziende insediate nell area. Inoltre il controllo dei fornitori di servizi per la gestione dei rifiuti speciali (trasporto e smaltimento) ricade su ogni singola Azienda, che quindi è obbligata a destinare proprie risorse a questa attività OBIETTIVI DEL PROGETTO Il Progetto prevede di attuare una gestione dei rifiuti di area, al fine di ottenere: economie di scala nell affidamento dei servizi di trasporto e smaltimento rifiuti un controllo più efficiente e sicuro dei fornitori di servizi di trasporto e smaltimento rifiuti una riduzione dei rifiuti attraverso la messa a punto di azioni ed iniziative finalizzate ad ottimizzare la gestione dei rifiuti (riduzione degli imballaggi, miglioramento della raccolta differenziata) nella singola aziende e nell area tutta, con conseguente riduzione dei costi di trasporto e smaltimento MODALITÀ ATTUATIVE ED OPERATIVE La fase preliminare e propedeutica a tutte le attività, consiste nella raccolta ed organizzazione dei dati relativi al flusso di rifiuti (tipologia e quantità) prodotti dalle Imprese insediate. L attività di raccolta può essere svolta a mezzo di opportune schede informative. La scheda è finalizzata ad acquisire: La tipologia (codice CER) di rifiuti normalmente prodotti dalle singole imprese 2

5 I quantitativi mensili di rifiuti normalmente prodotti dalle singole imprese L identificazione della destinazione delle varie tipologie di rifiuto (smaltimento/recupero) L attività di analisi identificherà: La produzione di rifiuti mensile di area, per singolo codice CER Le destinazioni di smaltimento/recupero per i vari flussi di rifiuti La possibilità di sinergie per il riutilizzo dei rifiuti all interno della stessa area (sottoprodotti, code di produzione, materie prime seconde, ecc.). Grazie alla fase di raccolta ed analisi dei dati sarà possibile identificare un set di fornitori di servizi (trasportatori/smaltitori/intermediari) per verificare possibili risparmi a fronte di economie di scala nella raccolta rifiuti. Dal confronto commerciale con i vari fornitori, dovrebbe scaturire un set ristretto di fornitori, il cui controllo verrà attuato direttamente dal Soggetto Gestore. Il Soggetto gestore procederà al controllo dei vari fornitori mediante la verifica delle diverse autorizzazioni/certificazioni in loro possesso (autorizzazione al trasporto/autorizzazione allo smaltimento/recupero certificazione EMAS/certificazione ISO 14001) ed eventuali audit di II parte presso i singoli fornitori (a rotazione). Il Soggetto Gestore realizzerà quindi un elenco di fornitori comuni a disposizione di tutte le imprese aderenti all APEA. Inoltre sarà possibile definire alcune procedure di area per migliorare ed uniformare la gestione dei rifiuti di area, anche sulla base delle indicazioni/istruzioni impartite dai fornitori comuni. Le procedure potranno essere distinte in base ai principali codici CER o per macrocategorie di rifiuti. Inoltre le procedure individueranno responsabilità e modalità per garantire un incremento costante della raccolta differenziata. Le procedure saranno dotate di un numero di revisione e la loro diffusione presso le Imprese sarà garantita e controllata dal Soggetto Gestore. 3

6 1.4. BENEFICI ATTESI Punteggio APEA La gestione dei rifiuti di area come delineata risponde al criterio minimo gestionale n. 22 Attuare una gestione dei rifiuti di area, indispensabile per il raggiungimento della qualifica APEA Benefici tecnici ed ambientali La gestione dei rifiuti di area favorirà una riduzione degli imballaggi ed un miglioramento della raccolta differenziata. Inoltre sarà possibile valutare opportunità di trasformazione di rifiuti in sottoprodotti, con ulteriori risparmi economici Benefici economici e giuridici La gestione dei rifiuti di area permetterà economie di scala per i servizi di trasporto e smaltimento rifiuti. La quantificazione delle economie non può essere al momento effettuata con riferimento specifico all area in oggetto, stante la indisponibilità dei dati sui flussi di rifiuti provenienti dalle Imprese insediate. Tuttavia, a seguito di un primo confronto con uno dei principali operatori del settore in Italia, è stato possibile definire due possibilità di sviluppare economie in un APEA per quanto attiene il trasporto e lo smaltimento rifiuti: - La prima possibilità è legata alla ottimizzazione della raccolta, trasformando un servizio di micro raccolta in un servizio di raccolta programmata. - La seconda possibilità risiede nella assegnazione del servizio di raccolta ad un set ristretto di fornitori, consentendo una raggruppamento di clienti per singolo fornitore. In linea generale, trascendendo dalla particolare situazione dell area in oggetto, si può stimare una riduzione dei costi di trasporto e smaltimento di circa il 10% su un numero di imprese consistente. Inoltre la riduzione degli imballaggi ed i miglioramento della raccolta differenziata, fino all individuazione di utilizzo dei rifiuti come sottoprodotti, permetterà ulteriori risparmi alle Aziende. 4

7 Il controllo unificato ed accentrato per la verifica della validità delle autorizzazioni al trasporto ed allo smaltimento dei fornitori inseriti nell elenco di area, ridurrà il rischio di trasporti e smaltimenti non autorizzati, con conseguente riduzione del rischio di sanzioni (amministrative e/o penali) per le Imprese che hanno prodotto il rifiuto COSTI STIMATI Le attività concernenti: - Analisi dei flussi di rifiuti - Confronto con i fornitori - Qualifica dei fornitori - Conduzione di 3 audit di II parte presso i fornitori - Elaborazione ed implementazione delle procedure di area possono essere svolte indicativamente con un costo complessivo pari a , fatti salvi possibili adeguamenti in funzione delle specificità dell area. Ai costi sopra stimati si potrebbe aggiungere il costo dell eventuale raccolta assistita dei dati sui flussi di rifiuti nel caso di inerzia da parte delle Aziende (vedi paragrafo dedicato alle criticità) TEMPI PREVISTI La raccolta delle informazioni in merito ai flussi dei rifiuti provenienti dalle singole Aziende si prefigura come la fase caratterizzata dai tempi di attuazione più lunghi, stante la possibile inerzia delle aziende nel conferire i dati al Soggetto Gestore (compilazione delle schede informative predisposte). Per questa fase si prevede un tempo di risposta di circa 8 settimane. L elaborazione ed analisi dei dati raccolti può essere sviluppata indicativamente in 2 settimane. Il confronto con i fornitori, la loro qualifica e la predisposizione dell elenco fornitori può essere sviluppata in circa 4 settimane. 5

8 La definizione di procedure comuni per la gestione dell area può richieder 2 settimane, a cui si devono sommare altre 4 settimane per la corretta implementazione delle stesse POSSIBILI CRITICITÀ E possibile che l inerzia delle Aziende nel conferire i dati sui flussi di rifiuti (compilazione delle schede informative predisposte). Determini un allungamento dei tempi della fase conoscitiva da cui dipendono tutte le altre azioni. E inoltre possibile che non si riesca a ottenere subito una economia di scala soddisfacente legata alla contrattazione con i fornitori, stante la possibile parcellizzazione della raccolta ANALISI DELLE ALTERNATIVE A fronte della possibile inerzia delle Aziende nel conferimento dei dati sui flussi di rifiuti (compilazione delle schede informative predisposte), è possibile ipotizzare una raccolta dati assistita, con un operatore del Soggetto Gestore dedicato a supportare le aziende nella raccolta dei dati richiesti e nella loro organizzazione. In caso l economia di scala per la gestione comune di area non risulti immediatamente soddisfacente, è necessario sensibilizzare maggiormente le Imprese ad adottare criteri di raccolta e tempistiche di smaltimento che permettano ai fornitori di effettuare un servizio di raccolta in maniera programmata ed ottimizzata che risulti più economico anche per le Imprese. 6

9 2. SPORTELLO INFORMATIVO AMBIENTALE Il Progetto prevede l istituzione di uno Sportello Informativo Ambientale a servizio delle Aziende ricadenti in area APEA STATO ATTUALE Allo stato attuale le Aziende gestiscono i propri aspetti ambientali in forma autonoma, eventualmente ricorrendo a consulenti esterni, e spesso non organizzata, con dubbi di interpretazione sugli obblighi normativi ambientali, specialmente su quelli derivanti dalle disposizioni di legge più recenti OBIETTIVI DEL PROGETTO Il Progetto prevede l istituzione di uno Sportello Informativo Ambientale a servizio delle Aziende ricadenti nell area APEA, in grado di fornire informazioni sulla corretta gestione degli aspetti ambientali di ciascuna Azienda, offrire interpretazioni sui principali obblighi normativi ambientali ed aggiornare le Aziende delle nuove disposizioni vigenti in materia. Il servizio garantirà quindi a tutta l area APEA una omogeneità di informazione in materia di adempimenti ambientali, favorendo il miglioramento della gestione dei principali aspetti ambientali nell area. Le singole Aziende potranno comunque, a fronte di questo primo servizio informativo, affidare l analisi approfondita dei propri aspetti ambientali alle proprie risorse interne e/o ai propri consulenti di riferimento MODALITÀ ATTUATIVE ED OPERATIVE Il servizio di Sportello Informativo Ambientale sarà organizzato e mantenuto dal Soggetto Gestore, che provvederà a selezionare un servizio di consulenza in grado di fornire on site i servizi richiesti. In particolare il contratto di consulenza dovrà assicurare: - Consigli e suggerimenti per la gestione degli aspetti aziendali nel rispetto dei vincoli normativi e delle migliori pratiche ambientali raggiungibili con costi sostenibili 7

10 - Interpretazione delle principali normative ambientali con riferimento alle realtà delle singole Aziende - Aggiornamenti sulle principali novità in materia di adempimenti ambientali. Per l espletamento delle attività di consulenza sarà possibile prevedere la presenza dei tecnici consulenti nell area indicativamente una volta/mese. Sarà il Soggetto gestore a fornire la disponibilità di un ufficio per l attività di consulenza mensile. Il Soggetto Gestore sarà inoltre tenuto ad avvisare le Aziende di eventuali novità in materia ambientale che saranno segnalate di volta in volta dal servizio di consulenza BENEFICI ATTESI Punteggio APEA La creazione di uno Sportello Informativo Ambientale da parte del Soggetto Gestore si configura come una iniziativa fra Soggetto Gestore e soggetti privati finalizzata ad ottenere servizi ambientali e sociali di interesse comune convenienti per i lavoratori e le imprese, e quindi risulta soddisfare il Criterio flessibile Generale n. 2, fornendo all Area un punteggio pari a Benefici tecnici ed ambientali Lo Sportello Informativo Ambientale consentirà di rendere omogenea e presumibilmente migliorare la gestione dei principali aspetti ambientali delle Aziende localizzate nell area APEA Benefici economici e giuridici Lo Sportello Informativo Ambientale contribuirà a ridurre il rischio di incorrere in sanzioni dovute al mancato rispetto delle principali prescrizioni ambientali. Inoltre contribuirà a diminuire il premio di eventuali polizze stipulate dalle Aziende nei confronti di danni ambientali. Infine, la consulenza di base fornita dallo Sportello Informativo Ambientale ridurrà i costi totali di consulenza supportati dalle singole Aziende, che potranno dividersi gli 8

11 oneri del servizio comune, limitando la consulenza dedicata all eventuale solo approfondimento delle problematiche ambientali COSTI STIMATI Per lo svolgimento delle attività di consulenza on site si prevede l uso gratuito dello spazio ufficio. Il costo per il servizio di consulenza, previsto in 12 giornate/anno, è stimato i circa 6000 /anno TEMPI PREVISTI L acquisizione del servizio di consulenza (richiesta di preventivi, analisi delle offerte, affidamento dell incarico) e l organizzazione logistica non dovrebbero richiedere più di 30 gg POSSIBILI CRITICITÀ Possibili criticità nell attuazione del Progetto potrebbero emergere nella fase di affidamento del servizio di consulenza, per possibili divergenze da parte delle Aziende sul costo del servizio, sulla struttura tecnica di riferimento o sul servizio effettivamente reso. E quindi indispensabile che il Soggetto Gestore definisca in maniera più chiara e dettagliata possibile il contratto di consulenza, in maniera da poter valutare quanto più oggettivamente possibile i diversi preventivi richiesti. Inoltre il Soggetto Gestore dovrà verificare mediante apposite indagini, la qualità del servizio offerto ed il soddisfacimento delle Aziende, come per tutti gli altri servizi erogati ANALISI DELLE ALTERNATIVE Una possibile alternativa all affidamento esterno (studio di consulenza) del servizio di Sportello Informativo Ambientale, è costituita dal reperimento o sviluppo di risorse interne al Soggetto Gestore capaci do fornire analogo servizio. Tuttavia i costi di sviluppo e di mantenimento delle risorse risultano eccessivi rispetto all effettivo utilizzo delle stesse da parte delle imprese. 9

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata.

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata. COMUNE DI LARI LINEE GUIDA SUL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE INTEGRATA L..R.. n 1/ /2005 e D..P.G.R.. n 4/ /R/2007 Criteri applicativi per i Piani attuativi Apppprroovvaat tee ccoonn Deel libbeerraazzi ioonnee

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)?

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Prevenire è meglio Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Lo sapevi che le sanzioni partono da 1.600 euro con

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO Il presente Progetto è essenzialmente finalizzato a: diffondere i principi e i concetti della Qualità come strategia

Dettagli

SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO. A) metodologia tecnica e tempistica di gestione

SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO. A) metodologia tecnica e tempistica di gestione SEZIONE PRIMA CONSULENZA SU PRODOTTI ASSICURATIVI E GESTIONE DEL PORTAFOGLIO A) metodologia tecnica e tempistica di gestione 1) Attivita preliminari: identificazione, analisi e valutazione dei rischi,

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE

BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE BANDO ANCI-COMIECO PER IL CONTRIBUTO ALL ACQUISTO DI ATTREZZATURE DESTINATE ALLO SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE PREMESSA Il presente bando è definito con riferimento all accordo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. Approvato

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DI A.M.I.A. VERONA S.P.A. PER IL PERIODO 01.01.2011/31.12.2016 1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA

Dettagli

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 283 ID Proposta: 100244 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede Allegato 3 - Schede di pubblicizzazione delle azioni in riferimento a ciascuna sede di erogazione di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 502/2012: APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA SELEZIONE DI

Dettagli

CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA

CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA CONSORZIO ASSINDUSTRIA ENERGIA TRENTO ASSOENERGIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Il funzionamento tecnico-amministrativo del Consorzio è retto, oltre che dalle disposizioni

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI rev. 01 - gen. 2006 1 1 INQUADRAMENTO INQUADRAMENTO GENERALE GENERALE 22 OBIETTIVI

Dettagli

Le fattispecie di riuso

Le fattispecie di riuso Le fattispecie di riuso Indice 1. PREMESSA...3 2. RIUSO IN CESSIONE SEMPLICE...4 3. RIUSO CON GESTIONE A CARICO DEL CEDENTE...5 4. RIUSO IN FACILITY MANAGEMENT...6 5. RIUSO IN ASP...7 1. Premessa Poiché

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso

COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE E DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI G.C. N. 15 DEL 9.2.2012 E MODIFICATO

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO

PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO PREMESSA - Premesso che l INPS ed i Consulenti del Lavoro hanno sempre perseguito l obiettivo, nello svolgimento dei rispettivi compiti

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION FAC-SIMILE Nota: Il presente questionario, predisposto a cura dell Ufficio Formazione/ Direzione/altro Ufficio responsabile, è compilato a cura di

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Risorse Umane REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Pag. 1 di 11 Indice OGGETTO... 3 Finalità:... 3 1 FREQUENZA VOLONTARIA... 3 1.1 Definizione... 3

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Prefettura di Milano Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Milano Ufficio territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA COLLABORAZIONE RIGUARDANTE I PROCEDIMENTI DI NULLA OSTA AL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DI COMPETENZA DELLO SPORTELLO UNICO PER L IMMIGRAZIONE TRA - La Prefettura di Milano con sede

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 3.2.1 Titolo Azione

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

C O M U N E D I C O M U N E D I

C O M U N E D I C O M U N E D I C O M U N E D I C O M U N E D I CASTEL VOLTURNO MONDRAGONE PROVINCIA DI CASERTA BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI N. 80 SENTINELLE TERRITORIALI VOLONTARIE

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica In vigore dal 27.10.2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CONTRATTO DI AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI VIA DELLA LONTRA ***

COMUNE DI RIMINI CONTRATTO DI AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI VIA DELLA LONTRA *** COMUNE DI RIMINI CONTRATTO DI AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI VALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DI VIA DELLA LONTRA *** L anno 2008 (duemilotto), addì 11 (undici) del mese di novembre, a Rimini, presso

Dettagli

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob. 2 2000-2006 Misura 4.1 Programma

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 CAPITOLATO TECNICO Indice 1. Oggetto... 3 2. Caratteristiche della fornitura... 4 3. Gestione della fornitura... 5 4. Servizi connessi... 6 4.1 Call Center... 6 4.2 Responsabile della fornitura...

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI sede legale: Via San Francesco n 1 Ittiri(SS) C.F. 00367560901 - Tel. 079445200 fax 079445240

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI sede legale: Via San Francesco n 1 Ittiri(SS) C.F. 00367560901 - Tel. 079445200 fax 079445240 COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI sede legale: Via San Francesco n 1 Ittiri(SS) C.F. 00367560901 - Tel. 079445200 fax 079445240 AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELL ELENCO DELLE COOPERATIVE SOCIALI

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona)

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona) CONSIGLIO COMUNALE Seduta del Comune di OGGETTO N 0: MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA, DEL TRASPORTO E DELLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGLI URBANI:

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

ASL 4 Lanusei. Proposta della Direzione Generale n 4 del 08/01/2013. Deliberazione del Direttore Generale n 18 del 22/01/2013

ASL 4 Lanusei. Proposta della Direzione Generale n 4 del 08/01/2013. Deliberazione del Direttore Generale n 18 del 22/01/2013 Proposta della Direzione Generale n 4 del 08/01/2013 Deliberazione del Direttore Generale n 18 del 22/01/2013 Oggetto: Affidamento del servizio di affiancamento normativo e metodologico per le attività

Dettagli

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA REP. N. INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno del mese di in Velletri, presso la sede della Società Volsca Ambiente e Servizi S.p.A. - TRA il quale dichiara

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani

Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani Associazione delle Micro & Piccole Imprese e dei Professionisti Italiani Via Manzoni,45b 30014 Cavarzere (VE) tel. e fax 0426 51703 Brochure MISSION Ampi, costituita alla fine del 2007, è stata caparbiamente

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Allegato A 1. OGGETTO E CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE

Allegato A 1. OGGETTO E CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L ATTIVAZIONE DI SERVIZI PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DELL AMIANTO IN MATRICE COMPATTA PROVENIENTE DA UTENZE DOMESTICHE Con il presente avviso il Comune di

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013. Ferrara, 31/05/2013

Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013. Ferrara, 31/05/2013 Gli obblighi di pubblicazione sui siti istituzionali delle PP.AA. dopo il Decreto Legislativo n. 33/2013 Ferrara, 31/05/2013 Il fatto di trovarci al buio non significa che la stanza sia vuota, ma solo

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA E PER L APPLICAZIONE DI AGEVOLAZIONI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RIFIUTI SPECIALI PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152. - Norme in materia ambientale e successive modifiche ed integrazioni CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEGLI STUDI E DELLE RICERCHE E AFFARI GENERALI

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEGLI STUDI E DELLE RICERCHE E AFFARI GENERALI Allegato A) COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO POLITICHE CULTURALI DEGLI STUDI E DELLE RICERCHE E AFFARI GENERALI AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO ORGANIZZAZIONE SPETTACOLI MUSICALI 25 APRILE / 1 MAGGIO 2014

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli