Storia della Pedagogia I semestre Prof. Furio Pesci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia della Pedagogia I semestre Prof. Furio Pesci"

Transcript

1 Storia della Pedagogia I semestre Prof. Furio Pesci Se l'insegnamento della storia deve avere un'utilità, questa consiste nella capacità di leggere il presente, specialmente da parte dei giovani. In effetti, ciò che sta avvenendo nel presente trova le sue cause nel passato, sia quello recente sia quello più lontano, e questo vale anche per le dinamiche educative. L'educazione non è qualcosa che cresca nel vuoto: educazione si può definire una pratica sociale; in generale, è una pratica, è qualcosa che si fa, e risente di quelli che sono gli obiettivi e le finalità, le intenzioni di una società e di una cultura, di un periodo storico. Per esempio, oggi noi viviamo in un'epoca in cui le conoscenze e le competenze di carattere tecnico o tecnologico sono privilegiate rispetto ad altre forme di competenza, per cui l'educazione finisce per avere un connotato prevalentemente tecnico: bisogna imparare un saper fare. Questo è un fenomeno di oggi, che, se vogliamo precisare, risale al secolo scorso; non era così ancora sul finire dell'ottocento, perlomeno nel senso che allora era molto forte l'ideale di una scuola disinteressata (la bella scuola, come si usava dire a proposito della cosiddetta educazione liberale) una scuola che era tutt'altro che disincarnata, perché la bella scuola formava alle professioni liberali (l'avvocatura la medicina ovviamente, anche le lettere erano comprese in questa categoria ), ma aveva la ragion d'essere nel fatto di non avere un legame diretto con un mestiere, un lavoro salariato; era un ideale classista, ma la questione rilevante per capire l'evoluzione che si è avuta nell'ultimo secolo consiste nel fatto che l'educazione liberale metteva in secondo ordine proprio quelle conoscenze tecniche che erano considerate educazione di serie B rispetto a quelli che erano gli ideali, o le ideologie, di quel tempo e privilegiava questa idea di un sapere almeno velleitariamente disinteressato. Questo è soltanto un esempio, ma quando parliamo di educazione parliamo di un'attività calata nella società, e una volta che si diventa insegnanti o educatori, in qualsiasi contesto ci si ritrovi, diventa evidente, perché il lavoro che si svolge, anche quello dei genitori in un certo senso risente di questa situazione, è condizionato da quelle che sono le mire, le aspettative socialmente condivise. Un altro esempio: nell'ottocento le scuole di ingegneria non erano nemmeno facoltà universitarie, proprio perché le si considerava come centri di formazione senz'altro superiore, ma non dello stesso rango di quelle che erano le facoltà universitarie di allora (quelle tradizionali: lettere, medicina, giurisprudenza); una rappresentazione urbanistica di questa mentalità è ancora rintracciabile in Italia nel 1935, la si può osservare, camminando per i viali della città universitaria di Roma, che ha una struttura, voluta dal fascismo, dotata di una logica ben precisa: al centro della città c'è il rettorato, perché il rettore e il centro dell'istituzione, e il blocco del rettorato presenta questa particolarità, di essere unito fisicamente alle due facoltà che sono idealmente il braccio destro e il braccio sinistro del governo, cioè la facoltà di lettere e la facoltà di giurisprudenza, simbolicamente i bracci dello Stato fascista. Si tratta, come si vede, di una rappresentazione del concetto di cultura tipico di quel periodo, rispecchiante una mentalità diffusa all'epoca. Inoltre, tutt'attorno, e con una distanza corrispondente alla perifericità del singolo sapere, trovate gli altri edifici delle varie facoltà: un po' lontano da lettere si trova matematica, dall'altra parte, quasi specularmente, medicina, dietro farmacia, ecc. L'architettura della città universitaria è molto eloquente: gli spazi non sono pensati semplicemente dal punto di vista funzionale, ma hanno un valore simbolico, rispecchiano un valore diffuso socialmente. Ingegneria è sempre stata piuttosto periferica (si è anche ingrandita molto, ha dovuto debordare dalla città universitaria), addirittura all'esterno del perimetro della città universitaria, come lo stesso magistero, antenato della facoltà di scienze dell'educazione: anche il magistero non è mai stato in città universitaria e ha sempre vissuto questa identità di facoltà di lettere e di serie B. Dunque, 'educazione è legata e condizionata a ciò che la società pensa a proposito dell'esigenza sociale di trasmettere il sapere, non soltanto quello di carattere intellettuale, da una generazione all'altra; e, in particolare, il condizionamento deriva da quelle che sono le impalcature economiche: il nesso tra economia e educazione è abbastanza complesso da cogliere e da ricostruire, però si può

2 considerare che le stesse professioni sono caratterizzate dal rango che rivestono sotto diversi punti di vista (da quello economico in particolare) - per esempio, i lavori più remunerati sono praticati per lo più da maschi e, quindi, il rapporto tra studenti e studentesse in un corso di studi è indicativo del rango sociale che viene attribuito nel senso comune a quella determinata attività. È questo il motivo per cui il cdl in scienze dell'educazione è frequentato da donne, in larga parte, perché le professioni educative sono pagate meno di altre che vengono svolte prevalentemente da uomini. Tenete conto che anche questa è una tendenza recente, nel senso che, per esempio, nella scuola il corpo insegnante, oggi prevalentemente femminile in tutti gli ordini scolastici (non solo nella scuola primaria, ma anche in quella superiore) fino a circa la metà degli anni Sessanta era prevalentemente maschile, perché l'insegnamento era socialmente più apprezzato e ben retribuito di quanto sia oggi. Anche le scuole elementari, fino, si può dire, al periodo fascista, sono state popolate da maestri maschi in un numero pari a quello delle maestre; oggi, invece, è addirittura quasi sparito dal linguaggio il termine maestro : si parla di maestre al femminile, quando ci si riferisce ai docenti della scuola elementare. Ccolloquialmente si parla al femminile perché si dà per scontato che nella scuola elementare non si veda più neanche l'ombra di un maestro, salvo nel caso dell'insegnamento della religione o di poche altre materie extracurricolari. Anche nella scuola stessa, cioè nella branca sociale in cui è più istituzionalizzato e riconosciuto il lavoro educativo, si è assistito ad uno scadimento innanzitutto di carattere economico e la professione dell'insegnante ha subito più di altre professioni una sorta di svalutazione : in termini monetari, gli stipendi erano più alti, comparativamente parlando, trenta-quarant'anni fa che oggi. Questo fatto va per la verità relativizzato, perché anche altre professioni si ritrovano in crisi; il problema, al di là dell'aspetto economico, riguarda la mancata corrispondenza tra gli studi e le mansioni svolte, autentico tallone d'achille della formazione superiore. Oggi, per comprendere questa situazione, occorre entrare specificamente nella questione strettamente economica. Dal 2008, sentiamo quotidianamente notizie di una crisi che riguarda tutto il mondo; questa crisi si percepisce sul piano finanziario, dato che quotidianamente le aziende quotate in borsa perdono valore, come pure le obbligazioni, i titoli di Stato, i fondi di investimento; ma questo è solo un aspetto, la crisi finanziaria è soltanto l'elemento più eclatante di una crisi molto più profonda che riguarda tutto il sistema economico-produttivo. Avrete sentito che l'attuale situazione ricorda molto da vicino l'altra grande crisi, quella del 1929, il crollo di Wall Street di quell'anno, ed una cosa interessante da prendere in considerazione è che, allora come oggi quella che si può identificare come la crisi del 1929 o del 2008, in realtà si manifestò in quegli anni stessi, ma ne seguì un periodo di stagnazione che durò ben più a lungo; per esempio, il momento peggiore per l'economia americana, infatti, fu in realtà il Anche oggi, in fondo, ci si ritrova di fronte ad una situazione in cui la crisi borsistica è partita nel 2008, ma attualmente la situazione è ancora peggiore di tre anni fa. Un indice poco menzionato, ma ancor più significativo degli indici di borsa, riguarda l'utilizzazione degli impianti industriali; dopo il '29 negli Stati Uniti l'indice dell'utilizzazione degli impianti crollò e, se oggi non siamo ancora arrivati a quel livello, comunque i dati di settori come quello automobilistico sono molto preoccupanti. Non si tratta, dunque, di una crisi esclusivamente finanziaria, e la dimensione della crisi è, come si suol dire sistemica, riguarda un insieme costituito dalla produzione, dal commercio, ma anche dalle relazioni sociali che stanno dietro i rapporti di produzione. Se noi guardiamo ciò che dicono gli storici dell'economia, piuttosto che gli economisti, questa crisi non è cominciata nel 2008, ma molto prima, e per capire quando è cominciata (secondo alcuni addirittura quarant'anni fa) occorre tener presente che questa crisi di lunga durata non sarebbe altro che la fase discendente di una vera propria epoca d'oro, quella che ha preceduto appunto l'attuale crisi e di cui hanno beneficiato le generazioni immediatamente precedenti la vostra, la generazione dei genitori e dei nonni di oggi. Allargando il discorso, dalle analisi degli storici dell'economia emerge che esiste una dinamica del capitalismo, come sostiene Fernand Braudel, per cui esisterebbe una concezione ciclica del processo economico produttivo e, ogni cinquanta-sessant'anni circa, si può dire che si completi una sorta di parabola in cui una parte è ascendente e l'altra discendente. Noi ci troviamo nel punto più basso di

3 questa parabola, che include tutto il periodo dagli anni Cinquanta fino ad oggi. In particolare, si può parlare di crisi proprio a partire dal momento in cui finì il cosiddetto boom economico; in Italia si è assistito ad una boom demografico, seguito al boom economico, che ha comportato, appunto, una crescita delle nascite (le due cose sono andate insieme). Il boom economico dell'italia è un caso abbastanza significativo, perché descrive una situazione che si ha in tutta Europa ed è caratterizzato da fasi salienti comuni anche ad altri Paesi: il punto di partenza è la fine della seconda guerra mondiale - sono gli anni dei grandi cambiamenti politici, per l'italia il passaggio alla democrazia. Il dibattito politico di quegli anni è strettamente legato alle condizioni economiche dell'italia postbellica. Alla fine della seconda guerra mondiale, quale unica potenza economica pressoché intatta rimasero solo gli Stati Uniti, mentre tutti gli altri paesi, quelli europei e il Giappone, avevano subito distruzioni immani che avevano coinvolto sia l'apparato industriale sia le città. Dopo il 1945 la situazione mondiale vedeva l'europa, l'unione Sovietica, il Giappone una delle principali potenze industriali prebelliche, quasi del tutto distrutte, mentre gli Stati Uniti mantenevano un enorme potenziale finanziario e industriale. Questa situazione diventa determinante per gli equilibri politici ed economici seguenti alla seconda guerra mondiale; gli Stati Uniti decidono di aiutare economicamente i paesi vincitori ed anche i paesi vinti (aiuteranno anche la Germania), pretendendo, ovviamente, dai paesi che ricevettero i loro aiuti contropartite di carattere politico. Gli Stati Uniti apparentemente investirono a fondo perduto nei paesi stranieri, perché previdero che questi aiuti sarebbero stati la forma migliore di investimento per gli Stati Uniti stessi, che si sarebbero ritrovati le altre economie tributarie, come avvenne effettivamente. Gli anni del piano Marshall sono per l'italia un periodo di velocissima crescita economica, e ciò vale anche per tutti gli altri paesi europei, per l'inghilterra stessa, un paese uscito profondamente ridimensionato dalla seconda guerra mondiale, perché fu la vera grande potenza prima della guerra, il centro di un impero che si distendeva su tutti i continenti e dell'economia finanziaria (la borsa di Londra fino agli anni Venti fu il centro delle transazioni finanziarie mondiali - e la stessa crisi di Wall Street fu una crisi particolare per il diverso coinvolgimento delle principali borse mondiali). D'altro canto, per inciso, non si capisce l'avvento dello stesso nazismo in Germania senza tener conto della crisi del '29: Hitler ottenne il consenso che lo beneficiò nei primi anni Trenta, perché propose una strada per uscire dalla sudditanza economica della Germania rispetto alle altre potenze economiche mondiali. Il periodo del secondo dopoguerra è caratterizzato dal passaggio della supremazia dall'inghilterra agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti aiutano i loro alleati proprio perché si rendono conto che la seconda guerra mondiale, scoppiata in fondo non molti anni dopo la prima, era stata determinata dalla politica di ostilità dei paesi che avevano vinto la prima guerra mondiale nei confronti dei perdenti. Negli Stati Uniti del secondo dopoguerra la strategia adottata rese gli Stati Uniti stessi il volano dell'economia mondiale; il periodo che va dalla fine degli anni Quaranta alla metà degli anni Settanta è il periodo della più grande crescita economica che si sia mai registrata, addirittura a memoria d'uomo, in tutto il mondo sviluppato. In realtà, gli studi storico-economici mostrano come il grande sviluppo di alcuni Paesi implichi lo sfruttamento dei Paesi più poveri, ridotti nella condizione di fornitori a basso prezzo delle materie prime necessarie per i paesi industrializzati, vale a dire peri Paesi che godono maggiormente della crescita e dei suoi benefici. Alla prosperità economica si accompagna anche un'armonia sociale che non ha molti precedenti nella storia, perché gli interessi contrastanti di lavoratori e imprenditori trovano una conciliazione attraverso la contrattualizzazione periodicamente aggiornata dei rapporti di lavoro e di produzione. In questo periodo diventa sistematica in quasi tutta l'europa occidentale la pratica del contratto di lavoro collettivo di categoria, che prima non esisteva: ogni categoria doveva avere un contratto nazionale non legato alle scelte dei singoli imprenditori. La condizione di queste profonde trasformazioni, vantaggiose per tutti i lavoratori è che si sviluppa, in quegli anni, la produzione, costantemente in crescita in un mercato che si espande, ed una fetta consistente di profitti può essere ridistribuita sotto forma di garanzie sociali, e in particolare di stabilità dei posti di lavoro, e di servizi.

4 È questo un periodo in cui i bambini vanno a scuola nella quasi totalità dei casi, un fenomeno nuovo soprattutto per l'italia; è un periodo in cui si costruiscono ospedali, si costruiscono molte scuole - scuole e ospedali sono investimenti relativamente in perdita, solo uno Stato che ha soldi può permettersi il lusso di costruirne in quantità, ed è proprio ciò che avviene in questo periodo. Non è un caso che Marshall fu un economista legato al periodo della grande crisi ed abbia seguito il modello del governo Roosevelt, che tentò di stimolare la crescita economica paradossalmente spendendo ingenti somme e senza fare economie di spesa. Gli Stati Uniti ridussero nel tempo gli effetti negativi del crollo di Wall Street con il paradosso di uno Stato che spese una quantità enorme di denaro in infrastrutture. Il dibattito di oggi su come uscire dalla crisi rispecchia il dibattito di settanta-ottant'anni fa, perché anche oggi il confronto è tra chi pensa di fermare la crisi riducendo le spese e chi pensa che non sia possibile fermare la crisi senza che vi sia sviluppo (ma, perché ci sia sviluppo è necessario che vi siano investimenti e spese, anzitutto da parte dello Stato, se è in grado di trovare le risorse). Ciò avviene anche negli anni Cinquanta in Italia: lo Stato italiano è indebitato da sempre e dal secondo dopoguerra è uno dei principali debitori degli Stati Uniti (in realtà, questo indebitamento è diventato sempre più complesso e i creditori dell'italia sono oggi altri Paesi europei e la Cina); questo indebitamento produsse paradossalmente una enorme crescita economica, particolarmente singolare perché l'italia è un paese importatore ed ha una bilancia commerciale costantemente in deficit - tutto ciò fu possibile grazie agli aiuti americani, inizialmente, e ad altre forme di credito a cui ebbe accesso l'italia, insieme a misure finanziarie come la svalutazione della moneta. Anche oggi il problema dell'euro è il problema del rapporto tra i paesi creditori ed esportatori, da un lato, e dei paesi debitori e importatore, dall'altro; Germania Francia, nella prima posizione, hanno bisogno di una bilancia dei pagamenti stabile e richiedono che gli altri Paesi si adeguino e non si indebitino eccessivamente; l'inghilterra stessa non è entrata nella zona euro perché, pur essendo nell'unione Europea, politicamente parlando, è un paese esportatore fortemente legato all'economia finanziaria, con una fortissima presenza nel mondo della finanza internazionale, e tende ad attrarre investimenti ed ha bisogno di una moneta stabile (la sterlina oggi, nonostante tutto, è una moneta più stabile dell'euro stesso). Queste considerazioni servono a guardare, partendoe da ciò che sta succedendo oggi e che sta accadendo sulle spalle dei più giovani, a capire ciò che sta avvenendo oggi. Gli anni del grande sviluppo economico postbellico sono anni di benessere economico generalizzato, di grandi investimenti e di contrattazione collettiva, in cui imprenditori e sindacati, partiti di destra e di sinistra, riescono a trovare quegli accordi che permettono in parte di soddisfare le aspettative degli uni e degli altri. Si deve tenere conto del fatto che gli Stati in questo periodo sono tutti forti investitori e tendono ad aumentare la spesa pubblica, riuscendo a coprire i debiti con l'aumento della produzione e la crescita dei commerci (quindi, con maggiori entrate fiscali), promuovendo anche la spesa sociale. Questa situazione andò a beneficio della stessa istituzione universitaria, fino agli anni Cinquanta frequentata solo da ragazzi dell'alta borghesia prevalentemente maschi. La popolazione studentesca è cresciuta in maniera esponenziale e si moltiplicata a partire dagli anni Cinquanta, mentre in precedenza le famiglie non avrebbero potuto mai permetterselo; anche nel settore della borghesia professionale molte famiglie sceglievano di mandare all'università un figlio piuttosto che una figlia e molte donne non hanno potuto accedere per molto tempo agli studi universitari nonostante le loro dotinon solo per pregiudizi e stereotipi culturali, ma anche per le limitazioni economiche. La situazione cominciò a cambiare impetuosamente negli anni Sessanta, un decennio travolgente per l'italia e per tutta l'europa occidentale. Vincere la caratteristica misoginia degli studi superiori fu un fenomeno determinato da una domanda sociale crescente in tal senso; la ricchezza circolante consentì alle famiglie di mandare all'università le donne, alterando la struttura tradizionale e secolare della cultura (ancora nel1936 una rivista francese, Esprit, usciva con una copertina in cui dichiarava che anche la donna è una persona per affermare un punto di vista ancora discusso); le trasformazioni economiche di quegli anni furono, quindi, il volano per profondi cambiamenti sociali e di mentalità senza i quali non si capirebbe il nostro presente.

5 Il periodo d'oro degli anni Cinquanta e Sessanta è caratterizzato dalla diffusione di nuove pratiche di vita, dall'uso di nuovi oggetti, come le automobili, il frigorifero, si comincia ad andare in vacanza (una pratica inesistente negli anni precedenti la seconda guerra mondiale). Il grande sviluppo economico finisce nell'arco di pochi anni alla metà degli anni Settanta, perché questo sviluppo si ferma; al grande potenziale produttivo raggiunto dall'europa e dagli Stati Uniti non corrisponde più una dinamica di crescita dei mercati; i mercati si saturano: il mercato dell'automobile si satura, così come quello dei grandi elettrodomestici e della televisione. È, peraltro, questo periodo che segna la nascita della pratica ormai diffusa ovunque di creare nuovi oggetti attraverso l'innovazione tecnologica per creare nuovi mercati; si cerca, così, di spingere i consumatori ad acquistare qualcosa di diverso da ciò che già possiedono (è il caso dei cellulari, una tecnologia oggi multifunzionale). Le variazioni tecnologiche sono determinate dalla speranza di creare un nuovo mercato, laddove il mercato tradizionale è saturo (si pensi ai telefonini che incorporano normali funzionalità tipiche del computer). Si arriva al paradosso, per cui chi tra i consumatori tende ad atteggiamenti conservatori danneggia sostanzialmente un sistema che richiede invece la continua crescita dei consumi. Altre cause contribuirono allo sviluppo della crisi: gli Stati Uniti avevano assunto quasi automaticamente il ruolo di potenza economica egemone e il dollaro era diventato la moneta di riferimento per tutte le transazioni economiche e commerciali; si comprava tutto, specialmente nel commercio estero, tra stato e stato, attraverso i dollari. La moneta americana era la più stabile e le altre monete avevano un valore regolato rispetto al rapporto con il dollaro stesso; la moneta statunitense era poi collegata all'oro: il valore di riferimento del dollaro era legato alla corrispondenza con l'oro, ma proprio nel '73 il presidente statunitense Nixon dichiarò pubblicamente che il valore del dollaro non era coperto dalle riserve auree degli Stati Uniti e che non c'era, comunque, bisogno di correggere la situazione, svincolando il valore della moneta dalla parità aurea. Questo cambiamento fece entrare nel caos i mercati valutari, avviando le speculazioni sulle monete nazionali (il valore di ciascuna moneta fu da quel momento determinato su una base sostanzialmente immateriale) e vi fu una grande crisi finanziaria che si può considerare l'inizio delle crisi finanziarie che oggi noi conosciamo, così frequenti e che chiamiamo significativamente tempeste monetarie. La crisi delle monete fu determinata anche dal fatto che nel '73 fu combattuta una sanguinosa guerra tra Israele e i paesi arabi, e in questa guerra, pur con la vittoria militare israeliana, gli arabi scoprirono un nuovo sistema di pressione sugli stati occidentali alleati di Israele, bloccando il commercio del petrolio. Quell'anno fu l'anno di una grande crisi energetica determinata dai paesi arabi, che finì solo con l'aumento notevole del prezzo del petrolio; da allora il prezzo delle materie prime è oggetto di speculazioni, principalmente di carattere politico. A metà degli anni Settanta, dunque, si affacciano fenomeni che conosciamo bene, ormai, oggi: la speculazione monetaria, quella finanziaria e quella sulle materie prime, le guerre commerciali combattute a suon di ritorsioni economiche che riguardano soprattutto la circolazione delle materie prime. Il sistema che aveva retto tanto bene, grazie agli investimenti degli Stati occidentali, l'economia e l'aveva portata ad uno sviluppo eccezionale si blocca e comincia una recessione meno o repentina e grave di quella di oggi semplicemente perché si è sviluppata in un arco temporale più lungo, non si è affacciata all'improvviso, ma nell'arco di alcuni decenni, e questa nuova situazione mette in evidenza la necessità, secondo alcuni di cambiare radicalmente le regole del gioco politico ed economico; infatti, alla logica dell'investimento statale per promuovere tutta l'economia ed anche la spesa sociale si sostituisce la logica del contenimento delle spese statali che viene messa in atto dai paesi più forti, che in quel periodo sono anche i più colpiti dalle nuove guerre finanziarie e per il controllo delle materie prime (vale a dire gli Stati Uniti e l'inghilterra, governati in quegli anni da due figure famose Reagan e Thatcher, entrambi sostenitori di una politica cosiddetta neoliberistica, caratterizzata da questi punti essenziali: il contenimento del deficit pubblico, la riduzione delle spese dello Stato e, in particolare, la riduzione delle spese sociali, per la sanità, la scuola, le pensioni, ecc., la deregolamentazione dell'economia, vale a dire la riduzione delle norme

6 che governano il mercato del lavoro, soprattutto la defiscalizzazione dei profitti, la riduzione delle tasse. Questi provvedimenti sono messi in atto dai governi americani e inglesi a partire dalla seconda metà degli anni Settanta e le conseguenze saranno notevoli anche sugli altri Paesi dell'occidente e, in definitiva, sul mondo intero.

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson

LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson L'istruzione e la formazione appaiono come l'ultimo rimedio al problema dell'occupazione. Obiettivi individuati dal documento:

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli